Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti"

Transcript

1 Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti Spedizione in abbonamento postale comma 20/c art.2 legge 662/96 Milano - Abbonamento, vaglia postale intestato a Codacons Nazionale Lombardia, Via le Abruzzi Milano - Internet: Tessera abbonamento 50,00 - n. 6 02/08 febbraio 2009 IN QUESTO NUMERO: Pag.2 TV: RAI CHIAMATA IN GIUDIZIO DAL CODACONS PER DANNO E RESPONSABILITA' PRECONTRATTUALE Pag.2 ELEZIONI EUROPEE: NOTIFICATO AL GOVERNO E AI PRESIDENTI DELLE CAMERE IL RICORSO ALLA CORTE COSTITUZIONALE CONTRO LO SBARRAMENTO DEL 4% Pag. 2 FERROVIE: IL CODACONS DIFFIDA LE REGIONI. "MULTATE TRENITALIA PER I DISAGI AI PENDOLARI!' Pag. 3 ANTITRUST: URGENTE REGOLARE GOVERNANCE BANCHE Pag.3 FISCO: IL GOVERNO AIUTA LE CARTELLE PAZZE!! Pag.3 STUPRO TRENTO: IL CODACONS CHIEDE DI INDAGARE ANCHE I GESTORI DEI LOCALI CHE HANNO VENDUTO ALCOLICI AI MINORI Pag.4 TV: IL PROGRAMMA "AFFARI TUOI' FINISCE IN PARLAMENTO PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL GIOCO DEI PACCHI Pag.4 CRISI: CONFCOMMERCIO, -2,3% ACQUISTI 2008, MA DICEMBRE TIENE Pag.4 SICUREZZA STRADALE: GRAZIE AL TUTOR A FINE 2008 IL NUMERO DI MORTI SULLE AUTOSTRADE E' DIMINUITO DEL 60% -40% DI INCIDENTI. IL CODACONS: Pag. 5 ISTAT: INFLAZIONE "CALA' ALL' 1,6% Pag. 5 INFLAZIONE: CAMBIA PANIERE ISTAT, ENTRANO MAIS E CHIAVE USB Pag.5 ALCOL: AUMENTANO GLI ABUSI DA PARTE DEI GIOVANI Pag.6.. PELLE O NON PELLE? QUESTO E' IL PROBLEMA! Pag.6 P.A.: MINISTERO, TAR RESPINGE RICORSO 'FANNULLONI OPEROSI' IL CODACONS: NOTIZIA SBAGLIATA. IL RICORSO PROPOSTO DAL CODACONS E' ANCORA IN ATTESA DI FISSAZIONE DI UDIENZA Pag.6 PENSIONATO AZZANNATO DA CANE Pag.7 TV: ANCHE IL TAR DEL LAZIO CONTRO "AFFARI TUOI'!! BOCCIATA LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DEL DIVIETO MINISTERIALE Pag.7 ALITALIA: L'11 FEBBRAIO IL TRIBUNALE DI ROMA DECIDE SULLA VENDITA DI ALITALIA A CAI Pag.7 CRISI: BERLUSCONI, DA MISURE SPINTA CONSUMI FRA 0,5 E 1%

2 02/02/2009 TV: RAI CHIAMATA IN GIUDIZIO DAL CODACONS PER DANNO E RESPONSABILITA' PRECONTRATTUALE E INTANTO LA COMMISSIONE DI VIGILANZA ESAMINA IL CASO DELL'ESCLUSIONE DEL CODACONS DA "DOMENICA IN' DOPO AVER FATTO CONVOCARE CITTADINI E AUTORITA' A breve la Commissione di vigilanza Parlamentare Rai esaminerà la brutta vicenda dell'esclusione del Codacons dalla trasmissione di Rai1, "Domenica In'. Come si ricorderà per oltre un mese l'associazione fornì alla redazione di "Domenica in politica', condotto da Monica Setta, documenti, notizie, presenze in studio di cittadini e addirittura del presidente dell'antitrust Catricalà, ma venne poi senza alcuna ragione esclusa dalle puntate del programma. La Commissione dovrà quindi pronunciarsi sul comportamento della rete di Stato e della conduttrice Monica Setta, che solo pochi giorni fa al "Velino' dichiarava di tenere sempre aperte al Codacons le porte della sua trasmissione, affermazioni che purtroppo non corrispondono a verità, dal momento che l'associazione continua ad essere discriminata a Domenica In. La Rai dovrà inoltre rispondere dinanzi al Giudice di pace di Roma dei danni patrimoniali e morali provocati all'associazione, in base alle norme sulla responsabilità precontrattuale. L'associazione ha infatti citato in giudizio la rete di stato, chiedendo un equo indennizzo. 02/02/2009 ELEZIONI EUROPEE: NOTIFICATO AL GOVERNO E AI PRESIDENTI DELLE CAMERE IL RICORSO ALLA CORTE COSTITUZIONALE CONTRO LO SBARRAMENTO DEL 4% PRONTA LA DENUNCIA CONTRO VELTRONI E BERLUSCONI PER ACCORDO DIRETTO A COMPIERE UN ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE E I CITTADINI SONO INVITATI A BOICOTTARE LE ELEZIONI IN SARDEGNA E I PARTITI COME IDV E UDC CHE TACCIONO SUL MASSACRO DI DEMOCRAZIA IN ATTO SPERANDO DI RAGGIUNGERE IL 4% Il CODACONS, sollecitato da molti piccoli partiti, ha notificato il ricorso per conflitto di attribuzioni tra il Governo e il Parlamento e i Partiti politici dinanzi alla Corte Costituzionale. Il ricorso contesta la volontà del Governo e delle Camere - con un accordo extra parlamentare tra Veltroni e Berlusconi - di variare le regole elettorali dopo la scadenza dei 180 gg previsti dalla legge per l'avvio della raccolta delle firme per la presentazione alle elezioni europee. Tale circostanza - unita all'eliminazione del principio proporzionale unico che garantisce la 2 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 rappresentanza di tutti i cittadini - costituisce un attentato alla Costituzione che invece obbliga a fare le leggi in Parlamento e non fuori e senza accordi che tengano fuori le vittime degli accordi stessi. A fondamento del ricorso il fatto che con lo sbarramento annunciato alcuni milioni di elettori che voteranno per partiti che non raggiungeranno il 4% di sbarramento vedranno il proprio voto "girato' come resto ad altri partiti. Ad esempio, un milione di elettori di Rifondazione Comunista potrebbero vedere i loro voti acquisti dai fascisti o dalla destra del PDL come resto inutile, finendo per vanificare la libertà del voto garantito dagli artt. 48 e 49 della Costituzione. Di fronte a questa possibilità non resta altro che non votare - come è avvenuto in Abruzzo - e così uccidere anche il diritto di votare e scegliere i propri rappresentanti. E il CODACONS invita anche i piccoli partiti e i cittadini a boicottare alla prossima tornata della Sardegna i partiti di media forza - come IDV e UDC - che prima si battevano contro gli sbarramenti in nome della democrazia partecipativa e oggi si allineano agli inciuci sperando di prendersi i voti degli esclusi. Meglio astenersi o votare nulla o bianca che premiare chi uccide la democrazia. 02/02/2009 FERROVIE: IL CODACONS DIFFIDA LE REGIONI. "MULTATE TRENITALIA PER I DISAGI AI PENDOLARI!' L'ASSOCIAZIONE CHIEDE AL GOVERNO INDENNIZZI AUTOMATICI IN CASO DI RITARDI O TRENI SOPPRESSI Crescono i disagi dei pendolari italiani che ogni giorno utilizzano i treni per recarsi a lavoro o a scuola. Quotidianamente - spiega il Codacons - si registrano in tutta Italia ritardi, soppressioni di treni, disservizi vari che causano evidenti disagi ai pendolari, costretti ad utilizzare il servizio ferroviario per i propri spostamenti. Una situazione divenuta oramai insostenibile e che sta scatenando proteste e manifestazioni in tutto il paese. "Diffidiamo le Regioni a prendere una posizione netta a tutela dei cittadini - afferma il Presidente Codacons Carlo Rienzi nel suo blog - e ad intervenire pesantemente contro Trenitalia, elevando, come loro dovere, sanzioni milionarie contro l'azienda, quando non vengono rispettati gli standard qualitativi, e provvedendo ad inoltrare formali denunce in magistratura per turbativa di pubblico servizio'. Rienzi chiede poi al Governo di emanare un decreto che obblighi Trenitalia all'indennizzo diretto, risarcendo in automatico i passeggeri ogni qualvolta un treno superi i 5 minuti di ritardo, venga soppresso, viaggi sporco o sovraffollato o subisca un guasto che abbia ripercussioni sull'utenza. 02/02/2009

3 ANTITRUST: URGENTE REGOLARE GOVERNANCE BANCHE IL CODACONS: BENE ANTITRUST, ORA VERIFICARE IL COMPORTAMENTO DI GOVERNO E BANCHE SUI MUTUI Bene per il Codacons il richiamo dell'antitrust a Parlamento, Banca d'italia e Consob sul settore bancario, ma ora l'authority deve fare chiarezza sul comportamento degli istituti di credito, ma anche del Governo, relativamente al settore mutui. Numerose sono le segnalazioni dei cittadini che denunciano come le banche non rispettino i provvedimenti relativi alla portabilità dei mutui - spiega il Codacons - ma anche il Governo sembra fare la sua parte in negativo, e ancora non da esecuzione alla norma che prevede, in favore dei cittadini, il diritto alla sospensione del pagamento delle rate del mutuo per due volte e per un periodo non eccedente i 18 mesi. Chiediamo dunque all'antitrust di approfondire anche l'aspetto mutui - conclude l'associazione - particolarmente sentito dalle famiglie, vista anche la forte crescita delle sofferenze negli ultimi anni. 03/02/2009 FISCO: IL GOVERNO AIUTA LE CARTELLE PAZZE!! SCANDALOSO ARTICOLO DI LEGGE VORREBBE ABBASSARE DA A EURO LA POSSIBILITA' DI PIGNORARE LA CASA AI CITTADINI E INTANTO ATTILIO BEFERA (EQUITALIA) FINISCE IN UNA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE Scandaloso l'articolo 32 del decreto anticrisi, che di fatto danneggia i cittadini alle prese con il Fisco. L'articolo in questione - spiega il Codacons - recita testualmente: "viene facilitata l'aggressione del loro patrimonio immobiliare: riducendo da 8mila a 5mila euro il limite di importo al di sotto del quale l'agente della riscossione non può procedere all'espropriazione immobiliare; consentendo di avviare direttamente l'espropriazione (senza preventiva iscrizione di ipoteca) anche quando il credito da riscuotere non supera il 5% del valore dell'immobile da vendere all'asta'. Grazie a questo articolo i contribuenti potrebbero vedersi pignorata la propria casa per debiti da 5mila euro in su. La situazione appare ancora più allarmante se si pensa al fenomeno delle cartelle pazze, che sta imperversando in tutta Italia e che così rischia di determinare espropri per debiti inesistenti o sbagliati. Proprio per la questione delle cartelle pazze Attilio Befera ed Equitalia finiscono al centro di una interrogazione parlamentare presentata dai Senatori Elio Lannutti e Felice Belisario (IdV) al Ministro dell'economia. Si legge nell'interrogazione: per quanto risulta agli interroganti, dal giugno 2008 ad oggi sarebbero state notificate ai cittadini da Equitalia 1,6 milioni di cartelle esattoriali sbagliate; tali cartelle, denominate nel gergo giornalistico "cartelle pazze", recano: ipoteche sugli immobili, imposizioni fiscali su auto e moto, pignoramenti di stipendi e di conti correnti bancari e postali causati dall'irrogazione di sanzioni amministrative derivanti dalla violazione delle norme del Codice della strada già prescritte o annullate dai giudici di pace, ovvero tasse di smaltimento rifiuti richieste tuttavia erroneamente ai proprietari piuttosto che agli affittuari; per quanto consta agli interroganti risulterebbe assai complicato per il contribuente, che si vede recapitare la richiesta di pagamento della cartella esattoriale, contattare direttamente la società Equitalia al fine di chiedere chiarimenti; appare quanto mai inaccettabile che l'accoglimento di un ricorso da parte di un giudice di pace possa rivelarsi nei fatti inutile per un cittadino; per quanto risulta agli interroganti, sarebbero numerose le pronunce di risarcimento dei danni nei confronti di Equitalia che descriverebbero la lesione della situazione giuridica di molti contribuenti, si chiede di sapere: se corrisponda al vero quanto descritto in premessa e in tal caso quali iniziative, anche normative, Il Ministro in indirizzo intenda adottare al riguardo; se il Governo, alla luce di quanto descritto, non ritenga necessario avviare un'inchiesta finalizzata ad acclarare eventuali responsabilità in capo ai dirigenti di Equitalia S.p.A. e se e quali provvedimenti intenda assumere al fine di tutelare i cittadini contribuenti. Il Codacons invita intanto i cittadini a segnalare la ricezione di una cartella pazza al blog segnalazioni che contribuiranno alla creazione di un dossier che verrà depositato e denunciato presso la magistratura. 03/02/2009 STUPRO TRENTO: IL CODACONS CHIEDE DI INDAGARE ANCHE I GESTORI DEI LOCALI CHE HANNO VENDUTO ALCOLICI AI MINORI PROCEDERE NEI LORO CONFRONTI PER ISTIGAZIONE A COMMETTERE REATO Il Codacons interviene sul caso dello stupro ai danni di una minorenne avvenuto a Trento. "Ci chiediamo quali siano le responsabilità dei gestori del bar e del supermercato che, stando alla ricostruzione dei fatti, avrebbero venduto vino e vodka ai minorenni protagonisti degli abusi sessuali - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - La magistratura deve chiarire i fatti e valutare se procedere nei loro confronti, accertando eventuali fattispecie penali come istigazione a commettere reato'. "Appare chiaro, infatti, come l'alcol sia stato determinante nel causare la violenza sessuale - prosegue Rienzi - alcol che non doveva essere venduto a ragazzini di 14 anni. La magistratura dovrà quindi procedere contro i responsabili CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

4 della vendita e/o somministrazione di vino, vodka o altri prodotti alcolici, accertando i profili penali che riterrà più opportuni. 04/02/2009 TV: IL PROGRAMMA "AFFARI TUOI' FINISCE IN PARLAMENTO PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL GIOCO DEI PACCHI E INTANTO DOMANI IL TAR DEL LAZIO DECIDE SUL RICORSO PRESENTATO DA RAI ED ENDEMOL CONTRO IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Il gioco dei pacchi di Raiuno finisce in Parlamento. Il Senatore dell'idv, Elio Lannutti, ha infatti presentato una interrogazione parlamentare sulla trasmissione al Ministero dello sviluppo economico, a seguito della denuncia presentata dal Codacons alla Procura di Roma e alla Corte dei conti in merito all'inottemperanza alla decisione dello stesso Ministero che ha vietato il gioco a premi. Si legge nell'interrogazione: "in seguito ad una denuncia penale presentata dal Codacons, il gioco televisivo in onda su Raiuno, durante la trasmissione "Affari Tuoi", ha suscitato l'attenzione della Procura della Repubblica di Roma e della Corte dei conti a causa del mancato rispetto di un provvedimento varato dal Ministero dello sviluppo economico; tale provvedimento, a quanto consta all'interrogante, ha recentemente vietato la citata trasmissione televisiva, disponendo testualmente che: «la manifestazione a premio denominata "Affari tuoi", promossa dalla Rai Spa (...) è da considerarsi vietata ai sensi dell'articolo 8 (comma 1, lettera e) del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001, n. 430, in quanto ha avuto svolgimento senza che la società promotrice abbia mai adempiuto alle disposizioni recate nel medesimo decreto del Presidente della Repubblica n. 430 del 2001»; nonostante tale divieto, la Rai continua a mandare in onda le puntate della suddetta trasmissione; ad avviso dell'interrogante, l'elargizione dei premi in denaro da parte della rete, all'interno di un gioco vietato dal Ministero, potrebbe determinare un danno all'erario e i premi assegnati ai concorrenti potrebbero rischiare di essere restituiti direttamente dai responsabili della Rai che non hanno provveduto a bloccare il programma; si chiede di sapere: se il Governo sia a conoscenza di quanto descritto in premessa e in tal caso se e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda assumere al riguardo; se risulti al Ministro in indirizzo che vengano rispettate da parte della Rai le disposizioni recate dal decreto del Presidente della Repubblica n. 430 del 2001.' Intanto domani - fa 4 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 sapere l'associazione - il Tar del Lazio deciderà in merito al ricorso presentato dalla Rai e da Endemol contro il provvedimento del Ministero dello sviluppo, che ha dichiarato vietata la trasmissione "Affari tuoi'. 04/02/2009 CRISI: CONFCOMMERCIO, -2,3% ACQUISTI 2008, MA DICEMBRE TIENE IL CODACONS CONTESTA I DATI CONFCOMMERCIO: I CONSUMI DI NATALE CROLLANO! NEMMENO I SALDI ANTICIPATI SALVANO IL SETTORE ABBIGLIAMENTO E CALZATURE Secondo Confcommercio, che ha reso noto oggi l'icc di dicembre, frena il calo dei consumi, che a Natale registrerebbero "solo' un -0,5%, un dato, a loro dire, positivo. Per la Confcommercio, dunque, "si è così attenuata la tendenza negativa dei consumi', "si conferma la previsione di una sostanziale tenuta dei consumi' e addirittura risulterebbe un "comportamento delle famiglie nel periodo natalizio non particolarmente difforme da quanto tenuto negli anni precedenti'. Dati contestati con fermezza dal Codacons, che considera "sballati' i numeri forniti da Confcommercio. Considerando l'icc in quantità, che è l'unico indice da considerare per valutare se ci sono stati effettivamente dei consumi in calo, visto che non si incorporano gli aumenti dei prezzi, si regista a dicembre un -3,1% per Abbigliamento e calzature e un -2,5% per Beni e servizi per la casa (arredamento per la casa, elettrodomestici, radio tv registratori, generi casalinghi, utensileria per la casa), ossia si registra un netto calo delle due voci principali che riguardano i regali di Natale. Non miglior sorte tocca a Beni e servizi ricreativi (giocattoli, libri ) che registrano un -2% rispetto al Natale scorso. Se a questo, poi, aggiungiamo che a Natale, pur di ravvivare i consumi, i negozianti, in violazione delle leggi, avevano fatto i saldi anticipati con sconti del 30%, anticipando le vendite di gennaio 2009, e che, sempre secondo l'icc della Confcommercio del dicembre 2007, il Natale di allora era già stato magro e quelle stesse voci avevano già registrato un calo consistente (Abbigliamento e calzature dicembre 2007 rispetto a dicembre ,6%, Beni e servizi per la casa - 0,9%), ci domandiamo come possa l'organizzazione ritenersi ottimista sui consumi degli italiani. 04/02/2009 SICUREZZA STRADALE: GRAZIE AL TUTOR A FINE 2008 IL NUMERO DI MORTI SULLE AUTOSTRADE E' DIMINUITO DEL 60% -40% DI INCIDENTI. IL CODACONS: INSTALLARLO SU TUTTA LA RETE AUTOSTRADALE

5 Sempre più positivi i dati fatti registrare dal sistema di rilevamento della velocità media TUTOR, installato su alcune tratte autostradali italiani. A fine 2008 il numero di morti sulle autostrade è diminuito del 60% rispetto al fa sapere il Codacons, presente oggi alla riunione della Consulta per la sicurezza stradale - mentre il numero di incidenti è sceso del 40%. "Si tratta di dati molto positivi - commenta il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - e che dimostrano come il Tutor stia dando un contributo massiccio alla sicurezza stradale. Per questo motivo chiediamo di installarlo su tutta la rete autostradale italiana e nelle strade a scorrimento veloce delle città'. ISTAT: INFLAZIONE "CALA' ALL' 1,6% PER IL CODACONS E' SOLO UN'ILLUSIONE OTTICA: I PREZZI CONTINUANO A SALIRE OGNI FAMIGLIA SPENDERA' 300 EURO IN PIU' PER MANGIARE Secondo il dato reso noto oggi dall'istat, l'inflazione a gennaio è "scesa' all'1,6% su base annua, rispetto al 2,2% di dicembre. Per il Codacons, però, si tratta solo di un'illusione ottica. L'unico dato positivo sarebbe un'inflazione negativa, e non degli aumenti percentualmente inferiori. Infatti, siccome da settembre 2007 i prezzi avevano iniziato ad impennarsi con aumenti record, è evidente che da settembre 2008, facendo il confronto su base annua, la dinamica dell'inflazione non può che attenuarsi. Il calo tecnico durerà ancora per qualche mese, probabilmente fino ad agosto. Non è, però, una notizia positiva per i consumatori, visto che nonostante gli aumenti record dei mesi passati i prezzi continuano a salire, invece di abbassarsi come dovrebbero. Il Codacons, ad esempio, ha calcolato che se anche i prezzi degli alimentari si fermassero, senza più aumentare per tutto il 2009, gli aumenti del 2008 farebbero spendere ad una famiglia media italiana 300 euro in più all'anno solo per nutrirsi. Una cifra che può mandare in tilt i 22,5 milioni di italiani che sono a rischio povertà, più di un terzo della popolazione. INFLAZIONE: CAMBIA PANIERE ISTAT, ENTRANO MAIS E CHIAVE USB IL CODACONS: SU ADEGUAMENTI ISTAT IN RITARDO. AGGIORNAMENTI DEI PESI NON IN LINEA CON L'ANDAMENTO RECENTE DEI CONSUMI E CON LA CRISI ECONOMICA IN ATTO IL CODACONS CHIEDE L'APERTURA DI INDAGINI SULLE RILEVAZIONI NEL SUD ITALIA Cambia il paniere Istat, ma in ritardo. Prodotti come chiavi Usb e film in dvd, da tempo entrati nelle case degli italiani, solo oggi vengono immessi nel paniere per il calcolo dell'inflazione - afferma il Codacons - Non ci convince inoltre l'aumento dei pesi assegnati ad alcuni capitoli. Viene aumentata infatti l'incidenza di abbigliamento e calzature e ristorazione, settori i cui consumi nel 2008 sono fortemente calati a causa della crisi economica, mentre non viene modificato il peso della voce alimentazione, che nel corso dello scorso anno ha pesato in modo massiccio sui bilanci delle famiglie. Ci chiediamo quindi in che modo gli aggiustamenti dei pesi possano essere in linea con l'andamento recente dei consumi degli italiani, e soprattutto con la crisi economica in atto, che ha modificato fortemente le abitudini delle famiglie. Il Codacons punta infine il dito contro le rilevazioni dei comuni: lo stesso Istat - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - parla di criticità nella raccolta dei dati nel sud Italia. Chiediamo allora di aprire delle indagini per capire come vengano raccolti i prezzi nelle regioni del Mezzogiorno, e accertare eventuali irregolarità che possano riflettersi sui dati relativi all'inflazione. ALCOL: AUMENTANO GLI ABUSI DA PARTE DEI GIOVANI NON RISPETTATO IL DIVIETO DI VENDITA AI MINORI. IL CODACONS PREPARA ESPOSTO AI NAS DI TUTTA ITALIA CHIESTI CONTROLLI IN DISCOTECHE, GRANDE E PICCOLA DISTRIBUZIONE E LOCALI PUBBLICI La vicenda dello stupro di Trento ha fatto tornare alla ribalta il problema dell'alcol nei giovani. Le ultime statistiche ci dicono che 740mila minori italiani tra gli 11 e i 17 anni manifestano consumi di alcolici a rischio, e un ragazzo su cinque al di sotto dei 15 anni abusa di alcol. Ciò avviene - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - perchè nessuno vigila sulla vendita e somministrazione di alcolici ai minori. Esistono infatti leggi nazionali e provinciali molto severe in materia, ma che nessuno rispetta, mancando del tutto i controlli. Si pensi alle discoteche. La legge impone di bloccare alle ore 2 la vendita di alcolici, ma i locali non sembrano rispettare rigorosamente questa disposizione. Al supermercato poi, chi ha visto mai una cassiera chiedere l'età a un minore che compra una bottiglia di vino o di rum? Il Codacons ha deciso quindi di presentare un esposto ai Nas di tutta Italia perchè si effettuino controlli a tappeto nelle discoteche, nei punti vendita della grande e piccola distribuzione e in tutti i locali autorizzati a somministrare bevande, al fine di accertare il rispetto dei limiti imposti dalla legge, punendo severamente chi vende alcolici ai minori o fuori dagli orari stabiliti. Il Codacons ha pubblicato inoltre sul blog del Presidente Codacons, Carlo Rienzi l'elenco dei danni per CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

6 l'organismo causati dall'assunzione di alcol, e invita i giovani a esprimere la propria opinione sull'argomento, commentando la notizia. PELLE O NON PELLE? QUESTO E' IL PROBLEMA! UN PERITO NOMINATO DAL GIUDICE DI PACE DI CAMPI SALENTINA ACCERTA CHE IL "PACCHETTO PELLE' OPZIONALE VENDUTO SUL VEICOLO SEAT ALTEA NON E' DI VERA PELLE A seguito di un ricorso depositato dal signor A.R. di Squinzano, difeso dall'avv. Massimo Todisco del Codacons di Lecce, il Giudice di Pace di Campi Salentina Dott. Francesco Bucato Capozza ha nominato un Consulente Tecnico che accertasse se gli interni del veicolo del signor A.R. fossero o meno in pelle. Il veicolo in questione è una Seat Altea che il signor A.R. ha dotato dell'optional "pacchetto pelle' per un prezzo di 1.340,00. L'ultima udienza del procedimento si è tenuta il 29/01/09 ed in quella data si è presa visione dell'elaborato peritale in cui il tecnico incaricato, dopo aver sottoposto il campione prelevato dal sedile dell'autovettura del signor A.R. a complessi esami chimici (avvalendosi dell'ausilio di laboratori specializzati), ha potuto affermare con certezza che il suddetto campione "prelevato dal sedile anteriore della vettura tg omissis non è di pelle naturale'. È evidente che il contegno tenuto dalla Casa Madre è non solo gravemente lesivo degli interessi e dei diritti de consumatori, ma rischia di turbare la concorrenza nel settore. Pertanto il Codacons di Lecce notificherà a giorni una diffida alla Seat chiedendo la cessazione del comportamento lesivo dei diritti dei consumatori, ai sensi dell'art. 140 Codice del Consumo, e segnalerà il caso anche all'autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato affinchè verifichi il comportamento commerciale tenuto dalla società automobilistica, chiedendo l'emissione dei provvedimenti ai sensi dell'art. 27 Codice del Consumo. P.A.: MINISTERO, TAR RESPINGE RICORSO 'FANNULLONI OPEROSI' IL CODACONS: NOTIZIA SBAGLIATA. IL RICORSO PROPOSTO DAL CODACONS E' ANCORA IN ATTESA DI FISSAZIONE DI UDIENZA IL MINISTRO BRUNETTA DOPO I FALSI MALATI SI "INVENTA'LE SENTENZE A SUO FAVORE Gravissimo il contenuto della nota diffusa oggi dal Ministero della Funzione Pubblica, secondo cui Il Tar del Lazio avrebbe dichiarato inammissibile il ricorso presentato da alcuni dipendenti pubblici rappresentati dal Comitato fannulloni operosi (Co.f.o) e appoggiati dal 6 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 Codacons. Il ricorso del Co.f.o., appoggiato dal Codacons, non è stato ancora deciso ed è in attesa di fissazione di nuova udienza dopo la proposizione di motivi aggiunti - spiega l'associazione - Forse con la diffusione di tale notizia sbagliata si vuole tentare di creare confusione nell'opinione pubblica e nei dipendenti, informando circa un ricorso proposto da dipendenti assolutamente non facenti parte del Co.f.o. e non sostenuti dal Codacons, per il quale il Tar ha dichiarato difetto di giurisdizione senza entrare nel merito dei numerosi motivi di ricorso proposti invece nella richiesta dell'associazione. Il Ministero deve rettificare immediatamente tale notizia erronea - prosegue il Codacons - in caso contrario agiremo in sede civile e penale per diffamazione ai danni dell'associazione e dei fannulloni operosi. Ciò a cui fa riferimento la nota della Funzione pubblica è una vecchia sentenza del dicembre scorso che, lungi dall'esaminare la questione di incostituzionalità dell'art. 71, si limita a stabilire quanto segue: "è carente il requisito della rilevanza della questione della legittimità costituzionale ed è inammissibile la censura di eccesso di potere' solo in quanto i ricorrenti avrebbero dovuto - secondo il Tar - instaurare la causa "dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria posto che appartengono a categoria contrattualizzate'. Ci chiediamo - dichiara il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - quale altro intento pubblicitario a favore delle sue sciagurate riforme il Ministro Brunetta abbia in mente, visto che diffonde notizie di sentenze che gli darebbero ragione laddove invece non entrano assolutamente nel merito delle censure. Ci auguriamo vivamente - conclude Rienzi - che le statistiche sulla maggior presenza di dipendenti in ufficio che il Ministro diffonde oramai sistematicamente, non siano fornite seguendo lo stesso criterio riservato alla nota sbagliata odierna'. 06/02/2009 PENSIONATO AZZANNATO DA CANE CORSO: IL CODACONS AVEVA CHIESTO DI INSERIRLO TRA I CANI PERICOLOSI E' LA CONFERMA CHE L'ELENCO DELLE RAZZE PERICOLOSE DEVE RESTARE E VA POTENZIATO IL CODACONS CHIEDE IL PATENTINO OBBLIGATORIO Un pensionato è stato aggredito a San Giovanni Rotondo (Foggia) da tre cani, due rottweiler e un corso, mentre aspettava un autobus. Ebbene il Codacons aveva diffidato il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, che sta addirittura per eliminare la lista delle 17 razze attualmente considerate potenzialmente pericolose, perchè ampliasse e potenziasse l'elenco, inserendo il cane corso. Non si capisce, infatti, perchè dalle ordinanze Sirchia, Storace e poi Turco siano stati esclusi cani come: Mastino napoletano, American Staffordshire Terrier,

7 Staffordshire Bull Terrier, Dobermann, Dogue De Bordeaux, Mastiff ed, appunto, il Cane Corso. L'incidente di oggi dimostra che l'elenco delle razze rischiose va potenziato e che l'ordinanza Sirchia è efficace, salvo per gli episodi all'interno delle abitazioni o in caso di fuga degli animali che non venivano disciplinati. Ecco perchè il Codacons da tempo chiede di introdurre il patentino obbligatorio per chi vuole detenere le razze più poderose e robuste. 06/02/2009 TV: ANCHE IL TAR DEL LAZIO CONTRO "AFFARI TUOI'!! BOCCIATA LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DEL DIVIETO MINISTERIALE AVANZATA DA UNO STUOLO DI ILLUSTRI AVVOCATI RAI ED ENDEMOL ORA IL MINISTERO DEVE INFLIGGERE UNA PESANTE SANZIONE PECUNIARIA ALLA RAI PER AVER VIOLATO IL DIVIETO CONTENUTO NEL DPR 430/2001 E SE LA SELEZIONE DEI CONCORRENTI CONTINUA AD ESSERE FATTA DA ENDEMOL SULLA BASE DI CRITERI INCONTROLLABILI E NON TRASPARENTI SARA' INEVITABILE UNA NUOVA DENUNCIA PENALE PRESTO LA PRIMA CAUSA PILOTA CONTRO LA RAI DA PARTE DI UN FEDELE TELESPETTATORE DI "AFFARI TUOI' La terza sezione del Tar Lazio (Presidente Riggio, Relatore Fantini) dopo una lunga discussione ha sconfessato ieri le tesi sostenute dai difensori della Rai e di Endemol, e ha rigettato il ricorso contro la decisione del Ministero dello sviluppo economico che ha dichiarato vietata la trasmissione "Affari Tuoi'. Per i giudici, infatti, è insussistente la tesi del danno grave e irreparabile che subirebbero Rai ed Endemol a causa della decisione del Ministero. Di conseguenza - spiega il Codacons - resta valido il divieto inflitto dal dicastero, cui deve ora seguire una salata sanzione pecuniaria nei confronti della rete di Stato, in relazione alla violazione del D.P.R. 430/2001 sui giochi a premio. L'associazione, inoltre, vuole fare chiarezza sui criteri seguiti dalla Endemol per la selezione dei concorrenti. Se non sarà garantita massima trasparenza e parità di accesso al gioco - afferma il Codacons - sarà inevitabile una nuova denuncia penale presso la magistratura, in favore dei potenziali concorrenti danneggiati. E mentre sul blog del Presidente Codacons Carlo Rienzi sono oramai centinaia le proteste dei telespettatori contro "Affari tuoi', si prepara la prima causa pilota al Giudice di Pace contro la Rai, da parte di un anziano fedele spettatore del gioco dei pacchi, che per anni ha assistito alla trasmissione inconsapevole del divieto piovuto dal Ministero. 06/02/2009 ALITALIA: L'11 FEBBRAIO IL TRIBUNALE DI ROMA DECIDE SULLA VENDITA DI ALITALIA A CAI Il prossimo 11 febbraio il Tribunale di Roma deciderà sulla vendita di Alitalia a Cai, pronunciandosi sul ricorso presentato dal Codacons e da alcuni azionisti. Nel ricorso - spiega l'associazione - avevamo chiesto di bloccare la vendita dell'azienda a Cai, a tutela degli azionisti danneggiati dall'operazione. Il Tribunale, nella precedente udienza, si era riservato di decidere se mandare alla Corte Costituzionale il DL 134 del 2008, che ha consentito lo svuotamento di valore delle azioni Alitalia detenute da migliaia di piccoli risparmiatori, con la vendita a trattativa privata alla cordata CAI degli asset di valore della compagnia. Se il Tribunale rimetterà alla Corte la legge e la Corte la annullerà, tutta la procedura di vendita a CAI decadrà con effetto ex tunc e gli aerei e gli altri asset dovranno essere restituiti alla vecchia Alitalia che poi potrà venderli sul mercato con un normale procedimento fallimentare a tutela degli azionisti e risparmiatori. Il Codacons da appuntamento a tutti i dipendenti e azionisti Alitalia il prossimo 11 febbraio alle ore 12:30 presso la terza sezione del Tribunale civile di Roma (stanza 584, IV piano, Viale Giulio Cesare 54/b) per intervenire ad adiuvandum nel procedimento. 06/02/2009 CRISI: BERLUSCONI, DA MISURE SPINTA CONSUMI FRA 0,5 E 1% IL CODACONS: MISURE SBAGLIATE: FAVORISCONO L'INDUSTRIA E DANNEGGIANO I CONSUMATORI RISCHIO IMPENNATA DELL'INDEBITAMENTO DEI CITTADINI Estremamente critico il giudizio del Codacons sul piano anti-crisi varato oggi dal Consiglio dei Ministri. "Le misure contenute nel piano - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - avranno come unico effetto quello di favorire l'industria a danno dei consumatori, e non consentiranno alcuna ripresa reale dei consumi. Ma c'è di peggio. Gli incentivi sull'acquisto di auto, mobili ed elettrodomestici daranno vita ad una vera e propria "fiera dello spreco', e determineranno una pericolosa impennata dell'indebitamento da parte dei cittadini, attraverso un ricorso massiccio al credito al consumo'. "Se davvero il Governo voleva far riprendere i consumi - conclude Rienzi - avrebbe dovuto agire su prezzi, CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

8 La pubblicazione Codacons News è iscritta all elenco speciale, annesso all Albo dei giornalisti di Milano e registrata presso il Tribunale di Milano n.609. Codacons News viene distribuito nei mercati rionali gratuitamente. -Non contiene pubblicità - Abbonamento annuale 50,00 da versare attraverso vaglia postale intestato a: Codacons Nazionale Lombardia, viale Abruzzi 11, Milano (tel , fax ) Direttore responsabile: Giuseppe Ursini Coordinamento editoriale: Marco Donzelli Comitato di redazione: Stefano Zerbi, Marcello Andreozzi, Gabriella Arcuri, Romana D Ambrosio. (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell ambiente e dei diritti degli utenti e consumatori) COLLEGIO DI PRESIDENZA CODACONS Carlo Rienzi Marco Maria Donzelli Giuseppe Ursini Marco Ramadori E un associazione nata nel 1986 e volta al perseguimento SEDI SPORTELLO SULLA CITTA di un mirato rapporto tra l uso individuale e collettivo BARI delle risorse umane ed un razionale sviluppo della BOLOGNA società, improntato al rispetto della dignità della persona CAMPOBASSO umana e della salvaguardia dell interesse fondamentale CATANIA della salute e della sicurezza, attuale e futura delle CATANZARO singole persone. CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) L associazione ha inoltre la finalità di tutelare, con ogni GENOVA mezzo legittimo, gli interessi dei consumatori e degli FIRENZE utenti nei confronti dei soggetti pubblici o privati, MILANO produttori e/o erogatori di beni e servizi (art.7 Statuto MARANO D ISERA (TRENTO) Codacons). MATERA Il Codacons è un associazione di volontariato ai sensi MESTRE (VENEZIA) della legge 266/91, per la difesa dell ambiente e dei NAPOLI PERUGIA consumatori, è riconosciuta ai sensi della legge 349/1986 PESCARA Istitutiva del Ministero dell Ambiente, è un organizzazione PORDENONE non lucrativa di utilità sociale ai sensi del d.lgs. 460/1997 ROMA ed è membro del Consiglio Nazionale dei Consumatori e SALERNO Utenti al Ministero dell Industria CODACONS ai sensi NEWS della n. 6 legge SASSARI /08 febbraio /98 TORINO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

Provincia di Napoli 1

Provincia di Napoli 1 Provincia di Napoli 1 CENSIMENTO GENERALE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI Scade il 20 dicembre il termine per la restituzione del questionario Parte il countdown per la chiusura delle operazioni censuarie,

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PREMESSO:

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PREMESSO: IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, con la partecipazione del prof. Giuseppe Santaniello, vice presidente, che presiede la riunione, del prof. Ugo De Siervo e dellõing.

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO SI DICHIARA QUANTO SEGUE ALLEGATO 7B INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO PREMESSO che ai sensi della vigente normativa, l intermediario assicurativo

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza

Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza Chiarimenti sulla Banca Popolare di Vicenza - Le vicende della Banca Popolare di Vicenza (BPV) sono venute all attenzione dell opinione pubblica nelle scorse settimane, quando è stata data notizia delle

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Un giorno in SENATO Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al Senato o alla Camera, di un progetto di legge;

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, DI NARDO, GIAMBRONE, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI,

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006

MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO IVASS. 5/2006 SEZIONE A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI

Dettagli

Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario.

Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Autorità di Regolazione dei Trasporti: dal 4 luglio in vigore il Regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Con la emanazione del Regolamento (CE ) n. 1371/2007 (entrato in vigore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 ALLEGATO 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Ai sensi delle disposizioni del D.lgs. n. 209/2005 (Codice delle assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE C O M U N E P R O V I N C I A DI D I S E N N O R I S A S S A R I REGOLAMENTO COMUNALE PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 69 DEL 20.12.2011 I N D I C E TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società)

Denominazione: (in caso di Studio Associato o Società) MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DEGLI ESBORSI CONSEGUENTI A RESPONSABILITÀ CIVILE PER L'ATTIVITA' DI ASSISTENZA FISCALE MEDIANTE APPOSIZIONE DEI VISTI DI CONFORMITA' SULLE DICHIARAZIONI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

Il soggiorno di studio dovrà svolgersi, inderogabilmente, nel periodo 25 giugno - 21 dicembre 2012.

Il soggiorno di studio dovrà svolgersi, inderogabilmente, nel periodo 25 giugno - 21 dicembre 2012. BANDO DI CONCORSO 2012 PER IL CONFERIMENTO DI 8 CONTRIBUTI PER LA FREQUENZA DI CORSI DI LINGUA ALL'ESTERO RISERVATI AGLI STUDENTI ISCRITTI ALLA LIBERA UNIVERSITÁ DI LINGUE E COMUNICAZIONE IULM Il CIDiS

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli)

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) Se il proprietario di un edificio soggetto al vincolo storico-artistico lo modifica senza aver ottenuto preventivamente

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4746 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANTONIO PEPE, LANDI DI CHIAVENNA, AIRAGHI, AMO- RUSO, CANNELLA, FOTI, GALLO, GARNERO SANTANCHÈ,

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP. 5/2006 SEZIONE A (ex modello 7A) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE A cura dell Ufficio Relazioni Esterne Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo.

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. CLASS ACTION Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. La class action, regolamentata dall art. 140 bis del codice

Dettagli

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Equitalia, con il comunicato stampa del 26 agosto 2014, ha reso noto che la notifica

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Lettera di Incarico d Agenzia

Lettera di Incarico d Agenzia La seguente lettera di incarico si conclude tra: OnyxNail S.r.l. - Via L. Montegani 7/a 20141 Milano P.IVA e C.F. IT 07706750960 Email amministrazione@onyxnail.it ed Lettera di Incarico d Agenzia il Sig./Sig.ra,

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi

NOTA OPERATIVA N. 1/2012. OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi NOTA OPERATIVA N. 1/2012 OGGETTO: Limitazioni all uso del contante casi operativi Dopo l approvazione della Manovra Monti, ed in particolare dell art. 12 che ha ridotto da 2.500 a 1.000 euro il limite

Dettagli

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO Ai sensi dell art.121 della costituzione Di iniziativa dei Consiglieri Pieraldo Ciucchi e Giancarlo Tei (Gruppo ) NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Assegni: quando l emissione diventa illecito

Assegni: quando l emissione diventa illecito Prefettura di Lecce Assegni: quando l emissione diventa illecito Breve vademecum al corretto uso degli assegni INDICE Introduzione pag. 3 Crisi economica e contrazione del credito: la stretta in cui si

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Documento n. 31 Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Luglio 2014 OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI PROCESSUALI OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio

Periodico informativo n. 100/2012. Le novità antiriciclaggio Periodico informativo n. 100/2012 Le novità antiriciclaggio Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che è entrato in vigore lo scorso

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Guida ai reclami di Banca di Sassari

Guida ai reclami di Banca di Sassari Guida ai reclami di Banca di Sassari Aggiornamento ottobre 2015 1. L importanza dei Reclami in Banca di Sassari La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria capacità di avere

Dettagli

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni Con la presente Comunicazione Organizzativa vengono definite le modalità operative

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI.

UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. UNO STRUMENTO CHE PER FUNZIONARE HA BISOGNO DI FINANZIAMENTI ADEGUATI E DEL GOVERNO DELLA DINAMICA DEI CANONI. Il Fondo Sociale è un aiuto economico per pagare l affitto, indirizzato alle famiglie con

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale Parere sulla Proposta di Legge Regionale n. 673 relativa al trasporto pubblico non di linea (servizio di taxi e di autonoleggio con conducente) approvata dal Consiglio regionale del Lazio il 24 novembre

Dettagli