I commenti della settimana. Le notizie della settimana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I commenti della settimana. Le notizie della settimana"

Transcript

1 Osservatorio Fillea Grandi Imprese e Lavoro Newsletter Costruzioni e Grandi Imprese Note di approfondimento ed informazione sull industria delle costruzioni febbraio 2015 a cura di Alessandra Graziani 1 e Giuliana Giovannelli 2, Centro Studi Fillea Cgil I commenti della settimana Economia Tornano a crescere fatturato e ordinativi dell industria in dicembre; nelle costruzioni finalmente cresce l indice della produzione. Annunciato oer marzo un piano casa da 400 milioni. Legislazione Nel prossimo decreto liberalizzazioni previste anche misure fiscali a favore dell edilizia. Agenzia ispettiva unica, per ora slitta il decreto. Grandi imprese Nuovi appalti esteri per Toto, per Astaldi quattro nuove commesse in Italia. Il gruppo Rubner leader dell efficienza energetica nelle case in legno. Le notizie della settimana Congiuntura: legislazione: pacchetto fiscale per l edilizia (Italia Oggi, ) legno edilizia: il legno nel futuro dell edilizia (Italia Oggi, ) piano casa: entro metà marzo un piano da 400 milioni (Il Messaggero, ) sicurezza: agenzia unica ispettiva, il decreto slitta (Il Sole 24 Ore, ) Grandi imprese delle costruzioni: Rdb: la priorità è la Cassa integrazione (Libertà, ) Salini Impregilo: rifinanzia il debito a tassi più bassi (Affari&Finanza, ) Toto: maxi appalto da 163 milioni in Polonia (sito casa e clima, ) Astaldi: trova commesse per 190 milioni (Milano Finanza, ) Matarrese: il Tribunale deciderà sul salvataggio (Gazzetta del Mezzogiorno, ) Sacci: accordo, ritirati licenziamenti e sospensioni (Eco di Bergamo, ) Rubner: a Chienes la casa del domani (Corriere della Sera, ) Atlantia: ok a bond da 1,5 mld di euro (Milano Finanza, ) Rapporti e studi: Istat: stima preliminare del Pli, IV trimestre 2014 (Comunicato Istat, ) Agenzia Entrate: rapporto sul patrimonio immobiliare (Il Messaggero, ) Istat: costi di costruzione, dicembre 2014 (Comunicato Istat, ) Istat: produzione nelle costruzioni, dicembre 2014 (Comunicato Istat, ) Legambiente: Regolamento Edilizio Unico (Il Sole 24 ore, ) Istat: fatturato e ordinativi dell industria, dicembre 2014 (Comunicato Istat, ) Eventi: Min. Infrastrutture, Ance, Abi, Housing sociale: una soluzione al disagio abitativo, Roma, 18 febbraio 2015 Legambiente, Enel, Innovazione e semplificazione in edilizio: verso il regolamento edilizio unico, Roma, 19 febbraio 2015 Legno&Edilizia, Veronafiere, febbraio 2015 Congiuntura legislazione ( ): Nel pacchetto sulle liberalizzazioni entrano anche misure fiscali di favore per l'edilizia. L'esecutivo pensa a riduzioni dell'aliquota base dell'imu per le società immobiliari di costruzioni e alla revisione del regime Iva sulle cessioni e locazioni di nuove abitazioni e per l'housing sociale. Previste modifiche anche al meccanismo della rivalsa della maggior Iva dovuta a seguito di accertamenti o rettifiche sui clienti, ma solo ad avvenuto pagamento della stessa all'erario con aggiunta delle sanzioni e degli interessi. A seguito della rivalsa il cessionario o il committente potranno a loro volta recuperare la maggior Iva corrisposta al loro fornitore al più tardi con la dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui ha corrisposto l'imposta o la maggiore imposta. Detrazione che sarà comunque possibile ed eseguibile solo nei limiti e alle condizioni esistenti al momento dí effettuazione della originaria operazione poi oggetto di accertamento o rettifica. La novità in materia di fiscalità nell'edilizia e ín tema di esercizio della rivalsa nei confronti del cessionario o del committente dell'imposta sul valore 1 politiche 2

2 aggiunto pagata in conseguenza di accertamento o di rettifica da parte dell'ufficio, sono contenute nello schema di decreto sulle liberalizzazioni e la concorrenza che il governo esaminerà nel Consiglio dei ministri di venerdì prossimo. Nel suddetto schema di testo normativo in materia di liberalizzazioni e norme sulla concorrenza sono contenute, qua e là, anche disposizioni di carattere tributario come quelle sopra accennate. Fra queste da ricordare anche le modifiche alla disciplina del trasferimento all'estero della residenza fiscale dei soggetti che esercitano imprese commerciali che l'esecutivo intende introdurre a seguito di specifica procedura d'infrazione comunitaria nei confronti dell'italia. Altra disposizione di natura prettamente tributaria riguarda l'applicazione del regime ordinario di deducibilità degli interessi passivi per le società, a prevalente capitale pubblico, fornitrici di acqua, energia e teleriscaldamento, nonché servizi di smaltimento e depurazione che l'esecutivo mira a introdurre attraverso una modifica all'articolo 96 del Tuir. Altro pacchetto importante di disposizioni fiscali contenute nello schema di decreto sulle liberalizzazioni riguarda, come anticipato, le imposte indirette gravanti nel settore edilizio. In particolare si prevede la possibilità per i comuni italiani di ridurre l'aliquota dell'imu di base fino allo 0,38% per i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita. Tale aliquota ridotta varrà fino a che permanga tale destinazione delle unità immobiliari e a patto che le stesse non siano in ogni caso locate, e comunque per un periodo non superiore a tre anni dall'ultimazione dei lavori di costruzioni. Nel pacchetto di misure fiscali per l'edilizia l'esecutivo pensa anche ad una rivisitazione dell'applicazione dell'iva sulle cessioni e sulle locazione di abitazioni di nuova costruzione nonché per il c.d. housing sociale. (ANDREA BONGT) legno edilizia ( ): Meno mattoni e più legno, la ripresa nelle costruzioni passa anche da qui. Dal 6% dei volumi residenziali occupato nel 2010, il settore del legno in edilizia punta infatti a un raddoppio nel 2015, quando dovrebbe arrivare a coprire il 12% del mercato abitativo con circa 350 aziende italiane coinvolte. A fare scuola è innanzitutto il caso di via Cenni a Milano, dove c'è il più grande complesso residenziale d'europa (4 palazzine da 9 piani) realizzato con questo materiale naturale. Con questi presupposti, si annuncia piena di aspettative positive la 9» edizione di Legno&Edilizia, la manifestazione internazionale sull'impiego del legno nelle costruzioni edili che si apre oggi nei padiglioni di Veronafiere e durerà fino a domenica. Organizzata da Piemmeti in collaborazione con il partner tecnico Arca Casa Legno srl, la kermesse biennale è pronta ad, ospitare nei suoi 15 mila metri quadrati di superficie (2 mila in più rispetto all'ultima edizione) 143 espositori provenienti soprattutto da Italia, Germania e Austria. Sono attesi anche 30 buyers esteri selezionati tra mercati in via di sviluppo ed emergenti, con particolare riguardo a quelli dell'area balcanica e dell'est Europa. Al centro di questa edizione, che punta a superare i 20 mila visitatori del 2013, l'idea che «costruire col legno conviene», motivo per cui saranno illustrate le diverse possibilità di impiego del materiale naturale: dalle strutture portanti per uso civile o per impianti pubblici alla carpenteria, passando per macchine e utensili, semilavorati, prefabbricati o strutture da esterno, pavimenti, soffitti, scale, infissi, fino ai tetti e ai materiali isolanti. «Questa estrema ricchezza merceologica», spiega Mario Rossini, vicedirettore generale di Veronafiere, «testimonia come il legno sia il protagonista di un nuovo modo di concepire l'edilizia». I vantaggi, sia ingegneristici che economici e di bioedilizia, sono notevoli: «C'è innanzitutto un risparmio dal 15 al 30% nelle spese di costruzione», continua Rossini, «quindi una breve durata dei cantieri con 100 giorni per costruire una casa fino a 500 mq, un ridotto impatto ambientale, maggiore isolamento acustico, sicurezza antisismica al 100%, la possibilità di personalizzare il più possibile la struttura e un risparmio energetico fino al 90% rispetto ai consumi di una casa tradizionale di classe A». Ma non c'è solo l'edilizia privata ad aprire le porte al legno. Pure in quella pubblica è possibile sfruttare le potenzialità del settore, a partire dagli istituti scolastici, come sarà illustrato nel convegno di domani. Nel corso della manifestazione saranno inoltre proposti corsi per la costruzione delle case con i tronchi (Log-Home) ed esposti gli elaborati vincitori del concorso per studenti «La capanna sull'albero», con la progettazione di una casetta di 3 metri quadrati a 3 metri di altezza, altra nuova frontiera del legno in edilizia che sta riscuotendo un successo crescente nell'ambito degli spazi per svaghi e giochi per bambini. «Avremo un livello espositivo di qualità mai raggiunta nelle scorse biennali», conclude Raul Barbieri, direttore della società organizzatrice Piemmeti. «A Verona si creerà nuovamente un rapporto diretto delle industrie produttrici non solo con i carpentieri che costituiscono gli storici destinatari di Legno&Edilizia, ma anche con ingegneri, architetti, geometri, studi di progettazione e con gli appassionati del mondo del legno». (Giovanni Bucchi) piano casa ( ): «Un piano casa che conterrà le misure più importanti degli ultimi vent'anni», con queste parole il vice-ministro alle infrastrutture, Riccardo Nencini, ha annunciato la presentazione, entro metà marzo, di un provvedimento da 400 milioni di euro per realizzare 20 mila alloggi di edilizia pubblica recuperando l'invenduto. «Senza casa e senza lavoro non c'è libertà ed equità per le famiglie - ha spiegato Nencini - noi affrontiamo il tema della casa, rimettendo sul mercato 20 mila alloggi ad affitto calmierato o per la vendita a prezzi calmierati». Il piano di social housing è destinato a lenire l'emergenza abitativa italiana dove, a fronte di 700 mila famiglie bisognose, ci sono appena 45 mila alloggi di edilizia pubblica, un dato che in Europa ci vede in coda, al pari con paesi come l'estonia. Peraltro questo «problema straordinariamente ampio», ha spiegato il vice-ministro, è acuito dal fatto che un terzo di queste abitazioni sono sfitte e un altro 15% è occupato da famiglie che non sono sotto la soglia di povertà. Dal punto di vista economico il piano, già discusso col ministro Padoan, prevederà uno stanziamento di 150 milioni di euro per il sostegno all'affitto e altri milioni di vantaggi fiscali per coloro che intervengono su alloggi che già esistono e sono invenduti, creando così una partnership pubblico-privato perchè «l'italia non ha risorse sufficienti se non vengono legate a quelle private». La base del piano sarà dunque il riutilizzo del patrimonio abitativo invenduto che secondo le stime oscilla intorno alle abitazioni, con il vantaggio non indifferente di evitare nuovo consumo di suolo e di valorizzare le periferie, che accolgono il 65% della popolazione. I destinatari del progetto saranno la categorie più fragili: anziani, giovani e coppie. Guardando alle risorse scarse, Nencini ha anche fatto intendere che nei prossimi anni saranno da rivedere i meccanismi di assegnazione che potrebbero basarsi sull'isee, e non più sul reddito, e essere a scadenza di cinque o dieci anni per evitare gli abusi. Il více-ministro ha sottolineato che «questo è un provvedimento nuovo, da costruire, ma siamo già a buon punto, sarà pronto entro metà marzo e comincerà il suo iter». sicurezza ( ): Finisce su un binario morto la prima bozza del decreto legislativo di semplificazione e razionalizzazione dell'attività ispettiva sul lavoro. Ieri pomeriggio, nel corso dell'incontro con i sindacati, è stato lo stesso ministro Giuliano Poletti a parlare di un rinvio del provvedimento che avrebbe dato attuazione all'articolo i comma 7 della delega e che era stato annunciato per il Consiglio dei ministri di oggi. E in serata anche ambienti di

3 palazzo Chigi hanno confermato le perplessità che hanno indotto al rinvio. Se ne riparlerà forse a fine mese. Numerosi sarebbero i nodi problematici emersi nel confronto con le parti sulla prospettiva di costituzione di un'agenzia unica per le ispezioni del lavoro in cui sarebbe confluito personale dell'inps, dell'inail e dello stesso ministero del Lavoro. La struttura, ipotizzata con un organico di circa 6mila addetti e 19 sedi (una nazionale a Roma e 18 sul territorio), sarebbe nata sulle ceneri di un'ottantina di direzioni provinciali e interregionali del ministero la cui soppressione avrebbe sì generato risparmi sulle spese per affitto e gestione di circa una ventina di milioni l'anno, ma avrebbe generato anche dipendenti in soprannumero per circa unità. Una nuova mobilità di personale, ipotizzata verso Inps, Inail e il ministero dell'interno, che si sarebbe sovrapposta alla già complessa operazione in corso di trasferimento del personale in "esubero" delle vecchie province in chiusura (legge 56/2014). All'Agenzia, sulla carta, avrebbero dovuto confluire circa 3mila ispettori del Lavoro, dell'inps e quasi 40o dell'inail oltre ad un ulteriore migliaio di addetti"di supporto" del ministero per gestire il contenzioso. Una struttura nazionale con articolazioni territoriali leggere, da far funzionare utilizzando come basi di appoggio territoriale perlopiù le sedi Inps o Inail, con l'obiettivo di garantire il massimo di economia in linea con le norme del dlgs 30o del 1999 con le quali sono state costituite altre agenzie governative dotate di piena autonomia di bilancio. La nuova struttura avrebbe incluso nella sua dotazione finale anche duemila carabinieri in forza al Comando dei carabinieri del Lavoro. Altro nodo problematico, indicato in particolare dai sindacati, riguarderebbe il trattamento economico effettivo del personale trasferito nella nuova Agenzia, che nella bozza presentata sembrerebbe penalizzante in particolare per gli ispettori Inps e Inail. Anche da qui sono partite ieri le nuove contestazioni al progetto di Susanna Camusso, chela ribadito posizioni condivise nei giorni scorsi con Cisl e Uil: «La critichiamo perché come è stata presentata e per le risorse che le sono state affidate penalizzerà i lavoratori, dal punto di vista dei loro redditi e dei profili professionali. Poi perché un procedimento costruito in questo modo determinerà una forma di paralisi e una riduzione dei controlli, oltre all'incertezza per le funzioni dei due grandi enti previdenziali». ( ) Le funzioni dell'agenzia, sulla carta, spazieranno" dalla vigilanza sugli impianti al contrasto del lavoro irregolare e sommerso fino alla gestione del contenzioso sulle sanzioni legate alle ispezioni. Fuori dal perimetro di questa struttura nazionale (o coordinamento rafforzato se passasse un disegno alternativo) resterebbero al momento le attività ispettive delle Asl, in attesa della riforma del Titolo V della Costituzione. (Davide Colombo) Grandi imprese delle costruzioni Rdb ( ): Il fallimento pesa come un macigno su 103 lavoratori piacentini della Rdb. Sono 444 a livello nazionale. Uno dietro l'altro proseguiranno, a partire da oggi, colloqui e assemblee per cercare, da un lato, di verificare la possibilità di un'acquisizione da parte di una cordata piacentina della società in fallimento; dall'altro, con massima urgenza, si deve riuscire a trovare una forma di "paracadute" per dare sostegno ai lavoratori, ad oggi senza alcun ammortizzatore sociale che possa sostenerli nel reddito. ( ) All'Rdb infatti è stato concesso l'esercizio provvisorio fino al 12 marzo, prorogabile. «Per il territorio questo fallimento è una "botta" durissima, facciamo appello a imprenditori seri perché non lascino andare perso questo patrimonio - precisa Michele Sfriso, sindaco di Monticelli Anche noi chiediamo di incontrare il curatore il prima possibile». (Elisa Malacalza) Salini Impregilo ( ): In vista dei conti del 2014, le azioni Salini Impregilo ne approfittano per accelerare in Borsa. Annullando, di fatto, la débacle dello scorso autunno, quando il mercato aveva manifestato qualche perplessità sul debito del gruppo. Le azioni del gruppo attivo nel settore delle costruzioni, a Piazza Affari, viaggiano, infatti, sui massimi degli ultimi sei mesi: venerdì si aggiravano intorno a quota 3,70 euro, rispetto al minimo di 2,2 raggiunto tra ottobre e novembre del Guardando l'andamento degli ultimi 12 mesi, però, il discorso cambia, perché per ritrovare i massimi di periodo bisogna andare indietro al 21 febbraio del 2014, un anno fa, quando i titoli si muovevano intorno ai 4,7 euro. La data chiave da monitorare per capire se le azioni Salini hanno ancora spazio per correre è il 25 febbraio, quando il consiglio d'amministrazione si riunirà per analizzare il preconsuntivo dello scorso esercizio. Secondo le attese degli analisti sondati da Bloomberg, le vendite del gruppo dovrebbero attestarsi sui 4,35 miliardi di euro, con un margine operativo lordo (ebitda) di 427,11 milioni, un profitto operativo a 251,67 milioni e un utile netto rettificato - depurato di eventuali componenti straordinarie - nell'ordine di 98,82 milioni. Nel 2013, il gruppo guidato dall'amministratore delegato Pietro Salini, dell'omonima famiglia romana controllante, e presieduto dal banchiere ex Goldman Sachs Claudio Costamagna, aveva realizzato ricavi pari a 3,97 miliardi, un ebitda di 426 milioni e un risultato operativo di 234 milioni. In realtà, questi numeri sono "pro-forma" poiché la fusione tra le due società Salini e Impregilo, da cui l'attuale gruppo ha preso vita, è diventata effettiva soltanto dal primo gennaio del L'integrazione è scattata dopo che la famiglia Salini, uscita vittoriosa dalla battaglia de per il controllo del gruppo contro Beniamino Gavio (allora socio di riferimento di Impregilo), è diventata prima azionista. Oggi i Salini, a seguito dell'operazione di aumento del flottante della scorsa estate, hanno in mano quasi il 62% del capitale. Proprio quest'ultima operazione, che di fatto si è tradotta in un aumento di capitale riservato a investitori istituzionali più una piccola cessione di azioni da parte della famiglia di costruttori, ha contribuito al nervosismo di Borsa che ha caratterizzato gran parte del 2014 di Salini Impregilo. In questa fase, comunque, tra analisti e addetti ai lavori sembra prevalere la positività. L'89% degli esperti interpellati da Bloomberg raccomanda l'acquisto delle azioni ("buy"), mentre nessuno è posizionato a livello intermedio e soltanto 1'11% consiglia la vendita ("sell"). Il tutto con un prezzo obiettivo medio collocato a 4 euro e dunque superiore alle attuali quotazioni di Borsa. Lo studio più recente su Salini Impregilo è firmato da Exane Bnp Paribas e porta la data del 2 febbraio, quando gli analisti hanno ritoccato verso l'alto il target price da 3,4 a 4 euro, confermando nello stesso tempo Il rating "buy". «Dopo un primo semestre del 2014 debole - dicono da Exane il gruppo ha annunciato dati rassicuranti per il terzo trimestre, confermando gli obiettivi finanziari e industriali per la fine del Guardando agli ordini annunciati ufficialmente, quelli nuovi sembrano essere inferiori agli obiettivi. Tuttavia, crediamo che la società beneficerà di modifiche agli ordini esistenti e che nel complesso possa così avvicinarsi ai target». Nelle ultime settimane, proseguono gli analisti della banca d'affari francese, «abbiamo visto miglioramenti su alcuni contratti italiani», come quello perla linea ad alta velocità tra Milano e Genova. Da Exane Bnp Paribas sottolineano, inoltre, come il contenzioso sul canale di Panama con l'autorità dell'infrastruttura si sia concluso senza grossi problemi, mentre «la situazione resta molto incerta in Libia e in Venezuela» per via delle tensioni geopolitiche nei due paesi che nel portafoglio ordini (backlog pesano rispettivamente per il 5 e i1 6 per cento. Anche gli analisti di Mediobanca hanno pubblicato una recente nota su Salini, dove hanno

4 confermato il giudizio "outperform" ("il titolo farà meglio del mercato") con prezzo obiettivo a 4,7 euro. Secondo gli esperti di Piazzetta Cuccia, la società delle costruzioni beneficerà dell'attuale scenario macroeconomico, caratterizzato da bassi tassi di interesse, per rifinanziare a basso costo il debito. Che in termini lordi al 30 settembre rappresentava un fardello da quasi 1,4 miliardi. (Carlotta Scozzari) Toto costruzioni ( ): La Toto Costruzioni Generali si è aggiudicata con un'offerta di circa 123 milioni di euro (529 milioni di zloty) il bando internazionale promosso dalla Direzione Generale per le Strade e Autostrade della Polonia (Gddkia) per le realizzazione di un tratto della superstrada S5 Poznan-Breslavia. È quanto comunica la stessa società teatina in una nota. La Toto, con l'associata Vianini Lavori Spa di Roma, realizzerà i sedici chilometri della tratta Poznan-Wronczyn; l'opera dovrà essere terminata entro la fine del Uno snodo vitale per la futura viabilità polacca, perché metterà in collegamento la S5, che taglia la Polonia da Nord a Sud, con l'a2, la grande autostrada in fase di ultimazione che attraversa il Paese da Est a Ovest, collegando Germania e Bielorussia sulla Strada Europea E30. Astaldi ( ): Il gruppo Astaldi si è aggiudicato quattro commesse in Italia per un totale di 190 milioni, relative ad altrettanti progetti. Il primo, da 61 milioni, prevede il completamento del fabbricato viaggiatori (con tutti gli impianti di stazione e ferroviari) della stazione ferroviaria dell'alta velocità Napoli-Afragola, che porta la firma dell' architetto anglo-iracheno Zaha Hadid. Il committente di questa commessa è Italferr (gruppo Ferrovie dello Stato Italiane) e le opere saranno finanziate con fondi già disponibili. I lavori, che inizieranno nei prossimi giorni, dureranno circa due anni. La seconda commessa da 52 milioni riguarda invece la realizzazione dei lavori di dragaggio nel porto di Taranto. Gli interventi rientrano nel piano di ammodernamento dell'area del terminal container varato dall'autorità portuale e interesseranno il tratto di mare che si apre davanti alla banchina del molo polisettoriale. I lavori, che consistono in un incremento della profondità dei fondali di oltre 2,5 metri e nella bonifica dei sedimenti contaminati, incominceranno a breve e andranno avanti per un anno circa. La terza commessa da 45 milioni ha come obiettivo la realizzazione della diga di Monte Nieddu, in Sardegna. I lavori, commissionati dal Consorzio di Bonifica Sardegna Meridionale, porteranno alla costruzione di una diga di 75 metri di altezza e delle annesse opere elettromeccaniche. La commessa sarà finanziata con fondi Cipe già disponibili e la durata dei lavori, che partiranno a marzo, sarà di 42 mesi circa. La quarta e ultima commessa, quella da 30 milioni, prevede la realizzazione di un programma di interventi (opere strutturali, impiantistiche e civili) per il recupero e la trasformazione urbana della sede di Roma del gruppo Angelini, con il fine di ricavarne degli uffici. Il valore degli interventi contrattualizzati ad oggi ammonta a 16 milioni, con i restanti 14 milioni che saranno attivati al completamento di una prima fase. Il nuovo complesso immobiliare sarà costituito da un corpo centrale adibito a centro polifunzionale e da altri quattro blocchi di uffici disposti a forma di L. L' avvio dei lavori è programmato per il mese marzo. In quest'ultimo progetto è inoltre previsto l'impiego di materiali ecosostenibili e l'uso di tecnologie che permetteranno -questo l'obiettivo del gruppo- di migliorare l'efficienza energetica e ottenere la certificazione Leed (leadership in energy and environmental design). «Con questa commessa», ha sottolineato la società, «si apre per Astaldi il filone di attività del recupero residenziale in chiave ecosostenibile». (FRANCESCO COLAMARTINO) Matarrese ( ): L'attività della controllata marocchina si è esaurita da tempo e ci sarebbe stata una obiettiva difficoltà a ottenerne i bilanci. Quella albanese, invece, non sarebbe la titolare del contratto di appalto per realizzare la strada Scutari-Hani i Hotit che per questa ragione è stato escluso dal perimetro del salvataggio. La Salvatore Matarrese ha presentato una memoria con cui chiarisce i rilievi che avevano portato i commissari giudiziali Fabio Di Cagno e Nicola Notarnicola a chiedere la revoca del concordato preventivo e l'apertura del fallimento: la decisione spetta però alla quarta sezione del Tribunale di Bari, che si è riservato di decidere. La camera di consiglio (presidente Rana, relatore Cassano) è durata circa un'ora. I commissari si sono riportati alle conclusioni già esposte nella relazione presentata ai giudici, mentre il pool di legali della Matarrese (guidato dal professor Valerio Di Gravio) ha spiegato perché non è opportuno revocare il concordato: in questi mesi, è stato fatto notare, una serie di nuovi accadimenti ha ulteriormente incrementato (a circa il 65%) la percentuale di soddisfacimento dei creditori non privilegiati, che invece con il fallimento rischierebbero di rimanere con un pugno di mosche. Nessuna delle parti in questo momento si azzarda ad esprimere valutazioni, pure in un contesto di moderato ottimismo sulla decisione che potrebbe arrivare a breve. Ieri in Tribunale c'erano tutti i rappresentanti della famiglia barese, a testimonianza della grande attenzione a questo passaggio molto delicato: ci sono debiti per 280 milioni a fronte di un attivo di circa 180. E mentre i lavoratori attendono lo sblocco della cassa integrazione, la «newco» Matarrese srl (che ha rilevato i contratti di appalto dalla Salvatore Matarrese e nell'ambito del concordato dovrebbe poi essere acquisita da un'altra società di famiglia) sta riavviando i cantieri e spera di poter riassorbire le 300 unità dirette. Proprio a dicembre Matarrese, in Ati con Saic, ha ottenuto l'appalto da 56 milioni per realizzare l'ospedale di Ancona sud, subentrando a una impresa che nel frattempo è finita in liquidazione. Sembra poi in via di soluzione il problema che riguarda i lavori della terza corsia dell'a14 tra Senigallia e Ancona Nord, cui Matarrese partecipa tramite il consorzio Samac. Sacci ( ): Ieri, un comunicato stampa delle segreterie provinciali di Filca-Cisl, Fillea-Cgil e Feneal-Uil ha annunciato la fine della contesa e la firma di un accordo tra le parti, con l'istituzione in sede locale di una commissione paritetica che avrà il compito di controllare le emissioni del forno e la tracciabilità delle sostanze utilizzate. Inoltre vi è l'impegno delle parti per il superamento delle criticità ambientali e di sicurezza sui luoghi di lavoro. ( ) Rubner ( ): Dopo aver vinto il concorso internazionale "Solar Decathlon Europe 2014" a Versailles in Francia, il prototipo della "casa del futuro", realizzata dalla Rubner Haus spa, è ora esposta al Rubner Panorama di Chienes, dove può essere visitata da tutti gli interessati. Alimentata esclusivamente a energia solare, la casa produce più energia di quella che consuma e contribuisce, quindi, al risparmio energetico ed economico di chi la abita. Il prototipo realizzato dall'azienda associata ad Assoimprenditori Alto Adige è stato concepito come casa a più piani con tetto a falde e si è imposto su 20 concorrenti provenienti da tutto il mondo, riuscendo a convincere la giuria per il suo concept innovativo. Rubner Haus, specializzata nella realizzazione di costruzioni in legno, aveva partecipato nel 2014 al concorso interdisciplinare di architettura ecosostenibile, rivolto agli studenti universitari, collaborando con l'università Roma Tre. "Per Rubner Haus questa soluzione abitativa è un importante biglietto da visita che attesta la

5 grande competenza e lo spirito innovativo dell'azienda", ha dichiarato Stefan Rubner, amministratore delegato di Rubner Haus Spa. Atlantia ( ): Il cda di Autostrade per l'italia (gruppo Atlantia) ha autorizzato l'emissione, entro il 31 dicembre 2015, di uno o più nuovi prestiti obbligazionari, non convertibili, da eseguirsi in una o più tranche, per un importo complessivo massimo di 1,5 miliardi. Nel dettaglio, informa una nota, i bond saranno destinati alla quotazione su uno o più mercati regolamentati (incluso il Mercato Telematico delle Obbligazioni, organizzato e gestito da Borsa Italiana ) e dedicati alla clientela retail e dunque oggetto di offerta pubblica di sottoscrizione rivolta al pubblico indistinto in Italia. Il consiglio di amministrazione ha inoltre deliberato che i prestiti obbligazionari in questione, di durata non superiore a otto anni, potranno essere regolati da un tasso di interesse fisso o variabile o misto. Le emissioni dei bond retail hanno principalmente la finalità di finanziare i programmi di sviluppo del gruppo autostrade, di mantenere una struttura finanziaria equilibrata per quanto attiene al rapporto tra indebitamento a breve e mediolungo termine, di diversificare le provviste e ad acquisire risorse a costi competitivi, oltre che di mantenere un'ampia base di investitori e di rimborsare anticipatamente i finanziamenti infragruppo con Atlantia al fine di estendere la durata media del debito. (Maria Elena Zanini) Rapporti e studi Istat ( ): Nel quarto trimestre del 2014 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed è diminuito dello 0,3% nei confronti del quarto trimestre del Il quarto trimestre del 2014 ha avuto due giornate lavorative in meno del trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al quarto trimestre del La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell agricoltura e dell industria e di un aumento nei servizi. Dal lato della domanda, il contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) è compensato da un apporto positivo della componente estera netta. Nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% negli Stati Uniti e dello 0,5% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,5% negli Stati Uniti e del 2,7% nel Regno Unito. Nel 2014 il PIL corretto per gli effetti di calendario è diminuito dello 0,4%. Si fa notare che il 2014 ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al La variazione acquisita per il 2015 è pari a -0,1%. Agenzia delle Entrate ( ): Quasi 63 milioni di immobili e il 76,6 per cento delle famiglie che possiede la casa in cui abita. Nel nuovo rapporto curato da Dipartimento delle Finanze e Agenzia delle Entrate, si trovano molte conferme sulla struttura del patrimonio immobiliare italiano. Ma anche dati di prima mano e non del tutto scontati su un tema che negli ultimi anni è stato caldissimo, quello della tassazione della casa. Le informazioni presenti nel testo permettono poi di scandagliare le distorsioni dell'attuale assetto normativo, che dovranno essere affrontate in modo sostanziale con la riforma del catasto, come ha evidenziato Rossella Orlandi, direttore dell'agenzia delle Entrate. Si può partire proprio dal fisco. Nel 2014 il gettito fiscale proveniente dagli immobili ha toccato quota 42,1 miliardi, in crescita rispetto ai 38,3 dell'anno precedente (quando non si pagava però imposta sull'abitazione principale), ma in leggero calo rispetto ai 42,3 del In particolare la somma di Imu e Tasi lo scorso anno ha portato nelle casse dei Comuni (e in misura minore in quelle dello Stato) 23,9 miliardi, contro i 23,8 della sola Imu nel Insomma dopo il fortissimo aumento conseguente all'avvio dell'imposta municipale, il quadro è poi rimasto stabile, anche se nel 2013 il gettito Imu è sceso a 20,4 miliardi per l'esclusione dell'abitazione principale dalla base imponibile. Ci sono poi le imposte sui trasferimenti: nel nostro Paese sono relativamente meno consistenti, rispetto al resto dell'europa, quelle su successioni e donazioni, mentre incidono di più quelle sulle compravendite. Fabrizia Lapecorella, direttore generale delle Finanze, ha ipotizzato una correzione di questo squilibrio, con incrementi del prelievo sui trasferimenti a titolo non oneroso e una riduzione per quelli a titolo oneroso. A livello internazionale, nel complesso, il prelievo immobiliare nel nostro Paese (equivalente al 2,6 per cento del Pil) risulta più basso di quello di Paesi come Giappone, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. Ma il rapporto contiene quest'anno anche un elemento nuovo: la stima del tax gap, ovvero la differenza tra gettito teorico e gettito effettivo, che è stata illustrata da Maria Teresa Monteduro del Dipartimento Finanze. Nel 2012 relativamente all'imu era pari a 4,2 miliardi, il 18,4 per cento del gettito teorico. Molto approssimativamente - perché incidono anche altri fattori, quali possibili errori, crisi di liquidità, disallineamenti catastali - si tratta di una misurazione del livello teorico di evasione fiscale. Guardando alla ricchezza immobiliare, nel 2012 il patrimonio residenziale italiano valeva complessivamente 6.574,9 miliardi di euro, con un leggerissimo calo rispetto all'anno precedente. Il valore medio di un'abitazione era pari a 181 mila euro. A Roma la media supera i 380 mila euro, e si arriva a 800 mila nelle zone più pregiate, per un patrimonio totale di 534 miliardi. A Milano invece il valore complessivo delle abitazioni è di 195 miliardi e un'abitazione vale in media 250 mila euro, arrivando al di sopra dei 700 mila nel centro storico. Infine a Napoli il valore medio è di 300 mila euro per un patrimonio totale di quasi 131 miliardi. (Luca Cifoni) Istat ( ): Nel mese di dicembre 2014 l'indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,2% nei confronti di dicembre In media annua l indice per il 2014 diminuisce dello 0,2% rispetto all anno precedente. L indice del costo di costruzione di un tronco stradale con tratto in galleria rimane invariato rispetto al mese precedente e diminuisce dello 0,6% rispetto allo stesso mese del 2013; l indice senza tratto in galleria rimane invariato rispetto al mese precedente e diminuisce dello 0,8% rispetto allo stesso mese del In media annua per entrambi i tratti gli indici diminuiscono dello 0,5%. Istat ( ): Nel mese di dicembre 2014 l indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni, rispetto a novembre 2014, ha registrato un incremento del 2,3%. Nella media del trimestre ottobre-dicembre l indice è diminuito dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti. L indice corretto per gli effetti di calendario a dicembre 2014 è diminuito in termini tendenziali del 5,2% (i giorni lavorativi sono stati 20 come a dicembre 2013). Nella media dell intero anno 2014 la produzione nelle costruzioni è diminuita del 6,9% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente.

6 Legambiente ( ): Per migliorare l'efficienza energetica bisogna semplificare i regolamenti edilizi, estendendo le migliori norme dei comuni più avanzati. Lo suggerisce lo studio Legambiente-Enel che viene presentato oggi a Roma al convegno "Innovazione e semplificazione in edilizia: verbo il regolamento unico". Lo studio è il risultato di un'analisi su regolamenti edilizi comunali prendendo in esame 20 elementi che migliorano il rendimento energetico dell'immobile (dagli infissi alla geotermia, dal fotovoltaico ai tetti verdi alle pompe di calore). Il documento vuole essere un contributo al tavolo del ministero della Semplificazione dove parte ora la definizione del regolamento edilizio unico (da adottare entro l'anno, secondo l'agenda governativa). Lo studio mostra quanto la diversità delle prescrizioni ostacoli le tecnologie sostenibili. Ma può essere letto anche come una raccolta di - "best practice" da rendere omogenee superando la scala del campanile. Alcuni esempi. La contabilizzazione del calore: in 326 enti locali è obbligatoria. E ci sono 419 comuni che obbligano a una ventilazione meccanica forzata negli ambienti. Il comune bergamasco di Casirate d'adda viene indicato come esempio: l'obbligo è solo per gli edifici pubblici mentre per le case private è facoltativo. In altri casi (228 enti) c'è l'obbligo di allaccio alla rete di teleriscaldamento. La certificazione energetica è diffusissima (557 comuni) ma con ampia gamma applicativa. Una vastità di regole in cui la prima esigenza è fare chiarezza. «Serve una indicazione chiara su costi e consumi energetici della casa», afferma lo studio, suggerendo «costi amministrativi e di istruttoria standard». Secondo obiettivo, semplificare. Cose utili sono ad esempio: uniformare le documentazioni a supporto delle istanze; allestire portali on-line accessibili da cittadini e imprese con gestione telematica delle pratiche. «Il regolamento edilizio tipo - sottolinea il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini - può rappresentare una straordinaria occasione per individuare procedure semplificate e condivise per gli interventi di riqualificazione energetica e antisismica del patrimonio, coinvolgendo il ministero dei Beni culturali e per chiarire i parametri di riferimento per interventi e prestazioni». Anche Nicola Lanetta, responsabile mercato Italia di Enel, riconosce che il regolamento edilizio tipo è «uno snodo fondamentale nel percorso di semplificazione avviato dal governo perché in grado di sistematizzare e ampliare le misure recentemente introdotte sul permitting per le installazioni di prodotti e tecnologie di efficienza energetíca». (Massimo Frontera) Istat ( ): A dicembre 2014 il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, aumenta dell 1,4% rispetto a novembre, registrando incrementi sia sul mercato interno (+0,8%), sia su quello estero (+2,8%). Nell intero anno 2014, rispetto al 2013, il fatturato segna un aumento dello 0,1%, sintesi di una flessione sul mercato interno (-1,2%) e di un incremento su quello estero (+2,9%). Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per i beni strumentali (+2,1%), per i beni di consumo (+2,0%) e per i beni intermedi (+1,2%), mentre si registra una flessione per l energia (-1,8%). Per gli ordinativi totali, si registra un incremento congiunturale del 4,5%, con un aumento dell 1,8% degli ordinativi interni e dell 8,1% di quelli esteri. Nel confronto con il mese di dicembre 2013, l indice grezzo degli ordinativi segna un aumento del 5,8%. L incremento più rilevante si registra nella fabbricazione di apparecchiature elettriche (+33,6%), mentre la flessione maggiore si osserva nella fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica (-34,9%).

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (MONTI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (MONTI) Atti Parlamentari Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5312 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (MONTI) E DAL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E MINISTRO DELLE

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Paolo Tonalini - Notaio Nuove imposte di registro dal primo gennaio 2014 Dal primo gennaio 2014 sono entrate in vigore alcune modifiche alle imposte di registro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli