GOVERNO RENZI RIFORMA P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GOVERNO RENZI RIFORMA P.A."

Transcript

1 GOVERNO RENZI RIFORMA P.A. Modelli unici nazionali per SCIA e permesso di costruire ROMA 30/04/2014 Il Governo Renzi ha reso noto che successivamente alla consultazione telematica sulle "100 procedure più complicate da semplificare" in cui in cima alla graduatoria delle complicazioni, sia per cittadini che per le imprese, appaiono il fisco e l'edilizia, il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Maria Anna Madia ha capito che una delle priorità è quella di ridurre la babele di norme regionali e regolamenti comunali che rendono lunghe ed incerte le procedure e le autorizzazioni edilizie. Tra l altro anche nell audizione sulle linee programmatiche presso le commissioni riunite I e XI della Camera dei deputati il Ministro Madia aveva già parlato di semplificare la semplificazione e tra gli obiettivi aveva posto quello dell introduzione di modelli unici standardizzati per il permesso di costruire, per la SCIA edilizia, per l autorizzazione unica ambientale. Modelli che il cittadino possa scaricare da Internet e compilare, in qualsiasi comune si trovi il suo immobile. In verità già nel mese di giugno dello scorso anno, il precedente Ministro Gianpiero D Alia, in fase di presentazione delle linee programmatiche alle Commissioni Affari costituzionali e Lavoro della Camera, aveva preannunciato che la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), avrebbe avuto un modello standard valido sull intero territorio nazionale, da usare per la dichiarazione al Comune di inizio dei lavori o per avviare, modificare e cessare un attività produttiva, senza aspettare i 30 giorni previsti nella DIA (Dichiarazione di inizio attività) ma, come sappiamo non se ne fece niente. E nel mese di gennaio di quest anno la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) aveva inviato al Ministro per la Pubblica Amministrazione e la semplificazione Giampiero D Alia un interessante documento recante Proposte per la semplificazione in edilizia, urbanistica e riuso, settore agricolo e agroindustriale. Il documento, in effetti, contiene interessanti proposte in merito alla semplificazione amministrativa in materia urbanistico-edilizia ed ambientale ed, in particolare tratta, tra l altro, la semplificazione urbanistica, il superamento dei vecchi regolamenti edilizi comunali, l istituzione del fascicolo della sicurezza del fabbricato e la semplificazione della normazione tecnica. Oggi, il ministro Madia sembra abbia inserito la semplificazione delle procedure edilizie nel decreto-legge sulla Riforma della Pubblica Amministrazione in arrivo in uno dei prossimi Consigli dei ministri. Ed una delle misure per la semplificazione del settore edile contenuta all interno del decreto-legge dovrebbe essere quella di un modello standard nazionale per la richiesta del permesso di costruire e la presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (Scia). Successivamente, poi, alla riforma del titolo V della Costituzione che dovrebbe riportare l'edilizia privata tra le competenze esclusive statali, sarà possibile studiare un regolamento edilizio unico nazionale.

2 COMUNE DI CESENATICO CAP PROVINCIA DI FORLI' CESENA - TEL. 0547/ FAX 0547/83820 * * * * * Settore Sviluppo del Territorio Servizio Edilizia Privata REGOLAMENTO EDILIZIO MODIFICA 124 Disposizioni finali e transitorie IN VIGORE DAL 1 OTTOBRE 2012 Preadottato con delibera consiliare n. 639 del , approvato con delibera consiliare n. 216 del , pubblicato all Albo Pretorio dal al Pubblicato sul B.U.R. dell Emilia Romagna n. 90 in data Modificato con: - Delibera del Consiglio Comunale n. 251 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 008 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 164 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 113 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 029 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 063 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 114 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 078 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 010 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 026 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 020 del ; - Delibera del Consiglio Comunale n. 075 del

3 STATO ATTUALE Disposizioni finali e transitorie Qualsiasi norma regionale e statale di carattere ordinativo susseguente l'entrata in vigore del presente regolamento si intende immediatamente acquisita in variante al medesimo. Sono fatti salvi dall'osservanza delle presenti norme i titoli abilitativi rilasciati in data antecedente l'entrata in vigore del presente regolamento qualora successivamente non siano assoggettati a varianti essenziali. I procedimenti relativi all attività edilizia in corso alla data di adozione di nuovi strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica o loro varianti, per i quali non sia stato possibile garantire la partecipazione degli interessati al procedimento di formazione degli strumenti medesimi, come previsto dall art. 8, comma III, della L.R , n. 20, sono conclusi secondo la normativa previgente.

4 STATO MODIFICATO Disposizioni finali e transitorie e metodologia per l individuazione delle pratiche edilizie da assoggettare a controllo a campione Qualsiasi norma regionale e statale di carattere ordinativo susseguente l'entrata in vigore del presente regolamento si intende immediatamente acquisita in variante al medesimo. Sono fatti salvi dall'osservanza delle presenti norme i titoli abilitativi rilasciati in data antecedente l'entrata in vigore del presente regolamento qualora successivamente non siano assoggettati a varianti essenziali. I procedimenti relativi all attività edilizia in corso alla data di adozione di nuovi strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica o loro varianti, per i quali non sia stato possibile garantire la partecipazione degli interessati al procedimento di formazione degli strumenti medesimi, come previsto dall art. 8, comma III, della L.R , n. 20, sono conclusi secondo la normativa previgente. Punto 1) Metodologia per l individuazione delle pratiche da assoggettare a controllo. Presso il Settore Sviluppo del Territorio viene istituito un Ufficio ai Tecnici Liberi Professionisti di FRONT OFFICE attraverso il quale si intende collaborare con i Tecnici stessi per poter fornire un esame preventivo solo inerente alla documentazione relativa alla singola pratica presentata sulla quale verrà rilasciato un visto front office. A) Pratiche edilizie da assoggettare a controllo: a. tutte le pratiche di Permesso di Costruire delle quali sia stato comunicato l inizio lavori essendo decorso il termine per il rilascio del provvedimento (silenzio assenso), di cui al comma 10 dell art. 13 della Legge R. n. 31/2002; b.tutte le pratiche o interventi edilizi privi di titolo abilitativo dei quali sia pervenuta denuncia di privati cittadini o su segnalazione degli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria; c. le pratiche (C.I.A. S.C.I.A. e P.d.C.) presentate prive del visto front office dell Ufficio Tecnico sempre nell ambito del 30% delle pratiche presentate; d. relativamente ai depositi sismici, gli interventi da assoggettare sempre a controllo di merito nelle seguenti categorie, sono: I. opere di interesse strategico (classe III e IV) (art. 20 comma 5 del D.L. 248 del 31/12/2007); II. opere di adeguamento sismico ( del D.M. del 14/01/2008); III. interventi edilizi in sanatoria con opere (art. 22 comma 2 L.R. 19/08); IV. opere da eseguire in abitati dichiarati da consolidare (art. 61 D.P.R. 380/01); V. interventi di sopraelevazione (art. 90 D.P.R. 380/01); in considerazione del fatto che gli interventi di cui ai punti I-III-IV-V sono sempre stati soggetti ad autorizzazione, quindi a verifica di merito, anche prima della entrata in vigore della L.R.19/2008, in vigenza di norme che prevedevano il deposito-progetto generalizzato e gli interventi di cui al punto II, effettuati su edifici esistenti rappresentano elementi di particolare rilevanza per la riqualificazione del patrimonio edilizio; e. le pratiche di Comunicazione di Inizio Attività sorteggiate pari al 30%; f. le pratiche di Segnalazione Certificata di Inizio Attività sorteggiate pari al 30%; g. le pratiche di Permesso di Costruire sorteggiate dopo l'inizio dei lavori e le relative domande del Certificato di Conformità Edilizia e Agibilità riguardanti tutte le funzioni sorteggiate pari al 20%; h. le pratiche di Deposito sismico inerenti S.C.I.A. e P.d.C. sorteggiate pari al 20% o al 30% nell'ambito delle precedenti lettere; Punto 2) Determinazione del numero di controlli a campione da effettuare ogni settimana: A) Comunicazione di Inizio Attività (C.I.A.) Il numero di controlli a campione da effettuare, ogni settimana, sarà determinato in un numero, arrotondato per eccesso, pari al 30% delle pratiche di C.I.A presentate nella settimana precedente, sottratto: a. il numero di controlli di vigilanza effettuati dall Ufficio competente, in riferimento ad interventi edilizi ricompresi nella fattispecie riconducibile al regime di C.I.A., a seguito di denuncia di privati

5 cittadini o su segnalazione degli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria; b. il numero delle pratiche presentate prive del visto front office dell Ufficio Tecnico. B) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) Il numero di controlli a campione da effettuare ad ogni settimana sarà determinato in un numero, arrotondato per eccesso, pari al 30% delle pratiche di S.C.I.A presentate nella settimana precedente, sottratto: a. il numero di controlli di vigilanza effettuati dall Ufficio competente, in riferimento ad interventi edilizi ricompresi nella fattispecie riconducibile al regime di S.C.I.A., a seguito di denuncia di privati cittadini o su segnalazione degli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria; b. il numero delle pratiche presentate prive del visto front office dell Ufficio Tecnico. C) Permessi di costruire (P.d.C.), Deposito Sismico e Conformità Edilizia - Agibilità Prima del rilascio del Titolo saranno singolarmente istruiti, poi dopo l inizio lavori saranno sottoposti ad un unico sorteggio con controllo su ogni pratica sorteggiata, in corso d opera, di deposito sismico e di conformità edilizia - agibilità finale. Il numero di controlli a campione da effettuare ogni mese sarà determinato in un numero, arrotondato per eccesso, pari al 20% delle pratiche di P.d.C. in cui l inizio lavori sia stato comunicato entro la settimana precedente. Punto 3) Ripartizione del numero di controlli a campione in riferimento agli elenchi Formati Il sorteggio verrà effettuato ogni settimana, per le pratiche C.I.A. e S.C.I.A. ed ogni mese per le pratiche di P.d.C. come da punto 2, tramite il programma di generazione di numeri casuali disponibile sul sito della Regione Emilia Romagna (www.regione.emilia-omagna.it/sin_ info/ generatore), con seme generatore pari alla data del giorno di estrazione (ad esempio: se nell'anno 2012 in agosto un lunedì fosse il giorno 10, il seme generatore sarebbe ), che verrà trasmesso on line sul sito del Comune di Cesenatico. Del risultato dell estrazione dei numeri verrà eseguita una stampa che verrà vidimata dal Responsabile del Settore Sviluppo del Territorio e pubblicata sul sito del Comune di Cesenatico. Punto 4) Avviso di avvio del procedimento di controllo a campione e calendario dei sopralluoghi Dell avvenuto inserimento della pratica nell elenco di quelle da assoggettarsi al controllo a campione derivanti dal sorteggio, il Responsabile del Procedimento, ne darà notizia mediante affissione nella bacheca del Settore Sviluppo del Territorio e sul sito del Comune di Cesenatico. A sorteggio avvenuto, e quindi dopo la determinazione del campione da verificare, in tempi da stabilire, verrà redatto il calendario dei sopralluoghi attribuendo ad ognuno un opportuno periodo di tempo, secondo la difficoltà stimata. Della verifica il Responsabile del Procedimento darà comunicazione al Titolare delle opere edilizie ed al Direttore dei Lavori. La visita di controllo sarà effettuata dai Tecnici Comunali coadiuvati da Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria dell Ufficio Edilizia Privata e, occorrendo, da Consulenti Specialistici. Punto 5) Modalità di Controllo A) Controlli da eseguire a. Controlli d Ufficio: - corrispondenza tra i precedenti autorizzativi dell immobile, asseverato dal Tecnico Professionista nelle pratiche edilizie, così come rappresentato nelle pratiche precedenti depositate nell archivio dell Ufficio Tecnico comunale, tale verifica verrà svolta dai tecnici del Servizio Edilizia Privata. - verifica delle dichiarazioni rese ai sensi di legge dal tecnico progettista contenute nella modulistica allegata alle pratiche edilizie; - verifica del rispetto dell intervento alla normativa edilizio-urbanistica comunale vigente al momento dell asseverazione (C.I.A. o S.C.I.A.) o della formazione del silenzio-assenso (P.d.C.).nella fattispecie prevista dall art. 13, comma 10 della L.R. n 31/2002 e s. m. e i. Nell ipotesi di pratiche edilizie per le quali sia già stato effettuata l istruttoria per la verifica di conformità edilizio-urbanistica da parte dell Ufficio tecnico, non si procederà di norma ad una ulteriore verifica. Verranno inoltre controllati i Depositi di pratiche sismiche inerenti S.C.I.A. e P.d.C. sorteggiate pari al 20% o al 30% nell'ambito dei precedenti punti;

6 B) Controlli da effettuare mediante sopralluogo a. ESTERNI DEL FABBRICATO: - verifica delle dimensioni del fabbricato: lunghezza, larghezza, rientranze e sporgenze planimetriche, altezza, ubicazione sul lotto; - controllo a vista dei prospetti con il criterio degli allineamenti degli elementi della facciata: finestre, balconi, cornici e paramenti, avvalendosi anche, se ritenuto opportuno, di misurazioni; - verifica della eventuale sistemazione dell area pertinenziale secondo quanto indicato nel progetto: parcheggi, aree verdi, recinzioni, passi carrai e soluzioni finalizzate alla eliminazione delle barriere architettoniche; - verifica delle prescrizioni specifiche del titolo abilitativo, se non riconducibili a pareri espressi da Enti a cui compete l accertamento in via esclusiva. b. INTERNI DEL FABBRICATO - verifica della conformità planimetrica dell edificio rispetto al progetto, mediante controllo di tutti i vani, avvalendosi anche, se ritenuto opportuno, di misurazioni; - verifica delle altezze interne di tutti i piani (nei sottotetti a falda inclinata verrà rilevata l altezza massima e quella minima); - verifica del rispetto delle eventuali condizioni e prescrizioni particolari riportate nell atto abilitativo, se non riconducibili a pareri espressi da Enti a cui compete l accertamento in via esclusiva; - verifica della conformità dell opera a quanto attestato nella relazione sul superamento delle barriere architettoniche e il rispetto della normativa vigente in materia (art. 24 L. 104/92). C) Relazione di sopralluogo Al termine del sopralluogo sarà redatta apposita relazione tecnica con l esito dello stesso. D) Provvedimenti a seguito della relazione di sopralluogo Nel caso in cui siano accertate difformità delle opere in corso rispetto al titolo abilitativo e/o alle norme urbanistiche edilizie vigenti, si procederà all applicazione delle sanzioni. E) Monitoraggio annuale Nel corso del mese di gennaio di ogni anno dovrà essere fatta una verifica riepilogativa del numero di controlli relativi alle pratiche di Comunicazione di Inizio Attività (C.I.A.) (S.C.I.A) e di Permesso di Costruire (P.d.C.) presentate nel corso dall anno precedente, finalizzata al rispetto delle percentuali di controlli minimi stabiliti dalla Legge R. n. 31/02. Punto 6) Misure Transitorie Il primo sorteggio dei controlli verrà effettuato utilizzando quattro elenchi: - elenco n 1 per le C.I.A.; - elenco n 2 per le S.C.I.A. e deposito sismico; - elenco n 3 per i P.d.C e deposito sismico; - elenco n 4 per i P.d.C e agibilità; Questo sorteggio sarà effettuato in riferimento alle pratiche presentate a partire dal Lunedì successivo all'entrata in vigore del presente articolato. Punto 7) Sperimentazione, gestione e sanzioni La presente procedura sarà svolta in via sperimentale per un anno dalla sua entrata in vigore per ottimizzare le azioni e le procedure, nel contempo verranno non applicate eventuali sanzioni. La determinazione delle sanzioni sarà effettuata tramite successivo provvedimento Dirigenziale, a termine di legge. Il Dirigente del Settore organizza a livello gestionale il lavoro e le metodologie per i controlli, al fine di ottimizzarli. Si specifica che ogni singola pratica di C.I.A., S.C.I.A. e P.d.C. verrà sottoposta a sorteggio UNA SOLA VOLTA. Ogni norma contenuta nel presente Regolamento Edilizio in contrasto con il presente articolo si intende abrogata.

7

8 PROGETTO DELL UFFICIO DI PIANO COMUNE di CESENATICO R.U.E 2014 METODOLOGIA DI LAVORO Esplicitazione dei contenuti del PSC - Piano Strutturale Comunale -, adottato con Delibera di C.C.N 29974/42 del 30/3/ 2009,ed approvato con delibera di Consiglio Provinciale n /146/2010,e 98998/189/2010, in vigore dal2010; Ricerca delle coerenze tra PRG 98, PSC e RUE Confronto con il Settore Pianificazione Territoriale della Provincia di Forlì- Cesena Cfr. RER L. R. LUGLIO 2013, N.15 - SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA RECEPIMENTO DOCUMENTAZIONE S.U.E (Sportello Unico Edilizia) Servizi Edilizia Privata e Attività Produttive Confronto con i Responsabili di Servizio Urbanistica,Edilizia Privata,Attività Produttive e Segreteria Generale per impostazione della struttura RUE Confronto per definizione procedure, definizioni e metodologia di lettura del PRG 98 Cfr. RER L. R. LUGLIO 2013, N.15 - SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA INCONTRI CON UFFICIO SIT Confronto con ufficio SIT per definizione delle specifiche tecniche funzionali alla stesura cartografica del RUE in spacchettamento del PRG 98. ANALISI DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PSC Integrazione del Quadro Conoscitivo per stesura disciplina RUE Definizione tematismi da RUE in coerenza con disciplina PSC

9

10 R.U.E. di CESENATICO ANALISI/OBBIETTIVI POLITICI E TECNICI Riduzione - 18bis L.R. 20/2000 Normativa - NO- Leggi Statali e Regionali PARTECIPAZIONE Società Civile/Economica per obbiettivi comuni allo sviluppo SBUROCRATIZZAZIONE effettiva delle Procedure Edilizie FILOSOFIA DEL R.U.E. Oggi nel PRG si eseguono interventi edilizi solo se specificatamente e puntualmente normati. Domani nel RUE non si possono eseguire solo gli interventi specificatamente vietati.

11

12 LEGGE REGIONALE N 20/ Regolamento Urbanistico ed Edilizio (RUE) (modificati commi 1,2,3, aggiunta lett. b bis) comma 2, aggiunto comma 2-bis e abrogata lett.a) comma 4 da art. 30 L.R. 6 luglio 2009 n. 6) 1. Il Regolamento Urbanistico ed Edilizio (RUE) contiene le norme attinenti alle attività di costruzione, di trasformazione fisica e funzionale e di conservazione delle opere edilizie, ivi comprese le norme igieniche di interesse edilizio, nonché la disciplina degli elementi architettonici e urbanistici, degli spazi verdi e degli altri elementi che caratterizzano l'ambiente urbano. 2. Il RUE, in conformità alle previsioni del PSC, stabilisce la disciplina generale relativa ai seguenti interventi: a) le trasformazioni negli ambiti consolidati e nel territorio rurale; b) gli interventi diffusi sul patrimonio edilizio esistente sia nel centro storico sia negli ambiti da riqualificare; b bis) le modalità di intervento su edificio e impianti per l'efficienza energetica e le modalità di calcolo degli eventuali incentivi per il raggiungimento di livelli prestazionali superiori al requisito minimo di prestazione energetica previsto dalle norme in vigore; c) gli interventi negli ambiti specializzati per attività produttive di cui al comma 6 dell'art. A-13 dell'allegato. 2-bis. Il RUE può stabilire, per le parti del territorio specificamente individuate dal PSC, e in conformità alle previsioni del medesimo piano, la disciplina particolareggiata degli usi e delle trasformazioni ammissibili, dettandone i relativi indici e parametri urbanistici ed edilizi. 3. Gli interventi di cui ai commi 2 e 2 bis non sono soggetti al POC e sono attuati attraverso intervento diretto. 4. Il RUE contiene inoltre: a) (Abrogata). b) la disciplina degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione; c) le modalità di calcolo delle monetizzazioni delle dotazioni territoriali. 5. Il RUE è approvato in osservanza degli atti di coordinamento tecnico di cui all'art. 16 ed è valido a tempo indeterminato. 33 Procedimento di approvazione del RUE (sostituito comma 2 da art. 29 L.R. 19 dicembre 2002 n. 37, in seguito aggiunto comma 4-bis da art. 34 L.R. 6 luglio 2009 n. 6) 1. Il Comune adotta il RUE e procede al suo deposito presso la propria sede per sessanta giorni, dandone avviso su almeno un quotidiano a diffusione locale. Entro la scadenza del termine di deposito chiunque può formulare osservazioni. 2. Il Comune decide sulle osservazioni presentate ed approva il RUE. 3. Il medesimo procedimento si applica anche per le modifiche al RUE. 2. Copia integrale del RUE approvato è trasmessa alla Provincia e alla Regione ed è depositata presso il Comune per la libera consultazione. La Regione provvede alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale dell'avviso dell'avvenuta approvazione del piano. Dell'approvazione è data altresì notizia, a cura dell'amministrazione comunale, con avviso su almeno un quotidiano a diffusione locale. 3. Il RUE entra in vigore dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione dell'avviso di cui al comma Ogni modifica del RUE comporta l'obbligo della sua redazione in forma di testo coordinato. 4-bis. Il RUE, qualora presenti la disciplina particolareggiata di parti del territorio urbanizzato di cui all'articolo 29, comma 2-bis, è adottato ed approvato con il procedimento previsto dall'articolo 34.

13 34 Procedimento di approvazione del POC (sostituito comma 8 da art. 29 L.R. 19 dicembre 2002 n. 37, in seguito modificato comma 2 da art. 35 L.R. 6 luglio 2009 n. 6) 1. Il procedimento disciplinato dal presente articolo trova applicazione per l'elaborazione e l'approvazione del POC e delle sue modifiche. La medesima disciplina si applica altresì al Piano comunale delle Attività Estrattive (PAE) e ai piani settoriali comunali con valenza territoriale per i quali la legge non detti una specifica disciplina in materia. 2. Nella predisposizione del POC, il Comune attua le forme di consultazione e partecipazione nonché di concertazione con le associazioni economiche e sociali previste dallo Statuto o da appositi regolamenti. Per la predisposizione dei POC relativi ad interventi di riqualificazione urbana, il Comune attua speciali modalità di consultazione dei cittadini che risiedono o operano nell'ambito di riqualificazione ovvero negli ambiti urbani interessati dagli effetti della riqualificazione, quali l'istruttoria pubblica e il contradditorio pubblico, nonché le forme di partecipazione degli operatori pubblici e privati, stabilite dall'articolo 30, comma I pareri e gli atti di assenso comunque denominati previsti dalla legislazione vigente in ordine ai piani regolatori generali sono rilasciati dalle amministrazioni competenti in sede di formazione del POC, in coerenza con le valutazioni espresse ai sensi del comma 3 dell'art Il POC è adottato dal Consiglio ed è depositato presso la sede del Comune per sessanta giorni dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione dell'avviso dell'avvenuta adozione. L'avviso contiene l'indicazione della sede presso la quale il piano è depositato e dei termini entro i quali chiunque può prenderne visione. L'avviso è pubblicato altresì su almeno un quotidiano a diffusione locale e il Comune può attuare ogni altra forma di divulgazione ritenuta opportuna. 5. Entro la scadenza del termine di deposito di cui al comma 4 chiunque può formulare osservazioni. 6. Contemporaneamente al deposito, il POC viene trasmesso alla Provincia la quale, entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla data di ricevimento, può formulare riserve relativamente a previsioni di piano che contrastano con i contenuti del PSC o con le prescrizioni di piani sopravvenuti di livello territoriale superiore. Trascorso inutilmente tale termine si considera espressa una valutazione positiva. 7. Nei sessanta giorni successivi alla scadenza del termine di cui al comma 4, il Consiglio comunale decide in merito alle osservazioni presentate, adegua il piano alle riserve formulate ovvero si esprime sulle stesse con motivazioni puntuali e circostanziate ed approva il piano. 8. Copia integrale del piano approvato è trasmessa alla Provincia e alla Regione ed è depositata presso il Comune per la libera consultazione. La Regione provvede alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale dell'avviso dell'avvenuta approvazione del piano. Dell'approvazione è data altresì notizia, a cura dell'amministrazione comunale, con avviso su almeno un quotidiano a diffusione locale. 9. Il piano entra in vigore dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione dell'avviso dell'approvazione, ai sensi del comma 8.

14 REDAZIONE DEL QUADRO CONOSCITIVO DEL RUE Approfondimenti relativi agli ambiti oggetto di disciplina particolareggiata Analisi dettagliata e definizione di strategie in coerenza con il PSC per i CS Analisi dei sistemi paesaggistico, ambientali e loro valorizzazione ELABORATI DEL QUADRO CONOSCITIVO DEL RUE Testo Tavola. Tavola. Relazione Classificazione dei fabbricati del Centro Storico di Cesenatico Classificazione dei fabbricati del Centro Storico - Fabbricati storici nel forese REDAZIONE DELLE NORME DEL RUE E DEGLI ALLEGATI AL RUE Testo Norme Allegato Censimento edifici di valore storico- architettonico ( A8, A9 Comma2, LR 20/2000)

15 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Capitolo 1 Finalità, oggetto, elaborati costitutivi, parametri 1 Finalità delle norme e degli elaborati grafici Capitolo 2 Attuazione del R.U.E. Definizioni Urbanistiche (D.A.L. R.E/R n 279/2010) Destinazione d uso degli immobili Capitolo 3 Prescrizioni generali per zone con destinazione particolare Codice della Strada Zone destinate alla viabilità, Classificazione delle strade, Caratteristiche delle strade Vincoli derivanti dalle strade Quantità minima inderogabile di aree a standards in zona di completamento.

16 TITOLO II TUTELA DELL'AMBIENTE Capitolo 4 Tutela ambientale Zone di tutela, Tutela del verde negli insediamenti urbani e produttivi Tutela dei cimiteri,manufatti isolati di carattere storico ed architettonico Disciplina dei ritrovamenti archeologici, Zona storico- archeologica

17 TITOLO III AZZONAMENTO Capitolo 5 Divisione del Territorio Comunale in Zone Omogenee Zonizzazione del territorio Ambiti territoriali consolidati e simboli cartografici Capitolo 6. Entro l ambito urbano consolidato si individuano i seguenti sub-ambiti: AUC1 Sub-ambitoconsolidato di matrice storica; AUC2 Sub-ambitoconsolidato di centralità urbana; AUC3 Sub-ambitoconsolidato a media densità; AUC4 Sub-ambitoconsolidato soggetto a Piano Urbanistico Attuativo (PUA) AUC5 Verde Privato; AUC6 Sub-ambitoconsolidato soggetto a Progetto Unitario; AUC7 Nuclei residenziali sparsi; Zona omogenea "A" Individuazione della zona A Aree ed edifici esterni la zona "A" di valore testimoniale a livello storico ambientale

18 Capitolo 7 Zona omogenea "B" Individuazione delle zone "B" ed Utilizzazione ed attività compatibili ed incompatibili nelle zone "B" Sottozona "B1" Zona "B2" edifici a cortina di antico impianto Zona "B3" Zona "B accorpamento dei lotti con creazione di standard di parcheggio pubblico ed incremento premiale edificatorio del 20%. Capitolo 8 Zone di espansione Comparti di espansione urbana Ambiti PSC per nuovi insediamenti demandati al POC Capitolo 9 Zone produttive Suddivisione delle zone produttive

19 Zone "D2" di completamento e D3 di espansione parametri e interventi previsti Prescrizioni generali per gli interventi nelle zone produttive di completamento D2 Capitolo 10 Strutture turistico- ricettive e loro riqualificazione Finalità dell'intervento nelle attività turistico- ricettive e loro riqualificazione Zonizzazione e Definizioni Classificazione delle zone turistico- ricettive di tipo ordinario e specialistico e per le attività correlate Capitolo 11 Interventi edificatori e destinazioni compatibili con la zonizzazione "D4A" Utilizzazione ed attività compatibili con la zona "D4A" Edificabilità nelle zone turistico- ricettive e di riqualificazione turistica Interventi edilizi ammissibili ed incentivi edificatori del 20% per la riqualificazione sismica e adeguamento alla prevenzione incendi ed adeguamento igienico sanitario Ampliamento dei servizi in strutture ricettive alberghiere Demolizione e ricostruzione di strutture ricettive alberghiere

20 Programma di riqualificazione aziendale Piano Unitario di Intervento e interventi Capitolo 12 Trasformazione edilizia di edifici già destinati ad attività ricettiva alberghiera con mutamento di destinazione d'uso a civile abitazione e funzioni terziarie Art Finalità Ambito territoriale di riferimento Caratteristiche degli edifici interessati Modalità di intervento Intervento diretto semplice in ambito "A" Prescrizioni generali per l'intervento diretto semplice in ambito "A" Intervento diretto convenzionato in ambito "A" Convenzionamento in ambito "A" Intervento diretto in ambito "B"

21 Intervento diretto in ambito "C" Disposizione permissoria Capitolo 13 Comparti delle colonie ed arenili connessi Città delle Colonie Specificità della normativa Indicazioni generali Interventi diretti ed interventi preventivi individuazione delle zone di intervento Prescrizioni generali e interventi edificatori ammessi nei comparti delle colonie Sottozona "D4B" - ambito di Ponente - comparto "A" Sottozona "D4C" - ambito di Ponente - comparto "B", ambito di Levante comparto D Sottozona "D4D" - ambito di Levante - comparto "C" Progettazione unitaria Trasferimento di volume

Allegato G al RUE. Modalità operative di controllo degli interventi edilizi sottoposti a verifica COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA

Allegato G al RUE. Modalità operative di controllo degli interventi edilizi sottoposti a verifica COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Adottato con Del. C.C. n 229 del 11/12/2006 Riadottato con Del. C.C. n 145 del 20/10/2008 Approvato con Del. C.C. n del Il Sindaco

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Il territorio agricolo Forte dei Marmi, 15 dicembre 2014 Arch. Antonino Gandolfo Responsabile del Settore Assetto del Territorio Comune di Montespertoli

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia

Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia Approvata definitivamente e in attesa di pubblicazione sulla G.U. la legge di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n.

Dettagli

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio Relazione illustrativa Il presente emendamento di modifica della proposta di legge 282/2013 porta a compimento

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

Realizzazione di opere e interventi strutturali

Realizzazione di opere e interventi strutturali Realizzazione di opere e interventi strutturali Elenco normativa di riferimento: L. 1086/71 L. 64/74 D.P.R. 380/2001 D.M. Infrastrutture 14.01.2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni (NTC 2008) L.R.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

PROCEDURE URBANISTICHE

PROCEDURE URBANISTICHE PROCEDURE URBANISTICHE La Legge 122/2010 ha modificato l Art 19 della Legge 241/1990 (Nuove norme sul procedimento amministrativo) e sostituito la Denuncia Inizio Attività (DIA) con la Segnalazione Certificata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia Legge Regionale 16 luglio 2009, N. n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia (BURL n. 28 2 suppl. ord. del 17 Luglio 2009 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2009-07-16;13

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica PIANO OPERATIVO COMUNALE Adottato con Delibera di C.C. N. 22 del 15 marzo 2011 Approvato con Delibera di C.C. N. 78 del 27 settembre 2012 COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA NORME TECNICHE DI

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

ABRUZZO (Lr 19 agosto 2009, n. 16)

ABRUZZO (Lr 19 agosto 2009, n. 16) PIANO CASA 2 Schede di sintesi dei testi normativi di: L.R. Abruzzo L.R.Basilicata pdl Calabria pdl Campania L.R Emilia Romagna L.R Friuli Venezia Giulia L.R Lazio L.R Liguria L.R Lombardia L.R Marche

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

DICHIARAZIONE ASSEVERATA

DICHIARAZIONE ASSEVERATA III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E DOMANDA DI CERTIFICATO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014 Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 22/07/2014 OGGETTO : ATTO DI COORDINAMENTO TECNICO REGIONALE, APPROVATO CON DGR N. 76DEL 2014, AI SENSI DELL`ART. 12 L.R. 15/2013 SUI CRITERI DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale)

Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) Piano Casa Lazio L.R. 21/2009 s.m.i. testo coordinato (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale) aggiornato alle proposte di legge 75/2013 e 76/2013

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/8/2009 n. 21; Deliberazione giunta 23/12/2009, n. 985, L. 3/2/2010 n. 1, L. 13/8/2011, n. 10, Circolare Lazio

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

NORME PER IL RECUPERO DEGLI EDIFICI STORICO-ARTISTICI E LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ ARCHITETTONICA E PAESAGGISTICA DEL TERRITORIO

NORME PER IL RECUPERO DEGLI EDIFICI STORICO-ARTISTICI E LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ ARCHITETTONICA E PAESAGGISTICA DEL TERRITORIO 1 1 LEGGE REGIONALE 15 luglio 2002, n. 16 #LR-ER-2002-16# NORME PER IL RECUPERO DEGLI EDIFICI STORICO-ARTISTICI E LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ ARCHITETTONICA E PAESAGGISTICA DEL TERRITORIO Testo coordinato

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 4 DEL 03-03-2010 REGIONE TRENTO (Prov.) Modificazioni della legge urbanistica provinciale, altre disposizioni in materia di incentivazione dell edilizia sostenibile, semplificazione

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO COMUNE DI CASALSERUGO Provincia di Padova Settore Edilizia Privata - Urbanistica - Ambiente ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SETTORE EDILIZIA PRIVATA - URBANISTICA AMBIENTE DEL COMUNE DI CASALSERUGO

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività Edilizia

Denuncia di Inizio Attività Edilizia B_modulo DIAE rev.6 del 20.04.2015 Al sig. Sindaco del Comune di Trebaseleghe: Denuncia di Inizio Attività Edilizia redatta ai sensi e per gli effetti dell art. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 OGGETTO: Il/

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE,

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI. Approvato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Testo coordinato artt.li 1-6 testo, con modifiche introdotte dalla

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

Disposizione tecnico-organizzativa (DTO 3/2013) ai sensi dell articolo 7/III del RUE

Disposizione tecnico-organizzativa (DTO 3/2013) ai sensi dell articolo 7/III del RUE Sportello Unico dell Edilizia Responsabile: ing. Silvano Gallerati Piazza XX Settembre, 7/b, 29015 Castel San Giovanni (PC) tel. 0523/889791-2-3 - fax: 0523/889790 e-mail: sue.csg@sintranet.it - sito WEB:

Dettagli

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE *

LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * Luglio 2013 LE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE * La sagoma non costituisce più un parametro da rispettare nelle ristrutturazioni Nuove regole per il procedimento della SCIA Ammessa l

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA

SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 29 Anno 44 30 luglio 2013 N. 222 Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni)

Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2. Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 Le schede di sintesi dei testi normativi regionali (aggiornate con le modifiche e integrazioni) Ultimo aggiornamento: ottobre 2011 N.B.: i testi sono

Dettagli

Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. SBLOCCA ITALIA E LA RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE

Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. SBLOCCA ITALIA E LA RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE Edilizia Privata LE NUOVE PROCEDURE DOPO IL D.L. SBLOCCA ITALIA E LA RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE Verona, 14 ottobre 2015 Auditorium del Banco Popolare Viale delle Nazioni 4 www.legislazionetecnica.it

Dettagli

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 1979 Determinazione n. 1788 del 07/10/2014 OGGETTO: COMUNE DI GABICCE MARE - PROVVEDIMENTO FINALE DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 12 D.LGS. 152/2006 S.M.I.

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

Titoli abilitativi e pratiche autorizzative

Titoli abilitativi e pratiche autorizzative Titoli abilitativi e pratiche autorizzative Gli aggiornamenti apportati alla normativa dal D.L. 69/2013 15 ottobre 2013 Ing. Massimo Cassibba Commissione Procedure Edilizie e Urbanistiche Commissione:

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA

Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA Guida al PIANO CASA della Regione CAMPANIA (aggiornata a aprile 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN CAMPANIA... pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico....pag. 6 EDIFICI

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO

TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO TESTO COORDINATO DELLE LEGGI IN MATERIA DI RILANCIO DELL ATTIVITA EDILIZIA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO URBANISTICO-EDILIZIO LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009, n. 49 (Misure urgenti per il rilancio

Dettagli

Settore pianificazione, edilizia e ambiente / edilizia e urbanistica

Settore pianificazione, edilizia e ambiente / edilizia e urbanistica Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013) Urb.01 A1) Breve descrizione del procedimento accesso con rilascio di attestazione di copia conforme di atti

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

tip. Descrizione Quantificazione Fattore

tip. Descrizione Quantificazione Fattore Regolamento per la disciplina dei criteri, parametri tecnici e modalità operative da applicare per determinare le sanzioni amministrative degli artt. 134;135;139;140 della L.R.T. 1/05. (Deliberazione C.C.

Dettagli

SCHEDE ESEMPLIFICATIVE. (aggiornamento al novembre 2014)

SCHEDE ESEMPLIFICATIVE. (aggiornamento al novembre 2014) I TITOLI ABILITATIVI NEL TU EDILIZIA E NELLA DISCIPLINA URBANISTICA REGIONALE SCHEDE ESEMPLIFICATIVE (aggiornamento al novembre 2014) 1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA 2. - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI -

Dettagli

autorizzativo di un impianto fotovoltaico

autorizzativo di un impianto fotovoltaico SCIA, TITOLI ABILITATIVI E ITER AUTORIZZATIVI Aspetti legali e tecnici L iter autorizzativo di un impianto fotovoltaico arch. Franco Claretti Giovedì 2 dicembre 2010 Normativa di riferimento DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i.

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a Arch./Ing./Geom./Per.Ind. nato/a

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO arch. Franco Claretti Venerdì,, 23 settembre 2011 T.U. D.P.R.. n. 380/2001 Nel

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Servizio Qualità Edilizia Sportello Unico Edilizia Tabella dei titoli edilizi in vigore dal 14 maggio 2011, allegata alla Circolare PG 55985 del 28 maggio 2011 AGGIORNAMENTO

Dettagli

PIANO CASA VAL D AOSTA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA VAL D AOSTA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA VAL D AOSTA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 4/8/2009 n. 24, L. 17/6/2009 n. 18; L. 30/6/2010, n. 19; L. 1/8/2011, n. 18; Nota prot. 10154 n. 160909, Dgr

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli