Mod. 3: Apparati di rete, IP, Classi, Esercitazione Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mod. 3: Apparati di rete, IP, Classi, Esercitazione Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone"

Transcript

1 Definizione di apparato di rete. Essi sono nodi speciali usati per creare reti più ampie a partire da due o più sottoreti. Essi si collegano simultaneamente a tutte le due o più sottoreti da collegare. Esempi di apparati di rete Essi sono: repeater, hun extender (livello 1), switch e bridge (livello 2), router (livello 3), gateway (livello 7) Come scegliere un apparato di rete? La scelta dell uno o dell altro apparato di rete è dipende sia dal costo che dal livello del modello ISO / OSI in cui deve operare, sapendo che gli apparati di rete: - repeater, extender 1 e hub livello 1 - bridge e switch livello 2 - router livello 3 - gateway 2 livello 7 Il Repeater è un apparato di rete costituito da due sole porte collegate alla stazione mittente e alla stazione destinataria. Esso riceve il segnale dalla stazione mittente, lo amplifica e lo trasmette alla stazione destinataria. Quando si usa? Esso si usa per: 1) ampliare una rete oltre i limiti fisici generati dal mezzo trasmissivo 2) non rischiare un attenuazione del segnale 3 alla stazione rivevente Svantaggio: Determina un ritardo nell arrivo del segnale alla stazione destinataria. L HUB 4 è un apparato di rete o anche repeater multiporta (da 4 a 24) è detto passivo in quanto si limita solo a ricevere i dati via cavo dalla stazione mittente ed a metterli in circolazione via cavo verso tutte le stazioni destinatarie ad esso collegate. Quando si usa? Esso si usa: 1) come apparato "centro stella" di una rete a stella LAN piccola 2) quando i dati trasmessi non devono essere necessariamente analizzati per capire a chi sono indirizzati. 1 Extender = Amplificatore di Segnale Wi-fi; 2 Gateway = via di uscita ha come scopo principale quello di veicolare i pacchetti di rete all'esterno di una rete locale e verso Internet 3 Ad esempio sapendo che la lunghezza massima dei doppini telefonico è di 100metri, se bisogna collegare un nodo di rete oltre i 100metri conviene usare prima il repeater per rigenerare il segnale e poi fare il collegamento del nodo. 4 HUB = letteralmente fulcro, mozzo, 1

2 Svantaggio: La trasmissione dei dati dell HUB verso tutte le altre stazioni destinatarie è di tipo broadcast. Ciò determina un traffico di rete molto intenso e quindi molte collisioni, perciò oggi esso è in disuso. Al suo posto si usa uno switch. Caratteristiche dell HUB 1) La trasmissione dati è in modalità half-duplex: o riceve i dati da un nodo o invia i dati ricevuti ad ogni nodo, cioè smista il traffico fra più nodi. 2) La larghezza di banda è condivisa, cioè il segnale trasmesso è suddiviso per il numero di stazioni collegate all HUB L Extender 5 è un apparato di rete di 0 a 4 porte che ricevere i dati via onde radio dalla stazione mittente, li amplifica e li mette in circolazione via onde radio verso tutte le stazioni destinatarie ad esso collegate. Quando si usa? Esso si usa: 1) come apparato "centro stella" di una piccola rete a stella domestica WLAN 2) per la condivisione della connessione Internet e dei servizi Wifi: stampante, Fax, TV Svantaggi. Esso è una via di mezzo tra il repeater e l hub pertanto ha gli svantaggi di entrambi come: 1) La trasmissione dei dati dell Extender verso tutte le stazioni destinatarie è di tipo broadcast. Ciò determina un traffico di rete molto intenso e quindi molte collisioni 2) Come il repeater determina un ritardo nell arrivo del segnale alla stazione destinataria. Caratteristiche dell extender (vedi HUB) 1) La trasmissione dati è in modalità half-duplex: o riceve i dati o invia i dati 2) La larghezza di banda è condivisa, cioè il segnale trasmesso è suddiviso per il numero di stazioni collegate all Extender Definizione di Dominio di Collisione Un dominio di collisione, in una rete di calcolatori, è un insieme di nodi che concorrono per accedere allo stesso mezzo trasmissivo. 5 HUB = letteralmente fulcro, mozzo, 2

3 Esempio1 di dominio di collisione: rete a stella Un esempio è l insieme dei nodi collegati ad hub centrale in una rete a topologia a stella, infatti in tale topologia ciascun nodo concorre ( gareggia ) con gli altri nodi per poter comunicare con l hub che ha il compito di replicare i dati in su tutte le sue porte a cui sono connessi gli altri nodi Esempio2 di dominio di collisione: hub in cascata (ingrandiscono il dominio di collisione) In tale topologia a stella (fig. pag. 1) se una porta dell hub fosse collegata anche ad un altro hub, attraverso un cavo di dorsale ovvero se si avesse la situazione seguente: L insieme dei sette nodi di figura sarebbe ancora un esempio di dominio di collisione, infatti l hub aggiuntivo a destra serve solo ad estendere il numero di nodi che si possono collegare al primo hub a sinistra in quanto un dato trasmesso ad es. dal nodo 1 all hub H1 a sinistra viene da esso replicato a tutti i nodi 2, 3 e 4 e alla porta a cui è connesso l hub H2, il quale a sua volta lo replica ai nodi a, b e c ad esso collegati. Conclusioni In questa situazione dell esempio ciascun dato inviato da ciascun nodo delle rete viene inviato a tutti gli altri e quindi in questa situazione, rispetto alla precedente possiamo di certo affermare che il traffico sulla rete è maggiore e quindi proporzionalmente le collisioni sono più probabili e la velocità di circolazione dei dati rallenta. Classificazione delle reti LAN Quando le LAN iniziarono a diffondersi l istituto IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) definì nel 1980 stabili un progetto delle reti LAN, detto IEEE che classifica le seguenti reti LAN: - rete LAN detta anche rete CSMA / CD - rete LAN detta anche rete Token Ring - rete LAN detta anche rete Wireless Aggiornamenti della rete Wireless La rete ha subito varie aggiornamenti allo scopo di migliorarne le prestazioni in velocità e frequenza. I principali aggiornamenti sono: a, g e n. - La rete a ha una ampiezza di banda ideale 7 pari a 54 Mb/s e frequenza ideale pari a 5 GHz - La rete g ha una ampiezza di banda ideale pari a 54 Mb/s e frequenza ideale pari a 2,4 GHz - la rete n ha una ampiezza di banda ideale pari a 150 Mbps, 300Mbps e 450Mbps e una frequenza ideale pari a 2,4 GHz e 5 GHz (frequenza dual band) 6 Il numero 80 deriva dal farro che il progetto ha avuto inizio nel Info dal sito: 3

4 Il bridge 8 (letteralmente ponte ) è un apparato di rete del livello 2 del modello ISO OSI, da 2 a 4 porte, attivo in quanto filtra i frame, cioè trasmette i frame che riceve solo nel dominio di collisione ove può stare la stazione di arrivo. Quando si usa? Esso si usa: 1) per collegare reti LAN uguali o di natura diversa (per esempio ed 802.5) 2) per suddividere un unica rete in più sotto reti per problemi di carico o di distanza tra i nodi 3) per isolare parti di una rete per motivi di sicurezza Caratteristiche a) il bridge operando al livello 2 della pila ISO/OSI è in grado di riconoscere (rintracciare) nella trama l indirizzo MAC del mittente e l indirizzo MAC del destinatario; b) il bridge mantiene in un buffer una tabella di indirizzi MAC delle schede di rete associate a ciascun nodo per ciascuna delle sue porte, ovvero contiene (vedi fig.) tutti gli indirizzi MAC dei nodi del 1 dominio di collisione connesso alla 1 porta, tutti gli indirizzi MAC dei nodi del 2 dominio di collisione connesso alla 2 porta, ecc. c) La tabella di indirizzi MAC può essere creata manualmente dall'amministratore di rete oppure automaticamente tramite un meccanismo di auto-apprendimento del bridge, tramite il traffico progressivo di frame sul bridge d) crea un ponte di connessione tra (2 a 8 quante sono le sue porte) domini di collisione uguali o diversi Bridge WIFI 9 (vedi figura di sopra) Esso è un bridge con antenne e con sole due porte. Esso filtra i frame che riceve via onde radio dal 1 dominio di collisione (1 LAN) e trasmette i frame che via cavo solo nell altro dominio di collisione (2 LAN) ove può stare la stazione di arrivo. 9 Esso è usato oggi come ponte tra il segnale wifi in entrata e il segnale via cavo in uscita, quindi come apparato per collegare alla rete wifi, vecchi nodi dotati solo di scheda di rete ethernet e quindi utilizzabili solo via cavo ethernet. 4

5 Lo Switch Lo Switch (letteralmente interruttore ) è un è un nodo di rete del livello 2, da 4 a 48 porte, attivo poiché si occupa dell indirizzamento dei frame ricevuti verso una porta di uscita cioè verso un preciso destinatario grazie a una corrispondenza univoca porta - indirizzo. Differenze switch e bridge 1) maggiore espandibilità in termini di numero di porte 2) performance migliori poiché hanno un software più intelligente installato Differenze dello switch e router 1) Lo switch permette di instradare frame a livello 2 tra stazioni di due o più LAN uguali o diverse 2) Il Router permette di instradare pacchetti a livello 3 tra stazioni di due o più reti diverse per estensione (LAN e WAN) Access Point Essi sono apparati di rete che permettono di condividere la connessione ad internet ricevuta da un modem ADSL 10 ethernet 11 non wifi connesso a sua volta ad una presa ADSL installata dentro casa. 12 Oggi l Access Point cosi fatto è in disuso poiché i modem attuali sono loro stessi wifi e quindi già condividono da soli la rete Internet o meglio ancora sono integrati in router wifi. Come si collega l Access Point al modem ADSL? 1) con un cavo di rete si collega l Access Point ad una presa libera dietro al modem, 2) con un altro cavo di rete si collega un altra presa libera del modem con la spina ADSL 3) con un cavo elettrico si collega l'alimentatore dell'access Point e del modem alla presa elettrica. Cavo Utp Cavo Utp Il Gateway Il gateway (letteralmente passaggio ) è un dispositivo di rete del livello 7, di passaggio tra due architetture di reti differenti come: la privata SNA 13 della IBM e la pubblica TCP / IP. 10 ADSL2+ estende la capacità dell'adsl. La velocità di trasmissione può arrivare fino a 24 Mbit/s in download e 1 Mbit/s in upload 11 I modem adsl usb, nati prima di quelli ethernet e ancora in uso, permettono il collegamento nel lato usb solo con un PC e non con un apparato di rete come l access point. 12 Esso è detto anche AP o punto di accesso per tutte le stazione che si trovano nel suo raggio di copertura. Il suo posizionamento è in genere al centro della rete e in una posizione piuttosto alta 13 Essa è l architettura di rete (cioè una famiglia di protocolli e non la rete) usata dalla IBM per le sue reti private LAN 5

6 A che serve il gateway Esso si usa per permettere la compatibilità nello scambio dei dati trasmessi tra le due architetture differenti. 14 IP 15 pubblico Gli indirizzi IP pubblici sono assegnati all host quando esso si connette alla rete Internet (WAN) dall'internet Service Provider (ISP) in modo automatico ed univoco. Non è possibile che due host connessi a Internet abbiano lo stesso indirizzo IP pubblico. IP privato Gli indirizzi IP privati sono assegnati all host quando esso si connette ad una rete locale (LAN o WLAN) dal router di quella rete in modo automatico o dall administrator in modo statico. Non è possibile che due host connessi alla stessa rete locale LAN abbiano lo stesso IP privato, ma è possibile che loro abbiamo lo stesso IP in due sottoreti LAN1 e LAN2 diverse ma collegate tra loro. A che servono gli IP privati Essi sono usati per le reti locali allo scopo di ridurre le richieste di indirizzi pubblici. Chiunque può utilizzare questi indirizzi per la propria rete locale, perché i pacchetti relativi a tali reti non vengono instradati dai router in Internet. Esempi di indirizzi Privati. Secondo convenzioni internazionali essi sono da scegliere bei seguenti intervalli: - Da ad (di classe A) - Da a (di classe B) - Da ad (di classe C) Il router o una stampante ethernet di una rete domestica ha indirizzo della serie ad Come si assegna un IP privato ad un host nel Sistema Operativo Windows? Panello di controllo connessione di rete selezionare la connessione di rete locale tasto destro del mouse su proprietà nella scheda generale della finestra che appare selezionare protocollo TCP /IP ancora proprietà nella scheda generale selezionare utilizza il seguente indirizzo IP come mostra la figura seguente: 14 E questo il motivo per cui esso si usa al livello 7, poiché è proprio il protocollo del livello 7 che si occupa di interfacciare 2 host A e B che comunicano tra loro che possono trovarsi: nella stessa rete LAN con la stessa architettura; in due reti diverse LAN e WAN con la stessa architettura di rete TCP /IP oppure in due reti diverse LAN e WAN con due architetture diverse come la SNA della IBM per la LAN e la TCP / IP per la WAN. Esso a volte coincide con l indirizzo IP del router (vedi connessione di rete proprietà protocollo TCP / IP) 15 Un Indirizzo IP è costituito da 32 cifre binarie che raggruppate in 4 gruppi da 8 cifre binarie che convertite in decimale rappresentano un numero da 0 a

7 IP dinamico Gli IP dinamici sono quelli che cambiano ad ogni connessione. Ad esempio gli indirizzi IP pubblici sono in genere dinamici perché sono assegnati dall ISP. IP statico Gli IP statici sono quelli che rimangono immutati ad ogni connessione. Ad esempio gli indirizzi IP privati sono in genere statici. Eccezioni. In alcuni casi, una serie finita di IP pubblici possono essere statici per una azienda sotto forma di servizio a pagamento. Parti di un indirizzo IP 16. L indirizzo IP è costituito da due parti: - una prima parte che identifica e dimensiona 17 la rete, detta NetId o anche prefisso - una seconda parte che identifica l'host all'interno della rete, detta HostId o anche suffisso. Esempio. Sia l IP: Rete. Rete. Rete. Host NetId = e HostId = 2 Quindi un indirizzo IP identifica prima la rete a cui un host è connesso (tramite il NetId) e poi l host all interno di quella rete (tramite l HostId). Indirizzi IP speciali Sappiamo che un indirizzo IP è costituito da 32 bit e sappiamo che con 32 bit è possibile avere 2 32 = 2 2 *2 10 *2 10 *2 10 = 4* 1024*1024*1024 = IP diversi ma non tutti si possono utilizzare poiché alcuni sono riservati e sono detti IP speciali e sono: l indirizzo IP di rete, l indirizzo IP di broacast, l indirizzo IP di loopback L indirizzo IP di rete Esso è l indirizzo IP che identifica la rete. Ad esempio se l IP = Rete. Rete. Rete. Host allora l IP di rete è L indirizzo di broadcast. Esso è l IP che identifica tutti gli host connessi ad una stessa rete, quindi si usa per inviare un messaggio a tutti gli host di una rete. Ad esempio, se l IP di rete allora l IP di broadcast è L indirizzo IP di loopback o localhost. Esso è l IP utilizzato per funzioni di test e non genera traffico di rete e corrisponde sempre all'indirizzo , quindi non varia in base alla rete in cui si trova l host Classi di indirizzi Esse sono sottoinsiemi di Indirizzi IP ricavati dall insieme dei 2 32 IP diversi ed escludendo gli IP speciali. Esse sono 5 e sono indicate con le lettere: A, B, C, D e E. Solo le prime 3 sono le più usate e sono quelle che faremo noi. 16 L indirizzo IP è paragonabile al numero telefonico. Quale è il numero telefonico dell ITIS Ferraris di Marcianise? E ove 0823 è il prefisso e è il numero che identifica il telefono dell ITIS nella rete telefonica di Caserta, che si chiama distretto. 17 Cioè sottolinea la minore o maggiore grandezza della rete 7

8 Ogni classe si distingue dall altra in base a quanti bit sono usati per la parte HostId e in base a quanti bit sono usati per rappresentare il numero di Host. 18 Classe A (1 ottetto da 1 a 126) E' rappresentata da indirizzi di tipo: Rete.Host.Host.Host ovvero 8 bit per identificare la rete (di cui il primo bit fisso a 0) e 24 per identificare gli host. Essa permette, quindi, di ottenere 2 7 = 128 reti formate da 2 24 = = host ciascuna Classe B (1 ottetto da 128 a 191) E' rappresentata da indirizzi di tipo: Rete.Rete.Host.Host ovvero 16 bit per identificare la rete (di cui i primi 2 bit fissi a 1 0) e 16 per identificare gli host. Essa permette, quindi, di ottenere 2 14 = reti da 2 16 = = host ciascuna. 21 Classe C (1 ottetto da 192 a 223) E' rappresentata da indirizzi di tipo: Rete.Rete.Rete.Host ovvero 24 bit per identificare la rete (di cui i primi 3 bit fissi a 110) e 8 per identificare gli host. Essa permette, quindi, di ottenere 2 21 = reti da 2 8 = = 254 host ciascuna. Le subnet mask Esse servono per permettere ad un host di sapere se il destinatario dei propri pacchetti si trova sulla propria sottorete o meno. Per questo ogni host utilizza un processo chiamato di messa in AND. Il processo di messa in AND. Esso consiste nel confrontare il risultato1 dell'operazione di AND bit a bit tra il proprio indirizzo IP e la propria maschera di sottorete (subnet mask) con il risultato2 dell operazione di AND bit a bit tra l indirizzo IP del destinatario e la propria maschera di sottorete (subnet mask). Se i 2 risultati sono uguali vuol dire che i due host mittente e destinatario si trovano nella stessa rete, altrimenti si trovano in due reti diverse. Le subnet di default Per quanto riguarda le classi A B C standard, cioè non ulteriormente suddivise, esistono delle subnet di default: - Classe A: Rete.Host.Host.Host ha come subnet ; - Classe B: Rete.Rete.Host.Host ha come subnet ; - Classe C: Rete.Rete.Rete.Host ha come subnet ; 18 Classe A: Se n=8 bit e si fissa il 1 bit=0 allora le combinazioni binarie diverse possibili si devono calcolare su 8-1 = 7 bit e quindi esse sono 2 7 = 128; 19 A si sottrae 2 poiché 2 indirizzi IP sono riservati a quello di broadcast e di rete 20 Classe B: Se n=16 bit e il 1 bit=1 e il 2 bit a 0, allora le combinazioni binarie diverse possibili si devono calcolare su 16-2 = 14 bit e quindi esse sono 2 14 = 2 10 * 2 4 = 1024* 16 = Classe C: Se n = 24 bit e il 1 bit=1 e il 2 bit a 1 e il 3 bit a 0, allora le combinazioni binarie diverse possibili si devono calcolare su 24-3 = 21 bit e quindi esse sono 2 21 = 2 10 * 2 10 * 2=1024* 1024 * 2 =

9 Esercitazione di laboratorio con alcuni comandi del prompt del DOS Esercizio1. Controllare quale è l IP statico di connessione assegnato al nostro PC in rete LAN a scuola. Basta digitare nel finestra Prompt dei comandi, il comando: ipconfig/all (vedi figura) Esercizio2. Chattare tra i PC connessi alla stessa rete LAN Poiché ogni IP di una rete LAN individua univocamente un computer in rete LAN, attraverso gli IP è possibile chattare tra i computer in rete LAN, dopo averli abilitati al servizio cosiddetto messenger. Procediamo per passi: 1) Abilitiamo il servizio messenger sul nostro PC con windows XP Digitare nel rigo bianco esegui del pulsante start 22 e digitare il comando services.msc 23 cosi: Successivamente, selezioniamo il servizio Messenger tasto destro Proprietà ed abilitiamo all avvio automatico il servizio come mostrato in figura. 24 2) invio di un messaggio di prova ciao collega. Supponendo che l IP del collega sia: basta scrivere nel prompt dei comandi, la stringa: net send ciao collega invio come mostra la figura seguente; 22 In windows vista / seven per far apparire il pulsante esegui basta premere i pulsanti tasto windows + R 23 Altra strada è la seguente: pannello di controllo strumenti di amministrazione servizi 24 L avvio e lo spegnimento del servizio messenger può avvenire anche dal prompt del DOS scrivendo i comandi: net send stop (per spegnerlo) e net send start (per avviarlo) 9

10 Esercizio3. Il comando Tracert Esso permette di verificare i punti da cui il PC deve passare prima di connettersi all'indirizzo desiderato dando come informazioni aggiuntive la nazione, il nome del provider, indirizzi IP, ecc. Ovviamente quanto maggiore è il numero di nodi che si attraversano maggiore sarà il tempo di risposta e quindi la velocità di connessione. La sintassi nel prompt del DOS è: tracert nomeserver (url del sito o nome del computer). Dal mio PC di casa, digitando nel prompt dei comandi: tracert ottengo: Esercizio4. Il comando Ping Questo comando permette di controllare se un sito Internet è funzionante, o se un computer su una rete TCP è raggiungibile e nel caso affermativo la qualità della connessione. Quando si lancia il comando ping si inviano automaticamente una sequenza di dati alla macchina specificata e si attende la risposta. La sintassi di ping è: ping seguito da nome_computer (nome del computer in rete, indirizzo del sito o indirizzo IP del server su Internet). Come esercizio controlliamo se: - il sito è raggiungibile dal nostro computer e i tempi di risposta - il sito è raggiungibile dal nostro computer e i tempi di risposta Il tempo di risposta fornisce importanti dati sulla qualità della connessione. Più alto è il valore di risposta peggiore è la qualità di comunicazione. Come parametro generico, si considera risposta di qualità insoddisfacente quella che supera i 250 ms. La risposta ottenuta è la seguente: quindi la qualità della connessione verso il sito è scadente mentre è ottima verso il sito e ciò è giustificabile dal fatto che ascuoladi.135.it è un dominio gratuito. 10

Ebbene per schematizzare queste tre regole utilizziamo il seguente modello:

Ebbene per schematizzare queste tre regole utilizziamo il seguente modello: Paragrafo 1: Il Modello di architettura di rete ISO / OSI Essa è un modello teorico di architettura di rete, costituito da 7 livelli di protocolli: applicazione (7), presentazione (6), sessione (5), trasporto

Dettagli

Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT

Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT Indirizzi IP, Classi, Subnetting, NAT L'indirizzamento IP permette di identificare ogni host all'interno di una rete TCP/IP. Grazie all'utilizzo delle classi di indirizzi ed al subnetting è possibile organizzare

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 14 Settembre :51 - Ultimo aggiornamento Domenica 20 Giugno :38

Scritto da Administrator Domenica 14 Settembre :51 - Ultimo aggiornamento Domenica 20 Giugno :38 L'indirizzamento IP permette di identificare ogni host all'interno di una rete TCP/IP. Grazie all'utilizzo delle classi di indirizzi ed al subnetting è possibile organizzare e gestire in modo più efficiente

Dettagli

Reti. insieme di computer (host) interconnessi. Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile

Reti. insieme di computer (host) interconnessi. Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile Reti Rete insieme di computer (host) interconnessi Tipologie interconnessioni Ad anello (token ring). Token evita conflitti di trasmissione Rete più o meno affidabile i pacchetti di dati possono girare

Dettagli

Instradamento. Fondamenti di Informatica

Instradamento. Fondamenti di Informatica Instradamento Fondamenti di Informatica Previously on Fondamenti di Livelli e protocolli Livello fisico Fibra, DSL, Ethernet informatica Network Network: ogni nodo può inviare un messaggio a qualsiasi

Dettagli

ELEMENTI BASE DI NETWORKING

ELEMENTI BASE DI NETWORKING Paolo Tozzo Elementi base di networking 1 ELEMENTI BASE DI NETWORKING Per poter creare una rete tra due o più computer sono necessari (oltre ai computer ) una scheda di rete per ogni pc, cavi di rete,

Dettagli

Sono dispositivi che consentono di interconnettere tra loro due o piu reti, permettendo:

Sono dispositivi che consentono di interconnettere tra loro due o piu reti, permettendo: Dispositivi di rete Hub e Switch Hub e Switch Sono dispositivi che consentono di interconnettere tra loro due o piu reti, permettendo: estensione della lunghezza della LAN; il passaggio dalla topologia

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di

Dettagli

Sistemi distribuiti e reti di calcolatori

Sistemi distribuiti e reti di calcolatori Sistemi distribuiti e reti di calcolatori 1 Indice Modulazione e trasmissione dei dati Reti di calcolatori Topologia Messaggi e protocolli ISO/OSI Ethernet Architettura client/server Telefonia mobile 2

Dettagli

Identificarsi in una rete

Identificarsi in una rete Identificarsi in una rete Così come per distinguere due persone si può usare il nome, il cognome ed eventualmente anche il codice fiscale, anche per poter distinguere un computer (o un host) da un altro

Dettagli

Manuale di installazione router modem ADSL generico

Manuale di installazione router modem ADSL generico Manuale di installazione router modem ADSL generico Pag. 1 / 6 In questa guida sono riportate alcune indicazioni per il corretto funzionamento della connessione ASCO TLC ADSL nel caso si utilizzi un modem

Dettagli

La tecnologia Ethernet

La tecnologia Ethernet Livello 1 Il livello 1 si occupa della trasmissione dei dati trasmormandoli in segnali fisici, a questo livello l'unità di informazione è di tipo binario, la codifica è di tipo Manchester. La sequenza

Dettagli

CORSO DI: SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI I

CORSO DI: SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI I CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA CORSO DI: SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI I Anno Accademico 2017/2018 Dott. Silvio Pardi Lezione N 3 Il Protocollo

Dettagli

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete

Le reti rete La telematica telematica tele matica Aspetti evolutivi delle reti Modello con mainframe terminali Definizione di rete di computer rete Reti e comunicazione Le reti Con il termine rete si fa riferimento, in generale ai servizi che si ottengono dall integrazione tra tecnologie delle telecomunicazioni e le tecnologie dell informatica. La

Dettagli

Dispositivi di Rete. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Dispositivi di Rete. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Dispositivi di Rete Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Strumenti hardware per la realizzazione di reti locali Per risolvere le problematiche di interconnessione delle reti

Dettagli

Connessione tra LAN. Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway

Connessione tra LAN. Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway Connessione tra LAN Ethernet, hub, switch, bridge,router, gateway Ethernet È lo standard attualmente più diffuso per le comunicazioni in una rete locale. Questa tecnologia, nata nei primi anni settanta,

Dettagli

LE RETI LOCALI. Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09

LE RETI LOCALI. Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 LE RETI LOCALI Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Reti locali Nelle reti locali i livelli fondamentali sono il livello fisico, il livello data-link e il livello applicazione. Gli altri livelli vengono

Dettagli

Guida all'installazione

Guida all'installazione Leggere questa Guida all'installazione con attenzione prima di iniziare. Per informazioni non contenute qui, visita http://www.tendacn.com. Guida all'installazione 1 Contenuto della confezione D303 * 1

Dettagli

Manuale di Configurazione Parametri di Rete

Manuale di Configurazione Parametri di Rete Manuale di Configurazione Parametri di Rete Windows XP (Pagina 1 di 10) Introduzione Una rete locale (LAN Local Area Network) permette di connettere più computer fra loro. La LAN, utilizzata per navigare

Dettagli

I protocolli di rete. Mauro Gaspari

I protocolli di rete. Mauro Gaspari I protocolli di rete Mauro Gaspari 1 La comunicazione in rete è basata sul concetto di Standard Definizione: uno standard di rete è costituito da un insieme di regole e convenzioni che specificano come

Dettagli

Reti - Concetti di base

Reti - Concetti di base Reti - Concetti di Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Reti - Concetti di Reti - concetti di Che cos'è una rete? una rete è un

Dettagli

Gli indirizzi IP. Gli indirizzi IP sono univoci a livello mondiale e vengono assegnati da un unica autorità ICANNN

Gli indirizzi IP. Gli indirizzi IP sono univoci a livello mondiale e vengono assegnati da un unica autorità ICANNN Gli indirizzi IP Nelle reti TCP/IP ad ogni host viene associato un indirizzo IP. Un indirizzo IP è composto da 32 bit diviso in gruppi di 4 byte. Viene diviso in due parti come segue: NET-ID HOST-ID NET-ID

Dettagli

CPE ALL-IN-ONE WIRELESS 5GHz DA ESTERNO ART

CPE ALL-IN-ONE WIRELESS 5GHz DA ESTERNO ART CPE ALL-IN-ONE WIRELESS 5GHz DA ESTERNO ART. 48086 Leggere attentamente il presente manuale prima di utilizzare l apparecchio e conservarlo per riferimento futuro Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S. Lorenzo

Dettagli

INDIRIZZI IP SUBNETTING

INDIRIZZI IP SUBNETTING INDIRIZZI IP SUBNETTING Indirizzi IP Nella loro implementazione corrente (IPv4), gli indirizzi IP consistono di 4 byte - e forniscono un totale di 32 bit di informazione disponibile Gli indirizzi IP vengono

Dettagli

Creare una semplice rete domestica

Creare una semplice rete domestica Creare una semplice rete domestica Informazioni basilari Lo scopo di questa dispensa è fornire le informazioni fondamentali per la realizzazione e configurazione di una semplice rete domestica. Quelli

Dettagli

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente Routing Introduzione Il livello 3 della pila ethernet ha il compito di muovere i pacchetti dalla sorgente attraversando più sistemi Il livello di network deve quindi: Scegliere di volta in volta il cammino

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 3 Il Bridge 11 Lo Switch 11 Router 19 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

L indirizzo IP. Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda

L indirizzo IP. Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda L indirizzo IP Created by A. Deriu, P. Cogoni, R. Spiggia, A. Massidda L indirizzo IP E un indirizzo a 32 bit (4 byte) rappresentato come serie di 4 numeri decimali compresi tra 0 e 255, separati dal punto

Dettagli

Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza

Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza Manuale Utente Impostazione router Tele-assistenza Sommario Indice Tabelle... 3 Indice Figure... 4 1. Rappresentazione struttura base LAN... 5 2. Accesso al PLC da remoto... 5 2.1 Configurazione Modem/Router

Dettagli

LE RETI DI COMPUTER. Il modello ISO/OSI Prima parte

LE RETI DI COMPUTER. Il modello ISO/OSI Prima parte LE RETI DI COMPUTER Il modello ISO/OSI Prima parte I MODELLI PER LE RETI All i izio dell era i for ati a, la gestio e delle comunicazioni tra sistemi si era rilevata uno dei problemi più grandi, soprattutto

Dettagli

Connessione ad Internet

Connessione ad Internet Connessione ad Per connettersi ad è necessario: Avere un provider che ci assicuri la connettività Disporre di un modem o di un router geografico (connessione alla WAN) La connettività può essere diretta

Dettagli

Generalità sui protocolli Tecniche di multiplazione Tecniche di accesso Tecniche di commutazione

Generalità sui protocolli Tecniche di multiplazione Tecniche di accesso Tecniche di commutazione Generalità sui protocolli Tecniche di multiplazione Tecniche di accesso Tecniche di commutazione Introduzione Introduzione La comunicazione tra due o più utenti avviene tramite un canale detto canale di

Dettagli

Breve ripasso. Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2.

Breve ripasso. Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2. Breve ripasso Queste slide sono distribuite con licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2.5 Italia Indirizzi MAC L'indirizzo MAC (detto anche indirizzo fisico o

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2011/2012 Capitolo 4 Indirizzi del Protocollo IP fausto.marcantoni@unicam.it Agenda Indirizzamento, gerarchia, classificazione degli indirizzi

Dettagli

Indirizzi IP. E-3: Indirizzi IP e subnetting INSTRADAMENTO INSTRADAMENTO. A. Memo. da H1 ad H2 (2) da H1 ad H2 (1)

Indirizzi IP. E-3: Indirizzi IP e subnetting INSTRADAMENTO INSTRADAMENTO. A. Memo. da H1 ad H2 (2) da H1 ad H2 (1) E-3 Indirizzi IP e subnetting A. Memo Indirizzi IP sono ampi 32 bit si rappresentano con 4 numeri interi compresi tra 0 e 255, divisi da punti 92.68.3.6 vengono attribuiti a tutte le interfacce si NIC,

Dettagli

UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI

UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI UD 3 PROTOCOLLO ISO-OSI IL PROTOCOLLO All inizio ogni azienda creava dispositivo hw e sw in grado solo di essere utilizzati e di comunicare con dispositivi dell azienda stessa Sistemi Chiusi Nel tempo

Dettagli

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia Installazione e Configurazione del servizio Orazio Battaglia Protocollo e Servizio Il protocollo (Dynamic Host Configuration Protocol) è un protocollo di rete di livello applicativo che permette ai dispositivi

Dettagli

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 RIASSUNTO DELLA LEZIONE Classfull IP Addressing Subnetting CIDR: Classless Adddressing Laura Ricci 2 INTERCONNESSIONE DI RETI:

Dettagli

Wireless Fidelity. Introduzione a WI-FI (WIreless FIdelity). Cos è WI-FI. Come funziona WI-FI. INFORMATICA Le reti

Wireless Fidelity. Introduzione a WI-FI (WIreless FIdelity). Cos è WI-FI. Come funziona WI-FI. INFORMATICA Le reti Introduzione a WI-FI (WIreless FIdelity). Cos è WI-FI. Come funziona WI-FI. Cosa si fa e cosa si potrà fare con WI-FI. La sicurezza nel WI-FI. L importanza di WI-FI. Introduzione a WI-FI (WIreless FIdelity)

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Mezzi e tecniche di trasmissione dati Trasmissione dei dati Consente di collegare calcolatori e periferiche Principali mezzi per la trasmissione dei

Dettagli

Router. E altri elementi di una rete LAN

Router. E altri elementi di una rete LAN Router E altri elementi di una rete LAN Scheda di rete NIC Circuito stampato che collega l host al mezzo Ogni scheda è autenticata da un codice detto mac (Media Access Control) address Ogni mac address

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE. MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri

Corso TECNICO DI RETE. MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it 1 Esercizio 1 Convertire da decimale a binario. Procedura: Dividiamo il numero dato

Dettagli

15: RETI / NETWORKING Parte I. Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet.

15: RETI / NETWORKING Parte I. Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet. Data: 13-10-2016 Pag: 6 15: RETI / NETWORKING Parte I Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet. 1. Motivi per avere una rete di computer:

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 15 Martedì 22-04-2014 1 Indirizzamento

Dettagli

Marco Listanti. Esercitazione 7 DIET

Marco Listanti. Esercitazione 7 DIET Marco Listanti Esercitazione 7 Protocolli MAC DIET Esercizio 1(1) Con riferimento a una LAN operante con protocollo CSMA/CD Calcolare la minima lunghezza L min della PDU di strato MAC in una LAN di lunghezza

Dettagli

15: RETI / NETWORKING Parte I. Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet.

15: RETI / NETWORKING Parte I. Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet. Data: 12-10-2016 Pag: 6 15: RETI / NETWORKING Parte I Premessa: per questo scopi ci riferiamo alle reti fuori dal contesto di un collegamento alla rete Internet. 1. Motivi per avere una rete di computer:

Dettagli

Realizzare una rete scolastica che consenta di:

Realizzare una rete scolastica che consenta di: Realizzare una rete scolastica che consenta di: a) collegare ad internet: due laboratori ; i computer degli uffici; i computer della presidenza, della vicepresidenza e della biblioteca; b) creare un archivio

Dettagli

Introduzione alle Reti di Calcolatori. Prof. Ing. Mario Catalano

Introduzione alle Reti di Calcolatori. Prof. Ing. Mario Catalano Introduzione alle Reti di Calcolatori Prof. Ing. Mario Catalano Computing centralizzato Caratteristiche del computing centralizzato: sistemi fortemente centralizzati grandi capacità di calcolo rete complessa

Dettagli

Indirizzamento IP. Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione

Indirizzamento IP. Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Indirizzamento IP -Indirizzamento classful -Subnetting e Supernetting -Indirizzamento classless Reti TCP/IP Reti a pacchetto (datagram) Mediante

Dettagli

Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile.

Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile. Per avere una lan perfettamente funzionante composta da solo 2 sono ovviamente necessari: Ogni computer deve possedere una scheda di rete Ethernet PCI, o integrata o PCMCIA nel caso di un portatile. 1

Dettagli

Introduzione all Informatica. Fabrizio Angiulli. Reti di Calcolatori

Introduzione all Informatica. Fabrizio Angiulli. Reti di Calcolatori Introduzione all Informatica Fabrizio Angiulli Reti di Calcolatori RETI DI CALCOLATORI Cos è una rete di calcolatori? Punto di vista logico sistema di dati ed utenti distribuito geograficamente Punto di

Dettagli

Prima di iniziare la procedura d installazione, verificare che siano disponibili tutte le informazioni e le attrezzature necessarie

Prima di iniziare la procedura d installazione, verificare che siano disponibili tutte le informazioni e le attrezzature necessarie Il presente prodotto può essere configurato con un browser web aggiornato come Internet Explorer 6 o Netscape Navigator 6.2.3. DSL-502T ADSL Router Prima di cominciare Prima di iniziare la procedura d

Dettagli

4a. Esercizi sul livello di Rete - Indirizzamento

4a. Esercizi sul livello di Rete - Indirizzamento 4a. sul livello di Rete - Indirizzamento 4a- o A una rete IP è assegnato l insieme di indirizzi definiti da indirizzo: 208.57.0.0, netmask: 255.255.0.0. Occorre partizionare la rete in modo da servire

Dettagli

Ad ogni host è assegnato un indirizzo IP o indirizzo Internet È un numero di 32 bit = 4 byte Unico in tutta Internet

Ad ogni host è assegnato un indirizzo IP o indirizzo Internet È un numero di 32 bit = 4 byte Unico in tutta Internet ,QGLUL]]L,3 Ad ogni host è assegnato un indirizzo IP o indirizzo Internet È un numero di 32 bit = 4 byte Unico in tutta Internet Ogni indirizzo IP è diviso in un prefisso e un suffisso Il prefisso indica

Dettagli

Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica del TCP/IP

Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica del TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica del TCP/IP Strumenti di diagnostica TCP/IP Installazione e rimozione

Dettagli

Reti di calcolatori. Rete di calcolatori

Reti di calcolatori. Rete di calcolatori Operatore informatico giuridico Informatica Giuridica A.A 2006/2007 II Semestre Reti di calcolatori prof. Monica Palmirani Rete di calcolatori Le reti di calcolatori sono un insieme di dispositivi hardware

Dettagli

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast Indirizzi LAN e ARP Corso di Reti di Telecomunicazioni Giovanni Schembra 1 Trasmissione trame su canale broadcast I nodi di una LAN si scambiano trame su un canale broadcast: quando un nodo in una LAN

Dettagli

- Dispensa VI - RETI DI CALCOLATORI

- Dispensa VI - RETI DI CALCOLATORI Elementi di Informatica e Programmazione - Dispensa VI - RETI DI CALCOLATORI Alessandro Saetti (email: alessandro.saetti@unibs.it) Università degli Studi di Brescia 1 Classificazione delle Reti Modalità

Dettagli

Lezione 5: Reti di calcolatori e Internet

Lezione 5: Reti di calcolatori e Internet Lezione 5: Reti di calcolatori e Internet Classificazione delle reti Lo scambio dei dati Internet e protocollo TCP/IP Applicazioni su Internet Argomenti della lezione Concetti introduttivi Topologie di

Dettagli

prof. Di Capua Giuseppe U.D. 1- INTRODUZIONE AL NETWORKING

prof. Di Capua Giuseppe U.D. 1- INTRODUZIONE AL NETWORKING U.D. 1- INTRODUZIONE AL NETWORKING RETE INFORMATICA Una rete informatica è un insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni che comunicano tra loro TELEMATICA La telematica è quella parte dell

Dettagli

Prof. Roberto De Prisco. TEORIA - Lezione 9. Indirizzi Internet. Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica.

Prof. Roberto De Prisco. TEORIA - Lezione 9. Indirizzi Internet. Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica. Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 9 Indirizzi Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi 2 Per permettere a tutti i computer di comunicare 1. Assegnare

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Reti di Calcolatori ed Internet. Reti di Calcolatori ed Internet. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Architettura dei Servizi di Rete

Reti di Calcolatori ed Internet. Reti di Calcolatori ed Internet. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Architettura dei Servizi di Rete Reti di Calcolatori ed Internet Reti di Calcolatori ed Internet Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 13 Dicembre, 2000 Architettura dei Servizi di Rete Collegamenti Internet ed i Servizi

Dettagli

Brainstorm. Troubleshooting. 1- Come trovare l indirizzo ip di un pc?... 2 Windows XP... 2 Windows Windows Mac OS X...

Brainstorm. Troubleshooting. 1- Come trovare l indirizzo ip di un pc?... 2 Windows XP... 2 Windows Windows Mac OS X... Brainstorm Troubleshooting 1- Come trovare l indirizzo ip di un pc?... 2 Windows XP... 2 Windows 7... 3 Windows 8... 4 Mac OS X... 5 2- I viewer e/o i multicoordinator non riescono a collegarsi a QuizCoordinator,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 7 Le reti telematiche 1 Le reti telematiche Tra le tecnologie del XX secolo dominano l elaborazione e la distribuzione delle informazioni

Dettagli

Reti informatiche. 2. Internet e navigazione

Reti informatiche. 2. Internet e navigazione Reti informatiche 2. Internet e navigazione Un po di storia Il 1969 viene considerato l anno di nascita di Internet, quando l Università del Michigan e quella di Wayne stabilirono la prima connessione

Dettagli

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag 1/1 Sessione ordinaria 2008 N o 088102/08 Seconda prova scritta YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: INFORMATICA CORSO SPERIMENTALE Progetto ABACUS Tema di: SISTEMI DI ELABORAZIONE

Dettagli

Le reti. Le reti del computer

Le reti. Le reti del computer Le reti del computer Le origini di internet risalgono agli anni 50 e 60 quando gli Stati Uniti d America diedero l avvio alla costituzione di un agenzia chiamata HARPA (Advanced Research projects agensy)

Dettagli

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless

Università Degli Studi dell Insubria. Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Università Degli Studi dell Insubria Centro Sistemi Informativi e Comunicazione (SIC) Rete Wireless di Ateneo UninsubriaWireless Istruzioni per l accesso alla rete WiFi INSUBRIA-ATENEO-FULL Configurazione

Dettagli

Reti Locali LAN. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Reti Locali LAN. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Reti Locali LAN Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Caratteristiche delle reti LAN Nelle reti locali tutte le stazioni condividono lo stesso canale trasmissivo, generalmente

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione le risorse hardware (es.

Dettagli

Assegnazione indirizzi IP

Assegnazione indirizzi IP Indirizzamento IP Assegnazione indirizzi IP L'assegnazione della classe ad una rete sia un'operazione di grande delicatezza. Una rete di classe C non ha grandi prospettive di crescita. Una rete di classe

Dettagli

AVVERTIMENTO : DURANTE LA PROCEDURA D'INSTALLAZIONE RICEVERETE LE ISTRUZIONI RELATIVE AL MOMENTO IN CUI EFFETTUARE LE CONNESSIONI NECESSARIE.

AVVERTIMENTO : DURANTE LA PROCEDURA D'INSTALLAZIONE RICEVERETE LE ISTRUZIONI RELATIVE AL MOMENTO IN CUI EFFETTUARE LE CONNESSIONI NECESSARIE. Breve guida all'uso AVVERTIMENTO : PER ADESSO NON COLLEGATE : - LA STAZIONE BASE - IL CAVO ETHERNET - L'ADATTATORE WIRELESS WIFI DURANTE LA PROCEDURA D'INSTALLAZIONE RICEVERETE LE ISTRUZIONI RELATIVE AL

Dettagli

Reti di Calcolatori 1

Reti di Calcolatori 1 Reti di Calcolatori 1 ESERCIZIO 2: Considerato il diagramma di rete riportato nella figura sottostante, il candidato risponda ai quesiti seguenti. Si consideri la rete funzionante e a regime. 1. Si riporti

Dettagli

b r o a d b A N d r o u t e r 4 p o r t s 1 0 / m b p s

b r o a d b A N d r o u t e r 4 p o r t s 1 0 / m b p s b r o a d b A N d r o u t e r 4 p o r t s 1 0 / 1 0 0 m b p s M A N U A L E N I - 7 0 7 5 3 2 i ta l i a n o b r o a d b a n d r o u t e r 4 p o r t s 1 0 / 1 0 0 m b p s Prima di tutto, vogliamo ringraziarvi

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 4 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Lo Standard TCP/IP: 1 Nasce dall esigenza di creare uno standard per le reti a livello mondiale che si possa adattare

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI. Tipologie di Rete. Perché una rete? Interconnessione di reti

INTRODUZIONE ALLE RETI. Tipologie di Rete. Perché una rete? Interconnessione di reti INTRODUZIONE ALLE RETI Tipologie di Rete Perché una rete? Condividere risorse utilizzo razionale di dispositivi costosi modularità della struttura affidabilità e disponibilità Comunicare tra utenti scambio

Dettagli

Le motivazioni che hanno favorito la nascita e lo sviluppo delle reti di calcolatori sono molteplici:

Le motivazioni che hanno favorito la nascita e lo sviluppo delle reti di calcolatori sono molteplici: Reti di Calcolatori Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un insieme di dispositivi autonomi (in grado di eseguire autonomamente i processi di calcolo) interconnessi tra loro, in

Dettagli

Instradamento in IPv4

Instradamento in IPv4 Antonio Cianfrani Instradamento in IPv4 Funzione di instradamento nei Router IP I Router IP hanno la funzione di instradare i datagrammi in rete: ricevono un datagramma da una interfaccia, eseguono alcune

Dettagli

Concetti di Routing, Subnetting e Indirizzamento IP

Concetti di Routing, Subnetting e Indirizzamento IP Concetti di Routing, Subnetting e Indirizzamento IP 1 Concetti di Routing e Indirizzamento IP Finora ci siamo focalizzati solo sui meccanismi che regolano le trasmissioni in una rete LAN. Espandiamo ora

Dettagli

wentronic1 CATALOGO NETWORKING

wentronic1 CATALOGO NETWORKING CATALOGO NETWORKING ROUTER WI-FI GIGABIT ROUTER WI-FI HIGH POWER ROUTER WI-FI N EASY SETUP ADATTATORI WIRELESS USB ROUTER PORTATILI 3G / 4G ACCESS POINT MODEM ROUTER ADSL2+ / 3G SWITCH ETHERNET UNMANAGED

Dettagli

INTERNET NON FUNZIONA Cosa devo fare?

INTERNET NON FUNZIONA Cosa devo fare? INTERNET NON FUNZIONA Cosa devo fare? 1. Controlla eventuali aggiornamenti dello stato della rete attraverso i canali ufficiali dell Associazione: Facebook, Twitter o mail. 2. Spegni e riaccendi l antenna,

Dettagli

IN CEILING DUAL BAND ACCESS POINT/ ROUTER 1200MBPS WL-ICDBG48-050

IN CEILING DUAL BAND ACCESS POINT/ ROUTER 1200MBPS WL-ICDBG48-050 IN CEILING DUAL BAND ACCESS POINT/ ROUTER 1200MBPS WL-ICDBG48-050 Grazie Per aver scelto un nostro prodotto INDICE Capitolo 1 Hardware ed istruzioni 1.1 Indicatore LED 1.2 Interfaccia 1.3 Alimentazione

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica RETI INFORMATICHE INTERNET Francesco Tura francesco.tura@unibo.it 1 Comunicazione tra computer Più computer possono essere collegati e quindi comunicare tra di loro al fine di:

Dettagli

Internet come funziona?

Internet come funziona? Internet come funziona? Cos'è una rete e cos'è la Rete: Reti locali e geografiche Protocolli Architettura Client/Server Architettura P2P (Peer-to-peer) Internet ( web!) e i suoi servizi: World Wide Web

Dettagli

Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) In una rete ogni calcolatore ha bisogno di un indirizzo IP, scelto in modo tale che appartenga all'insieme

Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) In una rete ogni calcolatore ha bisogno di un indirizzo IP, scelto in modo tale che appartenga all'insieme DHCP e DNS 1 Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP) In una rete ogni calcolatore ha bisogno di un indirizzo IP, scelto in modo tale che appartenga all'insieme di indirizzi possibili assegnati all'intera

Dettagli

Esempi Pratici di LAN

Esempi Pratici di LAN Esempi Pratici di LAN Gregorio D Agostino 16 maggio 2016 Come è fatta una scheda madre (motherboard) Ecco l immagine della scheda madre vista nell esercitazione. Son visibili i seguenti elementi: processore

Dettagli

F450. Gateway OpenBacnet. Manuale Software.

F450. Gateway OpenBacnet. Manuale Software. F450 Gateway OpenBacnet www.homesystems-legrandgroup.com Indice Per iniziare 4 Interazioni con il dispositivo 4 Configurazione del dispositivo 5 Menù configura 5 Invia configurazione 7 Ricevi configurazione

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 7 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Maschere di sottorete: 1 Un indirizzo IP contiene una parte relativa alla rete ed una parte relativa alla stazione

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Introduzione alle reti ed al TCP/IP

Introduzione alle reti ed al TCP/IP Introduzione alle reti ed al TCP/IP Il termine rete si riferisce idealmente a una maglia di collegamenti. In pratica indica un insieme di componenti collegati tra loro in qualche modo a formare un sistema.

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. Eserczio

ESERCIZI SVOLTI. Eserczio ESERCIZI SVOLTI Eserczio In uno schema di multiplazione con etichetta l informazione d utente è trasferita mediante PDU composte da H=5 byte relativi a PCI e L=48 byte di carico utile. Si assuma che le

Dettagli

Dispositivi di rete 10 Docente: Marco Sechi Modulo 1 ROUTER È un dispositivo di rete che si posiziona sul livello 3 del modello OSI. Pertanto un Router (dall'inglese instradatore) è un dispositivo che

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 6 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Il Livello di Rete: 1 Il livello di Rete nel modello TCP/IP è chiamato anche strato internet ed è rappresentato da

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 3. Introduzione a Internet Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

La rete Ethernet ALOHA ALOHA ALOHA. Ethernet: CSMA/CD. Probabilità (1-p) N-1

La rete Ethernet ALOHA ALOHA ALOHA. Ethernet: CSMA/CD. Probabilità (1-p) N-1 La rete thernet 09CDUdc Reti di Calcolatori La progettazione delle reti: voluzione della rete thernet Nascea metàdeglianni 70, dal progetto di Bob Metcalfe, studente di dottorato al MIT ALOHA È il protocollo

Dettagli

LE RETI INFORMATICHE Prof. Antonio Marrazzo Stage IeFP A.s

LE RETI INFORMATICHE Prof. Antonio Marrazzo Stage IeFP A.s LE RETI INFORMATICHE Prof. Antonio Marrazzo Stage IeFP A.s. 2014-15 Le reti Informatiche parte 1 Prof. Antonio Marrazzo 1 Prima dell avvento del PC, l architettura dominante era quella costituita da un

Dettagli

Internet (- working). Le basi.

Internet (- working). Le basi. Internet (- working). Le basi. 1 GABRIELLA PAOLINI (GARR) 18 OTTOBRE 2011 Capire come funziona Internet 2 FACCIAMO UN PASSO INDIETRO Internet È un insieme di reti interconnesse fra di loro su tutto il

Dettagli

ADSL Modem :: Ericsson B-Quick (HM120d)

ADSL Modem :: Ericsson B-Quick (HM120d) ADSL Modem :: Ericsson B-Quick (HM120d) 1. Introduzione www.ericsson.com Il modem ADSL HM120d consente connessioni ai servizi in banda larga usando una normale linea telefonica. Supporta connessioni in

Dettagli