RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA 5 maggio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA 5 maggio 2012"

Transcript

1 RASSEGNASTAMPA 5 maggio 2012

2 Anno 11. n in abbinata obbligatoria con Italia Oggi Direzione e Redazioni: POTENZA, via Nazario Sauro 102, cap 85100, tel , fax ; MATERA, Piazza Mulino 15, cap 75100, tel , fax B A S I L I C ATA in recessione Crolla l economia Dall industria ai servizi al commercio: resiste solo il turismo. Il rapporto Unioncamere a tinte fosche IN CRISI anche l Inpes di Martorano: «Colpa della vicenda Dec» Ma per De Filippo il sistema r egge E nel Vultur e scioper o della Cgil MARIATERESA LABANCA alle pagine 8 e 9 Cr onaca A Nova Siri coltellate per una ragazza Fermato dai carabinieri un operaio Elezioni Rutelli a Policoro Nasce un polo di centro Domani si vota LUTRELLI alle pagine 10 e 11 a pagina 32 SPORT Inizia il Giro d Italia di Pozzovivo La Potenza 84 cede gratis il titolo sportivo Il maestro Di Matteo del conservatorio di Matera Lezioni di canto e solfeggio Condannato a 4 anni e 5 mesi AMATO a pagina Dopo dieci anni fiocco azzurro nella procura disagiata Il materano Antonio D Antona sceglie la trincea di Gela PIERO QUARTO a pagina 27 BASILICATA ANCORA UNA REGIONE PER VECCHI di NINO D AGOSTINO a pagina 16 E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro

3 Of0l17FbcY+L7yQRiC7JU6xgg5OWciE/+4D83ByzvgQ= RASSEGNASTAMPA w w w. l a g a z z e t t a d e l m e z z o g i o r n o. i t La Gazzetta del Mezzogiorno A 1,20 (in abbin. con La Stampa) Edisud S.p.A. - Redazione, Amministrazione, Tipografia e Stampa: Viale Scipione l Africano Bari. Sede centrale di Bari (prefisso 080): Informazioni Direzione Generale Direzione Politica (direzione - Segreteria di Redazione Cronaca di Bari Cronache italiane Economia LA GAZZETTA DI PUGLIA - CORRIERE DELLE PUGLIE Quotidiano fondato nel 1887 B A S I L I C ATA ' %%#'"! - Esteri Interni Re g i o n i Spettacoli Speciali Sport Vita Culturale Abb. Post. - 45% - Art. 2 C 20/B L. 662/96 - Filiale Bari - tassa pagata - *promozioni valide solo in Puglia e Basilicata - Anno 125 Numero 123 ## SENTENZA D APPELLO PER DI MATTEO E BALDASSARRE Matera, concussione al conservatorio Condannati i due prof. ECONOMIA IN ARRIVO DUE MILIARDI DI RIMBORSI IVA. PIANO DEL GOVERNO PER IL RIENTRO DEI CERVELLI IN FUGA. BERSANI: PATRIMONIALE Monti, ossigeno alle imprese Il sequestratore di Bergamo rischia 8 anni: indebitato per 44mila euro La marcia delle vedove dei suicidi anti-tasse: erano disperati, non pazzi DEB UTTA L ANTIPOLITICA IN CAMPAGNA E L E T TO R A L E di GIUSEPPE GIACOVAZZO P ossono gridare e inveire quanto vogliono contro il populismo e il qualunquismo di quel comico sfrattato dai teatri. Ma finché i partiti continueranno a mungere le tasche degli italiani per finanziare le loro ingorde burocrazie, il grillismo non cesserà di mietere fans. Hanno imposto per vent'anni tasse e gabelle, da destra e da sinistra, e ora in coro gridano nelle piazze: basta tasse! Erano bellissime per il ministro Padoa Schioppa, bruttissime ma utilissime per il suo dirimpettaio Tremonti. Non s'accorgono che su queste storie è cresciuta la disistima verso i partiti e la Casta che continua a ingrassare. Domani in Sardegna si vota tra l altro un referendum per dimezzare lo stipendio ai consiglieri regionali, che s'aggira sui 12 mila euro al mese. SEGUE A PAGINA 23 >> AMENDOLARA IN GAZZETTA DI BASILICATA A PAGINA III >> DOMANI E LUNEDÌ Amministrative, un voto dal significato politico Test a Brindisi, Lecce, Taranto e Trani LO SCANDALO LE CARTE SULLE 28 PERSONE INDAGATE DALLA PROCURA DI LECCE «Multe? Patenti ritirate? Adesso aggiusto tutto io» I clamorosi retroscena svelati dall i n c h i e st a su avvocati e giudici di pace del Barese LONGO E SCAGLIARINI A PAGINA 14 >> IL GIALLO CARMELA RUSSI DI 36 ANNI, ACCUDIVA IL NONNO Santeramo, uccisa in casa dallo zio Soprusi e l eredità BOLOGNA La mnifestazione delle «vedove della crisi» COZZI CON ALTRI SERVIZI DA PAGINA 2 A 5 >> l Domani e lunedì al voto oltre 9 milioni d italiani per il rinnovo di quasi mille consigli comunali. Gli eventuali ballottaggi, 14 giorni dopo. Alle urne 28 capoluoghi di provincia, tra cui Brindisi, Lecce, Taranto e Trani. Sul voto irrompe l impatto della tassazione sempre più elevata e della crescente ondata dell antipolitica. Un test di carattere nazionale per la «strana maggioranza», composta da Pdl, Pd e Terzo Polo, che appoggia il governo Monti. SERVIZI ALLE PAGINE 10 E 11 CON UNA NOTA DI COZZI >> SANTERAMO La casa dove è avvenuto l omicidio [foto Turi] LARATO A PAGINA 17 >> E TRIBUNALE Il palazzo di giustizia di Potenza LA NUOVA FRONTIERA PADANA TROTA SÌ, MA LAUREATO di STEFANO TATULLO cco, abbiamo la dimostrazione che l Italia è un paese di maligni e di invidiosi. Il giovane Bossi Lorenzo, ve lo ricordate? Quello che in famiglia chiamano il Renzo e altrove il Trota, per quell idea infelice che ebbe il padre. Ve lo ricordate che aveva qualche difficoltà a scuola e dovette fare tre volte l esame di maturità, che qualche spiritoso si affrettò ribattezzare di immaturità? SEGUE A PAGINA 23 >> FINO AD AGOSTO A PALAZZO DELLA MARRA L omaggio di Barletta alle donne nell arte italiana di fine secolo SCUOL A INSORGONO I GENITORI Poggiorsini, chiude la Media: a 11 anni si fa già il pendolare l Proteste a Poggiorsini dove nell unica scuola esistente il prossimo anno salterà la prima Media. Gli iscritti sono solo 12, troppo pochi per il ministero: saranno costretti a fare i pendolari. FANIZZI A PAGINA 16 >> L EVENTO SARKOZY IN RIPRESA Gli occhi dell Europa sulle elezioni di domani in Francia l Gli occhi dell Europa puntati sulle elezioni presidenziali di domani in Francia. Se dovesse vincere, così come indicato dai risultati del primo turno e da tutti i sondaggi, il candidato socialista Hollande, potrebbe essere messo infatti in discussione l asse con al Merkel sul tema dei conti pubblici. Dagli ultimi dati disponibili, però, emerge una ripresa di Sarkozy che avrebbe ridotto a 4 punti lo svantaggio. PALMIERI A PAGINA 18 >> PALAZZO DELLA MARRA La presentazione alla stampa [Calvaresi] ANNIBALDIS IN CULTURA >> CALCIO Lecce -Fiorentina oggi saranno brividi Il Bari a Cittadella SERVIZI NELLO SPORT >> AG R I C O LT U R A L assessore Stefàno «I vini di Puglia trainati dal rosato» MANGANO A PAGINA 15 >>

4 Of0l17FbcY+L7yQRiC7JUzLui/jxOVLrOYDMGiHtT3Y= RASSEGNASTAMPA LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - Quotidiano fondato nel 1887 w w w. l a g a z z e t t a d e l m e z z o g i o r n o. i t LA GA Z Z E T TA DI POT E N Z A - LA GA Z Z E T TA DI MAT E R A Redazione Potenza: piazza Mario Pagano, 18 - Tel. 0971/ Fax: 080/ Redazione Matera: via Cappelluti, 4/b - Tel. 0835/ Fax: 080/ Pubblicità-Publikompass. Potenza: piazza Mario Pagano, 18 - Tel. 0971/ Fax: 0971/274883; Matera: via Cappelluti, 4/b - Tel. 0835/ Fax: 0835/ Necrologie: - Gazzetta Affari: LE ALTRE REDAZIONI Bari: 080/ Foggia: 0881/ Lecce: 0832/ Tirana (Albania): 00355/ Barletta: 0883/ Brindisi: 0831/ Taranto: 099/ ABBONAMENTI: tutti i giorni esclusi i festivi: ann. Euro 260,00; sem. Euro 140,00; trim. Euro 80,00. Compresi i festivi: ann. Euro 290,00; sem. Euro 160,00; trim. Euro 90,00. Sola edizione del lunedì: ann. Euro 55,00; sem Euro 30,00. Estero: stesse tariffe più spese postali, secondo destinazione. Per info: tel. 080/ , dal lunedì al venerdì, 09,30-13,30, fax 080/ , Copia arretrata: Euro 2,40. Tel 080/ Auto Brindisi Matera Tel SENTENZA DUE ANNI E OTTO MESI ALLA SUA COLLEGA ACCUSATA DI CONCORSO IN CONCUSSIONE. I FATTI RISLAGONO AL 2003 Condannato a 4 anni il prof accusato di abusi sessuali Insegnava al Conservatorio di Matera: rispondeva di concussione Non è bastata la lunga arringa dell avvocato Buccico che mirava a smontare l accusa PIETÀ POPOLARE ECONOMIA RAPPORTO DRAMMATICO DI UNIONCAMERE Crisi devastante «Basilicata in recessione» La cura: innovazione ed esportazioni all estero per uscire dal pantano della crisi finanziaria S. NICOLA DI MELFI l Per le lezioni private avevano scelto quel maestro di canto perché era anche un professore del conservatorio di Matera. Quegli incontri, «indotti», secondo l accusa, però, a un certo punto, si sono trasformati in abusi sessuali - denunciati da alcune ragazze - e in un incubo per Enzo Di Matteo. «Il maestro», così lo chiamavano le sue allieve. Ieri mattina è stato condannato dai giudici della Corte d appello di Potenza a quattro anni di carcere per le accuse di concussione e abusi sessuali. La sua collega Elisabetta Baldassarre a due anni e otto mesi. Era accusata di concorso in conc u s s i o n e. AMENDOLARA A PAGINA III >> l Tasso di imprenditorialità tra i più bassi d Italia, scarsa propensione all inter naziona lizzazione, aziende troppo an corate alla spesa pubblica e al mercato interno, crollo dell erogazione di prestiti ban cari, emorragia di posti di la voro soprattutto nel settore dei servizi. Ecco, in estrema sin tesi, le metastasi di un econo mia lucana malata, in piena re cessione. Un quadro generale inquietante che si cerca di «mi tigare» scorgendo venature di ripresa tra le pieghe del dossier sulla congiuntura regionale, base di discussione della «Gior nata dell economia» organizza ta dalla Camera di Commercio a Potenza. SERVIZI A PAGINA VI >> Fiat-Sata ferma di nuovo la produzione SERVIZIO A PAGINA IX >> F R A N C AV I L L A La Regione non rimborsa gli ammalati ELEZIONI Ultime ore prima del voto in 26 comuni MIGLIONICO Parla la dottoressa picchiata a sangue da un balordo DORIA A PAGINA XI >> l Una volontaria di Francavilla sul Sinni denuncia: i malati (emodializzati, nefropatici, leucemici, talassemici) non ricevono rimborsi (contributo assistenziale per le spese di viaggio) dalla Regione dal La Regione come si difende? «Non ci sono soldi e ci frena il patto di stabilità». MASSARO A PAGINA IX >> PELLEGRINAGGIO PER RAGGIUNGERE LA MADONNA DI FONTI. FEDELI DA POTENZA E DA MOLTI COMUNI LUCANI Trenta chilometri a piedi per arrivare al santuario È cominciato di notte e continua nel mattino, con arrivo previsto intorno alle 13 di oggi al santuario della Madonna di Fonti. È il pellegrinaggio e piedi che ogni anno si rinnova con folle di pellegrini che si recano, a piedi, al santuario mariano immerso nel fitto bosco di Fonti (nel comune di Tricarico) a 824 metri di quota sul livello del mare. Da Potenza sono 30 chilometri a piedi. Ma arrivano pellegrini da molti paesi lucani. SERVIZIO A PAGINA VIII >> l Nei 26 comuni lucani (21 in provincia di Potenza, 5 in quella di Matera) chiamati a rinnovare i loro municipi, si vivono le ultime frenetiche ore prima dell apertura delle urne. I centri maggiori sono quelli di Policoro, in provincia di Matera, e di Senise, in provincia di Potenza. SERVIZI ALLE PAGINE II E III >> METEO Temperature alte ma domenica torna qualche nube GAETANO BRINDISI A PAGINA XIV >> TURISMO ADESIONE A «BASILICATA HOME». SPOT IN TUTTA ITALIA «Volo dell angelo»: biglietto da visita per la Basilicata AT T R AT TO R E l volo dell angelo rilancia l immagine turistica della Basilicata con l adesione a Basilicata- Home. Spot negli outlet italiani SERVIZIO A PAGINA VIII >>

5 WH112C7qxbBuDWVW4yjr3GXzgF3dXoursnKhngDWpj0= RASSEGNASTAMPA 1,20 Sabato5 Maggio2012Anno89n Fondata da Antonio Gramsci nel 1924 Io non sono un socialista. Non ho nulla contro i soldi, tantomeno odio i ricchi. Voglio solo che paghino più tasse del ceto medio. Paul Krugman, premio Nobel per l Economia, 4 maggio 2012 Il voto premia il Labour Parigi aspetta Hollande Inghilterra Tory sconfitti alle amministrative. Confermato a Londra il sindaco conservatore Francia Intervista al vice di Bayrou: adesso l Europa volti pagina p PAGINE 6-11 Da Genova a Palermo la svolta può partire dalle città Amministrative Alle urne in 769 Comuni. Bersani: è l ora del centrosinistra p ZEGARELLI PAGINE 2-3 L EDITORIALE SE ARRIVA UN BUON SEGNO Pietro Spataro I segnali che in Europa il vento stia cambiando sono forti: dalla Francia all'inghilterra la tendenza è questa. Che ciò possa accadere anche in Italia non è più solo una speranza e lo vedremo già domani nel voto per le città. Certo, sarebbe un azzardo attribuire a un'elezione locale un significato troppo generale. SEGUE A PAGINA 3 p In piazza con le foto dei mariti A Bologna le mogli degli imprenditori sucidi: «Uccisi dai debiti» Con loro pensionati ed esodati IL COMMENTO LA COSCIENZA DI UN PAESE Silvia Ballestra p PAGINA 12 L ANALISI GLI ERRORI DELL IMU Ruggero Paladini L approssimarsi della prima scadenza di versamento dell Imu, l imposta sugli immobili che ha sostituito l Ici, determina una crescente agitazione nei contribuenti, aumentata da voci, anche infondate, checircolano su giornalie televisioni. Le domande sono: perché anche sulla casa d abitazione? Come dovrò pagare? Quanto dovrò pagare? p SEGUE A PAGINA 24 LE VEDOVE DELLA CRISI p GENTILE PAGINE Imperia, muore in un cantiere trovano il corpo in un torrente Cadavere occultato per coprire un lavoro nero? p RIGHI PAGINE CINEMA Da Cesare ai David trionfano i Taviani p GALLOZZI PAGINE CICLISMO Parte in Danimarca ma è il Giro d Italia p CITO PAGINE 46-47

6 6 Primo piano La crisi economica Il gesto dell impr enditor e bergamasco di origini calabresi Una follia da 2mila euro Martinelli dal gip per l assalto all Agenzia delle Entrate Giallo sull entità del debito. Lui: «44mila euro» di ENRICO MARTINELLI BERGAMO La Rai, la Rai, è quasi un osses - sione per Luigi Martinelli. E poi pochi altri pagamenti arretrati per un debito complessivo, secondoi pm,non superioreaimille euro.duemila, precisa Equitalia. Tanto è bastato a Luigi Martinelli, l imprenditore bergamasco di origini calabresi, per vivere un pomeriggio di straordinariafollia ebarricarsi all interno delle Agenziedelle Entrate di Romanodi Lombardia, assieme a un ostaggio, anche lui originario della Calabria, a un vice brigadiere dei Carabinieri e a un piccolo arsenale. Nell interroga - torio di oggi proverà aspiegare i motivi del suo gesto che il procuratore aggiunto di Bergamo, Massimo Meroni, definisce «di protesta LA MEDIAZIONE I passi per sventare una tragedia ROMA Il merito è soprattutto il suo, del vicebrigadiere Roberto Lorini, che con la sua «umanità e professionalità» ha convinto Roberto Martinelli ad arrendersi. «Ma dietro ad ogni negoziazione c'è un lavoro di squadra, è necessario un grosso scambio di informazioni. Ed è quello che è avvenuto». A parlare è il maresciallo capo Antonello Sias. «Siamo partiti alle 16. L allarme era scattato da pochi minuti», racconta all ANSA Sias, del Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano. Lui e un suo collega, negoziatori «di primo livello», avrebbero dovuto occuparsi delle trattative con il sequestratore. Da subito spie - ga Sias è cominciata una fase importantissima e basilare, quella dell acquisizione e dello scambio di informazioni». Poi l esito positivo con la mediazione finale di Lorini che ha convinto Martinelli a mollare gli intenti bellicosi. dimostrativa non oggettivamente giustificata». Se ne è già reso conto, sa di aver fatto «un azione inconsulta» e ha ammesso tutte le sue responsabilità. L accusa nei suoi confronti è sequestro di persona, che può costargli da sei mesi a otto anni di carcere. E tutto per un piccolo debito, il canone Rai e poco altro. «Meno di 1000 euro, non noccioline ma neanche abbastanza per giustificare una particolare disperazione». In serata Equitalia fa sapere, in una nota, che la somma ammonta in realtà «a circa 2 mila euro ed è relativa a canoni Rai e imposte richieste dal Consorzio di bonifica della Media Pianura Bergamasca»: debiti per cui Equitalia «nonha attivatoalcuna azione esecutiva di recupero. Nel 2001 al signor Marinelli erastata notificataunacartella di oltre 32 mila euro, pagata il 9 ottobre 2003 con l adesione al condono». L attività di Martinelli, un impresa di pulizie, ai Carabinieri risulta ancora aperta anche se probabilmente di fatto inattiva. «Non ci risultava fosse in cattive acque», spiegano. E invece qualcosa è scattato nella sua testa e il suo carattere da «mite e tranquillo», come lo descrivono tutti, dagli inquirenti ai suoi concittadini, è diventato rabbioso e aggressivo. Poco prima delle 15 entra nell ufficio, tira fuori dal giubbotto il fucile a pompa carico, così come le due pistole con oltre cento munizioni e un coltello custoditi in uno zainetto, e chiarisce le sue intenzioni: «Tutti quelliche devono pagare vadano via, i dipendenti restano». Spara un colpo in aria, poi vede piangere le impiegate donne e le libera, tenendo solo quattro uomini. Questa è la scena che il vice brigadiere Roberto Lorini si trova davanti quando entra nell ufficio. A quel punto Martinelli libera tre dipendenti e tiene solo Carmine Mormandi, scelto non acaso. «Pare avesse avutocon lui un diverbio in passato», spiegano gli inquirenti. «Mai visto in vita mia, da 4 anni non lavoro più a contatto con il pubblico», spiega Mormandi. Nelle lunghe ore successive, Martinelli parla molto, se la prende in continuazione nei confronti della Rai e poi vuole parlare con le televisioni e con il presidente Monti «per rappresentarglinon tantoilmiodisagio personalequanto un problema più generale. «Se ne stanno suicidando troppi», ripete, spiegando di voler andare avanti «fino a mezzanotte». Poi è troppo stanco, si fida di Lorini, lascia andare l ostag - gio, ringrazia il vicebrigadiere e, poco prima delle 21, si fa ammanettare. «E ora che mi succede?, mi dite cosa mi succede?», ha chiesto alle persone che incontra nel carcere di Bergamo dove si trova in isolamento nella sezione protetti, sottoposto a «grandissima sorveglianza». Ieri ha avuto un colloquio con uno psicologo del carcere e ha ricevuto la visita del senatore Roberto Calderoli e dell onorevole Giacomo Stucchi che gli offrono un legale pagato dalla Lega Nord. «E' rimasto stupito dal fatto che gli hanno attribuito un contenzioso da appena mille euro e invece erano 44 mila», ha detto Calderoli. Intanto, oggi, Martinelli proverà a spiegare la sua verità al gip. AMICI,LUIGI?ORGO - GLIOSO E GENEROSO - Un tipo orgoglioso il Luigi. Uno, dicono gli amici, che se ha bisogno di 100 euro te ne presta 200. Uno che non è si è mai lamentatoquandoil lavorohacominciato a scarseggiare. Ha continuato ad alzarsi all alba per arrivare a Milano e svolgere le poche commesse conquistate, pulirecase e uffici.uno sempre pronto a bere a giocare a cartenel bar,mapocoincline araccontare la sua vita privata. «Riservato afferma il sindaco di Calcio, Pietro Quartini, a capo di una giunta Pdl Lega Nord infaticabile, come tutta la gente di qui». A Calcio, il comune di Luigi Martinelli, una decina di chilometri da Romano di Lombardia dove ieri il piccolo imprenditoredi 54anni,si èbarricato per ore negli uffici dell Agenzia dell Entrate, tutti sono solidali con il suo gesto. Un gesto che in realtà nessuno dei suoi compaesani riesce a spiegarsi. Ma l elencodelle giustificazioni è infinito e ognuno ha la sua, in questa terra di artigiani che hanno messo su una fabbrichetta, di imbianchini, idraulici, muratori che assumono extracomunitari. E continuano nonostante la crisi a tirare avanti, anche quando non sanno più come pagare le tasse e i soldi accumulati pian piano sfumano. Luigi Martinelli a Calcio ci è nato e cresciuto. Nove figli avevano messo al mondo i suoi genitori, grandi lavoratori, da cui i ragazzi hanno ereditato la tempra. Quattro (tra cui una sorella suora) sono morti nel corso degli anni. Luigi ha sempre lavorato e vive nella grande casa, poi ristrutturata, ereditata dai genitori, in via Verdi. Da anni da solo, dalla separazione con la moglie Mariangela Vescovi che gli ha dato due figli, Francesca, giornalista pubblicista (ha collaborato con il giornale di Treviglio) e Luca, poco più che ventenne, imbianchino. «Ho sentito Luca rac - conta il suo datore di lavoro, Giovanni Bertotti che anche coetaneo e grande amico di Luigi Era frastornato non riesce a capacitarsi». Gli amici del bar si sono ritrovati anche oggi al '9602' divia DonUltimo. «Luigiera quigiovedì all 1,30, mi cercava dice quasi rammaricandosi un altro amico, Giacomo Facchinetti Io sono arrivato dopo e mi hanno riferito che era andato via da poco dicendo: 'devo assolutamente andare a fare una cosa». Le vedove bianche ieri in corteo a Bologna per ricordare i loro mariti suicidi per motivi legati alla crisi economica LE REAZIONI A Romano in molti solidali con Luigi di MARISA ALAGIA ROMANO DI LOMBARDIA (BERGA- MO) Gli impiegati sono al loro posto sorridenti e disponibili come ogni giorno. Sparite tutte le tracce della convulsa giornata di giovedì ieri hanno regolarmente aperto gli uffici dell Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia, dove Luigi Martinelli, titolare di una piccola impresa di pulizie, si è barricato per ore, armato, prima di arrendersi. «E perchè avremmo dovuto tenere chiuso? - replica severa la direttrice Rosita Bellomo Non c'era alcun motivo per non aprire, qui si lavora, siamo al servizio di chi lavora, non c'è altro da dire». A testimonianza di quanto accaduto in una giornata di ordinaria disperazione davanti l uffi - cio, moderna struttura, luminosa e accogliente, Il vicebrigadiere Lorini con il pm Meroni «Il Paese dovrebbe ringraziare questi piccoli imprenditori» in Piazzale Trattati di Roma, restano alcuni mezzi televisivi. C'è il solito via vai di persone che entrano ed escono stringendo tra le mani cartellette e bustoni. Dentro, dietro due delle quattro postazioni (non ci sono vetri o sportelli a dividere l im - piegato dall utente) i funzionari parlano con due signore che chiedono spiegazioni. Su una fila di sedie, che sembrano pure comode, attendono altre persone. La direttrice è in pausa caffè con un collega nel cortiletto interno. «Potete guardare ma non parlare con nessuno dice Nessu - no, neppure io, è autorizzato a rilasciare dichiarazioni». Se nell Agenzia delle Entrate la parola d ordine dopo una giornata che passerà alla storia del piccolo centro lombardo sembra doversi comportare come se nulla fosse successo, è impossibile invece arginare i commenti all esterno. Chi entra ed esce si ferma volentieri a dire la sua. E in paese (giunta Pdl Lega Nord), davanti ai bar, non si parla di altro. «Non si possono giustificare assolutamente questi atti così violenti dice una signora che esce dall Agenzia delle Entrate ma bisogna anche capire che siamo tutti all esasperazio - ne: io è la terza volta che vengo qui a chiedere la rateizzazione di una grossa somma da pagare». «Io abito qui vicino, e ieri quindi ho vissuto quasi tutto in diretta racconta una pensionata donna passando con il marito in Piazzale Trattati di Roma Mio marito ritiene che quell' imprenditore sia un pò matto, io invece credo proprio che abbia ragione, ho una figlia con una piccola attività in proprio e mi ha detto che un paio di mesi fa ha dovuto pagare 8 mila euro di non so che tasse e altrettante ne dovrà pagare prima dell estate». Davanti all ufficio arriva in bicicletta anche il presidente del consiglio comunale Eliana Festa (Lega Nord). «Sono qui per il mio lavoro, e non conosco la vicenda di questo Martinelli, perchè non abita qui a Romano mette subito le mani avanti - Quello che posso dire è che è davvero una brutta situazione. L'Italia e soprattutto il bergamasco dovrebbero ringraziare tutti questi piccoli imprenditori che hanno portato del benessere, invece lo Stato li tratta così, loro si sentono isolati, abbandonati, ogni giorno sento di situazioni simili e ogni giorno spero che intervenga qualcosa a risolvere questo stato di cose, ma non succede mai niente». Storie italiane.

7 Primo piano 7 IL PRESIDENTE DI EQUITALIA Befera ai dipendenti «Serve condivisione» ROMA «Orgoglio» per il ruolo svolto ma anche la necessità che sugli obiettivi ci sia «condivisione». Ieri, il giorno dopo i fatti di Bergamo il direttore dell Agenzia delle Entrate e di Equitalia, Attilio Befera scrive ai dipendenti per spronarli nel loro lavoro, conscio però anche che la situazione è molto complessa. «Anche questa tempesta passerà scrive Befera come sono passate le tante, non meno terribili di questa che si sono abbattute sull'italia. Rimarranno le cicatrici, ma resterà anche l orgoglio di aver servito in giorni difficili in una Istituzione di cui una grande comunità civile non può fare a meno». Ma puntualizza anche ciò di cui abbiamo bisogno però è chiarezza e condivisione riguardo a ciò che dobbiamo fare, perchè noi non lavoriamo per alcuni contro altri, ma per l intera collettività». Quindi il problema di fronte al quale ci troviamo, non si può liquidare come il nostro problema, il problema dell Agenzia delle entrate o di Equitalia. È invece il problema cruciale di questo nostro Paese, anche se non aiutano certo a coglierlo le polemiche confuse e contraddittorie che tendono a trovare eco compiaciuta nei media. La voce costante alta, autorevole e chiarificatrice delle Istituzioni, sarebbe di grande conforto nella situazione drammatica che sta vivendo il nostro personale». Bersani del Partito Democratico Ossigeno per le aziende: 400 milioni saranno erogati nei prossimi giorni, 1,8 miliardi a maggio In arrivo oltre 2 miliardi di rimborsi Iva Partono anche le misure per il rientro dei cervelli ROMA Boccata di ossigeno per più di 11mila partite Iva. È in arrivo una robusta iniezione di liquidità per imprese, artigiani e professionisti, grazie a circa 2,2 miliardi di euro messi a disposizione dal ministero dell Economia per pagare i rimborsi di crediti Iva: 400 milioni saranno erogati già nei prossimi giorni, mentre 1,8 miliardi verranno pagati a partire dalla seconda metà di maggio. Con questa nuova iniezione di liquidità, la somma complessiva rimborsata nel 2012 a imprese,artigiani eprofessionisti arriverà a 3,1 miliardi, a fronte dei 2,7 erogati nello stesso periodo 2011 con un aumento di circa il 14%. Intanto il segretario del Pdl Angelino Alfano ha presentato la proposta di legge sulla compensazione a favore delle imprese che vantano crediti dallo Stato. Si chiede al Governo di intervenire «entro tre I suicidi per la crisi economica dramma sociale A Bologna la marcia delle vedove bianche di GIANLUCA ANGELINI BOLOGNA Due mazzi di fiori lasciati sull'asfalto nel punto esatto dove, lo scorso 28 marzo, Giuseppe Campaniello artigiano di Ozzano, nel Bolognese decise di darsi fuoco schiacciato dalla crisi e dalle difficoltà con il Fisco. Intorno, nel parcheggio della Commissione Tributaria regionale, occhi lucidi e bandiere bianche. La voce della moglie, Tiziana Marrone, a ricordare il gesto di un uomo che nella «disperazione più totale, non si è sentito sostenuto». E disperazione, accanto a tristezza e rabbia, se ne è avvertita tanta, nel chilometro scarso che divide il piazzale dell Ospedale Maggiore e via Nanni Costa, dove ha sede la Commissione, ultima tappa di un corteo dolente, punteggiato di drappi candidi e proprio per questo ribattezzato la marcia delle vedove bianche a rimarcare, senza simboli politici, la ferita ancora aperta da quelle morti impossibili da accettare. Ferita, che si legge sui volti di «I nostri mariti erano disperati non pazzi» Tiziana Marrone e Lucilla Raffagnini vedova di Gabriele Croatto, operaio alla Biolchim di Medina, suicida il 17 febbraio 2011 a 56 anni e negli sguardi di un centinaio tra imprenditori, disoccupati e esodati. Stanchi, delusi, preoccupati. «Ho quattro figli e sono vedova racconta appoggiata alla sua bicicletta Maria Grazia Naldi, 67 anni -: ho un figlio che ha un debito di euro con Equitalia, ha un azienda informatica e lavora in tutto il mondo, è sempre fuori e non sa neanche come possa avere qui accumulato tutti questi debiti. Sono preoccupata ha proseguito perchè dice che si vuole uccidere: non ce la faccio più». Tra i cartelli di chi non ha più lavoro nè pensione Gli esodati in lutto chiedono la soluzione del problema, si legge tanti, i cittadini che commentano amaramente. «Non ce la facciamo più ad arrivare a fine mese: le tasse è giusto che si paghino ma con le dovute maniere», sentenzia pensando ad Equitalia, Salvatore, dipendente di una azienda bolognese, cui fa eco una 49enne felsinea, Simona Angelini, al corteo per manifestare tutta la sua «solidarietà. Sono aiutata ogni tanto dagli assistenti sociali chiarisce vado alla Caritas, vado al Banco alimentare. Ho diverse patologie sono sei mesi che sono alla disperazione, con attacchi di panico: ci stanno portando alla disperazione». Parole dure che non lasciano però spazio ad alcuna approvazione per quanto accaduto ieri nella sede dell Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia. «Mi dissocio scandisce Tiziana Marrone -: queste cose non si fanno. La disperazione è totale aggiunge -: non condivido il gesto, ma posso capire lo stato d animo di queste persone». «Il caso di Bergamo parla da solo ar - gomenta Elisabetta Bianchi, organizzatrice della marcia - ma ci dissociamo anche perchè si rischia di essere sullo stesso livello di quelli che non hanno rapporto con noi», ossia il Fisco ed Equitalia mentre «la gente ha bisogno del rapporto umano che non c'è più». NOSTRI MARITI DISPERATI MA NON PAZZI BOLOGNA «I nostri mariti insiste erano disperati non pazzi. Stiamo mesi» dall entrata in vigore della legge con «uno o più decreti legislativi» affinchè le imprese che hanno crediti con la PA possano compensarli con i debiti a loro carico relativi a «obbligazioni tributarie». La proposta, precisa Alfano, «non è un atto ostile verso il governo» ma «è il massimo della collaborazione con l esecutivo, in quanto abbiamo scelto la strada della proposta di legge delega: quindi, il Parlamento fa la cornice e poi tocca al governo intervenire con i decreti attuativi». Al contempo, il leader del Pd, Pierluigi Bersani rimarca la proposta di «alleggerire l Imu e affiancarle un imposta personale sui grandi patrimoni mobiliari». Secondo punto, per Bersani, «è lasciare l Imu ai Comuni, se mai diminuendo i trasferimenti dello Stato così da costituire una base di autonomia impositiva dei Comuni. Credo che questa imposta andrà corretta così». Partono intanto le misure per attirare «cervelli» in Italia: l Agenzia delle Entrate illustra le linee guida sugli incentivi riservati ai cittadini dell Unione europea che La manifestazione di ieri a Bologna parlando di gente che lascia la propria famiglia nella disperazione più totale e non per propria volontà». Con il suo gesto, ha raccontato nel parcheggio della Commissione Tributaria dove l uomo si è dato fuoco, «Giuseppe ha chiesto che le cose cambino in Italia. Abbiamo bisogno del Governo, di essere tutelati da questo Governo ha ammonito non di essere aggrediti con le tasse». Tiziana Marrone ringrazia poi chi è venuto a Bologna e non fa sconti per le drammatiche vicende degli ultimi mesi che stanno facendo piangere il Paese per i continui lutti che addolorano e sconfortano. «L'Italia non vuole fare la fine della Grecia con tanti imprenditori a togliersi la vita: sono troppi i suicidi dall inizio dell anno», ben 32. Adesso, come aveva chiesto il marito nella sua lettera d addio indirizzata alla Agenzia delle Entrate, «lasciatemi in pace e lasciatemi vivere la mia vita ha scandito se sono tranquilla io riposa in pace anche lui». Parole pesanti come quelle di Lucilla Raffagnini, vedova di Gabriele Croatto. «Queste cose non devono succedere spiega attorniata dalle telecamere che si soffermano sul braccio su cui ha tatuato il volto del marito - : se qualcuno lo avesse ascoltato forse sarebbe ancora qui. Non è vero che il tempo aggiusta le cose: questo corteo sembra il funerale di mio marito». Al termine della marcia, Tiziana Marrone e Elisabetta Bianchi, organizzatrice della manifestazione, si sono intrattenute per un ora in Commissione Tributaria regionale. «Ci siamo confrontati e mi sono informata», ha osservato la signora Marrone. Quanto a possibili altre manifestazioni, hanno sottolineato entrambe che «una prossima tappa ci sarà, non ci fermeremo certo qui». E i cittadini sperano che presto si possa uscire dalla crisi. hanno maturato esperienzeculturali e professionali all estero echescelgono ditornare nel nostro Paese. La norma prevede che hanno diritto agli incentivi i cittadini Ue nati dopo il primo gennaio 1969, che sono assunti o avviano un attività d impresa o di lavoro autonomo in Italia trasferendovi il domicilio nonchè la residenza entro tre mesi dall assunzione o dall avvio dell attività. L agevolazione ricade anche sui redditi di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto, così come sulle somme ricevute a titolo di borse di studio. Non solo. L attivi - tàinitaliaè agevolataanchese«slegata»da quella estera. La circolare, infatti, spiega che la mansione svoltanel nostro Paese trova l agevolazione anche se non è attinente all attività di studio o lavoro svolta all este - ro. Possono beneficiare degli incentivi anche i cittadini Ue, nati dopo il 1 gennaio 1969, che hanno maturato i requisiti a partire dal 20gennaio 2009 e chepoi sono stati assunti o hanno avviato un attività di lavoro autonomo o d impresa in Italia. E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazion

8 Of0l17FbcY+L7yQRiC7JU6Ng5xVMl40oIv9TRhLIJBQ=. RASSEGNASTAMPA 2 PRIMO PIANO LA CRISI ITALIANA PRESSIONE FISCALE E LAVORO Pd e Pdl convergono sulla proposta di certificare i crediti delle imprese verso la Stato (70 miliardi) per renderli negoziabili Su fisco e Imu i partiti giocano la campagna elettorale Alfano ai sindaci: non aumentate le aliquote. Il Pd: salviamo la prima casa Pioggia di «Troppi soldi vanno ai partiti» ROMA Troppe auto blu, troppi soldi ai partiti, troppi parlamentari e un «irrazionale» governo locale. Sarebbero queste le segnalazioni più frequenti inviate dai cittadini al governo come proposte da accogliere con la revisione della spesa. In poche parole: un intervento per ridurre i costi della politica, uno degli argomenti più gettonati di recente. Ma anche tra i meno affrontati nei diversi decreti. Anche perchè - come noto gli organi costituzionali godono di una loro autonomia riconosciuta dalla Carta. I tagli dovrebbero così auto-imporseli. Questa «top-four» degli sprechi segnalati sarebbe comunque frutto di una stima di massima, che non ha valenza statistica o scientifica ma resa possibile grazie ad una rapida lettura delle prime mail inviate dai cittadini. In ogni caso, pur senza valore scientifico, questo screening superficiale è già un termometro delle preferenze degli italiani. In ogni caso, vista la riuscita dell iniziativa, per avere dati più precisi o almeno una suddivisione delle mail in macroaree, si dovrà attendere ancora, probabilmente lunedì o nel corso della prossima settimana. Sta di fatto che le mail continuano ad arrivare a Palazzo Chigi e ad un ritmo impressionante (ieri una al minuto per un totale in due giorni di mail) e questo nonostante i dubbi del Garante della privacy. E mentre i cittadini segnalano anche i politici e le forze sociali pubblicamente offrono al governo le proprie ricette o i suggerimenti su come tagliare la spesa. Ad esempio il leader della Cisl Raffaele Bonanni chiede una discussione preventiva e stigmatizza eventuali «tagli alla rinfusa». Per il segretario del Pdl Angelino Alfano invece il governo dovrebbe osare di più, andando oltre i 4 miliardi di tagli annunciati nel Il segretario del Pd Pierluigi Bersani invece mette in guardia sul fatto che i tagli vanno fatti «con il cacciavite e non con l'accetta». E il leader dell Idv Antonio Di Pietro suggerisce: «la vera revisione della spesa è quella che parte dal taglio alle spese inutili come l ac - quisto degli F35 (i caccia, ndr), dall eliminazione delle Province e dall abolizione dei rimborsi elettorali». Mentre Magistratura Indipendente, la corrente più moderata delle toghe propone di recuperare le risorse per il braccialetto elettronico «strumento inefficace e dispendioso». Infine interviene anche Emergency. Guerre e spese militari sono gli sprechi maggiori. l ROMA. A poche ore dall aper - tura delle urne per elezioni amministrative, il tema fisco è sempre in pole position sulla scena del dibattito politico. Complice anche la cronaca con la vicenda di Bergamo (dove un uomo armato ieri ha tenuto in ostaggio per 6 ore un dipendente dell agenzia dell en - trate) il peso delle tasse, Imu in testa, e i debiti di cittadini e imprese nei confronti dello Stato diventano infatti oggetto delle proposte più diverse. Il Pdl con Angelino Alfano, così come annunciato, mette nero su bianco un provvedimento con il quale chiede di dare ossigeno agli imprenditori creditori della pubblica amministrazione ma non dimentica il bene primario degli italiani, la casa, e lancia un appello ai propri sindaci affinchè non aumentino l aliquota dell Imu. «E' necessario, caro sindaco s c r ive infatti l ex Guardasigilli che ti impegni in questa battaglia contro questa tassa profondamente ingiusta». Il Pd da parte sua rilancia e propone di lasciare tutte le entrate che arriveranno dalla tassa sugli immobili ai comuni. Ipotesi che, come ha fatto sapere il governo, potrebbe essere presa in considerazione ma solo dal prossimo anno. I Democratici poi tornano a sostenere la necessità anche di alleggerire il peso del nuovo balzello, «affiancandogli dice Pier Luigi Bersani u n imposta La L: dd tassa sulla A:212.71dd prima casa IMMOBILI Tassati 14,6 76% Esenti 4,6 24% 19,2 milioni CONFRONTO TRA VECCHIA E NUOVA IMPOSTA a parità di aliquota (0,4%) - Cifre in euro Imu da pagare Differenza con l Ici Rendita catastale Single 1,6-21,1 68,8 +4, ,3 270,4 +79, , ,3 1 figlio 0-22,7 18,8-45, ,7 220,4 +29, , ,3 2 figli 0-22,7 0-64, ,7 170,4-20, , ,3 4 figli 0-22,7 0-64, ,7 70,4-120, , ,3 Fonte: simulazioni Dipartimento delle Finanze (Mef) ANSA-CENTIMETRI personale sui grandi patrimoni mobiliari». Tecnicamente la proposta del Pd riuscirebbe, secondo le previsioni del responsabile economico del partito Stefano Fassina, a escludere i 2/3 delle abitazioni dal pagamento dell Imu: basterebbe, spiega sempre Fassina, innalzare la detrazione da 200 a 300 euro e aumentare l aliquota per gli immobili a uso residenziale di valore superiore a 1.2 milioni di euro. In attesa di futuri provvedimenti, intanto la Lega (che punta a cavalcare la protesta fiscale) organizza la piazza: l ex ministro LA CIRCOLARE ABBATTIMENTI DELL IMPONIBILE PER CHI TORNA A LAVORARE IN ITALIA Arrivano le agevolazioni per il rientro dei «cervelli» l Le lavoratrici abbatteranno il reddito imponibile dell 80%, i lavoratori dell 70%. Obiettivo: far rientrare in Italia i «cervelli», cioè i lavoratori che si sono specializzati all estero facendo leva sulle agevolazioni fiscali. Le norme, previste da una legge del 2010 poi modificata dal decreto «milleproroghe», sono ora operative con l ar rivo dall Agenzia delle Entrate di una circolare che fissa le modalità di applicazione. I «giovani» (chi è nato dal 1969 in poi) talentuosi potranno così contare su uno sconto fiscale che varrà anche per i co.co.co. Si prevede che i redditi di lavoro dipendente, i redditi d impresa e i redditi di lavoro autonomo percepiti dai beneficiari «concorrono alla formazione della base imponibile ai fini dell imposta sul reddito delle persone fisiche in misura ridotta, secondo le seguenti percentuali: 20 per cento, per le lavoratrici; 30 per cento, per i lavoratori». Il tutto in attesa di un Ddl che riveda la materia annunciato dal Governo nel Def. Ecco intanto i chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate. CO.CO.CO E BORSISTI - Hanno diritto agli incentivi i cittadini dell Ue, nati dopo il 1 gennaio 1969, che sono assunti o avviano u n attività d impresa o di lavoro autonomo in Italia trasferendovi il proprio domicilio, nonchè la propria residenza entro 3 mesi dall assunzione o dall avvio dell attività. A questo proposito si spiega che il termine Il gettito stimato dell Imu è 3,4 miliardi di euro, solo 0,4 più dell Ici PRELIEVO MEDIO PROPRIETARI Esenti 6,8 30% 235euro per immobile 194euro pro capite assunzione «assorbe» non solo le attività di lavoro dipendente, ma anche quelle che producono redditi assimilati agli occhi del Fisco. Ciò significa, ad esempio, che l age - volazione ricade anche sui redditi di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto, così come sulle somme ricevute a titolo di borse di studio. Non solo. L at t iv i t à in Italia è agevolata anche se «slegata» da quella estera. IDENTIKIT DEGLI AGEVOLATI - Pos - sono beneficiare degli incentivi anche i cittadini dell Ue, nati dopo il 1 gennaio 1969, che hanno maturato i requisiti a partire dal 20 gennaio 2009 e che, poi, sono stati assunti o hanno avviato un attività di lavoro autonomo o d impresa in Italia, fermo restando che le agevolazioni decorrono dal 28 gennaio 2011, ossia dalla data da cui È in vigore la relativa norma. La circolare, infatti, precisa che il 20 gennaio 2009, ossia il giorno in cui è stato presentato il disegno di legge relativo agli incentivi, è la data a partire dalla quale conta l assunzione o l avvio dell attività in Italia. In altre parole, accede al beneficio non solo chi possiede i requisiti a questa data, ma anche chi li matura successivamente, e comunque prima di essere a s s u n t o. RESIDENZA E DOMICILIO - Po s s o n o accedere al beneficio i lavoratori che hanno trasferito residenza e domicilio in Italia Tassati 17,5 70% 24,3 milioni dell Interno Roberto Maroni dà appuntamento a tutti i sindaci per il 25 maggio. Così, ribadisce il leader dell Udc, «si rischia di far fare all Italia la fine della Grecia». Se sulla casa e il fisco ogni partito ha la propria ricetta, sull'annosa questione dei crediti verso la pubblica amministrazione invece a sorpresa Pdl e Pd sembrano convergere almeno su un punto: entrambi vorrebbero che i crediti fossero certificati. Come annunciato, il partito di Angelino Alfano ha formalizzato un testo di legge (che non si escluda possa diventare un emendamento a uno dei prossimi provvedimenti all esa - me del Parlamento), mentre i Democratici chiedono addirittura un decreto legge ad hoc e pensano all ipotesi di prevedere che i crediti possano essere scontati presso le banche. In attesa di vedere se questa volta, a differenza del passato, qualcosa si muoverà su questo fronte che vale oltre 70 miliardi di euro, intanto per le imprese, fa sapere l Agenzia delle entrate, arriva lo sblocco dei rimborsi di crediti Iva per circa 2,2 miliardi. Chiara Scalise anche prima dell assunzione o dell av v i o dell attività, purchè il trasferimento sia funzionale ad essa, ossia, come spiega la circolare, avvenga nei tre mesi che ne precedono l i n i z i o. DATORI DI LAVORO -Entro il 31 maggio i sostituti d imposta dovranno rilasciare un nuovo Cud per l anno 2011 ai lavoratori interessati che, in possesso dei requisiti, richiedono l'applicazione del beneficio per lo stesso anno. È possibile anche richiedere il rimborso a un Ufficio territoriale dell Agenzia, allegando la documentazione che prova la sussistenza dei presupposti per ottenere l a g evolazione. CARA CASA Il Pd punta a escludere i 2/3 delle abitazioni dal pagamento dell Imu: basterebbe, spiega Fassina, innalzare la detrazione da 200 a 300 euro e aumentare l aliquota per gli immobili a uso residenziale di valore superiore a 1.2 milioni NORMA O P E R AT I VA La scelta di agevolare fiscalmente il rientro dei cervelli è stata approvata con il «milleproroghe» e regolata con una circolare. Degli incentivi possono usufruire solo i nati dopo il 1969

9 . RASSEGNASTAMPA PRIMO PIANO 3 Il governo punta a rimborsare le somme nello stesso anno in cui viene presentata la domanda LA DIRETTA Aggiornamenti e notizie sul tuo telefonino. Le istruzioni a pagina 23 LE NUOVE REGOLE ANCHE UN RIORDINO NORMATIVO DEI LICENZIAMENTI DISCIPLINARI. C È GIÀ UN IPOTESI DI ACCORDO Lavoro, scocca l ora della svolta accordo sulla riforma per gli statali l ROMA. In arrivo le nuove regole per il lavoro pubblico, compreso un riordino normativo dei licenziamenti disciplinari: il ministro della Pubblica amministrazione e la Semplificazione, Filippo Patroni Griffi, le organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl, Uil, Ugl), le Regioni, le Province ed i Comuni hanno raggiunto una ipotesi di accordo che sarà «una buona base in vista della delega legislativa che a breve presenterò al Consiglio dei ministri», ha dichiarato lo stesso ministro, esprimendo «soddisfazione». «Entro la prossima settimana» l intesa sarà firmata definitivamente e «successivamente le materie oggetto dell accordo saranno inserite nella delega». Che potrebbe arrivare al Consiglio dei ministri la prossima settimana. La riforma del mercato del lavoro pubblico andrà a completare la riforma del mercato del lavoro privato del ministro Elsa Fornero (il ddl è in Senato), che all ar ticolo 2 rimanda proprio al ministro Patroni Griffi il compito di individuare e definire, «anche mediante iniziative normative, gli ambiti, le modalità e i tempi di armonizzazione della disciplina relativa ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche». L'intesa definita a Palazzo Vidoni riguarda anche altri punti come le relazioni sindacali, la valutazione e la premialità e la dirig enza. Per quanto attiene alle nuove regole del mercato del lavoro pubblico, si ribadisce la «centralità» del contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, «con una conseguente restrizione sui contratti flessibili, ferma restando la possibilità di deroghe per particolari settori (sanità, ricerca, istruzione)». E sul tema dei licenziamenti disciplinari l a c c o rd o prevede «un riordino normativo degli stessi, ferma restando la competenza dei contratti collettivi nazionali (come avviene nel privato)». Il testo indica i principi di fondo che dovranno rientrare nella delega; il merito verrà dunque articolato. In una prospettiva di «convergenza» viene sottolineato con il mercato del lavoro privato. Rimborsi Iva: in arrivo 2,2 miliardi alle imprese Subito 400 milioni, gli altri a partire dalla metà di maggio Rimborsi Iva consuntivo Fonte: Agenzia delle Entrate Cifre in euro Interessano più di imprese, artigiani e professionisti 3,1 +14% miliardi 2,7 miliardi 900 milioni ,8 miliardi 400 milioni 2012 previsioni ANSA-CENTIMETRI I sindacati hanno indicato come «positiva» la ripresa di un sistema di relazioni sindacali, scardinato dicono negli ultimi anni. Però insistono affinchè si facciano ripartire anche le retribuzioni dei dipendenti pubblici e della scuola, come evidenziato dalle rispettive categorie della Cisl: «L'intesa recepisce il principio secondo cui parte dei risparmi di spesa pubblica che i lavoratori contribuiscono a generare debbano andare ai salari. Su questo ci aspettiamo concretezza e rapidità». nel corso dell anno da metà maggio già nei prossimi giorni MINISTRI Patroni Griffi, alla Funzione pubblica (a destra) con il responsabile dei Rapporti con il Parlamento, il braccio destro di Monti, Piero Giarda La Cassa integrazione 86,2-13,6% -5,4% Milioni di ore autorizzate a marzo 2012 Fonte: Inps Rispetto a marzo ,2 Ordinaria -4,0% +41,5% 29,9 Straordinaria -11,3% -27,7% 29,0 In deroga -4,9% -22,9% l ROMA. Boccata di ossigeno per più di partite Iva. È in arrivo, infatti, una robusta iniezione di liquidità per imprese, artigiani e professionisti, grazie al pagamento di circa 2,2 miliardi di euro messi a disposizione dal ministero dell Economia e delle Finanze, per pagare i rimborsi di crediti Iva. La misura era particolarmente richiesta dalle aziende che premono per avere liquidità, attraverso i rimborsi fiscali e il pagamento dei crediti che vantano con la pubblica amministrazion e. Dei rimborsi Iva annunciati, in particolare, 400 milioni di euro saranno erogati già nei prossimi giorni, mentre 1,8 miliardi verranno pagati a partire dalla seconda metà del mese di maggio. L annuncio è arrivato dall Agenzia delle Entrate, proprio il giorno dopo la difficilissima giornata vissuta giovedì negli uffici del Fisco nel Berg amasco. Con questa nuova iniezione di liquidità, la somma complessiva rimborsata nel 2012 a imprese, artigiani e professionisti arriverà a 3,1 miliardi di euro, a fronte dei 2,7 miliardi erogati nello stesso periodo del 2011, con un incremento di circa il 14 per cento. Qualche giorno fa il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, aveva preannunciato: «E' necessario spingere affinchè si concretizzino i rimborsi dell I va». La questione dei rimborsi Iva, e soprattutto della loro tempestività figura anche le indicazioni per l Agenzia delle Entrate contenute nell Atto di indirizzo del premier Mario Monti. Sui rimborsi in generale l obiet - tivo è il rimborso «nell anno in corso di quelli richiesti per l anno precedente» e per i rimborsi Iva «la liquidazione entro lo stesso anno di richiesta». manuela tulli Rispetto ad aprile ,8 Milioni di ore autorizzate nel ,02% rispetto ai primi quattro mesi 2012 ANSA-CENTIMETRI Utilizzate più di 86 milioni di ore Diminuisce la richiesta di cassa integrazione ma aumentano le domande di disoccupazione ROMA Le ore di cassa integrazione chieste ad aprile dalle aziende italiane diminuiscono ma restano a un livello alto con oltre 86 milioni di ore: i dati Inps segnalano un calo del 13,6% rispetto a marzo (quando furono 99,7 milioni) e una riduzione del 5,4% rispetto ad aprile 2011 ma anche che la situazione del sistema produttivo «resta critica» con un andamento dei primi quattro mesi in linea con lo stesso periodo del 2011 (322,85 milioni contro i 322,93 milioni del 2011). A marzo sono state presentate circa 80 mila domande di disoccupazione, con un lieve aumento (+1,5%) rispetto a marzo 2011 (quando le domande erano state 79 mila). Le domande di mobilità presentate, sempre a marzo, sono invece state 8.700, contro le oltre 10 mila (-14%) di marzo Preoccupazione è stata espressa dai sindacati. La Cgil ha parlato di situazione «drammatica» e ha chiesto al Governo di intervenire su sviluppo e crescita e sulla leva fiscale. Per la Cisl i dati sono «la proiezione del quadro economico negativo» mentre la Uil sottolinea che la situazione è «critica» e che la cassa integrazione ad aprile ha assicurato un reddito a una platea equivalente a persone. Gli interventi ordinari (cigo) di aprile sono stati pari a 27,2 milioni di ore registrando un lieve calo su marzo (-4%) ma un forte aumento su aprile 2011 (+41,5%). L incremento è dovuto soprattutto al settore industriale (+50,2% tendenziale). Per gli interventi straordinari (cigs) con 29,9 milioni di ore di fermo chiesti dalle aziende si registra un calo dell 11,3% su marzo e del 27,7% rispetto al mese di aprile del Diminuiscono, infine, anche gli interventi in deroga (cigd).

10 Of0l17FbcY+L7yQRiC7JU4DReWtCzipa4vAfJ2O5BEw=. RASSEGNASTAMPA 4 PRIMO PIANO LA CRISI ITALIANA L EMERGENZA SOCIALE Ieri la manifestazione a Bologna, dove un uomo si era dato fuoco nel parcheggio davanti la sede di Equitalia In piazza le vedove dei suicidi «Erano disperati, non pazzi» Il sequestratore di Bergamo rischia 8 anni: il suo debito era di 44mila euro Papa Ratzinger «Miseria e senso di esclusione generano rivolte» CITTA' DEL VATICANO «Quando la miseria coesiste con le grandi ricchezze, nasce una impressione di ingiustizia che può trasformarsi in fonte di rivolte». Lo denuncia il Papa, aggiungendo che è «conveniente che gli Stati veglino perchè le leggi sociali non accrescano le ineguaglianze e permettano a ciascuno di vivere in modo decente». Benedetto XVI lo ha detto in un discorso collettivo a 5 nuovi ambasciatori presso la Santa Sede ricevuti per la presentazione delle credenziali. «La crisi economica mondiale ha osservato Benedetto XVI conduce sempre più famiglie a una crescente precarietà. Da quando la creazione e la moltiplicazione dei bisogni ha fatto crescere la possibilità illimitata di godimento e di consumo, ma non i mezzi necessari alla loro soddisfazione, sono comparsi sentimenti di frustrazione ed è aumentata la solitudine dovuta all esclusione». Benedetto XVI ha quindi denunciato i rischi della miseria che coesiste con la grande ricchezza di pochi. L'occasione per questa riflessione è stata data a Papa Ratzinger dall udienza che ha concesso, nella Sala Clementina, ai nuovi ambasciatori di Etiopia, Malaysia, Irlanda, Fiji e Armenia, ricevuti per la presentazione delle Lettere credenziali. Il Pontefice ha in prima battuta ricordato come «lo sviluppo dei mezzi di comunicazione sociale ha reso il nostro pianeta in certa maniera più piccolo». «La capacità di conoscere quasi immediatamente ha osservato gli avvenimenti che si svolgono nel mondo intero, come i bisogni dei popoli e delle persone, è un appello pressante ad essere loro vicini nelle gioie come nelle difficoltà». Per questo il Papa ha chiesto una «nuova mobilitazione» contro le minacce all uomo, alla società e all ambiente. «L'esodo verso le città, i conflitti armati, le carestie e le pandemie che toccano tante popolazioni ha aggiunto - sviluppano in modo drammatico la povertà che riveste sempre nuove forme». Invitando gli Stati e le forze sociali a promuovere uno «sviluppo» che non sia «solo crescita economica», Benedetto XVI ha incoraggiato esperienze come il microcredito o le iniziative per il «partenariato equo», nelle quali è «possibile armonizzare gli obiettivi economici con il legame sociale, la gestione democratica e il rispetto della natura». Ha anche incoraggiato a potenziare l agricoltura. l La Rai, la Rai, è quasi un ossessione per Luigi Martinelli. E poi i pagamenti arretrati per un debito complessivo, secondo Equitalia, di 44mila euro. Tanto è bastato a Luigi Martinelli per vivere un pomeriggio di straordinaria follia e barricarsi all in - terno delle Agenzie delle Entrate di Romano di Lombardia, assieme a un ostaggio, a un vice brigadiere dei Carabinieri e a un piccolo arsenale. Nell interrogatorio di oggi proverà a spiegare i motivi del suo gesto che il procuratore aggiunto di Bergamo, Massimo Meroni, definisce «di protesta dimostrativa non oggettivamente giustificata». Se ne è già reso conto, sa di aver fatto «un azione inconsulta» e ha ammesso tutte le sue responsabilità. L accusa nei suoi confronti è sequestro di persona, che può costargli da sei mesi a otto anni di carcere. E ieri si è svolto, per le vie di Bologna, il corteo delle «vedove bianche», le moglie degli uomini che si sono uccisi per la crisi. Le donne sono scese in piazza per gridare che i loro «mariti erano disperati e non pazzi». Vittime di una «disperazione totale» e del mancato sostegno della società. È diretta, Tiziana Marrone, moglie di Giuseppe Campaniello ar tigiano di Ozzano, nel Bolognese che si è dato fuoco lo scorso 28 marzo a causa di debiti con il Fisco. La disperazione è totale ha spiegato proprio nel giorno della marcia delle vedove della crisi e mio marito non si è sentito sostenuto. Non avrebbe mai fatto una cosa del genere, quel gesto poi: si è arso vivo». Una decisione terribile dettata, come quella di altre vittime della crisi, dall esa - I N T E R V I S TA L EX SOTTOSEGRETARIO ANALIZZA I LIMITI DELLA SPENDING REVIEW. E DENUNCIA CASI RECENTI DI SPERPERO DI DENARO PUBBLICO Mantovano: grillismo del governo «Che succede se si cade nella calunnia? Monti ha preferito più tassare che tag l i a re» MICHELE COZZI Alfredo Mantovano (Pdl), ex sottosegretario: come giudica l ini - ziativa del governo di chiedere aiuto ai cittadini per individuare gli sprechi? «Ho visto il modulo, è generico, non offre indicazioni precise. Mi ritrovo nelle considerazioni di Pizzetti, il garante della privacy: che succede se si danno indicazioni scorrette e false che potrebbero delineare la calunnia? Non si capisce se ci sarebbero sanzioni. Comunque il primo effetto, visto i numeri, è una sorta di grillismo via mail con l utilizzo del sito del governo. Mi sembra un incentivo alla delazione in un clima di esasperazione e di odio che andrebbe raffreddato. Eppoi chi seleziona le informazioni tra le buone e le cattive?» Passiamo alla filosofia della spending review. Qual è il suo giudizio? «Due premesse: ho votato la fiducia a Monti e mi ritengo parte della maggioranza. Stimo Bondi che ritengo manager di straordinaria capacità. Seconda premessa: sono stato 9 anni al ministero dell Interno, e tempo significativo è stato speso a cercare di fronteggiare la burocrazia interna». Ma ora si punta a fare sul serio? «All inizio lo spending reviuw era stata affidata a Giarda. Non è successo nulla, ma ritengo ingeneroso scaricare tutto su Giarda. In quei cinque mesi non ci sono stati tagli sostanziali, 9/12/11 - ROMA Un plico imbottito esplode tra le mani sperazione e dall angoscia. «I nostri mariti insiste erano del direttore di generale di Equitalia disperati non pazzi. Stiamo parlando di gente che lascia la Marco Cuccagna propriafamiglia nelladisperazione più totale enon perpropria 15/12/11 - ROMA volontà». Con il suo gesto, ha raccontato nel parcheggio della Busta esplosiva indirizzata a Equitalia Commissione Tributaria dove l uomo si è dato fuoco, «Giuseppe intercettata dal centro di smistamento ha chiesto che le cose cambino in Italia. Abbiamo bisogno del delle Poste Governo, di essere tutelati da questo Governo ha ammonito 11/1/ MILANO non di essere aggrediti con le tasse». di Equitalia Busta con polvere sospetta alla sede Tra drappi bianchi nessun colore o simbolo della politica ha 14/1/ ROMA sventolato fra i cittadini, gli imprenditori e gli esodati presenti al di Equitalia intercettato da un ufficio Un plico esplosivo indirizzato a una sede postale corteo Tiziana Marrone ringrazia chi è venuto a Bologna e non fa 26/1/ MILANO sconti. «L'Italia non vuole fare la Due buste sospette recapitate in due fine della Grecia con tanti imprenditori a togliersi la vita: sono troppi sedi di Equitalia 31/1/ ROMA i suicidi dall inizio dell anno», ben Busta con un proiettile recapitata 32. Adesso, come aveva chiesto il in una delle sedi di Equitalia marito nella sua lettera d addio indirizzata alla Agenzia delle Entrate, «lasciatemi in pace e lasciatemi Un uomo di 58 anni muore dopo essersi 28/3/ BOLOGNA vivere la mia vita ha scandito se dato fuoco dentro una vettura parcheggiata davanti alla sede sono tranquilla io riposa in pace della Agenzia delle entrate anche lui». Parole pesanti come quelle di Lucilla Raffagnini, vedova di Gabriele Croatto, operaio Un uomo si dà fuoco davanti all'agenzia 29/3/ VERONA 56enne suicida nel febbraio del «Queste cose non devono delle entrate ma senza gravi succedere spiega attorniata dalle telecamere che si soffermano conseguenze sul braccio su cui ha tatuato il volto del marito -: se qualcuno lo 3/5/ ROMANO DI LOMBARDIA (BG) avesse ascoltato forse sarebbe ancora qui. Non è vero che il tempo Un uomo sequestra 15 persone aggiusta le cose: questo corteo sembra il funerale di mio marito». in un'ufficio dell'agenzia delle entrate ANSA-CENTIMETRI ma ci sono state tante tasse in più. Quindi da parte dell intero governo mentre c è stato un orientamento preciso sulle tasse, non c è stato un analogo orientamento sui tagli delle spese. Se fosse successo questo, le risorse disponibili avrebbero evitato altre tasse e l effetto depressione nel quale si trova il Paese. Poi c è un altro aspetto che non mi convince». A cosa si riferisce? «Se leggo la direttiva di Monti nelle ultime righe si dice che ciascuno ministro propone un suo progetto per la riduzione dei costi che va presentato entro il 31 maggio. Si dice pure che in assenza di proposte Monti assume le conseguenti deliberazioni. Cosa succede il 1 giugno se un ministero non ha provveduto adeguatamente? Quali sono i poteri a disposizione, e come fa Bondi, in quando incaricato dal governo a intervenire al posto dei ministeri? Quali sono i suoi poteri reali? Nella direttiva manca l indicazione del meccanismo». Tagli lineari oppure una scala di va l o r i? «O si torna ai tagli lineari criticati all epoca di Tremonti - lo avevo fatto a n ch io, ma alla fine hanno prodotto dei risultati sul terreno della spesa - oppure bisogna individuare un meccanismo per indurre le burocrazia a tagliare i rami secchi». Facile a dirsi. La realtà è più complessa. «A tale proposito, faccio degli esempi. Si pensa di eliminare 20 prefetture e chiedo allora perché questo governo a marzo ha nominato 20 nuovi prefetti. Di questi 12 sono a disposizione. Non mi pare un bel segnale. Stesso discorso per il braccialetto elettronico. In dieci anni si sono spesi tanti milioni per utilizzarlo in pochissimi casi. Avevamo detto che la convenzione non andava rinnovata. Si è fatto diversamente. Un altro caso di sperpero avviene nella mia città, a Lecce, con la caserma Pico: avevo proposto di utilizzarla come questura, fu detto no, oppure di affidarla ai carabinieri. Che ora la occupano ma solo per una par te». Sarà possibile tagliare i costi della Politica? «Ci vogliono idee chiare. Sono favorevole all abolizione delle Province, invece si pensa a ipotesi per cui Il Fisco nel mirino MARZO FEBBRAIO GENNAIO DICEMBRE APRILE MAGGIO ALFREDO M A N TOVANO E stato sottosegretario agli Interni nel governo Berlusconi sopravviverebbero, con consiglieri indicati dai Comuni. Così si risparmierebbe solo sulle mancate elezioni». E la questione dei rimborsi? «Ci voleva il decreto legge, e complicato che avvenga da parte dei partiti. Non entro nelle polemiche Amato sì-amato no. Certo c è l esigenza di fare subito». La tenuta del governo: si dice che l ala ex An del Pdl insista per staccare la spina. È vero? «Non è assolutamente vero, dobbiamo smettere di descrivere il Pdl come ex An e ex Forza Italia. Il governo deve arrivare a fine legislatura, ma mi auguro che non ci siano solo tasse, ma anche tagli e provvedimenti per la crescita».

11 . RASSEGNASTAMPA PRIMO PIANO 5 «Se avessi potuto mollare il lavoro anche solo per un ora avrei fatto di tutto per partecipare alla marcia di Bologna» Problemi economici, incomprensioni e porte chiuse in faccia dalla banca di cui il 60enne tarantino era cliente «Chi ora vuole farla finita pensi a chi resta, come me» Parla la moglie del negoziante di Ginosa che non ha retto alla crisi B O LO G N A Un momento della manifestazione organizzata dalle mogli dei suicidi per colpa della crisi I numeri Fonte: Cgia di Mestre Imprenditori suicidi (1 gennaio - 2 maggio 2012) 1 FRIULI V.G. LOMBARDIA 1 EMILIA R. 10 VENETO 1 TOTALE 1 LIGURIA 1 MARCHE SARDEGNA 2 3 TOSCANA 2 1 LAZIO 1 CAMPANIA SICILIA 4 ABRUZZO 32 4 PUGLIA ANSA-CENTIMETRI MARISTELLA MASSARI l MARINA DI GINOSA. «Se avessi potuto staccare, mollare il lavoro anche solo per un ora, avrei fatto di tutto per esserci. Anzi, sa che le dico? Sarei stata in prima fila con tutte le altre». Maria Teresa Di Tinco è la vedova di Enzo Di Tinco, il commerciante 60nne di Marina di Ginosa che il 9 marzo scorso si è tolto la vita impiccandosi dopo aver scritto un messaggio alla famiglia. Commenta così la marcia delle vedove che ieri si è tenuta per le strade di Bologna. Suo marito le ha lasciato poche righe in cui c era tutto il dramma di un esistenza portata forzatamente al capolinea: problemi economici, incomprensioni e porte chiuse in faccia con la banca di cui era cliente. Di Tinco è stato uno dei primi a cadere psicologicamente sotto i colpi della scure economica che ha messo mezza Europa in ginocchio. La sua storia è rimbalzata dal profondo Sud finendo sui quotidiani e nei telegiornali nazionali. «Lo sa che da quel maledetto giorno io non sono riuscita nemmeno ad andare al cimitero? Soffro come un cane e soffro due volte. La prima per la perdita di mio marito, per la sua assenza che è vuoto in famiglia. La seconda per le conseguenze di quel gesto. Togliendosi la vita lui, come altri che lo hanno fatto, si tolgono di mezzo e pensano che tutto sia finito con loro. Invece noi, le famiglie, restiamo e dobbiamo lottare per restare a galla, per sopravvivere, per andare avanti anche per loro. Io sono arrabbiata. Perché sono rimasta a fare da madre e da padre a tre figli, a tre ragazzi che non hanno nessuna colpa di quello che è suc- MARIA TERESA DI TINCO E la moglie di Enzo, 60 anni, commerciante di Ginosa che si è tolto la vita il 9 marzo scorso cesso. Ma che in qualche maniera, drammaticamente, ne pagano lo scotto, il conto». Maria Teresa è una fiume in piena. Ci parla mentre continua a servire i suoi clienti. Il negozio di abbigliamento, nel centro di Marina di Ginosa è un via vai continuo di amici e clienti. Lei è donna forte. Barese di nascita, ha vissuto per anni a Torino e ha sempre lavorato. Non ha perso l accento e nemmeno la forza. Anzi, la morte tragica e inaspettata del marito, che pure lei cercava di spronare, l ha resa più forte. «Sono qui dalla mattina al- la sera. Prima tutto era diviso al 50 per cento tra me ed Enzo. Ma poi lui ci ha lasciati così». Sta metabolizzando il dolore Maria Teresa e quella pietra che l assenza di suo marito le ha lasciato sul cuore sta diventando ogni giorno rabbia costruttiva. «Io vorrei che chi è disperato ed è deciso a compiere un gesto estremo come quello di Enzo venisse a trovarmi, a parlare con me, con noi, per vedere cosa resta, per capire in quali difficoltà si lasciano le persone a cui si è voluto più bene nella vita». «È sbagliato, sbagliato e sbagliato. Non si risolvono così i problemi. Ma purtroppo questa cosa sta diventando una epidemia e va bloccata. Mio marito aveva 60 anni, ma ora sento che la sua stessa angoscia la vivono imprenditori con la metà dei suoi anni. È assurdo. Io vorrei solo dire di non assuefarci, di non abituarci a questa disperazione. Chi soffre si apra, parli, racconti il suo dramma. Ma soprattutto - conclude la vedova dell imprenditore suicida per la crisi economica -, resista alla tentazione di andarsene per sempre, perché dopo di lui c è sempre qualcuno che resta».

12 12 SABATO 5 MAGGIO 2012 Primo Piano L Italia e la crisi p In piazza a Bologna con le foto dei mariti suicidi «vittime di questo tempo» p Ci sono imprenditori arrabbiati col fisco. E familiari che hanno perso tutto Le vedove della crisi in corteo: «La gente è disperata, non pazza» Le foto dei mariti suicidi, uccisi dai debiti, dalla crisi. «Non erano esaltati né depressi: sono vittime di questo tempo». Gli incontri, la commozione, e la promessa: questa testimonianza non finisca qui. GIULIA GENTILE BOLOGNA Lucilla Raffagnini il suo Gabriele se lo porta sempre con sé, un ritratto in biancoenero del volto del marito tatuato sull avambraccio sinistro. «Il 17 febbraio 2011 racconta in lacrime ha preso un treno di nascosto ed è tornato da Bologna a Terracina, la nostra città d origine. Qui si è impiccato, dopo anni in cui chiedeva di non lavorare più alla catena di montaggio, perché un tumore l aveva reso invalido ad un braccio». Insieme a quelli di Simona, quarantanovenne bolognese affetta da lipodistrofia muscolare che «pertirare avanti» mangia ognigiorno «alla mensa della Caritas», Silvia, imprenditrice di Milano per la quale «l unica alternativa» ai gesti estremi è lasciare il Paese, e Maria Grazia, ex dipendente del Comune di Bologna e comparsa cinematografica («Ho recitato ne L uomo cheverrà digiorgio Diritti - racconta - ma i soldi se li son mangiati le tasse»), che per una dimenticanza ha «accumulato 15mila euro di debiti», quello di Lucilla è il volto più drammaticamente umano della crisi nera che ha travolto l Italia, e che dall inizio dell anno ad oggi ha prodotto già 32 suicidi di piccoli imprenditori ed artigiani, esasperati dalle cartelle esattoriali cui non riuscivano a far fronte. A loro Tiziana Marrone, la vedova di Giuseppe Campaniello, muratore che il 28 marzo si diede fuoco davanti alla sede della commissione tributaria di via Nanni Costa angosciato dai debiti e da un processo per false fatturazioni, aveva dato appuntamento a Bologna per la prima marcia nazionale delle bandiere bianche. Un corteo silenzioso e privo di qualunquevessillopolitico, per dire - chiarisce la vedova - che «la gente è disperata, non è pazza. Per questo lo Stato deve fare qualcosa». NON FINISCA TUTTO OGGI Nel parcheggio davanti all ospedale Maggiore, dalle dieci del mattino si era radunato un centinaio di persone, vedove della crisi ma anche semplici cittadini, pensionati, piccoli imprenditori, ed esodati, arrivati da varie parti d Italia. All inizio della manifestazione, Tiziana ha presole distanze da quanto accaduto due giorni fa a Bergamo, dove un uomo armato si era barricato nella sede dell Agenzia delleentrate: «Queste cose non si fanno. Posso capire lo stato d animo delle persone, ma non condivido il gesto». Ancora più netta l amica Elisabetta Bianchi: «Le tasse vanno pagate, ed è un dovere farlo - ripete più volte - ma vogliamoun rapportoumano tra contribuenti e fisco. Lo sportello e il numero verde attivati da Equitalia sono inutili: è difficile che le persone vadano dai loro carnefici». Ma che la tensione, fra chi ogni mese si trova a dover coprire scadenze divenute ormai insostenibili, fosse al limite della sopportazione l hanno dimostrato in molti. A partire dall imprenditore bresciano che, al corteo, si era presentato con una maglietta con su scritto: «Le tasse sono un furto». Fino al passante in bicicletta che, inveendo contro una manifestante, gridava: «I dirigenti e i politici vanno presi a bastonate, per non dire peggio. E lei, signora, se ne vada a casa a pagare le bollette». TizianoPilastrini era arrivato sotto le due Torri con altri amici da Ferrara. Tutti reggevano cartelli con suscritto: «Gli esodati in lutto chiedono una soluzione del problema». Cinquantotto anni, l uomo racconta di aver accettato un incentivo all esodo da dipendente dell Enel. «Ora ci tornerei subito a lavorare - dice - ma non mi prenderanno mai». E poi c è Carmelo Miragliotta, agricoltore e gestore di un agriturismo in provincia di Alessandria. «Mi erotrasferito incampagna pensando di sopravvivere - ricorda -, ora sono in ritardo di due mesi con gli stipendi dei miei cinque dipendenti. E a luglio non potrò pagare i contributi Inps». A tutti loro si rivolge Tiziana, al termine del corteo nel parcheggio di via Costa dove il marito si era dato fuoco. «Mettiamoci la voce - l appello -: non facciamo che finisca tutto oggi. Non vogliamo raggiungere gli stessi morti della Grecia». IL COMMENTO Silvia Ballestra QUANDO IL SUICIDIO NON È FATTO PRIVATO L hanno chiamata la «marcia delle vedove», nome potente, che colpisce, perché la parola «vedova» è una parola forte, associata da sempre a particolari categoria di vittime: vedove di guerra, di terrorismo, di mafia. Oggi le vedove sono «vedove della crisi», e dunque costituiscono una categoria nuova. Così com è nuova la categoria dei suicidi per la crisi, persone che scelgono il gesto estremo perché non hanno più speranze né possibilità: soprattutto uomini (piccoli imprenditori, artigiani, operai rimasti senza lavoro), vessati da debiti, tasse, scadenze, rientri, solleciti, mancate aperture di credito, e con la preoccupazione della famiglia sulle spalle. Uomini che si arrendono. Ma non mancano nella spaventosa statistica dei morti di crisi anche donne, e giovani. Come Lucia, ingegnere ventottenne, mamma di una bimba di due anni, lanciatasi nel vuoto a Cosenza poche settimane fa perché, nonostante i brillanti studi e la giovane età, non scorgeva

13 Ma i rifiuti dove li metto? «Perilmomento l'unicacosacheabbiamo ricevutosonodei veti». Così il ministroclinia Skytg24 parla dell'atteggiamento di comune di Roma, provincia, e regione Lazio, oltre che del prefetto,suirifiuti.«spero cheallafine siriescaa prendereunadecisione. Sonomoltodisponibilea fareil ministro,non afarelapartedel Governatore,del sindaco emagari ancheil prefetto...». SABATO 5 MAGGIO Foto di Michele Nucci/Ansa Raid ad Equitalia, rischia otto anni Lega: lo difendiamo Un momento del corteo delle vedove di suicidi alcuna prospettiva davanti a sé, lei, piccola donna del Sud senza cognomi altisonanti ad aprirle le porte. E dunque eccola ieri a Bologna la marcia delle vedove. Delle madri, delle figlie, delle sorelle. Idealmente, dei tanti familiari delle tante vittime, come le figlie dei due imprenditori veneti suicidi (uno a Treviso, l altro a Padova) che hanno deciso di scriversi, da «imprenditrice a imprenditrice», incontrarsi e fondare un associazione con l obiettivo di combattere i nemici principali: indifferenza e solitudine. E dunque: dire, parlare, testimoniare. Tutte ripetono, com è successo ieri a Bologna, di non etichettare frettolosamente come frutto della depressione queste morti, questi gesti così devastanti e definitivi. «Non sono esaltati, né pazzi né depressi», ha detto Tiziana Marrone, la vedova dell uomo che a Bologna si è dato fuoco davanti all Agenzia delle Entrate. E la mamma di Lucia, giorni fa, aveva scritto parole importanti: «Mia figlia non è mai stata banale», dunque, nessuno tratti banalmente il suo suicidio. Raccontava la storia di una ragazza che è la storia di tanti ragazzi del Sud, e chiedeva che non rimanesse chiusa in qualche riga di cronaca, ma fosse motivo di riflessione sui diritti e sulla condizione di metà del nostro Paese, del prezzo che si è costretti a pagare, di quanto conta e pesa il non trovare un lavoro dignitoso. Aveva un piccolo debito che lo esasperava: così la procura ricostruisce il pomeriggio di follia dell imprenditore Luigi Martinelli. E c è un giallo su Monti: pronto a parlare con il sequestratore. «Non è vero», risponde Palazzo Chigi. PINO STOPPON BERGAMO Un debito di mille euro per delle cartelle esattoriali, forse in parte anche già condonate. È questo che ha scatenato la follia del piccolo imprenditore, Luigi Martinelli, che ha fatto irruzione giovedì con un fucile, 2 pistole e un coltello, negli uffici dell'agenzia delle entrate di Romano di Lombardia in provincia di Bergamo, tenendo per ore in ostaggio un dipendente e sparandoun colpo ascopo intimidatorio. L'uomo, che ora rischia 8 anni di carcere, si era rivolto due volte all' agenzia per spiegare i suoi problemi, ma, ha raccontato agli investigatori nella notte, era sempre stato «trattato in malo modo. Se fossi venuto prima a parlare con voi - ha detto ai carabinieri - forse, tutto questo non l'avrei fatto». «Non si tratta, come si vede, di La «marcia delle vedove» dice questo, e lo dice a tutti: quei suicidi non sono fatti privati, ma un fatto sociale di rilevanza enorme e, forse per la prima volta, di grande visibilità proprio grazie a loro, vedove, orfani, amici, parenti. Grazie a loro, l approccio tecnico alla crisi, preso dalla sua rincorsa di termini tecnici e tormentoni anglofoni, freddo nelle sue cifre, dovrà tenere conto che la crisi è fatta di uomini e donne, vite, angosce, depressioni, speranze di una via d uscita, delusioni, spaventi, gesti estremi. Mostrare gli uomini e le donne della crisi, oggi nascosti dietro i numeri, è anche quello un dovere sociale. Le vedove della crisi lo stanno dicendo. Ascoltarle è dovere di tutti. una somma enorme - ha commentato il procuratore aggiunto di Bergamo, Massimo Meroni - ma non si sa mai che cosa può avvenire nella mente di una persona». Raccontando la trattativa per farlo desistere, la procura spiega che il brigadiere RobertoLorini si è fattoavanti dicendogli che in fondo «siamo tre amici (comprendendo anche Carmine Mormandi, il dipendente tenuto in ostaggio)» e così ha potuto instaurare un dialogo. IL PREMIER E GLI SCIACALLI Martinelli, duranteil suoraid, haanche chiesto di parlare col presidente del Consiglio, Mario Monti, che si era detto disponibile a contattarlo telefonicamente, anche se Palazzo Chigi smentisce questa ipotesi («mai data alcuna disponibilità»). «Ho visto che era molto arrabbiato, ma ho capito che era una persona normale, e ho puntato tutto sull' umanità», ha spiegato il vice brigadieredei carabinieri, Loriniche è riuscito a convincere il sequestratore adarrendersi. «Abbiamo parlato della vita quotidiana delle nostre famiglie, dei nostri figli, ho capito che erauna persona semplicee gli hoanche parlato in dialetto bresciano. Gli ho fatto capire che siamo tutti umani e che non valeva la pena di prendersela con noi». Dopo l'arresto è stato accompagnato alla Stazione dei carabinieri. Chi era con lui lo descrive «molto tranquillo, rassegnato, e consapevole di ciò che aveva fatto». Poi è stato trasferito nel carcere di Bergamo con l'accusa di sequestro di persona. Lo ha visitato l exministro leghista Roberto Calderoli, che a caccia di una verginità fra la gente arrabbiata della Padania ha promesso assistenza legale e corretto le cifre: «Aveva debiti per 44 mila euro». Gliuffici dell'agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia intanto hanno aperto regolarmente alle 8.30 di ieri. Quasi tutti i dipendenti sono al lavoro: unico assente giustificato, Carmine Mormandi, rimasto per ore nelle mani del sequestratore. «Non so perché se l'è presa con me - racconta - diceva tunonmi piaci, mi sei antipatico. Ho davvero avuto paura che in un eccesso d'ira mi sparasse. Ho pregato tanto».

14 14 SABATO 5 MAGGIO 2012 Primo Piano L Italia e la crisi Prima iniezione di liquidità per artigiani e professionisti con i rimborsi Iva di 2,2 mld. Agevolazioni fiscali per far rientrare in Italia i cervelli ora all estero: abbattimento del reddito imponibile dell 80% e del 70%. LA. MA. MILANO Una boccata di ossigeno per più di 11mila partite Iva. È in arrivo una prima iniezione di liquidità per imprese, artigiani e professionisti, grazie al pagamento di circa 2,2 miliardi di euro sbloccati dal ministero dell Economia per pagare i rimborsi di crediti Iva. La misura era particolarmente richiesta dalle aziende che premono per avere liquidità, attraverso i rimborsi fiscali e il pagamento dei crediti che vantano con la pubblica amministrazione. Dei rimborsi Iva annunciati ieri, 400 milioni di euro saranno erogati già nei prossimi giorni, mentre 1,8 miliardi verranno pagati a partire dalla seconda metà di maggio. L annuncio è arrivato Liquidità I primi 400 milioni in arrivo già nei prossimi giorni dall Agenzia delle Entrate, proprio il giorno dopo la difficilissima giornata vissuta negli uffici del Fisco nel bergamasco. Con questa nuova iniezione di liquidità, lasomma complessiva rimborsata nel 2012 a imprese, artigiani e professionisti arriverà a 3,1 miliardi, a fronte dei 2,7 miliardi erogati nello stesso periodo del 2011, con un incremento di circa il 14%. Anche se quello dei rimborsi fiscali rimane un buco nero. Qualche giorno fa il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, l aveva preannunciato: «È necessario spingere affinché si concretizzino i rimborsi dell Iva». La questione, la sua urgenza soprattutto, figura anche nelle indicazioni per l Agenzia delle Entrate contenute nell Atto di indirizzo di Monti. In generale l obiettivo è il rimborso «nell anno in corso di quelli richiesti per l anno precedente», e per i rimborsi Iva «la liquidazione entro lo stesso anno di richiesta». Una sede dell Agenzia delle entrate a Roma p Prima tranche Dal governo via libera ai rimborsi dei pagamenti dei crediti Iva p Incentivi fiscali per far rientrare in Italia i ricercatori della classe 69 oggi all estero Boccata d ossigeno per imprese e artigiani Sbloccati 2 miliardi CERVELLI IN FUGA Partono anche gli incentivi fiscali per far arrivare (tornare) in Italia laureati e ricercatori che si trovano all estero. È sempre l Agenzia delle Entrate (su norme previste nel 2010 poi modificate nel decreto Milleproroghe) a diffondere una circolare che illustra le linee guida sui benefici riservati ai cittadini dell Unione europea che hanno maturato esperienze culturali e professionali all estero e che vogliono rientrare in Italia, spiegando contenuti e procedure nel dettaglio. Le lavoratrici abbatteranno il reddito imponibile dell 80%, i lavoratori del 70%. I «giovani» (chi è nato dal 1969 in poi) di talento potranno così contare su uno sconto fiscale che varrà anche per i co.co.co. e i borsisti. L attività in Italia è agevolata anche se «slegata» da quella estera. La circolare, infatti, spiega che la mansione svolta nel nostro Paese verrà agevolata

15 Cig, non cala sui 4 mesi Nel mese di aprile 2012 si registra una consistente diminuzione (-13,6%) delle ore di cassaintegrazionecomplessivamenteautorizzate,rispettoalloscorsomese dimarzo.tuttavia nei primi quattro mesi del 2012 sono state autorizzate all'incirca lo stesso numero di ore del primo quadrimestre 2011: 322,85 milioni nel 2012 contro 322,93 milioni del SABATO 5 MAGGIO Foto di Angelo Carconi/LaPresse anche se non attinente all attività di studio o lavoro svolta all estero. Si prevede che i redditi di lavoro dipendente, i redditi d impresa e da lavoro autonomo percepiti «concorrono alla formazione della base imponibile per l imposta sul reddito delle persone fisiche in misura ridotta, secondo le seguenti percentuali: 20% per le lavoratrici; 30% per i lavoratori». Il tutto in attesa di un decreto legge che riveda la materia annunciato dal governo nel Def. Può accedere al beneficio chi ha trasferito residenza e domicilio in Italia anche prima dell assunzione o dell avvio dell attività, purché il trasferimento sia funzionale ad essa (entro i 3 mesi precedenti). Entro il 31 maggio i sostituti d imposta dovranno rilasciare un nuovo Cud per il 2011 agli interessati che richiedono l applicazione del beneficio. È possibile anche richiedere il rimborso a un Ufficio territoriale dell Agenzia, allegando la necessaria documentazione. Intervista a Raffaele Bonanni «C è da tagliare ma non si sognino di toccare la scuola» Il segretario Cisl: «L operazione messa in piedi mi preoccupa moltissimo. Intervengano sull apparato amministrativo, ma con criterio» LAURA MATTEUCCI MILANO Raffaele Bonanni, segretario Cisl Foto Infophoto Un operazione davvero paradossale. Ma come, i tecnici hanno avuto il governo del Paese in subappalto dai politici, e adesso lo appaltano ad altri ancora?». Disapprovazione pressoché totale: il segretario della Cisl Raffaele Bonanni boccia nel metodo e nel merito i primi passi della spending review voluta da Mario Monti e affidata a Mr. Parmalat (ora anche Mr. Forbice) Enrico Bondi. E, prima ancora, lo stesso triumvirato di consulenti messo a capo della spesapubblica: oltre a Bondi, commissario straordinario, Francesco Giavazzi, che seguirà gli aiuti alle imprese, e Giuliano Amato, chiamato ad occuparsi invece di partiti e sindacati. È un problema di persone? «Assolutamente no. La qualità delle persone investite del compito non è in discussione, a partire da Amato, che stimo personalmente e dal quale mi sento anzi rassicurato. Il problema è questa sorta di scaricabarile, questadelega di tecnici ad altri tecnici. Sa come si fa in politica, o anche nel sindacato? Quando non si hanno le idee chiare, si costituisce una bella commissione di lavoro. Non me l aspettavo davvero, tanto più da un governo con poteri che nessun altro ha mai avuto in precedenza, che ha persino teorizzato la mancanza di confronto con le parti sociali. È come se avesse dichiarato la propria impotenza. E infatti sono convinto che il primo dannolo subirà l esecutivo stesso, in termini di perdita di credibilità». Non le sembra, semplicemente, un rimpasto di governo? «Se lo fosse, sarebbe un rimpasto che non passa attraverso le vie costituzionalmente previste, con le indicazioni al presidente della Repubblica prima e al Parlamento poi. Mi sembra una forzatura che, lo voglio ripetere, finirà col ritorcersi contro il governo. La dimostrazione massima di mancanza sia di volontà sia di capacità. Come ho detto il Primo Maggio, non si giustifica se non come coup de théatre. Perché non credo proprio ci vogliano dei tecnici per mettere a punto alcune operazioni di razionalizzazione della spesa pubblica». Cisonoanchei consigli richiestiai cittadini: che ne pensa? «È l anticamera del populismo. Non credo che questo invito pubblico alla delazione sia mai stato usato in democrazia, ma solo in regimi totalitari. È deresponsabilizzante, e stimola comportamenti biechi». Secondo lei a che cosa bisognerebbe mettere mano? «Si intervenisse sull apparato amministrativo, decisamente pletorico: una questione di cui non vuole mai parlare nessuno, e che non riguarda solo le Province, ma anche le Regioni e molti micro Comuni che andrebbero accorpati. Si intervenisse sul Consip, che già da anni dovrebbe provvedere agli acquisti per le amministrazioni pubbliche: peccato però che, tra queste, vi aderisca sì e no il 10%. Sarebbe bastato un decreto, una semplice convenzione col Consip: è chiaro a tutti che l economia di scala aiuta il risparmio e, tanto più con il clima che si respira, chiunque è in grado di capire che acquistarei benialle migliori condizioni possibili è essenziale per il Paese». Nelmirino cisarebberocarceri, sanità, scuola. «Ci mancherebbe toccassero la scuola, che solo due anni fa ha perso 8 miliardi e che è ormai ai limiti della sopravvivenza. Perseverare sarebbe davvero diabolico. La dimostrazione del peso preponderante delle lobby interne al management. Piuttosto, si occupassero di far fruttare il demanio pubblico, stimato in qualcosa come 500 miliardi». Non ha proprio alcuna fiducia nell operazione? Serve dialogo «La vicenda degli esodati è l esempio principe dei danni che si possono fare in assenza di concertazione» «Mi preoccupa moltissimo. Dà anche un segnale molto negativo sulle procedure seguite dal governo. Il fatto che si continui a non voler discutere con le rappresentanze è degenerativo: evitare la concertazione significa solo far ingrassare le lobby. La vicenda degli esodati è l esempio principe dei danni che si possono fare in assenza di concertazione». A proposito: è possibile che il decreto per 65mila esodati arrivi prima del 9 maggio, data dell incontro tra la ministra Fornero e i sindacati. «Se così sarà, la ministra dimostrerà volontà proterva, entrerà in uno scontroancora più forte con isindacati, e sarà responsabile dei danni in arrivo da tutti i ricorsi giudiziari che verranno sicuramente presentati. E vinti. Si comporterebbe con indisponibilità miope, invece che con un atteggiamento ragionevole. Noi comunque, sia chiaro, non rinunceremo mai a svolgere il nostro ruolo di rappresentanza». Il finanziamento pubblico ai partiti: come giudica la proposta del Pd di dimezzarlo? «Io sono per una quantità che ricalchi la media Ue. Il problema è la misura e, trattandosi di soldi pubblici, dell esercizio del controllo almeno sul loro utilizzo».

16 16 SABATO 5 MAGGIO 2012 Primo Piano L Italia e la crisi p Delrio (Anci): il governo pensi a una tassa per il risanamento e lasci il prelievo sulle abitazioni ai sindaci p La proposta Fassina: la detrazione passi da 200 a 300 euro. Due terzi delle prime case non pagherebbero È battaglia sull Imu Il Pd: aumentare le detrazioni Le rassicurazioni del ministero del Tesoro non placano le polemiche sull Imu. I numeri diffusi dagli uffici centrali non tengono conto dell aliquota che sarà decisa a fine anno. Polemiche dei partiti. BIANCA DI GIOVANNI Non sono bastate le rassicurazioni dell Agenzia delleentrate per smorzare le polemiche sull Imu. Gli uffici del sottosegretario Vieri Ceriani avevano sfornato cifre e tabelle per dimostrare una sostanziale equivalenza tra Ici e Imu almeno sulla primacasa. Non solo: dai numeriforniti dal ministero, grazie all esenzione di 200 euro a famiglia e di altri 50 euro a figlio (fino a 200) circa il 30% dei contribuenti risulterebbero esenti, mentre gli altri pagherebbero cifre analoghe a quelle pagate in precedenza. DETTAGLI C è un dettaglio però, che non è poca cosa. Quei numeri si riferiscono all imposizione base del 4 o 5 per mille, che i Comuni potranno decidere di aumentare entroil10 dicembre. E saranno molti a farlo, viste le altre cifre che l Anci ha elaborato. I numeri Anci Con la nuova tassa il cittadino paga di più e il Comune ha meno Sull Imu infatti si gioca una grande partita a scacchi tra Stato centrale e amministrazioni locali, tutta sulla testa dei cittadini. È vero che i Comuni incasseranno tutto il gettito della prima casa, ma alla fine della fiera andranno a rimetterci. Infatti il governo ha disposto il corrispondentetaglio dei trasferimenti, calcolando la quantità su stime che i sindaci considerano gonfiate. Secondo i calcoli dell Anci, 10 euro versati l anno scorso per l Ici dai cittadini oggi salgonoa 23 (anche pervia dell imposizione sulla prima casa), ma nelle casse comunali ne restano 7. Insomma, i cittadini pagano di più, i Comuni guadagnano meno. Il resto va allo Stato. Proprio su questo puntoè intervenuto ieri il presidente Anci Graziano Delrio. Il governo scorpori la sua parte di gettito Imu e dica come la impiegherà, magari subito dopo la prima rata, «perché l'iniquità che si creerà dopo la prima rata Imu - spiega Delrio - sarà molto più visibile di quello che si pensava. Con l'imu affidata ai Comuni, potremmo alleggerire l'imposta di circa il 40% e lo Stato potrebbe fare un patto con i cittadini, comefecero Prodi eamato aloro tempo, destinandoesplicitamente unprelievo al raggiungimento dell'obiettivo di risanamento dei conti pubblici». Insomma, meglio una tassa tipo quella per l Europa, lasciando l imposizione sulla casa nella completa disponibilità dei sindaci. POLITICI IN FIBRILLAZIONE Intanto sullo scacchiere politico continua un vero duello sul prelievo immobiliare. «L'Imu sulle prime case di valore modesto e medio è un onere pesantissimo in una fase così difficile. Se Lega e Pdl intendono andare oltre la propaganda elettorale, sostengano con noi l'innalzamento dell' attuale detrazione Imu da 200 a 300 euro e si rendano disponibili a innalzare l'aliquota per gli immobili a uso residenziale di valore superiore a 1.2 milioni di euro», ha detto il responsabile Economia del Pd Stefano Fassina. «È una soluzione - aggiunge- che eliminerebbe l'imu per 2/3 delle abitazioni di residenza senza fare perdere gettito ai comuni». Sullo sfondo del dibattito politico l ultima strigliata di Monti contro i partiti (specie Pdl e Lega) che hanno portato il Paese sull orlo del baratro e oggi cavalcano la protesta dei primi cittadini. Roberto Maroni non pare intimorito dalla reprimende. Anzi, insiste sul fronte del no alle tasse (anche quelle, come l Imu appunto, «inventate» per il famoso federalismo targato Calderoli).

17 Scola: altri valori per l economia Lacrisiimponela«necessitàdi ripensarei paradigmidellavitaeconomica»edi«centrarli in una chiave antropoligica più adeguata». Questa la riflessione contenuta nella lectio magistralisdell'arcivescovo dimilano, cardinale Angelo Scola, intervenuto allaconferenza internazionale dedicata a «Istituzioni, società e mercati». SABATO 5 MAGGIO Il Pd Sulla prima casa il prelievo va abbassato con la patrimoniale «Il 25 maggio - ha annunciato a Verona Roberto Maroni - è convocata l'assemblea degli amministratori della Lega Nord compresi i nuovi sindaci eletti e decideremo le varie azioni contro la politica fiscale del governo». La strategia del Carroccio è in diversi step. «Tra le proposte - spiega Maroni - c'è quella di licenziare Equitalia e sostituirla con la riscossione fatta da strutture del Comune, oppure con una società regionale di riscossioneche funziona gratuitamente. Altra proposta sarà quella di non approvare il bilancio e farlo approvare da un commissario prefettizio e infine la violazione simbolica del patto di stabilità. Se questo viene praticato da 600 sindaci allora si cambia il patto. Decideremo il 25 maggio». Critiche al Pdl dall Udc. «Alfano sa benissimo - afferma il segretario Lorenzo Cesa - che il Paese non è in grado di sostenere l'abolizione dell'imu, così come non è statoin grado di sostenere quella dell'ici. Non è più il tempo delle promesse dell'ultimo minuto per vincere le elezioni». Gallo: il fisco oggi deve servire a diminuire le diseguaglianze Il vicepresidente della Consulta ospite del premio Lef, consegnato a tre donne. Nella sua lectio magistralis prospetta il ruolo dell imposizione tributaria mentre aumenta la distanza tra i benestanti e i meno abbienti. B. DI G. ROMA Franco Gallo Un fisco che corregga le diseguaglianze, cioè che abbia una forte valenza sociale. Questo il messaggio lanciato da Franco Gallo (vicepresidentedella Corte Costituzionalenonché in passato ministro delle Finanze con un lungo curriculum accademico in diritto tributario) ha lanciato nella lectio magistralis tenuta in occasione del premio Lef, l associazione per l equità fiscale. Nella cerimonia sono state premiate tre tesi di laurea sui temi tributari. Curiosità: i premi sono andati a tre donne. Oltre a Gallo è intervenuto anche Massimo Romano, ex direttore dell Agenzia delle Entrate, con un contributo sulle nuove strategie nella lotta all evasione. «In una situazione come l attuale, caratterizzata dall aumento delle disuguaglianze e dalle pratiche corruttive - ha detto Gallo - lo Stato dovrebbe spogliarsi della veste di Leviatano amministrativo e sempre più spesso richiamarsi a grandi valori etici, di moralità collettiva, di sussidiarietà e di rispetto della dignità umana». In un momento in cui la distanza tra i benestanti e i meno abbienti aumenta, lo Stato assume la responsabilità di «politiche sociali di spesa e fiscali - continua il vicepresidente della Corte - dirette a rimuovere le cause di ingiustizia distributiva socialmente e moralmente inaccettabile». In questa ottica «risulta evidente la stretta correlazione tra giustizia fiscale e giustizia sociale - sottolinea Gallo - e cioè tra il prelievo tributario e le spese pubbliche che connotano lo stato sociale». Lotta all evasione Romano: modificare il rapporto tra cittadini e amministrazione Una delle funzioni dell equità fiscale è la lotta all evasione. Su quel fronte Romano ha sottolineatol importanza di un diverso atteggiamento dell amministrazione, non più orientato al controllo ex post, ma a un rapporto persuasivo nei confronti dei contribuenti. L amministrazione dovrebbe poter gestire un rapporto con i cittadini nella fase dell adempimento, cioè nel momentoin cui dichiara e versa l imposta. Secondo Romano «occorre capovolgere la filosofia attuale che punta esclusivamente all intervento repressivo. Quando, sulla base diprocedure selettive basate su modelli elaborativi intelligenti - spiega Romano - si rilevi una incoerenza tra intenzioni del contribuente e dati conosciuti, il contribuente viene convocato per un confronto».

18 14 Economia Italia / Mondo Aleggia la paura della stagnazione in Usa. Pimco prevede un calo dei consumi Borse europee in profondo rosso Spread a 385 punti. Milano chiude a -1,41%, Fiat cede il 3,62%. Stoxx a - 2,4% di ALFONSO ABAGNALE ROMA Le Borse europee chiudono la settimana in profondo rosso, affossate in particolar modo dai dati deludenti sul mercato del lavoro negli Stati Uniti, mentre lo spread tra il Btp e il Bund tedesco si attesta a 385 punti base. Milano lascia sul campo l 1,41%, con i titoli del Lingotto tra i peggiori a Piazza Affari: Fiat cede il 3,62% e Fiat Industrial il 3,67%. Seduta da dimenticare anche per Pirelli, con un -3,06%. Peggio di Milano fanno i listini principali del Vecchio Continente, con Londra in calo dell 1,93%, Francoforte del 2% e Parigi dell 1,90%. E così in una sola settimana l indice Stoxx 600, che fotografa l an - damento dei principali titoli quotati in Europa, segna una Spagna verso l aiuto dell Efsf perdita del 2,4%, ridimensionando il guadagno da inizio anno al 3,5%. Negli Stati Uniti ad aprile sono stati creati solo 115 mila posti di lavoro, il numero più basso negli ultimi sei mesi, contro i 160 mila previsti. Un dato, questo, che rafforza i dubbi sulla ripresa della principale economia mondiale, dopo che ieri i dati sul settore dei servizi hanno evidenziato un deciso rallentamento dell attività. Secondo Mohamed El- Erian, amministratore delegato di Pimco, il maggiore fondo d investimento al mondo, «tutti questi dati puntano verso una debole crescita dell occupazione e un calo dei consumi», questi ultimi motore dell econo - mia americana. E se l'economia Usa prende il raffreddore, quella europea, già depressa dalla crisi dei debiti sovrani, rischia di prendersi una polmonite letale. Ad aprile l indice Pmi composito dell eurozona, che riflette l andamento e le aspettative per l'attività manifatturiera e dei servizi, è risultato in contrazione per il terzo mese di fila, scendendo a 46,7 punti da 49,1 di marzo. La soglia dei 50 punti fa da spartiacque tra espansione e contrazione dell attività economica. In particolare, segna un rallentamento preoccupante l'attività dei servizi in Italia e Spagna, con gli indici Pmi di questi due Paesi in caduta libera, rispettivamente a 42,3 e 42,1 punti. Il Paese iberico resta sempre l epicentro della crisi in Europa e si moltiplicano le indiscrezioni sulla creazione di una 'bad bank' in cui far confluire le attività a rischio in pancia agli istituti di credito spagnoli. Ieri mattina il quotidiano El Confidencial ha scritto che Madrid pensa di utilizzare il fondo salva-stati europeo Efsf per finanziare la creazione della 'bad bank', e che il ministro dell econo - mia spagnolo, Luis de Guindos, ne avrebbe parlato a lungo nell incontro di giovedì a Barcellona con il Commissario Ue Olli Rehn. Il ministero dell Econo - mia spagnolo si è affrettato a smentire, affermando che il tema non è stato affrontato nel colloquio tra de Guindos e Rehn. Secondo i dati della Banca di Spagna, i prestiti in sofferenza degli istituti di credito spagnoli a febbraio rappresentavano l 8,16% dei prestiti totali, la percentuale più alta degli ultimi 18 anni. Conseguenze per la società quotata in Borsa Falsa laurea anche a Yahoo! l ad Thompson rischia il posto Diffusi i risultati delle trimestrali Ma Basilea3 incombe Banche, tornano i risultati positivi Bnp Paribas mette a segno un +9,6% La britannica Bank of Scotland taglia l esposizione verso i paesi periferici dell euro: 100 milioni di sterline in meno di BEPPE COLONNA ROMA Migliorano i conti delle banche ma la crisi e la necessità di adeguare i ratios patrimoniali alle direttive europee e ai parametri di Basilea3 colpisce ancora i bilanci degli istituti che devono perciò proseguire la pulizia e la svalutazione per imboccare la strada verso il ritorno agli utili d oro degli anni Novanta e inizio nuovo secolo Ḋalle trimestrali diffuse ieri emerge un aumento del 9,6% del risultato per Bnp Paribas, colosso NEW YORK L'amministratore delegato di Yahoo!, Scott Thompson, in bilico: a pochi mesi dal suo insediamento, Thompson è travolto da uno scandalo sui suoi studi che potrebbe costargli il posto di lavoro nelle prossime ore. Thompson è accusato di aver 'truccato' il proprio curriculum, aggiungendovi una laurea in Informatica che non ha mai conseguito. E ora l hedge fund Third Point, azionista di Yahoo! con il 5,8% e colui che ha scoperto l inganno, ne chiede l'immediato licenziamento, così come chiede che anche Patti Hart, manager del gruppo, venga immediatamente allontanata. La biografia di Thompson riportata, fino a poco fa, sul sito di Yahoo! e nei documenti ufficiali presentati alla Sec - affermava infatti che l amministratore delegato era in possesso di una laurea in Contabilità e Informatica conseguita presso il Stonehill College. Ma Thompson è laureato solo in Contabilità e la conferma è arrivata dalla stessa Università, che ha soppresso la laurea in informatica nel 1983, quattro anni prima che Thompson si laureasse. Yahoo! ha liquidato nell immediato la questione come un «errore involontario», ribadendo la propria fiducia in Thompson, ritenuto altamente qualificato per svolgere il proprio lavoro. Il consiglio di amministrazione del motore di ricerca ha assicurato che indagherà su come sia stato possibile. Ma Dan Loeb, fondatore e amministratore delegato dell hed - ge fund Third Point, non si accontenta: critico da mesi verso la società per le scelte effettuate, Loeb sferra un attacco. E in una lettera al consiglio di amministrazione valuta la risposta di Yahoo! alle accuse «inadeguata, breve e in ritardo», un «insulto agli aizonisti». Loeb presenta anche la lista delle sue richieste, da concretizzare entro lunedì alle per evitare che Third Point ricorra ad altre azioni. La prima è il licenziamento immediato di Thompson, che si è rivelato non adatto al ruolo e la cui permanenza causerebbe danni alla società. A questo si aggiunge la necessità da parte del consiglio di amministrazione di comunicare in modo chiaro e ufficialmente il processo che ha portato alla scelta di Thompson come amministratore delegato. Third Point chiede inoltre di conoscere se qualche membro del cda era a conoscenza della 'mancanza' nel curriculum di Thompson, e un posto in consiglio. Richiesta quest ultime respinta da Yahoo! di recente, perchè l'esperienza nel settore degli hedge fund non era «rilevante» per ottenere un posto in consiglio di amministrazione İl curriculum di Thompson, quando era alla guida di Paypal, era riportato sul sito di Ebay e nei documenti societari alla Sec correttamente: laurea in Contabilità. Il cambio in laurea in contabilità e informatica sarebbe avvenuto con il passaggio a Yahoo! nei mesi scorsi. Ora Yahoo! dovrà modificare la documentazione depositata presso la Sec, ma non sono chiare le implicazioni legali del caso. francese e una delle prima banche europee. Per Rbs, nazionalizzata e sull'orlo del crac nella prima fase della grande crisi, l utile sale del 4%. Per l istituto parigino il conseguimento del rialzo dell utile a 2,867 miliardi (+9,6% sui tre mesi 2011 appunto e sopra le attese di molti analisti) è avvenuto grazie a componenti straordinarie e soprattutto alla cessione del 28,7% in Klepierre. Contabilizzando gli elementi non ricorrenti, informa infatti la banca, l utile ammonta a 2,03 miliardi, in calo del 22,1%. Anche il margine di intermediazione subisce un ribasso a seguito della rivalutazione del debito proprio e delle perdite su cessione titoli di stato e dei crediti. Il dato si attesta quindi a 9,886 miliardi (-15,4%) mentre al netto di questi elementi sarebbe a 10,9 miliardi (- 6,3%). Il buon andamento del primo trimestre del 2012 per Bank of Scotland non ha impedito alla banca britannica di tagliare ancora l esposizione verso i Paesi periferici dell euro e di rafforzarla nei confronti del cuore economico Baudouin Prot dell Eurozona: quindi 100 milioni di sterline in meno, a quota 300 milioni l'esposizione sui governativi degli Stati poco virtuosi comprendendo tra questi anche i bond della Francia (ridotti da 5,7 a 3,5 miliardi di sterline) mentre è stato rimpolpato il portafoglio di titoli tedeschi da 14,1 a 14,7 miliardi di sterline. L istituto chiude il primo trimestre con l utile operativo a 1,18 miliardi di sterline da 1,13 miliardi dello stesso periodo 2011, battendo anche la stima del mercato di 917 milioni. All interno del gruppo transalpino Bnp Paribas, Bnl vede archiviare i primi tre mesi con un lieve aumento degli impieghi (+0,2%), in linea con il mercato e con un rallentamento tendenziale della domanda, in particolare quella di mutui. La divisione italiana di Bnp Paribas registra poi una crescita dei depositi dell 1,6% mentre il margine di intermediazione aumenta del 2,3% a 816 milioni. Dopo l attribuzione di un terzo del risultato del Private banking in Italia a Investment Solution, l'utile lordo della banca ammonta a 150 milioni con una flessione dell 1,3% sullo stesso periodo del Positivo il commento dell ammi - nistratore delegato del gruppo, Baudouin Prot, sull'andamento complessivo della banca: «In questo trimestre Bnp Paribas ottiene buoni risultati operativi con un at - tività in crescita nel mercato domestico. Il piano di adeguamento» per raggiungere gli obiettivi di Basilea3 «è in gran parte realizzato. Il gruppo conclude è quindi in ottima posizione per sostenere i propri clienti nel nuovo scenario». E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di parte di essi con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilms, registrazioni o altro

19 20 AFFARI E FINANZA L ANALISI NELPANORAMAINCERTODEI MERCATI EUROPEIIL LISTINOVA IN AFFANNO: L INDICEFTSE MIB PERDEL 1,41% Milano sotto pressione In ribasso Fiat e Pirelli, giù anche Telecom, bancari a due velocità Seduta nervosa per il listino di Piazza Affari che ha risentito della debolezza delle Borse europee, condizionate dai dati macroeconomici arrivati da Oltreoceano. In questo scenario Milano ha chiuso con il Ftse Mib in calo dell 1,41% a punti e il Ftse All Share dell 1,64% a punti. FINMECCANICA TENTA RECU- PERO. Seduta a caccia del rimbalzo per Finmeccanica che ha recuperato parte del tonfo della vigilia. Le azioni del gruppo di piazza Monte Grappa hanno guadagnato l 1,25%, grazie ai giudizi degli analisti sui conti e alle attese sul fronte delle cessioni di asset. Nella galassia ha perso quota invece Ansaldo Sts (-1,41%). PESANTE FIAT CON COM- PARTO UE. Tra i peggiori titoli di Piazza Affari c è il gruppo del Lingotto con Fiat (-3,62%) e Fiat industrial (-3,67%), penalizzate dall andamento in forte calo del comparto a livello Ue (Stoxx auto -3,8%). Giù Exor (-2,76%). Male anche Pirelli (-3,06%) che la prossima settimana presenterà i conti del primo trimestre. Il tutto mentre l Unrae ha stimato auto nuove in Italia nel 2012 in calo del 18% rispetto al BANCHE IN ORDINE SPARSO. Seduta contrastata per il comparto bancario, col Banco Popolare che ha fatto meglio di tutti (+1,57%). In frenata sul finale Uni- Credit (-0,22%) mentre hanno tenuto Mediobanca (+0,35%), Bpm (+1,02%) e Mps (+0,45%). TELECOM IN CALO, NO EF- FETTI DA CASO LUCIANI. Debole Telecom che ha perso l 1,24% mentre sono in arrivo le dimissioni di Luca Luciani, amministratore delegato di Tim Participacoes, controllata brasiliana del gruppo, indagato per truffa nella vicenda delle sim false. Secondo gli analisti un eventuale passo indietro non provocherebbe effetti per il gruppo. CHI SALE & CHI SCENDE. Da segnalare i guadagni della galassia Ligresti con Premafin (+2,11%) e Fonsai (+0,90%). Debole Unipol (- 1,15%), in attesa dell esito dell istruttoria Antitrust per il riassetto del gruppo. Pesanti Saipem (-4,47%) e Tenaris (-4,22%). EURIBOR INDICI FIXING 365 EONIA EURIBOR 1S EURIBOR 2S EURIBOR 3S EURIBOR 1M EURIBOR 2M EURIBOR 3M EURIBOR 4M EURIBOR 5M EURIBOR 6M EURIBOR 7M EURIBOR 8M EURIBOR 9M EURIBOR 10M EURIBOR 11M EURIBOR 1Y TITOLI PUGLIESI ULTIMO PREZZO VAR. % CICCOLELLA 0,3095-0,10 EXPRIVIA (MTAX) 0, ,86 APULIA PRONTOPRESTITO (EXPANDI) 0,2991-1,51 MATERIE PRIME BRENT DENARO LETTERA ORO DENARO LETTERA ARGENTO DENARO LETTERA FTSE MIB $112,24 $112,24 $1636,0 $1636,0 $30,195 $30,195 MAGGIORI RIALZI RIFERIMENTO VAR. % DIASORIN 20,65 +3,20 BANCO POPOLARE 1,034 +1,57 FINMECCANICA 3,088 +1,25 BANCA POP MILANO 0,345 +1,03 ENEL GREEN POWER 1,221 +0,58 OBBLIGAZIONI LE PIÙ SCAMBIATE ULTIMO PREZZO VAR. % ENEL TF 4, ,46-0,02 ENI OT17 TF EUR 107,73 +0,08 ENEL TF 3, ,20-0,26 ENI 06/2015 FX 4% EUR 105,50 +0,09 ENEL TV ,40-0,12 TITOLI DI STATO I PIÙ SCAMBIATI ULTIMO PREZZO VAR. % BTP-1ST22EUR5,5 99,66 +0,36 BTP 1MZ22EUR 5% 97,24 +0,46 BTP-1AG14 4,25% 102,10 +0,21 BTP-1FB37 4% 78,45 +0,52 BTP-1NV29 5,25% 94,05 +0,31 MAGGIORI RIBASSI RIFERIMENTO VAR. % SAIPEM 34,82-4,47 STMICROELECTRONICS 4,14-4,25 TENARIS 13,86-4,22 FIAT INDUSTRIAL 8,00-3,67 FIAT 3,404-3,62 LE BORSE MONDIALI INDICI VALORE APERTURA CHIUSURA VAR.% FTSE DAX CAC IBEX SMI 5.655, , , , , , , , , , , , , , ,68-1,93-1,99-1,90 +0,35-0,67 AEX 300,95 306,03 300,95-1,79 BEL 2.166, , ,75-1,29 AZIONI FTSE MIB FTSE MIB ,57 PETROLIO $ 112,2 max $ 119,19 $ 112,24 andamento dal 1 gennaio 2012 adoggi 27/4 30/4 2/5 3/5 4/5 CAMBI MONETARI EURO DOLLARO US STERLINA YEN FRANCO SV 1 EURO DOLLARO STATUNITENSE STERLINA INGLESE YEN GIAPPONESE FRANCO SVIZZERO RIFERIMENTO VAR. % RIFERIMENTO VAR. % RIFERIMENTO VAR. % RIFERIMENTO VAR. % RIFERIMENTO VAR. % A2A 0,4337-0,16 BANCA POP MILANO 0,345 +1,03 FIAT 3,404-3,62 MEDIASET S.P.A. 1,628-1,87 SNAM 3,494-0,17 ANSALDO STS 6,28-1,41 BUZZI UNICEM 7,125-1,72 FIAT INDUSTRIAL 8,00-3,67 MEDIOBANCA 3,494 +0,35 STMICROELECTRONICS 4,14-4,25 ATLANTIA 11,23-1,84 CAMPARI 5,25-0,66 FINMECCANICA 3,088 +1,25 MEDIOLANUM 2,96 +0,20 TELECOM ITALIA 0,839-1,24 AUTOGRILL SPA 7,46-2,23 DIASORIN 20,65 +3,20 GENERALI ASS. 9,80-0,56 PARMALAT 1,692-0,47 TENARIS 13,86-4,22 AZIMUT 7,43-1,00 ENEL 2,406 +0,17 IMPREGILO 2,948-0,40 PIRELLI & C 9,355-3,06 TERNA 2,77-0,07 BANCO POPOLARE 1,034 +1,57 ENEL GREEN POWER 1,221 +0,58 INTESA SANPAOLO 1,051-0,47 PRYSMIAN 11,96-2,37 TOD'S 84,20-2,66 BANCA MPS 0, ,45 ENI 16,32-2,22 LOTTOMATICA 13,90-1,84 SAIPEM 34,82-4,47 UBI BANCA 2,496-1,42 BANCA POP EMIL ROMAGNA 4,178-0,05 EXOR 16,58-2,76 LUXOTTICA GROUP 28,25-0,46 SALVATORE FERRAGAMO 16,80 +0,36 UNICREDIT 2,698-0,22 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO Fondo QUOTA Rend. % Rend. % 1 giorno 1 anno AZIONARI ITALIA AcomeA Italia A AcomeA Italia A Allianz Azioni Italia All Stars ANM Italia Arca Azioni Italia BIM Azionario Italia BIM Azionario Small Cap Italia BNL Azioni Italia BNL Azioni Italia PMI Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Eurizon Azioni Italia Eurizon Azioni Pmi Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fideuram Italia Fondersel Italia Fondersel P.M.I Gesti-re Alboino Re Gestnord Azioni Italia PACTO Azionario Italia A PACTO Azionario Italia B Pioneer Azionario Crescita A PRIMA Geo Italia A PRIMA Geo Italia Y Synergia Azionario Italia Synergia Azionario Small Cap Italia UBI Pramerica Azioni Italia Vega Azionario Italia A Zenit Azionario Cl.I Zenit Azionario Cl.R AZIONARI AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Amundi Azioni QEuro BancoPosta Azionario Euro Epsilon QEquity Eurizon Azioni Area Euro Fondo Alto Azionario Groupama Italia Equity Selection PRIMA Geo Euro A PRIMA Geo Euro Y Symphonia Azionario Euro UBI Pramerica Azionario Etico UBI Pramerica Azioni Euro AZIONARI EUROPA AcomeA Europa A Fondo QUOTA Rend. %Rend. % 1giorno 1 anno BNL Azioni Europa Dividendo Carige Azionario Europa A Carige Azionario Europa B Consultinvest Azione Epsilon QValue Eurizon Azioni Europa Eurizon Azioni Pmi Europa Euromobiliare Europe Equity Fund Fideuram MS Equity Europe Fondaco Eu Sri Equity Beta Fondersel Europa Gestnord Azioni Europa Investitori Europa Malatesta Azionario Europa MC FdF Europa A MC FdF Europa B PACTO Azionario Europa A PACTO Azionario Europa B Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Val Eurp a dist. A PRIMA Geo Europa A PRIMA Geo Europa PMI A PRIMA Geo Europa PMI Y PRIMA Geo Europa Y Symphonia Multimanager Europa Synergia Azionario Europa UBI Pramerica Azioni Europa Vega Azionario Europa A AZIONARI AMERICA AcomeA America A AcomeA America A Allianz Azioni America ANM Americhe ANM Anima New York Arca Azioni America BIM Azionario USA BNL Azioni America Eurizon Azioni America Eurizon Azioni Pmi America Fideuram MS Equity Usa Fondersel America Fondo Alto America Azionario Gestnord Azioni America Investitori America MC FdF America A MC FdF America B PACTO Azionario America A PACTO Azionario America B Fondo QUOTA Rend. %Rend. % 1giorno 1anno Allianz Azioni Pacifico ANM Anima Asia ANM Pacifico Arca Azioni Far East Eurizon Azioni Asia Nuove Economie Eurizon Azioni Pacifico Fideuram MS Equity Asia Fondersel Oriente Fondo Alto Pacifico Azionario Gestnord Azioni Pacifico Investitori Far East MC FdF Asia A MC FdF Asia B PACTO Azionario Asia A PACTO Azionario Asia B Pioneer Azionario Area Pacifico A PRIMA Geo Asia A PRIMA Geo Asia Y Symphonia Multimanager Oriente UBI Pramerica Azioni Pacifico AZIONARI PAESI EMERGENTI AcomeA Paesi Emergenti A AcomeA Paesi Emergenti A Allianz Azioni Paesi Emergenti Amundi Global Emerging Equity ANM Anima Emerging Markets ANM Emerging Markets Equity Arca Azioni Paesi Emergenti BNL Azioni Emergenti Eurizon Azioni Paesi Emergenti Fideuram MS Equity Glbl Emerg Mkts Fideuram MS Equity New World Gestnord Azioni Paesi Emergenti MC FdF Paesi Emergenti A MC FdF Paesi Emergenti B PACTO Azionario Paesi Emergenti A PACTO Azionario Paesi Emergenti B Pioneer Azionario Paesi Emergenti A PRIMA Geo Paesi Emergenti A PRIMA Geo Paesi Emergenti Y Symphonia Multimanager EM Flessibile UBI Pramerica Azioni Mercati Emerg AZIONARI INTERNAZIONALI AcomeA Globale A AcomeA Globale A Allianz MultiPartner - Multi Amundi Global Equity Fondo QUOTA Rend. % Rend. % 1giorno 1anno Cividale Forum Iulii Azione A Cividale Forum Iulii Azione B Consultinvest Global Etica Azionario Etica Azionario I Eurizon Azioni Internazionali Euromobiliare Azioni Internazionali Fondo Alto Internazionale Azionario Gestnord Azioni Trend Settoriali MC FdF Megatrend Wide A MC FdF Megatrend Wide B PACTOObiettivo Valore A PACTOObiettivo Valore B PRIMA Geo Globale A PRIMA Geo Globale Y Soprarno Azioni Globale A Soprarno Azioni Globale B Soprarno ESSE STOCK A Soprarno ESSE STOCK B Symphonia Multimanager Vivace Synergia Azionario Globale Talento Global Equity UBI Pramerica Azioni Globali UBI Pramerica Privilege Vega Azionario Internazionale A Vega Azionario Internazionale B AZIONARI ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Azioni Energia E Mat Prime AZIONARI SALUTE Eurizon Azioni Salute E Ambiente AZIONARI FINANZA Eurizon Azioni Finanza AZIONARI INFORMATICA Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate AZIONARI ALTRI SETTORI Fideuram MS Equity Global Resources AZIONARI ALTRE SPECIALIZZAZIONI Eurizon Azionario Intl Etico BILANCIATI AZIONARI Aureo PrimaClasse Crescita Aviva BPB E-link Evoluzione Igm Fdf Bilanciato Azionario A Fondo QUOTA Rend. % Rend. % 1giorno 1 anno Arca BB Aureo PrimaClasse Dinamico Azimut Bilanciato BIM Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Epsilon DLongRun Etica Bilanciato Etica Bilanciato I Eurizon Bilanciato Euro Multimanager Eurizon Soluzione Eurizon Soluzione Euromobiliare Bilanciato Fideuram Bilanciato Fondersel Fondo Alto Bilanciato Gestnord Bilanciato Euro MC FdF Bilanciato A MC FdF Bilanciato B Nextam Partners Bilanciato PACTOObiettivo Patrimonio A PACTOObiettivo Patrimonio B PRIMAforza 4 A PRIMAforza 4 B PRIMAforza 4 Y Symphonia Multimanager Largo Synergia Bilanciato UBI Pramerica Portafoglio Dinamico UBI Pramerica Privilege Vega Dinamico BILANCIATI OBBLIGAZIONARI Allianz MultiPartner - Multi Alpi Bilanciato Amundi QBalanced ANM Capitale Più Comparto Bilanciato 30 ANM Visconteo Arca TE - Titoli Esteri Aureo PrimaClasse Valore Azimut Scudo BancoPosta Mix BNL Protezione Carige Bilanciato PACTOObiettivo Incremento A PRIMAforza 3 A PRIMAforza 3 B PRIMAforza 3 Y Symphonia Multimanager Adagio Fondo QUOTA Rend. % Rend. % 1giorno 1 anno AcomeA Breve Termine A Amundi Breve Termine ANM Salvadanaio Arca MM BancoPosta Obb Euro Breve Termine BIM Obbligazionario A Breve Termine BNL Obbligazioni Euro BT Carige Monetario Euro A Carige Monetario Euro B Cividale Forum Iulii Prudenza A Cividale Forum Iulii Prudenza B Consultinvest Breve Termine Etica Obbligazionario Breve Termine Etica Obbligazionario Breve Termine I Eurizon Obbligazioni Euro Breve Term A Eurizon Obbligazioni Euro Breve Term D Euromobiliare Prudente Fideuram Liquidità Fondersel Reddito Fondo Alto Monetario Gestielle BT Cedola A Gestielle BT Cedola B GI Focus Euro Governativo Laurin BT Malatesta Breve Termine Mediolanum Risparmio Dinamico Nordfondo Obbligaz Euro BT PACTO Breve Termine A PACTO Breve Termine B Passadore Breve Termine Pioneer Euro Governativo Breve Termine PRIMA Fix Obbligazionario BT A PRIMA Fix Obbligazionario BT Y Soprarno Pronti Termine Synergia Obbligazionario Euro BT Teodorico Breve Termine UBI Pramerica Euro B.T Vega Obbligazionario Euro BT A Vega Obbligazionario Euro BT B Zenit Breve Termine I Zenit Breve Termine R OBBLIGAZIONARI EURO GOVERNATIVI MEDIO/LUNGO TERMINE AcomeA Eurobbligazionario A AcomeA Eurobbligazionario A Allianz Reddito Euro ANM Anima Obbligazionario Euro ANM Capitale Più Comparto Obbligaz AcomeA Europa A Pioneer Azionario America A ANM Anima Fondo Trading Igm Fdf Bilanciato Azionario B Synergia Bilanciato Arca RR Allianz Azioni Europa PRIMA Geo America A ANM Capitale Più Comparto Azionario PRIMAforza 5 A UBI Pramerica Bilanciato Euro a RC Azimut Reddito Euro Allianz MultiPartner - MultiEuropa PRIMA Geo America Y ANM Valore Globale PRIMAforza 5 B UBI Pramerica Portafoglio Moderato BancoPosta Obb Euro M/L Termine Amundi Europe Equity Symphonia Multimanager America Arca 27 Azioni Estere PRIMAforza 5 Y UBI Pramerica Privilege BIM Obbligazionario Euro ANM Anima Europa Synergia Azionario USA Arca Anfiteatro Global Equity Sofia Trading UBI Pramerica Privilege BNL Obbligazioni Euro M/LT ANM Europa UBI Pramerica Azioni Usa Aureo Azioni Globale UBI Pramerica Portafoglio Aggressivo Vega Equilibrato Carige Obbligazionario Euro A ANM Iniziativa Europa Arca Azioni Europa BIM Azionario Europa AZIONARI PACIFICO AcomeA Asia Pacifico A Bancoposta Az Internazionale BIM Azionario Globale Carige Azionario Internazionale A UBI Pramerica Privilege BILANCIATI OBBLIGAZIONARI EURO GOVERNATIVI BREVE TERMINE Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro LT A Carige Obbligazionario Euro LT B

20 8 Primo piano Economia lucana Quattro anno di recessione e il 2012 sarà peggio con il Pil in calo di due punti Profondo rosso Basilicata Perdono industria e servizi, record negativo per il commercio Poco export, le imprese innovano poco: i dati Unioncamere di MARIATERESA LABANCA COMMENTI Piero L a c o ra z z a «LA Basilicata ha bisogno di una maggiore connessione e un minore isolamento. E im - portante dunque rilanciare ed accelerare all interno del Piano per il Sud il tema della connessione ai grandi corridoi e ai nodi della mobilità». Nicola Benedetto «Al Presidente De Filippo che si accontenta del più 1,3% di aumento dell occupazio - ne nel 2011, citando persino i 945 ammessi alle work exeperiences, vorrei ricordare che il Rapporto Unioncamere 2012, registra il punto più grave della crisi produttiva, economica, sociale ed occupazionale» E' una recessione stagnante quella in cui si trascina la Basilicata ormai da quattro anni, non interrotta nemmeno dalla parziale ripresa che il Paese ha conosciuto nel 2010, e che non abbandonerà la regione nemmenonel2012, conlaprevisionediun Pilincalo di due punti percentuale. L economia locale paga lo scotto di due fattori principali: la bassa propensione all'export delle aziende (le poche imprese esportatrici si mostrano quelle maggiormente in grado di reggere alla crisi) e la minore propensione da parte delle imprese all'innovazione. Chi esporta e innova, soprattutto medie e grandi imprese, è più propensoad assumere nuovo personale. E' questo quanto emerso dal rapporto di Unioncamare presentato ieri nella sede della Confcommercio, in occasione della decima giornata dell'economia, che dipende un quadro a tinte fosche per il tessuto economico locale. Anche nel 2011 è stata registrata una pesante caduta dell'attività industriale, «mai riuscita a risollevarsi dall'inizio della crisi, a differenza di quanto osservato a livello nazionale». I volumi di produzione delle piccole e medie imprese manufatturiere sono diminuiti del 4,3 per cento. Contrazioni aggravatesi negli ultimimesi del 2011, adispetto di un parziale contenimento della parte iniziale dello stesso anno. A fine anno la recessione ha interessato il 58 per cento delle imprese manifatturiere. Il fatturato ha ceduto di 3,7 punti. I settori più colpiti sono quelli dell'industria del legno e del mobile, del tessile, della chimica e delle materie plastiche. Ma la situazione più critica rimane quella dell'edile dove è stata registrato il maggior numero di posti di lavoro andati in fumo. In grossa crisi il mercato immobiliare residenziale che perde più dell'otto per cento in un anno. Un 2011 nerissimo per il commercio con una flessione recorddel 9per cento.ma ilcalo pronunciato ha riguardato tutto il settore dei servizi. E per la prima volta il settore al netto del commercio è stato interessato (trasporti, logistica e servizi alle imprese) da un calo occupazionale. Tiene bene, invece, il turismo che si conferma settore trainante per l'economia lucana. A riprova della profonda crisi del sistema produttivo lucano il galoppare della cassa integrazione che nel 2011 è arrivata a sfiorare i 10 milioni di ore autorizzate. Sul fronte dell'occupazione, secondo i dati Istat ci sarebbe un certo miglioramento (più 1,3 per cento) rispetto al 2010, grazie alla domanda del settore industriale e agricolo. Tendenza però interrotta nel secondo semestre, con numeri nuovamente negativi negli ultimi tre mesi del Ma si tratta di «dati da leggere con cautela», specifica il rapporto in ragione delle «stime approssimative che se ne potrebbero dedurre». L Istat comprende infatti nello status di occupato anche chi ha lavorato per una sola ora. Il rapporto tiene dunque conto delleindicazioni chearrivano dall'inps,secondo le quali continua a registrarsi una flessione del numero dei lavoratori dipendenti Anche se - è specificato nel rapporto - «i tassi di decremento si sono dimezzati rispetto all'anno precedente». La crisi occupazionale investe anche il settore dei servizi mentre si ridimensionano i fenomeni di espulsione di manodopera nell'industria manifatturiera. Ma la congiuntura negativa spinge a un maggiore ricorso a forme di lavoro temporaneo, sempre più in crescita. «Ciò spiega - si legge nel rapporto - il dato apparentemente anomalo di una tendenziale riduzione della disoccupazione che interessa quelle componenti dell'offerta più propense ad accettare impieghi a tempo parziale, mentrele personecheperdono ilpostodi lavorosono sempre più in aumento». Quindi, meno posti di lavoro, più instabili e precari. Cresce poi quella che viene definita la disoccupazione nascosta, ovvero che comprendecolorochesono disponibilialavorarema non cercano un posto di lavoro. Non aiuta, poi, la stretta creditizia, che si fa sentire anche in Basilicata, aggravata dall'emergenza insolvenze tutta lucana, aumentata del 60 per cento negli ultimi dodici mesi. E le previsioni, per il 2012,non sono affatto rosee: oltre a un calo del Pildi mezzo punto percentuale in più rispetto a quello nazionale, si registra un clima di fiducia tra gli imprenditori ai minimi storici. «La crisi c'è. E' ampia, profonda, trasversale - è la premessa del presidente Unioncamere Basilicata, Angelo Tortorelli che ha aperto i lavori insieme al presidente della Confcommercio, Pasquale Lamorte - Non risparmia niente e nessuno, coinvolge imprese, famiglie, mette arischio la spina dorsale dell'economia lucana. I dati ci dicono che nel lungo tunnel dell'economia luca c'è ancora tanto buoio, ma che la debole luce che s'intravede in fondo non si è ancora spenta». IL CALENDARIO DELLA CRISI 24 Aprile - La rabbia dei forestali DOPO l approvazione del piano annuale di Forestazione che non contempla le 151 giornate promesse della Regione, migliaia di forestali scendono in piazza, in protesta davanti al Palazzo della Regione «I nostri interventi hanno funzionato, come le work experience» De Filippo e la querelle dei dati «Il sistema Basilicata ha tenuto» MA per il governatore De Filippo il sistema Basilicata sostanzialmenteha tenuto, soprattutto se paragonato a quello delle altre regioni del Sud. Le famiglie lucane non sono le più povere «Certo non siamo ricchi - spiega il governatore - ma l'impatto delle politiche regionali adottate ha consentito di mitigare gli effetti della recessione». E ancora una volta è una piccola querelle sulle fonti statistiche che viene in aiuto all'ottimismo del presidente. Che nel corso del suo intervento ha precisato: «Resto stupefatto dal fatto che - nell'unica volta in cui l'istat riconosce un aumento dell'occupazione pari al 1,3 per cento nel si sia deciso di tenere in considerazione i dati Inps, di segno contrario». I risultati su questo fronte, dunque, mostrano due cose per il governatore lucano: «La tenuta dell'occupazione pubblica, che, se sul versante privato, si associa adunincremento dell'occupazioneatempo determinato e occasionale, su quello pubblico è da attribuire anche all'impatto diprovvedimenti regionalicome le work experiences, che hanno consentito a 954 soggetti disagiati, in buona misura disoccupati, di accederea unasia purparziale esperienza di formazione e lavoro». E proprio sui dati e sui metodi di misurazione statistica il presidente invita a un'altra riflessione: «L'Istat ci dice che siamo la regione più povera. Ma questo solo perché si tiene conto solo dell'indicatore relativo alla spesa. Quello di cui non si tiene conto, invece, è che le famiglie lucane sono letra quelle maggiormente patrimonializzate, con una notoria propensione al risparmio». De Filippo ha poi lamentato «l'assoluta carenza di una politica industriale del Paese» e ha ricordato che è previsto «per la Regione Basilicata, un tetto massimo di spesa, per interventi di sostegno e sviluppo dell'economia, pari a appena 88,6 milioni di euro per il 2012, in un contesto quasi interamente legato a una politica concertata con l'unione Europea. Per questo motivo - ha concluso De Filippo - oggi occorre ragionare in termini di una revisione del patto europeo, che affianchi all'unità monetaria anche un'unificazione, e maggiore solidarietà intraeuropea, rispetto alle politiche fiscali, industriali e del lavoro». Il presidente ha poi invitato sindacati, organizzazioni camerali e imprenditoriali a una maggiore collaborazione. L ASSESSORE PITTELLA «Smarchiamoci dalle filiere corte» SOSTEGNO all'internazionalizzazione delle imprese lucane e incentivi alla ricerca privata nel settore dell'innovazione. Ma quello che ha fatto più breccia nell'intervento dell'assessore alle Attività produttive, Marcello Pittella, alla presentazione del rapporto di Unioncamere è stato il richiamo a «smarcarsi dalle filiere corte per concentrarsi sulle progettualità». L'assessore ha ricordato alcuni interventi compiuti dalla regione a sostegno dei principali settori economici locali, come la legge regionale su distretti, sistemi produttivi locali e reti di impresa, che intende incentivare gli sforzi di associazionismo, e che, come riconosce lo stesso rapporto Unioncamere, ha prodotto già 10 contratti di rete con 47 imprese partecipanti. «Va inoltre notato che lo stesso rapporto Unioncamere riconosce gli sforzi fatti dalla Regione per promuovere il settore dell'energia, che, in una logica di green economy, sarà il settore portante del futuro. Grazie alle politiche energetiche regionali - ha concluso Pittella - fra il 2008 e il 2010 gli addetti nel settore della produzione e distribuzione di energia, rilevati dal rapporto, crescono del 15,4 per cento. Si riconoscono inoltre anche gli sforzi fatti, con i Piot, in materia di sviluppo turistico, in uno scenario nazionale di calo dei flussi turistici nel 2011 la Basilicata ha messo a segno l'ennesimo incremento di arrivi e presenze, nonostante la crisi».

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.26

1 di 5 11/01/2012 0.26 1 di 5 11/01/2012 0.26 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

UFFICI GIUDIZIARI DI VIA BRENTA. STORIA DI UN ATTENTATO FINANZIARIO

UFFICI GIUDIZIARI DI VIA BRENTA. STORIA DI UN ATTENTATO FINANZIARIO CONFERENZA STAMPA UFFICI GIUDIZIARI DI VIA BRENTA. STORIA DI UN ATTENTATO FINANZIARIO La storia di questi anni a Palazzo Carafa è stata scandita da quelli che possiamo chiamare per convenzione attentati

Dettagli

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti Corriere della Sera http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_29/fasano-nonna-moto-cade_b1ce4c46... Page 1 of 2 03/10/2011 stampa chiudi IL RECORD DI TARANTO, 321 INDAGATI. E LE FRODI FANNO SALIRE IL

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Di: Francesco Zanardi

Di: Francesco Zanardi Il poligono e la strada. Di: Francesco Zanardi Scena 1: un giorno del 2002. Incontro un collega nel piazzale della Questura (uno di quelli che non porta mai il colpo camerato) e mi dice: Sai quell esercizio

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5318 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Disposizioni concernenti l erogazione di prestiti d onore e agevolazioni

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE La Legge n 183/14 (nota come Jobs Act) introduce, tramite il decreto legislativo n. 23 /2015, notevoli modifiche

Dettagli

09.05.2012 Giornale Umbria (p.57) Fondazione Crui, 53 tirocini per lavorare al Ministero dell'economia 1 e Finanza

09.05.2012 Giornale Umbria (p.57) Fondazione Crui, 53 tirocini per lavorare al Ministero dell'economia 1 e Finanza Fondazione CRUI 09.05.2012 Giornale Umbria (p.57) Fondazione Crui, 53 tirocini per lavorare al Ministero dell'economia 1 Segretario generale CRUI e Finanza 09.05.2012 Il Giorno Lecco (p.7) Studio e passione

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1

69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 69 del 15 luglio 2002 PROT. N. 18171 1 OGGETTO: Mozione presentata dai consiglieri Munafò e Menghi del Comitato Anna Menghi in merito all aumento dei prezzi dopo l entrata in vigore dell Euro. RITIRATA.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............ sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4........................ LA SPEZIA 19 luglio 2013 online A rischio i sommozzatori dei pompieri La Spezia Il corpo dei vigili del Fuoco subisce tagli, e farne le

Dettagli

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta 605 www.freenewsonline.it www.freefoundation.com i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Con il decreto 101 del 31 agosto, il governo ha avviato

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte BERGAMO / L Oriocenter, centro commerciale a Bergamo, prolungherà grazie agli effetti della manovra Monti il suo orario di apertura fino a mezzanotte

Dettagli

mercoledì 25 settembre 2013

mercoledì 25 settembre 2013 Rassegna Stampa CISL Bergamo mercoledì 25 settembre 2013 mercoledì 25 settembre 2013 CASAZZA La Diocesi di Bergamo nomina Enrico Madona amministratore delegato della Fondazione Piccinelli. Ma Madona

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it

Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it Tratto da Prospettive assistenziali n. 175, luglio settembre 2011 www.fondazionepromozionesociale.it ALLUCINANTI LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SACCONI SULLA SOCIAL CARD E SULLE ESIGENZE DEI SOGGETTI DEBOLI

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO MONZESE. Rassegna Stampa del 09/11/2011

COMUNE DI COLOGNO MONZESE. Rassegna Stampa del 09/11/2011 COMUNE DI COLOGNO MONZESE Rassegna Stampa del 09/11/2011 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale

Dettagli

Quotidiano Data Pagina Foglio 18-12-2014 43 1 Codice abbonamento: 102219 Pag. 2 Data Pagina Foglio 18-12-2014 1 / 2 Notizie Video Cerca in archivio TV NOTIZIE VIDEO VIGNETTE Prima pagina l Tutte l Sardegna

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE ITANES 1992 ORIGINAL QUESTIONNAIRE 1. Numero di telefono 2. Sesso maschio 1 femmina 2 La Swg di Trieste sta conducendo un sondaggio in tutta Italia. Vorrei parlare con il signor/la signora. 3. E lei? sono

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile ANSA Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile (ANSA) - ROMA, 30 SET - "Con il premier Letta siamo d' accordo su una cosa importante: il Paese ha bisogno di interventi sulla giustizia a

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI. Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica

AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI. Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica AUDIZIONE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica 28 maggio 2013 INDAGINE CONOSCITIVA SULLA TASSAZIONE IMMOBILIARE APPUNTI PER AUDIZIONE Il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli