Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa"

Transcript

1 Riforma della Pubblica Amministrazione e semplificazione normativa SE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE È ANCORA ALL ORDINE DEL GIORNO, SIGNI- FICA CHE L OBIETTIVO PLURIDECENNALE NON È STATO RAGGIUNTO; QUESTO PROBABILMENTE PER- CHÉ L ECONOMICITÀ, COLTA IN SÉ E PER SÉ COME MISURA DELL AZIONE, INDIPENDENTEMENTE DA UNA VERA PERCEZIONE DEI SUOI CARATTERI UMANI, HA PERPETUATO NEL TEMPO LA CONCE- ZIONE CRITICATA DA ALEXIS DE TOCQUEVILLE, SECONDO IL QUALE L AMMINISTRAZIONE È CIECA PERCHÉ PROCEDE, INESORABILMENTE, COME UNA «MACCHINA SENZA MOTORE». CERTO, NON SONO MANCATI I TENTATIVI DI RIVALUTARE IL RUOLO DEL PUBBLICO DIPENDENTE; MA, NEL FARE CIÒ, NON CI SI È RESI CONTO CHE NULLA SAREBBE DAVVERO CAMBIATO SE NON SI FOSSE POSTO AL CENTRO DEL SISTEMA AMMINISTRATIVO, NON IL DIPENDENTE QUALE CATEGORIA ASTRATTA, BENSÌ LA PERSONA: VALE A DIRE, IL SINGOLO CITTADINO CHE, PER UN ATTO DI INVESTITURA SÌ, MA SOPRATTUTTO PER UN CASO DELLA VITA, E PER VIVERE, HA IL COMPITO DI OCCUPARSI DELLA COMUNITÀ. DA QUESTO PUNTO DI VISTA, L ESIGENZA DELLA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SI CONNETTE A QUELLA DI SEMPLIFICARE LA BUROCRAZIA PER FAVORIRE LO SVOLGIMENTO DI ATTI- VITÀ DI IMPRESA. I TEMPI ANCORA ASSURDAMENTE DRACONIANI CHE SONO INFLITTI AGLI OPERA- TORI DIMOSTRANO L ESIGENZA DI TRASFORMARE IL CONTROLLO EX ANTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (CHE FA PERDERE TEMPO IN BUROCRAZIA) IN CONTROLLO EX POST (CHE AVVIE- NE SENZA RITARDARE L INIZIO DELL ATTIVITÀ). IN ALTRE PAROLE, OCCORRE ACCETTARE CHE LA TUTELA DELL INTERESSE PUBBLICO POSSA AVVENIRE, TRAMITE LE AUTOCERTIFICAZIONI E LE DICHIARAZIONI DI INIZIO ATTIVITÀ, ATTRAVERSO IL SENSO CIVICO DEL CITTADINO, CHE DEVE ESSE- RE CONSIDERATO, PRIMA CHE UN CONTROLLATO, UNA RISORSA PER L INTERA COLLETTIVITÀ, CON LA SUA CAPACITÀ DI IMPRESA. ALCUNI INTERVENTI DI SEMPLIFICAZIONE GIÀ REALIZZATI A LIVELLO REGIONALE (PER ESEMPIO IN LOMBARDIA), GIÀ DIMOSTRANO LA PERCORRIBILITÀ DI QUE- STA SOLUZIONE, CHE DEVE ESSERE PERCIÒ IMPLEMENTATA. MARIO BERTOLISSI È ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. LUCA ANTONINI È ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA E VICEPRESIDENTE DELLA FONDAZIONE PER LA SUSSIDIARIETÀ.

2 Un nuovo modo di concepire la Pubblica Amministrazione Di recente, ragionando intorno alle prospettive del Paese, Giorgio Ruffolo ha considerato la riforma della Pubblica Amministrazione come la riforma delle riforme, senz altro una riforma di carattere strategico. Eppure, in un passato ormai remoto, se ne è occupato il ministero per la Riforma burocratica; poi, il ministro per la Funzione pubblica e, con questo, l insieme delle amministrazioni di Stato, Regioni ed enti locali. Forse si è nel giusto se si osserva che i tanti tentativi di rinnovamento sono stati meritori e utili, perché hanno fatto emergere un esigenza fondamentale del sistema Italia; ma senza dubbio non ci si sbaglia aggiungendo che il cammino è ancora lungo e che vanno forse riviste alcune direttrici di marcia, ancora oggi collegate soprattutto ad aspetti e momenti per così dire oggettivi dell azione dei poteri pubblici. D altra parte, questo è stato l angolo visuale prescelto, ancorato all economicità, ai risultati, agli apparati che li avrebbero dovuti perseguire, in attuazione si è detto tante volte del principio costituzionale di buon andamento, posto dall art. 97 della legge fondamentale. Tuttavia, se la riforma della Pubblica Amministrazione è all ordine del giorno, significa che l obiettivo pluridecennale non è stato raggiunto; e questo probabilmente perché l economicità, colta in sé e per sé come misura dell azione, indipendentemente da una vera percezione dei caratteri umani della stessa, ha perpetuato nel tempo la concezione criticata da Alexis de Tocqueville, secondo il quale l amministrazione è cieca perché procede, inesorabilmente, come una «macchina senza motore». Certo, non sono mancati i tentativi di rivalutare il ruolo del pubblico dipendente; ma, nel fare ciò, non ci si è resi conto che nulla sarebbe davvero cambiato se non si fosse posto al centro del sistema amministrativo, in luogo del dipendente quale categoria astratta, la persona: vale a dire, il singolo cittadino che, per un atto di investitura sì, ma soprattutto per un caso della vita, e per vivere, ha il compito di occuparsi della comunità. Se si condivide questa prospettiva e si è d accordo sul fatto che il dipendente pubblico (al pari di ogni altro lavoratore, s intende) va motivato come persona, non si fatica a concludere che: si possono disperdere ricchezze enormi quando non si hanno ideali e si possono costruire ricchezze enormi se si hanno ideali; chi fa parte dell amministrazione deve sapere che quel che fa, ogni giorno, può essere una ricchezza per gli altri e per sé, perché con la sua fatica cioè il lavoro intelligente, generoso e solidale concorre a rendere dignitosa la vita altrui, dunque ad assicurare agli altri e a sé un avvenire. È nuova la Pubblica Amministrazione che ragiona così: non esisto per me e i poteri che mi sono dati non riguardano la mia esistenza, ma la mia funzione; se esisto, esisto per l uomo e io, uomo-dipendente pubblico, debbo sentirmi votato a una missione: rendere civili le condizioni di vita dei miei simili. La nuova Pubblica Amministrazione è mezzo, non fine; e poiché i fini sono quelli indicati nella Costituzione, questa amministrazione è il più grande degli strumenti della convivenza civile, della democrazia. 24

3 Sciogliere i lacci e laccioli di complicazioni burocratiche superflue è la sfida inevitabile perché il cittadino prima che un controllato possa essere considerato, con la sua capacità di impresa, come una risorsa per l intera collettività. La prospettiva è la stessa anche se il ragionamento si sposta sulla necessità della semplificazione normativa: sciogliere i lacci e laccioli di complicazioni burocratiche superflue è la sfida inevitabile perché il cittadino prima che un controllato possa essere considerato, con la sua capacità di impresa, come una risorsa per l intera collettività. La semplificazione dell attività amministrativa rappresenta, allora, una leva strategica per intervenire sulla regolazione dell attività di impresa e per favorire processi di efficienza delle amministrazioni pubbliche. Semplificare non significa semplicemente e solo parlare di deregulation, ma è certo che nel nostro Paese è davvero urgente un nuovo approccio per coniugare l indispensabile tutela degli interessi collettivi con il massimo di semplicità per gli utenti e le stesse pubbliche amministrazioni coinvolte. I tentativi di semplificare la Pubblica Amministrazione I processi e i metodi di semplificazione adottati sino a oggi dal nostro Paese si sono rivelati scarsamente efficaci: la legge annuale di semplificazione, introdotta in via generale nell ordinamento italiano con l art. 20 della legge n. 59/1997, fin dal suo primo apparire venne presentata come un arma efficace che avrebbe permesso di perseguire efficaci politiche di semplificazione, sia normativa che amministrativa. L effetto, invece, è stato decisamente deludente: in Italia le deleghe dirette a semplificare si sono, infatti, strutturate esse stesse come lenzuoli normativi che hanno prodotto decreti legislativi torrenziali e alluvioni di regolamenti. L enfasi sulla semplificazione ha prodotto scarsi risultati: come i tentacoli dei mostri mitologici, per ogni legge abrogata rinasceva un regolamento, per ogni norma di semplificazione, una o più norme di complicazione. Ecco i risultati: il governo Prodi nei primi ventiquattro mesi della sua attività ha adottato misure di semplificazione e misure di complicazione; il governo Berlusconi, nello stesso periodo misure di semplificazione e misure di complicazione. Un saldo sempre negativo. La situazione italiana evoca da vicino quella suggestiva immagine con cui Tocqueville prefigurò il volto del dispotismo: «Il sovrano estende il suo braccio sull intera società; ne copre la superficie con una rete di piccole regole complicate, minuziose e uniformi, attraverso le quali anche gli spiriti più originali e vigorosi non saprebbero come mettersi in luce e sollevarsi sopra la folla; esso non sprezza le volontà, ma le infiacchisce, le piega e le dirige; raramente 25

4 costringe ad agire, ma si sforza continuamente di impedire che si agisca, non distrugge, ma impedisce di creare, non tiranneggia direttamente, ma ostacola, comprime, snerva, estingue, riducendo infine la nazione a non essere altro che una mandria di animali timidi e industriosi della quale il governo è pastore» 1. In effetti, nel 2004 in Italia, grazie alla burocrazia, per avviare un impresa occorrevano sessantaquattro giorni, mentre in Danimarca ne erano sufficienti tre e nel Regno Unito cinque! Sono dati del World Economic Forum 2. Si tratta di una situazione che concorre a escludere l Italia dai primi posti della classifica dei Paesi dove è più conveniente investire. Si vedano ancora più recentemente l ultima classifica sulla libertà economica (del 4 gennaio 2006), redatta da Heritage Foundation, che ha declassato l Italia al quarantaduesimo posto (nel 2004 eravamo ancora al ventitreesimo posto) e il monito del presidente dell Antitrust sull eccessiva pesantezza della burocrazia italiana (dicembre 2005). Infine, una recente ricerca del Formez sullo stato dell amministrazione, sottolinea che il 5,19% dei procedimenti supera l anno e il 61,28% richiede da uno a sei mesi, con il risultato che la durata Nel 2004 in Italia, grazie alla burocrazia, per avviare un impresa occorrevano sessantaquattro giorni, mentre in Danimarca ne erano sufficienti tre e nel Regno Unito cinque! media di un procedimento si attesta ancora sui centosettantacinque giorni. La scarsa efficacia dei processi di semplificazione si è poi aggravata con la riforma costituzionale del 2001: lo Stato, infatti, ha perso la possibilità di disciplinare le molte nuove materie della competenza regionale residuale, spesso cruciali per la disciplina delle attività imprenditoriali, e ha perso anche la possibilità, per le materie della competenza concorrente, di emanare regolamenti, ora rimessi alla potestà regionale. Il cambiamento dell assetto delle competenze, intervenuto con la riforma in senso federale del 2001, avrebbe imposto un radicale ripensamento del tradizionale metodo della semplificazione, già scarsamente efficace, come appena visto, anche quando poteva muoversi a largo raggio. Questo ripensamento non è tuttavia ancora avvenuto, e l ultima legge di semplificazione (legge n. 246 del 2005) appare strutturata, nelle sue linee di fondo, ancora secondo il metodo tradizionale. Per esempio, l art. 5 di tale legge nelle intenzioni dei proponenti diretto a semplificare l attività d impresa viene a riguardare solo le disposizioni di competenza esclusiva statale e per l esercizio della delega vengono concessi al Governo ben diciotto mesi. Tale termine appare subito eccessivamente lungo e davvero burocratico di fronte all urgenza di semplificazione, visti i dati sopra riportati; inoltre, la delega finirà per riguardare solo le autorizzazioni previste nelle materie di competenza esclusiva statale: un ambito, quindi, dove ben poco spazio rimane alla legislazione inerente all attività d impresa, ormai in gran parte riconducibile, almeno potenzialmente, nella potestà regionale concorrente o esclusiva. 26

5 Nell arco di quei diciotto mesi, sicuramente questa potestà legislativa residuale e concorrente regionale si sarà ulteriormente sviluppata, occupando anche quei limitati spazi ora rimasti alla legislazione statale. L innesto del vecchio metodo sul nuovo riparto delle competenze tra Stato e Regioni potrebbe quindi condurre a risultati poco efficaci. Con una metafora l effetto sembra quello di una pezza nuova aggiunta a un vestito vecchio. L esito è noto. È opportuno peraltro rilevare che alcune Regioni hanno invece avviato importanti processi di semplificazione e in alcuni casi, come in quello emblematico dell abolizione dei libretti sanitari e di altri certificati analoghi (effettuata per esempio da Lombardia ed Emilia Romagna), si sono spinte molto in avanti, ottenendo, peraltro, l avallo della Corte Costituzionale 3. Inoltre, si sono diffusi gli interventi taglia leggi : per esempio, la Regione Lombardia ha approvato, nelle ultime due legislature, una serie di significativi interventi sia per ciò che concerne la delegificazione sia per ciò che riguarda la semplificazione. Tra questi, la legge regionale n. 15 del 22 luglio 2002, che ha disposto la soppressione di ben duecentonovantanove leggi regionali. Si tratta d interventi che si qualificano per avere eliminato numerosi vincoli burocratici, superando la logica della sfiducia e del «sospetto delle istituzioni verso i cittadini o dei cittadini verso le istituzioni» promuovendo, invece, «un concorso fiducioso ed entusiasta per sviluppare le libertà, l onestà, la laboriosità e lo spirito di iniziativa dei singoli» 4. Una questione culturale Hic rodus, hic saltus: la questione prima che politica è in fondo culturale e riguarda la concezione dell amministrazione e degli amministrati. Hic rodus, hic saltus: la questione prima che politica è in fondo culturale e riguarda la concezione dell amministrazione e degli amministrati. È singolare, da questo punto di vista, la vicenda che ha accompagnato un significativo tentativo di inversione di rotta, realizzato nel 2004 per iniziativa del ministro Tremonti, quando sembrò prendere corpo la prospettiva di introdurre nell ordinamento una norma shock che potesse permettere notevoli risultati di semplificazione normativa in tempi rapidi, in quanto diretta, in fondo, ad applicare il criterio che «tutto quello che non è vietato è consentito». L intenzione era quindi di introdurre un nuovo e rapido metodo per semplificare, una volta per tutte, l ordinamento italiano, in conformità sia con la grande esigenza di questa evoluzione, sia con i nuovi assetti delle competenze derivanti dalla riforma federale. La norma venne concretizzata valorizzando al massimo le potenzialità di due istituti previsti dalla legge statale sul procedimento amministrativo quali l autocertificazione e la denuncia di inizio attività, la cui introduzione era stata una delle innovazioni amministrative più rilevanti degli ultimi dieci anni. Le potenzialità d applicazione di questi istituti, tuttavia, non sono mai state sfruttate appieno: la denuncia di inizio attività, introdotta nel nostro ordinamento con l art. 19 della legge n. 241/90, infatti, venne subito ingessata attraverso il 27

6 Riforma della Pubblica Amministrazionee semplificazione normativa rimando a normative secondarie che hanno spesso stabilito termini draconiani per il raggiungimento del silenzio assenso in molte decine, se non centinaia, di procedimenti autorizzatori. Proprio per superare questa situazione, la nuova norma di semplificazione veniva strutturata consentendo l immediato esercizio dell attività dopo venti giorni dalla presentazione della denuncia di inizio attività corredata dalle autocertificazioni, peraltro consentendo l autocerticazione anche relativamente alle valutazioni tecniche. L impatto in termini di semplificazione sarebbe stato importante e immediato. Solo a titolo meramente esemplificativo, si poteva ipotizzare un forte effetto di semplificazione in relazione a tutti quei casi in cui sono ancora previste autorizzazioni non discrezionali e senza esami per iscrizioni ad albi (per esempio: agenti di commercio, imprese artigiane, attività di autotrasporto). Sarebbe stata inoltre potenziata la possibilità di ricorso alla Denuncia Inizio Attività in materia edilizia, di certificati di agibilità, etc. I vantaggi sarebbero stati notevoli, consentendo un risparmio di spese a favore delle amministrazioni e anche un maggiore utilizzo del Consulente Tecnico d Ufficio nel processo amministrativo. Last but not least perché questo è uno dei problemi più rilevanti sarebbero stati ridotti a venti giorni tutti i lunghi termini per il silenzio assenso di numerosi procedimenti autorizzatori contemplati nelle normative applicative dell art. 20 della legge n. 241/90. L intenzione della norma, che venne presentata alla stampa dal Ministro pochi giorni prima delle sue dimissioni, era quindi quella di valorizzare la responsabilità del cittadino che, intraprendendo una determinata attività, si sarebbe assunto l onere di dichiarare (sotto responsabilità penale) di possedere i requisiti previsti dalle normative. In altre parole, la tutela dell interesse pubblico sarebbe avvenuta attraverso il senso civico del cittadino, tramite l autocertificazione. Non si sarebbero quindi minimamente toccate le discipline sostanziali che nelle varie materie stabiliscono normative e limiti a tutela d interessi pubblici; si sarebbe piuttosto intervenuto sulle procedure, trasformando il controllo ex ante della Pubblica Amministrazione (che fa perdere tempo in burocrazia) in controllo ex post (che avviene senza ritardare l inizio dell attività). Le dimissioni di Tremonti, avvenute nel luglio 2004, non determinarono l abbandono della prospettiva di quella nuova norma di semplificazione. Essa venne riproposta nel c.d. decreto sulla competitività, traducendosi nella formulazione dell art. 3 del DL n. 35 del Rispetto alla versione originaria, tuttavia, alla norma sono stati apportati numerosi e decisi appesantimenti, che ne hanno snaturato completamente la potenzialità di semplificazione, rendendola addirittura, da certi punti di vista, una norma di complicazione. Cosa è successo? Nelle more della circostanza politica delle dimissioni del ministro, la norma è finita in pasto alla burocrazia ministeriale che, decisamente restia ad accettarne la nuova logica costruita sulle due coordinate: «tutto quello che non è vietato è consentito» e valorizzazione della responsabilità del cittadino ne ha operato la quasi completa sterilizzazione. Si ribadisce: il problema è culturale, prima ancora che procedurale e molto dell efficacia dei processi di semplificazione dipende, come si è detto in apertura, da un rinnovamento culturale della Pubblica Amministrazione. 28

7 Riforma della Pubblica Amministrazionee semplificazione normativa Note 1 A. De Tocqueville, La democrazia in America, BUR, Milano Cfr. M. Rogari, Burocrazia palla al piede del Paese, «Il Sole 24 Ore», 17 giugno Si veda in particolare la sentenza n. 162 del R. Gallo, La delegificazione e la semplificazione nell esperienza della Regione Lombardia, in Competitività e qualità dello sviluppo in Lombardia. L evoluzione del modello di governo lombardo, IRER, Milano Bibliografia M. Bertolissi, Rivolta fiscale, federalismo, riforme costituzionali, Cedam, Padova S. Cassese, La nuova costituzione economica, La Terza, Bari L. Cuocolo, Aspetti problematici della legge di semplificazione per il 2005, in T. Di Nitto, A. Sandulli, I procedimenti amministrativi: un bilancio qualitativo e quantitivo, in pdf L. Franzese, Ordine economico e ordinamento giuridico. La sussidiarietà nelle istituzioni, Cedam, Padova F. Galgano, Diritto ed economia alle soglie del nuovo millennio, in «Contratto e impresa», n.1/2000, pp. 196 e ss. R. Gallo, La delegificazione e la semplificazione nell esperienza della Regione Lombardia, in Competitività e qualità dello sviluppo in Lombardia, L evoluzione del modello di governo lombardo, IRER, Milano F. Gentile, Ordinamento giuridico tra virtualità e realtà, Cedam, Padova P. Messina (a cura di), Una policy regionale per lo sviluppo locale. Il caso della L.R. 8/2003 per i distretti produttivi del Veneto, Cleup, Padova A. De Tocqueville, La democrazia in America, BUR, Milano

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 1 COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO A livello statale 2 MODELLI: A livello regionale INTERVENTI PUNTUALI Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 2 LA SEMPLIFICAZIONE NELLE

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI

CIRCOLARE N. 3/DF. Roma, 11 novembre 2010 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE AI COMUNI LORO SEDI CIRCOLARE N. 3/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 11 novembre 2010 DIPARTIMENTO DELLE FINANZE IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE PROT. 23148 AI COMUNI LORO SEDI ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

composta dai Magistrati:

composta dai Magistrati: Deliberazione n. 181/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Ugo Marchetti dott. Italo

Dettagli

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ANNO 2013... 2 Sentenza n. 264 del 13/11/2013...2 ANNO 2007...3 Sentenza n. 165 dell 11/05/2007...3 ANNO 2005...5 Sentenza n. 222 del 08/06/2005...5 ANNO 2013 Sentenza n. 264

Dettagli

E-privacy 2014 - spring edition

E-privacy 2014 - spring edition Quale equilibrio fra trasparenza, apertura e privacy nello scenario del d.lgs. 33/2013? E-privacy 2014 - spring edition Firenze, 5 aprile 2014 - L evoluzione verso l open government 2 Lo sviluppo della

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola

Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola Regioni e diritto comunitario: il disegno di legge di modifica della legge La Pergola di Tania Groppi Sommario 1. Regioni e Unione Europea nel nuovo Titolo V. 2. La disciplina della fase ascendente nel

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Sotto accusa comunitaria le agevolazioni al non profit

Sotto accusa comunitaria le agevolazioni al non profit Sotto accusa comunitaria le agevolazioni al non profit Un patrimonio a rischio Luca Antonini è Docente di Diritto costituzionale, Università degli Studi di Padova. Vice presidente della Fondazione per

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale?

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale? Questo scritto è in corso di pubblicazione in Giurisprudenza Costituzionale n. 5/2004 I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 CAMERA DEI DEPUTATI XI COMMISSIONE LAVORO PUBBLICO E PRIVATO AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 DECRETO LEGGE 20 SETTEMBRE 2015, N. 146 «MISURE URGENTI PER LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO DELLA

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, richiamando espressamente l art. 2, comma 634,

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale di FRANCESCO SAVERIO MARINI ANDREA STICCHI DAMIANI Tra le pieghe del d.l. n. 91/2014 (c.d. decreto competitività

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva alcuna esplicita menzione di competenze comunitarie nel settore ambientale. La crescente

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici PROPOSTE DI LEGGE C 4240 B e C 5060 MODIFICHE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 ED ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE

Dettagli

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale Avv. Davide Paris Relazione alla giornata di formazione Residenze extraospedaliere e diritti degli anziani:

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS.

LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS. LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS. 152706 Alessandro Maria Di Stefano 1 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 152/06 IN

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI

CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI CENTRALI UNICHE DI COMMITTENZA: VINCOLI E OPPORTUNITA' PER I COMUNI Milano, 7 novembre 2014 LUCA PIOVACCARI Sindaco di Cotignola (RA) e Presidente dell'unione dei Comuni della Bassa Romagna I numeri della

Dettagli

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete Torino, 27 settembre 1999 STRUMENTI PER PROGETTARE ED ATTUARE LA RIFORMA Relatore:

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola La scheda Uil Scuola Negli ultimi tempi sono state introdotte diverse disposizioni che, intervenendo per razionalizzare la spesa pubblica hanno promesso effetti dirompenti per l organizzazione delle scuole,

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE REDATTRICE: Francesca Casalotti Le proposte di legge esaminate nel corso del 2013 dalla Sesta Commissione in materia di ambiente e successivamente approvate dal Consiglio

Dettagli

Polizza assicurativa Tutela Futuro

Polizza assicurativa Tutela Futuro Polizza assicurativa Tutela Futuro Servizi reali per la non autosufficienza Dai primi anni 90 si è manifestato un crescente interesse per il sostanziale aumento della domanda di prestazioni di lunga durata

Dettagli

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte.

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte. Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale patrizia.vernoni@regione.piemonte.it Data 13/05/2011 Protocollo 0003728/DB1701 Classificazione 009.050.020

Dettagli

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui Articolo Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui (di Giuseppe Pompella Ministero dell Interno Dipartimento per le Politiche del Personale e per le Risorse

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO:

IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO: 20 giugno 2012 IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO: ASPETTI NORMATIVI E FISCALI Christian Mocellin Salary partner NCTM Studio Legale Associato IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO 1. Ruoli, attori e protagonisti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AS 1014 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AS 1014 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AS 1014 DL 8 AGOSTO 2013 N. 91 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 7 giugno 2010 Premessa Anigas presenta le proprie osservazioni al DCO

Dettagli

Sul governo e sul progetto dell istituzione scolastica

Sul governo e sul progetto dell istituzione scolastica Milano 8 aprile 2015 INCONTRO CON I CAPIGRUPPO CONSIGLIARI DI REGIONE LOMBARDIA Introduzione ai lavori a cura di Silvio Colombini (Segretario generale CISL Scuola Lombardia) Premessa Il Governo ha scelto

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION)

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) GIUGNO 2011 PREMESSA La proposta di Direttiva si pone il fine di introdurre sul piano della normativa fiscale nuove misure che rispondono

Dettagli

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia

Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia Legalità. Entrata in vigore del Codice antimafia e novità in materia di documentazione antimafia CONSIDERAZIONI GENERALI È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 226 del 28.9.2011 - Suppl.

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale L affiliazione al Rotary si basa sulle capacità professionali dei suoi soci, ed ogni club si sforza di creare un microcosmo del

Dettagli

AGGIORNAMENTO. La società a responsabilità limitata. Oreste Cagnasso. Vol. V, Tomo 1. 1. Premessa.

AGGIORNAMENTO. La società a responsabilità limitata. Oreste Cagnasso. Vol. V, Tomo 1. 1. Premessa. Oreste Cagnasso La società a responsabilità limitata Vol. V, Tomo 1 AGGIORNAMENTO Sommario: 1. Premessa. - 2. La sopressione del libro dei soci. - 3. I controlli. - 4. Il capitale sociale. - 5. Le s.r.l.

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 7 LEZIONE IL DECENTRAMENTO FISCALE: IL CASO ITALIANO (ottobre 2008) BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1327 del 23 luglio 2013 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto.

Dettagli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale Giovanna Pizzanelli Nel 1997 è stata avviata in Italia un tentativo di riforma del trasporto pubblico locale nell obiettivo di incrementarne

Dettagli

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls)

Un analisi degli adempimenti operativi a carico dell azienda in merito alla elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls) Il rappresentante per la sicurezza e gli obblighi gestionali dell azienda Mario Gallo Professore a contratto di Diritto del lavoro nell Università degli studi di Cassino Un analisi degli adempimenti operativi

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

DELIBERAZIONE n.63/2015/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 2 aprile 2015

DELIBERAZIONE n.63/2015/par. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 2 aprile 2015 DELIBERAZIONE n.63/2015/par Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 2 aprile 2015 *********** composta dai magistrati: dott. Silvio Di Virgilio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Pos obbligatorio dal 30 giugno per imprese e lavoratori autonomi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 30 giugno 2014

Dettagli

Relazione di accompagnamento. al nuovo Regolamento in materia di attività vigilanza e di accertamenti ispettivi di competenza dell Autorità

Relazione di accompagnamento. al nuovo Regolamento in materia di attività vigilanza e di accertamenti ispettivi di competenza dell Autorità Relazione di accompagnamento al nuovo Regolamento in materia di attività vigilanza e di accertamenti ispettivi di competenza dell Autorità Finalità e caratteristiche generali del provvedimento La nuova

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7 Atto Camera: 2617 Disegno di legge "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale" Camera dei Deputati Commissione XII Affari

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ!

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ! SEMPLIFICA UNIVERSITÀ «PER COMINCIARE» maggio 2014 Adunanza del 14 maggio 2014 IL PRESIDENTE (Prof. Andrea Lenzi) Il Consiglio Universitario Nazionale, nella condivisione dell impegno assunto dal Governo

Dettagli

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 Circolare Regione Sicilia Commercio n. 7 del 19/03/2007 Decreto legge 4 luglio 2006, n.223, convertito, con modificazioni, nella legge 4 agosto 2006, n.248. Articoli 3, 4, 5 e 11.

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

JOBS ACT E APPRENDISTATO

JOBS ACT E APPRENDISTATO JOBS ACT E APPRENDISTATO Convertito in legge in via definitiva, il decreto sul lavoro interviene anche sulla disciplina dell apprendistato apportando specifiche modifiche al D. Lgs. n.167/2011: -redazione

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Il Sistema di valutazione delle performance ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

Dettagli

MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 2014

MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 2014 Presentazione MEMORIA SCRITTA ASSOCIAZIONE MOSAICO AUDIZIONE COMMISSIONE XII CAMERA DEI DEPUTATI 10 NOVEMBRE 014 Associazione Mosaico è una Associazione di Promozione Sociale (APS), iscritta la Registro

Dettagli

Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata

Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata 18 giugno 2013 - Aula Magna Clinica del Lavoro Premessa La gestione e la regolamentazione

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL DECRETO SVILUPPO. Nota a TAR Piemonte, 28 novembre 2013, n. 1287.

GLI STRUMENTI DELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL DECRETO SVILUPPO. Nota a TAR Piemonte, 28 novembre 2013, n. 1287. GLI STRUMENTI DELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA DEL DECRETO SVILUPPO. Nota a TAR Piemonte, 28 novembre 2013, n. 1287. Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa 1. Premessa: il presso

Dettagli