Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4."

Transcript

1 Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4. Traduzione a cura di Claudia Caula La gestione di ferite da taglio, abrasioni e lacerazioni. Introduzione Una larga parte del carico di lavoro degli infermieri del Pronto Soccorso è attribuibile alla gestione delle ferite traumatiche acute. La cura delle ferite implica approfondite conoscenze circa l anatomia della cute, la fisiologia della riparazione tessutale, l impatto dell infezione sulla guarigione, e il fornire consigli relativi all auto-cura ai pazienti che sono in grado di gestire in modo autonomo le proprie ferite (Holt 2000). Le ferite rappresentano approssimativamente il 25-30% del carico di lavoro totale di un Pronto Soccorso (Wardrope & Smith 1992). Le ferite più comuni che accedono in Pronto Soccorso comprendono lacerazioni causate da traumi contundenti (Wardrope & Smith 1992), ferite da taglio, abrasioni e ustioni, le quali di solito rispondono rapidamente al trattamento e guariscono senza complicanze (Dealey 1999). Una ferita comporta l interruzione della continuità dei tessuti che rivestono il corpo ed è normalmente associata ad una perdita di sostanza (Lippert 1999). Nelle ferite traumatiche e in quelle intenzionali si ha una rottura dei vasi sanguigni con conseguente emorragia, seguita dalla formazione del coagulo (Dealey 1999). Il tipo di trauma e l entità del danno servono inoltre a classificare le ferite per prognosi e scelta di trattamento. L articolo esamina la gestione in Pronto Soccorso delle ferite semplici, enfatizzando la definizione delle ferite più comuni, l importanza dell anamnesi e della documentazione sulla cartella dei pazienti, e un profilo della gestione ottimale delle ferite semplici. La guarigione delle ferite La guarigione di ogni ferita si svolge in diverse fasi che si sovrappongono nel tempo e che non possono essere separate l una dall altra (Lippert 1999). L abituale suddivisione in tre o quattro fasi di guarigione è descritta in dettaglio nella maggior parte dei testi sulla gestione delle ferite (Courtenay & Butler 1999, Dealey 1999, Flanagan 1997, Holt 2000, Lippert 1999). È importante che gli infermieri siano consapevoli che molte ferite possono mostrare segni evidenti di più fasi di guarigione simultaneamente. Guarigione per prima e seconda intenzione La guarigione delle lesioni è stata classificata da lungo tempo in riparazione per prima intenzione e per seconda intenzione. Il termine intenzione si riferisce al proponimento del clinico di ottenere la guarigione primaria della ferita con apposizione di margini combacianti o a breve distanza (Lippert 1999). La guarigione per prima intenzione include la guarigione primaria ritardata che avviene quando è prevista un infezione; in questo caso la ferita non andrebbe chiusa in modo definitivo con sutura o cerotti (strips). La ferita viene medicata e osservata per segni evidenti di infezione per un periodo da quattro o sette giorni circa, al termine del quale, se l infezione non si è manifestata, la ferita può essere suturata o chiusa con cerotti e consentita la guarigione per prima intenzione. Se sopraggiunge l infezione, la ferita è classificata come guaribile per seconda intenzione e viene trattata come una ferita aperta. La guarigione per seconda intenzione si verifica nel caso in cui vi sia un difetto di tessuto da colmare o quando un infezione purulenta impedisce l accostamento dei lembi della ferita (Lippert 1999). Fattori che influenzano la guarigione delle ferite Minore è il danno causato al tessuto, e più favorevoli sono le condizioni per la guarigione della ferita. Molto semplicemente, le ferite da taglio superficiali (incisioni) viste e trattate in Pronto Soccorso sono idonee alla guarigione per prima intenzione in ragione della facilità di apposizione e della trascurabile perdita di sostanza. Per le ferite causate da un trauma contundente trova spesso indicazione la chiusura primaria dopo il debridement chirurgico. 1

2 Esistono tuttavia alcune ferite, derivanti da lacerazioni o contusioni, che sono più idonee alla chiusura primaria ritardata o alla guarigione per seconda intenzione, come per esempio le ferite da schiacciamento a carico della superficie volare del polpastrello del dito o le ferite pesantemente contaminate e aperte da più di 12 ore (Wardrope & Smith 1992). I pazienti con ferite contuse sono sottoposti a ingenti quantità di energia cinetica che ha come conseguenza il danneggiamento del microcircolo, edema e tessuti devitalizzati (Chisholm 1992). Altri fattori che possono influire sulla guarigione sono: Localizzazione anatomica: aree come quella pretibiale (cresta tibiale) spesso hanno lunghi tempi di guarigione a causa della scarsa perfusione sanguigna e della natura friabile del tessuto. Apporto vascolare: l abbondante perfusione vascolare del volto e del cuoio capelluto garantisce una rapida guarigione. Se il paziente è affetto da una vasculopatia periferica di base, le ferite tendono a guarire più lentamente. Movimento: una ferita in corrispondenza di un articolazione, specialmente delle superfici estensorie, richiederà più tempo per guarire. Metodo di chiusura: una buona tecnica con un accurato trattamento dei tessuti è essenziale per un buon esito; lo sfregamento energico dei bordi finalizzato a rimuovere i detriti può provocare un ulteriore danno tessutale. Configurazione della ferita: le ferite frastagliate, con grossa perdita di sostanza o con tessuti devitalizzati, guariranno con ritmi più lenti in confronto alle ferite semplici senza complicanze. Meccanismo di ferimento: le ferite da incisione guariscono più rapidamente delle lacerazioni da trauma contundente, in quanto c è meno edema e distruzione dei tessuti. Ritardo nella gestione: i ritardi nella decontaminazione e nella gestione risolutiva causeranno la contaminazione delle ferite, infezione e ritardata guarigione. Stato di salute generale e nutrizionale: la carenza di vitamina C e Zinco possono condurre ad una guarigione deficitaria della ferita. I pazienti anziani potrebbero essere affetti da patologie di base a carico del sistema vascolare ed endocrino che condizionano la guarigione. È probabile che le terapie con corticosteroidi apportino una serie di cambiamenti nella struttura della cute e influiscano sulla guarigione della ferita (Thomas 1997). La valutazione delle ferite acute Durante il triage, l infermiere del Pronto Soccorso valuterà il paziente e documenterà l esame e i risultati tra le annotazioni inerenti al paziente. Questo esame e la successiva descrizione della ferita sono vitali per la corretta gestione dei pazienti con ferita acuta, non importa quanto piccola. Comunque, i pazienti con ferite minori spesso restano in attesa del trattamento risolutivo per lunghi periodi di tempo, e potrebbero anche abbandonare il reparto di Pronto Soccorso prima che venga prestato loro un intervento assistenziale completo. Ci sono tre elementi chiave da considerare al momento del triage: Accurata descrizione della ferita che richiede il corretto uso delle definizioni (Riquadro 1). Documentazione del meccanismo di ferimento, lo stato di immunizzazione contro il tetano, attuale terapia farmacologia e allergie note. Misure di primo soccorso per emostasi, corretta pulizia e adeguata chiusura temporanea delle ferite aperte che allungherebbero il tempo a disposizione per la gestione definitiva. Riquadro 1. Definizioni delle lesioni più comuni Ferita da taglio (ferita incisa, ferita da incisione) interruzione della cute causata da un oggetto con bordo affilato, come un coltello da cucina o il vetro. I bordi della ferita sono ben definiti e spesso lineari, con una minima contusione del tessuto molle. Lacerazione (dal latino lacerare strappare) interruzione della cute causata da un corpo/forza contundente. La ferita è irregolare, con lacerazione dei tessuti. Spesso è il risultato di una caduta, dell impatto contro un oggetto contundente, o di uno schiacciamento. Ferita contusa interruzione della cute, con contusione circostante. Contusione un area contusa dovuta ad una forza contundente, senza una rottura della cute. 2

3 Ematoma raccolta sottocutanea di sangue che si presenta come un rigonfiamento fluttuante. Ferita penetrante ferita a ingresso sottile realizzata da un oggetto appuntito, per esempio la punta di un inferriata, un coltello, un chiodo arrugginito. (After Critchley 1978) La documentazione e la raccolta dell anamnesi L abilità nel compiere una valutazione accurata di una ferita costituisce un importante competenza infermieristica (Dealey 1999). La valutazione dovrebbe essere condotta quale parte integrante dell approccio olistico nei confronti dell assistenza al paziente in ogni ambito clinico. Nel contesto del Pronto Soccorso, l infermiere sarà spesso la sola persona ad ottenere una dettagliata anamnesi psico-sociale dal paziente mentre sta valutando e pulendo la ferita. Un anamnesi adeguata dovrebbe includere: Il tempo trascorso dal momento del ferimento. Le circostanze/meccanismo di ferimento. Trattamento di primo soccorso, se praticato. Lo stato di immunizzazione contro il tetano (DoH 1996). Allergie ipersensibilità a cerotti adesivi, materiali da medicazione e farmaci. Terapie correnti/recenti terapia corticosteroidea, aspirina e altre terapie anticoagulanti. Anamnesi sociale accertarsi se il paziente vive solo, se ha una famiglia allargata che può assisterlo nella gestione della ferita successivamente alla dimissione, o la disponibilità di strutture locali di cure primarie. Opportunità di promozione della salute: possono essere massimizzate attraverso il dialogo riguardo allo smettere di fumare, alla diminuzione del consumo di alcool e al mantenimento di una dieta salutare e un adeguato esercizio. Problemi psicologici quelli associati alle ferite non dovrebbero essere mai sottovalutati; un paziente con una lacerazione o un taglio al volto potrebbe essere decisamente traumatizzato come conseguenza dell alterazione dell immagine corporea. Una buona gestione della ferita richiede un accurata valutazione unitamente ad un anamnesi dettagliata. La checklist per la valutazione viene illustrata nella Figura 1. Successivamente alla scrupolosa valutazione ed esame del paziente, tutti i risultati dovrebbero essere documentati tra le annotazioni relative al paziente. Ai fini della registrazione dei risultati, è possibile avvalersi di diagrammi, di strumenti di misurazione, come griglie in formato cartaceo, righelli clinici, o anche fotografie. Una volta completata la valutazione, la ferita può essere gestita in modo attivo. Consultare la checklist proposta per la valutazione della ferita in seguito a trauma acuto. (Fig.1) Le scelte di gestione Pulizia e chiusura al traige Una delle prime priorità al triage è la valutazione della necessità di rianimazione immediata; alle ferite che pongono in pericolo di vita il paziente o ne minacciano un arto si assegna la priorità immediata e vanno gestite opportunamente. Una volta stabilita la priorità, la ferita può essere gestita. A questo punto è importante ottenere l emostasi, e questo aiuterà ad abbassare il livello di ansia del paziente. È anche fondamentale un appropriata pulizia e chiusura della ferita in sede di triage allo scopo di ridurre la durata del tempo occorrente per la chiusura finale della ferita. Le ferite sono classificate come pulite o inclini al tetano e il tempo trascorso dal ferimento gioca un ruolo significativo nel determinare le ulteriori strategie di gestione. Se un paziente si presenta in Pronto Soccorso con una lacerazione o un incisione aperta da cinque ore e ci sono tre-quattro ore di attesa per il trattamento, allora è possibile fermare l orologio per quella ferita in fase di triage purché siano intraprese un adeguata pulizia e chiusura temporanea. Il metodo più semplice e veloce per conseguire un iniziale chiusura della cute è quello di applicare gli strips adesivi quando e dove possibile. Il paziente andrebbe informato che questo potrebbe non essere il trattamento definitivo, ma che con la chiusura della cute si ridurrà il rischio di un ulteriore contaminazione della ferita finché resta in attesa. Stato di immunizzazione contro il tetano In tutti i pazienti portatori di ferite deve essere stabilito il loro stato di immunizzazione nei confronti del tetano (Wardrope & Smith 1992). Il Clostridium tetani è un 3

4 organismo anaerobio e prospera in ambienti dove è presente tessuto devitalizzato e si forma un ematoma. Quando si valuta la necessità di vaccinazione antitetanica, sono essenziali due domande elementari: Il paziente è stato vaccinato secondo le linee guida del Ministero della Salute (DoH 1996)? La ferita è pulita o incline al tetano? Pulizia La pulizia della ferita è basilare per la prevenzione delle infezioni, di cicatrici dicromiche (effetto tattoo ), e per eliminare corpi estranei contaminanti, così come detriti (Holt 2000). L infezione è la complicanza più comune e grave di una semplice lacerazione (Moscati et al 1998). Durante il ferimento si verifica un alterazione a carico della funzione protettiva della cute e i microrganismi diventano in grado di penetrare nei tessuti profondi e di causare l infezione (Courtenay & Butler 1999). Le costose medicazioni chirurgiche, gli adesivi cutanei, i cerotti adesivi (strips), i punti metallici o le suture, non aiuteranno la guarigione se le ferite non sono correttamente e accuratamente pulite in fase iniziale. Hollander et al (1998), tuttavia, in uno studio che indagava il tasso di infezioni nelle ferite del volto e del cuoio capelluto, hanno riscontrato che non vi era nessuna differenza nell outcome per i pazienti sottoposti all irrigazione della ferita prima della chiusura della cute e quelli che non vi erano stati sottoposti. I pazienti inclusi nello studio non avevano ferite da morso, né lacerazioni contaminate a carico del volto o del cuoio capelluto aperte da più di sei ore. Questa conclusione può essere generalizzata solo alle ferite del volto e del cuoio capelluto che sono chiuse entro un breve lasso di tempo dal ferimento iniziale. Mentre Moscati et al (1998) e Holt (2000) suggerirebbero che tutte le ferite traumatiche dovrebbero essere considerate contaminate, dal punto di vista clinico non è possibile distinguere quali sono le ferite a rischio al momento del loro esame, perché alcune appaiono pulite, mentre altre sono ovviamente contaminate. I dati storici sulle ferite mettono in guardia il personale infermieristico relativamente ai potenziali contaminanti, alla carica batterica, ai corpi estranei e alla vitalità dei margini della ferita; ciò nondimeno bisognerebbe partire dal presupposto che tutte le ferite traumatiche contengono una quantità significativa di batteri e che devono essere decontaminate (Chisholm 1992, Moscati et al 1998). Le ferite con sporcizia radicata come le abrasioni profonde (le cosiddette road rash [escoriazioni conseguenti a caduta su cemento che vedono tipicamente coinvolti ciclisti, skaters, ecc, NdT]), specialmente al volto, potrebbero richiedere uno scrubbing energico e debridement previo anestesia. Queste ferite, sebbene apparentemente di secondaria importanza, hanno la potenzialità di causare a lungo termine cicatrici e decolorazione permanente della cute e quindi potrebbero richiedere le competenze del team di chirurgia plastica/ricostruttiva per essere gestite in maniera ottimale. Valutazione del dolore Alleviare il dolore dovrebbe essere considerato prioritario rispetto alla decontaminazione o alla pulizia di qualsiasi ferita. La valutazione del dolore è una parte integrante della gestione iniziale e del processo decisionale del triage (MTG 1997). Nel contesto del Pronto Soccorso si utilizzano numerosi strumenti di valutazione del dolore; questi strumenti aiutano il professionista della salute fornendo dati oggettivi che possono essere usati per pianificare misure pertinenti per alleviare il dolore e per misurarne i loro effetti (Dolan 2000, MTC 1997). Il tipo di analgesia e la via di somministrazione dipenderanno dalle linee guida vigenti in Pronto Soccorso e dalla rispondenza individuale del paziente per la terapia orale o intramuscolare. L Entonox è un potente analgesico che ha vari usi nell ambito delle emergenze. L auto-somministrazione dell Entonox offre ai pazienti un metodo di controllo personale sul loro dolore. Ciò è in grado di diminuire l ansia dei pazienti in merito alla loro condizione, perché possono controllare la quantità e la frequenza con cui l analgesico viene somministrato (Moore 1983). Dopo l inalazione dell Entonox si ottiene il sollievo dal dolore per soli 20 secondi, per via delle proprietà analgesiche del gas che conferiscono una rapida azione ma di breve durata. Quale agente detergente? L irrigazione della ferita è essenziale per rimuovere i contaminanti e per ridurre i tassi di infezione. Recentemente le soluzioni antisettiche sono state screditate, mentre la soluzione fisiologica è salita alla ribalta come detergente ottimale (Holt 2000, Moscati et al 1998, Walsh 1999). Alcuni studi recenti hanno dimostrato che la normale acqua potabile di rubinetto ha dato prova di essere efficace nell irrigazione e nella pulizia delle ferite quanto la soluzione fisiologica (Angeras et al 1992, Moscati et al 1998, Riyat e Quinton 1997). Le soluzioni antisettiche quali cetrimide e clorexdina dichiarano di eliminare i batteri e di esercitare un azione detergente sulle ferite. Holt (2000) riferisce che la maggior parte di queste soluzioni richiedono un tempo di contatto con i batteri di 20 minuti per avere un effetto. AAAAA 4

5 Figura 1. Checklist per la valutazione della ferita Checklist per la valutazione delle ferite acute Storia Tempo trascorso dal ferimento Meccanismo di ferimento Primo trattamento, se eseguito Stato di immunizzazione nei confronti del tetano (DoH Guidelines 1996) Storia di allergie, inclusi i farmaci Farmacoterapia in corso/recente, ricordando la terapia con steroidi Anamnesi sociale Stile di vita/rischi relativi Valutazione psicologica Età e tipo di occupazione Definizione Ferita da taglio interruzione della cute causata da un tagliente Lacerazione interruzione della cute causata da un corpo/forza contundente. La ferita è irregolare con lacerazione dei tessuti Ferita contusa interruzione della cute, con contusione circostante Contusione un area contusa dovuta ad una forza contundente, senza rottura della cute Ematoma raccolta sottocutanea di sangue che si presenta come un rigonfiamento fluttuante Ferita penetrante ferita a ingresso sottile prodotta da un oggetto appuntito Valutazione Localizzazione anatomica Dimensioni della ferita (larghezza e lunghezza) Profondità della ferita (esaminare delicatamente con una sonda/specillo) Configurazione (con lembo, bordo frastagliato) Perdita tessutale Deformità Deficit funzionale/effettiva perdita motoria o sensoriale Dolore Mano dominante (laddove rilevante) Emorragia (effettiva e stimata) Vi sono poche evidenze a supporto dell uso continuativo della soluzione di iodio-povidone come metodo di prima scelta per la pulizia della ferita; non è raccomandato per la detersione di routine o per la profilassi a causa dei suoi effetti collaterali di citossicità sulle ferite acute e sulle lesioni in fase di guarigione (Holt 2000). Altre soluzioni come il perossido di idrogeno venivano ritenute in passato dotate di proprietà decontaminanti e sbriglianti lo slough, ma queste proprietà sono enormemente ridotte quando la soluzione viene in contatto con sangue o pus (Holt 2000). Anche l effetto termico della soluzione interferisce negativamente con il tessuto sano. La maggior parte della recente letteratura sulla pulizia delle ferite e sulla scelta delle soluzioni sembra suggerire che l irrigazione delle ferite con una normale soluzione fisiologica o con l acqua del rubinetto offra vantaggi dal punto di vista economico e terapeutico, diventando il trattamento di elezione per la pulizia di molti tipi di ferite (Dealey 1999). Chiusura definitiva La chiusura definitiva di una ferita dipenderà dalle informazioni raccolte nell anamnesi, dalla valutazione e dall esame del paziente. Anche la capacità del paziente di proseguire la proprie attività di vita quotidiana una volta dimesso dal Pronto Soccorso condizionerà il metodo di chiusura. 5

6 Esistono diversi metodi di chiusura a seconda della gravità della ferita. Optare per la chiusura primaria, la chiusura primaria ritardata o la riparazione per seconda intenzione sarà una decisione basata anche sulla valutazione individuale del paziente e sul fatto che un unico metodo non si adatta a tutti. I metodi tradizionali di chiusura della cute, come la sutura, vanno ampliati integrando una serie di altri metodi e applicazioni mediche, come cerotti in tessuto, punti metallici e adesivi cutanei. Medicazioni Come per i prodotti per la chiusura della cute, le medicazioni per le ferite sono proliferate e molti infermieri ora si confrontano con numerosi prodotti dotati essenzialmente dello stesso effetto e modalità di azione. Il processo di selezione della medicazione è determinato da numerosi fattori che includono la natura e la localizzazione della ferita, la presenza o il rischio di infezione e la quantità di essudato prodotto (Thomas 1997). In genere le ferite superficiali producono poco essudato e possono essere medicate con un idrocolloide o un film semipermeabile. Le medicazioni a bassa aderenza risultano particolarmente utili per la gestione di abrasioni, ferite della punta delle dita e lacerazioni. I pazienti hanno bisogno di qualche indicazione su ciò che devono aspettarsi dal prodotto che è stato applicato sulla ferita. Tali informazioni andrebbero accompagnate da istruzioni scritte su un foglio che il paziente può portarsi a casa e a cui far riferimento in una fase successiva. Molti produttori forniscono depliant gratuiti informativi per i pazienti questi opuscoli possono essere utili, ma le informazioni contenute devono aderire alle linee guida approvate dal Pronto Soccorso. Nessuna singola medicazione è adatta per la gestione di tutti i tipi di ferite e poche sono indicate al trattamento di una singola ferita durante tutte le fasi del ciclo di guarigione. La buona riuscita della gestione di una ferita è subordinata ad un approccio flessibile e competente nei confronti della selezione dell idonea medicazione (Thomas 1997). Conclusioni Le ferite minori che accedono comunemente in Pronto Soccorso in genere guariscono in tempi brevi e i pazienti ritornano abbastanza velocemente alle loro normali attività. Tuttavia ci sono sempre eccezioni a questa regola, ed è l infermiere del Pronto Soccorso che può influenzare l esito di questo gruppo di pazienti. Adeguate conoscenze sul ferimento, sulla valutazione dalla ferita e sulle strategie di gestione miglioreranno l outcome per un significativo numero di pazienti che hanno solo un semplice taglietto. BIBLIOGRAFIA Angeras MH et al (1992) Comparison between sterile saline and tap water for the cleansing of acute traumatic soft tissue wounds. European Journal of Surgery. 158, 6-7, Chisholm CM (1992) Wound evaluation and cleansing. Emergency Medicine Clinics of North America. 10, 4, Courtenay M, Butler M (1999) Nurse Prescribing: Principles and Practice. London, Greenwich Medical Media. Critchley M (Ed) (1978) Butterworths Medical Dictionary. Second edition. London, Butterworth. Dealey C (1999) The Care of Wounds: A Guide for Nurses. Second edition. Oxford, Blackwell Science. Department of Health (1996) Immunisation Against Infectious Disease. London, HMSO. Dolan B (2000) Pain management. In Dolan B, Holt L (Eds) Accident and Emergency Theory into Practice. Edinburgh, Baillière Tindall. Flanagan M (1997) Wound Healing. Edinburgh, Churchill Livingstone. Hollander JE et al (1998) Irrigation in facial and scalp lacerations: does it alter outcome? Annals of Emergency Medicine. 31, 1, Holt L (2000) Wound care. In Dolan B, Holt L (Eds) Accident and Emergency Theory into Practice. Edinburgh, Baillière Tindall. Lippert H (1999) Compendium: Wounds and Wound Management. Heidenheim, Paul Hartmann. Manchester Triage Group (1997) Emergency Triage. London, BMJ Publishing Group. Moore M (1983) The potential use of entonox by A&E Nurses. Nursing Times. 79, 7, Moscati RM et al (1998) Wound irrigation with tap water. Academic Emergency Medicine. 5, 11, Riyat MS, Quniton DN (1997) Tap water as a wound cleansing agent in A&E. Journal of Accident & Emergency Medicine. 14, 3, Thomas S (1997) A Structured Approach to the Selection of Dressings. Walsh M (1999) Disorders of the skin. In Walsh M et al (Eds) Nurse Practitioners: Clinical Skills and Professional Issues. Oxford, Butterworth-Heinemann. Wardrope J, Smith JA (1992) The Management of Wounds and Burns. Oxford, Oxford University Press. 6

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Prevenzione delle Ulcere da Pressione

Prevenzione delle Ulcere da Pressione delle Ulcere da Pressione GUIDA RAPIDA DI RIFERIMENTO 1 Introduzione Questa Guida Rapida di Riferimento riassume le linee guida basate sulle prove di efficacia relative alla prevenzione e al trattamento

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE Qual è la carica batterica presente nel letto della ferita e quanto è importante questo fattore? o Detersione pag. 2 o I biofilm ed il loro impatto sul

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli