ALMA MATER STUDIORUM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALMA MATER STUDIORUM"

Transcript

1 MATR. N. _ ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Sede di RIMINI CORSO di LAUREA in EDUCATORE SOCIALE Relazione finale in Pedagogia Speciale Disabilità e prospettiva inclusiva oggi: esperienza di integrazione nel Centro Laboratorio Protetto G. Laruccia della Comunità Papa Giovanni XXIII PRESENTATA DA CLERICI FILIPPO RELATORE MALAGUTI ELENA SESSIONE III ANNO ACCADEMICO

2 INDICE Introduzione Capitolo Primo: La logica dell inclusione e le sfide dell integrazione. 1.1 Introduzione 1.2 La situazione della società e dell ambiente nel mondo di oggi 1.2a Il contributo della Scienza della Sostenibilità 1.2b Il modello di vita promosso dalla società capitalistica 1.3c La qualità della vita 1.3 Alcuni cenni storici sul processo d inclusione dei disabili 1.4 Le logiche dell inclusione come risposta concreta alla socializzazione del deficit 1.5 Alcune riflessioni sulla realizzazione dell inclusione 1.6 Il contributo significativo della Pedagogia 1.7 L educatore specialista dell inclusione Capitolo Secondo: Il contributo legislativo a favore dell inclusione e integrazione dei soggetti disabili. 2.1 Introduzione 2.2 Legge 104/92 Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. 2.3 Legge 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili 2.4 Modello ICF del 2001 & Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (2006) 2

3 Capitolo Terzo: Il Centro Laboratorio Protetto Giovanni Laruccia della Coop. La Fraternità della Comunità Papa Giovanni XXIII come esperienza d inclusione. 3.1 La comunità Papa Giovanni XXIII 3.2 Il centro laboratorio Protetto G. Laruccia 3.2a La relazione educativa 3.2b Il Progetto educativo Individualizzato 3.3 Descrizione delle attività svolte del Centro Laboratorio Protetto 3.4 Il CLP realizza attività ad hoc 3.5 la varietà delle attività favorisce l inclusione 3

4 INTRODUZIONE Mi potete prendere anche per sempre? Questa frase ha accompagnato la mia giovinezza e ha profondamente segnato la mia vita. La disse Elio, mio fratello maggiore acquisito affetto da Psicosi, insortagli in giovane età a causa dei continui abbandoni subiti da parte della famiglia di origine e da una permanenza troppo lunga nei famosi manicomi, quando incontrò i miei genitori ormai 28 anni fa. Io ho avuto la fortuna di nascere in una Casa Famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII grazie alla scelta che i miei genitori hanno fatto di aderire alla vocazione di questa comunità. Essi, hanno aperto la loro famiglia, al tempo composta da tre giovani figli, all accoglienza di persone che per varie ragioni erano state escluse dalla partecipazione alla vita sociale, come disabili, tossicodipendenti, etc.. ed Elio era uno di questi esclusi. La frase sopra citata la ripete ancora oggi, quando ricorda la sua particolare storia personale, iniziata nell infanzia e proseguita per tutta la giovinezza, nella dura e traumatica esperienza dell Istituto vissuta sotto il peso della solitudine e dell esclusione. Quando parla dell istituto, ripete spesso li eri solo un numero, nessuno ti voleva bene e per avere un po di attenzioni mi dovevo provocare delle lesioni affinché in ospedale si prendessero cura di me. Mi raccontava anche delle interminabili giornate passate davanti alla vetrata d ingresso della struttura sperando che qualcuno lo andasse a riprendere. Solo all età di 22 anni trovò una giovane coppia che lo accolse come figlio permettendogli di prendere parte a ciò che da sempre desiderava, sognava, lottava: una famiglia che gli volesse bene. Mi potete prendere anche per sempre? questa frase mi colpisce tutt ora ogni volta che la sento uscire dalla sua bocca. A seguito della sua storia, due sono i pensieri che mi accompagnano: il primo pensiero che mi sorge è come sia possibile che una persona debba soffrire così a lungo vivendo in una prolungata situazione di abbandono, di solitudine, di disperazione totale. Ciò mi riempie il cuore di rabbia, mi assale un sentimento di ingiustizia che con il tempo però si è trasformato in un senso di responsabilità. Io ho avuto la possibilità, nel mio piccolo, di conoscere la realtà che gli esclusi vivono, di scavalcare il muro dell ignoranza e per questo non posso accusare chi non ha aiutato Elio al tempo dell Istituto, chi ha 4

5 permesso la sua esclusione, ma mi domando: Io, oggi cosa posso fare per combattere l ingiustizia che crea esclusione? E questa riflessione, che ha accompagnato la mia adolescenza e che mi ha portato a intraprendere il cammino di educatore. Il secondo pensiero invece è legato al presente. Guardo Elio e penso a chi è adesso, un uomo di cinquant anni, sempre sorridente, mai superficiale, sempre pronto ad aiutare gli altri mettendo a disposizione i suoi talenti e trasparente come un bambino. Oggi Elio è un dono per tante persone. Ripensando alla mia giovinezza capisco quanto sia stato importante nella mia formazione, nello sviluppo della mia personalità: sin da piccolo infatti, grazie ai suoi racconti ho conosciuto le ingiustizie e le logiche che le provocano, permettendomi di focalizzare meglio le cose che davvero contano nella vita, riconoscendo invece la superficialità che il mondo consumistico vuole vendere come felicità o essenzialità. Vivere ogni giorno con persone che richiedono attenzioni particolari, che dipendo da te in molte cose perché impossibilitate a gestirsi autonomamente a causa del deficit, come per esempio farsi il bagno, alzarsi, recarsi in un bar per guardare una partita, è una continua palestra all alterocentrismo. Riconoscere e rispettare l altro chiunque esso sia permette di uscire da se stessi e di fuggire agli egocentrismi che incatenano il nostro Io, che attanagliano la nostra vita facendoci pensare di essere migliori, intoccabili, tanto da concepire la realtà con schemi rigidi e lineari in cui noi siamo i buoni e tutti gli altri sono i cattivi, noi i sani e gli altri i malati non riuscendo a cogliere le sfumature, la ricchezza che l altro è per noi. Credo che mettere l altro al centro della nostra vita decentrando il nostro ego sia fonte di grande gioia e sia un tassello importante per una vita felice con chi ci circonda. Il lavoro che mi accingo a svolgere sulle logiche dell inclusione sono segnate profondamente da queste riflessioni che vogliono richiamare ognuno di noi a combattere per eliminare le cause dell esclusione, dell emarginazione della diversità e disabilità, vedendole come una ricchezza speciale di cui la società non può privarsi. Nel primo capitolo del mio lavoro porto avanti un analisi del degrado ambientale e sociale che caratterizza il nostro pianeta e le nostre società, 5

6 causato dalle perverse logiche di mercato che dominano incontrastate sull uomo e sull ambiente. Logiche che come conseguenza, portano: - a livello sociale, una perdita dell orientamento ; una perdita dei valori umani (in ogni dimensione della vita) che dà quindi origine a varie forme di emarginazione ed esclusione di tutto ciò che è diverso dalla normalità ; perdita che si manifesta anche a scuola che sembra aver perso il suo reale obiettivo, formando soggetti-massa. - a livello ambientale invece questo degrado si mostra in un incessante esaurimento delle risorse naturali e un aumento delle catastrofi naturali, mettendo in serio pericolo la vita di molti uomini. Infine mostrerò come una possibile soluzione per uscire da questa crisi profonda, sia rivedere i paradigmi di riferimento e lavorare per costruire una nuova società democratica in cui l inclusione della diversità sia lo snodo centrale e il vero punto di svolta. Nel secondo capitolo tratterò in particolare l inclusione sociale dei disabili, ripercorrendo le tappe legislative che hanno portato ad un maggiore riconoscimento del valore della diversità a livello sociale, politico ed europeo. Nel terzo capitolo invece parlerò della mia esperienza di inclusione vissuta e realizzata all interno del Centro laboratorio Protetto Giovanni Laruccia della Comunità Papa Giovanni XXIII. 6

7 1 CAPITOLO LA LOGICA DELL INCLUSIONE OGGI E LE SFIDE DELL INTEGRAZIONE 1.1 Introduzione L attuale società capitalistica occidentale neo-liberalista è fortemente influenzata dall economia di mercato. Essa si fonda su regole che generano povertà ed esclusione perché antepongono gli interessi del mercato, attualmente gestito dalle multinazionali, al benessere reale degli uomini e all equilibrio degli ecosistemi. Accade perciò che, al fine di incrementare i propri capitali, il mercato calpesti i diritti di milioni di persone ed alteri gli equilibri ecologici del pianeta. In questo capitolo descriverò alcuni paradigmi necessari per porre le basi di una nuova società democratica inclusiva che si mostri capace di garantire uno sviluppo sostenibile, equo e solidale per l intera umanità. Tenterò di dimostrare come l attuale modello di vita, promosso dalla società capitalista odierna, necessiti di un ripensamento dei propri paradigmi al fine di promuovere migliori qualità di vita per i suoi cittadini. La crisi economica, sociale e ambientale che oggi sta investendo, come non mai, il nostro pianeta è infatti la prova concreta dell insostenibilità di questo modello. Parlerò, della qualità della vita, concetto che fino ad oggi è stato associato al PIL del Paese, ma che ora è necessario riformulare, osservando come essa invece dipende da una molteplicità di fattori interagenti tra di loro, tra i quali possiamo individuare la socialità, la felicità, l occupazione lavorativa etc.. Illustrerò, il nuovo compito che la Pedagogia dovrà portare avanti in questo momento di crisi sociale e valoriale, contribuendo da una parte ad uno sviluppo ecologico equo e sostenibile delle società e dall altra alla formulazione di modelli educativo-formativi fondati su logiche inclusive necessari per combattere l esclusione della disabilità dalla società. Infine mostrerò come la figura dell educatore, inteso come specialista dell inclusione, sia l artefice di azioni intenzionalmente educative e 7

8 riabilitative volte all eliminazione delle cause, ambientali e sociali, che causano esclusione. L educatore, attraverso la realizzazione di progetti educativi individualizzati, mediante il dialogo, l ascolto attivo e il farsi carico dell altro, promuove e realizza l inclusione sociale di soggetti esclusi facendoli divenire cittadini attivi. 8

9 1.2 La situazione della società e dell ambiente nel mondo di oggi 1.2a Il contributo della Scienza della Sostenibilità Un contributo importante a denunciare l iniquità e l insostenibilità di queste logiche economiche, deriva dalla collaborazione tra l Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, il Programma Ambientale delle nazioni Unite e il WWF i quali hanno dato origine ( nel 1980) al documento dal titolo World Conservation Strategy all interno del quale, per la prima volta in un documento internazionale, si indica il concetto di sviluppo sostenibile. Come conseguenza intorno agli anni 90 si comincia a parlare, all interno degli ambiti di ricerca ecologici, della Scienza della Sostenibilità. Essa essendo inserita in un percorso di formulazione-formazione, ancora non può essere definita come disciplina scientifica matura in quanto non possiede chiare componenti concettuali e teoriche. Essa si fonda su riflessioni e ricerche derivate da diverse discipline, volte ad analizzare le interazioni dinamiche tra sistemi naturali, sociali ed economici cercando di comprendere i modi migliori per gestirle. Attraverso il paradigma eco-sistemico, essa dimostra che i modelli sociali delle società contemporanee, fondati su logiche di mercato, stanno mettendo a rischio la sopravvivenza dell uomo sulla terra. Il paradigma sistemico, vede la realtà come insieme di sistemi: il termine sistema indica un insieme di elementi che stanno insieme tanto da poter essere distinti chiaramente dal resto. Esso, perciò, legge i singoli fenomeni non come isolati ma come parte di un tutto. La realtà che ci circonda così, viene rappresentata come l insieme di relazioni esistenti tra i Sistemi Naturali e i Sistemi Sociali, i quali a loro volta sono inseriti all interno del Sistema Mondo. I sistemi sociali e i sistemi naturali sono sistemi aperti in quanto per vivere hanno bisogno di scambiare continuamente energia e materia con l esterno. Grazie a questi flussi continui riescono a concentrare ordine al proprio interno ed espellere il disordine al loro esterno. Ciò garantisce e consente l evoluzione dei sistemi e il loro equilibrio. 9

10 A partire da ciò, vediamo come oggi, i due sistemi sono in disequilibrio, in quanto l uomo, a causa delle sue logiche di mercato, sta sfruttando in modo insostenibile il sistema naturale. Questo perché, in un determinato lasso di tempo, sta consumando più risorse di quanto gli ecosistemi sono in grado di produrre nello stesso tempo. Le conseguenze sono riscontrabili nell inquinamento e nella carenza idrica, nell inquinamento atmosferico, nel degrado del suolo, nella eccessiva deforestazione, nella perdita della biodiversità, nei grandi cambiamenti atmosferici, nella comparsa di patologia resistenti agli antibiotici. La ragione di questa situazione è da ricercarsi nell idea di natura espressa da Adam Smith, considerato fondatore del liberalismo, e nell idea di sviluppo. Secondo Adam Smith la natura era una risorsa immensa e pressoché inesauribile. Da ciò nacque l idea che la storia dell umanità potesse essere scritta in modo del tutto indipendente dalla natura, senza preoccuparsi di come poter assorbire i rifiuti e distribuire i preziosi servizi da lei offerti quali la regolazione climatica e l impollinazione delle colture, come descritto nell ultimo rapporto del Worldwatch Institute, State of the world Lo sviluppo fino ad oggi era inteso come un processo legato esclusivamente ad una crescita quantitativa dei beni e delle risorse disponibili in un andamento progressivo e illimitato. Perciò era un processo esclusivamente economico che costringeva a trasformare e a distruggere l ambiente naturale e i rapporti sociali in vista di una produzione crescente di merci. Oggi si fa strada una nuova visione di sviluppo chiamato sostenibile, che mette fortemente in discussione l attuale modello socio-economico e porta a nuova logica: vivere meglio consumando molto meno. Non si tratta di una negazione della crescita, come molti credono, bensì della crescita economica rispettosa dei limiti ambientali. Il nuovo paradigma della sostenibilità riesce a collegare la tutela dell'ambiente con la crescita economica, perché si fonda su un principio coevolutivo che mira a tener conto della reciproca evoluzione dei sistemi naturali e sistemi umani. Lo sviluppo sostenibile offre un idea di una società più prospera e più giusta, con la promessa di un ambiente più pulito, più giusto e più sano: una società che garantisca una migliore qualità di vita per tutti e per le generazioni future. 10

11 Per raggiungere questi obiettivi nella pratica è necessario che la crescita economica sostenga il progresso sociale e il rispetto dell ambiente e che la politica sociale sia alla base delle prestazioni economiche. 1.2b Il modello di vita promosso dalla società capitalistica Oggi è di urgente necessità prestare attenzione ai grandi campanelli d allarme che ci provengono dall ambiente, è di altrettanta importanza prestare attenzione a quelli che ci provengono dalle nostre società. Infatti le logiche di mercato, che hanno influenzato ogni aspetto della nostra vita, cominciano a mostrare i loro frutti: privatizzazione, possesso, esclusione, intolleranza, povertà e sfruttamento. Non è raro ascoltare ai telegiornali notizie quali: atti violenti di intolleranza, gruppi politici che legittimano la superiorità di una certa minoranza sociale su basi territoriali; il viaggio di migliaia di persone immigrate che attraversano il Mediterraneo per sfuggire alle violenze del loro paese causate da anni di colonialismo occidentale rischiando la vita perché respinti; le lamentele sempre più frequenti dei genitori che discriminano le scuole primarie per la presenza di bambini stranieri o portatori di problematicità che non si vuole incontrare e tanto meno fare incontrare 1. Inoltre sono ormai sapere di tutti le disparità economiche, scaturite, che segnano il nostro pianeta: circa il 20% dell umanità consuma l 80% di risorse naturali costringendo alla fame e alla inevitabile morte milioni di persone, il rapporto delle Nazioni Unite denuncia che sono circa un miliardo coloro che vivono sotto la soglia della povertà. Come se non bastasse gli slogan che questa economia di mercato sbandiera in ogni angolo della terra sono progresso, efficienza, qualità della vita, benessere economico, ma la realtà è ben diversa! Tutti questi obiettivi non sono a favore dell uomo, del suo reale benessere, ma occasione di grandi guadagni per le multinazionali che creano nuovi bisogni da soddisfare, proponendo attraverso le assidue campagne pubblicitarie che scorrono sui televisori di milioni di 1 Elena Malaguti (2010) Ecologia sociale e umana e resilienza. Processi e percorsi inclusivi nella scuola di oggi, Monografia pag.27 11

12 persone, sui muri di tutto il globo, modelli di vita consumistici. Tali modelli promuovono stili di vita che sono stereotipati, irreali, esempio la campagna di marketing di una nota multinazionale di prodotti alimentari che enfatizza una tipologia di famiglia sempre in forma, sorridente e priva di preoccupazioni. I modelli pubblicitari, perciò, creano aspettative e sogni irrealizzabili precludendo il raggiungimento della felicità a tutti coloro che sono schiavi di tali logiche. L esempio sopra citato vuole evidenziare che le logiche di mercato non sono a favore dell uomo, ma sono al servizio del guadagno. L ideologia dominante della cultura contemporanea continua a porsi come obiettivo ultimo il benessere e ad associare quindi la felicità di un individuo con la sua ricchezza e con lo status sociale di appartenenza. Di conseguenza il benessere di un paese, e quello dei suoi cittadini, è calcolato dal PIL (Prodotto Interno Lordo). Ma siamo sicuri che questo indice possa riassumere il benessere soggettivo? E evidente che all aumentare del PIL non corrisponde necessariamente un miglioramento della vita. Il benessere di uno stato dovrebbe essere determinato dal grado di soddisfazione, dalle aspettative di vita dei suoi cittadini, dall impatto ambientale, dalla vivibilità nelle città: ma tutti questi indici non sembrano essere utili ad una valutazione che vuol essere prettamente economica. A dimostrazione di ciò, nonostante l occidente, in questo ultimo secolo, abbia accresciuto le sue ricchezze e abbia vissuto il boom economico, la sua popolazione non risulta essere più felice, anzi si assiste ad un degrado sociale e naturale senza precedenti. Le logiche di produzione e di consumo hanno influenzato anche i sistemi scolastici e formativi tanto che il loro obiettivo primario non è fornire ad ogni individuo le capacità, le conoscenze e le competenze per progettare e realizzare il proprio progetto personale in rispetto alle proprie caratteristiche, ma riassume la formazione in una semplicistica equazione studente uguale forza lavoro. Il fine della formazione è perciò dotare il ragazzo di conoscenze spendibili sul mercato, affinché vi possa entrare e affermasi economicamente. Le materie insegnate quindi sono legate esclusivamente al mondo del lavoro, tutto ciò che non è riconducibile al mercato viene bandito: le emozioni, la crescita interpersonale etc. Con ciò si tradisce l ideale pedagogico dello sviluppo integrale del soggetto-persona nei tempi e nei luoghi delle sue età 12

13 generazionali e in rispetto delle caratteristiche personali. Un effetto collaterale di tale modello educativo univoco e monodirezionale è la difficoltà che ogni individuo ha di vedersi riconosciuta la propria soggettività. Come dice Frabboni, Professore di Pedagogia Generale all Università di Bologna, l Irripetibilità, l Inviolabilità e l irriducibilità 2, che sono valori inviolabili dell uomo, oggi sono minati perché chiunque non risponde alle caratteristiche omologanti di normalità che questo modello pedagogico sancisce è destinato a non essere accettato, riconosciuto e perciò felice. Ciò non è accettabile, urge il grande cambiamento, il grande salto di qualità tanto auspicato da molti cittadini del mondo. 1.2c Qualità della vita. Oggi giorno assistiamo alla crescente necessità di rispondere alle sfide che la complessità della società attuale ci pone quali: lotta all esclusione (della diversità), alla marginalità e alla povertà, riconoscimento di pari diritti nell accesso all istruzione, alla salute, miglioramento della qualità della vita e sviluppo sostenibile 3. Per affrontare tali sfide è necessario che la società odierna sia disposta a compiere un cambiamento dei propri paradigmi di riferimento, i quali, attualmente, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, ruotano esclusivamente attorno alle logiche di mercato e perciò misurano la qualità della vita con indicatori prettamente economici, riassumendo il benessere soggettivo nell equazione: felicità uguale ricchezza economica (PIL). La qualità, ricondotta sostanzialmente ad un livello economico, impregna le relazioni, l istruzione, la formazione, l educazione di logiche di mercato che spesso e volentieri escludono chi non è idoneo ai criteri di produzione e consumo. La logica di mercato è infatti fondata sugli imperativi di efficacia ed efficienza che non tengono conto delle specificità di ogni uomo, ma sanciscono con durezza la linea di demarcazione tra normalità e diversità, abilità e inabilità, produttività e improduttività, che creano esclusione. 2 Franco Frabboni, (2006), Educare in città, Editori Riuniti, Roma, pag Elena malaguti (a cura di), 2010, Educazione inclusiva oggi? Ripensare i paradigmi di riferimento e risignificare le esperienze, Monografia, pag.25 13

14 Rivedere i paradigmi di riferimento della nostra società perciò, diviene un passaggio necessario per porre le basi di una nuova società democratica inclusiva in cui la qualità della vita si fonda su nuovi parametri più attenti alle necessità degli uomini che del mercato. Essa dovrà essere aperta all accoglienza delle differenze e delle diversità individuali di ognuno, affinché tutti possano partecipare e sviluppare a pieno il proprio diritto di cittadinanza attiva, contribuendo alla realizzazione di una società democratica equa e solidale. Il tema della qualità della vita, è molto antico. Già Aristotele nell'etica Nicomachea ne ha parlato, usando il concetto di Eudaimonia, che in greco significa "buon spirito" o felicità. Prima di lui, Platone aveva dedicato vari anni della sua vita a organizzare praticamente il governo e la città perfetta. Ai due filosofi greci si sono poi aggiunti lungo i secoli numerosi altri filosofi, religiosi, sociologi che si sono cimentati a descrivere in dettaglio gli elementi necessari per una comunità felice. A riguardo della qualità di vita, l uomo ha sempre cercato di individuare dei parametri che ne permettessero una più chiara definizione. Così, nel 1999, alcuni studiosi hanno creato una possibile classificazione di tali indicatori raggruppandoli in tre macro-categorie: - Indicatori normativi: valutano l efficacia delle scelte politiche; - Indicatori sulla soddisfazione individuale e/o felicità: valutano la soddisfazione psicologica degli individui analizzando la realtà soggettiva all interno della quale vivono; - Indicatori descrittivi: valutano un insieme di variabili soggettive quali indicatori di formazione e scolarizzazione (quantità, qualità e distribuzione della formazione, chi impara cosa, come, dove, quando);occupazione (struttura dell occupazione, definizione di occupazione e disoccupazione ) 4 ; energia (quantità e qualità del consumo energetico e impatto ambientale);ambiente; diritti umani. 4 Carmelo Cannarella e Valeria Piccioni, Consiglio Nazionale delle Ricerche (a cura di) Dinamiche di Sviluppo ed Incremento della Competitività dei Territori Rurali progetto

15 Questa classificazione ci porta a dimostrare come la qualità della vita sia determinata da una molteplicità di fattori e non solo di quelli riconducibili al PIL. Il concetto di qualità è decisivo per definire gli obiettivi, per valutare e significare le esperienze, per definire le aspirazioni e i progetti di vita di tutta l umanità, per fornire essenziali contributi anche nella definizione di politiche, azioni e linee ispiratrici dello sviluppo. Il dibattito intorno alla qualità è molto attuale, sia in contesti educativi che sociali e non è raro leggere su riviste inviti a riflettere sulla qualità del cibo, del tempo o delle relazioni che abbiamo. Il nuovo concetto di qualità della vita dovrebbe prendere in considerazione il concetto di felicità. Sembra assurdo che il benessere di un individuo o di un paese sia considerato esclusivamente sulla ricchezza posseduta e non sulla felicità dei suoi cittadini. La felicità sicuramente risulta essere l indicatore più esplicativo del benessere planetario, ma come afferma Robert Lane nelle società occidentali il reddito, l istruzione, la salute e l intelligenza sono costantemente aumentati negli ultimi cinquant anni, ma non hanno reso nessuno di noi più felice di prima 5. Anzi, accade spesso, che persone che vivono in condizioni che giudichiamo deplorevoli appaiono perfettamente felici a differenza di coloro che vivendo nell ozio spesso sono in situazioni di infelicità. Da che cosa dipende allora la felicità? Robert Lane sostiene che essa dipenda dalla socialità, in quanto il benessere di un individuo dipende dall approvazione del gruppo di appartenenza e della società. Ne consegue che le aspettative sociali di standard di vita promosse dalla società contemporanea siano prettamente economiche, come appartenere ad uno status sociale elevato, possedere case di proprietà, svolgere un lavoro remunerativo. Tali aspettative, creando pressioni sul soggetto, ne determinano la possibilità di essere felice o infelice a seconda che possieda o meno le abilità e le competenze necessarie per raggiungere gli standard di vita richiesti. E necessario perciò che la società odierna ripensi i propri paradigmi di riferimento per restituire all uomo e al suo benessere la centralità, che in questo ultimo secolo le logiche di mercato, hanno oscurato. 5 Nel Noddings, (2003), Educazione e felicità. Un rapporto possibile, anzi necessario, edizioni Erikson, pag

16 A tale proposito le logiche inclusive sembrano poter rispondere a questa necessità di cambiamento, affermando l importanza di valorizzare ogni individuo e dare la possibilità a tutti di partecipare attivamente alla vita sociale. L inclusione rovescia l idea di migliore o peggiore, di superiore o inferiore, di ricco e povero, di idoneo o non idoneo restituendo pari dignità a tutti gli uomini e concorrendo a creare una nuova società democratica fondata sulla cooperazione, tolleranza, accoglienza, uguaglianza nella diversità. Includere significa dare ad ognuno la possibilità di realizzare, all interno del proprio contesto di vita, i diritti di libertà e di uguaglianza. Significa perciò valorizzare le differenze e tutte le diversità considerandole come una sorgente di ricchezza e come uno strumento valido per costruire un modello di vita che permetta la realizzazione dell unità nella diversità 6. Includere vuol dire offrire l opportunità di essere cittadini a tutti gli effetti cioè vivere in condizioni di vita dignitose e di essere inseriti in un sistema di relazioni soddisfacenti in modo che tutti, possano sentirsi parte della comunità sociale e vivere inseriti in contesti relazionali in cui possono agire, scegliere e vedere riconosciuto il proprio ruolo e la propria identità. L inclusione diviene pertanto garante della valorizzazione di tutti gli uomini, e promuove la possibilità di accogliere le differenze e le diversità individuali. Perciò la sfida a cui è chiamata ad impegnarsi l intera umanità è la creazione di sistemi inclusivi che pongano le basi per una comunità accogliente. 1.3 Alcuni cenni storici sul processo d inclusione dei disabili L integrazione della disabilità ha seguito un cammino lungo e tortuoso di cui io ne ripercorrerò le tappe. La diversità nell uomo ha sempre suscitato paura, angoscia, preoccupazione, inquietudine e repulsione, sentimenti a cui esso ha reagito con l esclusione, l allontanamento da tutte le realtà sociali del diverso e il suo internamento in 6 V.Piazza, Trento, (1999) Riflessioni sulla complessità dell integrazione e sui molti vantaggi (per tutti) che porta con sé, in D.Ianes, M. Tortello (a cura di), Handicap e risorse per l integrazione. Nuovi elementi di qualità per una scuola inclusiva, Erickson, pag

17 strutture protette: la cultura occidentale proietta la paura della diversità sul mondo, per circoscriverla e per tentare di rimuoverla o di controllarla 7. Per molti secoli si sono protratte nei confronti dei diversi molteplici forme di discriminazione, come l etichettatura di persone pericolose da allontanare e le forme di derisione per le loro difformità. Addirittura al tempo dell Inquisizione si era fatta strada l idea del disabile come uomo sotto il controllo del demonio. Anche all interno delle stesse famiglie, la nascita di un figlio diverso aveva creato grossi problemi al punto tale da rinchiuderlo e isolarlo anche dalla vita familiare o ponendo fine alla sua vita fin dalla nascita. Nell età moderna, invece, i soggetti diversi venivano internati in strutture protette e controllati e trattati con uso di farmaci o mezzi di contenimento in quanto il disabile era identificato con il malato. L obiettivo era quello di rieducare totalmente la persona, trasformandola. Questa forma di rieducazione ebbe come conseguenza quella di portare l attenzione dei medici a ricercare esclusivamente le cause della loro malattia estraniandoli il più possibile dal contesto sociale, affinché non potessero disturbare la società nella routine quotidiana o creare disagi. L emarginazione quindi era lo strumento privilegiato per curare e trattare il diverso, il quale incontrava, come figura professionale, solo il medico che lo trasformava in caso clinico su cui poter studiare. Questa fase può essere definita della medicalizzazione. Successivamente si assiste alla creazione di istituti destinati esclusivamente a contenere persone emarginate, rifiutate, diseredate o con handicap. In questo momento, i soggetti con disabilità, non vengono più trattati come casi clinici, anche se vengono mantenuti isolati dalla società. Al posto della figura del medico si ha l educatore che è colui che rieduca attraverso il metodo della punizione e del contenimento per migliorare o cambiare i problemi di coloro che vengono definiti folli.. Ancora, al tempo degli istituti e dei manicomi, come si deduce, non si ha l idea della persona con disabilità come individuo portatore di risorse e ricchezze ma come un soggetto privo di valore che bisogna trattare solo per un recupero fisico o interiore. 7 Patrizia Gaspari, Milano, (2002) Aver cura. Pedagogia speciale e territori di confine,edizioni Angelo Guerini, pag.27 17

18 Un cambiamento importante nella visione della diversità, si ha quando invece, grandi personaggi, o meglio pedagogisti medici, come Itard, Seguin, Decroly e Montessori portano una nuova visione del disabile e del diverso dando origine alla Pedagogia Speciale. E a partire da Itard che si fa risalire quindi il passaggio da uno studio puramente medico ad un intervento più pedagogico e globale nei confronti della persona disabile, ed è esso che parla dell educabilità dell individuo anche in presenza di forti disabilità e si deve a lui l importanza data alla mediazione sociale nella crescita psicofisica del soggetto. Seguin permette invece, il passaggio da una pedagogia focalizzata sul soggetto ad una più incentrata sui contesti, sugli ambienti in cui il soggetto viene ad agire e sui percorsi da intraprendere. L obiettivo del percorso educativo è pertanto quello di mirare alla socievolezza della persona nell ambiente in cui vive; M. Montessori valorizza la dimensione del fare da sé del bambino e la conseguente importanza dell adulto nel fare da sostegno: per la Montessori educare significa aiutare il bambino a tirar fuori la sua capacità auto educante di cui è portatore; Decroly, sottolinea la necessità di individualizzare il percorso educativo per i disabili e di legarlo ad una severa e approfondita valutazione funzionale delle difficoltà dell educando 8. La Pedagogia speciale quindi è la scienza che ha come oggetto di studio la disabilità. Essa si definisce come pedagogia della complessità e della diversità 9 finalizzata all integrazione dei soggetti con deficit, handicap e con bisogni educativi speciali. - Con il termine deficit si indica la menomazione biologica che è la causa dell handicap. - Con handicap invece si intende una situazione di svantaggio dovuta ad una menomazione che limita o impedisce al soggetto la possibilità di ricoprire il ruolo normalmente proprio in base all età, al sesso, e ai fattori culturali e 8 Luigi D alonzo, (2010), intervento al Convegno SIPES Integrazione delle persone con disabilità.lo sguardo della pedagogia speciale, pag 3. 9 P.Gaspari, Padova, (2001), Un epistemologia per la Pedagogia Speciale, in Studium Educationis, (a cura di) A. Canevaro, Pedagogia Speciale, Ceda, n.3.pag.2 18

19 sociali. Lo svantaggio quindi proviene dalla diminuzione o dalla perdita della capacità di conformasi alle aspettative o alle norme proprie dell ambiente 10 ; - Con il termine bisogni educativi speciali si intendono tutte quelle situazioni non riconducibili a un deficit o a una disabilità, ma a forme di disagio sociale come per esempio possono essere le situazioni degli immigrati, o di persone che vivono in famiglie disagiate che forniscono scarse competenze etc Un obiettivo della Pedagogia speciale è la riduzione dell handicap che viene realizzato solo attraverso una socializzazione del deficit, ovvero attraverso la creazione di una cultura speciale che porti un cambiamento nell azione comune, facendo sì che le attenzioni speciali diventino ordinarie, giungendo ad un pensare speciale. La diversità quindi, acquisisce, anche grazie a questa Pedagogia, un valore aggiunto, in quanto viene intesa come risorsa per tutti i cittadini. Si capisce come, nel corso del tempo, la percezione della figura del disabile sia mutata permettendo così, intorno agli anni 60, la messa in discussione dei metodi educativi fino a quel momento utilizzati (punizione, contenimento, isolamento, medicalizzazione etc ), che non avevano portato a nulla se non ad un aumento della paura di tutto ciò che era diverso, rallentando e allungando quindi i tempi di conoscenza di esso e della sua integrazione sociale. La fase odierna, che parte da metà dello scorso secolo ad oggi, è caratterizzata invece da grandi passi avanti nel senso dell integrazione sociale, scolastica e lavorativa del disabile e dell abbattimento delle barriere architettoniche, proprio perché è maturata la consapevolezza che è importante un suo ritorno nei suoi luoghi di vita personali quali la famiglia, e una conseguente apertura verso la società. Le prime esperienze d integrazione dei disabili nella società, realizzate in Italia, sono da parte di associazioni tra cui la Comunità Papa Giovanni XXIII di Rimini, fondata da Don Oreste Benzi (1968). Comunità che opera l integrazione condividendo, all interno delle case-famiglia, la situazione di svantaggio dei disabili, costruendo con loro una nuova cultura in cui l uomo possa offrire i suoi talenti : come diceva Don Oreste Benzi nessuno è troppo 10 A.Canevaro, Milano,(1999), Pedagogia speciale. La riduzione dell handicap. Bruno Mondadori, p

20 povero da non poter donare nulla e nessuno è troppo ricco da non aver bisogno di ricevere. Negli anni 70 Don Oreste infatti, intuisce che la persona ha bisogno di relazioni significative, uniche, insostituibili che non possono essere assicurate in un ambiente come quello dell istituto dove vengono garantiti i livelli assistenziali adeguati, ma non quelli di tipo familiare e parentale garantiti da una figura paterna e materna. La famiglia aperta, allargata con i bambini, i giovani, i nonni ed anche i diversamente abili risulta essere una fonte di crescita armonica ed equilibrata per lo sviluppo psicofisico del bambino. Una formazione all alterocentrismo, alla solidarietà, alla gratuità delle relazioni. Qui è realmente possibile una integrazione, dove chi prima veniva istituzionalizzato a causa del suo handicap, oggi diventa protagonista di storia, vivendo nelle realtà sociali dove ci sono tutti. Scuola, lavoro, tempo libero. 11 In queste realtà Don Oreste realizza davvero quell integrazione che oggi si richiede all intera società. E proprio grazie all azione di sensibilizzazione e promozione del valore della diversità ad opera della Comunità Papa Giovanni XXIII che si è giunti nel 1994 all emanazione della legge 724 che sancisce la chiusura definitiva di istituti e manicomi in Italia. E sempre sul finire dello scorso secolo che viene modificato anche il termine disabile trasformato in divers-abile (concetto rivisto dall ICF 2007 che ritiene essere una definizione sbagliata concettualmente in quanto si afferma il rispetto per la differenza e l accettazione di persone con disabilità come parte della diversità umana ), proprio per sottolineare la presenza di abilità diverse nel soggetto, e non una sola mancanza di competenze. Come dice infatti Claudio Imprudente ( presidente del Centro di Documentazione Handicap di Bologna) il termine disabile obbedisce alla logica della staticità, dell immutabilità, la parola divers-abile sottolinea invece una positività Lessi V., Milano, (2008 ), Don Oreste Benzi, un infaticabile apostolo della carità,san Paolo editore. 12 (Claudio Imprudente) 20

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

La Pedagogia Speciale

La Pedagogia Speciale La Pedagogia Speciale Rosa Maria Lombardo Pedagogista 1 La Pedagogia Speciale è una branca della Pedagogia che interviene, con modalità ben definite, nell area della disabilità di varia natura, da quella

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I I. O. Griselli Via Roma, 55-56040 MONTESCUDAIO(PI) Tel. 0586/650053 - Fax 0586/650488 e-mail: istcomp.griselli@tiscali.it Web: www.istitutogriselli.it

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi

AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi AfrikaSì / Emergency DIRITTI NEGATI Testimonianze dalle ingiustizie del mondo di oggi Afrikasì ed Emergency hanno deciso di promuovere insieme una due giorni, il 14 e il 15 maggio 2014, avente come filo

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Percorso di integrazione scolastica del soggetto disabile Associazione Ring 14 2011 Indice Breve profilo dell Associazione Introduzione e contesto

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

12 Famiglie affidatarie

12 Famiglie affidatarie INTRODUZIONE Con questo volume avviamo la collana di studi e ricerche Essere, crescere volontari, dalla casa editrice La Scuola messa a disposizione dell Osservatorio sul Volontariato, nato da una concordanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2014 / 2015 TITOLO: Educare alla pace per educare nella pace PREMESSA La finalità principale della scuola è

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli