SCHEDA DI RILEVAZIONE PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI RILEVAZIONE PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Valutazione segnalazioni esposti di inconvenienti igienico-sanitari complessi coinvolgenti più sevizi del Dipartimento Dipartimento di Prevenzione Direttore Dipartimento di Prevenzione Istanza esposto, no è prevedibile la documentazione Contatto con responsabile istruttoria o procedimento previo appuntamento ottenibile telefonicamente al numero F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 45 giorni per emissione di parere-proposta provvedimenti al Sindaco competente per territorio non applicabile Ricorso al Tribunale amministrativo Regionale entro 60 giorni o al Presidente della Repubblica entro 120 giorni contro il provvedimento Sindacale che origina dal parere trasmesso. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; non applicabile Uffici cassa dell Azienda ULSS o Bollettino Postale Direttore Sanitario il relativo andamento: valutazione di eventuali reclami pervenuti all URP

2 DIPERTIMENTO DI PREVENZIONE Autorizzazione al commercio e vendita di prodotti fitosanitari ex DPR 290/2001, DGR 136/2003 il privato, la ditta o società che intenda avviare l attività di commercio e vendita dei prodotti fitosanitari, deve acquisire specifiche attestazioni professionali (certificato di abilitazione alla vendita); deve allestire depositi di stoccaggio e locali di vendita conformi alle indicazioni urbanistico-edilizie, alle prescrizioni impartite dai Vigili del Fuoco (quando previste per dimensioni del magazzino e quantità e tipologia di merce stoccata), alle indicazioni sanitarie sul commercio dei fitofarmaci e di sicurezza sui luoghi di lavoro; circa le indicazioni sanitarie sul commercio dei fitofarmaci, si ricorda che sotto questa voce ricadono la gestione dei prodotti fitosanitari revocati, la tenuta dei registri di carico e scarico e della documentazione contabile, le dichiarazioni di vendita ed ogni aspetto legato alla necessità di modificare le condizioni che hanno portato al rilascio dell autorizzazione sanitaria (modifica del deposito, cambio del preposto, nuovo assetto societario) Servizio Igiene e Sanità Pubblica Direttore del Dipartimento di Prevenzione tel il modulo per la domanda di autorizzazione sanitaria al commercio e vendita di fitofarmaci, è reperibile sul sito del Dipartimento di Prevenzione aree tematiche del Dipartimento di Prevenzione fitosanitari ww.aulsslegnago.it/dip_prevenzione/dip_prev_sisp_2.html La cartella contiene anche il link di accesso alla raccolta della normativa di riferimento le richieste di informazione o chiarimento dovranno pervenire alla Segreteria del Servizio Igiene e Sanità Pubblica (tel Monica Calegaro); referente aziendale per i prodotti fitosanitari Giorgio Lanza tel F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 30 gg non applicabile; ricorso al TAR entro 60 giorni o al Presidente delle Repubblica entro 120 giorni dal provvedimento I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; entro il pagamento delle prestazioni sanitarie, può avvenire presso la cassa ticket dell Ospedale di Legnago e degli altri presidi presenti sul territorio dell ASL 21, mediante bollettino di conto corrente postale intestato alla tesoreria dell ASL 21; gli importi delle principali voci delle tariffe sanitarie sono: 52,00 per sopralluogo, 44,00 per i primi 50 mq, 4,00 per le successive frazioni di 25 mq, 13,00 per trasferta chilometrica Direttore Sanitario tel N) ) Risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità dei servizi erogati attraverso i diversi canali, facendone rilevare il relativo andamento: analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP

3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE rilascio e rinnovo certificato di abilitazione alla vendita di prodotti fitosanitari valutazione della documentazione presentata dal richiedente; DPR 290/2001, DGR 136/2003, D.Lgs 150/2012. l attività di commercio e vendita di prodotti fitosanitari, può avvenire solo in presenza di personale specificamente formato ed in possesso di certificato di abilitazione alla vendita di fitofarmaci; il soggetto che intende acquisire il certificato di abilitazione alla vendita segue due percorsi differenti: chi possiede un titolo di studio abilitante chi deve frequentare apposito corso di formazione, organizzato a livello provinciale dalle ASL della provincia di Verona; in ogni caso la domanda va corredata da foto tessera, marche da bollo, copia del diploma di perito agrario, agrotecnico o da copia della laurea in scienze agrarie e forestali e, per chi ha frequentato il corso di formazione, dall attestato di partecipazione; il certificato di abilitazione alla vendita è valido per 5 anni; alla scadenza il possessore del certificato viene contattato dal Sevizio ed invitato a rinnovare il documento con le stesse modalità seguite per il rilascio Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Direttore del Dipartimento di Prevenzione tel il modulo per la domanda di rilascio e rinnovo del certificato di abilitazione alla vendita di fitofarmaci, è reperibile sul sito del Dipartimento di Prevenzione aree tematiche del Dipartimento di Prevenzione fitosanitari. La cartella contiene anche il link di accesso alla raccolta della normativa di riferimento E ) Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardano: le richieste di informazione o chiarimento dovranno pervenire alla Segreteria del Servizio Igiene e Sanità Pubblica (tel xx Sig.ra Monica Calegaro); referente aziendale per i prodotti fitosanitari Sig. Giorgio Lanza tel F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 30 gg, previsti dalla DGR 136/2003 non applicabile; può essere autodichiarato il titolo di studio ricorso al TAR entro 60 giorni o al Presidente delle Repubblica entro 120 giorni dal provvedimento I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; entro il pagamento delle prestazioni sanitarie, può avvenire presso la cassa ticket dell Ospedale di Legnago e degli altri presidi presenti sul territorio dell ASL 21, mediante bollettino di conto corrente postale intestato alla tesoreria dell ASL 21; gli importi delle principali voci delle tariffe sanitarie sono: 26,00 rilascio e rinnovo del certificato di abilitazione indicazione di recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale Direttore Sanitario teò N) ) Risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità dei servizi erogati attraverso i diversi canali, facendone rilevare il relativo andamento: analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP

4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Parere per Autorizzazioni all esercizio/rinnovo Strutture Sanitarie ai sensi della L.R.V. 22/2002 con le modalità previste dalla DGRV 2501/04 e successive modifiche ed integrazioni, per le attività di: - Studio professionale medico con attività invasiva; - Ambulatorio mono o polispecialistico; - Poliambulatorio; - Laboratorio analisi privato, con o senza punto prelievi; - Studio professionale fisioterapico, con utilizzo di apparecchiature elettromedicali. Chiunque intenda svolgere le attività sanitarie descritte sopra deve inoltrare richiesta di autorizzazione all esercizio al Sindaco competente per territorio. Il Sindaco può effettuare la necessaria istruttoria e verifica tecnica avvalendosi o si proprie strutture o del Dipartimento di Prevenzione dell ULSS Dipartimento di Prevenzione SUAP Comunale o Sindaco per il procedimento SUAP, Direttore del Dipartimento di Prevenzione per l endoprocedimento Documentazione SUAP o quanto pubblicato sul sito manuale di attuazione LR 22/02 SUAP o Contatto con responsabile istruttoria o procedimento previo appuntamento ottenibile telefonicamente al numero F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: Quanto previsto nel manuale delle procedure ai sensi della LR 22/02 E prevista autocertificazione solo per Rinnovo della validità della autorizzazione ai sensi della DGR n. 1667/11 Ricorso al Tribunale amministrativo Regionale entro 60giorni o L Presidente della Repubblica entro 120 giorni avverso al provvedimento Sindacale conseguente I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; Spotello Unico per Attività Produttiva del comune (SUAP) nessun pagamento richiesto come da disposizioni Regionali Direttore Sanitario per l endoprocedimento il relativo andamento: valutazione di eventuali reclami pervenuti all URP ULSS 21 o Comunale

5 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Notifica inizio attività Sanitaria non invasiva ai sensi della L.R.V. 22/2002 con le modalità previste dalla DGRV 2501/04 e successive modifiche ed integrazioni, per le attività di: - Studio professionale medico con attività non invasiva; - Studio professione Sanitaria non medica (Psicologi ecc.); - Studio professionale fisioterapico, senza utilizzo di apparecchiature elettromedicali. I medici e i professionisti sanitari che intendono attivare uno studio professionale in cui non viene svolta attività cruenta sono tenuti a notificare alla Azienda ULSS utilizzando l apposito modello regionale. L efficacia della notifica è immediata. Il Dipartimento di Prevenzione verifica la sussistenza dei requisiti dichiarati emettendo provvedimento di diniego solo in caso di non sussistenza dei requisiti dichiarati e previsti dalla normativa regionale citata sopra. Dipartimento di Prevenzione notifica diretta al protocollo generale dell Az. ULSS o tramite SUAP Comunale Allegato 3 alla Classificazione (autocertificazione) pubblicato sul sito manuale di attuazione LR 22/02 Contatto con responsabile istruttoria o procedimento previo appuntamento ottenibile telefonicamente al numero F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: Notifica inizio attività Sanitaria non invasiva ai sensi della L.R.V. 22/2002 con le modalità previste dalla DGRV 2501/04 e successive modifiche ed integrazioni, per le attività di: - Studio professionale medico con attività non invasiva; - Studio professione Sanitaria non medica (Psicologi ecc.); - Studio professionale fisioterapico, senza utilizzo di apparecchiature elettromedicali. Avverso al provvedimento adottato a dì seguito della verifica della non sussistenza dei requisiti dichiarati e previsti dalla normativa regionale è previsto il Ricorso al Tribunale amministrativo Regionale entro 60 giorni o al Presidente della Repubblica entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; previsto entro il 31/12/2014 nessun pagamento richiesto come da disposizioni Regionali non applicabile il relativo andamento: non applicabile o valutazione di eventuali reclami pervenuti all URP

6 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Presa d'atto comunicazione possesso, cessazione, variazione apparecchi radiologici/sostanze radioattive per le sorgenti che no necessitano di sutorizzazione normativa: DPR 230/95 e succ. mod. - DGRV 1536/2002 Servizio Igiene e sanità Pubblica (SISP) D) Nome del responsabile del procedimento, suoi recapiti telefonici e casella di posta elettronica istituzionale, nonché, ove diverso, dr Maurizio D Agostini dirigente del Servizio Igiene e sanità Pubblica (SISP) tel e mail Relazione firmata dal legale rappresentante Relazione redatta e firmata dall'esperto qualificato Modulo RX Modulo SR I moduli sono disponibili sul sito aziendale Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica Le istanze possono pervenire alla pec: Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 60 gg. Non previsto Ricorso al TAR entro 60giorni o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; aulss 21 legnago previsto per 31/12/2014 Non previsto Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin, tel , il relativo andamento: attualmente non sono previsti questionari, analisi dei reclami giunti all U.R.P.

7 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Verifica idoneità alloggi (insalubrità,sovraffollamento, inabitabilità) Normativa Istruzioni Ministeriali del TULLSS 1265/1934- D.M SISP C) Nome del responsabile del procedimento, suoi recapiti telefonici e casella di posta elettronica istituzionale, nonché, ove diverso, l ufficio competente all adozione del provvedimento finale, con l indicazione del nome del responsabile dell ufficio, unitamente ai Dr. Martinelli Donato tel D) Per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all istanza e la modulistica necessaria, compresi i facsimile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonché gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, Le richieste devono pervenire tramite Sportello o pec il modulo di richiesta è disponibile anche sul sito Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 45 gg tempistica SUAP. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; previsto entro il 31/12/2014 Da Tariffario Regionale DGRV 3888 del31/12/2001 mediante Versamento c/o le Casse ULSS - C/c Postale Bonifico Bancario Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: Analisi e valutazione dei reclami pervenuti all'u.r.p. Allo stato attuale non previsti questionari

8 SERVIZIO INGIENE E SANITA PUBBLICA richiesta di controdeduzioni a scritti difensivi (ricorso amministrativo) presentati ai sensi dell art.18 della Legge L. 689/81, all autorità competente di cui all art.17 della Legge L. 689/81, a seguito di ricorso amministrativo; Richiesta effettuata da parte di amministrazioni comunali; SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA (SISP) Direttore del S.I.S.P. non previsti; Riferimento Segreteria S.I.S.P. Tel. n contatto telefonico con responsabile procedimento con riferimento alla pratica del ricorso. F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: Conclusione del procedimento amministrativo 60 gg. dalla data della richiesta di controdeduzioni; ex art. 2 L.241/90 non previsto; ricorso amministrativo ai sensi dell art. 17 L. 689/81 presso amministrazione comunale competente per il territorio con presentazione di memoria scritta di scritti difensivi. Riferimento. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; non attivo non previsto Direttore del Dipartimento di Prevenzione Dr. Paolo Coin Tel. 0442/ Mail: il relativo andamento: non previsto;

9 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Valutazione segnalazioni/esposti con riferimento alle seguenti normative Regolamenti Comunali (Igiene, Edilizio, Polizia Urbana e Polizia Rurale); Normativa di Settore Nazionale (es. D. L.vo 152/2006) e Regionale; Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale: Dirirente SISP.Dr. Maurizio D Agostini Tel. 0442/ dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze; Non è prevista modulistica specifica; per le informazioni l'ufficio cui è rivolta la segnalazione; orari accesso e recapito presenti sul sito Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 30 gg. Non previsto. Organi giudiziari I) link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; previsto entro il 31/12/2014 Se dovuti: da Tariffario Regionale DGRV 3888 del 31/12/2001 mediante Versamento alle Casse C/C Postale Bonifico Bancario: Banco Popolare Società Cooperativa Filiale di via Roma, 33 legnago Gestione Sanitaria IBAN IT 75 T Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: Analisi degli eventuali reclami pervenuti all URP

10 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA A) Breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili. attività istruttoria utilizzo e deposito gas tossici (commissione) Chi intende realizzare un deposito per gas tossici. deve presentare richiesta di autorizzazione ex articoli 6 e/o 11 del Regio Decreto 147/1927al Sindaco che si basa sul parere favorevole della Commissione Gas Tossici che ha sede presso Il Servizio Igiene e sanità Pubblica della ULSS. la Commissione procede alla valutazione della documentazione presentata al Sindaco e trasmessa dal comune con eventuale verifica presso lo stabilimento; Il procedimento si conclude con il rilascio parere per autorizzazione comunale all impiego dei gas tossici; R.D. 147/1927 Servizio Igiene e sanità Pubblica (SISP) Dr Maurizio D Agostini tel dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze: La domanda di autorizzazione deve essere inoltrata al Comune dove ha sede il deposito di gas tossici che si intende attivare. La documentazione da valutare viene trasmessa dal Comune dove ha sede il deposito La modulistica è reperibile sul portale internet del Servizio o può essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: dalla presentazione della documentazione (90 gg) non è prevista alcuna dichiarazione sostitutiva contro il provvedimento finale del Sindaco è possibile il ricorso al TAR entro 60 giorni o il ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione Attualmente non previsto al momento del sopralluogo, rilascio distinta versamento prestazioni sanitarie come da tariffario regionale Non previsto Direttore del Dipartimento tel il relativo andamento: analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP, allo stato attuale non sono previsti questionari

11 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA L'articolo 27 del decreto legislativo n. 230/1995, come risulta modificato dall'articolo 10 del decreto legislativo n. 241/2000, prevede che "gli impianti, stabilimenti, istituti, reparti, gabinetti medici, laboratori adibiti ad attività comportanti a qualsiasi titolo la detenzione, l'utilizzazione, la manipolazione di materie radioattive, prodotti, apparecchiature in genere contenenti dette materie, il trattamento, il deposito e l'eventuale smaltimento nell'ambiente di rifiuti nonché l'utilizzazione di apparecchi generatori di radiazioni ionizzanti, debbono essere muniti di nulla osta preventivo " che verrà rilasciato dallo Stato o dalla Regione a seconda che si tratti di impiego di sorgenti di categoria A o di categoria B. Con la Legge Regionale n.7 del le competenze autorizzative per le Sorgenti B sono state trasferite alla ULSS Le pratiche riguardanti sorgenti radioattive che non possono per la potenza di emissione essere trattate con notifica necessitano di questa autorizzazione normativa: DPR 230/95 - L.R. n.7 del Servizio Igiene Sanità Pubblica Direttore Generale dott. Massimo Piccoli D)Per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile SISP Dip. Prev. Informazioni: SISP Segreteria Fax Segretario Supplente: Maurizio Chiovetto tel e mail Pec istituzionale: Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 60 gg. Parere Commissione + 90 gg. - Provvedimento del Dir. Gen. Aulss Nessuno Ricorso al T.A.R. entro 60 giorni o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; Previsto allestimento entro il 31/12/2014 Nessuno Direttore Dipartimento Prevenzione Dr. Paolo Coin - tel il relativo andamento: analisi eventuali reclami U.R.P. non sono previsti questionari di gradimento allo stato attuale

12 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUIBBLICA nuovo prove sperimentali con prodotti fitofarmaci non registrati analisi della documentazione allegata all istanza di autorizzazione (SUAP); ispezione sul posto con rilevazione della corrispondenza delle opere realizzate e dei servizi a disposizione dei bagnanti e del personale; Atto di intesa Stato, Regioni, Province Autonome , DGR 1173/2003 valutazione documentazione presentata dal Centro di Saggio; sopralluogo al sito sperimentale all inizio ed alla fine del ciclo di trattamenti; rilascio di certificato di fine prova al Centro di Saggio; Reg. 1107/09, circolare Ministero della Salute 616/44.104/1/6215 del , DGR 650/2005 Servizio Igiene e sanità Pubblica (SISP) Direttore del Servizio tel dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze la documentazione da valutare viene trasmessa per intero dal Centro di Saggio; la modulistica, i recapiti telefonici ed , gli orari per appuntamento, sono reperibili sul portale internet del Servizio Le Istanze vanno indirizzate a E) Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardano Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 30gg è prevista la possibilità da parte del Centro di Saggio, di autocertificare la conclusione della prova sperimentale ricorso al TAR entro 60gg o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120gg. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione Attualmente non attivo, previsto entro il 31/112/ /2013non è previsto il pagamento di tariffe per prestazioni sanitarie Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP allo stato attuale non previsti questionari

13 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Parere per Permesso di costruire Insediamenti Industriali e/o artigianali - Normativa: DPR 380/2001 e succ. mod. D.L.gvo 81/2008 s.m.i - Art. 13 Legge 134/2012 e succ. mod. - Art. 30 D.Lgs. 69/2013 SISP Uffico Edilizia che si avvale anche degli altri servizi del Dipartimento Dr. Martinelli Donato tel D)Per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile Copie elaborati grafici, Copie relazione tecnica., copie scheda informativa regionale, copie scheda informativa semplificata copie elaborati inerenti la progettazione delle Misure preventive e protettive per l'accesso, il transito e l'esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza, relazione tecnica illustrativa, ricevuta versamento, copia intera pratica edilizia su supporto informatico, marche da bollo la documentazione deve pervenire tramite SUAP o dall Ufficio Tecnico Comunale di competenza Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 30gg se tempistica SUAP Asseverazione del tecnico progettista se SUAP Ricorso al TAR entro 60giorni o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; SUAP del Comune di Competenza Da Tariffario Regionale DGRV 3888 del 31/12/2001 mediante c/c postale Versamento alle casse Aulss bonifico bancario: Banco Popolare Società Cooperativa Filiale di via Roma, 33 legnago Gestione Sanitaria IBAN IT 75 T Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: Analisi e valutazioni dei reclami presentati all'u.r.p.

14 SERVIZIO IGIENE PUBBLICA riconoscimento idoneità igienico anitaria carri funebri analisi della documentazione allegata all istanza di autorizzazione (SUAP); ispezione sul posto con rilevazione della corrispondenza delle opere realizzate e dei servizi a disposizione dei bagnanti e del personale; Atto di intesa Stato, Regioni, Province Autonome , DGR 1173/2003 valutazione documentazione presentata dal richiedente; ispezione del carro funebre; rinnovo del libretto di idoneità igienicosanitaria del carro funebre; L.R. 18/2010; D.P.R. 285/90 B) Unità organizzativa responsabile dell istruttoria SISP Dr. Maurizio D Agostini Dirigente del SISP Maurizio D Agostini tel l istanza e la documentazione allegata arrivano tramite SUAP la domanda per il riconoscimento di idoneità igienico-sanitaria dei carri funebri, viene messa a disposizione dal Servizio; la documentazione da valutare viene trasmessa per intero dal richiedente; la modulistica, ove presente e di competenza del Servizio., i recapiti telefonici ed , gli orari per appuntamento, sono reperibili sul portale internet del Servizio E) Modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardano telefonicamente, posta elettronica, personalmente F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: dalla presentazione della documentazione 30 gg non è prevista alcuna dichiarazione sostitutiva Ricorso al TAR entro 60giorni o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; Attualmente non attivo, previsto entro il 31/12/2014 al momento del sopralluogo, rilascio distinta versamento prestazioni sanitarie come da tariffario regionale. il pagamento delle prestazioni sanitarie, come da tariffario regionale, può avvenire presso la cassa ticket dell Ospedale di Legnago e degli altri presidi presenti sul territorio dell ASL 21, mediante bollettino di conto corrente postale intestato alla tesoreria dell ASL 21 Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP allo stato attuale non previsti questionari

15 SERVIZIO IGIENE PUBBLICA A) Breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili: attività istruttoria rilascio licenza amministrativa attività di acconciatore, estetista e tatuatore. Parere per apertura di attività di acconciatore, estetica artigiana, tatuatore e piercing. analisi della documentazione allegata all istanza di autorizzazione (SUAP); ispezione sul posto con rilevazione della corrispondenza delle opere realizzate e dell idoneità delle apparecchiature per l esercizio di attività di estetica e certificazione dei pigmenti per l attività di tatuaggio; L. 1/1990, DM 110/2011, DGR 440/2010, DGR 11/2013 Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Dr. Maurizio D Agostini Dirigente del SISP tel dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze : SUAP del Comune dove ha sede l attività per informazioni sull endoprocedimento F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante 30gg tempistica SUAP non è prevista alcuna dichiarazione sostitutiva ricorso al TAR entro 60gg o al Capo dello Stato entro 120 gg I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; SUAP del comune dove ha sede l attività. il pagamento delle prestazioni sanitarie, come da tariffario regionale, può avvenire presso la cassa ticket dell Ospedale di Legnago e degli altri presidi presenti sul territorio dell ASL 21, mediante bollettino di conto corrente postale intestato alla tesoreria dell ASL 21; Direttore del Dipartimento tel il relativo andamento analisi e valutazione dei reclami pervenuti all URP allo stato attuale non previsti questionari

16 SERVIZIO IGIENE PUBBLICA attività istruttoria per utilizzo gas tossici per fumigazioni di terreni e depositi derrate analisi della documentazione allegata all istanza di autorizzazione (SUAP); Rilascio di nulla igienico-sanitario all impiego dei gas tossici alla Ditta da allegare all istanza da presentare alla Questura; R.D. 147/1927 nel caso di utilizzo di gas tossici per fumigazioni dei terreni agricoli e dei depositi di derrate; Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale; dr Maurizio D Agostini dirigente SISP tel la modulistica, ove presente e di competenza del Servizio, i recapiti telefonici ed , gli orari per appuntamento, sono reperibili sul portale internet del Servizio all indirizzo Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: dalla presentazione della documentazione (90 gg) non prevista ricorso al TAR entro 60gg o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120gg. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; Attualmente non attivo, previsto per il 31/12/2014 rilascio distinta versamento prestazioni sanitarie come da tariffario regionale, il pagamento è possibile tramite Bollettino postate, cassa aziendale, bonifico bancario Direttore del Dipartimento tel il relativo andamento: Analisi e valutazione dei reclami pervenuti all'u.r.p. Allo stato attuale non previsti questionari

17 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Parere Opere Pubbliche a) URBANISTICA (PRG, Lottizzazioni) - Normativa Regionale: LR. 11/2004 s. m. i., LR. 61/1985 s.m.i.; b) EDILIZIA CIMITERIALE Normativa Statale: DPR 285/1990 e s. m. i.; Normativa Regionale: LR. 18/2011 e DGRV 1807/2011; c) EDILIZIA SCOLASTICA Normativa Statale: DM 18/12/1975 s. m. i.; d) EDILIZIA SANITARIA E SOCIALE Normativa Nazionale: DPR 380/2001 s.m.i., D.L.vo 81/2008 s.m.i., Norme di Settore; Normativa Regionale: LR. 22/2002 s.m.i e Norme di Settore; e) EDILIZIA SPORTIVA Normativa Nazionale: DPR 380/2001, D.L.vo 81/2008 s.m.i., Norme CONI Delibera n del 2008; SISP e Servizi del Dipartimento Dr. Donato Martinelli Tel. 0442/ Dr. Maurizio D Agostini Tel. 0442/ Edilizia Copie elaborati grafici, Copie relazione tecnica, Copie scheda informativa regionale, Copie scheda informativa semplificata Copie elaborati inerenti la progettazione Opere in Quota (elaborati grafici e relazione tecnica), Ricevuta Versamento, Copia intera pratica edilizia su supporto informatico), Marche da bollo La documentazione deve pervenire tramite SUAP o tramite l Ufficio Tecnico Comunale Competente Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 60 gg Non previsto Ricorso al TAR entro 60gg o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120gg I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione: prevista attivazione entro 31/12/2014 Da Tariffario Regionale DGRV 3888 del 31/12/ Versamento alle Casse ULSS C/C postale - Bonifico Bancario Direttore del Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: Analisi dei reclami pervenuti all'u.r.p..

18 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Istruttoria Autorizzazione Case di Cura Normativa Nazionale: DPR 380/2001, D. L.gvo 81/2008 s.m.i., Norma di Settore DPCM 27/06/1986; Normativa Regionale: 68/1985 e LR. 22/2002 s.m.i. SISP e Servizi del Dipartimento Dr. Maurizio D Agostini Tel. 0442/ Edilizia: Homepage aziendale >Informazioni e Moduli >Modulistica >Concessioni>Modulistica per Concessioni Attività Copie elaborati grafici Copie relazione tecnica Copie scheda informativa regionale Copie scheda informativa semplificata Copie elaborati inerenti la progettazione Opere in Quota Ricevuta versamento Copia intera pratica edilizia su supporto informatico Marche da bollo Per informazioni rivolgersi al SISP ai numeri telefonici , o tramite casella di posta elettronica F) Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante: 90 gg. non prevista ricorso al TAR entro 60gg o ricorso al Capo dello Stato entro 120gg I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione; Attualmente non attivo, previsto per il 31/12/2014 Da Tariffario Regionale DGRV 3888 del 31/12/2001 mediante Versamento alle casse Ulss - C/ C Postale. Bonifico Bancario Direttore Dipartimento dr Paolo Coin tel il relativo andamento: Analisi dei reclami pervenuti all'u.r.p...

19 SERVIZIO SPISAL A) VIDIMAZIONE REGISTRO INFORTUNI I registri infortuni (L. 1124/1965, D.Lgs. 626/1994, D.Lgs, 81/2008) devono essere vidimati dal Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell'ulss competente per territorio. Nei registri i datori di lavoro annotano cronologicamente gli infortuni che comportano un'assenza dal lavoro di almeno un giorno. B) Unità organizzativa responsabile del procedimento: Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro C) Responsabile del procedimento: Dr. Marco Bellomi, direttore SPISAL, tel (segreteria del Servizio), pec: DI) Come indicato anche nel sito internet del Dipartimento di Prevenzione (Modulistica SPISAL: per vidimare i registri infortuni è necessario recarsi presso una delle due sedi del Servizio negli orari di apertura al pubblico (il lunedì dalle alle o il mercoledì dalle 9.00 alle Legnago, via Frattini 48: tel Bovolone, via Cappa: tel ) con il registro da vidimare, la attestazione di pagamento della prestazione e la richiesta di vidimazione (utilizzando l'apposita modulistica richiesta di vidimazione del registro infortuni ). Nel caso che la richiesta sia motivata dallo smarrimento del registro precedente è necessario presentare anche la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (con l'apposito modello dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ). In alternativa il registro può essere spedito al seguente indirizzo: SPISAL Ulss 21, Via Gianella Legnago (VR), allegando la richiesta di vidimazione, l'attestazione di pagamento ed una busta affrancata per la restituzione. Il pagamento della tariffa di 10,00 (per ogni registro) può essere effettuato a mezzo versamento sul C.C.P intestato all'azienda Ulss 21 Legnago (VR) Servizio Tesoreria indicando il codice prestazione oppure direttamente presso le Casse ticket dell'ulss 21 ubicate presso l'ospedale di Legnago e i Punti Sanità di Cerea, Nogara, Bovolone, Zevio (con l'apposito modello pagamento prestazione ) indicando il codice prestazione Modulistica pubblicata nel sito internet sopraindicato: richiesta vidimazione registro infortuni dichiarazione sostitutiva atto di notorietà (necessaria qualora il motivo della richiesta sia lo smarrimento del registro precedente) pagamento prestazione (per l'eventuale versamento presso le Casse ticket dell'ulss 21) telefonicamente (sede di Legnago tel , sede di Bovolone tel ); è inoltre possibile utilizzare la o la posta elettronica certificata nel sito internet del Dipartimento di Prevenzione (Sedi, orari e contatti SPISAL: sono pubblicati i numeri di telefono di tutti gli operatori e si trovano le indicazioni stradali per raggiungere le due sedi del Servizio (Legnago via Frattini 48 e Bovolone via Cappa). F) Termine del procedimento: 7 giorni non pertinente al procedimento segnalazione al responsabile del procedimento I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione: 31 dicembre 2014 come indicato nel punto D Dr. Paolo Coin, direttore Dipartimento di Prevenzione, tel (segreteria del Dipartimento), pec: il relativo andamento: allo stato attuale non previsti questionari

20 SERVIZIO SPISAL A) RICORSO AVVERSO AL GIUDIZIO DEL MEDICO COMPETENTE L articolo 41 comma 9 del Decreto Legislativo 81/2008 concede ai lavoratori ed ai datori di lavoro di ricorrere all organo di vigilanza (SPISAL) contro i giudizi di idoneità; idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni; inidoneità temporanea; inidoneità permanente formulati dai medici competenti a seguito degli accertamenti sanitari di cui allo stesso articolo. B) Unità organizzativa responsabile del procedimento: di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro C) Responsabile del procedimento: Dr. Marco Bellomi, Direttore SPISAL, tel (segreteria del Servizio); pec: D) Come indicato anche nel sito internet del Dipartimento di Prevenzione (Modulistica SPISAL: il ricorso può essere presentato al Servizio SPISAL dell ULSS nel cui territorio è ubicata l azienda entro 30 giorni dal ricevimento del giudizio del medico competente. Quando il ricorso è inviato a mezzo posta la data di presentazione corrisponde alla data di spedizione. Per il ricorso è stata predisposta apposita modulistica: ricorso del lavoratore ; ricorso del datore di lavoro. Di norma per la valutazione di competenza sono richieste, oltre alla copia del giudizio, informazioni e documentazione: DII) da parte del medico competente: copia della cartella sanitaria di rischio e della relativa documentazione sanitaria, descrizione delle mansioni svolte dall interessato, fattori di rischio per i quali viene sottoposto ad accertamenti sanitari e protocollo di sorveglianza sanitaria, eventuali osservazioni ed ulteriori documenti; DIII) da parte del datore di lavoro: descrizione delle mansioni svolte dall interessato, dei relativi rischi e delle misure di prevenzione adottate (come da valutazione dei rischi ex D.Lgs. 81/08), eventuali osservazioni ed ulteriori documenti; DIV) da parte del lavoratore: descrizione delle mansioni svolte, documentazione sanitaria relativa alle eventuali patologie che l hanno indotto a presentare il ricorso, eventuali osservazioni ed ulteriori documenti. Successivamente il lavoratore viene invitato a visita medica (dove può farsi assistere da un medico di fiducia) e, se necessario, si provvede ad approfondimento diagnostico ed a un sopralluogo in azienda. Modulistica pubblicata nel sito internet sopraindicato: ricorso del lavoratore ricorso del datore di lavoro telefonicamente presso la sede di Legnago (segreteria tel ); è inoltre possibile utilizzare la o la posta elettronica certificata nel sito internet del Dipartimento di Prevenzione (Sedi, orari e contatti SPISAL: sono pubblicati i numeri di telefono di tutti gli operatori e si trovano le indicazioni stradali per raggiungere le due sedi del Servizio (Legnago via Frattini 48 e Bovolone via Cappa). F) Termine del procedimento: 60 giorni non pertinente al procedimento segnalazione al responsabile del procedimento - contro il provvedimento dello SPISAL è ammesso ricorso entro 60 giorni al T.A.R. competente ed entro 120 giorni al Presidente della Repubblica. I) Link di accesso al servizio on line, ove già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione: 31 dicembre 2014 non pertinente al procedimento Dr. Paolo Coin, direttore Dipartimento di Prevenzione, tel (segreteria del Dipartimento), pec: il relativo andamento: allo stato attuale non previsti questionari

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dirigente Responsabile: dott. Liviano Vianello Descrizione/ oggetto del procedimento e fonte normativa e/o regolamentare

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Sportello Unico per le Attività Produttive PRAT. SUAP PROT. DEL / / PERCORSO GUIDATO ALLA INDIVIDUAZIONE DEGLI ENDOPROCEDIMENTI E DELLA DOCUMENTAZIONE MINIMA PER INOLTRO

Dettagli

Attività artigianali Estetisti / Tatuatori

Attività artigianali Estetisti / Tatuatori Attività artigianali Estetisti / Tatuatori Descrizione L attività di estetista comprende tutti i trattamenti e le prestazioni eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo o prevalente

Dettagli

Accreditamento di aziende o fattorie didattiche

Accreditamento di aziende o fattorie didattiche PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 2 - SERVIZIO

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea PRESIDENZA / ASSESSORATO:

Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea PRESIDENZA / ASSESSORATO: PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 2 - SERVIZIO

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro

Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008. SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli ambienti di Lavoro Carta dei Servizi rev. 1 del 20 novembre 2008 SPISAL negli ambienti di Lavoro Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di Prevenzione negli Ambienti di Lavoro Sede centrale: Valeggio sul Mincio, via

Dettagli

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Lavoro e ambiente La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Il Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (PSAL) garantisce la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPITATO IN TUTTE

Dettagli

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI

Dettagli

Riscossione della tariffa fitosanitaria

Riscossione della tariffa fitosanitaria PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI

Dettagli

OCM VINO - Rilascio nulla osta per acquisto diritti fuori Regione

OCM VINO - Rilascio nulla osta per acquisto diritti fuori Regione PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 2 - SERVIZIO

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELL'ECONOMIA APPROVAZIONE STATUTI BANCHE A CARATTERE REG.LE

ASSESSORATO REGIONALE DELL'ECONOMIA APPROVAZIONE STATUTI BANCHE A CARATTERE REG.LE PRESIDENZA / ASSESSORATO: ASSESSORATO REGIONALE DELL'ECONOMIA DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: DIPARTIMENTO DELLE FINANZE E DEL CREDITO Procedimento: Materia: Altro APPROVAZIONE STATUTI BANCHE A

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPILATO IN TUTTE

Dettagli

VIDIMAZIONE REGISTRO INFORTUNI

VIDIMAZIONE REGISTRO INFORTUNI VIDIMAZIONE REGISTRO INFORTUNI Il Registro Infortuni è uno strumento informativo per la conoscenza del fenomeno infortunistico aziendale. Risulta utile sia alla stessa impresa per elaborare valutazioni

Dettagli

ALL ART. 3 LETTERA A)

ALL ART. 3 LETTERA A) BANDO ANNO 2015 DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALE E/O MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE. Art. 1 Finalità L Amministrazione Comunale

Dettagli

Procedimenti amministrativi 1

Procedimenti amministrativi 1 Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013) Com/AETP.01 A1) Breve descrizione del procedimento ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E BARBIERE - APERTURA A2) Indicazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE RICORSO AVVERSO IL GIUDIZIO DI IDONEITA DEL MEDICO COMPETENTE Il medico competente

Dettagli

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI

Dettagli

U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA. Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti

U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA. Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti Per ciascuna tipologia di procedimento: Riferim ento normat ivo Art. 5 c.1 lett. A) d.lgs n./20 1 Responsabile

Dettagli

Assessorato regionale della famiglia delle politiche sociali e del lavoro. contributi per formazione orfani di vittime della mafia

Assessorato regionale della famiglia delle politiche sociali e del lavoro. contributi per formazione orfani di vittime della mafia PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale della famiglia delle politiche sociali e del lavoro DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento della famiglia e delle politiche sociali, v. Trinacria

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Descrizione Riguarda le attività contemplate dai R.R. n. 16/2008 e 8/2015 affittacamere, ostelli per la gioventù, case ed appartamenti

Dettagli

PREMESSA PRESENTAZIONE DI COSA CI OCCUPIAMO Vigilanza: Attività sanitarie: Attività amministrative - autorizzative:

PREMESSA PRESENTAZIONE DI COSA CI OCCUPIAMO Vigilanza: Attività sanitarie: Attività amministrative - autorizzative: INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 Di cosa ci occupiamo Pag. 4 Le caratteristiche del Servizio Pag. 3 Come contattarci Pag. 4 Operatori Pag. 5 Come arrivare alla struttura Pag. 5 Segnalazioni

Dettagli

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Marca da bollo Euro 14,62 AL COMUNE DI PIETRA LIGURE SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE OGGETTO: Istanza per l apertura di una sala giochi ai sensi degli articoli 86 e 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01 Via Conte Verde, 125-14100 ASTI Casella Postale 130 Tel. +39 0141.481111 Fax. +39 0141.484095 e-mail: protocollo@pec.asl.at.it P.I. / Cod. Fisc. 01120620057 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE INDICE 1) REGISTRAZIONE AL PORTALE REGISTRAZIONE AL PORTALE DELLE PERSONE GIURIDICHE REGISTRAZIONE E ACCESSO AL PORTALE DEGLI INTERMEDIARI REGISTRAZIONE AL PORTALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1136 Settore Attività Economiche e di Servizio - SUAP DIVISIONE COMMERCIO Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non richiesta) agenzia d affari per disbrigo pratiche

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti ATTIVITÀ SVOLTA IN AMBIENTI INTERRATI E SEMINTERRATI RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Igiene degli abitati urbani art.li 216 del T.U.LL.SS. R.D. 1265/34; D.M.S. 05/09/1994 DPR 06/06/2001 n 380 Igiene del

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Disposizione Operativa Generale N 1 SORVEGLIANZA SANITARIA VERSIONE DATA DI PREPARATA DA APPROVATA DA EMISSIONE 00 3 MARZO 2009 SPP DG INDICE 1. Scopo 2. Applicabilità 3. Riferimenti

Dettagli

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i.

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

PAS VARIANTE ALLA PAS (Prot. N. del / P.E. n. / )

PAS VARIANTE ALLA PAS (Prot. N. del / P.E. n. / ) PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (P.A.S.) ai sensi degli artt. 19 L. 241/1990 e ss.mm.ii., art. 16 L.R. 39/2005 e art. 6 del D.Lgs. 03.03.2011 n 28, relativa alla realizzazione di impianti alimentati

Dettagli

Settore pianificazione, edilizia e ambiente / edilizia e urbanistica

Settore pianificazione, edilizia e ambiente / edilizia e urbanistica Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013) Urb.01 A1) Breve descrizione del procedimento accesso con rilascio di attestazione di copia conforme di atti

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI PROCEDIMENTI AD ISTANZA DI PARTE DESTINATI ALLA

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI PROCEDIMENTI AD ISTANZA DI PARTE DESTINATI ALLA SCHEDA DI RILEVAZIONE DEI PROCEDIMENTI AD ISTANZA DI PARTE DESTINATI ALLA PUBBLICAZIONE SUL SITO ISTITUZIONALE DELL AZIENDA NELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ALLA SOTTO-SEZIONE DI I LIVELLO ATTIVITÀ

Dettagli

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura Area 5 Affari generali, risorse umane, servizi comuni e flussi documentali

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura Area 5 Affari generali, risorse umane, servizi comuni e flussi documentali PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura Area 5 Affari generali,

Dettagli

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Nella tabella sono riportati i principali riferimenti normativi vigenti alla data del 1/7/2014, fatte salve

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

Cittadini. a1) Riferimenti normativi utili. D.Lgs. 22.1.2004, n. 42 e ss.mm.ii. Codice dei Beni culturali e del paesaggio art. 21

Cittadini. a1) Riferimenti normativi utili. D.Lgs. 22.1.2004, n. 42 e ss.mm.ii. Codice dei Beni culturali e del paesaggio art. 21 PRESIDENZA / Assessorato regionale dei beni culturali e dell'identità ASSESSORATO: siciliana DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Beni culturali e dell'identità siciliana Servizio Soprintendenza per

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA SCIA ONLINE INDICE 1) REGISTRAZIONE AL PORTALE REGISTRAZIONE AL PORTALE DELLE PERSONE GIURIDICHE REGISTRAZIONE E ACCESSO AL PORTALE DEGLI INTERMEDIARI REGISTRAZIONE AL PORTALE

Dettagli

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it Uffici Comunali Polizia Locale Area: Polizia Locale Responsabile U.O. Ten Campana Alessandro Sede Via Padre Angelo Cerbara,80 06/069703033 dal Lunedi al Venerdi 08,00-12,00 Comune 06/9703364 solo attività

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale della salute. DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento Pianificazione Strategica

PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale della salute. DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento Pianificazione Strategica PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale della salute DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento Pianificazione Strategica Procedimento: "Controllo di gestione e valutazione del risultato"

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE Approvato con atto C.C. n 127 del 18/12/1996 Modificato con successivo atto C.C. n 76 del 16/11 /2000 Modificato con successivo atto C.C. n.59

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1131 Settore Attività Economiche e di Servizio - SUAP DIVISIONE COMMERCIO Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non richiesta) agenzia d affari segnalazione certificata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell'identità Siciliana

Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell'identità Siciliana PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell'identità Siciliana DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dei beni culturali e dell'identità siciliana - Servizio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) Art. 19 Legge 7 Agosto 1990, n. 241 Attività di acconciatore, estetista, tatuaggi e piercing La presente SCIA deve essere inviata in modalità telematica

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività Edilizia

Denuncia di Inizio Attività Edilizia B_modulo DIAE rev.6 del 20.04.2015 Al sig. Sindaco del Comune di Trebaseleghe: Denuncia di Inizio Attività Edilizia redatta ai sensi e per gli effetti dell art. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 OGGETTO: Il/

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 VISTO il Decreto legislativo 22 ottobre 2009 n. 150 all art. 11 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche attraverso

Dettagli

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A.

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A. COMUNE DI OPPEANO Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica Al Responsabile UTC Ed. Priv./Urbanistica del Comune di Oppeano (VR) P.zza G. Altichieri, n. 1 37050 OPPEANO (VR) DENUNCIA DI

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Polizia Municipale. Pratiche artigianato

Polizia Municipale. Pratiche artigianato Polizia Municipale L unità operativa Polizia Municipale si occupa di tutte le varie problematiche, inerenti alla vigilanza in materia stradale, edilizia e rurale, circoscritte nell ambito del territorio

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1131 Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP Pianificazione Commerciale DIREZIONE COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non

Dettagli

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 > Ai Comuni della Regione Sardegna LORO SEDI > Ai Commissari delle Aziende Sanitarie Locali LORO SEDI Oggetto: Delibera della Giunta Regionale n. 34/26 del 18/10/2010.

Dettagli

Nuova attività Modifica attività

Nuova attività Modifica attività Sportello per l Esercizio delle Attività Produttive del Comune di Genova Via di Francia 1-16149 Genova seap@comune.genova.it ANAGRAFICA Rettifica ragione sociale Subentro (igiene) Nuova attività Modifica

Dettagli

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO

DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Modello 5a (Aggiornato a Aprile 2015) INTESTATA A Il/la sottoscritto/a nato/a a Provincia il residente a/con sede

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE OGGETTO: COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER ATTIVITA ARTIGIANALI -INDUSTRIALI NON ALIMENTARI E NON SOGGETTE AD AUTORIZZAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA, DIRITTO ALLO STUDIO

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA, DIRITTO ALLO STUDIO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G02335 del 09/03/2015 Proposta n. 3038 del 04/03/2015

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee?

Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee? Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee? Il DPR 160/2010 prescrive che la presentazione delle Segnalazioni o delle Istanze allo Sportello Unico comunale

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0057913 / 2014 Atto N. 2416 OGGETTO: Autorizzazione Unica Ambientale

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO A INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO Codice Nome del procedimento Tipologia Esercizio di somministrazione di alimenti e bevande Mod. 11SOMM all interno di impianti sportivi, cinema, teatri, e simili [1] SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE Determina Dirigenziale N. 8657 del 25/11/2014 Protocollo N. 169773/2014 Firmato digitalmente da LASTELLA CATALDO Edilizia pubblica, Territorio e Ambiente DETERMINAZIONE Oggetto: D. Lgs.n. 152/2006, artt.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 6 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 81 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE CAPO I Disposizioni generali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO A INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO Codice Nome del procedimento Tipologia Esercizio di somministrazione di alimenti e bevande Mod. 14SOMM presso impianti stradali di distribuzione di carburanti [1] SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Al Comune della Spezia / SUAP Sportello Unico Attività Produttive PEC: suap.comune.laspezia@legalmail.it

Al Comune della Spezia / SUAP Sportello Unico Attività Produttive PEC: suap.comune.laspezia@legalmail.it COMUNE DELLA SPEZIA PE-03 2015.02 Sportello Polivalente Imprese SUAP - C.D.R. COMMERCIO ATTIVITA PRODUTTIVE P.zza Europa 1 19124 La Spezia Tel. 0187.727705 www.comune.sp.it - PEC: suap.comune.laspezia@legalmail.it

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di. (Cognome), (Nome). SEGNALA

OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di. (Cognome), (Nome). SEGNALA SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di laboratorio di (art. 19 legge 241/90 s.m.i;, D.Lgs. n. 59/2010; Legge

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.)

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) INORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), previsto dal D.Lgs. n. 112/98, in attuazione della legge

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Regolamento comunale per l'esercizio dell'attività di estetista CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

SCHEDA DEI PROCEDIMENTI. DIREZIONE VI POLIZIA MUNICIPALE, S.U.A.P. e PROTEZIONE CIVILE

SCHEDA DEI PROCEDIMENTI. DIREZIONE VI POLIZIA MUNICIPALE, S.U.A.P. e PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE VI POLIZIA MUNICIPALE, S.U.A.P. e PROTEZIONE CIVILE Dirigente: DOTT. ANTONIO CLAUDIO OREFICE 08336/566514 0836/564767 polizia municipale@comune.galatina.le.it SERVIZIO I Comando, Traffico e Viabilità,

Dettagli

Settore-Corpo di Polizia Locale

Settore-Corpo di Polizia Locale Settore-Corpo di Polizia Locale Al settore, suddiviso nell Ufficio di Polizia Locale ed Amministrativa e nella Squadra Operativa, compete l attività di polizia sul territorio: polizia amministrativa, polizia

Dettagli

Marca da bollo Alla Regione Lazio Area Sanità Veterinaria Via R. Raimondi Garibaldi, 7 00145 Roma

Marca da bollo Alla Regione Lazio Area Sanità Veterinaria Via R. Raimondi Garibaldi, 7 00145 Roma ISTANZA RICONOSCIMENTO AI SENSI DEL REG. (CE) 853/2004 Marca da bollo Alla Regione Lazio Area Sanità Veterinaria Via R. Raimondi Garibaldi, 7 00145 Roma Per il tramite del Servizio Veterinario Asl di Rieti

Dettagli

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n.

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di acconciatore Legge 17 agosto 2005, n. 174 Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

La Pubblica Amministrazione per l'impresa

La Pubblica Amministrazione per l'impresa reg. suap La Pubblica Amministrazione per l'impresa È disponibile la Circolare interministeriale che anticipa il contenuto di un decreto ministeriale che individua le misure indispensabili per attuare,

Dettagli

SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA (SISP) CONTROLLI SULLE IMPRESE (art. 25, lett. a) e b), D.L.vo n. 33/2013)

SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA (SISP) CONTROLLI SULLE IMPRESE (art. 25, lett. a) e b), D.L.vo n. 33/2013) Settore di attività dell'impresa 1. Prestazioni di servizi alla persona: attività di parrucchiere, estetista, tatuaggio e piercing e simili 2.Attività recettive: strutture turistiche ed aperte al pubblico

Dettagli

Oggetto: Domanda di permesso di costruire. 1

Oggetto: Domanda di permesso di costruire. 1 Marca da bollo. 14,62 Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Lazise Oggetto: Domanda di permesso di costruire. 1 RICHIEDENTE (cognome e nome o denominazione ditta) nato a il / / Residente 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ DELL'ALLOGGIO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ DELL'ALLOGGIO Allegato A COMUNE DI FORNOVO DI TARO (PR) PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ DELL'ALLOGGIO 1 Articolo 1 - Ambito d'applicazione Il presente regolamento disciplina

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19 L. 241/1990 e s.m.i.).

RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19 L. 241/1990 e s.m.i.). Al Comune di n. Pratica SUAP Sportello Unico Attività Produttive del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA ATTIVAZIONE DI PROCEDIMENTO UNICO (art.5 e 7 D.P.R. 07/09/2010 n.160, art.19

Dettagli

AVVISO DI ATTIVAZIONE INDUSTRIA INSALUBRE - Art. 216 R.D. 27.07.34 n 1265 TULLSS - (presentare 15 gg. prima dell inizio dell attività)

AVVISO DI ATTIVAZIONE INDUSTRIA INSALUBRE - Art. 216 R.D. 27.07.34 n 1265 TULLSS - (presentare 15 gg. prima dell inizio dell attività) AVVISO DI ATTIVAZIONE INDUSTRIA INSALUBRE - Art. 216 R.D. 27.07.34 n 1265 TULLSS - (presentare 15 gg. prima dell inizio dell attività) Parte riservata all Ufficio Cod. Ditta n. Pratica n. Al Signor Sindaco

Dettagli

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 OGGETTO: Decreto Legislativo 27 maggio 1999 n. 165 - Decreto Ministeriale 27 marzo 2008 e D.G.R. 17 ottobre 2008 n. 725. Autorizzazione all attività di Centro

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del COMUNE DI MASER

Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del COMUNE DI MASER Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia del COMUNE DI MASER Marca da bollo 16,00 DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI E ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ (legge n. 98/2013 art. 30 ) TOTALE PARZIALE PARZIALE

Dettagli

Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici

Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici Denominazione ufficio: Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici N. Scheda Denominazione Procedimento Acquisizione di beni e servizi per l'informatica: provvedimenti di aggiudicazione delle

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALLE IMPRESE DI AUTORIPARAZIONE PER L'ESECUZIONE DELLE REVISIONI E CONTROLLO AMMINISTRATIVO SULLE IMPRESE AUTORIZZATE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (art. 19 Legge 07.08.1990 n. 241 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (art. 19 Legge 07.08.1990 n. 241 e s.m.i.) COMUNE di PESCHIERA del GARDA Città turistica e d arte Piazzale Cesare Betteloni, 3-37019 Peschiera del Garda - Tel.045/6400600 - fax 045/7552901 UFFICIO TECNICO AREA EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA SEGNALAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Ufficio di riferimento: Sportello Unico per l Immigrazione della Provincia di appartenenza.

Ufficio di riferimento: Sportello Unico per l Immigrazione della Provincia di appartenenza. ISTRUZIONI per la conversione del permesso di soggiorno rilasciato per motivi di studio o formazione a permesso di soggiorno per lavoro autonomo. (art. 6 del D.Lgs. 286/98 e s.m.i. e art. 14 del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 25 del 04/03/2013

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 25 del 04/03/2013 COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 25 del 04/03/2013 OGGETTO: RIMOZIONE E BONIFICA TERRENO SITO IN VIA LEGA LATINA FG. 6 PART. 1391 IL SINDACO Vista la relazione prot. 110885 del

Dettagli

Tipologie di procedimento ai sensi dell'art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013

Tipologie di procedimento ai sensi dell'art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013 Breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili. Unità organizzativa responsabile dell istruttoria. Responsabile del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici

Dettagli

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico ALLEGATO 1 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. DELL UNIONE N. DEL UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA

Dettagli

RUOLO DEGLI ENTI PUBBLICI NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

RUOLO DEGLI ENTI PUBBLICI NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO RUOLO DEGLI ENTI PUBBLICI NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO I.S.P.E.S.L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro SEDE CENTRALE: Pubblicazioni, ricerca,

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA 1 IL MEDICO COMPETENTE chi è? medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente 2 Disposizioni di legge Rischi / lavorazioni/

Dettagli

Provvedimento Unico n 539 del 24/03/2015. Codice univoco SUAP 3690 Num. Prot. 85 Data prot. 08/01/2015

Provvedimento Unico n 539 del 24/03/2015. Codice univoco SUAP 3690 Num. Prot. 85 Data prot. 08/01/2015 P.M.ARREDAMENTI S.R.L. CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DA PRODOTTI "NO FOOD" A DEPOSITO DI MATERIALI LIGNEI PRETAGLIATI PER L'ASSEMBLAGGIO DI ARREDAMENTI DI CASE E UFFICI E CONTESTUALE PROGETTO PER L'APPROVAZIONE

Dettagli