DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO"

Transcript

1 DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO Responsabile scientifico di progetto MYRKA ZAGO IRCCS S. Lucia Finanziamento 2006 Centro di Bio-Medicina Spaziale, Università di Roma Tor Vergata

2 Sezione III: Attività per progetti RAZIONALE Nell ambito del Quadro comunitario di sostegno (QCS) 2000/2006, la Sanità, nell accezione di salute come benessere globale, è stata riconosciuta a pieno titolo tra gli elementi che compongono la politica di sviluppo del Paese. Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) , sulla base delle linee guida del Programma Nazionale di Ricerca, orienta le sue attività su quattro aree tematiche, tra le quali quella della Salute. L Unità applicativa Medicina e Biotecnologie (MED) mira ad utilizzare lo spazio sviluppando progetti applicativi per l avanzamento delle conoscenze, il sostegno della ricerca orientata allo sviluppo di tecnologie chiave ed il potenziamento delle attività produttive e di innovazione nel settore bio-medico. L Unità applicativa MED promuove l utilizzo dei sistemi spaziali per migliorare le ricadute applicative in medicina e biotecnologie, sviluppa i prodotti applicativi di propria pertinenza e definisce i requisiti utente. In particolare svolge le seguenti attività: Acquisisce le conoscenze sullo scenario mondiale in merito alle applicazioni dei sistemi spaziali nel settore della medicina e biotecnologie. Gestisce i rapporti con la comunità scientifica, promuovendo l integrazione tra ricerca pubblica e privata ed il trasferimento tecnologico. Assicura la pianificazione e lo sviluppo coordinato di tutti i programmi che afferiscono all unità stessa. Il programma in oggetto si inserirà in un contesto internazionale in cui le principali agenzie spaziali operano con elevato livello di cooperazione. I programmi internazionali non europei I principali attori della ricerca biomedica spaziale non europea sono certamente gli USA e la Russia. Entrambi perseguono ampi programmi nel settore in questione. Tuttavia particolare enfasi viene data ad alcuni aspetti. Il Biomedical Research and Countermeasures Program della NASA si propone di effettuare ricerche che portino allo sviluppo ed all implementazione di contromisure per gli effetti negativi che il volo spaziale ha sull uomo, in particolare si concentra sulla fisiologia cardiopolmonare e muscolo-scheletrica, le neuroscienze, l immunologia e l ematologia, la nutrizione ed il metabolismo con uno sguardo agli sviluppi tecnologici correlati. Queste attività intendono espandere la comprensione della fisiologia e delle prestazioni umane ed ampliare le capacità operative nel campo biomedico, per migliorare la qualità della vita sulla terra. La NASA ha sviluppato e messo in orbita un laboratorio, il Destiny, attualmente dedicato soprattutto alla ricerca biomedica e la Human Research Facility dedicata specificamente alla fisiologia umana. L Institute for BioMedical Problems della Federal Space Agency (FSA) Russa, pur avendo un programma ad ampio spettro finalizzato al volo umano di lunga permanenza, focalizza le proprie attività in particolare sullo studio del sistema neurologico, di quello muscolo-scheletrico e dello sviluppo di rela

3 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio tive contromisure. I Russi metteranno in orbita nel 2007 un nuovo modulo Multifunction Laboratory Module dedicato principalmente alla ricerca biomedica. Grande attenzione è data dai Russi anche alle capsule recuperabili Foton/Bion per esperimenti in particolare di biologia animale, vegetale, cellulare e di radiobiologia. Quest ultima è di grande interesse a livello internazionale per gli effetti delle radiazioni sull uomo nelle lunghe permanenze. Questo interesse ha portato allo sviluppo congiunto ESA/FSA di Matroska, un manichino che simula l uomo con i suoi organi e tessuti. I programmi europei L Italia partecipa come terzo contribuente al programma ESA European programme for Life and Physical sciences and applications (ELIPS). Questo programma si propone di perseguire l eccellenza nella ricerca fondamentale ed in quella applicata nel campo delle Scienze della Vita e Fisiche usando le particolari condizioni dello spazio, in specie la Stazione Spaziale Internazionale ma anche altre piattaforme, dai razzi sonda ai Foton russi. Gli obiettivi possono essere sintetizzati in: (a) l esplorazione della natura e l origine della vita, (b) il miglioramento della salute, (c) l innovazione delle tecnologie, (d) la protezione dell ambiente. Nell ambito dell obiettivo (b), particolare enfasi viene data allo studio del sistema cardiovascolare, delle modificazioni dell apparato muscolo-scheletrico e dell apparato neurovestibolare. Il programma ESA, in sostanza, per raggiungere i propri obiettivi provvede a selezionare gli esperimenti europei più meritevoli, a fornire le opportunità di volo sulle diverse piattaforme spaziali nonché a sviluppare facility o specifici strumenti per effettuare gli esperimenti. Le Agenzie nazionali sono chiamate, ove interessate, a supportare i ricercatori nazionali e l eventuale sviluppo degli Experiment Container per gli esperimenti nazionali. In particolare un grande sforzo è stato fatto dall ESA nella realizzazione del laboratorio Columbus e delle facility Biolab, European Physiology Module, EMCS, Microgravity Science Glovebox, MARES ed altre per la sperimentazione in diverse aree della ricerca bio-medica. Inoltre ESA sta sviluppando una facility multiuso per la sperimentazione su piccoli animali (Mice on International Space Station) come evoluzione della facility italiana Mice Drawer System (MDS). I programmi nazionali I contenuti del presente programma sono in linea con tutti quelli analoghi a livello internazionale, concentrandosi su alcune tematiche in cui è evidente una condizione di vantaggio consistente nella particolare eccellenza dei gruppi di ricerca nazionali. L Italia ha sottoscritto il nuovo envelope programme ELIPS di ESA comprendente, come descritto nel paragrafo precedente, un ampio programma di Bio-Medicina. ASI può inoltre espandere le sue attività negli specifici campi di interesse nazionale, attraverso l utilizzazione di risorse spaziali proprie quali quelle risultanti dallo MOU ASI/NASA sull utilizzo dell ISS e della base di Trapani per gli esperimenti su pallone stratosferico. Nell ambito dei progetti applicativi di cui al presente documento,

4 Sezione III: Attività per progetti questa condizione pone l Italia in una posizione di leadership internazionale nel campo della ricerca bio-medica spaziale, come documentato anche dal successo riportato nelle precedenti selezioni internazionali. Poiché la piattaforma spaziale, a causa del ridotto livello di gravità, consente l introduzione di alterazioni fisiche, biologiche, e comportamentali sia nei voli di breve che di lunga durata, per la maggior parte reversibili al ritorno a terra, essa rappresenta un ambiente ideale ed accelerato per studiare le cause, i meccanismi ed i protocolli su pazienti a terra. Nel contesto delineato il progetto sarà dedicato all avanzamento delle conoscenze di fisiopatologia e allo sviluppo di terapie e tecnologie per il miglioramento delle condizioni della vita sulla Terra per le persone affette da disabilità neuromotorie e cardiorespiratorie. OBIETTIVI Il progetto si propone di sviluppare nuovi metodi e tecnologie per la riabilitazione motoria di derivazione spaziale e di decondizionamento cardiovascolare. La ricerca e l innovazione tecnologica saranno orientate in particolare all analisi di: Basi neurali della memoria della gravità terrestre e delle sue alterazioni. Basi neurali della imitazione dei movimenti e della sua alterazione in micro-g. Ruolo della gravità e delle sue modificazioni nel controllo delle funzioni neuromotorie, cognitive, cardiovascolari e respiratorie. Meccanismi dei disturbi sensori-motori, cognitivi e del decondizionamento cardio-respiratorio. Definizione di nuove metodologie per lo studio dei disturbi del controllo neuromotorio e cardiorespiratorio. Integrazione e uso del web associato al servizio/applicazione. DISCUSSIONE Dal progetto sono attesi ritorni di tipo sia strategico che sociale. I risultati di questi studi tendono a creare le condizioni di una collocazione di ASI nello scenario nazionale come partner del Servizio Sanitario Nazionale e come catalizzatore di spin-off industriali nei settori delle biotecnologie e della miniaturizzazione delle apparecchiature medicali. In ambito strategico Accrescimento delle competenze industriali per quanto riguarda l introduzione di tecnologie biomedicali, la bioingegneria, lo sviluppo di strumentazione per la misura, la diagnostica, la prevenzione ed il trattamento. Occupazione qualificata. Collaborazioni internazionali. Sviluppo della conoscenza e dell eccellenza scientifica. Integrazione e diffusione delle competenze mediante la creazione di network scientifici di grandi dimensioni

5 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio In ambito sociale Integrazione di competenze multidisciplinari. Sviluppo di servizi di pubblica utilità. Impatto dell iniziativa sulla qualità della vita. Contromisure preventive, riabilitative, farmacologiche (farmaci innovativi), fisiche o strumentali. Networks terapeutici (presa in carico del paziente da parte di strutture polifunzionali virtuali con alto livello di specializzazione). Protocolli di riabilitazione nella terapia dei pazienti motulesi. Sviluppo di metodologie innovative per homecare e telemedicina. Riabilitazione mediante Realtà Virtuali e neuroprotesi. Visualizzazione di dati bio-medici a struttura complessa. Nuovi approcci terapeutici al morbo di Parkinson, Alzheimer, malattie neurodegenerative, scompenso cardio-vascolare e insufficienza respiratoria. WORK PACKAGE DESCRIPTION WP 1B11/5 Learning and memory 2. from 1B Background survey from available literature about memory for action events. 2. Laboratory experiments on motor memory in healthy subjects in a familiar environment. 3. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 4. Data analysis from control subjects. 5. Adaptation of the paradigm to space flight conditions. 6. Assessment of ISS experiments on memory for previously performed actions under microgravity. 7. Proposal of protocols for application of collected information to treatment of memory/awareness disorders. 8. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of new diagnostic neuropsychological approaches. 3. Periodic updates to 1B13A, 1B13B, 1B147, 1B Development of new SW for running the experiments (experimental and control tasks). 5. Development of new SW for data processing

6 Sezione III: Attività per progetti 6. Design of a new set-up adapting the final paradigm to space flight conditions and detection of weighting factors related to use of the paradigm in non-conventional experimental settings. 7. Report on clinical applicability of present research to neurological and neuropsychological issues. excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of 1B147, 1B148, 1B42, 1B44. WP 1B11/8 Timing and bio-rhythms 2. from 1B Background survey from available literature and databases about timing and bio-rhythms. 2. Plan of experiments on timing and bio-rhythms. 3. Analysis of scientific requirements for head mounted display (HMD). 4. Analysis of experimental goals. 5. Analysis of required operations. 6. Analysis of potential users. 7. Survey on available HMDs. 8. Procurement of selected HMD for the execution of the activities. 9. Execution of planned experiments. 10. Analysis of the results. 11. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of a setup based on HMD for timing. 3. Periodic updates to 1B1/1, 1B1/2, 1B1/4, 1B11/5, 1B11/7, 1B1123, 1B13B, 1B145, 1B15/6. 4. Contribution to DEL 022 (Scientific/technical requirements for CLOC). 5. Contribution to DDN. WP 1B112 Integrative systems studies 2. Periodic documentation from members of the DCMC network. 1. <COFIN> Survey and analysis of data from previous integrative systems studies

7 2. <COFIN> Cross-sectional integration of results from 1B1121, 1B1122, 1B1123, 1B1124, 1B1125, 1B1126, 1B1127, 1B1128, 1B <COFIN> Survey of results from nodes 1B111, 1B <COFIN> Periodic reports on WP activities. 2. <COFIN> DEL 026 (Mid term report integrated systems studies) at KO+18 months. 3. <COFIN> DEL 052 (Final report integrated systems studies) at KO+36 months. WP 1B1123 The internal model of gravity Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 2. from 1B Background analysis to define general scientific and technical framework. 2. Perusal of scientific background on the use of immersive visual simulation. 3. Scientific motivation and identification of general aims of the project. 4. Plan of the proposed experiments for normative data in healthy agedmatched people. 5. Plan of the proposed experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 6. Contribution to survey and identification of multi-screen, multi-wall projections done by 1B1/4. 7. Implementation of immersive visual simulation and control interfaces. 8. Execution of experiments for normative data in healthy agedmatched people. 9. Execution of experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 10. Kinematic data analysis. 11. EMG data analysis. 12. Modeling of data using alternative computational schemes. 13. Interpretation of results. 14. Analysis of immersive visual simulation applications for motor disorders. 15. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of novel protocol for internal model of gravity

8 Sezione III: Attività per progetti 3. Periodic updates to 1B1/2, 1B11/2, 1B11/3, 1B11/4, 1B11/8, 1B1124, 1B131, 1B132, 1B134, 1B146, 1B152, 1B1523, 1B1526, 1B2/1, 1B45, 1B Contribution to DEL 020 (Scientific/technical requirements for VIRA). 5. Contribution to DDN. WP 1B1124 Visual perception of gravity 2. from 1B Adaptation of visual stimulation techniques developed in 1B1123 and 1B11/8. 1. Background analysis to define general scientific and technical framework. 2. Analysis of high resolution techniques for dynamic brain imaging of cortical mechanism. 3. Analysis of scientific requirements. 4. Analysis of experimental goals. 5. Analysis of required operations. 6. Experiments on cortical dynamic processing of normogravity and simulated microgravity. 7. Experiments on cortical dynamic processing of apparent gravitational motion. 8. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of novel protocols for cortical processing of gravity and simulated microgravity. 3. Periodic updates to 1B1/1, 1B11/3, 1B11/4, 1B11/7, 1B11/8, 1B131, 1B132, 1B138, 1B146, 1B152, 1B2/1, 1B45, 1B46, 1B Contribution to DEL 045 (Scientific/technical requirements for two new payloads). 5. Contribution to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 6. Contribution to DDN. WP 1B136 Kinematic protocols 2. from 1B

9 1. Background survey from available literature and databases about real time data processing. 2. Testing of motion capture system (identified by 1B11/2). 3. Testing of real time communication protocols. 4. Programming and testing of real time visualization of 3D limb motion. 5. Programming in MATLAB for real time evaluation of the inter-segmental coordination and of the endpoint motion. 6. Programming the utilization of feedback of body kinematics. 7. Laboratory experiments and on-line analysis of the kinematic data and motor patterns during walking in normal and simulated reduced gravity conditions. 2. Periodic updates to 1B11/2. 3. Development of new SW for on-line processing of kinematics. 4. Development of a new setup to implement feedback of body kinematics as a guide to external actuators in normo- and hypo-gravity. WP 1B142 Scientific requirements for HPA2-P Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 2. Periodic documentation from members of the DCMC network. 3. HPA, HPA2 and accessories: documentation from industry. 1. Survey and analysis of sensorized devices for monitoring hand and finger kinematics/kinetics. 2. Overview on the instrumentation for monitoring biomedical parameters already available as separate payloads/instruments on board the ISS. 3. Identification of scientific and technical requirement of instrumented glove or equivalent sensorized device for monitoring hand and finger kinematics/kinetics. 4. Procurement and adaptation of commercial systems to monitor hand posture, finger movements, contact forces. 5. Test pilot versions of scientific protocols on the commercial system to generate appropriate specs for the new generation hand posture analyzer. 6. Support to industry in the identification of general HW/SW characteristics for HPA2-P. 7. Participation to project meetings and reviews

10 Sezione III: Attività per progetti 2. DEL 015 (Scientific/technical requirements for HPA2-P). Excluded 1. Design, manufacturing and testing of HPA2-P and accessories are under the responsibility of Kayser Italia (1B4 node). WP 1B143 Data analysis HPA2-P 2. from 1B Data from HPA experiments. 1. Survey from available technical and scientific literature. 2. Test the calibration of glove data. 3. Definition of analysis protocol for extraction of distal points. 4. Definition of analysis protocol for kinematics of selected DOFs. 5. Analysis of BDC and in-flight data for HPA currently on ISS. 6. Analysis of data from different HPA Protocols. 2. One set of SW package for data analysis. 3. One set of analyzed data. 4. Periodic updates to 1B131, 1B141, 1B146. WP 1B145 Data analysis ELITE S2 2. from 1B Data from ELITE S2 experiments. 1. Survey from available technical and scientific literature on cutting-theedge analysis of kinematic data. 2. Definition of analysis algorithms. 3. SW implementation. 4. Analysis of data from ELITE S2. 2. One set of SW package for data analysis. 3. Periodic updates to 1B131, 1B141, 1B

11 WP 1B15/2 Vibromechanical stimuli 2. from 1B Background survey from available literature about the use of vibromechanical stimuli. 2. Investigation on mechanical insoles to apply haptic stimuli to the foot. 3. Comparison of vibratory versus pneumatic inflatable insoles. 4. Investigation on SW for the control of the mechanical insoles. 5. Testing of a new experimental set-up to study the effect of tactile stimulation during walking in normal and reduced gravity conditions. 6. Laboratory experiments on the effect of tactile stimulation during sitting, standing and walking in normal and reduced gravity conditions. 7. Data analysis. 2. Periodic updates to 1B15/5, 1B152, 1B1524, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of mechanical insoles to apply haptic stimuli to the foot. 5. Development of SW for the control of the mechanical insoles. 6. Protocol for application of vibro-mechanical stimuli as a countermeasure. WP 1B15/5 Recovery of spatial disorientation 2. from 1B15. Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 1. Background survey from available literature and databases about spatial disorientation in humans. 2. Laboratory experiments using visual stimulation in healthy subjects in a familiar environment. 3. Laboratory experiments using vibro-tactile stimulation in healthy subjects in a familiar environment. 4. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 5. Data analysis from control subjects. 6. Laboratory experiments using visual stimulation in clinical population. 7. Laboratory experiments using vibro-tactile stimulation in clinical population. 8. Data analysis from patients

12 Sezione III: Attività per progetti 9. Comparison of data from patients with symptoms of spatial disorientation in astronauts. 10. Investigation of protocols for application of collected information to treatment of spatial disorientation. 2. Periodic updates to 1B15/2, 1B152, 1B1524, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of new SW/HW for experimental and diagnostic purposes. 5. Development of new SW for data processing. 6. Report on clinical applicability of present WP to neurological and neuropsychological issues. 7. Development of a protocol for diagnosis or treatment of spatial disorientation in patients and astronauts. Excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of WP 1B147, 1B148, 1B42, 1B440. WP 1B15/6 - Cognitive performance 2. from 1B Background survey from available literature and databases about cognitive performance and time perception in humans. 2. Laboratory experiments in healthy subjects in a familiar environment. 3. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 4. Data analysis from control subjects. 5. Data analysis from patients with cognitive impairment. 6. Data analysis from astronauts in pre-flight, in-flight and post-flight conditions. 7. Comparison of data from patients with cognitive deficits in astronauts. 8. Investigation of protocols for application of collected information to counter or treat cognitive alterations of time perception disorders. 2. Development of new SW for experimental purposes (experimental and control tasks). 3. Development of new SW for data processing. 4. Report on clinical applicability of present WP to neurological and neuropsychological issues

13 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio Excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of WP 1B147, 1B148, 1B42, 1B44. WP 1B1524 Proprioceptive stimulation 2. from 1B Background survey from available literature about the use of proprioceptive stimulation. 2. Scientific motivation and identification of general aims. 3. Plan of the proposed experiments for normative data in healthy agedmatched people. 4. Plan of the proposed experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 5. Design of servo-controlled stimulators for the proposed experiments, and setup for data collection. 6. Implementation of servo-controlled proprioceptive stimulators and control interfaces. 7. Assessment of Product assurance and Safety issues. 8. Assessment of Ethical Issues in the application to patients. 9. Execution of experiments for normative data in healthy agedmatched people. 10. Execution of experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 11. Kinematic data analysis. 12. Energetics analysis. Computation of kinetic and gravitational potential energies. 13. Interpretation of results. 2. Periodic updates to 1B13, 1B15/2, 1B15/5, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of servo-controlled proprioceptive stimulators. 5. Development of SW for the control of the stimulators. 6. Protocol for application of proprioceptive stimulation as a countermeasure. WP 1B1525 Body weight unloading in rehabilitation 2. from 1B

14 Sezione III: Attività per progetti 1. Background survey from available literature about simulated reduced gravity as a tool for neurohabilitation. 2. Investigation on different systems to apply body weight unloading. 3. Identification of the installation site and environmental characteristics. 4. Analysis of required skills for operators. 5. Definition of system interface, mass, volume, power. 6. Definition of operators / test subjects interfaces. 7. Assessment of Product assurance and Safety issues. 8. Assessment of Ethical Issues in the application to patients. 9. Identification of areas of technological uncertainties/risk and development uncertainty. 10. Investigation on SW for the control of the body weight unloading system. 11. Testing of the experimental set-up simulating reduced gravity conditions. 12. Pilot experiments on age-matched healthy subjects. 13. Tests on patients with neuromotor disabilities, such as spinal cord lesions. 14. Data analysis. 2. Periodic updates to 1B1/4, 1B11/2, 1B11/6, 1B1117, 1B1119, 1B121, 1B136, 1B137, 1B13B, 1B145, 1B15/2, 1B1517, 1B152, 1B Documentation on the body weight unloading system. 4. Protocol for application of body weight unloading in rehabilitation

L INNOVAZIONE NEL TERRITORIO DI LIVORNO. Kayser Italia SRL CONFINDUSTRIA LIVORNO IMPRESE X INNOVAZIONE = I 3. Nucleo Ricerca ed Innovazione

L INNOVAZIONE NEL TERRITORIO DI LIVORNO. Kayser Italia SRL CONFINDUSTRIA LIVORNO IMPRESE X INNOVAZIONE = I 3. Nucleo Ricerca ed Innovazione L INNOVAZIONE NEL TERRITORIO DI LIVORNO Kayser Italia SRL 1 CONFINDUSTRIA LIVORNO Kayser Italia - Chi siamo La Kayser Italia Srl e una società privata Italiana, costituita nel 1986. Attualmente la proprietà

Dettagli

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Proposals for scientific collaborations 8th March 2012- Liegi Matilde Leonardi, Scientific Director Coma Research Centre M. Leonardi -

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie "GESTIRE, INNOVARE, CURARE. Esperienze di Project Management

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARMANDO STERNIERI Nazionalità Italiana Data di nascita 21 GENNAIO 1966 ESPERIENZA LAVORATIVA Principali mansioni e responsabilità Principali

Dettagli

La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento

La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento La piattaforma MED EU e le prossime opportunità di finanziamento Antonella Munna Research & Technology Transfer Division HEALTH AMM Unit Bologna, 18 dicembre 2014 Sommario Il progetto MED EU HORIZON2020:

Dettagli

Indirizzo Biomedica: Il ruolo

Indirizzo Biomedica: Il ruolo Indirizzo Biomedica: Il ruolo Sviluppare metodi quantitativi per l'analisi dei sistemi biologici metodi di acquisizione ed elaborazione di dati e segnali biomedici metodi di elaborazione di immagini biologiche

Dettagli

di Teleriabilitazione, Telemonitoraggio e Sant'Anna di Pisa

di Teleriabilitazione, Telemonitoraggio e Sant'Anna di Pisa ExpoSanità, Bologna La ricerca in Medicina i Telematica: progetti di Teleriabilitazione, Telemonitoraggio e Robotica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa Stefano Mazzoleni, PhD ARTS Lab Scuola

Dettagli

Confindustria Veneto SIAV

Confindustria Veneto SIAV Confindustria Veneto SIAV Società di Servizi di Confindustria Veneto è l elemento di collegamento e raccordo per il network delle Agenzie Formative espressione delle Associazioni e delle Unioni Industriali

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Decreto Legislativo 50/2007 Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto disciplina l'adozione e l'applicazione dei principi di

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARMANDO STERNIERI VIA SIROTTI, 19 42121 REGGIO EMILIA- ITALIA Telefono 0522/455141 Fax 0522/451382

Dettagli

Service Manager Operations. Emerson Process Management

Service Manager Operations. Emerson Process Management Ronca Vito Service Manager Operations Emerson Process Management Italia Emerson e Cyber Security Nel settore industria ed energia, uno dei punti critici da un punto di vista CybSec è il sistema di controllo

Dettagli

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy)

THETIS Water Management System for Settignano acqueduct (Firenze, Italy) Water Management System for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) THETIS for Settignano aqueduct (Firenze, Italy) YEAR: 2003 CUSTOMERS: S.E.I.C. Srl developed the Water Monitoring System for the distribution network of Settignano Municipality Aqueduct. THE PROJECT Il

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

silvia.natalucci@est.asi.it 2007-oggi Agenzia Spaziale Italiana Assegnista di ricerca con mansioni di

silvia.natalucci@est.asi.it 2007-oggi Agenzia Spaziale Italiana Assegnista di ricerca con mansioni di Curriculum Vitae Informazioni personali Nome Cognome Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero Telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale Silvia Natalucci Assegnista di Ricerca

Dettagli

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche A Biomed Kind of Island Giuseppe Serra Sardegna Ricerche MISSION SARDEGNA RICERCHE L Agenzia del Governo Regionale per l innovazione e la R&S Supportare il Governo Regionale nell attuazione delle politiche

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155

INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155 INAF-Osservatorio astronomico di Torino Technical Report nr.155 Gaia Data Access and Analysis System Approccio sistematico alla realizzazione di una visualizzazione dei dati funzionale alle attività di

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

Workshop in progettazione ed erogazione di percorsi di apprendimento TEL

Workshop in progettazione ed erogazione di percorsi di apprendimento TEL Workshop in progettazione ed erogazione di percorsi di apprendimento TEL 25 marzo 2011 AR - Augmented Reality o Sintesi giornata precedente o Analisi SG lavori in sottogruppo o Introduzione tema: Augmented

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155 Finanziato dalla Unione Europea Contratto No. FP6-RII3-026155 Visione d insieme della struttura di FP6 2 Finanziato dalla Unione Europea EUPRIM-NET European Primate Network: Infrastrutture Specializzate

Dettagli

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto Anselmo Marmonti SAS Agenda Premessa Evoluzione delle tematiche implementative di Basilea 2 Internal Rating

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Dott. Ing. Luca Radice Presidente commissione Bioingegneria Ordine Ingegneri

Dettagli

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili 11 Workshop on Automotive Software & Systems Milano, 7 Novembre 2013 Ernesto Viale Agenda Overview AIDA Model AIDA for Agile L integrazione della

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

Applicazioni della Realtà Virtuale al settore della Riabilitazione Motoria. Stato dell arte e caso di studio: il progetto HYPER Alessandro De Mauro

Applicazioni della Realtà Virtuale al settore della Riabilitazione Motoria. Stato dell arte e caso di studio: il progetto HYPER Alessandro De Mauro Applicazioni della Realtà Virtuale al settore della Riabilitazione Motoria. Stato dell arte e caso di studio: il progetto HYPER Alessandro De Mauro Ademauro@vicomtech.org Vicomtech Centro tecnologico no

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A.

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Dispositivi medici in rete La normativa sui DM Direttiva 93/42/CEE Recepita in Italia nel 1997 (DLgs. 46 del 24/2/1997)

Dettagli

Innovazione nel sociale: L esperienza della Fondazione Don Gnocchi Onlus

Innovazione nel sociale: L esperienza della Fondazione Don Gnocchi Onlus Innovate 2010 The Rational Software Conference Roma 12 ottobre 2010 Innovazione nel sociale: L esperienza della Fondazione Don Gnocchi Onlus ing. Renzo Andrich Polo Tecnologico Fondazione Don Carlo Gnocchi

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO. Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO. Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009 CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI PROCESSO Technip Italy, Dicembre 2008 Maggio 2009 Introduzione Il corso di specializzazione è rivolto ad un massimo di 15 laureati

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14

GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 GIUSEPPE TOMASONI LAURA BORGESE 18/09/2O14 2 gruppi di ricerca MED & UNIBS Gruppo di Impianti Industriali Meccanici Laboratorio Chem4Tech Azioni A1 B2 e B9 C1 OPERATIONS MANAGEMENT AND INDUSTRIAL ENGINEERING

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE -

Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE - Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE - SPER. di VOLO - Introduzione 1 La sperimentazione di volo (Flight Testing) è un processo interdisciplinare fondamentale per lo sviluppo di

Dettagli

NEUROANATOMIA COMPUTAZIONALE: incrocio tra neuroscienze, statistica e ICT. Giovanni B Frisoni Vice Direttore Scientifico

NEUROANATOMIA COMPUTAZIONALE: incrocio tra neuroscienze, statistica e ICT. Giovanni B Frisoni Vice Direttore Scientifico NEUROANATOMIA COMPUTAZIONALE: incrocio tra neuroscienze, statistica e ICT Giovanni B Frisoni Vice Direttore Scientifico Introduzione Fisiopatologia della malattia di Alzheimer La questione calda : diagnosi

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

TEST CENTER. www.step-lab.com

TEST CENTER. www.step-lab.com TEST CENTER www.step-lab.com PRODUCT OVERVIEW TestCenter è il software di gestione dell intera gamma di macchine da test sviluppata dalla Step Lab e rappresenta un unica soluzione integrata e flessibile

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Ilaria Lista C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M 1998: 2002: 2003: TITOLI DI STUDIO si iscrive all'istituto Superiore di Educazione Fisica di Napoli. Durante il corso di studi è eletta

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali Nome Cognome. Silvia Mari

Curriculum Vitae. Informazioni personali Nome Cognome. Silvia Mari Curriculum Vitae Informazioni personali Nome Cognome Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero Telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale Silvia Mari Borsista Agenzia Spaziale

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Labss CNR Edulabss: Didattica e

Labss CNR Edulabss: Didattica e EduLabss Responsabile contenuti/formazione Federico CECCONI EduLabss c/o LABSS ISTC Cnr Via Palestro 32 00185 Roma Tel +39.06.49936410 email: info@edulabss.com Labss CNR Edulabss: Didattica e divulgazione

Dettagli

INFN-MED Imaging (software) P. Cerello (INFN Torino) Roma, May, 21 st, 2009

INFN-MED Imaging (software) P. Cerello (INFN Torino) Roma, May, 21 st, 2009 INFN-MED Imaging (software) P. Cerello (INFN Torino) Roma, May, 21 st, 2009 Stato dell arte Database (mammografico & polmonare) Elaborazione di immagini Mammografia CAD CT polmonari Brain MRI / (DTI) Software

Dettagli

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261)

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Questo corso ha lo scopo di fornire ai professionisti senza esperienza specifica di lavoro con Microsoft

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis 1 XI Congresso Nazionale Gruppo di Terapia Manuale «The role of Manipulations in the treatment of Neuromusculoskeletal Disorders» 9 Novembre 213. Firenze, Hotel Londra The Effect of Manual Techniques on

Dettagli

GRANDANGOLO IN MEDICINA INTERNA. Genova, 12 marzo 2011

GRANDANGOLO IN MEDICINA INTERNA. Genova, 12 marzo 2011 GRANDANGOLO IN MEDICINA INTERNA Genova, 12 marzo 2011 Il portfolio e la certificazione professionale dell internista L. Parodi Portfolio (Oxford dictionary of English).A set of creative work collected

Dettagli

Bando Tematico 01 - Componenti SpacePDP C-3PO

Bando Tematico 01 - Componenti SpacePDP C-3PO Bando Tematico 01 - Componenti SpacePDP C-3PO Mario Tragni mario.tragni@planetek.it pkt285-06-1.3 Roma, 17 dicembre 2010 Necessità & Requisiti Lo sviluppo di un nuovo satellite è soggetto a due forze in

Dettagli

Roma - 8 OTTOBRE 2012 PRIMO INCONTRO AIFM sulla RICERCA in FISICA MEDICA nelle UNIVERSITA e negli ENTI PUBBLICI di RICERCA"

Roma - 8 OTTOBRE 2012 PRIMO INCONTRO AIFM sulla RICERCA in FISICA MEDICA nelle UNIVERSITA e negli ENTI PUBBLICI di RICERCA Roma - 8 OTTOBRE 2012 PRIMO INCONTRO AIFM sulla RICERCA in FISICA MEDICA nelle UNIVERSITA e negli ENTI PUBBLICI di RICERCA" Le Scuola di Specializzazione e la Ricerca in Fisica Medica Alberto Del Guerra

Dettagli

Presenter Disclosure. Paolo Di Bartolo

Presenter Disclosure. Paolo Di Bartolo Presenter Disclosure Paolo Di Bartolo Board Member/Advisory Panel: Eli-Lilly International, Novo Nordisk Italy, Novartis Italy, Sanofi Aventis Italy Consultant: Merck Serono Speaker s Bureau: Sanofi-aventisgroup,MerckSharp&

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION CUSLS BL1 ~ PROVIDER CANINE ULTRASOUND LIFE SUPPORT 'USCMC LEVEL 1 CERTIFICATION SKILL SET ENTRY COURSE FOR USLS BL1-P [ULTRASOUND LIFE SUPPORT - BASIC LEVEL 1 - PROVIDER] ABCDE ULTRASOUND RESUSCITATION

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

IL PROGETTO CEBBIS. Central Europe Branch Based Innovation Support. Confindustria Udine, 27 febbraio 2013. www.cebbis.eu

IL PROGETTO CEBBIS. Central Europe Branch Based Innovation Support. Confindustria Udine, 27 febbraio 2013. www.cebbis.eu IL PROGETTO CEBBIS Central Europe Branch Based Innovation Support Confindustria Udine, 27 febbraio 2013 The CEBBIS project is implemented through the Central Europe Programme co-financed by the ERDF Il

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded

Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Presentazione del Corso di Progettazione di Sistemi Embedded Franco Fummi University of Verona Department of Computer Science Italy Laurea Magistrale in Ingegneria e Scienze Informatiche Embedded Systems

Dettagli

Le aziende leader affrontano le sfide globali in campo energetico e climatico offrendo soluzioni innovative GIA disponibili.

Le aziende leader affrontano le sfide globali in campo energetico e climatico offrendo soluzioni innovative GIA disponibili. Efficienza Energetica, Smart cities e Fondi Europei. Il caso pratico del Comune di Genova C. Carta - Sr Marketing Manager Philips Lighting Solutions Outdoor November 24, 2011 Le aziende leader affrontano

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO

IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO IT e FRAUD AUDIT: un Alleanza Necessaria GRAZIELLA SPANO 1 Perché l alleanza è vincente Per prevenire le frodi occorre avere un corretto controllo interno che è realizzabile anche grazie al supporto dell

Dettagli

Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP. Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM

Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP. Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM Esame di Certificazione AGILE PMI-ACP Rivisto a Luglio 2015 Vito Madaio, PMP, TSPM Novità da Luglio 2015 Recentemente, 1000 esperti di Agile, da 60 paesi, hanno proposto una revisione dell'esame di certificazione

Dettagli

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory uno strumento a supporto delle trasformazioni Lean Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory - Background Originariamente, il Lean Management Practical Training Programme è stato

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio)

SMICC. 1) di valutare per importanza i progetti di adeguamento (approccio basato sul rischio) SMICC INTRODUZIONE Le normative applicabili all interno delle Organizzazioni crescono in numero e complessità di giorno in giorno: per evitare che questa situazione crei strutture sempre più difficili

Dettagli

Infobyte. Infobyte today is also the italina rfeference point in the integrated communication field

Infobyte. Infobyte today is also the italina rfeference point in the integrated communication field La Grafica 3D Real-time come strumento per la comunicazione divulgativa Ing. Stefano Conconi Account Manager Direzione Commerciale Infobyte spa Infobyte Infobyte is a share holding Company Infobyte has

Dettagli

Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR

Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR Clinical i l Leading Environment for the Assessment of Rehabilitation Protocols in home care CLEAR Giornata nazionale sul programma CIP ICT Policy Support Bando 2009 18 febbraio 2009 Grand Hotel Trento,

Dettagli

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Teresa Di Fiandra Ministero della Salute VI Convegno UVA ISS, Roma 16 novembre 2012 Le politiche in Europa (1) Conferenza di Parigi (ottobre 2008) sotto

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

La teleriabilitazione per l anziano

La teleriabilitazione per l anziano 57 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria 21-24 Novembre 2012 ANZIANO E TECNOLOGIE: UN RAPPORTO DA COSTRUIRE La teleriabilitazione per l anziano V Macellari Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli