LA TOSSICOLOGIA IN SCENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TOSSICOLOGIA IN SCENA"

Transcript

1 LA TOSSICOLOGIA IN SCENA La tossicologia d urgenza (il punto di vista del clinico) Carlo Locatelli Servizio di Tossicologia Centro Antiveleni - Centro Nazionale di Informazione Tossicologica IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi, Pavia Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Politiche Antidroga Scorta Nazionale Antidoti Ministero della Salute Difesa Civile Centro di Competenza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Ministero della Salute

2 La tossicologia in scena Milano La tossicologia d urgenza (il punto di vista del clinico) Università di Pavia Ospedale - Fondazione Maugeri I.R.C.C.S. - intossicazioni i i i acute SERVIZIO DI TOSSICOLOGIA - disponibilità/necessità analitiche -esempi CENTRO NAZIONALE DI INFORMAZIONE TOSSICOLOGICA - interpretazione del dato - problemi aperti / soluzioni possibili Tossicologia Clinica Servizio di Informazione e Consulenza Esperta CENTRO RICERCHE Farmacovigilanza Tossicovigilanza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Politiche Antidroga Toxi-Care Centro Antiveleni Carlo Locatelli Scorta Nazionale Antidoti Ministero della Salute Servizio di Tossicologia Difesa Civile Centro Antiveleni - Centro Nazionale di Informazione Tossicologica IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi, Pavia Ministero della Salute Attività in ambito SET (Servizio Emergenza Trasporti) Incidenti Chimici Emergenza Tossicologica Industria - Trasporti Centro di Competenza Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile 2

3 Intossicazioni acute 1 caso / 100 abitanti DRG definiti SDO: > casi anno di dimissione per intossicazione acuta / avvelenamento prestazioni per intossicazioni acute fornite nei servizi d urgenza e non seguite da ricovero: > / anno Prestazioni i specialistiche dei CAV: > / anno 3

4 Management of the poisoned patient diagnosis anamnesis signs and symptoms laboratory analysis instrumental examinations treatment in acute phase supportive treatment decontamination antidotal treatment depurative treatmentt t treatment in post-acute phase variation/suspension of therapy monitoring prognosis follow-up sequelae lesional agent free interval 4

5 Diagnosi clinica sindromi limiti: sostanze diverse possono dare gli stessi sintomi iniziali (es. irritazione vie aree) miscele di sostanze evoluzione rapida dei sintomi (es. rispetto a malattie infettive) non sindromi dd con sindromi / non sindromi di origine non chimica laboratorio h 24 / risposta rapida in urgenza (metodi ad hoc) capacità specifiche per sostanze poco comuni (liste particolari, sostanze di uso industriale, ) Intossicazioni comuni / poco frequenti 5

6 Percentage of drugs of abuse that was suspected and found in acute poisonings according to gender; (a) Females, n = 155 and (b) Males, n = 165. (a) (b) Drugs of abuse were more commonly found than suspected clinically. Ninety two percent of all patients had used such drugs, and ethanol, benzodiazepines and opiates were most common Even though such drugs are more commonly found among patients under the age of 30 years, the use is also extensive in patients older than 50 years. Physicians seem to underestimate the use of drugs of abuse. Therefore, laboratory analyses may aid the clinicians both in acute treatment, and in tailoring proper aftercare for these patients. Bjornaas et al, Clinical Toxicology 2006

7 Ideal tox-lab for the clinician i i (the clinical point of view!) The ideal toxicology laboratory should be available 24h/day remain with cutting-edge equipments offering the best sensitivity/specificity ratio screen thousands of compounds on request provide fast response possess some expertise in toxicokinetics ti and clinical i l toxicology, etc. Poison Control Centre 7

8 Laboratori tossicologici dove cosa 24/24 ore determinazioni qualitative quantitative matrice TAT verifica e conferma Livello 1 farmaci/ sostanze d abuso Livello 2 Livello 1 + pesticidi, glicoli, Livello 3 Livello 2 + agenti industriali, metalli, generica, 8

9 Richieste di esami tossicologici CAV PV Periodo 01/01/ /08/2010 (8 mesi) 4046 casi di consulenze a servizi d urgenza durgenza di Ospedali per valutazione/trattamento intossicazione da farmaci escluse esposizioni valutate non tossiche o di scarsa tossicità esami tossicologici richiesti in 847 casi di cui 577 farmaci 151 farmaci + sostanze d abuso 433 altre sostanze (di cui 200 in associazione i con farmaci e sostanze d abuso) 9

10 diagnosis Lab tests 4 biochemistry (indicators of effects) metabolic acidosis salicylates, cyanides acidosis i + anion gap methanol, glycols l osmolal gap methanol, ethanol, glycols hyperkalemia hypokalemia hypoglycemia cholinesterase digitalis theophyilline salycilates, valproate organophophates 4 toxicological analysis (exposure and dose indicators) poisons/metabolites. antidotes ethanol, pralidoxime,... 10

11 Laboratory assays in ED - clinical toxicology Qualitative Quantitative POSITIVE BIOLOGICAL LEVELS active principle / metabolites NEGATIVE predictor of toxicity guide for specific treatment a) antidotal therapy b) enhanced elimination i i techniques 11

12 Tox-lab assays in ED clinical toxicology background exposure to drugs/toxins is a major cause for patients visits to the ED life-threatening poisoning uncommon poisonings quick response (TAT turn-around-time: time: < 1-2 h) a significant number of ED visits are associated with the presence of alcohol and drugs / drugs of abuse as indicated by history does physicians rely on results of tox-testing testing for emergency management decisions? drugs of abuse NO (?) ethanol? toxic alcohols, paracetamol, salycilates, CO-oximetry, iron, therapeutic drugs (digoxin, lithium,...) YES. 12

13 Tox-lab assays in ED clinical toxicology pro / contra systematic toxicology screening can identify many more substances than clinically suspected often no clinical utility because of the time required laboratory support measures can improve patient care in specific situations (e.g. child abuse, emergency psychiatric clearance) do not address every question or identify every substance serum / plasma and urine tests can be realistically delivered the former are often agents that manufacturers have historically included on instrument menus or that third-part (regulators / agencies) have required request to modify to manufacturers 13

14 Literature guidelines / position paper The Alberta Clinical Practice Guidelines Program. Laboratory guideline for the investigation of the poisoned patient National Poisons Information Service and Association of Clinical Biochemists (List of experts). Laboratory analyses for poisoned patients: joint position paper. Ann Clin Biochem 2002; 39: Wu AHB, McKay C, Larry A. Broussard LA, Hoffman RS, Kwong TC, Moyer TP, Otten EM, Welch SL, Wax P. National Academy of Clinical Biochemistry Laboratory Medicine i Practice Guidelines: Recommendations for the Use of Laboratory Tests to Support Poisoned Patients Who Present to the Emergency Department. Clinical Chemistry 2003; 49 (3): Mégarbane B, Donetti L, Blanc T, Chéron G, Jacobs F (Groupe d experts de la SRLF). Intoxications par médicaments et substances illicites en réanimation. Réanimation, 2006;

15 Tox-lab assays in ED clinical toxicology qualitative ti - semi-quantitative (urine) immunoassays (old) substance of abuse some psychoactive drugs advantages limited cost, ease of execution quick response mayor limitations (poor accuracy need of confirmatory analysis?) low sensibility (false negative) limited specificity (false positive) e.g. cross reactivity positivity also in case of therapeutic dose (possible) absence of correlation between positivity / symptoms influence of diuresis and of kinetic of elimination no correlation with time of exposure 15

16 BDZ in urine immuno-enzymatic assay negative positive direct screening in emergency (35 cases) analysis after enzymatic hydrolysis + extraction 7 27 improved detection threshold after enrichment from 200 ng/ml to 50 ng/ml analytical problems drugs active at low dosage high patient s sensibility to low dosage rapid elimination low capacity of immunoenzymatic method to detect conjugated metabolites Clinical Toxicology 1996; 34:

17 laboratory assays in ED - clinical toxicology qualitative ti (urine) cocaina poppers pp ecstasy benzidamina (met)amfetamina t catinoni i mescalina solventi funghi allucinogeni ayahuaska ketamina Salvia divinorum LSD guaranà psilocibina GHB (γ-idrossibutirrato)/gbl JWH problematiche emergenti 17

18 2 nd line toxicology testing more complicated (and expensive) methods time-consuming (different TAT) recommended in patients with continuing medical problems (from toxicological exposures to drugs/chemicals) unidentified by the 1 st line toxicology testing not necessary (generally, not always!) for patient who are asymptomatic or clinically improving in the ED history of lesional poison 18

19 2 nd line toxicology testing quantitative urine lesional poisons that have low [blood] α-amanitin confirmation of blood assay kinetic of elimination (e.g. metals) monitoring of metabolites e.g. metabolites of ethylene glycol / methanol 19

20 2 nd line toxicology testing quantitative test following the qualitative 1 st line test qualitative positive specific quantitative analysis Sodium dithionite test (urine) +

21 2 nd line toxicology testing quantitative test : urinary amanitin urinary amanitin (ng/ml) > ore diagnosis of amatoxin poisoning hepatotoxicity

22 3 rd line toxicology testing quantitative tests: blood, serum, plasma Uncommon poisonings Uncommon situations Chemical emergencies NBCR risk Confirmation (or not) of previous results (2 nd line testing) Legal aspects Institutional / public health aspects 22

23 Uncommon poisonings represent a minor percentage < 5% of the requests for the toxico-laboratory, but frequently associated with a lifethreatening situation lack of experience (rare cases) lack of standards, d calibration, etc. need to define a strategy to identify risk of uncommon poisonings some preliminary i steps are possible in most hospitals and labs further investigation and identification needs to be referred to a specialized toxico-lab 23

24 uncommon poisonings? methanol ethylene glycol yohimbine colchicine fentanyl scopolamine, atropine, hyoscyamine (datura) alkaloids (Aconitum, Taxus,.) boron metformin oxatomide other digitalis glucosides metals (e.g. lead, Hg, As) cyanide pesticides (e.g. paraquat) new substances of abuse smart-drugs antidotes 24

25 25

26 26 26

27

28 Cocaine-atropine poisoning outbreaks Italy, 2004 and 2007 n. of cases Signs and symptoms agitation, confusion, tachycardia, mydriasis hallucinations, nausea, dry mouth, tachycardia, mydriasis agitation, confusion, tachycardia, mydriasis agitation, confusion, hallucinations, tachycardia, mydriasis Sampling time (hours) atropine in urine (µg/ml) atropine in serum (µg/ml) , agitation, confusion, hallucinations, tachycardia, mydriasis seizure, coma, tachycardia, (dry mouth), mydriasis , n.d. 28

29 49 new substances of abuse in 2010 in EU 4 BMC benzil metil chetone pfpp p-fluorophenylpiperazine 4 MDE(A) metilen diossi etil amfetamina pcpp 1-4 chloro phenyl piperazine 4 MBDB metilen diossi fenil butamina DBZP 14-benzylpiperazine 1,4-benzylpiperazine 4 GHB gamma idrossibutirrato 4 GBL gamma butirro lattone 4 DOB dimetossi-bromoamfetamina 4 2-CB bromo-dimetossifenetilamina (nexus) 4 4-MTA 4-metiltioamfetamina 4 PMA para-metossi amfetamina 4 PMMA para-metossi met amfetamina 4 TMA-2 2,4,5,-tri metossi amfetamina 4 2-CI (NSD) 2,5-dimetossi-4-Iodofenetilamina 4 2C-T-7 (2000) 25-dimetossi-4-(n)- 2,5 propiltiofenetilamina 4 2C-T-2 2,5-dimetossi-4-etiltiofenetilamina 4 mefedrone 4 metilone 2,4-DMA 2,4-dimethoxy-alphamethylbenzeneethanamine 2,5-DMA 2,5-dimethoxy-alphamethylbenzeneethanamine 2-aminoindan 1H-Inden-2-amine, 2,3-dihydro 1-aminoindan 1H-Inden-1-amine, 2,3-dihydro 2-Bromo-dragonfly bromo-benzodifuranylisoprophylamine p DOI 4-iodo-2,5-dimethoxyamphetamine TFMPP trifluorometilfenilpiperazina Kratom Mitragina speciosa mitraginina Betel - Areca Catechu Linn butilone falsa ecstasy. - JWH mefedrone - JWH JWH-122

30 30

31 Interpretation of the analytical data ( PCCs) common pitfalls Factor effect example Measurement during underestimation sustained-release preparat. absorption phase of eventual effects TAD, salicylates Measurement during overestimation of lithium, digoxin, TAD distribution ib ti phase effects Decreased binding to underestimation phenytoin proteins of effects Saturation of binding to underestimation salicylates, valproic acid proteins of effects Binding by antidote variable digoxin/digoxin immune Fab

32 Long-acting preparations ore 32

33 Rilevabilità di sostanze d abuso nelle urine Sostanza giorni oppioidi 2 amfetamine 2 cocaina (metaboliti) 2-5 cannabinoidi uso moderato 5 uso elevato 10 cronico 20 benzodiazepinedose terapeutica 3 dose sovraterapeutica 4-8 metadone 3 modificato da Carrigan et al,

34 Parametri farmacocinetici ed effetti clinici di singole dosi di salicilati Dose per n. cps effetto t/2 VD livelli sierici 70 kg 300 mg (l/kg) (mg/dl) analgesico , , antinfiammatorio 5 0,17 7, antinfiammatorio t i + tinnito it ,20 25, iperventilazione, febbre 20 0,25 51,4 alcalosi respiratoria acidosi metabolica coma > 20 0,30 100,0 convulsioni insufficienza respiratoria e renale morte > 20 0,33 129,9

35 Conclusions toxicological analysis in ED a limited number of agents can be analyzed in 1hinEDs major problems are high number of toxic substances possible interaction due to absorption of several substances analytical cut-off higher than toxic levels improvements are needed for immunoassays and POCT assays for new drugs of abuse must also be developed to meet changing abuse patterns better communication between clinicians and laboratory specialists 35

36 Improvements adapt the lab response to evidence based needs it may be relevant and of better utility to report within the 8 hrs a semi-quantitative drug serum concentration (e.g. with CV < 30%) rather than an accurate and certified drug concentration a week later (e.g. with CV < 5%) to face possible medical or forensic issues advise collection and storage of urine and serum samples rapidly on admission of all suspect case until patient discharge need for an adapted and well designed request form involve all participants (MD, Lab, Nursing): long process! 36

37 Conclusions better availability and organization of tox-labs for the EDs - clinical toxixology activities basic toxicological analysis (e.g. ethanol blood level, iron blood level, COHb, methb, qualitative assays for principal substance of abuse, benzodiazepine, ep e, barbiturates, b ates, tricyclic c antidepressant) essa t) in every ED more specific toxicological analysis (2 nd line tests, quantitaive analysis on blood) at provincial / regional level toxins involved in uncommon poisoning (e.g. colchicine, pesticides, solvents, metals, alkaloids,.) in central ( supra- regional ) laboratories 37

38 Conclusioni Aspetti da considerare/valutare per migliorare le performances tossicologiche di laboratori ospedalieri amministrativi, tecnico-tecnologici, gestionali-organizzativi g clinico-etico-deontologici Attività programmate / in corso survey nazionale su capacità / disponibilità analitiche per urgenze-emergenze tossicologiche documento di consenso adatto alla realtà italiana SITOX - SIBioC SIMEL - AcEMC - GITF SIAARTI - SIMEU - SIP - (ARPA)

39 LA TOSSICOLOGIA IN SCENA : la tossicologia d urgenza ( il laboratorio di tossicologia) Milano 23 giugno 2011 Pietro Papa Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia Servizio di Analisi Chimico Cliniche Laboratorio di Tossicologia Analitica Clinica 39

40 IL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA APPLICATO ALLE INTOSSICAZIONI ACUTE mission Diagnosi: ricerca diretta dell agente eziologico dell intossicazione da effettuarsi nel più breve tempo possibile su matrici biologiche e non conferma del dato anamnestico supporto/rinforzo del dato clinico diagnosi differenziale Prognosi: valutazione della quantità di tossico assorbita indicazione al ricovero/dimissione valutazione del livello di monitoraggio necessario individuazione del reparto più adeguato) Indicazione al trattamento dell opzione terapeutica: (giustificazione ed ottimizzazione trattamento tt t farmacologico/antidotico antidotico/depurativo valutazione efficacia della terapia posta in atto 40

41 IL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA APPLICATO ALLE INTOSSICAZIONI ACUTE mission Dimissione: i i conferma della risoluzione clinica ottimizzazione del periodo di degenza Prova documentale: dato chimico-tossicologico fruibile a fini medico-legali Ricerca: studio di parametri di farmaco/tossicocinetica correlazione concentrazioni tossico-effetti valutazione dell efficacia dei trattamenti terapeutici farmacologici/antidotici/depurativi 41

42 IL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA ANALITICA APPLICATO ALLE INTOSSICAZIONI ACUTE Fattori storici limitanti lo sviluppo Protocolli terapeutici generici ed uniformi per la maggior parte delle intossicazioni (terapia sintomatica) indipendentemente dalla precisazione sulla noxa esogena. Limitato numero di analisi eseguibili in tempi utili Altre analisi necessitanti di tempi lunghi di esecuzione, personale altamente addestrato, tecnologia di elevato costo. Scarso interesse culturale in ambito clinico per questo supporto diagnostico ( sviluppo dottrinale e pratico della tossicologia i analitica in Italia prevalentemente in ambito tossicologico-forense) 42

43 IL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA ANALITICA APPLICATO ALLE INTOSSICAZIONI ACUTE Fattori favorevoli allo sviluppo Sviluppo di protocolli terapeutici specifici (es. antidoti, tecniche di depurazione )per le diverse intossicazioni che trovano il razionale di attuazione solo sulla base di dati certi quali/quantitativi circa l agente causale. Aumentata consapevolezza che: 1) la qualità della cura del paziente intossicato è migliorabile avvalendosi anche del dato di laboratorio. 2) i costi di gestione possono essere ridotti. Sviluppo di tecnologia a supporto delle analisi farmaco- tossicologiche 43

44 Developing Analytical Toxicology Service: Principles and Guidance RJ Flanagan A report prepared for International Programme on Chemical Safety (WHO, ILO, UNEP), February 2005 Analytical toxicology is important since it the only means by which objective evidence of the nature and magnitude of exposure to a particular compound or group of compounds can be obtained 44

45 Casistica Laboratorio Tossicologia Analitica Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia N. casi osservati 280 Ripartizione dei casi di sospetta intossicazione in base alla corrispondenza tra dato anamnestico/clinico ed esito delle analisi di laboratorio Tipo di corrispondenza N. casi % Accordo completo tra sospetto anamnestico- clinico e risultato delle analisi di laboratorio Positività i i solo per alcune delle sostanze sospettate Positività per una o più sostanze oltre a quelle sospettate 11 4 Positività esclusivamente per una o più sostanze diverse da quelle sospettate 3 1 Positività per una o più sostanze in assenza di segnalazione 26 9 Negatività completa in presenza di segnalazione per una più sostanze sospettate Negatività completa in assenza di segnalazione

46 TIPOLOGIA DEGLI ESAMI CHIMICO-TOSSICOLOGICI Screening per singola sostanza Screening per classi di sostanze Screening allargati (comprehensive) Analisi semiquantitative Determinazioni quantitative 46

47 Tecniche analitiche per la diagnosi di intossicazione da sostanze organiche Test immunochimici Test enzimatici Test cromatografici Test colorimetrici 47

48 Tecniche analitiche per la diagnosi di intossicazione da sostanze organiche Test immunochimici es: droghe d abuso farmaci antiepilettici paracetamolo salicilati farmaci cardioattivi altri farmaci 48

49 Tecniche analitiche per la diagnosi di intossicazione da sostanze organiche Test enzimatici es: alcool l etilico GHB 49

50 Tecniche analitiche per la diagnosi di intossicazione da sostanze organiche Test cromatografici i es: Farmaci Droghe d abuso Pesticidi Solventi Sostanze di uso non medicamentoso 50

51 Tecniche analitiche per la diagnosi di intossicazione da sostanze organiche Test colorimetrici es: cianuri e tiocianati paraquat e diquat trieline Salicilati 51

52 National Academy of Clinical Biochemistry Laboratory Medicine Practice Guidelines:Recommendations for the Use of Laboratory Tests to Support Poisoned Patients Who Present to the Emergency Department (A. WU et al., Clinical Cheminstry 2003; 49: ) Introduzione: a causa dei considerevoli limiti delle risorse e delle tecnologie esistenti, è impossibile per tutti i laboratori clinici garantire uno spettro completo di analisi tossicologiche in tempo reale. Attesi questi limiti, bisogna provvedere affinchè i test su siero, plasma e urina abbiano il maggior impatto sulla gestione del paziente esiano realisticamente erogabili 52

53 Suddivisione degli esami chimico-tossicologici a supporto del paziente intossicato Menù di esami da eseguire nei laboratori di tutti gli ospedali : laboratori di I livello Menù di esami da eseguire in laboratori specializzati: laboratori di II livello Criteriologia suddivisione: Rilevanza del dato nella gestione dell intossicazione Grado di difficoltà di esecuzione dell analisi Incidenza dell analita nelle intossicazioni nel territorio d utenza Costo gestione analisi (reagenti, strumentazione etc.) 53

54 Classificazione degli esami chimico-tossicologici secondo le linee guida UK (Ann Clin Biochem 2002:39: ) 339) Gruppo I Carbossiemoblobina Diossina Etanolo Ferro Litio Metaemoglobina Paracetamolo Paraquat (qualitativa su urina) Salicilati Teofillina Gruppo II Arsenico Carbamazepina Fenitoina Fenobarbitale Glicole Mercurio Metanolo Metotrexate Paraquat (quantitativa) Piombo Tiroxina Gruppo I : ANALISI DA EFFETTUARE IL TUTTI GLI OSPEDALI CHE RICOVERANO PAZIENTI ACUTI Gruppo II : ANALISI DA EFFETTUARE IN LABORATORI SPECIALIZZATI 54

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE NATIONAL EARLY WARNING SYSTEM N.E.W.S. Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Risultati delle analisi sul contenuto delle pastiglie vendute come ecstasy: rassegna narrativa delle fonti nel panorama internazionale

Risultati delle analisi sul contenuto delle pastiglie vendute come ecstasy: rassegna narrativa delle fonti nel panorama internazionale Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXIV (4) 2001 Risultati delle analisi sul contenuto delle pastiglie vendute come ecstasy: rassegna narrativa delle fonti nel panorama internazionale Filippo Bellavia Riassunto

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

Società Italiana di Tossicologia. In collaborazione con

Società Italiana di Tossicologia. In collaborazione con Fondazione Salvatore Maugeri IRCCS Società Italiana di Tossicologia Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica In collaborazione con Centro Antiveleni di Pavia -

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

correzione, verifica e validazione dei risultati

correzione, verifica e validazione dei risultati Università degli Studi di Padova Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica (A.A. 2005-2006) INDIRIZZI: DIAGNOSTICO E ANALITICO TECNOLOGICO Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica: automazione

Dettagli

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO S.C Oncologia Medica DIPO XVI - Lecco Appropriatezza Appropriato:

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Nuove sostanze stupefacenti

Nuove sostanze stupefacenti Ministero della Salute Attività di Polizia Sanitaria - Roma 21-22 giugno 2012 Nuove sostanze stupefacenti - NEWS: aspetti clinico-tossicologici - dati 2010-2011 - nuove sostanze e sistema dell urgenza

Dettagli

Scheda di progetto P16-03.40

Scheda di progetto P16-03.40 Ricerca di soggetti disponibili a supportare attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n. 1350 del 03/10/2013 Tipologia di riferimento:

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani. Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup

Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani. Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup Kidney may undergo damages and/or dysfunction Markers of Damages Albuminuria (Immunological) [Total Proteinuria]

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Decreto Legislativo 50/2007 Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto disciplina l'adozione e l'applicazione dei principi di

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEQUESTRI 2009 1. La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell Interno ha segnalato al Sistema Nazionale di Allerta Precoce ad ottobre,

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure.

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure. OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 1818-1799 Phone: (61) 882-182 (8) 869-3538 (USA) Fax: (61) 882-183 www.orasure.com SALIVA ALCOHOL TEST Istruzioni sul prodotto per A15 Codice

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O.

Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O. Sindrome di Sotos: Difetto genetico di base: gene NSD1 e analisi di mutazioni Marina Grasso Laboratorio Genetica Umana E.O. Ospedali Galliera XVIII Congresso Nazionale Associazione Gulliver Monza 08 marzo

Dettagli

Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010

Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010 Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010 Dott. Marco Becattini Ser.T. Arezzo Dipartimento delle Dipendenze Dir.Dott

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona biochimica clinica, 2014;38:47-53 Scopo del documento è quello

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

+ per ogni persona dobbiamo vedere un password per entrare nel workingspace! (l utente stesso si aggiunge il suo qui in questo momento)

+ per ogni persona dobbiamo vedere un password per entrare nel workingspace! (l utente stesso si aggiunge il suo qui in questo momento) Name: Last name: Position: : Marco Rossi Outgoing bears bear@test.com AVATAR: UPLOAD AVATAR : +39 388 7549261 Skype * bear349 Password: I accept the privacy policy of imove: YES solo se l utente nuovo

Dettagli

BUILT-IN HOODS COLLECTION

BUILT-IN HOODS COLLECTION BUILT-IN HOODS COLLECTION COLLECTION BUILT-IN Fabula 10 Heaven 2.0 11 Heaven Glass 2.0 11 SkyLift 6 SkyPad 10 BUILT-IN CABINET Inca Lux 13 Inca Lux Glass 13 Inca Plus HCS 14 Inca Smart HCS 14 Intra 18

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

PRODOTTO Cont. REF. PRODOTTO Cont. REF. PRODOTTO Cont. REF. Celiac1 Anti Transglutaminase Card 20 Test RT-9026

PRODOTTO Cont. REF. PRODOTTO Cont. REF. PRODOTTO Cont. REF. Celiac1 Anti Transglutaminase Card 20 Test RT-9026 1 1. METODI RAPIDI ONE STEP SU MEMBRANA (CARD) ALCOOL TEST ALLERGIE AUTOIMMUNITA DROGHE D ABUSO EPATITE GRAVIDANZA MALATTIE INFETTIVE MARKER CARDIACI MARKERS TUMRALI ORMONI PROTEINE URINARIE RETROVIRUS

Dettagli

umbr ia campa nia marc he ligur ia calabr ia Costo Terapie 1 1 4 1 2 1 3 1 1 4 2 21 Prontuario Terapeutico 2 5 1 1 5 4 2 1 1 4 1 1 3 31

umbr ia campa nia marc he ligur ia calabr ia Costo Terapie 1 1 4 1 2 1 3 1 1 4 2 21 Prontuario Terapeutico 2 5 1 1 5 4 2 1 1 4 1 1 3 31 Applicazioni informatiche distribuite attraverso il sito della SIFO. Richieste dei programmi, valutazioni e implicazioni. Dott. Felice Musicco (Farmacista Dirigente Istituti Fisioterapici Ospitalieri di

Dettagli

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Risk mangement trough structured products Origination Department Axpo Italia SpA From market risk to customer s risks RISK: The chance that an investment s actual return will be different

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Telecontrol systems for renewables: from systems to services

Telecontrol systems for renewables: from systems to services ABB -- Power Systems Division Telecontrol systems for renewables: from systems to Adrian Timbus - ABB Power Systems Division, Switzerland Adrian Domenico Timbus Fortugno ABB - Power ABB Power Systems Systems

Dettagli

L ANALISI DEI RISCHI (evaluation, appraisal, assessment)

L ANALISI DEI RISCHI (evaluation, appraisal, assessment) Università di Siena DIPARTIMENTO FISIOPATOLOGIA, MED.SPERIMENTALE E SANITÀ PUBBLICA Laboratorio di Igiene Ambientale NIHIA Network Italiano per Health Impact Assessment L ANALISI DEI RISCHI (evaluation,

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE Caminiti Graphic è un team di professionisti specializzati in progetti di Brand Design, Packaging, ADV,

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

Regional Health Information System

Regional Health Information System Al servizio di gente unica Regional Health Information System Trieste, July 11, 2013 Servizio sistemi informativi ed e-government Regional Health Information System Regional Health System 7.800 km sqare

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

La comunicazione con il paziente anziano

La comunicazione con il paziente anziano 29 Aprile 2011 La comunicazione con il paziente anziano Sara Morghen Outline Introduzione Specificità della comunicazione con l anziano Perché comunicare Come comunicare Conclusioni Introduzione La comunicazione

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI VINO SFUSO AUTOMATIC WINE DISPENSERS

DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI VINO SFUSO AUTOMATIC WINE DISPENSERS DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI VINO SFUSO AUTOMATIC WINE DISPENSERS T&T Tradizione e Tecnologia è una società dinamica e giovane con una lunga esperienza nella lavorazione dell acciaio e nell elettronica applicata,

Dettagli

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO Una semplice strategia per i traders intraday Simple strategy for intraday traders INTRADAY TRADER TIPI DI TRADERS TYPES OF TRADERS LAVORANO/OPERATE < 1 Day DAY TRADER

Dettagli