IL PICCOLO lunedì 3 giugno Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PICCOLO lunedì 3 giugno 2013. Indice articoli"

Transcript

1 IL PICCOLO lunedì 3 giugno 2013 (Gli articoli della presente rassegna, dedicata esclusivamente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli REGIONE (pag. 2) La Regione avvia il valzer degli uffici L Outlet Village conquista nuovi spazi Fedriga ribatte alle critiche della Cgil TRIESTE (pag. 4) «Ferriera, un retroporto dedicato alla logistica» GORIZIA-MONFALCONE (pag. 5) C è la draga, via ai lavori nel canale Est-Ovest «L Autorità unica un dietro-front per il nostro porto» Fiamme alla Allest di Mossa, danni ingenti

2 REGIONE La Regione avvia il valzer degli uffici di Roberto Urizio TRIESTE Lavori quasi ultimati in via Carducci, nel palazzo della Regione che fu anche la casa della giunta regionale ai tempi di Riccardo Illy. Le impalcature che invadevano il marciapiede della centralissima strada triestina sono state tolte e la facciata del palazzo è ora nuovamente visibile ai passanti; ci sono ancora piccoli interventi da concludere all interno ma la parte più consistente dell intervento è conclusa e presto gli operai dovrebbero lasciare l edificio. In quel palazzo, che secondo le valutazioni della Regione vale attorno ai 23 milioni di euro, ha trovato posto, come si diceva, la giunta regionale durante il governo di Riccardo Illy, fino alla conclusione dei lavori nella storica sede di piazza Unità; ora invece l edificio al numero civico 6 di via Carducci ospiterà le Direzioni che sono presenti in via Giulia 75/1, quelle legate agli assessorati all Ambiente, energia e montagna e alle Infrastrutture, lavori pubblici e pianificazione territoriale. I tempi dei lavori si sono leggermente allungati rispetto al previsto (la conclusione era stata immaginata per i primissimi mesi dell anno) ma non troppo, ora saranno da valutare i tempi del trasloco che potrebbero invece essere non troppo brevi. L esempio più recente non depone a favore della brevità degli spostamenti e riguarda la sede di via Milano 19, i cui lavori di ristrutturazione si sono di fatto conclusi alla fine del 2012 ma il trasloco della Direzione cultura, sport e relazioni internazionali e comunitarie non è ancora partito, tanto che quegli uffici, che troveranno casa nella vecchia sede della Corte dei Conti regionale, sono ancora stabilmente in via Udine 9. Di certo c è che, una volta completato il trasferimento delle Direzioni, anche la sede di via Giulia sarà interessata a lavori di ristrutturazione. Interventi che rientrano nel Piano delle sedi regionali di Trieste, approvato un anno fa dalla Giunta regionale, che prevede il passaggio da 21 a 13 edifici occupati dalla Regione nel capoluogo, con una progressiva eliminazione degli affitti, la valorizzazione degli immobili in proprietà e l'accorpamento dei settori amministrativi omogenei. Il Piano, che si concluderà secondo le previsioni nel 2017, coinvolgerà oltre dipendenti regionali. Alla fine del percorso, gli uffici si concentreranno in nove sedi principali di proprietà (piazza Oberdan 5 e 6, piazza Unità d'italia 1, corso Cavour 1, via Trento 2, via Carducci 6, via Milano 19, Riva Sauro 8, via Giulia 75/1, via Cantù 10, via Udine 9) a cui si aggiungeranno quattro immobili minori fra magazzini e autorimesse. Nel frattempo verranno risolti i contratti di affitto e saranno limitati i casi di convivenza con uffici che non siano della Regione. Si cercherà, laddove possibile, di accorpare Direzioni e uffici in base alle aree tematiche (cultura e sociale, tecnica e ambientale, economia e amministrazione gli ambiti individuati), cercando di sistemarli nello stesso edificio o comunque nella stessa zona della città. Il piano relativo alle sedi regionali della città di Trieste rientra a sua volta in un più ampio Piano di valorizzazione del patrimonio regionale e dei beni del demanio, previsto in sede di legge finanziaria 2011 con la possibilità, come poi si è verificato, di procedere a piani particolari per singole porzioni del territorio regionale con il coinvolgimento dei soggetti interessati come avvenuto per la decisione sugli spostamenti delle Direzioni a Trieste. In questo contesto la Regione ha proceduto anche ad inventariare il patrimonio immobiliare di sua proprietà; l aggiornamento dei valori patrimoniali dei beni della Regione ha riguardato complessivamente 222 beni immobili (palazzi, condomini, foreste, boschi, aziende agricole) il cui iniziale valore era pari a 281 milioni di euro. La rivalutazione ha portato a un apprezzamento considerevole di questi beni, portando il valore a oltre 713 milioni con una crescita superiore al 150%.

3 L Outlet Village conquista nuovi spazi di Elena Placitelli TRIESTE L Outlet Village di Palmanova è a un passo dall ampliamento. Se l Ikea di Villesse annuncia in novembre l avvio dei lavori, il Village si prepara a fare altrettanto, con un investimento di 50 milioni di euro da realizzare in due anni. Sono quasi 20mila i nuovi metri quadri commerciali contemplati nella super-delibera approvata dal Comune di Aiello. Di questi, oltre 15mila sono divisi tra i territori di Aiello (6.300) e Visco (9.100) e saranno destinati ad estendere l area commerciale adiacente all Outlet. In progetto una quarantina di nuovi negozi della Marangi immobiliare, la stessa proprietà dell Outlet, oltre a un area di servizi in cui potrebbero prendere posto una mega piscina, un centro benessere e un hotel. Qui si contano 100 posti di lavoro che andrebbero a sommarsi ai 600 impiegati già nell Outlet, (compreso l indotto). Gli altri nuovi metri commerciali completano invece il pacchetto di estensione nel comune di Bagnaria Arsa, nell area adiacente al Conforama. Le tre singole varianti dei rispettivi Comuni, già approvate in passato, erano rimaste congelate dalla Regione, che non aveva ritenuto sufficiente il sistema viario esistente. Aiello era stato così incaricato di recepire le osservazioni regionali e di presentare un progetto intercomunale di sviluppo delle comunicazioni stradali, adeguato all ampliamento commerciale. Lungo la direttrice ex Total, dal casello di Palmanova a Romans, sono stati progettate due rotatorie per defluire il traffico da Est, mentre la rotonda all ingresso dell Outlet sarà ampliata con un quarto braccio per i veicoli provenienti da Ovest. Discussa dai tre Comuni, dalla Provincia di Udine e dai funzionari regionali, ora la variante approvata da Aiello risulta dunque potenzialmente in grado di sbloccare anche l iter di Bagnaria e Visco, per far decollare definitivamente il progetto di ampliamento, in stand by da tre anni. Sempre che la nuova giunta regionale lo approvi. Solo con il sì della Regione, infatti, le varianti di Visco e Bagnaria torneranno in Consiglio per essere votate di nuovo. «Di fronte al continuo ampliamento dei grandi centri commerciali, anche le strutture della Bassa devono mantenere un appeal che altrimenti perderebbero - afferma il sindaco di Aiello, Roberto Festa -. Tutta la variante ha anche il merito di creare complessivamente dai 250 ai 350 nuovi posti di lavoro, includendo nei calcoli anche l indotto». Il sindaco di Visco, Elena Cecotti, mette in evidenza come «questa variante sia stata decisa trasversalmente da due Comuni di centrodestra (Visco e Aiello) e da uno di centrosinistra (Bagnaria) incontrando difficoltà che l Outlet di Noventa di Piave non si è mai immaginato, pur essendo già al terzo ampliamento». «Possiamo finalmente gioire di una decisione che aspettavamo da tempo» commenta il direttore dell Outlet, Maurizio Villa. Fedriga ribatte alle critiche della Cgil «La Lega non prende lezioni dalla Cgil». Così il deputato del Carroccio Massimiliano Fedriga replica alle accuse della Cgil pordenonese sulle presunte responsabilità della Lega Nord nell odierna crisi economica e di sistema. «Accuse - afferma Fedriga - che equivalgono a pure mistificazioni. Ma le bugie, come noto, hanno le gambe cortissime».

4 TRIESTE «Ferriera, un retroporto dedicato alla logistica» di Giulio Garau «Per risolvere il problema della Ferriera di Servola penso alla possibilità di realizzare in quell area nuove attività logistiche di retroporto». Secondo il ministro alle attività propduttive Flavio Zanonato, che ieri ha rappresentato il Governo alle celebrazioni del 2 giugno al Sacrario di Redipuglia, non ci sono altre strade per il futuro dell area siderurgica. «Abbiamo avviato un percorso con il governatore Debora Serracchiani e il sindaco di Trieste Roberto Cosolini che ho incontrato anche oggi - ha spiegato il ministro - la Ferriera fa parte del gruppo Lucchini e in un primo momento era previsto un decreto che prevedeva soltanto Piombino nel sistema delle aree di crisi complesse. Ora c è anche Trieste e si può intervenire anche per cose diverse dalla precedente attività produttiva in modo tale da continuare a utilizzare imprese e lavoratori in nuove attività per il futuro». Lo stesso governatore Serracchiani, a margine, sul nodo Ferriera ha confermato: «Il grosso problema ci è stato risolto, salvo sorprese il decreto dovrebbe passare, poi dovremo affrontare il resto delle questioni: infrastrutturazione, bonifiche e riqualificazione. Non è solo un problema di risorse, ma anche di priorità». Sempre sul tema della logistica il ministro Zanonato, facendo capire appoggiare la linea di Serracchiani che ha ribadito di voler puntare a «un unica Autorità portuale per il sistema dei porti» per sviluppare le potenzialità in questo settore della regione-cerniera con il Centro-Europa, ha confermato di voler seguire da vicino le nuove direttive giunte dalla Commissione europea dei trasporti. Una strategia che mette Trieste tra i 20 porti prioritari della Ue destinati a godere di una nuova politica di semplificazione burocratica e di autonomia finanziaria che permetteranno di aumentare traffici e liberare risorse finanziarie da destinare a nuove infrastutture. Una scelta della Ue per liberare i porti del Nord ornmai intasati e a rischio paralisi. «Il potenziamento delle infrastrutture dei porti, compreso quello di Trieste, fa parte della politica della Ue che noi condividiamo - ha spiegato Zanonato - perchè la logistica è una delle chiavi dello sviluppo economico. La realizzazione di tutta una serie di opere pubbliche, oltre a portare lavoro, renderà più efficienti i trasporti garantendo costi più bassi e soprattutto tempi più rapidi per i viaggi delle merci». Ma secondo il ministro non basterà questo, bisognerà pensare anche a risolvere il problema della lentezza delle procedure e della burocrazia: «Entro giugno presenterò un decreto di semplificazione burocratica - ha annunciato - ed è un punto di estrema importanza. Spesso si confonde questo tema con il fatto che non ci si voglia prendere delle responsabilità. C è un pezzo di burocrazia che si risolve semplificando le norme vecchie, un altro spostando la responsabilità dal pubblico al soggetto che vuole intervenire. Non si può arrivare a un punto in cui il pubblico autorizza una cosa che non controlla: serve un cambio culturale e di mentalità».

5 GORIZIA-MONFALCONE C è la draga, via ai lavori nel canale Est-Ovest di Giulio Garau Trovata la draga per l escavo del Canale Est-Ovest,anzi in realtà sono due, della ditta Colussi di Grado, ora manca soltanto l autorizzazione dell Autorità marittima: la documentazione è stata inviata a Trieste alla Capitaneria e il Consorzio per lo sviluppo industriale conta di ottenere l ordinanza entro la settimana. I lavori dovrebbero iniziare nella prima decade di giugno e concludersi entro il mese. Obiettivo dell intervento è un primo stralcio di lavori per togliere circa 2mila metri cubi di fanghi mettendo in sicurezza (per la navigazione) i punti critici, nel canale Peschiera di fronte al Villaggio del Pescatore e alla Polisportiva San Marco. In autunno il secondo lotto di scavi che dovrebbero essere completati asportando almeno 10 mila metri cubi di materiale costituito da accumuli di fango e detriti sul fondale portati dalle mareggiate e le libecciate dell inverno. Inizio d estate serena dunque per i centinaia e centinaia di diportisti che utilizzano il canale per raggiungere marina e ormeggi, ma anche per tutte le realtà della nautica e della cantieristica, da Nautec a Marina Lepanto sibno Tavoloni, Ocean, Cadei, Crackboat o altri, che potranno proseguire l attività evitando di vedere i clienti finire in secca, soprattutto quelli delle barche a vela che pescano sott acqua con le derive. Il rischio di andare in secca per alcune barche sta aumentando ogni giorno di più, la quota del fondale medio infatti va da 2,5 a 2,8 metri, ma quando c è la bassa marea le barche rischiano di incagliarsi. Con l intervento di dragaggio, che dovrebbe costare complessivamente 400 mila euro, il canale Est-Ovest dovrebbe raggiungere una profondità media che non andrà sotto i tre metri. Le draghe per compiere l opera in realtà sono più di due e appartengono alla ditta Colussi di Grado: la motobarca Grecale e la Galleggiante Moro. In caso di malfunzionamento, come riserva, saranno sostituite dalla Motobarca Sofia e la galleggiante Galea. Inizialmente il Consorzio si era rivolto alla ditta Opemar di Latisana che aveva già fatto lo scorso anno i lavori di manutenzione e dragaggio del canale Est-Ovest e che aveva utilizzato la motonave Maria Rosa. Un mezzo che quest anno non aveva i documenti in regola e dunque era stato giudicato inidoneo a fare l opera. Una corsa contro il tempo dunque per il Consorzio per lo sviluppo industriale di Monfalcone incaricato dalla regione di fare la manutenzione del canale che, tra le varie realtà, serve cantieri come la MonteCarlo Yachts. Inizialmente si dovevano togliere almeno 10 mila metri cubi di fanghi con varie soluzioni di smaltimento, ma la burocrazia che richiede iter più lunghi ha fatto optare per un primo intervento a giugno e uno successivo in autunno.

6 «L Autorità unica un dietro-front per il nostro porto» La presidente della Regione, Debora Serracchiani, ha preannunciato l intenzione di costituire un Autorità portuale unica, mettendo in discussione la legge regionale per Portorosega e San Giorgio di Nogaro. Come a dire: punto e a capo. Ma l ex sindaco Gianfranco Pizzolitto scende in campo per difendere la norma, che, pur da rivisitare, va mantenuta. Ha seguito passo a passo il processo di regionalizzazione dello scalo monfalconese. E, non senza provocazione, chiede: «Come reagiranno istituzioni, forze sociali ed il Pd che hanno condiviso le tesi contenute nel recente Libro bianco sul porto di Monfalcone, diametralmente opposte alle intenzioni della presidente Serracchiani? Quale sarà l atteggiamento del presidente della Provincia, Enrico Gherghetta, che attraverso il Patto per lo sviluppo territoriale ha la possibilità di determinare un fronte di opinione coeso rispetto a questo problema emergente? E quanto a lungo è lecito ancora mantenere una situazione in cui un Comune monitora il porto, un altro l aeroporto e due, ciascuno per conto proprio, lo sviluppo del litorale?». Insomma, si torna all Autorità portuale unica. Eppure a volere per primo la norma regionale fu proprio la Giunta Illy: «Ad intuire la necessità di regionalizzare lo scalo non alterandone la classe di pertinenza (nazionale), era stato l assessore Ludovico Sonego che, facendo proprie le istanze territoriali, con l allora viceministro Cesare De Piccoli, aveva gettato le premesse affichè le competenze normatorie, concessorie e operative fossero trasferite alla Regione. Il processo è stato ripreso dall assessore Riccardo Riccardi (Giunta Tondo) e concretizzato con la stesura della legge. I porti della regione non ricadenti sotto l Autorità portuale sono amministrati dalla Regione. Il risultato mi pare tutt altro che banale a tal punto da auspicarne la difesa - sottolinea -, nonostante che la norma possa aver contribuito, ma è solo una concausa, a determinare l attuale situazione di stallo nel porto». Pizzolitto invita alla cautela: «Non è che con l acqua sporca si getta via anche il bambino?». La legge va certo riscritta, e urgentemente, ma la filosofia di base va mantenuta, osserva. In virtù della specialità regionale e di un faticoso percorso per il quale ora si fa marcia indietro riconsegnando i porti allo Stato. Parla di un «appiattimento dell attività portuale, ben sapendo che il coordinamento è necessario per ottimizzare le strutture (quelle macro), ma non è esaustivo rispetto all attrazione dei traffici che vanno là dove ci sono le condizioni migliori». Con l Autorità portuale unica, il punto di riferimento operativo diventa quello delle Opere marittime, «da cui si voleva appunto rifuggire». Per l ex sindaco la via è invece quella di riscrivere la norma evitando ambiguità fra le competenze di Stato e Regione e mantenendo la potestà amministrativa il più possibile in capo alla Regione. Propone inoltre un ruolo più dignitoso per il Comune, nel solco del «percorso federalista insito nella stessa legge portuale», e di trasformare il comitato consultivo in comitato portuale, con maggior coinvolgimento dei soggetti territoriali.

7 Fiamme alla Allest di Mossa, danni ingenti di Francesco Fain MOSSA Seicento sedie andate completamente distrutte. Così come un numero imprecisato di pannelli, pellicole, stoffe. Il tetto fortunatamente soltanto lambito dalle fiamme. Tutte le pareti del magazzino annerite. Sono gli effetti più visibili del violento incendio divampato nella zona industriale di Mossa, nella notte fra sabato e domenica. Ad essere colpito lo stabilimento della Allest, azienda che produce allestimenti fieristici ma anche tensostrutture per manifestazioni da organizzare all aperto. I vigili del fuoco si sono prodigati per oltre 14 ore per spegnere anche il più piccolo focolaio. Le cause? «In corso di accertamento, non ne escludiamo alcuna», fanno sapere i carabinieri, anche se si propende per il corto circuito. Non sono stati riscontrati segni di effrazione (peraltro l antifurto era stato regolarmente azionato) e, a quanto pare, un computer sarebbe rimasto acceso e potrebbe essere stato la causa del rogo. Per ora, soltanto un ipotesi che vigili del fuoco e carabinieri analizzeranno attentamente nelle prossime ore. Nell incendio non è rimasta fortunatamente coinvolta nessuna persona. Ad accorgersi delle fiamme una passante che ha visto levarsi dallo stabilimento sito in via Isonzo una densa colonna di fumo. Immediatamente ha dato l allarme: i vigili del fuoco sono subito accorsi a Mossa con tre mezzi. Pare che l incendio si sia originato nella zona degli uffici (dove appunto c era il computer acceso) con le fiamme che poi hanno divorato il vicino magazzino dove erano accatastate le sedie, oltre al materiale che viene utilizzato per la realizzazione degli allestimenti di manifestazioni fieristiche. Decisiva è stata la tempestività della segnalazione (va detto che quella strada non è particolarmente trafficata di notte) e, altrettanto, la velocità d intervento dei pompieri che hanno dovuto sfidare il fumo nerissimo che aveva invaso tutti i locali. Le fiamme hanno lambito anche il tetto ma i danni, in questo caso, sono stati davvero minimali. La struttura, per il resto, è rimasta intatta. Lo stabilimento della Allest confina con quello della Astrel, fabbrica del settore informatico che è emigrata già da parecchi anni a Mossa dalla zona industriale di Cormons: quest ultima fabbrica non è stata minimamente interessata all incendio.

DOSSIER Lunedì, 13 aprile 2015

DOSSIER Lunedì, 13 aprile 2015 DOSSIER Lunedì, 13 aprile 2015 DOSSIER Lunedì, 13 aprile 2015 Articoli 13/04/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 10 Battaglia sull' Authority regionale unica 1 13/04/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 18 Lo spazio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6532 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COLLAVINI, CONTENTO, FONTANINI, FRANZ, NICCOLINI, RUFFINO, SCALTRITTI, SCARPA BONAZZA BUORA

Dettagli

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW Traduzione informale a cura di ASSOPORTI EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW CE 2010 Consultazione sulla futura politica delle Reti Transeuropee

Dettagli

IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014

IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014 IL SETTORE DELLA NAUTICA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Giugno 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Indicatori sulle unità da diporto

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE ESTRATTO DELLA RASSEGNA STAMPA DELL UNIONE VENETA BONIFICHE 12 FEBBRAIO 2014 Ufficio Segreteria E-mail: consorzio@acquerisorgive.it Sede legale: VIA ROVERETO, 12-30174

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna

L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna La Nuova Venezia mercoledì 6 novembre 2013 L'accordo: via le Grandi navi dal salotto buono, crepi la Laguna di ENRICO TANTUCCI 06 Novembre 2013 20 Grandi navi, stop dal governo di Enrico Tantucci Incontro

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

IV COMMISSIONE PERMANENTE

IV COMMISSIONE PERMANENTE Martedì 31 marzo 2015 21 Commissione IV IV COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: 5-04380 Villecco Calipari: Sulla situazione relativa all esercizio dell usufrutto da parte dei

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO ELENCO AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE SETTEMBRE 2013

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO ELENCO AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE SETTEMBRE 2013 COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO ELENCO AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE SETTEMBRE 2013 Amministrazione Ditta istante Autorizzazione Richiesta parere ai sensi dell Art.146 D.Lgs.42/2004 Oggetto Indirizzo ANDREOTTA

Dettagli

Scheda relativa a Bellezza singola o individua Volume A CROSA LAVINIA (S.F.d Albaro) N 33

Scheda relativa a Bellezza singola o individua Volume A CROSA LAVINIA (S.F.d Albaro) N 33 778/22 S.FRANCESCO D'ALBARO TBN n 16 D.M. 29/04/1931 (lettera di notifica) TERRENI E FABBRICATI SITI IN VIA FOGLIENSE LOC. S.PIETRO FOCE Elenco della documentazione allegata agli atti della Soprintendenza:

Dettagli

Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs. Lgs. n. 75/1998.

Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs. Lgs. n. 75/1998. Oggetto: Attivazione della zona franca integrale ed adempimenti conseguenti alla attuazione del D.Lgs Lgs. n. 75/1998. Il Presidente della Regione, di concerto con l Assessore della Programmazione, Bilancio,

Dettagli

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs)

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs) TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE Concordato Preventivo Story Loris spa in liquidazione - n 4 / 2010 Giudice Delegato: Dott. Carlo Bianchetti Commissario Giudiziale: Adelmo Predari Commissario

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III SEDUTA INIZIALE 5 MAGGIO 2014 CONFERENZA URBANISTICA PERCORSO COMPLESSIVO 1. Seduta iniziale della conferenza municipale Illustrazione delle questioni, degli

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno OGGETTO: Lavori di ristrutturazione sede centrale Ancona. - Progetto di variante del dispositivo di soccorso provinciale. PREMESSA La sede centrale dei Vigili del Fuoco d Ancona (anno di costruzione 1950)

Dettagli

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO (ASCA) Roma, 28 mag Grande partecipazione sul territorio all'iniziativa di protesta organizzata da Confsal Vigili del fuoco e da Conapo VV.F. I dati

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

Informativa Certificazione Energetica

Informativa Certificazione Energetica Informativa Certificazione Energetica Al fine di rendere a conoscenza gli Architetti Lombardi del lavoro che la Consulta in questi ultimi anni ha affrontato a vari livelli in merito alla ormai annosa vicenda

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6112913 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST. in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari

VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST. in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari ODG: proposte di viabilità in seguito alla chiusura del passaggio a livello di via Vittorio Veneto In data

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

2) Realizzazione nuovo accosto crocieristico a Savona Spostamento cantieristica leggera;

2) Realizzazione nuovo accosto crocieristico a Savona Spostamento cantieristica leggera; Delibera n 59 - anno 2005 2) Realizzazione nuovo accosto crocieristico a Savona Spostamento cantieristica leggera; richiamate le proprie delibere n. 145 e n. 159, rispettivamente in data 06.10.2004 e 29.10.2004,

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine N 12 del Reg. Del COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 16/03/2016 OGGETTO: VARIANTE N. 14 AL PRGC VIGENTE COLLEGATA ALLA REALIZZAZIONE DI UNA

Dettagli

COMUNE di BAGNOLO S. VITO UFFICIO TECNICO VIA ROMA 29 46031 BAGNOLO SAN VITO

COMUNE di BAGNOLO S. VITO UFFICIO TECNICO VIA ROMA 29 46031 BAGNOLO SAN VITO Prot. n. 3136 del 19/5/2014 Spettabile AUTORITA DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Via Nizza, 230 10126 TORINO Inviata tramite pec: pec@pec.autorita-trasporti.it OGGETTO: Documento di consultazione per la definizione

Dettagli

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 COMUNE DI CARRARA Provincia di Massa Carrara SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO, URBANISTICA U.O. CONTROLLO DEL TERRITORIO Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 RELAZIONE TECNICA Progetto a cura del

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Servizio Patrimonio

CARTA DEI SERVIZI Servizio Patrimonio CARTA DEI SERVIZI Servizio Patrimonio Servizio Patrimonio FBK Carta dei Servizi 2014 pag. 1 Premessa La Carta dei Servizi rappresenta uno strumento dedicato a tutti coloro che, a diverso titolo, interagiscono

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 30 Del 21-10-14 Oggetto: "IPOTESI NAZIONALE DI ACCORPAMENTO DELL'AUTORI= TA'PORTUALE DI OLBIA

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012

Patrimonio della PA. Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Patrimonio della PA Rapporto sui beni Immobili detenuti dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2012 Luglio 2014 INDICE Premessa e sintesi 2 1 Le Amministrazioni che hanno comunicato i dati 3 2

Dettagli

Lamezia Terme La Fascia Costiera

Lamezia Terme La Fascia Costiera Lamezia Terme La Fascia Costiera STATO DI FATTO Il litorale del Comune di Lamezia include il territorio costiero che si estende, in forma pressoché rettilinea e piana, con andamento Nord Sud per circa

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DEL CENTRO STORICO DI CAPALLE

COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DEL CENTRO STORICO DI CAPALLE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DEL CENTRO STORICO DI CAPALLE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 138 DEL 11/07/2008 1 COMUNE DI

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole

XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole XV a Giornata del Volontario di Protezione civile a Pordenone: quando i fatti sovrastano le parole REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Lo scorso sabato 1 dicembre 2012 i padiglioni fieristici di Pordenone hanno

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci MILENA IN STUDIO Per far ripartire la cantieristica da Agosto è stato tolta la tassa di possesso sulle barche fino a 14 metri e dimezzata quella fino a 20, proposta

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria e sindacali 22 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione

Dettagli

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO 1. Nel corso degli ultimi anni la legislazione regionale in materia edilizia ed urbanistica

Dettagli

Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva

Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva Convegno Emergenza Casa e Nuove Politiche abitative, il ruolo dei Comuni Monfalcone, 27 marzo 2007 Sala Conferenze Galleria Espositiva Relazione di Luciano Cecchi, Presidente di Federcasa Abbiamo vissuto,

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Coordinatore dei servizi di porto turistico

Coordinatore dei servizi di porto turistico identificativo scheda: 30033 stato scheda: Validata Descrizione sintetica La figura è responsabile della pianificazione, organizzazione e coordinamento di tutte le attività, servizi e figure professionali

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG

AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG Alessia Rosolen FORUM PA Roma, 17 maggio 2010 1 CANTIERISTICA E NAUTICA IN FVG La CANTIERISTICA REGIONALE è rappresentata principalmente

Dettagli

Note sull iter del porto turistico di Otranto

Note sull iter del porto turistico di Otranto Note sull iter del porto turistico di Otranto Nel 2007, circa 7 anni fa, la Società Italiana per Condotte d Acqua ha presentato una richiesta di concessione demaniale marittima per costruire e gestire

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Commissario delegato emergenza canali di Venezia. IVA. Art. 9 D.P.R. n.

OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Commissario delegato emergenza canali di Venezia. IVA. Art. 9 D.P.R. n. Direzione Prot. Centrale 2005/ Normativa e Contenzioso Roma, 05 giugno 2008 RISOLUZIONE N. 226/E OGGETTO: Istanza di Interpello Art. 11, legge 27-7-2000, n. 212. Commissario delegato emergenza canali di

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALTO ADIGE RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO PER IL RESTAURO CONSERVATIVO DELLA FONTANA PETRARCA (EX LEGIONI) A BOLZANO COMMITTENTE: COMUNE DI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA congiunto EX FERROVIA PISA-CALAMBRONE-LIVORNO: RIPARTITA LA PROPRIETA TRA STATO ED ENTI LOCALI

COMUNICATO STAMPA congiunto EX FERROVIA PISA-CALAMBRONE-LIVORNO: RIPARTITA LA PROPRIETA TRA STATO ED ENTI LOCALI 29 dicembre 2011 COMUNICATO STAMPA congiunto EX FERROVIA PISA-CALAMBRONE-LIVORNO: RIPARTITA LA PROPRIETA TRA STATO ED ENTI LOCALI Sottoscritta la convenzione che ripartisce la proprietà dei beni del compendio

Dettagli

presso la Galleria Comunale d Arte Contemporanea di Monfalcone Piazza Cavour 44 - Monfalcone

presso la Galleria Comunale d Arte Contemporanea di Monfalcone Piazza Cavour 44 - Monfalcone PROGRAMMA Convegno Internazionale 9/10/11 ottobre 2008 DA TERRITORI INDUSTRIALI A PAESAGGI CULTURALI. Percorsi progettuali, esperienze, potenzialità di valorizzazione, riconversione e recupero del patrimonio

Dettagli

Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola

Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola Documento sull edilizia scolastica per la giornata di ascolto del mondo della scuola LO STATO DELLE COSE Quanti sono e di chi sono gli edifici scolastici italiani? Circa 43.000, dove vivono circa 9 milioni

Dettagli

INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012.

INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012. INTERVENTO INTITOLAZIONE DEL CENTRO REMIERO DI OGGIONO AI MARINAI D'ITALIA 26 MAGGIO 2012. Rivolgo a tutti gli intervenuti, alle Autorità civili, ai molti sindaci presenti, a quelle religiose, militari

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) Gruppo Lega Nord restituisce residui scorsa

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA. (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI RUBIERA. (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) Via Emilia Est n. 5 C.A.P. 42048 - tel. 0522/622211 - fax 0522/628978 - P. IVA 00441270352 website http://www/comune.rubiera.re.it - E-mail: tecnico::comune.rubiera.re.it

Dettagli

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE

CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE: nato a San Martino di Lupari (PD) il 14 gennaio 1968; residente a Castelfranco Veneto (TV), borgo Treviso n 45/A; diplomato nel 1987 con maturità scientifica

Dettagli

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per:

AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan. Rapporto Finale per: AFGHANISTAN: Programma di aiuti alimentari nella Provincia di Jawzjan Rapporto Finale per: ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2040 GRUPPO MI 4 ANNO 2008/2009 Progetto Obiettivo del progetto Beneficiari diretti

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

Il bilancio della doppia sfi

Il bilancio della doppia sfi 8 8 Il bilancio della doppia sfi Per la Provincia quello del 2005 è il bilancio della doppia sfida. Per rispondere ai tagli indiscriminati imposti dalla Finanziaria e all esigenza di rilancio dell economia

Dettagli

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza:

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza: Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile LORO SEDI Ai Comandi Provinciali

Dettagli

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione FORUM Port & Shipping Tech, 5 novembre 2009 Trasformazione urbana e promozione

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M.

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. Con l approvazione della legge regionale 4 febbraio 2013, n. 3 (pubblicata sul B.U.R. n. 1, Parte

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

6248 R1 27 ottobre 2009 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA

6248 R1 27 ottobre 2009 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA 6248 R1 27 ottobre 2009 ISTITUZIONI / FINANZE E ECONOMIA della Commissione della gestione e delle finanze sul messaggio 8 luglio 2009 concernente la richiesta di un credito di fr. 2.90 milioni per la progettazione

Dettagli

Il finanziamento e la gestione delle attività portuali. Michele Schisano 1550257 Marta Melone 1531681

Il finanziamento e la gestione delle attività portuali. Michele Schisano 1550257 Marta Melone 1531681 Il finanziamento e la gestione delle attività portuali Michele Schisano 1550257 Marta Melone 1531681 Indice I modelli di governance Il contesto italiano Le Autorità Portuali Autonomia finanziaria Finanziamento

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

Consigliere Presente Sostituito da

Consigliere Presente Sostituito da XI LEGISLATURA IV COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, edilizia, espropriazione, pianificazione territoriale, viabilità, trasporti, porti e aeroporti civili, navigazione, protezione civile, energia,

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

INTRODUZIONE. anche in tutta la regione Abruzzo,( sia per la vigilanza fissa, collegamenti impianti di

INTRODUZIONE. anche in tutta la regione Abruzzo,( sia per la vigilanza fissa, collegamenti impianti di INTRODUZIONE La società ITALPOL s.r.l. è un Istituto di Vigilanza presente fortemente nelle province di PESCARA CHIETI e TeRAMO, e con la nuova disposizione ministeriale, anche in tutta la regione Abruzzo,(

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA La materia dei roghi tossici si presta ad una prima applicazione del «processo di legalità» che abbiamo

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno Reg. Pubblicazioni n. COPIA COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 132 DEL 26/05/2016 L anno duemilasedici e in questo giorno ventisei del mese di Maggio alle

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli