Crisi: allerta banche in Belgio Banche/ Ft: Italiane realizzeranno Basilea III tagliando dividendi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi: allerta banche in Belgio Banche/ Ft: Italiane realizzeranno Basilea III tagliando dividendi"

Transcript

1 Crisi: allerta banche in Belgio In 13 messe sotto controllo, tra cui Bnp Paribas e Dexia 25 ottobre, 11:43 BRUXELLES, 25 OTT - Allerta banche in Belgio, dove 13 istituti finanziari sono stati messi 'sotto controllo prudenziale' dal Comitato sui rischi finanziari sistemici (Crefs). Le loro difficolta' potrebbero rappresentare un pericolo per la stabilita' del sistema finanziario. Sarebbero interessate le 4 principali banche (Bnp Paribas Fortis, Dexia Banque Belgique, Inge Belgique e Kbc Bank), 4 gruppi assicurativi, 2 compagnie finanziarie, 2 istituzioni attive nel settore titoli. Banche/ Ft: Italiane realizzeranno Basilea III tagliando dividendi Possibile questione "politicamente sensibile" con le fondazioni Sarà limitando la distribuzione di dividendi, afferma il Financial Times, che le grandi banche italiane procederanno a reperire i fondi necessari a rafforzare i loro livelli di patrimonializzazione obbligatori. Nei prossimi anni dovranno essere aumentati, a seguito della riforma globale del settore, Basilea III che punta a rendere le stesse banche più resistenti alle crisi. Gli istituti di credito della penisola hanno chiarito che questo obiettivo non verrà conseguito tramite emissioni di nuovi titoli, e secondo un banchiere citato dal quotidiano "il vero snodo di intervento sarà invece la flessibilità sui dividendi". Il quotidiano cita i casi di Unicredit, Intesa SanPaolo e Monte dei Paschi di Siena, e un altro banchiere non indentificato secondo cui sarebbe "perfettamente possibile" dimezzare i dividendi distribuiti rispetto a quelle che sono state le medie storiche: ovvero circa la metà degli utili netti realizzati. Ma l'ft avverte che questo potrebbe rivelarsi un aspetto "politicamente sensibile", con le fondazioni bancarie, controllate dagli enti locali e che da molto tempo contano sui dividendi per finanziare iniziative in campo sociale. Usa, 139 default bancari dall inizio dell anno - 25/10/2010 Ad aver gettato la spugna sono stati stavolta sei istituti di credito... NBH Holdings, una società di private equity con sede a Boston, è stata la protagonista dello scorso weekend. Un fine settimana, come quasi sempre è accaduto negli Stati Uniti negli ultimi due anni, costellato di fallimenti bancari. Ad aver gettato la spugna sono stati stavolta sei istituti di credito, il che porta il totale dei default registrati dall inizio dell anno a 139: solo uno in meno di quelli contati nel La Federal Deposit Insurance Corp. ha aggiunto che i sei istituti valevano in termini di asset 2,4 miliardi di dollari complessivamente, e che il costo delle garanzie sui depositi è costato alle casse dell agenzia 478 milioni. Il più importante dei nuovi falliti è stato rilevato proprio da NBH, per 1,54 miliardi di dollari: si tratta di Hillcrest Bank, secondo quanto confermato dalla Fdic in un comunicato diffuso ieri. «Vogliamo offrire ai clienti una banca sicura, con un alto livello di servizi e qualità dei prodotti», ha dichiarato l amministratore delegato della società di private equity, Tim Laney. Ora NBH possiede una rete di nove filiali e 32 uffici presenti in quattro Stati americani. Gli altri crack hanno riguardato due banche in Florida ed altrettante in Georgia (non a caso tra le aree più colpite dalla crisi finanziaria): la First Narional Bank of Barnesville e la Gordon Bank (rispettivamente la quindicesima e la sedicesima a fallire in Georgia), insieme alla Progress Bank e alla First Bank of Jacksonville in Florida. Il sesto default, infine, ha colpito la First Arizona Savings, in Arizona.

2 La guerra delle valute presenta il conto sul tavolo di Europa ed emergenti 24 ottobre 2010 alle ore 06:36. Gill Marcus, 61 anni appena compiuti, è destinata ad arrivare sempre prima. Nel 2009 è stata la prima donna nominata governatore della Banca centrale del Sud Africa. Nel 2010, una settimana fa, è stata invece la prima al mondo ad alzare la bandiera bianca nella «guerra delle valute»: non ce la possiamo fare ha dichiarato non possiamo contrastare il rialzo del rand. La moneta sudafricana si è apprezzata del 37% da inizio 2009 e del 12,3% negli ultimi otto mesi. E Gill Marcus non sa più come fare per arrestarne il rialzo. Ci ha provato, ma poi ha desistito: il costo è eccessivo, lo sforzo è velleitario.gill Marcus è, dunque, la prima ad essersi arresa. Tutte le altre banche centrali, o governi, stanno infatti ancora combattendo per svalutare le loro valute o per contrastare il collasso del dollaro. Stati Uniti e Gran Bretagna stampano moneta. Altri stati (Brasile o Thailandia) alzano le tasse sui flussi di capitali in entrata. Altri ancora (per esempio il Giappone o la Svizzera) intervengono direttamente sul mercato valutario. Tutti si danno da fare, ma per ora è il dollaro a vincere: cioè a deprezzarsi veramente. Sabato i ministri finanziari del G20 si sono impegnati a bloccare le svalutazioni competitive, ma resta da vedere se alla prova dei fatti l'impegno sarà mantenuto. Gli economisti sono scettici. Tanto che cercano già di individuare i potenziali sconfitti di questa guerra: forse i paesi emergenti, più probabilmente l'europa. Forse i mercati finanziari, sempre più a rischio di bolle. La bomba americana Il via alla guerra l'hanno dato gli Stati Uniti. Annunciando di essere pronta a stampare moneta un'altra volta con il meccanismo del quantitative easing, la Federal Reserve ha causato una sorta di tsunami in tutto il mondo. Ben Bernanke, il capo della Fed, dal suo punto di vista non ha scelta. Gli Stati Uniti, dopo tre anni di crisi e migliaia di miliardi di dollari spesi, hanno infatti ancora un tasso di disoccupazione al 9,60%. E in un paese dove gli ammortizzatori sociali sono minimi, chi perde il lavoro perde tutto. Se l'economia non è più in grado di creare occupazione, la povertà aumenta. Ecco perché, dopo averle provate tutte, la Fed ha deciso di giocare la carta più forte: la bomba del quantitative easing. Per la seconda volta dall'inizio della crisi, la banca centrale comprerà quindi titoli di stato (e non solo), stampando moneta per miliardi e miliardi. L'importo è ancora da definire. Ma l'effetto è già ben visibile: da un lato sono scesi i rendimenti dei titoli di stato Usa (il che aiuta chi ha tanti debiti), dall'altro si è svalutato il dollaro (il che facilita le esportazioni). Ma per una valuta che perde quota, ce ne sono cento che si rafforzano. Lo yen, che in sei mesi si è rivalutato del 14%, è sui massimi degli ultimi 15 anni. L'euro è tornato a 1,40, salendo del 14,4% in soli cinque mesi. L'elenco è lungo. E il fatto inizia ad essere intollerabile per molti governi. Le mille bolle speculative A peggiorare la situazione sono stati poi i capitali privati. Se i titoli di stato Usa rendono una miseria e il dollaro crolla, gli investitori hanno infatti solo una cosa da fare: dirottare i loro denari su investimenti più remunerativi. Per esempio sui paesi emergenti. È così che in Brasile secondo i dati elaborati per Il Sole 24 Ore dall'institute of International Finance nel 2010 sono stimati 123,8 miliardi di capitali privati netti in entrata: questo significa che gli investitori stanno puntando sulle azioni e sui bond del paese sudamericano il 272,9% in più rispetto al 2008 e il 68% in più rispetto al La conseguenza è ovvia: la Borsa brasiliana è salita del 19% dai minimi del 2010, i bond hanno ridotto i rendimenti di 59 punti base e la valuta è volata del 12,3% in pochi mesi. E il caso del Brasile è solo un esempio. L'Iif calcola che i flussi netti di capitali in entrata in tutti i paesi emergenti sono passati da 581 miliardi di dollari del 2009 a 825 miliardi del 2010: un aumento del 42%. E infatti quasi tutte le Borse e le valute di questi paesi sono salite. L'altro grande mercato dove gli investitori stanno spostando i denari è quello delle materie prime: nel solo mese di settembre calcola Barclays hanno attirato 8,5 miliardi di dollari. Ovvia la conseguenza: i prezzi salgono. Oro, stagno, argento, cotone, caffè sono per esempio sui massimi storici o di molti anni.

3 Ma, in realtà, tutto ciò che offre buoni rendimenti attira i capitali: obbligazioni ad alto rischio, azioni. Tutto. Secondo l'indagine mensile di Bank of America, gli investitori hanno portato il loro appetito per il rischio al massimo degli ultimi 18 mesi. Insomma: l'economia peggiora e gli investitori che fanno? Comprano allegramente tutto ciò che abbia sapore di rischio. Paradosso. O bolla? La grande guerra A peggiorare ulteriormente la situazione c'è la risposta alla Fed delle altre banche centrali. Per contrastare il crollo del dollaro qualcuno ha alzato le tasse sui capitali in entrata: è il caso per esempio del Brasile e della Thailandia. Altri sono intervenuti direttamente sul mercato valutario. Come? Acquistando titoli di stato americani. E qui arriviamo al secondo paradosso: la Federal Reserve compra T-Bond per abbassare il dollaro (perché per lei equivale a stampare moneta), mentre le banche centrali estere acquistano gli stessi T-Bond per rivalutare il dollaro (perché per loro equivale a comprare biglietti verdi). Gli obiettivi sono opposti, ma il risultato è lo stesso: tutti si gettano sui T-Bond Usa. Secondo i dati del Tesoro Usa, da inizio anno gli investitori esteri (principalmente banche centrali) hanno comprato in asta 654 miliardi di dollari di titoli di stato a medio-lungo termine e miliardi a breve termine. Non si erano mai viste cifre così. Morale: i rendimenti dei T-Bond sono sui minimi storici, sebbene gli Stati Uniti siano il paese più indebitato al mondo. Paradosso. O, ancora, bolla? I perdenti: Europa in primis In questa grande guerra solo la Banca centrale europea non si fa sentire. Nonostante il grande rialzo dell'euro, che rischia di minare la crescita economica, la Bce non sta facendo nulla. Anzi: a differenza degli altri stati, sta favorendo il drenaggio di liquidità dal sistema bancario. Qualcuno è convinto che il Vecchio continente sia allo stato attuale un «assorbitore di shock»: perché ha una moneta molto liquida (l'euro) che sta diventando la cassa di compensazione della crisi valutaria. Se l'europa avesse le spalle larghe, saremmo tutti felici di assorbire gli shock altrui. Il problema è che non le ha, perché ha molti stati in crisi come la Grecia e l'irlanda. In un mondo normale questi stati svaluterebbero le loro valute e stamperebbero moneta. Ma Grecia e Irlanda non possono, semplicemente perché non hanno né una valuta e né una banca centrale propria. Il rischio è che soccombano senza poter neppure reagire. E la Bce? Resta a guardare. Ci sono poi i paesi emergenti: potrebbero essere loro afferma Gaelle Blanchard, strategist di Societé Générale «a perdere in partenza» la guerra delle valute. Questi paesi vivono ancora una situazione di espansione economica, per cui riescono a resistere al rialzo delle valute. Ma se si tira troppo la corda, il rischio è di spezzarla. I paesi esportatori potrebbero soffrire per primi per il rincaro delle monete. Ma anche gli importatori potrebbero subirne le conseguenze. Prendiamo l'esempio del Brasile, il cui export pesa solo per il 10% del Pil. Poco. Eppure il rialzo del real è un problema, tanto da indurre il governo a tassare i capitali in entrata. Perché? «La preoccupazione riguarda le importazioni spiega Eduardo Loyo, capo economista della banca brasiliana Btg Pactual. Il Brasile ha infatti una forte crescita economica, che nell'ultimo anno è stata trainata dalle importazioni, salite del 30%. Questo significa che i consumi aumentano, ma la produzione industriale interna non si incrementa di pari passo». È molto difficile capire chi rischia di perdere questa guerra. Ogni stato è un mix di importazione ed esportazioni, di aziende cicliche e non cicliche. Il rischio, se la promessa del G20 non fosse mantenuta, è però che inizi un'era dominata dal protezionismo. Dalle svalutazioni competitive. In tal caso a perdere saremmo tutti. Le chance dei derivati «buoni» Se si versa un cucchiaio d'olio in un bicchiere d'acqua si ha una rappresentazione immediata del rapporto tra piccole imprese e finanza evoluta. Almeno di quello del passato, perché ciò che avviene nei mercati valutari spiega più efficacemente di qualunque discorso che il prezzo di questa assenza di osmosi non è più sostenibile.

4 È l'esperienza quotidiana di chi esporta. Gli sforzi per entrare in mercati lontani sempre più concorrenziali rischiano di venire annullati da un'oscillazione della valuta che si ripercuote duramente su fatturato e margini di profitto. Ma sempre l'esperienza insegna purtroppo che il rischio di cambio resta una delle variabili meno presidiate. Per chi opera sullo scenario continentale l'euro naturalmente aiuta. Tuttavia crisi e globalizzazione hanno imposto un secondo cambio di marcia che ha moltiplicato le divise da tenere sotto controllo, dal remimbi al real, passando per dollaro Usa e yen. Così anche tra le microimprese ha cominciato a circolare la parola "hedging", termine che indica le operazioni di copertura. Gli strumenti sono numerosi, quasi sempre di matrice anglosassone e purtroppo non semplici. Le critiche che si attirano riguardano una certa rigidità, una struttura di costi pesante e, talvolta, la scarsa trasparenza. Meglio però non generalizzare e non fermarsi alla prima "barriera culturale d'ingresso", perché le aziende di credito più attive in questo tipo di coperture sono in grado di offrire consulenza e soluzioni tagliate sulla misura delle singole esigenze. Tra gli strumenti tradizionali (si veda la scheda a lato) figurano transazioni forward, swap, opzioni put e call e finanziamenti in valuta. Ci sono poi diverse "variazioni sul tema", nelle quali spesso la fantasia del marketing pesa più dell'effettivo contenuto innovativo. Ma, in pratica, come costruirsi un'efficace copertura dai rischi di cambio? A chi rivolgersi? E quanto costa? L'interlocutore "naturale" è rappresentato dagli istituti bancari. «Il primo consiglio per i piccoli imprenditori spiega Franco Brogi, responsabile del Supporto e sviluppo commerciale estero presso la direzione corporate del gruppo Mps è di seguire la stella polare della semplicità. Tra le soluzioni più agevoli per le Pmi spicca il finanziamento in valuta. Prendiamo il caso di una fattura in valuta a 120 giorni ricevuta a pagamento di un'esportazione. A fronte di questa, la banca eroga il finanziamento, fissa il cambio e smobilizza immediatamente l'importo. Si tratta di un'operazione semplice e con costi chiari, rappresentati dal tasso d'interesse. Invece, nel caso di un'importatore che utilizza i dollari e che, per esempio, deve pagare a tre mesi, la strada migliore è l'acquisto immediato della valuta Usa sul mercato e il deposito dei dollari in un conto in valuta fino al giorno stabilito per il pagamento. In questo caso l'onere si configura come anticipazione delle risorse necessarie per l'acquisto dei dollari». Altra strada battuta dalle Pmi è quella del contratto a termine, o swap. Si tratta di un contratto che fissa oggi il cambio di una valuta estera che l'azienda dovrà pagare o incasserà, per esempio, a tre mesi. La certezza dell'esborso o dell'incasso tutela i margini dell'impresa. «In questo caso riprende Brogi non ci sono costi, ma è richiesta una linea di credito dedicata. Il contratto prevede che l'azienda acquisti o venda valuta alla scadenza prevista e la banca deve tutelarsi dal rischio d'inadempienza. Sempre nel campo delle soluzioni "friendly", c'è una terza possibilità, quella delle opzioni più semplici. Con arguzia, gli operatori le chiamano "plain vanilla". Sono infatti a un "gusto unico", appunto come il gelato di sola vaniglia: chi sottoscrive queste opzioni ottiene il diritto di acquistare o vendere, a una data futura, un certo bene (per esempio una valuta) a un certo prezzo. Il costo varia a seconda dell'andamento del mercato, ma in media oscilla intorno al 2,7% a tre mesi e al 4% a sei mesi. In pratica, si tratta di un'assicurazione e questo onere rappresenta il premio. «In sintesi conclude Brogi nella scelta l'aspetto dirimente è la disponibilità liquida dell'impresa. Se l'azienda ha liquidità può acquistare un'opzione, se invece preferisce monetizzare subito una fattura la soluzione migliore resta il finanziamento in valuta».

5 Premiato chi compra casa, prezzi in discesa e ampia offerta agevolano ancora gli acquirenti Quanto vale davvero la casa che sto per comprare? Quanto posso chiedere se invece voglio vendere? È da domande come queste che dipende la possibilità di fare un buon affare; ed è grazie ai dati dell'omi, l'osservatorio sul mercato immobiliare dell'agenzia del Territorio, che ci si può avvicinare alle risposte giuste.dopo tre anni di contrazione, le compravendite di abitazioni sono tornate ad aumentare: +4,2% su base annua nel primo trimestre del 2010, +4,5% nel secondo. «Quest'anno si potrebbe arrivare a mila rogiti, rispetto ai 609mila del 2009», stima Guido Lodigiani, direttore dell'ufficio studi di Gabetti. L'aumento dei contratti, però, non si è ancora fatto sentire sui valori. Anzi, se tutto va secondo le previsioni, il 2010 si chiuderà con un calo dei prezzi delle case: Gabetti ipotizza una diminuzione media del 2% nelle grandi città, Scenari Immobiliari arriva al 2,5%, mentre Tecnocasa si colloca in un range compreso tra zero e -2 per cento.«è ancora un mercato per chi compra», afferma Lodigiani. «L'offerta di case in vendita è ampia e per i potenziali acquirenti scegliere è più facile concorda Fabiana Megliola di Tecnocasa. Nelle metropoli in media una casa resta sul mercato più di 150 giorni prima di essere acquistata». Anche gli sconti pendono a favore del compratore: secondo le rilevazioni di Nomisma diffuse prima dell'estate, gli acquirenti mediamente riescono a limare del 13% le richieste iniziali dei venditori. Per fare buoni affari, comunque, è indispensabile andare oltre il dato medio. La crisi ha penalizzato gli immobili in periferia, ma ha premiato quelli nelle zone centrali, i cui prezzi non di rado sono persino saliti. Allo stesso modo, ha colpito le abitazioni meno pregiate e le grandi metrature, regalando un vantaggio comparativo alle case ristrutturate di recente, servite dai mezzi pubblici e posizionate in quartieri tranquilli. Nell'infografica è riportata una serie di esempi (riguardanti otto grandi città), tratti dalle quotazioni Omi. Per ogni grande città sono individuate tre zone-campione, con il prezzo minimo e massimo al metro quadrato e la variazione rispetto a un anno fa. Per ogni zona, è considerata la tipologia edilizia prevalente, in stato di conservazione normale. A fianco, è stato calcolato anche l'affitto mensile per un alloggio di 100 metri quadrati. In qualche caso il prezzo è cresciuto, come in corso Venezia a Milano, nella Cerchia dei Mille a Bologna, in via Maqueda a Palermo o a Roma Prati. In molti altri casi, invece, i valori sono rimasti sostanzialmente stabili o sono diminuiti in modo più intenso via via che ci si allontana dal centro. Mentre in altri casi ancora è salito il prezzo massimo ed è diminuito quello minimo: segno, quindi, che il mercato è diventato più severo nel giudicare gli alloggi scadenti. È successo, ad esempio, a Roma (Primavalle) e a Torino (corso Galileo Ferraris e Mirafiori). I dati dell'omi sono riferiti al primo semestre 2010 e sono elaborati partendo dalle somme indicate nei rogiti e dalle rilevazioni degli agenti immobiliari. «Il mercato attraversa una fase di attesa, e dunque anche dati risalenti a qualche mese fa possono essere considerati attuali», spiega Caterina Andreussi, responsabile dell'omi. La vera forza di questi dati, comunque, è la possibilità di fare ricerche praticamente quartiere per quartiere, per poi correggere l'importo al metro quadrato in base alle caratteristiche del proprio alloggio: il riscaldamento autonomo, ad esempio, vale il 10% in più; l'esposizione su un solo lato, il 5% in meno. Anche così, ci si avvicina al prezzo giusto. In una congiuntura difficile banche vicine alle imprese» 25 ottobre 2010 Dal terzo trimestre del 2009 l'export delle imprese della "vecchia" provincia di Ascoli Piceno (comprendendo dunque anche le aziende del Fermano) è in costante diminuzione, il trend delle

6 nuove imprese registrate si mantiene sostanzialmente stabile, mentre il ricorso alle ore di cassa integrazione guadagni, nel periodo da marzo a luglio 2010, è aumentato di quasi il 50%, con un raddoppio delle ore autorizzate tra il mese giugno e quello di luglio. «In un quadro congiunturale difficile, il sistema bancario ha sostenuto l'economia marchigiana, con impieghi a famiglie e imprese in crescita a luglio del 6,6% su base annua e del 4,9% da fine 2009 afferma Antonio Vigni, direttore generale di Banca Monte dei Paschi di Siena -. Significativo il contributo del nostro gruppo: abbiamo raggiunto 2,8 miliardi di impieghi, in aumento di circa 250 milioni da fine 2009, sospendendo oltre 300 mutui a famiglie in difficoltà, quasi 80 milioni di prestiti alle imprese nell'ambito di "Avviso Comune" e con un impegno rinnovato sul fronte delle ristrutturazioni Tonfo del Banco Popolare e di MPS Piazza Affari nervosa in avvio di settimana. Performance positive, invece, per le principali borse europee. Molto bene Pirelli e Bulgari lunedì, 25 ottobre : Bancari sotto i riflettori a Piazza Affari. Il Banco Popolare registra uno scivolone del 4,25% a 4,1125 euro. I vertici dell istituto hanno approvato il lancio di un aumento di capitale per un ammontare massimo di 2 miliardi di euro. La ricapitalizzazione sarà effettuata nell arco di due anni. Intanto, alla luce di questa notizia, gli analisti di Banca Leonardo hanno peggiorato il prezzo obiettivo sul Banco Popolare, portandolo da Buy (acquistare) ad Underweight (sottopesare). Sulla stessa lunghezza d onda Equita sim, che ha sforbiciato a 5 euro il target price sull istituto, peggiorando il giudizio a Hold (mantenere). In forte ribasso anche Monte dei Paschi di Siena (-3,59% a 1,047 euro). Gli addetti ai lavori segnalano voci di un aumento di capitale anche per l istituto toscano. Tuttavia, i vertici della banca senese hanno smentito queste indiscrezioni. In difficoltà anche IntesaSanpaolo (-2,16% a 2,6025 euro). Unicredit perde lo 0,73% a 1,891 euro. Gli analisti di Equita sim hanno ridotto da 2,5 euro a 2,4 euro per azione la valutazione sull istituto, in seguito alle deboli prospettive sui risultati del terzo trimestre. Gli esperti hanno confermato il giudizio Hold (mantenere). Intanto, secondo quanto riportato da alcune agenzie stampa, è in corso il comitato nomine di Unicredit, per valutare la nomina di uno o più direttori generali. Mps smentisce ipotesi aumento capitale lunedì 25 ottobre :44 Il Monte dei Paschi di Siena smentisce rumor su un aumento di capitale da parte dell'istituto. "La banca smentisce nettamente ipotesi di aumento di capitale", ha detto un portavoce. Mps è arrivata a perdere stamani oltre il 4% a Piazza Affari sui timori di un aumento di capitale per rimbosare i Tremonti bond da 1,9 miliardi di euro emessi nel Alle 11,30 il titolo è in calo del 3,59. I nuovi rumor, che la banca ha poi smentito anche in una nota, arrivano in concomitanza con l'annuncio nel fine settimana dell'aumento di capitale del Banco Popolare fino a 2 miliardi per rafforzare il capitale e rimborsare i Tremonti Bond. Nella nota la banca senese smentisce ipotesi di aumento e dice anche che "il gruppo continua la propria politica di rafforzamento patrimoniale interna, confermando le iniziative note al mercato". Mps ha comunicato di aver alzato il Tier 1 al 7,8% nella relazione semestrale e nella stessa occasione ha detto di aver ottenuto l'autorizzazione da Bankitalia a estendere una metodologia contabile a tutto il gruppo con un beneficio conseguente di altri 40 punti base di Tier 1. A oggi quindi il Tier 1 di Mps è attorno all'8,2% con un core Tier 1 di circa mezzo punto inferiore.

7 Tra le altre iniziative in corso, già comunicate, c'è l'operazione di cessione di immobili strumentali da 1,8 miliardi che, quando Bankitalia darà il proprio via libera, permetteranno di alzare di altri 40 punti base il Tier 1. Questa operazione, secondo quanto detto da Mps, dovrebbe essere conclusa entro il Sempre entro l'anno verranno poi quantificati i benefici patrimoniali dell'operazione con le società di gestione di risparmio, integrando Prima e Anima, da cui ci si attende altri circa 10 punti base. Mps poi dovrà rimborsare, a partire dal 2013, 1,9 miliardi di Tremonti bond. Oggi il Financial Times scrive che le banche italiane, in vista dell'adeguamento dei propri requisiti patrimoniali alle nuove regole di Basilea 3 potrebbero dover tagliare il payout per non dover chiedere agli azionisti nuovi capitali. Le nuove regole di Basilea che entreranno in vigore dal 2013 hanno però un periodo di transizione fino al La class action non è più tra le priorità della Ue DIRITTI. La commissaria europea a Giustizia e libertà civile, Viviane Reeding: norma inopportuna con la crisi economica A sconsigliare l'adozione del provvedimento sarebbero state le società Usa, dove è legge dal '65 24/10/2010 La class action comunitaria non è più tra le priorità della Commissione europea. A dirlo è Viviane Reeding in persona, commissaria UE Giustizia e Libertà civile, che ha addotto a motivazione della decisione l'attuale crisi economica. Un annuncio che ha causato un terremoto nel mondo dei consumatori, che aspettano da più di 15 anni una legislazione di risarcimento collettivo a livello comunitario. La class action è considerata lo spauracchio delle grandi aziende perché in grado di metterle sullo stesso piano dei singoli cittadini davanti ad una corte di tribunale. Negli Stati Uniti d'america, dove la class action è in vigore dal 1965, migliaia di cittadini hanno ottenuto risarcimenti milionari da multinazionali come General Motors, Chevrolet Corvait, Ford e Philip Morris. Proprio alcuni rappresentati dell'industria statunitense, secondo quanto riferito dalla Reeding, hanno sconsigliato alla Commissione di introdurre una simile legislazione in Europa in tempo di crisi, pena la contrazione degli investimenti nel vecchio continente. Pessima la reazione dei consumatori che hanno parlato di «illegittima intromissione statunitense». Monique Goyens, direttore generale Beuc (The European Consumers' Organisation), ha mandato una lettera di protesta alla Reding e al presidente della Commissione Barroso, ricordando che «la stessa Commissione ha stimato che in Europa i danni ai consumatori dovuti a pratiche commerciali scorrette vanno dai 25 ai 69 miliardi di euro l'anno». La stessa Commissione aveva redatto negli anni passati un Green Paper che faceva tesoro dell'esperienza positiva di alcuni Stati membri dove una forma di class action è già in vigore, come in Spagna, Portogallo e Svezia. In Italia la class action, introdotta dal Governo Prodi a fine del 2007 e modificata dal Governo Berlusconi, rappresenta, secondo le associazioni dei consumatori, un'arma completamente spuntata. «La mancanza di retroattività, di sanzioni punitive, gli alti costi di attivazione e la mancanza di possibilità per le associazioni di adirne l'inizio, trasformano la class action all'italiana in una minestra riscaldata», afferma Monica Multari, presidente del Movimento Consumatori Verona. Infatti la class action così come introdotta nell'ordinamento italiano non può essere usata per risarcire i risparmiatori vittime dei crack Cirio, Parmalat e Lehman Brothers. Ad ogni modo, la levata di scudi dei consumatori di tutta Europa potrebbe indurre la Commissione a tornare sui propri passi e a rilanciare le consultazioni. Ma anche in questo modo l'introduzione effettiva della class actrion a livello europeo subirebbe un ritardo rilevante.

8 L'importo iscritto deve essere superiore a euro 25 ottobre 2010 alle ore 06:40. In attesa di conoscere gli orientamenti dell'agenzia delle Entrate in merito all'applicazione pratica dell'articolo 31 del Dl n. 78/2010, l'analisi della disposizione permette già di delineare il comportamento dei contribuenti e le maggiori criticità. Citando l'articolo 17 del Dlgs n. 241/97, il legislatore ha limitato la compensazione tra tributi diversi, ossia la cosiddetta compensazione «orizzontale». Non vi dovrebbero essere problemi, quindi, ad operare in senso "verticale", ad esempio compensando crediti Iva con debiti Iva (anche nel modello F24) o saldi Ires a credito con acconti dovuti per lo stesso tributo. Laddove, invece, in presenza di un debito Ires iscritto a ruolo, scaduto e non pagato, si vanti un credito Iva che si intende compensare, l'eventuale compensazione risulterebbe sanzionabile anche se sul credito è stato ottenuto il «visto di conformità», salvo aperture interpretative. L'esclusione La norma fa poi riferimento, sia dal lato dei crediti che da quello dei debiti, a «imposte erariali», per cui, Irap a parte, è chiaro che il blocco non interessa crediti e debiti contributivi. Da ciò consegue anche che se il debito iscritto a ruolo scaduto e non pagato riguarda tributi locali o multe stradali, nessun impedimento sussiste alla compensazione dei crediti. I debiti per imposte erariali vanno però considerati al lordo dei relativi accessori (sanzioni e interessi per ritardata iscrizione a ruolo). Più dubbio è l'inserimento tra gli accessori degli interessi di mora, dato che questi, oltre a non essere originariamente compresi nel ruolo, maturano giornalmente. Il limite Altro elemento essenziale perché scatti l'applicazione della stretta è che l'ammontare delle imposte (e accessori) iscritte a ruolo e non pagate (nonostante l'intervenuta scadenza del termine) deve essere superiore a euro, soglia che si ritiene debba intendersi a livello complessivo. Ad esempio, è superata qualora per motivi diversi si abbiano due pendenze distinte da euro. Un dubbio frequente riguarda l'ottenimento di una rateizzazione da parte di Equitalia, ai sensi dell'articolo 19 Dpr n. 602/73. Questa situazione non dovrebbe creare problemi, dato che il provvedimento che concede la ripartizione temporale del debito «rimette in termini» il contribuente, per cui (rispettando le rate) non si è più nelle condizione di fronteggiare un «debito scaduto e non pagato». Alle stesse conclusioni si dovrebbe giungere nel caso si ottenga (dalle Entrate) una sospensione della riscossione, secondo l'articolo 39 del Dpr n. 602/73, se non quella «eccezionale» disciplinata dall'articolo 19-bis. Le date La decorrenza di questa limitazione alla compensazione, scatta dal 1 gennaio 2011, da intendersi come momento di utilizzo del credito. Pertanto, la prima scadenza «rischiosa» è quella del 17 gennaio 2011 (il 16 è domenica), indipendentemente dal fatto che il credito da compensare o il debito iscritto a ruolo siano anteriori al 1 gennaio. Sembra, peraltro, di poter affermare che sino a quando il debito non è scaduto (ordinariamente dopo sessanta giorni dalla notifica dell'atto) non sussistono limitazioni alla compensazione, anche se, successivamente, il debito resta insoluto. - Mucchetti: il fortino di Piazza Cordusio si scopre scalabile - Oggi Unicredit si interroga sulla fragilità della propria governance. Massimo Mucchetti sul Corriere della Sera traccia un profilo del dopo Alessandro Profumo nella più importante banca italiana. In attesa di verificare se la nuova gestione di Unicredit sarà migliore o peggiore della precedente, un punto è ormai chiaro - scrive il vicedirettore di via Solferino -: Unicredit è un colosso sì, ma scalabile. (...) In un Paese che ha creduto alle bugie del sulla scalata francese al Leone di Trieste, la scoperta di reali movimenti di capitali attorno a Unicredit chiama il consiglio di amministrazione della banca e lo stesso vertice della Banca d Italia all assunzione di nuove responsabilità. Il fatto che la scalata sia stata scoperta e congelata non risolve il problema della vulnerabilità degli assetti azionari delle grandi banche.

9 Mucchetti cita poi l opinione del bocconiano Andrea Resti secondo cui la clausola che limita al 5 per cento i diritti di voto in Unicredit può essere aggirata lanciando un Opa volontaria condizionata al fatto che l assemblea deliberi poi la rimozione del vincolo statutario. Così, del resto, è accaduto nel caso dell Opa del Monte dei Paschi di Siena sulla Banca Agricola Mantovana ma si potrebbe anche ricordare l Opa di Olivetti su Telecom Italia, che aveva anch essa un tetto del 3 per cento. Mutui/ Codacons: Sentenza pesante, danneggia migliaia cittadini Consiglio di Stato conferma niente multe Antitrust alle banche Roma, 23 ott. (Apcom) - Il Codacons critica duramente la sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato l'annullamento delle multe Antitrust alle banche sulla portabilità dei mutui. È una "decisione pesantissima - afferma il presidente dell'associazione dei consumatori Carlo Rienzi - che danneggia centinaia di migliaia di cittadini italiani". "Le vere vittime della vertenza sono gli utenti - sottolinea Rienzi - ancora una volta sconfitti dalla strapotere delle banche. L'Antitrust deve proseguire la sua battaglia utilizzando però strumenti inoppugnabili e inviando la Guardia di finanza nelle sedi degli istituti di credito per verificare in modo certo le pratiche scorrette delle banche". MUTUI: CATRICALA' DELUSO, ASPETTIAMO MOTIVAZIONE 'Profondamente delusi. Aspettiamo motivazione'. E' questo il commento del presidente dell'antitrust Antonio Catricala' nell'apprendere la notizia della decisione del Consiglio di Stato che ha respinto i ricorsi dell'autorita'. Oggetto delle istanze, le multe comminate ad una ventina di banche che avrebbero ostacolato la portabilita' dei mutui gratuiti non applicando la legge Bersani, che il Tar del Lazio ha annullato nel febbraio dell'anno scorso.. Per gli incassi nessun obbligo di corrispondenza sul conto ottobre 2010 Non è necessaria la corrispondenza dei singoli incassi con i versamenti in conto corrente. In tema di indagini finanziarie, l'onere probatorio in capo al contribuente sui versamenti è assolto mediante la dimostrazione dell'ammontare complessivo dei movimenti risultanti dalle scritture contabili o in dichiarazione. A chiarirlo è la Ctp di Roma con la sentenza n. 455/2/10. Il caso La sentenza trae origine da una verifica fiscale dalla Guardia di finanza svolta nei confronti di una Snc operativa nella ristorazione. Riprendendo il pvc redatto dalle Fiamme gialle, l'ufficio contestava alla società, per l'anno 2004, maggiori ricavi conseguiti, rilevati mediante la somma tra prelevamenti e versamenti su conti correnti bancari intestati alla stessa società, a fronte dei quali non era stata trovata una esatta corrispondenza nelle registrazioni contabili. In concreto la Guardia di finanza riteneva che i versamenti per contanti sui conti, dovessero corrispondere esattamente ai corrispettivi incassati nei giorni precedenti. Senza tale corrispondenza venivano riconosciuti solo gli incassi effettuati tramite carte di credito, pos e assegni aventi corrispondenza con le ricevute fiscali. Costituivano invece ricavi non dichiarati tutti gli altri versamenti. Il ricorso La società opponeva al giudice di merito che così operando in realtà non era stato osservato il disposto dell'articolo 32 del Dpr 600/73 che regola le presunzioni in tema di indagini finanziarie in

10 quanto relativamente ai versamenti la norma (e la stessa circolare 32/E del 2006 dell'agenzia) ritiene l'onere probatorio assolto ove tali versamenti siano considerati nelle scritture contabili o in dichiarazione, ai fini della determinazione del reddito. Per i prelevamenti, sempre secondo la norma e la circolare, la loro contestazione quali maggiori ricavi è subordinata alla mancanza dell'indicazione dei beneficiari dei medesimi prelevamenti. La Ctp ha accolto il ricorso rilevando che non sia possibile, in modo pressoché automatico, considerare maggiori ricavi i versamenti bancari che non trovano esatta corrispondenza con le singole annotazioni contabili. Infatti per i versamenti era stato dimostrato la loro inclusione nei corrispettivi tassati ovvero non tassabili e per la maggiorparte dei prelevamenti era stato compiutamente indicato il beneficiario Oro guadagna 0,8% a 1.339,05 dlr l'oncia Debolezza del dollaro spinge gli investitori sui beni rifugio 25 ottobre, 09:19 ROMA, 25 OTT - L'oro si apprezza sui mercati asiatici dove passa di mano a 1.339,05 dlr l'oncia (+08%), complice la debolezza del dollaro che spinge gli investitori sui beni rifugio. Unione Europea: eolico sui tetti 24/10/2010, 22:18 A CURA DI 0 0 COMMENTI Se l U.E. ha stabilito che entro il 2021 i palazzi dovranno consumare energia in base a quanta ne produrranno perché non pensare anche al vento oltre al fotovoltaico? La rivoluzione delle fonti energetiche rinnovabili in ambito urbano potrebbe partire sin da subito in ogni angolo del globo, almeno a considerare una serie interminabile di articoli, indagini scientifiche ed inserzioni pubblicitarie reperibili su internet. La questione che però Giovanni D Agata, Componente del Dipartimento Tematico Nazionale Tutela del Consumatore di Italia dei Valori e fondatore dello Sportello dei Diritti si pone è che il passaggio tra il dire ed il fare non appare di così immediata realizzazione, se si pensa che nella stragrande maggioranza della cittadinanza quando si parla di fonti d energia pulita in ambito urbano scatta immediatamente il pensiero al fotovoltaico sui tetti, mentre concetti quale eolico o geotermico appaiono relegati nella mente dei cittadini nell ambito ristretto ed allo stesso ingombrante per l ambiente dei grandi impianti. Secondo alcuni studi, però, al calo della potenza media del vento negli ultimi 30 anni stimato nel 5-15% in conseguenza dei mutamenti climatici e all infittirsi di piante ed edifici costruiti dall uomo, nonostante ciò il rapporto sulle energie rinnovabili del GSE segnala l incredibile crescita del settore, quantificata a MW di produzione con un aumento della potenza installata anche nel primo semestre del 2010 ancora del 10% sul territorio nazionale, a comprova che il vento è una preziosissima fonte di approviggionamento energetico costante. E se a ciò si aggiunge che la normativa europea imporrà entro il 2021 l obbligo per ogni edificio di consumare energia solo in base a quanta ne saprà produrre, il passaggio a fonti alternative anche al sole, dovrà essere pressoché conseguente. Nell immediato, quindi, dovrà mutare nell immaginario degli italiani il concetto inculcato che solo il fotovoltaico = energia pulita nel contesto urbano e quindi dovrà essere incentivata anche da parte degli installatori l opportunità dettata dagli impianti eolici da montare direttamente sul tetto del condominio. Non solo pannelli e pannelli ma come dovrebbe essere noto, grazie a una mini turbina eolica si può trasformare l energia cinetica del vento in energia meccanica che, azionando l asse di un alternatore, è in grado di produrre energia elettrica.

11 Chiaramente gli impianti hanno una diversa dimensione in relazione all energia che s intende produrre e si distinguono in: micro eolico (0-qualche centinaio di Watt); mini eolico (1-20 kw); medio eolico ( kw) e grande eolico (>200 kw). Sui palazzi tendenzialmente si posso montare impianti micro o mini eolici di potenza fino a 5 kw di picco. Sino ad oggi, il problema della loro poca diffusione è stata legata principalmente a fattori estetici e di decoro urbano anche perché siamo stati abituati a pensare a mastodontiche pale meccaniche sorrette da enormi pali di sostegno che come giganteschi mulini a vento turbano il paesaggio circostante. La soluzione tecnica pensata per risolvere tale problema che è anche una questione di difesa ambientale si è trovata attraverso la rotazione di 90 della turbina, disponendola orizzontalmente, e installandola sul tetto con le due estremità assicurate alla copertura e con costi di installazione per impianti mini - eolici che sono compresi tra i ai euro per kw. Ma v è di più: una volta connessi alla rete tali impianti possono usufruire degli incentivi statali per le energie rinnovabili con un meccanismo simile al Conto Energia dedicato al fotovoltaico, garantendo una tariffa omnicomprensiva di 0,30 euro per ogni kwh di energia non consumata e immessa in rete per un periodo di 15 anni.

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari MAGGIO/GIUGNO 2015 NUMERO 40 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L I dagi e 5: le fa iglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città transazioni effettuate

Dettagli

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE Roma, 8 maggio 2013 La crisi che ha colpito il settore delle costruzioni ha avuto effetti particolarmente gravi in alcuni comparti che, tradizionalmente,

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro

Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro Gli Investirori Professionali stanno Spostandosi sull Euro 17 Gennaio 2011 Nelle ultime settimane la crisi del debito dell Euro è esplosa. Le obbligazioni di Portogallo, Grecia e l'irlanda sono state massicciamente

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 Il Documento Programmatico Previsionale 2015 2017 PREMESSA. Il Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro, con atto prot: DT 22095 19/03/2015, facendo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

INVESTIRE NEGLI STATI UNITI

INVESTIRE NEGLI STATI UNITI INVESTIRE NEGLI STATI UNITI L attuale periodo è caratterizzato da un forte disagio economico. Come sempre se da un lato c è crisi, dall altro esistono opportunità di investimento e di guadagno. Come non

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Call center: 02.30329329 dalle 8.30 alle 17.00 dal lunedì al venerdì (tenere a portata di mano il codice iscritto) http://www.fondopensionegruppointesasanpaolo.it Newsletter n. 1 2015 IN QUESTO NUMERO

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

8 febbraio 2013 Roberto Russo

8 febbraio 2013 Roberto Russo Facciiamo chiiarezza sull Monte deii Paschii! 8 febbraio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Il Monte dei Paschi di Siena negli ultimi venti giorni è stato al centro di una campagna mediatica senza precedenti

Dettagli

Atto Camera. Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563

Atto Camera. Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563 Atto Camera Mozione 1-00787 presentata da ANTONIO BORGHESI testo di martedì 20 dicembre 2011, seduta n.563 La Camera, premesso che: l'accordo sui requisiti minimi di capitale firmato a Basilea, meglio

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza

I TREMONTI BOND. Nota tecnica. Consorzio Camerale per il credito e la finanza I TREMONTI BOND Nota tecnica Consorzio Camerale per il credito e la finanza Finalità I TREMONTI BOND sostenere le banche; migliorare le condizioni di accesso al credito per le imprese. Impegni per le banche

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

La circolare per i clienti 06 agosto 2012

La circolare per i clienti 06 agosto 2012 La circolare per i clienti 06 agosto 2012 Anteprima I dati delle dichiarazioni dei redditi vanno on-line pag. 2 Annotazione cumulativa anche per registrare incassi e pagamenti pag. 2 Società in perdita:

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Fondo Invest Real Security Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della

Dettagli

Dollaro. Un grande punto interrogativo

Dollaro. Un grande punto interrogativo Dollaro. Un grande punto interrogativo Qualcosa sembra sfuggire, in questi giorni, agli occhi di noi comuni mortali. Dopo numerosi anni, il target del 6,5 così tanto ambito dalla Fed, sul tasso di disoccupazione,

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare 1. Premessa Una recente analisi dell agenzia di rating Moody s sulle implicazioni finanziarie dell investimento nucleare ci permette alcune riflessioni e confronti con la situazione italiana, dove Enel,

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Fase di consolidamento in vista della ripresa Nel corso del 2015 il mercato immobiliare italiano e quello europeo dovrebbero lasciarsi alle spalle definitivamente le

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Note di stabilità finanziaria e vigilanza

Note di stabilità finanziaria e vigilanza Note di stabilità finanziaria e vigilanza N. 1 Aprile 2014 1. Il trattamento fiscale delle perdite su crediti: il vecchio regime... 2 2. Gli effetti della nuova disciplina... 4 3. Il rafforzamento dell

Dettagli

Crisi finanziaria e accesso al credito

Crisi finanziaria e accesso al credito Crisi finanziaria e accesso al credito 13 novembre 2008 Elio Schettino Direttore Area Fiscalità, Finanza e Diritto d Impresa Confindustria Banca d Italia d Indagine congiunturale sulle imprese industriali

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011)

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) DL 98/2011 CONVERTITO NELLA LEGGE 111/2011 MANOVRA DI LUGLIO REGIMI FISCALI AGEVOLATI NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) Il nuovo regime dei contribuenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime?

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? 11 Aprile, 2011 L aumentare della Violenza fa Salire il Prezzo del Petrolio Le continue e crescenti crisi tra le nazioni produttrici di petrolio

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

IFMA (Italian Financial Markets Advisors)

IFMA (Italian Financial Markets Advisors) IFMA (Italian Financial Markets Advisors) Tobin Tax Una proposta alternativa Siamo in presenza di una tassa che danneggia il sistema economico con una flessione del PIL e che, con ragionevole certezza,

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli