SCHEDA DI SINTESI. Decreto Investment compact - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI SINTESI. Decreto Investment compact - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti"

Transcript

1 SCHEDA DI SINTESI N.8 Decreto Investment compact - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti E stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 25 marzo 2015 la legge 24 marzo 2015, n. 33 con la quale è stato convertito con modificazioni il decreto legge 24 gennaio 2015, n. 3 (c.d. Investment Compact ) in materia di misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. Sintetizziamo di seguito il contenuto di alcune delle principali disposizioni. LE MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DELLE BANCHE POPOLARI L articolo 1 del provvedimento, ha introdotto alcune importanti modifiche alla disciplina delle Banche popolari, contenuta nel Testo Unico Bancario, tra cui in particolare: i) l obbligo di trasformazione dell ente in società per azioni quando il valore dell attivo superi la soglia degli otto miliardi di euro; ii) l introduzione per tutte le Banche popolari di nuove maggioranze, non derogabili dallo statuto, per l adozione delle delibere di trasformazione e fusione; iii) l estensione a tutte le Banche popolari della possibilità di prevedere in statuto un voto multiplo, ma non superiore a cinque, per i soci cooperatori che siano persone giuridiche; iv) l aumento da 10 a un massimo di 20 del numero delle deleghe di voto che possono essere attribuite a ciascun socio in assemblea; v) l eliminazione dell obbligo di scegliere la maggioranza degli amministratori tra i soci; vi) la previsione della possibilità di emettere strumenti finanziari partecipativi; vii) l introduzione di limiti al rimborso della quota in caso di recesso applicabili anche a seguito di trasformazione della banca, morte o esclusione del socio, e che dovranno essere individuati dalla Banca d Italia nell esercizio della sua potestà regolamentare. Tali limiti, stabiliti anche in deroga a norme di legge, dovranno 1

2 essere applicati quando ciò sia necessario ad assicurare la computabilità delle azioni nel patrimonio di vigilanza di qualità primaria della banca. La modifica di maggior rilievo introdotta in sede di conversione del decreto riguarda la previsione della facoltà per gli statuti della società per azioni risultanti dalla trasformazione o dalla fusione della banche popolari di introdurre il divieto di esercitare il diritto di voto per un quantitativo di azioni superiore al 5% del capitale, salva la possibilità per lo statuto di prevedere un limite più elevato. Questo tetto all esercizio del diritto di voto ha natura transitoria potendo essere previsto per un termine massimo di 24 mesi dall entrata in vigore della legge. La nuova norma prevede, inoltre, che l inosservanza del limite eventualmente introdotto può dar luogo all annullabilità della delibera qualora la maggioranza necessaria non sarebbe stata raggiunta in assenza della violazione. Le azioni per le quali non può essere esercitato il voto non sono computate ai fini della regolare costituzione in assemblea. La legge di conversione prevede, infine, che le stesse maggioranze previste per l adozione delle delibere di trasformazione e fusione introdotte dal decreto si applicano anche per l adozione delle relative modifiche statutarie, nonché per le diverse determinazioni da adottare in caso di superamento del limite degli otto miliardi di euro di attivo. LE MODIFICHE APPORTATE ALLA C.D. PATENT BOX Come noto, con l art. 1, commi da 37 a 45, della legge di stabilità 2015 (l. 23 dicembre 2014, n. 190), è stato introdotto nel nostro ordinamento un regime fiscale opzionale (c.d. patent box) nei confronti di tutti i soggetti titolari di reddito di impresa, al fine di favorire gli investimenti in ricerca e sviluppo ed incentivare la collocazione nonché il mantenimento in Italia dei beni immateriali (c.d. intangibles). In sostanza, il nuovo regime è volto a premiare le imprese che svolgono attività idonee ad accrescere il valore di un bene immateriale in Italia, sostenendone i relativi costi. La misura di favore per le imprese, analoga ad altre simili iniziative adottate da molti Stati europei in coerenza con standard internazionali condivisi, si sostanzia nell esclusione dalla base imponibile delle 2

3 imposte sui redditi e dell IRAP di un ammontare pari al 50 per cento dei redditi derivanti dall utilizzo, diretto o indiretto, degli intangibles nonché delle plusvalenze derivanti dalla cessione degli stessi (a condizione, in quest ultimo caso, che il 90 per cento del corrispettivo derivante dalla cessione dei predetti beni sia reinvestito, prima della chiusura del secondo periodo di imposta successivo a quello nel quale si è verificata la cessione, nella manutenzione o nello sviluppo dei beni immateriali considerati ai fini dell agevolazione). Il nuovo regime è applicabile a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 ed ha carattere strutturale e permanente ma è stato previsto un meccanismo di applicazione progressiva dell agevolazione. È, infatti, stabilito che per tale periodo d'imposta e per quello successivo, la percentuale di esclusione dalla base imponibile delle imposte sui redditi e dell IRAP sia fissata, rispettivamente, in misura pari al 30 e al 40 per cento. Le disposizioni attuative del nuovo regime sono demandate ad un successivo decreto interministeriale. L'opzione è irrevocabile per cinque esercizi sociali e può essere esercitata anche dalle imprese non residenti nel territorio dello Stato ma in Paesi con i quali sia in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione e con i quali lo scambio di informazioni sia effettivo. L articolo 5 del decreto legge n. 3/2015 è intervenuto sul nuovo regime ampliandone significativamente l ambito applicativo. In primo luogo, quanto al profilo soggettivo, con la legge di stabilità 2015 era stato inizialmente previsto che i soggetti legittimati ad esercitare l opzione dovessero svolgere le attività di ricerca e sviluppo, anche mediante contratti di ricerca stipulati con università o enti di ricerca e organismi equiparati, finalizzate alla produzione dei beni immateriali in argomento. A questo fine, il nuovo decreto, modificando il comma 41 dell art. 1 della legge di stabilità, ha dato rilevanza anche ai contratti di ricerca stipulati con società diverse da quelle che direttamente o indirettamente controllano l impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l impresa. 3

4 Quanto al profilo oggettivo, l agevolazione originariamente riguardava i redditi derivanti dall'utilizzo di opere dell'ingegno, da brevetti industriali, da marchi d'impresa funzionalmente equivalenti ai brevetti, nonché da processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili, ad esclusione, quindi, dei marchi c.d. commerciali. Il nuovo decreto è intervenuto anche su questo profilo: è stato inserito il riferimento ai disegni e modelli ed è stata espunta dal comma 39 dell art. 1 la locuzione funzionalmente equivalenti ai brevetti, di modo che, attualmente, la misura di favore è estesa a tutti i marchi di impresa, inclusi quelli commerciali. È stato, pertanto, coerentemente espunto dal comma 44 dell art. 1 il riferimento all individuazione dei marchi esclusi dal regime di favore, individuazione che era stata demandata al decreto interministeriale di attuazione. Quanto alla determinazione del reddito derivante dall utilizzo degli intangibles (nonché delle plusvalenze conseguite in caso di loro cessione) occorre distinguere tra utilizzo diretto e indiretto degli intangibles: mentre nel secondo caso, per l individuazione del reddito, occorre fare riferimento alle royalties determinate su base contrattuale quale corrispettivo per la concessione in uso a terzi degli specifici beni immateriali considerati, secondo le regole che dovranno essere individuate dal decreto interministeriale, per l ipotesi di utilizzo diretto da parte dell impresa, invece, il reddito deve essere obbligatoriamente determinato in via preventiva ed in contraddittorio con l Amministrazione finanziaria sulla base della procedura di ruling internazionale disciplinata dall art. 8 D.L. 30 settembre 2003, n. 269, convertito dalla legge 24 novembre 2003, n Originariamente, l attivazione di questa procedura era necessaria anche per la determinazione dei redditi realizzati nell'ambito di operazioni intercorse con società che direttamente o indirettamente controllano l'impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l'impresa. Il decreto in commento è intervenuto in proposito, stabilendo che in questo ultimo caso il ricorso alla procedura di ruling non è obbligatorio bensì meramente facoltativo. 4

5 Quanto alle modifiche attinenti ai criteri di determinazione della quota di reddito agevolabile, il comma 42 dell art. 1 della legge di stabilità aveva previsto che questa fosse determinata sulla base del rapporto tra i costi di attività di ricerca e sviluppo sostenuti per il mantenimento, l'accrescimento e lo sviluppo del bene immateriale e i costi complessivi sostenuti per produrre tale bene. Il decreto in commento riscrive integralmente il citato comma. Da un lato, viene ribadito che la quota di reddito agevolabile debba essere determinata sulla base del rapporto tra: a) i costi di attività di ricerca e sviluppo, rilevanti ai fini fiscali, sostenuti per il mantenimento, l'accrescimento e lo sviluppo del bene immateriale considerato ai fini dell agevolazione; b) i costi complessivi, rilevanti ai fini fiscali, sostenuti per produrre tale bene. Dall altro, è introdotto un comma 42-bis con il quale è specificato che l ammontare di cui alla lett. a) del comma 42 è aumentato di un importo corrispondente ai costi sostenuti per l'acquisizione del bene immateriale o per contratti di ricerca, relativi allo stesso bene, stipulati con società che direttamente o indirettamente controllano l'impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l'impresa fino a concorrenza del trenta per cento del medesimo ammontare di cui alla predetta lettera a). Ne consegue che, attualmente, tra i costi rilevanti ai fini dell agevolazione sono ricompresi quelli sostenuti per l attività di ricerca e sviluppo affidata in outsourcing a terzi (ossia, oltre alle Università ed enti di ricerca, anche alle imprese diverse da quelle operanti nell ambito dello stesso gruppo) e quelli sostenuti per l acquisizione dei beni immateriali o per contratti stipulati con società del gruppo fino ad un massimo del 30 per cento. In sede di conversione è stata introdotta in modo esplicito la possibilità di rinnovare l opzione che, si ricorda, è irrevocabile e ha durata per cinque esercizi sociali. L articolo 5 della legge di conversione prevede inoltre che la Fondazione Istituto italiano di tecnologia IIT possa costituire o partecipare a startup innovative e altre società anche con soggetti pubblici e privati, italiani e stranieri, operanti nei settori funzionali al raggiungimento del proprio scopo, specificando che, nel caso in cui le predette finalità siano realizzate con i contributi pubblici, la Fondazione può destinare alla realizzazione delle stesse una quota fino ad un massimo del 5

6 dieci per cento dell'assegnazione annuale previa autorizzazione del MIUR di concerto con il MEF. LA NUOVA FIGURA DELLE PMI INNOVATIVE L individuazione della categoria delle PMI innovative (articolo 4) consente di estendere a tali imprese le agevolazioni già previste per le start up innovative dal decreto crescita-bis (decreto legge n. 179/2012). Si tratta di un intervento normativo di sostegno per imprese che investono in innovazione e di stimolo per la loro visibilità sul mercato. In sede di conversione la disciplina originaria in materia di PMI innovative è stata modificata sotto diversi profili. Anzitutto, tra gli elementi che l impresa deve possedere per rientrare nella categoria è stato aggiunto il requisito che deve trattarsi di società di capitali, costituite anche in forma cooperativa. Si è poi confermato che le azioni non devono essere quotate su un mercato regolamentato, mentre si è eliminata la previsione per cui anche la negoziazione su sistemi multilaterali di negoziazione impedisce l assunzione della qualifica come PMI innovative. Si è poi chiarito che nel computo per le spese di ricerca sviluppo e innovazione sono incluse anche le spese per l acquisto di tecnologia ad alto contenuto innovativo. Vengono, invece, escluse dal suddetto calcolo non solo le spese per l acquisto, ma anche quelle per la locazione di beni immobili. A seguito delle suddette modifiche, quindi, possono qualificarsi come PMI innovative le imprese (così come definite dalla raccomandazione 2003/361/CE, vale a dire: numero occupati inferiore a 250 persone; fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro), che sono costituite sotto forma di società di capitali, anche in forma cooperativa, e che possiedono i seguenti requisiti: residenza in Italia o in uno degli Stati Membri dell Unione europea o in Stati aderenti all Accordo sullo spazio economico europeo, purché abbiano una sede produttiva o una filiale in Italia; 6

7 certificazione dell ultimo bilancio, nonché dell eventuale bilancio consolidato, redatto da soggetti revisori contabili; azioni non quotate in un mercato regolamentato; assenza di iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese dedicata alle start-up innovative; presenza di almeno 2 dei seguenti requisiti: (i) volume di spesa in ricerca, sviluppo e innovazione in misura uguale o superiore al 3% della maggiore entità tra costo e valore totale della produzione delle PMI innovative ; (ii) impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al quinto della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all estero, ovvero, in percentuale uguale o superiore a un terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale ai sensi dell articolo 3 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270; (iii) titolarità, anche quali depositarie o licenziatarie, di almeno una privativa industriale, relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale ovvero titolarità dei diritti relativi a un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purché tale privativa sia direttamente afferente all oggetto sociale e all attività di impresa. Alle PMI innovative si applicano alcune delle misure di favore previste per le start up innovative. Al riguardo la maggiore novità riguarda gli incentivi fiscali in favore di persone fisiche e persone giuridiche che intendono investire nel capitale sociale delle PMI innovative (art. 29 del d.l. n. 179/2012). Mentre infatti nella versione originaria il decreto legge prevedeva che si applicassero alle PMI costituite da non oltre 7 anni, ora l agevolazione riguarda le imprese che operano sul mercato da meno di 7 anni dalla loro prima vendita commerciale. Gli incentivi fiscali sono estesi alle PMI innovative che operano sul mercato da più di 7 anni 7

8 dalla prima vendita commerciale, qualora esse presentino un piano di sviluppo dei prodotti, servizi o processi nuovi nel settore interessato. Si prevede inoltre un regime speciale per la sottoscrizione o l acquisto di quote di capitale di start up innovative e pmi innovative costituite in forma di srl che avviene attraverso il portale on line. In particolare tali operazioni possono essere effettuate attraverso intermediari abilitati ai servizi di investimento. Gli intermediari abilitati effettuano la sottoscrizione o l acquisto delle quote in nome proprio e per conto dei sottoscrittori o degli acquirenti che abbiano aderito all offerta tramite portale. Per quanto riguarda specificatamente le start up innovative si prevede che l atto costitutivo e le sue modifiche possono essere redatti per atto pubblico ovvero per atto sottoscritto con firma digitale. LE ALTRE DISPOSIZIONI Portabilità dei conti correnti L articolo 2 del decreto legge, completamente sostituito dalla legge di conversione, disciplina, in base a quanto previsto dal capo III della direttiva 2014/92/UE, il trasferimento su richiesta del consumatore da un prestatore di servizi di pagamento a un altro delle informazioni su tutti o su alcuni ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti ricorrenti e bonifici in entrata ricorrenti eseguiti sul conto di pagamento, e il trasferimento dell eventuale saldo positivo da un conto di pagamento di origine a un conto di pagamento di destinazione, con o senza chiusura del conto di origine. I prestatori di servizi di pagamento devono fornire il servizio di trasferimento tra i conti di pagamento detenuti nella stessa valuta a tutti i consumatori che intendono aprire o che sono titolari di un conto di pagamento presso un prestatore di servizi. Questi, in caso di trasferimento di un conto di pagamento su richiesta di un consumatore, devono adottare e concludere la procedura entro il termine di dodici giorni lavorativi dalla ricezione dell autorizzazione del consumatore, senza oneri e spese di portabilità a carico del cliente, anche in presenza di contestuale 8

9 trasferimento di strumenti finanziari, di ordini di pagamento e di ulteriori servizi e strumenti ad esso associati. Le disposizioni di questo articolo si applicano, in quanto compatibili, anche al trasferimento su richiesta del consumatore di strumenti finanziari da un conto di deposito titoli a un altro, con o senza la chiusura del conto di origine, senza oneri e spese per il consumatore. In caso di mancato rispetto delle modalità e dei termini stabiliti, il prestatore di servizi di pagamento deve risarcire il cliente in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto di pagamento al momento della richiesta di trasferimento. I criteri per la quantificazione dell indennizzo verranno definiti con appositi decreti ministeriali. Viene inoltre introdotta nell articolo 116 del testo unico bancario una disposizione in base alla quale le banche e gli intermediari finanziari devono rendere noti, anche attraverso gli sportelli automatici e gli strumenti di accesso tramite internet ai servizi bancari, gli indicatori che assicurano la trasparenza informativa alla clientela, come l indicatore sintetico di costo e il profilo dell utente. Agevolazione per l apertura di un conto corrente transfrontaliero da parte dei consumatori In attuazione dell articolo 11 della direttiva 2014/92/UE, l articolo 2-bis del decreto legge n. 3/2015, introdotto dalla legge di conversione, individua i servizi che devono essere forniti dall istituto bancario o prestatore di servizi di pagamento che riceva la richiesta di trasferimento transfrontaliero di un conto di pagamento o di un conto corrente verso un istituto bancario o prestatore di servizi di pagamento di un altro Stato membro dell Unione europea. In particolare, entro i tempi previsti dalla disciplina europea, esso deve fornire gratuitamente al consumatore un insieme di informazioni, trasferire l eventuale saldo positivo sul conto aperto o detenuto dal cliente presso il nuovo prestatore di servizi di pagamento e chiudere il conto del consumatore presso il prestatore di servizi originario. Credito a supporto delle esportazioni e dell internazionalizzazione dell economia italiana 9

10 L articolo 3 del decreto legge, integralmente sostituito dalla legge di conversione, prevede che la Cassa Depositi e Prestiti, al fine di rafforzare la sua attività a supporto delle esportazioni e dell internazionalizzazione dell economia italiana, svolga attività creditizia direttamente o tramite SACE s.p.a. oppure, previa autorizzazione della Banca d Italia, anche attraverso una diversa società controllata. Viene conseguentemente modificata la disciplina della export banca di cui all articolo 8 del decreto legge n. 78/2009, consentendo l utilizzo dei fondi provenienti dalla gestione c.d. separata della Cassa Depositi e Prestiti per tutte le operazioni volte a sostenere l internazionalizzazione delle imprese e non solo, come precedentemente stabilito, per quelle assistite da garanzia o assicurazione della SACE o di altro istituto assicurativo le cui obbligazioni siano garantite da uno Stato. Prestito indiretto per investitori istituzionali esteri L articolo 6 del provvedimento si propone di integrare e potenziare le misure volte a favorire l accesso al credito da parte delle imprese già introdotte dal d.l. n. 91 del 24 giugno 2014 (cd. decreto competitività), convertito con modificazioni dalla legge n. 116 dell 11 agosto Il decreto n. 91/ 2014, con il nuovo comma 5 bis dell art. 26 del d.p.r. n. 600 del 1973, aveva eliminato la ritenuta alla fonte del 26 per cento sugli interessi derivanti da finanziamenti a medio e lungo termine provenienti da alcune categorie di soggetti esteri. Ciò al fine di eliminare un aggravio che normalmente viene traslato sullo stesso debitore e che si traduce in un maggior costo del finanziamento. In particolare, l esenzione era stata concepita per i finanziamenti provenienti da banche e assicurazioni stabilite negli Stati membri della UE, nonché da organismi di investimento collettivo che non fanno ricorso alla leva finanziaria, ancorchè privi di soggettività tributaria, costituiti in altri Stati membri della UE e negli Stati aderenti all Accordo sullo spazio economico europeo che consentono un adeguato scambio di informazioni. Il decreto n. 3 del 2015 sostituisce la precedente locuzione relativa agli organismi di investimento collettivo UE con il 10

11 più generico riferimento agli investitori istituzionali esteri costituiti in Paesi di White list e che sono soggetti a forme di vigilanza in tali Paesi, in modo da ricomprendere nell esenzione anche gli investitori extra europei indipendentemente dal requisito del mancato ricorso alla leva finanziaria. Lo scopo, come si legge nella relazione illustrativa, è quello di favorire la partecipazione degli investitori esteri, con particolare riguardo ai cd. fondi istituzionali, ad operazioni di finanziamento bancario in favore di imprese italiane (cd. operazioni di prestito indiretto) e di adeguare l ordinamento italiano a quello di altri Paesi comunitari (Regno Unito, Germania, Francia ecc). L aspettativa è che, incentivando la soluzione del prestito, la liquidità degli investitori istituzionali esteri possa dar luogo ad un incremento dei finanziamenti a disposizione delle imprese, tenuto conto che normalmente i prestiti vengono effettuati utilizzando la leva finanziaria. Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese In considerazione degli effetti della crisi finanziaria anche su imprese efficienti e con buone prospettive, l articolo 7 del decreto legge n. 3/2015 prevede l istituzione di una Società di servizio per la ristrutturazione e la patrimonializzazione di imprese con sede in Italia che, nonostante temporanei squilibri patrimoniali o finanziari, abbiano adeguate prospettive industriali e di mercato. La Società di servizi opera secondo i principi di economicità e convenienza propri degli operatori privati di mercato, anche mediante l utilizzo di strumenti finanziari e veicoli societari. La Società ha lo scopo di realizzare operazioni di ristrutturazione, di sostegno e di riequilibrio della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese, favorendo tra l altro processi di consolidamento industriale e occupazionale. A tal fine la Società può investire capitale raccolto in proprio, compiere operazioni di finanziamento, acquisire o succedere in rapporti esistenti anche ridefinendone condizioni e termini, al servizio dello sviluppo operativo e dei piani di mediotermine appositamente predisposti, compreso l affitto o la gestione di aziende, rami di aziende o siti produttivi. Il capitale della Società deve essere sottoscritto da investitori istituzionali e professionali, compresi gli enti previdenziali in quota minoritaria, e la 11

12 sottoscrizione avviene nel quadro di un progetto a esecuzione progressiva, con emissioni di diversa tipologia. Per agevolare la sottoscrizione viene previsto che alcune categorie di investitori possano usufruire di un apposita garanzia dello Stato nei limiti delle risorse trasferite a un apposita contabilità speciale (oggi pari a 300 milioni di euro), a fronte della quale riconoscono a quest ultimo un corrispettivo orientato al mercato in conformità alla normativa europea in materia, come una quota degli utili distribuiti. Agli azionisti che non si avvalgono della garanzia statale sono riconosciuti maggiori diritti in base allo statuto della Società. I soggetti che gestiscono la Società operano in completa neutralità, imparzialità, indipendenza e terzietà rispetto agli investitori. Obiettivo della Società è la cessione delle partecipate o il trasferimento dei beni e rapporti oggetto del singolo investimento entro il termine stabilito dallo statuto; la Società deve distribuire almeno i due terzi degli utili prodotti. In sede di conversione è stato previsto l obbligo per il Ministero per lo sviluppo economico di presentare una relazione annuale sull attività della Società. E rinviata a un decreto ministeriale, da emanarsi entro due mesi, l individuazione di caratteristiche, quota massima di copertura della garanzia, criteri e modalità di concessione ed escussione della garanzia, diritti dei soggetti che non si avvalgono della garanzia, obblighi di coloro che se ne avvalgono. Il decreto deve essere comunicato ai competenti organi dell Unione europea. Garanzia dello Stato per le imprese in amministrazione straordinaria L articolo 7-bis del decreto legge, aggiunto dalla legge di conversione, aumenta da 500 a 550 milioni il limite massimo delle garanzie che lo Stato può prestare per i debiti che le imprese in amministrazione straordinaria contraggono con istituzioni creditizie per il finanziamento della gestione corrente e per la riattivazione e il completamento di impianti, immobili e attrezzature industriali. La disposizione modifica in tal senso l articolo 2-bis del decreto legge n. 26/1979, convertito con modificazioni dalla legge n. 95/1979. Per l integrazione delle risorse iscritte nel bilancio dello Stato destinate a queste garanzie è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro per l anno 2015 e di 21 milioni di euro per l anno

13 Ricorso facoltativo alla provvista CDP per banche e intermediari finanziari che erogano finanziamenti alle PMI Il decreto legge amplia la flessibilità dell utilizzo da parte di banche e intermediari finanziari che erogano finanziamenti alle PMI dell agevolazione Beni strumentali Nuova Sabatini destinata alle piccole e medie imprese. Il ricorso alla provvista della Cassa Depositi e prestiti per l erogazione di tali finanziamenti non è più obbligatorio ma facoltativo. La possibilità di usufruire dei contributi statali, che coprono parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari, è estesa anche alle piccole e medie imprese che abbiano ottenuto finanziamenti erogati dalle banche e dagli intermediari finanziari che ricorrano a provvista autonoma. La legge di conversione, modificando l articolo 8, ha specificato in particolare che i requisiti, le condizioni, le modalità e l importo massimo dei contributi concessi con provvista diversa da quella della CDP saranno individuati mediante integrazione al decreto del Ministero dello sviluppo economico 27 novembre Potenziamento del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese L articolo 8-bis introduce alcune modifiche alla disciplina del Fondo centrale di garanzia per le PMI previsto dal decreto legge n. 69/2013. In particolare viene stabilito che la limitazione del rilascio della garanzia del Fondo alle operazioni finanziarie di nuova concessione o erogazione opera solo con riferimento alla concessione della garanzia diretta. Viene inoltre previsto che il diritto alla restituzione nei confronti del beneficiario finale e dei terzi prestatori di garanzie delle somme liquidate a titolo di perdite dal Fondo di garanzia costituisce credito privilegiato e prevale su ogni altro diritto di prelazione da qualsiasi causa derivante, ad eccezione del privilegio per spese di giustizia e per i crediti riguardanti le retribuzioni dei professionisti e di ogni altro prestatore d opera intellettuale dovute per gli ultimi due anni di prestazione (previsti dall articolo 2751-bis del codice civile), fatti salvi i precedenti diritti di prelazione spettanti a terzi. La costituzione e l efficacia del privilegio non sono subordinate al consenso delle parti. 13

14 Fondo centrale di garanzia per le PMI: priorità di istruttoria L articolo 8-ter modifica l articolo 2-bis del decreto legge n. 1/2015, convertito con modificazioni dalla legge n.20/2015 (Disposizioni urgenti per l esercizio di imprese di interesse strategico nazionale in crisi e per lo sviluppo della città e dell area di Taranto). Viene riconosciuta priorità di istruttoria e di delibera alle richieste di accesso al Fondo centrale di garanzia per le PMI effettuate dalle imprese che siano fornitrici di beni o servizi (oppure creditrici per le medesime causali) connesse al risanamento ambientale o funzionali alla continuazione dell attività di società che gestiscono almeno uno stabilimento industriale di interesse strategico nazionale soggette ad amministrazione straordinaria. In questi casi il Consiglio di gestione del Fondo deve pronunciarsi entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta e, qualora il termine decorra inutilmente, la richiesta si intende accolta. 14

START UP & INVESTMENT COMPACT

START UP & INVESTMENT COMPACT Focus on START UP & INVESTMENT COMPACT Marzo 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova London Paris Hamburg Brussels Manchester Munich Dusseldorf

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 24 marzo 2015, n. 33. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 3, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti.

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI

LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI LEGGE DI STABILITÀ E PATENT BOX : LA TASSAZIONE AGEVOLATA PER MARCHI E BREVETTI di Marco Bargagli* Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un notevole processo di globalizzazione ed armonizzazione dei mercati,

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2015, n. 3

DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2015, n. 3 DECRETO-LEGGE 24 gennaio 2015, n. 3 Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessita'

Dettagli

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo e regime opzionale Pagina 1 di 7

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo e regime opzionale Pagina 1 di 7 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Capo I Misure per la crescita Art. 7 Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo e regime opzionale La disposizione di cui al comma 1 ridefinisce il credito d imposta per

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Fisco e Tributi L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Premessa Il Ministero dello Sviluppo Economico con il Decreto 26 aprile 2013 e successivamente con la pubblicazione della Guida all accesso al Fondo

Dettagli

Misure urgenti per il sistema bancario e degli investimenti D.L. 3/2015 A.C. 2844

Misure urgenti per il sistema bancario e degli investimenti D.L. 3/2015 A.C. 2844 Documentazione per l esame di Progetti di legge Misure urgenti per il sistema bancario e degli investimenti D.L. 3/2015 A.C. 2844 Sintesi degli emendamenti approvati dalle Commissioni riunite VI Finanze

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

IMPRESE START UP INNOVATIVE

IMPRESE START UP INNOVATIVE IMPRESE START UP INNOVATIVE Il presente documento costituisce una prima sintesi che non vuole considerarsi esaustiva della nuova normativa sull Impresa startup innovativa derivata dalla conversione in

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

La Startup innovativa

La Startup innovativa La Startup innovativa guida sintetica Versione 1 Uso interno alla Camera di Commercio Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove imprese dedicate all innovazione Legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Finanza per la crescita: tre ingranaggi 1. Sostegno agli investimenti qualificati 2. Accesso ai finanziamenti 3. Azioni mirate per le imprese innovative

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Crediti d imposta e agevolazioni

Legge di stabilità 2015 Crediti d imposta e agevolazioni Legge di stabilità 2015 Crediti d imposta e agevolazioni 7.2015 Febbraio Sommario 1. CREDITO D IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO... 2 1.1 Attività di ricerca e sviluppo agevolabili... 2 1.2 Costi

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 -

PATENT BOX. a cura del dott. Umberto Zagarese. - aprile 2015 - PATENT BOX a cura del dott. Umberto Zagarese - aprile 2015 - PATENT BOX Introduzione A partire dal 2015, i titolari di reddito d impresa possono optare per una tassazione agevolata, ai fini delle imposte

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

NUOVE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE

NUOVE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE STUDIO PASSARELLI Rag. Adriano Commercialista - Revisore Contabile Tributi Lavoro - Società Circolare informativa per la clientela del 26 marzo 2015 NUOVE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE In questa Circolare

Dettagli

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Edizione digitale de il fisco Le Guide START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Costituzione delle start up innovative Agevolazioni fiscali Disciplina ad hoc delle perdite Costituzione e disciplina delle S.r.l.

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

Agevolazioni e crediti d imposta nella Legge di stabilità 2015

Agevolazioni e crediti d imposta nella Legge di stabilità 2015 CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter 10 febbraio 2015 Agevolazioni e crediti d imposta nella Legge di stabilità 2015 INDICE Premessa 3 1. Patent Box : tassazione agevolata per i redditi derivanti dallo

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 MAP START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 L approfondimento analizza le rilevanti novità apportate dal D.L. 76/2013 alla disciplina delle start up innovative con una particolare attenzione alle

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

INCENTIVI E AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE

INCENTIVI E AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE INCENTIVI E AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE INCENTIVI E AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE Università degli Studi Milano-Bicocca, 15 Settembre 2015 Agenda 1

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative. Relazione illustrativa

Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative. Relazione illustrativa Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative Relazione illustrativa 1. Il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (cd. crescita bis), recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese,

Dettagli

A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione

A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione 1 A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione Roma, 10 giugno 2014 Avv. Marco Sella START UP INNOVATIVE 2 3 SCOPO Incentivare lo sviluppo di nuove forme collaborative; Modernizzare

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Confederazione Italiana della Piccola e Media Industria Privata. Camera dei Deputati

Confederazione Italiana della Piccola e Media Industria Privata. Camera dei Deputati Confederazione Italiana della Piccola e Media Industria Privata Camera dei Deputati VI Commissione Finanze e X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Osservazioni CONFAPI sul Disegno di Legge

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX Misure per la nascita

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Focus on STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI Segue un prospetto (aggiornato al 20 settembre 2013) riepilogativo degli adempimenti e costi, delle imposte ed obblighi

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

La Camera di Commercio

La Camera di Commercio La Camera di Commercio Strumento per le imprese FATURAZIONE ELETTRONICA Registro Imprese C.C.I.A.A. Pordenone 28 aprile 2015 Manuela Basso DEFINIZIONE Possono assumere la qualifica PMI innovative le PMI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Lettera informativa n. 6 del 10 aprile 2015

Lettera informativa n. 6 del 10 aprile 2015 Egregio Signore, Gentile Signora, Spero sia di Suo interesse una breve sintesi delle recenti novità relative alla fiscalità d impresa, del periodo sino al 31 marzo 2015. Indice 1. Pubblicata la Legge 24

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi

Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Requisiti soggettivi e oggettivi e aspetti operativi Regime opzionale Possibilità offerta ai titolari di reddito di impresa di escludere parzialmente da tassazione i redditi derivanti dall utilizzo o dalla

Dettagli

INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO. Legge N. 9/2014 - art.3 Legge N.190/2014 commi 35 e 36

INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO. Legge N. 9/2014 - art.3 Legge N.190/2014 commi 35 e 36 INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Legge N. 9/2014 - art.3 Legge N.190/2014 commi 35 e 36 CHE COS E IL CREDITO DI IMPOSTA. Il credito d imposta è una sorta di buono che l impresa e/o il cittadino

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1813

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1813 XVII legislatura Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1813 "Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 24 gennaio 2015, n. 3, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti"

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono

Dettagli

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'talia struzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d talia 216 del 5 agosto

Dettagli

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: Il 17 dicembre 2012 è stata approvata la legge di conversione (Legge 17 dicembre 2012 n. 221) del Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (il Decreto ) che introduce nel sistema italiano un innovativa,

Dettagli

C O M U N E D I C U R I N G A

C O M U N E D I C U R I N G A C O M U N E D I C U R I N G A (Provincia di Catanzaro) R.G. n. 277 del 01/07/2014 AREA FINANZIARIA DETERMINAZIONE N. 19 del 30.06.2014 OGGETTO : Anticipazioni di liquidità, ai sensi dell art. 13, comma

Dettagli

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari Relais San Maurizio Santo Stefano Belbo (Cn) Relatore: Paolo G. Rambelli 18 giugno 2015 Il Finanziamento

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel.

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 1 REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Principali ostacoli agli investimenti e alla competitività

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi 2 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) Fascicolo W2 Sottoclassificazione BZ00000 NO0007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Banche

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità

Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità Circolare n. 3/2015 Aggiornata al 18.02.2015 Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità Tra le novità commentate l introduzione anche in Italia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE

ESTENSIONE APPLICAZIONE REVERSE CHARGE Bergamo, gennaio 2015 CIRCOLARE N. 2/Consulenza aziendale OGGETTO: Finanziaria 2015 Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la legge 23-12-2014 n 90 (c.d. finanziaria 2015) che contiene numerosi provvedimenti

Dettagli

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013

APPENDICE. Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 APPENDICE Regolamento dei Warrant Azioni Ordinarie Meridiana fly 2012-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE MERIDIANA FLY S.P.A. 2012-2013 (il Regolamento ) Articolo 1 Warrant per la sottoscrizione

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013

REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 REGOLAMENTO DEI WARRANT AZIONI ORDINARIE UNIPOL 2010-2013 Art. 1 Warrant Azioni Ordinarie Unipol 2010-2013 L Assemblea Straordinaria di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. ( UGF o l Emittente ), riunitasi

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

SE RICERCHI TI SVILUPPO

SE RICERCHI TI SVILUPPO SE RICERCHI TI SVILUPPO LEGGE DI STABILITÀ 2015 NUOVI INCENTIVI FISCALI PER ATTIVITÀ DI INNOVAZIONE RICERCA E SVILUPPO UNA PREMESSA FONDAMENTALE Il complesso reticolato normativo prodotto dall esecutivo

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli