Elementi della teoria della diffusione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi della teoria della diffusione"

Transcript

1 Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni, fotoni, ecc.. Dallo studio della diffusione di paticelle alfa, emesse da sostanze adioattive, su un besaglio di oo Ruthefod fu in gado di scatae il modello atomico di Thompson nucleo costituito da una distibuzione estesa di caica positiva Ze contenente all inteno Z elettoni puntifomi) e di popoe il cosidetto modello planetaio dell atomo in cui la caica positiva è concentata all oigine e gli elettoni uotano intono. Uno studio igooso dovebbe consideae il pacchetto d onda, descivente la paticella incidente, di dimensioni finite e gandi ispetto alle dimensione della zona in cui gli effetti del inteazione con il besaglio sono ilevanti, ma piccole ispetto alle alte dimensioni spaziale es. la distanza ta besaglio e ivelatoe). Pe semplicità studiamo la diffusione consideando gli autostati dell equazione di Schödinge pe il potenziale centale V ), limitandoci solo a qualche ossevazione sulla tattazione in temini di pacchetti d onda. Consideiamo solo la diffusione da potenziale centale V ) con la condizione all infinito V ) ε ε > ) Inolte ichiediamo che l eventuale singolaità di V ) all oigine sia del tipo V ) +ε ε > ) Abbiamo già visto nello studio degli stati legati dell atomo di idogeno come un pocesso di inteazione a due copi, quindi descitto da un potenziale V dove i denota la posizione della i ma paticella di massa m i i =, ) puó essee icondotto allo studio di una paticella di massa idotta m m = m + m 3) in pesenza di un potenziale centale V ) con =. Sezione d uto di diffusione La sezione d uto diffeenziale denotata con dσ/dω σω) σθ, φ)) è definita come il numeo di paticelle diffuse, pe unità di tempo, nell elemento di angolo solido dω = sin θdθdφ nella diezione θ, φ) diviso pe il numeo di paticelle incidenti, pe unità di tempo, N in ) pe cm dσ dω = dnω) N in dω 4) dove dnω) indica il numeo di paticelle diffuse nell elemento di angolo solido dω. La sezione d uto totale si ottiene integando la sezione d uto diffeenziale su tutto l angolo solido dσ π π σ tot = dω dω = σθ, φ) sin θdθdφ 5) La sezione d uto ha le dimensioni di una supeficie e l unità di misua usata è il ban ban = 4 cm 6)

2 La sezione d uto diffeenziale dipende dal sistema di ifeimento in cui si considea il pocesso di diffusione. Di solito si usano il sistema del laboatoio, σ LAB Ω), in cui la paticella besaglio è supposta inizialmente fema. ed il sistema del cento massa, σ CM Ω ), in cui la quantità di moto totale è nulla. La elazione ta le due sezioni d uto è data da dω [ dω = σ LAB Ω) = σ CM Ω ) dω dω + τ cos θ + τ cos θ + τ ) 3/ Si assume che le seguenti condizioni sono soddisfatte:. Le paticelle del fascio non inteagiscono ta di loo fasci non intensi). 7) ] τ = m m 8). Nella definizione della sezione d uto abbiamo implicitamente fatto l ipotesi che una paticella incidente sia diffusa da un solo cento diffusoe. Questo ichiede che la distanza ta i centi diffusoi sia maggioe del aggio in cui gli effetti del cento diffusoe sulle paticelle incidenti sono sensibili e che il besaglio sia sottile, in modo che la diffusione multipla sia tascuabile. 3. Consideiamo uti elastici che implica consevazione dell enegia cinetica della paticella incidente, quindi la collisione non eccita livelli inteni nel besaglio. Comunque il concetto di sezione d uto non è limitato al coso di uti elastici. 4. La sogente del fascio incidente ed i ivelatoi siano poste a distanza tali che le paticelle possono essee consideate libee al momento dell emissione e della ivelazione. 5. Le paticelle incidenti e le paticelle del besaglio non hanno spin. Questa ipotesi semplifica la tattazione, ma non implica che lo spin non sia impotante nei pocessi di diffusione. 6. Gli effetti di coeenza ta le onde delle diffeenti paticelle diffuse sono tascuabili, quindi non consideiamo tutta una classe di fenomeni impotanti, quali, pe esempio, la diffusione di aggi X da cistalli diffazione di Bagg). Onde di diffusione stazionaie Consideiamo una paticella incidente di massa idotta) m, enegia cinetica E > ed impulso p = h k. La sezione d uto diffeenziale puó essee calcolata in funzione delle soluzioni ψ k ) dell equazione stazionaia di Schödinge [ ] p H ψ k ) = m + V ) ψ k ) = E ψ k ) 9) il cui compotamento all infinito all infinito è della foma ψ k ) e i k + f k Ω) eik Non cecheemo di dimostae la foma dell eq.), che chiameemo onda stazionaia di diffusione, ma daemo solo degli agomenti di plausibilità pe la foma scelta. Pe giustificae l eq.), notiamo che: )

3 si ha denota il laplaciano) ) [ + k ] eik = ) Siccome la diffusione è in geneale anisotopa moltiplichiamo il temine e ik / pe una funzione dell angolo f k Ω) = f k θ, φ). L eq.) diventa [ + k ] f k θ, φ) eik Ricodiamo che in coodinate sfeiche il laplaciano si scive = ) + sin θ = + O/ 3 ) ) sin θ ) + θ θ sin θ ϕ 3) pe l ipotesi fatta sull andamento del potenziale all infinito, l eq.9), pe molto gande, si scive [ + k ] ψ k ) = 4) Quindi l espessione scitta nell eq.) soddisfa asintoticamente l eq.9). Nell eq.) appaiono due temini: il pimo puó essee intepetato come l onda piana incidente ed il secondo appesenta un onda sfeica di densità f k Ω) / avente oigine all oigine. Dalla definizione geneale di coente di Schödinge Im denota la pate immaginaia) j = h im ψ ψ ψ ψ ) = h m Imψ ψ) 5) la coente incidente j in è data da, sostituendo nella definizione eq.5) il pimo temine dell eq.), j in = h im Ψ Ψ Ψ Ψ ) = h im e i k e i k e i k e i k ) = h k m dove Ψ è la soluzione dell equazione di Schödinge libea ed è intepetabile come un fascio di paticelle incidente di impulso h k e di densità. NOTA - Abbiamo usato ψ ) = e i k ma in effetti Ψ andebbe appesentata da un pacchetto d onda nomalizzato Ψ ) = con a k ) centata intono al valoe k = k. π) 3/ 3 6) 7) d 3 k e i k a k ) 8)

4 La densità di coente dell onda diffusa j nella diezione e, che si calcola inseendo nella definizione eq.5) il secondo temine dell eq.), è j = h m Im f k e ik = hk m f k Ω) ) f k eik 9) ed è intepetabile come il fascio di paticelle diffuse adialmente. In accodo con questa intepetazione, espimendo la sezione d uto diffeenziale in temini della densità di coente di Schödinge si ha, essendo il numeo di paticelle incidenti pe unità di tempo flusso incidente) N in = j in e k ) ed il numeo di paticelle ilevate nell unità di tempo nella supeficie infinitesima ds = dω nella diezione Ω dnω) = j dω ) dσ dω = σω) = f kω) ) fω) è chiamata ampiezza di diffusione. Calcolando la coente della funzione d onda eq.), olte a i due temini j in e j, appae un temine di intefeenza ta il e i k ) ed il temine f k Ω) e ik /). Abbiamo tascuato questo temine pechè nella tattazione con il pacchetto d onda le espessioni coispondenti al pacchetto incidente ed al pacchetto diffuso ilevato sono non nulle in egioni spaziali divese, se consideiamo i ivelatoi posti in una diezione con θ >. Sebbene il secondo temine dell eq.) dipenda anche da θ, φ), non abbiamo peso in conto le componenti della coente neile diezioni e θ e e φ pechè sono tascuabili ispetto a j, nel limite. Infatti si ha, essendo ) θ = θ ) φ = sin θ φ 3) j θ = hk m j φ = hk m Im 3 3 sin θ Im f k θ, φ) θ f kθ, φ) ) fk θ, φ) ) φ f kθ, φ) 4) 4

5 3 Decomposizione in onde paziali Nel seguito supponiamo che il fascio incidente sia dietto lungo l asse z, quindi k = k cos θ. Con questa ipotesi, essendo il potenziale centale, il poblema della diffusione diventa un poblema a simmetia cilindica lungo l asse z) e quindi possiamo eliminae la dipendenza dall angolo φ. Quindi l ampiezza di diffusione dipende solo dall angolo θ e da k. Nel seguito non sciviamo esplicitamente la dipendenza da k o da k in quanto consideiamo pocessi di diffusione ad enegia fissata. Pe la completezza dei polinomi di Legende si ha fθ) = l= f l P l cos θ) 5) Utilizzando lo sviluppo di un onda piana in amoniche sfeiche, che, pe la configuazione scelta, è uno sviluppo in temini dei polinomi di Legende, vedi Appendice A, l eq.) si scive e i k = e ik cos θ = e ikz = l + ) i l j l k) P l cos θ) 6) l= ψ ) l + ) i l e ik ) j l k) + f l P l cos θ) 7) l= Inseendo nell eq.7) lo sviluppo asintotico delle funzioni di Bessel j l k) j l k) k dove abbiamo usato si ha ψ ) l sink lπ/) k = eik lπ/) e ik lπ/) ik = i)l e ik i) l e ik ik 8) e ±ilπ/ = ±i) l 9) [ ) ] l+ l + l + ) ik e ik + ik + f l e ik P l cos θ) 3) Con la scelta degli assi fatti, possiamo scivee ψ ) = ψ, θ) ed, espandendo in seie di polinomi di Legende y l ) ψ, θ) = P l cos θ) 3) l= dove y l ) sono le soluzioni che si annullano all oigine y l = ) = ) dell equazione adiale di Schödinge [ )] d d + ll + ) ε U) y l ) = 3) con ε = m h E m U) = V ) 33) h Pe l eq.3) si iduce [ ] d d + k y l ) = 34) 5

6 La soluzione geneale dell eq.34) è y l ) = a l sink β l ) 35) Siccome il compotamento asintotico della soluzione dell eq.3) pe la paticella libea è espimibile in temini della funzione di Bessel conviene iscivee l eq.59) nella foma j l k) sink lπ/) k y l ) = a l sink lπ/+δ l ) = a l e ik lπ/+δ l) e ik lπ/+δ l)) i = a l i) l e ik+iδ l i) l e ik δ l i dove δ l, chiamato sfasamento nell onda di momento angolae l, ha la popietà:δ l se V ) =. La conoscenza degli sfasamenti pemette di calcolae l ampiezza di diffusione. Infatti, inseendo l eq.37) nell eq.3), dal confonto con l eq.3) si deduce 36) 37) a l = i) l l + e iδ l k f l = l + e iδ l sin δ l 38) k L eq.38), coispondente al coefficiente di e ik ell eq.3), si deiva utilizzando la pima espessione dell eq.38) l + ik + f l = i)l a l e δl) f l = l + i ik eiδ l ) 39) Sostituendo l eq.38) questa espessione nell eq.5) si ottiene fθ) = k l + ) e iδ l sin δ l P l cos θ) = a l i) l P l cos θ) 4) l= l= La sezione d uto diffeenziale si tova, vedi eq.), calcolando il modulo quado di fθ) data dall eq.4) dσ dω = l + )l + ) e iδ l e iδ l sin δ k l sin δ l P l cos θ) P l cos θ) 4) l,l Integando sull angolo solido, usando le elazioni di otonomalità dei Polinomi di Legende, eq.54) pe la sezione d uto totale si ottiene la seguente espessione σ tot = 4π k l + ) sin δ l = σ l 4) l= l= dove σ l = 4π k l + ) sin δ l 43) appesenta il contibuto alla sezione d uto dell onda di momento angolae l sin δ l σ l 4π l + ) 44) k 6

7 Il valoe massimo di σ l si ha pe δ l = n + )π sin δ l = 45) Nell eq.4) la sezione d uto totale è espessa come una somma infinita di sezioni d uto paziali σ l. In patica la seie si puó limitae ad una somma su un numeo finito di l pechè le onde paziali con alti valoi di l non contibuiscono alla sezione di diffusione non isentendo degli effetti del potenziale. Questo si deduce dall andamento nelle vicinanze dell oigine, =, della densità di pobabilità adiale, data pe il modulo quado della pate adiale della funzione di momento angolae l, cioè j l k). In effetti il compotamento all oigine della funzione di Bessel è n+)!! = n+)) j l ρ) ρ ρ l l + )!! j l k) k) l l + )!! 46) quindi la pobabilità vicino all oigine decesce al cescee di l. Tale effetto è la taduzione quantistico di un analogo effetto classico. Infatti, se si considea la diffusione classica di una paticella di impulso p e paameto d impatto b il paameto d impatto è la distanza minima della paticella incidente dal cento diffusoe), la paticella ha momento angolae l = pb. Al cescee del momento angolae la paticella si tovano ad una distanza b dal cento diffusoe e, quindi, isente di meno o pe niente dell effetto dell inteazione. Dall eq.4) possiamo dedue l andamento in θ della sezione d uto diffenziale tipico dell onda paziale che domina il pocesso di diffusione. In tal modo si puó fittae la sezione d uto speimentale in funzione di un numeo finito di paameti. Si ha Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l = onda S), cioè f l =, l, quindi la sezione d uto non dipende da θ, cioè è isotopa, dσ dω = k sin δ 47) Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l = onda P), cioè f l =, l, quindi la sezione d uto dipende dal quadato di θ. dσ dω = 9 k sin δ cos θ 48) Se il pocesso di diffusione è dominato dal temine con l =, onda S e P), cioè f l =, l., dσ dω = k A + B cos θ + C cos θ) A = sin δ B = 6 sin δ sin δ cosδ δ ) C = 9 sin δ 49) Se δ, sviluppando in seie cos δ e sin δ a meno di temini in δ si ha dσ dω k sin δ + 3δ sin δ cos θ) 5) 7

8 4 Rappesentazione integale degli sfasamenti Consideiamo l equazione adiale di Schödinge pe due potenziali divesi V ) e V ) elativi a paticella di stessa enegia [ )] d d + ll + ) ε U ) y,l ) = 5) [ d d + ε U ) )] ll + ) y,l ) = 5) Moltiplichiamo l eq.5) l eq.5)) pe y,l ) ispettivamente pe y,l )) e sottaendo la seconda equazione dalla pima, si ha, denotando con l apice la deivata ispetto a : d d [y,l)y,l ) y,l ) y,l )] = y,l ) U ) U )) y,l ) 53) Integando il lato sinisto dell eq.53) ta e ed usando la condizione y i,l = ) =, i =,, condizione che deve essee soddisfatta in quanto le y i,l ) sono soluzioni dell equazione adiale di Schödinge, e il compotamento asintotico delle funzioni y,l ) e y,l ), vedi eq.35), si ottiene d d [y,l)y,l ) y,l ) y,l )] d = y,l )y,l ) y,l ) y,l )] = lim R k [sinkr l/π + δ,l ) coskr l/π + δ,l ) coskr l/π + δ,l ) sinkr l/π + δ,l )] = lim R k sinkr l/π kr + l/π + δ,l δ,l ) = k sin δ,l δ,l ) 54) Integando il lato desto dell eq.53) ed uguagliando all eq.54) si ottiene sin δ,l δ,l ) = k y,l ) U ) U )) y,l ) d 55) Questa equazione vale qualunque siano i potenziali V ) e V ), puchè soddisfino le condizioni eq.) ed eq.). In paticolae se V ) =, quindi δ,l = e y,l ) = kj l k), l eq.55) si ottiene l equazione integale pe lo sfasamento sin δ l = j l k)u)y,l ) d 56) Se assumiamo che U ) U ) = U) sia piccolo = δ,l δ,l = δ l << ) e y,l ) y,l ) = y l ), sviluppando sin δ,l δ,l ) in seie, l eq.55) diventa δ l = k U)y l ) d 57) Se U) ha lo stesso segno pe tutto i valoi di ne segue che la vaiazione δ l ha il segno opposto. Questo ci pemette di imuovee l ambiguità nella definizione di δ l che, come ogni fase, è definita a meno di πn. Infatti facendo vaiae U) con continuità da ad un valoe U) δ l vaia da ad un ceto valoe δ l. Inolte se U) è epulsivo attattivo) pe ogni valoe di deduciamo che δ l è, ispettivamente, negativo e positivo. L espessione in paentesi quada viene chiamata il Wonskiano di y,l ), y,l ) ed è, di solito, denotata come W y.l ), y,l )). 8

9 5 Diffusione da potenziale a ange finito Studiamo in dettaglio il caso di diffusione da potenziale V ) a ange finito V ) a V ) = > a 58) In questo caso l equazione adiale di Schödinge eq.3) si scive L eq.6) ammette come soluzione [ )] d d + k ll + ) U) y l ) = a 59) [ )] d d + k ll + ) y l ) = > a 6) y l k) = B l k j l k) + C l k n l k) 6) dove j l k) e n l k) denotano ispettivamente le funzioni di Bessel di pimo e secondo tipo funzioni di Neumann) il cui compotamento asintotico è dato dall eq.36) e da L eq.6) asintoticamente si scive n l k) k cosk lπ/) k 6) y l k) k sink lπ/ + δ l ) 63) dove si è posto a l = nell eq.35) e B l = cos δ l e C l = sin δ l. Si noti che il compotamento asintotico dell eq.6) è tipico del compotamento asintotico della soluzione dell equazione adiale di Schödinge, vedi eq.35). L eq.56) in questo caso diventa a sin δ l = j l k)u)y l ) d 64) Nell eq.64) appae la funzione incognita y l ) soluzione dell eq.59). In geneale, non siamo in gado di calcolae la soluzione esatta dell eq.59), ma possiamo calcolane una soluzione appossimata, vedi la Sez. 6. Talvolta è conveniente paametizzae lo sfasamento in funzione della deivata logaitmica 3 della soluzione dell equazione adiale di Schödinge. Indichiamo con yl I ) e yl II ) ispettivamente la soluzione dell eq.59) e dell eq.6). Pe la continuità della funzione d onda e della sua deivata le deivate logaitmiche delle due funzioni, calcolate pe = a, devono essee uguali pe comodità di calcolo, come si vedà, si è inseito il fattoe costante a) q I l k) a yi l a) y I l a) = a yii l a) y II a) l q II l k) 65) Il segno di C l dipende dalla convenzione sul segno della funzione n l k). 3 dfx) Pe deivata logaitmica della funzione fx) si denota il appoto fx) dx 9

10 Esempio - Consideiamo il potenziale V ) = V a V ) = > a 66) In questo caso il poblema è esattamente isolubile peché l eq.59) diventa la cui soluzione è [ d d + k )] ll + ) y l ) = k me + V ) = h = ε + U 67) y l ) = A l k j l k) a 68) Facciamo il calcolo in dettaglio pe la diffusione in onda S l = ). Ricodiamo che j ρ) = sin ρ ρ n ρ) = cos ρ ρ 69) Ne segue che ρ = k) q I = k a cot k a 7) La soluzione dell equazione eq.6) si scive, usando l eq.6) pe l =, e B = a cos δ e C = a sin δ pe l = y Il ) = a sink + δ ) 7) Quindi si ha q II = ka cotka + δ ) 7) Nel caso che stiamo consideando, uguagliando la soluzione e la sua deivata pima nella egione I e nella egione II pe = a, la soluzione esatta è, a meno della costante abitaia a non deteminabile non essendo la funzione y) nomalizzabile, y) = a k sin k < a k + k cos k a y) = a sink + δ ) > a 73) Uguagliando l eq.4) e l eq.7) si tova Quindi k a tanka + δ ) = ka tan ka 74) δ = actan tan ka k k ka 75) Nel limite k = k = mv / h = k e l eq.75) diventa ) ) δ k k tan k a a k 76)

11 Quindi la sezione d uto diffeenziale in onda S diventa σ ) = k sin δ k δ = tan k a a) 77) k Studiamo in più dettaglio la diffusione a bassa enegia. Espandiamo tan ka in seie di Taylo in k consideando anche il pimo temine in k tan ka = tana k + k) ak = tan k a + k cos k a ) L eq.75) diventa, tascuando potenze in k di odine supeioe a k nello sviluppo di k, { k δ actan Ricodiamo lo sviluppo in seie di k k k ) [ tan k a + ak ]} ka 79) k cos k a tan x x + x ) actan x x x ) Se k a << possiamo sviluppae tan k a al pimo odine e l eq.79) diventa, tascuando i temini di odine supeioe a k 3, δ actan [ ka k3 a k + ak 3 ] ka 8) k cos k a Sviluppando actan ai pimi due odine e consevando solo i temini di odine k 3 l eq.8) diventa δ k 3 a k cos k a k ) a 3 Pe studiae la vaiazione dello sfasamento δ in funzione dell enegia della paticella incidente, isciviamo l eq.75) usando l eq.4) ) ka δ = actan ka 84) q I, eq.4), è una funzione decescente dell enegia e vaia molto velocemente intono ai valoi ka nπ. La diffeenza di enegia E ta due asintoti vicini o ta due zei vicini) e, supponendo k << k, q I ) k nπ = ak + k + ) ) k k n + )π = ak + k + ) k k k k k π = a k k ) = E h k k ) πv k m k a 83) 85)

12 Pe studiae la vaiazione di q I con l enegia con uno sviluppo in seie, calcoliamo la deivata dq I de = ma cot ka h ) ka sin ka 86) Dall eq.84) si vede che il massimo valoe dello sfasamento si ha pe q I ka n + )π/. Definiamo l enegia di isonanza E il valoe dell enegia E tale che ka n + )π/. Si ha ] q I = E=E dq I ] = ma de E=E h 87) Facendo uno sviluppo di Taylo di q I al pimo odine in E intono a E si ha Usando le identità q I ma h E E ) 88) tanα + β) = tan α + tan β tan α tan β 89) e la definizione l eq.74) assume la foma dove e iδ = + i tan δ i tan δ i tan δ = + eiδ e iδ 9) i tan ka = + e iξ e iξ e iδ = e iξ qi + ika q I ika E E e iξ E E iγ E E + iγ Γ = k h 93) ma In un esempio specifico, abbiamo visto le caatteistiche della diffusione di isonanza ed intodotto la paametizzazione alla Beit-Wigne. Pe paticelle quantistiche e potenziali che vanno a zeo pe come n n > ) possiamo deteminae un valoe di = a tale che il potenziale puó essee consideato nullo pe valoi > a. Infatti se consideiamo una paticella descitta da un pacchetto d onda di indeteminazione localizzata nel punto, dobbiamo ichiedee <<. Le elazioni di indeteminazione ta e p sono p h/. L enegia cinetica della paticella soddisfa le seguenti disuguaglianze E cin p m h 8m >> Se consideiamo un potenziale V ) = C n, esiste un punto a tale che 9) 9) h m = Ê 94) V a) = Ê = C a n = h ma a = ) C m n h 95)

13 Pe > a l enegia cinetica della paticella è sicuamente molto maggioe dell enegia potenziale E cin >> V )) e quindi possiamo consideae tascuabile l effetto del potenziale. 6 Appossimazione di Bon pe gli sfasamenti Pe potenziali non toppo intensi, possiamo fae uno sviluppo della funzione y l ) che appae nell equazione integale eq.64) y l ) j l k) + OV ) 96) in cui il pimo temine odine zeo nel potenziale) è la soluzione pe V = ed i temini successivi dipendono dal potenziale. L appossimazione di Bon consiste nel sostituie nell eq.64) la funzione y l ) con la sua funzione all odine zeo, cioè j l k) sin δ l = mk h V ) j l k) d 97) L eq.) è un integale in quanto nel lato desto non appae più la funzione y l ) = fδ l ). Dall eq.) si deduce che, pe potenziali con segno definito pe ogni valoe di, lo sfasamento δ l, in appossimazione di Bon, è negativo pe potenziali epulsivi V ) > ) e positivo pe potenziali attattivi V ) < ). Esempio - Come esempio calcoliamo in appossimazione di Bon la sezione d uto diffeenziale pe l onda l = onda S) pe il potenziale L eq.) si scive V ) = V e α, V costante 98) sin δ = V mk h = V m h k = V m h kα e α j k) d e α sin k) d ) + k/α) 99) Calcolo dell integale che appae nel lato desto dell equazione pecedente e α sin k) d = /4 [ e α e ik + e α e ik ] d = 4 [ + ] α ik α+ik α = ) α α+8k /α Studiamo l espessione eq.) nei limiti di bassa ed alta enegia α α + 4k /α k/α α [ k α )] = α k α ) 3

14 α α + 4k /α k/α α ) α k α ) Inseendo l espessione di δ nell eq.38) pe l = si tova pe k >> α f = ) m k sin δ = V h 3) k α Quindi la sezione d uto totale, nell ipotesi che il contibuto in onda S sia il solo ilevante alla diffusione, è dall eqs.4)-43) σ tot = σ = 4π k sin δ = 4π ) m k V 4 h 4) α Esempio - Come esempio calcoliamo in appossimazione di Bon la sezione d uto diffeenziale pe l onda l = onda S) pe la buca di potenziale L eq.) si scive V ) = V a V = > a 5) sin δ = V mk h = V m h k = V m h k = V m h k a a a j k) d sin k) d cos k) d ] [ a sin ka 4k 6) Studiamo l espessione eq.6) nei limiti di bassa enegia ka [ m a sin δ ka V h k a ] + ka)3 mka 3 = V 4k3! 3 h 7) quindi 7 Teoema Ottico f θ) = k sin δ = V ma 3 3 h 8) Pendendo la pate immaginaia Im) dell eq.4) pe θ =, essendo P l cos θ = ) =, si ha Im f) = l + ) sin δ l = k k 4π k σ tot 9) l= dove abbiamo usato l eq.4). Tale espessione è chiamata teoema ottico e collega la sezione d uto totale elastica alla pate immaginaia dell ampiezza di diffusione nella diezione θ = ). Si noti che in questa elazione la sezione d uto fisicamente misuabile è collegata alla pate immaginaia di fθ ), anche se nella diezione avanti l ampiezza di diffusione non è misuabile in quanto in tale diezione toviamo la maggio pate di paticelle non diffuse. Il teoema ottico è una conseguenza della consevazione della densità di pobabilità e nella sua dimostazione dobbiamo pendee in conto, nel calcolo della coente di densità di pobabilità, l intefeenza ta coente incidente e la coente diffusa, temine che abbiamo tascuato nel calcolo in Sezione. 4

15 8 Equazione integale pe l ampiezza di diffusione L equazione stazionaia di Schödinge eq.9) può essee tasfomata in un equazione integale con l uso della funzione di Geen e la funzione d onda di diffusione, cioé il secondo temine dell eq.) soddisfa l equazione integale ψ S ) = m 4π h d 3 V ) eik ψ ) ) dove abbiamo usato l espessione della funzione di Geen icavata in Appendice B. Ricodiamo che α angolo ta e ) = + cos α = = Se = nβ, γ) e = n β, γ ) si ha l= ) / + cos α >> e ) l l+ P lcos α) > ) ) cos α = cos β cos β + sin β sin β cosγ γ ) 3) e, usando il cosidetto teoema di somma delle amoniche sfeiche, P l cos α) = 4π l + l m= l Y lm β, γ)y lmβ, γ ) 4) Consideando >>, pendendo il temine l = dell eq.), possiamo sostituie nell eq.) e ik e ik e ik cos θ 5) dove θ è l angolo ta k e. ψ S ) = m e ik 4π h d 3 V ) e ik cos θ ψ ) 6) 9 Appossimazione di Bon pe l ampiezza di diffusione Nell appossimazione di Bon sostituiamo nell eq.6) la funzione d onda con la funzione d onda libea cioé con l onda piana. Sia ψ S ) = m 4π h d 3 V ) eik ei k 7) Pe calcolae l eq.7) consideiamo che, posizione del ivelatoe, è molto più gande dei valoi di che danno un contibuto non tascuabile all integale a causa della pesenza di V ) che all infinito va a zeo apidamente) quindi possiamo usae l eq.5) e toviamo ψ S ) == eik m 4π h d 3 V ) e ik e e i k ) 5 = eik fθ) 8)

16 dove fθ) = m 4π h d 3 V ) e i k k) 9) con k = k e. Integando sull angolo solido l eq.9) si ottiene fθ) = m h q V ) sin q d ) q = k k k = k q = k sin θ/ ) Si noti che fθ) calcolata con l eq.) è eale, mente, pe il teoema ottico sappiamo che fθ) deve essee complessa. Esempio - Calcoliamo l ampiezza di diffusione in appossimazione di Bon pe la buca di potenziale eq.66). L eq.) diventa fθ) = m V a h q sin q d ) Calcolo l integale a a Quindi Pe k si ha sin q d = fθ) k mv h q ] a cos q + q q fθ) = mv h q a q a 3 3! Confontae l equazione pecedente con l eq.8). cos qa a sin qa cos q d = + 3) q q ) sin qa a cos qa q a + a q a )... Oq 4 )! 4) = mv a 3 3 h 5) Esempio - Calcoliamo l ampiezza di diffusione in appossimazione di Bon pe il potenziale L eq.) diventa Calcolo l integale i V ) = C e λ fθ) = m h e λ e iq e iq) d = i C q λ > 6) e λ sin q d 7) e λ+iq) ] λ + iq i e λ+iq) ] = λ iq q λ + q 8) Quindi mc fθ) = h 9) λ + q ) Se C = Z ez e e consideo il limite λ toviamo l ampiezza di diffusione pe scatteing coulombiano fθ) = mz Z e h = dσ q dω = Z Z e ) 6 E sin 4 3) θ/ 6

17 Appossimazione di Bon pe la diffusione da potenziale elettostatico Nel calcolo, in appossimazione di Bon, dell ampiezza di diffusione podotta da un potenziale geneato da una distibuzione di caica conviene usae la seguente identità. Poposizione: Sia V ) il potenziale elettostatic geneato dalla densità di caica finita ρ), cioè soluzione dell equazione di Poisson V ) = 4πρ) 3) si ha V ) sin q d = d ) V ) sin q d 3) q d Pova: Pe l eq.9) l ampiezza di diffusione pe un potenziale elettostatico, schemato con un temine alla Yukawa, può essee scitta: fθ) = m 4π h d 3 V ) e i q m 4π h d 3 V ) e i q e λ m 4π h I 33) Nell integale I intoduco le tasfomate di Fouie e λ = d 3 t F π) 3 λ t) e i t 34) V ) = d 3 z V z) e i z 35) π) 3 L integale I del lato desto dell eq.3) diventa I = d 3 e i q π) 3 Inseendo l eq.35) nell eq.3) si ottiene π) 3 d 3 z V z) e i z = π) 3 d 3 t F λ t) e i t π) 3 d 3 z V z) e i z 36) d 3 z z V z) e i z = 4πρ) 37) Moltiplicando l equazione pecedente pe e i z ed integando in d 3 si ottiene d 3 d 3 z z V z) e i z z) = d 3 z z V z) δ z π) z) = z V z ) 3 = 4π d 3 ρ) e i z V z) = 4π d 3 ρ) e i z 38) z Inseendo la pecedente espessione nell eq.36) si ottiene I = d 3 e i q π) 3 d 3 t F λ t) e i t π) 3 d 3 z 4π z d 3 ρ ) e i z e i z 39) Integando in d 3 si ottiene I = π) 3 d 3 t F λ t) d 3 z 4π z d 3 ρ ) e i z δ q t z) 4) 7

18 integando in d 3 z si ottiene I = π) 3 d 3 t F λ t) 4π q t d 3 ρ ) e i q t) 4) L integale in d 3 è ben definito qualunque sia il valoe di q e t, quindi posso fae il limite λ F λ t) π) 3 δ t) e otteniamo I = 4π d 3 ρ ) e i q 4) q Inseendo l eq.4) nell eq.33), nel limite λ, si ottiene: fθ) = m h q d 3 ρ) e i q = m h 4π q 3 ρ) sin q d 43) che è l eq.3), ossevando che, pe una distibuzione di caica ρ) a simmetia sfeica, scivendo il laplaciano in coodinate sfeiche si ha Lunghezza di diffusione d V ) d = 4π ρ) 44) Pe una laga classe di potenziali, a bassa enegia, la diffusione in onda S, l =, da il contibuto dominante alla sezione d uto che quindi saà isotopa. Definiamo la lunghezza di diffusione scatteing length) 4 a = lim k δ k) k lim k f k) lim k fk) 45) dove abbiamo usato l eq.38) e l eq.4) e lo sviluppo in seie al pimo odine in δ di e iδ sin δ. La scelta del segno è convenzionale. Possiamo calcolae la lunghezza di diffusione usando l appossimazione di Bon pe l ampiezza eq.), e sostituendo sin q q q, otteniamo a m h V ) d = m π h d 3 V ) 46) A bassa enegia la sezione d uto totale elastica è deteminata dalla lunghezza di diffusione Diffusione di paticelle identiche σ T ot k 4πa 47) Se consideiamo un pocesso di diffusione di due paticelle non identiche nel sistema del cento di massa CM) ed i ivelatoi non sono in gado di distinguee le paticelle la pobabilità che un ivelatoe posto nella diezione θ iveli una paticella nell unità di tempo è dato da Iθ) = fθ) + fπ θ). 4 tan δ In alcuni testi la lunghezza di diffusione è definita come a = lim k) sin δ k k o a = lim k) k k. Questa definizioni sono equivalenti ta di loo ed equivalente a quella data sopa pe δ <<. 8

19 Se le paticelle sono identiche la funzione d onda del sistema deve essee simmetica pe paticelle di spin inteo bosoni) o anti-simmetica pe paticelle di spin semi-inteo femioni).nel CM la funzione d onda Ψ pe la diffusione di due paticelle di spin S si scive, asintoticamente Ψ = { e i k ± e i k + eik [fθ) ± fπ θ)] } χ spin 48) dove il segno ± nella pima espessione dve essee scelto in modo che tenendo conto della simmetia della funzione di spin χ spin la funzione d onda Ψ abbia la coetta popietà di simmetia. La sezione d uto diffeenziale saà data da σθ) = fθ) ± fπ θ)] 49) Lo spin totale S t del sistema è compeso ta e S. Dalla composizione dei momenti angolai sappiamo che gli stati di S t = S, S, S 4,... sono simmetici mente gli stati con S t = S, S 3, S 5,... sono anti-simmetici. Si ha La somma degli stati da il coetto numeo di stati totale S + ). Pe bosoni quando χ spin è simmetica anti-simmetica) la pima espessione nell eq.48) deve essee simmetica ispettivamente anti-simmetica), mente pe i femioni avviene il contaio. Se quindi consideiamo la ivelazione di paticelle bosoniche non polaizzate dobbiamo sommae l espessione data dall eq.49) con il segno + moltiplicata pe la fazione di stati di χ spin simmetici e con il segno - pe la fazione di stati di χ spin anti-simmetici ed il contaio pe paticelle femioniche Iθ) = S + S + fθ) + fπ θ)] + S fθ) fπ θ)] S + = fθ) + fπ θ)] + S + Re[fθ)f π θ)] Bosoni 5) Iθ) = S + S + fθ) fπ θ)] + S fθ) + fπ θ)] S + = fθ) + fπ θ)] S + Re[fθ)f π θ)] Femioni 5) 9

20 A Sviluppo di onde piana Ricaviamo l eq.6). L equazione libea di Schödinge in 3 dimensioni ammette come autofunzioni non nomalizzabili) coispondenti all enegia E = hk) /m, scivendo il laplaciano in coodinate catesiane, le onde piane e i k o, scivendo il laplaciano in coodinate sfeiche, il podotto delle funzioni di Bessel di pimo tipo pe le amoniche sfeiche j l k) Y lm θ, ϕ). Di conseguenza, pe la completezza delle autofunzioni, è possibile espandee le onde piane in temini delle soluzioni in ccodinate sfeiche e i k = c lm j l k) Y lm θ, ϕ) 5) lm Nel caso in cui k è dietto lungo l asse z si ha k = k cos θ, non c è dipendenza dall angolo ϕ e l eq.5) diventa e i k = e ik cos θ = l c l j l k) Y l θ) = l c l l + 4π j lk) P l cos θ) 53) Deteminiamo i coefficienti numeici c l. Moltiplicando l eq.53) a sinista pe P l cos θ) ed integando su cos θ, utilizzando la otogonalità dei polinomi di Legende + P l cos θ)p l cos θ) d cos θ = l + δ ll 54) si ottiene + c l πl + ) j lk) = P l cos θ) e ik cos θ d cos θ 55) Il coefficiente numeico c l non dipende da, quindi pe calcolalo possiamo consideae il limite e pendee il temine dominante nello sviluppo asintotico. Ricodiamo che. dove abbiamo usato l identità j l k) k k)l l + )!! = k)l l + )! l l! 56) l + )! = l + )!!l)!! = l + )!! l! l 57). cos θ) k = l k A l P l cos θ) 58) Usando l espessione dei polinomi di Legende P l cos θ) = )l d l sin l θ = )l d l cos θ) l 59) l l! d cos θ l l l! d cos θ l si icava facilmente il coefficiente della potenza più alta in cos θ P l cos θ) = )l ) l l! cos l d l x l θ + si icodi = l! ) 6) l l! l! dx l l! quindi A k = k k! k! k! 6)

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI

V. SEPARAZIONE DELLE VARIABILI V SEPARAZIONE DEE VARIABII 1 Tasfomazioni Otogonali Sia u = u 1, u 2, u 3 una tasfomazione delle vaiabili in R 3, dove x = x 1, x 2, x 3 sono le coodinate catesiane, u j = u j x 1, x 2, x 3 j = 1, 2, 3

Dettagli

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario.

Il candidato risolva uno dei due problemi e 4 degli 8 quesiti scelti nel questionario. LICEO SCIENTIFICO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO (AMERICHE) SESSIONE ORDINARIA Il candidato isolva uno dei due poblemi e degli 8 quesiti scelti nel questionaio. N. De Rosa, La pova di matematica pe il liceo

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA

IL MOMENTO ANGOLARE E IL MOMENTO D INERZIA . L'IMPULS 0 DI MT IL MMENT NGLRE E IL MMENT D INERZI Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in otazione può continuae a giae

Dettagli

Energia potenziale e dinamica del punto materiale

Energia potenziale e dinamica del punto materiale Enegia potenziale e dinamica del punto mateiale Definizione geneale di enegia potenziale (facoltativo) In modo geneale, la definizione di enegia potenziale può esee pesentata come segue. Sia un punto di

Dettagli

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso

12 L energia e la quantità di moto - 12. L impulso L enegia e la quantità di moto -. L impulso Il momento angolae e il momento d inezia Il momento angolae nalizziamo alcuni moti di otazione. Se gli attiti sono tascuabili, una uota di bicicletta messa in

Dettagli

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM

CAPITOLO 11 La domanda aggregata II: applicare il modello IS-LM CPITOLO 11 La domanda aggegata II: applicae il modello - Domande di ipasso 1. La cuva di domanda aggegata appesenta la elazione invesa ta il livello dei pezzi e il livello del eddito nazionale. Nel capitolo

Dettagli

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM

CAPITOLO 10 La domanda aggregata I: il modello IS-LM CAPITOLO 10 La domanda aggegata I: il modello IS-LM Domande di ipasso 1. La coce keynesiana ci dice che la politica fiscale ha un effetto moltiplicato sul eddito. Infatti, secondo la funzione di consumo,

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica () (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI

SIMULAZIONE - 22 APRILE 2015 - QUESITI www.matefilia.it Assegnata la funzione y = f(x) = e x 8 SIMULAZIONE - APRILE 5 - QUESITI ) veificae che è invetibile; ) stabilie se la funzione invesa f è deivabile in ogni punto del suo dominio di definizione,

Dettagli

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi

FI.CO. 2. ...sempre più fico! ( Fisica Comprensibile per geologi) Programma di Fisica 2 - (v 5.0-2002) A.J. 2000 Adriano Nardi FI.CO. 2 ( Fisica Compensibile pe geologi) Pogamma di Fisica 2 - (v 5.0-2002)...sempe più fico! A.J. 2000 Adiano Nadi La fisica dovebbe essee una scienza esatta. Questo papio non può gaantie la totale

Dettagli

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico

Magnetostatica: forze magnetiche e campo magnetico Magnetostatica: foze magnetiche e campo magnetico Lezione 6 Campo di induzione magnetica B() (nomenclatua stoica ; in ealtà si dovebbe chiamae, e spesso lo è, campo magnetico) è un campo di foze vettoiale

Dettagli

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica

Investimento. 1 Scelte individuali. Micoreconomia classica Investimento L investimento è l aumento della dotazione di capitale fisico dell impesa. Viene effettuato pe aumentae la capacità poduttiva. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (5) L investimento In queste

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale

FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO. Dispositivo sperimentale FORZA AGENTE SU UN TRATTO DI FILO RETTILINEO 0 Dispositivo speimentale Consideiamo pe semplicità un campo magnetico unifome, le linee di foza sono paallele ed equidistanti. Si osseva una foza di oigine

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO 1 La siepe Sul eto di una villetta deve essee ealizzato un piccolo giadino ettangolae di m, ipaato da una siepe posta lungo il bodo Dato che un lato del giadino è occupato

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Teoia delle onde EM e popagazione (B. Peite) mecoledì 8 febbaio 1 Coso di Compatibilità Elettomagnetica 1 Indice degli agomenti Fenomeni ondulatoi La matematica dell onda La legge

Dettagli

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO

REALTÀ E MODELLI SCHEDA DI LAVORO REALTÀ E MDELLI SCHEDA DI LAVR La clessida ad acqua Ipotizziamo che la clessida ad acqua mostata in figua sia fomata da due coni pefetti sovapposti La clessida impiega,5 minuti pe svuotasi e supponiamo

Dettagli

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata

Potenziale elettrico per una carica puntiforme isolata Potenziale elettico pe una caica puntifome isolata Consideiamo una caica puntifome positiva. Il campo elettico geneato da uesta caica è: Diffeenza di potenziale elettico ta il punto ed il punto B: B ds

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 3 Ingegneria Gestionale-Informatica POTENZIALE ELETTRICO ED ENERGIA POTENZIALE PTNZIL LTTRIC D NRGI PTNZIL Ba. Una caica elettica q mc si tova nell oigine di un asse mente una caica negativa q 4 mc si tova nel punto di ascissa m. Sia Q il punto dell asse dove il campo elettico si

Dettagli

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale

Disequazioni. 21.1 Intervalli sulla retta reale Disequazioni 1 11 Intevalli sulla etta eale Definizione 11 Dati due numei eali a e b, con a < b, si chiamano intevalli, i seguenti sottoinsiemi di R: a, b) = {x R/a < x < b} intevallo limitato apeto, a

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

La carica elettrica. F.Soramel Fisica Generale II - A. A. 2 0 0 4 / 0 5 1

La carica elettrica. F.Soramel Fisica Generale II - A. A. 2 0 0 4 / 0 5 1 La caica elettica 8 H.C. Oested connessione ta eletticità e magnetismo M. Faday speimentale puo, non scive fomule 85 J.C. Maxwell fomalia le idee di Faaday I geci avevano ossevato che l amba (elekton)

Dettagli

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820.

La magnetostatica. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. Le conoscenze sul magnetismo fino al 1820. La magnetostatica Le nozioni appese acquisite nel coso dei secoli sui fenomeni magnetici fuono schematizzate elativamente tadi ispetto alle pime ossevazioni,

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione

Approfondimento 7.5 - Altri tipi di coefficienti di correlazione Appofondimento 7.5 - Alti tipi di coefficienti di coelazione Il coefficiente di coelazione tetacoico e policoico Nel 900 Peason si pose anche il poblema di come misuae la coelazione fa caatteistiche non

Dettagli

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo

4 Polarizzazione elettrica nel dominio del tempo 4 Polaizzazione elettica nel dominio del tempo Intoduzione Atomi, molecole e ioni sono talmente piccoli che da un punto di vista macoscopico una piccola egione di un solido contiene un numeo molto elevato

Dettagli

Legge di Coulomb e campo elettrostatico

Legge di Coulomb e campo elettrostatico A. hiodoni esecizi di Fisica II Legge di oulomb e campo elettostatico Esecizio Te caiche positive uguali sono fisse nei vetici di un tiangolo euilateo di lato l. alcolae (a) la foza elettica agente su

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod. 9200 N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di lettotecnica Coso di lettotecnica - Cod. 900 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed utomatica Polo Tecnologico di lessandia cua di Luca FRRRIS Scheda N Sistemi tifase:

Dettagli

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica

Cariche in campo magnetico: Forza magnetica Lezione 18 Campo magnetico I Stoicamente, i geci sapevano che avvicinando un pezzo di magnetite a della limatua di feo questa lo attaeva. La magnetite ea il pimo esempio noto di magnete pemanente. Come

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica

Politecnico di Milano. Dipartimento di Fisica. G. Valentini. Meccanica Politecnico di Milano Dipatimento di Fisica G. Valentini Meccanica I INDICE LA FISICA ED IL METODO SPERIMENTALE. INTRODUZIONE. IL METODO SPERIMENTALE GRANDEZZE FISICHE ED INDICI DI STATO 4. DEFINIZIONE

Dettagli

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione.

Antenne: generalità Nel caso di condizioni di campo lontano si possono individuare grandezze caratteristiche della radiazione. ntenne: genealità Dispositivo utilizzato pe iadiae o icevee in maniea efficace le onde e.m. ntenne tasmittenti e iceventi sono fomalmente simili (ecipocità). Esistono antenne adatte ed ottimizzate pe ceti

Dettagli

Classificazione delle linee di trasmissione

Classificazione delle linee di trasmissione Classificazione delle linee di tasmissione Linee TEM (Tansvese Electic Magnetic) Coassiale Bifilae (doppino) Stipline Linee quasi_tem Micostip Linee a due conduttoi con mezzo non unifome Linee non-tem

Dettagli

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE

GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del coso di Elaboazione di Immagini e Audio Digitali GEOMETRIA 3D MODELLO PINHOLE Pof. Robeto Vezzani Calibazione della telecamea: a cosa seve? Obiettivo: pote calcolae

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA

6 INDUZIONE ELETTROMAGNETICA 6 INDUZIONE ELETTOMAGNETIA Patendo dall ipotesi di simmetia dei fenomeni natuali pe cui se una coente esecita un influenza su di una calamita così una calamita deve pote modificae lo stato di una coente

Dettagli

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora

C8. Teoremi di Euclide e di Pitagora 8. Teoemi di uclide e di Pitagoa 8.1 igue equiscomponibili ue poligoni sono equiscomponibili se è possibile suddivideli nello stesso numeo di poligoni a due a due conguenti. Il ettangolo e il tiangolo

Dettagli

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1

Sistemi inerziali Forza centripeta e forze apparenti Forza gravitazionale. 03/11/2011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Foza centipeta e foze appaenti Foza gavitazionale 03/11/011 G. Pagnoni 1 Sistemi ineziali Sistema di ifeimento ineziale: un sistema in cui è valida la pima legge di Newton (I legge della

Dettagli

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO

4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO 4 IL CAMPO MAGNETICO STATICO Analogamente al caso dei fenomeni elettici anche i fenomeni magnetici eano noti sin dagli antichi geci i quali denominaono il mineale poveniente dalla egione di in Macedonia

Dettagli

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione

Manipolazione ottica in cristalli liquidi nematici: effetti non locali della riorientazione Univesità Politecnica delle Mache Scuola di Dottoato di Riceca in Scienze dell Ingegneia Cuiculum in Ingegneia dei Mateiali, delle Acque e dei Teeni ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va

CAPITOLO 3 Il reddito nazionale: da dove viene e dove va CAPITOLO Il eddito nazionale: da dove viene e dove va Domande di ipasso. I fattoi di poduzione e la tecnologia di poduzione deteminano il livello della poduzione aggegata di un sistema economico. I fattoi

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s

EX 1 Una cassa di massa m=15kg è ferma su una superficie orizzontale scabra. Il coefficiente di attrito statico è µ s STATICA EX Una cassa di massa m=5kg è fema su una supeficie oizzontale scaba. Il coefficiente di attito statico è µ s = 3. Supponendo che sulla cassa agisca una foza F fomante un angolo di 30 ispetto al

Dettagli

Polo Universitario della Spezia G. Marconi

Polo Universitario della Spezia G. Marconi Nicolò Beveini Appunti di Fisica pe il Coso di lauea in Infomatica Applicata Polo Univesitaio della Spezia G. Maconi Nicolò Beveini Appunti di fisica Indice 1. La misua delle gandezze fisiche... 4 1.1

Dettagli

La spesa per assistenza

La spesa per assistenza Obiettivo della lezione La spesa pe assistenza Studiae le motivazioni teoiche che cecano di spiegae gli inteventi di edistibuzione vei e popi (ad es. contasto della povetà) mediante stumenti monetai nell

Dettagli

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI

CORRENTI ELETTRICHE E CAMPI MAGNETICI STAZIONARI CORRENT ELETTRCHE E CAMP MAGNETC STAZONAR Foze magnetiche su una coente elettica; Coppia magnetica su una coente in un cicuito chiuso; Azioni meccaniche su dipoli magnetici; Applicazione (Galvanometo);

Dettagli

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte

FISICA-TECNICA Trasmissione del calore II parte FISICA-TECNICA Tasmissione del caloe II pate Katia Gallucci Geometie cilindiche Vediamo oa quando abbiamo paeti cilindiche: e i L Q ka Q e Q i kπl( Te Ti ) Q e i d dt d kπl kπldt e d Q kπl i kπl( T e Te

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria

Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Dipartimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agraria Univesità degli Studi della Tuscia di Vitebo Dipatimento di ecologia e sviluppo economico sostenibile Facoltà di Agaia Univesità degli Studi della Tuscia Dottoato di Riceca in Scienze Ambientali XIX Ciclo

Dettagli

Campo magnetico: fatti sperimentali

Campo magnetico: fatti sperimentali Campo magnetico: fatti speimentali Le popietà qualitative dei magneti e la pesenza di un campo magnetico teeste eano conosciute da tempo, ma le pime misue quantitative e le teoie e gli espeimenti pe deteminane

Dettagli

5. CAMBIO. 5.1. descrizione

5. CAMBIO. 5.1. descrizione ambio powe - shift 5. AMBIO 5.. descizione Tattasi di cambio meccanico a te velocità avanti e te velocità indieto, ealizzate mediante cinque iduttoi epicicloidali vaiamente collegati ta loo. Tutte le cinque

Dettagli

Grandezze cinematiche angolari (1)

Grandezze cinematiche angolari (1) Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. MOTO CIRCOLARE UNIFORME FISICA CdL Tecnologie Agoalimentai Uniesità degli Studi di Toino D.E.I.A.F.A. Genealità () Moto di un punto mateiale lungo una ciconfeenza

Dettagli

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione

Una non parabola: la catenaria con qualche cenno al calcolo della sua equazione franco ghione Quadeni di laboatoio 009 Una non paabola: la catenaia con qualche cenno al calcolo della sua equazione fanco ghione x y(x) = c ec + e " x c = c cosh( x c ) Una non paabola: la catenaia con qualche cenno

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare

5.1 Determinazione delle distanze dei corpi del Sistema Solare 5.1 Deteminazione delle distanze dei copi del istema olae 5.1.1 Distanza ea-pianeti aallassi equatoiali Questo è il metodo più peciso ma anche quello più delicato da eseguie. Esso si basa sul fatto che

Dettagli

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI

REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO DI COPPIA PER MOTORI ASINCRONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Dottoato di Riceca in Tecnologie dell Infomazione XXIV Ciclo Andea Rossi REALIZZAZIONE DIGITALE DI ALGORITMI DI CONTROLLO DIRETTO

Dettagli

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica

Materiale didattico. Organizzazione del modulo IL CALCOLO FINANZIARIARIO. Programma Struttura logica IL CALCOLO FINANZIARIARIO You do not eally undestand something unless you can explain it to you gandmothe (A.Einstein) Calcolo finanziaio Intoduzione Economia dell impesa foestale: Bilancio Pianificazione

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO

ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO Univesità degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Natuali Coso di lauea in Fisica ANALISI SPERIMENTALE E TEORICA DEL CARICAMENTO IN IDROGENO E DEUTERIO DI FILM DI PALLADIO (Codici

Dettagli

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it

GRANDEZZE MAGNETICHE Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org marco.chirizzi@libero.it Soenoide GRANDEZZE MAGNETICHE Pof. Chiizzi Maco www.eettone.atevista.og maco.chiizzi@ibeo.it PREMESSA La pesente dispensa ha come obiettivo queo di gaantie agi aievi de coso di Fisica de biennio, ad indiizzo

Dettagli

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica

ALMA Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna. Campi magnetici in astrofisica ALMA Mate Studioum Univesità degli Studi di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Coso di Lauea in Astonomia Dipatimento di Fisica e Astonomia Campi magnetici in astofisica Elaboato Finale Candidato: Filippo Scocca

Dettagli

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche

Operatori divergenza e rotore in coordinate cilindriche Opeatoi divegena e otoe Univesità di Roma To Vegata Pof. Ing. Paolo Sammaco Opeatoi divegena e otoe in coodinate cilindiche Dott. Ing. Macello Di Risio 1 Sistema di ifeimento Si assume il sistema di ifeimento

Dettagli

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali

Il criterio media varianza. Ordinamenti totali e parziali Il citeio media vaianza Il citeio media vaianza è un alto esemio di odinamento aziale ta lotteie definito da a M b se la lotteia b domina la lotteia a se ha media sueioe e vaianza infeioe a b eσ a σ b

Dettagli

Circuiti e componenti ottici

Circuiti e componenti ottici Coso di Lauea in Ingegneia delle elecomunicazioni Sede di Femo A.A. 4-5 Laboatoio di Cicuiti e componenti ottici Intefeometo, pincipio di funzionamento e applicazioni. Studente Giovanni Pelliccioni. Pe

Dettagli

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI

5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DEI MATERIALI 5 PROPRETÀ AGNETCE DE ATERAL A seguito della scopeta di Østed dell azione agnetica podotta da un filo conduttoe pecoso da coente l ipotesi più natuale che olti fisici avanzaono pe spiegae questo effetto

Dettagli

Fibre ottiche per Telecomunicazioni: propagazione

Fibre ottiche per Telecomunicazioni: propagazione P. Di Vita, V. Lisi, M. Giaconi, G. Vespasiano - Fibe ottiche pe Telecomunicazioni: popagazione Fibe ottiche pe Telecomunicazioni: popagazione P. Di Vita, V. Lisi, M. Giaconi, G. Vespasiano (*) Questo

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

LE ONDE ELETTROMAGNETICHE ASPETTI FISICO MATEMATICI 1

LE ONDE ELETTROMAGNETICHE ASPETTI FISICO MATEMATICI 1 LE ONDE ELETTROMGNETICHE SPETTI FISICO MTEMTICI 1 Maco ini, IFC-CNR, Fiene (Ital) 1 Le equaioni del campo elettomagnetico Il campo elettomagnetico (EM) è una foma di enegia che tae oigine dalle caiche

Dettagli

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI

IL CONTROLLO STATISTICO DEI PROCESSI IL CONTOLLO STATISTICO DEI POCESSI Il controllo statistico dei processi 1 CONTOLLO STATISTICO DEL POCESSO VAIABILITA DEI POCESSI FATTOI INTENI MATEIALI MACCHINE STUMENTI DI TEST POCESSO OPEATOE TEMPO CONTOLLI

Dettagli

THERMAL DESIGN COURSE

THERMAL DESIGN COURSE Resp. del contenuto - Subject esponsible Resp. del documento/appovato - Doc.espons./Appoved Contollato - Checked 1(22) THERMAL DESIGN COURSE Table of contents 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Genealità... 3 1.2

Dettagli

Cuscinetti isolati elettricamente per la prevenzione di danni dovuti al passaggio di corrente elettrica. Informazione tecnica

Cuscinetti isolati elettricamente per la prevenzione di danni dovuti al passaggio di corrente elettrica. Informazione tecnica Cuscinetti isolati eletticamente pe la pevenzione di danni dovuti al passaggio di coente elettica Infomazione tecnica Danni dovuti al passaggio di coente elettica e loo conseguenze Cuscinetti isolati eletticamente

Dettagli

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA

La seconda prova scritta dell esame di stato 2007 Indirizzo: GEOMETRI Tema di TOPOGRAFIA La seconda pova scitta dell esame di stato 007 Indiizzo: OMTRI Tema di TOPORI Claudio Pigato Membo del Comitato Scientiico SIT Società Italiana di otogammetia e Topogaia Istituto Tecnico Statale pe eometi

Dettagli

Il teorema di Gauss e sue applicazioni

Il teorema di Gauss e sue applicazioni Il teoema di Gauss e sue applicazioi Cocetto di flusso Cosideiamo u campo uifome ed ua supeficie piaa pepedicolae alle liee di campo. Defiiamo flusso del campo attaveso la supeficie la uatità : = (misuata

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

ALCUNI COMMENTI PRELIMINARI. Unita di massa (m) e di impulso (p)= ev E 2 p 2 = m 2 massa a riposo protone ~ 1 GeV, massa elettrone = 511 KeV

ALCUNI COMMENTI PRELIMINARI. Unita di massa (m) e di impulso (p)= ev E 2 p 2 = m 2 massa a riposo protone ~ 1 GeV, massa elettrone = 511 KeV ALCUNI COMMENTI PRELIMINARI Enegia delle paticelle unità di misua: ev (enegia acquisita da un elettone su 1 Volt ) KeV = 10 3 ev ; MeV = 10 6 ev ; GeV = 10 9 ev. Impulso p : si misua in ev/c (e suoi multipli)

Dettagli

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi.

Pensaci bene prima di proseguire Sei sicuro di avere fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere i problemi. 96 Allcunii iisullttattii degllii eseciizii poposttii Pensaci bene pima di poseguie Sei sicuo di avee fatto tutti gli sfozi necessai pe isolvee i poblemi. 97 Pima di ispondee alle domande dei divesi esecizi,

Dettagli

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto

Approfondimento 5.7. Altri metodi statistici per valutare la validità di costrutto Appofondimento 5.7 Alti metodi statistici pe valutae la validità di costutto Le pocedue pe la valutazione della validità di costutto di un test sono vaie, ma hanno tutte in comune come punto di patenza

Dettagli

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005)

Approccio olistico o decostruttivo. (Rev.1 gennaio 2005) Bologna 5 novembe 004 Validazione dei metodi e incetezza di misua nei laboatoi di pova addetti al contollo di alimenti e bevande Appoccio olistico o decostuttivo (Rev.1 gennaio 005) Gaziano Bonacchi ARPAT

Dettagli

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL)

2. Sistema ad un grado di libertà (1 GDL) INDICE. Sistema ad un gado di libetà ( GD).... Risposta in egime sinusoidale...7. asmissibilità.... SISEMI A MOI GRADI DI IERA.... Analisi Modale...4.. oncamento modale... 4. MARICI DI RIGIDEZZA... 5.

Dettagli

C.I. FISICA APPLICATA Modulo di FISICA MEDICA

C.I. FISICA APPLICATA Modulo di FISICA MEDICA UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀDI DI MEDICINA E CHIRURGIA C.L.S. Odontoiatia e Potesi Dentaia C.I. FISICA APPLICATA Modulo di FISICA MEDICA A.A. 006/07 D. Fabizio Fioi D. Fabizio FIORI Dipatimento

Dettagli

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA

III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III. INTRODUZIONE ALL'ASTRODINAMICA III.1. Obite kepleiane III.1.1. Equazioni del moto La Tabella III.1.1 elenca e definisce i paameti fondamentali dell'obita ellittica schematizzata in Figua III.1.1.

Dettagli

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA).

Caratterizzazione Idrodinamica di Spray Simili mediante Anemometria Phase Doppler (PDA). Caatteizzazione Idodinamica di Spay Simili mediante Anemometia Phase Dopple (PDA). Angelo ALGIERI Uniesità della Calabia ABSTRACT Le caatteistiche idodinamiche di diffeenti wate spays sono state alutate

Dettagli

Compendio sui Sensori

Compendio sui Sensori Compendio sui Sensoi Gli Inteuttoi di Posizione pemettono il ilevamento mediante il contatto fisico dietto (fine cosa); l oggetto dunque, poggia fisicamente sopa l inteuttoe chiudendo e/o apendo un contatto;

Dettagli

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua)

Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8. SCELTA INTERTEMPORALE (continua) Fancesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua Valoe attuale nel caso di più peiodi Valoe di un titolo di cedito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato. Relazione ta deficit e

Dettagli

Fisica Generale A. Gravitazione universale. Scuola di Ingegneria e Architettura UNIBO Cesena Anno Accademico 2015 2016. Maurizio Piccinini

Fisica Generale A. Gravitazione universale. Scuola di Ingegneria e Architettura UNIBO Cesena Anno Accademico 2015 2016. Maurizio Piccinini A.A. 015 016 Mauizio Piccinini Fisica Geneale A Gavitazione univesale Scuola di Ineneia e Achitettua UNIBO Cesena Anno Accademico 015 016 A.A. 015 016 Mauizio Piccinini Gavitazione Univesale 1500 10 0

Dettagli

Capitolo I La radiazione solare

Capitolo I La radiazione solare W. Gassi Temoenegetica e Rispamio Enegetico in Edilizia Cap. La adiazione solae - Capitolo La adiazione solae - Genealità Lo spetto di emissione solae (exta atmosfeico) è itenuto equivalente a quello di

Dettagli

P A. TELEGROUP Professional manufacturer

P A. TELEGROUP Professional manufacturer Genealità Una buona utilizzazione dell enegia elettica non si aggiunge solo col idue od evitae gli spechi (cuae l isolamento degli impianti, impiegae utilizzatoi adatti, etc), ma anche con un azionale

Dettagli

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane

Gli effetti dell internazionalizzazione produttiva sulla domanda di lavoratori delle imprese logistiche nelle regioni italiane Gli effetti dell intenazionalizzazione poduttiva sulla domanda di lavoatoi delle impese istiche nelle egioni italiane Elena Maggi*, Stefano Elia^, Ilaia Maiotti * Univesità del Molise, Facoltà di Economia,

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

CUSCINETTI DI SUPPORTO PER VITI A RICIRCOLAZIONE DI SFERE

CUSCINETTI DI SUPPORTO PER VITI A RICIRCOLAZIONE DI SFERE CUSCINETTI DI SUPPORTO PER VITI A RICIRCOLAZIONE DI SFERE Seie BSBD Leade mondiale nella poduzione e nello sviluppo tecnologico di cuscinetti volventi, podotti lineai, automotive e di sistemi stezanti,

Dettagli

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali.

Lezione 22. Fattorizzazione di ideali. Lezioe Peequisiti: Lezioi 0, Fattoizzazioe di ideali Teoema Sia A u domiio di Dedekid, e sia I u suo ideale popio o ullo Alloa esistoo uici ideali pimi o ulli P,, P a due a due distiti ed uici umei itei

Dettagli

Regolatore compatto per Modbus 227PM-MB

Regolatore compatto per Modbus 227PM-MB Regolatoe compatto pe Modbus 7PM-MB Regolatoe compatto pe Modbus 7PM-MB Il egolatoe compatto 7PM-MB è un'unità completa, compensiva di un attuatoe pe Modbus con sensoe di pessione diffeenziale dinamica

Dettagli

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo

Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo Lezione 6. Livello e finanziamento del caitale oduttivo Il fabbisogno di fondi delle imese coisonde all eccesso della sesa e investimenti isetto all autofinanziamento, integato dall accumulo di nuove attività

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte Gestione ell Inventaio. Politiche i gestione elle scote.. Moelli singolo punto, singolo pootto, omana eteministica costante Gli appovvigionamenti sono peioici e l obiettivo è minimizzae il costo meio nel

Dettagli

Il moto circolare uniforme

Il moto circolare uniforme Il moto cicolae unifome Il moto cicolae unifome: peiodo e fequenza Un copo che i muoe lungo una taiettoia cicolae con elocità calae cotante ipaa pe la poizione iniziale a intealli fii di tempo. Definiamo

Dettagli

Campo magnetico: concetti introduttivi

Campo magnetico: concetti introduttivi Appunti di Fisica II Campo magnetico: concetti intoduttivi Intoduzione ai fenomeni magnetici...1 Azione dei magneti su caiche elettiche in moto... Foza di Loentz...5 Selettoe di velocità...5 Invaianza

Dettagli

Cuscinetti Di Precisione

Cuscinetti Di Precisione Cuscinetti Di Pecisione Cuscinetti a ulli di pecisione Indice dei contenuti Descizione tecnica 1 Selezione 1-1 Pocedua di selezione... 2 1-2 Esame tipo di... 3 2 Duata 2-1 Coeffi ciente di caico dinamico

Dettagli

PREMESSA (diapositive 1, 2, 3) PER UNA DISTRIBUZIONE SFERICA DI MASSA contenuta all interno della superficie S:

PREMESSA (diapositive 1, 2, 3) PER UNA DISTRIBUZIONE SFERICA DI MASSA contenuta all interno della superficie S: PREESSA (diapositive 1,, 3) PER UNA DISTRIBUZIONE SFERICA DI ASSA contenuta all inteno della supeficie S: Tutta la massa estena alla supeficie S non influisce sul moto di una oggetto posto in coispondenza

Dettagli