BILANCIO CIVILISTICO B ILA N CIO CIVILISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO CIVILISTICO B ILA N CIO CIVILISTICO"

Transcript

1 BILANCIO CIVILISTICO

2 5 ANNI IN BREVE CIVILISTICO migliaia PREMI COMPLESSIVI 2005 % 2006 % 2007 % 2008 % 2009 % RESP. CIV. AUTO E NATANTI , , , , ,89 RAMI DANNI , , , , ,95 VITA , , , , ,16 TOTALE , , , , ,00 SINISTRI PAGATI e oneri relativi RISERVE TECNICHE LORDE RISERVA PREMI RISERVA SINISTRI ALTRE RISERVE TECNICHE RISERVE TECNICHE VITA TOTALE RISERVE TECNICHE/ PREMI 276,82% 280,50% 287,63% 280,20% 295,85% PATRIMONIO NETTO CAPITALE SOCIALE E RISERVE UTILE DELL'ESERCIZIO TOTALE INVESTIMENTI % % % % % BENI IMMOBILI TITOLI e PRONTI A TERMINE FINANZIAMENTI DEPOSITI PRESSO IMPRESE CEDENTI DEPOSITI PRESSO ENTI CREDITIZI INVESTIMENTI DI CLASSE D , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,08 87, ,12 0, ,24 0, ,38 1, ,03 3, ,15 TOTALE , , , , ,00 DIPENDENTI CAPOGRUPPO

3 RELAZIONI E BILANCIO FONDIARIA-SAI S.p.A. FONDIARIA-SAI S.P.A. - SEDE SOCIALE E DIREZIONE DI TORINO - CORSO G. GALILEI, 12 - SEDE E DIREZIONE DI FIRENZE - VIA LORENZO IL MAGNIFICO, 1 - CAPITALE SOCIALE INTERAMENTE VERSATO - CODICE FISCALE, PARTITA IVA E NUMERO DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TORINO IMPRESA AUTORIZZATA ALL ESERCIZIO DELLE ASSICURAZIONI A NORMA DELL ART. 65 R.D.L. 29 APRILE 1923 N. 966, CONVERTITO NELLA LEGGE 17 APRILE 1925 N. 473.

4 2 PRINCIPALI EVENTI DEL 2009 Acquisto di Atahotels, 29/05/2009: con riferimento al contratto preliminare sottoscritto a fine 2008 da Fondiaria-SAI e Milano Assicurazioni S.p.A. per l acquisto da Sinergia Holding di Partecipazioni S.p.A. e da Raggruppamento Finanziario S.p.A. del 100% del capitale sociale di Atahotels S.p.A. si precisa che è stata definita il 29/05/2009 l operazione di acquisto per un controvalore totale di mil. 25, pari rispettivamente ad una partecipazione del 51% e ad una partecipazione del 49% del capitale sociale di Atahotels. Partecipazione in IGLI S.p.A., 11/06/2009: Fondiaria-SAI S.p.A. ha sottoscritto un accordo avente ad oggetto l integrazione e il rinnovo sino al 12/06/2010 del patto parasociale, stipulato in data 08/03/2007 e rinnovato in data 12/03/2008, avente ad oggetto la partecipazione in IGLI S.p.A., società che detiene a sua volta una partecipazione pari al 29,96% del capitale sociale ordinario di Impregilo S.p.A., quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.. Il patto è finalizzato a disciplinare la governance di IGLI S.p.A., nonché i diritti nascenti dalla partecipazione detenuta da IGLI S.p.A. medesima nel capitale sociale di Impregilo S.p.A.. Riorganizzazione delle attività di Immobiliare Lombarda S.p.A., 17/06/2009: i Consigli di Amministrazione di Fondiaria-SAI S.p.A. e di Milano Assicurazioni S.p.A. hanno approvato le linee guida di una operazione di riorganizzazione delle attività di Immobiliare Lombarda S.p.A., società interamente controllata da Fondiaria-SAI (60,98%) e Milano Assicurazioni (39,02%). Tale operazione, finalizzata a portare a termine l ultima fase del progetto di riassetto societario-industriale approvato e reso noto al mercato nel gennaio 2008 ed avviato con il lancio dell OPAS che ha portato al delisting di Immobiliare Lombarda, ha allocato la maggior parte degli attivi e dei correlati passivi della Società direttamente in capo alle Compagnie azioniste, tramite una scissione parziale non proporzionale di Immobiliare Lombarda in due società di nuova costituzione. Presentazione del Piano Industriale : nel corso del mese di ottobre si è svolta la presentazione del Piano Industriale alla Comunità Finanziaria. Per maggiori dettagli in merito si rimanda all apposita sezione. Progetto di valorizzazione di parte del portafoglio immobiliare, 15/10/2009: i Consigli di Amministrazione di Fondiaria-SAI S.p.A. e di Milano Assicurazioni S.p.A. in data 15 ottobre 2009 hanno deliberato all unanimità i termini di un operazione avente ad oggetto la valorizzazione di parte del portafoglio immobiliare delle Compagnie. L operazione si è concretizzata tramite il conferimento di alcuni immobili di proprietà di Fondiaria-SAI e di Milano Assicurazioni ad un fondo immobiliare non speculativo, ad apporto di tipo chiuso, di nuova costituzione, della durata di 10 anni, riservato ad investitori istituzionali gestito da una società terza individuata in FIMIT SGR S.p.A.,denominato Fondo Rho. L operazione ha per obiettivo il miglioramento dei ratio patrimoniali di Gruppo, attraverso la riduzione del rapporto fra la componente real estate e il totale del portafoglio investimenti, migliorando altresì il profilo di liquidità del Gruppo. Trasferimento della sede legale di Fondiaria-SAI S.p.A.: a decorrere dal 21 dicembre 2009 è diventato effettivo il trasferimento della sede legale di Fondiaria-SAI S.p.A. in Torino, Corso Galileo Galilei 12, deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 9 novembre La variazione della sede legale, in una logica di naturale alternanza con la città di Firenze, rientra nella visione di un Gruppo con struttura multipolare che continuerà ad operare nelle sedi operative di Torino, Firenze, Milano, Genova e Trieste, svolgendo un ruolo di riferimento istituzionale per le rispettive comunità territoriali e non avrà effetto alcuno sulla gestione delle attività riguardanti i clienti, i quali manterranno i loro usuali interlocutori.

5 3 NUOVI PRODOTTI ASSICURATIVI Rami Danni Commercializzato nel gennaio 2009, Retail Più Casa Smart è un sistema di garanzie capace di rispondere alle principali esigenze di sicurezza domestica ad un costo contenuto. Nell ambito del programma di revisione delle polizze del Ramo Trasporti, dal mese di gennaio 2009 è stato predisposto il nuovo prodotto di Gruppo denominato Fatturato Industriale Assicurazione dell Azienda Industriale o Commerciale. Nel mese di marzo 2009 è stato lanciato sul mercato un nuovo prodotto infortuni destinato alle famiglie e denominato Retail Più Infortuni Smart. Nell ambito di un processo di revisione dei prodotti malattia, a partire dal mese di aprile 2009 sono disponibili due nuove versioni dei modelli Sanicard Salute e Sanicard Rinnovo Garantito. Commercializzato nel novembre 2009, Retail Più Casa Classic è la polizza creata per tutelare la propria abitazione, il contenuto e le persone che vi abitano o vi lavorano. Nel corso dell anno è stata avviata un attività di restyling dei prodotti relativi agli Infortuni della Circolazione che prevedono la garanzia Ritiro Patente, per razionalizzare ed aggiornare la portata dei contenuti in coerenza con le ultime previsioni legislative introdotte con il Regolamento ISVAP n. 29/2009 in merito alla classificazione dei rischi. Nel giugno 2009 è stato concluso e commercializzato il prodotto Commercio, prima polizza della Linea Classic, attraverso il quale sono state definite le nuove strategie, sia nell elaborazione del prodotto sia nella ricerca delle soluzioni assicurative (tariffe, programmi di emissione, linguaggio). In accordo alla mission della Linea, è stato disegnato un contratto tailor-made sul cliente, mantenendo un livello di prezzo analogo a quello dei prodotti sostituiti. In virtù dell importante accordo commerciale sottoscritto fra Fondiaria-SAI S.p.A. e OCTO Telematics Italia srl, il 1 Dicembre 2009 è partita la Convenzione Tariffaria GPS che unisce la collaudata soluzione assicurativa di Nuova 1 a GLOBAL con la significativa esperienza di un azienda leader nel settore della radiolocalizzazione satellitare.

6 4 Rami Vita Dall 11/02/2009 il listino Vita Individuali si è arricchito di un nuovo prodotto a premio annuo denominato Open Bravo, che si rivolge ad un mercato molto vasto, quali tutti i nuclei familiari in cui è presente almeno un figlio/nipote con età compresa fra 0 e 12 anni, offrendo alla clientela la possibilità di garantire qualcosa di tangibile ai propri figli o nipoti quando saranno adulti. A partire dal 16/02/2009, per un periodo di collocamento che è terminato il 16/03/2009, è stata messa a disposizione della clientela (per le sole persone fisiche) una nuova edizione del prodotto a premio unico denominato Valore Certo. Il 05/05/2009 è stato lanciato sul mercato un nuovo prodotto index, denominato Valore Sicuro. A fronte di uno scenario economico particolarmente instabile, il listino dell offerta Vita Individuali è stato arrichito di un nuovo prodotto, denominato Open Assicurato.

7 5

8 RELAZIONI E BILANCIO ESERCIZIO ORGANI STATUTARI E DIRETTIVI DI FONDIARIA-SAI S.P.A. AVVISO DI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA E SPECIALE RELAZIONE SULLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2009 Il Bilancio dell esercizio 2009 Raccolta premi Scenario macroeconomico e mercato assicurativo nel 2009 GESTIONE ASSICURATIVA DANNI Il mercato assicurativo Danni Premi emessi Sinistri pagati e sinistri denunciati Spese di gestione Saldi tecnici RC Auto Corpi di veicoli terrestri Rami Non Auto Gestione dei Sinistri Rami Danni Riassicurazione Danni Contenzioso assicurativo Danni GESTIONE VITA E FONDI PENSIONE Il mercato assicurativo Vita Premi Somme pagate e oneri relativi Spese di gestione Andamento tecnico Riassicurazione Vita GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA Investimenti e Disponibilità liquide Investimenti della Classe D Redditi da investimenti Gestione finanziaria Operazioni finanziarie di rilievo Indebitamento Azioni proprie e della controllante Gestione immobiliare ALTRE INFORMAZIONI Struttura dell organizzazione di vendita Gestione e sviluppo delle Risorse Umane Piani di stock option Gestione dei rischi Gli interventi in campo culturale, sociale e a sostegno dell immagine

9 Adempimenti in materia di Privacy Rapporti con il mercato e con gli investitori istituzionali Direzione e coordinamento - Rapporti verso Società del Gruppo e con parti correlate Consolidato fiscale nazionale Informazioni in merito alle partecipazioni detenute da Amministratori, Sindaci e Direttori Generali Controversie in corso Relazione sul governo societario e sugli assetti proprietari ai sensi dell art. 123 bis TUF Fatti rilevanti accaduti dopo la chiusura dell esercizio Evoluzione prevedibile della gestione PROPOSTE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA E SPECIALE RELAZIONE SULLA CORPORATE GOVERNANCE Sezione prima - La struttura di governance della Società: linee generali Sezione seconda - Informazioni sull attuazione delle previsioni contenute nel Codice di Autodisciplina BILANCIO 2009 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA PARTE A - Criteri di valutazione delle voci di bilancio PARTE B - Informazioni sullo Stato Patrimoniale e sul Conto Economico Stato Patrimoniale - Attivo Stato Patrimoniale - Passivo Conto Economico PARTE C - Altre informazioni Attestazione del bilancio d esercizio ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni RELAZIONI DEGLI ORGANI INDIPENDENTI RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE RELAZIONE DI REVISIONE ALLEGATI ALLEGATI AL BILANCIO ALLEGATI ALLA NOTA INTEGRATIVA ALTRI ALLEGATI Libera la vita

10 8 ORGANI STATUTARI E DIRETTIVI DI FONDIARIA-SAI S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Salvatore Ligresti Jonella Ligresti* Giulia Maria Ligresti* Massimo Pini* Antonio Talarico* Fausto Marchionni* Andrea Broggini Maurizio Comoli Francesco Corsi Carlo d Urso Vincenzo La Russa* Gioacchino Paolo Ligresti* Lia Lo Vecchio Valentina Marocco Enzo Mei Giuseppe Morbidelli Cosimo Rucellai Salvatore Spiniello Sergio Viglianisi Alberto Marras Presidente Onorario Presidente Vice Presidente Vice Presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Direttore Generale Segretario del Consiglio e del Comitato Esecutivo COLLEGIO SINDACALE Benito Giovanni Marino Marco Spadacini Antonino D Ambrosio Maria Luisa Mosconi Alessandro Malerba Rossella Porfido Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Sindaco supplente Sindaco supplente 8

11 9 REVISORI CONTABILI INDIPENDENTI DELOITTE & TOUCHE S.p.A. RAPPRESENTANTE COMUNE DEGLI AZIONISTI DI RISPARMIO Sandro Quagliotti DIREZIONE GENERALE Fausto Marchionni DIRIGENTE PREPOSTO alla redazione dei documenti contabili societari Pier Giorgio Bedogni * Componenti il Comitato Esecutivo Spettano al Presidente, Dott.ssa Jonella Ligresti, e all Amministratore Delegato, Prof. Fausto Marchionni, oltre alla rappresentanza della società ai sensi dell art. 21 dello Statuto Sociale, tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione con ogni facoltà al riguardo, da esercitarsi a firma singola e con possibilità di conferire mandati e procure, ad eccezione esclusivamente dei seguenti poteri: - cessione e/o acquisto di immobili di valore superiore a mil. 15 per ciascuna operazione; - cessione e/o acquisto di partecipazioni di valore superiore a mil. 30 per ciascuna operazione e, comunque, di partecipazioni di controllo; - assunzione di finanziamenti di importo superiore a mil. 50 per ciascuna operazione; - rilascio di fideiussioni di natura non assicurativa a favore di terzi. Il Presidente e l Amministratore Delegato hanno l obbligo di riferire al Comitato Esecutivo o al Consiglio di Amministrazione in ogni riunione in merito all esercizio delle deleghe come sopra attribuite, con particolare riguardo alle operazioni atipiche, inusuali o con parti correlate (ove non riservate alla competenza del Consiglio) e, più in generale, alle operazioni di maggior rilievo. Restano conferiti al Comitato Esecutivo tutti i poteri non già attribuiti al Presidente ed all Amministratore Delegato, fatta eccezione per quelli che per legge o per statuto sono di competenza esclusiva del Consiglio di Amministrazione, ferma restando altresì giusti i principi di comportamento in materia di operazioni infragruppo e con parti correlate approvati dal Consiglio di Amministrazione in ultimo nella riunione del 16 dicembre 2009 la riserva alla competenza esclusiva del Consiglio stesso di ogni deliberazione in merito alle operazioni infragruppo e con parti correlate che per oggetto, corrispettivo, modalità o tempi di realizzazione possano avere effetti sulla salvaguardia del patrimonio aziendale o sulla completezza e correttezza delle informazioni, anche contabili, relative all emittente, ad esclusione delle operazioni poste in essere tra società controllate e da società controllate con società collegate. Non è peraltro prevista un attribuzione di esclusive competenze al Comitato Esecutivo con riferimento a specifiche tipologie di operazioni o limiti di importo. Il Comitato riferisce al Consiglio di Amministrazione, ad ogni riunione utile, sull esercizio dei suoi poteri. Il Consiglio di Amministrazione è stato nominato dall Assemblea del 24 aprile Si ricorda che nel corso del 2009 é venuto a mancare l Ing. Oscar Zannoni. L ISVAP con provvedimento del 18 febbraio 2010 aveva disposto la decadenza della dott.ssa Giulia Maria Ligresti e della dott.ssa Maria Luisa Mosconi delle rispettive cariche di consigliere e sindaco supplente in quanto le stesse sono venute a trovarsi nella sfera di applicabilità della situazione impeditiva di cui all art. 3, 4 comma, decreto ministeriale n. 186/1997 e di cui all art. 45 del Regolamento ISVAP n. 10/2008, per avere ricoperto la carica, rispettivamente, di amministratore e di sindaco in una società (non facente parte del Gruppo Fondiaria SAI) posta in liquidazione coatta amministrativa. Si segnala che il Consiglio di Amministrazione della Compagnia non aveva provveduto alla pronuncia della decadenza sul presupposto che le disposizioni regolamentari sopra richiamate sono state sospese per effetto dell ordinanza del Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) del Lazio emessa in data 27 novembre 2009 e in considerazione di univoca e costante giurisprudenza amministrativa che in precedenza aveva annullato o sospeso analoghe disposizioni regolamentari relative al settore bancario, finanziario e delle società quotate. Le interessate hanno presentato immediato ricorso al TAR del Lazio chiedendo l annullamento, previa sospensione dell efficacia, dei provvedimenti ISVAP e, per quanto occorra, delle riferite norme regolamentari in materia che, come sopra osservato, sono state già oggetto di sospensiva da parte del TAR del Lazio. Il Presidente della sezione III-ter del TAR del Lazio, con decreto in data 5 marzo 2010, ritenuta la sussistenza dei presupposti dell estrema gravità e urgenza previsti dalla normativa vigente, ha sospeso provvisoriamente gli effetti degli atti impugnati fino alla Camera di Consiglio fissata per il 25 marzo Infine, con ordinanza del 25 marzo 2010, il TAR del Lazio sezione III-ter ha accolto la domanda di sospensione dei provvedimenti impugnati presentata dalle ricorrenti. Per effetto di quanto sopra, la Dott.ssa Giulia Maria Ligresti è stata quindi reintegrata nella carica di Amministratore e Vice Presidente di Fondiaria-SAI, mentre la Dott.ssa Maria Luisa Mosconi è stata reintegrata nella carica di Sindaco Supplente di Fondiaria-SAI. Il Consiglio verrà a scadenza, unitamente al Collegio Sindacale, con l assemblea di approvazione del bilancio dell esercizio 2011.

12 10

13 11 AVVISO DI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA E SPECIALE

14 12 Convocazione Assemblea Ordinaria I Signori Azionisti sono convocati in assemblea ordinaria per il giorno 22 aprile 2010 alle ore 17, in prima convocazione, presso la sede della Compagnia in Torino, Corso Galileo Galilei n. 12, ed occorrendo per il giorno 23 aprile 2010, stesso luogo, in seconda convocazione, alle ore 11 e, comunque, al termine dell assemblea speciale degli azionisti di risparmio ove questa si tenesse in terza convocazione alle ore 10 dello stesso 23 aprile per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno: Bilancio al 31 dicembre Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione. Relazione del Collegio Sindacale e Relazione della società di revisione. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Deliberazioni relative alla composizione del Consiglio di Amministrazione inerenti l eventuale sostituzione dello scomparso Ing. Oscar Zannoni. Nomina di un sindaco supplente. Proposta di revoca dell incarico di revisione conferito a Deloitte & Touche S.p.A. con riferimento ai residui esercizi 2010 e 2011 e di conferimento di tale incarico a Reconta Ernst & Young S.p.A. per il periodo al fine di consentire, ai sensi delle vigenti disposizioni, l allineamento temporale dell incarico di revisione contabile della Compagnia con quello della controllante Premafin FinanziariaHolding di Partecipazioni S.p.A.. Deliberazioni circa le azioni proprie ai sensi degli articoli 2357 e 2357ter del Codice Civile. Deliberazioni circa le azioni della società controllante Premafin Finanziaria Società per Azioni Holding di Partecipazioni ai sensi dell'art. 2359bis del Codice Civile. Ai sensi dell art 8 dello Statuto Sociale, possono intervenire in assemblea i titolari di azioni ordinarie come tali risultanti da apposita comunicazione effettuata alla Società da parte di un intermediario, attestante la partecipazione al sistema di gestione accentrata Monte Titoli S.p.A., in regime di dematerializzazione. Si rammenta ai possessori di azioni FondiariaSAI S.p.A. non accentrate presso Monte Titoli S.p.A. che l esercizio dei diritti relativi a detti titoli può essere effettuato esclusivamente previa consegna degli stessi ad un intermediario per l immissione nel sistema di gestione accentrata. Gli azionisti possono farsi rappresentare in assemblea mediante delega scritta con l osservanza delle disposizioni di legge; la delega di voto potrà essere rilasciata sottoscrivendo la relativa formula inserita in calce alla citata comunicazione rilasciata alla Società dall intermediario abilitato, copia della quale l intermediario stesso è tenuto a mettere a disposizione del titolare del diritto di voto. Il capitale sociale sottoscritto e versato della Società, pari ad ,00, è suddiviso in n azioni ordinarie di valore nominale unitario pari ad 1,00, oltre a n azioni di risparmio. Alla data odierna hanno diritto di voto, escluse le azioni proprie e quelle possedute da società controllate, n azioni ordinarie. La documentazione relativa all ordine del giorno verrà messa a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previsti dalla normativa vigente e sul sito internet della Società all indirizzo I soci hanno facoltà di ottenerne copia. Con riguardo ai punti 2 e 3 dell ordine del giorno, si precisa che, ai sensi rispettivamente degli articoli 13 e 24 dello Statuto sociale, le votazioni avverranno senza vincolo di lista. 12

15 13 Convocazione Assemblea Speciale I Signori Azionisti possessori di azioni di risparmio sono convocati in Assemblea speciale in prima convocazione, per il giorno 21 aprile 2010, alle ore 16, presso la sede della Compagnia, Corso Galileo Galilei, 12, Torino, in seconda convocazione, per il giorno 22 aprile 2010, stessi ora e luogo, in terza convocazione, per il giorno 23 aprile 2010 alle ore 10, stesso luogo, per discutere e deliberare sul seguente Ordine del giorno: Nomina del rappresentante comune dei possessori di azioni di risparmio per il triennio Determinazione del compenso per il triennio in favore del rappresentante comune dei possessori di azioni di risparmio. Eventuali deliberazioni in ordine alla costituzione di un fondo per le spese necessarie alla tutela dei comuni interessi ed al rendiconto relativo. Ai sensi dell art 8 dello Statuto Sociale, possono intervenire in assemblea i titolari di azioni di risparmio come tali risultanti da apposita comunicazione effettuata alla Società da parte di un intermediario, attestante la partecipazione al sistema di gestione accentrata Monte Titoli S.p.A., in regime di dematerializzazione. Si rammenta ai possessori di azioni Fondiaria-SAI S.p.A. non accentrate presso Monte Titoli S.p.A. che l esercizio dei diritti relativi a detti titoli può essere effettuato esclusivamente previa consegna degli stessi ad un intermediario per l immissione nel sistema di gestione accentrata. Gli azionisti di risparmio possono farsi rappresentare in assemblea mediante delega scritta con l osservanza delle disposizioni di legge; la delega di voto potrà essere rilasciata sottoscrivendo la relativa formula inserita in calce alla citata comunicazione rilasciata alla Società dall intermediario abilitato, copia della quale l intermediario stesso è tenuto a mettere a disposizione del titolare del diritto di voto. Il capitale sociale sottoscritto e versato della Società rappresentato da azioni di risparmio è pari ad ,00 ed è suddiviso in n azioni di risparmio di valore nominale unitario pari ad 1,00. Tutte tali azioni di risparmio hanno alla data odierna diritto di voto, non possedendo la Società azioni di risparmio proprie né direttamente né tramite società dalla stessa controllate. La documentazione relativa all ordine del giorno verrà messa a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previsti dalla normativa vigente e sul sito internet della Società all indirizzo I soci hanno facoltà di ottenerne copia.

16

17 Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2009

18 16 Signori Azionisti, in uno scenario di mercato ancora fortemente segnato dalla volatilità finanziaria e dalla recessione economica va rilevato che, purtroppo, tale situazione di incertezza non ha consentito alla Società di rispecchiare i propri valori fondamentali. Il momento particolarmente difficile, condizionato da fattori negativi, sia strutturali sia straordinari, ha colpito tutti i comparti, condizionando le scelte dei nostri Assicurati, soprattutto per quel che riguarda le decisioni finalizzate alla gestione ottimale del loro denaro: contrazione dei consumi e ricerca di soluzioni caratterizzate da garanzia di rendimento e sicurezza, sono gli elementi che hanno contraddistinto la situazione del nostro mercato. A tale contesto si aggiunge l andamento critico dei Rami Danni le cui determinanti tecniche hanno evidenziato, nel corso del 2009, un progressivo deterioramento cui ha concorso anche l impatto causato dal tragico evento del terremoto in Abruzzo dello scorso mese di aprile e gli altri fenomeni naturali di eccezionale gravità accaduti nell anno. Per quanto concerne i Rami Auto, gli andamenti tecnici negativi conseguono al pesante fenomeno dei danni fisici alla persona nonché alla criticità di alcune aree territoriali. Ciò ha spinto la Società ad intraprendere importanti iniziative a difesa della redditività, al fine di affrontare il 2010 con maggiore serenità e con un approccio più prudenziale nell ambito della gestione industriale. Le misure complessivamente pianificate puntano ad ottimizzare il profilo di rischio di Fondiaria-SAI, bilanciando l asset allocation degli investimenti e mantenendo una struttura di capitale solida. L obiettivo è continuare ad essere l assicuratore leader per la clientela retail in Italia, nonché il miglior partner di business per intermediari di successo, continuando nel contempo a rappresentare un opportunità di investimento remunerativa per gli azionisti. 16

19 BILANCIO CIVILISTICO RELAZIONE SULLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE IL BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 Ai sensi della Comunicazione CONSOB n. DEM/ del 28/7/06 e della richiamata raccomandazione del CESR in materia di indicatori alternativi di performance (CESR/05-178b), si rileva come i principali indicatori utilizzati nella presente relazione, risultano riconducibili agli usi di mercato e alle principali teorie accademiche a riguardo nonché alla prassi dell analisi finanziaria. Nel caso siano esposti indicatori che non rispettino i requisiti precedentemente esposti, vengono fornite le informazioni necessarie per comprendere la base dei calcoli utilizzata. L 88 esercizio della Vostra Società presenta un utile netto di mil. 40,2. Coerentemente con le scelte operate nel bilancio 2008 la compagnia non si è avvalsa della facoltà, prevista dall art. 15 del D.L. 185/08 cosiddetto decreto anticrisi (convertito nella Legge n. 2/09 e poi prorogata con D.L. del 24/07/2009), di valutare i titoli non destinati a permanere durevolmente nel patrimonio della Società ai valori risultanti dall ultimo bilancio approvato, ma ha provveduto a valutare tale tipologia di titoli al prezzo di mercato al 31/12/2009. Nonostante si condivida il giudizio che gli effetti della crisi economico-finanziaria abbiano ancora impatti di rilievo e contribuiscano, di conseguenza, all anomalo andamento dei corsi di mercato, si è adottata tale decisione per una scelta di trasparenza e per favorire una maggiore confrontabilità dei bilanci. Si ricorda infatti che la norma non consente di distribuire alcun beneficio ai propri azionisti, mentre avrebbe altresì comportato alcune complicazioni di carattere gestionale. In particolare il citato Decreto prevede all art. 15 comma 15, l obbligo per le compagnie d assicurazione di destinare a riserva indisponibile la differenza tra i valori iscritti nel bilancio 2009 (usufruendo della deroga) ed i valori di mercato alla data di chiusura dell esercizio. Le principali componenti del risultato possono essere sintetizzate come di seguito: Variazione Risultato conto tecnico Danni ( ) ( ) Risultato conto tecnico Vita ( ) TOTALE (26.571) ( ) Proventi finanziari netti Rami Danni (89.913) (dedotte quote trasferite al c/tecnico) ( ) ( ) Quote trasferite dal conto tecnico Vita Saldo altri proventi ed oneri (82.424) ( ) RISULTATO DELL ATTIVITÀ ORDINARIA 653 (16.948) Saldo proventi ed oneri straordinari (16.345) RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE Imposte sul reddito dell esercizio (30.631) UTILE D ESERCIZIO (29.375) Di cui Danni (84.469) ( ) Di cui Vita ( )

20 18 il risultato dell esercizio è pari a mil. 40,2 ( mil. 69,6 nel 2008). Il risultato sconta i positivi effetti straordinari derivanti dall operazione di valorizzazione di parte del patrimonio immobiliare ad uso diretto. Tale operazione, perfezionatasi alla fine dell esercizio, ha permesso la rilevazione di plusvalenze lorde da realizzo per mil Ciò ha pertanto consentito di fronteggiare il deterioramento tecnico dei Rami Danni, nonché il minor apporto dei proventi finanziari al risultato finale d esercizio. il risultato del conto tecnico dei Rami Danni è negativo per mil. 172 (positivo per mil. 243 al 31/12/2008). Il risultato conseguito sconta l acuirsi dello scenario concorrenziale in atto, caratterizzato nei Rami Auto da una forte competizione tariffaria e da una contrazione del premio medio, per effetto delle disposizioni dei Decreti Bersani. Il Ramo RC Auto risulta inoltre penalizzato dal non favorevole andamento dei sinistri di generazione corrente, sui quali incide in maniera rilevante il fenomeno, ormai strutturale in alcune aree territoriali, dei danni fisici. A ciò va aggiunto l effetto derivante dall adozione delle nuove tabelle di risarcimento per i danni non materiali adottate dalla giurisprudenza milanese, con un effetto su tutto il territorio nazionale, con la conseguenza di tenerne conto in sede di riservazione. Con riferimento all andamento degli altri Rami si rileva che: - il Ramo CVT sconta un ulteriore significativa contrazione di redditività sia per l acuirsi della concorrenza nel settore, sia per i rilevanti effetti degli eventi naturali del 2009 (nevicate e grandinate); - il dato negativo dei Rami Elementari riflette altresì gli impatti del tragico terremoto d Abruzzo dell aprile 2009; - la riassicurazione migliora, per effetto soprattutto dei sinistri gravi che hanno influenzato i risultati del lavoro diretto. il risultato tecnico Vita sconta le difficoltà legate alla recente crisi economica. La flessione della raccolta è comunque attenuata da una buona ripresa del comparto finanziario, per effetto prevalentemente delle riprese di valore registrate su titoli di debito in portafoglio, per un ammontare pari a mil Il risultato tecnico è pertanto positivo per mil. 145, contro il valore negativo di mil.157 registrato a fine le spese di gestione presentano un decremento del 3,4%, grazie al minor impatto dei costi provvigionali conseguente alla flessione della raccolta. Più modesto, viceversa, il decremento delle spese generali, che sconta la rigidità dei costi di struttura. I costi di gestione complessivi passano, al lordo delle quote cedute ai riassicuratori, da mil. 913 a mil Conseguentemente l incidenza sui premi lordi passa dal 18,5% dello scorso esercizio, al 18,3% del corrente periodo. In questo ambito, i Rami Vita passano da un incidenza del 6% a una del 6,4%, mentre i Rami Danni evidenziano un incidenza del 21,7% in leggero calo rispetto al le riserve tecniche ammontano a mil ( mil al 31/12/2008). Di queste mil sono relative ai Rami Danni ( mil al 31/12/2008) ed mil ai Rami Vita ( mil al 31/12/2008). i redditi ordinari degli investimenti diminuiscono del 29% circa rispetto all esercizio precedente, in un contesto caratterizzato dal forte ribasso dei tassi di interesse e della significativa flessione dei dividendi da partecipate. Nel complesso i proventi ordinari netti scendono a mil. 487 ( mil. 689 al 31/12/2008), mentre i profitti netti da negoziazione sono pari a mil. 95 ( mil. 127 al 31/12/2008). L impatto netto sul conto economico delle valutazioni di strumenti finanziari ivi comprese le partecipazioni in controllate, è positivo per mil. 30, grazie al forte apporto (+ mil. 151) delle riprese di valore su titoli prevalentemente di debito (al 31/12/2008 l importo era negativo per mil. 430). 18

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli