CONFIMI. Rassegna Stampa del 27/05/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 27/05/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 27/05/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 27/05/2014 La Repubblica - Torino 6 Vescovo e imprese "Pronti a collaborare" 27/05/2014 QN - Il Resto del Carlino - Bologna 7 Ticket, interventi e spese dentistiche Da mezzo secolo con i lavoratori 27/05/2014 Metro - Torino 8 Rischio sismico 27/05/2014 Il Giornale del Piemonte 9 Api Torino, accordo contro il rischio sismico nelle aziende 27/05/2014 Cronaca di Verona : TENUTA DEL SETTORE AGROMECCANICO 27/05/2014 Cronaca Qui Torino 12 Edifici industriali e il rischio sismico CONFIMI WEB 26/05/ :46 18 Elezioni europee, Apindustria Vicenza: voto di fiducia al governo Renzi SCENARIO ECONOMIA 27/05/2014 Corriere della Sera - Nazionale 20 La busta paga e le tasse Guida alle addizionali

3 27/05/2014 Corriere della Sera - Nazionale 21 Addio Londra, Descalzi trasloca (la residenza) in Italia 27/05/2014 Corriere della Sera - Nazionale 23 Giù lo spread, Piazza Affari festeggia E Draghi prepara «interventi mirati» 27/05/2014 Il Sole 24 Ore 25 Telecom verso lo scioglimento a giugno di Telco 27/05/2014 Il Sole 24 Ore 26 Il risparmio e le urne 27/05/2014 Il Sole 24 Ore 28 Cala il «rischio Italia» 27/05/2014 La Repubblica - Nazionale 29 Lo scandalo Carige e i regali allo Ior "Anche il Papa chiese spiegazioni" 27/05/2014 La Repubblica - Nazionale 31 Bpm, Mincione riduce la quota E Castagna punta sugli investitori istituzionali 27/05/2014 La Stampa - Nazionale 32 Risparmio gestito, continua il boom 27/05/2014 La Stampa - Nazionale 33 Stiglitz: "Spero che Merkel ora dia ascolto a Renzi" 27/05/2014 ItaliaOggi 35 Sicurezza per tutti i dispositivi mobili 27/05/2014 MF - Nazionale 37 Mano libera sulle privatizzazioni 27/05/2014 MF - Nazionale 39 Rientro dei capitali, si accelera 27/05/2014 MF - Nazionale 40 In Europa l'inflazione dorme, ma negli Usa si sta svegliando e presto potrebbe abbaiare SCENARIO PMI 27/05/2014 Corriere della Sera - Brescia 43 Aprile conferma la tenuta della ripresa industriale 27/05/2014 Il Giornale - Nazionale 44 Fondi, raccolta e rendimenti fanno volare il patrimonio*

4 27/05/2014 ItaliaOggi 46 L'Italia è verso la ripresa

5 CONFIMI articoli

6 27/05/2014 La Repubblica - Torino Pag. 1 (diffusione:556325, tiratura:710716) IL CASO/1 Vescovo e imprese "Pronti a collaborare" FEDERICA CRAVERO ÈSTATO l'arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia uno dei primi a salutare Sergio Chiamparino a Palazzo Lascaris, dopo l'elezione a presidente del Piemonte. «Gli faccio gli auguri affinché si possa collaborare intensamente», ha affermatoe subito ha chiarito che «è il lavoro la prima emergenza per il nostro territorio. Su questo si dovrà insistere e trovare sinergie per combattere questa crisi che non è passeggera ma è di sistema». VERSO il neo governatore Nosiglia ha speso parole di elogio: «Ho avuto con lui un ottimo rapporto quando era sindaco e penso che si potrà continuare per portare al massimo le tante potenzialità che ha il Piemonte - ha detto - La Chiesa non sposa nessun partito e nessun candidato: se il popolo sceglie un candidato, la Chiesa lo appoggeràe cercherà di aiutarlo nel suo compito che non è facile». Anche Gianfranco Carbonato, presidente di Confindustria Piemonte, è pronto a collaborare con il neo governatore sul tema critico del lavoro: «Il risultato elettorale assicura un livello di governabilità che di questi tempi è merce rara - afferma - Cose da fare ce ne sono tante e soldi pochi, ma l'importante è saperli investire bene, usando al meglio i fondi europei e dettando linee chiare di politica industriale regionale. Naturalmente siamo a disposizione per fare la nostra parte ottenere i migliori risultati». Un auspicio, quello di un nuovo rilancio dell'economia, che tocca anche i piccoli industriali: «Ci aspettiamo da Chiamparino un'attenzione particolare alle imprese medio-piccole e all'occupazione e all'economia che rappresentano - ha detto il presidente di Api Torino, Corrado Alberto- Da parte nostra siamo pronti a collaborare per dare una svolta al destino della nostra regione». Concordi anche i sindacati sull'urgenza di politiche ad hoc per una regione che segna tristi record in tema di cassa integrazionee disoccupazione. «Bisogna rimboccarsi le maniche e capire al più presto come si possano produrre occupazione e sviluppo», è l'appello di Alberto Tomasso, al vertice della Cgil piemontese. Per il segretario Uil Gianni Cortese «occorre indirizzare bene i fondi europei, che sono l'unico "carburante" in questo momento, e non elargirli a pioggia come in passato». Un invito che chiarisce bene Giovanna Ventura, Cisl: «La prima cosa da fareè verificare la ricaduta occupazionale dei fondi strutturali europei impiegati negli scorsi anni: solo con un attento monitoraggio si potranno fare scelte consapevoli nella prossima programmazione». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: L'ARCIVESCOVO Monsignor Cesare Nosiglia si è recato a Palazzo Lascaris per congratularsi con Chiamparino CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/2014 6

7 27/05/2014 QN - Il Resto del Carlino - Bologna Pag. 19 (diffusione:165207, tiratura:206221) Ticket, interventi e spese dentistiche Da mezzo secolo con i lavoratori Il segreto di Campa, società di mutuo soccorso sanitario SIMONE ARMINIO di SIMONE ARMINIO RACCONTA Massimo Piermattei, oggi direttore della Campa (società di mutuo soccorso sanitario) che nel 1958 i lavoratori italiani erano divisi sostanzialmente in due. C'erano i dipendenti pubblici e privati, a cui il datore di lavoro assicurava una copertura sanitaria integrativa alla mutua. E c'era il sottobosco: lavoratori autonomi, libero professionisti, piccoli imprenditori e artisti. Persone per le quali un ricovero di pochi giorni non solo era un costo, ma poteva rappresentare serio un problema. Piermattei, nell'immaginario siete sempre stati la mutua degli artisti. «Eppure nel 1958 la Campa nacque soprattutto per iniziativa di un gruppo di medici, ragionieri, commercialisti, geometri e avvocati bolognesi: tutte categorie all'epoca senza copertura. Poi fu naturale guardarsi attorno e inserire anche artisti e sportivi, altre due categorie senza tutele». Sportivi? «Tra i nostri iscritti figurava Michele Alboreto. Oggi ci sono Alberto Gilardino e Marco Materazzi. Tra gli artisti, invece: Laura Antonelli, Massimo Boldi e Valentina Cortese. Ma lo zoccolo duro rimanevano i liberi professionisti. Nel frattempo, nel 1978, nacque il sistema sanitario nazionale e nostro ruolo si tramutò in quello attuale: una mutua sanitaria integrativa aperta a tutti». Chi si rivolge a voi, oggi? «Circa 13mila soci ad adesione volontaria, tra i quali almeno la metà sono ancora oggi i liberi professionisti. A questi si sono aggiunti circa 23mila dipendenti, grazie a una serie di profili aziendali e ad accordi siglati negli anni '70-'80 con Api e poi con Unindustria e Confcooperative». Realtà bolognesi. Come sono distribuiti i vostri assistiti sulla cartina? «La copertura è estesa oggi a tutto il centro-nord, con presenze in Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana e Lazio. Ma lo zoccolo duro resta in Emilia Romagna, dove si concentra il 69% dei nostri iscritti. La parte del leone, ovviamente, e per ragioni di radicamento storico, la fa Bologna». Cosa vi chiedono? «A crescere di più nel 2013, in confronto sull'anno precedente, sono state le prestazioni ambulatoriali minori, che oggi coprono il 57% delle nostre erogazioni totali, seguite dai rimborsi sui ticket, dagli esami ad alta specializzazione, quelli diagnostici, le visite specialistiche e i piccoli interventi. Tra le novità degli ultimi anni, però, vanno segnalate anche le spese odontoiatriche. Un segno dei tempi». Perché, in passato com'era? «Quando la Campa è nato c'era molta meno diagnostica: le spese sanitarie riguardavano le degenze». A che prezzo? «Settecento euro all'anno oggi, detraibili e con 8 formule differenziate lire nel ». Ma perché rivolgersi a voi? «Nelle prestazioni a pagamento la nostra storia e il numero dei nostri iscritti ci dà un potere contrattuale in grado di strappare prezzi migliori». Il presidente, Francesco Zinzani, arrivò nel '60. Lei come è arrivato? «Ho letto un annuncio sul Carlino». Non scherzi. «Ma è vero. Nel 1993, giovane laureato in legge, facevo il procuratore legale. E in tribunale, sfogliando il Carlino ho letto che alla Campa cercavano un direttore. Ho pensato: 'Perché no, potrebbe essere un'esperienza da mettere sul curriculum'. Evidentemente ci ho preso gusto». CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/2014 7

8 27/05/2014 Metro - Torino Pag. 9 Rischio sismico Più prevenzione CITTÀ Monitorare gli edifici industriali in rapporto al rischio sismico, prevenire i danni, mettere in sicurezza persone e strumenti di produzione: sono gli obiettivi del protocollo firmato da Api Torino e da Siat (Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino), per valutare il livello di protezione antisismica degli edifici aziendali e indicare eventuali interventi di miglioramen- CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/2014 8

9 27/05/2014 Il Giornale del Piemonte Pag. 9 (diffusione:12684, tiratura:39829) PRODUZIONE E SICUREZZA Api Torino, accordo contro il rischio sismico nelle aziende Lavorare e produrre, ma senza dimenticare mai la sicurezza. La piccole e medie imprese del nostro territorio mantengono la massima attenzione anche sugli aspetti legati alla salute, quando si tratta degli edifici in cui si trovano a lavorare e a far lavorare i propri dipendenti. Eccoperché è nato un accordo tra ApiTorino e Siat (società degli ingegneri e degli architetti di Torino). Obiettivo del protocollo d'intesa firmato dalledue sigle: monitorare gli edifici industriali in rapporto al rischio sismico, prevenire i danni dal punto di vista economico, mettere in sicurezza persone e strumenti di produzione.il primopasso sarà legato alla valutazione del livello di protezione antisismica degli edifici aziendali, quindi si procederà con l'indicazione di eventuali interventi di miglioramento. La firma dell'accordo - che ha visto la presenza del presidente di Api Torino, Corrado Alberto, e del presidente di Siat, Antonio Recupero - è avvenuta nell'ambito dell'incontro«prevenzione antisismica- Interventi negli edifici aziendali», organizzato proprio da Api, Collegio Edile e Siat conil supporto della Camera di commercio di Torino. D'altra parte, la storia anche recente ce lo insegna, tutta l'italia è un territorio a rischio di terremoti, dunque anche in Piemonte. Ecco perché il rischio sismico deve essere tenuto in considerazione da parte delle imprese che, attraverso l'intervento dei tecnici di Api e di soci Siat, potranno da un lato misurare la sicurezza attuale degli edifici e degli stabilimenti di produzione rispetto a una nuova costruzione con caratteristicheanaloghe, dall'altro, individuarela tipologia e il costo degli interventi di mitigazione del rischio. «L'obiettivo - spiega il presidente di Api, Alberto -, è di fornire alle imprese sempre nuovi strumenti per migliorare la gestione aziendale e la sicurezza del lavoro». «Si vuole arrivare ha aggiunto Recupero - alla valutazione del rischio attuale basata su una metodologia d'indagine concordata e all'indicazione degli interventi di miglioramento strutturale possibili, fornendo una stima di massima dei loro costi e dei tempi di realizzazione». Da Cuneo La provincia Granda, chiamata al voto per il rinnovo delle cariche del Consiglio regionale e del governatore del Piemonte (oltre che per il Parlamento Europeo e per le Amministrative, che hanno riguardato 187 Comuni sui 250 del territorio), ha risposto con una partecipazione alle urne in leggero aumento rispetto alla tornata elettorale precedente (68,72 per cento a fronte del 66,31 per cento del 2010) e rispetto ai dati nazionali. Tra i paesi più «virtuosi», in questo senso, c'è Argentera dove l'87,83 per cento degli aventi diritto ha espresso il proprio parere, e Baldissero d'alba (al voto l'85,03 per cento dei cittadini con requisiti per il voto). Nel capoluogo Cuneo, invece, si sono recati alle urne il 63,46 per cento degli aventi diritto (quattro anni fa erano stati il 68,43 per cento). L'hanno superata Alba (75,7 per cento di affluenza ai seggi), Bra (72,76 per cento), Fossano (72,51 per cento), Savigliano (72,03 per cento), Saluzzo(70,65).L'unica dellesette sorelle a fare peggio del capoluogo provinciale è stata Mondovì, con una affluenza ai seggi del 61,09 per cento (bisogna comunque tenere conto che nè Cuneo nè Mondovì erano chiamate al voto Comunale). In tutta la provincia, nella giornata di domenica, sono stati allestiti 959 seggi, pronti ad accogliere i elettori. Per quanto riguarda i dati delle elezioni Regionali, quando sono state scrutinate 552 sezioni sulle 695 totali, un buon risultato emerge nel centrodestra per i candidati alla poltrona di governatore della Regione Piemonte sia Guido Crosetto che il vice ministro Enrico Costa (8,56 per cento rispettivamente per il primo e 6,26 per cento per il secondo), a fronte di un 23,09per cento da parte del candidato di Forza Italia Gilberto Pichetto, appoggiato oltre che da Forza Italia (15,1 per cento dei suffragi) anche dalla Lega Nord (11,5 per cento dei suffragi), chepure nellagranda ha superato il candidato grillino Davide Bono (che si è fermato al 16,64 per cento). Ovviamente anche in provinciadi Cuneo il candidatopiù votato è stato Sergio Chiamparino (che sarà governatore del Piemonte per il centro sinistra), con il 44,64 per cento dei voti. Minimale, invece, la percentuale di Mauro Filingeri, con un misero 0,77 per cento. Tra i candidati alle Regionali della provincia di Cuneo, quelli che hanno ottenuto maggiori preferenze sono Gianna Gancia (Lega Nord), Claudio Sacchetto (Nuovo Centro Destra e Udc), Francesco Graglia (Forza Italia), Francesco Balocco (Pd), Alberto Valmaggia (Chiamparino per il Piemonte). Occorrerà ovviamente avere CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/2014 9

10 27/05/2014 Il Giornale del Piemonte Pag. 9 (diffusione:12684, tiratura:39829) sotto manoi risultati complessivi definitivi per sapere con sicurezza chi andrà a far parte del Consiglio regionale di Palazzo Lascaris a Torino. I consiglieri in base alla nuova legge elettorale del Piemonte, sono diminuiti da 60 a 50, e di questi fanno anche parte i dieci esponenti del cosiddetto «listino di Chiamparino», tra i quali compare per i Moderati anche la cuneese Carla Chiapello, già in passato amministratore del comunecapoluogo.saranno dunque due le consigliere «rosa», per la provincia di Cuneo, nell'assemblea torinese: la Chiapello, appunto, e la presidente uscente dell'amministrazione provinciale Gianna Gancia, che probabilmente dovrà rinunciare al ruolo di Commissario della stessa visto che le Province non sono andate ad elezione e sono diventate a tutti gli effetti degli enti territoriali di secondo livello. Foto: DUE STEP I tecnici effettueranno prima un'analisi dell'esistente, poi proporranno gli interventi Foto: PICHETTO Anche in provincia batte il candidato del Movimento 5 stelle CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/

11 27/05/2014 Cronaca di Verona Pag. 2 69^ ASSEMBLEA PROVINCIALE DI APIMA 2013: TENUTA DEL SETTORE AGROMECCANICO Presso la Breviglieri Spa di Nogara, si è tenuta l'assise annuale dei controterzisti veronesi che sono oltre 300 e fanno riferimento a Confindustria Verona Nella sede della Breviglieri Spa, si è tenuta la 69^ Assemblea annuale di Api ma, Associazione Provin ciale Imprese di Mecca nizzazione Agricola, che conta a Verona oltre 300 associati. L'asso ciazione pre sieduta da Gianni Dalla Bernardina, fa capo a Con findustria Verona. Presenti il vicepresidente di Verona fiere Guidalberto di Ca nossa, Claudio Valente, numero uno di Coldiretti Verona, Leonardo Bolis presidente Confai, Limon celli in presidenza di Ena ma, Marco Sitta di Una coma e Luciana Breviglieri titolare dell'omonima azienda di macchine agricole. Nel suo intervento il presidente ha evidenziato quanto il lavoro dell'operatore agricolo tradi zionale stia cambiando radicalmente. Molti di essi affidano sempre di più alle imprese agromeccaniche più fasi di lavorazione. A questi servizi si rivolgono piccoli e grandi conduttori di terreni agricoli. Ed è una delle ragioni per cui i contro terzisti, così vengono chiamati gli associati Apima, assumono un ruolo sempre più determinante nel settore dell'agricoltura. Le imprese agromeccaniche mettono a disposizione, non solo tecnologia, ma anche professionalità. Nel gennaio di quest'anno il Consiglio Re gionale ha approvato la legge per la qualificazione delle imprese agromeccaniche che ne disciplina l'attività e rappresenta uno strumento indispensabile di lavoro e tutela per gran parte del settore primario. Le aziende italiane agromecaniche sono oltre i 10 mila nel Veneto, di cui 950 "pure" e circa 800 "miste". Il loro sviluppo di imprese specializzate nella fornitura ad aziende agricole di servizi meccanicoagrari ha buone prospettive, in quanto rappresenta la via ita liana per risolvere il problema della ridotta dimensione delle azienda agricole. Una solu zione che va incentivata in risposta delle imprese medio piccole e per favorire le aziende di grandi dimensioni che però vogliono essere flessibili rispetto alle opportunità del mercato, immobilizzando minor capitale possibile in macchinari difficilmente ammortizzabili. Ecco allora che è la benvenuta la nuova legge regionale. A cui andrebbe, secondo Dalla Bernardina, delineata al più presto anche la politica agricola comunitaria a livello nazionale. Per quanto riguarda la legge regionale, introduce i requisiti indispensabili per qualificare quest'attività, legandola ad un percorso formativo, un'elevata compatibilità ambientale dei servizi offerti, salvaguardia e tutela dei lavoratori. Una legge che secondo Dalla Bernardina si aspettava da tempo. E ovviamente un registro delle imprese proprie controterziste. Con relativo rispetto dei contratti nazio nali del lavoro per dipendenti assunti evitando così il ricorso al lavoro sommerso. Però il settore ha bisogno di innovazione, proprio perchè cresce il suo ruolo. Ruolo che ha ripetuto Dalla Ber nardina nel 2013 nella Provincia di Verona ha realizzato un giro di affari che supera i 100 milioni di euro. Gli agro meccanici stanno diventando di fatto il vero motore dell'agricoltura, ed è momento che il mondo politico ed economico li tenga in giusta conside razione. Nonostante il contesto difficile - ha poi concluso Gianni Dalla Bernardina - il comparto ha chiuso un 2013 all'insegna della produttività. E visti i tempi che corrono il segnale che arriva dal settore agromeccanico è assai positivo. Foto: Nella panoramica fotografica l'assemblea di Apima a Nogara Foto: GUARDA IL SITO SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK Foto: GUARDA IL SITO SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/

12 27/05/2014 Cronaca Qui Torino Pag. 19 ACORDO API -SIAT Edifici industriali e il rischio sismico Ô Monitorare gli edifici industriali in rapporto al rischio sismico, prevenire i danni economici, mettere in sicurezza persone e strumenti di produzione: sono gli obiettivi del protocollo d'intesa firmato da Api Torino e da Siat (Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino), finalizzato alla valutazione del livello di protezione antisismica degli edifici aziendali e all'indicazione di eventuali interventi di miglioramento. CONFIMI - Rassegna Stampa 27/05/

13 CONFIMI WEB 1 articolo

14 26/05/ :46 m Sito Web Elezioni europee, Apindustria Vicenza: voto di fiducia al governo Renzi Apindustria Vicenza - L'Italia vuole proseguire con le riforme per tornare a crescere: è questo il segnale arrivato dai risultati delle ultime elezioni europee. Per questo il presidente di Apindustria Confimi Vicenza invita il Governo a far tesoro del successo elettorale per accelerare l'azione riformatrice imbastita negli ultimi mesi. «Gli italiani hanno confermato di voler dare a qualcuno la possibilità di governare per uscire da una situazione ancora difficile - commenta Flavio Lorenzin - ma ora da chi sta al Governo ci aspettiamo risposte significative. Chiediamo al premier Renzi di non illudere gli elettori e mantenere le promesse». Per il rappresentante delle Pmi, quindi, la tornata elettorale per la nomina degli europarlamentari ha un forte significato politico, che deve incidere da qui ai prossimi mesi: «Anche nel mondo imprenditoriale esiste un clima di fiducia per l'operatività di questo Governo - conclude - mentre se avesse vinto il fronte della protesta sarebbe aumentata l'incertezza. Ora invece la gente chiede stabilità». CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 27/05/

15 SCENARIO ECONOMIA 14 articoli

16 27/05/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) Enti locali e fisco La busta paga e le tasse Guida alle addizionali di Antonella Baccaro a pagina 33 ROMA - Non solo Tasi. Mentre i cittadini di più di duemila Comuni si apprestano a calcolare quanto dovranno sborsare per la nuova imposta sui servizi indivisibili, da pagare il prossimo 16 giugno, c'è un altro prelievo imposto dai municipi che grava già sulle loro buste paga, e che fa lievitare il conto delle tasse locali: l'addizionale Irpef. Si tratta di un'imposta istituita nel 1998 e modificata tra il 1999 e il 2007, che prevede la fissazione opzionale di un'aliquota aggiuntiva all'irpef da parte dei singoli Comuni, il cui introito finisce direttamente nelle loro casse. L'aliquota viene stabilita da ogni municipio fino a un limite massimo dello 0,8%, salvo deroghe espressamente previste dalla legge (ad esempio, Roma Capitale dall'anno 2011 può spingersi oltre e lo fa). A decorrere dal 2007 è stata riconosciuta ai Comuni la facoltà d'introdurre una soglia d'esenzione dal tributo in ragione del possesso di specifici requisiti reddituali. I Comuni hanno anche la facoltà di stabilire una pluralità di aliquote differenziate tra loro, progressive e articolate secondo gli scaglioni di reddito stabiliti per l'irpef nazionale. Nel 2012 hanno applicato l'addizionale su circa 8 mila. Il fatto è che, mentre il governo ha centellinato quello 0,8 per mille da aggiungere all'aliquota-base della Tasi (e l'aveva concesso al solo scopo di consentire le esenzioni, condizione saltata nella versione finale della norma), all'aumento dell'addizionale comunale non c'è freno: quella media per l'anno 2012 è stata di 160 euro contro i 130 dell'anno precedente. Risultato: l'incasso complessivo ha toccato ormai quota 4 miliardi, quanto quello dell'imu sulla prima casa. Nella tabella abbiamo messo a confronto le aliquote dell'addizionale Irpef fissate nelle principali città nel 2012 (sulla base delle quali si è pagato l'anno scorso) e quale sia stato l'esborso medio. Accanto c'è l'aliquota che si applica quest'anno sui redditi Come si vede, a Napoli si passa dallo 0,5% allo 0,8% (con esenzione fino a 18 mila euro di reddito), così a Brescia si passa da 0,55% a 0,8% (esenzione fino a 12 mila euro), a Reggio Emilia si passa da uno 0,5% a un sistema graduale che va da un'aliquota dello 0,49% a una dello 0,8% (esenzione fino a 15 mila euro). A Milano si passa da un sistema graduale di aliquote che andava dallo 0,1% allo 0,7% a un'aliquota dello 0,8% (esenzione per redditi non superiori a 21 mila euro). A Roma si tocca il massimo: non solo l'aliquota anche quest'anno è dello 0,9% ma le esenzioni sono per pensionati che non superino gli 8 mila euro e senza grandi proprietà immobiliari. Nell'ultima colonna della tabella abbiamo riportato l'aliquota Tasi sulla prima casa scelta dagli stessi Comuni e che tipo di esborso comporta per un'abitazione di 70 metri quadri in categoria A3. Da un primo sguardo è già possibile vedere che metà dei Comuni considerati si sono giocati la possibilità di aggiungere lo 0,8 per mille facendola gravare sulla prima casa, la cui aliquota passa così al 3,3 per mille. Altre città come Roma e Milano non hanno ancora pubblicato le delibere, ma l'orientamento è a avvalersi dell'0,8 per mille nella tassazione sulle seconde abitazioni, come è normale nei grandi centri urbani dove abbonda questo tipo di immobili. Antonella Baccaro RIPRODUZIONE RISERVATA La parola Addizionali ''Introdotte nel '98, le addizionali regionali e comunali sono quote tributarie aggiuntive dovute agli enti locali nel quale il lavoratore dipendente ha il domicilio fiscale. Si calcolano sul reddito Irpef 20

17 27/05/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 37 (diffusione:619980, tiratura:779916) Sussurri & Grida Addio Londra, Descalzi trasloca (la residenza) in (s.agn.) Dimissioni da Eni Uk e fascicolo già avviato per trasferire in tempi brevi la residenza da Londra all'italia. Per il neoamministratore delegato dell'eni, Claudio Descalzi, c'è stata anche questa «pratica» da affrontare con una certa rapidità, prima cioè di prendere in mano con decisione le redini del Cane a sei zampe, come potrebbe avvenire con il consiglio di amministrazione in calendario per domani, dal quale ci si attendono novità sul fronte del riassetto organizzativo. Come accade per altri supermanager del gruppo, Descalzi ha avuto sino a ieri la residenza nella capitale britannica. Da una parte per tenere sotto controllo le attività e le joint venture (non solo nel Regno Unito) che fanno capo alla controllata Eni Uk, di cui, sempre sino a ieri, ha ricoperto la carica di chairman. Dall'altra perché Londra è comunque uno dei principali crocevia mondiali del mondo del petrolio e del gas, non fosse altro per la presenza di «big» come Bp e Shell. Anche una parte rilevante della retribuzione 2012 di Descalzi (606 mila euro su 2,88 milioni totali) derivava proprio dalla presidenza della controllata britannica. Dal 9 maggio scorso, però, cioè dal giorno in cui è diventato chief executive officer dell'eni, Descalzi ha rassegnato le dimissioni da Eni Uk. Fiscalmente, quindi, tornerà a pagare tutte le sue tasse in Italia, e non solo per la parte (preponderante) che percepiva come direttore per l'esplorazione e produzione, unita ai bonus e agli incentivi (i dettagli sono ricavabili dalla «Relazione sulla remunerazione 2014» dell'eni). Iscritto all'aire, l'anagrafe degli italiani residenti all'estero, ora Descalzi starebbe ritornando sui suoi passi, non solo per quanto riguarda la residenza fiscale ma anche per quella «fisica». Lascerebbe cioè nel giro di qualche settimana (i tempi tecnici necessari) la residenza del quartiere londinese di Belgravia per fare ritorno a Milano e all'ufficio al dodicesimo piano dello storico grattacielo di Metanopoli, «abitato» più o meno volentieri da tutti gli ultimi amministratori delegati dell'eni. RIPRODUZIONE RISERVATA Bonomi verso l'opa sul Club Med (f.mas. ) La scalata di Andrea Bonomi al Club Méditerranée assume contorni sempre più definiti. E a scendere in campo per contendere alla cordata franco-cinese di Fosun e Ardian (l'ex Axa private equity) non è solo il suo veicolo di famiglia, la Strategic Holdings sarl controllata dalla Bi-Invest, attualmente azionista con oltre il 10% del gruppo turistico francese, ma direttamente il fondo di private equity Investindustrial. Ieri su richiesta della Amf (la Consob francese), che l'ha direttamente chiamato in causa, Investindustrial ha dovuto svelare le carte, precisando di avere attivato «i mezzi necessari per il possibile lancio di un'opa su Club Med». La dichiarazione è stata resa necessaria per le regole francesi che impongono il blocco delle attività di almeno sei mesi a chi non dichiara le proprie intenzioni relativamente a una società quotata, se richiesto in tal senso dalle autorità. Investindustrial è stato chiamato in causa come soggetto collegato a Strategic Holdings, che è diventato in poco tempo il primo socio singolo di Club Med. Dal canto suo Strategic Holdings ha precisato che a un'eventuale opa di Investindustrial parteciperebbe come «socio di minoranza». Tuttavia i giochi non sono ancora fatti: Investindustrial ha condizionato un'eventuale offerta - al rialzo rispetto ai 17,5 euro offerti dai soci franco-cinesi - a una due diligence sulla società che durerà almeno «cinque settimane». La decisione finale - sull'opa e sull'eventuale prezzo - è naturalmente legata ai risultati della due diligence. Prima ancora, naturalmente, dovrà terminare l'opa attualmente in corso, la cui scadenza è stata prorogata ancora dal 23 maggio al 6 giugno in seguito a un contenzioso con la famiglia Benetton che si era rimangiata l'adesione all'opa franco-cinese. In questo lasso di tempo supplementare bisognerà vedere se il fondo Gallion - veicolo autore dell'opa controllato da Fosun e Ardian - alzerà o meno l'offerta a un livello più congruo, considerato che oggi Club Med vale attorno a 19 euro. Tuttavia anche in questo caso sembra difficile che Investindustrial possa aderire all'opa franco-cinese. Secondo la stampa francese piuttosto Bonomi potrebbe lanciare la propria offerta a un prezzo tra 21 e 25 euro per azione. 21

18 27/05/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 37 (diffusione:619980, tiratura:779916) RIPRODUZIONE RISERVATA 22

19 27/05/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 23 (diffusione:619980, tiratura:779916) I mercati Giù lo spread, Piazza Affari festeggia E Draghi prepara «interventi mirati» Bce verso il taglio dei tassi a giugno. Milano guadagna il 3,6% Messina Per il consigliere delegato di Intesa, Carlo Messina, «servono interventi che vadano in direzione di un deprezzamento dell'euro» Stefania Tamburello ROMA - La Borsa di Milano prende il volo e segna un guadagno del 3,61%. Lo spread tra i rendimenti dei Btp decennali e i Bund tedeschi di uguale durata si restringe di oltre 20 punti percentuali riportandosi su quota 156 con i tassi dei titoli italiani di nuovo sotto al 3%. Comunque la si voglia leggere, i mercati hanno premiato la vittoria del Pd e del suo leader Matteo Renzi che alle elezioni europee ha doppiato il suo concorrente più prossimo, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. L'affermazione del partito che guida il governo e del presidente del Consiglio delinea infatti quell'orizzonte di stabilità politica che gli investitori mettono al primo posto delle loro valutazioni. In realtà tutte le Borse del Continente - in una giornata che si è svolta peraltro a passo ridotto per la chiusura di Wall Street e delle contrattazioni londinesi - hanno reagito positivamente all'esito del voto europeo seppure in misura minore di Piazza Affari, segnalando così come abbia prevalso nel giudizio degli operatori la stabilità dei governi dei Paesi più in difficoltà rispetto alla generale avanzata delle forze populiste. Perfino in Francia, dove il partito del presidente Hollande ha preso appena il 14%, la Borsa ha segnato un segnale positivo (0,75%). Anche l'euro si è mosso poco per le stesse ragioni chiudendo a 1,362 contro il dollaro. L'attenzione dei mercati del resto è concentrata - oltre che sui possibili equilibri politici all'indomani delle elezioni - soprattutto sull'attesa delle nuove misure espansive che la Bce, la Banca centrale europea, potrebbe decidere la prossima settimana, nella riunione del Consiglio direttivo del 5 giugno. Ed è un'attesa che ieri il presidente dell'eurotower, Mario Draghi, ha rafforzato parlando all'incontro dei banchieri centrali che si svolge a Sintra in Portogallo. «Non permetteremo che l'inflazione resti troppo bassa troppo a lungo», ha ribadito Draghi sottolineando come anche il rafforzamento dell'euro contribuisca a raffreddare i prezzi e sia quindi da tenere sotto stretta osservazione. Bisogna evitare, ha spiegato, l'avvio «di una spirale negativa tra bassa inflazione, attese di inflazione e credito in calo, soprattutto nei Paesi in difficoltà» che «potrebbe indurre le famiglie e le imprese a rinviare le spese». La situazione economica «è complessa» con «una ripresa in lento consolidamento» e con problemi di mancanza di credito che penalizza soprattutto le piccole e medie imprese, ha aggiunto il banchiere centrale italiano citando in particolare i casi di Spagna e Portogallo. «La debolezza del credito contribuisce alla debolezza dell'economia» ha quindi affermato rilevando che gli interventi all'esame della Bce saranno «mirati» per allentare tali vincoli. Le diverse opzioni a disposizione saranno esaminate tutte con attenzione dai governatori dell'eurotower, sia quelle convenzionali come il taglio dei tassi di interesse sia quelle straordinarie come l'acquisto di titoli pubblici o privati (quantitative easing ) che però saranno prese in considerazione solo nel caso di una «troppo prolungata dinamica al ribasso dell'inflazione». Quanto alle misure «mirate» sul credito, la Bce potrebbe fornire «una soluzione-ponte», come l'acquisto di prestiti cartolarizzati o la concessione alle banche di prestiti a lungo termine, una nuova Ltro, condizionata però all'erogazione di finanziamenti all'economia. Sarebbe una misura «molto importante», ha commentato a riguardo il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, per il quale sarebbero opportuni interventi «che vanno in direzione di un deprezzamento dell'euro». Significativa infine a Sintra l'apertura di Jeroen Dijsselbloem, presidente dell'eurogruppo, ai paesi che s'impegnano in riforme strutturali per la crescita e che - ha detto - «potrebbero ottenere in cambio maggior flessibilità sui deficit». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Eurotower Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi (foto), 66 anni, è intervenuto ieri a Sintra (Portogallo), al convegno che ha riunito i banchieri centrali di Eurolandia, la direttrice generale del 23

20 27/05/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 23 (diffusione:619980, tiratura:779916) Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, e alcuni celebri economisti come Paul Krugman 24

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa APPROVATO IL BILANCIO Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa Banca Carige prepara l'aumento di capitale da 800 milioni e se l'obiettivo è fare in modo che resti

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta debole, anche se dai minimi del 3 ottobre sta tentando un recupero- ha chiuso a 1,2623 - Il

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5 10 febbraio 2006 1/5 3 febbraio 2006 2/5 19 gennaio 2006 3/5 19 gennaio 2006 4/5 Nel 2006 lo sprint del segmento All Stars LUCA PAGNI Raccontano che al primo incontro con gli investitori internazionali

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano

Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Fondazione dei Dottori Commercialisti di Milano Rassegna Stampa 1 Convegno Garanzie e Tutele Sociali Piccole e medie imprese Sviluppo, finanziamento e governance etica di mercato e garanzie sociali 12

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI 54 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI Editoriale de Il Giornale, 16 aprile 2012 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Ora è ufficiale.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 1 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 2 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 3 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 27 4 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 5 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 6 Venerdì 10 Luglio

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 16/10/2015 Il Resto del Carlino promuove le misure «Ma fate di più per i... 1 16/10/2015 Il Resto del Carlino Pagina 29 Weekend

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013. Investimenti a Mirafiori frutto degli accordi. In Piemonte nascerà polo delle auto di lusso

SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013. Investimenti a Mirafiori frutto degli accordi. In Piemonte nascerà polo delle auto di lusso SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013 La Stampa Uff.Stampa Fismic Il Messaggero Il Mattino Il Sole 24 Ore Il Giornale La Stampa CronacaQui Asca Corriere della Sera La Repubblica Avvenire Il Sole 24 Ore Il Messaggero

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli