Consultazione pubblica sulla riforma della Pubblica Amministrazione. Contributo di Confindustria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consultazione pubblica sulla riforma della Pubblica Amministrazione. Contributo di Confindustria"

Transcript

1 Consultazione pubblica sulla riforma della Pubblica Amministrazione Contributo di Confindustria Premessa Il 30 aprile scorso il Governo ha sottoposto a consultazione pubblica alcune linee generali di riforma della pubblica amministrazione, con l obiettivo di rafforzare la competitività dell Italia. In particolare, le azioni ipotizzate dal Governo si sviluppano lungo tre direttrici: i) capitale umano; ii) tagli alle strutture non necessarie; iii) innovazione e semplificazione. Confindustria condivide l impostazione complessiva dell iniziativa, nonché l approccio organico nei confronti dei problemi della PA. Si tratta, infatti, di un processo ambizioso di riorganizzazione ed efficientamento, che coinvolge sia l organizzazione della macchina amministrativa che i procedimenti di interesse per le imprese. In particolare, è positivo il legame tra semplificazione, riforma della PA e digitalizzazione dei servizi, in quanto gli interventi sui procedimenti amministrativi non possono prescindere da azioni volte a incidere sulle performance degli uffici e a dematerializzare le pratiche burocratiche. Inoltre, appare condivisibile la volontà del Governo di accelerare l attuazione di alcune semplificazioni (fisco, edilizia e ambiente ) e di procedere speditamente alla riduzione del perimetro pubblico (società partecipate, accorpamento e soppressione di enti). Di seguito, alcune considerazioni sulle proposte formulate dal Governo. 1. Organizzazione della macchina amministrativa 1.1 L organizzazione del personale Confindustria guarda con interesse al tema del personale della PA, considerata la forte connessione tra l organizzazione interna della macchina amministrativa e la crescita economica del Paese. Questa connessione può essere spiegata sotto due diverse prospettive. In una prima prospettiva, questi aspetti incidono in misura importante sulla spesa pubblica corrente. La loro adeguata gestione, dunque, potrebbe contribuire a ridurre il carico fiscale o la misura del debito con i quali la spesa viene finanziata. In ogni caso, se anche non si volesse

2 ragionare in termini di finanza pubblica, le risorse assorbite in modo inefficiente potrebbero essere indirizzate a fini più proficui. In una seconda prospettiva, il personale e, in particolare, la dirigenza rappresenta il punto di snodo tra la legge o la decisione politica e la sua attuazione concreta. Il tema, dunque, ha un incidenza molto forte sulla vita dell impresa. Non solo le decisioni politiche passano attraverso la cinghia di trasmissione della dirigenza e del personale, ma dirigenza e personale sono titolari di prerogative amministrative proprie che tradizionalmente incidono sull accesso e sull'operatività dell impresa nel mercato. La connessione tra efficienza dell organizzazione interna della PA e crescita economica assume una centralità ancor più marcata in tempi di spending review, cioè in tempi in cui le condizioni critiche della finanza pubblica impongono di trovare idee per la crescita senza risorse. Le risorse vanno dunque recuperate da processi di riqualificazione della spesa o, comunque, attraverso una razionalizzazione dell organizzazione pubblica che consenta di assecondare al meglio le energie del mercato con un approccio cooperativo e senza ostruzionismi. Una riforma dell organizzazione della PA è necessaria anche come fattore di tenuta complessiva del sistema democratico. Il tema si colloca nel quadro più generale della crisi di legittimazione degli istituti democratici, che risiede nell inadeguatezza dei poteri pubblici a soddisfare le esigenze della collettività. Tale crisi investe trasversalmente ogni potere dello Stato. I poteri pubblici non sono più visti nella funzione servente per cui sono nati, ma ormai in una dimensione avversativa e conflittuale: più nemici che alleati. Il legislatore legifera male e in modo incomprensibile, le pubbliche amministrazioni ostacolano le imprese e i cittadini e la giustizia non funziona come presidio dei diritti e delle libertà dei singoli. Con riferimento agli obiettivi generali del processo di riforma della PA, il tema principale è senz altro quello della dirigenza. Confindustria condivide le proposte che sono emerse nel dibattito più recente e che vanno nelle seguenti direzioni: qualificare le competenze della dirigenza, sia sul versante tecnico-specialistico che su quello manageriale, anche puntando sulle esperienze e conoscenze maturate all'estero; rafforzare l orientamento e la responsabilità sull attuazione delle politiche e la produzione del risultato; rendere più flessibile l organizzazione e la gestione del personale secondo logiche tendenzialmente privatistiche e con i soli correttivi indispensabili per assicurare il rispetto dei principi cardine del nostro ordinamento, come quello di imparzialità; valorizzare i meriti individuali e il contributo al miglioramento delle strutture gestite; creare un contesto adeguato all esercizio delle responsabilità manageriali proprie di ogni dirigente, sia in termini di autonomia e responsabilità delle decisioni, sia in termini di chiarezza e semplicità degli obblighi; favorire l accesso di giovani risorse con alto potenziale e selezionate secondo criteri in grado di cogliere la reale propensione e le capacità che richiedono le nuove esigenze manageriali. In merito agli obiettivi più specifici di policy, occorre affiancare agli obiettivi quantitativi tradizionali (riduzione dei dirigenti in servizio, massiccio turn-over nell arco di 10 anni, riduzione dell età media, ecc.), obiettivi qualitativi che mirino a: bilanciare i dirigenti laureati nelle diverse discipline (g iurisprudenza, economia, scienze politiche, ecc.); 2

3 imporre una percentuale (almeno il 50%) di dirigenti con il possesso di un qualificato titolo post-laurea; imporre una percentuale (almeno il 50%) di dirigenti con esperienza internazionale e/o nel settore privato; valorizzare l esperienza conseguita in altri ministeri, nelle regioni e negli enti locali o nel settore privato. La necessità di un impatto quantitativo forte si giustifica per il fatto che piccole dosi di nuove immissioni - per quanto qualificate - non riuscirebbero a sortire quello shock virtuoso che auspichiamo. La riforma deve poi perseguire un approccio incentivante all utilizzo delle nuove metodologie gestionali, piuttosto che quello alla costrizione secondo regole predefinite e omogenee. Su questo è bene essere realistici: un efficace sistema di incentivazione richiede risorse cospicue e controlli severi, anche perché l ambito in questione è contraddistinto da resistenze e opportunismi radicati. È bene, dunque, che gli incentivi viaggino insieme a efficaci sanzioni deterrenti. La realizzazione concreta degli obiettivi indicati passa attraverso una serie di interventi integrati che vanno a incidere sugli aspetti più qualificanti del rapporto tra dirigenti e PA, dal sistema di reclutamento fino alla risoluzione del rapporto. Con riferimento al sistema di inquadramento, è necessario superare le due distinte fasce a favore di quella unica. A ciò si deve aggiungere la temporaneità degli incarichi e la valorizzazione della retribuzione di posizione. Questo sistema potrebbe garantire una maggiore flessibilità nell impiego della dirigenza e persegue sia l interesse delle amministrazioni, che possono modificare più facilmente la loro organizzazione, sia l interesse dei singoli, i quali possono confidare in un meccanismo più dinamico e aperto alle migliori competenze. In tal modo si può evitare con maggiore efficacia il verificarsi di posizioni di rendita e di cristallizzazione della burocrazia, favorendo una dinamicità virtuosa e quindi il merito. È naturale che proposte di questo tipo possono determinare gli effetti sperati in un quadro di risorse economiche adeguate. Un altro profilo fondamentale riguarda la selezione per i nuovi inserimenti. L attuale sistema non è in grado di testare in modo adeguato le competenze di tipo manageriale e comportamentale che sono richieste per l esercizio evoluto del ruolo dirigenziale. La preparazione ai concorsi ha carattere nozionistico e giuridico-contabile e incentiva fenomeni di professionismo del concorso. Questo limite può essere superato prendendo come punto di riferimento le esperienze sovranazionali e, in particolare, quella europea. Nel 2010, l ESPO ha superato il precedente modello di concorso classico a favore di un meccanismo più pragmatico, che testa effettivamente le attitudini e le competenze manageriali e comportamentali. Un ulteriore problema a valle della selezione riguarda il regime giuridico applicabile al dirigente. Il ricorso al contratto a tempo indeterminato va ripensato, perché l utilizzo esteso di questo strumento irrigidisce la struttura organizzativa e rallenta il ricambio di persone e competenze. Un riequilibrio sarebbe auspicabile per ragioni organizzative e per garantire una maggiore 3

4 efficacia nella trasmissione delle scelte politiche in azioni concrete. È noto, infatti, che burocrazie troppo cristallizzate finiscono per rallentare l attuazione delle agende politiche. Serve, comunque, equilibrio, perché in molte occasioni il problema non sono le burocrazie, ma al contrario un eccessiva invasività della politica, che aspira a gestire l interesse pubblico secondo logiche parziali e contrarie al buon andamento. Un altro profilo decisivo è il sistema di valutazione. In questo ambito c è un gap di attuazione, ovvero un distacco tra quanto già scritto nelle norme esistenti e quanto effettivamente realizzato. Si pensi alla riforma Brunetta del Per quanto migliorabile, il suo punto dolente è l attuazione. Si sono registrate situazioni limite, nelle quali non sono stati adottati efficaci criteri e parametri di giudizio o, comunque, sono state realizzate forme di verifica del tutto insoddisfacenti, quanto ai loro effetti concreti sia sul versante premiale che su quello punitivo nei confronti dei soggetti valutati. Questo per dire che, invece di rivoluzionare nuovamente il sistema di valutazione, andrebbero anzitutto applicate le norme esistenti, agendo sui comportamenti. A partire dalla politica, che ha visto sempre con ritrosia il suo dovere di definire criteri certi e obiettivi di valutazione dei dirigenti e valutarli di conseguenza. Bisognerebbe comunque migliorare e ampliare il sistema di valutazione, andando al di là della valutazione individuale e includendo anche le performance delle singole unità organizzative. Sotto altro profilo, la riforma dell organizzazione della PA implica necessariamente processi di ristrutturazione del personale. Riteniamo che ciò debba avvenire nell ambito di una visione coerente degli strumenti a disposizione del settore pubblico e di quello privato. Anche quest ultimo, caratterizzato da una legislazione spesso rigida che ha ingessato la flessibilità organizzativa, deve affrontare costosi processi di ricambio generazionale, necessari per orientare i processi industriali in funzione della crescita. In questa ottica, va valutata con attenzione la scelta ipotizzata di disegnare per il solo settore pubblico norme ad hoc per poter derogare alle regole sui requisiti minimi per il pensionamento previsti dalla riforma Fornero. Il sistema pensionistico pubblico è stato riformato, uniformando regole e enti di gestione tra lavoratori pubblici e privati. Inoltre, poiché rivedere alcune regole della fase transitoria della riforma Fornero ha un costo per il sistema pensionistico, solo attendendosi al vincolo di tenere insieme tutti gli aspetti rilevanti si può evitare di addossare al sistema costi eccessivi e squilibrati. Pertanto, se sono da condividere le istanze di ricambio generazionale che sono alla base delle proposte ipotizzate dal Governo, è in parallelo auspicabile una rivisitazione complessiva e unitaria della fase transitoria della riforma Fornero. 1.2 La riorganizzazione degli apparati pubblici Il tema della riorganizzazione degli apparati pubblici è stato già posto da Confindustria all attenzione del Parlamento e del Governo in occasione del dibattito, ancora in corso, sulle riforme istituzionali. Non è infatti possibile ridare efficienza alla PA se non si interviene in modo incisivo sulla frammentazione del sistema. La nostra macchina amministrativa è elefantiaca e le competenze polverizzate in un assetto organizzativo ormai fuori controllo. L effetto è di una costante 4

5 sovrapposizione di ruoli e competenze, che finisce per moltiplicare all infinito i passaggi, ritardando il momento della decisione. L impressione generale che si ha osservando la platea di attori pubblici è che si sia perso di vista l insegnamento di Massimo Severo Giannini, secondo cui in principio sono le funzioni. Il numero di enti pubblici prolifera senza criteri razionali e negli stessi enti pubblici le varie ramificazioni non rispondono spesso ad una esigenza di efficienza. In questa sede non si vuole porre il tema della riduzione dei livelli di governo e della conseguente riallocazione delle funzioni amministrative, che va affrontato a livello costituzionale. Esistono, tuttavia, altre questioni che meritano attenzione. Da un lato, esistono enti pubblici o semi-pubblici superflui o, in altri casi, enti pubblici organizzati in modo inefficiente per territorio o per funzioni. Dall altro lato, bisogna evitare di farsi suggestionare - per ragioni di contenimento degli oneri economici - da scorciatoie inutili, che non vanno al cuore dei problemi: ancora una volta la corretta organizzazione delle funzioni amministrative. Confindustria ritiene che il processo di riorganizzazione della PA deve comunque rispondere a uno schema coerente, che: parta dalle funzioni amministrative effettivamente necessarie e organizzi di conseguenza il numero degli enti pubblici e la loro ramificazione territoriale, secondo i principi di efficienza, efficacia ed economicità; consenta l adozione di decisioni tempestive, evitando il continuo rimpallo di responsabilità tra amministrazioni e la stagnazione dei procedimenti; riduca drasticamente il numero di enti, società e altri soggetti strumentali a vario titolo costituiti da Regioni ed Enti locali, che spesso duplicano le funzioni e costituiscono fonti di sprechi e di fenomeni corruttivi. A quest ultimo riguardo, solo una responsabile presa di coscienza, soprattutto in occasione di consultazioni ambiziose come quella in corso, può consentire di conseguire risultati concreti in ordine alla riduzione del perimetro pubblico. Di seguito si svolgono alcune considerazioni su profili di respiro più generale che incidono sul perimetro dell azione pubblica e sul governo del sistema economico Società pubbliche Secondo i dati elaborati dal nostro Centro Studi, le amministrazioni pubbliche centrali e locali detengono quote in organismi. Con oneri per i contribuenti che nel 2012 erano di 22,7 miliardi. Il 63,9% di queste non produce servizi pubblici. Con oneri complessivi per 12,8 miliardi. Molte società, dunque, non sono strettamente connesse al perseguimento di interessi pubblici, ma operano sul libero mercato invadendo spazi impropri. Altre società, pur essendo correlate al perseguimento di interessi pubblici, sono comunque inefficienti e sistematicamente in perdita. Assorbono, dunque, senza ragione risorse pubbliche che potrebbero essere utilizzate in ambiti più funzionali alla crescita economica. 5

6 È urgente un riassetto delle partecipazioni pubbliche. Si tratta di un passaggio necessario al duplice fine di recuperare risorse per ridurre il carico fiscale e il debito pubblico e di liberare il mercato dalla presenza impropria dello Stato a scapito dell efficienza e della concorrenza. L utilizzo dello strumento societario è divenuto una fonte di abuso sempre più diffusa, che rende possibili vantaggi anticoncorrenziali e, soprattutto, consente di eludere i vincoli pubblicistici: quelli di finanza pubblica, anzitutto, ma anche quelli inerenti al reclutamento del personale e all acquisto di beni e servizi. Sono dunque necessarie misure severe ed efficaci per un attacco deciso ai confini dell intervento pubblico. A tal fine, occorre andare al di là delle norme che negli ultimi anni hanno irrigidito l organizzazione delle società pubbliche (si pensi alle disposizioni che riducono il numero degli amministratori e i loro compensi o quelle che obbligano al rispetto delle procedure ad evidenza pubblica) e realizzare, invece, un ben più radicale riassetto. Non ci si deve porre solo il problema di come le PA debbano utilizzare la forma societaria. Si deve a monte mettere in discussione l opportunità stessa che esse conservino queste partecipazioni. Si è provato negli ultimi tempi ad arginare il fenomeno, ma con disposizioni inefficaci e di fatto inattuate o, ancor peggio, con norme contraddittorie. Purtroppo la legge di stabilità 2014 (legge n. 147/2013) non ha mostrato una chiara discontinuità, finendo anzi per indebolire i presidi legislativi rigoristici degli ultimi anni. È necessario dunque emanciparsi da una visione contingente, mettere al centro l efficienza e trarre da questo principio le conseguenti scelte di politica legislativa. Non è un operazione indolore. Occorre coraggio politico e visione, ma gli strumenti non mancano. Basti pensare, e questo dà l idea di quanto il fenomeno sia fuori controllo, che solo vietando i ripiani delle perdite maturate dalle società che abbiano chiuso gli ultimi tre esercizi in passivo sarebbe possibile risparmiare circa 1,8 miliardi di euro. Risorse che potrebbero essere investite molto più proficuamente per la crescita Riordino delle Autorità Amministrative Indipendenti Nel nostro Paese le Autorità Amministrative Indipendenti (AAI) sono sorte in assenza di un disegno unitario ed organico. L origine e la diffusione del modello delle AAI è da ricondurre a una serie di fattori: in primo luogo, l esigenza di tutelare nuovi interessi sensibili (es. la concorrenza, il risparmio), che né l apparato amministrativo tradizionale, né la magistratura erano in grado di gestire e che richiedevano interventi di regolazione e vigilanza neutrali e caratterizzati da notevole specializzazione tecnica; il processo di integrazione europea, che ha imposto di individuare, in ciascuno Stato membro, Autorità indipendenti dai rispettivi apparati governativi per l attuazione delle regole comuni (sono nate così l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e il Garante per la Protezione dei Dati Personali); i processi di liberalizzazione e privatizzazione degli anni 90. Infatti, per evitare che il passaggio da un controllo pubblico diretto del mercato a un controllo indiretto si traducesse 6

7 in un abbassamento dei livelli di tutela della concorrenza e dei consumatori, i compiti di regolazione e vigilanza in questi settori sono stati attribuiti a soggetti indipendenti dall esecutivo. L attività svolta dalle AAI e i risultati raggiunti in questi anni hanno dimostrato l utilità del modello. Tuttavia, non sono mancati eccessi nel suo utilizzo, che hanno portato a una proliferazione delle AAI, con conseguente moltiplicazione del numero degli organismi, disomogeneità tra gli stessi, ma anche sovrapposizioni di competenze, eccesso di regolamentazione e carenze nei controlli. L esperienza di questi anni ha poi mostrato una serie di limiti in termini di indipendenza, funzionamento, accountability e modalità di finanziamento delle AAI, cui occorre porre rimedio. In altre parole, le Autorità sono troppe, le modalità di funzionamento e nomina dei componenti disomogenee, non è sempre chiaro chi fa cosa e i costi di questo sistema gravano soprattutto sulle imprese. Confindustria condivide l idea di riorganizzare il sistema delle Autorità Amministrative Indipendenti. È, infatti, necessaria una generale opera di riordino delle AAI, che passi attraverso l individuazione di una serie di principi comuni applicabili a tutte le Authorities, l affermazione della piena indipendenza rispetto al potere esecutivo e una seria razionalizzazione. Occorre innanzitutto ridurre il numero delle AAI, ad esempio istituendo Autorità multisettoriali. Ciò renderebbe le AAI più efficienti e ridurrebbe anche i rischi di cattura da parte dei soggetti regolati o vigilati, rischi cui sono maggiormente esposte le Autorità più piccole. In Europa vi sono già dei precedenti in tal senso: nel Regno Unito, l Independent regulator and competition authority for the UK communications industries (OFCOM) riassume sia le competenze regolamentari sia quelle antitrust, più rilevanti, per il settore delle comunicazioni elettroniche. In Spagna, nel 2013, è stata creata la Comisión Nacional de los Mercados y la Competencia (CNMC), che è un Autorità Amministrativa Indipendente con competenze, regolamentari e antitrust, nei settori delle comunicazioni elettroniche, energia elettrica e gas, poste, audiovisivo, aeroporti e ferrovie. Vanno poi uniformate le regole di governance e di funzionamento delle stesse. Affinché il modello funzioni, infatti, è necessario che le Autorità non subiscano condizionamenti dal mondo politico e dalle imprese che operano nei mercati regolati. L indipendenza può essere perseguita attraverso molteplici strumenti, tra cui le modalità di nomina dei componenti e la predeterminazione di criteri precisi di elevata professionalità per l assunzione dell incarico. Fortemente correlato al tema dell indipendenza è anche quello del finanziamento delle AAI. Nell ultimi anni il sistema di finanziamento è stato oggetto di numerose modifiche che hanno portato a una progressiva riduzione dei contributi a carico del bilancio dello Stato e all aumento della quota a carico del mercato. In particolare, quest ultimo modello, adatto per le Autorità di regolazione e vigilanza settoriale (es. la Consob), è stato esteso anche alle AAI che hanno competenze trasversali (es. l Autorità Garante della Concorrenza). In tal modo si è posto carico delle imprese il finanziamento di attività che vanno a vantaggio dell intera collettività. Infine, in tempi di spending review, è fondamentale il controllo sulla gestione finanziaria delle Autorità e la loro accountability, così da assicurare efficienza e una chiara percezione da parte di cittadini e imprese della qualità e dell importanza delle attività che esse svolgono. 7

8 1.2.3 Razionalizzazione delle Autorità Portuali Confindustria condivide la proposta di razionalizzare il sistema delle Autorità Portuali. Infatti, il numero di tali Autorità è eccessivo ed alcune di esse non hanno una gestione efficiente. Tuttavia, tale processo di razionalizzazione non deve realizzarsi mediante tagli lineari, ma attraverso un disegno generale di riforma della portualità per rilanciarne efficienza e competitività. Ciò anche in linea con le recenti indicazioni della Commissione europea contenute nelle "Raccomandazioni del Consiglio europeo sul programma nazionale di riforma 2014 dell Italia" del 2 giugno scorso Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Confindustria non condivide la proposta di eliminare l obbligo di iscrizione delle imprese alle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA). Tale misura, infatti, trasformerebbe le CCIAA in soggetti ad adesione volontaria, mettendole in concorrenza con il ruolo e le attività tipiche delle associazioni di rappresentanza imprenditoriale. È fondamentale mantenere separata la funzione propria delle associazioni ad iscrizione volontaria da quella delle CCIAA, intese come enti pubblici che perseguono obiettivi di interesse generale su ambiti specifici e ben delimitati. Peraltro, la facoltatività dell iscrizione alle Camere svuoterebbe la funzione del Registro imprese, che si concretizza in una certificazione qualificata di informazioni necessarie per operare in maniera accreditata nei mercati nazionali e internazionali. Quanto al piano organizzativo, la misura proposta non incide sulle inefficienze del sistema camerale, costituito oltre che dalle 105 Camere provinciali anche dall apparato di aziende speciali (molte delle quali in perd ita) e strutture pubbliche collegate. Questo sistema assorbe risorse ingenti, provoca distorsioni concorrenziali a danno dei privati, genera frammentazioni e duplicazioni di ruoli con altri enti pubblici di promozione del territorio e provoca un contenzioso oneroso per la formazione della governance. La razionalizzazione del sistema camerale, invece, deve essere perseguita attraverso una riforma profonda, che incida su tutti i profili strutturali e risolva i problemi connessi al contenimento dei costi, all allocazione delle funzioni e alla governance degli enti camerali. Sul tema, Confindustria ha già avviato un confronto con il Governo, al quale ha inviato un pacchetto di misure volte all'efficientamento del sistema delle Camere di Commercio. 2. Semplificazioni di carattere generale 2.1 La governance della semplificazione La riforma dell organizzazione di per sé non basta per migliorare il rapporto tra privati e PA. Uno dei pilastri fondanti del processo di riforma deve essere proprio la semplificazione del rapporto amministrativo. Aspetto, quest ultimo, che è rimasto troppo sullo sfondo nella consultazione, ma che Confindustria auspica possa divenire uno dei tratti più qualificanti del processo riformatore. 8

9 Un efficace strategia di semplificazione richiede una governance stabile e autorevole, che ne assicuri la coerenza e la concreta attuazione da parte delle varie strutture amministrative (contro)interessate. Ciò comporta, sul piano politico, la necessità di concentrare su un unico Ministro il ruolo di impulso e coordinamento delle attività di semplificazione e attribuire alla Consiglio dei Ministri la verifica periodica dell attuazione delle misure adottate e la responsabilizzazione dei singoli Ministri. Sul piano organizzativo, occorre superare la frammentazione e la precarietà degli uffici impegnati nelle attività di semplificazione, valorizzando l esperienza acquisita dal Dipartimento della funzione pubblica e rafforzando le professionalità dedicate. Questa nuova governance andrebbe poi accompagnata dalla previsione di strumenti di concertazione (es. cabina di regia), che garantiscano la realizzazione delle politiche di semplificazione a tutti i livelli di governo (Stato, Regioni ed Enti locali). 2.2 ICT e Agenda Digitale Il percorso di modernizzazione della PA non può prescindere da un processo di switch on al digitale, sia attraverso la digitalizzazione dei processi interni sia tramite l erogazione di servizi digitali evoluti a beneficio di imprese e cittadini. Tuttavia, nonostante l adozione dell Agenda per l Italia Digitale, scontiamo significativi ritardi in termini di innovazione tecnologica nei confronti dei principali competitors a livello europeo e mondiale. Per riportare l Italia a un accettabile livello di competitività e di attrattività, Confindustria ritiene prioritario: dare concreta attuazione all Agenda Digitale Italiana, rispettando le scadenze e recuperando i ritardi accumulati, rafforzando la governance unitaria presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, che risulta priva di un peso determinante nelle politiche di sostegno alla società dell informazione; coinvolgere le Regioni e le Province Autonome nei processi decisionali e attuativi, in quanto esse hanno competenze specifiche e sono titolari di autonomia gestionale in determinate materie; avviare progetti di digitalizzazione a livello nazionale per l efficientamento e la modernizzazione di settori strategici (es. sanità, turismo, manifatturiero); favorire la diffusione della cultura digitale sul territorio, avviando azioni di alfabetizzazione e formazione al digitale per imprenditori, cittadini e operatori della PA; accelerare la riforma digitale della PA, attraverso: i) una maggiore interoperabilità delle banche dati, che consenta anche di accrescere l efficacia della PA nella lotta all evasione e all economia sommersa; ii) un maggior efficientamento della funzione di procurement, che consenta di acquistare in modo appropriato, abbandonando la sola logica del prezzo più basso a beneficio del miglior mix qualità/prezzo. Infatti, la vera spending review si realizza acquistando il bene/servizio necessario, appropriato per l utilizzo previsto, al prezzo più corretto; iii) la formazione sul digitale dei dipendenti della PA, al fine di incrementarne la produttività del lavoro. 9

10 2.3 Gli istituti chiave della semplificazione Confindustria ritiene necessario un intervento strutturale su alcuni istituti chiave della semplificazione e, più in generale, su alcuni profili fondamentali del diritto amministrativo. Gli obiettivi sono: i) porre le condizioni affinché sia possibile superare le situazioni di stallo procedimentale che si verificano nell ambito delle conferenze di servizi; ii) ricondurre il potere di ripensamento della PA alla sua fisiologia, eliminandone la connotazione strumentale che ha spesso assunto nella prassi. Quanto all istituto della conferenza di servizi, il problema principale è rappresentato dai meccanismi per il superamento dissenso espresso dalle amministrazioni portatrici di interessi sensibili. Infatti, l attuale sistema di rimessione al Consiglio dei Ministri si è rivelato inefficace per le opere di carattere medio-piccolo, trasformando il dissenso in un vero e proprio potere di veto sulla realizzazione delle stesse. L esperienza degli ultimi anni ha fatto emergere la necessità che il confronto tra le amministrazioni, in caso di dissensi espressi in conferenza di servizi, avvenga in un consesso non politico ma tecnico, in grado di individuare specifiche indicazioni operative volte a superare i punti di contrasto. È, quindi, necessario prevedere un meccanismo che assicuri un efficace e definitiva ponderazione degli interessi pubblici coinvolti, senza pretese di assolutezza per nessuno di essi e assicurando un confronto paritario tra le diverse amministrazioni. Un efficace meccanismo di ponderazione degli interessi deve poi essere accompagnato dall introduzione di limiti ragionevoli al potere di ripensamento delle amministrazioni. Infatti, la prassi ha dimostrato che il potere di autotutela viene esercitato dalla PA per rimediare a inerzie e/o carenze istruttorie, compromettendo l efficacia di importanti istituti di semplificazione (silenzio -assenso) e liberalizzazione (SCIA). In altre parole, si evidenzia la necessità, ormai condivisa nel dibattito su questi temi, di ricondurre il potere di autotutela della PA alla sua fisiologia, eliminandone la connotazione strumentale che ha spesso assunto nella pratica degli uffici pubblici. In concreto, occorrono istituti di completamento, anche di carattere processuale, che aiutino a superare incertezze e comportamenti ostruzionistici della PA. In particolare, si propone di: eliminare la possibilità dell amministrazione di agire in autotutela sulla SCIA, per tener conto della natura dell istituto e coordinarlo con i poteri di divieto e di intervento esistenti; introdurre un limite temporale definito per l annullamento d'ufficio; introdurre una sanzione pecuniaria nel caso in cui la PA abbia utilizzato l autotutela per ovviare alle conseguenze del silenzio-assenso; prevedere un azione ad hoc per accertare la formazione del silenzio-assenso. 10

11 2.4 I controlli amministrativi sulle imprese Un ulteriore punto dolente nei rapporti tra PA e imprese è rappresentato dal sistema dei controlli sulle imprese, che risulta particolarmente complesso, anche a causa di una regolamentazione eccessiva e frammentata. Tale circostanza compromette la certezza e la conoscibilità degli obblighi ai quali l impresa deve adempiere, con effetti negativi in termini di compliance e costi. Inoltre, il sistema italiano è caratterizzato dall assenza di: i) un coordinamento tra i soggetti preposti alle attività di controllo, che comporta duplicazioni e sovrapposizioni nello svolgimento degli stessi; ii) una cultura del controllo orientata all effettivo livello di rischio; iii) efficaci meccanismi di tutela contro l esercizio abusivo ovvero illegittimo del controllo. Un recente studio della CGIA di Mestre sostiene che sulle piccole imprese italiane gravano 97 tipologie di controlli, di competenza di 16 Enti/Istituti differenti. In particolare, secondo i dati della CGIA, le imprese italiane sono soggette annualmente a: 50 controlli in materia di ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro, di competenza di 11 Enti/Istituti diversi; 23 controlli in materia fiscale, di competenza di 7 Enti/Istituti diversi; 18 controlli in materia lavoristica, di competenza di 4 Enti/Istituti diversi; 6 controlli in materia amministrativa, di competenza di 3 Enti/Istituti diversi. Nel corso degli ultimi anni, il legislatore ha cercato di rimediare a tale situazione, prevedendo interventi di semplificazione e coordinamento dei controlli sulle imprese. Si tratta di norme in gran parte inattuate e che, peraltro, escludono dal processo di riforma alcuni settori sensibili, come il fisco e la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Occorre dare attuazione alle disposizioni in tema di controlli, in modo da improntare il sistema delle verifiche sulle imprese ai criteri di: i) semplicità; ii) proporzionalità dei controlli e dei relativi adempimenti al rischio effettivo connesso alle attività considerate; iii) coordinamento dell azione svolta dalle amministrazioni statali, regionali e locali; iv) programmazione dei controlli; v) trasparenza dell azione e dei risultati; vi) professionalità e indipendenza dei soggetti preposti alle attività di controllo. Inoltre, in linea con le raccomandazioni dell OCSE, sarebbe opportuno estendere la riforma dei controlli sulle imprese ai settori del lavoro e del fisco. 3. Semplificazioni settoriali Insieme agli interventi di carattere trasversale, Confindustria sostiene da tempo la necessità di introdurre alcuni interventi di semplificazione riguardanti i principali ambiti dell agire imprenditoriale: fisco, ambiente, paesaggio, contratti pubblici, lavoro e previdenza, salute e sicurezza sul lavoro. Rispetto al documento posto in consultazione dal Governo, è da condividere la proposta di proseguire nelle attività di predisposizione dei moduli unici per i procedimenti amministrativi in materia edilizia e ambientale. La standardizzazione della modulistica, infatti, rappresenta un importante strumento di omogeneizzazione delle prassi, necessaria per agevolare l avvio e l esercizio dell attività di impresa su tutto il territorio nazionale. La modulistica, peraltro, assolve la funzione di facilitare 11

12 la conoscenza delle prescrizioni normative e, quindi, velocizzare l interlocuzione con le pubbliche amministrazioni attraverso standard predefiniti. Per tali ragioni, la standardizzazione assume un maggior valore in ordinamenti come il nostro, caratterizzati da un eccessiva proliferazione normativa, peraltro dislocata su più livelli territoriali. Agli interventi sulla modulistica devono però affiancarsi ulteriori misure di carattere puntuale, per le quali si rinvia a un apposito allegato con le relative proposte di articolato normativo. Gli obiettivi devono essere di: 1. accompagnare il rilancio dell economia. A tal fine, è necessario agire per: riattivare da subito la filiera dei pagamenti (es. abrogazione della disciplina della responsabilità fiscale negli appalti; possibilità per l affidatario di un contratto pubblico di servizi e forniture di risolverlo in caso di mancato pagamento del corrispettivo oltre certe soglie); favorire nuovi investimenti con tempistiche compatibili con la programmazione industriale ( es. semplificazione del procedimento di rilascio del permesso di costruire; aumento di 2 anni del periodo di efficacia del permesso di costruire; semplificazione delle operazioni di bonifica o di messa in sicurezza); 2. attuare il principio di proporzionalità degli adempimenti amministrativi in relazione a particolari interessi sensibili. Al riguardo, è urgente: superare le principali criticità operative delle norme sulla documentazione antimafia, semplificandone le procedure di rilascio, senza compromettere in alcun modo l obiettivo di prevenire le infiltrazioni mafiose (es. possibilità di riutilizzare tale documentazione per più di una gara); semplificare alcuni adempimenti in materia ambientale senza compromettere i livelli di tutela degli interessi pubblici coinvolti ( es. applicazione delle procedure semplificate ai rifiuti di demolizione); 3. eliminare gli oneri superflui e ridondanti, che incidono non solo sull attività delle imprese, ma anche sulla complessiva efficienza della macchina amministrativa, senza incidere sui livelli di tutela degli interessi pubblici coinvolti. Ad esempio, in ambito fiscale, non è più rinviabile un alleggerimento degli adempimenti più complessi e costosi. Tra le misure che proponiamo, si segnalano: il miglioramento delle procedure di rimborso, rivedendo i criteri e i costi per la prestazione delle garanzie bancarie e assicurative; l alleggerimento degli adempimenti a carico dei sostituti di imposta, a partire dall armonizzazione delle procedure di pubblicazione delle delibere relative alle addizionali comunali e regionali IRPEF, fino alla tassazione del TFR; l eliminazione e la semplificazione di alcuni obblighi informativi o comunicativi (contenuto informativo degli elenchi intrastat; apposizione del visto di conformità sulla dichiarazione annuale IVA; accorpamento di comunicazione di dati o per l esercizio di opzioni). I decreti attuativi della delega fiscale potrebbero essere il veicolo per recepire queste misure, volte anche a migliorare il rapporto tra amministrazione tributaria e imprese contribuenti. Peraltro, anche alla luce delle best practices europee, l esercizio della delega 12

13 fiscale costituisce un importante occasione per: i) rivedere il sistema sanzionatorio, improntandolo a criteri di proporzionalità rispetto alla gravità dei comportamenti; ii) introdurre una norma generale in materia di abuso del diritto; iii) razionalizzare la fiscalità d impresa, eliminando le distorsioni esistenti e restituendo coerenza al sistema. In materia di salute e sicurezza sul lavoro (SSL), si propone di: assicurare la tassatività agli obblighi in materia di SSL, mediante il riconoscimento in via normativa del principio di determinatezza per l adempimento di tali obblighi; parificare gli enti pubblici e i soggetti privati abilitati per le verifiche periodiche sulle attrezzature; utilizzare gli strumenti informatici nella consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza in via telematica o nella tenuta della documentazione. 13

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE NELLA LEGGE REGIONALE

IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE NELLA LEGGE REGIONALE Direzione Affari Istituzionali IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE NELLA LEGGE REGIONALE laboratorio giuridico 26-02-09 1 La qualità della normazione in ambito comunitario (accordo interistituzionale

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A.

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Sezione Prima Procedimento e accesso 1. Il procedimento amministrativo A) Generalità Affinché un atto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli