Relazione introduttiva sulle ultime novità legislative di carattere urbanistico A cura del Dirigente del Settore Urbanistica Arch.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione introduttiva sulle ultime novità legislative di carattere urbanistico A cura del Dirigente del Settore Urbanistica Arch."

Transcript

1 Relazione introduttiva sulle ultime novità legislative di carattere urbanistico A cura del Dirigente del Arch. Maria Rosa Serra

2 IL NUOVO CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) D. LGS. 82/2005 e s.m.i. Diritti all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori di servizi pubblici (art. 3) I cittadini e le imprese hanno diritto di usare le tecnologie informatiche per tutti i rapporti con qualsiasi amministrazione pubblica. Non sarà più possibile quindi per amministrazioni e gestori di pubblici servizi obbligare i cittadini a recarsi agli sportelli per presentare documenti cartacei, per firmare fisicamente domande o istanze, per fornire chiarimenti: per tutto questo deve essere sempre e dovunque disponibile un canale digitale sicuro (nella maggior parte dei casi costituito dalla PEC Posta Elettronica Certificata), certificato e con piena validità giuridica che permetta di dialogare con la PA dal proprio computer. Il nuovo codice amplia questo diritto anche verso i gestori di servizi pubblici Obbligo di coordinarsi, di lavorare insieme, di fare sistema (art. 14) Lo Stato ha l obbligo del coordinamento dell intero sistema, il nuovo codice impone alle regioni il compito di promuovere un processo di digitalizzazione dell azione amministrativa, coordinato e condiviso con le autonomie locali Più stringente definizione della validità dei documenti e dei procedimenti (art quater) Un intera sezione del nuovo CAD, profondamente rivisitata rispetto alla vecchia versione, si propone di diradare l incertezza sul complesso processo di dematerializzazione dei documenti. Le regole del nuovo codice rendono effettivamente praticabile l obiettivo di una PA senza carta.

3 Lavorare meglio e spendere meno Nella P.A. digitale i cittadini e le imprese hanno nuovi diritti che il codice precisa e definisce e che rende quindi effettivamente esigibili, essi sono basati su strumenti che aiutano anche le amministrazioni a lavorare meglio e a spendere meno: Pagamenti elettronici (art. 5) Già il codice del 2005 imponeva alle P.A. di consentire i pagamenti ad esse spettanti con le tecnologie digitali, ma non diceva come. Il nuovo CAD prevede una serie di strumenti operativi (es. carte di credito) e consente di avvalersi di soggetti privati per la riscossione, aprendo di fatto un nuovo mercato dei servizi. Comunicazioni tra imprese e Amministrazioni (art. 5bis) Il digitale diventa la regola nei rapporti tra le imprese ed amministrazioni e il cartaceo l eccezione. La presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e lo scambio di informazioni e documenti, anche a fini statistici, tra le imprese e le amministrazioni pubbliche avviene esclusivamente utilizzando le tecnologie dell informazione e della comunicazione. Con le medesime modalità le amministrazioni pubbliche adottando e comunicano atti e provvedimenti amministrativi nei confronti delle imprese.

4 La PEC: canale di comunicazione e semplice strumento di identificazione (art. 6 e 65) La PEC diventa, per tutte le imprese e i professionisti che per legge devono esserne dotati e per i cittadini che lo desiderano, il mezzo più veloce, sicuro e valido per comunicare con la P.A. Da li passano comunicazioni, atti e provvedimenti ma anche istanze e dichiarazioni che un cittadino può trasmettere usando la propria casella di PEC anche come strumento di identificazione che può evitare, nella maggior parte dei casi, l uso della firma digitale. La validità dei documenti è indipendente dal supporto (art quater) Nel NUOVO C.A.D. vengono descritte dettagliatamente le condizioni di validità dei documenti informatici, I passaggi da analogico a digitale e viceversa, introducendo tra l altro un semplice sistema di contrassegno generato elettronicamente e stampato direttamente dal cittadino dal proprio computer, per sancire la conformità dei documenti cartacei a quelli digitali (c.d. glifo). La dematerializzazione, come sappiamo, riguarda sia la produzione direttamente digitale degli atti, sia la digitalizzazione di quelli che erano stati prodotti in forma analogica (su carta), per entrambi i procedimenti mancavano certezze di validità che ora il nuovo CAD detta, lasciando poi ad un successivo documento l effettiva implementazione delle norme tecniche. Conservazione digitale dei documenti: mano carta, senza perdere né sicurezza né storia (art. 43) Sino ad ora per digitalizzare un documento senza conservarne l originale cartaceo era necessaria una certificazione uno ad uno. Ora un responsabile della conservazione può certificare il processo di digitalizzazione e di conservazione servendosi, se vuole, di conservatori accreditati, anche privati.

5 E così possibile risparmiare milioni di metri cubi di spazio e rendere possibile la reperibilità dei documenti. E ovviamente fatta salva l integrità cartacea di particolari documenti dotati di valore storico, culturale o artistico che potranno essere meglio conservati, anche perché non annegati tra milioni di faldoni. Servizi online (art. 54 e 63-65) La amministrazioni pubbliche sono tenute a dar conto dei servizi ondine che hanno messo a disposizione di cittadini e imprese sia sul proprio sito istituzionale, sia dandone notizia al Dipartimento della Funzione Pubblica. Dare voce ai cittadini anche su internet (art.54) La cosiddetta riforma Brunetta ha tra i suoi cardini l empowerment dei cittadini, accrescendo le occasioni di dar loro voce e possibilità di esprimere giudizi sulla soddisfazione nella fruizione dei servizi. Anche per i servizi online vale lo stesso principio: le amministrazioni sono tenute ad adottare strumenti idonei alle rilevazione immediata, continua e sicura del giudizio degli utenti. Moduli e formulari sempre disponibili (art. 57) Il codice si mette dalla parte dei cittadini e delle imprese che non possono perdere tempo nella ricerca spesso vana dei moduli e formulari. Le pubbliche amministrazioni devono provvedere a definire e a rendere disponibili per via telematica l elenco della documentazione richiesta per i singoli procedimenti, i moduli e formulari validi ad ogni effetto di legge, anche ai fini delle dichiarazioni sostitutive di certificazione e delle dichiarazioni sostitutive di notorietà. Le pubbliche amministrazioni

6 non possono richiedere l uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati: in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. La mancata pubblicazione è altresì rilevante ai fini della misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti responsabili.

7 S.U.E. TELEMATICO L art. 5 comma 2 D.L. 70/2011, convertito in L. 106/2011, ha introdotto il comma 4bis all art. 5 del D.P.R. 380/2011. Questo comma dispone l invio telematico della documentazione inerente le pratiche edilizie, sia nei rapporti con gli utenti che con gli altri enti che intervengono del procedimento

8 PROCEDIMENTI IN MATERIA EDILIZIA A seguito dell entrata in vigore del D.L. 70/2011 e del D. Lgs. 28/2011 (in materia di fonti rinnovabili), la normativa vigente prevede i seguenti titoli abilitativi: attività edilizia libera senza comunicazione di inizio lavori (art. 6 comma 1 D.P.R. 3801/01 s.m.i.) - attività edilizia libera con comunicazione di inizio lavori, comprendente la manutenzione straordinaria non incidente sulle parti strutturali degli edifici, (art. 6 comma 2 D.P.R. 380/(01 s.m.i.) - SCIA (art. 19 L. 241/90 s.m.i.) - PAS procedura abilitativa semplificata per impianti per produzione di energia da fonti rinnovabili (art. 6 D. Lgs. 28/2011) - DIA,solo per fattispecie alternative al permesso di costruire (art. 22 comma 3 e art. 10 comma 1 c) D.P.R. 380/01 s.m.i.) - Permesso di Costruire con silenzio-assenso (art. 20 D.P.R. 380/01 s.m.i.) - Permesso di Costruire con silenzio-rifiuto (nei casi di vincoli ambientali, paesaggistici o culturali art. 20 commi 9-10 D.P.R. 380/01 s.m.i.) Autorizzazione paesaggistica art. 146 D. Lgs. 42/2004 s.m.i. DIA elettromagnetiche art. 87 e 87bis D. Lgs. 259/2003 s.m.i.

9 ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 comma 1 D.P.R. 380/2001 come modificato dal D.L. 40/2010 convertito in L. 73/2010 Gli interventi classificati come attività di edilizia libera, per i quali non è previsto alcun titolo e comunicazione, sono: a) gli interventi di manutenzione ordinaria; b) gli interventi volti all eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell edificio; c) le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato; d) i movimenti di terra strettamente pertinenti all esercizio dell attività agricola e le pratiche agrosilvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari; e) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell attività agricola.

10 ATTIVITA EDILIZIA SOTTOPOSTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (C.I.L.) art. 6 comma 2 D.P.R. 380/2001 come modificato dal D.L. 40/2010 convertito in L. 73/2010 Gli interventi sottoposti a comunicazione di inizio lavori sono: a) gli interventi di manutenzione straordinaria di cui all articolo 3, comma 1, lettera b), ivi compresa l apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici; b) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni; c) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l indice di permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati; d) i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A) di cui al decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 aprile 1968, n ; e) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici.

11 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA L art L. 241/90, come modificato dall art. 5 DL. 70/2011 convertito in L. 106/2011 e dal D.L. 138/2011 convertito in L. 148/2011, ha introdotto la Segnalazione di inizio attività (SCIA) La SCIA si applica anche nei campo dell edilizia e sostituisce la DIA, ma non totalmente, in quanto sono ancora vigenti le DIA inerenti alternative al Permesso di Costruire (c.d. SUPERDIA di cui all art. 10 D.P.R 380/01 e quelle previste da leggi regionali, non presenti in Regione Piemonte) Sono quindi soggetti a DIA gli interventi per i quali questa è in alternativa o in sostituzione del permesso di costruire, quali ristrutturazione di maggiore impatto, nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica, nuova costruzione in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche. Sono invece soggette a SCIA tutti i residui interventi edilizia non rientranti nella tipologie soggette a Permesso di Costruire, DIA, Attività edilizia libera e attività soggette a comunicazione di inizio lavori. A titolo esemplificativo rientrano nella SCIA: restauro e risanamento conservativo, mutamenti di destinazioni d uso funzionale, interventi di manutenzione straordinaria che riguardino parti strutturali degli edifici, ampliamento di fabbricati all interno della sagoma esistente, che non determini volumi funzionalmente autonomi e semplici modifiche prospettiche (es. apertura /chiusura porte e finestre) A differenza degli interventi soggetti a DIA, per i quali occorre attendere 30 giorni dalla presentazione della stessa ai fini dell inizio dei lavori, l attività oggetto di SCIA può essere iniziata

12 dalla data della presentazione della segnalazione all amministrazione competente (art. 19 comma 2 L. 241/90) In caso di vincoli ambientali, paesaggistici e culturali occorre ottenere l autorizzazione paesaggistica, che dovrà essere allegata alla SCIA inerente l intervento edilizio.

13 NUOVO PROCEDIMENTO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 5 D.L. 70/2011 convertito in L. 106/2011, ha modificato il procedimento di rilascio del Permesso di Costruire: si riporta quindi il nuovo procedimento dell art. 20 D.P.R. 380/01 Sono soggetti a permesso gli interventi di nuova costruzione, ristrutturazione urbanistica ed edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente, che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche di volume. Sagoma, dei prospetti o delle superfici e, limitatamente alla zone A, mutamento di destinazione d uso Alla domanda è allegata a una dichiarazione del progettista che asseveri la conformità del progetto agli strumenti urbanistici, ai regolamenti edilizi e alle altre normative di settore (antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie nel caso in cui la verifica in ordine a tale conformità non comporti valutazioni tecnico-discrezionali, alle norme relative all efficienza energetica) Entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento cura l'istruttoria, acquisisce, i pareri e gli atti necessari, Il termine di 60 giorni può essere interrotto una sola volta dal responsabile del procedimento, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda, esclusivamente per la motivata richiesta di documenti che integrino o completino la documentazione presentata e che non siano già nella disponibilità dell'amministrazione o che questa non possa acquisire autonomamente. In tal caso, il termine ricomincia a decorrere dalla data di ricezione della documentazione integrativa.

14 Il provvedimento finale è adottato dal responsabile del servizio entro il termine di 30 giorni dalla proposta del responsabile del procedimento, ovvero dall'esito della conferenza di servizi nei casi in cui sia convocata. Il termine di adozione del provvedimento comma è fissato in 40 giorni (invece che 30) qualora sia stato comunicato all istante i motivi che ostano all accoglimento della domanda, ai sensi dell articolo 10-bis L. 241/90 s.m.i.. (c.d. preavviso di diniego) Decorso inutilmente il termine per l'adozione del provvedimento, nel caso non sia stato opposto motivato diniego, sulla domanda si intende formato il silenzio-assenso, fatti salvi i casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, per i quali si applicano le disposizioni di cui ai commi 9 e 10. Il comma 9 dispone che in caso di vincolo la cui tutela compete (anche per delega) al comune, il termine di adozione del provvedimento finale decorre dal rilascio dell atto di assenso. Se tale atto non è favorevole, decorso il termine di adozione del provvedimento, sulla domanda si intende formato il silenzio-rifiuto. Il comma 10 dispone che in caso di vincolo la cui tutela non compete al comune, se il parere favorevole del soggetto preposto alla tutela non è prodotto dall interessato, il comune acquisisce l assenso nell ambito della conferenza di servizi. In caso di esito non favorevole, decorso il termine per l'adozione del provvedimento, si forma il silenzio-rifiuto.

15 Il comma 11 dispone che il termine per il rilascio del permesso di costruire per gli interventi di cui all'articolo 22, comma 7 (interventi soggetti a DIA o SCIA per il quali l interessato chiede il rilascio del Permesso di costruire) è di 75 giorni dalla data di presentazione della domanda. Nei comuni che hanno proceduto al coordinamento degli strumenti urbanistici con la classificazione acustica, per gli edifici adibiti a civile abitazione, ai fini dell esercizio dell attività edilizia e del rilascio del permesso di costruire, la relazione acustica è sostituita da un autocertificazione del tecnico abilitato che attesti il rispetto dei requisiti di protezione acustica in relazione alla zonizzazione acustica di riferimento. (Art. 5 comma 5 D.L. 70/2011)

16 SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA AMMISTRATIVA L art. 6 comma 2 b) D.L. 70/2011 convertito in L. 106/2011 dispone che: Le pubbliche amministrazioni entro il 30/10/2011, pubblicano sui propri siti istituzionali, per ciascun procedimento amministrativo ad istanza di parte rientrante nelle proprie competenze, l'elenco degli atti e documenti che l'istante ha l'onere di produrre a corredo dell'istanza; In caso di mancata pubblicazione la pubblica amministrazione procedente non può respingere l'istanza adducendo la mancata produzione di un atto o documento e deve invitare l'istante a regolarizzare la documentazione in un termine congruo. Il provvedimento di diniego non preceduto dall'invito di cui al periodo precedente è nullo. In caso di mancata pubblicazione, nei procedimenti di cui soggetti a SCIA, l'istante è comunque legittimato ad iniziare l'attività dalla data di presentazione della SCIA. In tal caso l'amministrazione non può adottare i provvedimenti di divieto di prosecuzione dell attività prima della scadenza del congruo termine fissato per la regolarizzazione della SCIA; Art. 5 comma 6 D.L. 70/2011 Al fine di semplificare l'accesso di cittadini ed imprese agli elaborati tecnici allegati agli atti di approvazione degli strumenti urbanistici, gli elaborati tecnici allegati alle delibere di adozione o approvazione degli strumenti urbanistici, nonché delle loro varianti, sono pubblicati nei siti informatici delle amministrazioni comunali.

17

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO. Cognome Nome Codice fiscale nato a il, residente a Prov. CAP in via n. Civ. tel. fax. cell. Casella Posta Elettronica o PEC @

IL SOTTOSCRITTO. Cognome Nome Codice fiscale nato a il, residente a Prov. CAP in via n. Civ. tel. fax. cell. Casella Posta Elettronica o PEC @ Comune di Cavaion Veronese Provincia di Verona Ufficio Tecnico Edilizia Privata Piazza G.Fracastoro, 8 37010 Cavaion Veronese www.comunecavaion.it - ediliziaprivata@comunecavaion.it Tel. lunedì mercoledì

Dettagli

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013

enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 enricomilone@hotmail.com Manarch nov.2013 CIL CILA SCIA PdC TIPI DI LAVORI EDILIZI La esecuzioni di lavori in edilizia è regolata da leggi e regolamenti. I lavori di nuova costruzione sono generalmente

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ]

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ] ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [DL 40/2010, convertito dalla Legge 22/05/2010, n. 73 ] Gli interventi realizzabili senza titolo abilitativo edilizio sono divisi in due categorie, a seconda della necessità o

Dettagli

1. I principi guida del nuovo CAD

1. I principi guida del nuovo CAD 1. I principi guida del nuovo CAD Sancire nuovi diritti, nuove opportunità, nuovi doveri: Diritto all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori di servizi pubblici (art.3) I cittadini e le imprese

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA Protocollo Municipale ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Art. 6 del DPR. n. 380/2001 - per interventi edilizi relativi ai lavori di: OGGETTO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA

Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio edilizio esistente: dal testo unico del 2001 alla SCIA Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L intervento sul patrimonio

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PRATICA CAEL N DEL COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA (Art 6 DPR 380/2001 Art 80 LRT 1/2005) AL COMUNE DI GAVORRANO Ufficio Edilizia privata Piazza Buozzi, 16 Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

Ultime novità del disegno di Legge collegato alla Finanziaria 2010

Ultime novità del disegno di Legge collegato alla Finanziaria 2010 News per i clienti dello studio Novembre 2009 Ai gentili clienti Loro sedi Ultime novità del disegno di Legge collegato alla Finanziaria 2010 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla sulle

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

SCHEDE ESEMPLIFICATIVE. (aggiornamento al novembre 2014)

SCHEDE ESEMPLIFICATIVE. (aggiornamento al novembre 2014) I TITOLI ABILITATIVI NEL TU EDILIZIA E NELLA DISCIPLINA URBANISTICA REGIONALE SCHEDE ESEMPLIFICATIVE (aggiornamento al novembre 2014) 1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA 2. - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI -

Dettagli

nella sua qualità di, dell'immobile / del terreno ad uso

nella sua qualità di, dell'immobile / del terreno ad uso Protocollo Pratica Edilizia N Il Responsabile del procedimento è AL SIGNOR SINDACO del Comune di: CASCIANA TERME - (Pisa) Settore 1- Uso e Assetto del Territorio-Edilizia Privata Via R. Margherita n. 9-56034

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI TABELLA SINOTTICA DELLA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI EDILIZI PREMESSA: Entrata in vigore della nuova disciplina degli interventi edilizi prevista dalla L.R. n. 15 del 2013 La disciplina degli interventi

Dettagli

COMUNE DI MONSERRATO SUE

COMUNE DI MONSERRATO SUE COMUNE DI MONSERRATO VI SETTORE URBANISTICA ED ASSETTO DEL TERRITORIO, PIANI URBANISTICI, EDILIZIA PRIVATA, ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SUAP, TUTELA DEL TERRITORIO SUE LO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Monserrato

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.)

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.) COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA SUE Sportello Unico Edilizia Privata Vicolo S. Sebastiano 5 Web site: www.comune.villafranca.vr.it Tel 045 6339391/111 fax 045 6339142 e-mail: protocollo.comune.villafranca.vr@pecveneto.it

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Con questo articolo si intende fornire un riepilogo, alla luce della normativa nazionale vigente dopo l entrata in vigore

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO VENERDI 21 GENNAIO 2011 PRATO - PALAZZO DELLE PROFESSIONI La nuova disciplina comunale dell ATTIVITA EDILIZIA LIBERA alla luce della modifica dell art. 6 del T.U. n. 380/2001

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 27 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

(ai sensi dell'art. 6 del D.P.R. 380/2001 modificato dalla l.73 del 22/05/2010) Il/la richiedente.. nato a.il. (Il Legale Rappresentante sig...

(ai sensi dell'art. 6 del D.P.R. 380/2001 modificato dalla l.73 del 22/05/2010) Il/la richiedente.. nato a.il. (Il Legale Rappresentante sig... PROTOCOLLO GENERALE 1 PRATICA EDILIZIA N. (riservato all'ufficio) Al Responsabile del SETTORE III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG) COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi

Dettagli

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.)

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Protocollo COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i.

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Il sottoscritto. Nato

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 In duplice copia Al Comune di SAN SALVO SERVIZIO URBANISTICA COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 Il/i sottoscritt, nato a.. Il con residenza e/o recapito in..

Dettagli

Il nuovo CAD in pillole

Il nuovo CAD in pillole Di 14 gennaio 2001 Il 10 gennaio 2011 è stato pubblicato il G.U. il d.lsg. 235/2010 Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Ecco cosa cambia 2 Il Nuovo CAD: Sancisce nuovi diritti 1. Diritto all uso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

COMMITTENTE IMPRENDITORE FAI DA TE

COMMITTENTE IMPRENDITORE FAI DA TE COMMITTENTE IMPRENDITORE FAI DA TE Il D.Lgs 81/08 prevede specifiche figure che intervengono nel panorama della sicurezza ambienti di lavoro ed a cui sono attributi compiti particolari. Quando invece un

Dettagli

COMUNICAZIONE AVVIO DEI LAVORI DI EDILIZIA LIBERA (ART. 15 L.R. 23/85) E PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (ART. 6 D.LGS 28/2011)

COMUNICAZIONE AVVIO DEI LAVORI DI EDILIZIA LIBERA (ART. 15 L.R. 23/85) E PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (ART. 6 D.LGS 28/2011) AL COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Edilizia Privata e SUAP COD. FISC. 80014650925 Parco delle Rimembranze 09048 Sinnai (CA) Fax 070 781412 Centralino 070 76901 Ufficio Tecnici Istruttori

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come I TITOLI ABILITATIVI NEL T. U. EDILIZIA SCHEDE ESEMPLIFICATIVE (aggiornamento al 30 novembre 2012) 1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA 2. ATTIVITA EDILIZIA

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

Mod. 176 Rev. 2 del 15/10/2010

Mod. 176 Rev. 2 del 15/10/2010 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LANCIANO Sportello Unico per l Edilizia Residenziale (S.U.E.R.) OGGETTO: Comunicazione di attività edilizia libera ai sensi del comma 2, art. 6 D.P.R. 380/2001, così come

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia

Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia Comune di Brescia Sportello Unico dell Edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO arch. Franco Claretti Venerdì,, 23 settembre 2011 T.U. D.P.R.. n. 380/2001 Nel

Dettagli

Il DL 40/2010 è entrato in vigore il 26.3.2010 (stesso giorno di pubblicazione sulla G.U.).

Il DL 40/2010 è entrato in vigore il 26.3.2010 (stesso giorno di pubblicazione sulla G.U.). Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 6 aprile 2010 Circolare n. 10/2010 OGGETTO: Decreto incentivi (DL 25/3/2010

Dettagli

La disciplina nazionale dell attività edilizia - Guida operativa 2013

La disciplina nazionale dell attività edilizia - Guida operativa 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 893-2013/C La disciplina nazionale dell attività edilizia - Guida operativa 2013 (Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 7 novembre 2013) (Approvato

Dettagli

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE (Protocollo) C O M U N E D I CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi del comma 3 dell'art. 6 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi del comma 3 dell'art. 6 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Aggiornamento 2014 ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera (MI) PRATICA EDILIZIA N. / (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE

Dettagli

Capitolo 14 Titoli abilitativi e attività edilizia libera

Capitolo 14 Titoli abilitativi e attività edilizia libera Edizioni Simone - Vol. 28 Compendio di Diritto urbanistico Capitolo 14 Titoli abilitativi e attività edilizia libera Sommario 1. Attività edilizia e titoli abilitativi. - 2. Il regime attuale dei titoli

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP)

DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) Spazio riservato al Protocollo: Spazio riservato all Ufficio: DIRITTI DI SEGRETERIA. 65,00 Edilizia Privata Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER ATTIVITÀ EDILIZIA

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa Dati del titolare Cognome

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n. Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia

Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia Il decreto «del fare» è legge, le novità per l'edilizia Approvata definitivamente e in attesa di pubblicazione sulla G.U. la legge di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n.

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1)

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1) Spett.le COMUNE DI BOLLATE Sportello Unico Attività Produttive Piazza Aldo Moro, 1 20021 Bollate (MI) PEC comune.bollate@lagalmail.it CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

Il permesso di costruire Dalla presentazione del progetto al permesso di costruire

Il permesso di costruire Dalla presentazione del progetto al permesso di costruire Il permesso di costruire Dalla presentazione del progetto al permesso di costruire Prime di iniziare ad analizzare il procedimento che dalla richiesta porta al permesso di costruire, è opportuno rivedere

Dettagli

Al Comune di TRICASE Sportello Unico per l Edilizia -SUE

Al Comune di TRICASE Sportello Unico per l Edilizia -SUE Al Comune di TRICASE Sportello Unico per l Edilizia -SUE Pratica edilizia n del ATTIVITA EDILIZIA LIBERA COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI art.6, comma 1, del d.p.r. 6 giugno 2001 n.380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

PROCEDURE URBANISTICHE

PROCEDURE URBANISTICHE PROCEDURE URBANISTICHE La Legge 122/2010 ha modificato l Art 19 della Legge 241/1990 (Nuove norme sul procedimento amministrativo) e sostituito la Denuncia Inizio Attività (DIA) con la Segnalazione Certificata

Dettagli

TABELLA DEI TITOLI ABILITATIVI IN MATERIA EDILIZIA E FONTI RINNOVABILI DI COMPETENZA COMUNALE IN VIGORE DAL 01.01.2012 ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA

TABELLA DEI TITOLI ABILITATIVI IN MATERIA EDILIZIA E FONTI RINNOVABILI DI COMPETENZA COMUNALE IN VIGORE DAL 01.01.2012 ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA TABELLA DEI TITOLI ABILITATIVI IN MATERIA EDILIZIA E FONTI RINNOVABILI DI COMPETENZA COMUNALE IN VIGORE DAL 01.01.2012 ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA Titolo abilitativo Fonte normativa Ambito di applicazione

Dettagli

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1)

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1) Al Comune di Cernusco sul Naviglio, Ufficio Edilizia Privata Indirizzo: via Tizzoni, 2 PEC:comune.cernuscosulnaviglio@pec.regione.lombardia.it CIL CIL con richiesta contestuale di atti presupposti Spazio

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.)

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.) 2 Pratica edilizia Al Comune di SELARGIUS del Protocollo da compilare a cura del SUE COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.) PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 15 comma 1 e 2, LR 23/85 e ss.mm.ii.)

Dettagli

Edilizia, paesaggio e ambiente: mappa delle semplificazioni 2009-2013

Edilizia, paesaggio e ambiente: mappa delle semplificazioni 2009-2013 Edilizia, paesaggio e ambiente: mappa delle semplificazioni 2009-2013 ANCE Direzione Legislazione Mercato Privato Novembre 2013 L. 69/2009 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, ecc.

Dettagli

INDICAZIONI APPLICATIVE IN MERITO ALL ART. 6 DEL DPR N. 380 DEL 2001 RELATIVO ALL ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA

INDICAZIONI APPLICATIVE IN MERITO ALL ART. 6 DEL DPR N. 380 DEL 2001 RELATIVO ALL ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA INDICAZIONI APPLICATIVE IN MERITO ALL ART. 6 DEL DPR N. 380 DEL 2001 RELATIVO ALL ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Indice: 1. - IMMEDIATA OPERATIVITÀ DELLA DISCIPLINA DELL ART. 6...5 2. - OBBLIGATORIETÀ DELLE

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il / / residente a prov. in Via n. tel./fax eventuale cell. eventuale e-mail COMUNICA / COMUNICANO

Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il / / residente a prov. in Via n. tel./fax eventuale cell. eventuale e-mail COMUNICA / COMUNICANO PROTOCOLLO AL RESPONSABILE DEL SETTORE III: Tecnico - Gestione del territorio del Comune di ENDINE GAIANO (BG) COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art. 6, comma 2, del D.P.R. 6

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98

D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 D.L. 21/06/2013 n 69 Decreto del fare convertito in legge dalla L. 09/08/2013 n 98 a) «interventi di manutenzione ordinaria», gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art. 6 co. 2 lett. b-c-d-e) D.P.R. 380/2001

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Per interventi di manutenzione straordinaria ex art. 6 co. 2 lett. b-c-d-e) D.P.R. 380/2001 COMUNE DI NARBOLIA (Provincia di Oristano) Prot. Gen. Bollo da.14,62 Area Tecnica Sportello Unico per l Edilizia tecnico@comune.narbolia.or.it Via Umberto n. 22 CAP 09070 Narbolia Tel 0783.57513 - Fax

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Servizio Qualità Edilizia Sportello Unico Edilizia Tabella dei titoli edilizi in vigore dal 14 maggio 2011, allegata alla Circolare PG 55985 del 28 maggio 2011 AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.) Prot. COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it tecnico@comune.ternodisola.bg.it PRATICA

Dettagli

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA)

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) AMBITO DI APPLICAZIONE DEL DPR 160/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini

Dettagli

Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica

Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica 2 Regione Lombardia Provincia di Monza e della Brianza Città di Desio Area Governo del Territorio Settore Edilizia Privata e Urbanistica PROTOCOLLO GENERALE Al Dirigente dell Area Governo del Territorio

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 460-2011/C Le opere interne eseguite in unità immobiliari poste all interno del territorio dei Castelli ed il preventivo nulla osta dell Ente di Gestione del

Dettagli

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma)

Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) Regione Lazio Allo Sportello Unico Attività Produttive del COMUNE DI CIVITAVECCHIA (provincia di Roma) PEC: suap.pec@comunedicivitavecchia.legalmail.it Allegato A-20bis Comunicazione dell Inizio dei Lavori

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) da

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA esente da bollo prot. PRATICA n. / COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it tecnico@comune.ternodisola.bg.it

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Il reato di cui alla lett. b) dell art. 44 T.U. edilizia: l intervento soggetto a permesso di costruire

SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Il reato di cui alla lett. b) dell art. 44 T.U. edilizia: l intervento soggetto a permesso di costruire SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Incontro di studio sul tema: Che c è di nuovo in tema di edilizia ed urbanistica? Firenze, 19-21 febbraio 2014 Il reato di cui alla lett. b) dell art. 44 T.U. edilizia:

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Comunicazione Inizio Lavori per interventi di edilizia libera (Ai sensi dell art.6 comma 2 lettere b, c, d ed e, del d.p.r. 6 giugno 2001 n.

Comunicazione Inizio Lavori per interventi di edilizia libera (Ai sensi dell art.6 comma 2 lettere b, c, d ed e, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. Modello H926 CIL (20/03/2015) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 12 C O M U N E DI SAN GIOVANNI ROTONDO SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Esente da bollo Cod.

Dettagli

Circolare n. 13/2010: Decreto incentivi (d.l. 25.03.2010) Novità in materia di agevolazioni

Circolare n. 13/2010: Decreto incentivi (d.l. 25.03.2010) Novità in materia di agevolazioni !!" " # " " # # # Milano, 6 aprile 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 13/2010: Decreto incentivi (d.l. 25.03.2010) Novità in materia di agevolazioni ---------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @ cüéä Çv t w ctwéät @ Protocollo (riservato all'ufficio) PRATICA N. (riservato all'ufficio) (Stampato: Versione ottobre 2010) AL COMUNE DI SELVAZZANO DENTRO (PD) SPORTELLO UNICO

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI DETRAZIONI FISCALI Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 (termine

Dettagli

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza

Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fonte Rif. Condizioni da rispettare Regime urbanistico/ edilizio Modalità operative /di installazione Ulteriori condizioni Potenza Fotovoltaica 12.1 i. impianti aderenti o integrati nei tetti di edifici

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA AI SENSI DELL ART. 136 COMMA 2 LETTERE b) c) d) e) ed f) Al Dirigente del Settore Sviluppo del Territorio del Comune di SESTO FIORENTINO da presentare

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori)

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Descrizione del procedimento e riferimenti normativi Le attività di edilizia libera sono individuate all art. 6 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380. Ai

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990 n. 241)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990 n. 241) Regione Lombardia Provincia di Cremona Comune di Sesto ed Uniti Timbro protocollo Area Tecnica Responsabile del Servizio Tecnico Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE) Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di SALA MONFERRATO Via Roma n.1 - C.A.P. 15030 - Tel. 0142/48.67.21 - Fax 0142/48.67.73 REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014)

PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) PRONTUARIO DEI TITOLI EDILIZI (aggiornato al 23 novembre 2014) LEGENDA: AEL : Attività Edilizia Libera CIL : Comunicazione Inizio Lavori CILA : Comunicazione Inizio Lavori Asseverata SCIA : Segnalazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli