La centralità della persona nell assistenza sanitaria. Il paradigma dei Sistemi di emergenza sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La centralità della persona nell assistenza sanitaria. Il paradigma dei Sistemi di emergenza sanitaria"

Transcript

1 Prof. Elio Guzzanti Direttore Scientifico IRCCS Oasi di Troina, (EN) La centralità della persona nell assistenza sanitaria Il paradigma dei Sistemi di emergenza sanitaria 1

2 La realizzazione di un Sistema di emergenza sanitaria richiede che siano definiti: Il ruolo dei medici manager nella: strategia programmazione organizzazione dei servizi erogazione delle prestazioni valutazione delle attività di assistenza sanitaria controllo sulle strutture, la logistica, l ICT ed altri servizi correlati Il ruolo dei medici ospedalieri e dei medici dell assistenza primaria nella: preparazione culturale e tecnica sui compiti da affrontare partecipazione alla formazione e gestione di team professionali elaborazione e/o adattamento di linee guida e percorsi clinico-assistenziali conduzione di audit clinici per la definizione e valutazione delle prestazioni erogate e da erogare effettuazione di attività di formazione continua Gli obiettivi comuni a tutti i medici per assicurare la: Accessibilità Efficacia Sicurezza delle diverse componenti del Sistema di emergenza sanitaria Efficienza ICT Ricerca e Innovazione 2

3 1. The concept of Progressive Patient Care normally implies that the patient, according to his degree of recovery, should be admitted to the: Intensive Therapy Unit General, Medical or Specialised wards Self-care accommodation, for ambulant patients who do not need inpatient care, but are not ready for discharge (1) 2. Medical knowledge and practice have advanced rapidly, but the organization of facilities and services has not kept pace with scientific progress. Effective use of facilities and personnel requires coordination of specialist at the level of the individual health institution by progressive patient care. The same principle may be applied to the health services of a community with areawide planning, including Long-term care, Home care and Emergency service. (2) (1) Heldman JC. Elements of progressive patient care. US Public Health Service, Division of Hospital and Medical Facilities. Washington D.C, 1962 (2) Rorem CM. Progressive patient care. World Hospitals 1969; Volume V:

4 DRGs: history and development The concept of case mix and hospital products evolved from studies aimed at improving the design of health care facilities. The work of Fetter R. and Thomson I. (A decision model for the design and operation of a progressive patient care hospital, Medical Care, 12, 1969) introduced the notion of patient type as a key element. It was recognized that patients have different requirements and follow different paths during treatment as a function of their illness. Source: Fetter R, Introduction and Historical Perspective on the Development of DRGs. Workshop on the Management and Financing of Hospital Services London, Barbican Centre, December 11-13,

5 Negli anni 60 la degenza media negli ospedali generali in Italia era di 17 giorni, ma circa il 30% dei pazienti veniva dimesso entro 4 giorni, percentuale che negli Ospedali Riuniti di Roma era 35%. Era, quindi, necessario, istituire il reparto di degenza del pronto soccorso, articolato in tre nuclei distinti per: - Pazienti che non richiedono immediato sostegno delle funzioni vitali, ma continua vigilanza medico-infermieristica per la presenza di segni e sintomi che potrebbero preludere ad un improvviso aggravamento; - Pazienti con segni e sintomi relativi a patologie mediche dubbie e/o con componenti psicologiche e sociali; - Pazienti bisognevoli di rapido trattamento di patologie traumatiche e/o chirurgiche di minore entità. Per questi pazienti in circa 48 ore è possibile decidere le dimissioni o il ricovero, avvalendosi di consulenza specialistica, di esami radiologici e di laboratorio, e disponendo nel reparto di personale qualificato, compreso un primario competente nella materia. Guzzanti E. Il reparto di accettazione nel passato e nel futuro. L Ospedale 1966;8:1-7 5

6 Servizi di emergenza e possibilità di una loro organizzazione dipartimentale I servizi di emergenza abitualmente trattano casi individuali, ma debbono essere pronti ad accogliere più persone contemporaneamente coinvolte da un evento (macroemergenze) ed a partecipare a situazioni che interessano ampie aree geografiche (maxiemergenze). È, quindi, necessario istituire un Sistema di emergenza sanitaria formalmente coordinato, che adotta un numero unico nazionale dedicato, istituisce le centrali operative per la raccolta e la selezione delle chiamate, e si dota di mezzi di soccorso, adeguati per tipologia, numero e dislocazione. Secondo le circostanze, i mezzi di soccorso vengono avviati verso gli ospedali locali per una assistenza di base, gli ospedali provinciali per una assistenza specialistica generale, oppure verso gli ospedali regionali che sono dotati delle competenze e dei mezzi per i casi più complessi e critici. Guzzanti E, Bergami E. Atti delle IV Giornate di studio sull Ospedale in Italia. Istituto Italiano di Medicina Sociale, Roma

7 Servizi di emergenza e possibilità di una loro organizzazione dipartimentale Il Sistema di emergenza sanitaria deve essere collegato con la Sanità pubblica, la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco soprattutto per le maxiemergenze, le cui conseguenze possono influire anche sull attività degli stessi presidi sanitari. A livello ospedaliero, il Dipartimento di emergenza rappresenta l organismo in grado di programmare e coordinare le attività sia dei servizi di propria pertinenza, come l accettazione, il pronto soccorso e il relativo reparto di degenza, sia dei servizi specialistici esistenti nell ospedale che sono chiamati in causa nelle singole circostanze. Compete, inoltre, al Dipartimento la valutazione delle prestazioni effettuate e dei relativi risultati, necessaria anche ai fini statistici ed epidemiologici, nonché per il continuo aggiornamento, clinico e tecnologico, del personale operante nel Sistema. Guzzanti E, Bergami E. Atti delle IV Giornate di studio sull Ospedale in Italia. Istituto Italiano di Medicina Sociale, Roma

8 Con il D.P.R. 27 marzo 1992 si determinano i livelli di assistenza sanitaria di emergenza che comprendono: - la istituzione del numero unico telefonico nazionale la istituzione delle centrali operative, alle quali affluiscono tutte le richieste di intervento ed assicurano il coordinamento degli interventi nel proprio ambito territoriale - le funzioni di pronto soccorso - le funzioni del dipartimento di emergenza Con l Atto d Intesa tra lo Stato e le Regioni, le linee guida sul Sistema di emergenza sanitaria (11 aprile 1996) ne configurano le componenti e le relative funzioni, prevedendo: - il sistema di allarme sanitario, dotato del numero telefonico nazionale un sistema territoriale di soccorso, costituito da mezzi adeguati e personale competente - una rete di servizi e presidi ospedalieri, funzionalmente differenziati e gerarchicamente organizzati. Le modalità di risposta all emergenza-urgenza si articolano in: - punti di primo intervento - pronto soccorso ospedaliero - dipartimenti di emergenza, urgenza e accettazione di primo livello - dipartimenti di emergenza, urgenza e accettazione di secondo livello 8

9 Il Sistema di emergenza sanitaria italiano è dotato di: Codificazione degli interventi di emergenza: rosso, molto critico, per la compromissione di funzioni vitali giallo, mediamente critico, richiede intervento indifferibile verde, poco critico, richiede intervento differibile bianco, non critico, non richiede intervento in tempi brevi Linee guida per il triage ospedaliero Linee guida per i traumatizzati con mielolesioni e/o cerebrolesioni Linee guida per la chirurgia della mano e microchirurgia Linee guida per la formazione, aggiornamento e addestramento permanente del personale Linee guida per l organizzazione dei servizi di soccorso sanitario con elicottero Linee di indirizzo per la definizione del percorso assistenziale ai pazienti con ictus cerebrale Norme per l utilizzo del defribillatore semiautomatico in sede extraospedaliera Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale Con Decreti del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca: Il 17 febbraio 2006 è stata istituita la Scuola di Specializzazione in Medicina d emergenza-urgenza Il 22 giugno 2008 sono stati definiti gli standard che le Università devono possedere per attivare la Scuola citata 9

10 Il Sistema di emergenza sanitaria nell anno 2006 disponeva di: Ospedali Dipartimenti di emergenza 323 Pronto Soccorso 540 Unità di Rianimazione e TI 367 (4.000 p. letto) Unità Coronarica (2.700 p. letto) Terapia intensiva neonatale (1.100 p. letto) Osservazione e Breve degenza (1.500 p. letto) Unità di Psichiatria 321 (4.200 p. letto) Comunità Medici di continuità assistenziale Medici di medicina generale Medici pediatri

11 Così configurato, il Sistema di emergenza sanitaria consente alle Regioni di programmare i servizi tenendo conto: delle caratteristiche della popolazione residente e temporaneamente presente; degli aspetti riguardanti il territorio, la viabilità e la rete dei trasporti; del profilo climatico e meteorologico; della tipologia delle attività produttive presenti; degli elementi epidemiologici e biostatistici; della disponibilità, specializzazione e localizzazione dei presidi, dei servizi e delle attività sanitarie, comprese quelle della medicina generale, della pediatria di libera scelta, della continuità assistenziale e della specialistica territoriale. 11

12 Italia: popolazione residente delle Regioni al 31 dicembre 2007 (in ordine decrescente di numerosità) Lombardia Sardegna Campania Liguria Lazio Marche Sicilia Abruzzo Veneto Friuli V.G Piemonte Trentino A.A Emilia Romagna Umbria Puglia Basilicata Toscana Molise Calabria Valle d Aosta Totale di cui (20%) di 65 anni e oltre 12

13 Attività di Pronto Soccorso in Italia Anno Accessi Tasso x 1000 ab. % di Ricoverati ,2 20, ,2 19, ,6 18, ,1 17, ,0 16,9 N.B. Nel 2005 i ricoverati dal PS sono pari al 50,7% del totale dei ricoverati nel settore acuti registrati nell anno Nel 2006 dei accessi al PS nella Regione Lazio (394,2 x 1000) i Codici erano: Rosso 0,80% Giallo 12,50% Verde 71,60% Bianco 14,50% 13

14 Transforming Emergency Care in England When the NHS was founded in 1948, casualty services varied depending on the size of the hospital. In the 1960s casualty wards began developing into A & E departments; the then DHSS piloted the first posts in the A & E specialty in While the concept of specialty of Accident and Emergency medicine was being established and developed, there remained the issue of how the emergency care was integrated and coordinated with other parts of the healthcare system. The demand for emergency services has continued to increase: from 1999 to 2007 attendances increased from million (294.3 per 1000 population) to million (374.4 per 1000 population). In the years , improvement have been made in the following four key areas: A & E performance; patient and care experience; expanding the workforce and skill mix; ambulance performance. In July-September 2006, 3.5 million patients attended major A & E departments but only 0.7 million (21%) were admitted to hospital. 1) Transforming Emergency Care in England. DH report by Alberti G. October ) Emergency access: clinical case for change. DH document by Alberti G. December ) Population of England Mid 2007: ( years and over; 15.97%): Office of National Statistics 14

15 Transforming Emergency Care in England Increasingly many of the patients who currently attend A & E but who do not need the full services of an acute hospital will be dealt with in an urgent care centre, currently called either a walk-in centre or a minor injury unit, either on the hospital site or in a community setting. In the A & E departments, the See and Treat is an innovation to assess and treat patients with minor complains as soon as they arrive, therefore removing delays inherent in patients queuing for triage. In the Wait for a Bed Checklist is recommended that patients needing quick diagnosis and treatment are admitted to a specialised short stay unit. Hospitals have adopted various solution to help overcome these problems. The majority of acute trust now have Assessment Unit or Wards, or Clinical Decision Unit (CDUs) where patients need more than four hours for assessment or treatment to enable a decision about their care to be made. Medical or surgical team who are responsible for acute emergency admission, with the early involvement of old specialist team, are increasingly confronted with older people and their complex medical and social problems: 48% of older people attending A & E are admitted to hospital, compared to 20% of all patients. 15

16 The future for Emergency Care The NHS in England is at the forefront of transforming its delivery. Our aim is an integrated, patient-focused approach to emergency and urgent care. Every service cannot be offered by every A & E departments, so it makes sense to create networks of care with regional specialist centers to give the best possible treatment to the sickest people. Empowered, effective Emergency Care Networks are central to delivering the future of emergency care. A key challenge will be to the break down existing boundaries, developing cross-boundary working and integrate PCTs, acute trusts, ambulance trusts, mental health trusts, pharmacies, out of hours providers, social services, local authorities, the voluntary sector and Strategic Health Authorities. The vision of care for the future is ambitious and challenging, it provides a strong platform for delivering a radical new service that truly places the patient at the centre of the provision of care. 1) Transforming Emergency Care in England: a report by Professor Sir George Alberti, National Director for Emergency Access DH, October ) Emergency access: Cinical case for change. DH document by Sir George Alberti, December

17 USA Prior to the 1960s, in many hospitals the emergency room was a single room staffed by nurses and physicians with little or no training; in teaching hospitals, staffed by junior house officers, faculty supervision was limited. Emergency care has made important advances in recent decades: emergency 911 service now links virtually all ill and impaired Americans to immediate medical response; organized trauma systems transport patients to advanced, life saving care within minutes; and advances in resuscitation and lifesaving procedures yield outcomes unheard of just two decades ago. Yet just under the surface, a growing national crisis in emergency care is brewing. Emergency departments (EDs) are frequently overloaded, with patients sometimes lining hallways and waiting hours even days to be admitted to inpatient beds. Between 1993 and 2003, ED visits rose from 90,3 to 113,9 million (391 x 1000) and nationwide 13,9 percent were admitted to the hospital, about 43 percent of all hospital patients. In 2005 the rate of ED visits increased to 401 x Not only is ED volume increasing, but patients are presenting with more serious or complex illness because this population is aging and many people live with significant comorbidities and chronic illness. (1) In 2005 the US total population = (65 years and over, 12,5%). (2) (1) Hospital-Based Emergency Care: at the breaking point. Institute of Medicine, Washington DC, ) U.S. Census Bureau,

18 Currently 30 percent of all EDs have in place fast track, a dedicated area in or next to the ED that is designed and designated for patient identified as nonurgent, approximately 30 percent of presenting patients. Defining ED care as nonurgent or medically unnecessary is controversial, depending by the patient s signs and symptoms at the time of arrival. Moreover these terms derive from a professional perspective and are based on medical diagnosis; most patients cannot make this distinction. Presenting to an ED feel that they need immediate attention, regardless of what the professional staff may think (Kovner 1996). Today 30 percent of hospitals and two-thirds of teaching hospitals has opened a Clinical Decision Unit (CDU), or Observation Unit, for the efficient management of patients with many complaints for which observation is indicated. Some units combine the concept of a CDU with the concept of case management, employing case managers to focus on patients with exacerbations of chronic diseases. While patients are treated, they are also being taught self-care skills and being reconnected with a primary care provider for close outpatient follow-up. (1) Hospital-Based Emergency Care: at the breaking point. Institute of Medicine, Washington DC, (2) Kovner A. Health Care delivery in the United States. Springer PC, New York,

19 As documented throughout this report, fragmentation prevails: prehospital EMS, hospital-based emergency care, trauma care, injury prevention and control, and medical disaster preparedness are scattered across numerous Departments, reflecting the history and nature of emergency care, essential public services that operate at the intersection of medical care, public health and public safety, police and fire departments and emergency management agencies. The Committee therefore recommends that Congress establish a lead agency with the primary programmatic responsibility for the full continuum of emergency medical services, including medical 911, emergency medical dispatch, prehospital emergency medical services, hospital-based emergency and trauma care, and medical-related disaster preparedness. The goals are a standard national approach to the categorization of emergency care providers and an integrated emergency care system at regional level. A panel of individuals with emergency and trauma care expertise should develop evidence-based indicators of emergency care system performance, to evaluate individual providers within the system, as well as the system as a whole. (1) Hospital-Based Emergency Care: at the breaking point. Institute of Medicine, Washington DC, N.B. The American Board of Emergency Medicine (ABEM) was established in 1976 and granted primary board status by the American Board of Medical Specialties (ABMS) in

20 L Audit clinico dei Sistemi di emergenza sanitaria dovrebbe valutare: - Se le prestazioni sono state erogate in tempi, con modalità e in settings assistenziali appropriati rispetto alla patologia riscontrata, all età, al genere, alle comorbidità e alla situazione familiare e logistica della persona assistita; - La tipologia, complessità e numerosità delle prestazioni erogate, distinte secondo le ore della giornata, le stagioni, le festività ed altri eventi significativi; - I risultati clinico-assistenziali ottenuti, nell immediato e nel follow up, adottando linee guida e percorsi fondati sulle evidenze scientifiche e le pratiche applicabili nei singoli contesti, utili anche per la formazione e lo sviluppo professionale continuo da realizzare sul campo ; - Gli eventi avversi e gli errori, accaduti o evitati, e le misure adottate per ridurre i rischi; - La capacità culturali, tecniche, comportamentali e comunicative del team, nell insieme e nei singoli componenti; - La qualità percepita dalla persona assistita e/o dai familiari, sulla tempestività ed efficacia dell assistenza sanitaria, la comprensibilità delle informazioni ricevute, l adeguatezza degli ambienti, della logistica, dei rapporti umani e della continuità assistenziale, ove necessaria; - Il bilancio delle risorse impiegate: personale, tecnologie, accertamenti diagnostici, farmaci, beni e servizi. Guzzanti E. Le prestazioni garantite dal SSN. Salute e Territorio 2007;164:

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness

La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness Seminario SINDIS Roma 15 Giugno 2004 La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness Il razionale Oltre il miglioramento della salute e l assicurare

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il Governo Italiano

Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il Governo Italiano 13 maggio 2014 Costruire il Futuro Sostenibile ICT Trade 2014 Ferrara Francesco M. Sacco Università dell Insubria e SDA Bocconi Ex membro Steering Board per l'attuazione dell'agenda Digitale presso il

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

La Formazione del Medico di Emergenza. Dinamiche di Reclutamento dei Medici

La Formazione del Medico di Emergenza. Dinamiche di Reclutamento dei Medici La Formazione del Medico di Emergenza. Dinamiche di Reclutamento dei Medici Cinzia Barletta, MD, PhD Segretario Nazionale SIMEU MCAU Ospedale S. Eugenio - Roma www.simeu.it cinzia.barletta@simeu.it Seminario

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

ICT e Crescita Economica

ICT e Crescita Economica ICT e Crescita Economica Alessandra Santacroce Direttore Relazioni Istituzionali Seminario Bordoni - 12 Febbraio 2009 2005 IBM Corporation Agenda Il peso dell ICT nell economia del Paese Economic Stimulus

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

FOREIGN MIGRATION: INTEGRATION INDICATORS AND MEASURES

FOREIGN MIGRATION: INTEGRATION INDICATORS AND MEASURES FIERI International and European Forum of Migration Research La Sapienza University of Rome Department of Demographic Science FOREIGN MIGRATION: INTEGRATION INDICATORS AND MEASURES Prof. Antonio Golini,

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

il fenomeno m-health Angelo Rossi Mori ehealth Unit Istituto Tecnologie Biomediche CNR, Roma

il fenomeno m-health Angelo Rossi Mori ehealth Unit Istituto Tecnologie Biomediche CNR, Roma il fenomeno m-health Angelo Rossi Mori ehealth Unit Istituto Tecnologie Biomediche CNR, Roma Club TI Lazio, 19 Febbraio 2012 diffusione di dispositivi mobili in generale e per la salute iniziative di mhealth

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

WHAT MAKES US DIFFERENT?

WHAT MAKES US DIFFERENT? WHAT MAKES US DIFFERENT? mission Develop innovative and more reliable solutions in the field of biomaterials and procedures for vertebral consolidation and articular functional rehabilitation, dedicated

Dettagli

Dott. Nicola Balestrieri

Dott. Nicola Balestrieri CENTRO DI SENOLOGIA ULSS 9 TREVISO LILT SEZ. TREVISO Dott. Nicola Balestrieri le chance di guarigione di una paziente dipendono sempre di più dal livello di competenza del centro presso il quale viene

Dettagli

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC

Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Verso un indicatore sintetico delle misure di deprivazione a partire dall'indagine EU-SILC Claudia Rinaldelli ISTAT Direzione Centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita Introduzione al

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo

Internal Auditing. Aree Territoriali Audit Area Manager. 09 ottobre 2007. HRO Sviluppo Organizzativo Internal Auditing Aree Territoriali Audit Area Manager 09 ottobre 2007 HRO Sviluppo Organizzativo Agenda 2 Assetto preesistente Assetto preesistente: dettaglio territoriale Il modello organizzativo di

Dettagli

La rete dei National Contact Point in Italia

La rete dei National Contact Point in Italia La rete dei National Contact Point in Italia Caterina BUONOCORE NCP HEalth, wellbeing demographic change. APRE www.apre.it APRE 2013 The Italian NCP System : APRE the Agency for the Promotion of the European

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST a cura di Alberto Amidei (1), Marco Dalmasso (2), Roberto Gnavi (2) (1) Università degli Studi di Torino - Scuola di Specializzazione

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Vito Madaio, PMP, TSPM

Vito Madaio, PMP, TSPM Il Valore della Certificazione CAPM Certified Associate in Project Management per gli Studenti di tutte le Università Italiane Vito Madaio, PMP, TSPM Argomenti Il Gruppo TenStep Certificazioni PMI La Certificazione

Dettagli

Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione

Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione Marco Lombardi Università Cattolica marco.lombardi@unicatt.it www.itstime.it "...c'è tanta informazione che arriva che è

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DR.SSA PAOLA FORTI RICERCATORE UNIVERSITÀ UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE BRUNO Emiliano Nato a Torre Annunziata il 01/04/1973 residente a Beinasco (To) Via Principe Amedeo 31 Recapito tel. 011 3497206 / 3383088341 e-mail: unosettetre@libero.it

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza I. ACRONIMI/SIGLE ACC= Accettazione ACEP = American College of Emergency Physicians ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza ARES = Associazione Regionale Emergenza Sanitaria e Sociale ASL =

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Convegno Annuale AISIS

Convegno Annuale AISIS Convegno Annuale AISIS Mobile Health: innovazione sostenibile per una sanità 2.0 Mobile health Roma, 30 ottobre 2014 Radisson Blu es. Hotel It is not the strongest of the species that survives, nor the

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A1_1 V2.2 Ingegneria del Software Il contesto industriale del software Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia C.P.S.I. Gian Luca Vergano S.O.R.E.U. Pianura A.A.T. 118 Pavia A.R.E.U. Regione Lombardia Congresso Regionale S.I.M.E.U. Fondazione I.R.C.C.S.

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

Regional Health Information System

Regional Health Information System Al servizio di gente unica Regional Health Information System Trieste, July 11, 2013 Servizio sistemi informativi ed e-government Regional Health Information System Regional Health System 7.800 km sqare

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Chiama.org: does information substain care. info@chiama.org

Chiama.org: does information substain care. info@chiama.org Chiama.org: does information substain care info@chiama.org Agenda Information Who we are? Follow-uppers Caregiver Prevention Support A view from Carlo Castoro MD Head of Surgical Oncology Padova I Introduce

Dettagli

La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future

La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future La programmazione del personale sanitario in Italia: scenario attuale e prospettive future DOTT. GIOVANNI LEONARDI WP5 Leader DIRETTORE GENERALE DELLE PROFESSIONI SANITARIE E DELLE RISORSE UMANE DEL SSN

Dettagli

Luca Mauri Luca.mauri@microsoft.com

Luca Mauri Luca.mauri@microsoft.com Luca Mauri Luca.mauri@microsoft.com Contesto Aumenta la produzione dei dati grazie alla digitalizzazione Cresce l interesse a determinare l efficienza della sanità Cresce l'importanza di avere strumenti

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

EMOTIONAL CATERING. nuart.it

EMOTIONAL CATERING. nuart.it EMOTIONAL CATERING Emotional Catering è un idea di spettacolarizzazione del food & show dedicato a occasioni speciali in cui la convivialità e la location richiedono particolare attenzione all accoglienza

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Il Risk Management in sanità come opportunità di sviluppo EXPOSANITA Bologna, 25-26 Maggio 2006 Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Alessandro Ghirardini Ministero della

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli