DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO"

Transcript

1 DISTURBI DEL CONTROLLO MOTORIO E CARDIORESPIRATORIO Responsabile scientifico di progetto MYRKA ZAGO IRCCS S. Lucia Finanziamento 2006 Centro di Bio-Medicina Spaziale, Università di Roma Tor Vergata

2 Sezione III: Attività per progetti RAZIONALE Nell ambito del Quadro comunitario di sostegno (QCS) 2000/2006, la Sanità, nell accezione di salute come benessere globale, è stata riconosciuta a pieno titolo tra gli elementi che compongono la politica di sviluppo del Paese. Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) , sulla base delle linee guida del Programma Nazionale di Ricerca, orienta le sue attività su quattro aree tematiche, tra le quali quella della Salute. L Unità applicativa Medicina e Biotecnologie (MED) mira ad utilizzare lo spazio sviluppando progetti applicativi per l avanzamento delle conoscenze, il sostegno della ricerca orientata allo sviluppo di tecnologie chiave ed il potenziamento delle attività produttive e di innovazione nel settore bio-medico. L Unità applicativa MED promuove l utilizzo dei sistemi spaziali per migliorare le ricadute applicative in medicina e biotecnologie, sviluppa i prodotti applicativi di propria pertinenza e definisce i requisiti utente. In particolare svolge le seguenti attività: Acquisisce le conoscenze sullo scenario mondiale in merito alle applicazioni dei sistemi spaziali nel settore della medicina e biotecnologie. Gestisce i rapporti con la comunità scientifica, promuovendo l integrazione tra ricerca pubblica e privata ed il trasferimento tecnologico. Assicura la pianificazione e lo sviluppo coordinato di tutti i programmi che afferiscono all unità stessa. Il programma in oggetto si inserirà in un contesto internazionale in cui le principali agenzie spaziali operano con elevato livello di cooperazione. I programmi internazionali non europei I principali attori della ricerca biomedica spaziale non europea sono certamente gli USA e la Russia. Entrambi perseguono ampi programmi nel settore in questione. Tuttavia particolare enfasi viene data ad alcuni aspetti. Il Biomedical Research and Countermeasures Program della NASA si propone di effettuare ricerche che portino allo sviluppo ed all implementazione di contromisure per gli effetti negativi che il volo spaziale ha sull uomo, in particolare si concentra sulla fisiologia cardiopolmonare e muscolo-scheletrica, le neuroscienze, l immunologia e l ematologia, la nutrizione ed il metabolismo con uno sguardo agli sviluppi tecnologici correlati. Queste attività intendono espandere la comprensione della fisiologia e delle prestazioni umane ed ampliare le capacità operative nel campo biomedico, per migliorare la qualità della vita sulla terra. La NASA ha sviluppato e messo in orbita un laboratorio, il Destiny, attualmente dedicato soprattutto alla ricerca biomedica e la Human Research Facility dedicata specificamente alla fisiologia umana. L Institute for BioMedical Problems della Federal Space Agency (FSA) Russa, pur avendo un programma ad ampio spettro finalizzato al volo umano di lunga permanenza, focalizza le proprie attività in particolare sullo studio del sistema neurologico, di quello muscolo-scheletrico e dello sviluppo di rela

3 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio tive contromisure. I Russi metteranno in orbita nel 2007 un nuovo modulo Multifunction Laboratory Module dedicato principalmente alla ricerca biomedica. Grande attenzione è data dai Russi anche alle capsule recuperabili Foton/Bion per esperimenti in particolare di biologia animale, vegetale, cellulare e di radiobiologia. Quest ultima è di grande interesse a livello internazionale per gli effetti delle radiazioni sull uomo nelle lunghe permanenze. Questo interesse ha portato allo sviluppo congiunto ESA/FSA di Matroska, un manichino che simula l uomo con i suoi organi e tessuti. I programmi europei L Italia partecipa come terzo contribuente al programma ESA European programme for Life and Physical sciences and applications (ELIPS). Questo programma si propone di perseguire l eccellenza nella ricerca fondamentale ed in quella applicata nel campo delle Scienze della Vita e Fisiche usando le particolari condizioni dello spazio, in specie la Stazione Spaziale Internazionale ma anche altre piattaforme, dai razzi sonda ai Foton russi. Gli obiettivi possono essere sintetizzati in: (a) l esplorazione della natura e l origine della vita, (b) il miglioramento della salute, (c) l innovazione delle tecnologie, (d) la protezione dell ambiente. Nell ambito dell obiettivo (b), particolare enfasi viene data allo studio del sistema cardiovascolare, delle modificazioni dell apparato muscolo-scheletrico e dell apparato neurovestibolare. Il programma ESA, in sostanza, per raggiungere i propri obiettivi provvede a selezionare gli esperimenti europei più meritevoli, a fornire le opportunità di volo sulle diverse piattaforme spaziali nonché a sviluppare facility o specifici strumenti per effettuare gli esperimenti. Le Agenzie nazionali sono chiamate, ove interessate, a supportare i ricercatori nazionali e l eventuale sviluppo degli Experiment Container per gli esperimenti nazionali. In particolare un grande sforzo è stato fatto dall ESA nella realizzazione del laboratorio Columbus e delle facility Biolab, European Physiology Module, EMCS, Microgravity Science Glovebox, MARES ed altre per la sperimentazione in diverse aree della ricerca bio-medica. Inoltre ESA sta sviluppando una facility multiuso per la sperimentazione su piccoli animali (Mice on International Space Station) come evoluzione della facility italiana Mice Drawer System (MDS). I programmi nazionali I contenuti del presente programma sono in linea con tutti quelli analoghi a livello internazionale, concentrandosi su alcune tematiche in cui è evidente una condizione di vantaggio consistente nella particolare eccellenza dei gruppi di ricerca nazionali. L Italia ha sottoscritto il nuovo envelope programme ELIPS di ESA comprendente, come descritto nel paragrafo precedente, un ampio programma di Bio-Medicina. ASI può inoltre espandere le sue attività negli specifici campi di interesse nazionale, attraverso l utilizzazione di risorse spaziali proprie quali quelle risultanti dallo MOU ASI/NASA sull utilizzo dell ISS e della base di Trapani per gli esperimenti su pallone stratosferico. Nell ambito dei progetti applicativi di cui al presente documento,

4 Sezione III: Attività per progetti questa condizione pone l Italia in una posizione di leadership internazionale nel campo della ricerca bio-medica spaziale, come documentato anche dal successo riportato nelle precedenti selezioni internazionali. Poiché la piattaforma spaziale, a causa del ridotto livello di gravità, consente l introduzione di alterazioni fisiche, biologiche, e comportamentali sia nei voli di breve che di lunga durata, per la maggior parte reversibili al ritorno a terra, essa rappresenta un ambiente ideale ed accelerato per studiare le cause, i meccanismi ed i protocolli su pazienti a terra. Nel contesto delineato il progetto sarà dedicato all avanzamento delle conoscenze di fisiopatologia e allo sviluppo di terapie e tecnologie per il miglioramento delle condizioni della vita sulla Terra per le persone affette da disabilità neuromotorie e cardiorespiratorie. OBIETTIVI Il progetto si propone di sviluppare nuovi metodi e tecnologie per la riabilitazione motoria di derivazione spaziale e di decondizionamento cardiovascolare. La ricerca e l innovazione tecnologica saranno orientate in particolare all analisi di: Basi neurali della memoria della gravità terrestre e delle sue alterazioni. Basi neurali della imitazione dei movimenti e della sua alterazione in micro-g. Ruolo della gravità e delle sue modificazioni nel controllo delle funzioni neuromotorie, cognitive, cardiovascolari e respiratorie. Meccanismi dei disturbi sensori-motori, cognitivi e del decondizionamento cardio-respiratorio. Definizione di nuove metodologie per lo studio dei disturbi del controllo neuromotorio e cardiorespiratorio. Integrazione e uso del web associato al servizio/applicazione. DISCUSSIONE Dal progetto sono attesi ritorni di tipo sia strategico che sociale. I risultati di questi studi tendono a creare le condizioni di una collocazione di ASI nello scenario nazionale come partner del Servizio Sanitario Nazionale e come catalizzatore di spin-off industriali nei settori delle biotecnologie e della miniaturizzazione delle apparecchiature medicali. In ambito strategico Accrescimento delle competenze industriali per quanto riguarda l introduzione di tecnologie biomedicali, la bioingegneria, lo sviluppo di strumentazione per la misura, la diagnostica, la prevenzione ed il trattamento. Occupazione qualificata. Collaborazioni internazionali. Sviluppo della conoscenza e dell eccellenza scientifica. Integrazione e diffusione delle competenze mediante la creazione di network scientifici di grandi dimensioni

5 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio In ambito sociale Integrazione di competenze multidisciplinari. Sviluppo di servizi di pubblica utilità. Impatto dell iniziativa sulla qualità della vita. Contromisure preventive, riabilitative, farmacologiche (farmaci innovativi), fisiche o strumentali. Networks terapeutici (presa in carico del paziente da parte di strutture polifunzionali virtuali con alto livello di specializzazione). Protocolli di riabilitazione nella terapia dei pazienti motulesi. Sviluppo di metodologie innovative per homecare e telemedicina. Riabilitazione mediante Realtà Virtuali e neuroprotesi. Visualizzazione di dati bio-medici a struttura complessa. Nuovi approcci terapeutici al morbo di Parkinson, Alzheimer, malattie neurodegenerative, scompenso cardio-vascolare e insufficienza respiratoria. WORK PACKAGE DESCRIPTION WP 1B11/5 Learning and memory 2. from 1B Background survey from available literature about memory for action events. 2. Laboratory experiments on motor memory in healthy subjects in a familiar environment. 3. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 4. Data analysis from control subjects. 5. Adaptation of the paradigm to space flight conditions. 6. Assessment of ISS experiments on memory for previously performed actions under microgravity. 7. Proposal of protocols for application of collected information to treatment of memory/awareness disorders. 8. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of new diagnostic neuropsychological approaches. 3. Periodic updates to 1B13A, 1B13B, 1B147, 1B Development of new SW for running the experiments (experimental and control tasks). 5. Development of new SW for data processing

6 Sezione III: Attività per progetti 6. Design of a new set-up adapting the final paradigm to space flight conditions and detection of weighting factors related to use of the paradigm in non-conventional experimental settings. 7. Report on clinical applicability of present research to neurological and neuropsychological issues. excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of 1B147, 1B148, 1B42, 1B44. WP 1B11/8 Timing and bio-rhythms 2. from 1B Background survey from available literature and databases about timing and bio-rhythms. 2. Plan of experiments on timing and bio-rhythms. 3. Analysis of scientific requirements for head mounted display (HMD). 4. Analysis of experimental goals. 5. Analysis of required operations. 6. Analysis of potential users. 7. Survey on available HMDs. 8. Procurement of selected HMD for the execution of the activities. 9. Execution of planned experiments. 10. Analysis of the results. 11. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of a setup based on HMD for timing. 3. Periodic updates to 1B1/1, 1B1/2, 1B1/4, 1B11/5, 1B11/7, 1B1123, 1B13B, 1B145, 1B15/6. 4. Contribution to DEL 022 (Scientific/technical requirements for CLOC). 5. Contribution to DDN. WP 1B112 Integrative systems studies 2. Periodic documentation from members of the DCMC network. 1. <COFIN> Survey and analysis of data from previous integrative systems studies

7 2. <COFIN> Cross-sectional integration of results from 1B1121, 1B1122, 1B1123, 1B1124, 1B1125, 1B1126, 1B1127, 1B1128, 1B <COFIN> Survey of results from nodes 1B111, 1B <COFIN> Periodic reports on WP activities. 2. <COFIN> DEL 026 (Mid term report integrated systems studies) at KO+18 months. 3. <COFIN> DEL 052 (Final report integrated systems studies) at KO+36 months. WP 1B1123 The internal model of gravity Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 2. from 1B Background analysis to define general scientific and technical framework. 2. Perusal of scientific background on the use of immersive visual simulation. 3. Scientific motivation and identification of general aims of the project. 4. Plan of the proposed experiments for normative data in healthy agedmatched people. 5. Plan of the proposed experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 6. Contribution to survey and identification of multi-screen, multi-wall projections done by 1B1/4. 7. Implementation of immersive visual simulation and control interfaces. 8. Execution of experiments for normative data in healthy agedmatched people. 9. Execution of experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 10. Kinematic data analysis. 11. EMG data analysis. 12. Modeling of data using alternative computational schemes. 13. Interpretation of results. 14. Analysis of immersive visual simulation applications for motor disorders. 15. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of novel protocol for internal model of gravity

8 Sezione III: Attività per progetti 3. Periodic updates to 1B1/2, 1B11/2, 1B11/3, 1B11/4, 1B11/8, 1B1124, 1B131, 1B132, 1B134, 1B146, 1B152, 1B1523, 1B1526, 1B2/1, 1B45, 1B Contribution to DEL 020 (Scientific/technical requirements for VIRA). 5. Contribution to DDN. WP 1B1124 Visual perception of gravity 2. from 1B Adaptation of visual stimulation techniques developed in 1B1123 and 1B11/8. 1. Background analysis to define general scientific and technical framework. 2. Analysis of high resolution techniques for dynamic brain imaging of cortical mechanism. 3. Analysis of scientific requirements. 4. Analysis of experimental goals. 5. Analysis of required operations. 6. Experiments on cortical dynamic processing of normogravity and simulated microgravity. 7. Experiments on cortical dynamic processing of apparent gravitational motion. 8. Participation to project meetings and reviews. 2. Development of novel protocols for cortical processing of gravity and simulated microgravity. 3. Periodic updates to 1B1/1, 1B11/3, 1B11/4, 1B11/7, 1B11/8, 1B131, 1B132, 1B138, 1B146, 1B152, 1B2/1, 1B45, 1B46, 1B Contribution to DEL 045 (Scientific/technical requirements for two new payloads). 5. Contribution to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 6. Contribution to DDN. WP 1B136 Kinematic protocols 2. from 1B

9 1. Background survey from available literature and databases about real time data processing. 2. Testing of motion capture system (identified by 1B11/2). 3. Testing of real time communication protocols. 4. Programming and testing of real time visualization of 3D limb motion. 5. Programming in MATLAB for real time evaluation of the inter-segmental coordination and of the endpoint motion. 6. Programming the utilization of feedback of body kinematics. 7. Laboratory experiments and on-line analysis of the kinematic data and motor patterns during walking in normal and simulated reduced gravity conditions. 2. Periodic updates to 1B11/2. 3. Development of new SW for on-line processing of kinematics. 4. Development of a new setup to implement feedback of body kinematics as a guide to external actuators in normo- and hypo-gravity. WP 1B142 Scientific requirements for HPA2-P Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 2. Periodic documentation from members of the DCMC network. 3. HPA, HPA2 and accessories: documentation from industry. 1. Survey and analysis of sensorized devices for monitoring hand and finger kinematics/kinetics. 2. Overview on the instrumentation for monitoring biomedical parameters already available as separate payloads/instruments on board the ISS. 3. Identification of scientific and technical requirement of instrumented glove or equivalent sensorized device for monitoring hand and finger kinematics/kinetics. 4. Procurement and adaptation of commercial systems to monitor hand posture, finger movements, contact forces. 5. Test pilot versions of scientific protocols on the commercial system to generate appropriate specs for the new generation hand posture analyzer. 6. Support to industry in the identification of general HW/SW characteristics for HPA2-P. 7. Participation to project meetings and reviews

10 Sezione III: Attività per progetti 2. DEL 015 (Scientific/technical requirements for HPA2-P). Excluded 1. Design, manufacturing and testing of HPA2-P and accessories are under the responsibility of Kayser Italia (1B4 node). WP 1B143 Data analysis HPA2-P 2. from 1B Data from HPA experiments. 1. Survey from available technical and scientific literature. 2. Test the calibration of glove data. 3. Definition of analysis protocol for extraction of distal points. 4. Definition of analysis protocol for kinematics of selected DOFs. 5. Analysis of BDC and in-flight data for HPA currently on ISS. 6. Analysis of data from different HPA Protocols. 2. One set of SW package for data analysis. 3. One set of analyzed data. 4. Periodic updates to 1B131, 1B141, 1B146. WP 1B145 Data analysis ELITE S2 2. from 1B Data from ELITE S2 experiments. 1. Survey from available technical and scientific literature on cutting-theedge analysis of kinematic data. 2. Definition of analysis algorithms. 3. SW implementation. 4. Analysis of data from ELITE S2. 2. One set of SW package for data analysis. 3. Periodic updates to 1B131, 1B141, 1B

11 WP 1B15/2 Vibromechanical stimuli 2. from 1B Background survey from available literature about the use of vibromechanical stimuli. 2. Investigation on mechanical insoles to apply haptic stimuli to the foot. 3. Comparison of vibratory versus pneumatic inflatable insoles. 4. Investigation on SW for the control of the mechanical insoles. 5. Testing of a new experimental set-up to study the effect of tactile stimulation during walking in normal and reduced gravity conditions. 6. Laboratory experiments on the effect of tactile stimulation during sitting, standing and walking in normal and reduced gravity conditions. 7. Data analysis. 2. Periodic updates to 1B15/5, 1B152, 1B1524, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of mechanical insoles to apply haptic stimuli to the foot. 5. Development of SW for the control of the mechanical insoles. 6. Protocol for application of vibro-mechanical stimuli as a countermeasure. WP 1B15/5 Recovery of spatial disorientation 2. from 1B15. Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio 1. Background survey from available literature and databases about spatial disorientation in humans. 2. Laboratory experiments using visual stimulation in healthy subjects in a familiar environment. 3. Laboratory experiments using vibro-tactile stimulation in healthy subjects in a familiar environment. 4. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 5. Data analysis from control subjects. 6. Laboratory experiments using visual stimulation in clinical population. 7. Laboratory experiments using vibro-tactile stimulation in clinical population. 8. Data analysis from patients

12 Sezione III: Attività per progetti 9. Comparison of data from patients with symptoms of spatial disorientation in astronauts. 10. Investigation of protocols for application of collected information to treatment of spatial disorientation. 2. Periodic updates to 1B15/2, 1B152, 1B1524, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of new SW/HW for experimental and diagnostic purposes. 5. Development of new SW for data processing. 6. Report on clinical applicability of present WP to neurological and neuropsychological issues. 7. Development of a protocol for diagnosis or treatment of spatial disorientation in patients and astronauts. Excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of WP 1B147, 1B148, 1B42, 1B440. WP 1B15/6 - Cognitive performance 2. from 1B Background survey from available literature and databases about cognitive performance and time perception in humans. 2. Laboratory experiments in healthy subjects in a familiar environment. 3. Selection of control tasks directed at excluding confounding factors. 4. Data analysis from control subjects. 5. Data analysis from patients with cognitive impairment. 6. Data analysis from astronauts in pre-flight, in-flight and post-flight conditions. 7. Comparison of data from patients with cognitive deficits in astronauts. 8. Investigation of protocols for application of collected information to counter or treat cognitive alterations of time perception disorders. 2. Development of new SW for experimental purposes (experimental and control tasks). 3. Development of new SW for data processing. 4. Report on clinical applicability of present WP to neurological and neuropsychological issues

13 Disturbi del controllo motorio e cardiorespiratorio Excluded 1. Execution of flight campaigns is excluded, being the responsibility of WP 1B147, 1B148, 1B42, 1B44. WP 1B1524 Proprioceptive stimulation 2. from 1B Background survey from available literature about the use of proprioceptive stimulation. 2. Scientific motivation and identification of general aims. 3. Plan of the proposed experiments for normative data in healthy agedmatched people. 4. Plan of the proposed experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 5. Design of servo-controlled stimulators for the proposed experiments, and setup for data collection. 6. Implementation of servo-controlled proprioceptive stimulators and control interfaces. 7. Assessment of Product assurance and Safety issues. 8. Assessment of Ethical Issues in the application to patients. 9. Execution of experiments for normative data in healthy agedmatched people. 10. Execution of experiments for selected casuistry with neuromotor disorders. 11. Kinematic data analysis. 12. Energetics analysis. Computation of kinetic and gravitational potential energies. 13. Interpretation of results. 2. Periodic updates to 1B13, 1B15/2, 1B15/5, 1B45, 1B46, 1B Contributes to DEL 021 (Scientific/technical requirements for WHOS). 4. Development of servo-controlled proprioceptive stimulators. 5. Development of SW for the control of the stimulators. 6. Protocol for application of proprioceptive stimulation as a countermeasure. WP 1B1525 Body weight unloading in rehabilitation 2. from 1B

14 Sezione III: Attività per progetti 1. Background survey from available literature about simulated reduced gravity as a tool for neurohabilitation. 2. Investigation on different systems to apply body weight unloading. 3. Identification of the installation site and environmental characteristics. 4. Analysis of required skills for operators. 5. Definition of system interface, mass, volume, power. 6. Definition of operators / test subjects interfaces. 7. Assessment of Product assurance and Safety issues. 8. Assessment of Ethical Issues in the application to patients. 9. Identification of areas of technological uncertainties/risk and development uncertainty. 10. Investigation on SW for the control of the body weight unloading system. 11. Testing of the experimental set-up simulating reduced gravity conditions. 12. Pilot experiments on age-matched healthy subjects. 13. Tests on patients with neuromotor disabilities, such as spinal cord lesions. 14. Data analysis. 2. Periodic updates to 1B1/4, 1B11/2, 1B11/6, 1B1117, 1B1119, 1B121, 1B136, 1B137, 1B13B, 1B145, 1B15/2, 1B1517, 1B152, 1B Documentation on the body weight unloading system. 4. Protocol for application of body weight unloading in rehabilitation

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie 38 Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie Gli addetti alle pulizie lavorano in tutti i settori di attività e luoghi di lavoro, dagli alberghi agli ospedali, dalle fabbriche alle aziende

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA pag. 1 La Societa CAE Technologies Srl e stata fondata nel marzo 2013. Il nome breve della CAE Technologies Srl e CAETECH.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Corso di. Anno accademico: 2010/11. Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it

Corso di. Anno accademico: 2010/11. Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it Corso di Metodi di Supporto alle Decisioni Anno accademico: 2010/11 Prof. ing. Gianpaolo Ghiani gianpaolo.ghiani@unisalento.it www.logistics.unsalento.it Fac coltà di Ingegneria - Università del Salento

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli