ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa"

Transcript

1 ISTITUTO Max Planck ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE Piano dell'offerta formativa 1/53

2 Sommario PREMESSAIL CONTRATTO FORMATIVO - IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀUN AGENZIA EDUCATIVA FRA TANTE: COME CONTRIBUIAMO ALL EDUCAZIONE E ALLA FORMAZIONE?L IMPORTANZA DEI VALORI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICOLARE... 3 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA...4 Il Passato... 4 Il Presente... 4 Il Futuro prossimo... 4 Contesto territoriale... 4 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA...5 Premessa... 5 Il contratto formativo - il patto educativo di corresponsabilità...5 Un agenzia educativa fra tante: come contribuiamo all educazione e alla formazione? L importanza dei valori... 6 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICOLARE...7 Centralità delle Competenze...7 Soggetti coinvolti nella programmazione didattica...10 Valutazione dell apprendimento Criteri di valutazione scrutinio Registro elettronico Valutazione: Misurazione del profitto Biennio Istituto Tecnico...14 Valutazione: Misurazione del profitto Biennio Liceo delle scienze applicate...15 Valutazione: Misurazione del profitto Triennio...16 Valutazione del comportamento degli studenti...16 Valutazione: Misurazione della Condotta...17 Criteri assegnazione crediti formativi...18 STRATEGIE OPERATIVE Formazione delle classi prime Formazione delle classi successive alla prima ed azioni di continuità...20 Integrazione principi generali Interventi a favore degli alunni diversamente abili...21 Interventi a favore degli alunni sottoposti a terapie clinico...21 Integrazione degli allievi non italofoni (=stranieri)...21 Rapporti tra scuola e famiglie Partecipazione dei genitori: Comitato genitori...22 Come vengono informate le famiglie...22 Metodo e impegno nello studio...23 Regolamenti d Istituto Interventi didattici educativi integrativi di sostegno e recupero...24 Valorizzazione delle eccellenze Azioni di Orientamento Area di Progetto Sostegno al lavoro dei docenti Calendario Scolastico Verifica dei percorsi didattici /53

3 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE...28 Biennio Settore Tecnologico( Informatico e Tecnologico)...29 Indirizzo "Elettronica ed Elettrotecnica"...30 Indirizzo "Informatica e Telecomunicazioni"...31 SBOCCHI PROFESSIONALI...33 Ambito Elettrico - Elettronico Ambito telecomunicazioni Ambito informatico LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE...35 QUADRO ORARIO LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE...35 TITOLO DI STUDIO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE SPENDIBILITÀ DEL TITOLO DI STUDIO SCELTE GESTIONALI Organo di Garanzia Interno Politica Della Qualità La cultura della sicurezza Corsi post diploma - formazione permanente corsi professionali...38 L ufficio tecnico Comitato tecnico scientifico Le Funzioni Strumentali Collaborazioni e reti Servizi per l utenza Servizio Internet Sito Web Spazio Ascolto Accoglienza: L Importanza di accogliere bene...43 INTEGRAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO...44 Attività Valutazione del Piano dell Offerta Formativa /53

4 PREMESSAIL CONTRATTO FORMATIVO - IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀUN AGENZIA EDUCATIVA FRA TANTE: COME CONTRIBUIAMO ALL EDUCAZIONE E ALLA FORMAZIONE? L IMPORTANZA DEI VALORI DIDATTICA CURRICOLARE PROGRAMMAZIONE 4/53

5 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA IL PASSATO L istituto Max Planck ha una lunga storia, nel 78, si è reso indipendente dall ITIS FERMI con le specializzazioni di Elettronica ed Elettrotecnica ed è riuscito, sin dalla sua istituzione, a costituire un efficace risposta alle esigenze delle prospettive di sviluppo tecnologico della Marca. Nel 2001 venne istitutito anche il corso di Informatica Abacus.L Istituto, quindi, grazie alla varietà d indirizzi di studio, è stato attento a promuovere nuovi programmi e metodologie didattiche all altezza delle svariate esigenze di una società in continua evoluzione e delle istanze del mondo del lavoro presenti nel territorio. L Istituto dall anno 2001 è certificato secondo la norma ISO9001:2001. Questa importante valutazione esterna garantisce che il sistema di gestione dell Istituto segue i criteri internazionali per realizzare una gestione di qualità e perseguire un miglioramento continuo dei servizi offerti. Al centro dell attenzione sono poste le esigenze degli utenti, in primo luogo degli studenti. Il raggiungimento di tale traguardo ha visto la partecipazione attiva di tutte le componenti lavorative, attraverso la sistematicità della ricerca e della progettazione, per offrire un sistema d istruzione efficace ed efficiente non fondato sull autoreferenzialità. IL PRESENTE L Istituto potenzia, nell ottica di un maggior consolidamento nel territorio, finalità didattico-formative tipiche di un indirizzo rivolto al mondo industriale attraverso collaborazioni con altre Scuole, con Associazioni Industriali, con Enti di formazione, con le Università di Padova e Udine. Missione dell Istituto Max Planck è di contribuire allo sviluppo armonico della personalità degli allievi, sia dal punto di vista individuale che come futuri cittadini di una società complessa, e di favorirne il successo professionale attraverso lo sviluppo di solide competenze trasversali e disciplinari che supportino adeguatamente maturità e senso di responsabilità, supportate da un sistema valoriale che permetta di saper vivere una cittadinanza consapevole. La diffusione della cultura tecnico-scientifica, fin dalla fase dell orientamento in ingresso dalle scuole medie, lo stimolo e la creazione di opportunità formative per appassionare gli studenti allo studio e alle professioni in ambito tecnico-scientifico, il continuo aggiornamento del personale attraverso la collaborazione con i centri di ricerca universitari e le realtà produttive più avanzate, rappresentano gli strumenti principali per la mission dell Istituto che consiste nell avvicinare gli studenti ai mondi dell area tecnico scientifica, stimolando saperi critici e motivati che sappiano vedere e cogliere le opportunità offerte dalle continue innovazioni tecnicoscientifiche, sviluppando al contempo un etica della responsabilità indispensabile ad orientare al bene comune i futuri protagonisti del mondo tecnico scientifico del domani. Le tecniche e le scienze vanno colte come opportunità di miglioramento individuale e collettivo, sapendo valutarne anche gli immancabili rischi. Particolare attenzione va dedicata al sostegno e al recupero degli alunni in difficoltà con particolare attenzione al biennio; contestualmente vanno sviluppate, specie al triennio, l'autonomia e la responsabilità degli allievi creando occasioni per la valorizzazione delle eccellenze. In particolare, vista la specificità degli indirizzi di studio dell'istituto va sviluppata una conoscenza e un uso responsabile delle scienze e delle tecnologie. IL FUTURO PROSSIMO L Istituto, grazie all elevato livello dell Offerta Formativa, oltre a rispondere alla richiesta dei tecnici che proviene dal territorio in termini qualitativi, fornisce, al perito industriale in uscita, una formazione completa, al passo con i tempi ed in grado di leggere la realtà in una prospettiva aperta alle istanze Europee. Dall anno scolastico accanto all istituto tecnico sarà attivato il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate. L avvio del Liceo Scientifico nell'opzione delle scienze applicate, consente di porre nella realtà, come afferma con forza la riforma, la pari dignità dei due percorsi (Tecnico e Liceale). Lungi dal penalizzare l'indirizzo tecnologico, la vicina presenza del liceo scientifico finisce per migliorarne la visibilità superando pregiudizi, specie per le ragazze, da tempo consolidati ed è uno stimolo ad elevare il livello complessivo dell Istituto. 5/53

6 CONTESTO TERRITORIALE La sede,situata in via Franchini di Lancenigo di Villorba (TV ), fa parte di un Campus che vede la presenza, nella stessa area, dell Istruzione Tecnica con l ITIS Max Planck, l Istruzione Professionale con l IP Alberghiero Alberini, la Formazione Professionale con il CFP della Provincia di Treviso Il Campus, per la sua ubicazione, permette di offrire un ampio spettro di offerte formative al proprio bacino di utenza. La realizzare nel campus di Lancenigo di un polo tecnologico-scientifico offre agli studenti e alle studentesse percorsi formativi diversi ma che insistono nello stesso ambito, ed è tale da poter rispondere non solo alle richieste provenienti dall'utenza dei Comuni situati nell'area nord-est di Treviso, ma più in generale all utenza di chi persegue una formazione fortemente orientata agli ambiti lavorativi dei settori tecnologicamente più avanzati Il Max Planck può considerarsi un istituto avente un apposita ed idonea sede scolastica, con spazi per la didattica, palestre,laboratori per tutte le specializzazioni, esterni utilizzati anche per momenti di aggregazione, parcheggi e zone verdi, frutto di un continuo arricchimento strutturale portato avanti con tenacia dalla Dirigenza. 6/53

7 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PREMESSA Il POF (Piano dell Offerta Formativa), documento che definisce l identità culturale e progettuale dell Istituto PLANCK, redatto all inizio di ciascun anno scolastico,contiene la descrizione di tutte le attività, sia curriculari che extracurriculari, sia dal punto di vista dei contenuti che dell organizzazione ed ha valore vincolante per l intera comunità scolastica( Dirigente, Docenti, non docenti e Genitori). Il POF tiene presente nella sua stesura: La progettazione didattica(per aree disciplinari) coerente con le linee guida ministeriali e gli obiettivi Educativi e Formativi dell istituto; L efficacia del servizio scolastico verificata attraverso procedure di autovalutazione e certificazione di Qualità; L apertura verso il sistema economico- produttivo del territorio come collaborazione con soggetti ed Enti esterno. Il POF è strettamente connesso con i seguenti documenti ufficiali dell Istituto che ne costituiscono parte integrante: - Patto di corresponsabilità; - Regolamento d Istituto; - Regolamento di Disciplina; - Carta dei Servizi; -. Il dettaglio dei documenti è disponibile per la consultazione nel sito (allegati al POF) Il POF è un documento pubblico, accessibile a tutte le famiglie Il Piano dell Offerta Formativa è uno strumento soggetto ad adattamenti e arricchimenti sulla base del modificarsi delle condizioni interne ed esterne, nel rispetto delle procedure di legge; pertanto, il Collegio dei Docenti può confermarlo, porre aggiornamenti, modifiche o integrazioni. IL CONTRATTO FORMATIVO - IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ IL PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ in attuazione delle norme vigenti, assume integralmente le finalità generali e le linee guida del P.O.F ed intende definire, in maniera condivisa, l impegno reciproco di diritti e doveri nel rapporto tra scuola studenti e famiglie. L Istituto chiede ai genitori ed agli allievi, all atto dell iscrizione o all inizio di ogni anno scolastico, di sottoscrivere il Patto educativo di corresponsabilità per promuovere un azione coordinata tra famiglia e scuola, nell ottica della condivisione di principi e obiettivi del processo educativo e formativo, anche, al fine di rendere effettiva la partecipazione, ai sensi della normativa vigente. Il patto educativo di corresponsabilità è, dunque, UN AUTENTICA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIE, STUDENTI E L ISTITUTO. L Istituto scolastico, nel promuovere una fattiva convivenza civile, pone al centro della propria azione educativa l allievo, che viene coinvolto e responsabilizzato su regole di comportamento chiare e condivise. In tale ottica l istituto Max Planck rende partecipi i genitori e gli studenti delle proprie scelte culturali, formative ed educative, che sono ispirate ai valori della Costituzione Italiana ed a quelli dell uguaglianza, delle pari opportunità, del rispetto della specificità di genere, della multiculturalità. 7/53

8 Il dettaglio del documento, consegnato all atto dell iscrizione ed illustrato nell accoglienza, è disponibile per la consultazione nel sito (allegati al POF) UN AGENZIA EDUCATIVA FRA TANTE: COME CONTRIBUIAMO ALL EDUCAZIONE E ALLA FORMAZIONE? L IMPORTANZA DEI VALORI Oggi, nell era della globalizzazione, la scuola è ben consapevole di non essere l unica agenzia Educativa e Formativa. La nostra proposta educativa e formativa, fondata sulla partecipazione responsabile di tutte le componenti della scuola, quindi, finalizzata alla formazione dei giovani, sia dal punto di vista professionale, civile e culturale, promuove capacità di rinnovamento, doti di flessibilità, apertura verso gli altri e alle problematiche sociali e culturali del nostro tempo. L idea ispiratrice, in quest ottica, è la centralità dello studente come persona, in quanto non esiste crescita culturale e professionale senza una particolare attenzione al sistema valoriale condiviso nel rispetto dell individualità. Gli allievi non saranno solo oggetto dell azione insegnamento/ apprendimento,ma co-protagonisti di essa, pertanto, saranno adeguatamente guidati a: Mettersi alla prova, ad autovalutarsi con senso critico e consapevolezza di sé con conseguente arricchimento della personalità; Acquisire competenze metodologico e formative per un consapevole inserimento civile e sociale; Acquisire un adeguato senso di responsabilità(diritti/ doveri, lealtà, impegno, frequenza); Costruire una base valoriale comune in cui riconoscersi (abitudine al vivere civile,attenzione alle problematiche del mondo, consapevolezza che la diversità è fonte di arricchimento e rifiuto dei pregiudizi). 8/53

9 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CURRICOLARE CENTRALITÀ DELLE COMPETENZE Il Riordino della Scuola Superiore ha richiesto un ripensamento dell azione didattica anche per rispondere ai nuovi standard Europei (EQF). Così, l istituto Planck ha dato inizio ad una riflessione sulla didattica per competenza e non più solo sulla didattica per conoscenze ed abilità. Pertanto, il raggiungimento delle conoscenze ( il sapere ), delle abilità ( applicare ilsapere ) e delle competenze(capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacitàpersonali) è riconosciuto come obiettivo dell apprendimento finale sia di un perito industriale che di un diplomato nel liceo scientifico delle scienze applicate. Quindi, nella progettazione didattica è fondamentaleprogettarel attività in base alle competenze che lo studente viene sollecitato a sviluppare. Nel Primo Biennio, per perseguire quanto previsto dall obbligo scolastico ecco quali competenze chiave di cittadinanza devono acquisire gli studenti: - imparare ad imparare - progettare; - comunicare; - collaborare e partecipare; - agire In modo autonomo e responsabile; - risolvere semplici problemi; - individuare collegamenti e relazioni; - acquisire ed interpretare l informazione. Le varie discipline sono aggregate per assi culturali in modo che siano le competenze chiave ad orientare il percorso scolastico. ISTITUTO TECNICO Nei primi due anni le conoscenze, le abilità e le competenze sono riferite a : - Asse Dei Linguaggi - Asse Matematico - Asse Scientifico Tecnologico - Asse Storico Sociale Lingua Italiano Asse dei Linguaggi -padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; -leggere comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; - produrre testi di vario tipo in relazione a diversi scopi comunicativi. Lingua Straniera 9/53

10 - utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi. Altri Linguaggi *- Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario; - utilizzare e produrre testi multimediali. Asse Matematico Matematica - utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico; -confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando varianti e relazioni; - individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi Asse Scientifico Tecnologico Scienze integrate : * Fisica, *Chimica *Scienze della terra(i^), *Tecnologie Informatiche(I^), *Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica(i^), Scienze e Tecnologie Applicate (II^), Biologia, Educ.Fisica, - analizzare dati ed interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico; - osservare descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale ed artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità; -analizzare qualitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall esperienza; - essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate; - saper scegliere ed usare le principali funzioni delle tecnologie dell informazione e della comunicazione per le proprie attività di comunicazione ed elaborazione. Storia Diritto/Economia Asse Storico Sociale -comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche ed in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali; - collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondate sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente; - Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. Nel biennio Gli Assi culturali forniscono la base di conoscenze e metodologie applicative per lo sviluppo di competenze trasversali. Dal loro intreccio scaturiscono le competenze chiave,per la cittadinanza attiva, richiamate dalle raccomandazioni europee che devono essere perseguite attraverso l elevamento dell obbligo scolastico. 10/53

11 Nel triennio le competenze disciplinari sono definite e declinate dalle linee guida, dai dipartimenti di disciplina, in aderenza alle scelte culturali dell istituto e alla luce del nuovo regolamento degli Istituti tecnici. LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE Lingua Italiano Asse dei Linguaggi - padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; - leggere comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; - produrre testi di vario tipo in relazione a diversi scopi comunicativi. Lingua Straniera - utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi. Altri Linguaggi - utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario; - utilizzare e produrre testi multimediali; - saper utilizzare le tecnologie dell informazione e della comunicazione per studiare, fare ricerca e comunicare. Matematica Asse Matematico - utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico; - confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando varianti e relazioni; - individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi; - analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi, anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni scientifiche di tipo informatico. Fisica, Scienze Naturali, Informatica, Educ.Fisica, Asse Scientifico Tecnologico - analizzare dati ed interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico; - osservare descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale ed artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità; 11/53

12 - analizzare qualitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall esperienza; - essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate; - saper scegliere ed usare le principali funzioni delle tecnologie dell informazione e della comunicazione per le proprie attività di comunicazione ed elaborazione. 12/53

13 SOGGETTI COINVOLTI NELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA COLLEGIO DEI DOCENTI individua: le linee generali dell offerta formativa, stabilendo i criteri relativi alla didattica e alle attività del POF I DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE Annualmente, entro la fine del mese di settembre, le riunioni, tenendo conto del compito formativo di tutte le discipline e delle specifiche indicazioni dei programmi ministeriali fissano: linee guida delle programmazioni disciplinari comuni declinate in competenze, abilità, conoscenze, contenuti, tempi, metodi e mezzi; le competenze, abilità, conoscenze minime; le competenze, abilità, conoscenze che eventuali allievi esterni devono aver acquisito per l accesso alle varie classi; il carico di lavoro domestico degli allievi; la tipologia delle prove di verifica ed i descrittori dei voti per la valutazione il numero minimo di verifiche per ogni periodo o modulo; azioni di recupero e sostegno da attivarsi in orario curriculare; la struttura delle prove di verifica comune di fine anno e relativi criteri di valutazione (se deliberate dal Collegio Docenti) I CONSIGLI DI CLASSE hanno il compito di completare la programmazione educativa e didattica formulando: gli obiettivi trasversali di tipo cognitivo(metodo di studio); gli obiettivi trasversali di tipo formativo( maturazione dello studente come persona e cittadino) fissando: i parametri relativi ai giudizi di promozione e non promozione in stretta relazione con i criteri fissati dal COLLEGIO DEI DOCENTI DIPARTIMENTO DI AREE hanno il ruolo di concorrere: all omogeneità dei percorsi formativi nelle varie sezioni; coordinare: 13/53

14 le programmazioni di discipline affini; concretizzare: finalità interdisciplinari e/o multidisciplinari; La stesura delle programmazioni didattiche individuali terrà puntualmente conto delle indicazioni emerse dalle riunioni dei Dipartimenti e dai Consigli di Classe, ma garantirà, anche l autonomia delle scelte culturali, metodologiche e strategiche del singolo docente e l adeguamento del percorso curricolare alla singola classe, anche sulla base dei risultati delle prove d ingresso. Pertanto, la programmazione curricolare del singolo insegnante sarà prodotta entro la fine del mese di Ottobre primi Novembre di ogni anno scolastico. IL POF comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, promuove l innovazione didattica e valorizza la professionalità docente. Le metodologie didattiche, attraverso cui si attua il Pof, presuppongono la centralità dello studente in quanto interlocutore attivo e non semplice recettore o ripetitore di informazioni e contenuti disciplinari. VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO Premesso che tutte le discipline del curricolo scolastico devono concorrere parimenti alla formazione culturale degli studenti,la valutazione, oltre a determinare il profitto dello allievo, deve misurare anche l efficacia del processo educativo. A tal fine il docente, in itinere, verifica come conoscenze, abilità e competenze siano conseguite dal singolo studente e dall intera classe o attraverso l osservazione dei comportamenti o somministrando prove di verifica. La valutazione del livello d apprendimento, quindi, fornisce indicazioni per far conoscere: ai docenti il raggiungimento di conoscenze ed abilità e lo sviluppo delle competenze, prefissate, da parte di ogni studente; agli allievi (e di conseguenza alle loro famiglie) il livello del loro apprendimento e dello sviluppo delle competenze prefissate; al Consiglio di Classe l'efficacia delle strategie adottate per apportare eventuali modifiche all attività didattica. alla società la reale consistenza del titolo di studio rilasciato con valore legale. La valutazione di una prova di verifica deve essere espressa con un valore numerico utilizzando i numeri compresi nell'intervallo da 1 a 10. Il Collegio dei Docenti ritiene opportuno che la valutazione numerica sia accompagnata da un giudizio completo ed esaustivo per ogni singolo alunno o gruppo di studenti Gli allievi hanno il diritto di conoscere in anticipo da tutti i docenti: a) il giorno o il periodo in cui sarà svolta la prova se di carattere collettivo (compiti, test, interrogazione scritta, prova di lab. ecc.); b) Competenze. conoscenze e abilità di cui la prova vuole verificare il raggiungimento; c) i punteggi minimi e massimi che si possono ottenere in una determinata prova; d) i criteri adottati per la valutazione delle prove di verifica. Ogni docente ha il dovere di comunicare, al più presto possibile, agli allievi i risultati numerici delle singole prove e/o i giudizi analitici che eventualmente li accompagnano, formulati anche in modo informale. 14/53

15 Inoltre, è buona regola che il docente, prendendo spunto dalla valutazione della prova, coinvolga l allievo rendendolo partecipe del processo formativo. Il confronto con l insegnante ed i compagni concorre, ulteriormente, a favorire capacità critiche, autocritiche e consapevolezza di sé. Per la verifica dei percorsi didattici, del livello di apprendimento dei singoli allievi saranno utilizzate: a. prove strutturate, b. prove semi strutturate, c. prove orali individuali o di gruppo, d. questionari, e. compiti, f. relazioni individuali o di gruppo, g. prove grafiche, h. prove scritto-grafiche, i. prove pratiche, individuali o di gruppo, j. prove al computer, k. controllo di quaderni e/o altri elaborati Ogni docente, nell'ambito del suo rapporto diretto con la classe, sceglie gli strumenti di verifica che ritiene più opportuni, anche, attenendosi alle indicazioni dei vari Dipartimenti. Le scelte operate dal Consiglio di Classe,invece, in ordine agli strumenti di verifica da utilizzare,sono vincolanti per tutti i docenti, solo nel caso di percorsi didattici concordati, interdisciplinari o pluridisciplinari. Per la valutazione del profitto, nelle singole prove di verifica dell apprendimento, il voto deve oggettivare un giudizio il più possibile comprensivo di varie ed eterogenee componenti. Si assume,pertanto, una scala numerica da uno a dieci ed i relativi descrittori comuni riportati nella successiva tabella. I docenti possono tuttavia, nelle riunioni di Dipartimento, all inizio dell anno scolastico, rendere ciascuno di essi più aderente agli obiettivi specifici della singola materia e al tipo di prova di verifica. Il Consiglio di Classe, all'inizio dell'anno scolastico, comunicherà agli allievi: i descrittori dei voti per l accesso alla classe successiva (stabiliti dai Dipartimenti). Per favorire la flessibilità nella scelta degli strumenti di valutazione dell accertamento delle competenze raggiunte, il Collegio dei Docenti ha approvato, il voto unico, in sostituzione della distinzione tra scritto, orale, pratico e grafico, anche, nelle pagelle del primo quadrimestre per alcune discipline. Il Collegio dei Docenti si riserva, di anno in anno, di verificare l efficacia delle scelte operate e di deliberare le modifiche opportune. CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO La valutazione dell allievo, che si manifesta nella proposta di voto allo scrutinio, ma anche nei colloqui con i genitori, è un operazione complessa, che coinvolge in pieno la professionalità dell insegnante, chiamato anche a considerare, attentamente, un insieme di variabili. Pertanto, non si basa solo sulle votazioni conseguite nelle singole prove di verifica, ma anche dei seguenti elementi I Dipartimenti di Discipline, nel documento programmatico, approvato all inizio di ogni anno scolastico, potranno poi indicare ulteriormente i criteri di valutazione, in relazione alla specificità e agli obiettivi di ciascuna disciplina. 15/53

16 - Il Collegio dei Docenti ha approvato la seguente griglia di valutazione con riferimento comune a tutte le discipline REGISTRO ELETTRONICO L Istituto, negli ultimi anni, si è dotato di un nuovo strumento per la registrazione delle valutazioni attraverso il registro elettronico, per uso interno, che non va a sostituire il cartaceo tradizionale. Nel registro elettronico, i singoli docenti inseriscono periodicamente e sistematicamente, a scadenze definite, le valutazioni degli allievi, così da permettere ai Coordinatori dei Consigli di classe di monitorare i livelli e l'evoluzione delle situazioni degli studenti più a rischio per darne tempestivainformazione ai colleghi. Ciò comporta un'informazione completa ed aggiornata per le comunicazioni alle famiglie e la definizione degli interventi più opportuni nei confronti degli studenti. 16/53

17 VALUTAZIONE: MISURAZIONE DEL PROFITTO BIENNIO ISTITUTO TECNICO Giudizio Voto Conoscenza Abilità Competenze Eccellente 10 9 Completa, approfondita e precisa Ottimo 8 Completa e sicura Esposizione corretta, essenziale; Linguaggio efficace e specifico in ogni disciplina. Comprensione corretta di procedure e di tecniche disciplinari Esposizione corretta Linguaggio chiaro e /o specifico in ogni disciplina. Comprensione sicura di procedure e di tecniche disciplinari Analisi, sintesi e rielaborazione precise ed approfondite Osservazione e rappresentazione precise Uso autonomo di simbologie e tecniche disciplinari in semplici contesti. Uso appropriato di strategie per la soluzione di problemi Analisi, sintesi e rielaborazione abbastanza complete Osservazione e rappresentazioni pertinenti Uso corretto di simbologie e tecniche disciplinari in semplici contesti. Uso sicuro di strategie per la soluzione di problemi Buono 7 Sufficiente 6 Insufficiente 5 Completa anche se circoscritta Essenziale degli elementi principali della disciplina Parziale e superficiale in presenza di errori Esposizione lineare ed ordinata. Linguaggio chiaro anche se non sempre specifico in ogni disciplina. Comprensione corretta di procedure,dimostrazio ni e tecniche disciplinari. Esposizione ordinata pur con alcune incertezze ed improprietà. Linguaggio semplice in ogni disciplina. Comprensione essenziale di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione incerta e generica; Linguaggio impreciso e incompleto in ogni disciplina Comprensione parziale di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Analisi, sintesi e rielaborazione adeguate, ma non sempre approfondite Osservazione e rappresentazione abbastanza precise Uso parziale di simbologie e tecniche disciplinari in semplici contesti. Uso parziale di strategie per la soluzione di problemi Analisi, sintesi e rielaborazione parziale Osservazione e rappresentazione sufficienti Uso guidato di procedure regole e tecniche disciplinari Uso semplice di strategie per la soluzione di problemi Analisi e sintesi solo guidate Osservazione e rappresentazione imprecise Uso parziale di strategie per la soluzione di problemi 17/53

18 Giudizio Voto Conoscenza Abilità Competenze Grave insufficienza Insufficienza molto grave Nullo Quasi nullo Frammentaria con errori rilevanti Frammentaria con errori gravi e diffusi Completamente errata o nulla Esposizione incerta e stentata; Linguaggio improprio nelle singole discipline Comprensione scarsa di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione confusa e scorretta Linguaggio scorretto nelle singole discipline molto scarsa di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione nulla e/o confusa; Linguaggio scorretto e stentato Comprensione Assenza Analisi e sintesi molto disorganiche e confuse Osservazioni e rappresentazioni decisamente incomplete Uso stentato di strategie per la soluzione di problemi Uso lacunoso ed errato di procedure e tecniche disciplinari o Assente Assente Qualora si verificasse asimmetria tra i livelli dei descrittori, si adotta il criterio della prevalenza, a condizione che siano acquisite le conoscenze minime 18/53

19 VALUTAZIONE: MISURAZIONE DEL PROFITTO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE Giudizio Voto Conoscenza Abilità Competenze 10 Eccellente 9 Ottimo 8 Completa,ampia approfondita e precisa, autonomo approfondimento di contenuti Completa e sicura organica, padronanza dei contenuti Esposizione corretta,?; Linguaggio efficace e specifico in ogni disciplina. Comprensione corretta di procedure e di tecniche disciplinari Esposizione corretta Linguaggio chiaro e /o specifico in ogni disciplina e appropriato. Comprensione sicura di procedure e di tecniche disciplinari Analisi, sintesi e rielaborazione precise, approfonditee personali Osservazione e rappresentazione precise e pertinenti Uso autonomo di simbologie e tecniche disciplinari in diversi contesti. Uso appropriato di strategie per la soluzione di problemi Analisi, sintesi e rielaborazione complete Osservazione e rappresentazione pertinenti Uso corretto di simbologie e tecniche disciplinari in semplici contesti. Uso sicuro di strategie per la soluzione di problemi, anche in situazioni di apprendimento nuove e complesse Buono 7 Sufficiente 6 Insufficiente 5 Completa anche se circoscritta Essenziale degli elementi principali della disciplina Parziale, o superficiale in presenza di errori Esposizione lineare ed ordinata. Linguaggio chiaro anche se non sempre specifico in ogni disciplina. Comprensione corretta di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari. Esposizione ordinata pur con alcune incertezze ed improprietà. Linguaggio corretto e appropriato, semplice in ogni disciplina. Comprensione essenziale di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione incerta e generica; Linguaggio impreciso e incompleto in ogni disciplina Comprensione parziale di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Analisi, sintesi e rielaborazione adeguate, ma non sempre approfondite Osservazione e rappresentazione abbastanza precise Uso parziale di simbologie e tecniche disciplinari in semplici contesti. Uso di strategie per la soluzione di problemi Analisi, sintesi e rielaborazione parziale Osservazione e rappresentazione sufficienti Uso guidato di procedure regole e tecniche disciplinari Uso semplice e parziale di strategie per la soluzione di problemi Analisi e sintesi solo guidate Osservazione e rappresentazione imprecise Uso parziale di strategie per la soluzione di problemi, anche in situazioni note o semplici 19/53

20 Giudizio Voto Conoscenza Abilità Competenze Grave insufficienza Insufficienza molto grave Nullo Quasi nullo Frammentaria con errori rilevanti Frammentaria con errori gravi e diffusi Completamente errata o nulla Esposizione incerta e stentata; Linguaggio improprio nelle singole discipline Comprensione scarsa di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione confusa e scorretta Linguaggio scorretto nelle singole discipline molto scarsa di procedure, dimostrazioni e tecniche disciplinari Esposizione nulla e/o confusa; Linguaggio scorretto e stentato Comprensione Assenza Analisi e sintesi molto disorganiche e confuse Osservazioni e rappresentazioni decisamente incomplete Uso stentato di strategie per la soluzione di problemi Uso lacunoso ed errato di procedure e tecniche disciplinari o Assente Assente 20/53

ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa

ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa ISTITUTO Max Planck ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE Piano dell'offerta formativa Sommario SOMMARIO... 2 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA...4 IL PASSATO... 4 IL PRESENTE... 4 IL FUTURO

Dettagli

ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa

ISTITUTO Max Planck. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE. Piano dell'offerta formativa ISTITUTO Max Planck ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE LICEO delle SCIENZE APPLICATE Piano dell'offerta formativa Sommario SOMMARIO... 2 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA...4 IL PASSATO... 4 IL PRESENTE... 4 IL FUTURO

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 3 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: REALIZZAZIONE DI UNA PROTESI PARZIALE MOILE IN RESINA CON GANCI A FILO, REALIZZAZIONE DI UN ELEMENTO

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1-2- 3 A.S. 2015/ 2016 A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni classi quinte Periodo Primo Secondo Terzo Trimestre Contesto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione.

Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione. Documento unitario primaria-secondaria sulla valutazione. Durante il corso dell anno scolastico ogni docente: attua la valutazione nella sua dimensione formativa, come processo che aiuta l alunno/a a crescere,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole Criteri comuni di valutazione La valutazione è espressa in decimi (la gamma dei voti va da 1 fino a ). I risultati della valutazione scritta saranno comunicati agli alunni in sede di consegna delle verifiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO Al fine di conferire omogeneità ai processi di valutazione in tutte le aree/discipline e assegnare il voto finale si stabilisce quanto segue: La rilevazione degli apprendimenti rispetto alle conoscenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PREMESSA PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA VALUTAZIONE FORMATIVA Riguarda la valutazione periodica che scandisce il ritmo del curricolo definito dai consigli di classe e ha lo scopo di misurare l effettivo progresso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

A PRESENTAZIONE. Fogli elettronici con le operazioni aritmetiche e alcune funzioni più semplici anche con grafici

A PRESENTAZIONE. Fogli elettronici con le operazioni aritmetiche e alcune funzioni più semplici anche con grafici UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO : Calcoliamo con il computer COD. U.d.A N 4/4 A PRESENTAZIONE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a

Programmazione delle attività educative e didattiche Anno Scolastico 2011/2012. Consiglio della. sez. Ac. CLASSE 1 a ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE PER GEOMETRI E PROGRAMMATORI MICHELE AMARI 00043 CIAMPINO (Roma) Via Romana, 11 13 Tel. 7960023 Fax 7961653 Distretto Scolastico n 40 Codice Fiscale 80203970589 Programmazione

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli