Oggetto: Legge n. 106/2011 c.d. decreto sviluppo : esame dell art. 4, comma 16 e dell art. 5, segnatamente i commi:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Legge n. 106/2011 c.d. decreto sviluppo : esame dell art. 4, comma 16 e dell art. 5, segnatamente i commi:"

Transcript

1 S Preg.mo Presidente F.O.A.V. Arch. Arnaldo Toffali Oggetto: Legge n. 106/2011 c.d. decreto sviluppo : esame dell art. 4, comma 16 e dell art. 5, segnatamente i commi: 2: o lett. a) punti 3), 4) e 5) o lett. b) punto 2) o lett. c) Carissimo Presidente, come da tua cortese sollecitazione, anche a seguito dell accordo di partnership tra la Federazione e il Centro Studi tecnico-giuridici Tecnojus, sono a rappresentare un preliminare esame delle disposizioni di cui all oggetto nella consueta modalità, ossia mettendo al centro gli operati professionali degli architetti (e dei professionisti in generale), siano essi liberi professionisti che funzionari della Pubblica Amministrazione, al fine di sviluppare i contenuti illustrativi da esporre negli eventi di aggiornamento professionale indetti dagli ordini professionali o da FOAV in collaborazione con il nostro centro studi. Sede operativa : via Trieste, Thiene (VI) Pag. 1 di 14 Tel Fax Indirizzi e web -

2 Nel merito, come ogni altra anche queste disposizioni normative, con le loro implicazioni giuridiche, spesso di matrice giurisprudenziale (amministrativa, civile e penale), incidono sulle attività professionali, ovvero sulla professione rappresentata dal sistema istituzionale delle professioni, unitamente agli esercizi, parimente rappresentati istituzionalmente (Ordini territoriali, loro Fondazioni e Federazioni o Consulte regionali, Consigli Nazionali ecc.). Il provvedimento in esame, entrato in vigore il 13 luglio 2011 (conversione, con modifiche, del decreto legge n. 70), anche se rubricato semestre europeo prime disposizioni per l economia, interviene incisivamente sulle nostre attività professionali (appalti pubblici e costruzioni private). Come già detto in altra sede l esame presente viene limitato alle costruzioni private, ovvero all art. 4, comma 16, laddove interviene sul procedimento ordinario di rilascio dell autorizzazione paesaggistica, e all art. 5, in particolar modo sul novellato procedimento di rilascio del permesso di costruire, sulle varianti parziali del medesimo, sulla SCIA in edilizia, sulla cessione di cubature e sulla legge quadro della riqualificazione incentivata delle aree urbane. Per comprendere bene i dettati normativi in predicato, occorre capire prima lo scopo perseguito, in quanto verosimile chiave di lettura interpretativa delle disposizioni. Sul punto sembra poter dire che la legge detti norme e revisioni di quelle esistenti in nome e per conto dell economia, quale interesse generale di particolare rilevanza e considerazione da parte del legislatore in questo particolare momento storico. Dal prologo del decreto legge n. 70, si evince che l iniziativa legislativa è motivata dalla straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni finalizzate alla promozione dello sviluppo economico e della competitività del Paese, anche mediante l adozione di misure volte alla semplificazione dei procedimenti amministrativi concernenti, in particolare, la disciplina dei contratti pubblici, dell attività edilizia. Leggendo il comma 16 dell art. 4, si vede che i precetti sono stati posti per riconoscere massima attuazione al Federalismo Demaniale e semplificare i Pag. 2 di 14

3 procedimenti amministrativi relativi ad interventi edilizi nei comuni che adeguano gli strumenti urbanistici alle prescrizioni dei paini paesaggistici. All articolo 5, invece, si legge che le discipline in esso contenute si pongo per liberalizzare le costruzioni private. Semplificazione e liberalizzazione, pertanto, sono ritenuti mezzi strumentali al fine (primario) perseguito, la promozione dello sviluppo economico e della competitività del Paese. Siccome hanno un contenuto, si può dire che tali mezzi costituiscono a loro volta dei fini, ed in quanto fini sono degli obiettivi misurabili, ossia dei risultati da raggiungere (attraverso i contenuti). Pertanto rappresenterebbero un mezzo e un fine al tempo stesso, cosicché da presumere l esistenza di una relazione transitiva (la proprietà transitiva di media memoria asserisce che se A=B e B=C allora A=C). Appare altresì che Semplificazione e Liberalizzazione siano da ritenere misure aventi ad oggetto delle attività da semplificare e/o da liberalizzare, sotto l aspetto amministrativo, per conseguire la promozione dello sviluppo economico e la competitività del Paese, o meglio, dei soggetti di questo Paese. In altri termini il fine primo perseguito si presume essere a beneficio di qualche entità concreta, ossia di un soggetto identificabile perché esistente ed interessato ad ottenere un tale beneficio. È possibile presumere che i soggetti possano essere più d uno anche se i benefici possono essere differenziati, quanto ad intensità; infatti non sembra poter escludere che ad un soggetto, grazie alla liberalizzazione e/o semplificazione, derivi alla propria attività una maggiore convenienza rispetto a quella di un altro (difficile pensare di ottenere due piccioni con una fava). Pertanto il legislatore potrebbe aver considerato (bilanciato e comparato) tutti gli interessi in gioco anche appartenenti a soggetti diversi (in quanto coinvolti, direttamente o indirettamente). Sarebbe meglio dire che il legislatore dovrebbe aver Pag. 3 di 14

4 compiuto tali considerazioni per fare in modo che un problema sia risolto e non spostato da un soggetto all altro. Per capire la nozione giuridico-amministrativa di semplificazione e di liberalizzazione si ritiene utile riferirsi alla recente sentenza dell Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (la n. 15 del 29 luglio 2011, relativa alla natura giuridica della DIA e SCIA). I Giudici Amministrativi definiscono la SCIA/DIA una liberalizzazione (anche se parziale) e il silenzio-assenso una semplificazione. Tale definizione è centrata sul rapporto tra P.A. e Consociati: generalmente il consociato è istante, sollecita cioè mediante una richiesta un attività della P.A.. In materia urbanistico-edilizia e paesaggistica, come noto, l attività della P.A. è, fondamentalmente, di tipo provvedimentale conseguente ad un controllo autoritativo di natura (generalmente) vincolata. Si tratta di un duplice controllo, nel senso che per una stessa attività privata il controllo è dapprima preventivo finalizzato al rilascio di un provvedimento amministrativo positivo o negativo; poi diventa di vigilanza su quanto in esecuzione od eseguito finalizzato all emissione di un provvedimento inibitorio/repressivo (sanzionatorio). In questa logica dalla predetta sentenza dell A.P. del Consiglio di Stato si deduce che: 1. laddove la P.A. non è più chiamata a svolgere un attività provvedimentale di tipo preventivo si può parlare di liberalizzazione (anche se parziale); 2. quando la P.A., invece, può contare sul fatto che il provvedimento a lei riservato viene rilasciato (si forma) o negato per silentium, allora si può parlare di semplificazione. In realtà possiamo dire che per la P.A. è possibile parlare di semplificazione anche quando il legislatore dilata i tempi entro i quali il provvedimento espresso deve essere rilasciato, in considerazione delle conseguenze previste in caso di ritardo (cfr. art. 2-bis della legge 241/90). Pag. 4 di 14

5 Il silenzio amministrativo significativo (assenso/rigetto) può essere diversamente inteso sia con riguardo alla P.A. che al richiedente: con riguardo alla P.A. il silenzio può determinarsi: o per volontà, per la conoscenza degli effetti che conseguono (rigetto o assenso): ciò presuppone però che l amministrazione abbia compiuto una valutazione sull istanza, quantomeno istruttoria, in ordine alle pretese richieste per il rilascio o per il diniego del provvedimento. Pertanto un controllo autoritativo di natura preventiva, anche se non formalizzato, si può ritenere sussistente; o per altri motivi più o meno colposi : questo significa che l amministrazione non ha avuto modo si svolgere alcuna valutazione, quantomeno di tipo significativo, sull istanza. Si tratta di una evenienza nella quale l assenza di un pur minimo e necessario controllo autoritativo farebbe venir meno la tutela degli interessi pubblici e/o generali affidati alle cure della P.A.. Con riguardo al richiedente il silenzio può costituire: o il determinarsi di una situazione concreta allo scadere del termine temporale prefissato, diversa dal mero inadempimento, che consente di conoscere le sorti della propria domanda senza ricadere in situazioni dilatorie; o non conoscendo i motivi del silenzio (quanto a volontà/non volontà), l istante rimane nel dubbio circa la legittimità del provvedimento formatosi, sia esso positivo (non è dato conoscere se sussistono le condizioni prescritte) che negativo (non è dato conoscere i motivi ostativi da emendare). Sembra facile pensare che lo Stato (di diritto e garante delle tutele poste nell interesse della collettività che lo sostanzia e determina) non possa rinunciare alla pretesa che le attività subordinate a controllo non siano conformi ai parametri di legalità normativamente prescritti e descritti nell ordinamento. Pag. 5 di 14

6 Pertanto pare altrettanto facile pensare che una garanzia in tal senso non viene meno, cosicché la responsabilità legale della suddetta garanzia sarà (risulterà) necessariamente a carico di un soggetto diverso della P.A., ossia l istante stesso o chi per lui (o ad entrambi per i diversi ruoli assumibili). Quel chi per lui sappiamo bene essere il professionista abilitato (iscritto all Albo) nella sua veste di progettista e/o di direttore dei lavori e/o di collaudatore, e come tale, visto il servizio di pubblica necessità esercitato (o la pubblica funzione surrogata), legittima delle forme di semplificazione/liberalizzazioni anche delle sue attività a valenza pubblicistica. Qualcosa induce a ritenere che così non è, ne sarà, anche perché l attività professionale rappresenta pur sempre un interesse privato: al cittadino non verrebbe meno alcuna garanzia considerato che quelle professioni asseveranti sono ad accesso regolamentato, nel senso che lo Stato provvede a formare, ad abilitare e a richiedere iscrizioni all Albo (per avere discipline deontologiche incidenti sulla capacità di svolgere la professione). Tecnojus, come sempre nella sua attività di studio e approfondimento, ritiene di poter illustrare il provvedimento in esame sotto questo duplice profilo: se vi sia o meno discrasia tra disciplina e finalità e le possibile ricadute sugli esercizi/attività professionali. Art. 4, comma 16. Sulla finalità: Per riconoscere massima attuazione al federalismo demaniale o dal d.lgs. 85/2010 risulta essere: individuazione dei beni statali che possono essere attribuiti a comuni, province, città metropolitane e regioni L'ente territoriale, a seguito dell'attribuzione, dispone del bene nell'interesse della collettività rappresentata ed è tenuto a favorirne la "massima valorizzazione funzionale". Pag. 6 di 14

7 e semplificare i procedimenti amministrativi relativi ad interventi edilizi nei Comuni che adeguano gli strumenti edilizi alle prescrizioni dei piani paesaggistici. o Sembra quasi una misura premiale per l amministrazione competente al rilascio dell autorizzazione paesaggistica, anche se l art. 145, co. 3 del d.lgs.- 42/2004 asserisce che le previsioni dei piani paesaggistici non sono derogabili da parte di piani, programmi e progetti nazionali o regionali e sono cogenti per gli strumenti urbanistici dei comuni, delle città metropolitane e delle province, e sono anche immediatamente prevalenti sulle disposizioni difformi eventualmente contenute negli strumenti urbanistici. o Ad ogni modo il fatto di asserire che in seguito all adeguamento suddetto il parere del soprintendete, laddove diventa non vincolante, è da considerarsi favorevole se non risultasse reso entro 90 giorni dalla trasmissione degli atti allo stesso, porta in emersione almeno due aspetti: Significa che, negli altri casi, l esito del silenzio serbato dal soprintendente dovrà ritenersi o un inadempimento perseguibile oppure determinare un esito negativo, non favorevole. Pertanto, contrariamente a quanto si ipotizzava, l obbligo di provvedere sulla domanda da parte del Comune trascorsi 60 giorni dall inoltro della pratica al soprintendente (prescritto dall art. 146, co. 9, terzo periodo del Codice), non può più essere inteso come una autonomia decisoria sull istanza di rilascio dell autorizzazione paesaggistica da parte del Comune, per cui sembra che lo stesso sia obbligato a determinare in senso negativo (per il fatto di essere vincolato al parere del soprintendente). Pag. 7 di 14

8 Il termine di 90 giorni, dopo il quale il parere del soprintendente è da considerare favorevole (rilasciato), rende il termine di 60 giorni di cui al punto precedente un termine ordinatorio e non perentorio, facendo venir meno eventuali richieste di danni da ritardo di cui all art. 2-bis della legge 241/90. Art. 5, costruzioni private Nuovo articolo 20 del TUED sul procedimento di rilascio del permesso di costruire: o I termini di conclusione del procedimento (rilascio del permesso di costruire) sono stati allungati da 75 a 90 giorni (ovvero da 135 a 150 giorni per i comuni con più di abitanti); o Anche i termini entro i quali il procedimento può essere interrotto sono stati allungati (raddoppiati), segnatamente da 15 a 30 giorni (da 30 a 60 giorni per i comuni con più di abitanti). o La domanda di rilascio del permesso di costruire deve essere accompagnata da una dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità del progetto agli strumenti urbanistici approvati ed adottati, ai regolamenti edilizi vigenti, e alle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell attività edilizia e, in particolare, alle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie nel caso in cui la verifica in ordine a tale conformità non comporti valutazioni tecnico discrezionali, alle norme relative all efficienza energetica. Non è dato capire quando, chi e come stabilisce che la verifica igienico-sanitaria comporta valutazioni tecnicodiscrezionali tali da sottrarre il professionista dall obbligo di asseverare in tal senso. o Decorso inutilmente il termine per l adozione del provvedimento conclusivo, ove il dirigente o il responsabile dell ufficio non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di permesso di Pag. 8 di 14

9 costruire si intende formato il silenzio-assenso, fatti salvi i casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici e culturali, per i quali si applicano le disposizioni di cui ai commi 9 e 10. Non è dato capire se la PA sia obbligata all istruttoria per accertare la ricorrenza dei presupposti necessari per opporre motivato diniego (procedura nota come 10-bis); Non è dato capire se il responsabile del procedimento debba formulare la propria proposta di provvedimento considerando o meno l asseverazione del progettista abilitato presente in atti. Appare verosimile ritenere che il dirigente o il responsabile dell ufficio debba valutare sia la proposta del responsabile del procedimento che l asseverazione del progettista; in caso di contrasto, sembra essere tenuto a motivare il solo caso in cui intendesse discostarsi, nella determinazione, dalla proposta del responsabile del procedimento (cfr. art. 6, co. 1, lett. e) della legge 241/90) e non anche dall asseverazione del progettista abilitato. Non è dato conoscere se il silenzio-assenso si forma anche nel caso di proposta di provvedimento negativo da parte del responsabile del procedimento, così come non è dato conoscere se lo stesso, in caso di inerzia del dirigente/responsabile dell ufficio, debba autonomamente provvedere ad avviare la procedura ostativa di cui al richiamato art. 10-bis della legge 241/90. Non è dato capire quando debba intervenire la determinazione del contributo di costruzione e la sua corresponsione. Sembra ragionevole che possa essere determinato provvisoriamente dall interessato e versato nelle modalità previste dal testo unico edilizia. Pag. 9 di 14

10 o Dell intera disciplina del procedimento non è dato capire se la novella ha mantenuto la natura di disposizione di dettaglio (regolamentare) avente il c.d. carattere cedevole alla legislazione concorrente delle regioni. Quindi non è dato capire se le regioni possono modificare il procedimento disegnato a livello nazionale ed eventualmente in quali termini, oppure mantenere quello già legiferato in osservanza al TUED. Nuovo articolo 21del TUED sull intervento sostitutivo regionale. o La novella asserisce che le regioni, con proprie leggi, determinano le forme e modalità per l eventuale esercizio del potere sostitutivo nei confronti dell ufficio dell amministrazione comunale competente per il rilascio del permesso di costruire. Non è dato capire quale potere sostitutivo possano esercitare le regioni se il mancato rispetto del termine entro il quale deve essere rilasciato il permesso di costruire dovesse determinare obbligatoriamente un silenzio-assenso (norma principio); La disposizione induce a ritenere che il novellato art. 20 abbia mantenuto il carattere regolamentare, al punto tale da riservare alle regioni l opportunità o meno di prevedere nelle proprie leggi l istituto del silenzio-assenso; Per quanto riguarda il Veneto, l art. 79 della L.R. 61/85, ancora vigente nella modalità prevista dall art. 13 della l.r. 16/2003), prevede un procedimento già tarato sui 90 giorni, allo scadere dei quali all interessato viene data facoltà di dar corso ai lavori allorquando si verificano le condizioni previste, oppure ricorrere all autorità sovraordinata perché provveda entro il termine previsto. La disposizione regionale, dunque, sembra lasci all interessato la facoltà di decidere se aderire al silenzioassenso ed assumersi le responsabilità del caso, oppure di sollecitare ancora la pubblica amministrazione. Pag. 10 di 14

11 Presupposta la legittimità della disposizione regionale, vista la sua trascorsa efficacia, potrebbe risultare interessante far sì che l asseverazione del progettista abilitato possa essere prodotta nel solo caso in cui l interessato decide di iniziare i lavori e non sin dalla presentazione dell istanza; evidenti sarebbero le ragioni di opportunità nel rapporto civilistico tra professionista e committente (fatta salva l ipotesi in cui questo ultimo non dovesse coincidere con l avente titolo a richiedere il permesso di costruire). Varianti parziali al permesso di costruire di cui all art. 34 del TUED. o La novella asserisce che ai fini dell applicazione del presente articolo, non si ha parziale difformità del titolo abilitativo in presenza di violazioni di altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta che non eccedano per singola unità immobiliare il 2 per cento delle misure progettuali. o Diverse sono i profili di criticità riguardanti la disposizione: Innanzitutto, trattandosi di una norma sanzionatoria, si ritiene di poter dire che sia di stretta interpretazione (in ossequio agli orientamenti giurisprudenziali su aspetti analoghi); In tale logica il 2% dovrebbe riguardare tutti gli elementi considerati, ovvero altezza, distacchi, cubature o superficie coperta e dimensioni lineari del solido, nel senso che tutte le condizioni debbono risultare vere; Non è dato capire, però, se questa tolleranza dimensionale (quantitativa) è da ritenersi ai soli fini escludenti le sanzioni previste dall articolo 34, e non anche altre (es. la sanzione amministrativa di cui all articolo 36); Pag. 11 di 14

12 Non è dato capire se tale tolleranza trova efficacia soltanto per i permessi di costruire in corso di validità. Questa osservazione può essere intesa in due modi: La variazione deve intervenire nel corso di efficacia del titolo abilitativo edilizio e prescinde dal tempo in cui può essere accertata o rivendicata (in questo caso la tolleranza si applicherebbe anche ad interventi datati nel tempo, surrogando una sorta di sanatoria); La variazione deve intervenire nel corso di efficacia del titolo abilitativo edilizio e deve essere accertata o rivendicata nel corso di validità e, comunque, prima della richiesta del certificato di agibilità (in questo modo si escluderebbero applicazioni su interventi già realizzati da tempo in difformità dal loro titolo abilitativo). Risulta definitivamente chiarito che la SCIA prevista dalla legge 241/90,così come novellata con la legge 122/2010, si applica anche in edilizia nei termini precisati in forma autentica (quindi con efficacia ex tunc). La precisazione che la SCIA non si applica al permesso di costruire e alle DIA sostitutive o alternative ad esso, porta a ritenere che si applica soltanto per gli interventi di cui all articolo 22, co. 1 e 2 del testo unico edilizia. In questo modo i regimi edilizi diventano: o Attività edilizia libera Senza comunicazione al Comune; Con comunicazione al Comune; Con comunicazione al Comune con relazione provvista di data certa e corredata degli opportuni elaborati progettuali, a firma di tecnico abilitato, il quale dichiari preliminarmente di non avere rapporti di dipendenza con l impresa né con il committente e che asseveri, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti e che per essi la normativa statale e regionale non prevede il rilascio di un titolo abilitativo. o Permesso di costruire Pag. 12 di 14

13 Ordinario (artt. 10, 11, 12 e 13) In deroga (art. 14) In sanatoria (per accertamento di conformità art. 36) Facoltativo in sostituzione della DIA (cfr. art. 22, co. 7) o SCIA Ordinaria (art. 22, commi 1 e 2) Forse in sanatoria (art. 37, co. 4 e 5) o DIA alternative e/o sostitutive Nazionali (art. 22, comma 3 TUED ) Regionali (art. 22, comma 3, e art. 10, co. 2, ) o Per quanto concerne la SCIA e la DIA sono atti soggettivamente ed oggettivamente privati (cfr. CdS, AP, n. 15/2011 citata e art. 19, comma 6-ter della legge 241/90 ad opera del d.l. 138/2011 del ): La SCIA è dichiarazione ad efficacia legittimante immediata e con controllo differito (a 30 giorni); La DIA è dichiarazione ad efficacia legittimante (e controllo) differita (a 30 giorni). Si deve osservare che il legislatore ha previsto una responsabilità penale rilevante per il professionista asseverante nell ambito del permesso di costruire e della SCIA: da uno a tre anni di reclusione in caso di falsità. A quanto pare non sembra essere venuta meno la disposizione di cui al combinato disposto dell art. 23, co. 1 e l art. 29, co. 3. In questo caso, dunque, il professionista asseverante la DIA sostitutiva e/o alternativa al permesso di costruire verrebbe sanzionato, in caso di falsità, a norma dell art. 481 CP che prevede l arresto fino ad un anno o la multa da 51 a 516 euro. È presumibile che le novelle introdotte all art. 20 del TUED e all art. 19 della legge 241/90 siano da intendere come abrogazione tacita delle disposizioni in contrasto con esse. Pag. 13 di 14

14 È anche vero che non pare ammissibile pensare che tali norme abbiano abrogato e sostituito l art. 481 del CP. Pertanto la norma in questione, sarebbe ancora vigente, e va correlata alla figura del professionista asseverante la DIA sostitutiva/alternativa al permesso di costruire, ma potrebbe costituire un c.d. favor rei negli altri casi per evitare una palese disparità di trattamento (sembra ragionevole presumere l applicabilità dell art. 2, comma 4 del Codice Penale). Circa le altre novelle si ritiene di rinviare la loro trattazione direttamente agli eventi da programmare. Ciò che sembra palesarsi da queste note è il fatto che: a) Per quanto riguarda SCIA/DIA la P.A. non sembra aver beneficiato di alcuna liberalizzazione o semplificazione, per cui non si ravvedono benefici economici in termini edilizi; anzi potrebbe essere l esatto contrario; b) Il fatto che la SCIA ammetta l inizio lavori immediato e il controllo differito fa presumere che l interessato abbia convenienza ad attendere tale controllo. In caso contrario lo Stato ha trasferito una responsabilità civilistica al professionista di rilevante importanza e, a mio modo di vedere, anche di rilevante gravità (considerata la difficoltà interpretativa delle normative); c) Il procedimento per il permesso di costruire ha allungato i tempi e semplificato, forse solo in parte, l attività della P.A. trasferendo però sul progettista asseverante ogni responsabilità nei termini sopradetti; d) In conclusione la professione sembra non aver avuto alcuna considerazione legislativa in barba (passami il termine) alle accuse di casta privilegiata per avere gli ordini professionali (con le riserve di legge, quanto ad attività) e le casse di previdenza private. Ti saluto molto cordialmente Romolo Balasso architetto Presidente Tecnojus, centro studi tecnico-giuridici Pag. 14 di 14

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A.

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Sezione Prima Procedimento e accesso 1. Il procedimento amministrativo A) Generalità Affinché un atto

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona LA RIQUALIFICAZIONE URBANA NEL DECRETO SVILUPPO. SEMPLIFICAZIONE O COMPLICAZIONE DEL PROCEDIMENTO? 1. Premessa

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali alla luce della nuova disciplina legale e dei recenti orientamenti giurisprudenziali. Il diritto alle ferie annuali, costituzionalmente sancito, è ispirato da ragioni di ordine

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

Regolamento Edilizio

Regolamento Edilizio Regolamento Edilizio Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 27.02.2014 INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI...5 Articolo 1 Natura e finalità del Regolamento Edilizio... 5 Articolo 2 Oggetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli