Definizioni fondamentali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizioni fondamentali"

Transcript

1 Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d A verso B si ce segmento orientto 3 Un segmento orientto un rett orientt è positivo se il segmento h l stess orientzione dell rett; negtivo se il segmento e l rett hnno orientzione scorde 4 Se A coincide con B il segmento AB si ce nullo 5 Qundo su un rett orientt si consider il segmento orientto AB non nullo, d esso viene ssocit un misur lgebric o misur reltiv o misur orientt rispetto d un segmento u ssunto come unità misur; se AB è un segmento positivo l su misur è un numero positivo, mentre se AB è un segmento negtivo l su misur è un numero negtivo L misur lgebric un segmento orientto AB si inc con AB, che si ce stnz lgebric o stnz reltiv o stnz orientt tr A e B 6 Si h AB BA, d cui AB + BA 7 Su r vle l identità Chrles: AB AC + CB essendo A, B, C tre punti qulsisi r e considerndo le misure in senso reltivo 8 Considert un rett orientt r, si fissi rbitrrimente un punto O si ess, detto punto origine o origine Il punto O vide l rett r in due semirette: un positiv che contiene i punti successivi O nel verso positivo, e l ltr negtiv che contiene i punti che precedono O 9 isst un unità misur u d ogni punto P r, il numero rele reltivo che è l misur lgebric, rispeto u, del segmento orientto OP si ce coornt sciss o sciss del punto P Per incre che è l sciss P, si us il simbolo P( 1 Qundo si fiss su un rett un punto O come origine, un verso positivo e un unità misur, si ce che si è fissto sull rett un sistem coornte scisse o semplicemente un sistem scisse 11 Un sistem scisse stbilisce un corrispondenz biunivoc tr i punti dell rett e l insieme dei numeri reli Quest corrispondenz biunivoc permette invidure i punti dell rett mente numeri 1 Su un rett in cui è fissto un sistem scisse, l stnz orientt tr due punti è ugule ll fferenz, nell orne, tr l sciss del secondo punto e quell del primo: A( 1 B( 1 ; l stnz ssolut tr i due punti è ugule l vlore ssoluto dell fferenz tr le scisse dei due punti 13 L sciss del punto meo un segmento è ugule ll semisomm, cioè ll me ritmetic, delle scisse degli estremi: 1 + M Coornte crtesine nel pino 1 Si ce che nel pino è stto fissto un sistem riferimento crtesino ortogonle O se sono stte fisste due rette perpencolri e ognun delle quli dott un sistem scisse in modo che il punto intersezione delle due rette e si l origine comune dei due sistemi scisse Normlmente il verso positivo dell rett viene scelto verso destr e quello dell rett verso l lto

2 Se l unità misur è l stess sulle due rette e, il sistem si ce monometrico; il cso contrrio il sistem srà metrico 3 A un generico punto P del pino si possono fr corrispondere due numeri e corrispondenti lle coornte scisse delle proiezioni sulle due rette e del punto P I due numeri prendono il nome coornte del punto P: il primo si ce sciss P e il secondo ornt P Gli ssi e si cono rispettivmente sse delle scisse e sse delle ornte 4 Un sistem riferimento ssi crtesini ortogonli stbilisce quin un corrispondenz biunivoc tr i punti del pino e le coppie ornte numeri reltivi Per incre che e sono le coornte del punto P si scrive P(, Quest corrispondenz biunivoc permette invidure i punti del pino mente coppie numeri 5 I due ssi e vidono il pino il quttro ngoli che si cono qudrnti Il primo qudrnte è convenzionlmente quello in lto destr e per l numerzione degli ltri si procede in verso ntiorrio 6 L stnz ssolut d due punti A( 1, 1 e B(, nel pino è dt dll rce qudrt dell som- m dei qudrti delle fferenz delle coornte omonime dei due punti: ( ( d Le coornte del punto meo un segmento è ugule ll semisomm, cioè ll me ritmetic, delle coornte degli estremi: 1 + M, 1 + M 8 Sino dti i due punti A( 1, 1 e B(, Le coornte del punto P(, che vide internmente il segmento AB in prti proporzionli i numeri m e n, cioè tle che si (m, n > sono AP m PB n n1 + m P n +, m n 1 + m P n + m 9 Sino dti i tre punti A( 1, 1, B(, e C( 3, 3 Le coornte del bricentro G(, del tringolo ABC sono G, G 3 3 Coornte crtesine nello spzio 1 Si ce che nello spzio è stto fissto un sistem riferimento crtesino ortogonle se sono stte fisste tre rette,, z uscenti d un punto O e ortogonli due due, ognun delle quli dott un sistem scisse in modo che il punto intersezione delle tre rette,, z si l origine comune dei sistemi scisse Le tre rette si cono ssi coornti e i tre pini che esse inviduno pini coornti A un generico punto P dello spzio si possono fr corrispondere tre numeri,, z corrispondenti lle coornte scisse delle proiezioni sulle tre rette,, z del punto P I tre numeri prendono il nome coornte crtesine del punto P: il primo si ce sciss P e il secondo ornt P, il terzo quot P 3 Un sistem riferimento ssi crtesini ortogonli stbilisce quin un corrispondenz biunivoc tr i punti dello spzio e le terne ornte numeri reltivi Per incre che,, z sono le coornte del punto P si scrive P(,, z Quest corrispondenz biunivoc permette invidure i punti dello spzio mente terne numeri 4 I tre ssi,, z vidono il pino il otto regioni (triedri trirettngoli 5 L stnz ssolut d due punti A( 1, 1, z 1 e B(,, z nel pino è dt dll rce qudrt dell somm dei qudrti delle fferenz delle coornte omonime dei due punti: ( + ( + ( z d 1 1 z1

3 Introduzione lle geometri nlitic pin 1 L geometri nlitic è quell prte dell mtemtic che stu e deduce le proprietà certi luoghi geometrici mente il clcolo lgebrico, cioè mente un metodo nlitico L geometri rzionle, l contrrio, us per indgre sulle figure geometriche un metodo sintetico che consiste nel dedurre tli proprietà prtire d lcune ipotesi, mente rgionmenti che si sviluppno ll interno dell geometri stess Si ce luogo geometrico pino l insieme tutti e soli i punti del pino che godono un dt proprietà 3 Ogni proprietà crtteristic dei punti un luogo geometrico può essere trdott in un relzione lgebric tr l sciss e l ornt dei punti P(, del luogo geometrico, ossi in un equzione del tipo (, che deve essere sodsftt dlle coornte dei punti del luogo e soltnto d esse L equzione (, si ce equzione del luogo Nei csi più comuni l equzione del luogo mmette infinite soluzioni e il luogo h infiniti punti che costituiscono il grmm o l curv rppresenttiv dell equzione 4 Un curv si ce curv lgebric se ess è rppresentt d un equzione lgebric 5 Se l equzione (, è un polinomio primo grdo in e : + b + c, esso rppresent un rett purché non si b 6 Se l equzione (, è un polinomio secondo grdo in e : + b + c + d + e + f, esso rppresent, se h soluzioni, un conic, ossi un circonferenz, un ellisse, un prbol, un iperbole o un form degenere queste curve 7 Tli curve si ottengono sezionndo un cono circolre rett due flde con un pino: si ottiene l ellisse tglindo l superficie conic con un pino che incontri, su un sol fld, tutte le genertrici dell superficie; se tle pino è perpencolre ll sse dell superficie conic si ottiene un circonferenz; b si ottiene l prbol tglindo l superficie conic con un pino che incontri, su un sol fld, tutte le genertrici dell superficie trnne un; c si ottiene l iperbole tglindo l superficie conic con un pino che incontri, su mbedue le flde, tutte le genertrici dell superficie trnne due 8 Se un curv è chius può essere rppresentt solmente d un funzione in form implicit 9 Si P(, un punto intersezione tr due curve 1 e rppresentte rispettivmente dlle equzioni 1(, e (, (, è soluzione del sistem 1(, Il sistem è: (, 1 grdo se 1 e sono rette; b grdo se 1 è un rett e un conic, o vicevers; c 4 grdo se 1 e sono coniche; Le curve 1 e vrnno tnti punti intersezioni qunte sono le soluzioni reli questo sistem, minori o uguli l grdo del sistem 1 In generle, un curv lgebric si ce orne n, se n è il mssimo numero punti che ess può vere in comune con un rett generic del pino

4 Trsformzioni geometriche nel pino crtesino 1 Si ce che un sistem XO Y è trslto rispetto l sistem O, se è stt effettut un trslzione τ che h portto l origine O nel punto O Se le coornte O nel sistem O sono O (, b, l relzione X + tr le coornte un generico punto P nel sistem O e nel sistem XOY è τ (trslzione Y + b 1 X rett, o, che è lo stesso, τ (trslzione invers Y b Si dt un curv rppresentt nel sistem O dll equzione in form esplicit f( o in form implicit (, L rppresentzione nel sistem trslto XOY quest curv si ottiene trsformndo X + l equzione nell form Y g(x o G(X, Y mente le formule τ Y + b 3 Si ce che un sistem XOY è ruotto rispetto l sistem O, se è stt effettut un rotzione ρ che h portto gli ssi e coincidere con le rette orientte X e Y pssnti con origine comune O ruotte dello stesso ngolo α rispetto e L relzione tr le coornte un generico punto P nel sistem X cosα Y senα O e nel sistem XOY è ρ (rotzione rett, o, che è lo stesso, X senα + Y cosα 1 X cosα + senα ρ (rotzione invers Y senα + cosα 4 Si dt un curv rppresentt nel sistem O dll equzione in form esplicit f( o in form implicit (, L rppresentzione nel sistem ruotto XOY quest curv si ottiene trsformndo X cosα Y senα l equzione nell form Y g(x o G(X, Y mente le formule ρ X senα + Y cosα 5 Considerimo un generic curv equzione (, Se l sostituzione ssocit ll simmetri rispetto ll sse lsci inltert l su equzione, cioè se (-, (,, llor l curv è simmetric rispetto ll sse L sse è l sse simmetri Nel cso in cui l equzione si esplicitbile nell form f(, llor è l curv è il grmm un funzione pri 6 Considerimo un generic curv equzione (, Se l sostituzione ssocit ll simmetri rispetto ll sse lsci inltert l su equzione, cioè se (, - (,, llor l curv è simmetric rispetto ll sse L sse è l sse simmetri In questo cso l equzione non è esplicitbile nell form f( 7 Considerimo un generic curv equzione (, Se l sostituzione ssocit ll simmetri rispetto ll sse lsci inltert l su equzione, cioè se (-, - (,, llor l curv è simmetric rispetto ll origine L origine O è il centro simmetri Nel cso in cui l equzione si esplicitbile nell form f(, llor è l curv è il grmm un funzione spri 8 Si σ C l simmetri centrle centro C(,, che trsform un punto P(, in un punto P (, in modo che C si il punto meo PP L espressione nlitic σ C è σ C 9 Considerimo un generic curv equzione (, Per ottenere l equzione dell curv C simmetric rispetto l punto C(, bst effetture nell equzione l sostituzione, che

5 è l sostituzione ssocit ll simmetri centro C(, : C C σ eq eq, (, ( Se quest sostituzione lsci inltert l equzione dell curv, ess è simmetric rispetto l punto C(,, che è detto centro simmetri dell curv 1 Si r un rett prllel ll sse i cui punti bbino tutti ornt q Si σ r l simmetri rispetto ll rett r, che trsform un punto P(, in un punto P (, L espressione nlitic σ r è q r σ 11 Considerimo un generic curv equzione (, Per ottenere l equzione dell curv r simmetric rispetto ll rett r prllel ll sse equzione q bst effetture nell equzione l sostituzione q, che è l sostituzione ssocit ll simmetri rispetto ll rett r: r r q q q σ eq eq, (, ( Se quest sostituzione lsci inltert l equzione dell curv, ess è simmetric rispetto ll rett r, che è dett sse simmetri dell curv 1 Si s un rett prllel ll sse i cui punti bbino tutti ornt p Si σ s l simmetri rispetto ll rett s, che trsform un punto P(, in un punto P (, L espressione nlitic σ s è p s σ 13 Considerimo un generic curv equzione (, Per ottenere l equzione dell curv s simmetric rispetto ll rett s prllel ll sse equzione p bst effetture nell equzione l sostituzione p, che è l sostituzione ssocit ll simmetri rispetto ll rett s: s s p p p σ eq eq, (, ( Se quest sostituzione lsci inltert l equzione dell curv, ess è simmetric rispetto ll rett s, che è dett sse simmetri dell curv L rett 1 L sse delle scisse è rppresentto dll equzione L sse delle ornte è rppresentto dll equzione 3 Un rett prllel ll sse delle scisse stnz q d esso h equzione q 4 Un rett prllel ll sse delle ornte stnz p d esso h equzione p 5 Un rett pssnte per l origine h equzione m, dove m si ce coefficiente ngolre dell rett (o prmetro rettivo ed è tnto mggiore qunto mggiore è l pendenz dell rett 6 L rett equzione è l bisettrice del primo-terzo qudrnte L rett equzione - è l bisettrice del secondo-qurto qudrnte 7 Un rett generic del pino h equzione in form esplicit m + q, dove m è il coefficiente ngolre dell rett e q è l ornt ll origine, intersezione dell rett con l sse delle ornte

6 8 Conzione necessri e sufficiente perché due rette, non prllele ll sse delle ornte, sino prllele, è che bbino ugule coefficiente ngolre 9 Conzione necessri e sufficiente perché due rette, non prllele gli ssi, sino perpencolri, è che i due coefficienti ngolri sino l uno l opposto del reciproco dell ltro 1 L equzione + b + c è tt rppresentre, l vrire dei coefficienti, b, c reli, qulsisi rett del pino, ed è dett equzione generle dell rett o nche equzione dell rett in form implicit Il coefficiente c è detto termine noto Per b si h coefficiente ngolre m e ornt ll origine b c c q Per b l equzione è, ossi un prllel dell sse delle ornte b 11 L equzione m + k, k R, rppresent un fscio improprio rette non prllele ll sse qulor pensi m fisso e k vribile L rett pssnte per l origine (k si ce rett bse del fscio Un fscio rette prllele ll sse h per equzione k 1 L equzione m(, dove m è il coefficiente ngolre vribile in R, rppresent un fscio proprio rette centro C(,, con esclusione dell prllel ll sse Per vere l totlità delle rette pssnti per C bst porre l equzione in form implicit, ( + b(,, b R 13 Se nell equzione del fscio rette proprio pssnte per un punto si consider m fisso, l stess equzione m( rppresent l rett pssnte per il punto (, e vente un ssegnto coefficiente ngolre m 14 Il coefficiente ngolre dell rett, non prllel ll sse, pssnte per due punti dti si ottiene come rpporto tr l fferenz delle ornte dei due punti e l fferenz delle corrispondenti scisse: 1 m 1 15 Sino P(1, 1 e Q(, due punti tli che l rett PQ non si prlell d lcuno degli ssi: 1 1 l equzione dell rett pssnte per i due punti dti è 16 Se un rett intersec rispettivmente gli ssi e nei punti P(p, e Q(, q, p e q si cono intercette ll origine rispettivmente sull sse e L equzione + p q 1 è dett equzione segmentri dell rett 17 L stnz un punto d un rett equzione + b + c si ottiene sostituendo nel primo membro dell equzione dell rett l posto e le coornte e del punto e videndo il vlore ssoluto del risultto ottenuto per l rce qudrt dell somm dei qudrti dei coefficienti e + b + c nell equzione stess: d + b 18 L sse un segmento estremi A( 1, 1 e B(,, cioè il luogo dei punti equistnti dgli estremi A e B, h equzione ( 1 + ( 1 ( + ( 19 L bisettrice degli ngoli formti d due rette incidenti equzioni rispettivmente + b + c e + b + c, cioè il luogo dei punti equistnti dlle due rette dte, h equzione + b + c + b + c ± + b + b b Dte due rette r e s equzione r + b + c e s + b + c,, incidenti nel b punto C(,, l loro combinzione linere + b + c + k( + b + c essendo k un prmetro 1 1

7 rele rppresent un fscio proprio rette centro C(,, generto d r e s, con esclusione dell rett s Le rette r e s sono dette rette bsi e si chimno, rispettivmente, prim genertrice e second genertrice Se si vogliono rppresentre tutte le rette pssnti per C, compres s, bisogn ricorrere due prmetri: k 1( + b + c + k ( + b + c Le coniche 1 Un qulsisi equzione lgebric grdo in e del tipo + b + c + d + e + f, se h soluzioni reli, rppresent un conic, eventulmente degenere, e in prticolre, detto b 4c il scriminnte dell conic, si h: per < un ellisse o un circonferenz; b per un prbol; c per > un iperbole L equzione un conic si ce in form normle o cnonic qundo gli ssi simmetri dell curv sono prlleli gli ssi e del sistem riferimento In questo cso l equzione mnce del termine rettngolre in 3 Per determinre l ngolo rotzione α degli ssi simmetri un generic conic rispetto gli ssi e è sufficiente pplicre ll equzione dell conic un rotzione 1 X cosα + senα ρ e determinre α in modo che il termine rettngolre risulti nullo Y senα + cosα L circonferenz 1 L circonferenz è il luogo dei punti del pino equistnti d un punto fisso detto centro L equzione un circonferenz centro C(, e rggio r è ( + ( r, che può nche essere scritt nell form normle o cnonic + + α + β +, dove α -, β -, + r α β 3 Vicevers, ogni equzione del tipo + + α + β + con + > rppresent un 4 4 α β circonferenz rele non degenere con centro C, e rggio α β r + Se 4 4 α 4 β + 4 l circonferenz h rggio nullo e si ce degenere nel suo centro 4 Per trovre le intersezioni un circonferenz con un rett del suo pino, bst risolvere il sistem + + α + β + secondo grdo formto dlle loro equzioni: Se le due soluzioni sono reli e + b + c stinte, l rett è secont l circonferenz; se le due soluzioni sono reli e coincidenti, l rett è tngente ll circonferenz; se le soluzioni non sono reli, l rett è estern ll circonferenz 5 Per trovre le intersezioni due circonferenze, bst risolvere il sistem qurto grdo formto dlle + + α + β + loro equzioni: Se le due circonferenze non sono concentriche (α α β + + α + β + β, sottrendo membro membro le due equzioni si ottiene il sistem equivlente

8 + + α + β + che rppresent le intersezioni dell prim circonferenz con l rett ( α α + ( β β + equzione (α α + (β β +, dett sse rcle delle due circonferenze Quest rett congiunge i due punti intersezione se le due circonferenze sono secnti, oppure è l tngente comune lle due circonferenze se sono tngenti (internmente o esternmente 6 Dte due circonferenze δ e δ non concentriche equzione δ + + α + β + e δ + + α + β +, l loro combinzione linere + + α + β + + k( + + α + β + essendo k un prmetro rele rppresent un fscio circonferenze, generto d δ e δ, con esclusione dell circonferenz δ Per k -1 l equzione si riduce ll equzione dell sse rcle δ e δ, che si conviene considerre come l equzione degenenere del fscio con rggio infinito Le intersezioni A e B delle circonferenze δ e δ genertrici del fscio sono dette punti bse del fscio Se si vogliono rppresentre tutte le circonferenze del fscio, compres δ, bisogn ricorrere due prmetri: k 1( + + α + β + + k ( + + α + β + L prbol 1 L prbol è il luogo geometrico dei punti del pino equistnti d un punto fisso (detto fuoco e d un rett dt d (dett rettrice L rett pssnte per il fuoco e perpencolre ll rettrice è l sse simmetri dell prbol 3 L intersezione dell prbol con il suo sse simmetri è il vertice dell prbol 4 L equzione un prbol vertice V(, e sse simmetri prllel ll sse è + b + c, dove b -, c + Se si consider vribile, quest equzione è quell un fscio prbole tutte con sse simmetri prllelo ll sse e vertice in V(, 5 Vicevers, ogni equzione secondo grdo del tipo + b + c rppresent un prbol con sse simmetri prllelo ll sse 6 Le coornte del vertice V un prbol equzione + b + c con sse simmetri prllelo ll sse sono b b 4c V, 4 7 Le coornte del fuoco un prbol equzione + b + c con sse simmetri prllelo ll sse sono b 1 b 4c, L equzione dell sse un prbol equzione + b + c con sse simmetri prllelo ll sse è b 9 L equzione dell rettrice d un prbol equzione + b + c con sse simmetri prllelo ll sse è 1 b 4c Il segno determin l concvità dell prbol: per > l prbol volge l concvità verso l lto; b per < l prbol volge l concvità verso il bsso; c per si h un prbol degenere (rett coincidente con l rettrice

9 11 Due prbole con sse simmetri prllelo ll sse sono congruenti se hnno ugule, nelle loro equzioni scritte nell form + b + c, il vlore ssoluto del coefficiente (coefficiente pertur 1 Per trovre le intersezioni un prbol con un rett del suo pino, bst risolvere il sistem + b + c secondo grdo formto dlle loro equzioni: Se le due soluzioni sono reli e stinte, m + q l rett è secont l prbol; se le due soluzioni sono reli e coincidenti, l rett è tngente ll prbol; se le soluzioni non sono reli, l rett è estern ll prbol Se l rett è prllel ll sse, cioè ll sse simmetri dell prbol ( h, l rett intersec l prbol in un solo punto 13 Dte due prbole e non concentriche equzione in form implicit b c e b c, l loro combinzione linere b c + k( b c essendo k un prmetro rele rppresent un fscio prbole, generto d e, con esclusione dell circonferenz Le intersezioni A e B delle prbole e genertrici del fscio sono dette punti bse del fscio Se si vogliono rppresentre tutte le circonferenze del fscio, compres, bisogn ricorrere due prmetri: k 1( b c + k ( b c Per k -1 l equzione si riduce ll equzione delle rette prllele ll sse pssnti per A e per B (l prbol degenere è costituit dll unione queste due rette, mentre per k l equzione si riduce ll equzione dell rett ' pssnte per A e B 14 Se A( 1, 1 e B(, sono due punti con 1 e m + q è l equzione dell rett che li congiunge, llor l equzione m + q + k( 1( rppresent il fscio prbole con sse simmetri prllelo ll sse vente A e B come punti bse L ellisse 1 L ellisse è il luogo dei punti un pino per i quli è costnte l somm delle stnze d due punti fissi detti fuochi Sino 1 e i due fuochi dell ellisse Il punto meo del segmento 1 si ce centro C dell ellisse L stnz tr i due fuochi si ce stnz focle (si chim semistnz focle l stnz c un vertice dl centro Le intersezioni A 1 e A dell ellisse con l rett che contiene i due fuochi 1 e si cono vertici dell ellisse Il segmento A 1A che congiunge i vertici si chim sse mggiore dell ellisse Il segmento B 1B congiungente le intersezioni B 1 e B dell ellisse con l sse dell sse mggiore pssnte per il centro dell ellisse si ce sse minore dell ellisse Le misure e b dei segmenti CA 1 e CB 1 si cono semissi dell ellisse L somm costnte delle stnze un punto dell ellisse due fuochi è pri l stnz tr uno dei fuochi e il centro si inc con c (semistnz focle 3 Si ce eccentricità e un ellisse il rpporto, minore dell unità, tr l semistnz focle c e il semisse c mggiore : e 4 L equzione in form normle o cnonic un ellisse con centro in C(, con sse mggiore ( ( prllelo ll sse è + 1 L equzione dell ellisse con sse mggiore prllelo b ll sse può essere sviluppt nell form m + n + p + q + r, con m b, n, p b, q -, r b + b p q 5 Ogni equzione del tipo m + n + p + q + r, con m e n non nulli e concor e s + r 4m 4n concorde con m e n, rppresent un ellisse con gli ssi simmetri prlleli gli ssi coornti e p q centro C, s s e semissi e b Se > b l sse mggiore è prllelo ll sse ; m n m n

10 per < b l sse mggiore è prllelo ll sse Per s l equzione rppresent un ellisse degenere nel suo centro 6 L semistnz focle c è legt i semissi dell ellisse dll relzione c b Per c si h un circonferenz rggio 7 Per le posizioni reciproche tr un rett e un ellisse vlgono le stesse considerzioni ftte per le posizioni reciproche tr un rett e un circonferenz L iperbole 1 L iperbole è il luogo dei punti del pino per i quli è costnte l fferenz delle stnze d due punti fissi detti fuochi Sino 1 e i due fuochi dell iperbole Il punto meo del segmento 1 si ce centro C dell iperbole L stnz tr i due fuochi si ce stnz focle (si chim semistnz focle l stnz c un vertice dl centro Le intersezioni A 1 e A dell iperbole con l rett che contiene i due fuochi 1 e si cono vertici dell iperbole Il segmento A 1A che congiunge i vertici si chim sse trsverso dell iperbole, come l rett cui esso pprtiene Si inc con l lunghezz del segmento CA 1 che congiunge il centro con uno dei vertici Le tngenti ll iperbole nei due vertici delimitno un strisci del pino lrghezz che non contiene punti dell iperbole L iperbole è quin costituit d due rmi 3 Esistono due rette pssnti per il centro dell iperbole che non intersecno l iperbole, m si vvicinno d ess indefinitmente mn mno che ci si llontn dll origine Tli rette si chimno sintoti dell iperbole L sse dell sse trverso pssnte per il centro, come il segmento B 1B che su esso congiunge le intersezioni B 1 e B delle congiungenti le intersezioni degli sintoti con le tngenti ll iperbole nei suoi vertici, si chim sse non trsverso dell iperbole Si inc con b l lunghezz del segmento CB 1 che congiunge il centro con il punto B 1 4 Si ce eccentricità e un iperbole il rpporto, mggiore dell unità, tr l semistnz focle c e il semisse trsverso : e c 5 L equzione in form normle o cnonic un iperbole con centro in C(, con ssi simmetri ( ( prlleli gli ssi coornti è ± 1 Se si prende il segno più l secondo membro b si h l equzione un iperbole con sse trsverso prllelo ll sse ; se si prende il segno meno l secondo membro si h l equzione un iperbole con sse trsverso prllelo ll sse L equzione dell ellisse con ssi simmetri prlleli gli ssi coornti può essere sviluppt nell form m + n + p + q + r 6 Ogni equzione del tipo m + n + p + q + r, con m e n non nulli e scor, rppresent p q un iperbole con gli ssi simmetri prlleli gli ssi coornti e centro C, e semissi m n s e m s b p q, dove s + r n 4m 4n Se s è concorde con m l sse trsverso è prllelo ll sse ; per s scorde d m l sse trsverso è prllelo ll sse Per s l equzione rppresent un ellisse degenere in un coppi rette coincidenti con i suoi sintoti 7 L semistnz focle c è legt i semissi dell iperbole dll relzione c + b 8 Le equzioni dei due sintoti dell iperbole centro C(, e semissi e b sono ( ± ( b 9 Per le posizioni reciproche tr un rett e un ellisse vlgono le stesse considerzioni ftte per le posizioni reciproche tr un rett e un prbol

11 1 Se le lunghezze e b dei due semissi dell iperbole sono uguli, l iperbole si ce equilter Gli sintoti un iperbole equilter sono perpencolri 11 L equzione un iperbole equilter con sintoti coincidenti con gli ssi crtesini è k + b 1 L funzione equzione dove, b, c, d sono numeri ssegnti, si ce funzione c + d omogrfic Per c e D d bc l funzione omogrfic rppresent un iperbole equilter con d centro C, e sintoti prlleli gli ssi coornti c c Coornte polri nel pino 1 issto un punto O nel pino detto polo; b un semirett O, dett sse polre, vente origine nel punto O; c un verso positivo delle rotzioni intorno l polo e d un unità misur U per i segmenti; risult stbilito un sistem coornte polri L stnz d un punto P del pino dl polo si ce modulo o rggio vettore P; l ngolo θ cui l sse polre deve ruotre per sovrpporsi l segmento OP si ce nomli o ngolo rezione P Il rggio vettore d e l nomli θ costituiscono le coornte polri P 3 Le trsformzioni dlle coornte polri un punto P lle sue coornte crtesine sono P d cos θ, P d sen θ 4 Le trsformzioni dlle coornte crtesine un punto P ll sue coornte polri sono d + cosθ, senθ + +, 5 Si dt un rett r; inchimo con α l ngolo che l normle r condott dl polo O form con l sse polre, e con l stnz del polo dll rett r L equzione dell rett r in coornte polri è llor d cos α θ ( 6 Si dt un circonferenz rggio r Se il polo del sistem coornte polri è un punto dell circonferenz, l equzione dell circonferenz in coornte polri è d r cos θ Se il polo del sistem coornte polri è il centro dell circonferenz, l equzione dell circonferenz in coornte polri è d r

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE Scuola secondaria di 2 o grado Classe terza Grazia Landini Barbara Magnani Milena Rabbi Maria Ragagni Roberto Ricci 125 126 Indice Problemi

Dettagli

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it ostruzioni con riga e compasso Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it INDIE 2 Indice 1 Note storiche 3 2 ostruzioni fondamentali 8 2.1 Definizione e

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli