Elementi della teoria della diffusione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi della teoria della diffusione"

Transcript

1 Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni, fotoni, ecc.. Dallo studio della diffusione di paticelle alfa, emesse da sostanze adioattive, su un besaglio di oo Ruthefod fu in gado di scatae il modello atomico di Thompson nucleo costituito da una distibuzione estesa di caica positiva Ze contenente all inteno Z elettoni puntifomi) e di popoe il cosidetto modello planetaio dell atomo in cui la caica positiva è concentata all oigine e gli elettoni uotano intono. Uno studio igooso dovebbe consideae il pacchetto d onda, descivente la paticella incidente, di dimensioni finite e gandi ispetto alle dimensione della zona in cui gli effetti del inteazione con il besaglio sono ilevanti, ma piccole ispetto alle alte dimensioni spaziale es. la distanza ta besaglio e ivelatoe). Pe semplicità studiamo la diffusione consideando gli autostati dell equazione di Schödinge pe il potenziale centale V ), limitandoci solo a qualche ossevazione sulla tattazione in temini di pacchetti d onda. Consideiamo solo la diffusione da potenziale centale V ) con la condizione all infinito V ) ε ε > ) Inolte ichiediamo che l eventuale singolaità di V ) all oigine sia del tipo V ) +ε ε > ) Abbiamo già visto nello studio degli stati legati dell atomo di idogeno come un pocesso di inteazione a due copi, quindi descitto da un potenziale V dove i denota la posizione della i ma paticella di massa m i i =, ) puó essee icondotto allo studio di una paticella di massa idotta m m = m + m 3) in pesenza di un potenziale centale V ) con =. Sezione d uto di diffusione La sezione d uto diffeenziale denotata con dσ/dω σω) σθ, φ)) è definita come il numeo di paticelle diffuse, pe unità di tempo, nell elemento di angolo solido dω = sin θdθdφ nella diezione θ, φ) diviso pe il numeo di paticelle incidenti, pe unità di tempo, N in ) pe cm dσ dω = dnω) N in dω 4) dove dnω) indica il numeo di paticelle diffuse nell elemento di angolo solido dω. La sezione d uto totale si ottiene integando la sezione d uto diffeenziale su tutto l angolo solido dσ π π σ tot = dω dω = σθ, φ) sin θdθdφ 5) La sezione d uto ha le dimensioni di una supeficie e l unità di misua usata è il ban ban = 4 cm 6)

2 La sezione d uto diffeenziale dipende dal sistema di ifeimento in cui si considea il pocesso di diffusione. Di solito si usano il sistema del laboatoio, σ LAB Ω), in cui la paticella besaglio è supposta inizialmente fema. ed il sistema del cento massa, σ CM Ω ), in cui la quantità di moto totale è nulla. La elazione ta le due sezioni d uto è data da dω [ dω = σ LAB Ω) = σ CM Ω ) dω dω + τ cos θ + τ cos θ + τ ) 3/ Si assume che le seguenti condizioni sono soddisfatte:. Le paticelle del fascio non inteagiscono ta di loo fasci non intensi). 7) ] τ = m m 8). Nella definizione della sezione d uto abbiamo implicitamente fatto l ipotesi che una paticella incidente sia diffusa da un solo cento diffusoe. Questo ichiede che la distanza ta i centi diffusoi sia maggioe del aggio in cui gli effetti del cento diffusoe sulle paticelle incidenti sono sensibili e che il besaglio sia sottile, in modo che la diffusione multipla sia tascuabile. 3. Consideiamo uti elastici che implica consevazione dell enegia cinetica della paticella incidente, quindi la collisione non eccita livelli inteni nel besaglio. Comunque il concetto di sezione d uto non è limitato al coso di uti elastici. 4. La sogente del fascio incidente ed i ivelatoi siano poste a distanza tali che le paticelle possono essee consideate libee al momento dell emissione e della ivelazione. 5. Le paticelle incidenti e le paticelle del besaglio non hanno spin. Questa ipotesi semplifica la tattazione, ma non implica che lo spin non sia impotante nei pocessi di diffusione. 6. Gli effetti di coeenza ta le onde delle diffeenti paticelle diffuse sono tascuabili, quindi non consideiamo tutta una classe di fenomeni impotanti, quali, pe esempio, la diffusione di aggi X da cistalli diffazione di Bagg). Onde di diffusione stazionaie Consideiamo una paticella incidente di massa idotta) m, enegia cinetica E > ed impulso p = h k. La sezione d uto diffeenziale puó essee calcolata in funzione delle soluzioni ψ k ) dell equazione stazionaia di Schödinge [ ] p H ψ k ) = m + V ) ψ k ) = E ψ k ) 9) il cui compotamento all infinito all infinito è della foma ψ k ) e i k + f k Ω) eik Non cecheemo di dimostae la foma dell eq.), che chiameemo onda stazionaia di diffusione, ma daemo solo degli agomenti di plausibilità pe la foma scelta. Pe giustificae l eq.), notiamo che: )

3 si ha denota il laplaciano) ) [ + k ] eik = ) Siccome la diffusione è in geneale anisotopa moltiplichiamo il temine e ik / pe una funzione dell angolo f k Ω) = f k θ, φ). L eq.) diventa [ + k ] f k θ, φ) eik Ricodiamo che in coodinate sfeiche il laplaciano si scive = ) + sin θ = + O/ 3 ) ) sin θ ) + θ θ sin θ ϕ 3) pe l ipotesi fatta sull andamento del potenziale all infinito, l eq.9), pe molto gande, si scive [ + k ] ψ k ) = 4) Quindi l espessione scitta nell eq.) soddisfa asintoticamente l eq.9). Nell eq.) appaiono due temini: il pimo puó essee intepetato come l onda piana incidente ed il secondo appesenta un onda sfeica di densità f k Ω) / avente oigine all oigine. Dalla definizione geneale di coente di Schödinge Im denota la pate immaginaia) j = h im ψ ψ ψ ψ ) = h m Imψ ψ) 5) la coente incidente j in è data da, sostituendo nella definizione eq.5) il pimo temine dell eq.), j in = h im Ψ Ψ Ψ Ψ ) = h im e i k e i k e i k e i k ) = h k m dove Ψ è la soluzione dell equazione di Schödinge libea ed è intepetabile come un fascio di paticelle incidente di impulso h k e di densità. NOTA - Abbiamo usato ψ ) = e i k ma in effetti Ψ andebbe appesentata da un pacchetto d onda nomalizzato Ψ ) = con a k ) centata intono al valoe k = k. π) 3/ 3 6) 7) d 3 k e i k a k ) 8)

4 La densità di coente dell onda diffusa j nella diezione e, che si calcola inseendo nella definizione eq.5) il secondo temine dell eq.), è j = h m Im f k e ik = hk m f k Ω) ) f k eik 9) ed è intepetabile come il fascio di paticelle diffuse adialmente. In accodo con questa intepetazione, espimendo la sezione d uto diffeenziale in temini della densità di coente di Schödinge si ha, essendo il numeo di paticelle incidenti pe unità di tempo flusso incidente) N in = j in e k ) ed il numeo di paticelle ilevate nell unità di tempo nella supeficie infinitesima ds = dω nella diezione Ω dnω) = j dω ) dσ dω = σω) = f kω) ) fω) è chiamata ampiezza di diffusione. Calcolando la coente della funzione d onda eq.), olte a i due temini j in e j, appae un temine di intefeenza ta il e i k ) ed il temine f k Ω) e ik /). Abbiamo tascuato questo temine pechè nella tattazione con il pacchetto d onda le espessioni coispondenti al pacchetto incidente ed al pacchetto diffuso ilevato sono non nulle in egioni spaziali divese, se consideiamo i ivelatoi posti in una diezione con θ >. Sebbene il secondo temine dell eq.) dipenda anche da θ, φ), non abbiamo peso in conto le componenti della coente neile diezioni e θ e e φ pechè sono tascuabili ispetto a j, nel limite. Infatti si ha, essendo ) θ = θ ) φ = sin θ φ 3) j θ = hk m j φ = hk m Im 3 3 sin θ Im f k θ, φ) θ f kθ, φ) ) fk θ, φ) ) φ f kθ, φ) 4) 4

5 3 Decomposizione in onde paziali Nel seguito supponiamo che il fascio incidente sia dietto lungo l asse z, quindi k = k cos θ. Con questa ipotesi, essendo il potenziale centale, il poblema della diffusione diventa un poblema a simmetia cilindica lungo l asse z) e quindi possiamo eliminae la dipendenza dall angolo φ. Quindi l ampiezza di diffusione dipende solo dall angolo θ e da k. Nel seguito non sciviamo esplicitamente la dipendenza da k o da k in quanto consideiamo pocessi di diffusione ad enegia fissata. Pe la completezza dei polinomi di Legende si ha fθ) = l= f l P l cos θ) 5) Utilizzando lo sviluppo di un onda piana in amoniche sfeiche, che, pe la configuazione scelta, è uno sviluppo in temini dei polinomi di Legende, vedi Appendice A, l eq.) si scive e i k = e ik cos θ = e ikz = l + ) i l j l k) P l cos θ) 6) l= ψ ) l + ) i l e ik ) j l k) + f l P l cos θ) 7) l= Inseendo nell eq.7) lo sviluppo asintotico delle funzioni di Bessel j l k) j l k) k dove abbiamo usato si ha ψ ) l sink lπ/) k = eik lπ/) e ik lπ/) ik = i)l e ik i) l e ik ik 8) e ±ilπ/ = ±i) l 9) [ ) ] l+ l + l + ) ik e ik + ik + f l e ik P l cos θ) 3) Con la scelta degli assi fatti, possiamo scivee ψ ) = ψ, θ) ed, espandendo in seie di polinomi di Legende y l ) ψ, θ) = P l cos θ) 3) l= dove y l ) sono le soluzioni che si annullano all oigine y l = ) = ) dell equazione adiale di Schödinge [ )] d d + ll + ) ε U) y l ) = 3) con ε = m h E m U) = V ) 33) h Pe l eq.3) si iduce [ ] d d + k y l ) = 34) 5

6 La soluzione geneale dell eq.34) è y l ) = a l sink β l ) 35) Siccome il compotamento asintotico della soluzione dell eq.3) pe la paticella libea è espimibile in temini della funzione di Bessel conviene iscivee l eq.59) nella foma j l k) sink lπ/) k y l ) = a l sink lπ/+δ l ) = a l e ik lπ/+δ l) e ik lπ/+δ l)) i = a l i) l e ik+iδ l i) l e ik δ l i dove δ l, chiamato sfasamento nell onda di momento angolae l, ha la popietà:δ l se V ) =. La conoscenza degli sfasamenti pemette di calcolae l ampiezza di diffusione. Infatti, inseendo l eq.37) nell eq.3), dal confonto con l eq.3) si deduce 36) 37) a l = i) l l + e iδ l k f l = l + e iδ l sin δ l 38) k L eq.38), coispondente al coefficiente di e ik ell eq.3), si deiva utilizzando la pima espessione dell eq.38) l + ik + f l = i)l a l e δl) f l = l + i ik eiδ l ) 39) Sostituendo l eq.38) questa espessione nell eq.5) si ottiene fθ) = k l + ) e iδ l sin δ l P l cos θ) = a l i) l P l cos θ) 4) l= l= La sezione d uto diffeenziale si tova, vedi eq.), calcolando il modulo quado di fθ) data dall eq.4) dσ dω = l + )l + ) e iδ l e iδ l sin δ k l sin δ l P l cos θ) P l cos θ) 4) l,l Integando sull angolo solido, usando le elazioni di otonomalità dei Polinomi di Legende, eq.54) pe la sezione d uto totale si ottiene la seguente espessione σ tot = 4π k l + ) sin δ l = σ l 4) l= l= dove σ l = 4π k l + ) sin δ l 43) appesenta il contibuto alla sezione d uto dell onda di momento angolae l sin δ l σ l 4π l + ) 44) k 6

7 Il valoe massimo di σ l si ha pe δ l = n + )π sin δ l = 45) Nell eq.4) la sezione d uto totale è espessa come una somma infinita di sezioni d uto paziali σ l. In patica la seie si puó limitae ad una somma su un numeo finito di l pechè le onde paziali con alti valoi di l non contibuiscono alla sezione di diffusione non isentendo degli effetti del potenziale. Questo si deduce dall andamento nelle vicinanze dell oigine, =, della densità di pobabilità adiale, data pe il modulo quado della pate adiale della funzione di momento angolae l, cioè j l k). In effetti il compotamento all oigine della funzione di Bessel è n+)!! = n+)) j l ρ) ρ ρ l l + )!! j l k) k) l l + )!! 46) quindi la pobabilità vicino all oigine decesce al cescee di l. Tale effetto è la taduzione quantistico di un analogo effetto classico. Infatti, se si considea la diffusione classica di una paticella di impulso p e paameto d impatto b il paameto d impatto è la distanza minima della paticella incidente dal cento diffusoe), la paticella ha momento angolae l = pb. Al cescee del momento angolae la paticella si tovano ad una distanza b dal cento diffusoe e, quindi, isente di meno o pe niente dell effetto dell inteazione. Dall eq.4) possiamo dedue l andamento in θ della sezione d uto diffenziale tipico dell onda paziale che domina il pocesso di diffusione. In tal modo si puó fittae la sezione d uto speimentale in funzione di un numeo finito di paameti. Si ha Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l = onda S), cioè f l =, l, quindi la sezione d uto non dipende da θ, cioè è isotopa, dσ dω = k sin δ 47) Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l = onda P), cioè f l =, l, quindi la sezione d uto dipende dal quadato di θ. dσ dω = 9 k sin δ cos θ 48) Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l =, onda S e P), cioè f l =, l., dσ dω = k A + B cos θ + C cos θ) A = sin δ B = 6 sin δ sin δ cosδ δ ) C = 9 sin δ 49) Se δ, sviluppando in seie cos δ e sin δ a meno di temini in δ si ha dσ dω k sin δ + 3δ sin δ cos θ) 5) 7

8 4 Rappesentazione integale degli sfasamenti Consideiamo l equazione adiale di Schödinge pe due potenziali divesi V ) e V ) elativi a paticella di stessa enegia [ )] d d + ll + ) ε U ) y,l ) = 5) [ d d + ε U ) )] ll + ) y,l ) = 5) Moltiplichiamo l eq.5) l eq.5)) pe y,l ) ispettivamente pe y,l )) e sottaendo la seconda equazione dalla pima, si ha, denotando con l apice la deivata ispetto a : d d [y,l)y,l ) y,l ) y,l )] = y,l ) U ) U )) y,l ) 53) Integando il lato sinisto dell eq.53) ta e ed usando la condizione y i,l = ) =, i =,, condizione che deve essee soddisfatta in quanto le y i,l ) sono soluzioni dell equazione adiale di Schödinge, e il compotamento asintotico delle funzioni y,l ) e y,l ), vedi eq.35), si ottiene d d [y,l)y,l ) y,l ) y,l )] d = y,l )y,l ) y,l ) y,l )] = lim R k [sinkr l/π + δ,l ) coskr l/π + δ,l ) coskr l/π + δ,l ) sinkr l/π + δ,l )] = lim R k sinkr l/π kr + l/π + δ,l δ,l ) = k sin δ,l δ,l ) 54) Integando il lato desto dell eq.53) ed uguagliando all eq.54) si ottiene sin δ,l δ,l ) = k y,l ) U ) U )) y,l ) d 55) Questa equazione vale qualunque siano i potenziali V ) e V ), puchè soddisfino le condizioni eq.) ed eq.). In paticolae se V ) =, quindi δ,l = e y,l ) = kj l k), l eq.55) si ottiene l equazione integale pe lo sfasamento sin δ l = j l k)u)y,l ) d 56) Se assumiamo che U ) U ) = U) sia piccolo = δ,l δ,l = δ l << ) e y,l ) y,l ) = y l ), sviluppando sin δ,l δ,l ) in seie, l eq.55) diventa δ l = k U)y l ) d 57) Se U) ha lo stesso segno pe tutto i valoi di ne segue che la vaiazione δ l ha il segno opposto. Questo ci pemette di imuovee l ambiguità nella definizione di δ l che, come ogni fase, è definita a meno di πn. Infatti facendo vaiae U) con continuità da ad un valoe U) δ l vaia da ad un ceto valoe δ l. Inolte se U) è epulsivo attattivo) pe ogni valoe di deduciamo che δ l è, ispettivamente, negativo e positivo. L espessione in paentesi quada viene chiamata il Wonskiano di y,l ), y,l ) ed è, di solito, denotata come W y.l ), y,l )). 8

9 5 Diffusione da potenziale a ange finito Studiamo in dettaglio il caso di diffusione da potenziale V ) a ange finito V ) a V ) = > a 58) In questo caso l equazione adiale di Schödinge eq.3) si scive L eq.6) ammette come soluzione [ )] d d + k ll + ) U) y l ) = a 59) [ )] d d + k ll + ) y l ) = > a 6) y l k) = B l k j l k) + C l k n l k) 6) dove j l k) e n l k) denotano ispettivamente le funzioni di Bessel di pimo e secondo tipo funzioni di Neumann) il cui compotamento asintotico è dato dall eq.36) e da L eq.6) asintoticamente si scive n l k) k cosk lπ/) k 6) y l k) k sink lπ/ + δ l ) 63) dove si è posto a l = nell eq.35) e B l = cos δ l e C l = sin δ l. Si noti che il compotamento asintotico dell eq.6) è tipico del compotamento asintotico della soluzione dell equazione adiale di Schödinge, vedi eq.35). L eq.56) in questo caso diventa a sin δ l = j l k)u)y l ) d 64) Nell eq.64) appae la funzione incognita y l ) soluzione dell eq.59). In geneale, non siamo in gado di calcolae la soluzione esatta dell eq.59), ma possiamo calcolane una soluzione appossimata, vedi la Sez. 6. Talvolta è conveniente paametizzae lo sfasamento in funzione della deivata logaitmica 3 della soluzione dell equazione adiale di Schödinge. Indichiamo con yl I ) e yl II ) ispettivamente la soluzione dell eq.59) e dell eq.6). Pe la continuità della funzione d onda e della sua deivata le deivate logaitmiche delle due funzioni, calcolate pe = a, devono essee uguali pe comodità di calcolo, come si vedà, si è inseito il fattoe costante a) q I l k) a yi l a) y I l a) = a yii l a) y II a) l q II l k) 65) Il segno di C l dipende dalla convenzione sul segno della funzione n l k). 3 dfx) Pe deivata logaitmica della funzione fx) si denota il appoto fx) dx 9

10 Esempio - Consideiamo il potenziale V ) = V a V ) = > a 66) In questo caso il poblema è esattamente isolubile peché l eq.59) diventa la cui soluzione è [ d d + k )] ll + ) y l ) = k me + V ) = h = ε + U 67) y l ) = A l k j l k) a 68) Facciamo il calcolo in dettaglio pe la diffusione in onda S l = ). Ricodiamo che j ρ) = sin ρ ρ n ρ) = cos ρ ρ 69) Ne segue che ρ = k) q I = k a cot k a 7) La soluzione dell equazione eq.6) si scive, usando l eq.6) pe l =, e B = a cos δ e C = a sin δ pe l = y Il ) = a sink + δ ) 7) Quindi si ha q II = ka cotka + δ ) 7) Nel caso che stiamo consideando, uguagliando la soluzione e la sua deivata pima nella egione I e nella egione II pe = a, la soluzione esatta è, a meno della costante abitaia a non deteminabile non essendo la funzione y) nomalizzabile, y) = a k sin k < a k + k cos k a y) = a sink + δ ) > a 73) Uguagliando l eq.4) e l eq.7) si tova Quindi k a tanka + δ ) = ka tan ka 74) δ = actan tan ka k k ka 75) Nel limite k = k = mv / h = k e l eq.75) diventa ) ) δ k k tan k a a k 76)

11 Quindi la sezione d uto diffeenziale in onda S diventa σ ) = k sin δ k δ = tan k a a) 77) k Studiamo in più dettaglio la diffusione a bassa enegia. Espandiamo tan ka in seie di Taylo in k consideando anche il pimo temine in k tan ka = tana k + k) ak = tan k a + k cos k a ) L eq.75) diventa, tascuando potenze in k di odine supeioe a k nello sviluppo di k, { k δ actan Ricodiamo lo sviluppo in seie di k k k ) [ tan k a + ak ]} ka 79) k cos k a tan x x + x ) actan x x x ) Se k a << possiamo sviluppae tan k a al pimo odine e l eq.79) diventa, tascuando i temini di odine supeioe a k 3, δ actan [ ka k3 a k + ak 3 ] ka 8) k cos k a Sviluppando actan ai pimi due odine e consevando solo i temini di odine k 3 l eq.8) diventa δ k 3 a k cos k a k ) a 3 Pe studiae la vaiazione dello sfasamento δ in funzione dell enegia della paticella incidente, isciviamo l eq.75) usando l eq.4) ) ka δ = actan ka 84) q I, eq.4), è una funzione decescente dell enegia e vaia molto velocemente intono ai valoi ka nπ. La diffeenza di enegia E ta due asintoti vicini o ta due zei vicini) e, supponendo k << k, q I ) k nπ = ak + k + ) ) k k n + )π = ak + k + ) k k k k k π = a k k ) = E h k k ) πv k m k a 83) 85)

12 Pe studiae la vaiazione di q I con l enegia con uno sviluppo in seie, calcoliamo la deivata dq I de = ma cot ka h ) ka sin ka 86) Dall eq.84) si vede che il massimo valoe dello sfasamento si ha pe q I ka n + )π/. Definiamo l enegia di isonanza E il valoe dell enegia E tale che ka n + )π/. Si ha ] q I = E=E dq I ] = ma de E=E h 87) Facendo uno sviluppo di Taylo di q I al pimo odine in E intono a E si ha Usando le identità q I ma h E E ) 88) tanα + β) = tan α + tan β tan α tan β 89) e la definizione l eq.74) assume la foma dove e iδ = + i tan δ i tan δ i tan δ = + eiδ e iδ 9) i tan ka = + e iξ e iξ e iδ = e iξ qi + ika q I ika E E e iξ E E iγ E E + iγ Γ = k h 93) ma In un esempio specifico, abbiamo visto le caatteistiche della diffusione di isonanza ed intodotto la paametizzazione alla Beit-Wigne. Pe paticelle quantistiche e potenziali che vanno a zeo pe come n n > ) possiamo deteminae un valoe di = a tale che il potenziale puó essee consideato nullo pe valoi > a. Infatti se consideiamo una paticella descitta da un pacchetto d onda di indeteminazione localizzata nel punto, dobbiamo ichiedee <<. Le elazioni di indeteminazione ta e p sono p h/. L enegia cinetica della paticella soddisfa le seguenti disuguaglianze E cin p m h 8m >> Se consideiamo un potenziale V ) = C n, esiste un punto a tale che 9) 9) h m = Ê 94) V a) = Ê = C a n = h ma a = ) C m n h 95)

13 Pe > a l enegia cinetica della paticella è sicuamente molto maggioe dell enegia potenziale E cin >> V )) e quindi possiamo consideae tascuabile l effetto del potenziale. 6 Appossimazione di Bon pe gli sfasamenti Pe potenziali non toppo intensi, possiamo fae uno sviluppo della funzione y l ) che appae nell equazione integale eq.64) y l ) j l k) + OV ) 96) in cui il pimo temine odine zeo nel potenziale) è la soluzione pe V = ed i temini successivi dipendono dal potenziale. L appossimazione di Bon consiste nel sostituie nell eq.64) la funzione y l ) con la sua funzione all odine zeo, cioè j l k) sin δ l = mk h V ) j l k) d 97) L eq.) è un integale in quanto nel lato desto non appae più la funzione y l ) = fδ l ). Dall eq.) si deduce che, pe potenziali con segno definito pe ogni valoe di, lo sfasamento δ l, in appossimazione di Bon, è negativo pe potenziali epulsivi V ) > ) e positivo pe potenziali attattivi V ) < ). Esempio - Come esempio calcoliamo in appossimazione di Bon la sezione d uto diffeenziale pe l onda l = onda S) pe il potenziale L eq.) si scive V ) = V e α, V costante 98) sin δ = V mk h = V m h k = V m h kα e α j k) d e α sin k) d ) + k/α) 99) Calcolo dell integale che appae nel lato desto dell equazione pecedente e α sin k) d = /4 [ e α e ik + e α e ik ] d = 4 [ + ] α ik α+ik α = ) α α+8k /α Studiamo l espessione eq.) nei limiti di bassa ed alta enegia α α + 4k /α k/α α [ k α )] = α k α ) 3

14 α α + 4k /α k/α α ) α k α ) Inseendo l espessione di δ nell eq.38) pe l = si tova pe k >> α f = ) m k sin δ = V h 3) k α Quindi la sezione d uto totale, nell ipotesi che il contibuto in onda S sia il solo ilevante alla diffusione, è dall eqs.4)-43) σ tot = σ = 4π k sin δ = 4π ) m k V 4 h 4) α Esempio - Come esempio calcoliamo in appossimazione di Bon la sezione d uto diffeenziale pe l onda l = onda S) pe la buca di potenziale L eq.) si scive V ) = V a V = > a 5) sin δ = V mk h = V m h k = V m h k = V m h k a a a j k) d sin k) d cos k) d ] [ a sin ka 4k 6) Studiamo l espessione eq.6) nei limiti di bassa enegia ka [ m a sin δ ka V h k a ] + ka)3 mka 3 = V 4k3! 3 h 7) quindi 7 Teoema Ottico f θ) = k sin δ = V ma 3 3 h 8) Pendendo la pate immaginaia Im) dell eq.4) pe θ =, essendo P l cos θ = ) =, si ha Im f) = l + ) sin δ l = k k 4π k σ tot 9) l= dove abbiamo usato l eq.4). Tale espessione è chiamata teoema ottico e collega la sezione d uto totale elastica alla pate immaginaia dell ampiezza di diffusione nella diezione θ = ). Si noti che in questa elazione la sezione d uto fisicamente misuabile è collegata alla pate immaginaia di fθ ), anche se nella diezione avanti l ampiezza di diffusione non è misuabile in quanto in tale diezione toviamo la maggio pate di paticelle non diffuse. Il teoema ottico è una conseguenza della consevazione della densità di pobabilità e nella sua dimostazione dobbiamo pendee in conto, nel calcolo della coente di densità di pobabilità, l intefeenza ta coente incidente e la coente diffusa, temine che abbiamo tascuato nel calcolo in Sezione. 4

15 8 Equazione integale pe l ampiezza di diffusione L equazione stazionaia di Schödinge eq.9) può essee tasfomata in un equazione integale con l uso della funzione di Geen e la funzione d onda di diffusione, cioé il secondo temine dell eq.) soddisfa l equazione integale ψ S ) = m 4π h d 3 V ) eik ψ ) ) dove abbiamo usato l espessione della funzione di Geen icavata in Appendice B. Ricodiamo che α angolo ta e ) = + cos α = = Se = nβ, γ) e = n β, γ ) si ha l= ) / + cos α >> e ) l l+ P lcos α) > ) ) cos α = cos β cos β + sin β sin β cosγ γ ) 3) e, usando il cosidetto teoema di somma delle amoniche sfeiche, P l cos α) = 4π l + l m= l Y lm β, γ)y lmβ, γ ) 4) Consideando >>, pendendo il temine l = dell eq.), possiamo sostituie nell eq.) e ik e ik e ik cos θ 5) dove θ è l angolo ta k e. ψ S ) = m e ik 4π h d 3 V ) e ik cos θ ψ ) 6) 9 Appossimazione di Bon pe l ampiezza di diffusione Nell appossimazione di Bon sostituiamo nell eq.6) la funzione d onda con la funzione d onda libea cioé con l onda piana. Sia ψ S ) = m 4π h d 3 V ) eik ei k 7) Pe calcolae l eq.7) consideiamo che, posizione del ivelatoe, è molto più gande dei valoi di che danno un contibuto non tascuabile all integale a causa della pesenza di V ) che all infinito va a zeo apidamente) quindi possiamo usae l eq.5) e toviamo ψ S ) == eik m 4π h d 3 V ) e ik e e i k ) 5 = eik fθ) 8)

16 dove fθ) = m 4π h d 3 V ) e i k k) 9) con k = k e. Integando sull angolo solido l eq.9) si ottiene fθ) = m h q V ) sin q d ) q = k k k = k q = k sin θ/ ) Si noti che fθ) calcolata con l eq.) è eale, mente, pe il teoema ottico sappiamo che fθ) deve essee complessa. Esempio - Calcoliamo l ampiezza di diffusione in appossimazione di Bon pe la buca di potenziale eq.66). L eq.) diventa fθ) = m V a h q sin q d ) Calcolo l integale a a Quindi Pe k si ha sin q d = fθ) k mv h q ] a cos q + q q fθ) = mv h q a q a 3 3! Confontae l equazione pecedente con l eq.8). cos qa a sin qa cos q d = + 3) q q ) sin qa a cos qa q a + a q a )... Oq 4 )! 4) = mv a 3 3 h 5) Esempio - Calcoliamo l ampiezza di diffusione in appossimazione di Bon pe il potenziale L eq.) diventa Calcolo l integale i V ) = C e λ fθ) = m h e λ e iq e iq) d = i C q λ > 6) e λ sin q d 7) e λ+iq) ] λ + iq i e λ+iq) ] = λ iq q λ + q 8) Quindi mc fθ) = h 9) λ + q ) Se C = Z ez e e consideo il limite λ toviamo l ampiezza di diffusione pe scatteing coulombiano fθ) = mz Z e h = dσ q dω = Z Z e ) 6 E sin 4 3) θ/ 6

17 Appossimazione di Bon pe la diffusione da potenziale elettostatico Nel calcolo, in appossimazione di Bon, dell ampiezza di diffusione podotta da un potenziale geneato da una distibuzione di caica conviene usae la seguente identità. Poposizione: Sia V ) il potenziale elettostatic geneato dalla densità di caica finita ρ), cioè soluzione dell equazione di Poisson V ) = 4πρ) 3) si ha V ) sin q d = d ) V ) sin q d 3) q d Pova: Pe l eq.9) l ampiezza di diffusione pe un potenziale elettostatico, schemato con un temine alla Yukawa, può essee scitta: fθ) = m 4π h d 3 V ) e i q m 4π h d 3 V ) e i q e λ m 4π h I 33) Nell integale I intoduco le tasfomate di Fouie e λ = d 3 t F π) 3 λ t) e i t 34) V ) = d 3 z V z) e i z 35) π) 3 L integale I del lato desto dell eq.3) diventa I = d 3 e i q π) 3 Inseendo l eq.35) nell eq.3) si ottiene π) 3 d 3 z V z) e i z = π) 3 d 3 t F λ t) e i t π) 3 d 3 z V z) e i z 36) d 3 z z V z) e i z = 4πρ) 37) Moltiplicando l equazione pecedente pe e i z ed integando in d 3 si ottiene d 3 d 3 z z V z) e i z z) = d 3 z z V z) δ z π) z) = z V z ) 3 = 4π d 3 ρ) e i z V z) = 4π d 3 ρ) e i z 38) z Inseendo la pecedente espessione nell eq.36) si ottiene I = d 3 e i q π) 3 d 3 t F λ t) e i t π) 3 d 3 z 4π z d 3 ρ ) e i z e i z 39) Integando in d 3 si ottiene I = π) 3 d 3 t F λ t) d 3 z 4π z d 3 ρ ) e i z δ q t z) 4) 7

18 integando in d 3 z si ottiene I = π) 3 d 3 t F λ t) 4π q t d 3 ρ ) e i q t) 4) L integale in d 3 è ben definito qualunque sia il valoe di q e t, quindi posso fae il limite λ F λ t) π) 3 δ t) e otteniamo I = 4π d 3 ρ ) e i q 4) q Inseendo l eq.4) nell eq.33), nel limite λ, si ottiene: fθ) = m h q d 3 ρ) e i q = m h 4π q 3 ρ) sin q d 43) che è l eq.3), ossevando che, pe una distibuzione di caica ρ) a simmetia sfeica, scivendo il laplaciano in coodinate sfeiche si ha Lunghezza di diffusione d V ) d = 4π ρ) 44) Pe una laga classe di potenziali, a bassa enegia, la diffusione in onda S, l =, da il contibuto dominante alla sezione d uto che quindi saà isotopa. Definiamo la lunghezza di diffusione scatteing length) 4 a = lim k δ k) k lim k f k) lim k fk) 45) dove abbiamo usato l eq.38) e l eq.4) e lo sviluppo in seie al pimo odine in δ di e iδ sin δ. La scelta del segno è convenzionale. Possiamo calcolae la lunghezza di diffusione usando l appossimazione di Bon pe l ampiezza eq.), e sostituendo sin q q q, otteniamo a m h V ) d = m π h d 3 V ) 46) A bassa enegia la sezione d uto totale elastica è deteminata dalla lunghezza di diffusione Diffusione di paticelle identiche σ T ot k 4πa 47) Se consideiamo un pocesso di diffusione di due paticelle non identiche nel sistema del cento di massa CM) ed i ivelatoi non sono in gado di distinguee le paticelle la pobabilità che un ivelatoe posto nella diezione θ iveli una paticella nell unità di tempo è dato da Iθ) = fθ) + fπ θ). 4 tan δ In alcuni testi la lunghezza di diffusione è definita come a = lim k) sin δ k k o a = lim k) k k. Questa definizioni sono equivalenti ta di loo ed equivalente a quella data sopa pe δ <<. 8

19 Se le paticelle sono identiche la funzione d onda del sistema deve essee simmetica pe paticelle di spin inteo bosoni) o anti-simmetica pe paticelle di spin semi-inteo femioni).nel CM la funzione d onda Ψ pe la diffusione di due paticelle di spin S si scive, asintoticamente Ψ = { e i k ± e i k + eik [fθ) ± fπ θ)] } χ spin 48) dove il segno ± nella pima espessione dve essee scelto in modo che tenendo conto della simmetia della funzione di spin χ spin la funzione d onda Ψ abbia la coetta popietà di simmetia. La sezione d uto diffeenziale saà data da σθ) = fθ) ± fπ θ)] 49) Lo spin totale S t del sistema è compeso ta e S. Dalla composizione dei momenti angolai sappiamo che gli stati di S t = S, S, S 4,... sono simmetici mente gli stati con S t = S, S 3, S 5,... sono anti-simmetici. Si ha La somma degli stati da il coetto numeo di stati totale S + ). Pe bosoni quando χ spin è simmetica anti-simmetica) la pima espessione nell eq.48) deve essee simmetica ispettivamente anti-simmetica), mente pe i femioni avviene il contaio. Se quindi consideiamo la ivelazione di paticelle bosoniche non polaizzate dobbiamo sommae l espessione data dall eq.49) con il segno + moltiplicata pe la fazione di stati di χ spin simmetici e con il segno - pe la fazione di stati di χ spin anti-simmetici ed il contaio pe paticelle femioniche Iθ) = S + S + fθ) + fπ θ)] + S fθ) fπ θ)] S + = fθ) + fπ θ)] + S + Re[fθ)f π θ)] Bosoni 5) Iθ) = S + S + fθ) fπ θ)] + S fθ) + fπ θ)] S + = fθ) + fπ θ)] S + Re[fθ)f π θ)] Femioni 5) 9

20 A Sviluppo di onde piana Ricaviamo l eq.6). L equazione libea di Schödinge in 3 dimensioni ammette come autofunzioni non nomalizzabili) coispondenti all enegia E = hk) /m, scivendo il laplaciano in coodinate catesiane, le onde piane e i k o, scivendo il laplaciano in coodinate sfeiche, il podotto delle funzioni di Bessel di pimo tipo pe le amoniche sfeiche j l k) Y lm θ, ϕ). Di conseguenza, pe la completezza delle autofunzioni, è possibile espandee le onde piane in temini delle soluzioni in ccodinate sfeiche e i k = c lm j l k) Y lm θ, ϕ) 5) lm Nel caso in cui k è dietto lungo l asse z si ha k = k cos θ, non c è dipendenza dall angolo ϕ e l eq.5) diventa e i k = e ik cos θ = l c l j l k) Y l θ) = l c l l + 4π j lk) P l cos θ) 53) Deteminiamo i coefficienti numeici c l. Moltiplicando l eq.53) a sinista pe P l cos θ) ed integando su cos θ, utilizzando la otogonalità dei polinomi di Legende + P l cos θ)p l cos θ) d cos θ = l + δ ll 54) si ottiene + c l πl + ) j lk) = P l cos θ) e ik cos θ d cos θ 55) Il coefficiente numeico c l non dipende da, quindi pe calcolalo possiamo consideae il limite e pendee il temine dominante nello sviluppo asintotico. Ricodiamo che. dove abbiamo usato l identità j l k) k k)l l + )!! = k)l l + )! l l! 56) l + )! = l + )!!l)!! = l + )!! l! l 57). cos θ) k = l k A l P l cos θ) 58) Usando l espessione dei polinomi di Legende P l cos θ) = )l d l sin l θ = )l d l cos θ) l 59) l l! d cos θ l l l! d cos θ l si icava facilmente il coefficiente della potenza più alta in cos θ P l cos θ) = )l ) l l! cos l d l x l θ + si icodi = l! ) 6) l l! l! dx l l! quindi A k = k k! k! k! 6)

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA

FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA FONDAMENTI DI MECCANICA QUANTISTICA Appunti raccolti nel Dipartimento di Fisica dell Università La Sapienza di Roma a cura di Stefano Patrì. Indirizzo e-mail dell autore: seriegeo@yahoo.it 5 ottobre 008

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

2m (con L = 0, 1, 2,...)

2m (con L = 0, 1, 2,...) Capitolo 2 Proprietà elettromagnetiche dei nuclei Spin e momento magnetico del nucleo: generalità Se una carica e si muove di moto circolare uniforme, per esempio un elettrone attorno ad un nucleo, esiste

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Lo sviluppo dei modelli atomici da Thomson alla fisica quantistica. Lavoro di maturità

Lo sviluppo dei modelli atomici da Thomson alla fisica quantistica. Lavoro di maturità Liceo cantonale di Locarno Lo sviluppo dei modelli atomici da Thomson alla fisica quantistica Lavoro di maturità Marco Tognetti 007-008 Professori responsabili: Boffa Gianni e Ferrari Christian Indice

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo Paolo Cavallo 10 marzo 2004 Sommario Si riassume una strategia per la presentazione dei principi della meccanica quantistica

Dettagli