MANUALE-DIARIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO. A cura di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE-DIARIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO. A cura di"

Transcript

1 MANUALE-DIARIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO A cura di Dr. Cristina Opasich, Divisione di Cardiologia Fondazione S. Maugeri- IRCCS- Istituto di Pavia e Dr. Stefania De Feo, Servizio di Cardiologia Casa Di Cura Dr. Pederzoli di Peschiera del Garda (VR)

2 COS E LO SCOMPENSO CARDIACO? Per capire cos è lo scompenso cardiaco, dobbiamo fare un passo indietro e vedere come funziona il cuore normalmente. Il cuore sano è una pompa: raccoglie il sangue venoso (blu) che torna al cuore da tutto il corpo attraverso le vene, lo spinge ai polmoni dove raccoglie ossigeno (l ossigeno è la benzina del nostro corpo) e lo pompa nelle arterie per distribuirlo a tutti gli organi. Possiamo paragonare il nostro cuore all asinello di questa figura ed il nostro corpo al carretto. Un cuore sano è quindi un asinello pimpante che senza fatica traina un carretto carico di pesi. Quando il cuore si ammala, è come se l asinello si ammalasse e quindi non ce la facesse più a trainare il carretto; fa quindi fatica e rallenta il passo. 2

3 Lo scompenso cardiaco è una tappa avanzata, comune a molte malattie di cuore. Le malattie più frequenti sono: 1) l aterosclerosi coronarica, che riduce il flusso nelle arterie (le coronarie) che forniscono il sangue al muscolo cardiaco; nella storia di molti pazienti con scompenso di cuore vi è stato un infarto o l angina pectoris; 2) la cardiomiopatia dilatativa, una malattia del muscolo cardiaco che si indebolisce e, perdendo il tono, si dilata. Le cause possono essere numerose, raramente è familiare, più spesso rimane senza causa nota. 3) la malattia valvolare: una o più valvole cardiache (più frequentemente l aorta o la mitrale) cambiano la loro forma, diventano troppo strette o non si chiudono più bene; 4) l ipertensione arteriosa, che può causare dapprima ingrossamento (ipertrofia) e poi sfiancamento del cuore. 3

4 Il cuore scompensato non è più capace di pompare il sangue, nella quantità richiesta, agli altri organi che quindi svolgono male la loro funzione. Questo spiega perché possono comparire sintomi non solo cardiaci ma anche disturbi differenti che originano dagli altri organi. Ad esempio molto frequente è la riduzione della quantità di urina che porta all accumulo di acqua nelle parti più basse del corpo (generando gonfiore ai piedi, alle caviglie,..), oppure nei polmoni (rendendo difficile la respirazione). Lo scompenso cardiaco è una malattia cronica : ciò significa che dura nel tempo e, spesso, non può essere guarita. E caratterizzata da un andamento ondulante con fasi di stabilità e fasi di crisi che talvolta richiedono il ricovero ospedaliero. 4

5 QUALI SONO I SINTOMI DELLO SCOMPENSO? I sintomi che è bene lei sappia riconoscere per segnalarli al medico affinché valuti la situazione e la gravità del problema sono: AFFANNO O MANCANZA DI RESPIRO: in termine tecnico dispnea, può essere presente solo quando si fanno sforzi di una certa entità (es: correre, salire le scale, ) oppure anche per sforzi minimi (lavarsi, allacciarsi le scarpe, camminare,.). Può manifestarsi a riposo o aggravarsi sdraiandosi, costringendo alla posizione seduta o semiseduta. Talvolta può manifestarsi in forma grave ed improvvisa durante la notte. E bene che lei impari a riconoscere il livello di sforzo che può fare senza affanno e che quindi si preoccupi, e ne parli con il medico, se le mancasse il fiato per sforzi prima ben tollerati. AFFATICAMENTO E STANCHEZZA: oltre alla dispnea può accusare un affaticamento più o meno marcato facendo sforzi, oppure un senso di stanchezza anche a riposo. CAPOGIRO: è frequente e non preoccupante se compare solo quando si passa bruscamente dalla posizione sdraiata a quella in piedi (è bene che il passaggio venga fatto lentamente). Segnali al medico invece se il capogiro è presente anche a riposo o non è associato a cambio di posizione. 5

6 BATTITO CARDIACO IRREGOLARE: può avere la sensazione di battito lento, di tuffo al cuore o di battito molto veloce. TOSSE: faccia attenzione se compare tosse, specie se più marcata in posizione sdraiata. A volte la tosse è solo un effetto collaterale, non pericoloso, di farmaci (esempio degli ACE-INIBITORI). EDEMI (=gonfiore) ed AUMENTO INSPIEGATO E RAPIDO DI PESO: osservi se compare gonfiore ai piedi, alle caviglie (necessità di allargare i lacci delle scarpe,..), alle gambe, all addome (necessità di allargare la cintura dei pantaloni o della gonna) e se aumenta rapidamente di peso. Se questo avviene è perché sta accumulando acqua (un litro di acqua = 1 Kg di peso corporeo). 1 litro = 1 chilo Nella tabella della pagina successiva trova i sintomi e le situazioni per i quali è consigliabile lei contatti il medico o l infermiere di riferimento. 6

7 CHIAMARE L AMBULATORIO SCOMPENSO QUANDO aumento di peso di più di 2 Kg in 1-3 giorni incertezza su quanto diuretico prendere comparsa o aumento di gonfiore ai piedi alle gambe comparsa o aumento di tensione o gonfiore alla pancia e/o al fegato comparsa o peggioramento di mancanza di fiato, affanno, difficoltà a respirare: a riposo durante attività che prima venivano svolte tranquillamente necessità di aumentare il numero di cuscini per non sentire mancanza di fiato, affanno, difficoltà al respiro quando si va a letto risveglio brusco la notte con la sensazione di difficoltà a respirare comparsa di tosse quando ci si sdraia tosse insistente, difficile da sopportare, con o senza catarro giramento di testa anche da sdraiato o seduto giramento di testa anche dopo essersi alzati da molto tempo sensazione di battito cardiaco irregolare, o più irregolare 7

8 del solito sensazione frequente di dolore o oppressione o morsa al petto o alla gola disturbi della parola o riduzione della forza di un braccio o di una gamba, durati solo qualche minuto e passati spontaneamente nausea frequente o persistente dopo mangiato, o durante il cammino o durante l attività fisica riduzione di appetito, alimentazione ridotta, vomito frequente dubbi su nuove medicine prescritte, o presenza di altri disturbi non cardiaci per i quali è richiesta terapia febbre alta (>38 C) da più di 2 giorni. 8

9 ATTENZIONE! CHIAMARE LA GUARDIA MEDICA O IL 118 IN CASO DI Grave difficoltà al respiro, sensazione di soffocamento che non passa stando seduto Dolore, oppressione, morsa al petto o alla gola, che non passa in pochi minuti spontaneamente o prendendo Trinitrina sublinguale o spray, o Carvasin sublinguale Svenimento, perdita di conoscenza Improvvisi disturbi della parola, della vista della durata di più di qualche minuto Improvvisa perdita di forza di un braccio, o di una gamba, o di un lato del corpo Battito cardiaco molto veloce o molto lento per più di qualche minuto. 9

10 Per verificare se ha capito, provi a rispondere a queste domande. Troverà alla fine del Manuale-Diario le risposte esatte. 1. Cosa pensa che sia lo scompenso cardiaco? 1 un altro modo per dire attacco di cuore 2 un altro modo per dire disturbo del ritmo del cuore 3 debolezza del cuore come conseguenza naturale dell invecchiamento 4 quando il cuore diventa meno efficiente nel pompare il sangue a tutto il corpo 2. Come può essere curato lo scompenso? Con 1 farmaci 2 pace-maker 3 interventi chirurgici al cuore 4 altro, cioè.. 5 NON può essere curata 6 non so Sono possibili più risposte 3. Le persone che soffrono di ipertensione hanno maggiori probabilità di essere colpite da scompenso cardiaco. 1 si 2 no 3 non so 10

11 4. Le persone che hanno avuto un infarto hanno maggiori probabilità di essere colpite da scompenso cardiaco. 1 si 2 no 3 non so 5. Le persone con uno stile di vita non salutare, che ad es. fumano, bevono e mangiano troppo, hanno maggiori probabilità di essere colpite da scompenso cardiaco. 1 sono d accordo 2 non sono d accordo 3 non so 6. La comparsa di capogiro quando ci si alza bruscamente dalla sedia è preoccupante? 1 si 2 no 3 non so 7. In caso di mancanza di respiro quando ci si sdraia a letto bisogna avvisare il medico o chiamare l ambulatorio scompenso? 1 si 2 no 3 non so 8. Lo scompenso cardiaco è una malattia che inesorabilmente peggiora? 1 si 2 no 3 non so 11

12 COME SI CURA LO SCOMPENSO? Il trattamento dello scompenso ha come scopo quello di ridurre i sintomi, rallentare la progressione della malattia e complessivamente migliorare il suo stato di salute. a. CON FARMACI ACE-INIBITORI INIBITORI RECETTORIALI DELL ANGIOTENSINA Nomi commerciali più frequenti: ACCUPRIN, ACEPRESS, ACEQUIN, ALAPRIL, BIFRIL, CAPOTEN, CIBACEN, CONVERTEN, COVERSYL, DELAKET, ELITEN, ENAPREN, FEMIPRES, FOSIPRES, GOPTEN, INIBACE, INITISS, NAPRILENE, PRIMOXIL, PRINIVIL, PROCAPTAN, QUARK, QUINAZIL, RENORMAX, SETRILAN, TANATRIL, TENSANIL, TENSOGARD, TRIATEC, UNIPRIL, ZESTRIL, ZINADRIL APROVEL, BLOPRESS, KARVEA, LORTAAN, LOSAPREX, MICARDIS, NEO LOTAN, PRITOR, RATACAND, TAREG, TEVETENZ, VALPRESSION Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Riducono il carico di lavoro del cuore, dilatano i vasi venosi e arteriosi. Tolgono sacchetti al carretto alleggerendolo. Il Capoten e l Acepress sono gli unici che vanno assunti a stomaco vuoto; gli altri possono essere assunti 12

13 indipendentemente dai pasti. A seconda del tipo, devono essere presi una o più volte al giorno. Generalmente quando si avvia la terapia si inizia con una dose bassa che gradatamente si aumenta fino ad ottenere il massimo beneficio senza problemi. Alcuni farmaci contengono l ACE inibitore o l inibitore recettoriale associato a un diuretico. Effetti collaterali Avvisi il medico se compare capogiro, facilità a stancarsi, oppure tosse insistente, prevalentemente secca. Possono cambiare i sapori del cibo e avere arrossamenti della pelle. DIURETICI Nomi commerciali più frequenti: LASIX, ZAROXOLIN, TORADIUR, DIURESIX, DIUREMID, TAULIZ, ESIDREX, IGROTON, NATRILIX, REOMAX, KADIUR, MODURETIC, LASITONE, FLUSS 40, SPIROFUR, ALDACTONE, URACTONE, KANRENOL, DIUREK, LUVION. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Aumentano l eliminazione di acqua e sale con le urine; alcuni permettono il risparmio di potassio. Riducendo la quantità di acqua che tende ad accumularsi, riducono il carico di lavoro del cuore. Quindi tolgono sacchetti dal carretto alleggerendolo. Si tratta di pastiglie o fiale da fare in vena o intramuscolari. 13

14 La dose del mattino è più efficace se dopo averla assunta si resta sdraiati ancora per circa un ora. Nel caso in cui l assunzione del diuretico le creasse disagio nell ambito delle attività quotidiane (esempio al lavoro ecc.), non salti la somministrazione prescritta, ma concordi con il medico la modifica dell orario di somministrazione. Si ricordi che in caso di vomito, diarrea, sudorazione eccessiva (tutte situazioni che contribuiscono alla perdita di liquidi) si incorre nel rischio di disidratazione, e di conseguenza in questi casi è opportuno che il medico le confermi o riduca il dosaggio del diuretico. La dose del diuretico non deve essere considerata fissa, ma flessibile. BETABLOCCANTI Nomi commerciali più frequenti: LOPRESOR, CARVIPRESS, CONCOR, DILATREND, SELOKEN. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Riducono il consumo di energia dell asinello, che può così camminare più a lungo mangiando la stessa quantità di biada. Il farmaco viene dato iniziando a dosi bassissime che andranno aumentate ogni 1-2 settimane, sotto controllo medico (visita, frequenza cardiaca, pressione arteriosa), fino alla dose giusta per ciascuno che poi verrà proseguita. Effetti collaterali: Specie nella fase iniziale di aggiustamento del dosaggio segnali al medico qualsiasi disturbo del tipo: mancanza di respiro, molta stanchezza, capogiri. I betabloccanti possono far 14

15 venire incubi notturni. Raramente possono ridurre la potenza sessuale. DIGITALE Nomi commerciali più frequenti: LANITOP, LANOXIN, CARDIOREG, EUDIGOX. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra E un farmaco che stimola il cuore a contrarsi e riduce la frequenza cardiaca. E come la carota messa di fronte all asinello. Possono essere compresse o gocce. Di solito si prendono una volta sola al giorno, al mattino. Effetti collaterali: Avvisi il medico se compare nausea, vomito, diarrea, perdita di appetito, alone (o ombra) verde o giallo intorno alle luci, capogiri. NITRATI O NITRODERIVATI Nomi commerciali più frequenti: ADESITRIN, CARVASIN, DEPONIT, DINIKET, DURONITRIN, ELAN, MINITRAN, MONOCINQUE, MONOKET, NITRODERM TTS, NITRO-DUR, NITROSYLON, NITROSORBIDE, TOP-NITRO, VENITRIN. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra 15

16 Riducono il lavoro del cuore; dilatano i vasi arteriosi ed i vasi venosi, incluse le arterie coronarie. Tolgono sacchetti dal carretto, alleggerendolo. Si tratta di pastiglie o di capsule che si prendono una o più volte al giorno, non importa se a digiuno o meno. Possono anche essere cerotti da mettere sulla pelle, in qualsiasi zona purché non abbia peli. Ci si può lavare regolarmente, anche con il cerotto. Il posto dove mettere il cerotto va cambiato così da evitare arrossamenti cutanei. Il medico le dirà a che ora il cerotto va messo e a che ora va tolto: se ne ricordi! Tenere il cerotto 24 ore al giorno crea abitudine al farmaco, che così perde efficacia! Conservazione: i contenitori dei farmaci devono essere a tenuta d aria, ben chiusi e vanno conservati al freddo. Effetti collaterali: Avvisi il medico in caso di pressione bassa e capogiro, continuo mal di testa (spesso infatti è presente nelle prime somministrazioni ma scompare con il proseguire della terapia), arrossamento cutaneo al volto, alito cattivo. AMIODARONE Nomi commerciali più frequenti: AMIODAR, CORDARONE 16

17 Riduce le aritmie del cuore. Il farmaco ha un tempo di accumulo nel corpo di alcune settimane durante le quali l azione va gradualmente crescendo. Per questo non è rilevante il momento della giornata in cui il farmaco viene assunto. Altrettanto lenta è l eliminazione del farmaco dal corpo. Si tratta di pastiglie che si possono prendere anche tutte insieme se più di una, meglio se a stomaco pieno. A volte il medico le prescrive per alcuni giorni alla settimana (es: per cinque giorni alla settimana: non si prendono il sabato e la domenica). Effetti collaterali: Spesso si sviluppano piccoli depositi di farmaco nella cornea, che solo molto raramente danno disturbi visivi (per es. aloni, ombre). Frequentemente la pelle esposta al sole diventa più scura. Poiché l amiodarone può causare sia eccesso che riduzione del funzionamento della ghiandola tiroidea il medico le chiederà di controllare ogni tanto gli esami del sangue di funzionalità tiroidea. ANTICOAGULANTI E ANTIAGGREGANTI Nomi commerciali più frequenti: COUMADIN, SINTROM; ASPIRINA (varie formulazioni), IBUSTRIN, TICLOPIDINA e CLOPIDOGREL (generici). Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra 17

18 Riducono la capacità del sangue di coagulare e quindi la possibilità di formazione di trombi (o coaguli) all'interno del cuore. Si tratta sempre di pastiglie, somministrate in genere una volta sola al giorno (2 volte per la ticlopidina), preferibilmente a stomaco pieno. Solo per gli anticoagulanti (SINTROM e COUMADIN) il dosaggio va stabilito in base al risultato di un esame del sangue che si chiama INR (Rapporto Internazionale Normalizzato). Il valore di INR deve essere compreso tra 2.0 e 3.0, salvo diverse prescrizioni del medico. Effetti collaterali. Faccia attenzione alla comparsa di pallore della pelle accentuato o protratto nel tempo. Controlli se le feci diventano nere od acquistano un odore forte e sgradevole (potrebbe essere un segnale di perdita di sangue dallo stomaco o dall intestino), o se compare sangue nella bocca (esempio quando spazzola i denti), o se perde sangue dal naso, o se l urina diventa rossa. Inoltre controlli se compaiono lividi senza traumi o colpi. In tutti questi casi avvisi il medico. ALTRI FARMACI A VOLTE UTILIZZATI Oltre quelli finora elencati, altri farmaci a volte possono essere prescritti su indicazioni particolari. Da alcuni di questi non deriva necessariamente un miglioramento dei suoi sintomi perché hanno lo scopo di prevenire gli effetti collaterali di medicine necessarie o di rallentare il peggioramento della malattia coronarica o di prevenirne la comparsa. Sono quindi farmaci importanti e vanno assunti regolarmente. Ad esempio: 18

19 CALCIOANTAGONISTI Nomi commerciali più frequenti: ADALAT, ANIFED, CITILAT, CORAL, NIFEDICOR, NIFEDIN, NIFEDIPINA DOROM, ANTACAL, MONOPINA, NORVASC. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Servono a ridurre la pressione arteriosa e ad aiutare a curare l angina pectoris. INTEGRATORI DI POTASSIO Nomi commerciali più frequenti: LENTOKALIUM, POLASE, POTASSION, KADALEX, KCL RETARD. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Servono a correggere una riduzione del livello di potassio nel sangue, spesso conseguente all uso di diuretici. IPOLIPEMIZZANTI Classi di farmaci più frequenti: statine, fibrati, sequestranti degli acidi biliari, acido nicotinico, altri. Aiutano ad abbassare il livello dei grassi in associazione alla dieta. IPOURICEMIZZANTI Nomi commerciali più frequenti: ALLURIT, URICEMIL, URICODUE, ZYLORIC. Attenzione! Non tutti i nomi commerciali sono riportati sopra Hanno lo scopo di ridurre il rischio di attacchi di gotta, a volte indotti dalla terapia con diuretico. 19

20 Per verificare se ha capito, provi a rispondere a queste domande. Troverà alla fine del Manuale-Diario le risposte esatte. 9. La dose dell ACEinibitore prescritta dal medico deve essere considerata una dose variabile a seconda dalle variazioni del peso quotidiano 1 si 2 no 3 non so 10. I farmaci per lo scompenso possono abbassare la pressione 1 si 2 no 3 non so 11. La digitale può fare venire nausea? 1 si 2 no 3 non so 12. E corretto tenere il cerotto di nitroderivato per tutto il giorno (24 ore)? 1 è indifferente 2 solo se viene sempre rinnovato 3 no, va tolto per qualche ora 13. Quando si sta bene si può ridurre un poco la dose delle medicine, ma non del diuretico. 1 vero 2 falso 3 non so 20

21 b. CON IL SUO CONTRIBUTO 1. L ASSUNZIONE DEI FARMACI I farmaci sono estremamente importanti: dimenticarsi di assumerli o prenderli in quantità sbagliata può determinare problemi anche seri. D altra parte ci si può sbagliare se si devono assumere numerosi farmaci, più volte al giorno. Per evitare problemi potrebbe preparare o farsi preparare un tabella scritta a caratteri grandi e comprensibili con gli orari, il nome del farmaco e la dose, come nell esempio presentato qui sotto: ESEMPIO DI FOGLIO DI TERAPIA h 8 (a colazione) - ENAPREN 20 mg ½ compressa (o pastiglia o pillola) - DILATREND 6.25 mg 1 compressa - LASIX 25 mg 1 compressa h 13 (a pranzo) - CARDIOASPIRIN 100 mg 1 compressa dopo mangiato h 20 (a cena) - ENAPREN 20 mg ½ compressa - DILATREND 6.25 mg 1 compressa 21

22 La tabella può essere appesa al muro, in casa, ma una copia deve portarla sempre con sé. Potrebbe esserle anche comodo preparare i farmaci giornalmente prendendo una scatoletta che contenga le pillole per un intera giornata, con tanti scomparti, suddivisa in ore. Inoltre potrebbe essere utile prendere le medicine alla stessa ora ogni giorno, e precisamente nel momento in cui si effettua sempre una stessa attività, per esempio quando ci si lava al mattino, o quando ci si siede a tavola. Chieda sempre al medico o al farmacista quali medicine possono essere prese ai pasti. Importante è non restare mai senza medicine, bisognerebbe comprare sempre una nuova confezione prima di finire la precedente; portare con sè le medicine e le ricette di riserva quando si va in viaggio, e tenere un elenco di tutte le medicine che si prendono. I farmaci possiedono degli effetti collaterali che se rilevati vanno segnalati al medico in occasione dei controlli o telefonicamente. Ne prenda nota scritta quando li avverte, così da poterli riferire al medico con esattezza. 22

23 2. IL CONTROLLO DEL PESO Si pesi tutti i giorni, al mattino e a digiuno, scriva il peso su un apposito diario o sul calendario; questo le permetterà non solo di registrare il valore di quel giorno, ma anche di confrontarlo con i valori dei giorni precedenti e così prendere decisioni su un eventuale aumento della dose del diuretico da assumere. Si ricordi di portare sempre con sé il diario o il calendario su cui ha annotato il peso corporeo al successivo controllo medico. 3. L AUTOGESTIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA Va impostata solo se il medico è d accordo. Dose di diuretico: Se si accorgesse che il peso tende ad aumentare (aumento di circa 2 chili in 1-3 giorni) deve porsi due domande: 1) ha bevuto di più nei giorni scorsi? 2) ha urinato di meno nei giorni scorsi? Nel caso fosse consapevole di avere bevuto di più si rimetta in riga e controlli che il peso ritorni al valore usuale in un paio di giorni. Nel caso fosse consapevole di avere urinato di meno, può aumentare la dose di diuretico che sta assumendo. Si ricordi che la dose di diuretico con la quale è stato dimesso è flessibile: aggiustamenti devono DI QUANTO E AUMENTATO DI PESO? DI 2 Kg IN 1-3 GIORNI PUO, SE IL MEDICO E D ACCORDO, AUMENTARE DA SOLO LA DOSE DI DIURETICO DA ASSUMERE DI PIU DI 2Kg IN 1 3 GIORNI CONSULTI IL MEDICO 23

24 essere fatti in caso di ritenzione d acqua. Si aumenta di solito il LASIX perché questo agisce più rapidamente. Concordi con il medico di quanto aumentare il diuretico e quale farmaco utilizzare. DI QUANTO AUMENTARE LA DOSE GIORNALIERA DI DIURETICO? Un esempio Dose abituale di furosemide (Lasix) 50 mg: 2 c ore 6 75 mg: 2 c ore 6 e 1 c ore mg: 2 c ore 6 e 2 c ore 12 Concordato Dose da assumere incremento del 50% = = 75 mg 2 c ore 6 e 1 c ore 12 2 c ore 6 e 2 c ore 12 = = circa 100 mg oppure 3 c ore 6 e 1 c ore 12 Lasix F. 500 mg ¼ c ore 6 = = 150 mg e Lasix 25 mg 1 c ore 12 Dose abituale di furosemide (Lasix) 50 mg: 2 c ore 6 75 mg: 2 c ore 6 e 1 c ore mg: 2 c ore 6 e 2 c ore 12 Concordato incremento del 100% = = 100 mg = = 150 mg = = 200 mg Dose da assumere 2 c ore 6 e 2 c ore 12 oppure 3 c ore 6 e 1 c ore 12 Lasix F. 500 mg ¼ c ore 6 e Lasix 25 mg 1 c ore 12 Lasix F. 500 mg ¼ c ore 6 e 24

25 Lasix 25 mg 3 c ore 12 Se durante i giorni in cui aumenta il diuretico non nota un graduale aumento della quantità di urina e riduzione del peso corporeo, chieda aiuto al medico. Se in 3-4 giorni il peso è tornato a quello usuale, può gradualmente ritornare alla dose precedente di diuretico. ACE-inibitori: In estate il caldo determina normalmente vasodilatazione e la pressione arteriosa può abbassarsi. Se si hanno sintomi, quali capogiri o stanchezza importante, o se i valori di pressione arteriosa massima sono inferiori a 90 mmhg NON sospenda l assunzione dell ACE-inibitore. Può invece ridurre la dose giornaliera del farmaco. Appena l estate sarà finita, però, ritorni gradualmente alla dose prescritta. Per questi aggiustamenti della dose contatti il medico. Antinfiammatori o antidolorifici (FANS): questi farmaci (esempio: Voltaren, Aulin, Diclofenac, Feldene, Brufen, Ketoprofene, Orudis, Zepelim, etc.) possono ridurre l efficacia dei diuretici (=quantità di urina ridotta): pertanto qualora fosse necessario assumere antinfiammatori (esempio in caso di influenza, dolori articolari,..), preferisca il paracetamolo che non agisce sul rene (TACHIPIRINA, EFFERALGAN); altrimenti riferisca al medico e concordi con lui l eventuale dose e durata del trattamento. 25

26 4. IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA Nel caso in cui il medico le chiedesse di misurare la pressione arteriosa la misuri sempre agli stessi orari, lontano dai pasti e segni il valore su un apposito diario o sul calendario. Si ricordi di portare sempre con sé il diario o il calendario su cui ha annotato la pressione arteriosa al successivo controllo medico. 5. LA RIDUZIONE DELL APPORTO DI LIQUIDI Un altro dato importante è il controllo della quantità di acqua che viene ingerita ogni giorno, sia quella bevuta come tale, sia quella contenuta in bevande, minestre, cibi e frutta. Durante alcune fasi della malattia, lo scompenso porta ad avere molta sete. Ciononostante è necessario ridurre l ingestione di acqua ed a volte anche soffrire la sete, perché, come si è già detto, l acqua non costituisce altro che un ulteriore peso sul carretto. In assenza di altra prescrizione specifica, non beva più di 1,5-2 litri al giorno. Nel caso in cui la sete fosse più forte del buon senso, le suggeriamo nella tabella alcuni accorgimenti che si possono adottare per controllarla. 26

27 ALCUNI ACCORGIMENTI PER COMBATTERE LA SETE - mangiare o meglio succhiare dei pezzetti di ghiaccio tritato - sciacquarsi la bocca spesso - bere piccole quantità di acqua in più riprese anziché un'unica bevuta - tenere in bocca l acqua alcuni secondi prima di ingoiarla - bere lentamente - mangiare qualche frutto (ma attenzione: la frutta disseta perché contiene acqua!) - limitare le bevande gasate - non mangiare salato È corretto imparare a dosare i cosiddetti liquidi nascosti: non tutti sanno, infatti, che un piatto di minestra contiene circa 100 cc di acqua, mentre uno di minestrina anche 150 cc; un abbondante tazza di colazione circa 200/300 cc, un bicchiere da pasto circa 100/150 cc, un caffè circa 50 cc, un gelato dai 100 ai 150 cc, ecc. Si ricordi che frutta e verdura fresca sono alimenti 27

28 ricchi d acqua. Acqua è presente anche nelle bevande quali cocacola, aranciata, chinotto, vino, birra. 6. LA SCELTA DELLA DIETA Il sodio provoca accumulo di liquidi nell organismo, fa quindi aumentare i sacchetti sul carretto. Il sodio è contenuto nel sale da cucina (cloruro di sodio) e quindi in tutti i cibi che contengono del sale. Pertanto segua una dieta iposodica, cioè povera di sale, che non è una dieta assolutamente priva di sale. In questa valutazione è anche necessario tenere conto del sale "nascosto", cioè di quei cibi che contengono sale a causa della loro preparazione (per esempio formaggi ed insaccati). Normalmente la quantità massima consentita di sodio deve esser inferiore a 2 grammi, pari a 5 grammi di sale. I cibi ricchi di sale Cibi in scatola Cibi conservati in salamoia Salumi ed insaccati Spuntini (noccioline, salatini, etc.) Formaggi stagionati Alcuni accorgimenti: Non tenere il sale a tavola Cucinare senza sale (aggiungere il sale solo nell acqua di cottura della pasta o del riso) Salare dopo la cottura Sciacquare i cibi conservati Insaporire con le spezie e aromi 28

29 Nelle pagine seguenti può trovare alcuni consigli generali sui cibi il cui consumo è consigliabile ridurre o limitare oppure aumentare e preferire. CARNE SALUMI RIDURRE Grassa (maiale, oca, anatra,..), selvaggina, frattaglie (fegato, cuore, rene, ), carne conservata in scatola tipo Simmenthal. Sono tutti sconsigliati (prosciutto crudo o cotto, salame, coppa, salsiccia, mortadella, pancetta, ). PREFERIRE Carni magre tipo vitello, manzo magro, pollo e tacchino (senza pelle), coniglio, cavallo, maiale magro (lonza o filetto) cucinate alla griglia o tipo scaloppine o in umido o al forno. Nessuno. PESCI FORMAGGI UOVA Molluschi (cozze, vongole, ), crostacei (gamberi, aragoste, ), pesci conservati in scatola (es. tonno sott olio o in salamoia), salmone affumicato, merluzzo secco. Formaggi grassi, specie se a pasta dura, fermentati o stagionati (gorgonzola, pecorino, formaggini, mascarpone, ), latte intero. Fritte in padella con olio o burro. Preferire il pesce di acqua dolce (luccio, trota, carpa); sono consentiti tutti i pesci magri tipo sogliola, merluzzo, dentice, orata, rombo cucinati alla griglia o al artoccio o a vapore. Formaggi freschi tipo mozzarella, ricotta, crescenza (una o due volte a settimana), yogurt magro, latte parzialmente o totalmente scremato. Fresche in camicia o alla coque o in frittata cotta al forno o in padelle antiaderenti senza condimenti (si consiglia di non superare due uova alla settimana). 29

30 PASTA PANE Pasta all uovo, pasta ripiena (tortellini, ravioli, ), cereali precotti (corn-flakes) o a rapida cottura (polenta precotta), pasta per pizza o focaccia Pane confezionato, grissini, fette biscottate e crackers normali. Pasta di semola e riso conditi con pomodoro, poco olio, o con sughi di verdure. Si consiglia di evitare il consumo di minestroni, passati, creme, in quanto ricchi di liquidi. Pane comune o senza sale (toscano) o integrale, fette biscottate e grissini senza sale. VERDURE Verdure fritte con olio o burro. Verdure crude o cotte condite con olio e limone o aceto. LEGUMI Legumi in scatola Legumi freschi o surgelati e secchi (fagioli, piselli, ceci, fave, lenticchie). FRUTTA Frutta secca, oleosa, farinosa (noci, nocciole, mandorle, arachidi, datteri, castagne). Frutta fresca o cotta di tutti i tipi. CONDIMENTI Condimenti animali (burro, lardo, strutto, margarina), margarina vegetale, condimenti cotti, fritture, salse grasse, maionese, salsa di soia, salsa Ketchup, conserva di pomodoro, sughi pronti Olio extravergine d oliva o di semi di soia o di mais (preferibilmente a crudo). Sono da evitare i fritti. 30

31 DOLCI Tutti i tipi di dolci dovrebbero essere ridotti. Zucchero, marmellata di frutta, gelatina di frutta, miele, biscotti secchi, dolci fatti in casa senza grassi e senza sale. ALCOLICI Alcolici (vino, birra), aperitivi, superalcolici (grappa, whisky, ), BEVANDE Limitare l uso di bevande gassate zuccherate Acqua, succhi di frutta. CAFFE TE Limitare l uso del caffè / tè a 1-2 tazzine al giorno. VARIE Spezie con sale, sale, sott aceti, dadi di carne o vegetali, senape, olive, capperi, cetrioli in salamoia, salsa di soia. Spezie ed aromi senza sale (prezzemolo, basilico, origano, peperoncino, ). 31

32 Può trovare ora alcuni consigli sui metodi di cottura da utilizzare. COTTURA DEGLI ALIMENTI Carne e pesce Uova Verdure Patate Primi piatti alla griglia in umido lessati al cartoccio arrosto alla coque in camicia sode in frittata cotta al forno o in padelle antiaderenti lessate al forno alla griglia al vapore bollite lessati ASCIUTTI: olio pomodoro fresco o tipo pelati sughi di verdure NO FRITTI NO FRITTI NO FRITTI NO FRITTI NO SUGHI SE FRITTI E possibile che il medico le abbia fatto prescrizioni dietetiche diverse da queste in base a sue esigenze particolari; in questo caso, segua i consigli del medico. Se lei è in sovrappeso: se il carretto è sovraccarico, andrà attuata una politica di alleggerimento. Il peso superfluo sarà il primo che dovrà essere smaltito. Occorrerà però seguire attentamente le prescrizioni dietologiche: non faccia da sé! Se si accorgesse di dimagrire molto (ad esempio un calo di 5 chili o più in confronto al peso di sei mesi prima) lo segnali al medico. 32

LO SCOMPENSO CARDIACO

LO SCOMPENSO CARDIACO Area Medica P.O. Pistoia LO SCOMPENSO CARDIACO Opuscolo informativo di educazione terapeutica U.O. Cardiologia U.O. Medicina Interna I COS E LO SCOMPENSO CARDIACO Lo scompenso cardiaco è una malattia molto

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica

Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica I Obiettivo La regolare assunzione dei farmaci prescritti per aiutare il tuo cuore

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore Dr. Franco Adriano Zecchillo Il primo trattamento per la cura dello scompenso cardiaco è.. MODIFICHE

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Scompenso Cardiaco. Riabilitazione e vita

Scompenso Cardiaco. Riabilitazione e vita Opuscolo 2 Anno 2012 Azienda USL Rieti U. O. C. C A R D I O L O G I A Riabilitazione e vita Scompenso Cardiaco Un Ambulatorio per il Cuore affaticato Sommario: Presentazione Opuscolo 3 Definizione dello

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6 Introduzione Pag. 3 Il decalogo dei consigli Pag 4 Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5 Esempi di dieta Pag. 6 Frequenze settimanali Pag. 7 Attività fisica Pag. 8 La piramide della salute Pag.

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

Per qualsiasi necessità l utente potrà rivolgersi (Telefono 0372.421195)

Per qualsiasi necessità l utente potrà rivolgersi (Telefono 0372.421195) Casa di Cura Figlie di San Camillo Via Fabio Filzi n 56 26100 Cremona Tel.:0372.421111 Fax.:0372.421133 U.O. di Cardiologia Cardiologia Riabilitativa Laboratorio di Diagnostica Strumentale Ambulatorio

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio

Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio Scompenso cardiaco cronico: Come gestirsi la propria malattia a domicilio: chi è protagonista..sono importanti..ma.. I Consigli..

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO I.P. UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO QUESTO OPUSCOLO È STATO REALIZZATO PER FORNIRE UTILI CONSIGLI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI. FAVORISCI LA SUA DIFFUSIONE TRA LE FASCE DI POPOLAZIONE IN ETÀ PIÙ AVANZATA. GRAZIE.

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo.

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Dott.ssa Stefania Marzona Tecnologa Alimentare Incontro pubblico gratuito Come affrontare le vacanze senza problemi promossa dal Distretto

Dettagli

PROBLEMI DIETETICI IN PAZIENTI RADIOTRATTATI IN REGIONE ADDOMINO-PELVICA

PROBLEMI DIETETICI IN PAZIENTI RADIOTRATTATI IN REGIONE ADDOMINO-PELVICA REGIONE VENETO Azienda U.L.S.S. N. 9 Treviso DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA UNITÀ COMPLESSA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA DIRETTORE: DOTT. ALESSANDRO GAVA PROBLEMI DIETETICI IN PAZIENTI RADIOTRATTATI IN REGIONE

Dettagli

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA.

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA. INTRODUZIONE Da un indagine condotta dal CONI Provinciale di Milano, risulta che 3 bambini su 10 sono in sovrappeso e obesi. Ciò è dovuto soprattutto ad abitudini alimentari errate e a un eccessiva sedentarietà.

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA

FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA COS È LA PRESSIONE ARTERIOSA? La pressione arteriosa è la forza che il sangue esercita contro la parete delle arterie. È come la pressione dell acqua in un tubo per

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete CONSIIGLII PER LA PERSONA DIIABETIICA Gentile signore/a questo opuscolo può esserle di aiuto per la convivenza con il diabete. Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

INDICAZIONI COMPORTAMENTALI E DIETETICHE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A BY-PASS GASTRICO (RYGBP)

INDICAZIONI COMPORTAMENTALI E DIETETICHE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A BY-PASS GASTRICO (RYGBP) INDICAZIONI COMPORTAMENTALI E DIETETICHE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A BY-PASS GASTRICO (RYGBP) CENTRO PER LO STUDIO, LA RICERCA E LA TERAPIA DELL OBESITÀ (C.S.R.T.O.) Direttore: Dott. Pietro Pizzi Collaboratori:

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE

ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE ALIMENTAZIONE E DISLIPIDEMIE INTRODUZIONE Per dislipidemia s intende un alterazione del profilo dei grassi (lipidi) nel sangue (colesterolo e trigliceridi). Allo stato attuale il motivo di preoccupazione

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli