Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative"

Transcript

1 Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Nel marzo 1995 il Board dello IASC ha approvato lo IAS 32, Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative. Nel dicembre 1998, i paragrafi 5, 52, 81 e 83 sono stati modificati e il paragrafo 43A è stato aggiunto per allinearsi all emanazione dello IAS 39, Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione. Nell ottobre 2000, i paragrafi sono stati eliminati e il paragrafo 94 è stato modificato al fine di eliminare le disposizioni informative che sono divenute ridondanti a seguito dell emanazione dello IAS 39. I cambiamenti apportati allo IAS 32 entrano in vigore nel momento in cui un impresa applica lo IAS 39 per la prima volta. Tre Interpretazioni SIC si riferiscono allo IAS 32: SIC-5, Classificazione degli strumenti finanziari Disposizioni su estinzioni eventuali; SIC-16, Capitale sociale Riacquisto di strumenti propri rappresentativi di patrimonio netto (Azioni proprie); SIC-17, Patrimonio netto Costi di un operazione di patrimonio netto. Finalità La natura dinamica dei mercati finanziari internazionali ha comportato l utilizzo diffuso di una gamma di strumenti finanziari che variano dagli strumenti tradizionali primari, quali i titoli obbligazionari, a differenti tipi di strumenti derivati, quali gli interest rate swaps. La finalità del presente Principio è quella di migliorare la comprensibilità del contenuto degli strumenti finanziari, siano essi da rilevare o no nel bilancio, con riferimento alla posizione finanziaria, al risultato economico e ai flussi finanziari di un impresa. Il presente Principio definisce le modalità per l esposizione degli strumenti finanziari da rilevare in bilancio e individua le informazioni che devono essere fomite sia sugli strumenti finanziari da rilevare in bilancio (e rilevati) sia su quelli da non rilevare (e non rilevati). I principi sulla esposizione in bilancio trattano la classificazione degli strumenti finanziari tra passività e patrimonio netto, la classificazione degli interessi, dei dividendi, degli oneri e dei proventi relativi e i casi in cui le attività e le passività devono essere compensate. I principi sulle informazioni integrative riguardano i fattori che influiscono sull ammontare, i tempi e la certezza dei flussi finanziari futuri di un impresa derivanti da strumenti finanziari e i principi contabili applicati agli strumenti stessi. Il Principio incoraggia, inoltre, l indicazione di informazioni sulla natura e la misura dell utilizzo da parte di un impresa degli strumenti finanziari, lo scopo della loro scelta, i rischi relativi e le modalità adottate dalla direzione aziendale per controllare tali rischi. Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato nell esposizione e nell illustrazione delle informazioni riguardanti tutti i tipi di strumenti finanziari, sia rilevati sia non rilevati, diversi da: (a) partecipazioni in controllate, come definite nello IAS 27, Bilancio consolidato e contabilizzazione delle partecipazioni in controllate; (b) partecipazioni in collegate, come definite nello IAS 28, Contabilizzazione delle partecipazioni in collegate; (c) partecipazioni in joint venture, come definite nello IAS 31, Informazioni contabili relative alle partecipazioni in joint venture; (d) impegni dei datori di lavoro e dei piani pensionistici per tutti i tipi di benefici successivi al termine del rapporto di lavoro, compresi i benefici previdenziali come descritti nello IAS 19, Benefici per i dipendenti e nello IAS 26, Fondi di previdenza; (e) impegni dei datori di lavoro derivanti da opzioni esercitabili dai dipendenti per l acquisto di azioni e da piani per l acquisto di azioni; e

2 (f) impegni derivanti da contratti di assicurazione. 2. Sebbene il presente Principio non si applichi alle partecipazioni di un impresa in controllate, esso si applica a tutti gli strumenti finanziari inclusi nel bilancio consolidato di una capogruppo, indipendentemente dal fatto che tali strumenti siano posseduti o emessi dalla capogruppo o dalla controllata. Analogamente, il presente Principio si applica agli strumenti finanziari posseduti o emessi da una joint venture e inclusi nel bilancio di un partecipante direttamente o attraverso il consolidamento proporzionale. 3. Per gli scopi del presente Principio, un contratto di assicurazione è un contratto che espone l assicuratore a rischi di perdita identificati che derivano da fatti o circostanze che devono verificarsi o essere scoperti in un periodo specifico, compresa la morte (nel caso di una rendita, la sopravvivenza del beneficiano della rendita), la malattia, l invalidità, danni materiali patrimoniali, danni causati a terzi e interruzioni dell attività. Tuttavia, le disposizioni del presente Principio si applicano quando uno strumento finanziario assume la forma di un contratto di assicurazione ma comporta principalmente il trasferimento di rischi finanziari (vedere paragrafo 43), quali alcuni tipi di riassicurazione finanziaria e contratti di investimento garantiti emessi da imprese assicuratrici e da altre imprese. Si raccomanda alle imprese che abbiano impegni derivanti da contratti di assicurazione di considerare l opportunità di applicare le disposizioni del presente Principio nell esposizione in bilancio e nell illustrazione delle informazioni riguardanti tali impegni. 4. Altri Principi contabili internazionali, specifici per certi tipi di strumenti finanziari, contengono ulteriori disposizioni per l esposizione in bilancio e le informazioni integrative. Per esempio, lo IAS 17, Leasing, e lo IAS 26, Fondi di previdenza, contengono, rispettivamente, specifiche disposizioni sulle informazioni relative alle locazioni finanziarie e agli investimenti finanziari dei programmi previdenziali. Agli strumenti finanziari si applicano inoltre alcune disposizioni di altri Principi contabili internazionali, particolarmente dello IAS 1, Presentazione del bilancio, e dello IAS 30, Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari. Definizioni 5. 1 termini seguenti sono utilizzati nel presente Principio con i significati indicati: Strumento finanziario è qualsiasi contratto che dia origine a un attività finanziaria per un impresa e a una passività finanziaria o a uno strumento rappresentativo di patrimonio netto per un altra impresa. I contratti basati su merci che danno a entrambi i contraenti il diritto di estinguere tramite contanti o tramite qualche altro strumento finanziario devono essere contabilizzati come se fossero strumenti finanziari, a eccezione dei contratti su merci che sono stati stipulati per soddisfare e continuano a soddisfare le esigenze di approvvigionamento, vendita o utilizzo attese dall impresa o sono stati designati per quello scopo sin dall inizio, e si ritiene che saranno estinti tramite la consegna della merce. Attività finanziaria è qualsiasi attività che sia: (a) disponibilità liquide; (b) diritti contrattuali a ricevere disponibilità liquide o un altra attività finanziaria da un altra impresa; (c) diritti contrattuali a scambiare strumenti finanziari con un altra impresa a condizioni potenzialmente favorevoli; o (d) strumento rappresentativo di patrimonio netto di un altra impresa.

3 Passività finanziaria è qualsiasi passività rappresentativa di un obbligazione contrattuale: (a) a consegnare disponibilità liquide o un altra attività finanziaria a un altra impresa; o (b) a scambiare strumenti finanziari con un altra impresa a condizioni potenzialmente sfavorevoli. Un impresa può avere un obbligazione contrattuale che può essere estinta o tramite pagamento di attività finanziarie o sotto forma di strumenti propri rappresentativi di patrimonio netto. In tal caso, se il numero dei titoli rappresentativi di capitale richiesti per estinguere l obbligazione varia in relazione ai cambiamenti del loro fair value in maniera tale che il fair value complessivo dei titoli rappresentativi di patrimonio netto in pagamento coincide sempre con l importo dell obbligazione contrattuale, il possessore dell obbligazione non è esposto all utile o alla perdita derivante dalle fluttuazioni di prezzo dei propri titoli rappresentativi di patrimonio netto. Tale obbligazione deve essere contabilizzata come una passività finanziaria dell impresa. Strumento rappresentativo di patrimonio netto è qualsiasi contratto che rappresenti una partecipazione residua nell attivo di un impresa al netto di tutte le sue passività. Attività finanziarie monetarie e passività finanziarie (indicate anche come strumenti finanziari monetari) sono attività e passività finanziarie che devono essere ricevute o pagate in ammontari monetari prefissati o determinabili. Fair value è il corrispettivo al quale un attività può essere scambiata, o una passività estinta, tra parti consapevoli e disponibili, in un operazione fra terzi. Valore di mercato è l ammontare ottenibile dalla vendita, o dovuto al momento dell acquisto, di uno strumento finanziario in un mercato attivo. 6. Nel presente Principio i termini "contratto" e "contrattuale" si riferiscono a un accordo tra due o più parti che abbia conseguenze economiche chiare tali che le parti hanno limitata, o nessuna, possibilità di evitare, solitamente perché l accordo è esecutivo. I contratti, e quindi gli strumenti finanziari, possono assumere forme differenti e non necessitano della forma scritta. 7. Per gli scopi delle definizioni del paragrafo 5, il termine "impresa" comprende persone fisiche, società di persone, persone giuridiche ed enti pubblici. 8. Nelle definizioni di attività e passività finanziarie ricorrono i termini attività finanziarie e strumento finanziario, ciò nonostante le definizioni non sono tautologiche. Quando esiste un diritto contrattuale o un obbligazione a scambiare strumenti finanziari, gli strumenti che devono essere scambiati danno origine ad attività finanziarie, passività finanziarie o strumenti rappresentativi di patrimonio netto. Si può avere una serie continua di diritti contrattuali od obbligazioni ma ciò conduce, in definitiva, all incasso o al pagamento di disponibilità liquide o all acquisizione o all emissione di uno strumento rappresentativo di patrimonio netto. 9. Gli strumenti finanziari comprendono sia strumenti primari quali crediti, debiti e titoli azionari sia strumenti derivati quali opzioni finanziarie, contratti a termine e per consegna differita, interest rate swaps e currency swaps. Gli strumenti finanziari derivati, siano essi da rilevare o no in bilancio, soddisfano la definizione di strumento finanziario e, di conseguenza, sono soggetti al presente Principio. 10. Gli strumenti finanziari derivati generano diritti e obbligazioni che hanno come conseguenza il trasferimento tra le parti contraenti di uno o più dei rischi finanziari inerenti a un sottostante strumento finanziario primario. Gli strumenti derivati non

4 comportano un trasferimento del sottostante strumento finanziario primario all inizio del contratto e tale trasferimento non avviene necessariamente alla scadenza del contratto. 11. Beni materiali quali rimanenze, immobili, impianti e macchinari, beni presi in locazione e beni immateriali quali brevetti e marchi non rappresentano attività finanziarie. Il controllo ditali beni materiali e immateriali può generare un afflusso di disponibilità liquide o di altre attività ma non genera un diritto attuale a ricevere disponibilità liquide o altre attività finanziarie. 12. Attività, quali costi anticipati, per i quali il beneficio economico futuro è rappresentato dal ricevimento di beni o servizi piuttosto che dal diritto a ricevere disponibilità liquide o altre attività finanziarie non sono attività finanziarie. Analogamente, elementi quali i ricavi differiti e la maggior parte degli impegni per garanzie non rappresentano passività finanziarie poiché il probabile deflusso di benefici economici loro associati consiste nella consegna di beni e servizi piuttosto che di disponibilità liquide o di altre attività finanziarie. 13. Le passività o le attività che non hanno natura contrattuale, quali le imposte sul reddito che sorgono in seguito a normative imposte dalle autorità pubbliche, non rappresentano attività o passività finanziarie. La contabilizzazione delle imposte sul reddito è trattata nello IAS 12, Imposte sul reddito. 14. Diritti contrattuali e obbligazioni che non comportano il trasferimento di un attività finanziaria non rientrano nell ambito di applicazione della definizione di uno strumento finanziario. Per esempio, alcuni diritti contrattuali (obbligazioni) quali quelli che derivano da un contratto a termine su materie prime possono essere soddisfatti solamente con il ricevimento (la consegna) di attività non finanziarie. Analogamente, diritti contrattuali (obbligazioni) quali quelli che sorgono in un Leasing operativo per l utilizzazione di un bene materiale possono essere soddisfatti solo a seguito del ricevimento (consegna) dei servizi. In entrambi i casi, il diritto contrattuale di una parte a ricevere un attività non finanziaria o un servizio e la corrispondente obbligazione dell altra parte non determina un diritto o un obbligazione attuale di alcuna parte a ricevere, consegnare o scambiare un attività finanziaria. 15. La capacità di esercitare un diritto contrattuale o l obbligo di soddisfare un impegno contrattuale può essere assoluta o può essere subordinata all accadimento di un fatto futuro. Per esempio, una garanzia finanziaria rappresenta un diritto contrattuale del finanziatore a ricevere disponibilità liquide dal garante e una corrispondente obbligazione contrattuale del garante stesso a pagare il finanziatore se il mutuatario non adempie. Il diritto e l obbligo contrattuale esistono a causa di un operazione o di un fatto precedenti (assunzione della garanzia) anche se La capacità del finanziatore di esercitare il suo diritto e l obbligo per il garante di adempiere il suo impegno sono entrambi subordinati a una futura omissione da parte del mutuatario. Un diritto e un obbligazione potenziale soddisfano la definizione di attività e di passività finanziarie anche se molte dì tali attività e passività non hanno i requisiti per la rilevazione nel bilancio. 16. L obbligazione di un impresa a emettere o consegnare i propri strumenti rappresentativi di patrimonio netto, quali opzioni di acquisto di azioni o warrant, rappresenta essa stessa uno strumento rappresentativo di patrimonio netto e non una passività finanziaria, dato che l impresa non è obbligata a consegnare disponibilità liquide o altre attività finanziarie. Analogamente, il costo sostenuto da un impresa per acquisire il diritto a riacquistare i propri strumenti rappresentativi di patrimonio netto da un altra parte rappresenta una riduzione del suo patrimonio netto e non un attività finanziaria La quota di pertinenza di terzi che può emergere nello stato patrimoniale di un impresa in seguito al consolidamento di una controllata non rappresenta una passività finanziaria o uno strumento rappresentativo di patrimonio netto dell impresa. Nel bilancio consolidato l impresa espone le partecipazioni di terzi nel patrimonio netto e nel reddito delle sue controllate secondo quanto previsto dallo IAS 27, Bilancio consolidato e contabilizzazione delle partecipazioni in controllate.

5 Di conseguenza, uno strumento finanziario classificato come strumento rappresentativo di patrimonio netto da una controllata deve essere eliminato nell operazione di consolidamento quando esso è posseduto dalla capogruppo o è da essa esposto nello stato patrimoniale consolidato come una quota di pertinenza di terzi distinta dal patrimonio netto dei propri azionisti. Uno strumento finanziario classificato come passività finanziaria da parte di una controllata rimane una passività nello stato patrimoniale consolidato della capogruppo a meno che esso debba essere eliminato nel consolidamento come saldo infragruppo. Il trattamento contabile da parte della capogruppo nel consolidamento non influisce sui criteri di esposizione da parte della controllata nel suo bilancio. Esposizione nel bilancio Passività e patrimonio netto 18. L emittente di uno strumento finanziario deve classificare lo strumento, o le sue componenti, come passività o patrimonio netto in conformità al contenuto sostanziale dell accordo contrattuale al momento della rilevazione iniziale e delle definizioni di passività finanziaria e di strumento rappresentativo di patrimonio netto 2. Si veda anche l Interpretazione SIC-16, Capitale sociale - Riacquisto di strumenti propri rappresentativi di patrimonio netto. 2 Si veda anche l Interpretazione SIC-5, Classificazione degli strumenti finanziari Disposizioni su estinzioni eventuali. 19. La classificazione di uno strumento finanziario nello stato patrimoniale dell emittente è determinata dal suo contenuto sostanziale piuttosto che dalla sua forma. Anche se il contenuto sostanziale e la forma legale sono, di solito, coerenti, ciò non sempre avviene. Per esempio, alcuni strumenti finanziari assumono la forma legale di patrimonio netto ma, nella sostanza, sono passività e altri possono unire caratteristiche proprie di strumento rappresentativo di patrimonio netto e caratteristiche proprie di passività finanziarie. La classificazione di uno strumento deve essere compiuta sulla base di una valutazione della sua natura al momento della rilevazione contabile iniziale. Tale classificazione deve permanere a ogni successiva data di riferimento fino al momento in cui lo strumento finanziario viene rimosso dallo stato patrimoniale dell impresa. 20. La caratteristica determinante per differenziare una passività finanziaria da uno strumento rappresentativo di patrimonio netto è l esistenza di una obbligazione contrattuale di uno dei contraenti dello strumento finanziario (l emittente) a consegnare disponibilità liquide o un altra attività finanziaria all altra parte (il possessore) o a scambiare un altro strumento finanziario con il possessore a condizioni potenzialmente sfavorevoli per l emittente. Quando esiste tale obbligazione contrattuale, lo strumento soddisfa la definizione di passività finanziaria indipendentemente dal modo in cui l obbligazione contrattuale sarà adempiuta. Una restrizione alla capacità dell emittente di far fronte a un obbligazione, quale un insufficiente possibilità di approvvigionamento di valuta estera o la necessità di ottenere l autorizzazione al pagamento da parte di un autorità di controllo, non annulla l obbligazione dell emittente o il diritto del possessore derivante dallo strumento. 21. Quando uno strumento finanziario non comporta per l emittente un obbligazione contrattuale a consegnare disponibilità liquide o un altra attività finanziaria o a scambiare un altro strumento finanziario a condizioni potenzialmente sfavorevoli, esso è uno strumento rappresentativo di patrimonio netto. Sebbene il possessore di uno strumento rappresentativo di patrimonio netto possa avere il diritto a ricevere una quota proporzionale di eventuali dividendi o altre distribuzioni di patrimonio netto, l emittente non ha un obbligazione contrattuale a eseguire tali distribuzioni. 22. Qualora un azione privilegiata preveda il rimborso obbligatorio da parte dell emittente per un ammontare fisso o determinabile a una data futura fissa o determinabile o dia al possessore il diritto di richiedere all emittente il rimborso dell azione a una certa data o dopo di essa per un ammontare fisso o determinabile, lo strumento soddisfa la definizione di passività finanziaria e deve essere classificato come tale. Un azione privilegiata che non stabilisca esplicitamente tale obbligazione contrattuale può stabilirla indirettamente tramite

6 le sue clausole e condizioni generali. Per esempio, un azione privilegiata che non preveda il rimborso obbligatorio o il rimborso a richiesta del possessore può avere un dividendo accelerato previsto contrattualmente tale che, nel prevedibile futuro, ci si attende che il rendimento da dividendi sia così elevato che l emittente sarà economicamente costretto a rimborsare lo strumento. In questi casi la classificazione come passività finanziaria è appropriata poiché l emittente ha poche, se non addirittura nessuna, possibilità di evitare il rimborso dello strumento. Analogamente, se uno strumento finanziario classificato come azione dà al possessore un opzione per richiedere il rimborso al manifestarsi di eventi futuri molto probabili, la classificazione come passività finanziaria al momento della rilevazione iniziale riflette il contenuto dello strumento. Classificazione degli strumenti composti da parte dell emittente 23. L emittente di uno strumento finanziario contenente sia un elemento di passività sia un elemento di patrimonio netto deve classificare distintamente le componenti dello strumento secondo quanto previsto dal paragrafo Il presente Principio richiede l esposizione distinta nello stato patrimoniale dell emittente degli elementi di passività e di patrimonio netto generati da un singolo strumento finanziario. È una questione formale piuttosto che sostanziale che passività ed elementi di patrimonio netto siano generati da un singolo strumento finanziario piuttosto che da due o più strumenti distinti. La posizione finanziaria dell emittente è più fedelmente rappresentata da un esposizione distinta dei componenti di passività e di patrimonio netto contenuti in un singolo strumento effettuata secondo la loro natura. 25. Ai fini dell esposizione nello stato patrimoniale, l emittente deve rilevare distintamente le componenti di uno strumento finanziario che generi una passività finanziaria primaria dell emittente e attribuisca al possessore dello strumento l opzione di convertirlo in uno strumento rappresentativo di patrimonio netto dell emittente stesso. Un esempio ditale strumento è un titolo obbligazionario o un analogo strumento convertibile dal possessore in azioni ordinarie dell emittente. Dal punto di vista dell emittente tale strumento comprende due componenti: una passività finanziaria (accordo contrattuale a consegnare disponibilità liquide o altre attività finanziarie) e uno strumento rappresentativo di patrimonio netto (un opzione all acquisizione che attribuisce al possessore il diritto, per un determinato periodo di tempo, a convertire in azioni ordinarie dell emittente). L effetto economico dell emissione ditale strumento è sostanzialmente simile all emissione contemporanea di un titolo di debito con una clausola di adempimento a breve e warrants per acquistare azioni ordinarie o all emissione di un titolo di debito con cedole staccabili per l acquisto di azioni. Di conseguenza, in tutti i casi, l emittente deve presentare distintamente nel suo stato patrimoniale i componenti di passività e di patrimonio netto. 26. La classificazione dei componenti di passività e di patrimonio netto di uno strumento convertibile non deve essere riveduta a seguito di un cambiamento nella probabilità che una opzione di conversione sia esercitata, persino quando l esercizio dell opzione può sembrare che sia diventato economicamente vantaggioso per alcuni possessori. I possessori possono agire come non ci si attenderebbe perché, per esempio, le conseguenze fiscali della conversione possono essere differenti per i diversi possessori. Inoltre, la probabilità di conversione può variare di volta in volta. L obbligazione dell emittente a effettuare pagamenti futuri permane fino a quando essa viene estinta attraverso la conversione, la scadenza dello strumento o qualche altra operazione. 27. Uno strumento finanziario può essere costituito da componenti che non sono né passività finanziarie né strumenti rappresentativi di patrimonio netto dell emittente. Per esempio, uno strumento può attribuire al possessore il diritto a ricevere in pagamento un attività non finanziaria quale una materia prima e un opzione a scambiare quel diritto con azioni dell emittente. L emittente deve rilevare ed esporre lo strumento rappresentativo di patrimonio netto (l opzione di scambio) distintamente dai componenti di passività dello strumento composto, sia che le passività siano finanziarie o no.

7 28. Il presente Principio non tratta la determinazione del valore di attività finanziarie, passività finanziarie e strumenti rappresentativi di patrimonio netto e, perciò, non prescrive alcun particolare metodo per l assegnazione del valore da iscrivere per i componenti di passività e di patrimonio netto contenuti in un singolo strumento. Gli approcci che possono essere seguiti comprendono: (a) quello dell assegnazione al componente il cui il valore è meno facilmente determinabile (spesso uno strumento rappresentativo di patrimonio netto), del valore residuo risultante dopo aver dedotto dal valore complessivo dello strumento il valore determinato distintamente per il componente più facilmente determinabile; e (b) quello della determinazione distinta dei valori dei componenti di passività e di patrimonio netto e della rettifica di questi ammontai nella misura necessaria determinata con un criterio proporzionale, cosicché la somma dei componenti corrisponda all ammontare dello strumento nel suo complesso. La somma dei valori contabili assegnati ai componenti di passività e di patrimonio netto al momento della rilevazione iniziale deve essere sempre uguale al valore da iscrivere attribuibile allo strumento nel suo complesso. Dalla rilevazione e dalla presentazione distinta dei componenti dello strumento non possono emergere utili o perdite. 29. Secondo il primo approccio descritto nel paragrafo 28, l emittente di un titolo a reddito fisso convertibile in azioni ordinarie determina, per prima cosa, il valore da iscrivere per la passività finanziaria attualizzando il flusso di pagamenti futuri di interessi e capitale al tasso di mercato prevalente per una passività analoga che non abbia associato un componente di patrimonio netto. 11 valore da iscrivere per lo strumento rappresentativo di patrimonio netto rappresentato dall opzione a convertire lo strumento in azioni ordinarie può poi essere determinato deducendo il valore da iscrivere per la passività finanziaria dall ammontare dello strumento composto nel suo complesso. Secondo l altro approccio, l emittente determina il valore dell opzione direttamente o con riferimento al fair value di un opzione analoga, se esiste, o utilizzando un metodo di determinazione del prezzo di un opzione. Il valore determinato per ciascun componente viene poi rettificato con un criterio proporzionale sino all ammontare necessario per assicurare che la somma dei valori contabili assegnata ai componenti corrisponda al valore del corrispettivo ricevuto per il titolo a reddito fisso convertibile. Interessi, dividendi, oneri e proventi 30. Interessi, dividendi, oneri e proventi relativi a uno strumento finanziario, o a un suo componente, classificato come passività finanziaria, devono essere rilevati nel conto economico come costi o ricavi. Le distribuzioni ai possessori di uno strumento finanziario classificato come strumento rappresentativo di patrimonio netto devono essere addebitate dall emittente direttamente al patrimonio netto. 31. Dalla classificazione nello stato patrimoniale di uno strumento finanziario dipende la classificazione di interessi, dividendi, oneri e proventi derivanti da quello strumento come costi o ricavi e l imputazione al conto economico. Di conseguenza, i pagamenti di dividendi su azioni classificate come passività devono essere classificati come costi così come gli interessi su obbligazioni e imputati al conto economico. Analogamente, proventi e oneri derivanti da rimborsi o rifinanziamenti di strumenti classificati come passività devono essere imputati al conto economico, mentre i rimborsi o i rifinanziamenti di strumenti classificati come patrimonio netto dell emittente devono essere rilevati come variazioni del patrimonio netto I dividendi classificati come costo possono essere esposti nel conto economico insieme agli interessi sulle altre passività o in una voce distinta. L illustrazione di interessi e dividendi è soggetta alle disposizioni dello IAS 1, Presentazione del bilancio, e dello IAS 30, Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari. Talvolta, a causa del diverso trattamento al quale sono soggetti, per esempio dal punto di vista fiscale, gli interessi e i dividendi, è opportuno

8 riportarli nel conto economico distintamente. Le informazioni integrative sugli effetti fiscali devono essere esposte secondo quanto previsto dallo IAS 12, Imposte sul reddito. Compensazione di attività e passività finanziarie 33. Una attività e una passività finanziaria devono essere compensate e il saldo netto rilevato nello stato patrimoniale quando un impresa: (a) ha un diritto legale a compensare gli importi contabilizzati; e (b) intende estinguere per il residuo netto, o realizzare l attività e contemporaneamente estinguere la passività. 34. Il presente Principio richiede la presentazione di attività e passività finanziarie per il loro saldo netto quando ciò riflette i flussi finanziari futuri che un impresa si attende di ottenere dall adempimento di due o più strumenti Si veda l Interpretazione SIC-17, Patrimonio netto - Costi di un operazione di patrimonio netto. finanziari distinti. Quando un impresa ha il diritto e la volontà di ricevere o pagare un unico importo netto, essa possiede in effetti una singola attività o passività finanziaria. Negli altri casi le attività e le passività finanziarie devono essere presentate distintamente fra loro, coerentemente con le loro caratteristiche di risorse o di obbligazioni dell impresa. 35. La compensazione di una attività finanziaria con una passività finanziaria rilevate, e la conseguente esposizione del loro saldo netto, differisce dalla cessazione della rilevazione come attività finanziaria o passività finanziaria. Mentre la compensazione non dà origine alla rilevazione di un provento o di un onere, la cessazione della rilevazione di uno strumento finanziario comporta non solo la cancellazione dallo stato patrimoniale della voce precedentemente rilevata, ma anche la rilevazione di un provento o di un onere. 36. Il diritto alla compensazione è un diritto legale del debitore, contrattuale o altrimenti stabilito, ad adempiere o comunque eliminare in tutto o in parte un importo dovuto a un creditore compensando tale importo con un importo dovuto dal creditore. In casi particolari, un debitore può avere il diritto legale di compensare un importo dovutogli da una terza parte con l ammontare dovuto a un creditore, a condizione che fra le tre parti ci sia un accordo che stabilisca chiaramente il diritto alla compensazione del debitore. Dato che il diritto alla compensazione è di carattere legale, i suoi presupposti possono differire da un ambito giurisdizionale a un altro e si deve porre attenzione nello stabilire quali leggi devono essere applicate ai rapporti tra le parti. 37. L esistenza di un diritto legale a compensare una attività con una passività finanziaria influisce sui diritti e sulle obbligazioni relativi a una attività e passività finanziarie e può influire significativamente sull esposizione dell impresa ai rischi di credito e di liquidità. Tuttavia, la sola esistenza del diritto, di per sé, non è sufficiente per effettuare la compensazione. In assenza dell intenzione di esercitare tale diritto o di adempiere contemporaneamente, l ammontare e i tempi dei futuri flussi finanziari non vengono influenzati. Quando un impresa intende davvero esercitare tale diritto o adempiere contemporaneamente, l esposizione dell attività e della passività per il loro saldo netto riflette più correttamente gli importi e i tempi dei flussi finanziari futuri così come i rischi ai quali tali flussi finanziari sono esposti. L intenzione di una o di entrambe le parti di adempiere per il saldo netto senza il diritto legale a farlo non è sufficiente a giustificare la compensazione, dato che i diritti e le obbligazioni derivanti dalle singole attività e passività finanziarie rimangono inalterati. 38. L intenzione di un impresa di saldare particolari attività e passività può essere influenzata dalle sue normali politiche aziendali, dalle condizioni dei mercati finanziari e da altre situazioni che possono limitare la capacità di adempiere per il loro saldo netto o contemporaneamente. Quando un impresa ha il diritto di compensare ma non intende adempiere per il saldo netto, o realizzare l attività e contemporaneamente adempiere la passività, l effetto ditale diritto sull esposizione dell impresa ai rischi di credito deve essere portato a conoscenza secondo quanto

9 previsto dal paragrafo 66 del presente Principio. 39. L adempimento simultaneo di due strumenti finanziari può avvenire, per esempio, tramite l intervento di una stanza di compensazione in un mercato finanziario organizzato o in uno scambio diretto. In tali casi i flussi finanziari sono, in effetti, equivalenti a un singolo ammontare netto e non esiste un rischio di credito o di liquidità. In altri casi, l impresa può saldare due strumenti ricevendo e pagando ammontari distinti, esponendosi così al rischio di credito per l intero ammontare dell attività o al rischio di liquidità per l intero ammontare della passività. Tali esposizioni ai rischi possono essere rilevanti anche se relativamente di breve periodo. Di conseguenza la realizzazione di un attività finanziaria e l adempimento di una passività finanziaria possono essere considerate simultanee solo quando le operazioni avvengono nello stesso momento. 40. Le condizioni richieste nel paragrafo 33 non sono generalmente soddisfatte e la compensazione non è, di norma, corretta quando: (a) diversi strumenti finanziari sono utilizzati per riprodurre le caratteristiche di un singolo strumento finanziario ("strumento sintetico"); (b) attività e passività finanziarie derivano da strumenti finanziari aventi il medesimo rischio primario (per esempio, attività e passività in un portafoglio di contratti a termine o altri strumenti derivati) ma con controparti differenti; (c) attività finanziarie o diverse sono prestate come garanzia collaterale di passività finanziarie senza rivalsa; (d) attività finanziarie sono affidate a una gestione fiduciaria da un debitore allo scopo di estinguere un obbligazione senza che quelle attività siano state accettate dal creditore come adempimento dell obbligazione (quale un accordo di accumulazione finanziaria); o (e) si prevede che obbligazioni contratte a seguito di eventi che hanno dato origine a perdite saranno rimborsate da un terzo in virtù di una richiesta di indennizzo nell ambito di una copertura assicurativa. 41. Un impresa che sottoscriva numerosi strumenti finanziari con una singola controparte può stipulare con essa un accordo generale di compensazione. Tale accordo prevede che vi possa essere un singolo adempimento per il saldo per tutti gli strumenti finanziari rientranti nell accordo al verificarsi di inadempimento o interruzione di qualsiasi contratto. Questi accordi sono usati abitualmente dalle istituzioni finanziarie per garantire protezione contro le perdite in caso di fallimento o di altri fatti che comportano che una controparte sia incapace di far fronte ai suoi impegni. Un accordo generale di compensazione dà origine, di norma, a un diritto di compensazione che può essere fatto valere legalmente e che influisce sulla realizzazione o sull adempimento di singole attività e passività finanziarie solo in seguito a specifici casi di inadempimento in circostanze che non ci si attende intervengano nel corso normale dell attività. Un accordo generale di compensazione non fornisce il presupposto di compensazione a meno che non siano soddisfatti entrambi i criteri esposti nel paragrafo 33. Quando attività e passività finanziarie soggette a un accordo generale di compensazione non vengono compensate, l effetto dell accordo sull esposizione dell impresa al rischio di credito deve essere portato a conoscenza secondo quanto previsto dal paragrafo 66. Informazioni integrative 42. Lo scopo delle informazioni integrative richieste dal presente Principio è quello di fornire informazioni che migliorino la comprensibilità del contenuto degli strumenti finanziari rilevati e di quelli non rilevati nello stato patrimoniale con riferimento alla posizione finanziaria, al risultato economico e ai flussi finanziari di un impresa e aiutino nella valutazione degli ammontari, dei tempi e dell attendibilità dei futuri flussi finanziari derivanti da quegli strumenti. Si incoraggiano le imprese a fornire, oltre alle informazioni specifiche sui saldi e sulle operazioni di particolari strumenti finanziari, una disamina della misura in cui gli strumenti finanziari sono utilizzati, dei rischi loro associati e degli scopi

10 perseguiti. Una disamina dei criteri adottati dagli amministratori per controllare i rischi associati agli strumenti finanziari, inclusi i criteri adottati per la loro copertura, per evitare inopportune concentrazioni di rischio e le esigenze di garanzie collaterali per la riduzione del rischio di credito, fornisce una preziosa prospettiva aggiuntiva, indipendente dagli specifici strumenti in essere in un particolare momento. Alcune imprese forniscono tali informazioni in note che accompagnano il bilancio, invece che come parte del bilancio stesso. 43. Le operazioni in strumenti finanziari possono comportare, da parte di un impresa, l assunzione o il trasferimento a un altra parte di uno o più dei rischi finanziari fra quelli di seguito descritti. Le informazioni integrative richieste devono dare indicazioni che aiutino gli utilizzatori del bilancio di esercizio nella valutazione della dimensione del rischio correlato agli strumenti finanziari, sia rilevati sia non rilevati. (a) Rischio di prezzo Esistono tre tipi di rischio di prezzo: il rischio valutario, il rischio su tassi di interesse e il rischio di mercato. (i) Il rischio valutano è il rischio che il valore di uno strumento finanziario fluttui in seguito a variazioni dei cambi. (ii) Il rischio sui tassi di interesse è il rischio che il valore di uno strumento finanziario fluttui in seguito a variazioni dei tassi di interesse sul mercato. (iii) Il rischio di mercato è il rischio che il valore di uno strumento finanziario fluttui in seguito a variazioni dei prezzi di mercato, sia derivanti da fattori specifici relativi al singolo titolo mobiliare o al suo emittente, sia da fattori che influenzano tutti i titoli mobiliari trattati sul mercato. Il termine "rischio di prezzo" comprende le potenzialità non solo per le perdite ma anche per gli utili. (b) Rischio di credito Il rischio di credito è il rischio che un partecipante a uno strumento finanziario non adempia a una obbligazione e causi una perdita finanziaria all altro partecipante. (c) Rischio di liquidità Il rischio di liquidità, chiamato anche rischio di finanziamento, è il rischio che un impresa abbia difficoltà nel reperire fondi per far fronte agli impegni derivanti dagli strumenti finanziari. Il rischio di liquidità può derivare da una incapacità di vendere un attività finanziaria rapidamente a un valore prossimo al suo fair value. (d) Rischio sui flussi finanziari Il rischio sui flussi finanziari è il rischio che l ammontare dei futuri flussi finanziari collegati a uno strumento finanziario monetario fluttui. Nel caso di uno strumento di debito a tasso variabile, per esempio, tali fluttuazioni comportano una variazione del tasso di interesse effettivo dello strumento finanziario, di solito senza una variazione corrispondente del suo fair value. Informazioni integrative sulle strategie di rischio intraprese dalla direzione aziendale 43A. Un impresa deve indicare quali sono le qualità e le strategie di rischio finanziario intraprese dalla direzione aziendale, inclusa la strategia di copertura di ciascuna importante tipologia di operazioni previste per le quali è utilizzato il metodo contabile della copertura (hedge accounting). 44. I principi non prescrivono né la struttura di presentazione delle informazioni richieste nè la loro posizione nel bilancio. Per gli strumenti finanziari rilevati, nella misura in cui le informazioni richieste sono presentate nello stato patrimoniale, non è necessario che esse siano ripetute nelle note al bilancio di esercizio. Per gli strumenti finanziari non rilevati, invece, le informazioni nelle note o nelle tabelle supplementari rappresentano il principale mezzo di illustrazione. Le informazioni integrative possono comprendere un insieme di descrizioni discorsive e di dati

11 numerici, a seconda della natura degli strumenti e della loro importanza per l impresa. 45. La determinazione del livello di dettaglio da fornire per particolari strumenti finanziari deve essere oggetto di valutazione in considerazione dell importanza relativa ditali strumenti. E necessario trovare un equilibrio, evitando di sovraccaricare il bilancio con dettagli eccessivi che possono non essere utili per gli utilizzatori del bilancio senza tuttavia occultare informazioni rilevanti a causa di aggregazioni eccessive. Per esempio, quando un impresa partecipa a numerosi strumenti finanziari con caratteristiche analoghe, e nessuno dei contratti è singolarmente significativo, è corretto raggruppare le informazioni con riferimento a particolari categorie di strumenti. D altro canto, informazioni specifiche su un singolo strumento possono essere importanti quando lo strumento rappresenta, per esempio, un elemento importante nella struttura del capitale di un impresa. 46. La direzione aziendale di un impresa deve raggruppare gli strumenti finanziari in categorie da identificare in base alla natura delle informazioni che devono essere indicate, prendendo in considerazione aspetti quali le caratteristiche degli strumenti, se essi sono rilevati o non lo sono e, se lo sono, il criterio di determinazione del valore che è stato applicato. In genere, le categorie devono essere determinate con un criterio che distingua gli elementi rilevati al costo dagli elementi riportati al fair value. Quando i valori indicati nelle note o nelle tabelle supplementari sono relativi ad attività e passività rilevate, devono essere fornite informazioni sufficienti a consentire una riconciliazione con le voci principali dello stato patrimoniale. Quando un impresa partecipa a strumenti finanziari non trattati nel presente Principio, quali le obbligazioni derivanti da piani di previdenza o da contratti di assicurazione, tali strumenti devono essere inseriti in una o più categorie di attività e passività finanziarie da indicare distintamente da quelle trattate nel presente Principio. Clausole contrattuali, condizioni generali e principi contabili 47. Per ciascuna categoria di attività e passività finanziarie e di strumenti rappresentativi di patrimonio netto, sia rilevati sia non rilevati, si de vono indicare: (a) le informazioni sull ammontare e sulla natura degli strumenti finanziari, nonché sulle condizioni generali significative che possano influire sull ammontare, i tempi e l attendibilità dei flussi finanziari futuri; e (b) i principi contabili e i metodi adottati, compresi i criteri per la rilevazione e i criteri di determinazione del valore applicati. 48. Le clausole contrattuali e le condizioni generali di uno strumento finanziario rappresentano un fattore importante che influenza l ammontare, i tempi e l attendibilità dei corrispettivi e dei futuri pagamenti finanziari eseguiti dalle parti partecipanti allo strumento. Quando gli strumenti sia rilevati sia non rilevati sono importanti, individualmente o come categoria, con riferimento alla posizione finanziaria corrente di un impresa o ai suoi risultati di gestione futuri, le loro clausole contrattuali e condizioni generali devono essere indicate. Se nessun singolo strumento è individualmente significativo per i flussi finanziari futuri di un impresa specifica, le caratteristiche peculiari degli strumenti devono essere descritte con riferimento a opportuni raggruppamenti di strumenti analoghi. 49. Quando gli strumenti finanziari posseduti o emessi da un impresa, singolarmente o come categoria, comportano un esposizione ai rischi descritti nel paragrafo 43 potenzialmente significativa, le clausole contrattuali e le condizioni generali che possono dover essere illustrate comprendono: (a) il capitale esposto, facciale o altro importo analogo che, per alcuni strumenti derivati quali gli interest rate swaps, può essere l importo (riportato come importo nozionale) sul quale sono basati i pagamenti futuri; (b) la data di maturazione, scadenza o adempimento;

12 (c) le opzioni ad adempiere anticipatamente per ciascun partecipante allo strumento, compreso il periodo o la data in cui le opzioni possono essere esercitate, nonché il prezzo o la gamma di prezzi ai quali le opzioni possono essere esercitate; (d) le opzioni di ciascun partecipante allo strumento a convertirlo o scambiarlo con un altro strumento finanziario o in alcune altre attività o passività, compreso il periodo o la data in cui le opzioni possono essere esercitate, nonché i rapporti di conversione o di scambio; (e) l ammontare e i tempi delle riscossioni o dei pagamenti futuri programmati per l importo capitale dello strumento, compresi i rimborsi rateali e qualsiasi piano di accumulazione finanziaria o requisiti analoghi; (f) il tasso o l importo degli interessi pattuiti, dei dividendi o di altro rendimento periodico sul capitale e i tempi dei pagamenti; (g) la garanzia collaterale a proprio favore, nel caso di attività finanziaria, o a proprio carico, nel caso di passività finanziaria; (h) nel caso di uno strumento per il quale i flussi finanziari sono espressi in una valuta differente dalla moneta di conto dell impresa, la valuta estera nella quale sono richieste le riscossioni o i pagamenti; (i) nel caso di uno strumento che preveda uno scambio, le informazioni descritte ai punti da (a) ad (h) per lo strumento che sarà acquisito nello scambio; e (j) qualsiasi condizione generale dello strumento o patto a esso correlato che, se contravvenuto, potrebbe alterare significativamente eventuali altre clausole (quale, per esempio, un patto in un titolo obbligazionario che preveda un livello del rapporto tra debiti e capitale netto che, qualora superato, renda l intero importo capitale del titolo dovuto e pagabile immediatamente). 50. Quando l esposizione di uno strumento finanziario nello stato patrimoniale differisce dalla forma legale dello strumento, è opportuno che l impresa illustri la natura dello strumento nelle note al bilancio. 51. L utilità delle informazioni sull ammontare e la natura dello strumento finanziario è maggiore quando esse evidenziano i rapporti tra singoli strumenti che possano influire sull ammontare, sui tempi e sull attendibilità dei flussi finanziari futuri di un impresa. Per esempio, è significativo indicare i rapporti di copertura come quelli che si possono avere quando un impresa possiede un investimento in azioni per il quale essa ha acquistato una opzione di vendita. Analogamente, è significativo indicare i rapporti tra i componenti di "strumenti sintetici" quale un debito a tasso fisso originato dal collocamento di prestiti a tasso Variabile e dalla stipulazione di un interest rate swap da tasso variabile a tasso fisso. In ciascun caso l impresa deve esporre nel suo bilancio le singole attività e passività finanziarie secondo la loro natura, o singolarmente o nella categoria di attività o di passività finanziarie alla quale appartengono. Le informazioni del tipo descritto nel paragrafo 49 possono rendere evidente per gli utilizzatori del bilancio la misura in cui l esposizione al rischio è alterata dai rapporti tra le attività e le passività; in alcuni casi, tuttavia, sono necessarie indicazioni ulteriori. 52. Secondo quanto previsto dallo IAS 1, Presentazione del bilancio, l impresa deve fornire illustrazioni chiare e sintetiche di tutti i principi contabili significativi, nonché dei principi generali adottati e del metodo di applicazione di quei principi alle operazioni rilevanti e ai casi che si manifestano nell attività dell impresa. Nel caso degli strumenti finanziari, tali illustrazioni comprendono: (a) i requisiti per determinare quando rilevare un attività o una passività finanziaria nello stato patrimoniale e quando eliminare tale rilevazione; (b) il criterio di determinazione del valore applicato alle attività e passività

13 finanziarie al momento della rilevazione iniziale e successivamente; e (c) il criterio con il quale i proventi e i costi derivanti da attività e passività finanziarie sono rilevati e determinati. 53. I tipi di operazioni che possono rendere necessaria l illustrazione dei principi contabili relativi comprendono: (a) i trasferimenti di attività finanziarie quando permane una partecipazione o un coinvolgimento del cedente nelle attività stesse, quali la cartolarizzazione di attività finanziarie, accordi di riacquisto e accordi di riacquisto inversi; (b) i trasferimenti di attività finanziarie a un amministrazione fiduciaria per adempiere passività alla scadenza, senza che l obbligazione del cedente si estingua al momento del trasferimento (in-substance defeasance trust); (c) l acquisizione o l emissione di strumenti finanziari distinti come parte di un insieme di operazioni volte a realizzare l effetto dell acquisto o dell emissione di uno strumento singolo; (d) l acquisizione o l emissione di strumenti finanziari come copertura di esposizioni ai rischi; (e) l acquisizione o l emissione di strumenti finanziari monetari a un tasso di interesse che differisce dal tasso prevalente sul mercato alla data dell emissione. 54. Per fornire agli utilizzatori del bilancio informazioni adeguate a comprendere il criterio con il quale è stato determinato il valore delle attività e delle passività finanziarie, l illustrazione dei principi contabili deve indicare non solo se è il costo, il fair value o un altro criterio di determinazione del valore a essere stato applicato a una categoria particolare di attività o di passività ma anche il modo di applicazione del criterio stesso. Per esempio, per strumenti finanziari iscritti con il criterio del costo può essere richiesto all impresa di indicare come essa contabilizza: (a) i costi di acquisizione o di emissione; (b) l aggio e il disaggio di emissione sulle attività e passività finanziarie monetarie; (c) le variazioni del valore stimato dei flussi finanziari futuri determinabili relativi a uno strumento finanziario monetario quale un titolo a reddito fisso indicizzato al prezzo di una materia prima; (d) i cambiamenti di situazioni che producono una significativa incertezza riguardo il puntuale incasso di tutti gli importi contrattualmente dovuti da attività finanziarie monetarie; (e) le diminuzioni del fair value di attività finanziarie al di sotto dei loro valori contabili; (f) le passività finanziarie ristrutturate. Per le attività e le passività finanziarie iscritte al fair value l impresa deve indicare se i valori contabili sono determinati in base a prezzi di mercato, a perizie indipendenti, ad analisi dei flussi finanziari attualizzati o con un altro metodo appropriato, e deve illustrare ogni significativa ipotesi fatta nell applicazione di questi metodi. 55. L impresa deve indicare il criterio per la rilevazione nel conto economico di utili e perdite realizzati e non realizzati, di interessi e di altre voci di ricavi e costi relativi ad attività e passività finanziarie. Tale illustrazione deve comprendere informazioni sul criterio con il quale vengono rilevati ricavi e costi derivanti dagli strumenti finanziari posseduti a scopo di copertura. Quando l impresa presenta

14 voci di ricavi e costi per il saldo netto, se l effetto è significativo deve essere indicato il motivo ditale esposizione anche se le attività e le passività finanziarie corrispondenti nello stato patrimoniale non sono state compensate. Rischio sui tassi di interesse 56. Per ciascuna categoria di attività e passività finanziarie, sia rilevata sia non rilevata, l impresa deve indicare le informazioni concernenti la sua esposizione al rischio sui tassi di interesse, compreso: (a) la più prossima tra la data di revisione dei tassi prevista contrattualmente e quella di scadenza; e (b) i tassi di interesse effettivi, se pertinente. 57. L impresa deve fornire informazioni concernenti la sua esposizione agli effetti di variazioni future del livello prevalente dei tassi di interesse. Le variazioni dei tassi di interesse di mercato hanno un effetto diretto sui flussi finanziari determinati contrattualmente relativi a certe attività e passività finanziarie (rischio sui flussi finanziari) e sul fair value di altri (rischio di prezzo). 58. Le informazioni sulle date di scadenza o sulle date di revisione dei tassi, se precedenti, devono indicare il periodo per il quale i tassi sono fissi e le informazioni sui tassi d interesse effettivi devono indicare i livelli ai quali essi sono fissi. L esposizione di queste informazioni fornisce agli utilizzatori del bilancio un criterio per la valutazione del rischio di prezzo da tassi di interesse al quale l impresa è esposta e, di conseguenza, il potenziale diutili o perdite. Per gli strumenti che comportano una revisione del tasso a un tasso d interesse di mercato prima della scadenza, l indicazione del periodo mancante fino alla successiva revisione è più significativa dell indicazione del periodo di tempo che manca alla scadenza. 59. A integrazione dell informazione sulla revisione contrattuale dei tassi e sulle date di scadenza, l impresa può decidere di fornire indicazioni circa le revisioni dei tassi attese e le date di scadenza se tali date differiscono significativamente dalle date contrattuali. Tali informazioni possono essere particolarmente rilevanti quando, per esempio, l impresa è in grado di prevedere con ragionevole attendibilità l ammontare dei mutui ipotecari a tasso fisso che saranno rimborsati prima della scadenza e utilizza questi dati come criterio per gestire la sua esposizione al rischio sui tassi di interesse. Le informazioni aggiuntive devono indicare che ci si è basati sulle valutazioni della direzione aziendale riguardo ai fatti futuri e illustrare le ipotesi formulate circa la revisione dei tassi o le date di maturazione e quanto queste differiscono dalle date contrattuali. 60. L impresa deve indicare quali tra le sue attività e passività finanziarie sono: (a) esposte al rischio di prezzo da tassi di interesse, quali le attività e le passività finanziarie monetarie con un tasso di interesse fisso; (b) esposte al rischio dei flussi finanziari da tassi di interesse, quali le attività e passività finanziarie monetarie con un tasso di interesse variabile collegato alle variazioni dei tassi di mercato; e (c) non esposte al rischio sui tassi di interesse, quali alcuni investimenti finanziari in titoli azionari. 61. Il tasso di interesse effettivo (rendimento effettivo) di uno strumento finanziario monetario è il tasso che, se utilizzato nel calcolo del valore attuale, determina il valore contabile dello strumento. Per il calcolo del valore attuale si applica il tasso di interesse al flusso dei futuri incassi o pagamenti finanziari a partire dalla data del bilancio fino alla prossima data di revisione dei tassi (scadenza) e al valore contabile atteso (importo capitale) a quella data. Il tasso deve essere un tasso storico per uno strumento a tasso fisso iscritto al costo ammortizzato e un tasso corrente di mercato per uno strumento a tasso variabile o per uno strumento iscritto al fair value. Il tasso di interesse effettivo è

15 qualificato talvolta come livello di rendimento alla scadenza o alla prossima data di revisione dei tassi, ed è il tasso di rendimento interno dello strumento per quel periodo. 62. Le disposizioni del paragrafo 56 (b) si applicano ai titoli obbligazionari, pagherò e strumenti finanziari monetari analoghi che comportano pagamenti futuri che generano un compenso per il possessore e un costo per l emittente che riflette il valore del denaro nel tempo. La disposizione non si applica agli strumenti finanziari quali quelli non monetari e derivati che non hanno un tasso di interesse effettivo determinabile. Per esempio, se strumenti quali quelli sui tassi di interesse, compresi swaps, contratti a termine su tassi d interesse e opzioni, sono esposti ai rischi di prezzo o di flussi finanziari in seguito alle variazioni dei tassi di interesse di mercato, l indicazione di un tasso di interesse effettivo non è rilevante. Tuttavia, nel fornire informazioni sui tassi di interesse effettivi l impresa deve indicare l effetto di coperture o di operazioni di "conversione", quali gli interest rate swaps, sulla sua esposizione al rischio dei tassi di interesse. 63. L impresa può continuare a essere esposta al rischio sui tassi di interesse relativo a un attività finanziaria rimossa dal suo bilancio a seguito di un operazione quale una cartolarizzazione. Analogamente, essa può trovarsi esposta ai rischi sui tassi di interesse a seguito di un operazione nella quale nessuna attività o passività finanziaria è rilevata nel suo stato patrimoniale, quale un impegno a prestare fondi a un tasso di interesse fisso. In tali casi, l impresa deve indicare le informazioni che consentiranno agli utilizzatori del bilancio di capire la natura e l ammontare della sua esposizione. Nel caso di una cartolarizzazione o di un analogo trasferimento di attività finanziarie queste informazioni devono comprendere, di solito, la natura delle attività trasferite, il capitale nominale, il tasso di interesse e la data di scadenza e le clausole contrattuali dell operazione che espongono ancora l impresa al rischio sui tassi di interesse. Nel caso di un impegno a prestare fondi, l illustrazione deve normalmente comprendere il capitale nominale, il tasso e la data di scadenza dell ammontare che deve essere prestato e le clausole contrattuali dell operazione significative che comportano l esposizione al rischio. 64. La natura dell attività di un impresa e l ampiezza della sua attività in strumenti finanziari determinano se le informazioni sul rischio sui tassi di interesse devono essere presentate in forma discorsiva, in tabelle o con una combinazione delle due forme. Quando un impresa ha un numero significativo di strumenti finanziari esposti ai rischi di prezzo o di flussi finanziari da tassi di interesse, essa può utilizzare una o più delle seguenti modalità di presentazione delle informazioni. (a) I valori contabili degli strumenti finanziari esposti al rischio di prezzo da tassi di interesse possono essere presentati in forma tabellare, suddivisi tra quelli che è previsto contrattualmente giungano a scadenza e quelli che saranno sottoposti a revisione dei tassi: (i) entro un anno dalla data del bilancio; (ii) tra più di un anno e meno di cinque anni dalla data del bilancio; e (iii) tra cinque anni o più dalla data del bilancio. (b) Quando il risultato economico di un impresa è influenzato significativamente dal livello della sua esposizione al rischio di prezzo da tassi di interesse, o da variazioni in tale esposizione, sono preferibili informazioni più dettagliate. Un impresa quale una banca può indicare, per esempio, i valori degli strumenti finanziari iscritti suddivisi tra quelli che è contrattualmente previsto giungano a scadenza e quelli che saranno sottoposti a revisione dei tassi: (i) entro un mese dalla data del bilancio; (ii) tra più di un mese e meno di tre mesi dalla data del bilancio; e

16 (iii) tra più di tre mesi e meno di dodici mesi dalla data del bilancio. (e) Analogamente, un impresa può indicare la sua esposizione al rischio dei flussi finanziari da tassi di interesse per mezzo di una tabella che riporti il valore contabile complessivo di gruppi di attività e di passività finanziarie a tasso variabile che giungeranno a scadenza in periodi futuri diversi. (d) Le informazioni sul tasso di interesse possono essere fornite per singoli strumenti finanziari o per tassi di interesse medi ponderati o per scaglioni di tassi per ciascuna categoria di strumenti finanziari. Un impresa deve raggruppare gli strumenti espressi in valute differenti o con rischi di credito sostanzialmente differenti in categorie distinte quando questi fattori si traducono in strumenti che hanno tassi di interessi effettivi sostanzialmente differenti. 65. In alcuni casi, l impresa può essere in grado di fornire informazioni utili sulla sua esposizione ai rischi sui tassi di interesse indicando l effetto di una ipotetica variazione del livello prevalente dei tassi di interesse di mercato sul fair value dei suoi strumenti finanziari e sui futuri guadagni e flussi finanziari. Le informazioni sulla reattività ai tassi di interesse possono basarsi su un ipotetica variazione dell 1% nei tassi di interesse di mercato che si verifichi alla data del bilancio. Gli effetti di una variazione dei tassi di interesse devono comprendere variazioni degli interessi attivi e passivi relativi agli strumenti finanziari a tasso variabile e proventi e oneri derivanti dalle variazioni dei fair value degli strumenti a tasso fisso. La reattività ai tassi di interesse da indicare può limitarsi agli effetti diretti di una variazione del tasso sugli strumenti finanziari fruttiferi di interessi posseduti alla data del bilancio, dato che gli effetti indiretti di una variazione del tasso sui mercati finanziari e sulle singole imprese non possono, di norma, essere previsti con attendibilità. Nella divulgazione delle informazioni riguardanti la reattività ai tassi di interesse l impresa deve indicare il criterio con il quale ha predisposto le informazioni, compresi i presupposti significativi. Rischio di credito 66. Per ciascuna categoria di attività finanziaria, sia rilevata sia non rilevata, l impresa deve indicare le informazioni che riguardano la sua esposizione al rischio di credito, compreso: (a) l ammontare che, alla data del bilancio, meglio rappresenta la sua massima esposizione al rischio di credito, senza prendere in considerazione il fair value di eventuali garanzie collaterali nel caso in cui le altre parti non adempiano le obbligazioni loro derivanti dagli strumenti finanziari; e (b) le concentrazioni significative di rischio di credito. 67. L impresa deve fornire le informazioni inerenti il rischio di credito per consentire ai lettori del suo bilancio di valutare la misura in cui inadempimenti delle controparti riguardo alle loro obbligazioni possano ridurre l ammontare delle entrate finanziarie future derivanti da attività finanziarie in essere alla data del bilancio. Tali inadempimenti danno origine a oneri finanziari rilevati nel conto economico dell impresa. Il paragrafo 66 non richiede che l impresa indichi una valutazione della probabilità di perdite future. 68. L indicazione degli importi esposti al rischio di credito senza considerare i potenziali recuperi ottenibili dal realizzo delle garanzie collaterali ("massima esposizione dell impresa al rischio di credito") ha lo scopo di: (a) fornire agli utilizzatori del bilancio una determinazione coerente dell importo esposto al rischio di credito per le attività finanziarie sia rilevate sia non rilevate; e (b) considerare la possibilità che la massima esposizione a perdite possa differire dal valore contabile di un attività finanziaria rilevata o dal fair value di un attività finanziaria non rilevata altrimenti indicata nel bilancio.

17 69. Nel caso di attività finanziarie rilevate nel bilancio esposte al rischio di credito, il valore delle attività iscritto nello stato patrimoniale, al netto di eventuali accantonamenti per perdite, rappresenta di solito il valore esposto al rischio di credito. Per esempio, nel caso di un interest rate swap iscritto al fair value, la massima esposizione alla perdita alla data del bilancio è, di solito, il valore contabile dato che esso rappresenta il costo di sostituzione dello swap ai tassi correnti di mercato per rimpiazzare lo swap stesso in caso di inadempimento. In tali casi, non è necessaria alcuna informazione ulteriore oltre a quella fornita nello stato patrimoniale. D altro canto, come illustrato dagli esempi contenuti nei paragrafi 70 e 71, per un impresa la perdita massima potenziale derivante da certe attività finanziarie rilevate può differire significativamente dal loro valore contabile e da altri importi indicati quali il loro fair value oil valore capitale. In tali casi per soddisfare le disposizioni del paragrafo 66 (a) sono necessarie informazioni aggiuntive. 70. Un attività finanziaria soggetta a un diritto esecutivo di compensazione con una passività finanziaria non può essere esposta nello stato patrimoniale al netto della passività a meno che sia inteso che l adempimento avvenga per il saldo netto o simultaneamente. Ciò non di meno l impresa deve indicare l esistenza del diritto legale di compensazione quando fornisce le informazioni secondo quanto previsto dal paragrafo 66. Per esempio, quando l impresa deve ricevere i corrispettivi del realizzo di un attività finanziaria prima dell adempimento di una passività finanziaria di ammontare uguale o superiore per la quale l impresa ha un diritto legale di compensazione, l impresa ha la possibilità di esercitare quel diritto di compensazione per evitare di sostenere una perdita nell ipotesi di inadempimento della controparte. Tuttavia, se l impresa reagisce, o è probabile che reagisca, all inadempimento prorogando la durata dell attività finanziaria, esisterebbe un esposizione al rischio di credito se le nuove condizioni sono tali che la riscossione dei corrispettivi è attesa successivamente alla data alla quale la passività deve essere adempiuta. Per informare gli utilizzatori del bilancio dell ammontare al quale l esposizione al rischio di credito a un dato momento si è ridotta, l impresa deve indicare l esistenza e l effetto del diritto alla compensazione quando ci si attende che l attività finanziaria sarà realizzata secondo quanto previsto dalle sue clausole contrattuali. Quando la passività finanziaria a fronte della quale esiste un diritto di compensazione deve essere adempiuta prima dell attività finanziaria, l impresa è esposta al rischio di credito per l intero valore contabile dell attività se la controparte non adempie dopo che la passività è stata adempiuta. 71. Un impresa può aver partecipato a uno o più accordi generali di compensazione che hanno lo scopo di diminuire la sua esposizione alle perdite su crediti ma che non hanno i requisiti per la compensazione. Quando un accordo generale di compensazione riduce significativamente il rischio di credito relativo alle attività finanziarie non compensate con passività finanziarie in essere con la stessa controparte, l impresa deve fornire informazioni aggiuntive riguardanti gli effetti dell accordo. Tali informazioni devono riportare che: (a) il rischio di credito relativo alle attività finanziarie soggette a un accordo generale di compensazione è eliminato solo nella misura in cui le passività finanziarie dovute alla stessa controparte saranno adempiute dopo il realizzo delle attività; e (b) l ammontare per il quale l esposizione complessiva di un impresa al rischio di credito si riduce per mezzo di un accordo generale di compensazione può variare sostanzialmente in breve tempo dopo la data del bilancio, poiché l esposizione è influenzata da ciascuna operazione rientrante nell accordo. E auspicabile che l impresa indichi anche le clausole dei suoi accordi generali di compensazione che determinano la misura della riduzione del suo rischio di credito. 72. Quando non esiste rischio di credito relativo a un attività finanziaria non rilevata o l esposizione massima è uguale al capitale, esposto, facciale o altro analogo valore contrattuale dello strumento indicato secondo quanto previsto dal

18 paragrafo 47, o il fair value indicato secondo quanto previsto dal paragrafo 77, non è richiesta alcuna indicazione ulteriore per rispettare le disposizioni del paragrafo 66 (a). Tuttavia, per alcune attività finanziarie non rilevate, la perdita massima che potrebbe dover essere rilevata a seguito dell inadempimento dell altra parte che partecipa allo strumento sottostante può differire sostanzialmente dagli importi indicati secondo quanto previsto dai paragrafi 47e 77. Per esempio, un impresa può avere il diritto a ridurre la perdita che altrimenti sosterrebbe compensando un attività finanziaria non rilevata con una passività finanziaria non rilevata. In tali casi il paragrafo 66 richiede che siano fornite indicazioni in aggiunta a quelle fornite secondo quanto previsto dai paragrafi 47 e Garantire l'obbligazione di una parte espone il garante al rischio di credito che deve essere considerato nelle indicazioni richieste dal paragrafo 66. Questa situazione può verificarsi, per esempio, in seguito a un operazione di cartolarizzazione nella quale l impresa continua a essere esposta al rischio di credito associato alle attività finanziarie rimosse dal suo bilancio. Se l impresa è tenuta da accordi di rivalsa a indennizzare l acquirente delle attività per perdite su crediti, essa deve indicare la natura delle attività rimosse dal bilancio, l importo e i tempi dei futuri flussi finanziari contrattualmente dovuti relativi a quelle attività, le clausole contrattuali dell obbligazione di rivalsa e la perdita massima che potrebbe derivare da tale obbligazione (vedere IAS 37, Accantonamenti, passività e attività potenziali). 74. Le concentrazioni dei rischi di credito devono essere indicate quando esse non risultano evidenti da altre informazioni riguardanti la natura e la posizione finanziaria dell azienda e si traducono in una rilevante esposizione a perdite nel caso di inadempimento delle controparti. L identificazione delle concentrazioni significative è soggetta a valutazione da parte della direzione aziendale, tenuto conto della situazione dell impresa e dei suoi debitori. Lo IAS 14, Informativa di settore, fornisce indicazioni utili per identificare i settori di attività e le aree geografiche nelle quali si possono presentare le concentrazioni dei rischi di credito. 75. Le concentrazioni dei rischi di credito possono derivare dalle esposizioni verso un singolo debitore o verso un gruppo di debitori con caratteristiche analoghe tali che la loro capacità di adempiere alle loro obbligazioni si ritiene venga influenzata in modo simile dai cambiamenti economici o di altre condizioni. Tra le variabili che possono dare origine a una concentrazione di rischi rientrano la natura delle attività intraprese dai debitori, quali il settore operativo, l area geografica nella quale operano e il livello di solvibilità di gruppi di debitori. Per esempio, un industria produttrice di impianti per il settore del petrolio e del gas avrà normalmente crediti commerciali derivanti dalla vendita dei suoi prodotti per i quali il rischio di non essere pagata è influenzato dai cambiamenti economici nel settore del petrolio e del gas. Una banca che normalmente concede finanziamenti in ambito internazionale può avere nel proprio portafoglio un ammontare significativo di prestiti a nazioni in via di sviluppo e la sua capacità di realizzare quei prestiti può essere influenzata negativamente dalle condizioni economiche locali. 76. Le informazioni sulle concentrazioni dei rischi di credito devono comprendere una descrizione della caratteristica comune che identifica ogni concentrazione e l importo della massima esposizione al rischio di credito relativo a tutte le attività finanziarie, sia rilevate sia non rilevate, che con-dividono quella caratteristica. Fair value 77. Per ciascuna categoria di attività e passività finanziarie, sia rilevata sia non rilevata, l impresa deve fornire informazioni sul loro fair value. Quando vincoli di tempo o di costo impediscono una determinazione sufficientemente attendibile delfair value di un attività o di una passività finanzia ria, questo fatto deve essere indicato insieme alle informazioni sulle caratteristiche principali riguardanti il fair value dello strumento finanziario sottostante. 78. Le informazioni sul fair value sono largamente utilizzate per determinare la

19 posizione finanziaria complessiva di un impresa e per prendere decisioni riguardanti singoli strumenti finanziari. Esse sono anche rilevanti per molte decisioni prese dagli utilizzatori del bilancio poiché, in molti casi, riflettono la valutazione dei mercati finanziari sul valore attuale dei flussi finanziari futuri attesi relativi a uno strumento. Le informazioni sul fair value consentono la comparazione di strumenti finanziari aventi, di fatto, le stesse caratteristiche economiche, indipendentemente dalle loro finalità e da quando e da chi essi siano stati emessi o acquistati. I fair value forniscono un criterio neutro per la valutazione della conduzione amministrativa della direzione aziendale, indicando gli effetti delle sue decisioni di acquistare, vendere o possedere attività finanziarie e di sostenere, mantenere o liquidare passività finanziarie. Quando un impresa non riporta nel suo stato patrimoniale un attività o una passività finanziaria al fair value essa deve fornire informazioni supplementari sul fair value. 79. il fair value di un attività o di una passività finanziaria può essere determinato con uno dei numerosi metodi comunemente accettati. Le indicazioni sulle informazioni riguardanti il fair value devono comprendere l indicazione del metodo adottato e qualsiasi significativo presupposto della sua applicazione. 80. Sottostante alla definizione di fair value deve sussistere il presupposto che si tratti di impresa in funzionamento senza alcuna intenzione o necessità che essa sia posta in liquidazione, debba ridurre drasticamente la sua attività o intraprendere operazioni a condizioni sfavorevoli. Il fair value non è, perciò, il valore che un impresa riceverebbe o pagherebbe in un operazione imposta, in una liquidazione involontaria o in una vendita sottocosto. Tuttavia, nella determinazione del fair value delle sue attività e passività finanziarie, l impresa deve prendere in considerazione la sua situazione attuale. Per esempio, il fair value di un attività finanziaria che l impresa ha deciso di vendere in contanti nell immediato futuro è determinato dal valore che essa si attende di ottenere da tale vendita. Il corrispettivo liquido da realizzare da una vendita immediata sarà influenzato da fattori quali la liquidità corrente e l ampiezza del mercato potenziale di quella attività. 81. Quando uno strumento finanziario è trattato in un mercato attivo e per contanti il suo prezzo di mercato corrente, rettificato dei costi da sostenere in un operazione effettiva, fornisce la miglior evidenza del fair value. Il prezzo corrente di mercato più appropriato per un attività posseduta o per una passività da emettere è solitamente il prezzo corrente offerto dall acquirente e, per un attività da acquistare o per una passività posseduta, il prezzo corrente di offerta o richiesta. Quando i prezzi correnti della domanda e dell offerta non sono disponibili, il prezzo dell operazione più recente può fornire la conoscenza migliore del fair value corrente posto che, tra la data dell operazione e la data di riferimento del bilancio, non sia intervenuto un cambiamento significativo della situazione economica. Quando un impresa ha posizioni di attività e di passività che si pareggiano, essa può correttamente utilizzare i prezzi medi di mercato come criterio per la determinazione dei fair value. 82. Quando un mercato è poco attivo o non è ben consolidato (quali, per esempio, alcuni mercati "over the counter") o i volumi degli strumenti finanziari scambiati sono limitati relativamente alla quantità di strumenti finanziari da valutare, i prezzi di mercato possono non essere indicativi del fair value dello strumento. In tali casi, come quando non è disponibile un prezzo corrente di mercato, possono essere impiegate tecniche di valutazione per determinare con sufficiente attendibilità un fair value per soddisfare le disposizioni del presente Principio. Le tecniche consolidate nei mercati finanziari includono il riferimento al fair value di mercato di un altro strumento sostanzialmente simile, l analisi dei flussi finanziari attualizzati e metodi di determinazione del prezzo delle opzioni. Nell applicazione dei flussi finanziari attualizzati, l impresa deve utilizzare un tasso di sconto uguale al tasso d interesse prevalente sul mercato per strumenti finanziari che hanno sostanzialmente le stesse clausole e caratteristiche, compresa la solvibilità del debitore, il periodo di tempo rimanente per il quale il tasso di interesse è fissato, il periodo di tempo rimanente per la restituzione del capitale e la valuta nella quale devono essere eseguiti i pagamenti. 83. il fair value di un attività odi una passività finanziaria per l impresa, sia

20 ricavato dal valore di mercato sia in altro modo, è calcolato senza che siano dedotti i costi che devono essere sostenuti per scambiare o adempiere a quanto previsto dallo strumento finanziario sottostante. I costi possono essere relativamente irrilevanti per strumenti trattati in mercati organizzati e per contanti, ma possono essere rilevanti per altri strumenti. I costi dell operazione possono dover comprendere imposte e tasse, compensi e commissioni ad agenti, consulenti, intermediari finanziari od operatori e balzelli ad autorità di vigilanza e controllo. 84. Quando uno strumento non è trattato in un mercato finanziario organizzato può non essere appropriato che l impresa determini e indichi un singolo ammontare come stima del fair value. Può essere più utile indicare una fascia di valori nella quale è ragionevole ritenere ricada il fair value dello strumento finanziario. 85. Quando vengono omesse le informazioni sui fair value perché non è possibile determinare il fair value con sufficiente attendibilità, devono essere fornite informazioni per aiutare gli utilizzatori del bilancio a effettuare le loro valutazioni circa la misura delle possibili differenze tra il valore delle attività e delle passività finanziarie iscritto e il loro fair value. Oltre alla spiegazione delle ragioni dell omissione e delle principali caratteristiche degli strumenti finanziari pertinenti alla determinazione del loro valore, devono essere fornite informazioni sul mercato ditali strumenti. In alcuni casi le clausole contrattuali e le condizioni generali degli strumenti illustrate secondo quanto previsto dal paragrafo 47 possono fornire informazioni sufficienti sulle caratteristiche dello strumento. Quando la direzione aziendale ha una base ragionevole per farlo, essa può riportare la sua opinione sul rapporto tra il fair value e il valore contabile delle attività e delle passività finanziarie delle quali non è possibile determinare il fair value. 86. Il costo storico iscritto per i crediti e i debiti sottoposti a normali condizioni di credito approssima solitamente il fair value. Analogamente, il fair value di una passività rappresentata da depositi senza una scadenza specifica rappresenta l ammontare pagabile a richiesta alla data di riferimento del bilancio. 87. Le informazioni sul fair value relative a categorie di attività e di passività finanziarie rilevate nello stato patrimoniale a un valore diverso da quello normale devono essere fornite in modo tale da consentire la comparazione tra il valore contabile e il fair value. Di conseguenza, i fair value di attività e di passività finanziarie rilevate devono essere raggruppati in categorie e compensati solo nella misura in cui lo siano i loro relativi valori contabili. I fair value di attività e di passività finanziarie non rilevate devono essere esposti in una o più categorie distinte dagli elementi rilevati e possono essere compensati solo nella misura in cui essi soddisfino i requisiti per la compensazione delle attività e delle passività finanziarie rilevate. Attività finanziarie iscritte a un valore superiore al fair value 88. Quando un impresa iscrive una o più attività finanziarie a un valore eccedente i loro valori correnti essa deve indicare: (a) il valore contabile e il fair value delle singole attività o di appropriati raggruppamenti di quelle singole attività; e (b) i motivi per i quali il valore contabile non viene ridotto, inclusa la natura delle evidenze che inducono la direzione aziendale a ritenere che il valore contabile sarà realizzato. 89. La direzione aziendale opera delle valutazioni per determinare l ammontare che si attende di ottenere da un attività finanziaria e per stabilire se il valore contabile dell attività debba essere svalutato quando esso supera il fair value. Le informazioni richieste dal paragrafo 88 forniscono agli utilizza-tori del bilancio un criterio per comprendere le valutazioni della direzione aziendale e per accertare la possibilità che la situazione possa cambiare e condurre in futuro a una riduzione del valore contabile dell attività. Quando appropriato, le informazioni richieste dal paragrafo 88 (a) possono essere raggruppate in modo da riflettere i motivi che

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli