Dal 24 al 30 maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal 24 al 30 maggio 2014"

Transcript

1 Dal 24 al 30 maggio 2014 da BRESCIA OGGI da L ARENA da L ADIGE dal TRENTINO dalla GAZZETTA DI MANTOVA dal CORRIERE DELLA SERA da BRESCIA OGGI giovedì 29 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 19 TURISMO & TERRITORIO. Inizia oggi la nuova stagione per le 39 strutture bresciane inserite nel circuito regionale: al Valmalza di Ponte di Legno la cerimonia ufficiale Inverno addio, con l estate riaprono i rifugi Elia Zupelli Dal Guglielmo all Alta Valcamonica idee e proposte per tutti i gusti In primo piano l agroalimentare, ma spazio anche a cultura e arte Ormai l inverno è un concetto che il pensiero non considera, la bella stagione è sbocciata che è un piacere, il «count down» collettivo di escursionisti e appassionati delle gite in quota è arrivato finalmente agli sgoccioli. Dopo qualche mese di letargo, oggi i 180 rifugi della Lombardia riaprono ufficialmente le porte ai loro ospiti, pronti ad una stagione estiva che si annuncia caldissima. Le 39 insegne bresciane, naturalmente, non si faranno trovare impreparate: proprio in queste ore, sullo sfondo del rifugio Valmalza - struttura abbarbicata sulle pendici di Pontedilegno - si sta infatti svolgendo la simbolica giornata di inaugurazione indetta come ogni anno dall associazione gestori rifugi di Lombardia, con l obiettivo di presentare alle autorità e soprattutto ai tantissimi appassionati che frequentano le montagne il quadro delle offerte e tutte le novità in rampa di lancio per la prossima stagione escursionistica. Durante la quale saranno protagonisti anche gli altri rifugi autoctoni, che stanno altrettanto riscaldando i motori in vista della prevedibile «invasione» di turisti destinata a caratterizzare i mesi a venire.

2 Non a caso, oltre all immancabile e ultracollaudata proposta enogastronomica e ristorativa scandita nel segno della tradizione locale, il business dei rifugi - in controtendenza rispetto alla difficile contingenza economica - si sta dimostrando un mercato in buona salute, capace di generare interessanti opportunità d impiego stagionali: basta consultare il portale di riferimento rifugi.lombardia.it per scoprire come cuochi, camerieri e «tuttofare», siano professionalità decisamente ambìte in quota. I CONTATTI per candidarsi? A portata di clic direttamente sul sito. Non solo. Al medesimo indirizzo web è possibile scaricare anche la relativa app per smartphone, che già nella scorsa stagione aveva rappresentato un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti della montagna, in quanto strumento tecnologico perfetto per «strategizzare» in maniera estremamente efficiente tanto una vacanza, quanto una semplice gita fuoriporta, magari a due passi da casa. Per il resto, il portale raccoglie una preziosa serie di altre risorse e contenuti, che vanno dalle indicazioni organizzative a seconda della meta scelta, del periodo e delle attività di interesse, fino alle dettagliate descrizioni dei rifugi e itinerari percorribili (sia tragitti impegnativi, che sentieri amatoriali ideali per le famiglie). Senza scordare inoltre l elenco costantemente aggiornato delle numerose iniziative culturali che ogni anno animano i rifugi lombardi, trasformandoli nella meta ideale per un target eterogeneo, capace di coniugare le esigenze enogastronomiche dei gourmet più irriducibili, con le velleità «no limits» dei giovani alla ricerca di una vacanza ad alto tasso di adrenalina. IL TUTTO nel segno di un solo denominatore comune: il sorprendente territorio bresciano, che dalle valli ai laghi, passando attraverso parchi, riserve e zone protette brulicanti di flora e fauna dall interesse naturalistico nazionale (come il Parco naturale dell Adamello o il Parco regionale dell Alto Garda Bresciano) non finisce mai di incantare chi decide di esplorarlo. Un univeso da riscoprire e da esplorare anche per chi ce l ha a portata di mano, reo, magari, di dare bellezze e paesaggi per scontati. giovedì 29 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 29 DESENZANO. Lavori di manutenzione in corso nelle principali darsene turistiche pubbliche, prima fase di un più completo e oneroso piano di adeguamento Nei porti è scattata l operazione restyling Alessandro Gatta Alla Zattera, a Rivoltella e ai pontili del capoluogo avviato un «tagliando» di sicurezza per gli ormeggi Poi da autunno gli ampliamenti e le ristrutturazioni Proseguono spediti i lavori di manutenzione dei tre principali porti di Desenzano, avviati un paio di settimane fa. Primi i cantieri alla Zattera di Rivoltella, che volgono al termine, ora anche al porto dei Pontili, al centro di Desenzano. È LA PRIMA FASE di un opera più ampia e che vale un investimento da 130mila euro, diviso tra Comune e l Autorità di bacino (ex Demanio): la premessa a un più generale progetto di ampliamento, che coinvolgerà sia il porto di Desenzano che quello di Rivoltella, già inserito nel Piano triennale. L assessore Maurizio Maffi conferma che alla Zattera il restyling è ausi completato: sono stati sostituiti gli otto pali d ingresso, ormai vecchi ormai, allargate le corsie d ingresso e rinforzato il frangiflutti. Ultime rifiniture in corso, pochi giorni di lavoro. Manutenzione a buon punto anche al porto di Rivoltella, anche qui un intervento «light» in attesa del previsto ampliamento: aggiunti nuovi pali in legno in ingresso e in uscita, per «addensare la barriera protettiva vicino agli scogli». Piccole chiatte in movimento anche al porto dei Pontili, a Desenzano: la prima parte prevede una generale sostituzione degli «attrezzi» da ormeggio, operazione quasi invisibile perché si volge quasi tutto sott acqua. Prima di tutto le catenarie, a cui le barche ormeggiate possono attaccarsi da poppa; poi i pendini (o trappe), ovvero le catene ancorate al fondale, in ultimo i golfari, anelli fissati a muro. Sono stati intanto già sostituiti i pali delle linee di ingresso e in uscita, molti dei quali vecchissimi. La parte più complicata rientrerà nella «manutenzione straordinaria»: interventi più massicci, spiega ancora Maffi, da svolgere dopo la «stagione»: nuove scalette, nuove passerelle, oltre al dragaggio e ripascimento delle spiagge. giovedì 29 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 29

3 TREMOSINE. Primi effetti dei sequestri giudiziari legati all inchiesta sui presunti abusi edilizi, ma nella zona nord l attività velica è entrata nel vivo «Sigilli» a Campione, meeting europeo a rischio Annullate le prenotazioni dei concorrenti stranieri al campionato continentale di barche radiocomandate Sarà una stagione di eventi a due velocità quella che graviterà attorno a Campione del Garda. L inchiesta sui presunti abusi edilizi che ha travolto la frazione di Tremosine rischia di «zavorrare» anche il calendario di manifestazioni. Avrebbe infatti dovuto passare anche dal campionato europeo di barche radiocomandate, in programma dal 27 settembre al 3 ottobre prossimo, il rilancio economico di Campione del Garda. Ma i sequestri giudiziari legati all inchiesta, rischiano di far saltare il banco. È infatti arrivato l inevitabile annullamento da parte di Campione spa delle prenotazioni degli appartamenti già effettuate dai concorrenti stranieri che avrebbero dovuto partecipare all evento autunnale. Decisione inevitabile dopo i sigilli alle unità immobiliari. «Un vero disastro - commenta il presidente del Vela club locale, Renato Bolis -, adesso c è il rischio concreto che non si faccia più nulla. L area concessa dal Comune lo scorso luglio in comodato, ovvero la parte a sud della strada comprendente lo scivolo alaggio imbarcazioni, è sotto sequestro. E ogni attività istituzionale si è fermata». Non utilizzabile è anche il lungolago che avrebbe dovuto ospitare a fine settembre il campionato europeo di barche radiocomandate. Quasi cento sono i concorrenti stranieri già accreditati, a cui andrebbero ovviamente aggiunte oltre duecento persone di indotto. Grasso che cola per una frazione che spera con questo evento sportivo di allungare ancora un po la stagione turistica. Ma senza alloggi come si farà? «La nostra preoccupazione - spiega Bolis - è che la comunicazione di Campione spa a quanti hanno già prenotato, possa potenzialmente generare un effetto a catena, che potrebbe portare la classe internazionale a trovare altre location disponibili ad ospitare l evento. A livello organizzativo, noi e il gruppo radiovelisti di Idro non abbiamo contratto impegni particolarmente gravosi, ma è chiaro che l annullamento della manifestazione sarebbe un nuovo colpo alle attività e al paese». Dall altra parte del delta di Campione, nella zona nord, l attività del Centro Velico Federale di Univela prosegue a pieno ritmo. Ieri si è disputata la prova inaugurale dell International Youth Cup, il nuovo evento voluto dalla Federazione Italiana Vela e dalla sua omologa russa. Anche la Francia partecipa al meeting a inviti riservato ai velisti under 19 delle classi 420, 29er, Laser Radial e tavole a vela. Il format prevede due giorni di regate di flotta e una giornata di team race. Presenti circa 80 atleti. «L evento - osserva Alessandra Sensini, direttore tecnico delle squadre nazionali giovanili di vela -, offre agli atleti l opportunità di fare esperienza e di prepararsi in campo internazionale». martedì 27 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 49 GARDONE RIVIERA. Il presidente del Vittoriale sarà processato nel mese di novembre Abuso d ufficio, rinvio a giudizio per Giordano Bruno Guerri Consulenza alla sua compagna: il giudice contesta la procedura Sarà processato. Sicuramente in modo diverso rispetto al suo omonimo finito sul rogo. Ma certo è una bella grana per il presidente della fondazione del Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, Giordano Bruno Guerri. L accusa nei suoi confronti è d abuso d ufficio: tutto avrebbe tratto origine da una consulenza affidata alla compagna. La notizia del rinvio a giudizio è stata diffusa nei giorni scorsi dal quotidiano «Il Giorno». IL PRESIDENTE della fondazione, attraverso il proprio legale, replica alle accuse che si concretizzerebbero nell aver utilizzato fondi pubblici per remunerare la compagna, alla quale sarebbe stata affidata una consulenza legale e organizzativa sull attività della fondazione. Secondo l accusa non ci sarebbero state procedure comparative e tantomeno verifiche sui risultati ottenuti. Le indagini sono condotte dal Pm Valeria Bolici e dal procuratore aggiunto Fabio Salamone. È l avvocato Giuseppe Mariani, del foro di Bari, difensore di Giordano Bruno Guerri, a fornire alcunee precisazioni, «NEI CONFRONTI del mio assistito è stato emesso, dal Giudice per l udienza preliminare presso il Tribunale di Brescia, decreto che dispone il giudizio in relazione ad un ipotesi accusatoria di abuso d ufficio, contestata al professor Guerri con riguardo ad un incarico di consulenza gestionale, da lui conferito (nella sua qualità di presidente della Fondazione "Il Vittoriale degli Italiani") all avvocato Paola Veneto, nell agosto del 2009; il corrispettivo dell incarico in questione era pari a 15mila euro per una durata annuale. Nel corso del dibattimento, il professor Guerri avrà modo di dimostrare

4 di aver agito nell interesse dell ente da lui rappresentato, scegliendo di avvalersi dell ausilio di una professionista esterna di provata validità». Un incarico, prosegue il legale, assegnato «nell ottica della più proficua gestione delle relazioni pubbliche della Fondazione "Il Vittoriale", la cui immagine è stata incontestabilmente da lui restaurata e rilanciata, come attestato dal sensibile incremento di visitatori e della rinnovata attenzione verso un patrimonio culturale già avviato verso il declino». Il processo si terrà nel Novembre prossimo. Una grana per il presidente della Fondazione, che però, da quanto è sembrato di cogliere dalle dichiarazioni del legale, appare fiducioso di poter dimostrare d aver agito esclusivamente nell interesse dell ente. Torna all elenco dei quotidiani da L ARENA venerdì 30 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 25 TRASPORTI. Gli amministratori di Atv hanno illustrato le numerose novità riguardanti soprattutto l'offerta dedicata ai turisti in arrivo sul Benaco Dal lago alla città il bus è «no stop» Camilla Ferro Presentati i servizi estivi che collegheranno il Garda-Baldo e l'entroterra a Verona e al Catullo Linee più veloci e bus serali fino all'una di notte I conti di Atv sono sani, il bilancio del 2013 ha chiuso in attivo di 2,5 milioni, nell'ultimo anno sono stati assunti cento autisti e c'è un progetto da 5 milioni per finanziare, a breve, l'acquisto di nuovi autobus. I numeri per far bene ci sono. «E l'impegno per migliorare il servizio, pure», sottolinea il presidente Massimo Bettarello, «basta che la Regione non ci tolga i soldi risparmiati per darli ad aziende che vanno male. Pare che a Venezia stiano facendo uno studio in tal senso, mi auguro siano solo chiacchiere». Potrebbe essere, invece, che anche per il trasporto pubblico valga la regola dei vasi comunicanti come è stato per la sanità: l'ulss 22 di Bussolengo ha spedito in laguna l'utile di 12 milioni per tappare il rosso di altre aziende malandate. «Mi auguro», chiosa Bettarello, «che il sacrificio fatto per amministrare Atv in economicità producendo nel contempo numeri con segno più e incrementando l'offerta, sia un merito e non un boomerang che ci torna contro». Tradotto: quello che Atv ha guadagnato, resti ad Atv. «Perchè Atv ha tanti progetti in cantiere che stanno prendendo forma grazie anche all'aiuto di partner importanti», ribadisce il presidente, «ma per migliorare il servizio, per ottimizzarlo, dobbiamo poter investire le risorse di bilancio che necessariamente non devono andare via da qui». Primo banco di prova è l'estate. L'estate, il lago, Verona e la sua provincia da collegare con una rete di trasporto funzionante. Veloce. Sono state presentate ieri tutte le novità operative dal 9 giugno. A raccontarle, insieme a Bettarello, c'erano il suo vice Turrini, il direttore Zaninelli, il dirigente alla pianificazione Zanderigo e l'assessore provinciale ai trasporti Mazzi: «Avremo un'attenzione speciale per il Benaco e per i milioni di turisti in arrivo». «Il servizio estivo programmato con la Provincia», ha spiegato Zaninelli, «consentirà di contare su un notevole potenziamento dell'offerta, sia in termini di frequenza che di estensione della rete, a sostegno della grande domanda di mobilità dei turisti. Inoltre, tutti i servizi del lago saranno attivi ininterrottamente fino al 14 settembre, senza alcuna riduzione di corse durante le giornate festive». Nel dettaglio il versante veronese del lago sarà servito da linee ad alta frequenza: corse ogni ora da Riva a Malcesine e ogni mezz'ora nel tratto compreso tra Malcesine e Peschiera; sempre ogni ora un bus porterà la gente da Verona al lago via Peschiera e uno da Garda arriverà a Verona via Lazise, alternando un servizio rapido (con fermate solo a Verona, Lazise, Cisano, Bardolino, Garda) e uno locale che effettuerà tutti gli stop lungo il percorso. «Un'altra grande novità», ha detto Bettarello, «è il collegamento tra l'aeroporto Catullo e il lago con un bus ogni ora. Inoltre, abbiamo predisposto il prolungamento dell'orario delle corse: l'ultimo autobus lago-verona arriverà in città all'una di notte e l'ultimo in direzione lago arriverà a Garda alla stessa ora. Sempre in tema di linee serali, viene confermato servizio post-arena: in occasione delle serate di opera, la corsa partirà da piazza Bra' mezz'ora dopo il

5 termine della rappresentazione, per riportare gli spettatori fino a Malcesine, grazie alla collaborazione con Federalberghi». «In effetti finalmente Atv ci ha garantito questo servizio che chiedevamo con insistenza», ha ribadito il presidente degli albergatori Bertoncelli, «per noi operatori turistici è un aiuto importante da dare ai nostri ospiti». Oltre che la rete lungo la costa, Atv ha potenziato anche quella nell'entroterra andando a servire le località montane del Baldo come Prada, San Zeno, Albisano, Marciaga oltre che Ferrara di Monte Baldo, Spiazzi (dove è inoltre attivo il servizio per il Santuario di Madonna della Corona) e Caprino, così come Costermano, Albarè, Affi, Cavaion, Calmasino, Piovezzano, Pastrengo, Sandrà, Colà. «La nuova mappa dei trasporti a servizio dell'entroterra sarà completata dalla dorsale Caprino-Costermano- Affi- Cavaion - Sega - Domegliara», ha sottolineato Zanderigo, «che collegherà ogni ora e mezza queste località con Verona. Sempre nell'ottica della massima funzionalità, le partenze e gli arrivi a Verona della linea che collega in 50 minuti Garda alla città sono state programmate per consentire la coincidenza con i treni per il Brennero. Infine, riproponiamo anche per il 2014 la corsa Riva-Peschiera-Venezia, servizio che, con le sue tre corse alla settimana tutti i martedì, mercoledì e giovedì, offrirà ai turisti del Benaco anche la possibilità di godersi una gita giornaliera in laguna». mercoledì 28 maggio 2014 NECROLOGI Pagina 19 AMBIENTE. Dal 23 al 27 giugno all'università Depurazione, le acque reflue da scarico a risorsa Al forum a Palazzo Giuliari esperti provenienti da 41 Paesi Una bioplastica che può essere utilizzata per produrre sacchetti biodegradabili. E' uno dei prodotti che derivano dallo sfruttamento ecosostenibile delle acque reflue. Già, proprio quelle che comunemente consideriamo di scarico e che, invece, possono diventare una risorsa. In che modo? Se ne parlerà dal 23 al 27 giugno all'ateneo scaligero durante la conferenza internazionale EcoSTP2014-Ecotechnologies for Wastewater Treatment, organizzato da Università di Verona, Politecnico di Milano, Istituto di Ricerca sulle Acque del Cnr, Consiglio di Bacino Veronese, Acque Veronesi, Azienda Gardesana Servizi, Ordine degli Ingegneri Verona e provincia per parlare di risparmio energetico, innovazioni tecnologiche con minimo impatto sull'ambiente, riduzione di emissioni. Oltre 250 contributi da 41 Paesi del mondo, con l'obiettivo di portare a Verona la scienza internazionale e farla incontrare con le realtà che a vario titolo si occupano di acqua nel nostro territorio. Perché Verona? L'università scaligera è la rappresentante italiana di un network che raggruppa 27 Paesi dell'unione Europea e nel nostro dipartimento di Biotecnologie da 15 anni un team lavora proprio con le acque reflue utilizzando due bioreattori: uno produce gas metano, l'altro accumula bioplastica, spiega Mario Pezzotti, delegato del rettore alla Ricerca. Un'attenzione, quella per l'ambiente, cui già da tempo lavorano anche altri soggetti locali. Come Ags (Azienda gardesana servizi), impegnata nella realizzazione del nuovo collettore del Garda. O Depurazioni Benacensi, che pensa a una nuova struttura che permetta di abbattere gli odori e di trasformare i fanghi in biogas. O ancora Acque Veronesi, che sottopone a continui controlli e verifiche i circa 70 depuratori che gestisce in tutta la provincia. Il programma del convegno è consultabile sul sito E.PAS. mercoledì 28 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 41 BARDOLINO. Aerei speciali e sofisticati sorvoleranno i cieli del paese domenica 21 settembre con le Frecce Tricolori Air show, per la prima volta arriveranno F-16 e Tornado Camilla Madinelli Lo spettacolo, per la flotta schierata in cielo, sarà di gran lunga superiore alle esibizioni organizzate negli scorsi anni Aerei speciali e super sofisticati sorvoleranno per la prima volta i cieli di Bardolino, domenica 21 settembre, in occasione dell'air show 2014 e dell'atteso spettacolo delle Frecce Tricolori. Oltre ai velivoli del 313 Gruppo addestramento acrobatico, cioè la Pattuglia acrobatica nazionale famosa in tutto il mondo, e oltre ai numerosi velivoli civili che hanno dato adesione al meeting aereo benacense, è stata confermata la presenza del Reparto sperimentale volo dell'aeronautica militare italiana e dell'f-16 Display Team dell'aeronautica militare del Belgio. Ciò significa l'arrivo quel giorno, sul lago di Garda, di alcune eccezionali macchine volanti, mai viste prima in azione da

6 queste parti: il velivolo da trasporto tattico di media grandezza Alenia C27J; il bireattore da combattimento Tornado, nella versione standard in dotazione al Sesto Stormo di Ghedi (Brescia) dell'aeronautica militare; il caccia AMX Ghibli, aereo monomotore da attacco e ricognizione; il jet supersonico F-16, nato come caccia leggero e poi evolutosi in velivolo multiruolo, protagonista anche di numerosi film come «Tuono blu» o «L'aquila d'acciaio». Tutti questi aerei rendono l'appuntamento di Bardolino unico tra gli Air show programmati in tutta Europa, e uno spettacolo di gran lunga superiore, per la flotta schierata in cielo, a quelli del 2008 e 2010, comunque molto apprezzati da un folto pubblico sia di curiosi che di appassionati. Oltre 200 mila persone, infatti, in ognuna di quelle edizioni, avevano invaso Bardolino, paesi limitrofi e colline adiacenti all'area di volo per vedere i 10 aerei delle Frecce, la pattuglia acrobatica più numerosa al mondo, famosa per il suo programma di volo e la bravura dei piloti. Al lavoro da mesi, per mandare gli inviti e gestire le relazioni con le istituzioni civili e militari coinvolte nella giornata di festa aerea, ci sono il coordinatore generale della manifestazione per conto del Comune di Bardolino, Giorgio Aloisi, ex fotografo delle Frecce Tricolori, affiancato da Maurizio de Rinaldis, già comandante della Pattuglia acrobatica nazionale e direttore tecnico dell'evento benacense. L'obiettivo non è solo far stare col naso all'insù e divertire le persone che accorreranno a Bardolino, ma anche fornire a operatori del turismo e del commercio lacustre l'opportunità di destagionalizzare i flussi turistici e rendere «appetitoso» a italiani e stranieri un soggiorno sul lago al termine della stagione estiva. Albergatori, ristoratori e attività commerciali potranno proporre a settembre uno speciale pacchetto weekend dedicato a «Bardolino Air show 2014»: l'evento di domenica, insieme alle prove generali del sabato che sono un altro spettacolo, potranno essere al centro di una mini vacanza di fine estate sul Garda. martedì 27 maggio 2014 PROVINCIA Pagina 47 TORRI. Dodici gli appuntamenti in calendario «Suoni del Garda» Ora la rassegna fa tappa in paese Lo scopo è offrire buona musica e far riscoprire i luoghi del sacro Farà tappa anche a Torri il secondo Festival d'area «I suoni del Garda», proposto dall'associazione culturale Brixia Symphony Orchestra di Brescia, con la direzione artistica di Giovanna Sorbi, che è stato presentato a Gardone Riviera. La rassegna organizzata con la Comunità del Garda, il sostegno della Provincia di Brescia e dei Comuni, tra i quali anche Torri, proporrà nella località lacustre veronese il 14 agosto alle 21, nella chiesa parrocchiale dei santi Pietro e Paolo apostoli, l'esibizione dell'ensemble La Rossignol che interpreterà «Audite Coeli». La Comunità del Garda, unico organismo rappresentativo dell'intera regione benacense, concorre alla realizzazione e all'organizzazione dell'evento: un circuito di spettacoli inseriti in un unico cartellone, col diretto coinvolgimento di Comuni afferenti all'intero bacino lacustre e al suo immediato entroterra. Lo scopo non è solo quello di offrire ai residenti e agli ospiti il linguaggio e il messaggio universali della musica, ma anche quello di valorizzare le peculiarità e le bellezze artistiche e paesaggistiche di una vasta area che comprende le province di Brescia e Verona e di stimolare un percorso spirituale mirato alla scoperta dei luoghi del sacro e della spiritualità, con uno sguardo proteso verso Expo Il progetto è ambizioso, in quanto la Comunità del Garda si propone di farlo diventare negli anni un appuntamento periodico e continuativo, ampliandolo e promuovendolo sempre più, in Italia e all'estero. Ci saranno dodici appuntamenti, concentrati nei mesi di maggio, giugno, luglio e agosto, con un'appendice finale in dicembre per l'impedibile e tradizionale «Concerto degli auguri» di Villa Alba. Oltre alla Brixia Symphony Orchestra, tra i protagonisti ci sono ensemble e solisti di assoluto rilievo, con alcune riconferme come il Quartetto d'arpe «Arpe Diem», L'Ensemble «La Rossignol», l'«ensemble Triodance» (oboe Franco Tangari, clarinetto Sergio Delmastro e fagotto Fausto Polloni), l'organista Marcello Rossi, gli «Archi della Brixia» col violino solista Serafino Tedesi, il soprano Silvia Mapelli, i cantanti vincitori del Concorso lirico internazionale «Giacinto Prandelli» 2014 e alcune novità (gli ensemble Trio Musicadarte, I Piccoli cantori delle Colline di Brianza e il Coro giovanile Fonte Gaia di Rovagnate, il Trio d'archi Goldberg). L.B. Torna all elenco dei quotidiani da L ADIGE Ciclabile pronta tra un anno

7 Sta per arrivare l'atteso anello mancante, il tratto di pista ciclabile che supera lo snodo cruciale di Arco centro, nei pressi del ponte sul fiume Sarca. Quel segmento di soli 85 metri che consentirà di completare finalmente l'asse nordsud dell'alto Garda. Un ulteriore passo in avanti è stato fatto: l'amministrazione comunale di Arco sta predisponendo gli ultimi tasselli per ottenere il finanziamento e poi partire con il bando di gara e con i lavori. Il costo dell'opera è di un milione e mezzo di euro di cui ,30 per lavori a base d'asta e ,70 per somme a disposizione dell'amministrazione. L'assessore municipale Stefano Miori spera che per l'estate 2015 tutto possa essere pronto. Al più tardi nell'autunno. Martedì scorso l'area tecnica del Comune ha approvato i progetti predisposti dagli ingegneri Francesco Deneci, Jerzy Michno e dal perito edile Lorenzo Modena. «Ora possiamo accedere al Fondo unico territoriale - ha spiegato Miori - e ottenere il finanziamento provinciale attraverso la Comunità di Valle Alto Garda e Ledro. Stiamo ancora attendendo la relazione idraulica dal Servizio bacini montani della Provincia che sarà di supporto alla progettazione esecutiva. Io credo, anzi spero che tutto possa essere pronto per la stagione estiva 2015, al più tardi entro l'autunno 2015». Il percorso si snoderà lungo 85 metri e avrà una larghezza di 3 metri. Buona parte della sede ciclabile sarà a sbalzo sopra il corso d'acqua del Sarca. La sezione di 3 metri è stata rispettata lungo tutto il tragitto, limitandosi ad alcune eccezioni legate alla presenza di fabbricati che restringevano la carreggiata verso l'argine (ex macello), o alla presenza di un percorso pedonale parallelo e adiacente di adeguate dimensioni (lungo l'area verde di fronte al foro Boario). Nel dettaglio si prevede la realizzazione del tratto ciclabile sul lato ovest del fiume Sarca fino ad arrivare al ponte sulla statale 45 bis, in corrispondenza dell'approdo della centralissima via Segantini. Il percorso si mantiene sul ciglio dell'argine nei tratti iniziali, attraversa e ridisegna l'area verde comunale lungo via della Cinta, esce a sbalzo sul Sarca tramite una propria struttura, che in parte poggia in alveo lungo alla base dell'argine, ed infine rientra portandosi su via della Cinta sino all'incrocio con via Segantini e il ponte. «La pista ciclabile - chiarisce Miori - scorrerà sullo spessore dell'argine fatto salvo il tratto dove c'è la sede dell'autovar dove ci sarà questo balcone a sbalzo sull'alveo del fiume. Poi il tracciato rientrerà e verrà ristretta la sede stradale nel tratto a tre corsie. L'incrocio, molto delicato tra via Segantini, la statale, la via che viene da Prabi e la ciclabile, verrà segnalato con un nuovo manto stradale in asfalto stampato tipo bolognini». 30/05/2014 Torna all elenco dei quotidiani dal TRENTINO Il progetto alla Mala nell ambito di un operazione che ha a capo la Erag Srl Tra i soci Trentino Sviluppo. Civettini: «Il Comune non entrerà nella società» Nago e Torbole «vedono» il teleriscaldamento NAGO-TORBOLE Il teleriscaldamento dovrebbe arrivare anche a Nago e Torbole. Se a Riva, dove è presente ormai da tempo, il riscaldamento "a distanza" è garantito dalla centrale di cogenerazione Alto Garda Power spa costruita all'interno del perimetro delle Cartiere del Garda, nel comune confinante si punterà su un impianto di cogenerazione a biomassa legnosa. La società che intende farsi capo dell'operazione è la Erag srl, parte in causa dell'accordo tra la Provincia e la società Pasina per l'interruzione nel sito in località Navicello (a Rovereto) di ogni attività di ricevimento e stoccaggio del cosiddetto materiale "forsu", ovvero rifiuto maleodorante e umido, con l impegno ad avviare la completa liberazione e pulizia delle strutture deputate al processo di trattamento del forsu e limitare l attività di compostaggio al solo residuo verde e ceneri da biomassa: il tutto da una parte con la cessione del terreno in località Navicello a Trentino Sviluppo e dall altra con l entrata di Trentino Sviluppo nel capitale di Erag srl, una "new.co" in predicato di gestire la produzione di energia elettrica e l alimentazione di un anello di teleriscaldamento al servizio del comune di Nago-Torbole, grazie alla combustione del cippato prodotto e degli scarti del verde. «Da tempo la società - spiega il sindaco di Nago-Torbole Luca Civettini - ha acquistato un lotto deputato a "base operativa" in località Mala, nel quale produrre energia elettrica attraverso il cippato. Dopodiché, sulla scorta della norma provinciale che prevede in sostanza che il calore non venga sprecato, con la parte non utilizzata per la produzione di energia elettrica hanno intenzione di relizzare il teleriscaldamento. La vendita del lotto era stata effettuata dalla precedente amministrazione e noi eravamo un po' preoccupati, non volendo che il problema di puzza del Navicello fosse "trasportato" a Nago. La Erag però ci ha tranquillizzati e ci ha mostrato il funzionamento di un impianto analogo a Dobbiaco. Da parte nostra non abbiamo comunque accolto l'invito a diventare soci, ma ci siamo proposti eventualmente come utenti. Le preadesioni al servizio - si parla di alberghi e altri "grossi", non utenze singole - sono partite a Nago, dopodiché si sono estese anche a Torbole: come Comune abbiamo ipotizzato interesse per l'allacciamento del nuovo centro scolastico di Tezze, della Pavese e del municipio. Dopo l'accordo con la Provincia ora sembrano esserci le risorse e l'idea che hanno

8 è partire quest'autunno con la costruzione della centralina e poi con i primi allacciamenti dalla Mala al resto dell'abitato. Poiché servono degli scavi, escludiamo categoricamente che si cominci d'estate». 30/05/14 Arco, ma cambia giorno (martedì) e sede (viale delle Palme). Bresciani: «Iniziativa da valorizzare» Il mercato contadino ci riprova ARCO L'obiettivo è far decollare l'iniziativa che fin qui, a detta degli stessi promotori, ha stentato un po' a ripetere il successo che, invece, si è registrato altrove. L'amministrazione comunale ha deciso di correggere il tiro per quanto riguarda il mercato contadino apportando alcune importanti novità che prenderanno piede a partire dalla settimana prossima, quando le bancarelle torneranno ad aprire i battenti. L'assessore al commercio Stefano Bresciani ha deciso di cambiare il giorno e anche il luogo del mercato, non più all'interno dell'ex tennis (ed ex Agio) ma su viale delle Palme, dove già si svolge il normale mercato bisettimanale. Si partirà, dunque, martedì 3 giugno quando verrà inaugurata la nuova stagione del mercato contadino la cui gestione è stata affidata ancora alla Coldiretti di Trento, rinnovando la convenzione almeno fino a fine anno. Poi si tireranno le somme e si deciderà il da farsi. Il mercato contadino è nato per favorire le occasioni di diretto contatto tra produttori e consumatori, calmierare i prezzi dei prodotti agricoli, garantire l origine e la qualità dei prodotti acquistati, incentivare il consumo stagionale e far conoscere le aziende agricole, valorizzando le produzioni locali. Ad Arco le bancarelle ci sono dal maggio del «Finora il riscontro è stato positivo commenta l'assessore Bresciani, che ha assunto da poco la competenza assieme ai gradi di vicesindaco tuttavia si è ritenuto che l'iniziativa potesse essere ulteriormente valorizzata con alcune modifiche che sono state approvate dal consiglio comunale lo scorso 19 maggio». Invariati il numero e il tipo di bancarelle a disposizione: tre per produzioni zootecniche, anche ovi-caprine e altro (latticini e insaccati); tre per prodotti ortofrutticoli freschi e trasformati (anche pane); tre per prodotti ortofrutticoli freschi e trasformati biologici (anche piante officinali); due per il settore florovaistico (anche piante da orto) e trasformati, anche biologiche; due per i prodotti ortofrutticoli con stagionalità corta, a rotazione; uno per miele e trasformati; e uno per vino e altre produzioni di nicchia. La decisione di spostare il mercato contadino sancisce il definitivo addio al progetto della copertura dell'area ex tennis, iniziativa programmata dalla precedente amministrazione comunale e già finanziata dalla Provincia ma osteggiata da una parte della popolazione che alla fine è riuscita a convincere la nuova giunta a rinunciare al contributo e a rimandare i soldi a Trento. Sta prendendo piede, invece, il progetto che punta a realizzare sotto gli ex campi da tennis un parcheggio interrato. L'iniziativa è privata. Il Comune ne ricaverebbe vari benefici per la collettività, a partire dai posti auto in posizione strategica. (gl.m.) 29/05/14 Dopo i sei mesi sperimentali, non sono stati registrati disservizi per gli utenti nonostante il calo di ore Comunità, «salvi» i 42 part-time ALTO GARDA Sono "salvi" almeno per tutto il 2014 i part time - complessivamente 42, tra definitivi e temporanei - concessi ai dipendenti della Comunità Alto Garda e Ledro. Poiché non è più possibile coprire le ore di mancata attività di chi non lavora a tempo pieno con assunzioni a tempo determinato, nel concedere tutti i part time richiesti si temevano ripercussioni sul servizio agli utenti, perciò la Giunta del presidente Salvador Valandro di concerto con il segretario Paulo Nino Copat all'inizio dell'anno aveva deciso di concedere - salvo eccezioni - solo trasformazioni a tempo parziale del rapporto di lavoro della durata sperimentale di sei mesi anziché dei canonici dodici, chiedendo al segretario stesso di verificare l'andamento gestionale di servizi e uffici interessati alla riduzione. A giugno, dunque, se le cose non fossero andate per il verso giusto, alcuni part time concessi sub judice sarebbero potuti essere negati. L'unico obbligo, infatti, è di garantire il tempo parziale ad almeno il 15% dei dipendenti (quindi 18 su 120), mentre ogni altra concessione è per l'amministrazione una semplice facoltà. Ora il presidente e il segretario, da verifiche effettuate nel corso di questo primo semestre, hanno rilevato che, nonostante l'avvenuta concessione dei part-time temporanei (parzialmente senza copertura delle ore lavorative risultanti in riduzione), le esigenze di servizio e in particolare gli adempimenti di front office e per la effettuazione delle attività direttamente rivolte agli utenti sono stati comunque fronteggiati con il supporto fornito da parte degli altri dipendenti assegnati agli uffici interessati alla riduzione. I part time con maggiore legittimità, almeno secondo gli amministratori, erano quelli del personale osa-oss (6 richieste) e degli educatori che operano all'istituto Casa Mia (3 richieste), che quindi sono stati confermati da subito a tempo parziale per tutto il 2014, mentre per gli altri la concessione, di sei mesi, era stata sperimentale, non potendo assumere nessun altro per coprire il monte ore. Valandro aveva parlato di sfida che i dipendenti avrebbero dovuto affrontare, sottolineando che tutti coloro a cui era stato concesso il part time erano chiamati a dimostrare di riuscire a mandare avanti il servizio così, con nessuno che avrebbe dovuto sentirsi di avere il tempo parziale assicurato. Se dopo sei mesi si fosse scelto di diminuire i part time, l'ipotesi era quella di istituire graduatorie di merito per valutare i bisogni reali di chi fa domanda. Una prospettiva per ora scongiurata. (m.cass.) 28/05/14 La Provincia ha riconosciuto ufficialmente il reticolo di percorsi gestito dall associazione Agba

9 Via libera al bike park del Garda ALTO GARDA Via libera al Bike Park Garda Trentino: la Provincia, tramite il dirigente del servizio turismo, ha infatti riconosciuto formalmente il reticolo di sentieri riservati alle due ruote di fatto esistente dal novembre 2012 (costituito dai tracciati "Seicentouno", "Val del Diaol" e "Velo Freeride Martini") di cui è ora tutti gli effetti gestrice l'associazione sportiva Alto Garda Bike Arena (con acronimo Agba), che ha sede a Torbole e la cui intenzione era e sarà quella di rendere "legali" e magari anche più divertenti i percorsi già esistenti, in un'ottica di consentire il passaggio con bici da enduro, oltre che con quelle da downhill (discesa). Tra gli obblighi a carico del sodalizio individuati dal referente provinciale ci sono assicurare un adeguata manutenzione del tracciato (e in particolare una corretta regimazione delle acque superficiali che preservi i pendii da fenomeni di dissesto idrogeologico direttamente causati dall erosione del suolo, provocata dal continuo passaggio delle bici), segnalare adeguatamente in tutto il loro sviluppo i bike park con interdizione all escursionismo a piedi, segnalare - qualora il tracciato attraversi altre infrastrutture viabili - le intersezioni sia sui tracciati stessi che sulle infrastrutture attraversate e stipulare una idonea copertura assicurativa per la responsabilità civile per i danni derivanti agli utenti e i terzi per fatti imputabili a responsabilità del gestore. Altre prescrizioni sono che la larghezza massima del tracciato non deve superare un metro e venti e che il tracciato "Velo Freeride Martini", insistente parzialmente su vecchia mulattiera selciata, sia oggetto di attenta analisi nella manutenzione, in particolare evitando lo scalzamento dei conci della storica mulattiera con interventi mirati di consolidamento. Il punto di partenza ufficiale del progetto era stato quello della sottoscrizione di un protocollo d'intesa da parte dei sindaci di Nago-Torbole e di Arco e del presidente della Comunità di Valle, con la prospettiva di attivare questa nuova proposta "outdoor" in tempo per l'estate. Si tratta appunto di realizzare sul territorio di competenza percorsi dedicati alla mountain bike (in particolare, oltre che per la specialità "downhill", per il "freeride"): i sentieri (e i boschi) concessi in maniera gratuita dai due Comuni coinvolti (inizialmente si parlava di quattro, uno sullo Stivo e tre sul Baldo) e per cinque anni saranno a disposizione dell'associazione referente. Alla base di questa proposta, la tutela e la garanzia della pratica degli sport all'aria aperta, nel caso particolare alla mountain bike, disciplina in costante crescita. 27/05/14 Molti prenotano la vacanza on line e sfuggono agli operatori e alla loro offerte Per loro (ma anche over 55 e altri target emergenti) servono testimonial e idee Intercettare e dialogare col «viaggiatore invisibile» ALTO GARDA Dopo la rielezione del presidente Marco Benedetti, Ingarda ha presentato il proprio piano per il Da una parte l'apt benacense vuole tener conto delle tendenze globali: la crescita della vacanza breve, praticata più volte all anno e studiata su misura, la crescita della vacanza attiva (con il 10% dei turisti che sono mossi dalla motivazione di praticare sport), la domanda di un ambiente salubre con sensibilità verso un turismo green ed ecosostenibile, etico e a km 0, la crescita di segmenti specifici e nicchie di mercato (over 55, lusso low cost, ossia con attenzione al giusto rapporto qualità-prezzo, famiglie multigenerazionali e "bizcation", ovvero abbinare il viaggio di lavoro a ulteriori momenti di relax), il ruolo sempre più importante di internet (con il wi-fi, possibilmente gratuito, che è ormai d'obbligo), la crescita del segmento di viaggiatori giovani (il 20% degli arrivi complessivi), l'aumento dei turisti provenienti dai Paesi emergenti, la nascita del viaggiatore "invisibile" (in quanto prenota online) agli operatori. Dall'altra Ingarda cerca di capire cosa cercano specificamente gli ospiti del suo ambito: le analisi confermano il forte interesse per la vacanza sportiva (in percentuale più alta tra gli stranieri), l'attenzione per l'approccio riposo-relax (preponderante in estate, al 40,9%, contro il 26,7% dell'inverno) e il crescente gradimento per gastronomia, wellness e cultura a completamento dell offerta. Il 37% di chi arriva nell'alto Garda è composto da turisti in coppia, con a seguire famiglie (27% in inverno, 30% in estate) e dagli amici. L'ospite estivo ha l'età media più bassa in provincia: 41 anni. Internet è la fonte preponderante per raccogliere informazioni sulla destinazione, con a seguire conoscenza personale e passaparola. Secondo il piano di Ingarda, nonostante il crescente utilizzo del web il cartaceo resta importante per materiali specifici quali le cartine per il target sportivo. L'Apt vuole dare importanza al punto di vista dell ospite (dandogli possibilità di dialogare con la destinazione), vuole cercare testimonial che possano raccontare le bellezze del territorio e valorizzare ulteriormente la proposta enogastronomica, storica e culturale confezionando proposte da distribuire sui mercati, oltre a essere all avanguardia per intercettare il viaggiatore invisibile nella sua scelta della vacanza e comunicargli l offerta del territorio. Per far fronte alla voglia di vacanze esperienziali, si vuole valorizzare quello che il territorio sa esprimere. Per le vacanze brevi, inoltre, l'idea è di interagire a livello di Garda Unico con il sistema aeroportuale di Verona e le compagnie low cost per intercettare meglio i flussi, monitorando poi i mercati emergenti, anche se viene ritenuto opportuno concentrarsi sul presidio dei propri mercati di riferimento con azioni mirate e innovative con l obiettivo di presentare una proposta aggregata che valorizzi le peculiarità della zona. 25/05/14

10 Torna all elenco dei quotidiani dalla GAZZETTA DI MANTOVA Castiglione. Le guardie del parco del Mincio intervengono nell area umida a Valle Al via un tavolo di confronto tra Brescia e Mantova per la salvaguardia dell oasi Tagli abusivi dei canneti Distrutti i nidi degli uccelli CASTIGLIONE La zona umida di Valle, territorio sul quale l amministrazione di Castiglione sta investendo come area ecologica, è stata oggetto di un grave illecito. Le Guardie Ecologiche Volontarie del Parco del Mincio, che operano su convenzione tra comune e Parco, hanno rilevato il taglio di gran parte del canneto e del cariceto della località Valle, a Lonato. Su questo illecito (i canneti sono protetti da una legge regionale), effettuato durante la fase di riproduzione degli uccelli acquatici presenti distruggendo così i loro nidi, per l'interessamento congiunto degli assessori all'ambiente dei comuni di Castiglione e di Lonato, sono intervenute le guardie Ecozoofile e potrebbero procedere a sanzioni per i responsabili, identificati anche con l'aiuto di testimoni. Non è da escludere, inoltre, anche di intervenire con ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi con ripiantumazione del canneto. Già nel 2013 fu autorizzata l apertura di una tesa di caccia per gli anatidi, in territorio di Lonato del Garda, al confine con il Comune di Castiglione. I lavori, iniziati a marzo 2014, in piena stagione riproduttiva, sono stati conclusi il 3 maggio «Ci auguriamo, e lavoreremo per questo anche in collaborazione con la Provincia di Mantova, che gli uffici preposti della Provincia di Brescia rivedano l'autorizzazione alla installazione del capanno di caccia e che questo venga rimosso» hanno affermato le autorità di Lonato. Negli ultimi anni sono diversi gli interventi di valorizzazione dell area attuati dal Comune di Castiglione, come il rimboschimento di estese superfici per un totale di circa 220mila metri quadrati, ma anche progetti in corso in partenariato con la Provincia di Mantova, il Consorzio Forestale Padano e altri Comuni della provincia, per i quali ha ottenuto un contributo da parte della Fondazione Cariplo. Nel febbraio 2013, inoltre, è stato realizzato uno studio di fattibilità per un osservatorio all interno di un percorso faunistico-didattico, e il collegamento, con i percorsi ciclopedonali esistenti, con il bosco didattico, realizzato nel 2012, e con la cascina didattica che si vuole realizzare all interno della vicina cascina Valle. «Questo articolato progetto e quindi l'interesse e l'impegno della città di Castiglione alla valorizzazione naturalistica dell'intera area umida di Valle - afferma il vice sindaco Claudio Leoci - è stato segnalato all'assessore all'ambiente del comune di Lonato. Ho proposto agli assessori competenti delle due Provincie, e a Bianchi, un tavolo di confronto, per condividere un percorso che possa portare alla salvaguardia e valorizzazione dell'intera area, che si presta per un oasi naturalistica sovracomunale». (l.c.) 28/05/14 Torna all elenco dei quotidiani dal CORRIERE DELLA SERA Mercoledì 28 Maggio, CORRIERE DEL TRENTINO - TRENTO Trentino sviluppo, inizia la nuova fase Incorporate Manifattura, Arca e porfido. Una new.co per staccare il turismo TRENTO Inizia la nuova fase di Trentino sviluppo. Come anticipato sul Corriere del Trentino di ieri Progetto Manifattura verrà inglobato nella spa pubblica, ma la riorganizzazione verrà estesa anche al Distretto del porfido e ad Arca Casa Legno. Inoltre la giunta provinciale ha scelto come intervenire sul comparto turistico: Trentino sviluppo farà nascere una new.co che controllerà al 100%, per dare autonomia al settore, ma nel contempo evitare di rinunciare del tutto al recente accorpamento. Il presidente Ugo Rossi: «L'idea di base è la semplificazione». Incorporazioni Trentino sviluppo, sotto la guida di Flavio Tosi, creerà una unica nuova area in cui confluiranno Progetto Manifattura e Distretto del porfido e delle pietre trentine (nati entrambi nel 2009), insieme a Arca Casa Legno, (nata nel 2012). Tutte e tre le società sono controllate al 100% da Trentino sviluppo. In questo modo in via Zeni nascerà un'area unica che metterà a fattore comune le esperienze finora accumulate nei settori: green, meccatronica, edilizia in legno e settore lapideo. Una «task-force» per attrarre imprese e potenziali investitori dall'italia e dall'estero. Inoltre la semplificazione dell'assetto societario e in particolare l'incorporazione delle tre società controllate porterà a un risparmio «nell'ordine dei euro annui a partire dal 2015». Turismo

11 Rispetto alle quattro ipotesi che la giunta teneva in considerazione (due interne a Trentino sviluppo, vale a dire divisione turismo o new.co; due più radicali, una nuova Trentino marketing o un'agenzia controllata dalla Provincia) la scelta è caduta sulla new.co. Verrà creata una società controllata al 100% da Trentino sviluppo (il contrario delle altre tre incorporazioni). Il suo scopo sarà quello di seguire il settore «promozione e promo-commercializzazione». Avrà un proprio bilancio, autonomo rispetto a quello della controllante. Non sarà un distacco totale però: di circa 140 dipendenti che attualmente compongono l'organico della Trentino sviluppo nata dopo l'incorporazione di Trentino marketing, solo circa unità passeranno alla new.co. Una parte del personale (rispetto alle circa 70 unità addette al turismo) rimarrà nella struttura di Trentino sviluppo, proprio per garantire tutte quelle attività che vengono considerate trasversali, vale a dire amministrazione, personale ecc. L'idea è comunque di favorire economie di scala, particolarmente importanti in questo periodo. Sulla governance della new.co si sta ancora decidendo fra due modelli: il primo prevede un amministratore unico, che consentirebbe anche di fare a meno di un collegio sindacale; il secondo invece prevede la nomina di un consiglio di amministrazione ristretto, per permettere alle associazioni di categoria di partecipare. Il governatore Dietro all'incorporazione delle tre società in Trentino sviluppo, Rossi colloca la volontà di «semplificazione, evitando duplicazioni. Arriviamo a un sistema che può presentarsi come una piattaforma integrata, al fine di promuovere al meglio il territorio». La riorganizzazione però taglierà fuori il presidente di Manifattura, Gianluca Salvatori. «Ma le sue competenze e i suoi contatti saranno valorizzati» assicura il presidente. Sul fronte turistico Rossi ricorda che la proposta «verrà vagliata dagli albergatori. La società sarà autonoma e avrà un suo bilancio, ma rimarranno azioni trasversali con Trentino sviluppo. Se si promuoverà il brand trentino nei settori industriali, artigianali e agricoli, anche il turismo dovrà far parte dell'iniziativa». Enrico Orfano Martedì 27 Maggio, CORRIERE DEL VENETO - VERONA Veneto Sviluppo, salvi cda ed Sgr E le reti sostituiscono i distretti Venezia cambia la norma di sostegno al manifatturiero VENEZIA Via libera anche dal consiglio regionale al progetto di legge 431 del 2014, numero progressivo che d'ora innanzi ricorderà il modo con cui, superando una fase non priva di preoccupazioni per le conseguenze che avrebbe potuto avere sul futuro del sistema economico veneto, si è «salvata» la finanziaria regionale Veneto Sviluppo da una spending review paralizzante. I consiglieri regionali, in altri termini, hanno approvato una norma che rettifica la spending review approvata lo scorso anna con la legge 39, firmata dal consigliere regionale Costantino Toniolo (Ncd), che impone il tetto di tre consiglieri di amministrazione alle società partecipate dalla Regione, con l'obbligo ulteriore di sceglierne due fra i dipendenti della Regione stessa. Una soluzione impraticabile per un intermediario vigilato da Bankitalia come Veneto Sviluppo (che infatti la legge nazionale sulla spending review escludeva dall'applicazione) che in più, avendo come socie al 49% una cordata di 11 banche, non avrebbe potuto garantire una rappresentanza accettabile delle stesse nel board. Per la stessa ragione non si sarebbe nemmeno potuto creare la Società di gestione del risparmio (Sgr) con una partecipazione paritetica fra Veneto Sviluppo e la finanziaria regionale del Friuli Venezia Giulia Friulia, per intervenire nel capitale delle medie imprese, pronta per partire e al palo da due mesi per l'inghippo sui cda. Già, due mesi persi per tornare semplicemente al punto di partenza. In un'impasse che era stato censurato anche dal presidente degli Industriali del Veneto, Roberto Zuccato. La soluzione che libera il campo da ogni ostacolo alla fine è stata individuata nonostante un ultimo ritocco in corso d'opera nella commissione del consiglio regionale. Inizialmente 5 consiglieri, Carlo Alberto Tesserin (Ncd), Federico Caner (Lega), Arianna Lazzarini (Lega), Piergiorgio Cortelazzo (Fi) e Dario Bond (Fi), avevano proposto un testo che, semplicemente, escludeva Veneto Sviluppo dalle maglie della legge 39. Poi, mercoledì scorso, il compromesso su una proroga a tempo indeterminato alla deroga riservata dalla legge alla finanziaria regionale, all'inizio limitata a due soli anni. Le altre limitazioni potranno creare problemi non tanto nei tetti degli emolummenti, ampiamente rispettato, quanto in quello delle assunzioni con concorso, visto che Veneto Sviluppo è una società con contratto privatistico che applica il contratto dei bancari. Per il legislatore veneto e per il mondo produttivo regionale ieri è stata però una data da ricordare anche per un secondo provvedimento che modifica, a 11 anni di distanza, la disciplina a sostegno dei distretti manifatturieri. La Regione, infatti, estenderà il proprio intervento anche, se non soprattutto, sulle «reti d'impresa», superando la perimetrazione territoriale degli aggregati industriali a favore di filiere, anche temporanee, da definire con contratti di rete e consorzi anche temporanei. Per il 2014 i finanziamenti stabiliti sono pari a 950 mila euro. «Era il giugno 2012 ha ricordato con soddisfazione il presidente di Confartigianato del Veneto, Giuseppe Sbalchiero - quando l'assessore regionale Isi Coppola ci presentò in anteprima il nuovo disegno di legge al cui testo avevamo lavorato alacremente e

12 con grande disponibilità da parte della Regione. Sapevamo di aver fatto un buon lavoro ed eravamo certi che l'iter sarebbe stato rapido». Domenica 25 Maggio, BRESCIA Garda, il rilancio dell idroscalo Il Comune: diventi un parco Il sindaco pensa a una convenzione e sogna una spiaggia Chissà quanti milioni di euro ci vorrebbero per comprare l Idroscalo di Desenzano, un area di 37 mila metri quadrati ricoperta di verde e con un invidiabile fronte lago. Oggi non c è più alcun soldato a presidiare il cancello di viale Motta. All interno villa a parte il tempo sembra essersi fermato: l architettura è rimasta quella degli anni Trenta, quando il maresciallo Francesco Agello stabilì il record mondiale di velocità per idrovolanti: era il E tre anni prima il ministero della Guerra acquisì quell appezzamento per 600 mila lire. Un area all epoca strategica, ma che oggi è semplicemente ferma. Bloccata. Un realtà che andrebbe «sdoganata», come ha scritto Maurizio Pegrari in un fondo sul Corriere. Il docente chiede all Aeronautica, proprietaria del terreno, di «valutare non la cessione, ma la condivisione di almeno una parte di questo paradiso». Il problema è che l idroscalo non rientra tra le aree militari alienabili. «Non è nella lista delle dismissioni annunciate dal ministero», conferma il sindaco di Desenzano, Rosa Leso. L amministrazione, in base alla legge sul federalismo fiscale, ha scritto mesi fa una lettera alla Difesa manifestando il proprio interesse per il parco dell idroscalo. «La risposta ricorda il primo cittadino «è stata un no categorico». La giunta ha però intenzione di cercare altre strade, anche se teme che sarà un muro contro muro. Un eventuale acquisto non sarebbe fattibile: avrebbe un costo insostenibile per le casse comunali. Pertanto la soluzione, se esiste, non può che passare attraverso l idea di una convezione. E su questo terreno le idee non mancano. L amministrazione vorrebbe chiedere all aeronautica di «rendere disponibile» una porzione di quei 37 mila metri quadri. Esclusa la villa, dove ancora oggi vivono le famiglie di alcuni militari, il resto dell idroscalo potrebbe essere trasformato in un grande parco pubblico, «magari creando all interno un museo dell Alta velocità, che potrebbe fungere pure da attrazione turistica», spiega il sindaco. L alternativa è chiedere la disponibilità della parte che si affaccia a lago, un ipotesi più difficile che sarebbe il vero sogno. «Se si potesse, ci faremmo volentieri una spiaggia. Perché no?», sorride Bertoni, che più volte è entrato nell area militare, e sa bene che dentro l idroscalo «non ci sono attività». Eppure «l aeronautica la considera un area strategica». Una volta all anno si tiene un esercitazione, ma per il resto è tutto fermo. Per smuovere qualcosa, l impegno del comune di Desenzano di certo non basta. Lo stesso Pegrari ha scritto che quella dell idroscalo è una questione che dovrebbe essere avvertita da parte «dell intera comunità gardesana». Una proposta nella quale confida anche Rosa Leso: «Se ci fossero anche degli enti sovracomunali, sarebbe più facile ottenere qualcosa». L amministrazione aveva già pensato di prendere contatti con alcuni parlamentari bresciani, in primis Alfredo Bazoli e Paolo Corsini. L obiettivo? Ottenere un incontro con il ministro della Difesa, Roberta Pinotti per esporle il problema e capire se ci sono possibilità per una convenzione, pur sapendo che l idroscalo non è nella lista delle aree alienabili. Ora però «la priorità dell amministrazione spiega il vicesindaco è un altra: ottenere dall aeronautica il permesso di far passare davanti all idroscalo la passeggiata a lago». Un percorso da 400 mila euro che dovrebbe unire Desenzano a Rivoltella. L autorità di bacino e la sovrintendenza hanno dato il via libera, ora l incognita è quella dell aeronautica. Matteo Trebeschi Torna all elenco dei quotidiani

13 A CURA DELLA COMNITA DEL GARDA

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 PROGRAMMA/INFORMAZIONI La prima del TrailTrophy a Plan de Corones: alla fine di luglio la comunità del TrailTrophy si ritrova una seconda

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4

REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 REGOLAMENTO 7 CENSIMENTO I LUOGHI DEL CUORE, 201 4 1. Promotori e Obiettivi Il FAI Fondo Ambiente Italiano in partnership con Intesa Sanpaolo SpA, promuove la settima edizione del censimento I Luoghi del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli