Dott.ssa Federica Terzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott.ssa Federica Terzi"

Transcript

1 CIRCOLARE SETTIMANALE DEL 31 GENNAIO 2015 In sintesi le principali novità della settimana. E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri di venerdì 23 gennaio e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 19 del il decreto legge che definisce le regole per l'imu dei terreni agricoli montani per il 2014 e per il Si tratta del D.L. n. 4 del A decorrere dal 2015, quindi con effetto a partire dall'imu 2015 (che si pagherà a giugno e dicembre 2015), ci si rifarà all'elenco dei Comuni montani elaborato dall'istat, colonna R. In particolare, l esenzione dall'imu si applica: ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei Comuni classificati come totalmente montani (sigla T), come riportato dall elenco dei Comuni italiani predisposto dall Istat; ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani (sigla P), come riportato dall elenco dei Comuni italiani predisposto dall Istat. Si pagherà l'imu, invece, per quei terreni classificati con la sigla NM, cioè non montani. Tali criteri si applicano anche all'imu per l anno di imposta 2014, la cui scadenza di versamento è slittata dal 26 gennaio al 10 febbraio Per l anno 2014 non è, comunque, dovuta l Imu per quei terreni che erano esenti in virtù del decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 28 novembre 2014 (criterio altimetrico)e che, invece, risultano imponibili per effetto dell applicazione dei criteri sopra elencati (elenco Istat). In sostanza, scatta una sorta di clausola di tutela in base alla quale chi, per caso, risultasse non esente in base all'altitudine ma esente in base alla classificazione T-P-NM indicate nell elenco Istat alla colonna R non pagherà comunque l Imu 2014 il 10 febbraio. Chi, invece, risulti esente in base all altitudine (colonna P), anche se non in base alla classificazione Istat, non pagherà comunque l Imu 2014 il 10 febbraio. E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 19 del il decreto legge sul c.d. "investment compact" (D.L. n. 3 del ), contenente "misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti". Il decreto legge, in vigore dal 25 gennaio, prevede, in particolare: la modifica della disciplina delle banche popolari; la semplificazione della portabilità dei conti correnti; l'estensione della disciplina delle start up innovative di cui al D.L. n. 179/2012 anche alle "PMI innovative" definendone caratteristiche e requisiti; la modifica della tassazione dei redditi derivanti da beni immateriali estendendo il "patent box" a tutti i marchi commerciali. Con riferimento alle banche popolari, viene stabilito che l'attivo della banca popolare non può superare 8 miliardi di euro. In caso di superamento del limite, se entro un anno l'attivo non è stato ridotto al di sotto della soglia né è stata deliberata la trasformazione in società per azioni o la liquidazione, la Banca d'italia può adottare il divieto di intraprendere nuove operazioni o proporre alla Banca centrale 1

2 europea la revoca dell'autorizzazione all'attività bancaria e al Ministro dell'economia e delle finanze la liquidazione coatta amministrativa. E' ancora possibile per gli operatori effettuare la comunicazione "black list" relativa all'ultimo periodo 2014 con le vecchie modalità, come era stato precisato dall'agenzia delle Entrate con comunicato stampa del Avvalendosi di tale possibilità, non sarà necessario nel 2015 presentare la comunicazione annuale relativa al Pertanto, i soggetti Iva mensili/trimestrali che effettuano operazioni con operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato (Paesi c.d. "black-list"), entro il 2 febbraio (il 31 gennaio cade di sabato) possono ancora effettuare la comunicazione mensile (dicembre 2014) o trimestrale (4 trimestre 2014) degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi di importo superiore a 500, effettuate e ricevute, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi c.d. "black-list". E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2015 il Decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze del 29 dicembre 2014 che, in base alle regole stabilite del D.Lgs. n. 175/2014 (decreto semplificazioni fiscali), ridefinisce i compensi spettanti a Caf e professionisti abilitati per l attività svolta per la dichiarazione precompilata. I livelli di remunerazione saranno articolati su tre scaglioni con importi unitari a salire nel corso degli anni. Con comunicato stampa n. 17 del 16 gennaio 2015, il Ministero dell'economia e delle Finanze ha informato che l'italia e la Svizzera hanno raggiunto un'intesa di principio sulla cooperazione nelle questioni fiscali e che i due Governi stanno preparando la firma di un Protocollo di modifica della Convenzione per evitare le doppie imposizioni e di una roadmap. Entrambi i documenti dovrebbero essere firmati prima del termine del 2 marzo 2015, definito dalla normativa italiana sulla regolarizzazione dei capitali detenuti all'estero (voluntary disclosure). Con l'accordo sono stati raggiunti, in particolare, i seguenti principali obiettivi: la realizzazione di sinergie con la legge sulla regolarizzazione spontanea dei capitali detenuti all estero (voluntary disclosure), il miglioramento dell'accordo sulla fiscalità dei lavoratori frontalieri, l'abolizione o adeguamento agli standard internazionali dei regimi svizzeri di fiscalità privilegiata. Da oggi parte ufficialmente l'operazione "voluntary disclosure", ovvero la collaborazione volontaria per il rientro dei capitali dall'estero. A confermarlo è stata, nel corso di Telefisco 2015, il consueto appuntamento dell'agenzia delle Entrate con la stampa specializzata, tenutosi ieri 29 gennaio, lo stesso direttore delle Entrate, Rossella Orlandi, che ha infatti affermato che oggi sarà predisposta e resa disponibile sul sito internet dell'agenzia la versione definitiva del modello di adesione e le relative istruzioni. A seguire, verrà pubblicata anche una circolare esplicativa sugli aspetti dubbi della disciplina. A quel punto, i contribuenti interessati ad aderire alla procedura di 2

3 collaborazione volontaria avranno 30 giorni di tempo per presentare la documentazione a supporto e, successivamente, verrà avviato il contraddittorio con gli uffici. 3

4 INDICE IMU TERRENI AGRICOLI MONTANI: PROSSIMA SCADENZA 10 FEBBRAIO Il Governo ha riscritto "in extremis" le regole dell'imu per i terreni agricoli montani e ha prorogato il termine di scadenza per l'imu 2014 al 10 febbraio Il tutto è stato stabilito con il D.l. 4/2015, pubblicato in Gazzetta Ufficiale due giorni prima della scadenza originariamente fissata per il Al posto del criterio basato sull'altitudine, dal 2015 si adotterà il criterio di classificazione dei terreni predisposto dall'istat. Le nuove regole avranno effetto retroattivo anche per il VIES, LE NUOVE MODALITÀ DI ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE Con il decreto semplificazioni sono state apportate alcune modifiche alle modalità di iscrizione e cancellazione dal VIES, che sono state definite dall'agenzia delle Entrate con il Provvedimento del La novità più importante è che mentre fino a poco tempo fa era necessario attendere 30 giorni dalla richiesta per poter porre in essere operazioni intracomunitarie, ora tale sospensione è stato eliminata. Gli operatori pertanto possono effettuare operazioni intracomunitarie già a partire dal momento della richiesta. IL MODELLO IVA 2015 È disponibile sul sito internet dell'agenzia delle Entrate il Modello Iva 2015, relativo all anno In questa scheda si riepilogheranno le novità più importanti del modello rispetto a quello dell'anno scorso, in modo da focalizzare i punti a cui prestare maggiore attenzione durante la compilazione. 4

5 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi OGGETTO: Imu terreni agricoli montani: prossima scadenza 10 febbraio Venerdì 23 gennaio 2015 il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge che riscrive le regole sull'imu dei terreni agricoli montani, abbandonando il criterio dell'altitudine (oggetto di molte critiche e di ricorsi al TAR), e adottando quello della classificazione Istat del territorio: "non montano", "parzialmente montano" e "montano". Per risolvere la questione dell'imu terreni montani il Governo ha anche prorogato al 10 febbraio 2015 il termine ultimo di pagamento relativo al Il decreto (d.l. 4/2015) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del , due giorni prima della scadenza, fissata per il 26 gennaio. L'IMU SUI TERRENI AGRICOLI MONTANI IL NUOVO CRITERIO DI ESENZIONE SECONDO LA CLASSIFICAZIONE ISTAT Il nuovo testo normativo (d.l. 4/2015) prevede che a partire dal 2015 l'esenzione Imu si applica: ai terreni agricoli (ancorché non coltivati) ubicati dei comuni classificati come "totalmente montani" dall'istat, contrassegnati dalla lettera "T" nella colonna "R" dell'elenco predisposto dall'istat; i terreni agricoli (ancorché non coltivati) posseduti e condotti da coltivatori diretti/iap iscritti alla previdenza agricola ricadenti in comuni classificati come "parzialmente montani" secondo l'istat, contrassegnati dalla lettera "P" nella colonna "R" dell'elenco predisposto dall'istat. L'elenco dell'istat è consultabile nel sito dell'istat all'indirizzo NUOVE REGOLE PER I TERRENI AGRICOLI COLONNA "R" DELL'ELENCO ISTAT ESENTI DALL'IMU Totalmente montani "T" Parzialmente montani "P" Non montano (NM) Sì, tutti Sì, se posseduti da coltivatori diretti o IAP iscritti alla previdenza agricola (anche se affittati/concessi in comodato a coltivatori diretti/iap iscritti nella previdenza agricola). No, mai 5

6 REGOLE PER L'IMU 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA PER L'IMU 2014 I nuovi criteri stabiliti per il 2015 si applicano con effetto retroattivo anche all'anno d'imposta In più, per il 2014, sono esentati anche quei terreni che erano esenti dall'imu ai sensi del D.m (che aveva stabilito i criteri di esenzione in base all'altitudine). Per l'imu 2014, quindi, varranno alternativamente sia i criteri di esenzione fissati dal D.m , sia quelli stabiliti dal nuovo decreto legge. Questo comporterà un maggior numero di esenzioni rispetto ai prossimi anni. Pertanto: chi risultasse esente 1 in base alle regole dell'altitudine (del D.M ), continua a risultare esente, a nulla rilevando le nuove disposizioni; chi risultasse non esente 2 in base alle regole dell'altitudine (del D.M ), ma esente 3 in base alla classificazione del D.l. 4/2015, non pagherà l'imu 2014 in scadenza il REGOLE DELL'ALTITUDINE NUOVE REGOLE DEL D.L. SCADENZA DEL (DM ) 4/2015 Esente Imponibile Esente Imponibile Esente Esente Imponibile Imponibile Imu dovuta SCADENZA IMU 2014 Per fornire il tempo necessario all'effettuazione dei conteggi, il decreto legge ha stabilito che, per i terreni agricoli montani imponibili Imu per il 2014, il termine è posticipato al 10 febbraio Distinti saluti Lo Studio è a disposizione per ogni chiarimento 1 Quindi quelli: in Comuni con una altitudine pari o superiore a 601 metri slm; posseduti da coltivatori diretti / IAP iscritti alla previdenza agricola se ubicati nei Comuni con una altitudine pari o superiore a 281 metri slm (oltre i 600 metri slm trova applicazione l esenzione di cui al punto precedente); ad immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile. 2 Quindi quelli: in Comuni con altitudine inferiore a 601 metri slm; posseduti e condotti da coltivatori diretti / IAP in Comuni con altitudine inferiore a 281 metri slm. 3 Ubicati : in Comuni classificati totalmente montani (lettera T ); in Comuni parzialmente montani (lettera P ) di coltivatori diretti / IAP iscritti alla previdenza agricola. 6

7 INFORMAZIONE FISCALE Ai Sig.ri Clienti OGGETTO: VIES, le nuove modalità di iscrizione/cancellazione I soggetti passivi Iva che intendono effettuare operazioni intracomunitarie devono chiedere apposita autorizzazione all'agenzia delle Entrate, che in caso di esito positivo iscriverà il richiedente al VIES, cioè all'archivio informatico dei soggetti che effettuano operazioni intracomunitarie. A seguito delle modifiche introdotte con il c.d. "decreto semplificazioni", sono state definite dall'agenzia delle Entrate le nuove modalità per l'inclusione e l'esclusione dal VIES. In particolare l'iscrizione sarà immediata, al momento dell'apertura della partita Iva o della richiesta telematica. Non sarà pertanto più necessario attendere il 31 giorno successivo alla richiesta di iscrizione per poter effettuare operazione intraue. Di contro è stata introdotta la cancellazione d'ufficio dal VIES per i soggetti che per quattro trimestri consecutivi non hanno presentato i modelli Intrastat. L'Agenzia delle Entrate ha già fornito alcuni chiarimenti, in relazione alle recenti novità, con la Circolare 31/E del LE NUOVE MODALITÀ DI ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DAL VIES LE MODALITÀ DI ISCRIZIONE AL VIES La volontà di essere inseriti nel Vies si manifesta in modo diverso a seconda che il soggetto passivo Iva inizi l attività e debba pertanto presentare la dichiarazione di inizio attività, o sia già attivo. Nel primo caso (quindi soggetto che inizia un'attività) la manifestazione di volontà si esprime compilando il campo Operazioni Intracomunitarie del quadro I dei modelli: AA7 per i soggetti diversi dalle persone fisiche; AA9 per le imprese individuali e i lavoratori autonomi. Per gli enti non commerciali, non soggetti passivi d imposta, la manifestazione di volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie si esprime selezionando la casella C del quadro A del modello AA7. Nel secondo caso (quindi soggetti che sono già in attività) l'opzione per effettuare operazioni intracomunitarie si realizza utilizzando le apposite funzioni rese disponibili nei servizi telematici dell Agenzia delle Entrate, direttamente (se abilitati ad Entratel/Fisconline) ovvero tramite un intermediario abilitato. Tale modalità di iscrizione era stata annunciata con il comunicato stampa del , e poi è stata confermata con il Provvedimento del Non è quindi più possibile chiedere l iscrizione al VIES con la presentazione dell apposita istanza ad un qualsiasi Ufficio dell Agenzia delle Entrate direttamente, a mezzo raccomandata o mediante PEC. Qualsiasi sia la modalità adottata, l opzione ha effetto immediato, in quanto l Agenzia delle Entrate include i soggetti passivi nella banca dati al momento della ricezione dell opzione. Non è pertanto più necessario attendere i 30 giorni 7

8 per poter effettuare le operazioni intracomunitarie. L iscrizione avviene al momento della richiesta della partita IVA ovvero della ricezione telematica della richiesta di iscrizione al VIES. L'avvenuta inclusione può essere riscontrata, a partire dalla stessa data, sul sito internet dell'agenzia delle Entrate mediante i sistemi di interrogazione telematica delle partite IVA comunitarie. Per uniformità di trattamento, è prevista l'immediata inclusione nella banca dati di tutti i soggetti passivi che nei trenta giorni antecedenti all'entrata in vigore del Provvedimento del (quindi dal ) abbiano presentato istanza di inclusione, e per i quali non sia stato già emanato provvedimento di diniego. La cancellazione dal VIES può avvenire per volontà del soggetto interessato o d'ufficio. In caso di cancellazione per volontà del soggetto interessato, che intende pertanto di retrocedere dall opzione prima espressa, bisogna effettuare apposita comunicazione utilizzando i servizi telematici, direttamente o tramite un intermediario abilitato. L Ufficio provvederà all esclusione dal VIES al momento della ricezione della comunicazione di recesso. Come per la richiesta d iscrizione non è più possibile presentare l apposita istanza di cancellazione con modalità alternative. LA CANCELLAZIONE DAL VIES In caso di cancellazione d ufficio, a causa: dell esito negativo dell attività di controllo circa la correttezza e completezza dei dati forniti; della mancata presentazione dei modd. Intra per 4 trimestri consecutivi. In questo caso: la competente Direzione provinciale invia preventivamente un apposita comunicazione al soggetto interessato; la cancellazione dal VIES ha effetto dal 60 giorno successivo alla data di detta comunicazione. Con la Circolare 31/E/2014 l'agenzia delle Entrate ha aggiunto che nel periodo intercorrente tra il ricevimento della comunicazione e la cancellazione, il contribuente potrà rivolgersi all'ufficio competente per fornire i chiarimenti e le spiegazioni della mancata presentazione degli elenchi. Ad esempio potrebbe essersi trattato di un involontaria omissione della trasmissione dell Intrastat, ancorché siano state regolarmente effettuate operazioni intracomunitarie. In tal caso il contribuente fornirà la documentazione di tutte le operazione intracomunitarie fatte nel periodo dei 4 trimestri, o adeguati elementi circa le operazioni intracomunitarie in corso o da effettuare. In alternativa il contribuente potrà manifestare l'intenzione di effettuare operazioni intracomunitarie. Con la Circolare 31/E/2014 l'agenzia ha specificato inoltre che la verifica sui quattro trimestri opera dal momento di entrata in vigore della disposizione: 8

9 (data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 175/2014). Pertanto i trimestri antecedenti l'entrata in vigore del decreto non contano. ASPETTO SANZIONATORIO Riguardo al regime sanzionatorio, la circolare 31/E/2014 ricorda che verrà applicato il principio del favor rei, secondo il quale le violazioni precedentemente commesse, ad oggi non più sanzionabili a norma delle attuali disposizioni in materia, non potranno più essere oggetto di contestazioni, salvo i casi in cui il provvedimento di irrogazione delle sanzioni sia già stato reso definitivo. Distinti saluti Lo Studio è a disposizione per ogni chiarimento 9

10 INFORMAZIONE FISCALE Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi OGGETTO: Il modello Iva 2015 Con il provvedimento direttoriale del 15 gennaio 2015 sono stati approvati per l anno d imposta 2014 il modello di dichiarazione IVA/2015 e il modello IVA BASE/2015. Il modello Iva 2015 deve essere presentato entro il Si ricorda che in base a quanto previsto dalla Legge di stabilità 2015 (art. 1 comma 641 L. 190/2014), questo sarà l'ultimo anno in cui sarà possibile presentare la dichiarazione Iva unificata (cioè con il modello Unico). Dal 2016, in relazione al periodo d'imposta 2015, sarà possibile presentare solo la dichiarazione Iva autonoma, entro l'ultimo giorno di febbraio, e in questo modo però si eviterà di dover presentare la Comunicazione dati Iva. Nella tabella che segue si illustrano le principali novità introdotte al modello di dichiarazione IVA/2015. IL MODELLO IVA 2015 E' stata eliminata la Sezione Soggetti non residenti che richiedeva la compilazione dei campi relativi allo Stato estero di residenza, al codice Stato estero e al numero di identificazione IVA Stato estero. LE NOVITÀ DEL FRONTESPIZIO Sono stati eliminati nella Sezione Dichiarante diverso dal contribuente i campi riservati ai soggetti non residenti. Nella Sezione Impegno alla presentazione telematica non è più presente il campo in cui i Caf dovevano indicare il numero di iscrizione al relativo Albo, inoltre il campo Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione è stato sostituito con Soggetto che ha predisposto la dichiarazione, nel quale va indicato: 1 se la dichiarazione è predisposta dal contribuente, 2 se predisposta dal soggetto che effettua l invio. LE NOVITÀ DEL QUADRO VA Il rigo VA14 è stato modificato per permettere ai soggetti che dal 1 gennaio 2015 adottano il nuovo regime forfetario (introdotto dalla Finanziaria 2015) di indicare alla casella 1 che si tratta dell ultima dichiarazione IVA precedente l applicazione del regime. E' stata eliminata la sezione 3, che raccoglieva i dati relativi agli estremi identificativi dei rapporti finanziari in essere nel Tale sezione è confluita nel 10

11 nuovo quadro VB. IL NUOVO QUADRO VB E' stata inserito il nuovo quadro VB, per indicare gli estremi identificativi dei rapporti con gli operatori finanziari (per esempio banche società Poste italiane spa, ecc...) in essere nel 2014, indicato prima nel quadro VA, Sezione 3, da rigo VA20 a rigo VA26. Nel quadro VE è stato soppresso il rigo VE22 che nel mod. IVA 2014 era dedicato all indicazione delle operazioni assoggettate all aliquota IVA del 21%. Di conseguenza i righi della Sezione 3 sono stati rinumerati. Al rigo VE30, relativo alle Operazioni che concorrono alla formazione del plafond è stato inserito il nuovo campo 5 Operazioni assimilate, che si aggiunge ai campi "Esportazioni", "Cessioni intracomunitarie", "Cessioni verso San Marino", e in cui vanno riportate le operazioni non imponibili IVA diverse da quelle riportate nei campi da 2 a 4. La nuova ripartizione del rigo VE30 è analoga al rigo A2 del nuovo modello della dichiarazione d intento. LE NOVITÀ DEL QUADRO VE Al rigo VE32, riservato alle operazioni non imponibili diverse da quelle indicate a rigo VE30 e VE31, sono comprese anche le operazioni non imponibili effettuate nei confronti dei Commissariati Generali di Sezione cioè la struttura mediante la quale un partecipante Ufficiale realizza e gestisce la sua partecipazione ad Expo Milano Nel rigo VE34 vanno riportate le operazioni non soggette a IVA, per mancanza del requisito territoriale, per le quali è stata emessa fattura come previsto dall art. 21, comma 6-bis, DPR n. 633/72, e che nel modello Iva 2014 erano indicate al rigo VE39. Tali operazioni concorrono alla formazione del volume d'affari. Nel caso in cui si tratti di operazioni che, se svolte in Italia, non darebbero diritto alla detrazione ex art. 19, comma 3, lett. b), DPR n. 633/72 occorre riportare: gli acquisti interni / intraue e le importazioni afferenti le operazioni in esame a rigo VF18 Acquisti e importazioni per i quali non è ammessa la detrazione ; le suddette operazioni a rigo VF34, campo 8. LE NOVITÀ DEL QUADRO VF Nel quadro VF è stato soppresso il rigo VF11 presente nel mod. IVA 2014, in cui venivano indicate le operazioni con aliquota IVA del 21%, e il quadro di conseguenza è stato rinumerato. Al rigo VF34, contenente i dati necessari per il calcolo della percentuale di pro rata, è stato inserito il nuovo campo 8 in cui sono indicate le operazioni che se effettuate nel territorio dello Stato non darebbero diritto alla detrazione (articolo 19, comma 3, lettera b), già comprese al rigo VE34. LE NOVITÀ DEL QUADRO VX Il quadro VX è stato modificato per recepire le nuove modalità di esecuzione dei rimborsi, introdotte dal decreto legislativo semplificazioni n.175/2014 con lo 11

12 scopo di accelerare l erogazione dei rimborsi IVA. Infatti, a seguito delle novità introdotte, il rimborso di importo: > è erogato senza prestazione di alcuna garanzia richiesto da un soggetto a rischio 4, è erogato previa prestazione di idonea garanzia richiesto da un soggetto non a rischio, è erogato previa prestazione di garanzia ovvero senza la stessa presentando la dichiarazione annuale/istanza infrannuale munita del visto di conformità (o della > sottoscrizione dell organo di controllo), allegando alla stessa una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante la sussistenza di determinati requisiti patrimoniali e il regolare versamento dei contributi previdenziali e assicurativi. Al rigo VX4 (accesso al rimborso senza prestazione di garanzia) sono stati eliminati i campi 7 e 8, presenti nel mod. IVA 2014, ed è stato inserito il nuovo campo 6 Esonero garanzia, riservato ai contribuenti che non sono tenuti alla presentazione della garanzia. Per le società non di comodo, il campo 6 Attestazione delle società e degli enti operativi presente nel mod. IVA 2014, da barrare per attestare la condizione di operatività, è stato sostituito da una specifica dichiarazione sostitutiva di atto notorio mediante la quale, apponendo la sottoscrizione al campo 7, si dichiara di non rientrare tra le società di comodo ex art. 30, comma 4, Legge n. 724/94. Nella parte riservata all Attestazione condizioni patrimoniali e versamento contributi, è stata introdotta la dichiarazione sostitutiva di atto notorio utilizzabile per attestare, barrando la relativa casella e apponendo la sottoscrizione a campo 8, la presenza della condizione di solidità patrimoniale e di versamento dei contributi previdenziali e assicurativi. LE NOVITÀ DEL QUADRO VO A seguito della reintroduzione del regime di tassazione catastale e del regime di determinazione forfettaria del reddito, ad opera della Finanziaria 2014 (art.1 comma 36 della L.147/2013), sono state ripristinate le caselle dei righi VO23 e VO24 destinate a comunicare l opzione/revoca. 4 Sono considerati "a rischio" coloro che: esercitano l attività da meno di 2 anni (escluse le start up di cui all art. 25, DL n. 179/2012); sono stati oggetto, nei 2 anni antecedenti la richiesta di rimborso, di avvisi di accertamento / rettifica da cui risulti, per ciascun anno, una differenza tra importi accertati e importi dovuti (o di crediti dichiarati) superiore al: 10% degli importi dichiarati se questi non superano ; 5% degli importi dichiarati se questi superano ma non superano ; 1% degli importi dichiarati, o comunque a , se gli importi dichiarati superano ; presentano la dichiarazione / istanza infrannaule a rimborso priva del visto di conformità o non presentano la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà; richiedono il rimborso del credito a seguito della cessazione dell attività. 12

13 Distinti saluti Lo Studio è a disposizione per ogni chiarimento 13

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

n. 7 del 3 aprile 2015

n. 7 del 3 aprile 2015 n. 7 del 3 aprile 2015 FISCO In evidenza Mod. 730-4: comunicazione entro il 15 aprile pag. 2 Fatturazione elettronica: servizi per i commercialisti pag. 3 Tax credit per il turismo digitale pag. 4 LAVORO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI Provincia di COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione Consiliare n. 11 del 07.08.2014 1 INDICE GENERALE - CAPITOLO

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli