EATON VANCE INTERNATIONAL (IRELAND) FUNDS PLC. (società di investimento a capitale variabile a responsabilità limitata, di diritto irlandese)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EATON VANCE INTERNATIONAL (IRELAND) FUNDS PLC. (società di investimento a capitale variabile a responsabilità limitata, di diritto irlandese)"

Transcript

1 EATON VANCE INTERNATIONAL (IRELAND) FUNDS PLC (società di investimento a capitale variabile a responsabilità limitata, di diritto irlandese) RELAZIONE ANNUALE E BILANCIO DI ESERCIZIO CERTIFICATO 31 dicembre 2014

2

3 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 INDICE Informazioni generali Relazione degli Amministratori (compresa la Dichiarazione delle Responsabilità degli Amministratori) Relazione del Depositario Relazione dei Revisori Indipendenti Analisi della gestione Portafoglio degli Investimenti Stato Patrimoniale Conto Economico Prospetto delle variazioni nell attivo attribuibile ai detentori di azioni rimborsabili Nota integrativa Coefficienti di Spesa Totali (Non sottoposti a revisione) Indici di Rotazione del Portafoglio (Non sottoposti a revisione) Rendimento del Fondo (Non sottoposto a revisione) Prospetto delle variazioni nella composizione dei portafogli (Non sottoposto a revisione) Amministratori ed Altre Informazioni (non sottoposto a revisione)

4 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 INFORMAZIONI GENERALI Attività principali ed esame delle modalità operative Eaton Vance International (Ireland) Funds plc (la Società ) è una società di investimento a capitale variabile a responsabilità limitata, costituita in Irlanda il 9 agosto 1999 ai sensi dei Companies Acts (i Companies Acts ) e autorizzata dalla Central Bank of Ireland (la Banca Centrale ) come società di investimento in conformità ai Regolamenti delle Comunità europee (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) del 2011 (i Regolamenti OICVM ). La Società è una società di investimento strutturata come fondo aperto multicomparto che attualmente comprende dieci Comparti (i Comparti ); Eaton Vance International (Ireland) Global Macro Fund ( Global Macro Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Hexavest All-Country Global Equity Fund ( Hexavest All-Country Global Equity Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Hexavest European Equity Fund ( Hexavest European Equity Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Hexavest Global Equity Fund ( Hexavest Global Equity Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Multi-Sector Income Fund ( Multi-Sector Income Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Parametric All-Country Global Equity Fund ( Parametric All-Country Global Equity Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Parametric Emerging Markets Core Fund ( Parametric Emerging Markets Core Fund ) Eaton Vance International (Ireland) Parametric Emerging Markets Fund ( Parametric Emerging Markets Fund ) Eaton Vance International (Ireland) U.S. High Yield Bond Fund ( U.S. High Yield Bond Fund ) Eaton Vance International (Ireland) U.S. Value Fund ( U.S. Value Fund ) Il Comparto Multi-Sector Income Fund è stato approvato dalla banca centrale il 17 dicembre 2014 e ha iniziato ad operare il 18 dicembre 2014 e il Comparto Parametric All-Country Global Equity Fund ha rimborsato tutte le sue azioni il 24 settembre Su richiesta della Società, il 12 febbraio 2014 la Banca Centrale ha revocato l approvazione dei comparti Hexavest Emerging Markets Fund e Parametric Responsible Emerging Markets Fund. I NAV dei Comparti sono riportati sul sito web di Eaton Vance Management (International) Ltd. all indirizzo: Obiettivi d Investimento Global Macro Fund: L obiettivo di investimento di Global Macro Fund è conseguire reddito più apprezzamento del capitale. Hexavest All-Country Global Equity Fund, Hexavest European Equity Fund e Hexavest Global Equity Fund: L'obiettivo di investimento dei comparti Hexavest è conseguire un apprezzamento del capitale a lungo termine. Multi-Sector Income Fund: L'obiettivo di investimento del Comparto Multi-Sector Income Fund è conseguire il rendimento totale attraverso una combinazione di reddito corrente e apprezzamento del capitale. Parametric All-Country Global Equity Fund, Parametric Emerging Markets Core Fund e Parametric Emerging Markets Fund: L obiettivo di investimento dei Comparti Parametric è conseguire un apprezzamento del capitale a lungo termine. U.S. High Yield Bond Fund: L obiettivo di investimento del Comparto U.S. High Yield Bond Fund è conseguire un livello elevato di reddito corrente. U.S. Value Fund: L obiettivo di investimento di U.S. Value Fund è conseguire la crescita a lungo termine del capitale. Per maggiori informazioni su come i Comparti intendono conseguire i loro obiettivi di investimento, in conformità ai RegolamentiOICVM, consultare il prospetto e le note integrative pertinenti. 2

5 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI Gli Amministratori presentano le proprie relazioni annuali insieme al bilancio sottoposto a revisione per l'esercizio chiuso il 31 dicembre Dichiarazione delle Responsabilità degli Amministratori La legislazione societaria irlandese richiede agli Amministratori di redigere per ogni esercizio finanziario bilanci che forniscano una rappresentazione veritiera e corretta della situazione della Società e dei suoi profitti e perdite per lo stesso esercizio. Nel preparare tali bilanci, gli Amministratori sono tenuti a: scegliere criteri contabili appropriati e applicarli coerentemente; esprimere giudizi e previsioni ragionevoli e prudenti; e redigere i bilanci in base al principio di continuità aziendale tranne nel caso non sia opportuno presumere che la Società continui la propria attività. Gli Amministratori sono responsabili della corretta tenuta di libri contabili che rivelino con accuratezza ragionevole in qualsiasi momento la situazione finanziaria della Società e consentano loro di garantire che i bilanci siano redatti conformemente alle pratiche contabili generalmente accettate (GAAP) in Irlanda e adempiano ai Companies Acts, Essi hanno inoltre la responsabilità di tutelare l attivo della Società, sono tenuti pertanto ad adottare misure ragionevoli per la prevenzione e la rilevazione di frodi e altre irregolarità. In aggiunta ai requisiti previsti dal diritto societario, la Società è tenuta a ottemperare ai requisiti dei Regolamenti OICVM e alle Note della Banca Centrale correlate e spetta agli Amministratori assicurarsi che la Società si attenga a tali regolamenti. Dichiarazione di corporate governance Il Consiglio ha adottato volontariamente il codice di corporate governance dell Irish Funds Industry Association ( IFIA ) per i fondi di investimento e le società di gestione domiciliati in Irlanda, emesso il 14 dicembre 2011 (il Codice ) e valido dal 31 dicembre Il Consiglio ha esaminato e valutato le misure previste dal Codice e ritiene le proprie pratiche e procedure di corporate governance conformi al Codice sin dalla sua adozione. Libri contabili Le misure adottate dagli Amministratori per garantire il rispetto degli obblighi della Società a tenere regolarmente i libri contabili consistono nell uso di sistemi e procedure appropriate e nell impiego di persone competenti. I libri contabili sono conservati presso Citibank Europe plc, 1 North Wall Quay, Dublino 1, Irlanda. Attività principali La Società è organizzata come società di investimento a capitale variabile di diritto irlandese e società a responsabilità limitata conformemente ai Companies Acts, , e ai Regolamenti OICVM. La Società ha assunto la forma di fondo multicomparto, con separazione delle passività tra i Comparti. Analisi delle attività e dei futuri sviluppi Le attività della Società sono oggetto di un esame approfondito nell Analisi della gestione (pagine 8-14). La performance delle varie classi di azioni offerte è illustrata dettagliatamente nella sezione Rendimento del Fondo (pagina 119). La Società intende continuare a promuovere e rendere fruttifere le proprie attività anche in futuro. Obiettivi e politiche di gestione del rischio I dettagli dei rischi a cui è soggetto un investimento nella Società sono elencati nella Nota 10 del bilancio di esercizio, Derivati e altre informazioni finanziarie, tra tali rischi vanno ricordati il rischio del prezzo di mercato, il rischio valutario, il rischio di tassi di interesse, il rischio di liquidità e il rischio di credito. Ai fini di un opportuna gestione di tali rischi, la Società si atterrà alle limitazioni all investimento e ai limiti di diversificazione previsti dal Prospetto informativo e dai Regolamenti OICVM. 3

6 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI CONTINUA Risultati e Dividendi I risultati dell esercizio e i dati relativi alle distribuzioni sono elencati alle pagine del bilancio. I particolari relativi all emissione e al rimborso delle azioni sono elencati alle pagine 80 e 81 del bilancio. Eventi significativi occorsi durante l esercizio Gli eventi significativi occorsi durante l esercizio sono descritti in dettaglio alla nota 16 del bilancio. Eventi significativi occorsi dopo la chiusura dell esercizio Non si sono verificati altri eventi significativi successivi alla chiusura del bilancio che abbiano avuto ripercussioni sulla Società. Amministratori Di seguito sono elencati i nomi delle persone che hanno rivestito la carica di Amministratore nel corso e al termine dell'esercizio terminato il 31 dicembre Michael Jackson (Irlanda) Frederick S. Marius (U.S.A.) Niall Quinn (Irlanda) Paul Sullivan (Irlanda) Interessi degli Amministratori e del Segretario Alla chiusura dell esercizio gli Amministratori e il Segretario non detenevano partecipazioni azionarie nella Società. Gli Amministratori non hanno avuto in alcun momento nel corso dell esercizio un interesse significativo in alcun contratto di rilevanza, in essere nel corso dell esercizio o alla sua chiusura, in relazione alle attività della Società. I dati relativi a transazioni con gli Amministratori sono presentati nella Nota 6, Parti correlate, del bilancio. Operazioni con le Parti correlate Gli Amministratori ritengono che sia stato predisposto quanto necessario (comprovato da procedure scritte) per assicurare che gli obblighi di cui al paragrafo 1 della Nota 14 OICVM siano applicati a tutte le operazioni con le parti correlate. Gli Amministratori ritengono che le operazioni con le parti correlate avviate durante l'esercizio siano conformi agli obblighi di cui alla Nota 14 OICVM. Dottori commercialisti e Società di revisione indipendente I Revisori Deloitte & Touche continueranno il loro mandato conformemente alla sezione 160(2) del Companies Act Per conto del Consiglio di Amministrazione: Michael Jackson Amministratore Paul Sullivan Amministratore 1 6 a prile

7 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 RELAZIONE DEL DEPOSITARIO Relazione del Depositario agli Azionisti Abbiamo esaminato la conduzione di Eaton Vance International (Ireland) Funds plc ( la Società ) per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, nella nostra veste di Depositario della Società. La presente relazione, comprensiva di giudizio, è stata redatta solo ed esclusivamente per gli azionisti della Società in veste di organo, conformemente alla Nota 4 OICVM della Banca Centrale d Irlanda, e per nessun altro scopo. Nell esprimere questo giudizio, non accettiamo né ci assumiamo nessuna responsabilità per gli eventuali altri scopi o le altre persone alle quali è sottoposta la presente relazione. Responsabilità del Depositario I nostri doveri e le nostre responsabilità sono definiti nella Nota 4 OICVM della Banca Centrale d'irlanda. Rientrano tra tali doveri l'esame della conduzione della Società in ogni esercizio contabile annuale e la relazione agli azionisti in merito alla stessa. La nostra relazione specificherà se, a nostro avviso, la Società è stata gestita in tale periodo conformemente alle disposizioni dell Atto costitutivo e dello Statuto societario nonché dei Regolamenti OICVM. La responsabilità complessiva dell adempimento a tali disposizioni tocca alla Società. In caso di mancato adempimento da parte della Società, noi in qualità di Depositario siamo tenuti a dichiarare perché ciò si è verificato e a indicare le misure che abbiamo adottato al fine di porre rimedio a tale situazione. Elementi alla base del giudizio del Depositario Il Depositario effettua gli esami che, a nostro ragionevole giudizio, reputa necessari al fine di adempiere ai propri doveri indicati nella Nota 4 OICVM e al fine di garantire che, sotto ogni aspetto essenziale, la Società sia stata gestita: (i) nel rispetto dei limiti imposti ai poteri di investimento e di assunzione di prestiti dalle disposizioni dei documenti costitutivi e dei regolamenti pertinenti e (ii) comunque nel rispetto dei documenti costitutivi della Società e dei regolamenti pertinenti. Giudizio A nostro avviso, la Società è stata gestita durante l anno, sotto tutti gli aspetti essenziali: (i) nel rispetto dei limiti imposti ai poteri di investimento e di assunzione di prestiti della Società dall Atto costitutivo e dallo Statuto nonché dai Regolamenti (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) delle Comunità europee del 2011 (i Regolamenti OICVM ); e (ii) comunque nel rispetto delle disposizioni dell Atto costitutivo e dello Statuto, nonché dei Regolamenti OICVM. Citibank International Limited, Ireland Branch, 1 North Wall Quay, Dublino 1 Irlanda 1 6 aprile

8 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 RELAZIONE DEI REVISORI INDIPENDENTI Relazione dei Revisori indipendenti agli Azionisti di Eaton Vance International (Ireland) Funds plc Abbiamo esaminato i bilanci di Eaton Vance International (Ireland) Funds plc (la Società ) per l anno conclusosi il 31 dicembre 2014, che comprendono lo Stato patrimoniale, il Conto economico, il Prospetto delle variazioni nell attivo attribuibile ai detentori di azioni rimborsabili e le Note integrative da 1 a 18. Questi bilanci sono stati preparati conformemente allo schema di rendicontazione finanziaria previsto dalle leggi irlandesi e dalle norme contabili emesse dal Financial Reporting Council e promulgate dall Institute of Chartered Accountants irlandese (le pratiche contabili generalmente accettate in Irlanda). La presente relazione si rivolge unicamente agli azionisti della Società, come organo societario, conformemente alla Sezione 193 del Companies Act Il nostro lavoro di revisione è stato svolto in modo da potere effettuare le dichiarazioni agli azionisti della Società su tutte le questioni su cui siamo tenuti a esprimerci in una relazione dei revisori e per nessun altro motivo. Nella massima misura ammessa dalla legge, non accettiamo né ci assumiamo responsabilità verso terzi che non siano la Società e gli azionisti della Società come organo, riguardo al nostro mandato di revisione, alla presente relazione, o ai giudizi espressi. Rispettive responsabilità degli Amministratori e dei Revisori Come espresso chiaramente nella Dichiarazione delle Responsabilità degli Amministratori, gli Amministratori sono responsabili della redazione di bilanci che forniscano una rappresentazione veritiera e corretta. A noi compete la revisione contabile e l espressione di un giudizio sui bilanci in conformità al diritto irlandese e agli International Standards on Auditing (Irlanda e Regno Unito). Le suddette norme ci impongono di rispettare gli Ethical Standards for Auditors emanati dall Auditing Practices Board. Ambito della revisione contabile dei bilanci Il processo di revisione contabile comporta l esame delle prove relative agli importi e alle informazioni contenuti nei bilanci in modo tale da fornire garanzie ragionevoli che il bilancio non sia viziato da errori sostanziali, dovuti a frode o altre inesattezze. Tale processo consente di valutare: l adeguatezza dei principi contabili alle circostanze della Società, la coerenza della loro applicazione e la correttezza della loro divulgazione; la ragionevolezza di stime contabili significative espresse dagli Amministratori; la redazione dei bilanci nel complesso. Inoltre, prendiamo in considerazione tutte le informazioni di carattere finanziario e non finanziario della Relazione annuale per individuarne le discrepanze sostanziali rispetto ai bilanci sottoposti a revisione e per identificare qualsiasi informazione che appaia sostanzialmente inesatta o incoerente con i dati da noi acquisiti nel corso del processo di revisione. Se riscontriamo eventuali dichiarazioni inesatte o incoerenze sostanziali, ne consideriamo le implicazioni per la nostra relazione. Giudizio A nostro avviso, il bilancio di esercizio: fornisce una rappresentazione veritiera e corretta, conformemente alle pratiche contabili generalmente accettate (GAAP) in Irlanda, della situazione della Società al 31 dicembre 2014 e del risultato economico dell esercizio chiuso; è stato redatto correttamente ai sensi dei Companies Acts, , e dei Regolamenti (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) delle Comunità europee del Questioni su cui siamo tenuti ad esprimerci ai sensi dei Companies Acts Abbiamo ottenuto tutte le informazioni e le spiegazioni ritenute necessarie ai fini della revisione. È nostra opinione che la Società abbia tenuto correttamente i libri contabili. Lo Stato patrimoniale e il Conto economico della Società sono conformi ai libri contabili. A nostro avviso le informazioni fornite nella Relazione degli Amministratori sono coerenti con i bilanci. 6

9 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 RELAZIONE DEI REVISORI INDIPENDENTI CONTINUA Questioni su cui siamo tenuti ad esprimerci in caso di eccezioni Non abbiamo niente da riferire in merito alle disposizioni dei Companies Acts che ci impongono di includere nella relazione se, a nostro parere, le informazioni richieste per legge relative alla retribuzione e alle operazioni degli Amministratori non sono state rese pubbliche. Brian Jackson In nome e per conto di Deloitte & Touche Dottori commercialisti e Società di revisione indipendente Dublino 1 6 aprile

10 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE Gentili azionisti: Vi rimettiamo in allegato la relazione annuale per gli azionisti riguardante Eaton Vance International (Ireland) Funds plc (la Società ) per l esercizio annuale chiuso al 31 dicembre La Società consente agli investitori non statunitensi di accedere ai mercati d investimento statunitensi e internazionali con un approccio che privilegia la ricerca di base e una prospettiva d investimento a lungo termine. Nelle pagine seguenti, i consulenti per gli investimenti dei Comparti della Società forniranno una breve panoramica della performance dei Comparti durante i dodici mesi trascorsi. Eaton Vance Advisers (Ireland) Ltd. 1 6 aprile 2015 Global Macro Fund: Contesto finanziario Per il periodo di dodici mesi chiuso al 31 dicembre 2014, i titoli azionari globali, il credito societario e i tassi di interesse hanno evidenziato una vigorosa crescita per effetto di diversi fattori chiave, in particolare l'intervento di importanti banche centrali di tutto il mondo in risposta alle divergenti tendenze economiche. Negli Stati Uniti i dati economici sono migliorati durante il periodo in rassegna. Di conseguenza, la Federal Reserve in ottobre 2014 ha messo fine ai suoi acquisti obbligazionari nell'ambito del suo programma di quantitative easing. D'altro canto, le ulteriori misure di stimolo annunciate dalle banche centrali dei paesi sviluppati in difficoltà, in particolare Europa e Giappone, hanno creato un contesto favorevole per gli investimenti rischiosi e per l'ampio rafforzamento del dollaro statunitense. Nel complesso, i titoli azionari dei mercati emergenti hanno evidenziato performance negative e le valute degli stessi mercati sono risultate in genere più deboli rispetto al dollaro statunitense. I mercati emergenti hanno risentito dei risultati elettorali, dell'evoluzione geopolitica e del calo delle quotazioni petrolifere nell'arco dei dodici mesi in esame. L'Indonesia e la Turchia hanno eletto nuovi presidenti, mentre il Brasile ha rieletto il Presidente Rousseff, impopolare tra gli investitori. Ulteriori sviluppi negativi nei mercati emergenti hanno provocato volatilità nei prezzi dei titoli. Tali sviluppi hanno riguardato, tra l'altro, le tensioni sull'annessione della penisola di Crimea da parte della Russia e il coinvolgimento del paese in zone dell'ucraina sudorientale, nonché la continua instabilità in Medio Oriente. I prezzi delle materie prime hanno subito un calo durante la seconda metà del periodo, frenati dalla debolezza delle materie prime agricole ed energetiche e dei metalli preziosi. All'inizio del quarto trimestre del 2014, le quotazioni dei titoli nei paesi emergenti importatori di petrolio sono salite mentre quelle nei paesi esportatori sono scese. È stata duramente interessata soprattutto la Russia, il secondo maggiore esportatore di petrolio. Con il trascorrere del trimestre, la propensione al rischio si è attenuata in modo sostanziale e la svendita, che in precedenza era per lo più limitata ai paesi esportatori, si è diffusa anche nei mercati emergenti. In questo contesto, la curva dei rendimenti dei titoli di Stato statunitensi si è appiattita e i credit spread per il paese si sono nell'insieme assottigliati. Nel complesso, i tassi di interesse locali sono rimasti invariati e i credit spread si sono ridotti in misura modesta nei paesi emergenti. Analisi della gestione Per il periodo di dodici mesi chiuso al 31 dicembre 2014, le azioni di Classe A2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale dell'1,99 al NAV. Tale rendimento è dovuto ad un aumento del valore di negoziazione del NAV a USD 10,24 al 31 dicembre 2014, da USD 10,04 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice U.S. Libor 3-Month Return (l' Indice ) ha registrato un rendimento dello 0,24 nel corso dello stesso periodo. A livello di regione, il rendimento del Comparto ha beneficiato degli investimenti in Asia, Europa orientale, Blocco del dollaro, Europa occidentale e Africa subsahariana. D'altra parte, l'america Latina è stata fortemente penalizzata dalla performance. Il Medio Oriente e il Nord Africa hanno leggermente danneggiato il rendimento del Comparto. In Asia, le posizioni valutarie del Comparto, specie le posizioni corte nello yen giapponese e nel dollaro di Taiwan e le posizioni lunghe nella rupia dello Sri Lanka, dell'india e dell'indonesia, hanno contribuito alla performance regionale. Gli investimenti azionari in India e Giappone hanno anch'essi fornito un apporto positivo e le posizioni creditizie nella regione sono state sospinte dalle posizioni lunghe in Sri Lanka, Pakistan e Fiji. Le posizioni nei tassi di interesse hanno pesato sulla performance regionale, in prevalenza per via della duration ridotta del Giappone. Sia le posizioni creditizie lunghe sia quelle corte hanno condotto a risultati positivi in Europa orientale. La posizione creditizia corta del Comparto in Russia ha procurato profitti ed è stata sostenuta dai contributi delle posizioni lunghe in 8

11 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA Global Macro Fund (continua): Analisi della gestione (continua) Slovenia e Turchia. Anche le posizioni valutarie hanno sospinto i profitti regionali trainati da una posizione corta nel rublo russo e una lunga nel dinaro serbo rispetto al cambio con l'euro. La regione ha subito delle perdite nelle contrattazioni basate sui tassi di interesse, in particolare nelle posizioni legate al valore relativo lunga sui tassi polacchi e corta sui tassi Ungheresi che sono state assunte dal Comparto e nella posizione valutaria lunga nel tenge kazako. Due posizioni hanno procurato profitti nel Blocco del dollaro, ossia la posizione corta nel dollaro australiano e quella lunga nei tassi neozelandesi. Le posizioni corte del Comparto nel dollaro canadese e in quello neozelandese hanno registrato performance essenzialmente neutre. In Europa occidentale, le posizioni valutarie corte del Comparto, soprattutto le posizioni corte nell'euro e nel franco svizzero, hanno fornito apporti a livello regionale. Tra i contributi positivi emerge anche una posizione azionaria lunga nel settore immobiliare tedesco. Le flessioni nella regione sono dovute, tra l'altro, a una posizione creditizia corta in Spagna e a una posizione corta legata ai tassi britannici. Le posizioni creditizie lunghe del Comparto nei paesi dell'africa subsahariana hanno fornito il maggiore apporto ai profitti regionali, trainati dai risultati ottenuti in Zambia e Ruanda. Hanno prodotto effetti favorevoli anche la posizione valutaria corta nel rand sudafricano e le posizioni lunghe nella lira libanese assunte dal Comparto. L'America Latina, nel complesso, ha penalizzato la performance del Comparto. Hanno gravato sui risultati le posizioni lunghe nel peso messicano e nel peso cileno, così come sono state sfavorevoli anche le posizioni creditizie lunghe in Ecuador e Venezuela. I profitti nella regione sono per lo più riconducibili alle posizioni lunghe in un titolo obbligazionario della Repubblica Dominicana e nei tassi di interesse brasiliani, nonché alle posizioni creditizie in Giamaica e Barbados. In Medio Oriente e Nord Africa le perdite regionali sono state provocate dalle posizioni creditizie corte nella regione, trainate dalle perdite registrate nelle posizioni creditizie corte in Libano e Tunisia. Ha ostacolato il conseguimento di rendimenti anche una posizione creditizia lunga in Iraq. Il principale apporto favorevole nella regione è arrivato da una posizione lunga nella lira libanese. Per quanto concerne l'esposizione, il Comparto ha ridotto la sua posizione valutaria corta netta dato che sono state aggiunte posizioni lunghe nel dollaro statunitense nell'arco del periodo. La duration del credit spread del Comparto è divenuta meno negativa con l'emergere, paese dopo paese, di attraenti opportunità di credito. La duration sui tassi del Comparto è rimasta abbastanza prossima allo zero, con un orientamento verso le posizioni corte laddove vi è un margine molto limitato di ulteriore riduzione dei tassi, mentre si prediligono le posizioni lunghe nei paesi in cui tale margine è più ampio e laddove la recente evoluzione delle quotazioni petrolifere fornisce la spinta disinflazionistica per favorire un allentamento della politica monetaria. Hexavest All-Country Global Equity Fund: Contesto finanziario Il disaccoppiamento è stato il tema principale sui mercati azionari mondiali nel 2014, dato che la performance dei mercati statunitensi durante il periodo di 12 mesi in rassegna è sembrata divergere da quella del resto del mondo. Il protrarsi di una modesta ripresa economica negli Stati Uniti ha contrastato nettamente con il rallentamento o la dinamica stagnante della crescita nella maggior parte delle altre regioni. Nell'Unione Europea, la crescita è apparsa in fase di stallo e la Germania, tra i maggiori esportatori mondiali, ha registrato una crescita del PIL quasi nulla nel secondo e nel terzo trimestre del Il Giappone è entrato in recessione e la Cina ha assistito al calo della crescita del PIL nel terzo trimestre, riscontrando il maggiore rallentamento in cinque anni. Tra gli andamenti positivi, le quotazioni del greggio in diminuzione, frenate dall'aumento dell'offerta e dall'indebolimento della domanda globale, hanno favorito la spesa per consumi e hanno sospinto gran parte dei settori di mercato nelle economie sviluppate, ad eccezione del settore energetico. L'incremento dell'offerta, specie negli Stati Uniti, ha consentito di attenuare l'impatto che le turbolenze di natura geopolitica osservate in Medio Oriente e in Ucraina/Russia avrebbero potuto altrimenti avere sui prezzi del petrolio. L'abbassamento dei corsi petroliferi, tuttavia, ha pesato fortemente sulle economie emergenti dipendenti dalle esportazioni di greggio. Il disaccoppiamento è stato evidente nei rendimenti messi a segno dai maggiori indici di mercato. L'Indice MSCI World, un indicatore dei titoli azionari mondiali, è salito del 4,94 nei 12 mesi conclusi il 31 dicembre 2014, in larga misura per via della crescita statunitense, mentre l'indice MSCI World ex USA ha perso il 4,32 nell'arco dello stesso periodo. L'Indice MSCI EAFE dei titoli azionari internazionali nei mercati sviluppati è sceso del 4,90, in prevalenza a causa della debolezza dei titoli europei e del deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro statunitense. Nello stesso periodo, l'indice MSCI Emerging Markets è calato del 2,19. Negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 10,04 e il mercato statunitense più ampio, misurato dall'indice S&P 500, si è rafforzato del 13,69. 9

12 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA Hexavest All-Country Global Equity Fund (continua): Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe I2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del 3,86 al NAV. Questo rendimento è dovuto all'aumento del valore patrimoniale a USD 12,39 al 31 dicembre 2014, da USD 11,93 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice nello stesso periodo ha generato un rendimento del 4,16. (Non è possibile investire direttamente in un indice.) La selezione dei titoli e l'allocazione per paese ha pesato sulla performance del Comparto rispetto all'indice. Una posizione di sottopeso negli Stati Uniti e una di sovrappeso nella Corea del Sud hanno entrambe ostacolato la performance relativa, penalizzata anche dal sovrappeso nel Regno Unito. La posizione di sottopeso del Comparto nell'euro e il sovrappeso invece nel dollaro statunitense hanno contribuito alla performance rispetto all'indice. In termini di allocazione settoriale, i beni di prima necessità e i servizi di pubblica utilità hanno fatto registrare apporti degni di nota. Hexavest European Equity Fund: Contesto finanziario Il disaccoppiamento è stato il tema principale sui mercati azionari mondiali nel 2014, dato che la performance dei mercati statunitensi durante il periodo di 12 mesi in rassegna è sembrata divergere da quella del resto del mondo. Il protrarsi di una modesta ripresa economica negli Stati Uniti ha contrastato nettamente con il rallentamento o la dinamica stagnante della crescita nella maggior parte delle altre regioni. Nell'Unione Europea, la crescita è apparsa in fase di stallo e la Germania, tra i maggiori esportatori mondiali, ha registrato una crescita del PIL quasi nulla nel secondo e nel terzo trimestre del Il Giappone è entrato in recessione e la Cina ha assistito al calo della crescita del PIL nel terzo trimestre, riscontrando il maggiore rallentamento in cinque anni. Tra gli andamenti positivi, le quotazioni del greggio in diminuzione, frenate dall'aumento dell'offerta e dall'indebolimento della domanda globale, hanno favorito la spesa per consumi e hanno sospinto gran parte dei settori di mercato nelle economie sviluppate, ad eccezione del settore energetico. L'incremento dell'offerta, specie negli Stati Uniti, ha consentito di attenuare l'impatto che le turbolenze di natura geopolitica osservate in Medio Oriente e in Ucraina/Russia avrebbero potuto altrimenti avere sui prezzi del petrolio. L'abbassamento dei corsi petroliferi, tuttavia, ha pesato fortemente sulle economie emergenti dipendenti dalle esportazioni di greggio. Il disaccoppiamento è stato evidente nei rendimenti messi a segno dai maggiori indici di mercato. L'Indice MSCI World, un indicatore dei titoli azionari mondiali, è salito del 4,94 nei 12 mesi conclusi il 31 dicembre 2014, in larga misura per via della crescita statunitense, mentre l'indice MSCI World ex USA ha perso il 4,32 nell'arco dello stesso periodo. L'Indice MSCI EAFE dei titoli azionari internazionali nei mercati sviluppati è sceso del 4,90, in prevalenza a causa della debolezza dei titoli europei e del deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro statunitense. Nello stesso periodo, l'indice MSCI Emerging Markets è calato del 2,19. Negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 10,04 e il mercato statunitense più ampio, misurato dall'indice S&P 500, si è rafforzato del 13,69. Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe I2 del Comparto hanno segnato un rendimento totale del 7,50 al NAV. Questo rendimento è dovuto all'aumento del valore patrimoniale a 12,47 al 31 dicembre 2014, da 11,60 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice nello stesso periodo ha generato un rendimento del 6,84. (Non è possibile investire direttamente in un indice.) Una posizione di sovrappeso nel settore sanitario ha notevolmente favorito il risultato del Comparto rispetto all'indice. Il sottopeso nel settore dei beni industriali e il sovrappeso in quelli energetici ha sospinto ulteriormente la performance relativa. Anche i sovrappesi nel dollaro statunitense e nella sterlina britannica, unitamente al sottopeso nell'euro, hanno avuto un effetto positivo. Per quanto riguarda l'allocazione per paese, le posizioni di sottopeso in Francia e Austria e una posizione di sovrappeso in Svizzera hanno favorito la performance relativa. La selezione dei titoli, invece, ha pesato sulla performance del Comparto rispetto all'indice. Sebbene l'allocazione settoriale sia risultata nel complesso positiva, la posizione di sottopeso nel settore dei prodotti finanziari ha frenato notevolmente la performance rispetto all'indice. 10

13 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA Hexavest Global Equity Fund: Contesto finanziario Il disaccoppiamento è stato il tema principale sui mercati azionari mondiali nel 2014, dato che la performance dei mercati statunitensi durante il periodo di 12 mesi in rassegna è sembrata divergere da quella del resto del mondo. Il protrarsi di una modesta ripresa economica negli Stati Uniti ha contrastato nettamente con il rallentamento o la dinamica stagnante della crescita nella maggior parte delle altre regioni. Nell'Unione Europea, la crescita è apparsa in fase di stallo e la Germania, tra i maggiori esportatori mondiali, ha registrato una crescita del PIL quasi nulla nel secondo e nel terzo trimestre del Il Giappone è entrato in recessione e la Cina ha assistito al calo della crescita del PIL nel terzo trimestre, riscontrando il maggiore rallentamento in cinque anni. Tra gli andamenti positivi, le quotazioni del greggio in diminuzione, frenate dall'aumento dell'offerta e dall'indebolimento della domanda globale, hanno favorito la spesa per consumi e hanno sospinto gran parte dei settori di mercato nelle economie sviluppate, ad eccezione del settore energetico. L'incremento dell'offerta, specie negli Stati Uniti, ha consentito di attenuare l'impatto che le turbolenze di natura geopolitica osservate in Medio Oriente e in Ucraina/Russia avrebbero potuto altrimenti avere sui prezzi del petrolio. L'abbassamento dei corsi petroliferi, tuttavia, ha pesato fortemente sulle economie emergenti dipendenti dalle esportazioni di greggio. Il disaccoppiamento è stato evidente nei rendimenti messi a segno dai maggiori indici di mercato. L'Indice MSCI World, un indicatore dei titoli azionari mondiali, è salito del 4,94 nei 12 mesi conclusi il 31 dicembre 2014, in larga misura per via della crescita statunitense, mentre l'indice MSCI World ex USA ha perso il 4,32 nell'arco dello stesso periodo. L'Indice MSCI EAFE dei titoli azionari internazionali nei mercati sviluppati è sceso del 4,90, in prevalenza a causa della debolezza dei titoli europei e del deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro statunitense. Nello stesso periodo, l'indice MSCI Emerging Markets è calato del 2,19. Negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 10,04 e il mercato statunitense più ampio, misurato dall'indice S&P 500, si è rafforzato del 13,69. Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe I2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del 4,80 al NAV. Questo rendimento è dovuto all'aumento del valore patrimoniale a USD 12,87 al 31 dicembre 2014, da USD 12,28 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice nello stesso periodo ha generato un rendimento del 4,94. (Non è possibile investire direttamente in un indice.) La selezione dei titoli e l'allocazione per paese ha pesato sulla performance del Comparto rispetto all'indice. La posizione di sottopeso del Comparto negli Stati Uniti ha fortemente penalizzato la performance relativa, così come le posizioni di sovrappeso nel Regno Unito e in Germania. Le posizioni di sovrappeso del Comparto nel settore dei beni di prima necessità e in quello dei servizi di pubblica utilità hanno dato impulso alla performance rispetto all'indice, così come la posizione di sottopeso nel settore dei beni industriali. Apporti positivi sono arrivati anche dai sottopesi del Comparto nell'euro e nel dollaro canadese e dal suo sottopeso nel dollaro statunitense. Multi-Sector Income Fund: Il Comparto ha dato inizio alle operazioni in data 18 dicembre Parametric All-Country Global Equity Fund : Il Comparto ha rimborsato tutte le sue azioni il 24 settembre Parametric Emerging Markets Core Fund: Contesto finanziario Il disaccoppiamento è stato il tema principale sui mercati azionari mondiali nel 2014, dato che la performance dei mercati statunitensi durante il periodo di 12 mesi in rassegna è sembrata divergere da quella del resto del mondo. Il protrarsi di una modesta ripresa economica negli Stati Uniti ha contrastato nettamente con il rallentamento o la dinamica stagnante della crescita nella maggior parte delle altre regioni. Nell'Unione Europea, la crescita è apparsa in fase di stallo 11

14 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA Parametric Emerging Markets Core Fund (continua): Contesto finanziario (continua) e la Germania, tra i maggiori esportatori mondiali, ha registrato una crescita del PIL quasi nulla nel secondo e nel terzo trimestre del Il Giappone è entrato in recessione e la Cina ha assistito al calo della crescita del PIL nel terzo trimestre, riscontrando il maggiore rallentamento in cinque anni. Tra gli andamenti positivi, le quotazioni del greggio in diminuzione, frenate dall'aumento dell'offerta e dall'indebolimento della domanda globale, hanno favorito la spesa per consumi e hanno sospinto gran parte dei settori di mercato nelle economie sviluppate, ad eccezione del settore energetico. L'incremento dell'offerta, specie negli Stati Uniti, ha consentito di attenuare l'impatto che le turbolenze di natura geopolitica osservate in Medio Oriente e in Ucraina/Russia avrebbero potuto altrimenti avere sui prezzi del petrolio. L'abbassamento dei corsi petroliferi, tuttavia, ha pesato fortemente sulle economie emergenti dipendenti dalle esportazioni di greggio. Il disaccoppiamento è stato evidente nei rendimenti messi a segno dai maggiori indici di mercato. L'Indice MSCI World, un indicatore dei titoli azionari mondiali, è salito del 4,94 nei 12 mesi conclusi il 31 dicembre 2014, in larga misura per via della crescita statunitense, mentre l'indice MSCI World ex USA ha perso il 4,32 nell'arco dello stesso periodo. L'Indice MSCI EAFE dei titoli azionari internazionali nei mercati sviluppati è sceso del 4,90, in prevalenza a causa della debolezza dei titoli europei e del deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro statunitense. Nello stesso periodo, l'indice MSCI Emerging Markets è calato del 2,19. Negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 10,04 e il mercato statunitense più ampio, misurato dall'indice S&P 500, si è rafforzato del 13,69. Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe I2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del (3,89) al NAV. Questo rendimento è dovuto al calo del valore patrimoniale a USD 10,37 al 31 dicembre 2014, da USD 10,79 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice nello stesso periodo ha generato un rendimento del (2,19). (Non è possibile investire direttamente in un indice.) La sottoperformance del Comparto sull'indice è per lo più imputabile alle posizioni di sottopeso in Cina e Taiwan, che hanno entrambe sovraperformato l'indice complessivo per il periodo in esame. La sottoperformance del Comparto è altresì dovuta a un sovrappeso in Russia, che ha nettamente sottoperformato rispetto all'indice, dato che le sanzioni economiche e il crollo delle quotazioni petrolifere hanno danneggiato la sua economia. La performance relativa del Comparto ha beneficiato, tra l'altro, delle posizioni di sottopeso in Corea e Brasile, che hanno entrambe sottoperformato l'indice complessivo. Inoltre, il sovrappeso in Turchia, che ha sovraperformato l'indice, ha favorito la performance relativa. Parametric Emerging Markets Fund: Contesto finanziario Il disaccoppiamento è stato il tema principale sui mercati azionari mondiali nel 2014, dato che la performance dei mercati statunitensi durante il periodo di 12 mesi in rassegna è sembrata divergere da quella del resto del mondo. Il protrarsi di una modesta ripresa economica negli Stati Uniti ha contrastato nettamente con il rallentamento o la dinamica stagnante della crescita nella maggior parte delle altre regioni. Nell'Unione Europea, la crescita è apparsa in fase di stallo e la Germania, tra i maggiori esportatori mondiali, ha registrato una crescita del PIL quasi nulla nel secondo e nel terzo trimestre del Il Giappone è entrato in recessione e la Cina ha assistito al calo della crescita del PIL nel terzo trimestre, riscontrando il maggiore rallentamento in cinque anni. Tra gli andamenti positivi, le quotazioni del greggio in diminuzione, frenate dall'aumento dell'offerta e dall'indebolimento della domanda globale, hanno favorito la spesa per consumi e hanno sospinto gran parte dei settori di mercato nelle economie sviluppate, ad eccezione del settore energetico. L'incremento dell'offerta, specie negli Stati Uniti, ha consentito di attenuare l'impatto che le turbolenze di natura geopolitica osservate in Medio Oriente e in Ucraina/Russia avrebbero potuto altrimenti avere sui prezzi del petrolio. L'abbassamento dei corsi petroliferi, tuttavia, ha pesato fortemente sulle economie emergenti dipendenti dalle esportazioni di greggio. Il disaccoppiamento è stato evidente nei rendimenti messi a segno dai maggiori indici di mercato. L'Indice MSCI World, un indicatore dei titoli azionari mondiali, è salito del 4,94 nei 12 mesi conclusi il 31 dicembre 2014, in larga misura per via della crescita statunitense, mentre l'indice MSCI World ex USA ha perso il 4,32 nell'arco dello stesso periodo. L'Indice MSCI EAFE dei titoli azionari internazionali nei mercati sviluppati è sceso del 4,90, in prevalenza a causa della debolezza dei titoli europei e del deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro statunitense. Nello stesso periodo, l'indice MSCI Emerging Markets è calato del 2,19. Negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato il 10,04 e il mercato statunitense più ampio, misurato dall'indice S&P 500, si è rafforzato del 13,69. 12

15 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA Parametric Emerging Markets Fund (continua): Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe A2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del (5,10) al NAV. Questo rendimento è dovuto al calo del valore patrimoniale a USD 10,80 al 31 dicembre 2014, da USD 11,38 al 31 dicembre A titolo di confronto, l'indice nello stesso periodo ha generato un rendimento del (2,19). (Non è possibile investire direttamente in un indice.) La sottoperformance del Comparto sull'indice è per lo più imputabile alle posizioni di sottopeso in Cina e Taiwan, che hanno entrambe sovraperformato l'indice complessivo per il periodo in esame. La sottoperformance del Comparto è altresì dovuta a un sovrappeso in Russia, che ha nettamente sottoperformato rispetto all'indice, dato che le sanzioni economiche e il crollo delle quotazioni petrolifere hanno danneggiato la sua economia. La performance relativa del Comparto ha beneficiato, tra l'altro, delle posizioni di sottopeso in Corea e Brasile, che hanno entrambe sottoperformato l'indice complessivo. Inoltre, il sovrappeso in Turchia, che ha sovraperformato l'indice, ha favorito la performance relativa. U.S. High Yield Bond Fund: Contesto finanziario Il mercato statunitense delle obbligazioni societarie ad alto rendimento ha messo a segno risultati positivi per il periodo di dodici mesi concluso il 31 dicembre 2014, sulla scia di condizioni economiche favorevoli e tassi di interesse che permangono su livelli bassi. Tuttavia, la volatilità è aumentata nella seconda metà del periodo. Sebbene i fondamentali finanziari delle società si sono mantenuti robusti, sviluppi negativi per il mercato high yield hanno scosso gli investitori alla fine di giugno e in luglio, scatenando flussi in uscita dalla classe di azioni. Il contesto caratterizzato da fondamentali societari solidi, unito alla contenuta emissione di titoli di debito in agosto e a rendimenti nel complesso più elevati, ha favorito la ripresa del mercato high yield alla fine dell'estate. In autunno, tuttavia, i crescenti timori relativi alla diffusione dell'ebola e il rallentamento della crescita economica in Europa hanno riportato i rendimenti su un percorso in salita. In novembre, i paesi esportatori di petrolio dell'opec hanno annunciato che non avrebbero ridotto la produzione, cagionando una drastica diminuzione dei corsi petroliferi. Le emissioni nel settore dell'energia, che rappresentano circa il 13,5 del mercato high yield statunitense, sono scese in modo marcato provocando flussi in uscita dagli investitori più cauti. Entro la metà di dicembre, i rendimenti erano saliti di oltre il 7 e i prezzi delle obbligazioni erano calati, stimolando un rinnovato interesse da parte degli investitori e una ripresa nella parte finale del periodo. La crescita economica complessiva per il periodo è risultata modesta. L'espansione è stata sufficientemente vigorosa da sostenere le società high yield ma senza esserlo troppo da suscitare preoccupazioni per un imminente incremento dei tassi di interesse. Molti emittenti hanno tratto beneficio dalla crescita positiva dei profitti, dal miglioramento dei bilanci e dalla copertura per la spesa per interessi prossima ai suoi massimi storici. Le condizioni della domanda/offerta di titoli obbligazionari ad alto rendimento sono divenute più difficili nella seconda metà dell'esercizio, dato che gli investitori sono apparsi più prudenti per via dei timori macroeconomici sopra descritti, mentre il mercato delle nuove emissioni si è mantenuto piuttosto robusto. L'indebitamento è rimasto su livelli relativamente costanti e il tasso di insolvenza sulle obbligazioni high yield si è attestato al di sotto del 2, contro la sua media storica del 4. Analisi della gestione Per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, le azioni di Classe A1$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del 2,27 al NAV. Tale rendimento è dovuto ad un calo del valore di negoziazione del NAV a USD 10,44 al 31 dicembre 2014, da USD 10,66 al 31 dicembre A titolo di confronto, l Indice BofA Merrill Lynch U.S. High Yield Index (l' Indice ) ha guadagnato il 2,50 nel corso dello stesso periodo. A livello di settore, il notevole sottopeso nel settore delle banche e del risparmio ha ostacolato la performance rispetto all'indice, visto che questo settore è stato uno dei più performanti dell'indice. Gli slanci normativi accomodanti e la moderazione delle riserve per le perdite su crediti hanno favorito il conseguimento di cospicui profitti nel gruppo durante il periodo. Per contro, la selezione creditizia nei settori dei metalli/minerario ed energetico ha sospinto la performance relativa in confronto all'indice. Quanto al settore minerario, il Comparto ha beneficiato dall'essersi tenuto ben alla larga dalle obbligazioni relative al carbone, che hanno registrato risultati deludenti. Anche il sottopeso del Comparto nei titoli relativi al ferro ha dato impulso alla performance, dato che il rallentamento dell'economia mondiale unito ai consistenti incrementi dal lato dell'offerta hanno esercitato pressioni sulla determinazione dei prezzi dei minerali. Nel settore energetico, l'orientamento del Comparto verso le società di esplorazione e produzione in rapida crescita che si interessino al gas naturale caratterizzate da una maggiore qualità del credito e il fatto di aver evitato le società di trivellazione offshore hanno fatto registrare risultati positivi rispetto all'indice. Il Comparto ha sovraperformato l'indice anche nei settori della vendita al dettaglio, dei giochi e dei servizi sanitari, in ampia misura grazie alla corretta selezione di titoli. 13

16 Eaton Vance International (Ireland) Funds plc al 31 dicembre 2014 ANALISI DELLA GESTIONE CONTINUA U.S. High Yield Bond Fund (continua): Analisi della gestione (continua) Durante il periodo di dodici mesi, le obbligazioni con duration più lunghe, o maggiore sensibilità alla variazione dei tassi di interesse, sono cresciute a un ritmo più sostenuto rispetto alle emissioni con duration inferiori. La performance relativa ha risentito del sottopeso del Comparto nelle obbligazioni con duration compresa tra i cinque e i dieci anni e nelle obbligazioni con duration pari a dieci anni o superiore. Tuttavia, questo andamento è stato più che compensato dalla selezione creditizia positiva, specie tra le obbligazioni con duration da due a cinque anni che hanno rappresentato all'incirca il 45 delle attività e quelle con duration da cinque a dieci anni. Per quanto riguarda l'indice, le emissioni di qualità superiore, in primis le obbligazioni con rating BB, hanno messo a segno alcuni tra i migliori risultati sovraperformando le emissioni di qualità inferiore. La maggior parte dei guadagni derivanti dalle emissioni di qualità superiore è giunta nella seconda metà del periodo, per effetto dell'aumento della volatilità. Nel complesso, le allocazioni della qualità creditizia operate dal Comparto hanno inciso in modo marginale sulla performance relativa rispetto all'indice, sebbene lievi ripercussioni negative siano riconducibili a un'esigua posizione di cassa e a un sottopeso nel segmento con rating BB. Nonostante ciò, il Comparto ha guadagnato terreno dalla selezione creditizia nel segmento con rating CCC, dove l'orientamento verso titoli di qualità CCC con rendimenti e duration inferiori ha favorito la performance con l'aumentare della volatilità. Ha fornito un apporto positivo anche la selezione creditizia nella categoria di rating B, il peso più cospicuo del Comparto costituito, in media, da oltre il 40 dei titoli durante il periodo in rassegna. U.S. Value Fund: Contesto finanziario Per gli investitori in azioni statunitensi, il 2014 è stato un anno propizio. L'Indice S&P 500 ha registrato il suo terzo anno consecutivo di crescita a doppia cifra, aumentando del 13,69 per il periodo di 12 mesi concluso il 31 dicembre Durante l'ultimo mese del periodo, il Dow Jones Industrial Average (il Dow) ha toccato per la prima volta quota , concludendo l'esercizio con un guadagno del 10,04. L'Indice tecnologico NASDAQ Composite ha fornito un apporto del 14,75 nel periodo in questione. I titoli azionari statunitensi sono stati sospinti dal protrarsi della modesta ripresa economica che ha contrastato nettamente con il rallentamento della crescita in gran parte delle altre regioni del mondo. I profitti societari statunitensi sono rimasti robusti, mentre l'occupazione ha seguitato a scendere. Il calo delle quotazioni del greggio, specie nel quarto trimestre, ha contribuito a ridurre l'inflazione e a rafforzare la spesa per consumi. L'esercizio, tuttavia, non è stato immune da una certa volatilità di mercato. A gennaio 2014, le azioni statunitensi si sono indebolite a causa dei timori che un inverno insolitamente rigido potesse avere un impatto negativo sulla spesa per consumi. Tali timori hanno anche provocato un'impennata dei prezzi del gas naturale. Il mercato è stato altresì frenato in ottobre 2014 e di nuovo brevemente in dicembre, quando le potenziali ripercussioni del rallentamento dell'economia cinese e una possibile deflazione in Europa hanno destato preoccupazione tra gli investitori statunitensi. Ciò nonostante, in ogni occasione le azioni statunitensi si sono riprese. L'Indice Dow e S&P 500 hanno entrambi raggiunto nuovi livelli massimi in diverse occasioni nel corso del periodo di 12 mesi. I titoli azionari large cap statunitensi (calcolati dall'indice Russell 1000) hanno mostrato un andamento di gran lunga migliore rispetto alle loro controparti small cap (calcolate dall'indice Russell 2000). In merito alle large cap, i titoli value hanno sovraperformato di poco le azioni growth. Per quanto riguarda le small cap, si è verificato l'opposto: i titoli growth hanno sovraperformato le azioni value. Analisi della gestione Per l esercizio concluso il 31 dicembre 2014, le azioni di Classe A2$ del Comparto hanno segnato un rendimento totale del 9,25 al NAV. Questo rendimento si basa sull aumento del valore di negoziazione del NAV a USD 23,50 il 31 dicembre 2014, da USD 21,51 il 31 dicembre Il Comparto ha sottoperformato il rendimento dell Indice S&P 500 (13,69) e il rendimento dell Indice Russell 1000 Value (l Indice ) (13,45), che segue più da vicino l andamento degli investimenti del Comparto. (Non è possibile investire direttamente in un indice.) La selezione dei titoli nei settori IT e sanitario, con la selezione dei titoli nel settore finanziario e una posizione di sottopeso nello stesso settore, hanno penalizzato la performance del Comparto rispetto all'indice. Ha pesato sulla performance anche il sovrappeso nel settore energetico, mercato in ritardo, così come il sovrappeso nel consumo voluttuario. Per contro, la selezione dei titoli nei settori dei beni di prima necessità, dei materiali, dell'energia, del consumo voluttuario e dei beni industriali ha favorito la performance relativa del Comparto. 14

17 Global Macro Fund al 31 dicembre 2014 PORTAFOGLIO DEGLI INVESTIMENTI (in dollari statunitensi) Attività finanziarie registrate a valore equo nel Conto Economico Obbligazioni governative non statunitensi Argentina (2013: 0,0) Repubblica dell Argentina, 8,75, 7/5/24 USD $ ,9 Repubblica dell Argentina, 8,28, 31/12/33 USD ,8 $ ,7 Barbados (2013: 0,0) Barbados Government International Bond, 6,63, 5/12/35 USD $ ,3 Barbados Government International Bond, 6,63, 5/12/35 USD ,3 $ ,6 Bielorussia (2013: 0,0) Repubblica della Bielorussia, 8,95, 26/1/18 USD $ ,4 Bermuda (2013: 1,1) Governo di Bermuda, 4,85, 6/2/24 USD $ ,8 Repubblica Dominicana (2013: 0,0) Obbligazione internazionale della Repubblica Dominicana, 14,50, 10/2/23 DOP $ ,1 Obbligazione internazionale della Repubblica Dominicana, 14,50, 10/2/23 DOP ,1 Obbligazione internazionale della Repubblica Dominicana, 18,50, 4/2/28 DOP ,6 Obbligazione internazionale della Repubblica Dominicana, 18,50, 4/2/28 DOP ,0 $ ,8 Ecuador (2013: 0,2) Repubblica dell Ecuador, 7,95, 20/6/24 USD $ ,6 Fiji (2013: 0,3) Repubblica di Fiji, 9,00, 15/ 3/16 USD $ ,2 Indonesia (2013: 0,0) Titoli del Tesoro indonesiani, 8,38, 15/3/24 IDR $ ,5 Titoli del Tesoro indonesiani, 9,00, 15/3/29 IDR ,1 Titoli del Tesoro indonesiani, 8,38, 15/3/34 IDR ,1 Titoli del Tesoro indonesiani, 8,75, 15/2/44 IDR ,1 $ ,8 15 Iraq (2013: 0,0) Repubblica dell Iraq, 5,80, 15/1/28 USD $ ,3 Giordania (2013: 0,0) Regno di Giordania, 3,88, 12/11/15 USD $ ,6 Libano (2013: 0,0) Repubblica Libanese, 8,50, 19/1/16 USD $ ,0 Macedonia (2013: 0,0) Republic of Macedonia, 3,98, 24/7/21 EUR $ ,6 Pakistan (2013: 0,0) Repubblica Islamica del Pakistan, 6,88, 1/6/17 USD $ ,6 Repubblica Islamica del Pakistan, 8,25, 15/4/24 USD ,5 $ ,1 Paraguay (2013: 0,3) Repubblica del Paraguay, 6,10, 11/8/44 USD $ ,9 Repubblica del Paraguay, 6,10, 11/8/44 USD ,8 $ ,7 Filippine (2013: 1,3) Repubblica delle Filippine, 6,25, 14/1/36 PHP $ ,8 Romania (2013: 4,7) Obbligazioni governative Romania, 4,63, 18/9/20 EUR $ ,9 Obbligazioni governative Romania, 5,95, 11/6/21 RON ,6 $ ,5 Rwanda (2013: 0,5) Repubblica del Rwanda, 6,63, 2/5/23 USD $ ,6 Serbia (2013: 2,5) Repubblica della Serbia, 5,25, 21/11/17 USD $ ,6 Obbligazioni del Tesoro Serbia, 4,00, 8/11/16 EUR ,8 Obbligazioni del Tesoro Serbia, 10,00, 1/4/17 RSD ,9 Obbligazioni del Tesoro Serbia, 10,00, 8/5/17 RSD ,4

18 Global Macro Fund al 31 dicembre 2014 PORTAFOGLIO DEGLI INVESTIMENTI CONTINUA (in dollari statunitensi) Serbia (2013: 2,5) continua Obbligazioni del Tesoro Serbia, 10,00, 24/1/18 RSD ,0 Obbligazioni del Tesoro Serbia, 10,00, 5/6/21 RSD ,3 $ ,0 Slovenia (2013: 3,0) Repubblica di Slovenia, 4,38, 18/1/21 EUR $ ,5 Repubblica di Slovenia, 5,50, 26/10/22 USD ,9 Repubblica di Slovenia, 5,85, 10/5/23 USD ,6 Repubblica di Slovenia, 4,63, 9/9/24 EUR ,9 $ ,9 Sri Lanka (2013: 3,1) Repubblica dello Sri Lanka, 8,00, 15/11/18 LKR $ ,7 Repubblica dello Sri Lanka, 6,25, 4/10/20 USD ,3 Repubblica dello Sri Lanka, 6,25, 27/7/21 USD ,0 Repubblica dello Sri Lanka, 5,88, 25/7/22 USD ,9 $ ,9 Tanzania (2013: 1,7) Obbligazioni governative Tanzania, 6,33, 9/3/20^ USD $ ,7 Thailandia (2013: 0,0) Obbligazioni governative Thailandia, 1,25, 12/3/28 THB $ ,3 Turchia (2013: 4,0) Obbligazioni governative Turchia, 4,00, 1/4/20^ TRY $ ,1 Obbligazioni governative Turchia, 3,00, 6/1/21^ TRY ,1 Obbligazioni governative Turchia, 3,00, 21/7/21 TRY ,8 Obbligazioni governative Turchia, 2,37, 26/10/22 TRY ,6 $ ,6 Venezuela (2013: 0,0) Repubblica Bolivariana del Venezuela, 5,75, 26/2/16 USD $ ,5 Zambia (2013: 0,0) Repubblica dello Zambia, 11,00, 2/9/19 ZMW $ ,2 Repubblica dello Zambia, 8,50, 14/4/24 USD ,7 $ ,9 Totale Obbligazioni governative non statunitensi $ ,9 Investimenti a breve termine Obbligazioni governative non statunitensi Argentina (2013: 0,0) Argentina Boden Bond, 7,00, 3/10/15 USD $ ,0 Bielorussia (2013: 0,0) Repubblica della Bielorussia, 8,75, 3/8/15 USD $ ,8 Cipro (2013: 0,0) Obbligazioni governative internazionali di Cipro, 3,75, 1/11/15 EUR $ ,6 Ecuador (2013: 0,0) Obbligazioni governative internazionali della Ecuador, 9,38, 15/12/15 USD $ ,4 Libano (2013: 3,0) Obbligazioni governative libanesi, 4,10, 12/6/15 USD $ ,3 Obbligazioni governative libanesi, 8,50, 6/8/15 USD ,9 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 15/1/15 LBP ,0 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 26/2/15 LBP ,6 Titoli del Tesoro Libano, 6,50, 2/4/15 LBP ,5 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 9/4/15 LBP ,6 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 16/4/15 LBP ,7 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 30/4/15 LBP ,7 Titoli del Tesoro Libano, 6,50, 28/5/15 LBP ,4 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 11/6/15 LBP ,0 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 9/7/15 LBP ,5 Titoli del Tesoro Libano, 0,00, 15/10/15 LBP ,0 $ ,2 16

19 Global Macro Fund al 31 dicembre 2014 PORTAFOGLIO DEGLI INVESTIMENTI CONTINUA (in dollari statunitensi) Serbia (2013: 3,2) Titoli del Tesoro Serbia, 0,00, 9/1/15 RSD $ ,9 Titoli del Tesoro Serbia, 0,00, 26/11/15 EUR ,8 Obbligazioni del Tesoro Serbia, 10,00, 27/4/15 RSD ,5 $ ,2 Sri Lanka (2013: 4,1) Titoli del Tesoro Sri Lanka, 0,00, 27/2/15 LKR $ ,0 Titoli del Tesoro Sri Lanka, 0,00, 27/3/15 LKR ,2 Titoli del Tesoro Sri Lanka, 0,00, 1/5/15 LKR ,4 $ ,6 Uganda (2013: 0,0) Titoli del Tesoro Uganda, 0,00, 3/9/15 UGX $ ,1 Uruguay (2013: 0,5) Monetary Regulation Bill, 0,00, 26/3/15 UYU $ ,5 Uruguay Notas del Tesoro, 10,25, 22/8/15 UYU ,6 Titoli del Tesoro Uruguay, 0,00, 26/11/15 UYU ,1 $ ,2 Venezuela (2013: 1,2) Obbligazioni internazionali governative venezuelane, 7,00, 16/3/15 EUR $ ,4 Zambia (2013: 0,8) Titoli del Tesoro Zambia, 0,00, 10/8/15 ZMW $ ,3 Totale Obbligazioni governative non statunitensi $ ,8 Obbligazioni del Tesoro statunitensi (2013: 7,3) United States Treasury Bill, 0,00, 15/1/15 USD $ ,4 United States Treasury Bill, 0,00, 2/4/15 USD ,5 $ ,9 Notes e obbligazioni societarie Ecuador (2013: 0,0) EP PetroEcuador via Noble Sovereign Funding I, Ltd., 5,89, 24/9/19 EUR $ ,7 Georgia (2013: 0,0) Bank of Georgia JSC, 7,75, 5/7/17 GBP $ ,8 Russia (2013: 0,0) Gazprom OAO Via Gaz Capital SA, 4,30, 12/11/15 EUR $ ,6 Totale Notes e obbligazioni societarie $ ,1 rdinarie Germania (2013: 0,4) Deutsche Wohnen AG $ ,3 Lussemburgo (2013: 0,2) GAGFAH Group SA $ ,3 Repubblica della Serbia (2013: 0,0) Naftna Industrija Srbije Novi Sad $ ,4 Romania (2013: 0,0) Fondul Proprietatea SA $ ,6 Singapore (2013: 0,0) Yoma Strategic Holdings, Ltd $ ,5 Regno Unito (2013: 0,0) Genel Energy Plc $ ,2 Totale rdinarie $ ,3 Totale Investimenti a prezzi di scambio quotati $ ,0 Rettifiche dai prezzi di scambio quotati a prezzi denaro $ (44.829) (0,1) Investimenti totali $ ,9 Totale Investimenti a breve termine $ ,7 17

20 Global Macro Fund al 31 dicembre 2014 PORTAFOGLIO DEGLI INVESTIMENTI CONTINUA (in dollari statunitensi) Contracts for Difference (2013: 0,0) Descrizione Controparte Quantità Profitto non realizzato Titulos De Tesoreria CFD Bank of America $ ,0 Titulos De Tesoreria CFD Deutsche Bank ,0 Titulos De Tesoreria CFD Deutsche Bank ,0 Totale $ ,0 Contracts for Difference (2013: 0,0) Descrizione Controparte Quantità Perdita non realizzata Titulos De Tesoreria CFD Deutsche Bank $ (682) 0,0 Titulos De Tesoreria CFD Bank of America (352) 0,0 Titulos De Tesoreria CFD Deutsche Bank (651) 0,0 Totale $ (1.685) 0,0 Opzioni in valuta Acquistate (2013: 0,0) Descrizione Controparte Valuta capitale dei contratti (000 omessi) Prezzo d esercizio Opzione put in dollari australiani JP Morgan AUD ,85 29/4/15 $ ,2 Opzione call in sterline britanniche Goldman Sachs GBP 694 1,63 17/3/ ,2 Opzione put in dollari canadesi Standard Chartered CAD 851 1,11 30/3/ ,1 Opzione put in dollari canadesi Goldman Sachs CAD 900 1,13 30/3/ ,1 Opzione put offshore in yuan cinesi Bank of America CNH ,30 14/5/ ,0 Opzione put offshore in yuan cinesi Goldman Sachs CNH ,30 14/5/ ,0 Opzione put offshore in yuan cinesi Goldman Sachs CNH ,20 5/3/ ,1 Opzione put in euro Deutsche Bank EUR 646 1,28 1/11/ ,2 Opzione put in euro Goldman Sachs EUR 510 1,38 29/4/ ,3 Opzione put in euro Goldman Sachs EUR 616 1,35 30/7/ ,3 Opzione put in euro Goldman Sachs EUR 640 1,30 30/7/ ,2 Opzione put in euro Goldman Sachs EUR 890 1,21 30/7/ ,1 Opzione put in euro Goldman Sachs EUR 599 1,38 29/10/ ,2 Opzione put in yen giapponese Goldman Sachs JPY ,00 22/6/ ,7 Opzione put in yen giapponese Goldman Sachs JPY ,00 22/6/ ,1 Totale $ ,8 Data di scadenza Valore Opzione su indici (2013: 0,0) Descrizione Controparte Valuta Contratti Prezzo d esercizio Data di scadenza Valore Opzione call Nikkei 225 Goldman Sachs JPY /5/16 $ ,1 Totale $ ,1 Contratti futures (2013: 0,5) Apprezzamento Scadenza Mese/Anno Contratti Controparte Posizione non realizzato Mar-15 (1) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 30 anni (deliverable) Corta $ 63 0,0 Mar-15 (8) Citibank SET 50 INDEX Corta ,0 Mar-15 (2) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 10 anni (deliverable) Corta ,0 Mar-15 (21) Citibank SET 50 INDEX Corta ,0 Mar-15 (9) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 10 anni (deliverable) Corta ,0 Mar-15 (13) Citibank SET 50 INDEX Corta ,0 Mar Citibank Future su indice Nifty SGX CNX Lunga ,0 Totale $ ,0 Contratti futures (2013: 0,0) Apprezzamento Expiration Month/Year Contratti Controparte Posizione non realizzato Mar-15 (24) Citibank Euro-Bobl Corta $ (21.781) (0,1) Mar-15 (6) Citibank Euro-Bund Corta (20.368) (0,1) Mar-15 (28) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 10 anni (deliverable) Corta (16.787) (0,1) Mar-15 (26) Citibank 90Day Euro Corta (10.075) 0,0 Mar-15 (39) Citibank WIG20 Index Future Corta (7.270) 0,0 Mar-15 (7) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 5 anni (deliverable) Corta (2.830) 0,0 Mar-15 (2) Citibank Titoli del Tesoro statunitensi a 10 anni Corta (1.871) 0,0 Mar-15 (16) Citibank Interest Rate Swap statunitensi a 2 anni (deliverable) Corta (1.500) 0,0 Mar-15 (3) Citibank Euro-Bund Corta (1.218) 0,0 Mar-15 2 Citibank Futures su indice Topix Lunga (6.979) 0,0 Mar-15 6 Merrill Lynch Interest Rate Swap statunitensi a 10 anni (deliverable) Lunga (2.191) 0,0 Totale $ (92.871) (0,3) 18

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli