Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI"

Transcript

1 Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI Dott.ssa Simona Dionisi Complesso Ospedaliero Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma

2 PRESUNTA MALASANITA IN PRIMA PAGINA Notizie on-line: 14/10/11: Esce dal PS e muore.. 3/10/11: Un uomo di 56 anni decede al San Leonardo, era stato ritenuto un codice bianco 1/10/11 Il Resto del Carlino: muore dopo visita medica; il medico a processo 1/10/11 Il Messaggero: Dimesso dall Ospedale di Venezia: muore dopo poche ore 23/09/11: Anziana cade in Ospedale e muore... In dieci anni le denunce di errori medici sono aumentate del 184% passando da nel 1994 a nel Nel 2007 sono riportate denunce (Corriere della Sera 30/12/2007).

3 ERRORI ASSISTENZIALI alcuni dati epidemiologici Stime conservative suggeriscono che negli Ospedali USA gli errori medici causano danni a di persone e morti per anno Sono stati condotti diversi studi (NY, Utah, Australia, Regno Unito, Canada) che riportano errori assistenziali in percentuale variabile dal 3,6 al 16% dei ricoverati Non è ben definito l impatto reale dell errore assistenziale nei Servizi di Emergenza (primi dati dal1999)

4 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Gli errori iatrogeni sono stati considerati storicamente errori medici mentre attualmente si considera che l errore assistenziale può avvenire in qualunque momento della continuità delle cure al paziente, che coinvolge medici, infermieri, staff tecnico ed amministrativo L errore è il fallimento di una sequenza pianificata di azioni mentali ed attività nel raggiungere l obiettivo desiderato, che non può essere attribuito al caso

5 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Definizione di EVENTO AVVERSO danno non intenzionale causato dalla gestione medica che determina un prolungamento del tempo di degenza, una disabilità temporanea o permanente o la morte Diversi studi condotti in USA, Australia, Gran Bretagna dimostrano che oltre la metà degli eventi avversi possono essere considerati suscettibili di prevenzione (Brennan et al. NEJM 1991; 324:370-6; Wilson et al. Med J Aust 1995; 163:458-71; Vincent et al. BMJ 2001; 322:517-9)

6 Eventi Avversi (AE) EA prevenibili (sul totale degli AE) Harvard Medical Practice Study To err is human Australia New Zeland UK 3,7 4 16,6 12,9 10,8 58% 53% 53% 35% 47% Mortalità (sul totale degli AE) 13,6% 6,6% 4,9% <15% 8% Spesa Miliardi/anno - 37,6$ 17$ AE prevenibili 4,7$ Fonte Leape et al. NEJM 1991; Kohn et al. 1999; Istitute of Medicine Wilson et al. MedJAust 1995; 163: Davis et al. 2001; Ministry of Health Vincent et al. BMJ 2001; 322:517-19

7 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Il primo studio e punto di riferimento per la materia è l Harvard Medical Practice Study pubblicato nel 1991 studio retrospettivo randomizzato di ampie dimensioni (analisi di dimissioni da 51 Ospedali per acuti di New York nel 1984 su una popolazione di ) 3,7% eventi avversi più della metà prevenibili 25% attribuibili a negligenza (più frequente negli errori più gravi) gli eventi avversi aumentano nella popolazione più anziana NEGLIGENZA definita come una caduta al di sotto dello standard atteso nei medici di una data comunità Brennan et al. NEJM 1991; 324: 370-6

8 EVENTO SENTINELLA Definizione EVENTO AVVERSO GRAVE ED INASPETTATO CHE CONDUCE O PUO CONDURRE ALLA MORTE DELL ASSISTITO O GLI PROCURA UN SERIO DANNO FISICO O PSICOLOGICO Per DANNO SERIO si intende la PERDITA DI UNA FUNZIONE O DI UN ARTO E così definito perché rappresenta il segnale della immediata necessità di investigazione della causa e di una pronta risposta

9 EVENTO SENTINELLA Non tutti gli eventi sentinella sono dovuti ad errori, né tutti gli errori conducono ad eventi sentinella. Non tutti gli eventi sentinella sono prevenibili I dati della JOINT Commission evidenziano che circa il 10% degli eventi sentinella in Ospedale avvengono nei Dipartimenti di Emergenza e che 1/3 di essi sono riconducibili a condizioni di sovraffollamento Gli eventi sentinella che occorrono nei Dipartimenti di Emergenza sono per la maggior parte prevenibili (70-80%)

10 Patogenesi dell errore in medicina Cause remote (latent failures) Condizioni di lavoro (latent failures) Cause immediate (active failures) Meccanismi di controllo Carenza o cattivo uso di risorse Sovraccarico di lavoro Deficit di: -Supervisione Omissioni Errori (slips, failures) Eventi avversi Cattiva organizzazione dei servizi -Comunicazione -Tecnologia -Conoscenza - Abilità tecnica Difetti Cognitivi Violazioni Incidenti Da BMJ Publ Group 1995: 31-54, modificato

11 BARRIERE DIFENSIVE TEORIA DEL FORMAGGIO SVIZZERO di Reason Nell'approccio di sistema all errore si considera che gli esseri umani sono fallibili e gli errori sono prevedibili anche nelle migliori organizzazioni. Gli errori sono visti come conseguenze piuttosto che come cause poichè nei processi organizzativi del lavoro sono individuate trappole ricorrenti che possono condurre agli errori. Le contromisure si basano sull assunto che non si può cambiare la condizione umana, ma si possono cambiare le condizioni in cui l'uomo lavora. Diventa pertanto centrale l idea del sistema di difese Quando si verifica un evento avverso, la questione importante non è chi ha commesso l errore ma come e perché le difese hanno fallito

12 Modified from Reason, 1991

13 ERRORI (IOM 1999) ERRORE LATENTE errore nella progettazione, nell organizzazione, nella formazione o nel mantenimento che porta agli errori degli operatori in prima linea e i cui effetti tipicamente rimangono silenti nel sistema a lungo ERRORE ATTIVO azione pericolosa, errore commesso da chi, nel sistema, si trova a contatto con il paziente. Conseguenze immediate

14 ERRORI ATTIVI SLIPS errori di esecuzione che si verificano a livello dell ablità (azioni eseguite in modo diverso da come pianificato) LAPSES errori di esecuzione provocati da un fallimento della memoria MISTAKES errori durante i processi di pianificazione delle strategie (obiettivo non raggiunto). I mistakes sono di due tipi: 1. Ruled based scelta di applicare una regola o una procedura che non consentono il conseguimento dell obiettivo 2. Knowledge based scarsa conoscenza che determina l attuazione di piani di azione che non permettono di raggiungere l obiettivo prefissato

15 ERRORI altre definizioni VIOLAZIONI deviazioni da procedure operative standard o regole, azioni eseguite anche se ciò è formalmente impedito da un regolamento o direttiva (Reason 1997) L errore può non essere evitato a causa di un comportamento skill based cioè istintivo. Ciò può accadere agli operatori più esperti che possono mettere in atto un comportamento routinario con perdita del giusto livello di attenzione NEAR MISS situazioni ad elevato rischio che per un motivo casuale o per l intervento fortuito di un operatore non causano un danno (1 denuncia ogni )

16 Summary Data of Sentinel Events Reviewed by The Joint Commission Sentinel Event Setting 2004 throug June 30,2011 n % Hospital ,4% Psychiatric hospital ,4% Ambulatory care 195 3,6% Psych unit in general hospital 290 5,4% EMERGENCY DEPARTMENT 362 6,7% Behavioral Health facility 206 3,8% Home care 85 1,6% Long term care facility 69 1,3% Other* 64 1,2% Office-based surgery 34 0,6% Total 5381 *Other includes: Disease Specific Care, Diagnostic Imaging, Hospice Care

17 Summary Data of Sentinel Events Reviewed by The Joint Commission Sentinel Event Outcome 2004 through June 30,2011 n % Patient death ,8% Loss of Function 459 9,4% Other** ,9% Total patients impacted % **Other includes: Unexpected Additional Care/Extended Care, and Psychological Impact

18 Type of Sentinel Event (The Joint Commission 2004-June ) Abduction 22 Anesthesia-Related Event 76 Criminal Event 211 Delay in Treatment 604 Dialisys-Relate Event 6 Elopement 65 Fall 408 Fire 76 Infant Discharge to Wrong Family 2 Infection-Related Event 130 Inpatient Drug Overdose 50 Maternal Death 90 Med Equipment-Related 151 Medication Error 310 Op/Post-Op Complication 570 Other Unanticipated Event 326 Perinatal Death/Injury 185 Radiation Overdose 23 Restraint Related Event 99 Self-Inflicted Injury 37 Severe Neonatal Hyperbilirubinemia 3 Suicide 518 Transfer-Related Event 17 Transfusion Error 86 Unintended Retention of a Foreign Body 546 Utility System Failure 4 Ventilator Death 32 Wrong-patient, wrong-site, wrong-procedure 734

19 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA I Dipartimenti di Emergenza (DEA) sono caratterizzati da una vulnerabilità agli errori assistenziali per le loro caratteristiche intrinseche: Pazienti non noti (anamnesi incomplete, breve tempo disponibile) Criticità dei pazienti Necessità di cure tempestive (patologie per le quali la Medicina delle Evidenze ha dimostrato i vantaggi in termini di sopravvivenza nel trattamento precoce) Sindromi con ampia varietà di diagnosi differenziali (dolore addominale, dolore toracico ) Carico informativo e cognitivo Elevata densità di decisioni Complessità dei processi decisionali Multidisciplinarietà Asincronismo circadiano e turnover del personale (consegne)

20 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA Studi di Ergonomia hanno evidenziato che diversi fattori generici presenti nel sistema organizzativo dei DEA sono capaci di per se di produrre aumento degli errori anche in ambito non medico Perciò le caratteristiche stesse dei DEA determinano un elevato numero di errori e tali errori sono per lo più suscettibili di prevenzione Le teorie dell errore umano evidenziano che gli errori avvengono più spesso quando i sistemi sono stressati e le risorse limitate

21 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA SOVRAFFOLLATO Il DEA sovraffollato espone ad ulteriore rischio di errore per i seguenti motivi: Il 15-40% del tempo del personale è impiegato nella gestione del boarding Aumento del carico informativo Frequenti interruzioni del pensiero e delle azioni Riduzione del tempo disponibile per il singolo paziente Understuffing e stress del personale, affaticamento Inadeguatezza delle risorse disponibili, strutturali e dei Servizi (Laboratorio, Radiologia) Pazienti critici rimangono nei DEA in attesa di posti letto di Terapia Intensiva con notevole ritardo nei trattamenti

22 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA SOVRAFFOLLATO I primi rilievi degli errori sanitari nei DEA risalgono al 1999 (Wars et al. Human error in emergency medicine Ann Emerg Med 1999; 34: 370-2) La situazione di sovraffollamento nei DEA è stata evidenziata in numerosi lavori e report degli ultimi anni E stato evidenziato il progressivo aumento del numero delle visite accanto alla riduzione del numero degli Ospedali e dei DEA stessi ( Crisis in the Emergency Department NEJM 2006 September 28, 355;13)

23

24 DIPARTIMENTI DI EMERGENZA alcuni dati In USA dal 1996 al 2006 aumento del 26% delle visite nei DEA. Le visite nei DEA rappresentano circa il 10% di tutte le visite mediche Negli stessi anni riduzione del 9% del numero dei DEA e chiusura di posti letto (NEJM 2006, 355; 13) In Italia Secondo dati ufficiali del ministero della Salute gli accessi al Pronto Soccorso sono stati nel 1997 e nel 2006 con una tendenza sempre più rapida verso i di visite/anno (dati SIMEU e Commissione Sanità del Senato) Nel di chiamate al 118 ( accessi in PS)

25 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA misurazioni La misurazione degli errori nei DEA è di difficile realizzazione: La maggior parte degli studi di rischio clinico sono condotti sull outcome dei pazienti ricoverati, soprattutto studiando le cartelle cliniche retrospettivamente e non prendono in considerazione l outcome dei pazienti dimessi Gli studi sottostimano la quota di errori nei DEA a causa della perdita di dati sulle dimissioni senza ricovero (i pazienti dimessi che necessitino in seguito di cure urgenti non accedono sempre allo stesso DEA) Non sempre viene comunicato l errore da parte di chi lo commette a causa del timore per le conseguenze amministrative o medico-legali (segnalazioni anonime)

26 TIPOLOGIA DI ERRORI NEI DIPARTIMENTI DI EMERGENZA Gli errori nei DEA possono assumere varie forme, dalle più banali alle più complesse, avendo un impatto molto differente sull assistenza al paziente I più frequenti errori nei DEA sono lapses, omissioni ed errori diagnostici. Questa tipologia di errori è caratterizzata da elevata possibilità di prevenzione Diversi importati studi dimostrano che gli errori più comuni nei DEA sono quelli diagnostici che conducono facilmente alla morte o ad una disabilità permanente del paziente (Brennan et al. NEJM 1991, 324: 370-6; Wilson et al. Med J Aust 1995, 163:458-71) Essi sono determinati da errori cognitivi (background culturale del medico) e da errati percorsi decisionali

27 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA criticità Le fasi di maggiore rischio di errore sono individuati nei gap definiti come discontinuità nella cura del paziente. I gap sono avversati da contromisure adottate dal personale che risultano generalmente efficaci nel prevenire l errore. Può essere incrementata la capacità di individuare i gap e aumentata la consapevolezza di essi. GAP Nella comunicazione (consegne al cambio turno, trasferimenti da un reparto ad un altro, ecc.) Nella responsabilità (affidamento di più pazienti contemporaneamente ad uno stesso infermiere; affidamento di alcune funzioni al personale ausiliario) Nelle innovazioni (cambiamenti di procedure, nuove strutture organizzative, nuove tecnologie, nuove conoscenze, ecc) Cook et al. Gaps in the continuity of care and progress on patient safety BMJ March 18; 320(7237):

28 TIPOLOGIA DEGLI INCIDENTI NEI DIPARTIMENTI DI EMERGENZA Valutazione del paziente Trattamento Destinazione esterna del paziente Destinazione interna Dotazione Documentazione Azione del paziente Generale (altro non classificato) Livelli da 1 (decesso del paziente) a 5 (non danno) Thomas et al. Derivation of a typology for the classification of risks in emergency medicine Emerg Med J 2004;21:

29 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity Patient assessment omission Failure to make diagnosis with life threatening Consequences Failure or delay in patient assessment resulting in, or likely to result in, no harm Patients assessment commission Delay in patient assessment with life threatening consequences Inappropriate investigations in life threatening situation Inappropriate investigations resulting in, or likely to result in, delay but no further harm Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

30 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity Treatment omission Failure to give or delay in giving adequate treatment with life threatening consequences Failure to give treatment resulting in, or likely to result in, no harm, except short delay Treatment commission Inappropriate treatment given to patient with life threatening consequences Inappropriate or unnecessary treatment given to patient resulting in, or likely to result in, no harm, except delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

31 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity External disposal omission Failure to admit patient with life threatening Condition Failure or inability to admit patient with life threatening condition to ward/ unit of appropriately high level of dependency Disposal omission failure resulting in, or likely to result in, no harm External disposal commission N/A Disposal commission failure resulting in, or likely to result in, no harm Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

32 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Internal disposal Level of severity 1 Resuscitation area full, unable to put in any more patients who need to be there, leading to life threatening Situation Patient with life threatening condition not placed in resuscitation area Trolleys occupied throughout department, so that emergency measures have to be taken, such as placing patients in corridors, or inappropriately in waiting room Trolley shortage resulting in, or likely to result in, no significant effect Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

33 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Equipment Level of severity Equipment or service failure that affects functioning of whole Department Equipment or service failure resulting in life threatening situation to patients or staff Equipment or service failure leading to inability to diagnose or treat patient, resulting in, or likely to result in, continuation of severe pain or unnecessarily prolonged pain, disability or illness Equipment or service failure resulting in, or likely to result in, no significant effect on patient diagnosis or treatment, other than delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

34 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Documentation Level of severity Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation with effect of causing delayed or inadequate patient management with life threatening consequences Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation with effect of causing delayed or inadequate patient management resulting in, or likely to result in, unnecessary prolonged pain, disability, or illness Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation resulting, or likely to result in, no harm to patient, other than delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

35 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Patient Action Level of severity 1 Action by patient, with consequences to themselves or to others that are life threatening Action by patient resulting in, or likely to result in, no adverse consequences to themselves or to others General Failure resulting in, or likely to result in, life threatening situation Failure resulting in, or likely to result in, no harm except delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

36 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA triage Nell ambito delle attività di valutazione del paziente nel DEA una attenzione va dedicata agli eventi sentinella conseguenti ad errori di triage Gli errori infermieristici costituiscono meno del 5% del totale degli errori di un DEA. Nell ambito del triage si possono identificare nell over o under-triage Il mancato riconoscimento di un CODICE ROSSO costituisce un EVENTO SENTINELLA nella fase di triage in Pronto Soccorso o nella attribuzione del codice da parte del 118

37 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA destinazione in reparto non appropriato Nell ambito degli errori di destinazione interna del paziente è importante sottolineare come la inappropriata destinazione in un reparto, per errore diagnostico o per mancanza di posto letto nella unità operativa appropriata, può arrecare un danno al paziente Infatti il personale del reparto inappropriato può avere minore familiarità con le linee guida di assistenza di un determinata patologia Ciò potrebbe anche contribuire al ritardo di cure e all occorrenza di un evento avverso

38 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA errori di terapia Pochi studi sono stati effettuati sugli errori di terapia nei Dipartimenti di emergenza sovraffollati. Kulstad et al. Hanno pubblicato nel 2010 uno studio atto a determinare la associazione tra il sovraffollamento del DEA, misurato mediante EDWIN score, e la frequenza di errori di terapia, analizzati dai farmacisti dell Ospedale. Errori: Somministrazione: a dosi non corrette, con frequenza non corretta, per durata incorretta o per via di somministrazione non appropriata Somministrazione di farmaci controindicati Somministrazione di farmaci sbagliati La frequenza degli errori è correlata alla severità del sovraffollamento Kulstad et al. Am J Emerg Med 2010; 28:304-9

39 IMPATTO DEL SOVRAFFOLLAMENTO Nel 2006 due studi condotti in Australia hanno dimostrato l aumento di mortalità a breve termine nei pazienti ammessi in DEA sovraffollati Richardson (MJA 2006; 184(5):213-16): studio retrospettivo su correlazione tra la mortalità a 10 giorni e sovraffollamento del DEA all ingresso del paziente, calcolati tra il 2002 e il La mortalità aumenta con il grado di occupazione del DEA, a parità di condizioni di ingresso (stagione, turno, giorno della settimana). Viene calcolato un eccesso di decessi pari a 13 per anno. Limiti: possibilità che una coorte di pazienti più gravi contribuiscano sia al sovraffollamento che all incremento di mortalità; possibilità di under-triage durante sovraffollamento; ricovero solo dei malati più gravi in condizioni di sovraffollamento e perdita di dati sui dimessi

40 IMPATTO DEL SOVRAFFOLLAMENTO Sprivulis et al. (MJA 2006; 184(5): ): studio retrospettivo condotto tra il luglio 2000 e il giugno 2003 su correlazione tra mortalità a 2, 7 e 30 giorni e l occupazione del DEA e dell ospedale (Overcrowding Hazard Scale). Aumento mortalità relativo del 30% a 2, 7 e 30 giorni correlato al grado di occupazione del DEA e dell ospedale. Mortalià a 30 giorni aumentata in caso di sovraffollamento indipendentemente da età, diagnosi, urgenza, durata della degenza; correlata invece alla durata della permanenza nel DEA e all attesa per la visita medica e conseguentemente per l inizio delle cure

41 Sprivulis et al. (MJA 2006; 184(5):

42 RICOVERI IN CORRIDOIO A substantial frequency of undesirable events occurs while patients board in the ED. These events are more frequent in older patients or those with more comorbidities. Future studies need to compare the rates of undesirable events among patients boarding in the ED versus inpatient units. [ A Pilot Study Examining Undesirable Events Among Emergency Department Boarded Patients Awaiting Inpatient Beds Ann Emerg Med. 2009;54: ] Transfer of ED-boarded admitted patients to an inpatient hallway occurs during high ED census and waiting times for admission but does not appears to result in patient harm. [ The Association Between Transfer of Emergency Department Boarders to Inpatient Hallways and Mortality: a 4- Year Experience Ann Emerg Med. 2009;54: ]

43 TASK FORCE INTERNAZIONALI Agency of Healthcare Research and Quality (AHRQ): coordina negli USA la ricerca federale per la sicurezza del paziente (sviluppo indicatori di qualità).presiede la Quality Interagency Coordination Task Force (QuIC) American Society for Healthcare Risk Management Healthcare Cost and Utilization Project (UCUP): indicatori qualità Commission for Healt Improvement e Department of Health The National Patient Safety Agency (NPSA) General Accounting Office (GAO): eventi avversi da farmaci (indirizzato al Senato USA) Institute of Medicine: rapporto del 1999 Join Commission on Accreditation of Healthcare Organizations Australian Incident Monitoring System (AISM): dal 1996 utilizzato in Australia e Nuova Zelanda Australian Council for Safety and Quality in Health Care: organo promosso dal Ministero della Salute Australiano nel 2000 Australian Patient Safety Foundation: dal 1988 National Reporting and Learning System (NRLS): nel regno Unito dal 2000 National Patient Safety Agency (NPSA): nel Regno Unito dal 2000 (raccolta dati di eventi avversi) Commission for Health Improvement (CHI): Regno Unito Canadian National Steering Committee on Patient Safety

44 IN ITALIA Il Ministero della Salute Dipartimento della Qualità (Direzione Generale della Programmazione Sanitaria dei Livelli Essenziali di Assistenza e dei Principi Etici di Sistema Ufficio III) ha istituito nel 2003 una Commissione Tecnica sul Rischio Clinico (DM 5 Marzo 2003) dal 2004 l Osservatorio sui Rischi Sanitari Le finalità di tali Strutture sono la gestione del rischio clinico, lo studio della prevalenza del rischio, l individuazione delle cause e la loro riduzione Unità di Gestione del Rischio (UGR): gruppo multidisciplinare la cui istituzione è raccomandata a livello di ogni Struttura Sanitaria (presenza di dirigenti medici, dirigenti farmacisti, infermieri, operatori Sistema Qualità, del Settore Affari Generali e Legale, della Sicurezza, operatori URP, del settore Ingegneria Clinica, del Sistema Informativo, della Medicina Preventiva, della Fisica Sanitaria, componenti della Commissione Terapeutica Ospedaliera, del comitato di Controllo delle Infezioni Ospedaliere, del Comitato per il buon uso del Sangue, una rappresentanza delegata degli Utenti) Farmacovigilanza (del Ministero della Salute)

45 Cultura della sicurezza To err is human: building a safer health system Grazie dell attenzione.

Risk management in Sanità Il problema degli errori

Risk management in Sanità Il problema degli errori Risk management in Sanità Il problema degli errori Attualmente il tema del rischio clinico si pone come argomento di rilevante severità che interessa vari settori della sanità ed ha un forte impatto sociale.

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci

Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci 120-2006 Tecnologie informatizzate per la sicurezza nell uso dei farmaci Sussidi per la gestione del rischio 4 Accreditamento Redazione e impaginazione a cura di Federica Sarti - Agenzia sanitaria regionale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli