la legge provinciale 23/92 avvicina amministrazione e cittadino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la legge provinciale 23/92 avvicina amministrazione e cittadino"

Transcript

1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa Linee guida alla semplificazione amministrativa: la legge provinciale 23/92 avvicina amministrazione e cittadino

2 La legge provinciale n. 23 del 1992 (che ha subito un importante processo di riforma nel 2007) contiene le norme in materia di democratizzazione, semplificazione e partecipazione all azione amministrativa provinciale e in tema di procedimento amministrativo. Per ridurre e rendere certi i tempi dell azione amministrativa, ma anche per diminuire il peso della burocrazia sul cittadino, la L.P. 23/92 prevede disposizioni e misure incisive di semplificazione amministrativa, quali il ricorso al silenzio-assenso e ad altri istituti di auto-regolazione da parte del privato (come la dichiarazione di inizio attività), nonché l utilizzo dell autocertificazione e di ulteriori meccanismi atti a rendere effettivo l obbligo per l amministrazione di acquisire d ufficio i dati e le informazioni richieste già in suo possesso. La L.P. 23/92 rappresenta solo l ultimo passo della nostra amministrazione nel percorso di partecipazione, democratizzazione, trasparenza e semplificazione nei confronti dei cittadini; percorso che, ricordo, è iniziato con la legge provinciale n. 45 del 1988, prima ancora che il legislatore statale disciplinasse in modo organico la materia. Il processo di semplificazione amministrativa implica da parte delle amministrazioni pubbliche un impegno costante nella ricerca di una operatività, di un fare quotidiano che sia trasparente ed efficace, ma al contempo accessibile e comprensibile al cittadino. Ciò presuppone anche, da parte dell ente pubblico, una continua attenzione al miglioramento finalizzata, in particolare, a colmare le distanze e ad abbattere le barriere che ancora oggi dividono e talvolta contrappongono cittadino e amministrazione

3 A tal fine è stato realizzato, come strumento di comunicazione immediato e di facile comprensione, questo opuscolo, che, lungi dal voler offrire una disamina esaustiva della disciplina del procedimento amministrativo e degli istituti di partecipazione, di semplificazione e di garanzia che la legge prevede a tutela del cittadino, è pensato come semplice raccolta delle regole che governano l azione amministrativa (viste nell ottica di chi è il principale destinatario di tale azione) e rappresenti quindi per il cittadino una utile e sintetica guida per conoscere i propri diritti e per orientarsi nei rapporti con gli uffici pubblici. Di seguito sono illustrate alcune sintetiche istruzioni per l uso, indicazioni in materia di accesso ai documenti, suggerimenti in tema di modulistica e autocertificazione, e molte altre informazioni utili per gli utenti che a vario titolo si rapportano con l amministrazione provinciale e che intendono instaurare con quest ultima un rapporto dialettico e collaborativo

4 I principali contenuti della L.P. 23/92: individuazione di un termine massimo residuale per la conclusione del procedimento amministrativo; rimedi esperibili contro il silenzio ingiustificato dell amministrazione; facile reperibilità on-line della modulistica; obbligo di acquisizione d ufficio di documenti e informazioni da parte dell amministrazione; controllo della veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazione e di atto notorio; individuazione dei casi in cui si applica la dichiarazione di inizio attività (D.I.A.); individuazione dei casi in cui si applica il silenzio assenso; disciplina organica dell istituito del preavviso di provvedimento negativo; comunicazione di avvio del procedimento amministrativo; disciplina dell accesso ai documenti amministrativi: in particolare, individuazione degli strumenti di tutela in caso di risposta negativa dell amministrazione; ruolo degli sportelli di assistenza e di informazione al pubblico

5 QUANTO DURA UN PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO? A meno che non sia già stato fissato da una disposizione di legge o di regolamento, spetta alla pubblica amministrazione individuare il termine di conclusione del procedimento amministrativo, cioè il tempo massimo a disposizione degli uffici competenti per decidere sulla tua domanda. Se il termine non risulta fissato con le modalità appena richiamate, la legge prevede che il procedimento amministrativo deve comunque concludersi, con l adozione di un provvedimento espresso, entro il termine massimo di 30 giorni. Il termine del procedimento decorre: dal ricevimento della tua domanda e della relativa documentazione da parte dell ufficio competente; se la domanda è presentata ad un ufficio diverso da quello competente, sarà la struttura ricevente (e non il richiedente) a trasmetterla senza ritardo a quella effettivamente competente, al fine di evitare che i tempi di smistamento delle pratiche si ripercuotano sul cittadino; oppure dall avvio d ufficio da parte dell amministrazione

6 A proposito di termini. la legge contiene una norma tagliatempi, che impone all amministrazione di prevedere per i propri procedimenti un termine massimo di conclusione di 90 giorni. Solo in casi del tutto eccezionali, che devono essere adeguatamente motivati, il termine del procedimento potrà superare i 90 giorni, ma non potrà comunque essere superiore a 180 giorni. La Provincia ha già ridotto considerevolmente i termini dei propri procedimenti, tanto che tre pratiche su quattro devono essere concluse entro 90 giorni. Per accedere all elenco completo dei procedimenti provinciali consulta il sito (alla voce: elenco completo dei procedimenti amministrativi). ATTENZIONE! Il termine di conclusione del procedimento può essere sospeso dall amministrazione nel caso in cui sia necessario integrare o regolarizzare la domanda presentata: in questo caso il cittadino interessato, entro l ulteriore termine fissato a tale scopo dall amministrazione, dovrà integrare o regolarizzare la propria domanda, altrimenti l amministrazione medesima dovrà comunque definire (ed eventualmente, archiviare) il procedimento sulla base della sola documentazione in suo possesso! - 5 -

7 Per non incorrere in brutte sorprese... collabora con noi! CHE COSA POSSO FARE SE L AMMINISTRAZIONE NON RISPETTA IL TERMINE DEL PROCEDIMENTO? L amministrazione ha sempre l obbligo di concludere il procedimento con un provvedimento espresso. Quindi, nel caso in cui il termine scada inutilmente e l amministrazione competente non abbia ancora provveduto in merito alla tua richiesta, potrai presentare immediatamente ricorso al giudice amministrativo (sempre che l inerzia persista ancora e non sia trascorso più di un anno dalla scadenza del termine stesso). ATTENZIONE! Il ricorso al T.R.G.A. (Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa) di Trento può essere proposto solo nei casi di silenzio inadempimento (cioè silenzio ingiustificato ) dell amministrazione, e quindi nelle sole ipotesi in cui la legge non attribuisce all inerzia dell amministrazione il significato di diniego - 6 -

8 della domanda (silenzio rigetto) o di accoglimento della stessa (silenzio assenso). DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE: DI CHE COSA SI TRATTA? POSSO FARLE ANCHE IO? Ma certo! Ricordati che grazie al Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, le amministrazioni e gli esercenti di servizi pubblici non possono più chiedere ai cittadini la presentazione di certificati, nel caso in cui agli stessi possa sostituirsi un autocertificazione, ossia una dichiarazione sostitutiva di certificazione firmata da te, senza che siano necessari l autentica della firma o l imposta di bollo. In altre parole, senza affannarti tra un amministrazione e l altra per ottenere e poi produrre i necessari certificati, sarai tu stesso a dichiarare (autocertificare): luogo e data di nascita; residenza; cittadinanza; godimento dei diritti civili e politici; stato di famiglia; stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero; tutti i dati a tua conoscenza contenuti nei registri dello stato civile; - 7 -

9 iscrizione in albi o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni; appartenenza ad ordini professionali; titolo di studio, di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica, qualifica professionale posseduta, esami sostenuti; situazione reddituale ed economica, assolvimento di obblighi contributivi; stato di disoccupazione, qualità di pensionato e categoria di pensione; qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili; di non aver riportato condanne penali. e tanto altro ancora! Ricordati che l elenco dei casi in cui puoi utilizzare le dichiarazioni sostitutive di certificazione è tassativo! In tutti gli altri casi puoi ricorrere alle dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, nelle quali puoi dichiarare tutte le condizioni, le qualità personali e i fatti (anche riferiti a persone diverse da te!) di cui sei a diretta conoscenza (purché non siano già compresi nell elenco dei certificati, che l amministrazione comunque non può più richiederti). Vuoi qualche esempio? Con questo tipo di dichiarazione sostitutiva potrai dichiarare di essere erede o affittuario di un appartamento, di non aver già ricevuto o richiesto altri contributi, di essere a - 8 -

10 conoscenza di un certo fatto passato o presente, o potrai attestare il tuo stato di servizio. E ancora: puoi utilizzare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per attestare il fatto che la copia di un atto o di un documento rilasciato dall amministrazione (es. concessione edilizia) o conservato dall amministrazione (es. contratto registrato) oppure la copia di un documento fiscale (es. fattura) è conforme all originale. Purtroppo, non tutto si può autocertificare. In particolare: non puoi ricorrere a dichiarazioni sostitutive di certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità CE (ossia le certificazioni che attestano la conformità di un prodotto alla normativa comunitaria che ne disciplina l utilizzo), di marchi e brevetti; non puoi utilizzare dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà per attestare informazioni che non rientrano nella tua conoscenza diretta o che riguardano manifestazioni di volontà (come una tua dichiarazione d impegno ovvero un attestazione che abbia ad oggetto eventi o fatti futuri)

11 Le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà e/o la domanda che le contiene, dovranno essere sottoscritte in presenza del dipendente addetto a riceverle previa identificazione del richiedente oppure trasmesse (via posta, fax, ecc.) all amministrazione competente allegando la fotocopia di un tuo documento di identità....e se manca la fotocopia del documento di identità? Stai tranquillo, l amministrazione ti consentirà di regolarizzare la tua domanda, richiedendoti di inviare una fotocopia del documento....e se il mio documento non è più valido? Anche in questo caso l amministrazione ti consentirà di regolarizzare la tua domanda, chiedendoti di inviare una fotocopia del documento scaduto, accompagnata da una tua dichiarazione (resa in calce alla copia) con cui attesti che i dati contenuti non hanno subito variazioni dalla data del loro rilascio

12 ATTENZIONE! L amministrazione è tenuta a controllare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto notorio che hai presentato. Quindi ti conviene dire la verità... Infatti, se l amministrazione scopre che quanto hai dichiarato non corrisponde al vero, e se il falso dichiarato è rilevante ai fini dell ottenimento del beneficio richiesto, tu decadrai dal medesimo (e se lo hai già ottenuto, l amministrazione ne disporrà la revoca). Non solo! Ricorda che in ogni caso (quindi anche se la dichiarazione falsa non è stata rilevante ai fini della concessione del benefici0), l amministrazione ha l obbligo di segnalare il fatto all autorità giudiziaria. Se vuoi avere qualche informazione in più, consulta la guida all autocertificazione sul sito

13 DOVE POSSO REPERIRE I MODULI DI CUI HO BISOGNO? Per non farti perdere tempo correndo da un ufficio all altro alla ricerca di moduli e documenti, l amministrazione provinciale ha predisposto un unico indirizzo sul suo sito internet dove puoi trovare: i moduli per la presentazione delle domande e delle dichiarazioni sostitutive e le eventuali istruzioni per la corretta compilazione; le indicazioni circa la documentazione da allegare alla domanda. Ricordati: puoi trovare tutti i moduli che ti servono all indirizzo Tieni presente che l amministrazione non può gravare i cittadini di inutili incombenze: in sostanza, non può chiederti di presentare documenti e certificati che ha già o che sono in possesso di altre amministrazioni, ma è invece sempre obbligata:

14 ad acquisire d ufficio i documenti che attestano fatti, qualità e stati soggettivi già in suo possesso o detenuti da altre amministrazioni; ad accertare d ufficio i fatti, le qualità e gli stati soggettivi che lei stessa o un altra amministrazione ha il dovere di certificare. Inoltre, l amministrazione non può chiederti ulteriori documenti o informazioni diverse rispetto a quelli che essa stessa ha preventivamente definito, tranne in casi eccezionali che devono essere sempre debitamente motivati. COS É LA DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÁ? In alcuni casi, se vuoi esercitare un attività privata per la quale è necessario il rilascio di un autorizzazione, di un permesso, di una licenza o di provvedimenti simili da parte dell amministrazione, e purché ricorrano tutti i presupposti previsti dalla legge, anziché aspettare che l amministrazione ti conceda l atto di consenso, potrai sostituire lo stesso con una tua dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) resa all amministrazione competente, in cui: dichiari l esistenza dei presupposti e dei requisiti che la legge richiede; autocertifichi di aver svolto e superato le eventuali prove previste

15 Da quel momento, potrai iniziare immediatamente la tua attività. ATTENZIONE! L amministrazione, nei 6o giorni successivi alla presentazione della dichiarazione di inizio attività (e anche oltre, in via di autotutela), verifica d ufficio la sussistenza dei presupposti e dei requisiti di legge e, se del caso, può importi il divieto di prosecuzione dell attività, oltre che la rimozione degli eventuali effetti prodotti! Non tutto è perduto però! Se, ove sia possibile, tu conformi la tua attività e i suoi effetti alla normativa vigente entro il termine fissato dall amministrazione, potrai tranquillamente proseguire nell attività già incominciata. Ricorda però che in caso di dichiarazioni mendaci o di false attestazioni che siano state determinanti al fine di ammetterti all esercizio dell attività dichiarata, non ti è concessa la possibilità di conformare la medesima e i suoi effetti alla legge

16 COS É IL SILENZIO ASSENSO? Qualora tu richieda l autorizzazione all esercizio di una determinata attività, ma non ricorrano i presupposti per utilizzare la D.I.A. e l amministrazione non adotti il provvedimento nei termini prestabiliti, in molti casi il suo silenzio verrà interpretato come un assenso e la tua domanda si intenderà quindi automaticamente accolta. È fatta salva, ovviamente, la facoltà dell amministrazione di agire in via di autotutela, anche dopo la formazione del silenzio assenso. ATTENZIONE! Restano escluse dall applicazione della dichiarazione di inizio attività e del silenzio assenso alcune tipologie di atti previste espressamente dalla legge provinciale. Se vuoi sapere se ci sono gli estremi per presentare la dichiarazione di inizio attività, oppure se la mancata risposta da parte dell amministrazione ad una tua istanza equivale ad un accoglimento della domanda (silenzio assenso), consulta il sito (rispettivamente alle voci: dichiarazione inizio attività e silenzio - assenso) e troverai gli elenchi dei casi in cui i due istituti trovano applicazione

17 COSA POSSO FARE SE L AMMINISTRAZIONE NON INTENDE ACCOGLIERE LA MIA RICHIESTA? Nei procedimenti ad istanza di parte, l amministrazione chiamata ad adottare il provvedimento richiesto, qualora intenda rigettare la tua istanza, è obbligata a dartene tempestivo preavviso (cd. preavviso di rigetto), comunicandoti preventivamente le motivazioni che sono di ostacolo all accoglimento della domanda e concedendoti 10 giorni di tempo per presentare osservazioni scritte e l eventuale documentazione relativa. Tale comunicazione sospende il termine per la conclusione del procedimento, che riprenderà a decorrere dalla data di presentazione delle tue osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di 10 giorni che ti è stato assegnato per manifestare le tue ragioni. Nel provvedimento finale, l amministrazione è obbligata a motivare l eventuale mancato accoglimento delle tue osservazioni. ATTENZIONE! L istituto in esame non trova un applicazione generalizzata. Alcune tipologie di atti sono infatti espressamente escluse dalla legge provinciale (procedure concorsuali, procedure di

18 natura agevolativa e contributiva, procedimenti in materia previdenziale e assistenziale). È dunque bene informarsi! COME FACCIO A SAPERE CHE IL PROCEDIMENTO CHE MI RIGUARDA HA AVUTO INIZIO? L amministrazione ha il dovere di dare notizia al soggetto interessato dell avvio del procedimento mediante comunicazione personale. Di solito si tratta di una lettera ordinaria, in cui devono essere indicati, fra l altro, la struttura competente ad adottare il provvedimento finale, il responsabile del procedimento (così il cittadino sa chi contattare in caso di bisogno o per avere informazioni sulla sua pratica), l ufficio presso cui l interessato potrà visionare gli atti del procedimento ed il termine entro cui esso dovrà concludersi, oltre ai rimedi cui egli potrà ricorrere in caso di inerzia dell amministrazione

19 ...E SE VOGLIO CONSULTARE DOCUMENTI AMMINISTRATIVI? La legge ti riconosce il diritto di accesso ai documenti amministrativi. L accesso può riguardare tutti i documenti amministrativi, purché siano materialmente già esistenti presso l amministrazione (non potrai quindi chiedere all amministrazione di ricercare o elaborare dati per te) e non rientrino fra le tipologie di atti espressamente escluse. Vuoi avere qualche esempio di documenti cui non puoi accedere? Eccoti accontentato... - documenti coperti da segreto per espressa previsione di legge o regolamento; - documenti relativi a procedimenti tributari; - documenti amministrativi che contengono informazioni sullo stato di salute o di carattere psico-attitudinale relative a terzi; - documenti relativi alla situazione finanziaria, economica e patrimoniale di persone, di imprese e di gruppi; - documenti concernenti la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, di persone giuridiche, di gruppi, di imprese e di associazioni (interesse epistolare, professionale, finanziario, industriale e commerciale);

20 - segnalazioni di privati, a meno che le stesse non siano state utilizzate ai fini dell attività amministrativa. Per saperne di più, puoi visitare il sito (alla voce: accesso alla documentazione amministrativa normativa), e consultare il testo integrale del Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e dei casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi (Decreto del Presidente della Provincia 5 luglio 2007, n /Leg.). Ricordati! Non tutti possono prendere visione o estrarre copia di un documento amministrativo. L accesso infatti non è consentito a chi sia solo curioso o voglia esclusivamente controllare l operato dell amministrazione: potrai quindi esercitare questo diritto solo se lo stesso è per te necessario per curare o per difendere un interesse giuridico. Quindi, prima di presentare una richiesta di accesso, è bene tu sia sicuro di possedere i requisiti necessari! Inoltre, la legge provinciale chiarisce il rapporto fra il diritto di accesso e la tutela della riservatezza, stabilendo che il primo prevale sulla seconda tutte le volte in cui sia necessario visionare o estrarre copia di documenti amministrativi al fine di difendere

21 uno o più interessi giuridici. Restano comunque oggetto di particolare tutela i dati giudiziari, i dati sensibili o i dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale di un individuo. Dove posso trovare i moduli per la richiesta di accesso a un documento amministrativo? Niente paura, troverai tutta la modulistica necessaria per esercitare il diritto di accesso all indirizzo (seguendo il percorso: ricerca moduli per argomento accesso ai documenti amministrativi istanza di accesso), oppure accedendo direttamente al sito (seguendo il percorso: accesso alla documentazione amministrativa modulistica per il cittadino)....e se l amministrazione non risponde alla mia richiesta di accesso? Ricorda che, decorsi 30 giorni dalla data in cui l amministrazione ha ricevuto la tua richiesta di accesso senza che la stessa abbia provveduto, la tua richiesta si intende rifiutata (silenzio rigetto)....e io che cosa posso fare? Non ti preoccupare! In caso di diniego (espresso o tacito) o di differimento (rinvio dell accesso ad un momento

22 successivo) da parte dell amministrazione, potrai presentare ricorso in sede giurisdizionale davanti al T.R.G.A. (Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa) di Trento oppure presentare ricorso gerarchico alla Giunta provinciale. In alternativa a quest ultimo, potrai infine rivolgerti al difensore civico, che ha il potere di sollecitare l amministrazione a riesaminare la propria decisione. E se l amministrazione non darà conferma motivata del proprio diniego o del differimento entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione da parte del difensore civico, l accesso al documento amministrativo ti dovrà essere consentito. COME POSSO DIALOGARE CON L AMMINISTRAZIONE SE ABITO FUORI CITTÁ? L amministrazione provinciale cerca di venirti incontro anche in questo caso! La legge vuole infatti intensificare e favorire lo scambio di informazioni da e verso il cittadino. Per questo la Provincia: ha potenziato gli sportelli periferici provinciali di assistenza e di informazione (dieci sportelli presenti in ogni Comprensorio o Comunità di valle), ai quali ci si può rivolgere per ottenere:

23 ASSISTENZA nella comprensione delle leggi, disposizioni normative ed amministrative della Provincia riguardanti le autorizzazioni, le concessioni, l'erogazione di servizi, gli incentivi, le provvidenze ed i finanziamenti; COLLABORAZIONE nella corretta compilazione della modulistica e delle domande attinenti le singole procedure amministrative; ACCETTAZIONE di richieste di autorizzazione, concessione, di domande di agevolazioni, incentivi, o servizi con rilascio di ricevuta. É compito dell'operatore far pervenire le richieste e le domande all ufficio provinciale competente, evitando così spostamenti e disagi al cittadino; NOTIZIE sull iter e sull esito delle richieste ed istanze inoltrate alla Provincia autonoma di Trento; INFORMAZIONI sulle attività e sul funzionamento della Provincia Autonoma di Trento; sta lavorando per rendere ancora più efficienti e funzionali le strutture periferiche provinciali, allo scopo di renderle all altezza del compito e delle funzioni loro assegnate

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa. L autocertificazione: istruzioni per l uso

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa. L autocertificazione: istruzioni per l uso PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Semplificazione amministrativa L autocertificazione: istruzioni per l uso Cos è l autocertificazione? L autocertificazione è uno strumento di semplificazione amministrativa

Dettagli

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizioni CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II MODALITÀ DI ACCESSO Art. 3 Responsabile del

Dettagli

Principi e regole fondamentali

Principi e regole fondamentali CITTÀ DI SANT AGATA DE GOTI (PROVINCIA DI BENEVENTO) III SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI UFFICIO AUTENTICHE Autocertificazione Più facile il rapporto con la Pubblica Amministrazione La vita amministrativa

Dettagli

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE COSA SI INTENDE PER AUTOCERTIFICAZIONE Con questo termine si intende un insieme di istituti i quali consentono al cittadino di sostituire la certificazione della pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 20/03/2013 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI SULL ESERCIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n. 27 del 27/11/2010 COMUNE DI QUARGNENTO (Alessandria) REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato

Dettagli

SETTORE NOTARILE. Il settore riceve il pubblico esclusivamente per appuntamento.

SETTORE NOTARILE. Il settore riceve il pubblico esclusivamente per appuntamento. SETTORE NOTARILE L Ufficio Notarile del Consolato è deputato a ricevere gli atti tra vivi e quelli di ultima volontà, a curare il loro deposito ed a rilasciarne copie ed estratti. Il servizio notarile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE

CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE 1. Premessa. A partire dal 01 gennaio 2012, a seguito dell entrata in vigore della Lg. 183/2011 ( Finanziaria 2012) è stata profondamente modificata la norma

Dettagli

il Direttore generale della Giustizia civile

il Direttore generale della Giustizia civile Circolare 13 giugno 2011 - Attività di tenuta del registro degli organismi di mediazione e dell'elenco degli enti di formazione. Indicazioni sull'applicabilità della disciplina del silenzio assenso 13

Dettagli

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N.

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. 2/R discipllinareaccessoatti 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PER IL DIRITTO DI ACCESSO

REGOLAMENTO DELL A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PER IL DIRITTO DI ACCESSO \ REGOLAMENTO DELL A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PER IL DIRITTO DI ACCESSO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI E DISPOSIZIONI OGGETTO DEL REGOLAMENTO SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI ACCESSO DEFINIZIONI

Dettagli

Breve guida all autocertificazione

Breve guida all autocertificazione Breve guida all autocertificazione Cos'è Si può utilizzare per Non si può utilizzare se Come si fa Costi Validità temporale Cittadini non italiani Copie autentiche Documenti di identità Dichiarazioni non

Dettagli

fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990:

fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990: Il silenzio fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990: ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad una istanza, ovvero debba essere iniziato d'ufficio, la pubblica amministrazione ha il dovere

Dettagli

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità e principi 1. II presente regolamento disciplina il diritto di accesso a documenti formati o stabilmente

Dettagli

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso?

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso? 1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? L accesso alla documentazione amministrativa costituisce uno degli strumenti di attuazione del principio di trasparenza nell attività della pubblica amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E PER LA TUTELA DEI DATI SENSIBILI approvato con deliberazione C.P. n. 88 del 26.10.2001

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi FONDAZIONE ENPAM Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Capo I Art. 1 - Finalità Art. 2 - Principi ed ambito di applicazione Art. 3

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo R. FUSARI Via A. De Gasperi, 30 26823 Castiglione d Adda (LO) - Tel. 0377900482-0377401884 Fax 0377901508 www.iccastiglione.gov.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ALLEGATO 2) REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ex artt. 22 e seguenti L. 241/90 e s.i.m. INDICE TITOLO I Disposizioni Generali 1 Oggetto pag. 4 2 Nozione ed ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Legge n. 241/1990 come modificata dalla Legge 11.02.2005

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti, ai sensi della legge 7 agosto 1990, n 241 e successive modifiche e integrazioni. Il Consiglio Nazionale dei

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI I S T I T U T O S T A T A L E C O M P R E N S I V O G. L a n f r a n c o 6 1 0 1 1 - G A B I C C E M A R E ( P U ) S c u o l e d e l l i n f a n z i a s t a t a l e / p a r i f i c a t a e p r i m a r

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1. Oggetto 1- Il presente regolamento disciplina il diritto di accesso ai documenti amministrativi dell Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione.

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Il silenzio dell Amministrazione potrebbe essere la spia di un mal funzionamento della stessa, alla luce della

Dettagli

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI...

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI... COMUNE V I B O N A T I PROVINCIA SALERNO R E G O L A M E N TO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE ( AGGIORNATO ALLA LEGGE 69/2009 E S.M. APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 38 DEL29.12.2010)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Ai Signori Consiglieri Nazionali Al Signor Presidente EPPI Alle Organizzazioni di Categoria LORO

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso e accesso civico Approvato con Deliberazione Commissariale n. 15 del 18/dicembre/2013

Regolamento sul diritto di accesso e accesso civico Approvato con Deliberazione Commissariale n. 15 del 18/dicembre/2013 Regolamento sul diritto di accesso e accesso civico Approvato con Deliberazione Commissariale n. 15 del 18/dicembre/2013 CAPO I Disposizioni preliminari Art. 1 Principi L accesso ai documenti amministrativi

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 Incentivi all'occupazione ANNO 2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi REGOLAMENTO INTEGRATIVO per l esercizio del diritto di accesso ai documenti formati o detenuti dall

Dettagli

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3 CAPO II Semplificazione della regolamentazione ART. 3 Semplificazione amministrativa 1. L'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio d Istituto del 17 giugno 2014 del. n. 47 Premessa L'accesso agli atti amministrativi è un diritto previsto dalla Legge 241/90 (modificata

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI DEL COMUNE

GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI DEL COMUNE Comune di CORTEOLONA Provincia di PAVIA 27014 Corteolona (PV) Via Garibaldi, 8 www.comune.corteolona.pv.it Tel. 0382 70024 Fax. 0382 71519 E-mail demografici@comune.corteolona.pv.it GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA ART. 1) Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità per la formazione, la tenuta

Dettagli

C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA

C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA C O M U N E DI S O L E S I N O UFFICIO DI SEGRETERIA c.a.p. 35047 Tel. (0429) 771611 Codice fiscale: 82005010283 Fax (0429) 709564 e-mail: info@comunesolesino.it Indirizzo: Via 28 Aprile, 3 REGOLAMENTO

Dettagli

SSM S.p.A. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

SSM S.p.A. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI SSM S.p.A. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ARTICOLO 1: NATURA DEL PRESENTE REGOLAMENTO Il presente Regolamento costituisce provvedimento generale organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Autocertificazione resa ai sensi della normativa vigente in materia di autocertificazioni

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

C O M U N E DI C A M P A G N A

C O M U N E DI C A M P A G N A C O M U N E DI C A M P A G N A PROVINCIA DI SALERNO UFFICIO INVALIDI CIVILI GUIDA ALLE PRESENTAZIONI RELATIVE ALL INVALIDITA CIVILE 1 INDICE - PRESENTAZIONE 1)- INVALIDITA CIVILE 2)-PROCEDIMENTO 3)-MODALITA

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 01.07.

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 01.07. MILANO REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO ALLE INFORMAZIONI, AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con Delibera di C.C. n 72 del 007.2002 Pagina 1 Articolo 1 Fonti e finalità Il presente regolamento

Dettagli

la scia nella polizia amministrativa

la scia nella polizia amministrativa Mar c o Ma s s a v e l l i la scia nella polizia amministrativa Normativa, prassi e procedure operative e sanzionatorie Aggiornato al D.L. n. 133/2014 convertito con Legge n. 164/2014 (c.d. Sblocca Italia

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI, ALLE INFORMAZIONI, AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI, ALLE INFORMAZIONI, AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI, ALLE INFORMAZIONI, AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 413 in

Dettagli

COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni)

COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni) COMUNE DI FABRO (Prov. di Terni) Approvato con deliberazione di C.C. n. 29 del 05.07.2010 1 Art. 1: Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina lo svolgimento dei procedimenti amministrativi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università e Ricerca, Lavoro BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO SCOLASTICO PER L ANNO SCOLASTICO 2013-2014 La Provincia di Reggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

100 POSTI RISERVATI - SCUOLA PRIMARIA

100 POSTI RISERVATI - SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO Dichiarazione sostitutiva di certificazioni/dell atto di notorietà (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) 100 POSTI RISERVATI - SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

DECERTIFICAZIONE MISURE ORGANIZZATIVE RELATIVE AL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PER L ACCERTAMENTO E LA TRASMISSIONE DEI DATI EX LEGGE

DECERTIFICAZIONE MISURE ORGANIZZATIVE RELATIVE AL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PER L ACCERTAMENTO E LA TRASMISSIONE DEI DATI EX LEGGE Ufficio per l'accertamento e la trasmissione dei dati DECERTIFICAZIONE MISURE ORGANIZZATIVE RELATIVE AL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO PER L ACCERTAMENTO E LA TRASMISSIONE DEI DATI EX LEGGE 183/2011 A partire

Dettagli

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Dicembre 2009 TITOLO I DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E CONTESTUALE AUTOCERTIFICAZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E CONTESTUALE AUTOCERTIFICAZIONE (Bollo Euro 16,00) DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E CONTESTUALE AUTOCERTIFICAZIONE ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI A S C O L I P I C E N

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Dichiarazioni sostitutive di certificazione (DSC)

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Dichiarazioni sostitutive di certificazione (DSC) REGOLAMENTO AZIENDALE IN MATERIA DI DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONE (AUTOCERTIFICAZIONI) E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETA (AUTODICHIARAZIONI) AI SENSI DEL D.P.R. n. 445/00 e

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera di C.C. n. 42 del 26 aprile 2010 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento. Garanzia del diritto

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI,

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER L'ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 4 ISTRUTTORI DIRETTIVI AMMINISTRATIVI DA IMPIEGARE PRESSO IL SERVIZIO POLITICHE DEL LAVORO La risposta corretta è quella evidenziata

Dettagli

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243.

Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. A tutto il personale SEDE Oggetto: Certificazione del diritto alla prestazione pensionistica ai sensi dell art.1, comma 3, della Legge 23 agosto 2004, n.243. La legge n.243/04, di riforma delle pensioni,

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE AZIENDE AGRICOLE PER L ACQUISTO DI ATTREZZATURE, FINALIZZATE ALLA QUALIFICAZIONE E ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI. Del. C.P. 72/04) ART.

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163 del D.Lgs del 31 marzo 1998, n 112 art. 19 L.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163 del D.Lgs del 31 marzo 1998, n 112 art. 19 L. Spazio per timbro di protocollo AL SIG. SINDACO del Comune di BARBARANO VICENTINO Ufficio Commercio - Polizia Amministrativa DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Apertura nuova Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per le attività

Dettagli

CITTA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

CITTA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO CITTA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO DI INFORMAZIONE E DI ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 4 del 04/02/2011 In vigore

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Gorizia DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO(1) Il sottoscritto/a nato/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. codice

Dettagli

AOG N. 3 DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO

AOG N. 3 DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AOG N. 3 DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO 2 AOG n. 3 * DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO TITOLO I DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007.

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 7 Roma, 5 febbraio 2008 Al Ai Dirigente Generale Vicario Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27/06/2014 Circolare n. 81 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 17 marzo 2003 OGGETTO: IVA. Rette scolastiche delle scuole di lingua straniera gestite da soggetti comunitari ed extra-comunitari. Art.

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda.

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda. LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IN 13 DOMANDE OVVERO I FONDI PENSIONE DALL 1.1.2007 NELLE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI **** 1. Cosa succederà del mio TFR maturato sino al 31.12.2006? La Riforma entra in

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

. 3 posti di Collaboratore professionale sanitario INFERMIERE, cat. D

. 3 posti di Collaboratore professionale sanitario INFERMIERE, cat. D ..l.. sottoscritt... Al DIRETTORE GENERALE dell IRCCS Centro di Riferimento Oncologico Via Franco Gallini, 2-33081 AVIANO PN C H I E D E di essere ammess... al concorso pubblico per titoli ed esami a n.

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47661 /A.E.P. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LA DIFFUSIONE DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Presentazione Il presente bando disciplina le procedure per la presentazione

Dettagli

chiede La denominazione dell agenzia sarà: (in via principale) (4)... (in via subordinata, in ordine di preferenza)...

chiede La denominazione dell agenzia sarà: (in via principale) (4)... (in via subordinata, in ordine di preferenza)... Marca da bollo 14,62 LEGGE REGIONALE 4 NOVEMBRE 2002, N. 33, ART. 65: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA DI UNA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO NEL COMUNE DI CAP, VIA/PIAZZA, N. Alla Provincia di Verona

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

Disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive

Disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive Disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive Dal 1 gennaio 2012, con l'entrata in vigore delle disposizioni della Legge 183/12.11.2011 (cosi detta legge di stabilità 2012) le certificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

Regolamento. per l esercizio del diritto d accesso all informazione. ambientale

Regolamento. per l esercizio del diritto d accesso all informazione. ambientale ALLEGATO N.1 ALLA DISPOSIZIONE COMMISSARIALE N. 436/09 Regolamento per l esercizio del diritto d accesso all informazione ambientale INDICE Articolo 1 Oggetto Articolo 2 - Finalità Articolo 3 Ambito d

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY

PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E PRIVACY (AGGIORNATO AL PROVVEDIMENTO DEL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI N. 243 DEL 15/05/2014) Aggiornamento: 20 giugno 2014 Sommario PREMESSA...3 PUBBLICAZIONI

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione della sede della filiale di agenzia di viaggi Allo Sportello

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.. 1 - Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 - Finalità degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con delibera del C. P. n. 65 del 18 giugno 2007) INDICE 1. Fonti e finalità 2. Definizione di documento

Dettagli