Originate to distribute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Originate to distribute"

Transcript

1 Originate to distribute Elena Beccalli Università Cattolica Sacro Cuore Osservatorio ECRIRE, 6 marzo

2 Sommario Originate to distribute (OTD) e securitization Meccanismi di amplificazione Mark to market dei valori di bilancio Disallineamento incentivi ABS/MBS mantenuti nei bilanci bancari Struttura di capitale e raccolta a breve Alcuni possibili meccanismi per arginare effetti negativi OTD 2

3 OTD e Securitization OTD: Modello di intermediazione in cui una banca eroga prestiti [mutui] che sono prontamente trasferiti ad un altra istituzione finanziaria La seconda istituzione a fronte della proprietà dei prestiti emette degli strumenti finanziari rappresentativi degli stessi scambiabili nel mercato secondario (securitization) Da asset illiquido a strumento negoziabile Securitization consente all originator di vendere il prestito ad un soggetto terzo, toglierlo dal proprio SP e utilizzare le risorse ricevute per erogare nuovi prestiti Al 2006, securitization interessava l 81% dei prestiti subprime Fonte: Baily et al,

4 Securitization: prima fase La banca emittente prestiti [mutui] cede gli stessi ad uno Special Purpose Vehicle (SPV), un entità legale off-balance sheet, che gestisce i flussi associati ai prestiti [mutui] ed emette asset backed securities ABS [mortgage backed securities MBS] Negli USA, Government Sponsored Enterprises (GSE), quali Fannie Mae e Freddy Mac, si inseriscono nel processo di securitization. Sono dette arranger - offrono liquidità e stabilità nel mercato dei mutui rendendosi disponibili a acquistare e cartolarizzare mutui rispondenti a determinati standard (conforming mortgages) acquistano mutui geograficamente diversificati da originator realizzano pooling dei mutui e loro repackaging emettono e vendono MBS sui mercati Prima fase securitization: investitori acquistano strumenti finanziari (MBS) i cui rendimenti riflettono i rendimenti dei mutui sottostanti (default in capo a GSE) in alternativa alla vendita, emettono proprie obbligazioni e usano le risorse ottenute per acquistare MBS da detenere nello SP Realizzano un profitto poiché tasso di interesse ottenuto su MBS è maggiore del tasso pagato sulle obbligazioni emesse (solo pochi basis points sopra Tresuary yield) 4

5 ABS/MBS L arranger suddivide un pool di prestiti (geograficamente diversificati) in tranches: senior (AAA), mezzanine (junior, BBB), non-investment grade (equity, Z) Emissione di ABS/MBS con diverso profilo rischio/rendimento per diverse tranche Non significa che i prestiti del pool sono divisi in base al rischio di credito di particolari prestiti, ma che tranche senior ha privilegio su flussi di cassa generati dall intero pool e le perdite sono assegnate probabilisticamente alla tranche jounior Relazione opaca tra tranche e prestiti sottostanti Tranches di difficile valutazione e suscettibili di rapide variazioni nella percezione del rischio (Caprio et al, 2008) ABS/MBS più rischiosi venduti a soggetti con maggiore capacità di valutazione del rischio e maggiore appetito per il rischio, mentre i titoli senior venduti a investitori internazionali (Diamond e Rajan, 2009) Problema aperto: repackaging redistribuisce il rischio complessivo del pool di prestiti ma non lo riduce (Baily et al. 2008) repackaging tramite diversificazione riduce il rischio (Diamond e Rajan, 2009) per singolo investitore 5

6 SIV L originator dei mutui costituisce uno Structured Investment Vehicle (SIV), uno SPV off-balance sheet, con la finalità di eludere i requisiti di capitale (che limitano la profittabilità della banca poiché limitano l uso del leverage per amplificare gli effetti del capitale proprio) Le attività di un SIV sono tipicamente a lungo termine (ABS, MBS, CDO e altri strumenti a lungo termine), le passività sono a breve termine e richiedono roll over continuo (asset backed commercial paper e titoli obbligazionari a medio termine) La condizione legale di bankruptcy remote caratterizza ogni SIV che quindi può ottenere finanziamenti a condizioni migliori Sebbene sia tecnicamente è separato dalla banca, in caso di difficoltà finanziarie la banca stessa riassorbe nei suoi bilanci le attività e passività del SIV 6

7 Securitization: seconda fase Un altro intermediario, generalmente una banca di investimento, interviene acquistando diverse tranche di MBS e facendo pooling con altri ABS (su carte credito, auto loans, student loans, business loans) Emette in tal modo Collateralized Debt Obbligations (CDO) suddivisi in tranche Diversamente da MBS, i cui asset sottostanti sono gli effettivi flussi di cassa dei mutui, gli asset dei CDO sono le securities emesse su quegli stessi flussi CDO ri-cartolarizzano strumenti esistenti Gli emittenti di CDO possono ulteriormente redistribuire il rischio dei loro asset effettuando re-tranching e vendita dei nuovi titoli L elevata domanda di CDO senior ha orientato il repackaging a ottenere quanti più possibile CDO senior anche da pacchetti di prestiti di bassa qualità (Benmelech e Dlugosz, 2008): Elevata proporzione di CDO AAA (79.2% del valore di CDO) Disallineamento tra rating CDO (AAA) e credit rating di collateral (B+) 7

8 CDO L emittente di CDO lavora con credit rating agencies (CRA) per strutturare tranche di CDO che ottimizzino la dimensione della tranche a più elevato rating e riducano i costi di finanziamento del CDO In via di principio, l inclusione di diversi tipi di asset e il pooling di diverse tranche di MBS dovrebbe aumentare la diversificazione e diminuire il rischio. In realtà però ciò aggiunge un ulteriore livello nel processo e rende più difficile per gli investitori comprendere composizione e qualità degli asset sottostanti (e rischio del CDO stesso) Forme ripetute di securitization hanno creato strumenti molto complessi, di difficile (impossibile?) valutazione Prezzi crescenti degli immobili e bassi tassi di default rendevano poco evidente il problema (Diamond e Rajan, 2009) Come ulteriore garanzia, l emittente di CDO acquista credit default swap (CDS) o assicurazioni sul credito al fine di aumentare il rating degli strumenti emessi. In realtà però solo una frazione del valore del mutuo sottostante è effettivamente assicurata 8

9 OTD: un tentativo di schematizzazione contabile Banca commerciale Attivo Passivo Mutui Depositi Capitale Attivo MBS CDO SPV Passivo ABCP Attivo Mutui GSE Passivo MBS Banca d'investimento Attivo Passivo MBS CDO ABS 9

10 Meccanismo di amplificazione del modello OTD 1. Mark to market dei valori di bilancio bancari (Adrian e Shin, 2008a, b) 2. Disallineamento incentivi (Rajan, Seru e Vig 2008; Key et al 2008; ECB, 2008) 3. ABS mantenuti nei bilanci bancari (Kashyap, Rajan e Stein, 2008; Diamond e Rajan, 2008) 4. Struttura di capitale e raccolta a breve (Kashyap, Rajan e Stein, 2008; Diamond e Rajan, 2008) 10

11 1. Mark to market dei bilanci bancari Mark to market dei valori di Stato Patrimoniale (SP) Variazioni nei prezzi di mercato riflesse in SP Impatto istantaneo su patrimonio, in particolare per intermediari finanziari che presentano elevato leverage (LEV = Total Asset / Equity = TA/EQ) Quale è la reazione degli intermediari a tali variazioni nel patrimonio (Adrian e Shin, 2008a)? Quali sono le conseguenze macroeconomiche (Adrian e Shin, 2008b)? Se gli intermediari adottassero una strategia passiva (nessun aggiustamento di bilancio alla variazione del patrimonio), se TA, LEV : relazione inversa In realtà, evidenza di gestione attiva di bilancio: forte relazione positiva tra variazioni nel leverage e variazioni nell attivo di bilancio Il mark to market consente alle banche di espandere ulteriormente il credito in fasi di upturn, ma determina una contrazione in fasi di downturn Effetto amplificazione del ciclo economico Critica di natura contabile: non istantaneità dell aggiustamento ai valori di mercato in base ai principi contabili 11

12 Relazione TA e LEV per famiglie e intermediari Relazione inversa Famiglie LEV = TA/EQ =100/10 =10 Se valore TA, LEV poiché LEV TA TA 90 Relazione verticale Banche commerciali Relazione positiva Banche d investimento Trim. 4 Trim. Est Ovest Nord Fonte: Adrian e Shin (2008a) su US Flow of Funds accounts ( ) 12

13 Prociclicità del leverage Banche commerciali: linea verticale che passa nello zero di variazioni in LEV Banche d investimento: relazione positiva tra variazioni in TA e variazioni in LEV LEV è pro-ciclico: aumenta durante upturn: le banche aumentano i loro debiti più di quanto non aumenti l attivo diminuisce durante crisi: le banche diminuiscono i loro debiti più di quanto non diminuisca l attivo Se LEV è pro-ciclico, quale è la conseguenza in presenza di leverage targeting (mantenimento di livello costante) da parte degli intermediari? 13

14 Leverage pro-ciclico e targeting da parte degli intermediari: un esempio artimetico-contabile Se D è costante e securities=+1%, LEV = 101/11 = 9.18 ( ) Se D è costante e securities=-1%, LEV = 109/10 = 10.9 ( ) Se banca ha un LEV target = 10, deve prendere altro D per acquistare un valore D di securities TA 101+ D = = 10 EQ 11 D=9. Aumento prezzi securities Acquisto securities Se banca ha un LEV target = 10, vende securities per 9 e rimborsa D per 9. Caduta dei prezzi securities Vendita securities 14

15 Come e perché gli intermediari aggiustano il leverage Se il leverage è pro-ciclico e gli intermediari adottano targeting del leverage, se prezzo degli asset aumenta, l aggiustamento incrementale del leverage comporta acquisti di asset superiori rispetto al caso di leverage costante Strumento per il targeting del leverage: collateralized borrowing (repos) [collateralized lending, inverse repos] in fasi di upturn [downturn], transazioni di breve termine in cui la banca prende in prestito fondi fornendo titoli come garanzia (Adrian e Shin, 2008c) Motivazione del targeting del leverage: la gestione attiva del Value at Risk (VaR), il rischio di perdite sul portafoglio di attività delle banche, attraverso aggiustamenti di attivo e passivo di SP per assicurare che equity sia proporzionale a VaR (Adrian e Shin, 2008c) Per un dato valore di equity, VaR minore consente alle banche di espandere il loro SP (aumentare attivo) Attivo maggiore si associa a leverage maggiore Leverage inversamente legato a VaR 15

16 Mark to market: un meccanismo di amplificazione Upturn: Se i mercati non sono perfettamente liquidi, per aggiustamento leverage, maggiore domanda titoli Aumento prezzi dei titoli SP più forte Banche possono o prestare di più o comprare più titoli Prezzi dei titoli aumentano ancora Downturn: Se i mercati non sono perfettamente liquidi, per aggiustamento leverage, minore domanda titoli Riduzione prezzi dei titoli SP più debole (riuduzione valore equity) Banche possono o prestare di meno o vendere titoli Prezzi dei titoli continuano a diminuire 16

17 2. Disallineamento incentivi: problemi di agenzia Disallineamento incentivi si manifesta in presenza di trasferimento di ABS/MBS/CDO ad altro intermediario Problema principale-agente (incentivo degli agenti a massimizzare loro benefit anche se non coincidono con benefit del principale, che ha difficoltà ad osservare e controllare le azioni di agente): 1. Originator e arranger/investitori 2. Agenzie di rating e intermediari/investitori 17

18 Disallineamento originator e arranger/investitori Originator richiede incentivi per screening e monitoring e l incentivo è l illiquidità dei prestiti In presenza di securitization, l originator usa minore cautela in screening e monitoring Informazione soft non è verificabile per un soggetto terzo e l aumento della distanza (temporale) tra originator e soggetto che sopporta il rischio porta originator a raccogliere meno informazione soft (Rajan, Seru e Vig, 2008) Tassi di default di prestiti con maggiore probabilità di cartolarizzazione superiori di circa il 10-25% a prestiti con minore probabilità US sub-prime (Keys, Mukherjee, Seru e Vig, 2008) Tassi di default sui mutui superiori nelle regioni con più elevato tasso di cartolarizzazione che erano anche le regioni con elevata domanda latente (prenditori rischiosi con domande di finanziamento respinte) US sub-prime (Mian e Sufi, 2008) Questione aperta: perché le istituzioni che sopportavano i rischi di default (generalmente investitori istituzionali a conoscenza degli incentivi degli originator) non hanno fatto di più per contrastare comportamento originator? Prezzi crescenti degli immobili fornivano ai prenditori l equity con cui rimborsare i mutui ed indebolivano ulteriormente l incentivo a raccogliere tali informazioni (Diamond e Rajan, 2009) 18

19 Disallineamento agenzie di rating e intermediari/investitori Elevata proporzione delle commissioni di CRA deriva da prodotti di finanza strutturata Incentivo a espanderne la copertura in termini di rating Data la complessità della valutazione, dubbi sull affidabilità dei rating (ECB, 2008) Posizione ECB deriva forse da responsabilità? Come gli originator, le agenzie di rating hanno basato i loro giudizi solo su informazioni hard (credit score e loan to value) ed ignorano i cambiamenti (causati da securitization) negli incentivi degli originator nella raccolta di informazioni soft (Rajan, Seru e Vig, 2008) Problemi sistematici nella qualità delle previsioni di default che usano parametri stimati usando dati relativi a un periodo con bassa securitization Problema prevedibile specialmente per prenditori per i quali informazione soft è particolarmente importante US L emittente paga commissione a CRA nella strutturazione di CDO (la banca d investimento lavora con agenzia per massimizzare le tranche a elevato rating) Se per le obbligazioni le agenzie facciano rating senza alcuna dipendenza da particolari clienti, per CDO ciascuna agenzia dipendeva in via ricorrente da poche banche d investimento In caso di insoddisfazione, ricorso a altra agenzia portando con sé le fee Incentivo per i manager di CRA a mettere a rischio reputazione di lungo termine per assicurarsi business ripetuto con grandi intermediari e dubbio che la struttura delle retribuzioni arginasse tale incentivo (Caprio et al., 2008) Potenziale danno per gli investitori (ECB, 2008) 19

20 3. Detenzione di MBS nei bilanci bancari Modello OTD consente sia trasferimento sia mantenimento di ABS/MBS Ammontare considerevole di MBS (anche senior) mantenuti nei bilanci delle banche (in particolare d investimento), sebbene il modello OTD ostinatamente implementato prevedesse il trasferimento del rischio a istituzioni meglio in grado di gestirlo, ad esempio fondi pensione (Kashyap, Rajan e Stein, 2008) Non è chiaro quali siano le ragioni: Disporre di titoli da usare nelle operazioni di rifinanziamento con banca centrale Parte di una cultura di eccessiva assunzione di rischio da parte delle banche (Rajan, 2005) Un fattore chiave che contribuisce alla cultura del rischio è la difficoltà di valutare nel breve periodo, soprattutto per prodotti nuovi, se un manager genera rendimenti anomali aggiustati per il rischio reali o se i rendimenti correnti sono solo un compenso per rischio che non si è ancora manifestato (Diamond e Rajan, 2009) 20

21 Motivazioni alla detenzione di MBS: problemi di agenzia Due manifestazioni dei problemi di agenzia (Diamond e Rajan, 2009): 1. Incentivi top management: Performance di CEO basata in parte sugli utili generati rispetto ai peers Banche follower assumono rischi eccessivi per battere performance dei peer Strategia che consente di sostenere corsi azionari e reputazione personale anche se CEO è consapevole non sia value-creating 2. Sistemi interni di controllo e retribuzione: Anche se top management vuole massimizzare la creazione di valore di lungo termine, può essere difficile creare sistemi di controllo e incentivo che vadano in questa direzione Molti schemi di retribuzione dei trader pagano per performance aggiustata per il rischio di breve termine Incentivo ad assumere rischi non riconosciuti dal sistema (tail risk) Nonostante i risk manager siano consapevoli dell esistenza di tali rischi, non sono in grado di controllarli poiché sono rari e difficili da quantificare 21

22 4. Struttura di capitale delle banche e raccolta a breve Per le banche è più costoso raccogliere capitale di rischio e meno costoso raccogliere capitale di debito, in particolare quando la raccolta è garantita da un attività specifica (collateralized borrowing) dato che la garanzia protegge gli investitori da cattivi comportamenti dei manager (Kashyap, Rajan e Stein, 2008) Peculiarità nelle banche: raccolta a breve e brevissimo termine La raccolta, spesso garantita, a breve termine è una soluzione meno costosa per la banca ma porta con sé elementi di fragilità che si manifestano però in periodi di crisi e non sono quindi internalizzati nelle scelte di struttura finanziaria Alternative per le banche in periodi di crisi (Kashyap et al., 2008): contrarre risk-weighted asset così da continuare a soddisfare requisiti di capitale (fire-sale externality) Vendita di una banca per mark to market forza le altre banche con il medesimo asset alla sua vendita (circolo vizioso), specialmente in presenza dell ulteriore vincolo di finanziamento con raccolta a breve contrarre prestiti realizzare aumenti di capitale, che però sono lenti e difficili (consenso azionisti, segnaletici di ulteriori difficoltà a venire) 22

23 Raccolta a breve termine Prospettiva investitore: Data la complessità del processo, e le carenze del sistema interno di controllo, gli investitori avrebbero richiesto tassi elevati per finanziarie la banca a lungo termine Al contrario, gli investitori sono più favorevoli a detenere strumenti di finanziamento a breve termine data l opzione di uscita (o l ottenimento di un premio) in caso di problemi della banca Premi più bassi per detenere strumenti di raccolta a breve dati i problemi di agenzia della banca (Diamond e Rajan, 2001) Prospettiva banca (SPV o banca di investimento): la sicurezza che le situazioni di difficoltà siano remote rende più attraente per la banca il finanziamento a breve termine Le banche avrebbero dovuto preoccuparsi dalla possibilità di divenire illiquide e incapaci di fare roll over Ma in presenza di bassi tassi di interesse tale preoccupazione diminuisce In generale, in periodi di crescita, la raccolta a breve sembra meno costosa della raccolta a lungo e i mercati favoriscono strutture di capitale concentrate su breve (Diamond e Rajan, 2008) 23

24 Motivazioni di struttura di capitale e raccolta a breve: problemi di agenzia I problemi di agenzia giocano un ruolo importante nel delineare la struttura di capitale della banca, che percepisce equity come una fonte di capitale costosa e quindi ne minimizza quanto più possibile l ammontare Collateralized borrowing in equilibrio è una risposta ai problemi di agenzia (Hart e Moore, 1998) Se un leverage maggiore, specialmente a breve termine, sembra essere il modo di contenere i problemi di governance nella banca (differenziale costo di equity e raccolta a breve termine), quando i problemi di governance si manifestano il leverage diviene il meccanismo con cui i problemi della banca si propagano all economia Difficoltà a fare roll over del debito, vendita degli asset che le banche non sono più in grado di finanziare, caduta valore asset, erosione del valore del capitale per le perdite sugli asset, ulteriori difficoltà a trovare raccolta a breve, contrazione prestiti erogati per mantenere liquidità 24

25 Meccanismi per arginare effetti negativi OTD Problemi in fase di origination maggiore disclosure nelle fasi di concessione prestiti (Baily et al., 2008); etica degli intermediari Problemi in fase di securitisation maggiore trasparenza in merito agli asset sottostanti ad un prodotto strutturato; responsabilità legale degli underwriter di ABS/MBS in caso di perdite degli investitori così che underwriter induca l originator a prudenza (Baily et al., 2008; Caprio et al., 2008) Problemi di disallineamento con agenzie di rating creazioni di ente per review indipendente (Goodhart, 2008) Problemi in struttura di capitale requisiti di capitale timevariant o disaster insurance (Kashyap et al., 2008) 25

26 Possibili meccanismi per arginare effetti negativi OTD: CRA Valutare la qualità dei rating di CRA: review indipendenti finalizzate a valutare accuratezza di rating su base di dati forniti confidenzialmente da CRA (Goodhart, 2008) SEC Consultation paper 2008 Dati forniti da CRA ma non confidenzialmente; Informazioni raccolte rese disponibili al mercato: lodevole, ma di difficile implementazione (free rider) Accontonare parte delle commissioni di CRA in fondi cui ricorrere per indennizzare gli investitori in caso di negligenza o illecito provati dai valutatori indipendenti (Caprio et al., 2008) 26

27 Possibili meccanismi per arginare effetti negativi OTD: capital regulation Requisiti di capitale costanti nel tempo (Basilea II): immobilizzano risorse e possono determinare una contrazione nell economia. Soluzioni alternative, con scelta lasciata alla banca (Kashyap et al., 2008): 1. Requisiti maggiori (es. 10% risk-weighted assets) in periodi normali e più contenuti in periodi di crisi (es. 8%) Riduzione della pressione a liquidare assets in periodi di crisi Penalizzante in termini di costo dei finanziamenti in tempi normali, con conseguenze negative sull economia Permane problema di agenzia 2. Disaster insurance: sottoscrizione di una polizza che copra un dato evento contingente (es. write-off delle principali istituzioni finanziarie superiori a una data soglia) Forma addizionale non sostitutiva della tradizionale regolamentazione del capitale Somme vincolate in Treasuries Maggiore flessibilità, riduzione esternalità in caso di distress, attenuazione problemi di agenzia che rendono costoso capitale Problemi aperti: a) Definizione dell evento soglia (rimane il problema di write-off di una singola istituzione fortemente interrelata) 27

28 Bibliografia essenziale Adrian T. e Shin, H.S.: 2008a, Liquidity and leverage, Federal Reserve Bank of New York Staff Report n Baily M.N., Elmendorf, D.W., Litan, R.E.: 2008, The great credit squeeze: hot it happaned, how to prevent another, Economic Studies at Brookings, Discussion paper. Caprio G., Demirguc-Kunt A., Kane E.J..: 2008, The 2007 Meltdown in Structured Securitization. Searching for Lessons, Not Scapegoats, Policy Research Working Paper n. 4756, World Bank. Diamond D.W. e Rajan R.: 2009, The credit crisis: conjectures about causes and remedies, NBER Working paper n European Central Bank: 2008, The incentive structure of the originate and distribute model, Brussels. Kashyap A., Rajan R., Stein J.C.: 2008, Rethinking capital regulation, Federal Reserve Bank of Kansas City Simposium. 28

29 Altri riferimenti bibliografici Adrian T., Shin H.S.: 2008b, Financial intermediaries, financial stability and monetary policy, Manoscritto. Adrian T., Shin H.S.: 2008c, Liquidity, monetary policy, and financial cycles, Federal Reserve Bank of New York. Benmelech E, Dlugosz J.: 2008, The alchemy of CDOs credit ratings, Manoscritto. Goodhart C.A.E.: 2008, How, if at all, should Credit Ratings Agencies (CRAs) be Regulated?, LSE Financial Market Group Paper Series. Keys B.J., Seru A., Vig V.: 2008, Did securitization lead to lax screening? Evidence from sub-prime loans, SSRN. Mian A., Sufi A.: 2008, The consequences of mortgage credit expansion: evidence from the 2007 mortgage default crisis, University of Chicago. Rajan U., Seru A., Vig V.: 2008, The failure of models that predict failure: distance, incentives and defaults, Chacago Business School paper n

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne

Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne storie 81 Da Mary Poppins a Northern Rock. Spunti sulle corse agli sportelli moderne di Bernardo Bortolotti e Hyun Song Shin So m m a r i o: La corsa agli sportelli di Northern Rock, avvenuta nel settembre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ Domande frequenti (Frequently Asked Questions - FAQ) su argomenti selezionati in materia di antiriciclaggio di denaro nel contesto dell'investment banking e del commercial banking Preambolo Il Gruppo Wolfsberg

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli