Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti"

Transcript

1 Periodico del Codacons Ambiente, Consumatori e Utenti Spedizione in abbonamento postale comma 20/c art.2 legge 662/96 Milano - Abbonamento, vaglia postale intestato a Codacons Nazionale Lombardia, Via le Abruzzi Milano - Internet: Tessera abbonamento 50,00 - n. 6 02/08 febbraio 2009 IN QUESTO NUMERO: Pag.2 TV: RAI CHIAMATA IN GIUDIZIO DAL CODACONS PER DANNO E RESPONSABILITA' PRECONTRATTUALE Pag.2 ELEZIONI EUROPEE: NOTIFICATO AL GOVERNO E AI PRESIDENTI DELLE CAMERE IL RICORSO ALLA CORTE COSTITUZIONALE CONTRO LO SBARRAMENTO DEL 4% Pag. 2 FERROVIE: IL CODACONS DIFFIDA LE REGIONI. "MULTATE TRENITALIA PER I DISAGI AI PENDOLARI!' Pag. 3 ANTITRUST: URGENTE REGOLARE GOVERNANCE BANCHE Pag.3 FISCO: IL GOVERNO AIUTA LE CARTELLE PAZZE!! Pag.3 STUPRO TRENTO: IL CODACONS CHIEDE DI INDAGARE ANCHE I GESTORI DEI LOCALI CHE HANNO VENDUTO ALCOLICI AI MINORI Pag.4 TV: IL PROGRAMMA "AFFARI TUOI' FINISCE IN PARLAMENTO PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL GIOCO DEI PACCHI Pag.4 CRISI: CONFCOMMERCIO, -2,3% ACQUISTI 2008, MA DICEMBRE TIENE Pag.4 SICUREZZA STRADALE: GRAZIE AL TUTOR A FINE 2008 IL NUMERO DI MORTI SULLE AUTOSTRADE E' DIMINUITO DEL 60% -40% DI INCIDENTI. IL CODACONS: Pag. 5 ISTAT: INFLAZIONE "CALA' ALL' 1,6% Pag. 5 INFLAZIONE: CAMBIA PANIERE ISTAT, ENTRANO MAIS E CHIAVE USB Pag.5 ALCOL: AUMENTANO GLI ABUSI DA PARTE DEI GIOVANI Pag.6.. PELLE O NON PELLE? QUESTO E' IL PROBLEMA! Pag.6 P.A.: MINISTERO, TAR RESPINGE RICORSO 'FANNULLONI OPEROSI' IL CODACONS: NOTIZIA SBAGLIATA. IL RICORSO PROPOSTO DAL CODACONS E' ANCORA IN ATTESA DI FISSAZIONE DI UDIENZA Pag.6 PENSIONATO AZZANNATO DA CANE Pag.7 TV: ANCHE IL TAR DEL LAZIO CONTRO "AFFARI TUOI'!! BOCCIATA LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DEL DIVIETO MINISTERIALE Pag.7 ALITALIA: L'11 FEBBRAIO IL TRIBUNALE DI ROMA DECIDE SULLA VENDITA DI ALITALIA A CAI Pag.7 CRISI: BERLUSCONI, DA MISURE SPINTA CONSUMI FRA 0,5 E 1%

2 02/02/2009 TV: RAI CHIAMATA IN GIUDIZIO DAL CODACONS PER DANNO E RESPONSABILITA' PRECONTRATTUALE E INTANTO LA COMMISSIONE DI VIGILANZA ESAMINA IL CASO DELL'ESCLUSIONE DEL CODACONS DA "DOMENICA IN' DOPO AVER FATTO CONVOCARE CITTADINI E AUTORITA' A breve la Commissione di vigilanza Parlamentare Rai esaminerà la brutta vicenda dell'esclusione del Codacons dalla trasmissione di Rai1, "Domenica In'. Come si ricorderà per oltre un mese l'associazione fornì alla redazione di "Domenica in politica', condotto da Monica Setta, documenti, notizie, presenze in studio di cittadini e addirittura del presidente dell'antitrust Catricalà, ma venne poi senza alcuna ragione esclusa dalle puntate del programma. La Commissione dovrà quindi pronunciarsi sul comportamento della rete di Stato e della conduttrice Monica Setta, che solo pochi giorni fa al "Velino' dichiarava di tenere sempre aperte al Codacons le porte della sua trasmissione, affermazioni che purtroppo non corrispondono a verità, dal momento che l'associazione continua ad essere discriminata a Domenica In. La Rai dovrà inoltre rispondere dinanzi al Giudice di pace di Roma dei danni patrimoniali e morali provocati all'associazione, in base alle norme sulla responsabilità precontrattuale. L'associazione ha infatti citato in giudizio la rete di stato, chiedendo un equo indennizzo. 02/02/2009 ELEZIONI EUROPEE: NOTIFICATO AL GOVERNO E AI PRESIDENTI DELLE CAMERE IL RICORSO ALLA CORTE COSTITUZIONALE CONTRO LO SBARRAMENTO DEL 4% PRONTA LA DENUNCIA CONTRO VELTRONI E BERLUSCONI PER ACCORDO DIRETTO A COMPIERE UN ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE E I CITTADINI SONO INVITATI A BOICOTTARE LE ELEZIONI IN SARDEGNA E I PARTITI COME IDV E UDC CHE TACCIONO SUL MASSACRO DI DEMOCRAZIA IN ATTO SPERANDO DI RAGGIUNGERE IL 4% Il CODACONS, sollecitato da molti piccoli partiti, ha notificato il ricorso per conflitto di attribuzioni tra il Governo e il Parlamento e i Partiti politici dinanzi alla Corte Costituzionale. Il ricorso contesta la volontà del Governo e delle Camere - con un accordo extra parlamentare tra Veltroni e Berlusconi - di variare le regole elettorali dopo la scadenza dei 180 gg previsti dalla legge per l'avvio della raccolta delle firme per la presentazione alle elezioni europee. Tale circostanza - unita all'eliminazione del principio proporzionale unico che garantisce la 2 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 rappresentanza di tutti i cittadini - costituisce un attentato alla Costituzione che invece obbliga a fare le leggi in Parlamento e non fuori e senza accordi che tengano fuori le vittime degli accordi stessi. A fondamento del ricorso il fatto che con lo sbarramento annunciato alcuni milioni di elettori che voteranno per partiti che non raggiungeranno il 4% di sbarramento vedranno il proprio voto "girato' come resto ad altri partiti. Ad esempio, un milione di elettori di Rifondazione Comunista potrebbero vedere i loro voti acquisti dai fascisti o dalla destra del PDL come resto inutile, finendo per vanificare la libertà del voto garantito dagli artt. 48 e 49 della Costituzione. Di fronte a questa possibilità non resta altro che non votare - come è avvenuto in Abruzzo - e così uccidere anche il diritto di votare e scegliere i propri rappresentanti. E il CODACONS invita anche i piccoli partiti e i cittadini a boicottare alla prossima tornata della Sardegna i partiti di media forza - come IDV e UDC - che prima si battevano contro gli sbarramenti in nome della democrazia partecipativa e oggi si allineano agli inciuci sperando di prendersi i voti degli esclusi. Meglio astenersi o votare nulla o bianca che premiare chi uccide la democrazia. 02/02/2009 FERROVIE: IL CODACONS DIFFIDA LE REGIONI. "MULTATE TRENITALIA PER I DISAGI AI PENDOLARI!' L'ASSOCIAZIONE CHIEDE AL GOVERNO INDENNIZZI AUTOMATICI IN CASO DI RITARDI O TRENI SOPPRESSI Crescono i disagi dei pendolari italiani che ogni giorno utilizzano i treni per recarsi a lavoro o a scuola. Quotidianamente - spiega il Codacons - si registrano in tutta Italia ritardi, soppressioni di treni, disservizi vari che causano evidenti disagi ai pendolari, costretti ad utilizzare il servizio ferroviario per i propri spostamenti. Una situazione divenuta oramai insostenibile e che sta scatenando proteste e manifestazioni in tutto il paese. "Diffidiamo le Regioni a prendere una posizione netta a tutela dei cittadini - afferma il Presidente Codacons Carlo Rienzi nel suo blog - e ad intervenire pesantemente contro Trenitalia, elevando, come loro dovere, sanzioni milionarie contro l'azienda, quando non vengono rispettati gli standard qualitativi, e provvedendo ad inoltrare formali denunce in magistratura per turbativa di pubblico servizio'. Rienzi chiede poi al Governo di emanare un decreto che obblighi Trenitalia all'indennizzo diretto, risarcendo in automatico i passeggeri ogni qualvolta un treno superi i 5 minuti di ritardo, venga soppresso, viaggi sporco o sovraffollato o subisca un guasto che abbia ripercussioni sull'utenza. 02/02/2009

3 ANTITRUST: URGENTE REGOLARE GOVERNANCE BANCHE IL CODACONS: BENE ANTITRUST, ORA VERIFICARE IL COMPORTAMENTO DI GOVERNO E BANCHE SUI MUTUI Bene per il Codacons il richiamo dell'antitrust a Parlamento, Banca d'italia e Consob sul settore bancario, ma ora l'authority deve fare chiarezza sul comportamento degli istituti di credito, ma anche del Governo, relativamente al settore mutui. Numerose sono le segnalazioni dei cittadini che denunciano come le banche non rispettino i provvedimenti relativi alla portabilità dei mutui - spiega il Codacons - ma anche il Governo sembra fare la sua parte in negativo, e ancora non da esecuzione alla norma che prevede, in favore dei cittadini, il diritto alla sospensione del pagamento delle rate del mutuo per due volte e per un periodo non eccedente i 18 mesi. Chiediamo dunque all'antitrust di approfondire anche l'aspetto mutui - conclude l'associazione - particolarmente sentito dalle famiglie, vista anche la forte crescita delle sofferenze negli ultimi anni. 03/02/2009 FISCO: IL GOVERNO AIUTA LE CARTELLE PAZZE!! SCANDALOSO ARTICOLO DI LEGGE VORREBBE ABBASSARE DA A EURO LA POSSIBILITA' DI PIGNORARE LA CASA AI CITTADINI E INTANTO ATTILIO BEFERA (EQUITALIA) FINISCE IN UNA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE Scandaloso l'articolo 32 del decreto anticrisi, che di fatto danneggia i cittadini alle prese con il Fisco. L'articolo in questione - spiega il Codacons - recita testualmente: "viene facilitata l'aggressione del loro patrimonio immobiliare: riducendo da 8mila a 5mila euro il limite di importo al di sotto del quale l'agente della riscossione non può procedere all'espropriazione immobiliare; consentendo di avviare direttamente l'espropriazione (senza preventiva iscrizione di ipoteca) anche quando il credito da riscuotere non supera il 5% del valore dell'immobile da vendere all'asta'. Grazie a questo articolo i contribuenti potrebbero vedersi pignorata la propria casa per debiti da 5mila euro in su. La situazione appare ancora più allarmante se si pensa al fenomeno delle cartelle pazze, che sta imperversando in tutta Italia e che così rischia di determinare espropri per debiti inesistenti o sbagliati. Proprio per la questione delle cartelle pazze Attilio Befera ed Equitalia finiscono al centro di una interrogazione parlamentare presentata dai Senatori Elio Lannutti e Felice Belisario (IdV) al Ministro dell'economia. Si legge nell'interrogazione: per quanto risulta agli interroganti, dal giugno 2008 ad oggi sarebbero state notificate ai cittadini da Equitalia 1,6 milioni di cartelle esattoriali sbagliate; tali cartelle, denominate nel gergo giornalistico "cartelle pazze", recano: ipoteche sugli immobili, imposizioni fiscali su auto e moto, pignoramenti di stipendi e di conti correnti bancari e postali causati dall'irrogazione di sanzioni amministrative derivanti dalla violazione delle norme del Codice della strada già prescritte o annullate dai giudici di pace, ovvero tasse di smaltimento rifiuti richieste tuttavia erroneamente ai proprietari piuttosto che agli affittuari; per quanto consta agli interroganti risulterebbe assai complicato per il contribuente, che si vede recapitare la richiesta di pagamento della cartella esattoriale, contattare direttamente la società Equitalia al fine di chiedere chiarimenti; appare quanto mai inaccettabile che l'accoglimento di un ricorso da parte di un giudice di pace possa rivelarsi nei fatti inutile per un cittadino; per quanto risulta agli interroganti, sarebbero numerose le pronunce di risarcimento dei danni nei confronti di Equitalia che descriverebbero la lesione della situazione giuridica di molti contribuenti, si chiede di sapere: se corrisponda al vero quanto descritto in premessa e in tal caso quali iniziative, anche normative, Il Ministro in indirizzo intenda adottare al riguardo; se il Governo, alla luce di quanto descritto, non ritenga necessario avviare un'inchiesta finalizzata ad acclarare eventuali responsabilità in capo ai dirigenti di Equitalia S.p.A. e se e quali provvedimenti intenda assumere al fine di tutelare i cittadini contribuenti. Il Codacons invita intanto i cittadini a segnalare la ricezione di una cartella pazza al blog segnalazioni che contribuiranno alla creazione di un dossier che verrà depositato e denunciato presso la magistratura. 03/02/2009 STUPRO TRENTO: IL CODACONS CHIEDE DI INDAGARE ANCHE I GESTORI DEI LOCALI CHE HANNO VENDUTO ALCOLICI AI MINORI PROCEDERE NEI LORO CONFRONTI PER ISTIGAZIONE A COMMETTERE REATO Il Codacons interviene sul caso dello stupro ai danni di una minorenne avvenuto a Trento. "Ci chiediamo quali siano le responsabilità dei gestori del bar e del supermercato che, stando alla ricostruzione dei fatti, avrebbero venduto vino e vodka ai minorenni protagonisti degli abusi sessuali - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - La magistratura deve chiarire i fatti e valutare se procedere nei loro confronti, accertando eventuali fattispecie penali come istigazione a commettere reato'. "Appare chiaro, infatti, come l'alcol sia stato determinante nel causare la violenza sessuale - prosegue Rienzi - alcol che non doveva essere venduto a ragazzini di 14 anni. La magistratura dovrà quindi procedere contro i responsabili CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

4 della vendita e/o somministrazione di vino, vodka o altri prodotti alcolici, accertando i profili penali che riterrà più opportuni. 04/02/2009 TV: IL PROGRAMMA "AFFARI TUOI' FINISCE IN PARLAMENTO PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL GIOCO DEI PACCHI E INTANTO DOMANI IL TAR DEL LAZIO DECIDE SUL RICORSO PRESENTATO DA RAI ED ENDEMOL CONTRO IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Il gioco dei pacchi di Raiuno finisce in Parlamento. Il Senatore dell'idv, Elio Lannutti, ha infatti presentato una interrogazione parlamentare sulla trasmissione al Ministero dello sviluppo economico, a seguito della denuncia presentata dal Codacons alla Procura di Roma e alla Corte dei conti in merito all'inottemperanza alla decisione dello stesso Ministero che ha vietato il gioco a premi. Si legge nell'interrogazione: "in seguito ad una denuncia penale presentata dal Codacons, il gioco televisivo in onda su Raiuno, durante la trasmissione "Affari Tuoi", ha suscitato l'attenzione della Procura della Repubblica di Roma e della Corte dei conti a causa del mancato rispetto di un provvedimento varato dal Ministero dello sviluppo economico; tale provvedimento, a quanto consta all'interrogante, ha recentemente vietato la citata trasmissione televisiva, disponendo testualmente che: «la manifestazione a premio denominata "Affari tuoi", promossa dalla Rai Spa (...) è da considerarsi vietata ai sensi dell'articolo 8 (comma 1, lettera e) del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001, n. 430, in quanto ha avuto svolgimento senza che la società promotrice abbia mai adempiuto alle disposizioni recate nel medesimo decreto del Presidente della Repubblica n. 430 del 2001»; nonostante tale divieto, la Rai continua a mandare in onda le puntate della suddetta trasmissione; ad avviso dell'interrogante, l'elargizione dei premi in denaro da parte della rete, all'interno di un gioco vietato dal Ministero, potrebbe determinare un danno all'erario e i premi assegnati ai concorrenti potrebbero rischiare di essere restituiti direttamente dai responsabili della Rai che non hanno provveduto a bloccare il programma; si chiede di sapere: se il Governo sia a conoscenza di quanto descritto in premessa e in tal caso se e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda assumere al riguardo; se risulti al Ministro in indirizzo che vengano rispettate da parte della Rai le disposizioni recate dal decreto del Presidente della Repubblica n. 430 del 2001.' Intanto domani - fa 4 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 sapere l'associazione - il Tar del Lazio deciderà in merito al ricorso presentato dalla Rai e da Endemol contro il provvedimento del Ministero dello sviluppo, che ha dichiarato vietata la trasmissione "Affari tuoi'. 04/02/2009 CRISI: CONFCOMMERCIO, -2,3% ACQUISTI 2008, MA DICEMBRE TIENE IL CODACONS CONTESTA I DATI CONFCOMMERCIO: I CONSUMI DI NATALE CROLLANO! NEMMENO I SALDI ANTICIPATI SALVANO IL SETTORE ABBIGLIAMENTO E CALZATURE Secondo Confcommercio, che ha reso noto oggi l'icc di dicembre, frena il calo dei consumi, che a Natale registrerebbero "solo' un -0,5%, un dato, a loro dire, positivo. Per la Confcommercio, dunque, "si è così attenuata la tendenza negativa dei consumi', "si conferma la previsione di una sostanziale tenuta dei consumi' e addirittura risulterebbe un "comportamento delle famiglie nel periodo natalizio non particolarmente difforme da quanto tenuto negli anni precedenti'. Dati contestati con fermezza dal Codacons, che considera "sballati' i numeri forniti da Confcommercio. Considerando l'icc in quantità, che è l'unico indice da considerare per valutare se ci sono stati effettivamente dei consumi in calo, visto che non si incorporano gli aumenti dei prezzi, si regista a dicembre un -3,1% per Abbigliamento e calzature e un -2,5% per Beni e servizi per la casa (arredamento per la casa, elettrodomestici, radio tv registratori, generi casalinghi, utensileria per la casa), ossia si registra un netto calo delle due voci principali che riguardano i regali di Natale. Non miglior sorte tocca a Beni e servizi ricreativi (giocattoli, libri ) che registrano un -2% rispetto al Natale scorso. Se a questo, poi, aggiungiamo che a Natale, pur di ravvivare i consumi, i negozianti, in violazione delle leggi, avevano fatto i saldi anticipati con sconti del 30%, anticipando le vendite di gennaio 2009, e che, sempre secondo l'icc della Confcommercio del dicembre 2007, il Natale di allora era già stato magro e quelle stesse voci avevano già registrato un calo consistente (Abbigliamento e calzature dicembre 2007 rispetto a dicembre ,6%, Beni e servizi per la casa - 0,9%), ci domandiamo come possa l'organizzazione ritenersi ottimista sui consumi degli italiani. 04/02/2009 SICUREZZA STRADALE: GRAZIE AL TUTOR A FINE 2008 IL NUMERO DI MORTI SULLE AUTOSTRADE E' DIMINUITO DEL 60% -40% DI INCIDENTI. IL CODACONS: INSTALLARLO SU TUTTA LA RETE AUTOSTRADALE

5 Sempre più positivi i dati fatti registrare dal sistema di rilevamento della velocità media TUTOR, installato su alcune tratte autostradali italiani. A fine 2008 il numero di morti sulle autostrade è diminuito del 60% rispetto al fa sapere il Codacons, presente oggi alla riunione della Consulta per la sicurezza stradale - mentre il numero di incidenti è sceso del 40%. "Si tratta di dati molto positivi - commenta il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - e che dimostrano come il Tutor stia dando un contributo massiccio alla sicurezza stradale. Per questo motivo chiediamo di installarlo su tutta la rete autostradale italiana e nelle strade a scorrimento veloce delle città'. ISTAT: INFLAZIONE "CALA' ALL' 1,6% PER IL CODACONS E' SOLO UN'ILLUSIONE OTTICA: I PREZZI CONTINUANO A SALIRE OGNI FAMIGLIA SPENDERA' 300 EURO IN PIU' PER MANGIARE Secondo il dato reso noto oggi dall'istat, l'inflazione a gennaio è "scesa' all'1,6% su base annua, rispetto al 2,2% di dicembre. Per il Codacons, però, si tratta solo di un'illusione ottica. L'unico dato positivo sarebbe un'inflazione negativa, e non degli aumenti percentualmente inferiori. Infatti, siccome da settembre 2007 i prezzi avevano iniziato ad impennarsi con aumenti record, è evidente che da settembre 2008, facendo il confronto su base annua, la dinamica dell'inflazione non può che attenuarsi. Il calo tecnico durerà ancora per qualche mese, probabilmente fino ad agosto. Non è, però, una notizia positiva per i consumatori, visto che nonostante gli aumenti record dei mesi passati i prezzi continuano a salire, invece di abbassarsi come dovrebbero. Il Codacons, ad esempio, ha calcolato che se anche i prezzi degli alimentari si fermassero, senza più aumentare per tutto il 2009, gli aumenti del 2008 farebbero spendere ad una famiglia media italiana 300 euro in più all'anno solo per nutrirsi. Una cifra che può mandare in tilt i 22,5 milioni di italiani che sono a rischio povertà, più di un terzo della popolazione. INFLAZIONE: CAMBIA PANIERE ISTAT, ENTRANO MAIS E CHIAVE USB IL CODACONS: SU ADEGUAMENTI ISTAT IN RITARDO. AGGIORNAMENTI DEI PESI NON IN LINEA CON L'ANDAMENTO RECENTE DEI CONSUMI E CON LA CRISI ECONOMICA IN ATTO IL CODACONS CHIEDE L'APERTURA DI INDAGINI SULLE RILEVAZIONI NEL SUD ITALIA Cambia il paniere Istat, ma in ritardo. Prodotti come chiavi Usb e film in dvd, da tempo entrati nelle case degli italiani, solo oggi vengono immessi nel paniere per il calcolo dell'inflazione - afferma il Codacons - Non ci convince inoltre l'aumento dei pesi assegnati ad alcuni capitoli. Viene aumentata infatti l'incidenza di abbigliamento e calzature e ristorazione, settori i cui consumi nel 2008 sono fortemente calati a causa della crisi economica, mentre non viene modificato il peso della voce alimentazione, che nel corso dello scorso anno ha pesato in modo massiccio sui bilanci delle famiglie. Ci chiediamo quindi in che modo gli aggiustamenti dei pesi possano essere in linea con l'andamento recente dei consumi degli italiani, e soprattutto con la crisi economica in atto, che ha modificato fortemente le abitudini delle famiglie. Il Codacons punta infine il dito contro le rilevazioni dei comuni: lo stesso Istat - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - parla di criticità nella raccolta dei dati nel sud Italia. Chiediamo allora di aprire delle indagini per capire come vengano raccolti i prezzi nelle regioni del Mezzogiorno, e accertare eventuali irregolarità che possano riflettersi sui dati relativi all'inflazione. ALCOL: AUMENTANO GLI ABUSI DA PARTE DEI GIOVANI NON RISPETTATO IL DIVIETO DI VENDITA AI MINORI. IL CODACONS PREPARA ESPOSTO AI NAS DI TUTTA ITALIA CHIESTI CONTROLLI IN DISCOTECHE, GRANDE E PICCOLA DISTRIBUZIONE E LOCALI PUBBLICI La vicenda dello stupro di Trento ha fatto tornare alla ribalta il problema dell'alcol nei giovani. Le ultime statistiche ci dicono che 740mila minori italiani tra gli 11 e i 17 anni manifestano consumi di alcolici a rischio, e un ragazzo su cinque al di sotto dei 15 anni abusa di alcol. Ciò avviene - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - perchè nessuno vigila sulla vendita e somministrazione di alcolici ai minori. Esistono infatti leggi nazionali e provinciali molto severe in materia, ma che nessuno rispetta, mancando del tutto i controlli. Si pensi alle discoteche. La legge impone di bloccare alle ore 2 la vendita di alcolici, ma i locali non sembrano rispettare rigorosamente questa disposizione. Al supermercato poi, chi ha visto mai una cassiera chiedere l'età a un minore che compra una bottiglia di vino o di rum? Il Codacons ha deciso quindi di presentare un esposto ai Nas di tutta Italia perchè si effettuino controlli a tappeto nelle discoteche, nei punti vendita della grande e piccola distribuzione e in tutti i locali autorizzati a somministrare bevande, al fine di accertare il rispetto dei limiti imposti dalla legge, punendo severamente chi vende alcolici ai minori o fuori dagli orari stabiliti. Il Codacons ha pubblicato inoltre sul blog del Presidente Codacons, Carlo Rienzi l'elenco dei danni per CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

6 l'organismo causati dall'assunzione di alcol, e invita i giovani a esprimere la propria opinione sull'argomento, commentando la notizia. PELLE O NON PELLE? QUESTO E' IL PROBLEMA! UN PERITO NOMINATO DAL GIUDICE DI PACE DI CAMPI SALENTINA ACCERTA CHE IL "PACCHETTO PELLE' OPZIONALE VENDUTO SUL VEICOLO SEAT ALTEA NON E' DI VERA PELLE A seguito di un ricorso depositato dal signor A.R. di Squinzano, difeso dall'avv. Massimo Todisco del Codacons di Lecce, il Giudice di Pace di Campi Salentina Dott. Francesco Bucato Capozza ha nominato un Consulente Tecnico che accertasse se gli interni del veicolo del signor A.R. fossero o meno in pelle. Il veicolo in questione è una Seat Altea che il signor A.R. ha dotato dell'optional "pacchetto pelle' per un prezzo di 1.340,00. L'ultima udienza del procedimento si è tenuta il 29/01/09 ed in quella data si è presa visione dell'elaborato peritale in cui il tecnico incaricato, dopo aver sottoposto il campione prelevato dal sedile dell'autovettura del signor A.R. a complessi esami chimici (avvalendosi dell'ausilio di laboratori specializzati), ha potuto affermare con certezza che il suddetto campione "prelevato dal sedile anteriore della vettura tg omissis non è di pelle naturale'. È evidente che il contegno tenuto dalla Casa Madre è non solo gravemente lesivo degli interessi e dei diritti de consumatori, ma rischia di turbare la concorrenza nel settore. Pertanto il Codacons di Lecce notificherà a giorni una diffida alla Seat chiedendo la cessazione del comportamento lesivo dei diritti dei consumatori, ai sensi dell'art. 140 Codice del Consumo, e segnalerà il caso anche all'autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato affinchè verifichi il comportamento commerciale tenuto dalla società automobilistica, chiedendo l'emissione dei provvedimenti ai sensi dell'art. 27 Codice del Consumo. P.A.: MINISTERO, TAR RESPINGE RICORSO 'FANNULLONI OPEROSI' IL CODACONS: NOTIZIA SBAGLIATA. IL RICORSO PROPOSTO DAL CODACONS E' ANCORA IN ATTESA DI FISSAZIONE DI UDIENZA IL MINISTRO BRUNETTA DOPO I FALSI MALATI SI "INVENTA'LE SENTENZE A SUO FAVORE Gravissimo il contenuto della nota diffusa oggi dal Ministero della Funzione Pubblica, secondo cui Il Tar del Lazio avrebbe dichiarato inammissibile il ricorso presentato da alcuni dipendenti pubblici rappresentati dal Comitato fannulloni operosi (Co.f.o) e appoggiati dal 6 CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio 2009 Codacons. Il ricorso del Co.f.o., appoggiato dal Codacons, non è stato ancora deciso ed è in attesa di fissazione di nuova udienza dopo la proposizione di motivi aggiunti - spiega l'associazione - Forse con la diffusione di tale notizia sbagliata si vuole tentare di creare confusione nell'opinione pubblica e nei dipendenti, informando circa un ricorso proposto da dipendenti assolutamente non facenti parte del Co.f.o. e non sostenuti dal Codacons, per il quale il Tar ha dichiarato difetto di giurisdizione senza entrare nel merito dei numerosi motivi di ricorso proposti invece nella richiesta dell'associazione. Il Ministero deve rettificare immediatamente tale notizia erronea - prosegue il Codacons - in caso contrario agiremo in sede civile e penale per diffamazione ai danni dell'associazione e dei fannulloni operosi. Ciò a cui fa riferimento la nota della Funzione pubblica è una vecchia sentenza del dicembre scorso che, lungi dall'esaminare la questione di incostituzionalità dell'art. 71, si limita a stabilire quanto segue: "è carente il requisito della rilevanza della questione della legittimità costituzionale ed è inammissibile la censura di eccesso di potere' solo in quanto i ricorrenti avrebbero dovuto - secondo il Tar - instaurare la causa "dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria posto che appartengono a categoria contrattualizzate'. Ci chiediamo - dichiara il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - quale altro intento pubblicitario a favore delle sue sciagurate riforme il Ministro Brunetta abbia in mente, visto che diffonde notizie di sentenze che gli darebbero ragione laddove invece non entrano assolutamente nel merito delle censure. Ci auguriamo vivamente - conclude Rienzi - che le statistiche sulla maggior presenza di dipendenti in ufficio che il Ministro diffonde oramai sistematicamente, non siano fornite seguendo lo stesso criterio riservato alla nota sbagliata odierna'. 06/02/2009 PENSIONATO AZZANNATO DA CANE CORSO: IL CODACONS AVEVA CHIESTO DI INSERIRLO TRA I CANI PERICOLOSI E' LA CONFERMA CHE L'ELENCO DELLE RAZZE PERICOLOSE DEVE RESTARE E VA POTENZIATO IL CODACONS CHIEDE IL PATENTINO OBBLIGATORIO Un pensionato è stato aggredito a San Giovanni Rotondo (Foggia) da tre cani, due rottweiler e un corso, mentre aspettava un autobus. Ebbene il Codacons aveva diffidato il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, che sta addirittura per eliminare la lista delle 17 razze attualmente considerate potenzialmente pericolose, perchè ampliasse e potenziasse l'elenco, inserendo il cane corso. Non si capisce, infatti, perchè dalle ordinanze Sirchia, Storace e poi Turco siano stati esclusi cani come: Mastino napoletano, American Staffordshire Terrier,

7 Staffordshire Bull Terrier, Dobermann, Dogue De Bordeaux, Mastiff ed, appunto, il Cane Corso. L'incidente di oggi dimostra che l'elenco delle razze rischiose va potenziato e che l'ordinanza Sirchia è efficace, salvo per gli episodi all'interno delle abitazioni o in caso di fuga degli animali che non venivano disciplinati. Ecco perchè il Codacons da tempo chiede di introdurre il patentino obbligatorio per chi vuole detenere le razze più poderose e robuste. 06/02/2009 TV: ANCHE IL TAR DEL LAZIO CONTRO "AFFARI TUOI'!! BOCCIATA LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DEL DIVIETO MINISTERIALE AVANZATA DA UNO STUOLO DI ILLUSTRI AVVOCATI RAI ED ENDEMOL ORA IL MINISTERO DEVE INFLIGGERE UNA PESANTE SANZIONE PECUNIARIA ALLA RAI PER AVER VIOLATO IL DIVIETO CONTENUTO NEL DPR 430/2001 E SE LA SELEZIONE DEI CONCORRENTI CONTINUA AD ESSERE FATTA DA ENDEMOL SULLA BASE DI CRITERI INCONTROLLABILI E NON TRASPARENTI SARA' INEVITABILE UNA NUOVA DENUNCIA PENALE PRESTO LA PRIMA CAUSA PILOTA CONTRO LA RAI DA PARTE DI UN FEDELE TELESPETTATORE DI "AFFARI TUOI' La terza sezione del Tar Lazio (Presidente Riggio, Relatore Fantini) dopo una lunga discussione ha sconfessato ieri le tesi sostenute dai difensori della Rai e di Endemol, e ha rigettato il ricorso contro la decisione del Ministero dello sviluppo economico che ha dichiarato vietata la trasmissione "Affari Tuoi'. Per i giudici, infatti, è insussistente la tesi del danno grave e irreparabile che subirebbero Rai ed Endemol a causa della decisione del Ministero. Di conseguenza - spiega il Codacons - resta valido il divieto inflitto dal dicastero, cui deve ora seguire una salata sanzione pecuniaria nei confronti della rete di Stato, in relazione alla violazione del D.P.R. 430/2001 sui giochi a premio. L'associazione, inoltre, vuole fare chiarezza sui criteri seguiti dalla Endemol per la selezione dei concorrenti. Se non sarà garantita massima trasparenza e parità di accesso al gioco - afferma il Codacons - sarà inevitabile una nuova denuncia penale presso la magistratura, in favore dei potenziali concorrenti danneggiati. E mentre sul blog del Presidente Codacons Carlo Rienzi sono oramai centinaia le proteste dei telespettatori contro "Affari tuoi', si prepara la prima causa pilota al Giudice di Pace contro la Rai, da parte di un anziano fedele spettatore del gioco dei pacchi, che per anni ha assistito alla trasmissione inconsapevole del divieto piovuto dal Ministero. 06/02/2009 ALITALIA: L'11 FEBBRAIO IL TRIBUNALE DI ROMA DECIDE SULLA VENDITA DI ALITALIA A CAI Il prossimo 11 febbraio il Tribunale di Roma deciderà sulla vendita di Alitalia a Cai, pronunciandosi sul ricorso presentato dal Codacons e da alcuni azionisti. Nel ricorso - spiega l'associazione - avevamo chiesto di bloccare la vendita dell'azienda a Cai, a tutela degli azionisti danneggiati dall'operazione. Il Tribunale, nella precedente udienza, si era riservato di decidere se mandare alla Corte Costituzionale il DL 134 del 2008, che ha consentito lo svuotamento di valore delle azioni Alitalia detenute da migliaia di piccoli risparmiatori, con la vendita a trattativa privata alla cordata CAI degli asset di valore della compagnia. Se il Tribunale rimetterà alla Corte la legge e la Corte la annullerà, tutta la procedura di vendita a CAI decadrà con effetto ex tunc e gli aerei e gli altri asset dovranno essere restituiti alla vecchia Alitalia che poi potrà venderli sul mercato con un normale procedimento fallimentare a tutela degli azionisti e risparmiatori. Il Codacons da appuntamento a tutti i dipendenti e azionisti Alitalia il prossimo 11 febbraio alle ore 12:30 presso la terza sezione del Tribunale civile di Roma (stanza 584, IV piano, Viale Giulio Cesare 54/b) per intervenire ad adiuvandum nel procedimento. 06/02/2009 CRISI: BERLUSCONI, DA MISURE SPINTA CONSUMI FRA 0,5 E 1% IL CODACONS: MISURE SBAGLIATE: FAVORISCONO L'INDUSTRIA E DANNEGGIANO I CONSUMATORI RISCHIO IMPENNATA DELL'INDEBITAMENTO DEI CITTADINI Estremamente critico il giudizio del Codacons sul piano anti-crisi varato oggi dal Consiglio dei Ministri. "Le misure contenute nel piano - spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - avranno come unico effetto quello di favorire l'industria a danno dei consumatori, e non consentiranno alcuna ripresa reale dei consumi. Ma c'è di peggio. Gli incentivi sull'acquisto di auto, mobili ed elettrodomestici daranno vita ad una vera e propria "fiera dello spreco', e determineranno una pericolosa impennata dell'indebitamento da parte dei cittadini, attraverso un ricorso massiccio al credito al consumo'. "Se davvero il Governo voleva far riprendere i consumi - conclude Rienzi - avrebbe dovuto agire su prezzi, CODACONS NEWS n. 6 02/08 febbraio

8 La pubblicazione Codacons News è iscritta all elenco speciale, annesso all Albo dei giornalisti di Milano e registrata presso il Tribunale di Milano n.609. Codacons News viene distribuito nei mercati rionali gratuitamente. -Non contiene pubblicità - Abbonamento annuale 50,00 da versare attraverso vaglia postale intestato a: Codacons Nazionale Lombardia, viale Abruzzi 11, Milano (tel , fax ) Direttore responsabile: Giuseppe Ursini Coordinamento editoriale: Marco Donzelli Comitato di redazione: Stefano Zerbi, Marcello Andreozzi, Gabriella Arcuri, Romana D Ambrosio. (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell ambiente e dei diritti degli utenti e consumatori) COLLEGIO DI PRESIDENZA CODACONS Carlo Rienzi Marco Maria Donzelli Giuseppe Ursini Marco Ramadori E un associazione nata nel 1986 e volta al perseguimento SEDI SPORTELLO SULLA CITTA di un mirato rapporto tra l uso individuale e collettivo BARI delle risorse umane ed un razionale sviluppo della BOLOGNA società, improntato al rispetto della dignità della persona CAMPOBASSO umana e della salvaguardia dell interesse fondamentale CATANIA della salute e della sicurezza, attuale e futura delle CATANZARO singole persone. CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) L associazione ha inoltre la finalità di tutelare, con ogni GENOVA mezzo legittimo, gli interessi dei consumatori e degli FIRENZE utenti nei confronti dei soggetti pubblici o privati, MILANO produttori e/o erogatori di beni e servizi (art.7 Statuto MARANO D ISERA (TRENTO) Codacons). MATERA Il Codacons è un associazione di volontariato ai sensi MESTRE (VENEZIA) della legge 266/91, per la difesa dell ambiente e dei NAPOLI PERUGIA consumatori, è riconosciuta ai sensi della legge 349/1986 PESCARA Istitutiva del Ministero dell Ambiente, è un organizzazione PORDENONE non lucrativa di utilità sociale ai sensi del d.lgs. 460/1997 ROMA ed è membro del Consiglio Nazionale dei Consumatori e SALERNO Utenti al Ministero dell Industria CODACONS ai sensi NEWS della n. 6 legge SASSARI /08 febbraio /98 TORINO

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli