Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa"

Transcript

1 Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa SE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE È ANCORA ALL ORDINE DEL GIORNO, SIGNI- FICA CHE L OBIETTIVO PLURIDECENNALE NON È STATO RAGGIUNTO; QUESTO PROBABILMENTE PER- CHÉ L ECONOMICITÀ, COLTA IN SÉ E PER SÉ COME MISURA DELL AZIONE, INDIPENDENTEMENTE DA UNA VERA PERCEZIONE DEI SUOI CARATTERI UMANI, HA PERPETUATO NEL TEMPO LA CONCE- ZIONE CRITICATA DA ALEXIS DE TOCQUEVILLE, SECONDO IL QUALE L AMMINISTRAZIONE È CIECA PERCHÉ PROCEDE, INESORABILMENTE, COME UNA «MACCHINA SENZA MOTORE». CERTO, NON SONO MANCATI I TENTATIVI DI RIVALUTARE IL RUOLO DEL PUBBLICO DIPENDENTE; MA, NEL FARE CIÒ, NON CI SI È RESI CONTO CHE NULLA SAREBBE DAVVERO CAMBIATO SE NON SI FOSSE POSTO AL CENTRO DEL SISTEMA AMMINISTRATIVO, NON IL DIPENDENTE QUALE CATEGORIA ASTRATTA, BENSÌ LA PERSONA: VALE A DIRE, IL SINGOLO CITTADINO CHE, PER UN ATTO DI INVESTITURA SÌ, MA SOPRATTUTTO PER UN CASO DELLA VITA, E PER VIVERE, HA IL COMPITO DI OCCUPARSI DELLA COMUNITÀ. DA QUESTO PUNTO DI VISTA, L ESIGENZA DELLA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SI CONNETTE A QUELLA DI SEMPLIFICARE LA BUROCRAZIA PER FAVORIRE LO SVOLGIMENTO DI ATTI- VITÀ DI IMPRESA. I TEMPI ANCORA ASSURDAMENTE DRACONIANI CHE SONO INFLITTI AGLI OPERA- TORI DIMOSTRANO L ESIGENZA DI TRASFORMARE IL CONTROLLO EX ANTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (CHE FA PERDERE TEMPO IN BUROCRAZIA) IN CONTROLLO EX POST (CHE AVVIE- NE SENZA RITARDARE L INIZIO DELL ATTIVITÀ). IN ALTRE PAROLE, OCCORRE ACCETTARE CHE LA TUTELA DELL INTERESSE PUBBLICO POSSA AVVENIRE, TRAMITE LE AUTOCERTIFICAZIONI E LE DICHIARAZIONI DI INIZIO ATTIVITÀ, ATTRAVERSO IL SENSO CIVICO DEL CITTADINO, CHE DEVE ESSE- RE CONSIDERATO, PRIMA CHE UN CONTROLLATO, UNA RISORSA PER L INTERA COLLETTIVITÀ, CON LA SUA CAPACITÀ DI IMPRESA. ALCUNI INTERVENTI DI SEMPLIFICAZIONE GIÀ REALIZZATI A LIVELLO REGIONALE (PER ESEMPIO IN LOMBARDIA), GIÀ DIMOSTRANO LA PERCORRIBILITÀ DI QUE- STA SOLUZIONE, CHE DEVE ESSERE PERCIÒ IMPLEMENTATA. MARIO BERTOLISSI È ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. LUCA ANTONINI È ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA E VICEPRESIDENTE DELLA FONDAZIONE PER LA SUSSIDIARIETÀ.

2 Un nuovo modo di concepire la Pubblica Amministrazione Di recente, ragionando intorno alle prospettive del Paese, Giorgio Ruffolo ha considerato la riforma della Pubblica Amministrazione come la riforma delle riforme, senz altro una riforma di carattere strategico. Eppure, in un passato ormai remoto, se ne è occupato il ministero per la Riforma burocratica; poi, il ministro per la Funzione pubblica e, con questo, l insieme delle amministrazioni di Stato, Regioni ed enti locali. Forse si è nel giusto se si osserva che i tanti tentativi di rinnovamento sono stati meritori e utili, perché hanno fatto emergere un esigenza fondamentale del sistema Italia; ma senza dubbio non ci si sbaglia aggiungendo che il cammino è ancora lungo e che vanno forse riviste alcune direttrici di marcia, ancora oggi collegate soprattutto ad aspetti e momenti per così dire oggettivi dell azione dei poteri pubblici. D altra parte, questo è stato l angolo visuale prescelto, ancorato all economicità, ai risultati, agli apparati che li avrebbero dovuti perseguire, in attuazione si è detto tante volte del principio costituzionale di buon andamento, posto dall art. 97 della legge fondamentale. Tuttavia, se la riforma della Pubblica Amministrazione è all ordine del giorno, significa che l obiettivo pluridecennale non è stato raggiunto; e questo probabilmente perché l economicità, colta in sé e per sé come misura dell azione, indipendentemente da una vera percezione dei caratteri umani della stessa, ha perpetuato nel tempo la concezione criticata da Alexis de Tocqueville, secondo il quale l amministrazione è cieca perché procede, inesorabilmente, come una «macchina senza motore». Certo, non sono mancati i tentativi di rivalutare il ruolo del pubblico dipendente; ma, nel fare ciò, non ci si è resi conto che nulla sarebbe davvero cambiato se non si fosse posto al centro del sistema amministrativo, in luogo del dipendente quale categoria astratta, la persona: vale a dire, il singolo cittadino che, per un atto di investitura sì, ma soprattutto per un caso della vita, e per vivere, ha il compito di occuparsi della comunità. Se si condivide questa prospettiva e si è d accordo sul fatto che il dipendente pubblico (al pari di ogni altro lavoratore, s intende) va motivato come persona, non si fatica a concludere che: si possono disperdere ricchezze enormi quando non si hanno ideali e si possono costruire ricchezze enormi se si hanno ideali; chi fa parte dell amministrazione deve sapere che quel che fa, ogni giorno, può essere una ricchezza per gli altri e per sé, perché con la sua fatica cioè il lavoro intelligente, generoso e solidale concorre a rendere dignitosa la vita altrui, dunque ad assicurare agli altri e a sé un avvenire. È nuova la Pubblica Amministrazione che ragiona così: non esisto per me e i poteri che mi sono dati non riguardano la mia esistenza, ma la mia funzione; se esisto, esisto per l uomo e io, uomo-dipendente pubblico, debbo sentirmi votato a una missione: rendere civili le condizioni di vita dei miei simili. La nuova Pubblica Amministrazione è mezzo, non fine; e poiché i fini sono quelli indicati nella Costituzione, questa amministrazione è il più grande degli strumenti della convivenza civile, della democrazia. 24

3 Sciogliere i lacci e laccioli di complicazioni burocratiche superflue è la sfida inevitabile perché il cittadino prima che un controllato possa essere considerato, con la sua capacità di impresa, come una risorsa per l intera collettività. La prospettiva è la stessa anche se il ragionamento si sposta sulla necessità della semplificazione normativa: sciogliere i lacci e laccioli di complicazioni burocratiche superflue è la sfida inevitabile perché il cittadino prima che un controllato possa essere considerato, con la sua capacità di impresa, come una risorsa per l intera collettività. La semplificazione dell attività amministrativa rappresenta, allora, una leva strategica per intervenire sulla regolazione dell attività di impresa e per favorire processi di efficienza delle amministrazioni pubbliche. Semplificare non significa semplicemente e solo parlare di deregulation, ma è certo che nel nostro Paese è davvero urgente un nuovo approccio per coniugare l indispensabile tutela degli interessi collettivi con il massimo di semplicità per gli utenti e le stesse pubbliche amministrazioni coinvolte. I tentativi di semplificare la Pubblica Amministrazione I processi e i metodi di semplificazione adottati sino a oggi dal nostro Paese si sono rivelati scarsamente efficaci: la legge annuale di semplificazione, introdotta in via generale nell ordinamento italiano con l art. 20 della legge n. 59/1997, fin dal suo primo apparire venne presentata come un arma efficace che avrebbe permesso di perseguire efficaci politiche di semplificazione, sia normativa che amministrativa. L effetto, invece, è stato decisamente deludente: in Italia le deleghe dirette a semplificare si sono, infatti, strutturate esse stesse come lenzuoli normativi che hanno prodotto decreti legislativi torrenziali e alluvioni di regolamenti. L enfasi sulla semplificazione ha prodotto scarsi risultati: come i tentacoli dei mostri mitologici, per ogni legge abrogata rinasceva un regolamento, per ogni norma di semplificazione, una o più norme di complicazione. Ecco i risultati: il governo Prodi nei primi ventiquattro mesi della sua attività ha adottato misure di semplificazione e misure di complicazione; il governo Berlusconi, nello stesso periodo misure di semplificazione e misure di complicazione. Un saldo sempre negativo. La situazione italiana evoca da vicino quella suggestiva immagine con cui Tocqueville prefigurò il volto del dispotismo: «Il sovrano estende il suo braccio sull intera società; ne copre la superficie con una rete di piccole regole complicate, minuziose e uniformi, attraverso le quali anche gli spiriti più originali e vigorosi non saprebbero come mettersi in luce e sollevarsi sopra la folla; esso non sprezza le volontà, ma le infiacchisce, le piega e le dirige; raramente 25

4 costringe ad agire, ma si sforza continuamente di impedire che si agisca, non distrugge, ma impedisce di creare, non tiranneggia direttamente, ma ostacola, comprime, snerva, estingue, riducendo infine la nazione a non essere altro che una mandria di animali timidi e industriosi della quale il governo è pastore» 1. In effetti, nel 2004 in Italia, grazie alla burocrazia, per avviare un impresa occorrevano sessantaquattro giorni, mentre in Danimarca ne erano sufficienti tre e nel Regno Unito cinque! Sono dati del World Economic Forum 2. Si tratta di una situazione che concorre a escludere l Italia dai primi posti della classifica dei Paesi dove è più conveniente investire. Si vedano ancora più recentemente l ultima classifica sulla libertà economica (del 4 gennaio 2006), redatta da Heritage Foundation, che ha declassato l Italia al quarantaduesimo posto (nel 2004 eravamo ancora al ventitreesimo posto) e il monito del presidente dell Antitrust sull eccessiva pesantezza della burocrazia italiana (dicembre 2005). Infine, una recente ricerca del Formez sullo stato dell amministrazione, sottolinea che il 5,19% dei procedimenti supera l anno e il 61,28% richiede da uno a sei mesi, con il risultato che la durata Nel 2004 in Italia, grazie alla burocrazia, per avviare un impresa occorrevano sessantaquattro giorni, mentre in Danimarca ne erano sufficienti tre e nel Regno Unito cinque! media di un procedimento si attesta ancora sui centosettantacinque giorni. La scarsa efficacia dei processi di semplificazione si è poi aggravata con la riforma costituzionale del 2001: lo Stato, infatti, ha perso la possibilità di disciplinare le molte nuove materie della competenza regionale residuale, spesso cruciali per la disciplina delle attività imprenditoriali, e ha perso anche la possibilità, per le materie della competenza concorrente, di emanare regolamenti, ora rimessi alla potestà regionale. Il cambiamento dell assetto delle competenze, intervenuto con la riforma in senso federale del 2001, avrebbe imposto un radicale ripensamento del tradizionale metodo della semplificazione, già scarsamente efficace, come appena visto, anche quando poteva muoversi a largo raggio. Questo ripensamento non è tuttavia ancora avvenuto, e l ultima legge di semplificazione (legge n. 246 del 2005) appare strutturata, nelle sue linee di fondo, ancora secondo il metodo tradizionale. Per esempio, l art. 5 di tale legge nelle intenzioni dei proponenti diretto a semplificare l attività d impresa viene a riguardare solo le disposizioni di competenza esclusiva statale e per l esercizio della delega vengono concessi al Governo ben diciotto mesi. Tale termine appare subito eccessivamente lungo e davvero burocratico di fronte all urgenza di semplificazione, visti i dati sopra riportati; inoltre, la delega finirà per riguardare solo le autorizzazioni previste nelle materie di competenza esclusiva statale: un ambito, quindi, dove ben poco spazio rimane alla legislazione inerente all attività d impresa, ormai in gran parte riconducibile, almeno potenzialmente, nella potestà regionale concorrente o esclusiva. 26

5 Nell arco di quei diciotto mesi, sicuramente questa potestà legislativa residuale e concorrente regionale si sarà ulteriormente sviluppata, occupando anche quei limitati spazi ora rimasti alla legislazione statale. L innesto del vecchio metodo sul nuovo riparto delle competenze tra Stato e Regioni potrebbe quindi condurre a risultati poco efficaci. Con una metafora l effetto sembra quello di una pezza nuova aggiunta a un vestito vecchio. L esito è noto. È opportuno peraltro rilevare che alcune Regioni hanno invece avviato importanti processi di semplificazione e in alcuni casi, come in quello emblematico dell abolizione dei libretti sanitari e di altri certificati analoghi (effettuata per esempio da Lombardia ed Emilia Romagna), si sono spinte molto in avanti, ottenendo, peraltro, l avallo della Corte Costituzionale 3. Inoltre, si sono diffusi gli interventi taglia leggi : per esempio, la Regione Lombardia ha approvato, nelle ultime due legislature, una serie di significativi interventi sia per ciò che concerne la delegificazione sia per ciò che riguarda la semplificazione. Tra questi, la legge regionale n. 15 del 22 luglio 2002, che ha disposto la soppressione di ben duecentonovantanove leggi regionali. Si tratta d interventi che si qualificano per avere eliminato numerosi vincoli burocratici, superando la logica della sfiducia e del «sospetto delle istituzioni verso i cittadini o dei cittadini verso le istituzioni» promuovendo, invece, «un concorso fiducioso ed entusiasta per sviluppare le libertà, l onestà, la laboriosità e lo spirito di iniziativa dei singoli» 4. Una questione culturale Hic rodus, hic saltus: la questione prima che politica è in fondo culturale e riguarda la concezione dell amministrazione e degli amministrati. Hic rodus, hic saltus: la questione prima che politica è in fondo culturale e riguarda la concezione dell amministrazione e degli amministrati. È singolare, da questo punto di vista, la vicenda che ha accompagnato un significativo tentativo di inversione di rotta, realizzato nel 2004 per iniziativa del ministro Tremonti, quando sembrò prendere corpo la prospettiva di introdurre nell ordinamento una norma shock che potesse permettere notevoli risultati di semplificazione normativa in tempi rapidi, in quanto diretta, in fondo, ad applicare il criterio che «tutto quello che non è vietato è consentito». L intenzione era quindi di introdurre un nuovo e rapido metodo per semplificare, una volta per tutte, l ordinamento italiano, in conformità sia con la grande esigenza di questa evoluzione, sia con i nuovi assetti delle competenze derivanti dalla riforma federale. La norma venne concretizzata valorizzando al massimo le potenzialità di due istituti previsti dalla legge statale sul procedimento amministrativo quali l autocertificazione e la denuncia di inizio attività, la cui introduzione era stata una delle innovazioni amministrative più rilevanti degli ultimi dieci anni. Le potenzialità d applicazione di questi istituti, tuttavia, non sono mai state sfruttate appieno: la denuncia di inizio attività, introdotta nel nostro ordinamento con l art. 19 della legge n. 241/90, infatti, venne subito ingessata attraverso il 27

6 Riforma della Pubblica Amministrazionee semplificazione normativa rimando a normative secondarie che hanno spesso stabilito termini draconiani per il raggiungimento del silenzio assenso in molte decine, se non centinaia, di procedimenti autorizzatori. Proprio per superare questa situazione, la nuova norma di semplificazione veniva strutturata consentendo l immediato esercizio dell attività dopo venti giorni dalla presentazione della denuncia di inizio attività corredata dalle autocertificazioni, peraltro consentendo l autocerticazione anche relativamente alle valutazioni tecniche. L impatto in termini di semplificazione sarebbe stato importante e immediato. Solo a titolo meramente esemplificativo, si poteva ipotizzare un forte effetto di semplificazione in relazione a tutti quei casi in cui sono ancora previste autorizzazioni non discrezionali e senza esami per iscrizioni ad albi (per esempio: agenti di commercio, imprese artigiane, attività di autotrasporto). Sarebbe stata inoltre potenziata la possibilità di ricorso alla Denuncia Inizio Attività in materia edilizia, di certificati di agibilità, etc. I vantaggi sarebbero stati notevoli, consentendo un risparmio di spese a favore delle amministrazioni e anche un maggiore utilizzo del Consulente Tecnico d Ufficio nel processo amministrativo. Last but not least perché questo è uno dei problemi più rilevanti sarebbero stati ridotti a venti giorni tutti i lunghi termini per il silenzio assenso di numerosi procedimenti autorizzatori contemplati nelle normative applicative dell art. 20 della legge n. 241/90. L intenzione della norma, che venne presentata alla stampa dal Ministro pochi giorni prima delle sue dimissioni, era quindi quella di valorizzare la responsabilità del cittadino che, intraprendendo una determinata attività, si sarebbe assunto l onere di dichiarare (sotto responsabilità penale) di possedere i requisiti previsti dalle normative. In altre parole, la tutela dell interesse pubblico sarebbe avvenuta attraverso il senso civico del cittadino, tramite l autocertificazione. Non si sarebbero quindi minimamente toccate le discipline sostanziali che nelle varie materie stabiliscono normative e limiti a tutela d interessi pubblici; si sarebbe piuttosto intervenuto sulle procedure, trasformando il controllo ex ante della Pubblica Amministrazione (che fa perdere tempo in burocrazia) in controllo ex post (che avviene senza ritardare l inizio dell attività). Le dimissioni di Tremonti, avvenute nel luglio 2004, non determinarono l abbandono della prospettiva di quella nuova norma di semplificazione. Essa venne riproposta nel c.d. decreto sulla competitività, traducendosi nella formulazione dell art. 3 del DL n. 35 del Rispetto alla versione originaria, tuttavia, alla norma sono stati apportati numerosi e decisi appesantimenti, che ne hanno snaturato completamente la potenzialità di semplificazione, rendendola addirittura, da certi punti di vista, una norma di complicazione. Cosa è successo? Nelle more della circostanza politica delle dimissioni del ministro, la norma è finita in pasto alla burocrazia ministeriale che, decisamente restia ad accettarne la nuova logica costruita sulle due coordinate: «tutto quello che non è vietato è consentito» e valorizzazione della responsabilità del cittadino ne ha operato la quasi completa sterilizzazione. Si ribadisce: il problema è culturale, prima ancora che procedurale e molto dell efficacia dei processi di semplificazione dipende, come si è detto in apertura, da un rinnovamento culturale della Pubblica Amministrazione. 28

7 Riforma della Pubblica Amministrazionee semplificazione normativa Note 1 A. De Tocqueville, La democrazia in America, BUR, Milano Cfr. M. Rogari, Burocrazia palla al piede del Paese, «Il Sole 24 Ore», 17 giugno Si veda in particolare la sentenza n. 162 del R. Gallo, La delegificazione e la semplificazione nell esperienza della Regione Lombardia, in Competitività e qualità dello sviluppo in Lombardia. L evoluzione del modello di governo lombardo, IRER, Milano Bibliografia M. Bertolissi, Rivolta fiscale, federalismo, riforme costituzionali, Cedam, Padova S. Cassese, La nuova costituzione economica, La Terza, Bari L. Cuocolo, Aspetti problematici della legge di semplificazione per il 2005, in T. Di Nitto, A. Sandulli, I procedimenti amministrativi: un bilancio qualitativo e quantitivo, in pdf L. Franzese, Ordine economico e ordinamento giuridico. La sussidiarietà nelle istituzioni, Cedam, Padova F. Galgano, Diritto ed economia alle soglie del nuovo millennio, in «Contratto e impresa», n.1/2000, pp. 196 e ss. R. Gallo, La delegificazione e la semplificazione nell esperienza della Regione Lombardia, in Competitività e qualità dello sviluppo in Lombardia, L evoluzione del modello di governo lombardo, IRER, Milano F. Gentile, Ordinamento giuridico tra virtualità e realtà, Cedam, Padova P. Messina (a cura di), Una policy regionale per lo sviluppo locale. Il caso della L.R. 8/2003 per i distretti produttivi del Veneto, Cleup, Padova A. De Tocqueville, La democrazia in America, BUR, Milano

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 1 COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO A livello statale 2 MODELLI: A livello regionale INTERVENTI PUNTUALI Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 2 LA SEMPLIFICAZIONE NELLE

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 452 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RUGGHIA Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Presentata il 4 maggio

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ANNO 2013... 2 Sentenza n. 264 del 13/11/2013...2 ANNO 2007...3 Sentenza n. 165 dell 11/05/2007...3 ANNO 2005...5 Sentenza n. 222 del 08/06/2005...5 ANNO 2013 Sentenza n. 264

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Il legislatore incompetente. 12. L A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l Impiego. Una riforma da perfezionare.

Il legislatore incompetente. 12. L A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l Impiego. Una riforma da perfezionare. Il legislatore incompetente. 12 L A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l Impiego. Una riforma da perfezionare. Giuseppe Farina La legge di riforma del lavoro n. 92 del 2012 intitolata disposizioni in materia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 2014

MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 2014 Presentazione MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 014 Associazione Mosaico è una Associazione di Promozione Sociale (APS), iscritta la Registro

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori.

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori. Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori Relazione finale Relatori: Consiglieri Umberto Ambrosoli e Lino Fossati

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Convegno su Riforma Tariffe Elettriche

Convegno su Riforma Tariffe Elettriche Convegno su Riforma Tariffe Elettriche 10 novembre 2015 Auditorium GSE Paolo Rocco Viscontini Una riforma contro l autoconsumo elettrico e la concorrenza Le disposizioni di legge, che regolano l autoconsumo

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Semplifica Italia. Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica

Semplifica Italia. Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica FORUM PA 2012 17 Maggio 2012 Semplifica Italia Silvia Paparo Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica Presidenza del lconsiglio dei iministrii

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA

IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA IL TURISMO COME SETTORE DELL ECONOMIA Nei Paesi dell OCSE il turismo è una grande industria e come tale contribuisce direttamente per il 4,7% del PIL, il 6% dell occupazione, il 21% delle esportazioni

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete Torino, 27 settembre 1999 STRUMENTI PER PROGETTARE ED ATTUARE LA RIFORMA Relatore:

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e dei territori montani

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2029 del 3 agosto 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2029 del 3 agosto 2010 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: DIREZIONE COMMERCIO Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

1. Il 14 gennaio 2013 è stata varata la nuova legge che norma le professioni non organizzate (n. 4

1. Il 14 gennaio 2013 è stata varata la nuova legge che norma le professioni non organizzate (n. 4 c.a. Ministro dell Economia e delle Finanze On. Fabrizio Saccomanni e per conoscenza al Presidente della Repubblica Sen. Giorgio Napolitano al Presidente del Consiglio On. Enrico Letta al Ministro della

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

Diritto d autore: novità nella protezione del design

Diritto d autore: novità nella protezione del design Marella Naj Oleari, avvocato, studio legale Scarpellini Naj Oleari Oggi anche le opere di design sono protette fino a 70 anni dalla morte dell autore Diritto d autore: novità nella protezione del design

Dettagli

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega 7 luglio 2014 Rivolgo i miei ringraziamenti all'aidp (Associazione Italiana per la direzione del personale) e all'intoo per l'opportunità che

Dettagli

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola La scheda Uil Scuola Negli ultimi tempi sono state introdotte diverse disposizioni che, intervenendo per razionalizzare la spesa pubblica hanno promesso effetti dirompenti per l organizzazione delle scuole,

Dettagli

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI All. 1 ACCORDO PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI CITTADINI EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE PRESENTI IN ITALIA.

Dettagli

Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza.

Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza. Relazione introduttiva alla proposta di legge di modifica della L. 5 febbraio 1992 n. 91 Nuove norme sulla cittadinanza. Lo scopo di questa proposta di legge è portare al centro dell attenzione il tema

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi Paolo Urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Convegno nazionale DS Roma 13 marzo 2006 Le politiche abitative. Una grande priorità Le politiche abitative per le fascie più deboli: le nuove modalità

Dettagli

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR La Consulta dichiara non fondata la questione di illegittimità costituzionale in merito alla disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati in TFR e tra assunti post e ante 2001. La recente

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LIBRO FONDIARIO CIRCOLARE N..4/ 2007 Trreennt too,, 55 ffeebbbbrraai ioo 22000077 Oggetto: D.L. 31 gennaio 2007, n.7, c.d. decreto Bersani ( convertito con Legge 2.04.2007

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi SEZIONE B DISABILI E STRANIERI Articolo 4, comma 27 Efficace attuazione del diritto al lavoro dei disabili Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi di Maria Giovannone, Rossana Lonero, Valentina

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2216 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 APRILE 2003 Modifica alla legge 21 dicembre 1999, n. 508, in materia

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Essere liberale nell Italia di oggi

Essere liberale nell Italia di oggi Essere liberale nell Italia di oggi Sempre più spesso sentiamo parlare, anche impropriamente, di programmi e di idee di ispirazione liberale, un temine inflazionato ma che oggi è fondamentale recuperare

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI Milano, 7 novembre 2014 LUCA PIOVACCARI Sindaco di Cotignola (RA) e Presidente dell'unione dei Comuni della Bassa Romagna I numeri della

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola di Tania Groppi Sommario 1. Regioni e Unione Europea nel nuovo Titolo V. 2. La disciplina della fase ascendente nel

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n.

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. 219 del 2006 1 Per effetto della modifica costituzionale del 2001, riguardante

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7 Atto Camera: 2617 Disegno di legge "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale" Camera dei Deputati Commissione XII Affari

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Cittadini di Europa nella dimensione locale, regionale e nazionale

Cittadini di Europa nella dimensione locale, regionale e nazionale E.I.P. Italia Scuola Strumento Di Pace Università LUMSA di Roma CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE Cittadinanza e Costituzione una nuova materia e un nuovo modo di formare i cittadini Cittadini di Europa nella

Dettagli