Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti"

Transcript

1 Metodologie integrate (in aula, in rete, sul campo) per la formazione continua degli insegnanti 1. Introduzione Nella società conoscitiva, come viene delineata nel Libro bianco delle Comunità Europee, la formazione continua va oltre le specificità dell educazione degli adulti e della formazione professionale, integrando i due concetti di lifelong learning (apprendimento per tutto l arco della vita) e di lifewide learning (apprendimento in ogni luogo di vita). L innovazione 1 è sostanziale sia nel lifelong, che non separa più il tempo dell infanzia e della giovinezza dedicato all educazione e all istruzione dal tempo dell adultità, dedicato al lavoro e alle responsabilità famigliare e sociale, sia nel lifewide, che non confina più l apprendimento nei luoghi formali dell istruzione (scuola, università, ecc.), ma considera anche quelli non formali (organizzazioni del lavoro, ecc.) e informali (mass-media, Internet, fruizione nel tempo libero di beni culturali e artistici, ecc.). Quaglino ragionando del senso della formazione come far apprendere 2 individua, sulla scorta della letteratura psico-pedagogica, tre tipologie di apprendimento: il self-directed learning, il reflective learning e il transformative learning. Adattando lo schema di Quaglino ed estendendone i significati con ulteriori riflessioni, è possibile intravedere, anche per la formazione continua degli insegnanti, una via di uscita dalla ambiguità pedagogica dei termini sapere, saper fare e saper essere non meno che dalla vulgata funzionalista delle tre derivate dimensioni delle competenze: disciplinari (i contenuti dell insegnamento); didattiche (metodologie e tecnologie dell insegnamento); relazionali (pedagogia e etica professionale e sociale). La rappresentazione iconica evidenzia la specificità andragogica dell apprendimento dell adulto, che non è di natura psicologica ma ha piuttosto a che fare con l esperienza e con le responsabilità sociali come referenze costanti, e quindi con un idea di formazione legata sia all etimo greco morphé (realizzazione biogenetica della identità individuale, sempre incompiuta) che a quello latino forma (modellamento di sé e perfettibilità rispetto ad un ideale auto/eterodefinito) 3. Fig. 1 Triangolo dell apprendimento adulto Autonomia e Sviluppo Personale autodiretto e libero individuo adulto esperienza sociale riflessivo sulle pratiche trasformativo nell organizzazione Continuità e Innovazione delle Competenze Cambiamento e Qualità dei Servizi 1

2 2. Formazione tecnico-scientifica e apprendimento riflessivo sulle pratiche La formazione tecnico-scientifica costrutto corretto rispetto a termini come addestramento (traduzione inadeguata di training) e aggiornamento abbandonati da lungo tempo nella ricerca psicologica, pedagogica e didattica favorisce un apprendimento riflessivo sulle pratiche, sulle azioni, sul fare. Gli insegnanti per essere il professionista riflessivo, di cui parla Donald Schön 4, devono partire dalla razionalità tecnica della loro professionalità (definita, scientifica, specialistica, standardizzata) fondata sulla scienza pedagogica di base e sulla scienza didattica applicata, per arrivare alla riflessione durante l azione e quindi ad una professionalità (artistica, iniziatica, immersiva, pratica) che confronta il caso unico con le altre situazioni educative e costruisce una teoria (contesto), esplora e fa interagire mezzi e fini per produrre un mutamento intenzionale (esperimento), discrimina fra soluzioni contrastanti ed opera una transazione con la situazione (verifica ipotesi). Nella formazione tecnico-scientifica vi è, dunque, allo stesso tempo continuità e innovazione delle conoscenze disciplinari e delle competenze professionali. La competenza professionale dell insegnante deve diventare un sapere raffinato, frutto di numerosi e ricorsivi livelli di mediazione. Essa emerge come il risultato complesso dell interazione tra conoscenze dichiarative, procedurali, condizionali, filtrate dalla irregolarità delle situazioni organizzative e modellate sulla diversità dei soggetti che apprendono e sulla particolarità dei contesti educativi-socio-culturali. Limitare la formazione tecnico-scientifica all acquisizione di nuove conoscenze e di nuove procedure tecnologiche non assicura il passaggio da prestazioni inesperte, semplificatrici delle situazioni, a prestazioni esperte, attente agli indizi, ai dettagli, alla complessità olistica, al multiverso delle interpretazioni. Nella soluzione di problemi professionali l apprendimento riflessivo deve condurre ad un diverso atteggiamento o modo di interpretazione del rapporto tra conoscenze teoriche e pratiche di azione. L inesperto cerca nei problemi la conferma di teorie psico-pedagogiche e conoscenze disciplinari e didattiche apprese e, quando questi non possono essere configurati come buoni esempi di una teoria, ne ignora le differenze, oppure tende a semplificarle. Egli, cioè, è guidato da un modello di intervento meccanico e deterministico, orientato alla riproduzione delle conoscenze. Viceversa, l insegnante esperto si lascia guidare dalla natura interrogativa dei problemi educativi, che interpreta come occasioni per rielaborare la conoscenza, verificare la tenuta delle teorie sul dato di realtà ed eventualmente modificarle o ricercarne di nuove. Egli è orientato a un idea di intervento di tipo negoziale e riflessivo, in cui la novità delle situazioni è vista come un modo per migliorare la comprensione e per costruire strategie e pratiche non ripetitive, per l appunto, creative. 3. Formazione organizzativo-sociale e apprendimento trasformativo La formazione organizzativo-sociale costrutto corretto per una sua finalizzazione ai bisogni di istruzione e di educazione dei bambini, dei ragazzi e dei giovani attraverso la qualità dei servizi scolastici favorisce un apprendimento trasformativo della mission professionale degli insegnanti in rapporto alla mission sociale della scuola, ambedue strettamente legate con le politiche, le finalità e gli obiettivi del sistema formativo nazionale Innanzitutto un qualunque progetto finalizzato al cambiamento dell organizzazione scolastica non può avere successo se non coinvolge responsabilmente tutti gli attori interni e i clienti-stakeholders esterni. In secondo luogo l accreditamento nazionale e/o regionale delle strutture scolastiche secondo standard di qualità aiutano sicuramente il miglioramento continuo del servizio, ma rischiano la tangenzialità burocratica ( conformità alle procedure secondo la certificazione a norme ISO 9001:2000) rispetto alla trasformazione consapevole dell agire professionale, stimolato solo da percorsi autovalutativi e condivisi dell istituto scolastico. In terzo luogo l indispensabile analisi dei fabbisogni formativi, condotta con metodi corretti di natura quantitativa e qualitativa, 2

3 dovendo definire, da un lato, i bisogni individuali e di area disciplinare degli insegnanti e, dall altro lato, i bisogni di natura gestionale e relazionale dell organizzazione, mantiene una conflittualità di difficile composizione, a causa anche della presunta spontaneità di richieste spesso prodotto del condizionamento sociale e di commitment istituzionali ispirati da esigenze politico-economiche. Lo sviluppo professionale continuo di ogni insegnante deve allora inglobare anche le competenze organizzativa ed etico-sociale. La soluzione non può derivare da un improbabile sintonizzazione delle attese degli insegnanti con le esigenze delle organizzazioni scolastiche, ma da una trasformazione di un sé professionale ad alto impatto relazionale e a crescente responsabilità sociale 5. Va progettata una formazione che fuoriesca dagli schemi aziendalistici dell approccio manageriale-funzionalista all organizzazione scolastica, verso le nuove prospettive del costruttivismo sociale e delle comunità professionali di discorsi e di pratiche, le uniche che possono garantire apprendimento collaborativo e lavoro cooperativo. Non più dunque solo eterovalutazione dei profili professionali di competenze e degli scarti da colmare con la formazione in servizio, ma assessment dinamico condiviso dei profili di sviluppo individuale degli insegnanti (apertura alla terza tipologia di apprendimento autodiretto e libero) e soprattutto delle competenze trasversali, le live skills poste a fondamento di qualunque percorso formativo: cognitive (risolvere problemi e prendere decisioni, spirito critico e capacità di trovare soluzioni innovative a eventi imprevisti), relazionali (saper comunicare e interagire positivamente con gli altri, scegliere lo stile assertivo, provare empatia), affettive (avere un concetto equilibrato di sé, gestire le proprie emozioni e far fronte allo stress). Intraprendere azioni formative, in cui gli insegnanti vengono convinti a decidere consapevolmente di modificare la propria cultura professionale, comporta prevedibili resistenze ma anche rischi giustificati di minore certezze, rispetto a esperienze e pratiche consolidate. La via migliore per ovviare a questo rischio è intraprendere percorsi di ricerca-azione o di ricerca-intervento coinvolgenti, secondo metodologie collaudate, tutti i protagonisti dell istituto scolastico, che assieme individuano obiettivi di miglioramento sia in ambito educativo-istruttivo che organizzativo, programmi di sviluppo individuali, di team, di istituto, e ancora insieme ne attuano le diverse fasi, valutandone in itinere ed ex-post i risultati raggiunti 6. La ricerca-azione, configurandosi come ricerca sul campo e realizzandosi anche con l intervento di esperti universitari esterni, può essere ritenuta una attività di alta formazione. 4. Formazione psico-socio-pedagogica e apprendimento autodiretto La formazione psico-socio-pedagogica costrutto corretto per una sua finalizzazione all autonomia di un individuo adulto, come l insegnante, in uno stadio avanzato del suo sviluppo favorisce un apprendimento autodiretto e libero rispetto alla scelta degli oggetti, dei modi, dei tempi. É innanzitutto il diritto alla cura del sé umano prima che professionale, il diritto a realizzare il proprio progetto di vita anche attraverso il lavoro. In questa prospettiva la formazione consiste in un processo di cambiamento globale della persona 7, mirante a conciliare sviluppo personale e adattamento socioculturale. Si tratta di un lavoro centrato sul soggetto normativo piuttosto che sulla sua conformazione a norme esterne. Risulta, allora, fortemente limitativo considerare la formazione come variabile dipendente, da un lato, dell organizzazione e dei suoi obiettivi di qualità del servizio educativo prestato ai clienti interni ed esterni e, dall altro lato, della professionalità degli operatori (insegnanti, dirigenti, personale ATA) e dei loro diversi profili di competenza ideale definiti nei contesti di lavoro. È una grande illusione pensare che eventi formativi di buona qualità tecnico-scientifica e metodologica o percorsi formativi ben progettati per il miglioramento dell organizzazione scolastica possano modificare realmente la professionalità degli operatori o le loro prestazioni lavorative, senza che eventi formativi e corsi vengano ritenuti congruenti con le istanze profonde della personalità del soggetto-utente. La formazione in servizio deve incrociare il vissuto delle persone 3

4 nelle loro scelte libere di sviluppo; appartenere, cioè, ad un orizzonte di senso, di cui il soggetto è in qualche modo responsabile e contribuisce a determinare. L apprendimento autodiretto e libero è dunque una variabile indipendente regolativa di senso (valore, motivazione, partecipazione, convinzione) e dunque di successo della formazione degli insegnanti (volizione, decisione, azione modificatrice). Porre al vertice del triangolo la formazione psico-socio-pedagogica, come variabile indipendente regolativa di senso/successo sia della formazione tecnico-scientifica che della formazione organizzativo-sociale, vuol dire rivendicarne la sua natura trasformatrice della persona nei suoi molteplici aspetti (cognitivi, affettivi, sociali) per indurre cambiamento nei comportamenti operativi, nelle rappresentazioni sociali, nelle competenze relazionali. Non significa, però, che la formazione possa fare a meno di un progetto più o meno negoziato e più o meno specifico alla situazione, nella mediazione tra il soggetto-professionista dell insegnamento, il sapere tecnicoscientifico, l organizzazione/istituzione. Occorre avere ben chiaro che la formazione è un fatto sociale, con componenti non solo psico-pedagogiche o scientifiche, ma giuridiche, economiche, ideologiche, politiche. 5. Interazione di formazione in presenza, sul campo, a distanza Con questa visione di razionalità limitata, che considera i vincoli contestuali ma anche le risorse per andare oltre il confine, si può leggere la triplice modalità (in presenza, sul campo, a distanza), con cui si attua la formazione continua degli insegnanti, secondo una nuova progettualità pedagogica di interazione e di integrazione. Mantenendoci entro la funzione esplicativa dello schema grafico e non essendo compito di questa breve nota entrare nello specifico delle attività formative raggruppate nelle tre tipologie di formazione adottate finora a livello nazionale, vorremmo chiarire prima le logiche di interazione e poi di integrazione suggerite a livello iconico. Fig. 2 Il cerchio della triplice formazione Autonomia e Sviluppo Personale Formazione in presenza autodiretto e libero individuo adulto esperienza sociale Formazione a distanza riflessivo sulle pratiche trasformativo nell organizzazione Continuità e Innovazione delle Competenze Formazione sul campo Cambiamento e Qualità dei Servizi 4

5 5.1 La formazione in presenza La formazione tradizionale in presenza o in aula, permette di far interagire l apprendimento autodiretto e libero e quindi le scelte individuali di eventi e corsi formativi, lo studio di testi, l attività scientifica e didattica, ecc. con l apprendimento di conoscenze e abilità coerenti con l evoluzione tecnologica e scientifica dei saperi disciplinari e didattici, potendo così riflettere su come rinnovare le pratiche di insegnamento. Sembra una interazione scontata, invece si tratta di articolare l acquisizione di nuovi contenuti e metodi con lo sviluppo personale, ovvero far sì che la formazione sia epistemologicamente valida e allo stesso tempo psicologicamente formatrice. Liberata dalla matrice puramente culturale di sapere astratto, così come dalla sola componente esperienziale in cui si enfatizza l aspetto routinario del saper fare tecnico-operativo, la competenza si definisce piuttosto come sintonizzazione adattiva dei saperi (teorici e pratici) alle situazioni 8. A differenza della prevalente accezione funzionalista dell expertise didattica, che pone l accento sulla rapidità decisionale e destrezza operativa, la definizione dà rilievo alla dimensione creativa della competenza. Imparare ad agire in sintonia richiede, infatti, una serie di processi di invenzione e di intuizione, che vanno oltre l applicazione diligente di conoscenze, procedure, regole, tecniche. Tali processi consistono in un insieme di capacità che hanno come denominatore comune la sensibilità ai contesti educativi e l attitudine a trasformare le conoscenze in decisioni e pratiche di azione, attraverso la ricerca di soluzioni studiate come risposte su misura per la specificità degli alunni e delle situazioni, tenendo conto di vincoli e risorse. La formazione in presenza se vuol essere utile psicologicamente richiede di portare al confronto le pratiche professionali attraverso il racconto dei propri vissuti 9, delle proprie idee, del proprio agire quotidiano confrontandoli tra pari e con esperti e ricercatori. 5.2 La formazione sul campo La formazione sul campo, dal canto suo, permette una interazione tra l apprendimento riflessivo sulle pratiche, finalizzato al loro rinnovamento attraverso nuove conoscenze e competenze esperte e l apprendimento trasformativo della professionalità degli operatori per corrispondere ai cambiamenti interni dell organizzazione scolastica e al miglioramento dei processi-prodotti di apprendimento negli studenti. Tutti gli insegnanti sono chiamati a giudicare la congruenza delle loro scelte individuali di eventi formativi proposti da Associazioni scientifiche o professionali, da Università, ecc., con i progetti formativi pianificati dalle istituzioni scolastiche (USR e scuole) come formazione sul campo, e in particolare con le attività di ricerca educativa applicata, con tirocini e stages assistiti da tutors, con i gruppi di miglioramento dei servizi e delle prestazioni interne ed esterne dell istituto. Si tratta di una interazione per nulla scontata, dovendosi combinare una acquisizione elettiva quanto ai contenuti, ai metodi, ai partner, alle finalità della formazione, con le esigenze sociali della professione, che si esercita in contesti lavorativi determinati, con dirigenti, colleghi e operatori definiti da una precisa organizzazione scolastica, ovvero far sì che la formazione sia epistemologicamente valida ma anche socialmente utile. La questione è di grande rilevanza non solo pedagogica, poiché sempre l azione di formazione funziona come riproduzione sociale indotta 10, considerando le persone sia come oggetti-prodotti da qualificare secondo esigenze sociali sia come soggetti in cui sviluppare l adattamento al cambiamento e sia, infine, come agenti capaci di intervenire nel proprio ambiente di pratiche lavorative e anche al di là, pensando alla scuola, per indirizzare l evoluzione della società. 5

6 5.3 La formazione a distanza La formazione a distanza, considerato come ambiente formativo tecnologico comprensivo di forme di didattica a distanza e di apprendimento on-line, permette una interazione tra l apprendimento trasformativo del sé professionale e sociale nell organizzazione locale e le esigenze e le scelte di un apprendimento autodiretto, possibile con l accesso libero alla rete globale delle informazioni e delle conoscenze. Si può aprire in questa dimensione una sfida competitiva virtuosa tra le modalità con cui la formazione aiuta il miglioramento educativo e organizzativo nelle strutture scolastiche di un territorio provinciale, regionale, dell intero Paese, degli Stati della Comunità Europea, fino al livello mondiale. E sarà una sfida governata dagli stessi professionisti dell istruzione in grado di ricercare direttamente non solo le informazioni in una sitografia istituzionale o le conoscenze in una rete semantica 11 digitale della letteratura specialistica e delle risorse remote dei centri di ricerca scientifica e degli esperti più prestigiosi a livello internazionale, ma anche la partecipazione a progetti e network nazionali ed europei. PuntoEdu di Indire rappresenta una esperienza formativa di valore internazionale nella formazione in servizio del personale della scuola italiana. Sarà così possibile combinare sviluppo personale e adattamento socio-professionale ovvero una formazione allo stesso tempo psicologicamente progettuale e socialmente utile. Naturalmente questo significa superare la visione e la pratica di una FAD tradizionale 12, consistente in una costosa produzione industriale di corsi di materiali audiovisivi e multimediali (leggi: Learning Object interoperabili a norme SCORM!) e loro erogazione per una improbabile autoistruzione individuale, attraverso altrettanto costose piattaforme proprietarie (Learning Management Systems). Il valore educativo della FAD di terza generazione sta nelle attività formative on-line, sincrone e asincrone e quindi nelle comunità virtuali di apprendimento e/o di lavoro.oltretutto gli ambienti di apprendimento on-line sono open source, le applicazioni sono free e i costi veri riguardano le nuove professionalità, ancora rare, di progettista di formazione, di tutor di rete, di web master. 6. Integrazione di formazione in aula, sul campo, in rete Assieme ad una progettualità educativa di interazioni, proponiamo di perseguirne una ancor più innovativa di integrazione pedagogica tra formazione in presenza, formazione sul campo e formazione a distanza. Innanzitutto l iconismo del grafico ci suggerisce che il triangolo dell apprendimento è inscritto (contenuto) nel cerchio della formazione, come se apprendimento e formazione non fossero mai perfettamente sovrapponibili e quest ultima dovesse sempre sovrabbondare, ovvero proporsi con diverse modalità di trattamento linguistico e tecnologico dei saperi scientifici, umanistici, sociali, ecc., in modo da stimolare nei diversi soggetti in formazione una qualche via personale specifica di apprendimento. Le diverse modalità didattiche di studio e di relazioni comunicative in aula, negli ambienti di lavoro, in rete mentre valorizzano specifici metodi di apprendimento (interattivo, attivo, cooperativo) possono correlarsi a distinte categorie di obiettivi formativi (ad esempio: acquisizione di conoscenze procedurali, di abilità pratiche, di competenze trasversali). Separare i luoghi della formazione e gli ambienti di apprendimento sicuramente semplifica la progettazione e l organizzazione degli eventi e dei corsi, ma è un artificio rivelatosi spesso inefficace con adulti, come gli insegnanti, abituati ad esercitare la loro competenza professionale nella complessità delle situazioni, in cui le pratiche e l esperienza non sono vie sicure di soluzione dei problemi allorché vengono scisse dalle conoscenze scientifiche, dalle teorie, dagli approcci sistematici o dalla discussione collaborativa con le équipes di lavoro e dalla valutazione condivisa dei risultati. Perché non valorizzare, allora, ciò che vi è di originale in ognuna delle metodologie formative (in presenza, sul campo, a distanza) e dei relativi paradigmi di apprendimento (razionalista-trasmissivo, 6

7 sistemico-interazionista, costruttivista-sociale) 13 per realizzare progetti, corsi, eventi formativi in cui sia possibile esplorare completamente i quattro stadi del ciclo di apprendimento, descritti da David Kolb? 14. Fig. 3 I quattro stadi dell apprendimento di Kolb esperienziale ESPERIENZA CONCRETA riflessivo SPERIMENTAZIONE ATTIVA OSSERVAZIONE RIFLESSIVA attivo teorico CONCETTUALIZZAZIONE ASTRATTA I quattro stadi, oltre a definire gli stili di apprendimento (accomodatori, divergenti, convergenti, assimilatori) che fotografano le persone adulte secondo le diverse dominanze costruite nel tempo, sono conseguenza di due tensioni: una tra esperienza concreta quotidiana e pensiero astratto ed una tra sperimentazione attiva di pratiche innovative e osservazione riflessiva. In base ad una oramai decennale attività di Open Distance Learning, di insegnanti, educatori, formatori aziendali, che conduciamo nella Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Padova, possiamo affermare che si può progettare formazione in una continuità processuale, che parte (1 stadio) dall esperienza della realtà educativa (percezioni, sensazioni, intuizioni), sottoposta a riflessione attraverso l osservazione e la descrizione, per arrivare durante l azione educativa a comprendere secondo la teoria della flessibilità cognitiva 15 i diversi punti di vista e approcci di significato (2 stadio). La riflessione sull azione educativa che lavorando a ritroso solitamente si avvale di mappe concettuali e di diari di bordo porta alla generalizzazione o concettualizzazione, attraverso spiegazioni scientifiche, approcci sistematici, teorie astratte (3 stadio). La generalizzazione, attraverso una riflessione per l azione educativa 16 conduce alla progettazione di interventi formativi centrati sul lavoro collaborativo con gli altri, sulla manipolazione di tecniche-materiali, sulla modifica delle situazioni, su applicazioni pratiche, sulla valutazione delle prestazioni (4 stadio). 7

8 Il ciclo che vede l integrazione di formazione in presenza, formazione sul campo, formazione in rete si chiude, proprio perché la sperimentazione attiva sul campo produce conoscenza situata, ma allo stesso tempo si riapre alle nuove esperienze concrete, arricchite da competenze, che proprio con l innovazione prodotta dalla formazione on-line possono crescere professionalmente. 7. Il ruolo strategico della formazione on-line L uso sistematico e integrato delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione e di Internet, che ne è allo stesso tempo il driver e il meta-medium, nelle azioni formative finalizzate a sostenere e sviluppare i processi di apprendimento corretta definizione di e-learning comporta tre sfide per il sistema scolastico e formativo 17. La prima sfida nel pensare l educazione del domani è fare propri il concetto e la pratica dell apprendimento aperto e flessibile, ridefinendo le categorie di spazio e tempo, comunque determinanti nella didattica in presenza, sul campo e on-line. Le TIC permettono finalmente agli ambienti educativi formali/artificiali come quelli scolastici di essere contemporaneamente chiusi e aperti. Chiusi in quanto devono progettare e realizzare percorsi formativi e curricolari, monitorabili e verificabili nei loro esiti e riconoscibili in nuclei di specificità disciplinari e di corrispondenti conoscenze/competenze. Aperti in quanto devono ipotizzare uno sviluppo delle molteplici forme del sapere, attraverso i materiali, le esperienze, le fonti e le comunità presenti nella rete. In tale contesto l approfondimento disciplinare, la ricerca più aggiornata, l apprendimento incidentale propri di Internet possono mobilitare risorse connesse alla creatività, alla flessibilità cognitiva e al rispetto della diversità delle persone e dei contesti di vita. La seconda sfida sta nel passaggio da un insegnamento basato sulle conoscenze curricolari ad una didattica centrata sulla costruzione sociale delle competenze per la vita, attraverso comunità di discorsi e di pratiche, reali e virtuali, nella società connessa in rete. L innovazione degli ambienti formativi passa attraverso l integrazione ricorsiva reale/virtuale (scuola-internet), costruendo azioni educative radicate nelle comunità reali delle classi (condizioni etiche di impegno reciproco) e proiettate nelle comunità virtuali delle reti (coinvolgimento in imprese sociali). Le risorse culturali e didattiche dei contesti reali e quelle remote proprie della rete vanno costruitecondivise attraverso una negoziazione continua, possibile solo riferendosi ad ontologie di dominio scientifico e ad antropologie di condivisione sociale pedagogicamente significative. La terza sfida, ma anche la grande chance della scuola e dei suoi attori, è quella di partecipare direttamente attraverso le Tecnologie dell Informazione (che trattano conoscenze e saperi) e della comunicazione (che trattano linguaggi e relazioni sociali) ai processi di produzione della cultura e non solo della sua trasmissione alle nuove generazioni. Due diversi paradigmi culturali e scientifici, uno informazionale e uno relazionale, reggono rispettivamente le Tecnologie dell Informazione, in quanto tecnologie di prodotto, e le Tecnologie della Comunicazione in quanto tecnologie di processo, e ne spiegano lo sviluppo attraverso le metamorfosi della multimedialità, dell interattività e della loro amplificazione sociale attraverso Internet (virtualità). Educazione e istruzione si traducono in azioni formative finalizzate (strategie, metodi, tecniche) ad aiutare i soggetti ad organizzare, sviluppare, riflettere sul proprio apprendimento. Gli ambienti formativi integrati sono segnati dalle dinamiche didattiche che relazionano i processi di informazione (organizzazione scientifico-disciplinare dei saperi) con i processi di conoscenza (ricezione, esplorazione, contestualizzazione) e con i processi dell apprendimento (paradigmi: cognitivista, interazionista, costruttivista). La scuola può diventare così luogo originale di costruzione mediatica dell immaginario simbolico, regolatore dei comportamenti sociali. Le innovazioni innescate dalle tecnologie possono operare cambiamenti significativi nel sistema scolastico e formativo, se gli insegnanti acquisiranno non soltanto abilità tecniche l uso del computer e di Internet si impara a casa come risposta a nuovi bisogni di comunicazione quotidiana ma tre tipologie di competenze: progettuali per organizzare ambienti integrati di apprendimento (face to face, in action, on line); metodologico-didattiche per gestire esperienze 8

9 educative simulate; linguistico-espressive per produrre materiali multimediali-interattivi in specifici ambiti del sapere. Proponiamo dunque un passaggio al futuro che richiede consapevolezza pedagogica, perché quando entrano in rete i luoghi e gli attori della formazione si abbandona per sempre l ideologia della protezione a favore della contaminazione culturale e sociale. E la contestualizzazione globalelocale non riguarda solo le discipline, chiamate a confrontarsi con l innovazione-diffusione in tempo reale dei saperi scientifici, umanistici e naturali, artistici e tecnologici e con le nuove domande dei saperi sociali, ma riguarda anche educatori-insegnanti-formatori, chiamati a confrontare finalità e metodi delle loro azioni formative (progettazione, comunicazione, valutazione) con una nuova trasparenza etica nell esercizio della professione educativa. I risultati di una nostra ricerca nazionale 18 dal titolo Modelli e prototipi di didattica multimediale e interattiva per la formazione a distanza degli insegnanti hanno dimostrato che l attivazione di ambienti formativi tecnologici, comprensivi di forme di didattica a distanza e di apprendimento in rete, per la preparazione universitaria dei futuri insegnanti (laurea e specializzazione) e per la formazione in servizio della professionalità docente, presenta due ordini di vantaggi rispetto agli ambienti formativi tradizionali: 1) la disponibilità (produzione ad hoc e uso adattato) di materiali strutturati (learning doject) secondo una pluralità di linguaggi (testuali, audiovisivi, multimediali), organizzati in Unità Didattiche, moduli, courseware erogabili secondo le scelte individuali e certificabili da crediti; 2) la possibilità di usare (e quindi scegliere) modi e media diversi di comunicazione didattica sincrona per via orale o audiovisiva (chat, audio-video conferenza, classe virtuale), asincrona e a distanza per via testuale (forum e posta elettronica) o per via multimediale (materiali a stampa, audio-visivi, multimediali); Un organizzazione sistemica delle azioni formative integrate può distinguere non solo gli obiettivi e i metodi per lo studio dei testi, per le attività di aula e laboratorio, per il tirocinio sul campo, o per la ricerca-azione, ma pianificare le risorse umane e tecnologiche, approntando un apparato docimologico per la verifica e il sostegno individualizzato dell apprendimento, valutando e migliorando la qualità dei processi e del sistema di istruzione. Il governo dei fattori affettivo-motivazionali dell apprendimento regola un dosaggio scientifico tra la quantità delle informazioni da elaborare (materiali strutturati e media scelti) e la qualità delle interazioni di gruppo e delle decisioni negoziate in presenza, sul campo e a distanza e quindi la significatività educativa delle esercitazioni e dei casi di studio e delle soluzioni proposte e sperimentate in situazione con arricchimento delle competenze professionali. La sperimentazione di un clima educativo e didattico collaborativo e dialogico nelle comunità di apprendimento on line valorizza l autonomia, le differenze individuali, la variazione dei percorsi curricolari, le diversità contestuali, il confronto delle scelte personali e di gruppo, la costruzione cooperativa di conoscenze e competenze condivise, attraverso attività asincrone e sincrone. Praticando questi ambienti formativi tecnologici si evitano rischi di una semplicistica ipervalutazione delle tecnologie, come se l originalità dell istruzione a distanza consistesse nella produzione-erogazione di learning object per alimentare l e-commerce didattico, ma anche di una loro sottovalutazione, come se il modello tradizionale di interazione didattica da uno a molti, pur raffinato nel sostegno e nella individualizzazione dell apprendimento, garantisse una efficacia nel costruire non solo conoscenze ma padronanze e dunque modificazioni nel comportamento educativo e didattico anche in contesti e organizzazioni del lavoro scolastico tradizionali o addirittura ostili al cambiamento. 9

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Formazione online o in presenza?

Formazione online o in presenza? Formazione online o in presenza? Settore Tecnologie Educative Paolo_Manfredi@multifad.formazione.unipd.it http://www.formazione.unipd.it PRINCIPALI VARIABILI DI PROCESSO DI APPRENDIMENTO atteggiamenti

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO DALL INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELL ALUNNO CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALLA COSTRUZIONE EFFICACE DELL ALLEANZA EDUCATIVA E DELLA CONTINUITÀ

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 dr. Antonio Cartelli cartan@unicas.it Laboratorio di Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento FORMAZIONE IN SERVIZIO DEI DOCENTI E TRASPARENZA DEI PROCESSI

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita.

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. - 1 - 1 - PREMESSA a) La cultura della tecnica nel curricolo

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

M. Pezzin Seminario CIDI - novembre 2012: Programmare per competenze nella scuola dell infanzia

M. Pezzin Seminario CIDI - novembre 2012: Programmare per competenze nella scuola dell infanzia DALLE INDICAZIONI NAZIONALI : Da cultura scuola e persona La scuola è investita di una domanda che comprende, l'apprendimento e il saper stare al mondo...sono chiamate in causa l'organizzazione della memoria,

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ;

In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; In base alla nuova legislazione L.169/ 08 ed ai decreti attuativi correlati ( regolamenti) la scuola primaria può essere organizzata ; 1. Orario 24 ore settimanali 2. Orario 27 ore settimanali 3. Orario

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GOFFREDO PARISE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado Sede associata CPIA (VI) - Centro Provinciale Istruzione Adulti Via IV Martiri, 71-36071 ARZIGNANO (VI)

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici di Franco Bochicchio Il Master Promosso dal CO.IN.FO. nell ambito delle attività consortili Formazione

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Verso un quadro di riferimento delle degli insegnanti nelle ICT per la loro pratica Vittorio Midoro, CNR, Istituto Tecnologie Didattiche

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007

LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 LINEE DI ORIENTAMENTO PER L ADESIONE AL PIANO ISS E AVVIO DELLA FASE SPERIMENTALE. ANNO SCOLASTICO 2006-2007 1.PREMESSA 1.1 L ambiente di formazione per i docenti a sostegno degli apprendimenti di base

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Organismo Nazionale di Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli stranieri Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze

IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze IL CURRICOLO AGITO: Metodi, metodologie, ambienti di apprendimento, didattica per competenze Pordenone, Trieste, Udine 11 dicembre 2013 Gorizia 12 dicembre 2013 A cura dello Staff regionale per le misure

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso S C U O L A D E L L E S C I E N Z E U M A N E E D E L P A T R I M O N I O C U L T U R A L E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ufficio Coordinamento e Supervisione Tirocinio c/o Albergo

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE DEL VENETO Calle dei Miracoli Cannaregio 6071 30131 VENEZIA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE DEL VENETO Calle dei Miracoli Cannaregio 6071 30131 VENEZIA Prot.n.8362/ F14/G33 Venezia, 31 ottobre 2003 Ai Dirigenti scolastici dei Circoli Didattici e degli Istituti Comprensivi statali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle scuole primarie paritarie del Veneto

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI Progettare Nella scuola, il termine competenza è ambiguo, perché è mutuato dall ambito della formazione professionale

Dettagli

Primo modulo [20 CFU]

Primo modulo [20 CFU] CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE / MASTER in Didattica e Psicopedagogia per gli alunni con DISABILITÀ INTELLETTIVE Primo modulo [20 CFU] SSD DISCIPLINA CFU CONTENUTI MED/39 Disabilità

Dettagli

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado Università della Calabria - Via Ponte P. Bucci, Cubo 30/A CAMPUS DI ARCAVACATA - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. e Fax +39 0984 496492 496493 WEB SITE URL: http://cird.unical.it. mail: cird@unical.it PROGETTO

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO 3.5 Area Tecnologica STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO E NELLA LORO FUNZIONE. Livello 1 1.1 Esplicita i propri bisogni di comunicazione e di organizzazione di

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli