COMUNE DI PESCARA. Seduta del 11/05/2015 Deliberazione N. 50

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PESCARA. Seduta del 11/05/2015 Deliberazione N. 50"

Transcript

1 COMUNE DI PESCARA CITTA' DI PESCARA Medi'lgli~ d' {HOal ME::!dtoCÌI!ile COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Oggetto: RINUNCIA DA PARTE DEL COMUNE DI PESCARA ALL'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI PRELAZIONE IN ORDINE AL TRASFERIMENTO DI UNITA' IMMOBILIARI URBANE COSTRUITE SU AREE PEEP. Seduta del 11/05/2015 Deliberazione N. 50 L'anno duemilaquindici il giorno undici del mese di Maggio in prosieguo di seduta iniziata alle ore 09.50, previa convocazione e con l'osservanza delle formalità di legge, si è riunito, nella consueta sala del Palazzo Municipale, il Consiglio Comunale, in sessione Straordinaria in seduta Pubblica sotto la presidenza di Aw. Blasioli Antonio con l'assistenza del Segretario Generale Dott.ssa Monaco Carla. Risultano presenti ed assenti il Sindaco e i Consiglieri come da elenco che segue: Avv. Alessandrini Marco P Rapposelli Fabrizio P Avv. Blasioli Antonio P Sabatini Enrica P Pagnanelli Francesco P Alessandrini Erika P Natarelli Antonio P Di Pillo Massimiliano P Gaspari Carlo Silvestro P Testa Guerino P Presutti Marco P Cremonese Alfredo P LonQhi Emilio P Pastore Massi ma P Giampietro Piero P PiQnoli Massimiliano A Perfetto Fabrizio P Teodoro Piernicola P Di Carlo Simona P Masci Carlo A Zuccarini Pierpaol0 P Padovano L. Riccardo A Di Giampietro Tiziana P Bruno Giuseppe A Kechoud Leila P Martelli Ivano P Albore Mascia LuiCli A Santroni Daniela P D'lncecco Vincenzo P Berardi Lola Gabriella P Antonelli Marcello P Scurti Adamo A Seccia Euqenio P Consiglieri presenti n. 27 Consiglieri assenti n. 6. Sono inoltre intervenuti ai lavori della seduta Consiliare VICE NDACO DEL VECCHIO ASSESSORI: MARCHEGIAN1, DIODATI, SANTAVENERE, SULPIZIO, DIIACOVO, CUZZI. Il Presidente accerta che i Consiglieri presenti sono in numero idoneo per deliberare. Vengono nominati scrutatori Sigg.: Kechoud Lieila PerfettoFabrizio Pastore Massimo Verbale di deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del ] ] 5 - COMUNE DI PESCARA Pag.]

2 Il Presidente, Avv. Siasioli Antonio, pone in discussione la proposta di delibera iscritta al n. 7 all'o.d.g., avente ad oggetto "Rinuncia da parte del Comune di Pescara all'esercizio del diritto di prelazione in ordine al trasferimento di unità immobiliari urbane costruite su aree PEEP. (n.p. 45/15).", depositata agli atti del Consiglio comunale e di seguito riportata: IL CONGLIO COMUNALE Vista la relazione allegata che costituisce parte integrante del provvedimento; Atteso che l'art. 5 della legge n. 865 prevede che la concessione in diritto di superficie e la cessione in proprietà dei lotti dei piani per l'edilizia economica e popolare avvenga con apposita convenzione, avente i contenuti minimi dettati da altri commi del medesimo articolo; Vista la Deliberazione di Consiglio Comu naie n. 110 del con cui si approvano le convenzioni - tipo per cessioni e concessioni di aree nel PEEP e per le quote di edilizia convenzionata nei P.U.E., nei programmi complessi e negli accordi sostitutivi ex art. 49 L. R. 11/1999; Considerato che nelle suddette "convenzioni - tipo" viene attribuito al Comune uno specifico diritto di prelazione, di cui peraltro l'amministrazione Comunale non si è avvalsa, rinunciandovì con appositi atti di cadenza annuale per motivi di opportunità, meglio evidenziati negli atti stessi, scaturenti dall'esigenza di evitare un inutile aggravio di adempimenti a carico degli uffici preposti; Atteso che nella Deliberazione di Giunta Comunale 78/09 al punto n. 1 del deliberato l'amministrazione, rinunciando all'esercizio del diritto di prelazione, ha appunto proceduto ad "autorizzare, per l'anno 2009, la vendita di singoli alloggi realizzati nei piani di zona per l'edilizia economica e popolare, su aree concesse in diritto di proprietà ad imprese e/o cooperative ai sensi dell'art. 5 Legge 865/71, e nell'ambito delle quote di edilizia residenziale convenzionata realizzate all'interno dei comprensori soggetti a Progetto urbanistico esecutivo,... (omissis)... all'unica condizione che la vendita avvenga a favore di soggetti aventi i requisiti per l'assegnazione di alloggi economici e popolari"; Constatato che la Legge 179 del 1992 ha ridotto le prescrizioni limitative di cui alla precedente legge n. 865, specificamente abrogando tutte le prescrizioni soggettive e di determinazione del prezzo di cessione degli alloggi Verbale di deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 dclll COMUNE DI PESCARA pago 2

3 oltre il periodo di durata di dette limitazioni, fissato in cinque anni; Preso atto: - della Deliberazione di Giunta Comunale n. 44 del , con la quale si è provveduto a meglio raccordare la precedente Deliberazione di Giunta n. 78 del con il dettato legislativo, modificandola parzialmente nel senso di stralciare l'ultimo capoverso del punto n. 1 del deliberato, laddove dispone: "all'unica condizione che la vendita avvenga a favore di soggetti aventi i requisiti per l'assegnazione di alloggi economici e popolari" e confermando, per il resto, in toto i restanti punti della citata Deliberazione, per quanto riguarda l'autorizzazione preventiva alla vendita e la rinuncia all'esercizio del diritto di prelazione per l'anno 2009; - della deliberazione di Consiglio Comunale n. 8 del "Rinuncia all'esercizio del diritto di prelazione in ordine al trasferimento della proprietà nei piani di zona PEEP", con la quale l'amministrazione Comunale ha recepito le argomentazioni sopra specificate; - della deliberazione di Consiglio Comunale n. 57 del avente ad oggetto "Rinuncia da parte del Comune di Pescara all'esercizio del dirmo di prelazione in ordine al trasferimento di unità immobiliari urbane costruite su aree PEEP':' Vista la deliberazione di C.C. n. 7 del recante ad oggetto "Definizione criteri e modalità per l'eliminazione del vincolo convenzionale riferito al prezzo massimo di cessione degli al/oggi ricompresi nel/e aree PEEP'~ Considerata l'opportunità di procedere, anche per l'anno 2015, all'autorizzazione preventiva alla cessione di singoli alloggi di edilizia convenzionata, realizzati nei piani di zona per l'edilizia economica e popolare e nell'ambito delle quote peep all'interno dei comprensori soggetti a Progetto urbanistico esecutivo, rinunciando nel contempo all'esercizio del diritto di prelazione per il medesimo arco temporale, una volta raccordata l'attività deliberativa dell'ente con le disposizioni di legge; Visti i pareri espressi ai sensi dell'art. 49 del D.L.gs n0267 dal Responsabile dal Servizio interessato e dal Dirigente della Ragioneria, come da scheda allegata; Visto l'art. 42 del D. L.gs 267/2000; Visto il verbale della Commissione Consiliare Permanente "Finanze-Bilancio" in data 28 aprile 2015, che si allega; Verbale di deliberazione di Consiglio COllllmale n. 50 dcll COMUNE DI PESCARA pago

4 Uditi gli interventi riportati nell'allegato resoconto redatto dalla ditta incaricata, il Presidente pone in votazione la proposta di deliberazione. Con votazione espressa con il sistema elettronico e con il seguente risultato accertato e proclamato dal Presidente, con l'assistenza degli scrutatori prima designati e presenti in aula e come da resoconto allegato: consiglieri presenti n.26 votanti n.26 voti favorevoli n.2 astenuti n. Sulla base delle risultanze di voto sopra espresse, il Consiglio comunale DELIBERA 1).di autorizzare, per l'anno 2015, la vendita dei singoli alloggi reallzzati nei piani di zona per l'edillzia economica e popolare, su aree concesse in diritto di proprietà ad imprese e/o cooperative ai sensi dell'art. 5 Legge 865/71, e nell'ambito delle quote di edilizia residenziale convenzionata, realizzate all'interno dei comprensori soggetti a progetto urbanistico esecutivo, in deroga al divieto ed alle limitazioni dì cui all'art. 8 bis dello schema di convenzione approvato con deliberazione della Giunta Municipale n. 605 del e successive integrazioni e modificazioni; 2). di rinunciare, per t'anno 2015 all'esercizio del diritto di prelazione, attribuito al Comune dalla predetta Convenzione - tipo (art. 11), con specifico riferimento alla compravendita di singoli alloggi realizzati nei piani di zona per l'edilizia economica e popolare e nell'ambito delle quote di edilizia residenziale convenzionata, realizzate all'interno dei comprensori soggetti a Progetto urbanistico esecutivo; ). di precisare che, allo stato attuale, il presente atto non comporta né accertamento di entrata né impegno di spesa e non ha riflessi sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'ente; Verbale di dcliberazionc di Consiglio Comunale n. 50 del CO?\1UNE DI PESCARA pago 4

5 RELAZIONE L'art. 5 della legge n. 865 prevede che la concessione in diritto di superficie e la cessione in proprietà dei lotti dei piani per l'edilizia economica e popolare avvenga con apposita convenzione, da altri commi del medesimo articolo. avente i contenuti minimi dettati Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 110 del sono state approvate le convenzioni - tipo per cessioni e concessioni di aree nel PEEP e per le quote di edilizia convenzionata nei P.U.E., nel programmi complessi e negli accordi sostitutivi ex art. 49 L.R. 11/1999. Nelle suddette "convenzioni - tipo" viene attribuito al Comune uno specifico diritto di prelazione, di cui peraltro l'amministrazione Comunale non si è avvalsa, rinunciandovi con appositi atti di cadenza annuale per motivi di opportunità, meglio evidenziati negli atti stessi, scaturenti dall'esigenza di evitare un inutile aggravio di adempimenti a carico degli uffici preposti. Con una prima deliberazione di Giunta Comunale 78/09, al punto n. 1 del deliberato, è stata prevista la rinuncia dell'esercizio del diritto di prelazione, procedendo ad "autorizzare, per l'anno 2009, la vendita di singoli alloggi realizzati nei piani di zona per l'edilizia economica e popolare, su aree concesse in diritto di proprietà ad imprese elo cooperative ai sensi dell'art. 5 Legge 865/71, e nell'ambito delle quote di edilizia residenziale convenzionata realizzate all'interno dei comprensori soggetti a Progetto urbanistico esecutivo,... (omissis)... all'unica condizione che la vendita avvenga a favore di soggetti aventi i requisiti per l'assegnazione di alloggi economici e popolari". La Legge 179 del 1992 ha ridotto le prescrizioni limitative di cui alla precedente legge n. 865, specificamente abrogando tutte le prescrizioni soggettive e di determinazione del prezzo di cessione degli alloggi oltre il periodo di durata di dette limitazioni, fissato in cinque anni. Con deliberazione di Giunta Comunale n. 44 del , si è provveduto a meglio raccordare la precedente Deliberazione di Giunta n. 78 del con il dettato legislativo, modificandola parzialmente nel senso di stralciare l'ultimo capoverso del punto n. 1 del deliberato, laddove dispone: "all'unica condizione che la vendita avvenga a favore di soggetti aventi i requisiti per l'assegnazione di alloggi economici e popolari" e confermando, Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCA.RAn. Del pagina n. 5

6 per il resto, in toto i restanti punti della citata Deliberazione, per quanto riguarda l'autorizzazione preventiva alla vendita e la rinuncia all'esercizio del diritto di prelazione per l'anno Con successiva deliberazione di Consiglio Comunale n. 57 del avente ad oggetto "Rinuncia da parte del Comune di Pescara all'esercizio del diritto di prelazione in ordine al trasferimento di unità immobiliari urbane costruite su aree PEEP". Recentemente con deliberazione di C.C. n. 7 del recante ad oggetto "Definizione criteri e modalità per l'eliminazione del vincolo convenzionale riferito al prezzo massimo di cessione degli alloggi ricompresi nelle aree PEEP". Considerata l'opportunità di procedere, anche per l'anno 2015, all'autorizzazione preventiva alla cessione di singoli alloggi di edilizia convenzionata, realizzati nei piani di zona per l'edilizia economica e popolare e nell'ambito delle quote peep all'interno dei comprensori soggetti a Progetto urbanistico esecutivo, rinunciando nel contempo all'esercizio del diritto di prelazione perii- medesimo arco temporale, una volta raccordata l'attività deliberativa dell'ente con le disposizioni di legge. Per quanto sopra esposto si invita il Consiglio Comunale a deliberare in merito. Pescara li, / Il Responsabileiel Servizio.Geom~-Ald;"Di Prinzio <'-'W-'é"-~-:-> Il Arch. Tom Atto di Consiglio Comunale del COMUNE di PESCARA n. Del pagina n. 6

7 ALLEGATO ALLA DELIBERA 01 C9NGLIO COMUNALE N ~Q Q DEL ALQ.S. -:- '.w., " y Città di Pescara Medaelia d'oro al Merito Civile Allegato alla Proposta di deliberazione C.C. n del. Oggetto: RINUNCIA DA PARTE DEL COMUNE DI PESCARA ALL'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI PRELAZIONE IN ORDINE AL TRASFERIMENTO DI UNIT A IMMOBILIARI URBANE COSTRUITE SU AREE PEEP. PARERI Al SEN DELL'ART. 49 COMMMA l E 147BIS DEL D.Lgs. N.267!2000 Parere di regolarità tecnica. Sulla presente proposta di deliberazione si esprime, ai sensi degli artt. 49, comma l e 147 bis, comma l, del D.Lgs. 267/2000 il seguente parere di regolarità tecnica, attestante la regolarità e la correttezza dell' azione amministrativa:... f?aj/().'::kf!..t/.c:!?d:~. Il Diri A.A eh.:..v.~~f'.. P~r1edi,regOlarità contabile: 1/ ì f~o ~ ;..... p. ~..... ~...., I I ~.... t t o '" tt t t t_...., "/..-- Li.2-?/i?.S '~). SETTQRE l'i

8 CITTÀ DI PESCARA - Medaglia d'oro al Merito Ci Commissione Consiliare Permanente "FINANZE" Oggetto Delibera DELIBERA DI CONGLIO COMUNALE N. PROW. 45 DEL AVENTE AD OGGETTO:"RI UNCIA DA PARTE DEL COMUNE DI PESCARA ALL'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI PRELAZIONE IN ORDINE AL TRASFERIMENTO DI UNITA' IMMOBILIARI URBANE COSTRUITE SU AREE PEEP" I Verbale n. I Seduta del I 28 aprile 2015 Dopo la discussione di carattere generale si procede alla votazione dell'argomento di cui all'oggetto; si riportano le presenze al voto di ogni Commissario e la loro singola espressione di voto: Voti 4 LONGHI Commissario EMILIO Commissario delegato Pr As Voti 4 Esito votazione F A C GIAMPIETRO PIERO DI CARLO MONA KECHOUD LEILA PIGNOLI MASM1LlANO BRUNO GIUSEPPE MARTELLI IVANO x X )( BERARDI LO LA GABRIELLA SCURTI ADAMO 2 ANTONELLIMARCELLO SECCIA EUGENIO SABATINI ENRICA TESTA GUERINO MASCI CARLO (Legenda: Pr = presente al voto As = assente al voto F = voto favorevole A = astenuto C = voto contrario) Dalla votazione emerge il seguente risultato complessivo: N. voti favorevoli Considerazioni: N. Commissari astenuti N. voti contrari I Parere espresso Firma Commissario resente al voto LONGHI EMILIO Voto espresso Firma Commissario resente al voto BERARDI LOLA GABRIELLA Voto espresso GIAMPIETRO PIERO ~ rayt:j1zg VOLE r,a f/~ f?ét1jt.'; ~s.=i'"~~ f7-'rvo~yo {d r/rvoru-: {bj., ' MASCICARLO ALLEGATO ALLA DELfBER~. idente della Commissione I~ ~!~~~.~~.~.I~E~O~~?~A~ Città di Pescara - Commissione onsl1 ermanente "Finanze"

9 Comune di Pescara VotEizione n O _1 050 del Oggetto/Titolo: 11j05/?01._~elle_2.r~J_~: 18.~1 c.c?e!_~ ':l 1LL Pa91~a Numero P. o "',,_.--, Nome Presidente Sindaco Natarelli Zuccarini Kechoud Berardi Teodoro Cremonese Testa Pastore ---~ ~---- Antonellì ~ D'lncecco Rapposelli Seccia Di Carlo Presutti Di Giam_p~ie_tr_o_~ ~_ Longhi Giampietro pagnanelli Perfetto Martelli Santroni ~---~ '''''g'''''' E. Alessandrini Sabatini -~-- Di Pillo ---_._-~----~------~ ~ Astenuto Astenuto Astenuto Totale voti (): 2 Totale voti (NO): O Totale voti (AST): Totale voti END DOe ~uf'u' ~ 5/_() ~ J.;J(jJ..or..{) ALLEGATO ALLA DELIBER'A DI CONGLIO COMUNALE N0 ;.5$ DELllt.O.5.c1 S ~~

10 Comun~ di Pescara - Consiglio Comunale dell'h maggio 2015 Punto n. 7 all'ordine del giorno: "Rinuncia da parte del Comune di Pescara all'esercizio del diritto di prelazione in ordine al trasferimento di unità immobiliari urbane costruite su aree PEEP.(n.p. 45/15)." Registrazione e trascrizione a cura di SPRAY RECORDS - VIaleKennedy 52(7 - Moscufo (PE) - TcL085, I,'

11 Comune di Pescara Consiglio Comunale dell'll maggio 2015 PREDENTE BLAOLI È il numero di proposta 45/2015, chi la presenta? Prego Vice Sindaco. Assessore DEL VECCHIO Grazie Presidente e Consiglieri. Anche qui si tratta di un atto deliberativo tipico che ogni anno viene fatto dall'amministrazione Comunale e che riguarda la rinuncia al diritto di prelazione per quanto riguarda gli appartamenti e le aree di tipo PEEP. Come si sa, la 865, la legge che disciplina l'edilizia residenziale pubblica prevede che qualora soggetti titolari di quel bene che sono venuti in possesso di quel bene, qualora lo vogliono cedere, devono chiedere prima il parere preventivo all'ente di appartenenza. Come ogni anno, non abbiamo mai esercitato questo diritto per una serie di ovvie ragioni, ogni anno all'inizio dell'anno facciamo un attimo di indirizzo generale nei confronti della struttura perché in condizioni di questo genere si consenta al soggetto proprietario dell'alloggio di procedere secondo i suoi interessi, e quindi con l'atto noi rinunciamo, per il 2015, ad esercitare il nostro diritto di prelazione. Grazie. PREDENTE BLAOLI Grazie Vice Sindaco, Consigliere Antonelli, prego. ANTONELLl Grazie Presidente. Guardi, intervengo innanzitutto per dare un po' di ristoro al Vice Sindaco, perché siccome è costretto ad illustrare tutte le delibere, in questa maniera ha modo almeno di dissetarsi e di recuperare un po' di energie, mi piacerebbe sapere peraltro gli altri componenti della Giunta in quali altre faccende siano affaccendati, visto che c'è il Consiglio Comunale e sapevano che c'erano loro delibere all'ordine del giorno. Va bene, va bene lo stesso, ]'importante è che ci sia un componente della Giunta a illustrarle. Su questa, ovvio, dopo aver, come dire, permesso al Sindaco, al Vice Sindaco di dissetarsi, colgo anche l'occasione per invitare la struttura, che però non vedo, ma gliela racconteranno, e l'assessore Teodoro che non vedo ma gliela racconteranno, per il futuro ad essere un attimino più puntuali perché garantisco che il non aver approvato fino ad oggi da parte del Consiglio Comunale questo atto ha creato problemi ad un po' di cittadini che avrebbero dovuto formalizzare l'acquisto, ovvero, l'alienazione delle proprie abitazioni. Sono atti di natura tecnica, sarebbe cosa buona e giusta approvarli a gennaio, all'inizio dell'anno, onde evitare ritardi ai cittadini nella formalizzazione negli atti di compravendita, posto che come è noto ormai da tantissimi anni, il Comune di Pescara non esercita questo diritto di prelazione. D'altronde siamo in una fase di dismissione del patrimonio immobiliare, sarebbe del tutto incoerente oggi immaginare di rimpinguare il patrimonio immobiliare esercitando il diritto di prelazione. Un invito alla struttura ad una maggiore puntualità e comunque il ringraziamento al Consiglio perché in questa maniera diamo una risposta ai cittadini che sono in attesa della formalizzazione dei propri atti. PREDENTE BLAOLI Grazie Capogruppo Antonelli, ha chiesto la parola il Consigliere Rapposelli. RAPPOSELLI lo mi domando se non è il caso, infatti la mia è una richiesta non solo a lei ma anche al Segretario Generale, visto che è giusto che qualunque proprietario o comunque assegnatario delle case popolari possa alienarlo, ma è previsto il diritto di prelazione da parte del Comune di Pescara, come ha giustamente sottolineato il Consigliere Antonelli, sarebbe opportuno, sempre se è lecito, rr~l Registrazione e trascrizione a eura di SPRAY RECORDS - Viale Kennedy 52/7 - Moscufo (PE) - Tel. 66

12 Comune di Pescara Consiglio Comunale dell'l! maggio 2015 affrontare l'argomento e prevedere l'inserimento di una clausola che vada a snellire e semplificare queste pratiche. Mi spiego, il diritto di prelazione che va in questo caso ad ingabbiare il diritto di un cittadino che voglia alienare il proprio appartamento, può essere anche previsto diversamente, nel senso che l'inquilino può mandare una bella raccomandata con ricevuta di ritorno al Comune di Pescara, prevedere un termine entro il quale giustamente il titolare del diritto di prelazione, in questo caso il Comune, entro trenta giorni, quindici giorni, rispondere o meno, esercitare il diritto di relazione, e nel caso in cui non lo eserciti legittimamente, illegittimo proprietario assegnatario dell'appartamento può alienare, senza attendere le lungaggini amministrative delle varie Amministrazioni che a volte poi dopo ingessano un po' quelle che sono le legittime aspettative dei cittadini. lo chiedo questo al Segretario Generale, se è consentito semplificare in questo modo questa prassi che di solito va, la Di Carlo mi dice di no, vuoi dire che evidentemente questa è una materia che tu già hai trattato e già hai approfondito. lo chiedo al Presidente del Consiglio, grazie. PREDENTE BLAOLI Guardi, Consigliere, vuole rispondere il vice Sindaco su questa sua richiesta di chiarimenti. Assessore DEL VECCHIO Grazie Presidente. Diciamo che lo spirito del Consigliere Rapposelli è dei migliori, cioè quello di snellire al massimo la procedura e rendere meno fastidioso per i cittadini il rapporto con la Pubblica Amministrazione. Però quando si tratta di alienazioni di beni, quando si tratta di beni patrimoniali, non è sufficiente, non c'è il silenzio assenso, ma l'amministrazione deve esprimersi con un atto tipico della Pubblica Amministrazione Le dico di più, Consigliere Rapposelli, fino al , il Consiglio Comunale veniva chiamato puntualmente per ogni singola richiesta ad esprimere il proprio volere, per ogni domanda, ogni singola domanda il Consiglio Comunale era tenuto ad esprimere il suo parere, perché non si poteva procedere. Dopodiché ci sono stati alcuni orientamente giurisprudenziali che hanno diciamo così facilitato l'opera della Pubblica Amministrazione in che modo? Che il Consiglio Comunale che è sempre il soggetto titolare della materia, altri non sono, né la Giunta e né altri, solo il Consiglio Comunale, con un atto di indirizzo di carattere generale all'inizio dell'anno, dà mandato alla struttura di procedere, come dire, a ricezione della domanda, e quindi non si perde più tempo, però ci vuole l'atto di indirizzo e poi procede autonomamente, perònon c'è il silenzio assenso, c'è bisogno sempre di un atto espresso della Pubblica Amministrazione. In questo caso il Consiglio Comunale che delega alla struttura di emettere l'atto di diniego ad esercitare il diritto di prelazione, non c'è questa condizione. Grazie. PREDENTE BLAOLl Grazie Vice Sindaco. Allora, non ci sono altri iscritti a parlare sulla delibera, possiamo dichiarare chiusa la discussione e andiamo al voto finale sulla delibera. Stiamo esaminando il punto 7: "Rinuncia da parte del Comune di Pescara all'esercizio del diritto di prefazione in ordine al trasferimento di unità immobiliari urbane costruite su aree PEEP. (n.p. 45/15)." Consiglieri in aula, procediamo al voto. Dichiariamo chiusa la votazione. Consiglieri presenti: 26 Voti favorevoli: 2 Registrazione e trascrizione a cura di SPRAYRECORDS- Viale KClll\cdy 52/7 - MoscuFo {PE) - Tcl C, ~ I, ', I

13 Comune dì Pescara Consiglio Comunale dell'il maggio 2015 Voti contrari: O Voti astenuti: 11Consiglio approva. Registr~zi{)ne e tr~scrizione <ICUril di SPRAY RECORDS - Viale Kennedy 52/7 - MoscuFo (PE} - lei ~ r... ) rrr

14 Di quanto innanzi si è redatto il presente verbale, che viene firmato dal Presidente, dal Segretario Generale e dal Verbalizzante. Il suesteso processo verbale di deliberazione verrà sottoposto, previa lettura, all'approvazione del Consiglio Comunale, in successiva seduta. PREDENTE F.to Avv. Blasioli Antonio SEGRETARIO GENERALE F.to Dott.ssa Monaco Carla Per copia conforme all'originale. Pescara, Iì 2 1 MAG 2015 _ A seguito di conforme attestazione dell'addetto alle pubblicazioni, si certifica che copia della presente deliberazione è stata pubblicata all'albo Pretorio dal 2 1 MAG 2015 al O 5 G I U 2015 e che contro di essa non sono state prodotte opposizioni. IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Pescara, Ii _ DICHIARA LA PRESENTE ESECUTIVA a seguito di pubblicazione all'albo Pretorio per 10 giorni consecutivi dal senza opposizioni ai sensi e per gli effetti dell'art comma - D. Legislativo del 18 agosto 2000 N IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Pescara, Iì _ N. di prot. COMUNE DI PESCARA Pescara, lì _ All'Ufficio _ FASCICOLO UFFICIO All'Ufficio per i provvedimenti di competenza. IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica COPIA CITTA DI FELTRE Deliberazione n. 62 in data 13/06/2011 Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica Prot. nr. Data Prot. 13/07/2011 Oggetto: Piano

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 702/07 Anno 2007 VERBALE N. 8 Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica dell 1 febbraio 2007 Presidenza: CORATTI - PISO - CIRINNA'

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 27/09/2007 S O M M A

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI CONTENUTI IN ARCHIVI E BANCHE DATI COMUNALI - Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 11.12.2001 con deliberazione

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli