Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015"

Transcript

1 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica Il concetto di cognizione, processo della conoscenza è quindi molto più vasto del concetto di pensiero, ne fanno parte le percezioni, le emozioni, e le azioni intero processo della vita. Inoltre, nell ambito umano, ne fanno parte anche il linguaggio, il pensiero concettuale e tutti gli attributi della coscienza che è propria dell uomo (Fritijof Capra La rete della vita pg ) 1

2 EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. L obiettivo principale della JAJO Sport Associazione Dilettantistica è divulgare un attività motoria sana, didatticamente amente strutturata, in stretta relazione con i concetti educativi scolastici e, come da programmi ministeriali e indicazioni didattico educative moderne, che sia svolta tutto l anno scolastico. Come ormai dal 2006 siamo a proporre di effettuare il progetto EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO anche per l anno scolastico 2014/2015 alle stesse condizioni del passato che di seguito ricapitoliamo: Il progetto scuola della nostra Associazione EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO è nato nel 2006 per integrare e migliorare, con laureati in Scienze Motorie, la proposta educativa delle Scuole Elementari e Materne. Quest anno, se la collaborazione Istituto Comprensivo Manara Valgimigli e Associazione Dilettantistica JAJO sport rimane in essere, può partire all inizio izio di ottobre con la presenza della Professoressa Alessandra Ortolani laureata in scienze motorie. La presenza dell esperta sarà di un ora settimanale, nelle classi del primo e secondo ciclo per tutto l anno, al fine di integrare la progettualità curriculare ulare scolastica in ambito di Educazione Motoria e di interagire in modo interdisciplinare con le altre materie scolastiche. Per la scuola il progetto è Piangipane. interamente gratuito. E rivolto alle Scuole Elementari di JAJO Sport Associazione Dilettantistica si rende disponibile a collaborare con le scuole nella gestione delle diverse proposte esterne di Educazione Motoria, interagendo con i progetti motori di movimento di altre discipline presenti; si rende inoltre disponibile a fare formazione gratuita, sistematica con le maestre responsabili l Educazione Motoria nella scuola; oltre ad una presentazione in collegio dei docenti ed a sostenere un qualsiasi contraddittorio in riferimento all integrazione dell Educazione Motoria nel contesto programmatico scolastico. Nelle scuole inoltre JAJO Sport Associazione Dilettantistica, è disponibile, se coinvolta, a concordare progetti di conferenze rivolte ai genitori per approfondire argomenti del tipo: Movimento come educazione, Sviluppo della motivazione nei ragazzi, Ruolo degli enti educativi come famiglia, scuola, società sportiva ecc.. 2

3 Esperti che compongono il nostro staff per l anno scolastico : Dott. Guglielmo Guerrini: Presidente di JAJO Sport Associazione Dilettantistica, Laureato in scienze e tecniche delle attività fisiche sportive e ricerca all Università della Borgogna di Dijon (Francia). Laureato All ISEF di Bologna Prof.ssa Alessandra Ortolani: Laureata in Scienze Motorie, grande esperta in riferimento a progetti scuola legati allo sviluppo delle Attività Motorie ed esperta nell avviamento allo sport in età scolare e pre scolare. Prof. Maurizio Patanè: Laureato in Scienze Motorie all Università di Bologna. Esperto per il progetto Amsem (Progetto Attività Motoria nella scuola elementare organizzato da CONI e Provveditorato agli Studi. Nel nostro progetto Educazione attraverso il Movimento per le Scuole Materne ed Elementari, ci avvaliamo di esperti, esclusivamente laureati in Scienze Motorie. 3

4 EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di se positiva. Percorso rso didattico di educazione motoria nella Scuola Elementare JAJO Sport Associazione dilettantistica ha strutturato una programmazione teorico pratica che, partendo dall evoluzione delle attività motorie di base porti, attraverso lo sviluppo delle capacità percettive coordinative e condizionali allo sviluppo delle abilità motorie. L apprendimento motorio può essere definito come acquisizione, consolidamento, perfezionamento ed utilizzo zo della programmazione e messa in pratica del programma motorio in rapporto alle proposte complessive dell ambiente che ci circonda. Attraverso uno studio interdisciplinare, che ha interessato materie come: neuroscienze, pedagogia, psicologia, biologia e teoria dell'allenamento, è stato possibile predisporre un itinerario didattico ben definito, per uno sviluppo corretto delle capacità motorie in età giovanile. Alcune riflessioni ci fanno meglio comprendere quale importanza abbiano iniziative che coinvolgano, dal punto di vista dell Educazione Motoria, la Scuola Elementare. La prima considerazione parte dal presupposto che la personalità del bambino si costruisce su diverse aree (affettiva, sociale, cognitiva e motoria) e, affinché si sviluppi compiutamente, occorre che tali aree evolvano in modo completo, paritario ed in stretto collegamento trasversale tra di loro. Per raggiungere tali obiettivi, la programmazione didattica delle varie discipline deve essere organica sia nelle proposte curriculari che nel tempo a loro dedicato. Ciò significa che, all interno della programmazione scolastica, se giornalmente si dedica tempo ad attività cognitive, altrettanto giornalmente si dovrà dedicare attenzione all'attività motoria. 4

5 Visto quanto sopra, la seconda riflessione,, ci porta a considerare come educatori, tutti gli adulti che interagiscono con i bambini scorporati quindi dalle loro competenze specifiche,, molto importanti però in altri ambiti. La programmazione deve quindi partire dai bisogni e dai livelli dei bambini e non essere legata solo alla scansione temporale degli argomenti da svolgere. I programmi delle varie discipline, dovranno progredire omogeneamente, interagendo tra loro e strettamente legati alle conoscenze generali e non specifiche. Per un Educazione Motoria corretta nella Scuola Elementare, occorre attivare un itinerario didattico che segua i principi guida fondamentali per lo sviluppo della personalità e non un calderone di proposte con l idea che, pur di far muovere i bambini, tutto sia corretto. Infine occorre pensare che i bambini che frequentano scuole e società sportive sono gli stessi. Nella maggior parte dei casi però le proposte nelle società sportive, sono rivolte a un avvio precoce alla disciplina specifica e nella scuola, a un insieme di proposte che, vista la diversa origine, sono poco organiche. Partendo dal presupposto che l intervento deve essere di tipo educativo e che i bambini che frequentano sia le società sportive sia le scuole sono gli stessi, nello stesso periodo di sviluppo, l itinerario didattico dei due enti dovrà essere lo stesso. I principi guida dell Educazione Motoria si basano sul rispetto delle seguenti regole: Conoscenza delle leggi dello sviluppo.. Uno dei principi della teoria dell Educazione Motoria è quello dell'adeguare all'età dei bambini le attività proposte, sia dal punto di vista psicologico che fisiologico. Polivalenza degli interventi didattici. Contenuti rivolti allo sviluppo dell Area Motoria in stretta relazione però con i principi di sviluppo delle altre aree della personalità (affettiva-sociale- cognitiva) Uso multilaterale delle attività proposte.. Si pone alla base della costruzione della versatilità motoria. L utilizzo di attività sempre nuove e stimolanti permette di espandere il più possibile il patrimonio motorio del bambino Aumento graduale della quantità e qualità delle proposte motorie rivolte ai bambini.. Al fine di creare quegli adattamenti tamenti fisiologici e psicologici che portano ad uno sviluppo completo il bambino. 5

6 RAPPORTO SCHEMI MOTORI DI BASE - ABILITA Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Nella pratica si opererà sviluppando gli schemi motori di base che sono le prime unità di movimento che il bambino apprende e, tramite le quali, può appropriarsi di tutto il bagaglio motorio che gli abbisogna per la vita di relazione. Esse sono: lo strisciare, il camminare, il correre il saltare, l arrampicarsi ecc. Tramite lo sviluppo delle capacità coordinative e condizionali, gli schemi motori di base, diventeranno abilità. Le abilità motorie sono azioni che si apprendono ed automatizzano attraverso la ripetizione ampliando all infinito, la capacità espressiva non verbale della persona. Si acquisiscono in modo tanto più preciso, versatile e di facile utilizzo, quanto più legate allo sviluppo delle capacità coordinative, tramite lo sviluppo del percettivo e supportate, nell immediato futuro dallo sviluppo delle capacità condizionali. Sviluppando gli schemi motori di base evolvono le capacità coordinative che, a loro volta, nella nuova veste arricchita, ricchita, elevano il livello motorio fino a trasformarlo in abilità. 6

7 I bambini devono prima sapere leggere o camminare? Nel mondo dello sport, la fine degli anni 70 e tutti gli anni 80, sono stati caratterizzati da un grande dibattito, che cercava di definire l itinerario didattico dell Educazione Motoria, al fine di far comprendere a tutto il mondo pedagogico-didattico, didattico, come tale disciplina, dal punto di vista pratico, fosse parte integrante dello sviluppo della personalità del bambino. Nel periodo sopra indicato, la scuola elementare, a parte poche isole felici, è rimasta fuori dai giochi, continuando a giustificare la propria posizione di negazione della motricità, con il dovere completare i programmi ministeriali delle discipline cognitive. Un dettaglio, anche la motricità era ed è presente nei programmi ministeriali e quindi con un suo programma da svolgere e completare. I legislatori, nei programmi scolastici hanno sempre operato al fine di fare apparire l Educazione Motoria, con pari dignità alle discipline cognitive, ma in periferia è sempre stato difficile applicare tali programmi per un atavico retaggio culturale scolastico, che ha sempre posto le discipline cognitive come priorità: è meglio che i bambini imparino a leggere, a scrivere ed a fare di conti, prima di imparare a camminare, a correre ed a saltare ecc... e se non sanno muoversi, è comunque meglio che sappiano leggere scrivere ecc.. Tutti gli operatori scolastici di base sanno, visto che sia la psicologia che la pedagogia moderne lo hanno ormai appurato, che tutte le aree della personalità e quindi anche le discipline scolastiche devono evolvere in sintonia e simbiosi tra di loro: è meglio che i bambini imparino a leggere, a scrivere ed a fare di conti, mentre imparano a camminare, a correre ed a saltare ecc... e se non sanno muoversi, è bene fermarsi come ci si ferma quando non sanno leggere scrivere ecc.. e riportarli ad un livello adeguato all età considerata. Oggi, alla fine degli anni 90 l itinerario didattico dell Educazione Motoria è ormai definito ed accettato (anche se gli studi continuano in sintonia con le scienze legate all apprendimento) sia da chi opera nella scuola che da chi opera nelle società sportive. Visto però che i bambini che frequentano questi due enti educativi (scuola e società sportive) sono gli stessi, gli interventi di tipo motorio che si attiveranno saranno quindi gli stessi e miranti a raggiungere gli stessi seguenti obiettivi: obiettivo istituzionale, sviluppo unitario della personalità, 7

8 obiettivi generali dell'educazione Motoria, sviluppo degli schemi motori di base che, attraverso l'ampliamento delle capacità percettive, coordinative e condizionali evolvono nelle abilità tecniche delle varie attività sia sportive che della vita di relazione La diversità operativa dei due enti (scuola e società sportiva), inizia solo nel momento in cui occorre automatizzare le tecniche sportive in modo marcato. L'azione didattica quindi, deve adattarsi alle caratteristiche individuali degli allievi, per potenziare le capacità manifestatesi, recuperare le funzionalità deficitarie e mobilitare le potenzialità latenti. I segnali in questa direzione sono molteplici, non ultimo il protocollo d'intesa stilato fra il Ministero della Pubblica Istruzione e varie Federazioni previsto dalla C.M. 184 prot n 1436 / B del in cui si auspica una più vasta diffusione della pratica sportiva in ambito scolastico, mirata ad un coinvolgimento generalizzato degli studenti, attraverso interventi corretti dal punto di vista educativo-didattico. Ciò significa che chiunque entri nella scuola dell obbligo deve avere ben chiari gli obiettivi sopra esposti e l itinerario didattico per poterli raggiungere. Che sia Società Sportiva, o Progetto CONI-Provveditorato, UISP ENDAS o ACLI, il Programma che si deve sviluppare deve essere esattamente lo stesso, anche se con modalità diverse legate all eterogeneità dei diversi gruppi. «Senza movimenti di prensione e di tatto non si può pensare che si sviluppino il linguaggio infantile e che si crei gradualmente il mondo dei concetti, delle immagini e delle percezioni.. La ricchezza e la precisione dei concetti e delle idee attraverso il quale il bambino riflette il suo ambiente è tanto maggiore quanto più ricco e multiforme è il suo contatto sensomotorio con gli oggetti dell ambiente stesso» Kurt Meinel "Teoria del movimento" I primi problemi posti al bambino nella vita di relazione sono risolti attraverso il movimento che diventa quindi fonte di processi cognitivi Kurt Meinel "Teoria del movimento" 8

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA PROGETTO CON I GIOVANI A SCUOLA DI GIOCO-SPORT Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ed il CONI condividono nell ambito delle rispettive competenze

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

SPORT E SCUOLA. PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA

SPORT E SCUOLA. PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA SPORT E SCUOLA PROGETTO SALIAMO a cura del Centro F.I.N. Federazione Italiana Nuoto Avezzano (AQ) SALUTE, ALIMENTAZIONE, MOTRICITA 1 Introduzione 1.1 La situazione attuale nelle scuole Per motricità si

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

Progetto Educativo della scuola dell infanzia

Progetto Educativo della scuola dell infanzia Progetto Educativo della scuola dell infanzia Istituto Minutoli - scuola paritaria primaria e dell infanzia Via R. Paolucci, 5 - Palermo Tel. 091 6711022 info@istitutominutoli.it www.istitutominutoli.it

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA D ISTITUTO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso (PV) Tel. 0382 969143 0382 960306-fax. 038 2972315 e-mail uffici : sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2006/2007 Il V Circolo E. De Amicis, con l attuazione dell Autonomia, si rapporta al territorio nella prospettiva di un sistema formativo integrato, attrezzato

Dettagli

Relazione Morale del presidente dell associazione sportiva dilettantistica Montecristo Sailing per l anno 2010.

Relazione Morale del presidente dell associazione sportiva dilettantistica Montecristo Sailing per l anno 2010. Relazione Morale del presidente dell associazione sportiva dilettantistica Montecristo Sailing per l anno 2010. L Associazione Montecristo Sailing svolge dal 2008 a tempo pieno la propria attività istituzionale,

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico.

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico. INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA Esperienza di didattica con un bambino autistico. PROGETTO DI VITA INCLUSIVO l offerta formativa realmente inclusiva è data dalla speciale normalità che si può definire

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma

2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 2 - gli esperti selezionati saranno appositamente formati per dare una corretta attuazione a tutti gli interventi previsti dal Programma 3 - il Programma intende coinvolgere tutte le classi prime di Scuola

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia CONI PROGETTO. FITNESS a SCUOLA: ginnastica aerobica e ginnastica di base

Federazione Ginnastica d Italia CONI PROGETTO. FITNESS a SCUOLA: ginnastica aerobica e ginnastica di base Federazione Ginnastica d Italia CONI PROGETTO FITNESS a SCUOLA: ginnastica aerobica e ginnastica di base CORSO NAZIONALE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO per gli insegnanti della scuola elementare e della

Dettagli

S.S.D. Natatorium Treviso a r.l.:

S.S.D. Natatorium Treviso a r.l.: Pag.1 L acqua tra i banchi per le Scuole d Infanzia Pag.2 Partendo dal presupposto che nell età evolutiva il bambino gioca perché prova piacere ed attraverso il gioco adatta la realtà alle sue esigenze,

Dettagli

LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE

LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE LE CAPACITA SENSO PERCETTIVE E LE CAPACITA MOTORIE PESARO CORSO I ANNO ROBERTA REGIS CTT MARCHE E UMBRIA FONDAMENTALE DI GIOCO TIRO IN TERZO TEMPO PRE REQUISITI SALTARE LANCIARE RITMO EQUILIBRIO MOBILITA

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Laboratorio artistico-espressivo

Laboratorio artistico-espressivo Laboratorio artistico-espressivo Classi 3^ B e 4^ B Scuola primaria dell'i.c. Statale di Neviano (Le) Anno Scolastico 2013-2014 Laboratorio artistico-espressivo: LABORATORI amo LA TERRA COTTA PREMESSA.

Dettagli

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e FINALITA I nuovi programmi Ministeriali ritengono l educazione motoria una componente essenziale dell unità educativa della persona per cui essa concorre alla realizzazione delle finalità proprie della

Dettagli

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Classe PRIMA PROGETTAZIONE DIDATTICA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2013-2014 1. Traguardi Le attività

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Il campo di esperienza "Il corpo e il movimento" (corporeità e motricità) è, non a caso il primo campo di esperienza citato negli orientamenti

Il campo di esperienza Il corpo e il movimento (corporeità e motricità) è, non a caso il primo campo di esperienza citato negli orientamenti Corporeità Introduzione Il corpo nei programmi ministeriali Attualmente possiamo fare riferimento ad uno scenario così articolato: Programmi ministeriali attualmente in vigore Scuola dell'infanzia (3-6

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA Area Corporeo/motoria spiccato impulso a muoversi dal pensiero intuitivo-preoperatorio al pensiero operatorio-concreto-egocentrico Area Cognitiva Area Socio-affettiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM

PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM Centro Olimpico Federale Via dei Sandolini, 79 00122 Lido di Ostia/RM Tel. 06/56191513 Fax. 06/56191527 PROGETTO SPORT A SCUOLA FIJLKAM IL RAPPORTO TRA SOCIETA E ISTITUTO SCOLASTICO Guida operativa per

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA DI VIAGRANDE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA DI VIAGRANDE PON 2007-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA DI VIAGRANDE Competenze 1.Gestire un relazione educativa sana per migliorare la relazione docente-alunno ( superamento delle disfunzioni comunicative, riduzione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

PREMESSA METODOLOGICA

PREMESSA METODOLOGICA PREMESSA METODOLOGICA I giochi sportivi con l uso dell attrezzo in volo definiscono e stimolano lo sviluppo del movimento nello spazio tempo. Spazio tempo che a sua volta stimola lo sviluppo delle capacità

Dettagli

ORIENTAMENTO CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE

ORIENTAMENTO CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE ORIENTAMENTO CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE Questo è il quinto anno che viene attivata la sperimentazione di una classe ad indirizzo musicale. Il corso abbina all orario curriculare ampliamento formativo

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA La scuola si impegna a: PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA organizzare l orario su 5 giorni in settimana per favorire le attività di allenamento e la partecipazione alle competizioni sportive degli studenti;

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

IL PROGETTO DI VOLLEY MILANO ANNO SCOLASTICO 2014/15

IL PROGETTO DI VOLLEY MILANO ANNO SCOLASTICO 2014/15 IL PROGETTO DI VOLLEY MILANO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PREMESSA Il Progetto Volley Milano per le scuole nasce dalla profonda consapevolezza che il movimento è un bisogno originario dell essere umano, e che

Dettagli

PROGETTO. E.N.S Ente Nazionale Sordomuti Sezione Provinciale di Catania. Per la gestione del servizio di :

PROGETTO. E.N.S Ente Nazionale Sordomuti Sezione Provinciale di Catania. Per la gestione del servizio di : E.N.S Ente Nazionale Sordomuti Sezione Provinciale di Catania PROGETTO Per la gestione del servizio di : Assistenza alla comunicazione per alunni audiolesi PREMESSA La sordità è tra tutti gli handicap

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere al gran bisogno di movimento dei bambini. Promuovere

Dettagli

Progetti Circolo allegato 8

Progetti Circolo allegato 8 PROGETTO SCUOLA - SPORT Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Premessa Questo progetto, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena, è promosso

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA DELL'INFANZIA "SAN GAETANO" DI POIANA DI GRANFION (VI)

PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN GAETANO DI POIANA DI GRANFION (VI) PREMESSA PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA DELL'INFANZIA "SAN GAETANO" DI POIANA DI GRANFION (VI) Il PROGETTO EDUCATIVO (P.E.), oltre ad essere documento guida per la scuola stessa, si propone anche come mezzo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO. Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio.

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO. Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio. LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio. Anno scolastico 2011/2012 L insegnamento dell Educazione

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO BRUNO CIARI PADOVA CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 1-2 - 3-4 - 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classe 1 NUCLEI FONDANTI Abilità

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq PROTOCOLLO D INTESA wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria

Protocollo Accoglienza Scuola Primaria Istituto Comprensivo Enrico Fermi Macerata Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado C.T.P. E.d.A. C.R.T. Sede Centrale e Amministrativa: 62100 Macerata, Via Pace 2 Tel. 0733/ 237959

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

INDICE ASSONIDI FORMAZIONE 2015-2016

INDICE ASSONIDI FORMAZIONE 2015-2016 INDICE 1. CORSO: Gioco Euristico e Cestino dei Tesori : Lidia Magistrati e Paola Eginardo PERIODO: Ottobre Novembre 2015 2. CORSO: La Professione di Educatrice : Giuliana Viel PERIODO: Novembre Dicembre

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

REGOLAMENTO INDIRIZZO MUSICALE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

REGOLAMENTO INDIRIZZO MUSICALE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO GRAMSCI CAMPALTO-VENEZIA REGOLAMENTO INDIRIZZO MUSICALE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Riferimenti normativi: - D.M. del 3 Agosto 1979; - D.M. del 13 Febbraio 1996; - D.M.

Dettagli

PROGETTO DI ISTITUTO PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTO DI ISTITUTO PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTO DI ISTITUTO PER L INSERIMENTO DEGLI REDATTO DALLA COMMISSIONE Il presente materiale è di proprietà dell Istituto d Istruzione Superiore Mario Rigoni Stern ed è vietata qualsiasi copia non autorizzata

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016

Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Istituto Comprensivo Matese Vinchiaturo A.S. 2015-2016 Funzione Strumentale Giovanna Perrella Un po di normativa I perché della Continuità L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Corso: Attività motoria in età evolutiva. Docente: Valentina Biino

Corso: Attività motoria in età evolutiva. Docente: Valentina Biino Università degli Studi di Verona Corso di Laurea in Scienze Motorie e Sportive A.A. 2015/2016 Corsi di Insegnamento Corso: Attività motoria in età evolutiva Docente: Valentina Biino Obiettivi del Corso:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

Scuola Primaria Paritaria

Scuola Primaria Paritaria Scuola Primaria Paritaria Nel Quartiere Crocetta, all ingresso dell Isola Pedonale Cosa offriamo La B.E.S.T. - Bilingual European School of Turin è una scuola primaria (elementare) paritaria bilingue (Decreto

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli