RELAZIONE E BILANCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE E BILANCIO"

Transcript

1 Fondata nel 1886 RELAZIONE E BILANCIO ESERCIZIO Società per Azioni Capogruppo del Gruppo Banca Sella. Sede in Biella Capitale e riserve Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia Iscritta all Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari Codice Fiscale e Partita Iva Biella (Italia), piazza Gaudenzio Sella, 1 Tel Telefax Swift SELB IT 22 Sito internet

2 Indice MAPPA DEL GRUPPO BANCA SELLA 3 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 4 COLLEGIO SINDACALE 5 ASSEMBLEA ORDINARIA AVVISO DI CONVOCAZIONE 6 RELAZIONE SULLA GESTIONE 7 Principali dati e Indicatori 9 Direzione operativa 11 Dati Reddituali 13 Dati Patrimoniali 19 Partecipazioni e rapporti con le Società del Gruppo 23 Piano di copertura della perdita 29 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 30 Relazione del Collegio sindacale 31 SCHEMI DEL BILANCIO DELL IMPRESA AL 31 DICEMBRE Stato Patrimoniale 34 Conto Economico 35 Prospetto di redditività complessiva sintetico 36 Prospetto di variazione del patrimonio netto 37 Rendiconto finanziario 39 NOTA INTEGRATIVA 40 Parte A Politiche Contabili 41 Parte B Informazioni Sullo Stato Patrimoniale Attivo 65 Parte B Informazioni Sullo Stato Patrimoniale Passivo 95 Parte C Informazioni Sul Conto Economico 108 Parte D Redditività complessiva 124 Parte E Informazioni Sui Rischi E Relative Politiche Di Copertura 125 Parte F Informazioni Sul Patrimonio D impresa 174 Parte G Operazioni Di Aggregazione Riguardanti Imprese o Rami D azienda 180 Parte H Operazioni Con Parti Correlate 180 Parte I Accordi Di Pagamento Basati Su Propri Strumenti Patrimoniali 182 Parte L Informativa Di Settore 182 DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 183 Deliberazioni dell Assemblea ordinaria degli azionisti del 27 aprile RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE 184

3 Mappa del Gruppo al 31 dicembre 2011 BANCA SELLA HOLDING S.P.A. FINANZIARIA 2010 S.P.A. CONSEL S.P.A. BIELLA LEASING S.P.A. MIRET S.A. SELLA BANK A.G. BANCA SELLA S.P.A. BANCA SELLA NORDEST BOVIO CALDERARI S.P.A SELGEST S.A. SELLA GESTIONI SGR S.P.A. SELIR S.R.L. SELLA SYNERGY INDIA P.LTD. BANCA PATRIMON I SELLA & C. S.P.A. SELFID S.P.A. EASY NOLO S.P.A. FAMILY ADVISORY SIM SELLA & PARTNERS IMMOBILIARE SELLA S.P.A. IMMOBILIARE LANIFICIO MAURIZIO SELLA S.P.A. C.B.A. VITA S.P.A. BROSEL S.P.A. Società controllate ma non inserite nel perimetro del Gruppo Banca Sella SELLA LIFE LTD. SELLA CAPITAL MANAGEMENT SGR S.P.A. in liquidazione Altre società consolidate integralmente: MARS 2600 S.r.l. (società veicolo di operazioni di cartolarizzazione del Gruppo). Società consolidate a Patrimonio Netto: MARTIN MAUREL SELLA BANQUE PRIVEE MONACO S.A.M. HI-MTF SIM S.p.A. INCHIARO ASSICURAZIONI S.P.A. S.C.P. VDP 1 ENERSEL S.p.A. 3

4 Cariche sociali della Capogruppo Banca Sella Holding S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE In carica fino all approvazione del bilancio 2012 Presidente Maurizio Sella Vice Presidente Franco Sella Lodovico Sella Amministratore Delegato Pietro Sella Amministratore Mario Bonzano (*) Franco Cavalieri Anna Maria Ceppi Massimo Condinanzi Mario Deaglio Giovanni Petrella (*) Ernesto Rizzetti Caterina Sella Federico Sella Giacomo Sella Sebastiano Sella Giovanni Zanetti (*) nominati dall assemblea del 27 aprile 2012 COMITATO AUDIT Componente - Presidente Anna Maria Ceppi Mario Deaglio Giovanni Zanetti COMITATO REMUNERAZIONE Componente - Presidente Mario Deaglio Mario Bonzano Giovanni Zanetti COMITATO NOMINE Componente - Presidente Maurizio Sella Anna Maria Ceppi Giovanni Zanetti 4

5 COLLEGIO SINDACALE In carica fino all approvazione del bilancio 2014 Sindaco effettivo - Presidente Mario Pia Paolo Piccatti Daniele Frè Sindaco Supplente Riccardo Foglia Taverna Pierangelo Ogliaro DIREZIONE GENERALE Direttore Generale Condirettore Generale Pietro Sella Attilio Viola SOCIETA DI REVISIONE CONTABILE Deloitte & Touche S.p.A. 5

6 Assemblea ordinaria CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA I Signori Azionisti sono convocati in Assemblea Ordinaria in Biella, Piazza Gaudenzio Sella 1, per le ore 09,30 del giorno 27 aprile 2012 in prima convocazione e, occorrendo, in seconda convocazione, per il giorno 02 maggio 2012, stessi ora e luogo, per discutere e deliberare sul seguente Ordine del giorno 1) Deliberazioni ai sensi dell articolo 2364, 1 comma, punto 1), del Codice Civile; 2) Deliberazioni ai sensi degli articoli 2380 bis e 2364, 1 comma, punti 2) e 3), del Codice Civile; 3) Presa d atto della relazione del Consiglio di Amministrazione sul governo societario; 4) Presa d atto dell informativa del Consiglio di Amministrazione sull attuazione delle politiche di remunerazione; 5) Presa d atto della verifica della revisione interna sulle modalità attraverso le quali viene assicurata la conformità delle prassi di remunerazione al contesto normativo. Il deposito delle azioni per l intervento alla assemblea dovrà essere effettuato presso la sede sociale oppure presso la Banca Sella S.p.A. almeno cinque giorni prima di quello fissato per l assemblea. Biella, 10 aprile 2012 BANCA SELLA HOLDING Il Presidente 6

7 Relazione sulla Gestione 7

8 » PREMESSA La presente Relazione sulla gestione di Banca Sella Holding S.p.A. comprende il commento sui risultati dell esercizio della Banca, i dati di sintesi e gli indicatori alternativi di performance ed i commenti relativi alla sola Direzione operativa. Per tutte le altre informazioni richieste da disposizioni di Legge, si rinvia a quanto esposto nella Relazione sulla gestione consolidata del Gruppo Banca Sella o nella Nota integrativa del presente bilancio individuale. Si rinvia a quanto riportato nella relazione sulla gestione consolidata per quanto attiene: alle informazioni sui temi di rilevanza strategica, sullo scenario macroeconomico di riferimento, sull evoluzione prevedibile della gestione e sui rischi connessi alla continuità aziendale, in quanto valgono le stesse considerazioni esposte nel bilancio consolidato; all attività del Comitato Audit e delle aree Revisione interna, Controllo del valore e Compliance (descritte nel capitolo Controlli interni ); all attività di ricerca e sviluppo e quella di Information Technology; alle informazioni sulla gestione della liquidità; all informativa sui prodotti finanziari ad alto rischio. Si rinvia invece alla Nota integrativa del presente bilancio separato per quanto attiene: alle informazioni relative all'operatività e ai rapporti della Banca nei confronti di parti correlate, che sono riportate nella Parte H; alle informazioni sui rischi finanziari ed operativi, che sono illustrate nella parte E; all'elenco delle società controllate, controllate in modo congiunto e sottoposte ad influenza notevole al 31 dicembre 2011, che è riportato nella Parte B. Nell anno è stato attuata la prima fase del progetto Banca Unica che ha portato al conferimento, da Banca Sella Holding, del ramo d azienda dei Sistemi di Pagamento Elettronici e Tradizionali, Customer Desk ed Area Clienti, con decorrenza contabile 29 maggio 2011 a Banca Sella. 8

9 » PRINCIPALI DATI E INDICATORI DA TI DI SINTESI (dati in migliaia di euro) Voci 31/12/ /12/2010 Variazioni assolute % DATI PATRIMONIALI Totale attivo di bilancio , , ,6 0,8% Impieghi per cassa , ,1 ( 1.180,2) -0,1% Garanzie rilasciate , , ,6 470,7% Attività finanziarie , , ,8 3,2% Partecipazioni , , ,1 9,0% Attività materiali e immateriali , ,2 ( 8.321,3) -17,2% Raccolta diretta (1) (esc lusi PCT passivi) , ,5 ( ,4) -5,8% Pronti contro termine passivi 1.223, ,6 - Raccolta indiretta , ,7 ( ,0) -6,6% Raccolta globale , ,2 ( ,8) -6,5% Patrimonio di vigilanza , , ,7 2,2% DATI ECONOMICI (2) Margine di interesse , ,8 (16.781,2) -47,5% Ricavi netti da servizi , ,8 (15.186,4) -28,8% Margine di intermediazione , ,7 (31.967,6) -36,3% Costi operativi (3) , ,1 (15.247,6) -22,6% Risultato di gestione 3.967, ,6 (16.720,0) -80,8% Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento crediti (15,7) (146,7) 131,0-89,3% Imposte sul reddito 2.439,9 (809,8) 3.249,7 - Utile (netto) dell'esercizio (18.131,5) 4.256,2 (22.387,7) - (1) L'aggregato rappresenta la sommatoria delle seguenti voci dello stato patrimoniale passivo: 20 "Debiti verso clientela" e 30 "Titoli in circolazione" (2 ) Come da voci evidenziate nel conto economico riclassificato. (3 ) Dato dalla somma delle seguenti voci: Spese amministrative voce 150, Rettifiche di valore su immobilizzazioni materiali voce 170, Rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali voce 180, Altri oneri e proventi di gestione voce 190. DATI DI STRUTTURA Voci 31/12/ /12/2010 Variazioni assolute % Dipendenti ,9% Succursali I dati sono influenzati dal conferimento come spiegato precedentemente nella Premessa. Alcune voci relative ai dati comparativi al 31 dicembre 2010 risultano diverse rispetto al bilancio pubblicato, per l applicazione dello IAS 8 concernente il cambiamento del principio contabile del TFR ed in seguito ai maggiori chiarimenti inviati da Banca d Italia relativamente alla riclassificazione di alcune componenti riferite alle spese per il personale, nelle spese amministrative. Per maggiori dettagli si rimanda alla Nota Integrativa del presente bilancio, Parte A - Politiche Contabili. 9

10 INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE INDICI DI REDDITIVITA (%) Voci 31/12/ /12/2010 R.O.E. (return on equity) (1) -3,4% 0,9% R.O.A. (return on assets) (2 ) -0,5% 0,1% Margine d interesse (3) / Mar gine d intermediazione (3) 33,1% 40,1% Ricavi netti da servizi (3 ) / Margine di intermediazione (3) 66,9% 59,9% Cost to income (4) 90,0% 73,5% INDICI DI PRODUTTIVITA (dati in migliaia di euro) Margine di intermediazione (3) / Dipendenti medi 199,6 268,9 Risultato lordo di gestione (3) / Dipendenti medi 14,1 63,0 Impieghi per cassa / Dipendenti a fine periodo 3.602, ,5 Raccolta diretta / Dipendenti a fine periodo 4.583, ,1 Raccolta globale / Dipendenti a fine periodo , ,4 INDICI PATRIMONIALI (%) Impieghi per cassa / Raccolta diretta 78,6% 74,1% Impieghi per cassa / Totale attivo 24,1% 24,3% Raccolta diretta / Totale attivo 30,6% 32,8% INDICI DI RISCHIOSITA' DEL CREDITO (%) Attività deteriorate / Impieghi per cassa 0,0% 0,0% Rettifiche di valore nette su crediti / Impieghi per cassa 0,0% 0,0% COEFFICIENTI DI SOLVIBILITÀ (%) Coefficiente di base (Tier 1) 52,38% 45,95% Coefficiente complessivo (Total Capital Ratio) 70,25% 65,07% (1) Rapporto tra "Utile d'esercizio" e la somma delle voci 160 "Riserve", 170 "Sovrapprezzi di emissione", 180 "Capitale" dello Stato Patrimoniale Passivo. (2 ) Rapporto tra "Utile netto" e "Totale attivo". (3 ) Come da Conto Economico riclassificato. (4 ) Rapporto tra costi operativi, dedotta l IRAP sul costo del personale e al netto delle perdite connesse a rischi operativi, e margine di intermediazione. 10

11 » DIREZIONE OPERATIVA Area Finanza NEGOZIAZIONE E TRADING SUI MERCATI L attività di negoziazione della Banca sui mercati, in conto proprio e per conto di terzi (comprensiva del Trading On Line), ha registrato, nel 2011, le seguenti quote di mercato (nella tabella in calce sono riportate per confronto quelle relative al 2010): ATTIVITA DI NEGOZIAZIONE MTA 1,64% 1,52% (nel trading after hours) 5,04% 4,56% SeDeX 0,80% 0,56% Domestic MOT 11,15% 12,96% EuroMOT 27,32% 24,76% IDEM FTSE MIB Future 4,24% 5,17% IDEM MINI/Future 13,48% 19,12% IDEM FTSE MIB Option 14,11% 8,82% (Fonte: dati Assosim) Rispetto al precedente esercizio, le quote di mercato registrate nel 2011 sono risultate in crescita nel segmento azionario cash, sul comparto obbligazionario EuroMOT e nel segmento delle opzioni su indice; sono invece risultate in calo nel segmento dei futures su indice e sul comparto obbligazionario Domestic MOT. ATTIVITÀ DI TRADING SU STRUMENTI FINANZIARI IN CONTO PROPRIO E ATTIVITÀ DI TESORERIA Nel corso dell esercizio 2011 l attività di trading in conto proprio ha fornito un eccellente contributo al conto economico. La Banca ha mantenuto lo status di Primary Dealer sul Mercato Telematico dei Titoli di Stato (MTS), con una quota di mercato pari a circa il 2,0% (2,3% nel 2010). L operatività in conto proprio sul mercato telematico delle obbligazioni (MOT) ha registrato nel corso dell esercizio volumi in calo, con una quota di mercato assestatasi al 17,23% (22,94% nel 2010); nel comparto EuroMOT i volumi hanno registrato un marginale calo con una quota di mercato pari al 49,80% (51,78% nel 2010) 1. Tutti i desk di trading su titoli obbligazionari hanno raggiunto risultati reddituali eccellenti, in crescita rispetto a quelli dell esercizio precedente. I volumi scambiati complessivamente nel corso del 2011 sul mercato telematico azionario (MTA) della sola attività di trading in conto proprio hanno registrato un calo rispetto agli esercizi precedenti, con una quota di mercato scesa allo 0,11% dallo 0,29% del L operatività sui prodotti derivati si è concentrata principalmente su strumenti quotati sui mercati regolamentati IDEM (Italian Derivatives Market), Eurex e MEFF RV. L attività su strumenti derivati quotati su IDEM ha registrato un calo rispetto all esercizio 2010: la quota di mercato dell operatività in conto proprio relativa a Future su Indice FTSE MIB è passata dal 5,32% del 2010 al 2,37% del 2011; la quota relativa a MiniFuture su Indice FTSE MIB è passata dal 26,32% del 2010 al 17,60% del 2011; la quota relativa a Opzioni su Indice FTSE MIB è passata dal 3,20% del 2010 al 0,72% del In relazione al mercato IDEM, il desk Equity Derivatives ha mantenuto il ruolo di Primary Market 1 Fonte: Dati Assosim 2 Fonte: Dati Assosim 3 Fonte: Dati Assosim 11

12 Maker sul MiniFuture sull Indice di Borsa FTSE MIB, mentre ha rinunciato a tale ruolo in relazione alle opzioni sull Indice di Borsa FTSE MIB. I desk azionari hanno registrato risultati reddituali positivi ma in lieve calo rispetto allo scorso esercizio. L operatività sui mercati dei cambi a pronti ed a termine, funzionale alle esigenze della clientela, evidenzia una prevalenza dell operatività sul mercato spot, con volumi intermediati pari a circa 3,8 miliardi di euro. Con riferimento alla tesoreria, l operatività della Banca sul mercato interbancario dei depositi risulta sensibilmente inferiore a quella del 2010 e si attesta su livelli relativamente bassi, giustificati dalla contrazione dei volumi su tale mercato a seguito del clima di profonda sfiducia dovuto all acuirsi della crisi finanziaria (volumi complessivi con controparti esterne al Gruppo, esclusa la Banca Centrale, realizzati sul mercato e-mid e OTC pari a circa 8 miliardi di euro). L operatività sul mercato dei pronti contro termine risulta sensibilmente inferiore a quella del 2010 a seguito del maggior utilizzo della Banca Centrale Europea quale controparte principale al fine della gestione della liquidità in eccesso od in difetto (volumi complessivi PCT su MTS pari a circa 29 miliardi di euro, la quasi totalità con scadenza ad un giorno). La dotazione di liquidità della Banca e dell intero Gruppo Banca Sella nel corso del 2011 è sempre risultata ampia. La politica di gestione della posizione di liquidità è infatti da sempre improntata a criteri di estrema prudenza, soprattutto in contesti di forte turbolenza dei mercati finanziari, quali quelli registrati nel corso degli ultimi anni. L attività della Tesoreria Integrata di Gruppo nel corso dell esercizio, oltre a consentire l accennata efficiente gestione della liquidità, ha coordinato il controllo ed il governo del rischio di tasso e di cambio a livello consolidato. CORPORATE FINANCE Il servizio di corporate finance di Banca Sella Holding (SCF) ha chiuso l esercizio con ricavi complessivi pari a circa 846 mila euro, in aumento rispetto ai valori del L attività di consulenza a favore di società del Gruppo Banca Sella (c.d. corporate development ) ha avuto un significativo incremento dispiegandosi su numerose operazioni e producendo ricavi complessivi superiori a quelli del 2010, in particolare grazie alla positiva conclusione di alcune delle operazioni su cui SCF ha prestato assistenza. La consulenza di corporate finance per clientela esterna ha visto SCF impegnata su diversi mandati, la positiva conclusione di alcuni dei quali ha prodotto ricavi complessivi superiori a quelli del ATTIVITÀ DI NEGOZIAZIONE IN TITOLI PER CONTO TERZI - NEGOZIAZIONE TRADIZIONALE Il 2011 ha visto ricavi legati alla negoziazione tradizionale di strumenti finanziari in calo di circa il 14% rispetto al Su tale andamento hanno influito diversi fattori, che hanno dispiegato i loro effetti in maniera differente lungo tutto l arco dell anno o in misura più rilevante nel primo o nel secondo semestre. Durante tutto il 2011 il rallentamento dell economia mondiale, le difficoltà delle economie periferiche, la recessione economica, l acuirsi della crisi greca ed i continui downgrading da parte delle Agenzie di Rating hanno determinato un progressivo aumento dell avversione al rischio da parte della clientela privata verso gli investimenti in titoli, a favore di altri strumenti di investimento, quali conti correnti ad alta remunerazione o prodotti di risparmio assicurativo e previdenziale. Le minori scadenze titoli rispetto al 2010 (già in forte riduzione rispetto al 2009) unitamente ad una riduzione delle percentuali di reinvestimento da parte della clientela, rispetto alla retention storica, hanno avuto un effetto negativo sui ricavi da negoziazione. A questo effetto si sono aggiunte, soprattutto nel primo semestre, le politiche di raccolta orientate verso strumenti di raccolta diretta, quali emissioni di prestiti obbligazionari propri, o di raccolta indiretta orientate verso prodotti di risparmio gestito, fondi o prodotti assicurativi o previdenziali. Nel secondo semestre l instabilità dei mercati finanziari, le difficoltà del sistema Italia (politiche ed economiche) ed il forte allargamento dello spread Italia-Germania, hanno acuito ancor di più l avversione al rischio da parte della clientela verso gli investimenti in titoli; c è stato altresì nello stesso periodo un forte 12

13 aumento della volatilità sui mercati, che se da un lato ha favorito l attività di trading on-line, dall altro ha avuto un impatto decisamente negativo sulla clientela tradizionale. Nello stesso periodo alcune iniziative messe in atto sul mercato domestico al fine di ridare credibilità al mercato italiano, quali le giornate del cosiddetto Btp day, hanno avuto impatto negativo sui ricavi, avendo esse previsto la negoziazione o la sottoscrizione dei titoli di stato italiani a commissioni zero. Inoltre essendo le commissioni applicate in misura percentuale rispetto al controvalore delle operazioni, la forte riduzione dei corsi azionari italiani e dei prezzi di titoli di stato italiani, su cui si concentra la maggioranza dei volumi della clientela, ha avuto un impatto negativo sulla formazione dei ricavi anche a parità di nominale intermediato. Aspetti positivi sono invece legati alla tenuta sia dei volumi intermediati complessivi che dei ricavi diretti legati all attività degli investitori istituzionali, in particolare sui mercati azionari ed alla tenuta della commissione media applicata alla clientela. Tutti questi avvenimenti nel corso del 2011 hanno profondamente influito sul modo di agire sui mercati finanziari da parte dell investitore/cliente tradizionale e dispiegheranno i loro effetti anche nel corso del 2012 in cui prevediamo: - una continuità dell avversione al rischio da parte della clientela; - una progressiva riduzione della propensione al risparmio del settore privato italia; - una riduzione, a livello di sistema, degli stock su titoli a fronte di una crescita di prodotti quali fondi comuni, prodotti di risparmio assicurativo e previdenziale (a fronte di esigenze di copertura individuale, assicurativa, sanitaria, pensionistica in risposta alle mutate politiche di welfare); - un aumento del costo della raccolta per banche e aziende, con conseguente riduzione dell offerta di nuovi titoli corporate (cui abbiamo assistito nel corso degli ultimi mesi del 2011) e quindi riduzione dei volumi intermediati, in particolare sui corporate bonds. In questo contesto di incertezza e di scarsa crescita assumeranno sempre maggior peso i vincoli posti dalle autorità di vigilanza (es. revisione della Mifid), con conseguente riduzione dei margini netti, a causa in particolare del prevedibile aumento dei costi, per essere compliant con la normativa. L armonizzazione della tassazione finanziaria al 20% potrebbe scoraggiare l investimento in titoli da parte della clientela a favore di altre forme di allocazione del risparmio quali ad esempio c/c ad alta remunerazione o simili, con tassazione equiparata. D altra parte però potremmo assistere ad una tenuta o ad un possibile aumento dei volumi sui titoli di Stato e sui titoli Sovranational (quali Bei, Bers etc), in particolare a breve termine, in quanto beneficiano di una tassazione agevolata, invariata al 12,50%, rispetto al 20% di tutti gli altri strumenti finanziari o di altre forme di allocazione del risparmio. Infine il costante presidio della commissione media attraverso iniziative di controllo e monitoraggio, la costante attenzione al servizio per poter rispondere ad ogni tipo di richiesta da parte della clientela, sia in termini di nuovi mercati o di nuovi prodotti da offrire e l investimento sulle risorse umane per poter continuare ad offrire un servizio volto all eccellenza saranno aspetti chiave per raggiungere gli obiettivi economici prefissati. 13

14 » RISULTATI DELL ESERCIZIO DATI REDDITUALI Conto economico riclassificato Conto economico riclassificato (in migliaia di euro) Voci 31/12/ /12/2010 Variazione % su Interessi attivi e proventi assimilati , ,7 14,2% 20 Interessi passivi e oneri assimilati (47.996,9) (28.013,7) 71,3% 70 Dividendi e altri proventi , ,8-27,6% MARGINE DI INTERESSE E DIVIDENDI , ,8-47,5% 40 Commissioni attive , ,7-52,8% 50 Commissioni passive (29.401,6) (60.726,7) -51,6% 80 Risultato netto dell'attività di negoziazione , ,8 38,3% 90 Risultato netto dell'attività di copertura 23,9 3,0 684,7% Ricavi netti da servizi , ,8-28,8% MARGINE DI INTERMEDIAZIONE , ,7-36,3% 150 Spese amministrative: a) Spese per il personale (21.087,4) (26.095,4) -19,2% Irap su costo del personale e comandati netto (1 ) (883,0) (969,9) -9,0% b) Altre Spese amministrative (31.841,3) (48.798,2) -34,7% Recupero imposta di bollo e altre imposte (2) 115,3 447,5-74,2% 170 Rettifiche di valore su immobilizzazioni materiali (2.150,6) (2.171,0) -0,9% 180 Rettifiche di valore su immobilizzazioni immateriali (904,6) (1.481,5) -38,9% 190 Altri oneri/proventi di gestione (dedotto il "Recupero imposta di bollo e altre imposte") 4.628, ,4-60,4% Costi operativi (52.123,5) (67.371,1) -22,6% RISULTATO DI GESTIONE 3.967, ,5-80,8% 160 Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (2.503,3) (645,7) 287,7% 130 Rettifiche/Riprese di valore nette per deterioramento di: - crediti (15,7) (146,7) -89,3% - attività finanziarie disponibili per la vendita (72,0) (293,3) -75,4% - altre operazioni finanziarie 16,1 33,7-52,2% 100 Utili (perdite) da cessione o riacquisto di: - crediti 47,6 963,6-95,1% - attività finanziarie disponibili per la vendita 2.196, ,9-39,5% - passività finanziarie 976,9 69,3 1309,7% 210 Utili (perdite) delle partecipazioni (25.357,7) (14.135,8) 79,4% 230 Rettifiche di valore dell'avviamento Utile (perdita) da cessione di investimenti 2.963,8 (0,0) - UTILE DELL'OPERATIVITA' CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE (17.780,1) ,6-260 Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente (dedotta "Irap su costo del personale e comandati netto") 2.439,9 (809,8) - UTILE DELL'OPERATIVITA' CORRENTE AL NETTO DELLE IMPOSTE (15.340,2) 9.354,9-280 Utili (perdite) dei gruppi di attività in via di dismissione al netto delle imposte (2.791,3) (5.098,7) -45,3% UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO (18.131,5) 4.256,2 - (1 ) Scorporata dalla voce "Imposte sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente". (2) Scorporata dalla voce "Altri oneri e proventi di gestione". 14

15 Alcune voci relative ai dati comparativi al 31 dicembre 2010 risultano diverse rispetto al bilancio pubblicato, per l applicazione dello IAS 8 concernente il cambiamento del principio contabile del TFR ed in seguito ai maggiori chiarimenti inviati da Banca d Italia relativamente alla riclassificazione di alcune componenti riferite alle spese per il personale, nelle spese amministrative. Per maggiori dettagli si rimanda alla Nota Integrativa del presente bilancio, Parte A - Politiche Contabili. I criteri di riclassificazione del Conto Economico Al fine di fornire una rappresentazione più immediata delle risultanze reddituali è stato predisposto un conto economico secondo criteri espositivi più adatti a rappresentare il contenuto delle voci secondo principi di omogeneità gestionale. Le riclassificazioni hanno riguardato: la voce 70. dividendi ed altri proventi simili che rientra nel conteggio del margine d interesse; la voce 100. utili (perdite) da cessione o riacquisto di crediti, attività finanziarie disponibile per la vendita, attività finanziarie detenute sino a scadenza e altre operazioni finanziarie, che viene scorporata dal margine di intermediazione e considerata con la voce 130. rettifiche/riprese di valore netto per deterioramento. l IRAP sul costo del personale che viene scorporata dalla voce Imposte sul reddito dell esercizio; dell operatività corrente e ricompresa nelle spese per il personale; la voce recupero imposte di bollo e altre imposte che viene scorporata dalla voce altri oneri e proventi di gestione. REDDITIVITA L esercizio 2011 ha fatto registrare una perdita di 18,1 milioni di euro. Dallo schema di conto economico riclassificato precedentemente esposto si può notare come, nel confronto con lo scorso esercizio, il risultato al 31 dicembre 2011 sia stato determinato sostanzialmente dal significativo peggioramento della voce Utili/perdite da partecipazioni, passata da -14,1 milioni di euro a - 25,3 milioni di euro; in seguito della perdurante situazione di difficoltà finanziaria, si è proceduto ad effettuare l impairment test su alcune società partecipate dalla Capogruppo, con il risultato di aver dovuto effettuare svalutazioni per Banca Sella Nord Est Bovio Calderari con un impatto di 12,8 milioni di euro, per CBA Vita per 12,5 milioni di euro, per Selgest per 229 mila euro, per Miret per 236 mila euro; la vendita della società Agata ha solo parzialmente compensato tali svalutazioni comportando un utile di 427 mila euro. Inoltre, sul risultato d esercizio ha influito il conferimento del ramo, a Banca Sella, costituito dalle attività di Sistemi di Pagamento Elettronici e Tradizionali, Customer Desk ed Area Clienti. Il livello del R.O.E. a fine 2011 è risultato negativo -3,4%, mentre nell esercizio precedente si era attestato allo 0,9%. I commenti che seguono si riferiscono alle voci di Conto Economico riclassificato come riportato nella tabella della pagina precedente. MARGINE DI INTERESSE Il margine d interesse è risultato pari a 18,6 milioni di euro, in diminuzione del 47,5% rispetto all esercizio precedente, in cui si attestava a 35,3 milioni di euro. Tale andamento è frutto delle dinamiche fatte registrare dalle sue due componenti principali: il margine d interesse puro, inteso come differenza tra la componente attiva e quella passiva è risultato in diminuzione di 12,9 milioni di euro (-60,4%) sul 2010; i dividendi percepiti sono passati dai 13,9 milioni di euro del 2010 a 10,1 milioni di euro nel 2011, con un calo di 3,8 milioni di euro connesso con i risultati meno favorevoli conseguiti dalle società partecipate nel corso dell esercizio

16 RICAVI NETTI DA SERVIZI I ricavi netti da servizi ammontano complessivamente a 37,5 milioni di euro, inferiori del 28,8% rispetto all anno precedente, in cui erano pari a 52,7 milioni di euro. Su tale risultato ha certamente inciso l andamento positivo della componente relativa all attività di negoziazione e copertura, che si è riportata su valori in linea con quelli degli esercizi precedenti attestandosi a 20,4 milioni di euro, in aumento del 38,3% rispetto al 31 dicembre 2010, ma non è bastata a compensare la diminuzione delle commissioni attive (-52,8%), dovuto alla cessione del ramo d azienda dei sistemi di pagamento e del customer desk. MARGINE DI INTERMEDIAZIONE Il margine della gestione del denaro, unitamente a quello della gestione dei servizi, ha portato a un risultato complessivo di 56,1 milioni di euro, in diminuzione del 36,3% rispetto al dato al 31 dicembre 2010, pari a 88,1 milioni di euro. COSTI OPERATIVI I costi operativi sono risultati pari a 52,1 milioni di euro, al netto del contributo positivo di 4,6 milioni di euro della voce Altri oneri/proventi di gestione. L aggregato è inferiore del 22,6% rispetto a quanto registrato al 31 dicembre 2010, quando i costi operativi si erano attestati a 67,4 milioni di euro, grazie anche all opera di contenimento dei costi avviata nel corso dell anno. La componente dei costi operativi, peraltro, è stata direttamente influenzata dall operazione di cessione di ramo d azienda a Banca Sella che ha comportato sostanziali modifiche nella struttura dei costi e nell operatività della banca. Tale operazione, avendo avuto luogo a decorrere dal 29 maggio 2011, ha riportato i suoi effetti parzialmente sul risultato dello scorso esercizio, pertanto il confronto tra i due esercizi non è omogeneo. In particolare, all interno dei costi si rileva: una diminuzione del 19,2% delle spese per il personale, il cui ammontare, comprensivo dell IRAP relativa, è passato dai 27,2 milioni di euro dello scorso esercizio a 22 milioni di euro, determinata dagli effetti della cessione di ramo d azienda sopra riportati; un calo del 16,4% delle rettifiche di valore su immobilizzazioni materiali e immateriali, che si sono attestate a 3,1 milioni di euro, rispetto ai 3,7 milioni del 2010; una contrazione del 60,4% del contributo positivo fornito dalla voce Altri oneri/proventi di gestione, il cui ammontare complessivo, dedotto il Recupero imposta di bollo e altre imposte, è passato dagli 11,7 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2010 a 4,6 milioni di euro. Le altre componenti dei costi operativi sono rappresentate dalle altre spese amministrative, che al netto del recupero imposte di bollo e altre imposte sono risultate pari a 31,7 milioni di euro, in netta diminuzione rispetto ai 48,4 milioni di euro dell esercizio RISULTATO LORDO DI GESTIONE Per effetto delle dinamiche sopra esposte, il risultato lordo di gestione si è attestato a 4 milioni di euro, risultando inferiore dell 80,8% rispetto ai 20,7 milioni di euro registrati nel ACCANTONAMENTI, RETTIFICHE/RIPRESE DI VALORE, UTILI/PERDITE DA CESSIONE E UTILI/PERDITE DELLE PARTECIPAZIONI Gli accantonamenti netti ai fondi per rischi ed oneri sono risultati pari a 2,5 milioni di euro, rispetto agli 0,6 milioni di euro registrati nello scorso esercizio. Le rettifiche di valore nette su crediti sono risultate pari a 0,01 milioni di euro, in diminuzione rispetto agli 0,1 milioni di euro dell esercizio 2010, a testimonianza del contenuto rischio di credito assunto dalla società. 16

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli