Ipotensione sintomatica: la stabilizzazione nel DEA e il ruolo emergente dell ecografia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotensione sintomatica: la stabilizzazione nel DEA e il ruolo emergente dell ecografia"

Transcript

1 EMERGENCY MEDICINE PRACTICE AN EVIDENCE-BASED APPROACH TO EMERGENCY MEDICINE Ipotensione sintomatica: la stabilizzazione nel DEA e il ruolo emergente dell ecografia Avete appena eseguito una facile intubazione endotracheale su una donna anziana portata dal servizio d emergenza sanitaria. Durante il trasporto, la paziente era vigile ma è arrivata diaforetica e letargica con una pressione arteriosa di 82/45 mmhg, un polso irregolare di 120, una temperatura rettale di 38,2 C, tachipnoica con 32 respiri al minuto. Inaspettatamente, la sua saturazione di ossigeno, che inizialmente era dell 82%, diminuisce al 76% dopo l intubazione. La radiografia del torace al letto dimostra che il tubo è posizionato in modo appropriato, non vi sono infiltrati, non vi è pneumotorace e l ombra cardiaca è normale. La paziente è anurica. Gli esami di laboratorio mostrano una creatinina di 2,1, un conteggio dei globuli bianchi di , un ematocrito del 22% e livelli elevati del lattato e delle transaminasi. I toni cardiaci e i rumori respiratori sono normali, l addome è soffice ed entrambe le gambe sono edematose. La paziente sta male e vi rendete conto che la chiave della sua sopravvivenza è trovare la causa del suo stato di ipotensione. Prima che si trovi una risposta, arrivano due nuovi pazienti, entrambi con insufficienza renale all ultimo stadio, diabete mellito, ipotensione e malattia coronarica. Iniziate a domandarvi perché mai avete accettato un lavoro che prevede un unico medico di guardia Il paziente numero 2 sembra stare peggio, ha un colorito cinereo e diaforetico e una pressione arteriosa di 60/40 mmhg. È apiretico e ha un polso di 100 al braccio senza la fistola AV. Ha un anamnesi di scarsa compliance alla propria terapia. Descrive l esordio improvviso di un dolore toracico non irradiato che persiste da due ore. Tre compresse di nitroglicerina sublinguale somministrate dal servizio d emergenza sanitaria non hanno migliorato il dolore ed è possibile che abbiano contribuito all ipotensione. All esame obiettivo polmonare sentite dei rantoli. Ordinate dei liquidi per l ipotensione ma vi rendete conto che potrebbe essere un errore. Edizione italiana con patrocinio della S.I.M.E.U. (Società Italiana Medicina d Emergenza-Urgenza) Delibera del Consiglio Direttivo 20/06/2001 Autori Anthony J. Weekes, MD, RDCS, RDMS, FAAEM Emergency Ultrasound Program Director, Montefiore Medical Center; Assistant Professor of Emergency Medicine, Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY Ryan J. Zapata, MD, FACEP Attending Physician, Montefiore Medical Center; Assistant Professor of Emergency Medicine, Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY Antonio Napolitano, MD, FACEP Attending Physician, Montefiore Medical Center; Assistant Professor of Emergency Medicine, Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY Revisori Corey M. Stovis, MD, FACP, FACEP, FAAEM Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Vanderbilt University Medical Center, Nashville, TN Scott D. Weingart, MD Director, Division of Emergency Critical Care, Department of Emergency Medicine, Mount Sinai School of Medicine, New York, NY Obiettivi ECM Dopo avere completato questo articolo dovrete essere in grado di: 1. identificare le cause comuni dell ipotensione pericolose per la vita; 2. conoscere l approccio clinico per l identificazione rapida delle cause pericolose dell ipotensione; 3. spiegare il ruolo dell ecografia mirata al letto del paziente nella diagnosi non invasiva e nel trattamento rapidi dei pazienti ipotesi; 4. rendersi conto dell importanza dell intervento precoce nel trattamento dell ipotensione, incluso il ruolo dei liquidi per via endovenosa, degli inotropi e dei vasopressori; 5. decidere i vantaggi e gli svantaggi pratici e basati sulle evidenze delle varie analisi point of care, delle modalità per immagini e dei trattamenti nell ipotensione. Editor-in-Chief Andy Jagoda, MD, FACEP, Professor and Vice-Chair of Academic Affairs, Department of Emergency Medicine; Mount Sinai School of Medicine; Medical Director, Mount Sinai Hospital, New York, NY. Associate Editor John M. Howell, MD, FACEP, Clinical Professor of Emergency Medicine, George Washington University, Washington, DC; Director of Academic Affairs, Best Practices, Inc, Inova Fairfax Hospital, Falls Church, VA. Editorial Board William J. Brady, MD, Associate Professor and Vice Chair, Department of Emergency Medicine, University of Virginia, Charlottesville, VA. Peter DeBlieux, MD, Professor of Clinical Medicine; LSU Health Science Center, New Orleans, LA. Wyatt W. Decker, MD, Chair and Associate Professor of Emergency Medicine, Mayo Clinic College of Medicine, Rochester, MN. Francis M. Fesmire, MD, FACEP, Director, Heart-Stroke Center, Erlanger Medical Center; Assistant Professor, UT College of Medicine, Chattanooga, TN. Michael J. Gerardi, MD, FAAP, FACEP, Director, Pediatric Emergency Medicine Children s Medical Center, Atlantic Health System; Department of Emergency Medicine, Morristown Memorial Hospital, NJ. Michael A. Gibbs, MD, FACEP, Chief, Department of Emergency Medicine, Maine Medical Center, Portland, ME. Steven A. Godwin, MD, FACEP, Assistant Professor and Emergency Medicine Residency Director, University of Florida HSC/Jacksonville, FL. Gregory L. Henry, MD, FACEP, CEO, Medical Practice Risk Assessment, Inc; Clinical Professor of Emergency Medicine, University of Michigan, Ann Arbor. Keith A. Marill, MD, Instructor, Department of Emergency Medicine, Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School, Boston, MA. Charles V. Pollack, Jr, MA, MD, FACEP, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Pennsylvania Hospital, University of Pennsylvania Health System, Philadelphia, PA. Michael S. Radeos, MD, MPH, Assistant Professor of Emergency Medicine, Lincoln Health Center, Bronx, NY. Robert L. Rogers, MD, FAAEM, Assistant Professor and Residency Director, Combined EM/IM Program, University of Maryland, Baltimore, MD. Alfred Sacchetti, MD, FACEP, Assistant Clinical Professor, Department of Emergency Medicine, Thomas Jefferson University, Philadelphia, PA. Corey M. Slovis, MD, FACP, FACEP, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Vanderbilt University Medical Center, Nashville, TN. Jenny Walker, MD, MPH, MSW, Assistant Professor; Division Chief, Family Medicine, Department of Community and Preventive Medicine, Mount Sinai Medical Center, New York, NY. Ron M. Walls, MD, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Brigham & Women s Hospital, Boston, MA. Research Editors Nicholas Genes, MD, PhD, Mount Sinai Emergency Medicine Residency. Beth Wicklund, MD, Regions Hospital Emergency Medicine, Residency, EMRA Representative. International Editors Valerio Gai, MD, Senior Editor, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, University of Turin, Italy. Peter Cameron, MD, Chair, Emergency Medicine, Monash University; Alfred Hospital, Melbourne, Australia. Amin Antoine Kazzi, MD, FAAEM, Associate Professor and Vice Chair, Department of Emergency Medicine, University of California, Irvine; American University, Beirut, Lebanon. Hugo Peralta, MD, Chair of Emergency Services, Hospital Italiano, Buenos Aires, Argentina. Maarten Simons, MD, PhD, Emergency Medicine Residency Director, OLVG Hospital, Amsterdam, The Netherlands.

2 MATERIALE PROTETTO DA COPYRIGHT. NON FOTOCOPIARE O DISTRIBUIRE ELETTRONICAMENTE SENZA L AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL EDITORE La paziente numero 3 ha una pressione arteriosa di 100/60 e non sembra in condizioni critiche. Ha assunto la sua dose regolare di clonidina al mattino e ha eseguito la dialisi completa il giorno precedente dopo di che si è sentita stordita. Appare ben idratata. Non ha distensione delle giugulari ma vi sono rantoli bibasali. I toni cardiaci sono lontani ma non vi sono sfregamenti o soffi. Sospettate l ipotensione ortostatica. La radiografia del torace non dimostra alcuna congestione e l ombra cardiaca è leggermente ingrandita. L ECG non dimostra alcun segno evidente di IMA. Una seconda misurazione della pressione è 96/58 e vi sembra che qualcosa non vada bene Non vi è alcuna definizione chiara dell ipotensione basata sui valori pressori. Al contrario, la pressione arteriosa deve essere valutata nel contesto dell età e dello stato clinico e fisiologico di base attuali del paziente. Per esempio, quella che sembra essere una pressione arteriosa normale può in effetti essere una pressione pericolosamente bassa nel paziente che è generalmente iperteso. L ipotensione è un segno, non una diagnosi e da sola non è patognomonica di alcuna patologia. Si può trovare sia in patologie critiche acute sia in patologie croniche stabili. Il medico d urgenza deve stabilire quale delle due sia presente e adeguare l aggressività degli interventi all eziologia sottostante. Nei pazienti in condizioni critiche, le prime ore di trattamento hanno un impatto diretto sulla morbilità e sulla mortalità. In questi casi, qualche volta l approccio all ipotensione non è strutturato e si focalizza sulla correzione dei numeri mentre si ricerca la causa. Meno emergenti, ma ugualmente problematici sono quei pazienti con pressione arteriosa bassa che sono in equilibrio, ma non sono in condizioni critiche (ad esempio i pazienti con scompenso cardiaco congestizio in fase terminale). Tentare di rialzare la pressione arteriosa in questo gruppo di pazienti non è generalmente indicato e può essere pericoloso. I casi presentati all inizio di questo articolo illustrano i problemi posti dai pazienti con ipotensione e dimostrano che il medico d urgenza deve restringere accuratamente la diagnosi differenziale. Il trattamento implica un approccio a tridente che include simultaneamente la stabilizzazione, gli esami diagnostici e la terapia. Poiché la diagnosi differenziale è così vasta, la maggior parte delle linee guida è diagnosi-specifica e non fornisce un approccio sistematico al trattamento dell ipotensione. Questo numero di Emergency Medicine Practice è progettato per fornire un approccio algoritmico basato sulle evidenze al trattamento e alla diagnosi delle patologie che causano ipotensione. Verrà posta specifica attenzione al ruolo dell ecografia nel processo diagnostico clinico implicato nella cura di questi pazienti. Terminologia L insegnamento medico generale cita che la pressione arteriosa normale (PA) è di 120/80 mmhg misurata al di sopra dell arteria brachiale usando i metodi auscultatori. Gli studi sulla popolazione hanno dimostrato che questi numeri variano fra i mmhg per la pressione arteriosa sistolica (PAS) e i mmhg per la pressione arteriosa diastolica (PAD). 1 Un altro studio ha trovato che la PA varia da mmhg per la PAS e da mmhg per la PAD negli uomini e da mmhg per la PAS e da mmhg per la PAD nelle donne. 2 Tenete presente che questi numeri variano con la costituzione e con il peso corporeo ideale del paziente. La pressione arteriosa media (MAP) riflette maggiormente la pressione effettiva nelle arteriole e nei vasi più piccoli rispetto alle misurazioni standard della pressione arteriosa e può essere più utile per la valutazione dell ipotensione. La MAP si calcola come segue: MAP = 2/3 PAD + 1/3 PAS oppure MAP = PAD + (PAS PAD) / 3 oppure [(2 x PAD) + PAS] / 3 La definizione standard di ipotensione in un adulto include i reperti di una PAS < 90 mmhg, una MAP < 60 mmhg, una diminuzione di più di 40 mmhg rispetto alla pressione di base della persona o qualunque combinazione dei parametri sopraddetti. 3 In alcuni studi, la definizione di ipotensione usa una PAS < 100 mmhg. 4,5 Un adulto sano avrà delle variazioni naturali delle misurazioni della pressione arteriosa durante un periodo di routine di 24 ore. 6,7 Una lettura numerica della pressione arteriosa assume significato clinico quando la MAP è al di sotto della solita pressione di regolazione per la perfusione degli organi di un paziente. Per esempio, una pressione arteriosa di 140/90 mmhg può provocare sintomi di ipoperfusione d organo (come stordimento e stanchezza) se la pressione arteriosa cronica del paziente è di solito persistentemente molto più alta. Questo paziente dovrebbe essere considerato clinicamente acutamente ipoteso. Lo shock si può manifestare con letture della pressione arteriosa normali Ipotensione refrattaria si riferisce a misurazioni persistentemente ipotensive dopo la somministrazione di un bolo di soluzione di cristalloidi endovena di ml/kg. Pseudo-ipotensione si riferisce alla sottostima della PA effettiva del paziente secondaria a un occlusione arteriosa o ad altre anormalità. Se l estremità indenne ha una perfusione adeguata, la lettura reale della pressione arteriosa è notevolmente più elevata che nell estremità colpita. I deficit del polso, o pseudoipotensione, possono essere un forte indicatore dell occlusione di un ramo collaterale aortico e aumentare così il sospetto di un emergenza vascolare. Emergency Medicine Practice 2

3 Lo shock si riferisce a uno stato di disfunzione d organo o anche all insufficienza d organo dovuta a un inadeguata perfusione tessutale. Sono descritte molteplici eziologie dello shock e più di un tipo può essere presente in un singolo paziente. I vari tipi di shock sono elencati di seguito: cardiogenico: deriva dalla perdita della gittata cardiaca; ipovolemico: deriva dalla diminuzione del volume intravascolare; ostruttivo: deriva dall ostruzione intrinseca (ad esempio embolia polmonare) o estrinseca (ad esempio tamponamento pericardico) dell efflusso vascolare; distributivo: deriva dall interruzione della regolazione vasomotoria (ad esempio shock anafilattico, settico e neurogenico). Lo shock è la causa più temuta dell ipotensione; non è una diagnosi ma una via finale comune attraverso la quale molti processi patologici producono un insufficienza multiorgano e la morte. L adulto sano è in grado di compensare le normali variazioni della perfusione d organo. Nello shock l insulto è di dimensioni tali che i normali meccanismi compensatori vengono sopraffatti e si sviluppano l ipoperfusione e la disfunzione degli organi. Questo porta all insufficienza irreversibile degli organi bersaglio se la rianimazione non viene iniziata e realizzata in tempo. La cosa importante da capire è che lo sviluppo dell ipotensione è una manifestazione tardiva dello shock e che la rapidità della progressione attraverso la sequenza degli stadi di preshock, di shock e di disfunzione multiorgano dipende da molti fattori. La gravità dell insulto iniziale, le condizioni cliniche preesistenti del paziente (specialmente la funzione cardiopolmonare) e il suo stato immunitario e nutrizionale svolgono tutti un loro ruolo. Ipotensione ortostatica Stare in piedi o seduti con la gambe penzoloni può far sì che fino a 1 litro del volume ematico ristagni nel circolo venoso delle gambe. La conseguenza immediata dell abbassamento del volume ematico intratoracico è la riduzione sia della gittata cardiaca sia della pressione arteriosa. Attraverso la risposta autonomica normale, un aumento della frequenza cardiaca di circa 25 battiti al minuto e un aumento delle resistenze periferiche dovrebbero mantenere la pressione arteriosa a livelli normali. Una caduta di 5-10 mmhg della PA si può osservare negli individui normali entro tre minuti dal cambiamento di posizione. Questa modificazione è clinicamente insignificante. L abbassamento sintomatico della pressione arteriosa in posizione eretta è detto ipotensione posturale o ortostatica. I sintomi di solito sono dovuti a un danno della risposta autonomica. Tradizionalmente, le misurazioni della pressione e della frequenza cardiaca in ortostatismo vengono effettuate a paziente supino e ripetute in posizione eretta. Una diminuzione della PAS di 20 mmhg o della PAD di 10 mmhg, dopo esse- re stati in piedi per tre minuti, definisce la PA ortostatica. 11 I parametri dell aumento ortostatico anormale della frequenza cardiaca non sono ben definiti ma molti hanno una FC più elevata di battiti al minuto. I pazienti con una pressione arteriosa ipertensiva in posizione supina possono essere sintomatici in ortostatismo con una diminuzione abbastanza elevata della PA in posizione eretta. Un analoga caduta della pressione arteriosa associata con l assunzione di cibo viene detta ipotensione postprandiale. La deplezione di volume può aggravare i sintomi di una risposta neurocircolatoria simpatica anormale ma può anche essere un fattore indipendente che causa l ipotensione ortostatica. Fino al 20% dei pazienti di età superiore ai 65 anni può soffrire di ipotensione ortostatica. Particolarmente notevole è il paziente con morbo di Parkinson che può avere una disfunzione autonomica primaria facilmente esacerbata dalla disidratazione o dalla politerapia. La determinazione dell ortostatismo dovrebbe essere diretta dalla presentazione clinica del paziente. Se egli è sintomatico a riposo e in posizione supina, i parametri vitali ortostatici non sono necessari poiché il paziente è già ipoteso indipendentemente dai numeri. Se l anamnesi suggerisce una lipotimia o sintomi analoghi nei cambiamenti di posizione prima della presentazione nel DEA, l ipotensione ortostatica è già diagnosticata e possono essere più utili i parametri vitali dopo il trattamento. Valutazione critica della letteratura Le ricerche nella letteratura sono state eseguite usando Ovid MEDLINE e PubMed nella National Library of Medicine per le raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento come pure per gli aggiornamenti riguardanti le patologie che implicano l ipotensione. Inoltre, è stata fatta una ricerca sul Cochrane Database of Systemic Rewiews per le revisioni su argomenti analoghi. Questa ricerca ha fornito un enorme numero di studi, benché pochi fossero studi prospettici ben progettati. Un altra fonte di informazioni è stata la National Guideline Clearinghouse TM che ha fornito le linee guida per il trattamento della sepsi e per il posizionamento ecoguidato della linea venosa centrale. Sono sorte difficoltà per trovare studi specifici sul trattamento dell ipotensione indifferenziata poiché questo argomento comprende un segno clinico che si manifesta in molte differenti situazioni cliniche (inclusi la sepsi, la disidratazione, la patologia cardiaca, i traumi e molte altre condizioni patologiche). I sottoargomenti del trattamento con i liquidi, del trattamento della sepsi, del supporto pressorio, delle applicazioni dell ecografia, dell Advanced Cardiac Life Support (ACLS) e dell Advanced Trauma Life Support (ATLS) e altri sono stati revisionati e associati per produrre le raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento, specialmente negli stadi precoci dell ipotensione. MATERIALE PROTETTO DA COPYRIGHT. NON FOTOCOPIARE O DISTRIBUIRE ELETTRONICAMENTE SENZA L AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL EDITORE 3 Emergency Medicine Practice

4 MATERIALE PROTETTO DA COPYRIGHT. NON FOTOCOPIARE O DISTRIBUIRE ELETTRONICAMENTE SENZA L AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL EDITORE Epidemiologia Sebbene sia difficile stabilire con accuratezza l incidenza dell ipotensione in una popolazione generale o anche in una popolazione selezionata del DEA o di pazienti ospedalizzati, gli studi hanno esaminato i dati sui pazienti critici e gli effetti dell ipotensione sugli esiti. La durata dell ipotensione di origine traumatica, settica, anafilattica e cardiogenica è una determinante critica della morbilità, della prognosi e della sopravvivenza in questi gruppi di pazienti ipotesi. 3 Jones et al. hanno effettuato un analisi secondaria dei dati raccolti da un trial randomizzato controllato sull ecografia mirata al letto rapida in confronto a quella differita sui pazienti con shock sintomatico, non traumatico. In questo studio, l ipotensione è stata definita come una misurazione della pressione arteriosa sistolica iniziale nel DEA inferiore a 100 mmhg. Lo shock era definito dalla presenza dell ipotensione con uno o più segni o sintomi predeterminati. La mortalità ospedaliera dei 190 pazienti in shock del DEA di questo studio è stata del 15%. Gli esiti avversi in ospedale comprendevano l insufficienza d organo, la necessità del ricovero in terapia intensiva e la mortalità intra-ospedaliera. Il 50% dei pazienti con una PAS < 80 mmhg ha avuto un esito ospedaliero avverso. Il 40% dei pazienti con un esito avverso ha presentato misurazioni della pressione arteriosa costantemente al di sotto dei 100 mmhg per più di 60 minuti. 12,13 Il tasso di mortalità un mese dopo l insorgenza dello shock ipovolemico dipende dalla causa sottostante e dalle comorbilità del paziente. Uno studio del 2002 di Moore et al. sui pazienti del DEA con ipotensione non traumatica (definita come PAS < 100 mmhg) ha dimostrato un tasso di mortalità intraospedaliera del 18%. 4 In uno studio prospettico di coorte pubblicato di recente di Jones et al., i pazienti del DEA con una PAS < 80 mmhg hanno avuto un aumento di sei volte dell incidenza dei decessi intraospedalieri. I pazienti con una PAS < 100 mmhg per più di 60 minuti hanno avuto un incidenza quasi tre volte superiore della mortalità intra-ospedaliera. 14 Entro un mese dalla diagnosi di shock settico, il tasso globale della mortalità può arrivare fino al 40%. La mortalità da shock cardiogenico può raggiungere il 60%. 15,16 Usare la presenza della sola ipotensione come predittore della mortalità dei pazienti del DEA è incompleto e rischia di ignorare l importanza del contesto clinico associato. In certe entità patologiche ben definite (come la dissezione aortica o lo scompenso cardiaco) l ipotensione è associata con i pazienti più gravi; così vi sono tassi di mortalità più elevati del 50-80%. 17 L ipotensione nei pazienti con patologia renale in fase terminale e/o con malattia aterosclerotica cardiovascolare è altresì associata con tassi di mortalità più elevati. Di conseguenza, la rapida identificazione dell eziologia dello stato ipotensivo ha potenzialmente un impatto critico sugli esiti a breve o a lungo termine del paziente. Ipotensione nel trauma I protocolli ATLS sostengono la pratica di usare l ipotensione come marcatore solo tardivo dello shock a causa della sua scarsa sensibilità. Prima del 1989, le linee guida ATLS insegnavano che l assenza o la presenza dei polsi carotidei, femorali e radiali poteva essere correlata con la pressione arteriosa sistolica. Quando si è fatto il paragone con le misurazioni della pressione arteriosa ottenute in modo invasivo, tuttavia, si è scoperto che le correlazioni fatte in precedenza erano sovrastimate. 18,19 L ATLS non insegna più le correlazioni fra i polsi e la PAS nel contesto decisionale clinico. La National Trauma Data Bank (n = ), in cui lo shock emorragico era la causa principale dell ipotensione, riporta che la PAS è correlata con il deficit di basi nel siero (considerato un marcatore dello shock circolatorio). La PAS media e mediana diminuivano a meno di 90 mmhg quando il deficit di basi era inferiore a La Data Bank conferma la conclusione che la PAS sia un marcatore tardivo per la mortalità e che, nello scenario dello shock emorragico, la PAS non dovrebbe essere usata come punto decisionale principale per la scelta di quali pazienti debbano essere sottoposti ai tentativi di rianimazione. I pazienti con ipotensione e deficit di basi significativo hanno avuto una mortalità del 65%. Fisiopatologia La PA normale deriva dall equilibrio fra le resistenze vascolari periferiche e la gittata cardiaca (GC), e il volume ematico totale influenza entrambe. La gittata cardiaca è il prodotto del volume d eiezione ventricolare (stroke volume, SV) per la frequenza cardiaca (FC). GC = VS x FC L ipotensione si verifica quando o il volume d eiezione ventricolare o la frequenza cardiaca diminuisce. Inoltre, il volume ematico fornisce il substrato contro cui spingono le resistenze vascolari allo scopo di regolare la PA. Perciò, anche la vasocostrizione massima sarà inefficace se lo stato del volume è inadeguato. Questo punto chiave riaffiora nel trattamento di molti pazienti ipotesi. Le resistenze vascolari periferiche (RVP) sono regolate da vari meccanismi. Solo una piccola parte del volume ematico è coinvolta nella perfusione dei tessuti a ogni dato tempo. La maggior parte del volume ematico totale è contenuta nel sistema venoso. Le vene servono come riserva di sangue che in caso di necessità viene mobilizzato dal sistema neuroendocrino. Certi organi, come il cuore e il cervello, sono dotati di un autoregolazione. La loro perfusione è influen- Emergency Medicine Practice 4

5 zata da fattori metabolici e non dal sistema neuroendocrino. Perciò, il flusso ematico è preservato e può effettivamente essere aumentato nella perdita di volume iniziale. I recettori adrenergici sono localizzati negli organi in base alla loro funzione nella risposta fight or flight ( combatti o scappa ) allo stress. Gli organi non essenziali negli eventi dello stress acuto (come il tratto gastrointestinale) hanno un alta concentrazione di recettori vasocostrittori alfa-1 (A1), mentre quelli essenziali per la sopravvivenza nello stress acuto (il cuore, i polmoni e i muscoli scheletrici) hanno un alta concentrazione di recettori vasodilatatori beta-2 (B2). I recettori cardiaci beta-1 (B1) producono l aumento del cronotropismo e dell inotropismo con conseguente aumento della richiesta di ossigeno. I recettori dopaminergici sono localizzati principalmente nei distretti splancnico e renale. Questi recettori sono stimolati dal rilascio di mediatori dalle terminazioni nervose (noradrenalina) e dal sistema endocrino (adrenalina). Il rilascio dei mediatori è stimolato dai centri vasomotori localizzati nel midollo e nell ipotalamo. Gli output inibitori da parte dei barocettori cardiaci, renali e vascolari influenzano questi centri. Crolli patologici della pressione arteriosa causano la diminuzione degli output inviati dai barocettori, disinibendo i centri vasomotori. L output o tono del sistema nervoso simpatico così aumenta; il tono vagale al contrario diminuisce. Nelle condizioni di bassa pressione, come l ipovolemia, vi è uno stimolo inferiore dei barocettori che porta al rilascio dell ADH. Il rilascio dell ADH determina: 1. un aumento dell assorbimento dell acqua nei tubuli renali distali e poi un aumento del volume vascolare e 2. una vasocostrizione periferica. Altri mediatori che aumentano il tono adrenergico includono l anidride carbonica e gli idrogenioni. I reni svolgono un ruolo nella regolazione della pressione arteriosa attraverso i seguenti meccanismi: nell ipotensione, il tasso di filtrazione glomerulare diminuisce, il che fa diminuire il tempo di transito del sodio nei tubuli e aumenta il suo assorbimento. A sua volta, questo aumenta l assorbimento dell acqua; l aumentato assorbimento dell acqua mediato dall ADH nel tubulo distale; il rilascio della renina dalle cellule granulari delle arteriole afferenti stimolate dall escrezione adrenergica, dall emissione della macula densa e dall azione diretta della bassa pressione sulle cellule granulari stesse. Nel fegato, la renina catalizza l angiotensinogeno ad angiotensina-1, che nel polmone viene convertita ad angiotensina-2 da parte dell enzima convertente l angiotensina (ACE). L angiotensina-2 è un vasocostrittore diretto ma stimola anche la corteccia surrenale a produrre l aldosterone, favorendo ulteriormente la ritenzione di sodio; l ipotensione causa una diminuzione del rilascio dei peptidi natriuretici atriali, il che diminuisce la perdita di sodio e di acqua nelle urine. Diagnosi differenziali La diagnostica differenziale dell ipotensione è ampia. La Tabella 1 fornisce una struttura di cui avvalersi quando ci si accosta a questi pazienti. Cura pre-ospedaliera La scoperta dell ipotensione consiglia il trasporto urgente al DEA più vicino o più appropriato con concomitante accesso venoso e, se possibile, la somministrazione di liquidi. L avviso anticipato mette in allarme il DEA e facilita la cura veloce quando il paziente arriva. Si dovrebbe somministrare ossigeno ai pazienti, posizionare un monitor per la saturazione dell ossigeno e iniziare la monitorizzazione dell elettrocardiogramma (ECG). Se è possibile, si deve eseguire un ECG a 12 derivazioni in tutti i pazienti ipotesi che siano a rischio di una sindrome coronarica acuta. La traccia del monitor cardiaco e i parametri vitali ripetuti devono essere registrati in modo chiaro e trasferiti dal personale pre-ospedaliero a quello del DEA. Jones et al. hanno condotto uno studio trasversale di valutazione di rischio sui trasporti in ambulanza dei pazienti non traumatizzati negli USA e in Canada. 5 I pazienti che hanno sofferto di episodi ipotensivi (una singola misurazione inferiore a 100 mmhg) con uno o più sintomi o segni predeterminati di insufficienza circolatoria sono stati denominati esposizioni. Le non esposizioni erano quei pazienti con sintomi di insufficienza circolatoria ma le cui misurazioni della pressione arteriosa erano sempre superiori a 100 mmhg. Nella sezione degli USA, vi sono state 395 esposizioni e 395 non esposizioni; la mortalità ospedaliera è stata del 26% per le esposizioni e dell 8% per le non esposizioni. Nella sezione multicentrica canadese, la mortalità intraospedaliera è stata del 32% per le esposizioni in confronto all 11% per le non esposizioni. Questi dati sup- Tabella 1. Diagnosi differenziali dell ipotensione. Ipovolemica Emorragica Disidratazione Ridotta pressione oncotica intravascolare (terzo spazio) Cardiogenica Infarto miocardico acuto Aritmie Basso volume d eiezione ventricolare Gittata cardiaca inadeguata Distributiva Shock settico Reazioni anafilattiche e anafilattoidi Trasfusioni di prodotti ematici (generalmente durante la trasfusione) Interazione di farmaci Sovradosaggio di farmaci Danno neurogenico delle risposte simpaticomimetiche Insufficienza surrenalica MATERIALE PROTETTO DA COPYRIGHT. NON FOTOCOPIARE O DISTRIBUIRE ELETTRONICAMENTE SENZA L AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL EDITORE 5 Emergency Medicine Practice

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz INCIDENZA IN AUMENTO NEI PAESI OCCIDENTALI AUMENTO DELL ETA MEDIA AUMENTO SOPRAVVIVENZA ALL IMA INCIDENZA POPOLAZIONE GENERALE EUROPEA 0,4 % 2,0 % INCIDENZA OVER 75 anni 5 %

Dettagli

Regolazione della circolazione

Regolazione della circolazione Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

La regolazione della circolazione è caratterizzata da:

La regolazione della circolazione è caratterizzata da: Per regolazione della circolazione si intendono tutti i meccanismi di controllo che assicurano il normale svolgimento delle funzioni circolatorie in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze.

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa.

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Lo shock Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Emorragia Ustioni Ferite gravi Fratture imponenti Contrazione Card.

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i

LO SHOCK Cors r o s B as a e s.. Relat a ore: Mo M nitore C RI R oberto Va V l a erian a i LO SHOCK Corso Base. Relatore: Monitore CRI Roberto Valeriani Lo shock è l insieme dei sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta. Questo stato patologico esprime la reazione

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale.

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale. IL PAZIENTE CARDIOPATICO: STABILIZZAZIONE E TRATTAMENTO P. Rosi, F. Marian SUEM Treviso Emergenza Ospedale S.Maria dei Battuti - Azienda ULSS 9 Treviso Introduzione: Se da un lato molti dei pazienti cardiopatici

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati

Studio di marcatori molecolari di ipertensione essenziale ed eventi cardiovascolari associati IDENTIFICAZIONE DEL CASO INDICE (MALATO/PROPOSITO) / FAMILIARE (campo obbligatorio, barrare se non interessa) Nome: Data di nascita: - Sesso: M F; Etnia e provenienza: -del proposito ; - della Madre, -

Dettagli

LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la

LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la LO SHOCK La parola shock, indica una sollecitazione violenta (urto), a cui l organismo è sottoposto in risposta a gravi alterazioni emodinamiche la cui causa può essere vascolare, cardiogena, neurogena,

Dettagli

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione d

Dettagli

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA Corso per soccorritori volontari L APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA DEFINIZIONE: INSIEME DI ORGANI CHE CONCORRONO ALLA MEDESIMA

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO. Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore

SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO. Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Barbara Paladini Croce Rossa Italiana Comitato Locale Firenze Capo-monitore Obiettivi Cenni di Anatomia e Fisiologia Principali patologie di origine cardiaca Primo Soccorso Anatomia

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Obiettivi Bilancio dell acqua Variazione del ACT e osmolalità Osmocettori

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani GLI ESAMI DEL SANGUE Quando un cane manifesta sintomi di malessere e viene portato dal veterinario per una visita, il più delle volte per individuare al più

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina Patologia Clinica Lezione 4 Dott.ssa Samantha Messina Modulo: Patologia clinica Anno accademico 2011/2012 II anno, I semestre CdL Infermieristica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

L ipertensione arteriosa nell adolescente

L ipertensione arteriosa nell adolescente L ipertensione arteriosa nell adolescente PD Dr. med. Giacomo D. Simonetti Einheit für pädiatrische Nephrologie 2 Road Map 1. Introduzione lo sviluppo della pressione arteriosa nel bambino, definizione

Dettagli

FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA

FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA FONDAMENTI SULLA PRESSIONE ARTERIOSA COS È LA PRESSIONE ARTERIOSA? La pressione arteriosa è la forza che il sangue esercita contro la parete delle arterie. È come la pressione dell acqua in un tubo per

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli