Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI"

Transcript

1 Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza ERRORI ASSISTENZIALI Dott.ssa Simona Dionisi Complesso Ospedaliero Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma

2 PRESUNTA MALASANITA IN PRIMA PAGINA Notizie on-line: 14/10/11: Esce dal PS e muore.. 3/10/11: Un uomo di 56 anni decede al San Leonardo, era stato ritenuto un codice bianco 1/10/11 Il Resto del Carlino: muore dopo visita medica; il medico a processo 1/10/11 Il Messaggero: Dimesso dall Ospedale di Venezia: muore dopo poche ore 23/09/11: Anziana cade in Ospedale e muore... In dieci anni le denunce di errori medici sono aumentate del 184% passando da nel 1994 a nel Nel 2007 sono riportate denunce (Corriere della Sera 30/12/2007).

3 ERRORI ASSISTENZIALI alcuni dati epidemiologici Stime conservative suggeriscono che negli Ospedali USA gli errori medici causano danni a di persone e morti per anno Sono stati condotti diversi studi (NY, Utah, Australia, Regno Unito, Canada) che riportano errori assistenziali in percentuale variabile dal 3,6 al 16% dei ricoverati Non è ben definito l impatto reale dell errore assistenziale nei Servizi di Emergenza (primi dati dal1999)

4 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Gli errori iatrogeni sono stati considerati storicamente errori medici mentre attualmente si considera che l errore assistenziale può avvenire in qualunque momento della continuità delle cure al paziente, che coinvolge medici, infermieri, staff tecnico ed amministrativo L errore è il fallimento di una sequenza pianificata di azioni mentali ed attività nel raggiungere l obiettivo desiderato, che non può essere attribuito al caso

5 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Definizione di EVENTO AVVERSO danno non intenzionale causato dalla gestione medica che determina un prolungamento del tempo di degenza, una disabilità temporanea o permanente o la morte Diversi studi condotti in USA, Australia, Gran Bretagna dimostrano che oltre la metà degli eventi avversi possono essere considerati suscettibili di prevenzione (Brennan et al. NEJM 1991; 324:370-6; Wilson et al. Med J Aust 1995; 163:458-71; Vincent et al. BMJ 2001; 322:517-9)

6 Eventi Avversi (AE) EA prevenibili (sul totale degli AE) Harvard Medical Practice Study To err is human Australia New Zeland UK 3,7 4 16,6 12,9 10,8 58% 53% 53% 35% 47% Mortalità (sul totale degli AE) 13,6% 6,6% 4,9% <15% 8% Spesa Miliardi/anno - 37,6$ 17$ AE prevenibili 4,7$ Fonte Leape et al. NEJM 1991; Kohn et al. 1999; Istitute of Medicine Wilson et al. MedJAust 1995; 163: Davis et al. 2001; Ministry of Health Vincent et al. BMJ 2001; 322:517-19

7 ERRORI ASSISTENZIALI concetti generali Il primo studio e punto di riferimento per la materia è l Harvard Medical Practice Study pubblicato nel 1991 studio retrospettivo randomizzato di ampie dimensioni (analisi di dimissioni da 51 Ospedali per acuti di New York nel 1984 su una popolazione di ) 3,7% eventi avversi più della metà prevenibili 25% attribuibili a negligenza (più frequente negli errori più gravi) gli eventi avversi aumentano nella popolazione più anziana NEGLIGENZA definita come una caduta al di sotto dello standard atteso nei medici di una data comunità Brennan et al. NEJM 1991; 324: 370-6

8 EVENTO SENTINELLA Definizione EVENTO AVVERSO GRAVE ED INASPETTATO CHE CONDUCE O PUO CONDURRE ALLA MORTE DELL ASSISTITO O GLI PROCURA UN SERIO DANNO FISICO O PSICOLOGICO Per DANNO SERIO si intende la PERDITA DI UNA FUNZIONE O DI UN ARTO E così definito perché rappresenta il segnale della immediata necessità di investigazione della causa e di una pronta risposta

9 EVENTO SENTINELLA Non tutti gli eventi sentinella sono dovuti ad errori, né tutti gli errori conducono ad eventi sentinella. Non tutti gli eventi sentinella sono prevenibili I dati della JOINT Commission evidenziano che circa il 10% degli eventi sentinella in Ospedale avvengono nei Dipartimenti di Emergenza e che 1/3 di essi sono riconducibili a condizioni di sovraffollamento Gli eventi sentinella che occorrono nei Dipartimenti di Emergenza sono per la maggior parte prevenibili (70-80%)

10 Patogenesi dell errore in medicina Cause remote (latent failures) Condizioni di lavoro (latent failures) Cause immediate (active failures) Meccanismi di controllo Carenza o cattivo uso di risorse Sovraccarico di lavoro Deficit di: -Supervisione Omissioni Errori (slips, failures) Eventi avversi Cattiva organizzazione dei servizi -Comunicazione -Tecnologia -Conoscenza - Abilità tecnica Difetti Cognitivi Violazioni Incidenti Da BMJ Publ Group 1995: 31-54, modificato

11 BARRIERE DIFENSIVE TEORIA DEL FORMAGGIO SVIZZERO di Reason Nell'approccio di sistema all errore si considera che gli esseri umani sono fallibili e gli errori sono prevedibili anche nelle migliori organizzazioni. Gli errori sono visti come conseguenze piuttosto che come cause poichè nei processi organizzativi del lavoro sono individuate trappole ricorrenti che possono condurre agli errori. Le contromisure si basano sull assunto che non si può cambiare la condizione umana, ma si possono cambiare le condizioni in cui l'uomo lavora. Diventa pertanto centrale l idea del sistema di difese Quando si verifica un evento avverso, la questione importante non è chi ha commesso l errore ma come e perché le difese hanno fallito

12 Modified from Reason, 1991

13 ERRORI (IOM 1999) ERRORE LATENTE errore nella progettazione, nell organizzazione, nella formazione o nel mantenimento che porta agli errori degli operatori in prima linea e i cui effetti tipicamente rimangono silenti nel sistema a lungo ERRORE ATTIVO azione pericolosa, errore commesso da chi, nel sistema, si trova a contatto con il paziente. Conseguenze immediate

14 ERRORI ATTIVI SLIPS errori di esecuzione che si verificano a livello dell ablità (azioni eseguite in modo diverso da come pianificato) LAPSES errori di esecuzione provocati da un fallimento della memoria MISTAKES errori durante i processi di pianificazione delle strategie (obiettivo non raggiunto). I mistakes sono di due tipi: 1. Ruled based scelta di applicare una regola o una procedura che non consentono il conseguimento dell obiettivo 2. Knowledge based scarsa conoscenza che determina l attuazione di piani di azione che non permettono di raggiungere l obiettivo prefissato

15 ERRORI altre definizioni VIOLAZIONI deviazioni da procedure operative standard o regole, azioni eseguite anche se ciò è formalmente impedito da un regolamento o direttiva (Reason 1997) L errore può non essere evitato a causa di un comportamento skill based cioè istintivo. Ciò può accadere agli operatori più esperti che possono mettere in atto un comportamento routinario con perdita del giusto livello di attenzione NEAR MISS situazioni ad elevato rischio che per un motivo casuale o per l intervento fortuito di un operatore non causano un danno (1 denuncia ogni )

16 Summary Data of Sentinel Events Reviewed by The Joint Commission Sentinel Event Setting 2004 throug June 30,2011 n % Hospital ,4% Psychiatric hospital ,4% Ambulatory care 195 3,6% Psych unit in general hospital 290 5,4% EMERGENCY DEPARTMENT 362 6,7% Behavioral Health facility 206 3,8% Home care 85 1,6% Long term care facility 69 1,3% Other* 64 1,2% Office-based surgery 34 0,6% Total 5381 *Other includes: Disease Specific Care, Diagnostic Imaging, Hospice Care

17 Summary Data of Sentinel Events Reviewed by The Joint Commission Sentinel Event Outcome 2004 through June 30,2011 n % Patient death ,8% Loss of Function 459 9,4% Other** ,9% Total patients impacted % **Other includes: Unexpected Additional Care/Extended Care, and Psychological Impact

18 Type of Sentinel Event (The Joint Commission 2004-June ) Abduction 22 Anesthesia-Related Event 76 Criminal Event 211 Delay in Treatment 604 Dialisys-Relate Event 6 Elopement 65 Fall 408 Fire 76 Infant Discharge to Wrong Family 2 Infection-Related Event 130 Inpatient Drug Overdose 50 Maternal Death 90 Med Equipment-Related 151 Medication Error 310 Op/Post-Op Complication 570 Other Unanticipated Event 326 Perinatal Death/Injury 185 Radiation Overdose 23 Restraint Related Event 99 Self-Inflicted Injury 37 Severe Neonatal Hyperbilirubinemia 3 Suicide 518 Transfer-Related Event 17 Transfusion Error 86 Unintended Retention of a Foreign Body 546 Utility System Failure 4 Ventilator Death 32 Wrong-patient, wrong-site, wrong-procedure 734

19 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA I Dipartimenti di Emergenza (DEA) sono caratterizzati da una vulnerabilità agli errori assistenziali per le loro caratteristiche intrinseche: Pazienti non noti (anamnesi incomplete, breve tempo disponibile) Criticità dei pazienti Necessità di cure tempestive (patologie per le quali la Medicina delle Evidenze ha dimostrato i vantaggi in termini di sopravvivenza nel trattamento precoce) Sindromi con ampia varietà di diagnosi differenziali (dolore addominale, dolore toracico ) Carico informativo e cognitivo Elevata densità di decisioni Complessità dei processi decisionali Multidisciplinarietà Asincronismo circadiano e turnover del personale (consegne)

20 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA Studi di Ergonomia hanno evidenziato che diversi fattori generici presenti nel sistema organizzativo dei DEA sono capaci di per se di produrre aumento degli errori anche in ambito non medico Perciò le caratteristiche stesse dei DEA determinano un elevato numero di errori e tali errori sono per lo più suscettibili di prevenzione Le teorie dell errore umano evidenziano che gli errori avvengono più spesso quando i sistemi sono stressati e le risorse limitate

21 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA SOVRAFFOLLATO Il DEA sovraffollato espone ad ulteriore rischio di errore per i seguenti motivi: Il 15-40% del tempo del personale è impiegato nella gestione del boarding Aumento del carico informativo Frequenti interruzioni del pensiero e delle azioni Riduzione del tempo disponibile per il singolo paziente Understuffing e stress del personale, affaticamento Inadeguatezza delle risorse disponibili, strutturali e dei Servizi (Laboratorio, Radiologia) Pazienti critici rimangono nei DEA in attesa di posti letto di Terapia Intensiva con notevole ritardo nei trattamenti

22 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA SOVRAFFOLLATO I primi rilievi degli errori sanitari nei DEA risalgono al 1999 (Wars et al. Human error in emergency medicine Ann Emerg Med 1999; 34: 370-2) La situazione di sovraffollamento nei DEA è stata evidenziata in numerosi lavori e report degli ultimi anni E stato evidenziato il progressivo aumento del numero delle visite accanto alla riduzione del numero degli Ospedali e dei DEA stessi ( Crisis in the Emergency Department NEJM 2006 September 28, 355;13)

23

24 DIPARTIMENTI DI EMERGENZA alcuni dati In USA dal 1996 al 2006 aumento del 26% delle visite nei DEA. Le visite nei DEA rappresentano circa il 10% di tutte le visite mediche Negli stessi anni riduzione del 9% del numero dei DEA e chiusura di posti letto (NEJM 2006, 355; 13) In Italia Secondo dati ufficiali del ministero della Salute gli accessi al Pronto Soccorso sono stati nel 1997 e nel 2006 con una tendenza sempre più rapida verso i di visite/anno (dati SIMEU e Commissione Sanità del Senato) Nel di chiamate al 118 ( accessi in PS)

25 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA misurazioni La misurazione degli errori nei DEA è di difficile realizzazione: La maggior parte degli studi di rischio clinico sono condotti sull outcome dei pazienti ricoverati, soprattutto studiando le cartelle cliniche retrospettivamente e non prendono in considerazione l outcome dei pazienti dimessi Gli studi sottostimano la quota di errori nei DEA a causa della perdita di dati sulle dimissioni senza ricovero (i pazienti dimessi che necessitino in seguito di cure urgenti non accedono sempre allo stesso DEA) Non sempre viene comunicato l errore da parte di chi lo commette a causa del timore per le conseguenze amministrative o medico-legali (segnalazioni anonime)

26 TIPOLOGIA DI ERRORI NEI DIPARTIMENTI DI EMERGENZA Gli errori nei DEA possono assumere varie forme, dalle più banali alle più complesse, avendo un impatto molto differente sull assistenza al paziente I più frequenti errori nei DEA sono lapses, omissioni ed errori diagnostici. Questa tipologia di errori è caratterizzata da elevata possibilità di prevenzione Diversi importati studi dimostrano che gli errori più comuni nei DEA sono quelli diagnostici che conducono facilmente alla morte o ad una disabilità permanente del paziente (Brennan et al. NEJM 1991, 324: 370-6; Wilson et al. Med J Aust 1995, 163:458-71) Essi sono determinati da errori cognitivi (background culturale del medico) e da errati percorsi decisionali

27 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA criticità Le fasi di maggiore rischio di errore sono individuati nei gap definiti come discontinuità nella cura del paziente. I gap sono avversati da contromisure adottate dal personale che risultano generalmente efficaci nel prevenire l errore. Può essere incrementata la capacità di individuare i gap e aumentata la consapevolezza di essi. GAP Nella comunicazione (consegne al cambio turno, trasferimenti da un reparto ad un altro, ecc.) Nella responsabilità (affidamento di più pazienti contemporaneamente ad uno stesso infermiere; affidamento di alcune funzioni al personale ausiliario) Nelle innovazioni (cambiamenti di procedure, nuove strutture organizzative, nuove tecnologie, nuove conoscenze, ecc) Cook et al. Gaps in the continuity of care and progress on patient safety BMJ March 18; 320(7237):

28 TIPOLOGIA DEGLI INCIDENTI NEI DIPARTIMENTI DI EMERGENZA Valutazione del paziente Trattamento Destinazione esterna del paziente Destinazione interna Dotazione Documentazione Azione del paziente Generale (altro non classificato) Livelli da 1 (decesso del paziente) a 5 (non danno) Thomas et al. Derivation of a typology for the classification of risks in emergency medicine Emerg Med J 2004;21:

29 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity Patient assessment omission Failure to make diagnosis with life threatening Consequences Failure or delay in patient assessment resulting in, or likely to result in, no harm Patients assessment commission Delay in patient assessment with life threatening consequences Inappropriate investigations in life threatening situation Inappropriate investigations resulting in, or likely to result in, delay but no further harm Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

30 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity Treatment omission Failure to give or delay in giving adequate treatment with life threatening consequences Failure to give treatment resulting in, or likely to result in, no harm, except short delay Treatment commission Inappropriate treatment given to patient with life threatening consequences Inappropriate or unnecessary treatment given to patient resulting in, or likely to result in, no harm, except delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

31 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Level of severity External disposal omission Failure to admit patient with life threatening Condition Failure or inability to admit patient with life threatening condition to ward/ unit of appropriately high level of dependency Disposal omission failure resulting in, or likely to result in, no harm External disposal commission N/A Disposal commission failure resulting in, or likely to result in, no harm Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

32 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Internal disposal Level of severity 1 Resuscitation area full, unable to put in any more patients who need to be there, leading to life threatening Situation Patient with life threatening condition not placed in resuscitation area Trolleys occupied throughout department, so that emergency measures have to be taken, such as placing patients in corridors, or inappropriately in waiting room Trolley shortage resulting in, or likely to result in, no significant effect Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

33 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Equipment Level of severity Equipment or service failure that affects functioning of whole Department Equipment or service failure resulting in life threatening situation to patients or staff Equipment or service failure leading to inability to diagnose or treat patient, resulting in, or likely to result in, continuation of severe pain or unnecessarily prolonged pain, disability or illness Equipment or service failure resulting in, or likely to result in, no significant effect on patient diagnosis or treatment, other than delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

34 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Documentation Level of severity Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation with effect of causing delayed or inadequate patient management with life threatening consequences Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation with effect of causing delayed or inadequate patient management resulting in, or likely to result in, unnecessary prolonged pain, disability, or illness Inadequate, illegible, inaccurate or missing documentation resulting, or likely to result in, no harm to patient, other than delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

35 Completed typology for critical incidents in emergency medicine Critical Incident Type Patient Action Level of severity 1 Action by patient, with consequences to themselves or to others that are life threatening Action by patient resulting in, or likely to result in, no adverse consequences to themselves or to others General Failure resulting in, or likely to result in, life threatening situation Failure resulting in, or likely to result in, no harm except delay Thomas et al.emerg Med J 2004;21:

36 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA triage Nell ambito delle attività di valutazione del paziente nel DEA una attenzione va dedicata agli eventi sentinella conseguenti ad errori di triage Gli errori infermieristici costituiscono meno del 5% del totale degli errori di un DEA. Nell ambito del triage si possono identificare nell over o under-triage Il mancato riconoscimento di un CODICE ROSSO costituisce un EVENTO SENTINELLA nella fase di triage in Pronto Soccorso o nella attribuzione del codice da parte del 118

37 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA destinazione in reparto non appropriato Nell ambito degli errori di destinazione interna del paziente è importante sottolineare come la inappropriata destinazione in un reparto, per errore diagnostico o per mancanza di posto letto nella unità operativa appropriata, può arrecare un danno al paziente Infatti il personale del reparto inappropriato può avere minore familiarità con le linee guida di assistenza di un determinata patologia Ciò potrebbe anche contribuire al ritardo di cure e all occorrenza di un evento avverso

38 ERRORI NEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA errori di terapia Pochi studi sono stati effettuati sugli errori di terapia nei Dipartimenti di emergenza sovraffollati. Kulstad et al. Hanno pubblicato nel 2010 uno studio atto a determinare la associazione tra il sovraffollamento del DEA, misurato mediante EDWIN score, e la frequenza di errori di terapia, analizzati dai farmacisti dell Ospedale. Errori: Somministrazione: a dosi non corrette, con frequenza non corretta, per durata incorretta o per via di somministrazione non appropriata Somministrazione di farmaci controindicati Somministrazione di farmaci sbagliati La frequenza degli errori è correlata alla severità del sovraffollamento Kulstad et al. Am J Emerg Med 2010; 28:304-9

39 IMPATTO DEL SOVRAFFOLLAMENTO Nel 2006 due studi condotti in Australia hanno dimostrato l aumento di mortalità a breve termine nei pazienti ammessi in DEA sovraffollati Richardson (MJA 2006; 184(5):213-16): studio retrospettivo su correlazione tra la mortalità a 10 giorni e sovraffollamento del DEA all ingresso del paziente, calcolati tra il 2002 e il La mortalità aumenta con il grado di occupazione del DEA, a parità di condizioni di ingresso (stagione, turno, giorno della settimana). Viene calcolato un eccesso di decessi pari a 13 per anno. Limiti: possibilità che una coorte di pazienti più gravi contribuiscano sia al sovraffollamento che all incremento di mortalità; possibilità di under-triage durante sovraffollamento; ricovero solo dei malati più gravi in condizioni di sovraffollamento e perdita di dati sui dimessi

40 IMPATTO DEL SOVRAFFOLLAMENTO Sprivulis et al. (MJA 2006; 184(5): ): studio retrospettivo condotto tra il luglio 2000 e il giugno 2003 su correlazione tra mortalità a 2, 7 e 30 giorni e l occupazione del DEA e dell ospedale (Overcrowding Hazard Scale). Aumento mortalità relativo del 30% a 2, 7 e 30 giorni correlato al grado di occupazione del DEA e dell ospedale. Mortalià a 30 giorni aumentata in caso di sovraffollamento indipendentemente da età, diagnosi, urgenza, durata della degenza; correlata invece alla durata della permanenza nel DEA e all attesa per la visita medica e conseguentemente per l inizio delle cure

41 Sprivulis et al. (MJA 2006; 184(5):

42 RICOVERI IN CORRIDOIO A substantial frequency of undesirable events occurs while patients board in the ED. These events are more frequent in older patients or those with more comorbidities. Future studies need to compare the rates of undesirable events among patients boarding in the ED versus inpatient units. [ A Pilot Study Examining Undesirable Events Among Emergency Department Boarded Patients Awaiting Inpatient Beds Ann Emerg Med. 2009;54: ] Transfer of ED-boarded admitted patients to an inpatient hallway occurs during high ED census and waiting times for admission but does not appears to result in patient harm. [ The Association Between Transfer of Emergency Department Boarders to Inpatient Hallways and Mortality: a 4- Year Experience Ann Emerg Med. 2009;54: ]

43 TASK FORCE INTERNAZIONALI Agency of Healthcare Research and Quality (AHRQ): coordina negli USA la ricerca federale per la sicurezza del paziente (sviluppo indicatori di qualità).presiede la Quality Interagency Coordination Task Force (QuIC) American Society for Healthcare Risk Management Healthcare Cost and Utilization Project (UCUP): indicatori qualità Commission for Healt Improvement e Department of Health The National Patient Safety Agency (NPSA) General Accounting Office (GAO): eventi avversi da farmaci (indirizzato al Senato USA) Institute of Medicine: rapporto del 1999 Join Commission on Accreditation of Healthcare Organizations Australian Incident Monitoring System (AISM): dal 1996 utilizzato in Australia e Nuova Zelanda Australian Council for Safety and Quality in Health Care: organo promosso dal Ministero della Salute Australiano nel 2000 Australian Patient Safety Foundation: dal 1988 National Reporting and Learning System (NRLS): nel regno Unito dal 2000 National Patient Safety Agency (NPSA): nel Regno Unito dal 2000 (raccolta dati di eventi avversi) Commission for Health Improvement (CHI): Regno Unito Canadian National Steering Committee on Patient Safety

44 IN ITALIA Il Ministero della Salute Dipartimento della Qualità (Direzione Generale della Programmazione Sanitaria dei Livelli Essenziali di Assistenza e dei Principi Etici di Sistema Ufficio III) ha istituito nel 2003 una Commissione Tecnica sul Rischio Clinico (DM 5 Marzo 2003) dal 2004 l Osservatorio sui Rischi Sanitari Le finalità di tali Strutture sono la gestione del rischio clinico, lo studio della prevalenza del rischio, l individuazione delle cause e la loro riduzione Unità di Gestione del Rischio (UGR): gruppo multidisciplinare la cui istituzione è raccomandata a livello di ogni Struttura Sanitaria (presenza di dirigenti medici, dirigenti farmacisti, infermieri, operatori Sistema Qualità, del Settore Affari Generali e Legale, della Sicurezza, operatori URP, del settore Ingegneria Clinica, del Sistema Informativo, della Medicina Preventiva, della Fisica Sanitaria, componenti della Commissione Terapeutica Ospedaliera, del comitato di Controllo delle Infezioni Ospedaliere, del Comitato per il buon uso del Sangue, una rappresentanza delegata degli Utenti) Farmacovigilanza (del Ministero della Salute)

45 Cultura della sicurezza To err is human: building a safer health system Grazie dell attenzione.

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma

Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma Dott.ssa A.S.Guzzo Resp. UOS Gestione del rischio clinico in area critica DEA Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma DEA sistema ad alto rischio 1 Elevatissimo numero di transazioni (relazionali,

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI BIOETICHE ENRICO LARGHERO ITALIA 8 MILIONI RICOVERI/ANNO 320.000 (4%) danni per errori medici ed eventi avversi 14.000-50.000 decessi 260 milioni

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA - tassonomia e classificazione degli errori - errori e clima organizzativo Dott. a Patrizia Bevilacqua IPASVI Brescia, Ottobre/Novembre 2010 Quali sono gli attori coinvolti?

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo di identificare la causa vera di un problema, e le azioni

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

La gestione del rischio globale negli studi medici e odontoiatrici. Torino 25-26 26 Novembre 2005

La gestione del rischio globale negli studi medici e odontoiatrici. Torino 25-26 26 Novembre 2005 La gestione del rischio globale negli studi medici e odontoiatrici Torino 25-26 26 Novembre 2005 La gestione del rischio per il paziente: inquadramento di un problema emergente Marco Rapellino Direttore

Dettagli

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale Ugo Moretti 1. Adverse events Adverse event Any abnormal sign, symptom, or laboratory test, or any syndromic combination of

Dettagli

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Le infezioni post operatorie nel paziente chirurgico Vicenza, 27 febbraio 2009 Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Giuseppe Murolo, MD Ministero del Lavoro, della Salute e delle

Dettagli

IL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

IL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE IL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE 1. Definizione e inquadramento legislativo 2. Il rischio clinico e il rischio non clinico Dott. Ballerini Enrico enrico.ballerini@spedalicivili.brescia.it IPASVI

Dettagli

L Incident Reporting

L Incident Reporting ESPERIENZE IN TEMA DI RISK MANAGEMENT METODOLOGIA, STRUMENTI,, APPLICAZIONI L Incident Reporting Dott. Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro Il sistema di incident reporting: cos è L incident

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA APPLICAZIONE DEL MODELLO DELLA REGIONE VENETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL PAZIENTE ATTRAVERSO L USO DELLA SCHEDA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa

Con rischio clinico si definisce la possibilità che un paziente subisca un danno o disagio involontario, imputabile, alle cure sanitarie, che causa ??? La Clinical Governance è un sistema attraverso cui le organizzazioni sanitarie (Aziende Sanitarie) si rendono responsabili del continuo miglioramento della qualità dei loro servizi e della salvaguardia

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

La Medicina d Emergenza Urgenza

La Medicina d Emergenza Urgenza SIMEU Società Italiana di Medicina d Emergenza Urgenza La Medicina d Emergenza Urgenza Anna Maria Ferrari Presidente SIMEU (www.simeu.it) ANMU SIMPS 1996 Federazione:FIMUPS 2000 SIMEU STATUTO... promuovere

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

GESTIONE DEL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE GESTIONE DEL RISCHIO NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in Infermieristica Forense: la responsabilità professionale-aspetti aspetti giuridici e deontologici Dott. Patrizio Di Denia Responsabile

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

La gestione del rischio clinico

La gestione del rischio clinico La gestione del rischio clinico La Sanità è un affare rischioso Attenzione moderna per un problema antico Il tema della sicurezza, degli errori e degli eventi avversi in sanità ha avuto attenzione nella

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Dott. Ing. Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica OBIETTIVI SOMMARIO La gestione del rischio clinico Teoria degli errori applicata alla sanità Processi di gestione del rischio clinico Il Sistema

Dettagli

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup.

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup. La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna Agenda Il rischio in sanità: specificità Conseguenze economiche e assicurative Premesse

Dettagli

LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O

LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O LA PUNTA DELL ICEBERG R I S K M A N A G E M E N T A S L 3 N U O R O Avviso ai naviganti. Signore e Signori, benvenuti a bordo del volo 743 della Sicur-Line per Edinburgo. E il vostro capitano che vi parla.

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY

III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini III MODULO: TECNOLOGIE E GESTIONE DELLA TOTAL QUALITY GIULIANO MATTIONI ROMA, 21 GIUGNO 2011 www.ptvonline.it www.ptvonline.it Personale che opera nel Dipartimento

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa

Flussi intraospedalieri del Paz ricoverato. Lungodegenza e Terapia Riabilitativa 29 settembre 1 ottobre 2011 PERCORSI IN MEDICINA INTERNA I MODELLI ORGANIZZATIVI L organizzazione per intensità di cura: esperienza preliminare ed errori da evitare V. Arienti Medicina Interna A, Ospedale

Dettagli

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario A cura di: D.D.S.I. Annita Caminati D.D.S.I Paola Ceccarelli Contenuti del corso

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management e Tecniche di audit. Servizio Risk Management e Qualità Direzione Sanitaria Dr. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 3 Struttura aziendale di Risk Management DIREZIONE STRATEGICA

Dettagli

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO L ERRORE Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO DEFINIZIONE Danno o disagio imputabile alle cure mediche (prestate durante un periodo di degenza) che causa un prolungamento della degenza, un peggioramento

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità 14 gennaio 2010 Direzione Generale Sanità La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia Direzione Generale Sanità 1 Il problema 10% pazienti ospedalizzati incorre in un evento avverso (UK,

Dettagli

Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE

Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE 14 giugno 2014 Tavola rotonda su: RISCHIO CLINICO E RESPONSABILITA PROFESSIONALE Maria Lucia Furnari U.O. Gestione Qualità e Rischio Clinico Direzione medica PO Di Cristina. Strategie per diminuire il

Dettagli

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord

Si ringraziano per i suggerimenti il Direttivo SIQUAS Sezione Lombardia e l AICQ Centro Nord GLOSSARIO TERMINI UTILI NEI PROCESSI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ufficio Qualità A.O. Ospedale Civile di Legnano, Rev. 2 Marzo 2005 Il glossario è stato condiviso in un gruppo di lavoro condotto presso

Dettagli

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali U.O. Accreditamento e Qualità PR.UQ.QPS-ISMETT001 PROCEDURA Pagina 1 di 7 INDICE I. POLITICA... 2 II. SCOPO..... 2 III. AMBITO DI APPLICAZIONE.... 2 IV. DEFINIZIONI. 2 V. PROCEDURA..... 3 REV. PROPOSTA

Dettagli

La sicurezza del paziente come. obiettivo prioritario per il sistema. sanitario

La sicurezza del paziente come. obiettivo prioritario per il sistema. sanitario Il riordinamento della sanità in Alto Adige A.O. Niguarda La sicurezza del paziente come obiettivo prioritario per il sistema sanitario Modelli di riferimento A.O. Niguarda Australian Patient Safety Foundation

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

TECNICHE E STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

TECNICHE E STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO TECNICHE E STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO EMOGLOBINE: DIAGNOSTICA, STANDARDIZZAZIONE PROSETTIVE DESENZANO 9 MAGGIO 009 EmmEffe S.r.l. Management & Formazione Via Fauchè, 0 Milano 0 Tel.

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE: Dalle origini al Piano-Programma

LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE: Dalle origini al Piano-Programma LA GESTIONE DEL RISCHIO NEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE: Dalle origini al Piano-Programma Programma Un movimento culturale mondiale Primi anni 2000 USA: : rapporto To err is human (nov. 01) Revisione e

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

Protocollo per il monitoraggio degli Eventi Sentinella

Protocollo per il monitoraggio degli Eventi Sentinella 1 di 15 1. SCOPO Il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 individua, tra le azioni strategiche e gli obiettivi da raggiungere nel triennio, la promozione della sicurezza del paziente e la gestione del Rischio

Dettagli

Il rischio clinico 1 Corso didattico Etica e Deontologia medica

Il rischio clinico 1 Corso didattico Etica e Deontologia medica Corso Ministeriale in collaborazione con FNOMCeO Il rischio clinico 1 Corso didattico Etica e Deontologia medica il Sistema Sanitario Sistema sanitario Sistema complesso per funzioni Sistema sanitario

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico La cartella clinica informatizzata mobile, direttamente al letto del paziente PA Forum 24 maggio 2007 Romeo Quartiero Romeo.quartiero@dsgroup.it

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità?

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Riccardo Tartaglia, MD, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it/rischioclinico High Reliability Organizations (HROs) HROs

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Roma, 7-8 giugno 2007 Conferenza nazionale sui dispositivi medici Attualità e prospettive Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Dott. Filippo Palumbo D.G. Programmazione Sanitaria Ministero

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PREMESSA Rispondere ai bisogni di salute della popolazione

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

L Incident Reporting della medicina generale. Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG

L Incident Reporting della medicina generale. Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG L Incident Reporting della medicina generale Dott. Damiano Parretti Responsabile Incident Reporting SIMG Il ciclo della sicurezza Sistemi di prevenzione Apprendi e migliora Ridurre i rischi Limitare i

Dettagli

Le indicazioni ed i progetti del Ministero della salute per la gestione del rischio clinico, per il coinvolgimento e la sicurezza dei cittadini

Le indicazioni ed i progetti del Ministero della salute per la gestione del rischio clinico, per il coinvolgimento e la sicurezza dei cittadini II GIORNATA DELLA SALUTE L alleanza con i cittadini Dal consenso informato al coinvolgimento nelle scelte di cura Savona, 15 dicembre 2007 Le indicazioni ed i progetti del Ministero della salute per la

Dettagli

Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia

Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia Società Medico-Chirurgica Vicentina. Prendersi cura di chi cura. Vicenza, 27.10.2007 Gestione di un limite fra accanimento ed eutanasia Nereo Zamperetti Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Ospedale

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE AMIETIP- FIRENZE, 1 DICEMBRE 2011 L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE ACCADEMIA MEDICA INFERMIERISTICA DI EMERGENZA E TERAPIA INTENSIVA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO

LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO I Congresso Nazionale Triage Roma, 11-12 giugno 2010 Massimo De Simone UOC Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Ospedale Sant Eugenio-Roma LA DIREZIONE DEL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca

L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE. Daniela Musca L infermiere e le responsabilità nel TRIAGE Daniela Musca Infermiere di triage... Nasce nel 1996 in seguito alla pubblicazione delle linee guida sul sistema di emergenza urgenza sanitaria emanate dal Ministero

Dettagli

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza

La storia. Fattore umano o Ergonomia. Che cosa è l ergonomia. Problemi di comunicazione. Ergonomia tra qualità e sicurezza Master risk management and patient safety La storia L ERGONOMIA in ospedale: storia e sviluppi recenti Riccardo Tartaglia rischio.clinico@regione.toscana.it Verona, 5 Ottobre 2009 Che cosa è l ergonomia

Dettagli

La Qualità del Sistema Sanitario

La Qualità del Sistema Sanitario La Qualità del Sistema Sanitario XVII CONGRESSO DELLA SOCIETA ITALIANA PER LA QUALITA DELL ASSISTENZA SANITARIA-VRQ REGGIO EMILIA 7-10 NOVEMBRE 2007 La cultura della sicurezza domenico tangolo Impegno

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie

Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Il Risk Management in sanità come opportunità di sviluppo EXPOSANITA Bologna, 25-26 Maggio 2006 Errori medico-assistenziali ed organizzativi nelle attività sanitarie Alessandro Ghirardini Ministero della

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Pasquale Mosella Presidente AssoDiagnostici Roma, 16 aprile 2015 IL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE IN ITALIA Numero Totale di posti letto * 242.299 Posti per

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

Il sistema di Incident reporting

Il sistema di Incident reporting Il sistema di Incident reporting L esperienza della Regione Emilia-Romagna Elementi di scenario Forte interesse della letteratura agli errori in Medicina Attenzione dei mass media agli episodi di malasanità

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena

La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena La gestione del rischio nelle strutture territoriali nell AUSL di Modena Francesca Novaco Bologna 25 Maggio 2006 L azienda Usl di Modena 47 Comuni in provincia di Modena 2.690 Kmq la superficie della provincia

Dettagli

PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AZIENDALE DI

PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AZIENDALE DI Pagina 1 di 17 PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE PR.001.RC.DrQ LA PREPARATO VERIFICATO APPROVATO Direttore U. O. C. Rischio Clinico F.to Dott.ssa Maria C. Riggio Responsabile Qualità Aziendale F.to Dott.ssa

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA SEGNALAZIONE E GESTIONE DEGLI EVENTI AVVERSI

ISTRUZIONE OPERATIVA SEGNALAZIONE E GESTIONE DEGLI EVENTI AVVERSI ISTUZIONE OPEATIVA DEGLI EVENTI AVVESI EV. 01 PAG. 1/9 edazione: Dott. A. Capodicasa Dott. M.L. Furnari U.O. Gestione Qualità e ischio Clinico Dott. C. Arcuri Ufficio Stampa 1 ISTUZIONE OPEATIVA DEGLI

Dettagli

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia)

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) pubblicazioni Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) Il presente articolo è tratto dall elaborato

Dettagli

CLINICAL RISK MANAGEMENT

CLINICAL RISK MANAGEMENT Ciao a tutti, quello che segue è un semplice riassunto delle slide del bellandi, ve le invio, come l altro materiale, per aiuto allo studio. Per qualcuno potrebbe tornare utile per altri inutile, ma io

Dettagli