Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea"

Transcript

1 Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea Contributo di Soleterre-Strategie di Pace, Milano 1/3/2012 A cura di Giuliana Savy, consulente legale del Centro servizi per famiglie e cittadini migranti di Soleterre a Milano Con la direttiva 2003/86/CE, emanata dal Consiglio europeo il 22 settembre 2003, la Comunità europea ha finalmente affrontato la complessa problematica riguardante il diritto al ricongiungimento familiare, aspetto indubbiamente essenziale di una politica comune di immigrazione. Il Consiglio con tale direttiva stabilisce che il diritto al ricongiungimento familiare, riconosciuto ai migranti, costituisce il principale corollario del diritto al rispetto della vita familiare, protetta, oltre che dall'articolo 8 della CEDU, da ulteriori strumenti di diritto internazionale. Secondo la Corte di giustizia questo diritto fa anche parte dei diritti fondamentali riconosciuti dall'ordinamento giuridico comunitario, in quanto principio generale del diritto L'Italia ha recepito la normativa europea tramite il D.gls. n. 5 del 8 gennaio 2007 con notevole ritardo (la scadenza prevista era il 3 ottobre 2005), a dimostrazione delle lunghe e difficili resistenza incontrate all'interno del Governo nel cercare di coniugare le politiche comunitarie e quelle nazionali in tema di immigrazione. Successivamente sono state emanate nuove modifiche ed integrazioni tramite decreti legislativi (D.gls. 160/08 e L. n. 94/09) volti a porre delle restrizioni in materia di diritto all'unità familiare per i cittadini stranieri. Tali modifiche sono state poste spesso sotto l'etichetta di misure volte a garantire la sicurezza del Paese ma incidendo in modo restrittivo sui diritti dei migranti.

2 Alcune questioni appaiono essere oggetto di alcuni dubbi legati a svolgere unicamente una funzione di limitazione del diritto all'unità familiare. Tra queste le più rilevanti da segnalare sono: 1) l'innalzamento del reddito non più collegato al reddito necessario per poter usufruire dell'assegno sociale., ma aumentato della metà per ogni familiare da ricongiungere. Un inasprimento del minimo richiesto dalla stessa Direttiva che non trova particolare motivazione nel contesto di equilibrio tra diritti dei migranti e interesse dello Stato italiano a verificare le condizioni di accoglienza dei familiari. 2) l'introduzione dell'idoneità abitativa nel 2009 che fa coincidere i due requisiti, prima alternativi, della conformità ai requisiti igienico sanitari, nonché di idoneità abitativa, appesantendo nuovamente i requisiti necessari per ottenere la documentazione autorizzativa e con un aumento dei costi a carico del lavoratore straniero. Le modifiche restrittive apportate da i D.gls. 160/08 e L. n. 94/09, possono apparire compatibili con la Direttiva 2003/86 ma da una più attenta disamina, emergono dei dubbi sulla opportunità di imporre condizioni più restrittive a una normativa precedentemente recepita quale il Dgls. n. 5 del 2007 e che già rispondeva alle previsioni richieste dal Consiglio europeo. 1. Campo di applicazione 1.1 La qualifica di soggiornante ai fini della direttiva Contributo alle domande D1 e D2 a) Coniuge non legalmente separato e di età non inferiore ai diciotto anni C'è innanzitutto da domandarsi se la validità e gli stessi requisiti del matrimonio vadano ricostruiti secondo le norme dell'ordinamento italiano o secondo le norme straniere al quale rimandano le nostre norme di diritto internazionale privato e processuale.

3 Qualora la scelta si orienti per il diritto italiano è da tenere in considerazione tutto l'arco della normativa che riguarda il matrimonio. Per il coniuge è ora richiesta l età minima di diciotto anni e lo status di coniuge non legalmente separato (per i rari casi in cui altri ordinamenti prevedano, al pari di quello italiano, l istituto della separazione legale). A fronte di tale presupposto potrebbero verificarsi situazioni di disparità di trattamento tra cittadini italiani e stranieri, considerato che l'ordinamento italiano ammette, in presenza di determinate condizioni, il matrimonio del cittadino sedicenne. Dunque, l età richiesta per contrarre matrimonio sarebbe differente a seconda della cittadinanza di colui che si sposa. La norma così regolata è stata introdotta per ostacolare i matrimoni forzati ma non tiene conto delle consuetudini di molti Paesi di provenienza dei cittadini migranti dove i matrimoni avvengono in età inferiore. Il limite di età così imposto al ricongiungimento familiare non costituisce uno strumento valido di contenimento dei matrimoni forzati ma solo un appesantimento dei tempi necessari per riunire la famiglia. Contributo alla domanda D3 La normativa italiana ha mantenuto la sua dicitura originale e consente il ricongiungimento ai figli minori intesi come minore di anni 18, non apportando nessuna altra restrizione. Il Governo italiano, all'interno del Testo Unico per l'immigrazione, infatti ha recepito non solo la Direttiva Europea ma anche la Convenzione sui diritti dei fanciulli di New York del 1989, che all'art 3 stabilisce chiaramente in tutti i procedimenti amministrativi, giudiziari, deve essere sempre preso in considerazione il superiore interesse del minore. La Direttiva non prende in considerazione il fatto che i figli all'interno della migrazione non sono soggetti attivi ma spesso subiscono la scelta migratoria dei genitori e i lunghi tempi di regolarizzazione. Le clausole sospensive previste dalla Direttiva in tal senso non facilitano la riunificazione della famiglia oltre a introdurre una discriminazione in base all'età, vietata dall'art 14 della CEDU.

4 Le difficoltà che i giovani migranti incontrano nei Paesi dell'unione possono essere superate non impedendo l'ingresso per motivi familiari ma adottando politiche di integrazione e sostegno per i giovani neo ricongiunti 2. Condizioni richieste per l esercizio del diritto al ricongiungimento familiare 2.1 Misure di integrazione Contributo a domande D4 e D5 Il tema delle misure di integrazione mal si conciliano con il diritto all'unità familiare. Il ricongiungimento familiare è subordinato a una serie di requisiti soggettivi (quali l'esistenza di legami familiari) e oggettivi che devono garantire la sostenibilità della migrazione familiare senza bisogno di sostegni economici da parte del Paese ospitante. La soddisfazione di tali requisiti antecedentemente al ricongiungimento mal si conciliano in tema di diritti quale quello all'unità familiare. Soprattuto in tema di minori, subordinare l'ingresso al superamento di un test o al raggiungimento di un obiettivo di una misura di integrazione, può dare adito a un uso strumentale delle misure volto a contenere l'afflusso migratorio dei familiari. Inoltre anche se le misure di integrazione possono agevolare la reale integrazione, devono essere supportate da un sistema che sia accessibile e che rispetti il principio di non discriminazione Periodo di attesa e capacità di accoglienza Contributo a D6 La Direttiva è entrata in vigore dal 2005, gli Stati dell'unione Europea hanno potuto in questi anni provvedere a migliorare la loro capacità di accoglienza dei familiari. Mantenere questa deroga anche oggi non appare più giustificabile di fronte alla finalità della stessa Direttiva di riconoscere il diritto all'unità familiare dei migranti in Europa.

5 2.3 Ingresso e soggiorno dei familiari Contributo a D7 La domanda implica un questione aperta a più livelli, strettamente connessa alla Pubblica Amministrazione Italiana in tema di procedimenti amministrativi. Il cittadino straniero deve infatti attendere i tempi per la conclusione del procedimento di ricongiungimento familiare e dell'eventuale procedimento di rinnovo del permesso di soggiorno. Tempi che sono stabiliti dalla Pubblica Amministrazione e che non dipendono dallo straniero. In questi casi la priorità dovrebbe essere data alla soddisfazione dei requisiti richiesti (esistenza di un alloggio idoneo dove andare a vivere e capacità economica di sostentamento del nucleo familiare) dalla normativa per l'ingresso del familiare. Pertanto è auspicabile introdurre una norma specifica che tenga conto del caso in cui il permesso del richiedente sia scaduto e in fase di rinnovo, garantendo un permesso per almeno un anno al familiare ricongiunto. 5.3 Spese Contributo a D12 Il tema dei costi amministrativi addossati ai cittadini stranieri in Italia è un tema molto dibattuto. Non solo, come precedentemente indicato, le spese sostenute per la certificazione su idoneità abitativa sono state aggravate ma anche i costi del rilascio del permesso di soggiorno. In tal modo l'attuale situazione fa sì che i migranti devono sostenere una spesa non indifferente per poter attuare il loro diritto all'unità familiare. (esempio un cittadino straniero che intende ricongiungere il coniuge, un figli minore degli anni 18 e un figlio che nel momento in cui giunge in Italia ha raggiunto la maggiore età si trova a dover affrontare una spesa di 120 per la procedura di ricongiungimento e 340 per i permessi di soggiorno) Una uniformità a livello europeo dei costi consentirebbe un controllo su eventuale azioni di discriminazione o abuso.

6 5.4 Durata della procedura Contributo a D 13 In Italia il momento dell'inoltro della domanda di ricongiungimento familiare si scinde in due momenti non coincide più con l'avvio del procedimento amministrativo. Infatti l'invio telematico della domanda avviene tramite un modulo di autocertificazione. Solo al momento della convocazione presso l'autorità competente la documentazione richiesta viene vidimata e controllata, per rilasciare l'autorizzazione all'ingresso del familiare. Purtroppo molti Sportelli Unici hanno dei tempi di attesa superiore all'anno per procedere alla convocazione dello straniero per esaminare la documentazione e il rispetto dei requisiti. In questi casi il termine dei nove mesi è superato senza che vi sia alcuna conseguenza o correzione del sistema inefficace. Il precedente meccanismo di correzione del sistema, il silenzio assenso trascorsi 180 giorni, è stato eliminato dal D.gls. 160/08. Per non consentire un uso strumentale del ritardo all'interno delle procedure di richiesta di ricongiungimento familiare, sarebbe opportuno introdurre una garanzia procedimentale. Per contatti e informazioni Alessandro Baldo Responsabile programma migrazioni e co-sviluppo Soleterre-Strategie di Pace Soleterre ONLUS Via Bazzini Milano (Mi) (T) (F) (M)

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE ART. 29 D.L.VO 286/1998 Lo straniero titolare di carta di soggiorno o permesso di soggiorno di durata superiore a un anno per motivi

Dettagli

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE È LA PROCEDURA NECESSARIA PER FAR ARRIVARE IN ITALIA I FAMILIARI I FAMILIARI DA RICONGIUNGERE Coniuge, non legalmente separato maggiore di anni

Dettagli

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE L ingresso per ricongiungimento familiare è possibile previo rilascio del visto per ricongiungimento familiare che consente l ingresso in Italia, ai fini di un soggiorno di lunga

Dettagli

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU)

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) Lo straniero in possesso: - da almeno cinque anni, di un permesso di soggiorno valido - che ha reddito non inferiore all'assegno sociale annuo - di alloggio

Dettagli

Procedura per il ricongiungimento familiare

Procedura per il ricongiungimento familiare Associazione Amici della Casa di Accoglienza Casa di Betania ONLUS Via Carducci 4, 20089 Rozzano (MI) Tel. 02-30910226 www.casadibetania.org - accoglienza@casadibetania.org Procedura per il ricongiungimento

Dettagli

La condizione giuridica degli stranieri

La condizione giuridica degli stranieri La condizione giuridica degli stranieri 3]Ä(Nota all'art. 10, quarto comma). Ä A norma dell'articolo unico della legge costituzionale Il fondamento costituzionale art.10 Cost.: L'ordinamento giuridico

Dettagli

I permessi di soggiorno

I permessi di soggiorno Corso accogliere per integrare I permessi di soggiorno Normativa di riferimento dlgs 25 luglio 1998, n. 286 e successive modificazioni D.P.R. 179/2011 Principali tipologie di permessi di soggiorno nella

Dettagli

richiedente asilo. DUBLINO,

richiedente asilo. DUBLINO, Nota su asilo politico di Donatella Giunti Il rifugiato politico è un cittadino straniero il quale, per il timore fondato di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE. 29 novembre 2013. Auditorium casa dell economia - Lecco

CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE. 29 novembre 2013. Auditorium casa dell economia - Lecco CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE 29 novembre 2013 Auditorium casa dell economia - Lecco Intervento della dott.ssa Laura Maria Motolese sul tema Normativa concernente la disciplina dell immigrazione e il

Dettagli

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione Corso Immigrazione Operatori Sindacali La legislazione Ingresso in Italia Ingresso per brevi periodi Ingresso per soggiorno di lunga durata. Ingresso per Ricongiungimento familiare Ingresso per breve durata

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI

INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI Dal 1 Luglio scorso è attiva la procedura informatizzata per la presentazione delle domande relative all ingresso per ricerca scientifica, ai sensi dell

Dettagli

CARTA DI SOGGIORNO Io ce l'ho già

CARTA DI SOGGIORNO Io ce l'ho già CARTA DI SOGGIORNO ISTRUZIONI PER L'USO Io ce l'ho già Progetto pilota sperimentale finanziato dalla Regione Lombardia, nell ambito dell accordo di programma con il Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

Recenti modifiche alla disciplina del ricongiungimento familiare di cittadini extracomunitari

Recenti modifiche alla disciplina del ricongiungimento familiare di cittadini extracomunitari 1 Recenti modifiche alla disciplina del ricongiungimento familiare di cittadini extracomunitari Arianna Cascelli Dottoranda di ricerca in diritto pubblico dell economia, Sapienza Università di Roma 1.

Dettagli

Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari

Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari Il punto di pratica professionale Conversione del permesso di soggiorno e possibilità di assunzione dei lavoratori stranieri extracomunitari a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo S : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n. 286 /98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per congiunti non

Dettagli

MINORI STRANIERI AFFIDATI: RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO ALLA MAGGIORE ETÀ

MINORI STRANIERI AFFIDATI: RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO ALLA MAGGIORE ETÀ Avv. Lara Olivetti Servizio di Consulenza Legale online Unità Legale e-mail: legale@savethechildren.it 13 aprile 2010 MINORI STRANIERI AFFIDATI: RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO ALLA MAGGIORE ETÀ Al

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ III"

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ III II. Le procedure per la concessione del visto e del permesso di soggiorno in Italia per i ricercator SEMPLIFICA UNIVERSITÀ III A proposito di internazionalizzazione: UN FAST TRACK PER UN «VISTO DI RICERCA»!

Dettagli

NORME E DINTORNI. Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento:

NORME E DINTORNI. Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: NORME E DINTORNI Requisiti dello straniero che chiede il ricongiungimento: 1. possedere permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o permesso di soggiorno in corso di validità di durata

Dettagli

ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL ESTERO CAMBIO DI ABITAZIONE ALL INTERNO DEL COMUNE EMIGRAZIONE ALL ESTERO.

ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL ESTERO CAMBIO DI ABITAZIONE ALL INTERNO DEL COMUNE EMIGRAZIONE ALL ESTERO. ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL ESTERO CAMBIO DI ABITAZIONE ALL INTERNO DEL COMUNE EMIGRAZIONE ALL ESTERO. Informazioni generali La dichiarazione di iscrizione anagrafica con

Dettagli

Ufficio giuridico e vertenze. Roma, 29 marzo 2013

Ufficio giuridico e vertenze. Roma, 29 marzo 2013 Ufficio giuridico e vertenze Roma, 29 marzo 2013 Oggetto: LE PRESTAZIONI A FAVORE DEGLI STRANIERI INVALIDI CIVILI DAVANTI ALLA CONSULTA PRIMA NOTA ALLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 40/2013 All.

Dettagli

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo Allegato 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo NO MOTIVI DI LAVORO SUBORDINATO (non stagionale) durata come prevista dal contratto

Dettagli

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA LE SCHEDE DI ASILO IN EUROPA BELGIO Base legale del diritto al ricongiungimento familiare dei titolare di protezione internazionale

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Il cittadino extracomunitario in possesso dei requisiti di seguito riportati, può richiedere, per sé e per i propri familiari, il 'permesso di

Dettagli

IL VADEMECUM DEL CITTADINO

IL VADEMECUM DEL CITTADINO IL VADEMECUM DEL CITTADINO UN VALIDO AIUTO PER UN MIGLIORE APPROCCIO AGLI SPORTELLI ANAGRAFICI RESIDENZE Iscrizioni di residenza e Cambi di abitazione RESIDENZE Iscrizioni di residenza e Cambi di abitazione

Dettagli

IMMIGRAZIONE CORSO DI FORMAZIONE ITAL-UIL

IMMIGRAZIONE CORSO DI FORMAZIONE ITAL-UIL IMMIGRAZIONE CORSO DI FORMAZIONE ITAL-UIL PROTOCOLLO DI INTESA COLLABORAZIONE PER LA SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE Il Protocollo, siglato il 9 febbraio 2006 tra il Ministero

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo GN : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento del genitore naturale non presente sul territorio nazionale al figlio minore, gia' regolarmente soggiornante in Italia con l altro genitore,

Dettagli

1 scheda prassi/circolari del forum cittadini del mondo r.amarugi a cura di alessio e maurizio buzzani

1 scheda prassi/circolari del forum cittadini del mondo r.amarugi a cura di alessio e maurizio buzzani 1 IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA - DIREZIONE CENTRALE DELL'IMMIGRAZIONE E DELLA POLIZIA DELLE FRONTIERE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ARTICOLO 15 - NORME

Dettagli

CORSO MEDIA TO Lezione del 7 febbraio 2012. A) Rassegna di casi e giurisprudenza

CORSO MEDIA TO Lezione del 7 febbraio 2012. A) Rassegna di casi e giurisprudenza CORSO MEDIA TO Lezione del 7 febbraio 2012 La normativa in materia di ingresso e soggiorno per lavoro e ricongiungimento familiare (Avv. Laura FURNO) A) Rassegna di casi e giurisprudenza 1) Problemi generali

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Università di Pisa. Facoltà di Giurisprudenza. Corso di laurea in Diritto dell impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni

Università di Pisa. Facoltà di Giurisprudenza. Corso di laurea in Diritto dell impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni Università di Pisa Facoltà di Giurisprudenza Corso di laurea in Diritto dell impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni IL DIRITTO ALL UNITÀ FAMILIARE DEL CITTADINO EXTRACOMUNITARIO CANDIDATO

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER AFFIDAMENTO PERMESSO DI SOGGIORNO PER ADOZIONE ( L. 184/83; L. 149/01)

PERMESSO DI SOGGIORNO PER AFFIDAMENTO PERMESSO DI SOGGIORNO PER ADOZIONE ( L. 184/83; L. 149/01) PERMESSO DI SOGGIORNO PER ADOZIONE ( L. 184/83; L. 149/01) PERMESSO DI SOGGIORNO PER AFFIDAMENTO (art. 31 del Decreto Legislativo n 286/98 e succ. mod.) a) Istanza compilata e sottoscritta da uno dei genitori

Dettagli

Ufficio Stranieri. Ricongiungimento familiare

Ufficio Stranieri. Ricongiungimento familiare Ricongiungimento familiare Il Ricongiungimento familiare consente ad un cittadino straniero non appartenente alla C.E. di ricongiungersi con i parenti più stretti e tenere unita la sua famiglia. Fonte

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DI RILASCIO, RINNOVO, AGGIORNAMENTO DEI DOCUMENTI DI SOGGIORNO

ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DI RILASCIO, RINNOVO, AGGIORNAMENTO DEI DOCUMENTI DI SOGGIORNO Settore Servizi Sociali e Politiche per la Famiglia AGGIORNATO A OTTOBRE 2012 ELENCO DEI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER LA RICHIESTA DI RILASCIO, RINNOVO, AGGIORNAMENTO DEI DOCUMENTI DI SOGGIORNO Il presente

Dettagli

Linee giuda per l accoglienza l alunni stranieri e nozioni legislative sulla condizione giuridica dei cittadini stranieri

Linee giuda per l accoglienza l alunni stranieri e nozioni legislative sulla condizione giuridica dei cittadini stranieri Linee giuda per l accoglienza l degli alunni stranieri e nozioni legislative sulla condizione giuridica dei cittadini stranieri Chiara Dinucci Poggibonsi, 11 marzo 2009 1 Sommario Linee guida per l accoglienza

Dettagli

attività lavorativa dovrà effettuarsi. dal governo italiano e stabiliscono, tra l altro, l

attività lavorativa dovrà effettuarsi. dal governo italiano e stabiliscono, tra l altro, l Entrare in Italia per svolgere lavoro subordinato e autonomo: Il cittadino straniero deve possedere al momento di ingresso in Italia un visto per motivi di lavoro a seguito del rilascio del nulla osta

Dettagli

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute I MINORI STRANIERI Introduzione. I minori stranieri presenti in territorio italiano possono trovarsi in diverse condizioni giuridiche: alcuni di essi, infatti, sono entrati beneficiando delle disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

NEWSLETTER DEL SERVIZIO DI SUPPORTO GIURIDICO CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ETNICO-RAZZIALI E RELIGIOSE

NEWSLETTER DEL SERVIZIO DI SUPPORTO GIURIDICO CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ETNICO-RAZZIALI E RELIGIOSE NEWSLETTER DEL SERVIZIO DI SUPPORTO GIURIDICO CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ETNICO-RAZZIALI E RELIGIOSE Progetto Antenna Territoriale Anti-discriminazione di Roma dell ASGI (Associazione Studi Giuridici sull

Dettagli

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione Associazione Nazionale Comuni Italiani Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione 1 Giornata - Modulo

Dettagli

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile

Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Co.r.re.l.a.re: consolidare reti regionali e locali per un accoglienza responsabile Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO B53I12000030003 Articolo curato da Patrizia

Dettagli

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE Padova, marzo 2013 Avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Qualche premessa: Parliamo della discriminazione non in senso di stigma sociale, ma di

Dettagli

RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO FAMILIARE

RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO FAMILIARE venerdì su appuntamento RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO AUTONOMO Modello Unico Bilancino Visura Camerale aggiornata Estratto conto contributi Inps per due anni RINNOVO PERMESSO SOGGIORNO LAVORO SUBORDINATO

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009

Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009 Informiamoci n. 5 maggio. giugno 2009 Novità legislative 1. Circolare del Ministero dell interno Dipartimento della pubblica sicurezza - Direzione centrale dell immigrazione e della polizia delle frontiere

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo S : Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n. 286 /98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per congiunti non

Dettagli

Compiliamo insieme il kit delle poste per la richiesta del permesso e della carta di soggiorno.

Compiliamo insieme il kit delle poste per la richiesta del permesso e della carta di soggiorno. Compiliamo insieme il kit delle poste per la richiesta del permesso e della carta di soggiorno. Edizione speciale dedicata interamente alla spiegazione della nuova procedura della richiesta di rilascio

Dettagli

CARITAS DIOCESANA DI ROMA Centro Ascolto Stranieri. aggiornamenti e notizie

CARITAS DIOCESANA DI ROMA Centro Ascolto Stranieri. aggiornamenti e notizie CARITAS DIOCESANA DI ROMA Centro Ascolto Stranieri aggiornamenti e notizie La nota che segue si propone di riepilogare, in maniera organica, le dinamiche procedurali in materia di Cittadinanza Italiana

Dettagli

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

CITTADINI COMUNITARI

CITTADINI COMUNITARI CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI PER RESIDENZA e RILASCIO ATTESTAZIONI 1. ISCRIZIONE DI CITTADINO COMUNITARIO (dall'estero dopo l'11/04/2007) PER LAVORATORE SUBORDINATO - documentazione attestante l'attività

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 17/03/2010 C O P I A OGGETTO: PROCEDURA PER IL RILASCIO DELL'IDONEITA' ALLOGGIATIVA AI CITTADINI STRANIERI - CRITERI, PARAMETRI E CONDIZIONI PER IL RILASCIO

Dettagli

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI NUOVA PROCEDURA COMUNITARI Dall 11 aprile 2007, in adempimento a quanto sancito dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, nr.30, recante Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini

Dettagli

Regolare / Irregolare

Regolare / Irregolare Regolare / Irregolare Ingresso regolare (rispetto delle norme sui visti) Richiesta del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall ingresso Rinnovo del permesso entro 60 giorni dalla scadenza Ingresso clandestino

Dettagli

ACCOGLIERE GLI ALUNNI STRANIERI. La norma italiana per l inserimento degli alunni stranieri nella scuola

ACCOGLIERE GLI ALUNNI STRANIERI. La norma italiana per l inserimento degli alunni stranieri nella scuola ACCOGLIERE GLI ALUNNI STRANIERI La norma italiana per l inserimento degli alunni stranieri nella scuola 1 La guida è stata redatta da: Patrizia Capoferri Teresa Capra Rosaria Cenacchi Enrica Coccoli Giuliana

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI Area Servizi Civici SERVIZI ANAGRAFICI: Certificazioni Carte d identità Iscrizioni anagrafiche Cambi indirizzo

DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI Area Servizi Civici SERVIZI ANAGRAFICI: Certificazioni Carte d identità Iscrizioni anagrafiche Cambi indirizzo DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI Area Servizi Civici CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI SERVIZI ANAGRAFICI: Certificazioni Carte d identità Iscrizioni anagrafiche Cambi indirizzo www.comune.torino.it/anagrafe

Dettagli

Circolare N.133 del 26 Settembre 2012. Operativa dal 15.9.2012 la sanatoria per i lavoratori stranieri ExtraUe irregolari

Circolare N.133 del 26 Settembre 2012. Operativa dal 15.9.2012 la sanatoria per i lavoratori stranieri ExtraUe irregolari Circolare N.133 del 26 Settembre 2012 Operativa dal 15.9.2012 la sanatoria per i lavoratori stranieri ExtraUe irregolari Operativa dal 15.9.2012 la sanatoria per i lavoratori stranieri ExtraUE irregolari

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

C) ASILO POLITICO(PROTEZIONE INTERNAZIONALE

C) ASILO POLITICO(PROTEZIONE INTERNAZIONALE DOCUMENTI PER IL RINNOVO/AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO ELETTRONICO TRAMITE PROCEDURA CON KIT POSTALE da allegare in fotocopia nella busta con cui si spedisce il kit postale ed esibire in originale

Dettagli

PROCEDURE DI INGRESSO SCIENTIFICA E MOTIVI DI STUDIO. Trieste, 28-29 settembre

PROCEDURE DI INGRESSO SCIENTIFICA E MOTIVI DI STUDIO. Trieste, 28-29 settembre PROCEDURE DI INGRESSO PER MOTIVI DI RICERCA SCIENTIFICA E MOTIVI DI STUDIO Trieste, 28-29 settembre Perché una direttiva ricerca Raccomandazione dei Consiglio del 12 ottobre 2005 destinata a facilitare

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DELL'AMMINISTRAZIONE DIGITALE

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DELL'AMMINISTRAZIONE DIGITALE REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DELL'AMMINISTRAZIONE DIGITALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 46 in data 1.07.2010 1 INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART.

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

OGGETTO: DIRETTIVA PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE GENERALI IN MATERIA DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE.

OGGETTO: DIRETTIVA PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE GENERALI IN MATERIA DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE. CITTA DI RAGUSA www.comune.ragusa.it GABINETTO DEL SINDACO PROT. N. 40277/40/Gab. OGGETTO: DIRETTIVA PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE GENERALI IN MATERIA DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLA

Dettagli

Iscrizione anagrafica cittadini comunitari

Iscrizione anagrafica cittadini comunitari Municipio Roma VIII Iscrizione anagrafica cittadini comunitari Direttore: Daniele D Andrea mail: direzione.mun08@comune.roma.it Tel. 06.69.611.302\3\4 Responsabile del servizio: Giuseppina Cocucci mail:

Dettagli

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura DOCUMENTI PER IL RILASCIO/RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO IN FORMATO CARTACEO O ELETTRONICO LA CUI ISTANZA VA PRESENTATA PRESSO LA QUESTURA DI TREVISO UFFICIO IMMIGRAZIONE da esibire in fotocopia in

Dettagli

Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero

Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero Corso di Assertiveness Training e servizi. Parte seconda: aggiornamenti normativi. Novembre-febbraio 2010 Diritti della persona

Dettagli

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P.

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. Approvato con delibera C.C. n. 73 del 04/11/2011 Esecutivo dal 01/01/2012 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI

Dettagli

Incontro sul tema Il matrimonio nel diritto Venezia, Centro culturale San Vidal, 22 maggio 2015

Incontro sul tema Il matrimonio nel diritto Venezia, Centro culturale San Vidal, 22 maggio 2015 Incontro sul tema Il matrimonio nel diritto Venezia, Centro culturale San Vidal, 22 maggio 2015 Il dialogo del diritto italiano con altri ordinamenti Cristina Campiglio In materia di famiglia (e di matrimonio)

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA

Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Ufficio Stampa e Comunicazione LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA Napoli 21 maggio 2008 LE MISURE LEGISLATIVE PER LA SICUREZZA 1 Decreto legge recante misure urgenti in materia di sicurezza pubblica

Dettagli

Novità in materia di permessi di soggiorno

Novità in materia di permessi di soggiorno CIRCOLARE A.F. N. 71 del 20 Maggio 2014 Novità in materia di permessi di soggiorno Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che è stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

FAX URGENTE. c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO. c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI

FAX URGENTE. c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO. c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI Associazione On the Road onlus Martinsicuro, 3 luglio 2007 Prot. n. 256/07/OTR FAX URGENTE c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI p.c.

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo T : Richiesta nominativa di nulla osta ai sensi dell'art. 29 del D.Lgs. n.286/98 e art. 6 DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni per familiari al seguito per cittadini non presenti

Dettagli

PREFETTURA e QUESTURA

PREFETTURA e QUESTURA PREFETTURA e QUESTURA Presentazione a cura di Donatella Giunti e Loredana Arena Assistente Sociale della Ispettore Capo della Prefettura di Torino Polizia di Stato Area IV Diritti Civili, Cittadinanza,

Dettagli

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI Per ottenere l affiliazione alla F.I.G.C. le società debbono inoltrare al Presidente Federale apposita domanda, sottoscritta dal

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Puoi richiedere il Permesso di Soggiorno per Soggiornanti di Lungo Periodo (S.L.P), già Carta di Soggiorno, per te e per i tuoi familiari, se:

Dettagli

Consiglio dei cittadini stranieri ed apolidi della Provincia di Bologna. Ordine del giorno n. 5/2009

Consiglio dei cittadini stranieri ed apolidi della Provincia di Bologna. Ordine del giorno n. 5/2009 Consiglio dei cittadini stranieri ed apolidi della Provincia di Bologna Ordine del giorno n. 5/2009 OGGETTO: In merito agli articoli presentati da esponenti della Lega, attualmente in discussione alla

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 559612 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA

A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA A) DOVE E COME PRESENTARE DOMANDA 1. Quesito: Dove è possibile presentare la Risposta: Presso i CAAF convenzionati con la Regione Lombardia indicati nella D.G.R. n. VIII/5294 del 2 agosto 2007 pubblicata

Dettagli

riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni consensuali Analisi delle varie tipologie di convalida

riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni consensuali Analisi delle varie tipologie di convalida NEWSLETTER 53 - N. 13 ANNO 2012 proroga modello 770/2012 Spostato al 20 settembre il termine per l invio dei modelli 770/2012 semplificato e ordinario riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni

Dettagli

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI All. 1 ACCORDO PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI CITTADINI EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE PRESENTI IN ITALIA.

Dettagli

Migrazioni La clandestinità

Migrazioni La clandestinità Migrazioni La clandestinità Percezione sovrastimata Semplificazioni ideologiche Soluzioni grossolane e pericolose Stima percentuale degli stranieri illegalmente presenti in Italia secondo diverse valutazioni

Dettagli

Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO -

Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO - Regolamento di accesso al servizio di residenzialità per persone disabili residenti nel territorio dell'ulss n. 7. - PIEVE DI SOLIGO - Parte Prima NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Finalità Con il presente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3679 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZAMPA, LENZI, BRANDOLINI, DE TORRE, SCHIRRU, MURER, BUCCHINO Modifiche al testo unico delle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 9 gennaio 2008, n.17 Attuazione della direttiva 2005/71/CE relativa ad una procedura specificamente concepita per l'ammissione di cittadini di Paesi terzi a fini di ricerca scientifica.

Dettagli

(domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative, Lussemburgo)

(domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative, Lussemburgo) CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE JULIANE KOKOTT presentate il 15 dicembre 2005 Causa C-10/05 Cynthia Mattern e Hajrudin Cikotic (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Cour administrative,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI

ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI PER RICHIESTA DI RESIDENZA E RILASCIO ATTESTAZIONI (aggiornamento: marzo 2009) 1. ISCRIZIONE DI CITTADINO COMUNITARIO (dall'estero dopo l'11/04/2007)

Dettagli

Le collaborazioni coordinate e continuative con i lavoratori extracomunitari

Le collaborazioni coordinate e continuative con i lavoratori extracomunitari Aggiornamenti Professionali Le collaborazioni coordinate e continuative con i lavoratori extracomunitari a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il recente

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.. 1 - Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 - Finalità degli

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XV 1 Richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Rigetto per sopravvenuto provvedimento di espulsione... 1 Rigetto dell istanza di rinnovo del permesso

Dettagli

DELL ASILO NIDO COMUNALE

DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 6 del 14/0/201 1 FINALITA E GESTIONE Art. 1Finalità L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria LA PREFETTURA Prefettura di Alessandria Organo periferico del Ministero dell'interno e sede di rappresentanza del governo in ogni provincia Nel 1999, con la riforma dell'organizzazione del governo è stata

Dettagli