L ESECUZIONE DEL CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ESECUZIONE DEL CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI PUBBLICI"

Transcript

1 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ANCE CONFINDUSTRIA CUNEO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI L ESECUZIONE DEL CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI PUBBLICI Compendio a schede a cura di Giacomo Tassone GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 97

2 gruppo giovani imprenditori edili edili ance ance confindustria cuneo cuneo l esecuzione del contratto di appalto di lavori pubblici Compendio a schede Aggiornato al D.P.R. n. 207/2010 (Nuovo regolamento appalti) e al d.l. 70/2011 convertito con l. n. 106/2011 a cura di giacomo tassone

3 2011 confindustria cuneo unione industriale della provincia di cuneo corso dante, cuneo tutti i diritti sono riservati. e vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi strumento. testi a cura di giacomo tassone Stampa: Tipolitoeuropa Cuneo giacomo tassone è responsabile dell ufficio legale di confindustria cuneo.

4 Premessa PREMESSA si è voluto realizzare un manualetto a schemi per fornire, a chi si divide fra cantieri e uffici, uno strumento utile di lavoro. vorrebbe essere un vademecum da consultare al bisogno, una bussola da cui ricevere i primi essenziali orientamenti sulla disciplina dell esecuzione del contratto di appalto di lavori pubblici. non è un testo di studio, ma uno strumento di supporto a chi della materia ne abbia una frequentazione quotidiana e professionale. i contenuti tengono conto delle novità previste dal dpr n. 207 del 5 ottobre 2010 (nuovo regolamento appalti), pur mantenendo, in un confronto testuale diretto, anche la disciplina del vecchio dpr n. 554/1999 destinata gradualmente ad uscire di scena, ma che ancora trova vigenza in questa lunga transizione. al fine di agevolare questo passaggio di consegne tra vecchio e nuovo regolamento sì è voluto evidenziare con il colore blu le novità e con un sottofondo azzurro chiaro quelle parti che invece, a regime, saranno abrogate e sostituite dalla nuova normativa. analogo aggiornamento è stato compiuto per le novità introdotte dal d.l. n.70/2011, poi convertito con la l. n. 106/2011, che sono state inserite in grigio. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 3

5 Prefazione Il ginepraio di norme e la frequente difficoltà di individuare con certezza i tempi e i modi dell iter procedimentale dei lavori pubblici è stato spesso tema di confronto e dibattito tra noi giovani imprenditori edili. Abbiamo avvertito la necessità di avere uno strumento adatto ai tempi, da poter consultare in cantiere e in ufficio, che potesse esser utile sia per gli imprenditori e i tecnici, che per chi opera nella Pubblica Amministrazione; una raccolta sintetica, ma esaustiva, di facile e rapida consultazione, in una veste grafica di immediata comprensione, insomma: qualcosa che aiutasse gli addetti ai lavori a non rimanere imprigionati nella palude normativa di settore. è nata così l idea di realizzare un manuale che costituisse una sorta di prontuario per sciogliere con rapidità i dubbi e le domande in merito. Grazie alla grande professionalità di Giacomo Tassone, responsabile del nostro Ufficio legale, è stato possibile sviluppare il progetto, che oggi, con grande entusiasmo presentiamo a tutti. L opera è il frutto della grinta dei giovani imprenditori edili di Cuneo. Con questa goccia d acqua in mezzo al mare vogliamo gridare, in un momento storico di gravissima crisi economica, la passione per il nostro lavoro e la volontà delle giovani generazioni imprenditoriali di poter lavorare con regole certe e chiare, efficaci ed efficienti, con lo stimolo di mantenere quanto ci han dato i nostri predecessori e di lasciare, a chi ci seguirà, un Paese moderno in cui poter continuare a costruire. CUNEO, lì 20 gennaio 2012 Elena Lovera presidente GGI ANCE Cuneo ( ) 4 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

6 Prefazione Mi complimento con Elena per l idea, dinamica e lungimirante, e per come, con tanto lavoro ed energia e grazie alla collaborazione dell ufficio Legale della nostra Associazione e del nostro Consiglio direttivo dei Giovani imprenditori edili, sia riuscita a trasformarla in tempi brevi in questo manuale. E un connubio giuridico-imprenditoriale che unisce e agevola la comprensione di istituti importanti e complessi. Offre un link, una sponda tecnica al lettore, che lo può utilizzare al bisogno. Con pazienza, abbiamo visto continui cambiamenti della normativa di riferimento durante la stesura e la lettura della bozza del manuale, specialmente in questo ultimo periodo. Siamo partiti ragionando sul DPR n. 554/99 per poi seguire l estenuante parto del DPR 207/2010 e i successivi aggiustamenti apportati dal D.L. n.70/2011 poi convertito in L. n. 106/11, senza contare i cambiamenti altalenanti di normative collegate al manuale che interferiscono sempre con il mondo dell edilizia. Sono onorato di poter scrivere questa prefazione e occupo queste ultime righe per sottolineare che questo manuale è una dimostrazione di amor proprio verso il nostro settore, per qualità e contenuti, per dedizione e lavoro. L auspicio è che sia soprattutto uno stimolo per i giovani che continuano ed intraprendono questa professione a viverla con passione e piacere e a costruirsela mattone su mattone. Un plauso sincero e di cuore a tutti coloro che hanno collaborato alla stesura di questo manuale per il lavoro svolto e l impegno profuso. CUNEO, lì 25 gennaio 2012 Gianluca Malacrino Presidente GGI ANCE Cuneo GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 5

7 6 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

8 Abbreviazioni ABBREVIAZIONI committente qualunque soggetto pubblico o privato che sia tenuto nell affidamento di appalti o concessioni di lavori, servizi e forniture all applicazione del d.lgs. n. 63/2006 DL RUP SAL CRE Autorità TAR direttore dei lavori responsabile unico del procedimento stato avanzamento lavori certificato di regolare esecuzione autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture tribunale amministrativo regionale Codice codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture d.lgs. n. 163 del12 aprile 2006 d.lgs. d.l. l. legge decreto legislativo decreto legge Legge Biagi d.lgs. n. 276/2003 Reg. dpr n. 554 del 21 dicembre 1999 Nuovo Reg. dpr n. 207 del 5 ottobre 2010 CGA capitolato generale d appalto - d.m. n. 145 del 19 aprile 2000 CSA dm capitolato speciale d appalto decreto ministeriale l.fal. legge fallimentare r.d. n. 267 del 16 marzo 1942 dpcm dpr rd cc cp St. Lav. c.c.n.l. DPL decreto del presidente del consiglio dei ministri decreto del presidente della repubblica regio decreto codice civile codice penale statuto dei lavoratori contratto collettivo nazionale di lavoro direzione provinciale del lavoro sfondo la disciplina del reg. non più in vigore ma ancora applicata ai soli azzurro contratti i cui bandi di gara furono pubblicati prima dell 8 giugno 2011 azzurro le novità introdotte dal nuovo reg. grigio le novità introdotte dal d.l. 70/2011 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 7

9 Indice INDICE 1) La consegna dei lavori 1.1 la consegna tardiva 1.2 la consegna d urgenza 1.3 la consegna frazionata 1.4 la consegna continuata 2) Il subappalto e cottimo 2.1 l autorizzazione 2.2 il subappalto delle opere superspecializzate 2.3 i contratti di fornitura e posa in opera e nolo a caldo 2.4 i contratti che non costituiscono subappalto 2.5 la responsabilità dell appaltatore 3) Il corrispettivo e la contabilità dell appalto 3.1 la determinazione del corrispettivo i lavori a corpo e i lavori a misura 3.2 i lavori in economia contemplati dal contratto 3.3 i documenti di contabilità il giornale dei lavori il libretto delle misure le liste settimanali il registro di contabilità il sommario del registro lo stato di avanzamento lavori sal il certificato di pagamento di rate la constatazione sullo stato dei lavori il certificato di ultimazione lavori il conto finale le penali 3.4 le modalità di pagamento del corrispettivo per lavori, manufatti e materiali 3.5 l adeguamento del corrispettivo 3.6 le trattenute del committente sul corrispettivo dovuto all appaltatore 3.7 il pagamento del corrispettivo le rate di acconto la rata di saldo i ritardi nei pagamenti 3.8 la cessione del credito 4) Le varianti in corso d opera 4.1 la tipologia delle varianti e i limiti generali al loro impiego 4.2 i casi in cui è legittima la variante in corso d opera la variante per errore progettuale le varianti migliorative in diminuzione proposte dall appaltatore le varianti migliorative le varianti di dettaglio 4.3 la formazione di una variante e la determinazione di nuovi prezzi la determinazione di nuovi prezzi pag. 11 pag. 12 pag. 13 pag. 14 pag. 14 pag. 15 pag. 17 pag. 18 pag. 19 pag. 20 pag. 21 pag. 23 pag. 23 pag. 23 pag. 25 pag. 25 pag. 26 pag. 28 pag. 28 pag. 29 pag. 29 pag. 30 pag. 30 pag. 30 pag. 31 pag. 32 pag. 33 pag. 34 pag. 36 pag. 37 pag. 37 pag. 38 pag. 39 pag. 40 pag. 41 pag. 43 pag. 44 pag. 46 pag. 47 pag. 47 pag. 48 pag. 48 pag GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

10 Indice 5) Il termine di esecuzione 5.1 il ritardo e le penali pag. 51 pag. 52 6) La Sospensione e la ripresa dei lavori 6.1 la sospensione legittima per cause di forza maggiore 6.2 la sospensione legittima per ragioni di pubblico interesse 6.3 la sospensione inizialmente legittima che diventa successivamente illegittima 6.4 la sospensione illegittima 6.5 la sospensione parziale 6.6 gli adempimenti e le competenze 6.7 i casi e le ipotesi di soluzioni pag. 55 pag. 55 pag. 56 pag. 57 pag. 58 pag. 58 pag. 59 pag. 60 7) Le riserve e l accordo bonario 7.1 l onere di iscrizione delle riserve eccezioni - decadenza 7.2 la sede delle riserve 7.3 la tempestività delle riserve 7.4 i contenuti delle riserve 7.5 la rinuncia alle riserve e alla decadenza 7.6 gli obblighi del dl 7.7 l accordo bonario 7.8 la transazione 8) Il collaudo e il certificato di regolare esecuzione 8.1 la natura e la nozione 8.2 le fasi della procedura 8.3 la mancata emissione del certificato di collaudo 8.4 l inutile decorso del termine di sei mesi dall ultimazione lavori 8.5 l esecuzione da parte dell appaltatore di lavori aggiuntivi non autorizzati 8.6 l approvazione del collaudo 8.7 il certificato di regolare esecuzione il collaudo in corso d opera 8.8 la presa in consegna anticipata dell opera 8.9 il collaudatore 9) Lo scioglimento del contratto 9.1 il recesso 9.2 la risoluzione per impossibilità sopravvenuta inadempimento ritardo reati accertati 9.3 gli effetti della risoluzione 9.4 la risoluzione per inadempimento del committente e per eccessiva onerosità sopravvenuta 9.5 il fallimento dell appaltatore (art. 81, rd n. 267/1942) Tavole di raffronto pag. 61 pag. 61 pag. 63 pag. 63 pag. 64 pag. 65 pag. 65 pag. 66 pag. 69 pag. 71 pag. 71 pag. 71 pag. 75 pag. 75 pag. 76 pag. 76 pag. 77 pag. 78 pag. 79 pag. 81 pag. 81 pag. 83 pag. 86 pag. 87 pag. 88 pag. 90 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 9

11

12 1. La consegna dei lavori 1. La consegna dei lavori Codice Reg. 129, 130, 131, CGA 9, Nuovo Reg. 153, 154, 155, 157, Nozione Operazioni di consegna , la consegna dei lavori è l operazione che dà inizio all esecuzione del contratto attraverso l immissione dell appaltatore nel possesso dell area su cui deve essere realizzata l opera. l appalto in questo modo viene posto in esecuzione. la ricognizione delle aree. l esecuzione dei tracciamenti. gli accertamenti di misura. il collocamento di sagome, di capisaldi altimetrici e planimetrici. l immissione in possesso di cave, locali e mezzi d opera. la redazione del verbale. Caratteristiche non è un atto meramente simbolico: la verifica dei luoghi deve avvenire in concreto e l area deve essere realmente libera da impedimenti. l effettività: le condizioni devono perdurare durante tutta l esecuzione, l area deve continuare ad essere disponibile. e un atto incoercibile di cooperazione tra committente e appaltatore: nessuna delle due parti può essere coattivamente obbligata. le operazioni di consegna sono continuative: non possono essere interrotte e frazionate se non nei casi di cui ai punti 1.3 e 1.4. Soggetti , il rup autorizza il dl a procedere alla consegna. il dl invita l appaltatore l invito: è fatto per scritto; è effettuato con un preavviso sufficiente; è recapitato al domicilio eletto per il contratto; procede alla consegna; redige il verbale. l appaltatore deve intervenire per assistere e accettare; deve farsi accompagnare da personale idoneo a compiere le operazioni di consegna; deve essere munito di idonea attrezzatura e dei materiali necessari a compiere le operazioni di consegna. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 11

13 1. La consegna dei lavori Effetti , Termini per effettuare la consegna 129 2, la decorrenza del termine contrattuale per l esecuzione dalla conclusione delle operazioni di consegna. l accertamento dello stato definitivo dei luoghi. l appaltatore diventa detentore dell area destinata alla formazione del cantiere. entro 45 gg. dalla data di stipula del contratto. casi particolari per i cottimi il termine per la consegna decorre dalla data di accettazione dell offerta; per l appalto integrato il termine per la consegna decorre dalla data di approvazione del progetto esecutivo. Verbale di consegna 130, 131 3, 154, e redatto dal dl in contraddittorio con l appaltatore in assenza dell appaltatore non si può procedere con atti equipollenti; l appaltatore può iscrivere riserve. deve contenere e unico l indicazione delle operazioni eseguite; la presa d atto che l area è libera da persone e cose e che la situazione della stessa è tale da non impedire l avvio e la prosecuzione dei lavori. anche nel caso le operazioni si compiano in luoghi e momenti diversi rimane un solo verbale la consegna tardiva Nozione si determina quando: la consegna non avviene entro i termini di legge; l appaltatore è assente alla prima convocazione. Ritardo per inerzia del committente , 9, 153 9, 157 l appaltatore può: chiedere di recedere dal contratto; chiedere un maggiore compenso se il committente respinge l istanza di recesso il compenso è: calcolato secondo il cga; l art. 157 reg.; richiesto con riserva sul verbale di consegna e quantificato e confermato sul registro di contabilità; recedere dal contratto nel caso il ritardo superi la metà del tempo utile contrattuale (45 gg. + ½ del termine contrattuale) o comunque i sei mesi complessivi. 12 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

14 1. La consegna dei lavori Assenza dell appaltatore alla prima convocazione 129 7, nessuna conseguenza economica per l appaltatore se la consegna avviene alla seconda convocazione. il termine per l esecuzione inizia comunque a decorrere dalla data che era stata prevista per la prima consegna. Assenza dell appaltatore anche alla seconda convocazione 129 7, ingiustificata il committente ha facoltà di: risolvere il contratto; trattenere la cauzione definitiva; segnalare il fatto all autorità; applicare per il futuro la causa di esclusione dalle procedure di affidamento prevista dalla lett. g) dell art. 38 del codice. giustificata perché dovuta a cause non imputabili all appaltatore il committente può risolvere il contratto la consegna d urgenza Nozione 129 1, 153 e la consegna che avviene per motivi d urgenza successivamente all aggiudicazione ma in momentanea assenza del contratto. Presupposti e modalità 129 4, 11 9 l esistenza di ragioni d urgenza che determinano la necessità di un inizio immediato dei lavori. la necessità deve essere tale da rendere l inizio dei lavori indilazionabile. il dl deve indicare quali materiali l appaltatore possa commissionare e quali lavorazioni eseguire in relazione al programma dei lavori; tenere conto di tutto ciò che viene predisposto o somministrato dall appaltatore. Qualora il contratto non venga concluso la reintegrazione all appaltatore è effettuata in base ai prezzi di mercato e non in base ai prezzi fissati dall offerta perché il contratto non è intervenuto. non è consentita prima che siano decorsi 35 gg. dalla notifica dell aggiudicazione definitiva, salvo che nelle procedure senza pubblicazione di bando di gara ovvero quando vi sia il rischio di un grave danno all interesse pubblico che i lavori sono destinati a soddisfare (*). (*) Sono ivi compresi i rischi di perdita di finanziamenti comunitari GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 13

15 1. La consegna dei lavori 1.3. la consegna frazionata Nozione e la consegna che non riguarda la globalità delle aree ma singole porzioni di esse. Presupposti 130 6, Effetti , lavori di notevole importanza ed estensione. la disponibilità soltanto parziale delle aree interessate. deve essere prevista nel csa, diversamente l appaltatore può rifiutarla e pretendere la consegna unica entro i 45 gg. previsti. in ogni caso la consegna deve essere ultimata entro 45 gg. dalla stipula del contratto. sono redatti tanti verbali di consegna quante sono le frazioni di consegna delle aree. il termine per l esecuzione dei lavori decorre dalla data dell ultimo verbale di consegna parziale. l appaltatore è tenuto a presentare il programma di esecuzione dei lavori con priorità per le lavorazioni previste sulle aree disponibili. Caso particolare regola generale: non si procede alla consegna qualora emergano differenze tra la condizione dei luoghi ed il progetto esecutivo. caso particolare: il rup dispone che il dl proceda alla consegna parziale se l importo netto dei lavori non eseguibili a causa delle differenze riscontrate è inferiore al 20% dell importo di aggiudicazione; se la mancata esecuzione non incide sulla funzionalità dell opera o del lavoro la consegna continuata Nozione 130 2, e la consegna che a causa dell estensione delle aree avviene necessariamente in più giorni. Caratteristiche il verbale rimane unico. il termine per l esecuzione dei lavori decorre dalla data di conclusione delle operazioni di consegna. 14 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

16 2. Il subappalto e cottimo 2. Il subappalto e cottimo Codice 37, 118, Reg. 72, 73, 74, Nuovo Reg. 107, 108, 109, l. 646/ Legge Biagi 29 dl. 223/ dpr 34/2000 all. A Nozione 141, Soggetti il subappalto: è il contratto mediante il quale una parte reimpiega nei confronti di un terzo la posizione che gli deriva da un contratto in corso, detto contratto base. (*) il cottimo: è l affidamento della sola lavorazione relativa alla categoria subappaltabile ad impresa subappaltatrice in possesso dell attestazione dei requisiti di qualificazione necessari in relazione all importo totale dei lavori affidati e non all importo del contratto, che può risultare inferiore per effetto della eventuale fornitura diretta, in tutto o in parte, di materiali, apparecchiature e mezzi d opera da parte dell esecutore. l appaltatore: dà in affidamento i lavori in subappalto. il subappaltatore: esegue i lavori oggetto di subappalto. il committente: autorizza l appaltatore ad affidare i lavori in subappalto. Presupposti 141 3, e necessaria l autorizzazione del committente (si veda 2.1.). Limiti 72, 122 7, , , 170 2, e possibile concedere in subappalto: e possibile riaffidare cd. subappalto a cascata esclusivamente la posa in opera di: fino al 30% (**) delle lavorazioni comprese nella categoria prevalente; fino al 30% delle lavorazioni relative alle opere superspecializzate; fino al 100% delle lavorazioni comprese nelle categorie diverse dalla prevalente. os4 impianti trasportatori, ascensori, scale mobili, di sollevamento e di trasporto; os5 impianti pneumatici, impianti antintrusione; os13 strutture e elementi prefabbricati prodotti industrialmente; os18-a componenti strutturali in acciaio; os18-b componenti per facciate continue. non è possibile: il subappalto a cascata: riaffidamento delle stesse lavorazioni oggetto di subappalto in ulteriore subappalto a terzi; stipulare un contratto di subappalto con un ribasso superiore al 20% rispetto ai prezzi unitari risultanti dall aggiudicazione. (***) (*) Cancrini A., Petullà F., Subappalto di lavori, servizi e forniture EPC Libri, 2003 (**) Il limite scende al 20% qualora i lavori siano stati affidati tramite procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando di gara. (***) L art del Codice non presuppone una necessaria e totale corrispondenza tra le voci di prezzo unitari del contratto principale e quelle del subappalto. L appaltatore può affidare in subappalto soltanto una parte delle lavorazioni oggetto dei prezzi unitari posti a base di gara (TAR Lazio n /2010) GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 15

17 2. Il subappalto e cottimo Pagamento 37 11, 118 3, il committente può pagare il subappaltatore direttamente: l appaltatore comunica al committente la parte delle prestazioni eseguite dal subappaltatore con specificazione dell importo e proposta motivata di pagamento; l appaltatore: l appaltatore trasmette al committente le fatture quietanzate dal subappaltatore entro 20 gg. dalla data di ciascun pagamento effettuato nei suoi confronti. se l appaltatore contesta la regolarità dei lavori eseguiti al subappaltatore e sempre che quanto contestato sia accertato dal dl, il committente sospende i pagamenti per una quota corrispondente nella misura accertata dal dl. il sistema di pagamento diretto al subappaltatore deve essere indicato nel bando di gara. e previsto per legge nel caso di subappalto delle opere superspecializzate. Profili penali 21 il subappalto non autorizzato costituisce reato possono commetterlo l appaltatore e il subappaltatore; l appaltatore è punito con la pena dell arresto da 6 mesi a 1 anno e con l ammenda non inferiore a un terzo del valore del contratto di subappalto e non superiore a un terzo del valore del contratto di appalto; il subappaltatore è punito con la pena dell arresto da 6 mesi a 1 anno e con l ammenda pari a un terzo del valore dell opera ricevuta in subappalto. si perfeziona con l esecuzione del contratto di subappalto nelle more o in assenza di autorizzazione; la richiesta di autorizzazione successiva non estingue il reato; il subappalto non autorizzato legittima il committente a chiedere la risoluzione del contratto di appalto; il committente non può rilasciare successivamente all inizio dei lavori l autorizzazione in sanatoria. 16 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

18 2. Il subappalto e cottimo 2.1. l autorizzazione Presupposti , 141 3, l indicazione da parte dell appaltatore, in sede di offerta, delle lavorazioni o delle parti di opere che intende subappaltare. la presentazione dell istanza di autorizzazione al subappalto a cura dell appaltatore. l istanza deve essere accompagnata: dall indicazione del soggetto subappaltatore e dei lavori che si intendono subappaltare; dal contratto di subappalto - può essere presentato anche successivamente purché 20 gg. prima dell inizio dell esecuzione; dalla documentazione attestante il possesso, da parte del subappaltatore, di tutti i requisiti generali e speciali attestazione soa e dichiarazione di assenza delle cause di esclusione di cui all art. 38 del codice - richiesti per l importo e l oggetto del subappalto; dalla dichiarazione del subappaltatore circa la composizione societaria ai sensi dell art. 1, dpcm 11 maggio 1991, n non richiesta per le società di persone; dalla dichiarazione dell appaltatore circa la sussistenza o meno di eventuali forme di controllo o collegamento, ai sensi dell art cc, con l appaltatore. il committente deve procedere all autorizazione o al diniego entro 30 gg. dal ricevimento dell istanza. decorso il termine l autorizzazione si intende concessa e opera il silenzio-assenso; il termine, per giustificato motivo, può essere prorogato dal committente una sola volta; i termini per il rilascio dell autorizzazione sono dimezzati per i subappalti di importo inferiore al 2% del valore del contratto di subappalto o di importo inferiore a 100 mila euro. Nel subappalto a cascata nel riaffidamento di opere a terzi da parte del subappaltatore (si veda paragrafo Limiti), non è necessaria l autorizzazione del committente. l appaltatore è tenuto a darne semplice comunicazione preventiva alla stipulazione. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 17

19 2. Il subappalto e cottimo 2.2. il subappalto delle opere superspecializzate Disciplina Qualora nell oggetto dell appalto rientrino, oltre i lavori prevalenti, opere superspecializzate di importo superiore al 15% dell importo totale dei lavori, l appaltatore può subappaltarne fino ad un massimo del 30%. il pagamento del corrispettivo deve essere effettuato dal committente direttamente al subappaltatore. Opere superspecializzate 72 4 sono opere superspecializzate: il restauro, la manutenzione di superfici decorate di beni architettonici, il restauro di beni mobili, di interesse storico, artistico ed archeologico; l'installazione, la gestione e la manutenzione ordinaria di impianti idrosanitari, del gas, antincendio, di termoregolazione, di cucina e di lavanderia; l'installazione, la gestione e la manutenzione di impianti trasportatori, ascensori, scale mobili, di sollevamento e di trasporto; l'installazione, gestione e manutenzione di impianti pneumatici, di impianti antintrusione; l'installazione, la gestione e la manutenzione di impianti elettrici, telefonici, radiotelefonici, televisivi e simili; i rilevamenti topografici speciali e le esplorazioni del sottosuolo con mezzi speciali; le fondazioni speciali, i consolidamenti di terreni, i pozzi; la bonifica ambientale di materiali tossici e nocivi; i dispositivi strutturali, i giunti di dilatazione, e gli apparecchi di appoggio, i ritegni antisismici; la fornitura e posa in opera di strutture e di elementi prefabbricati prodotti industrialmente; l'armamento ferroviario; gli impianti per la trazione elettrica; gli impianti di trattamento rifiuti; gli impianti di potabilizzazione. Assimilazione alle categorie SOA Allegato A Questo confronto assume rilevanza soltanto fino all entrata in vigore del nuovo regolamento. autorità: le categorie, che devono essere considerate altamente specializzate e che sono tutte a qualificazione obbligatoria, sono: os2, 0s3, 0s4, 0s5, 0s11, 0s13, 0s14, 0s16, os17, os18, 0s19, 0s20, 0s21, 0s22, os27, 0s28, 0s29, 0s30, 0s33, 0g12. - determinazione 20/12/2001, n giurisprudenza: non sono superspecializzate le opere appartenenti alle categorie generali (og) ad eccezione della og12. - Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 ottobre 2004, n. 6701; TAR Piemonte, Sez. II, 13 dicembre 2005, n GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

20 2. Il subappalto e cottimo Opere superspecializzate sono opere superspecializzate: og 11 - impianti tecnologici; og 12 - opere ed impianti di bonifica e protezione ambientale; os 2-a - superfici decorate di beni immobili del patrimonio culturale e beni culturali mobili di interesse storico, artistico, archeologico, etnoantropologico; os 2-B - beni culturali mobili di interesse archivistico e librario; os 3 - impianti idrico-sanitario, cucine, lavanderie; os 4 - impianti elettromeccanici trasportatori; os 5 - impianti pneumatici e antintrusione; os 8 - opere di impermeabilizzazione; os 11 - apparecchiature strutturali speciali; os 12-a - barriere stradali di sicurezza; os 13 - strutture prefabbricate in cemento armato; os 14 - impianti di smaltimento e recupero di rifiuti; os 18-a - componenti strutturali in acciaio; os 18-B - componenti per facciate continue; os 20-a - rilevamenti topografici; os 20-B - indagini geognostiche; os 21 - opere strutturali speciali; os 22 - impianti di potabilizzazione e depurazione; os 25 - scavi archeologici; os 27 - impianti per la trazione elettrica; os 28 - impianti termici e di condizionamento; os 29 - armamento ferroviario; os 30 - impianti interni elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi; os 34 - sistemi antirumore per infrastrutture di mobilità i contratti di fornitura e posa in opera e nolo a caldo Nozione Assimilazione al subappalto sono previsti dalla legge requisiti in presenza dei quali un contratto che abbia ad oggetto attività che richiedano l impiego di manodopera - fornitura con posa in opera e noli a caldo di attrezzatura è assimilato ad un contratto di subappalto. Quando contemporaneamente vi siano: l impiego di manodopera in cantiere; l incidenza del costo della manodopera superiore al 50% dell importo del contratto; l importo del contratto da affidare superiore al 2% del contratto principale o superiore a 100 mila euro. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo 19

21 2. Il subappalto e cottimo Effetti necessità dell autorizzazione del committente. erosione della quota di lavorazioni che è possibile affidare in subappalto. e possibile subappaltare: fino al 30% della categoria prevalente; fino al 30% delle opere superspecializzate; fino al 100% delle categorie scorporabili. Impossibilità di assimilazione al subappalto Quando manchi anche soltanto una delle seguenti condizioni: l impiego di manodopera in cantiere; l incidenza del costo della manodopera superiore al 50% dell importo del contratto; l importo del contratto da affidare superiore al 2% del contratto principale o superiore a 100 mila euro. Effetti i contratti di fornitura con posa in opera o i noli a caldo: sono soggetti a semplice comunicazione al committente; la comunicazione deve contenere: il nome del sub-contraente; l importo del contratto; l oggetto del lavoro, servizio o fornitura affidati. non incidono sulla quota di lavorazioni che è possibile affidare in subappalto i contratti che non costituiscono subappalto non è subappalto: Nozione l affidamento di attività specifiche a lavoratori autonomi; la subfornitura a catalogo di prodotti informatici. Specificità dell attività e una lavorazione unitariamente considerata, nell ambito di una più ampia categoria di lavoro. Lavoratore autonomo e il lavoratore, anche artigiano, che opera in cantiere con attività prevalentemente, se non esclusivamente, personale e con mezzi propri. 20 GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI EDILI ance cuneo

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA Antonio Cirafisi Oronzo Passante IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA ESECUZIONE, VERIFICHE, PROVE, CONTESTAZIONI E RISERVE AGGIORNATO CON LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA LEGGE 12 LUGLIO 2011,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE SOMMARIO: 1. Le attività prodromiche alla stipula del contratto. - 2. La consegna dei lavori, servizi e forniture. - 3. Il corrispettivo del contratto d appalto. L invariabilità

Dettagli

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Appunti del corso di TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Parte I Il Quadro Normativo e Legislativo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli