Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4."

Transcript

1 Small V (2000) Management of cuts, abrasions and lacerations. Nursing Standard. 15(5):41-4. Traduzione a cura di Claudia Caula La gestione di ferite da taglio, abrasioni e lacerazioni. Introduzione Una larga parte del carico di lavoro degli infermieri del Pronto Soccorso è attribuibile alla gestione delle ferite traumatiche acute. La cura delle ferite implica approfondite conoscenze circa l anatomia della cute, la fisiologia della riparazione tessutale, l impatto dell infezione sulla guarigione, e il fornire consigli relativi all auto-cura ai pazienti che sono in grado di gestire in modo autonomo le proprie ferite (Holt 2000). Le ferite rappresentano approssimativamente il 25-30% del carico di lavoro totale di un Pronto Soccorso (Wardrope & Smith 1992). Le ferite più comuni che accedono in Pronto Soccorso comprendono lacerazioni causate da traumi contundenti (Wardrope & Smith 1992), ferite da taglio, abrasioni e ustioni, le quali di solito rispondono rapidamente al trattamento e guariscono senza complicanze (Dealey 1999). Una ferita comporta l interruzione della continuità dei tessuti che rivestono il corpo ed è normalmente associata ad una perdita di sostanza (Lippert 1999). Nelle ferite traumatiche e in quelle intenzionali si ha una rottura dei vasi sanguigni con conseguente emorragia, seguita dalla formazione del coagulo (Dealey 1999). Il tipo di trauma e l entità del danno servono inoltre a classificare le ferite per prognosi e scelta di trattamento. L articolo esamina la gestione in Pronto Soccorso delle ferite semplici, enfatizzando la definizione delle ferite più comuni, l importanza dell anamnesi e della documentazione sulla cartella dei pazienti, e un profilo della gestione ottimale delle ferite semplici. La guarigione delle ferite La guarigione di ogni ferita si svolge in diverse fasi che si sovrappongono nel tempo e che non possono essere separate l una dall altra (Lippert 1999). L abituale suddivisione in tre o quattro fasi di guarigione è descritta in dettaglio nella maggior parte dei testi sulla gestione delle ferite (Courtenay & Butler 1999, Dealey 1999, Flanagan 1997, Holt 2000, Lippert 1999). È importante che gli infermieri siano consapevoli che molte ferite possono mostrare segni evidenti di più fasi di guarigione simultaneamente. Guarigione per prima e seconda intenzione La guarigione delle lesioni è stata classificata da lungo tempo in riparazione per prima intenzione e per seconda intenzione. Il termine intenzione si riferisce al proponimento del clinico di ottenere la guarigione primaria della ferita con apposizione di margini combacianti o a breve distanza (Lippert 1999). La guarigione per prima intenzione include la guarigione primaria ritardata che avviene quando è prevista un infezione; in questo caso la ferita non andrebbe chiusa in modo definitivo con sutura o cerotti (strips). La ferita viene medicata e osservata per segni evidenti di infezione per un periodo da quattro o sette giorni circa, al termine del quale, se l infezione non si è manifestata, la ferita può essere suturata o chiusa con cerotti e consentita la guarigione per prima intenzione. Se sopraggiunge l infezione, la ferita è classificata come guaribile per seconda intenzione e viene trattata come una ferita aperta. La guarigione per seconda intenzione si verifica nel caso in cui vi sia un difetto di tessuto da colmare o quando un infezione purulenta impedisce l accostamento dei lembi della ferita (Lippert 1999). Fattori che influenzano la guarigione delle ferite Minore è il danno causato al tessuto, e più favorevoli sono le condizioni per la guarigione della ferita. Molto semplicemente, le ferite da taglio superficiali (incisioni) viste e trattate in Pronto Soccorso sono idonee alla guarigione per prima intenzione in ragione della facilità di apposizione e della trascurabile perdita di sostanza. Per le ferite causate da un trauma contundente trova spesso indicazione la chiusura primaria dopo il debridement chirurgico. 1

2 Esistono tuttavia alcune ferite, derivanti da lacerazioni o contusioni, che sono più idonee alla chiusura primaria ritardata o alla guarigione per seconda intenzione, come per esempio le ferite da schiacciamento a carico della superficie volare del polpastrello del dito o le ferite pesantemente contaminate e aperte da più di 12 ore (Wardrope & Smith 1992). I pazienti con ferite contuse sono sottoposti a ingenti quantità di energia cinetica che ha come conseguenza il danneggiamento del microcircolo, edema e tessuti devitalizzati (Chisholm 1992). Altri fattori che possono influire sulla guarigione sono: Localizzazione anatomica: aree come quella pretibiale (cresta tibiale) spesso hanno lunghi tempi di guarigione a causa della scarsa perfusione sanguigna e della natura friabile del tessuto. Apporto vascolare: l abbondante perfusione vascolare del volto e del cuoio capelluto garantisce una rapida guarigione. Se il paziente è affetto da una vasculopatia periferica di base, le ferite tendono a guarire più lentamente. Movimento: una ferita in corrispondenza di un articolazione, specialmente delle superfici estensorie, richiederà più tempo per guarire. Metodo di chiusura: una buona tecnica con un accurato trattamento dei tessuti è essenziale per un buon esito; lo sfregamento energico dei bordi finalizzato a rimuovere i detriti può provocare un ulteriore danno tessutale. Configurazione della ferita: le ferite frastagliate, con grossa perdita di sostanza o con tessuti devitalizzati, guariranno con ritmi più lenti in confronto alle ferite semplici senza complicanze. Meccanismo di ferimento: le ferite da incisione guariscono più rapidamente delle lacerazioni da trauma contundente, in quanto c è meno edema e distruzione dei tessuti. Ritardo nella gestione: i ritardi nella decontaminazione e nella gestione risolutiva causeranno la contaminazione delle ferite, infezione e ritardata guarigione. Stato di salute generale e nutrizionale: la carenza di vitamina C e Zinco possono condurre ad una guarigione deficitaria della ferita. I pazienti anziani potrebbero essere affetti da patologie di base a carico del sistema vascolare ed endocrino che condizionano la guarigione. È probabile che le terapie con corticosteroidi apportino una serie di cambiamenti nella struttura della cute e influiscano sulla guarigione della ferita (Thomas 1997). La valutazione delle ferite acute Durante il triage, l infermiere del Pronto Soccorso valuterà il paziente e documenterà l esame e i risultati tra le annotazioni inerenti al paziente. Questo esame e la successiva descrizione della ferita sono vitali per la corretta gestione dei pazienti con ferita acuta, non importa quanto piccola. Comunque, i pazienti con ferite minori spesso restano in attesa del trattamento risolutivo per lunghi periodi di tempo, e potrebbero anche abbandonare il reparto di Pronto Soccorso prima che venga prestato loro un intervento assistenziale completo. Ci sono tre elementi chiave da considerare al momento del triage: Accurata descrizione della ferita che richiede il corretto uso delle definizioni (Riquadro 1). Documentazione del meccanismo di ferimento, lo stato di immunizzazione contro il tetano, attuale terapia farmacologia e allergie note. Misure di primo soccorso per emostasi, corretta pulizia e adeguata chiusura temporanea delle ferite aperte che allungherebbero il tempo a disposizione per la gestione definitiva. Riquadro 1. Definizioni delle lesioni più comuni Ferita da taglio (ferita incisa, ferita da incisione) interruzione della cute causata da un oggetto con bordo affilato, come un coltello da cucina o il vetro. I bordi della ferita sono ben definiti e spesso lineari, con una minima contusione del tessuto molle. Lacerazione (dal latino lacerare strappare) interruzione della cute causata da un corpo/forza contundente. La ferita è irregolare, con lacerazione dei tessuti. Spesso è il risultato di una caduta, dell impatto contro un oggetto contundente, o di uno schiacciamento. Ferita contusa interruzione della cute, con contusione circostante. Contusione un area contusa dovuta ad una forza contundente, senza una rottura della cute. 2

3 Ematoma raccolta sottocutanea di sangue che si presenta come un rigonfiamento fluttuante. Ferita penetrante ferita a ingresso sottile realizzata da un oggetto appuntito, per esempio la punta di un inferriata, un coltello, un chiodo arrugginito. (After Critchley 1978) La documentazione e la raccolta dell anamnesi L abilità nel compiere una valutazione accurata di una ferita costituisce un importante competenza infermieristica (Dealey 1999). La valutazione dovrebbe essere condotta quale parte integrante dell approccio olistico nei confronti dell assistenza al paziente in ogni ambito clinico. Nel contesto del Pronto Soccorso, l infermiere sarà spesso la sola persona ad ottenere una dettagliata anamnesi psico-sociale dal paziente mentre sta valutando e pulendo la ferita. Un anamnesi adeguata dovrebbe includere: Il tempo trascorso dal momento del ferimento. Le circostanze/meccanismo di ferimento. Trattamento di primo soccorso, se praticato. Lo stato di immunizzazione contro il tetano (DoH 1996). Allergie ipersensibilità a cerotti adesivi, materiali da medicazione e farmaci. Terapie correnti/recenti terapia corticosteroidea, aspirina e altre terapie anticoagulanti. Anamnesi sociale accertarsi se il paziente vive solo, se ha una famiglia allargata che può assisterlo nella gestione della ferita successivamente alla dimissione, o la disponibilità di strutture locali di cure primarie. Opportunità di promozione della salute: possono essere massimizzate attraverso il dialogo riguardo allo smettere di fumare, alla diminuzione del consumo di alcool e al mantenimento di una dieta salutare e un adeguato esercizio. Problemi psicologici quelli associati alle ferite non dovrebbero essere mai sottovalutati; un paziente con una lacerazione o un taglio al volto potrebbe essere decisamente traumatizzato come conseguenza dell alterazione dell immagine corporea. Una buona gestione della ferita richiede un accurata valutazione unitamente ad un anamnesi dettagliata. La checklist per la valutazione viene illustrata nella Figura 1. Successivamente alla scrupolosa valutazione ed esame del paziente, tutti i risultati dovrebbero essere documentati tra le annotazioni relative al paziente. Ai fini della registrazione dei risultati, è possibile avvalersi di diagrammi, di strumenti di misurazione, come griglie in formato cartaceo, righelli clinici, o anche fotografie. Una volta completata la valutazione, la ferita può essere gestita in modo attivo. Consultare la checklist proposta per la valutazione della ferita in seguito a trauma acuto. (Fig.1) Le scelte di gestione Pulizia e chiusura al traige Una delle prime priorità al triage è la valutazione della necessità di rianimazione immediata; alle ferite che pongono in pericolo di vita il paziente o ne minacciano un arto si assegna la priorità immediata e vanno gestite opportunamente. Una volta stabilita la priorità, la ferita può essere gestita. A questo punto è importante ottenere l emostasi, e questo aiuterà ad abbassare il livello di ansia del paziente. È anche fondamentale un appropriata pulizia e chiusura della ferita in sede di triage allo scopo di ridurre la durata del tempo occorrente per la chiusura finale della ferita. Le ferite sono classificate come pulite o inclini al tetano e il tempo trascorso dal ferimento gioca un ruolo significativo nel determinare le ulteriori strategie di gestione. Se un paziente si presenta in Pronto Soccorso con una lacerazione o un incisione aperta da cinque ore e ci sono tre-quattro ore di attesa per il trattamento, allora è possibile fermare l orologio per quella ferita in fase di triage purché siano intraprese un adeguata pulizia e chiusura temporanea. Il metodo più semplice e veloce per conseguire un iniziale chiusura della cute è quello di applicare gli strips adesivi quando e dove possibile. Il paziente andrebbe informato che questo potrebbe non essere il trattamento definitivo, ma che con la chiusura della cute si ridurrà il rischio di un ulteriore contaminazione della ferita finché resta in attesa. Stato di immunizzazione contro il tetano In tutti i pazienti portatori di ferite deve essere stabilito il loro stato di immunizzazione nei confronti del tetano (Wardrope & Smith 1992). Il Clostridium tetani è un 3

4 organismo anaerobio e prospera in ambienti dove è presente tessuto devitalizzato e si forma un ematoma. Quando si valuta la necessità di vaccinazione antitetanica, sono essenziali due domande elementari: Il paziente è stato vaccinato secondo le linee guida del Ministero della Salute (DoH 1996)? La ferita è pulita o incline al tetano? Pulizia La pulizia della ferita è basilare per la prevenzione delle infezioni, di cicatrici dicromiche (effetto tattoo ), e per eliminare corpi estranei contaminanti, così come detriti (Holt 2000). L infezione è la complicanza più comune e grave di una semplice lacerazione (Moscati et al 1998). Durante il ferimento si verifica un alterazione a carico della funzione protettiva della cute e i microrganismi diventano in grado di penetrare nei tessuti profondi e di causare l infezione (Courtenay & Butler 1999). Le costose medicazioni chirurgiche, gli adesivi cutanei, i cerotti adesivi (strips), i punti metallici o le suture, non aiuteranno la guarigione se le ferite non sono correttamente e accuratamente pulite in fase iniziale. Hollander et al (1998), tuttavia, in uno studio che indagava il tasso di infezioni nelle ferite del volto e del cuoio capelluto, hanno riscontrato che non vi era nessuna differenza nell outcome per i pazienti sottoposti all irrigazione della ferita prima della chiusura della cute e quelli che non vi erano stati sottoposti. I pazienti inclusi nello studio non avevano ferite da morso, né lacerazioni contaminate a carico del volto o del cuoio capelluto aperte da più di sei ore. Questa conclusione può essere generalizzata solo alle ferite del volto e del cuoio capelluto che sono chiuse entro un breve lasso di tempo dal ferimento iniziale. Mentre Moscati et al (1998) e Holt (2000) suggerirebbero che tutte le ferite traumatiche dovrebbero essere considerate contaminate, dal punto di vista clinico non è possibile distinguere quali sono le ferite a rischio al momento del loro esame, perché alcune appaiono pulite, mentre altre sono ovviamente contaminate. I dati storici sulle ferite mettono in guardia il personale infermieristico relativamente ai potenziali contaminanti, alla carica batterica, ai corpi estranei e alla vitalità dei margini della ferita; ciò nondimeno bisognerebbe partire dal presupposto che tutte le ferite traumatiche contengono una quantità significativa di batteri e che devono essere decontaminate (Chisholm 1992, Moscati et al 1998). Le ferite con sporcizia radicata come le abrasioni profonde (le cosiddette road rash [escoriazioni conseguenti a caduta su cemento che vedono tipicamente coinvolti ciclisti, skaters, ecc, NdT]), specialmente al volto, potrebbero richiedere uno scrubbing energico e debridement previo anestesia. Queste ferite, sebbene apparentemente di secondaria importanza, hanno la potenzialità di causare a lungo termine cicatrici e decolorazione permanente della cute e quindi potrebbero richiedere le competenze del team di chirurgia plastica/ricostruttiva per essere gestite in maniera ottimale. Valutazione del dolore Alleviare il dolore dovrebbe essere considerato prioritario rispetto alla decontaminazione o alla pulizia di qualsiasi ferita. La valutazione del dolore è una parte integrante della gestione iniziale e del processo decisionale del triage (MTG 1997). Nel contesto del Pronto Soccorso si utilizzano numerosi strumenti di valutazione del dolore; questi strumenti aiutano il professionista della salute fornendo dati oggettivi che possono essere usati per pianificare misure pertinenti per alleviare il dolore e per misurarne i loro effetti (Dolan 2000, MTC 1997). Il tipo di analgesia e la via di somministrazione dipenderanno dalle linee guida vigenti in Pronto Soccorso e dalla rispondenza individuale del paziente per la terapia orale o intramuscolare. L Entonox è un potente analgesico che ha vari usi nell ambito delle emergenze. L auto-somministrazione dell Entonox offre ai pazienti un metodo di controllo personale sul loro dolore. Ciò è in grado di diminuire l ansia dei pazienti in merito alla loro condizione, perché possono controllare la quantità e la frequenza con cui l analgesico viene somministrato (Moore 1983). Dopo l inalazione dell Entonox si ottiene il sollievo dal dolore per soli 20 secondi, per via delle proprietà analgesiche del gas che conferiscono una rapida azione ma di breve durata. Quale agente detergente? L irrigazione della ferita è essenziale per rimuovere i contaminanti e per ridurre i tassi di infezione. Recentemente le soluzioni antisettiche sono state screditate, mentre la soluzione fisiologica è salita alla ribalta come detergente ottimale (Holt 2000, Moscati et al 1998, Walsh 1999). Alcuni studi recenti hanno dimostrato che la normale acqua potabile di rubinetto ha dato prova di essere efficace nell irrigazione e nella pulizia delle ferite quanto la soluzione fisiologica (Angeras et al 1992, Moscati et al 1998, Riyat e Quinton 1997). Le soluzioni antisettiche quali cetrimide e clorexdina dichiarano di eliminare i batteri e di esercitare un azione detergente sulle ferite. Holt (2000) riferisce che la maggior parte di queste soluzioni richiedono un tempo di contatto con i batteri di 20 minuti per avere un effetto. AAAAA 4

5 Figura 1. Checklist per la valutazione della ferita Checklist per la valutazione delle ferite acute Storia Tempo trascorso dal ferimento Meccanismo di ferimento Primo trattamento, se eseguito Stato di immunizzazione nei confronti del tetano (DoH Guidelines 1996) Storia di allergie, inclusi i farmaci Farmacoterapia in corso/recente, ricordando la terapia con steroidi Anamnesi sociale Stile di vita/rischi relativi Valutazione psicologica Età e tipo di occupazione Definizione Ferita da taglio interruzione della cute causata da un tagliente Lacerazione interruzione della cute causata da un corpo/forza contundente. La ferita è irregolare con lacerazione dei tessuti Ferita contusa interruzione della cute, con contusione circostante Contusione un area contusa dovuta ad una forza contundente, senza rottura della cute Ematoma raccolta sottocutanea di sangue che si presenta come un rigonfiamento fluttuante Ferita penetrante ferita a ingresso sottile prodotta da un oggetto appuntito Valutazione Localizzazione anatomica Dimensioni della ferita (larghezza e lunghezza) Profondità della ferita (esaminare delicatamente con una sonda/specillo) Configurazione (con lembo, bordo frastagliato) Perdita tessutale Deformità Deficit funzionale/effettiva perdita motoria o sensoriale Dolore Mano dominante (laddove rilevante) Emorragia (effettiva e stimata) Vi sono poche evidenze a supporto dell uso continuativo della soluzione di iodio-povidone come metodo di prima scelta per la pulizia della ferita; non è raccomandato per la detersione di routine o per la profilassi a causa dei suoi effetti collaterali di citossicità sulle ferite acute e sulle lesioni in fase di guarigione (Holt 2000). Altre soluzioni come il perossido di idrogeno venivano ritenute in passato dotate di proprietà decontaminanti e sbriglianti lo slough, ma queste proprietà sono enormemente ridotte quando la soluzione viene in contatto con sangue o pus (Holt 2000). Anche l effetto termico della soluzione interferisce negativamente con il tessuto sano. La maggior parte della recente letteratura sulla pulizia delle ferite e sulla scelta delle soluzioni sembra suggerire che l irrigazione delle ferite con una normale soluzione fisiologica o con l acqua del rubinetto offra vantaggi dal punto di vista economico e terapeutico, diventando il trattamento di elezione per la pulizia di molti tipi di ferite (Dealey 1999). Chiusura definitiva La chiusura definitiva di una ferita dipenderà dalle informazioni raccolte nell anamnesi, dalla valutazione e dall esame del paziente. Anche la capacità del paziente di proseguire la proprie attività di vita quotidiana una volta dimesso dal Pronto Soccorso condizionerà il metodo di chiusura. 5

6 Esistono diversi metodi di chiusura a seconda della gravità della ferita. Optare per la chiusura primaria, la chiusura primaria ritardata o la riparazione per seconda intenzione sarà una decisione basata anche sulla valutazione individuale del paziente e sul fatto che un unico metodo non si adatta a tutti. I metodi tradizionali di chiusura della cute, come la sutura, vanno ampliati integrando una serie di altri metodi e applicazioni mediche, come cerotti in tessuto, punti metallici e adesivi cutanei. Medicazioni Come per i prodotti per la chiusura della cute, le medicazioni per le ferite sono proliferate e molti infermieri ora si confrontano con numerosi prodotti dotati essenzialmente dello stesso effetto e modalità di azione. Il processo di selezione della medicazione è determinato da numerosi fattori che includono la natura e la localizzazione della ferita, la presenza o il rischio di infezione e la quantità di essudato prodotto (Thomas 1997). In genere le ferite superficiali producono poco essudato e possono essere medicate con un idrocolloide o un film semipermeabile. Le medicazioni a bassa aderenza risultano particolarmente utili per la gestione di abrasioni, ferite della punta delle dita e lacerazioni. I pazienti hanno bisogno di qualche indicazione su ciò che devono aspettarsi dal prodotto che è stato applicato sulla ferita. Tali informazioni andrebbero accompagnate da istruzioni scritte su un foglio che il paziente può portarsi a casa e a cui far riferimento in una fase successiva. Molti produttori forniscono depliant gratuiti informativi per i pazienti questi opuscoli possono essere utili, ma le informazioni contenute devono aderire alle linee guida approvate dal Pronto Soccorso. Nessuna singola medicazione è adatta per la gestione di tutti i tipi di ferite e poche sono indicate al trattamento di una singola ferita durante tutte le fasi del ciclo di guarigione. La buona riuscita della gestione di una ferita è subordinata ad un approccio flessibile e competente nei confronti della selezione dell idonea medicazione (Thomas 1997). Conclusioni Le ferite minori che accedono comunemente in Pronto Soccorso in genere guariscono in tempi brevi e i pazienti ritornano abbastanza velocemente alle loro normali attività. Tuttavia ci sono sempre eccezioni a questa regola, ed è l infermiere del Pronto Soccorso che può influenzare l esito di questo gruppo di pazienti. Adeguate conoscenze sul ferimento, sulla valutazione dalla ferita e sulle strategie di gestione miglioreranno l outcome per un significativo numero di pazienti che hanno solo un semplice taglietto. BIBLIOGRAFIA Angeras MH et al (1992) Comparison between sterile saline and tap water for the cleansing of acute traumatic soft tissue wounds. European Journal of Surgery. 158, 6-7, Chisholm CM (1992) Wound evaluation and cleansing. Emergency Medicine Clinics of North America. 10, 4, Courtenay M, Butler M (1999) Nurse Prescribing: Principles and Practice. London, Greenwich Medical Media. Critchley M (Ed) (1978) Butterworths Medical Dictionary. Second edition. London, Butterworth. Dealey C (1999) The Care of Wounds: A Guide for Nurses. Second edition. Oxford, Blackwell Science. Department of Health (1996) Immunisation Against Infectious Disease. London, HMSO. Dolan B (2000) Pain management. In Dolan B, Holt L (Eds) Accident and Emergency Theory into Practice. Edinburgh, Baillière Tindall. Flanagan M (1997) Wound Healing. Edinburgh, Churchill Livingstone. Hollander JE et al (1998) Irrigation in facial and scalp lacerations: does it alter outcome? Annals of Emergency Medicine. 31, 1, Holt L (2000) Wound care. In Dolan B, Holt L (Eds) Accident and Emergency Theory into Practice. Edinburgh, Baillière Tindall. Lippert H (1999) Compendium: Wounds and Wound Management. Heidenheim, Paul Hartmann. Manchester Triage Group (1997) Emergency Triage. London, BMJ Publishing Group. Moore M (1983) The potential use of entonox by A&E Nurses. Nursing Times. 79, 7, Moscati RM et al (1998) Wound irrigation with tap water. Academic Emergency Medicine. 5, 11, Riyat MS, Quniton DN (1997) Tap water as a wound cleansing agent in A&E. Journal of Accident & Emergency Medicine. 14, 3, Thomas S (1997) A Structured Approach to the Selection of Dressings. Walsh M (1999) Disorders of the skin. In Walsh M et al (Eds) Nurse Practitioners: Clinical Skills and Professional Issues. Oxford, Butterworth-Heinemann. Wardrope J, Smith JA (1992) The Management of Wounds and Burns. Oxford, Oxford University Press. 6

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite

Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite Lezione su Abrasione, Contusione,Trauma Cranico,Fratture e Ferite ABRASIONE In campo medico l'abrasione è una leggera escoriazione della pelle o delle mucose o una lesione della parte più esterna della

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

FERITE APERTE DA MORSO

FERITE APERTE DA MORSO FERITE APERTE DA MORSO dal primo soccorso alla chirurgia ricostruttiva Dott. Roberto Pedrale Dott. Igor Valtorta - Dott. Filippo Boriani Istituto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Università degli Studi

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione)

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) LE FERITE Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) Il 5,4 % degli accessi in Ps è dovuto a ferite Le ferite traumatiche sono più frequenti alle mani al volto

Dettagli

BestPractice. Detersione delle ferite: soluzioni e tecniche

BestPractice. Detersione delle ferite: soluzioni e tecniche http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad BestPractice Informazioni evidence based per la pratica della professione infermieristica Detersione del: soluzioni e tecniche Questo numero di Best Practice

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità EPIDERMIDE: costituita da cellule morte in superficie, rigenerate continuamente DERMA: ricco di vasi sanguigni, nervi, ghiandole varie STRATO ADIPOSO: riserva energetica, isolante LA PELLE Tessuto epiteliale

Dettagli

Lesioni traumatiche della cute. Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli

Lesioni traumatiche della cute. Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli Lesioni traumatiche della cute Traumi delle ossa, delle articolazioni e dei muscoli Inf. Roberta Baldessari gruppo CRI Pergine Valsugana Lesioni traumatiche della cute Apparato tegumentario: -la cute:

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

Corso Base Emorragie Shock Ustioni

Corso Base Emorragie Shock Ustioni Corso Base Emorragie Shock Ustioni Le ferite Lesione che provoca la rottura della continuità della pelle Escoriazione Sfregamento o graffio che interessa lo strato superficiale della pelle Ferita da taglio

Dettagli

Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici

Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici Lesioni da caldo, freddo e da agenti chimici LA PELLE LA PELLE La pelle è composta LA PELLE epidermide derma adipe LA PELLE La pelle ha la funzione di: proteggere da microrganismi regolare l equilibrio

Dettagli

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi Alessio Piredda Lo stravaso La consapevolezza.. Le conoscenze specifiche, l azione tempestiva, la prevenzione sono in ambito oncologico corredo

Dettagli

Diretto tramite il servizio 118

Diretto tramite il servizio 118 ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE GRANDE USTIONATO (in regime di ricovero e ambulatoriale) Angela Giovanelli «I martedì dell Ordine» Parma, 15 ottobre 2013 Servizio attivo 24h su 24h Accesso: Dal

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto

sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Gestione farmacologica del dolore: Esperienze a confronto Emanuele Castagno S.C. Pediatria d Urgenza, OIRM, Torino

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE DELLA SUA CONTINUITA.

Dettagli

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione Medicazioni avanzate Clinica Dermatologica Università di Pisa Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Direttore : Prof. G.Cervadoro Medicazioni avanzate: definizione Materiale di copertura

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Pavia 18 giugno 2008 Docente Dott. Dario Paladino inf. esperto in wound care Vice-Presidente AISLeC Che cosa è il dolore? 1 Dolore Il dolore è una sgradevole

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013 Piede diabetico dalla teoria alla pratica

Bari, 7-10 novembre 2013 Piede diabetico dalla teoria alla pratica Piede diabetico dalla teoria alla pratica Ospedale Regina Apostolorum Albano Laziale (Rm) SC Endocrinologia Dott.ssa Rinaldi Roberta Coord. SC Pneumologia Buonomo Luana International Consensus on the Diabetic

Dettagli

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD CND M04010102 Dispositivo medico - Marcatura di conformità CE secondo D. Leg.vo 46/97 e successive modifiche attuativo della Dir. CEE 93/42 - Classe IIa - Organismo Notificato BSI British Standard Institution

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA Numero pagine: 1 di 9 Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 9 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte indicazioni di

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Lamezia Terme SEDE DI CURINGA

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Lamezia Terme SEDE DI CURINGA CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Lamezia Terme SEDE DI CURINGA E ORA CHE FACCIO.? 1.3 LESIONI TRAUMATICHE DELLA PELLE Avviamo con questo articolo un primo approccio ai problemi nei quali ci si può

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea

Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) analisi critica protocollo aziendale revisione della letteratura metodo empirico

SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) analisi critica protocollo aziendale revisione della letteratura metodo empirico Le SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) rappresentano un processo flogistico a carico del sito chirurgico che si manifesta nel post-operatorio nei pazienti sottoposti a intervento

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

LAVAGGIO DELLE MANI 1

LAVAGGIO DELLE MANI 1 LAVAGGIO DELLE MANI 1 Piccoli cenni storici Per secoli il lavaggio delle mani con acqua e sapone è stato considerato una misura di igiene personale, mentre la connessione con la trasmissione delle malattie

Dettagli

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE O VEGA Gel 3 Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE Dopo l applicazione di O3 VEGA Gel vengono liberati dal Dispositivo Medico perossidi oleosi in modo graduale e continuo per un periodo prolungato

Dettagli

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO DOLORE NOCICETTIVO È solitamente ben localizzato, acuto

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE

OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE DELLA SUA CONTINUITA. LE INFORMAZIONI BASILARI ACQUISITE

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie circa la sua

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto 8888160325 CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5

Dettagli

CON MEDERMA CERTI RICORDI NON LASCIANO IL SEGNO

CON MEDERMA CERTI RICORDI NON LASCIANO IL SEGNO CON MEDERMA CERTI RICORDI NON LASCIANO IL SEGNO Gel Topical proattivo gel for contro scars le cicatrici Gel Topical proattivo gel for contro scars le cicatrici RIACQUISTA FIDUCIA NELLA TUA PELLE. TRATTA

Dettagli

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore PATOLOGIE CHIRURGICHE DELLA PARETE ADDOMINALE IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA

Dettagli

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Pagina 1 di 6 sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Rev. Data Causale della modifica Condivisa/Valutata 0.0 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero AG 1 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2

PERCORSO DI APPRENDIMENTO CLINICO ASSISTENZIALE IN AMBITO CARDIOLOGICO PRESSO IL P.O. MARIA VITTORIA - ASLTO2 A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina PERCORSO DI APPRENDIMENTO

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians Close this window to return to IVIS www.ivis.org International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians May 19 21 2006 Rimini, Italy Next Congress : 62nd SCIVAC International

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11

Procedura sanitaria specifica. Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 Gestione medicazione della ferita chirurgica Pagina di 1/11 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso (omesso)... 2 4. Responsabilità... 2 5. Descrizione

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore R.D. Villani TRATTAMENTO N CHIRURGICO DELLE EMORROIDI (Iniezioni sclerosanti, legatura elastica) Si prega di leggere il foglio informativo e di compilare il questionario

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio)

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio) diagnosi o sospetto diagnostico (al momento della proposta dell intervento):.. possibili varianti nell esecuzione: L intervento viene effettuato in sala operatoria con l'ausilio di un microscopio operatorio.

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP]

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] Gestione del rischio clinico guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROSCOPIA DI GINOCCHIO

INTERVENTO DI ARTROSCOPIA DI GINOCCHIO INTERVENTO DI ARTROSCOPIA DI GINOCCHIO Posizionamento del malato sul letto chirurgico per esecuzione di artroscopia del ginocchio Lesione del menisco mediale a livello del corno posteriore 2 L invenzione

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DIABETE DI TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE DEL PIEDE DIABETICO

DIABETE DI TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE DEL PIEDE DIABETICO IBETE I TIPO 2: PREVENZIONE E GESTIONE EL PIEE IBETICO ELEMENTI CHIVE I GESTIONE Gestione generale Per avere cure efficaci è necessaria la collaborazione tra pazienti e professionisti, e tutte le decisioni

Dettagli

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia La mastopessi si propone di rimodellare e risospendere la mammella senza ridurne ne aumentarne il volume. L operazione prevede lo

Dettagli

*A. De Martino- **G. Nebbioso ***F. Petrella - *E. Migliorini *I. Ferraro *C. Maiorano

*A. De Martino- **G. Nebbioso ***F. Petrella - *E. Migliorini *I. Ferraro *C. Maiorano VLUTZIONE DEGLI TTEGGIMENTI E DELLE ONOSENZE SUL DOLORE D PRTE DEGLI OPERTORI SNITRI IMPEGNTI NEL TRTTMENTO DELLE LESIONI RONIHE UTNEE *. De Martino- **G. Nebbioso ***F. Petrella - *E. Migliorini *I. Ferraro

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione

Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Screening del Piede Diabetico Classi di Rischio e Prevenzione Inquadramento del paziente e Gestione Multidisciplinare Dott.ssa Mattei Paola PIEDE DIABETICO OMS Infezione, ulcerazione e/o distruzione dei

Dettagli

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE LINEE-GUIDA OMS SULL IGIENE DELLE MANI NEI CONTESTI DI ASSISTENZA SANITARIA: VERSIONE

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani. Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico!

CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani. Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO PER INCONTINENZA FECALE: Plastica Anale, Ricostruzione dello sfintere anale, Sfintere Artificiale, Stimolazione dei nervi spinali

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

Primo Soccorso. Come si presenta: il muscolo appare duro e dolorante. Il movimento è impedito.

Primo Soccorso. Come si presenta: il muscolo appare duro e dolorante. Il movimento è impedito. Primo Soccorso Crampo Il crampo è una contrattura dolorosa del muscolo, del tutto involontaria, determinata da un accumulo di sostanze tossiche o da una carenza di sali e di potassio. È una risposta alterata

Dettagli

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Grande così Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Sistema monouso per la terapia a pressione negativa Smith & Nephew è al tuo fianco per ridurre

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

TEST DI SCREENING: MANTOUX

TEST DI SCREENING: MANTOUX TEST DI SCREENING: MANTOUX Ciriè 2 Aprile 2012 LIVIA DEMICHELIS ASSISTENTE SANITARIA S.S. MEDICO COMPETENTE A.O.U. SAN LUIGI ORBASSANO SCREENING (selezione) Strumento di lavoro per attuare prevenzione

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE

INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! Gentile paziente,

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Contenuti: Compiti e Responsabilità Definizione e Concetti Generali Procedura Avvertenze Riferimenti

Dettagli