Il silenzio assenso sull'utilità dei software installati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il silenzio assenso sull'utilità dei software installati www.cassazione.net"

Transcript

1 Il silenzio assenso sull'utilità dei software installati non legittima l'azione di indebito arricchimento nei confronti dell'amministrazione inadempiente. Insufficiente il verbale di accettazione firmato dal funzionario, per dare inizio ai lavori è sempre necessaria la delibera L'impresa che installa dei software in una pubblica amministrazione deve sempre avere in mano una delibera per essere pagata. Il verbale di accettazione siglato da un dipendente non e' sufficiente per proporre l'azione di indebito arricchimento. Lo ha sancito il Tribunale di Milano che ha respinto il ricorso di una società che aveva installato Dei software presso la regione sulla base di un verbale di accettazione siglato da un funzionario ma senza una delibera ufficiale. Insomma i giudici hanno ritenuto illegittima l'azione di indebito arricchimento proposta dall'azienda anche perché il silenzio assenso della p.a. e' insufficiente a decretare l'utilità dell'installazione. Sul punto il Tribunale meneghino ha chiarito che In tema di azione d'indebito arricchimento nei confronti della P.A., conseguente all'assenza di un valido contratto, l'azione x art c.c. richiede per la sua proponibilità ulteriori condizioni rispetto alla previsione codicistica, poiché presuppone oltre al fatto materiale dell'esecuzione di una prestazione economicamente vantaggiosa per l'ente pubblico, il riconoscimento dell'utilità della stessa da parte dell'ente. Tale riconoscimento non può ritenersi raggiunto nelle forme del silenzio assenso, in quanto l'apprezzamento dell'utilità dell'opera o della prestazione da parte degli organi rappresentativi dell'ente pubblico e/o deputati a deliberare la spesa, postula necessariamente un atto di riconoscimento formale assunto all'esito uno specifico iter procedimentale che tuteli il carattere pubblico degli interessi perseguiti dall'amministrazione. Debora Alberici (data ud ) Sez. Prima Civile (C.c. art. 2041, 2042) (L , n. 241, art. 20) (R.d , n. 2440) (Cost. art. 28) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO PRIMA SEZIONE CIVILE nella persona del Giudice dott. Serena Baccolini ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n /2009 R.G. promossa da S. S.p.A. in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Milano via (...) rappresentato e difeso in causa dall'avv. L.T. ed elett.te domiciliata presso lo studio del difensore in Milano via (...) Parte attrice e Regione Lombardia in persona del Presidente pro tempore rappresentata e difesa dall'avv. R.S. dell'avvocatura Regionale ed ellett.te dom.ta in Milano presso gli uffici dell'avvocatura Regionale Parte convenuta Oggetto: Azione ex art c.c. FATTO E DIRITTO Con atto di citazione notificato in data 6/11/09 la S. S.p.A. (di seguito S.) conveniva in giudizio avanti al Tribunale di Milano la Regione Lombardia per ottenerne la condanna ai sensi dell'art c.c. al pagamento della somma capitale di Euro ,00 oltre interessi di mora e rivalutazione monetaria. Esponeva la società attrice: di avere inoltrato all'ente convenuto offerta n. 42/02 (in data 12/4/02) con cui si proponeva la "(...)" relativamente al monitoraggio dell'obbligo Formativo dei giovani (offerta prodotta come doc. 1 e relativa ad una proposta tecnico/economica per la "messa in opera ed erogazione, presso le Province Lombarde, della soluzione e dei servizi per la gestione dell'obbligo formativo, già realizzato per le Province di Milano" avente ad oggetto la forniture di attività elencate analisi complessiva di startup ed allineamento tra i sistemi obbligo formativo ed anagrafe regionale, roull out dell'applicativo, servizi di training ed affiancamento, manutenzione ordinaria del software applicativo e servizi di supporto tecnico, manutenzione evolutiva del software applicativo alle condizioni economiche indicate nella sezione 2); la Direzione Regionale Formazione Istruzione e Lavoro approvava l'offerta n. 42/02 e con comunicazione in data 12/7/02 prot. (...) invitava parte attrice a procedere sulla base dell'offerta (nella comunicazione con oggetto "Finanziamento aggiuntivo Obbligo Formativo" a firma del dipendente R.L. si legge "Nell'ambito del progetto n F.S.E. del 23/5/2000 è stato realizzato il software relativo alla gestione dell'obbligo

2 formativo. Ritenuto che il software, di cui all'oggetto, risulta di particolare importanza per la Regione Lombardia essendo finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di monitoraggio dei giovani in obbligo, considerato che le Province hanno manifestato, attraverso lettere di adesione l'interesse per tale software, previo adattamento alle loro necessità gestionali, la Struttura Sistema informativo integrato ritiene opportuno avvalersi dell'agenzia regionale, già impegnata nel più ampio progetto di realizzare l'anagrafe regionale dei soggetti sottoposti all'obbligo formativo, per realizzare tale personalizzazione ed estensione del software alle province aderenti al patto. Delibera di approvazione dell'iter descritto e invita la V. Società a procedere come da vostra offerta n. 02/42 del 12/4/02 consentendo alla scrivente struttura di effettuare le necessarie sperimentazioni e verifiche. Alla presente seguirà ordine formale" doc. 2); le prestazioni indicate nell'offerta n. 42/02 venivano eseguite pur in assenza di una "formale delibera da parte dell'ente" e nonostante "l'ente comunque, seguiva passo passo lo sviluppo del progetto ed accettava i vari verbali che descrivevano i lavori eseguiti così come descritti nell'offerta citata si vedano i verbali del e dell' che si producono quali docc. 3 e 4" (pag. 1 e 2 dell'atto introduttivo); come doc. 3 veniva prodotta copia del verbale di accettazione a firma del dipendente R.L. dell'ente convenuto ("documento Analisi Funzionale ricevuto in data 17/9/02" in relazione al progetto" Roll out dell'applicativo Obbligo Formativo nelle Province Lombarde"); come doc. 4 veniva prodotta copia dello "Stato di avanzamento del progetto" in data 11/6/03 a firma per accettazione sempre del dipendente R.L. in cui si dava atto: di avere in data 8/4/03 installato "ed avviato l'applicativo obbligo formativo presso l'ultima delle 7 Province Lombarde che hanno aderito al progetto di Roll out, le attività di analisi complessiva di startup sono state completamente erogate e la fase è stata conclusa con successo" al fine di completare la procedura di allineamento tra l'anagrafe delle Province e quella Regionale sul modello di quanto già fornito per la Provincia di Milano, di avere in data 8/4/03 installato e avviato l'applicativo "Obbligo Formativo" presso l'ultima delle 7 Province Lombarde aderenti al progetto di Roll out con utilizzazione delle 49 delle 56 giornate previste; l'erogazione di tre sessioni del corso per operatore del sistema e per amministratore del sistema per il personale delle Province con utilizzo delle 6 delle 12 giornate previste, l'attivazione del servizio di manutenzione ordinaria a partire dal 16/1/03 per la durata di un anno solare, l'attivazione del servizio Help Desk telefonico dal 6/6/03 per la durata di un anno solare con l'utilizzo di 2 delle giornate previste, la raccolta delle richieste di modifica dalle province Lombarde aderenti al progetto con creazione di un documento di analisi dei requisiti consegnato alla regione Lombardia in data 5/2/03 con indicazione dell'utilizzo di 15 delle 80 giornate previste per la manutenzione evolutiva; completata l'attività indicata nell'offerta era stata emessa fattura n. (...) del 30/5/2006 (doc. 5) con causale "è stato realizzato software relativo alla gestione dell'obbligo formativo" nell'ambito del progetto n Fs. del 23/5/2000 con riferimento all'offerta n. 42 del 12/4/2002 n. prot. 02/102 bis per l'importo di Euro ,00 (di cui Euro 33091,00 a titolo di IVA); in data 23/2/09 era stata inviata alla Regione Lombardia diffida e costituzione in mora a fronte del mancato pagamento dell'indicata fattura (doc. 6) ed "in base al meccanismo del c.d. silenzio assenso confermava il debito fuori bilancio contratto nei confronti della S. dell'importo di Euro ,00 oltre interessi di mora" (pag. 3 dell'atto introduttivo) mentre il riconoscimento dell'utilità della fornitura era riscontrabile nella comunicazione datata 12/7/2002 a firma del dipendente della Regione Lombardia R.L. Instaurato il contraddittorio si costituiva la Regione Lombardia con comparsa depositata in data 10/3/2010 eccependo in via preliminare il difetto di Giurisdizione e nel merito l'infondatezza della domanda. Deduceva l'ente convenuto: negli archivi regionali non era stato riscontrato alcun progetto Fs. n avente ad oggetto la comunicazione prodotta da controparte a firma del dipendente R.L. mentre con quel numero di riferimento era stata reperita copia di domanda di finanziamento in data 5/6/01 relativa a progetto di altri soggetto privato, la So. S.r.l.; (doc. 2); la non applicabilità dell'istituto del silenzio assenso per operatività dell'art. 20 della l. n. 241/90 nei procedimenti indicati nei regolamenti governativi e la conseguente giurisdizione dell'aga ex art. 2, comma 8, della l. n. 241/90 a fronte del rifiuto

3 dell'amministrazione; l'assenza di una delibera a conclusione di un procedimento in cui è richiesta una "una fase preliminare, caratterizzata dalla formazione della volontà della p.a. che resta sul piano del diritto amministrativo ed è disciplinata dalle regole c.d. dell'evidenza pubblica poste dalla legge da un regolamento nonché da atti generali della stessa amministrazione.." (pag. 7 comparsa di costituzione) e l'invalidità di rapporti negoziali in assenza di forma scritta ai sensi del R.D. n. 2440/1923; l'irrilevanza di atti preparatori interni a firma del dipendente L. (dipendente in servizio sino al 31/3/08 e nel periodo interessato ai fatti per cui è causa come Q. doc. 5) in assenza di una estrinsecazione della volontà negoziale della Regione Lombardia riconducibile agli organi rappresentativi; l'applicativo software era stato installato presso gli Enti Provinciali e gli organo deliberativi e/o rappresentativi della Regione Lombardia non avevano emesso alcun atto o posto in essere alcun comportamento da cui desumere un positivo giudizio di utilità delle forniture per cui è causa; la comunicazione in data 12/7/02 era stata firmata da soggetto che non aveva il potere di impegnare dal punto di vista negoziale la p.a. verso terzi mentre il verbale di accettazione prodotto "si ritiene che lo stesso documento possa, al più, avere la valenza di una semplice ricevuta, da parte del funzionario, agente motu proprio, del documento roll out dell'applicativo obbligo formativo nelle province lombarde" (pag. 19 della comparsa di costituzione); il parametro contrattuale indicato per la quantificazione della domanda in assenza di un validi vincolo contrattale non poteva essere utilizzato per la liquidazione dell'indennizzo ex art c.c. Concessi i termini ex art. 183, VI c.p.c., e disattese le istanze istruttorie formulate dalle parti la causa perviene a decisione previa la concessione dei termini ex art. 190 c.p.c. I contratti tra la Pubblica Amministrazione ed il privato devono rivestire la forma scritta "ad substantiam" ed in difetto di tale requisito formale non possono essere considerati come validamente conclusi (Cass. sez. I civ. n /2011; Cass. sez. VI civ. ordinanza n /2011; Cass. sez. I civ. n. 9390/2011; Cass. sez. III civ. n. 9412/2011). La delibera a contrattare segna il momento della apertura dell'iter procedimentale e rappresenta l'atto con il quale la p. A. manifesta all'organo di controllo evidenziandone le ragioni di pubblico interesse unitamente alla relativa spesa l'intento di dare corso alla procedura per la conclusione di un contratto sulla base di un progetto, con l'indicazione della procedura scelta per individuare tra i concorrenti lo specifico contraente privato. Trattasi di atto interno (di norma conoscibile all'esterno solo quando si provvede alla pubblicazione di un bando o all'inoltro delle lettere di invito ai vari concorrenti) del complesso iter procedimentale e la sua mancanza determina illegittimità di tutti i successivi atti per invalidità derivata. Nella fattispecie per cui è causa è incontroverso fra le parti che tale delibera non è mai intervenuta ed a fronte del mancato riconoscimento di un vincolo contrattuale avente ad oggetto la fornitura dei servizi presso le Province Lombarde per la gestione dell'obbligo Formativo già realizzato presso la Provincia di Milano come da proposta tecnico/economica in data 12/4/2002 (doc. 1 di parte attrice) la S. ha proposto l'azione ex art c.c. Azione che la giurisprudenza di legittimità ritiene esperibile (Cass. sez. I civ. n /2011; Cass. sez. I civ. n /2011; Cass. sez. I civ. n /2011; Cass. ss. uu. n. 9441/2011) nei confronti della p. A. anche se, in ragione degli interessi pubblici perseguiti dall'amministrazione, viene richiesta per la sua proponibilità ulteriori condizioni rispetto alla previsione codicistica poiché "presuppone oltre al fatto materiale dell'esecuzione di una prestazione economicamente vantaggiosa per l'ente pubblico il riconoscimento dell'utilità della stessa da parte dell'ente... (Cass. sez. I civ. n. 3322/2010). Una lettura costituzionale dell'art c.c., con riferimento all'art. 28 Cost., consente di superare l'eccezione ex art c.c. formulata da parte convenuta in punto esperibilità diretta dell'azione nei confronti dell'amministrazione da parte del privato. In linea con la giurisprudenza di legittimità (Cass. ss. uu. n. 9441/2011; Cass. ss.uu. n /2008), deve riconoscersi la giurisdizione di questo Tribunale risultando del tutto irrilevante la questione sollevata dalla Regione Lombardia circa l'erronea qualificazione del silenzio serbato sull'atto "di invito, diffida e costituzione in mora" in data 23/2/2009 (doc. 6 di parte attrice) e che, nella prospettiva dell'ente convenuto, integrerebbe una ipotesi di silenzio rigetto con conseguente

4 necessità di una sua impugnazione avanti all'aga. Se è vero che ai sensi dell'art. 20 della l. n. 241/90 (anche nella sua forma novellata dopo l'entrata in vigore da ultimo dei D.Lgs. n. 104/2010 e n. 195/2011) l'istituto del silenzio assenso è previsto in termini generali tuttavia tale operatività non può essere estesa alle ipotesi, come nella fattispecie per cui è causa, in cui è previsto uno specifico iter procedimentale a tutela del carattere pubblico degli interessi perseguiti dall'amministrazione, procedimento che richiede un atto di riconoscimento formale di l'apprezzamento dell'utilità dell'opera o della prestazione da parte degli organi rappresentativi dell'ente pubblico e/o deputati a deliberare la spesa (Cass. sez. 3 civ. n. 9447/2010) o comunque un suo riconoscimento implicito. La riconducibilità dell'apprezzamento dell'utilità ai sopra indicati organi rappresentativi/deliberativi esclude la rilevanza del giudizio espresso dal dipendente R.L., nella comunicazione avente ad oggetto Finanziamento aggiuntivo obbligo formativo del 12/7/2002 (doc. 2 di parte attrice), poiché proprio quel dipendente ha posto in essere comportamenti contrari alla procedura prescritta (Cass. sez. I civ. n. 7297/2009 con riguardo all'irrilevanza di manifestazioni di volontà implicita e/o desumibile da comportamenti meramente attuativi). L'Amministrazione convenuta ha documentato il rapporto di lavoro a tempo indeterminato del L. (doc. 5 all'epoca dei fatti per cui è causa di categoria quadro Q1/Q2 ed inserito nella struttura di integrazione sistemi informativi) evidenziandone la carenza di potere rappresentativo che certo non può essere desunto dalla semplice appartenenza alla Direzione Generale Formazione Istruzione e Lavoro, come da intestazione riportata sulla comunicazione protocollata e che non riveste per il suo contenuto natura di determinazione dirigenziale. A riguardo è solo il caso di osservare che la stessa società attrice muove dal dato dell'assenza della delibera da ritenersi, quindi, un atto necessitato per il corretto iter procedimentale con conseguente irrilevanza della comunicazione a firma del dipendente R.L. e che evidenzia in realtà esclusivamente la previsione di un finanziamento aggiuntivo (nell'ambito di un progetto già in essere dal maggio 2000 ed ove era già stato realizzato il software relativo alla gestione dell'obbligo Formativo) inidoneo a far assumere obblighi da parte dell'amministrazione nei confronti della S. La rigorosa posizione espressa dalla Suprema Corte con la sentenza sopra richiamata (Cass. sez. I civ. n. 7297/2009) esclude che possa avere rilevanza sia la sottoscrizione del verbale di accettazione in data 19/9/2002 di un documento (doc. 3 di parte attrice), relativo elusivamente ad una parte dei servizi offerti (Roull out dell'applicativo Obbligo Formativo nelle Province Lombarde punto 1.2 dell'offerta), che la sottoscrizione dello Stato di avanzamento del progetto. Le parti hanno omesso di chiarire se la previsione dell'indicato "Finanziamento aggiuntivo" era da collocarsi nell'ambito di diverso appalto di servizi/forniture in precedenza affidato (come parrebbe suggerire il richiamo alla "realizzazione della procedura d'allineamento tra l'anagrafe dell'obbligo Formativo Provinciale e l'anagrafe dell'obbligo Formativo Regionale ha rappresentato un'estensione rispetto a quanto già fornito da S. alla Provincia di Milano" doc. 3 di parte attrice pag. 4) mentre la carente documentazione prodotta non consente ulteriori considerazioni anche con riferimento alle intervenute modalità di individuazione in S., quale contraente privato fra altri concorrenti, nella diversa ipotesi di negoziazione nuova. La posizione assunta dalla Regione Lombardia in ordine alla mancata reperibilità negli archivi della documentazione del progetto n Fs., ulteriore rispetto a quella spontaneamente prodotta e che ha ricompreso anche la posizione lavorativa del dipendente L., ha reso superfluo l'ordine ex art. 210 c.p.c. richiesto da parte attrice ai punti A e B della memoria depositata in data 26/3/2010. La riconosciuta assenza della delibera a contrarre o, comunque, di "approvazione dell'iter descritto" rende irrilevante l'ulteriore richiesta ex art. 210 c.p.c. indicata al punto C della medesima memoria e relativa ad una spesa al di fuori delle regolari procedure talché la stessa società attrice nell'atto introduttivo consapevolmente ha inteso fare riferimento ad un debito fuori bilancio (pag. 3 della comparsa di costituzione) anche se in termini contrastanti con quanto deliberato dalla Corte dei Conti Lombardia/285/2010 in data 8/3/2010 con riferimento "al riconoscimento del debito solamente nei limiti nei quali il bene o il servizio acquisito rientrano nell'ambito dell'espletamento di pubbliche; funzioni e servizi di competenza e venga accertata, con delibera motivata,

5 sia l'utilità del bene e del servizio che l'arricchimento che l'attività ha comportato per l'ente" (per debito fuori bilancio cfr. Cass. sez. III n. 9412/2011; Cass. sez. III civ. n /2008). Ed è proprio con riferimento al profilo del contestato riconoscimento dell'utilità della forniture da parte degli organi rappresentativi dell'amministrazione convenuta che la domanda di parte attrice deve essere rigettata non ravvisandosi nei comportamenti della Regione Lombardia, in termini inequivocabili, un giudizio positivo in ordine al vantaggio conseguito a seguito delle prestazioni che controparte assume avere posto in essere o, comunque, una loro consapevole utilizzazione da parte degli organi rappresentativi e/o deliberativi (Cass. sez. III civ. n. 9141/2011; Cass. sez. I civ. n. 8537/2011). Le emergenze processuali non consentono di ritenere accertati comportamenti dell'amministrazione da cui desumere un giudizio (anche implicito) di utilità da parte degli organi regionali deputati all'esercizio dell'attività amministrativa e che necessariamente non poteva riguardare solo gli aspetti contabili di imputazione della spesa in quanto: il giudizio di utilità prescinde dall'intervenuta esecuzione delle prestazioni con conseguente, irrilevanza, anche per le considerazioni in precedenza svolte sulla posizionerei dipendente L., del verbale di avanzamento del progetto prodotto e dell'ulteriore documentazione (n. 10) allegata alla memoria ex art. 183, VI comma, n. 1 c.p.c., documentazione non idonea a comprovare la dedotta fornitura It. di beni asseritamente ricollegabili alla posizione della Regione Lombardia; le istanze istruttorie orali formulate da parte attrice con la memoria depositata in data 26/11/2010 (e reiterate in sede di precisazione delle conclusioni) devono essere disattese in quanto relative a circostanze già provate con la documentazione prodotta (cap. n. 1, n. 6), contrarie alla documentazione prodotta in quanto le condotte descritte sono riferibili materialmente al dipendente e non potendosi deferire ai testi valutazioni sull'imputabilità di obbligazioni agli organi rappresentativi dell'ente poiché le parti controvertono proprio sulla loro corretta assunzione (doc. n. 2, 4), irrilevanti nei termini capitolati per la necessità, oltre all'intervenuta esecuzione (dedotta genericamente atteso il coinvolgimento di altri enti territoriali), anche del giudizio di utilità non espresso con la delibera pacificamente non emessa (cap. n. 3 e n. 7 ), circostanza pacifica (cap. 5), irrilevanti nei termini capitolati poiché la fornitura del software alla Regione risultava già essere stato effettuata in data precedente all'offerta per cui è causa e che doveva riguardare la messa in opera ed erogazione (applicativo e servizi) presso le Province sul territorio della Regione diverse da quella di Milano. Conclusivamente deve affèrmarsi che in assenza di elementi che consentano di ritenere accertato che fra le parti è intervenuto un rapporto obbligatorio per la fornitura dei servizi di cui all'offerta n. 42/02, con riconoscimento da parte degli organi rappresentativi e deliberativi della Regione Lombardia dell'utilità delle relative prestazione, la domanda ex art c.c. formulata dalla società attrice deve essere rigettata. Le perplessità che derivano dalla procedura seguita dal dipendente inserito nell'organico dell'ente pubblico che ha mostrato di non adeguatamente operare i dovuti controlli e la condotta negligente della società attrice nel rapporto con un Ente pubblico fanno ritenere sussistenti i giusti motivi per dichiarare integralmente compensate fra le parti le spese di lite. P.Q.M. Il Tribunale di Milano, Prima Sezione Civile, definitivamente pronunciando disattese ogni diverse domande eccezioni e deduzioni, così provvede: a) rigetta la domanda formulata da S. S.p.A. nei confronti della Regione Lombardia; b) dichiara le spese di lite integralmente compensate fra le parti. Così deciso in Milano il 14 febbraio Depositata in Cancelleria il 15 febbraio Debora Alberici

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 01831/2012 REG.PROV.COLL. N. 00806/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02264/2011 REG.PROV.COLL. N. 01973/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007

Del/Par. n.8/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 1 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 12 giugno 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA IL COMMISSARIO AD ACTA DELIBERAZIONE n.1 del 15.2.2013 PREMESSO CHE: Con sentenza emessa dal TAR del LAZIO sede

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) N. 00031/2015 REG.PROV.COLL. N. 01106/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI MASSELLO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RICONOSCIMENTO DEBITI FUORI BILANCIO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il D.Lgs. 18.08.2000, n. 267 definisce

Dettagli

SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI, LEGALI E CONTRATTI UFFICIO AFFARI LEGALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 669

SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI, LEGALI E CONTRATTI UFFICIO AFFARI LEGALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 669 (Cat.. Cl. Fasc..) CITTA DI ASTI SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI, LEGALI E CONTRATTI UFFICIO AFFARI LEGALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 669 in data 19/04/2016 Oggetto: AFFIDAMENTO SERVIZIO DI DOMICILIAZIONE

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE

Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE Comune di Morciano di Leuca PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO SETTORE 6 - Servizi finanziari - Tributi COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N 559 Registro Generale DEL 04/12/2015 OGGETTO: DETERMINA A

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 Immobili classa mento atto di classamento motivazione caratteristiche Immobili classa mento atto di classamento comproprietari litisconsorzio necessario

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania N. 02054/2013 REG.PROV.COLL. N. 00614/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA R. G. n. 2206/2011 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE LAVORO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE il Giudice del lavoro dr. Leonardo Pucci, pronunciando nella

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 02225/2015 REG.PROV.COLL. N. 02709/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 64 DEL 17/3/2014 OGGETTO: Vertenza Comune di Bari Sardo / Società Ecologica di F. Podda srl Villasor. Tribunale Civile

Dettagli

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via,

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, Tribunale di. Atto di citazione **** Nell interesse della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, n., c.f.:., rappresentata e difesa, come da procura a margine del presente atto dall'avv....

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679. Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679. Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM DETERMINAZIONE Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679 Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E VODAFONE La Responsabile del Servizio CORECOM VISTA la l. 249/1997,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA T.A.R. Lazio, Roma, sez. II-bis, 3 giugno 2013, n. 5538 Edilizia e urbanistica - Rilascio permesso di costruire in assenza di piano attuativo - Possibilità qualora previsto dalle norme di piano regolatore,

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE Determinazione 15/2015 Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 0041104260002 CONSIGLIO PROVINCIALE

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 0041104260002 CONSIGLIO PROVINCIALE Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 0041104260002 CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente Settore Segreteria Generale Ufficio Legale OGGETTO:

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI sentenza 24 novembre 2015 n. 5324 (sull insussistenza dell obbligo per il Comune di eseguire in via amministrativa

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

contro per l'annullamento

contro per l'annullamento R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX XXX /Optima Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Altalex.it (Pierluigi D'Urso) L'ordinanza in rassegna accorda

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA sezione lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI ROMA sezione lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO RGAC 5123 del 2015 TRIBUNALE DI ROMA sezione lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Roma, in funzione di Giudice del Lavoro, nella persona del dott. Flavio Baraschi, nella

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI CAPO I - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento integra le norme di legge che disciplinano le entrate

Dettagli

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 615 approvata il 24 aprile 2014 DETERMINAZIONE: AFFIDAMENTO IN ECONOMIA E ISCRIZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 941/96 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: Dott. ALESSANDRA BOTTAN PRESIDENTE

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 445 DEL 16/06/2014 APPROVAZIONE CONVENZIONE DI PROGRAMMA EX ART.11 COMMA 68/99 CON PROVINCIA DI RIMINI PER ASSUNZIONE NOMINATIVA CENTRO

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84;

IL DIRIGENTE. VISTO il D. Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche, in particolare l art. 84; Determinazione 18/2014 Definizione della controversia XXX/Optima Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la L. 31 luglio 1997, n. 249, Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 120 del 10/09/2013 OGGETTO: COMUNE C/DOTT. M.A. - AZIONE RISARCITORIA DINANZI ALL'A.G.O. - DETERMINAZIONI. L'anno

Dettagli

Tar Milano n. 288/11 su bonifica acustica

Tar Milano n. 288/11 su bonifica acustica Tar Milano n. 288/11 su bonifica acustica L art. 9 L. 447\1995 attribuisce al Sindaco poteri d intervento richiesto da urgente necessità di tutela della salute pubblica in senso più ampio che non laddove

Dettagli

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri)

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri) Danno (Risarcimento del) - Assenza per malattia del lavoratore - Richieste reiterate del datore di lavoro all'inps di visita medico-legale di controllo - Omesso riscontro di talune richieste - Danno per

Dettagli

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni:

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni: Presupposti e modalità operative della mediazione tributaria Se l'istanza è improponibile, i 30 giorni per costituirsi in giudizio decorrono dalla presentazione del "ricorso con istanza", ossia dalla sua

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE

Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE Determinazione 23/2015 Definizione della controversia Lotito XXX/ Clouditalia Communications s.p.a. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDIL. PRIVATA E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA' E TRAFFICO

AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDIL. PRIVATA E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA' E TRAFFICO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO AREA CITTA TERRITORIO E AMBIENTE DIREZIONE SERVIZIO

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori:

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori: Sentenza n. 2045/05 del TAR Campania in tema di equipollenza dei titoli di studio (nella specie: laurea in Economia del commercio e dei mercati valutari rispetto a Economia e commercio). Registro sentenze:

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

Deliberazione n. 1/2008/P

Deliberazione n. 1/2008/P Deliberazione n. 1/2008/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza congiunta del I e II Collegio

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti,

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti, N. 00041/2011 REG.PROV.COLL. N. 00098/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (Sezione Unica) ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Comune di Valmadrera, rappresentato e difeso dall'avv. Mario Anghileri, con domicilio eletto presso Ercole Romano in Milano, viale Bianca Maria 23;

Comune di Valmadrera, rappresentato e difeso dall'avv. Mario Anghileri, con domicilio eletto presso Ercole Romano in Milano, viale Bianca Maria 23; N. 01571/2013 REG.PROV.COLL. N. 02629/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE DETERMINAZIONE ORIGINALE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT REG. GEN.LE N. 481 DEL 04/07/2013 REG. SERVIZIO N. 70 DEL 25/06/2013

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Parere n.69 del 14/10/2014 PREC 210/14/L Oggetto: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. n. 163/2006

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli