Evidence Based Nursing

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Evidence Based Nursing"

Transcript

1 Relazione di: Achille Di Falco Referente Area Sale Operatorie Struttura Interaziendale Servizio dell Assistenza Azienda Ospedaliera di Padova. Coordinatore di ricerca ISIRI- International Institute of Nursing Research CEREF Centro di Ricerca e Formazione Padova. 8/6/2013 1

2 Situazione limite:.immaginiamo di essere in ospedale in visita ad un nostro familiare ricoverato e per osservazione diretta dell attività infermieristica ci si renda conto che.. 8/6/2013 2

3 Per chi? Infermieri clinici infermieri dirigenti infermieri docenti 8/6/2013 3

4 Scopi della relazione Fornire elementi di analisi per la valutazione dello stato della ricerca infermieristica; Descrivere la metodologia e l'utilità dell evidenza scientifica; Analizzare quale sia attualmente lo sviluppo dell evidenza scientifica nell infermieristica 8/6/2013 4

5 Scopi della relazione Fornire un esempio di applicazione della metodologia dell evidenza scientifica per l evoluzione dell attività assistenziale in una unità operativa; 8/6/2013 5

6 Analisi del momento storico Confronto multidisciplinare INFERMIERI Cambiamento protagonisti norme cultura domicilio Nuovi modelli assistenziali ospedale 8/6/2013 6

7 L infermieristica sta passando da un mestiere tecnicamente qualificato in stato di pre-scienza alla costruzione di una disciplina scientifica. Pilar Arcas /6/2013 7

8 Oggi è fuori dubbio che una professione che aspiri a crescere e a costruirsi come tale debba sviluppare linee di ricerca e di riflessione che le siano proprie. Eva Fernandez Lamelas /6/2013 8

9 Quali sono le fonti di conoscenza allo stato attuale tradizione autorità esperienza prove ed errore ragionamento logico / buon senso ricerca scientifica 8/6/2013 9

10 La tipologia di studi presenti in letteratura è: Articoli clinical trial clinical trial fase 1 clinical trial fase 2 clinical trial fase 3 controlled clinical trial editorial Guideline meta analysis Randomized controlled trial rewiew letterature 8/6/

11 Per la scelta dell informazione è indispensabile verificare il metodo o il disegno della ricerca OSSERVAZIONALE Esplorativo singoli casi Descrittivo osservo le relazioni tra aspetti diversi STUDIO DI BASE A BASSA RILEVANZA SCIENTIFICA 8/6/

12 Per la scelta dell informazione è indispensabile verificare il metodo o il disegno della ricerca SPERIMENTALE Classico (Galileo) trattamento gruppo controllo randomizzazione Quasi mancano: gruppo controllo randomizzazione HA IL PIU ALTO VALORE SCIENTIFICO 8/6/

13 Uso di evidenza scientifica nell attività professionale facilitata da: conferenze scientifiche testi ad indirizzo scientifico EBN EBP Internet riviste specialistiche oltre 400 8/6/

14 Agire professionale basato sull evidenza Valutazione di efficacia del risultato ESSERE INFERMIERI OGGI Adeguata documentazione Rigore scientifico 8/6/

15 LA REALTÀ ITALIANA Evidenza scientifica Rispetto della tradizione Routine Organizzazione per compiti 8/6/

16 Disponibilità di conoscenza Pratica assistenziale infermieristica 8/6/

17 Evidenza prodotta Evidenza applicata 8/6/

18 Evidence Based Medicine La medicina basata sull evidenza è il consapevole, esplicito, corretto uso della migliore evidenza disponibile nel produrre la decisione di assistenza al paziente. Sackett /6/

19 Evidence Based Practice La pratica della medicina basata sull evidenza richiede di integrare la competenza clinica individuale con la migliore evidenza resa disponibile dalla ricerca sistematica Sackett /6/

20 Guardare all Evidenza scientifica come: struttura portante della cura e dell assistenza dominio culturale della professione mezzo di trasformazione 8/6/

21 Il ruolo della ricerca è produrre conoscenze e metterle a disposizione per la pratica assistenziale NURSING Ricerca scientifica relazione di aiuto-suporto Importanza degli elementi che la compongono Può non essere possibile produrre evidenza 8/6/

22 Per il nursing la definizione potrebbe essere adattata nel seguente modo: Il nursing basato sull evidenza è il consapevole, esplicito e corretto uso delle informazioni derivanti dalla ricerca per produrre decisioni su approcci ed interventi assistenziali ad individui o gruppi in rapporto ai loro bisogni, valori e preferenze. 8/6/

23 SEMBRA QUINDI SEMPLICE UTILIZZARE L EVIDENZA SCIENTIFICA 8/6/

24 Filtri di ricerca anno lingua tipo studio rivista ecc ALLA RICERCA DELL INFORMAZIONE Quesito clinico Origine di parole chiave Data-base Med line 1966 Associate con operatori booleani 8/6/

25 In realtà per l utilizzo quotidiano di evidenza scientifica esistono alcune difficoltà che vanno considerate: trovare le fonti già aggiornate per l esigenza specifica determinare la strategia per inserire nella pratica le raccomandazioni ottenere l evidenza sufficiente per cambiare la pratica stessa 8/6/

26 Esistono delle critiche rivolte all uso di evidenza scientifica nella pratica infermieristica: l assenza di riferimenti alla teoria del nursing la non partecipazione del paziente nel fornire input per il percorso clinico assistenziale al quale sarà sottoposto i risultati della ricerca non sempre sono in forma utilizzabile dall infermiere studi spesso non correlati ai veri problemi dell assistenza 8/6/

27 Fattori per la limitata applicazione nella pratica non conoscenza dei risultati della ricerca non comprensione dei risultati della ricerca non fiducia nei risultati della ricerca mancanza di strategie applicative mancanza di autorità per accedere alle innovazioni French (1999) 8/6/

28 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Creare una documentazione sulla evidenza. Rendere le evidenze disponibili. Elaborare e mantenere politiche e sistemi di supporto basate sull evidenza. Introduzione dell evidenza nell insegnamento. Valutare l efficacia dell evidenza 8/6/

29 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Creare una documentazione sulla evidenza. RICERCATORI INFERMIERI CLINICI ADEGUATA DOCUMENTAZIONE 8/6/

30 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Rendere le evidenze disponibili alla comunità infermieristica Documentazione di U.O. 8/6/

31 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Elaborare e mantenere politiche e sistemi di supporto basati sull evidenza. DOCENTI DIRIGENTI 8/6/

32 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Utilizzare i dati per i singoli pazienti. INFERMIERI CLINICI RACCOLTA VALUTAZIONE CRITICA PERCORSI CLINICO-ASSISTENZIALI 8/6/

33 Step per la trasformazione dell assistenza infermieristica Verificare l efficacia dell evidenza. RICERCATORI INFERMIERI CLINICI 8/6/

34 Roger nel 1983 suggeriva un modello che indentifica 5 fasi: diventare consapevoli di una innovazione essere persuasi dal valore dell innovazione decidere di provare l innovazione porre in atto sistematicamente l innovazione nella pratica l innovazione viene valutata e confermata o respinta alla luce dei risultati ottenuti 8/6/

35 Livello I II III IV V Categoria A B Tipo di evidenza TCR di alto valore statistico o metanalisi TCR con più basso valore statistico Studi di singoli gruppi, caso controllo, studi non randomizzata Studi descrittivi o di casisitica Rapporti su singoli casi o di tipo ennedottico Grado di raccomandazione Basata su evidenze di livello I Basata su evidenze di livello II C Basata su evidenze di livello III,IV o V 8/6/

36 Una ricognizione della letteratura 1991 oggi Scarsa evidenza scientifica disponibile nel settore del nursing in emodinamica 8/6/

37 Fonti per la ricerca Associazioni Data base Siti web Alcune di oltre 400 riviste specializzate 8/6/

38 TAB. 1. ELENCO DEI SITI UTILIZZATI PER LA RICOGNIZIONE /6/

39 TAB. 2. ELENCO DELLE RIVISTE E GIORNALI UTILIZZATI PER LA REVISIONE Coronary health care Japanese Journal of Nursing Art Critical Care Nursing Clinics of North America Cardiovascular Clinics Canadian Critical Care Nursing Journal Journal of Cardiovascular Nursing Journal of Advanced Nursing Jama International Journal of Nursing Studies Intensive and Critical Care Nursing Heart and Lung Critical Care Nurse Bmj (Clinical Research Ed.) Aacn Clinical Issues 8/6/

40 La tipologia di studi maggiormente rappresentativa può essere così categorizzata: TAB.3. TIPOLOGIA DI STUDI DESCRITTI Sperimentazioni cliniche randomizzate Quasi sperimentazione Revisione critica della letteratura Metanalisi 8/6/

41 Le parole chiave utilizzate per la ricerca sono state: Accidents, Traffic Heart Failure, Congestive Femoral Artery Electrocardiography Case Report Adult Hemodynamics Fibrinolytic Agents Electrodes Coronary Care Units Aged Hemorrhage Fluid Therapy Emergencies Critical Care Angina Pectoris Hemostatic Techniques Gloves, Protective Emergency Medical Services Early Ambulation Angioplasty, Balloon Human Health Planning Emergency Service, Hospital Education, Nursing Aorta, Thoracic Human Heart Arrest Equipment Safety Electric Countershock Aortic Aneurysm Information Systems Heart Diseases Female Electric Injuries 8/6/

42 Schema esemplificativo di tipologia di studi attuali: TAB. 4. SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DELLA TIPOLOGIA DI STUDI ATTUALI. Tipo di studio Titolo Fonte Sperimentazione clinica randomizzata Metanalisi A. Psychosocial nursing therapy following sudden cardiac arrest: impact on two-year survival Nursing Research 50(2): B. The Cardiac Arrhythmia Suppression American Journal of Trial: Implications for nursing practice Critical Care 1996 C. A randomised clinical trial of the effect of bed position after PTCA D. Reducing time in bed after cardiac catheterization E. A single center randomised controlled trial assering use of a vascular hemostasis device vs. conventional manual compression following PTCA:what are the potential resourse savings? F. Effect of clinical guidelines in nursing, midwifery, and the therapies: a systematic review of evaluations American Journal of Critical Care 1995 American Journal of Critical Care 1996 Catheterization and Cardiovascular Diagnosis G. Nursing intervention and smoking Heart and Lung 28 cessation 8/6/ Quality in Health Care 1998

43 A randomized clinical trial of the effect of bed position after PTCA: PREMESSA: Dopo una angioplastica coronarica transluminale percutanea PTCA, la posizione supina forzata a letto è causa frequente di lombalgia. Questo studio è stato condotto per verificare se i pazienti che sono stati sottoposti a PTCA possono modificare autonomamente la posizione nel letto per mantenere il miglior comfort senza aumentare la frequenza di severe complicazioni emorragiche 8/6/

44 A randomized clinical trial of the effect of bed position after PTCA: OBIETTIVI: determinare se il rischio di emorragia aumenta nei pazienti ai quali si permette il controllo della posizione nel letto per garantire il comfort e se la differenza in comfort percepito è significativa tra i pazienti che controllano la loro posizione e i pazienti che vengono tenuti perfettamente supini e orizzontali nella superficie del letto. 8/6/

45 A randomized clinical trial of the effect of bed position after PTCA: METODO: è stato condotto un trial clinico randomizzato; 54 pazienti sottoposti a PTCA sono stati assegnati in modo randomizzato in due gruppi; uno controllo (pazienti supini orizzontali a letto) l altro ( pazienti controllano la loro posizione). L outcome prevede la misura di eventuali episodi di emorragia nel sito d introduzione del catetere. 8/6/

46 A randomized clinical trial of the effect of bed position after PTCA: RISULTATI: non evidenziate differenze di frequenza di episodi emorragici nei siti di inserzione del catetere tra i due gruppi. Pochi soggetti hanno lamentato dolore occasionalmente. Il dolore lombare alla sera e il tempo di permanenza a letto è stato molto elevato nel gruppo controllo, ma solo il tempo di permanenza a letto è stato statisticamente significativo. 8/6/

47 A randomized clinical trial of the effect of bed position after PTCA: CONCLUSIONI: concludiamo che i pazienti possono modificare la loro posizione nel letto fino a 30 senza incorrere in un aumento del rischio di emorragie nel sito di inserimento del catetere e quindi richiedere ai pazienti di rimanere distesi orizzontalmente non ha base scientifica. 8/6/

48 A single center randomized trial assessing use of a vascular hemostatis device vs. conventional manual compression following PTCA: what are the potential resource savings?: PREMESSA: Abbiamo intrapreso un trial clinico controllato randomizzato comparando VS, un dispositivo per l emostasi vascolare a base di collagene, con la compressione manuale per determinare la funzione e l economia nei costi rispetto ai pazienti sottoposti a PTCA. 8/6/

49 A single center randomized trial assessing use of a vascular hemostatis device vs. conventional manual compression following PTCA: what are the potential resource savings?: Di 460 pazienti 359 sono stati esclusi per instabilità clinica 30%, problemi inguinali 18%, risultati non ottimali di PTCA 15%, e altre ragioni 37%. I rimanenti 101 pazienti sono stati randomizzati nei due gruppi.51 paz. nel gruppo con dispositivo a base di collagene, 50 paz. con compressione manuale. 8/6/

50 A single center randomized trial assessing use of a vascular hemostatis device vs. conventional manual compression following PTCA: what are the potential resource savings?: Il tempo di emostasi, il tempo per deambulare, la durata del ricovero ospedaliero, e il tempo-complessità assistenziale infermieristica si sono significativamente ridotti nel gruppo trattato con collagene. Non vi è stato un aumento delle complicazioni inguinali nei pazienti trattati con compressione manuale, ma il trend di complicazione inguinale era minore nel gruppo collagene. 8/6/

51 A single center randomized trial assessing use of a vascular hemostatis device vs. conventional manual compression following PTCA: what are the potential resource savings?: In questo trial clinico l uso del dispositivo a base di collagene a ridotto l utilizzo di risorse trasformandolo in una riduzione dei costi complessivi dei pazienti sottoposti a PTCA. 8/6/

52 Reducing time in bed after cardiac catheterization PREMESSA: Oltre cateterizzazioni cardiache vengono effettuate annualmente negli Stati Uniti per la diagnosi e il trattamento di pazienti con alterazioni delle arterie coronarie. L arteria femorale è solitamente usata come sito di inserzione per questo tipo di procedura, il protocollo prevede il riposo prolungato a letto con restrizione del movimento dopo la rimozione del catetere. 8/6/

53 Reducing time in bed after cardiac catheterization Gli standard di permanenza a letto dopo angioplastica descritti in letteratura sono vari: 3 ore > 24 ore 12 ore 8/6/

54 Reducing time in bed after cardiac catheterization La permanenza a letto e la restrizione del movimento riducono il comfort del paziente, aumentano il bisogno di assistenza infermieristica e prolungano il ricovero ospedaliero. OBIETTIVO: verificare un eventuale significativo aumento dell incidenza di emorragia nel sito di inserzione del catetere nei pazienti sottoposti a cateterizzazione cardiaca in cui il tempo di permanenza a letto viene ridotto a 4 ore (sperimentazione) rispetto a 6 ore (controllo) dopo la rimozione del cat. 8/6/

55 Reducing time in bed after cardiac catheterization METODO: randomized controlled trial campione = 86 pazienti adulti destinazione a random nei due protocolli di trattamento Entrambi i gruppi avevano un dispositivo di pressione e un sacchetto di sabbia nel punto d inserzione del catetere durante il riposo a letto. 8/6/

56 Reducing time in bed after cardiac catheterization RISULTATI: non ci sono state significative differenze nell incidenza di emorragie nel sito d inserzione del catetere collegate all attività del paziente una volta alzato dal letto. 8/6/

57 Reducing time in bed after cardiac catheterization CONCLUSIONI: il tempo di riposo a letto dopo la cat. cardiaca può essere ridotta da 6 a 4 ore. Questa scelta ha delle implicazioni nel comfort del paziente, diminuisce la durata del ricovero e i costi dello stesso. 8/6/

58 Esempio storico Post I.M.A Levin & Iown sedere in poltrona 24 ore post I.M.A. Riposo a letto prolungato Stasi venosa trombosi infezioni respiratorie ipotrofia muscolare stress elevato depressione Due anni di studi clinici. Risultati statistici e clinici significativi 1969 Schmitt,hood& lown Migliore qualità di vita e possibilità di recupero 8/6/

59 Evidence based practice Strategie per la diffusione dell evidence based practice: Un progetto sperimentale di cambiamento. 8/6/

60 Evidence based practice Aprile 2000 I.S.I.R.I.-CEREF Sperimentazione pre test / post test REGIONE VENETO 8/6/

61 Evidence based practice Risultati prodotti da un precedente progetto: casistica delle unità operative per DRG e profilo di dipendenza atteggiamento, percezioni e vissuto relazionale degli operatori gradimento e percezione degli assistiti tipologia di attività assistenziali, alberghiere e organizzative procedure tecniche per interventi complessi e di routine tempo allocato per le attività e variabilità delle stesse difficoltà, disfunzioni ed errori rilevati e percepiti sistema informativo in uso nelle unità e tra le unità e i servizi. 8/6/

62 Evidence based practice PERMANENZA DI UN MODELLO ASSISTENZIALE TRADIZIONALE BASATO SU ATTIVITA DI RIGIDA ROUTINE, CON L INFERMIERE SPESSO IMPEGNATO IN ATTIVITA ALBERGHIERA O SEGRETARIALE 8/6/

63 Evidence based practice ATTIVITA CRITICHE minuti Assistenza alla visita medica 300 Rilevazione parametri vitali 40 Preparazione somministrazione terapie 900 Attività improprie (trasporti approvvigionamenti) Registrazione e accesso alle informazioni cliniche /6/

64 Evidence based practice FILOSOFIA DEL SECONDO PROGETTO ASSISTENZA DI BASE AVANZATA Può essere effettuata da chiunque abbia un sufficiente addestramento e atteggiamento di aiuto verso l'altro trattamento assistenziale per lo sviluppo o il mantenimento delle abilità dell'assistito richiede capacità di analisi e giudizio oltre che competenza tecnica approfondita di trattamento di almenno una tipologia di bisogno 8/6/

65 Evidence based practice OBIETTIVI DI PROGETTO: identificare il gradiente di efficacia degli interventi assistenziali basati sull EBN rispetto a quelli tradizionali in soggetti con ridotta autonomia fisico funzionale; valutare l impatto della operatività basata sull evidenza prodotta dall'indagine scientifica nello sviluppo di competenza professionale a breve periodo degli operatori a vari titolo coinvolti; valutare l efficienza organizzativa ottenuta con modelli di inserimento progressivo dellebn rispetto a quella basata sui modelli tradizionali di assistenza ospedaliera 8/6/

66 Evidence based practice MISURA RAGGIUNGUMENTO OBIETTIVI strumenti di misura valitati rispetto al femoneno specifico descritti nella letterat. scientifica. mini test stato mentale questionari autocompilati di gradimento scale ADL scale di misura VAS di sintomi e dolore griglie di osservazione con valori pesati 8/6/

67 Evidence based practice DISEGNO DELLO STUDIO PRE-POST TEST con trattamento, controllo parziale e campione non probabilistico. Indicato per la valutazione di sistemi complessi con limitato controllo sulle variabili concomitanti e ambientali 8/6/

68 Evidence based practice ATTIVITA PREVISTE Costituzione gruppo referente di progetto rilevazione, analisi e classificazione dei casi assistiti nell U.O. rilevazione delle attività di assistenza e alberghiera svolta nella U.O. 8/6/

69 Evidence based practice analisi del sistema informativo e documentativo utilizzato dall'équipe sanitaria analisi del sistema di comunicazione interpersonale progettazione di un modello sostenibile di ottimizzazione fornendo metodologia clinica su aree specifiche del nursing dove esiste evidenza scientifica 8/6/

70 Evidence based practice individuazione dell infermiere di riferimento e messa a punto di strumenti informativi e di programmazione messa a punto di un sistema di monitoraggio, supporto e verifica durante l implementazione dei trattamenti di assistenza introdotti monitoraggio di impatto e di efficacia dei cambiamenti su operatori, organizzazione e utenti 8/6/

71 Evidence based practice 8/6/

72 Evidence based practice ASSISTENZA AVANZATA DOLORE SONNO-RIPOSO MOTRICITA' INCONTINENZA INFERMIERE 1 INFERMIERE 2 INFERMIERE 3 INFERMIERE 4 APPROFONDIMENTO TECNICO SCIENTIFICO DIAGNOSI TRATTAMENTO ASSISTENZIALE PRIMARY NURSE 8/6/

73 Evidence based practice LA DIFFERENZIAZIONE SVILUPPO DI COMPETENZE SPECIFICHE MODELLI DI NURSING AVANZATO RESPONSABILITA INDIVIDUALE RISPETTO AI RISULTATI 8/6/

74 Evidence based practice TAB. 5 TRATTAMENTI ASSISTENZIALI Aree individuate Tecniche introdotte Esercizi di kegel Trattamento Sviluppo di abitudini dell incontinenza urinaria Addestramento alla vescica Respirazione diaframmatica Gestione della capacità Drenaggio delle secrezioni funzionale motoria tracheobronchiali Allineamento posturale Rilassamento progressivo Gestione di sonno e ansia Rilassamento con visualizzazione di immagini Massaggio della colonna Gestione del dolore Massaggio semplice Tecnica metamorfica 8/6/

75 Evidence based practice All interno dell unità operativa sono quindi presenti Pazienti con assistenza di base Pazienti con assistenza avanzata Tutti gli inf dell U.O. Progetta e coordina ass.inf. Primary nurse Approfondimento dell aspetto scientifico del bisogno rilevato INIZIO TRATTAMENTO Programma di assistenza di massima 8/6/

76 Evidence based practice MONITORAGGIO strumenti ad hoc valutare lo stato di dipendenza ingresso-uscita valutare sintomatologie specifiche dell'area clinica monitorare l'efficacia per ciascuno dei trattamenti assistenziali introdotti 8/6/

77 Evidence based practice PRINCIPALI RISULTATI PREVISTI MAGGIORE COERENZA TRA TIPO DI BISOGNO DEGLI UTENTI E INTERVENTO ASSISTENZIALE SISTEMA INFORMATIVO COERENTE CON LA TIPOLOGIA DI UTENZA MAGGIORE COERENZA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CON L EVIDENZA RIDUZIONE SIGNIFICATIVA DELLA ROUTINE MIGLIORAMENTO DELLA % DI SOGGETTI CON OUTCOME MIGLIORI 8/6/

78 Evidence based practice CONCLUSIONE PROGETTO NELL APRILE 2002 RISULTATI SIGNIFICATIVI ED ESEMPI DI MODALITA DI APPLICAZIONE SARANNO RESI NOTI IN SEDE DI CONFERENZA 8/6/

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 DM 739/94 Rabilitazione Palliazione CRONICITA ACUZIE Famiglia Residenze Country Hospital Hospice CASE MANAGEMENT

Dettagli

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi

Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Il case management, metodologia che consente il governo dell intero processo di cura dell uremico cronico D.ssa Cesarina Prandi Infermiera Consulente Formazione e Organizzazione in Sanità In Italia è 10

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari Professionisti coinvolti Responsabili organizzativo-gestionali Infermieri Clinici Coordinatori dell assistenza

Dettagli

PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI

PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI I PDTA e i protocolli nel Dipartimento di area Medica Specialistica Infermiera pediatrica coordinatrice Sabrina Contini PROTOCOLLI, PROCEDURE E PIANI ASSISTENZIALI

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

Maria Milano (CSeRMEG)

Maria Milano (CSeRMEG) (CSeRMEG) Il Centro Studi del Co.S La mission L organizzazione Gli obiettivi Quali indicatori per quale ricerca? Quale Ricerca? Il Centro Studi del Co.S Lo Statuto: associazione a carattere scientifico

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO CORSI CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO OTTIMIZZAZIONE & QUALITÀ DEI PROCESSI E SERVIZI IN AZIENDA CORSO SULLE TECNICHE

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

I filoni della ricerca

I filoni della ricerca I filoni della ricerca infermieristica Anne Destrebecq Professore associato MED/45 Università degli Studi di Milano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Come si sta evolvendo

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Torino, 14 ottobreo 2010 Formazione specialistica e certificazione di competenze avanzate nei Laboratori Interventistici di Cardiologia: testimonianza di un

Dettagli

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei

ANìMO e ricerca: un anno di lavoro. Letizia Tesei ANìMO e ricerca: un anno di lavoro Letizia Tesei Il sottoscritto Tesei Letizia ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre

Dettagli

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG disponibilità di sistemi idonei per la misurazione

Dettagli

Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries Bolzano Mario Martignone Dirigente tecnico assistenziale Comprensorio di Bolzano

Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries Bolzano Mario Martignone Dirigente tecnico assistenziale Comprensorio di Bolzano LA PESATURA DELLA COMPLESSITA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA A DOMICILIO: L ESPERIENZA NEL DISTRETTO SANITARIO S.QUIRINO/GRIES DI BOLZANO Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze

L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali tra benefici e complicanze Struttura Complessa di Cardiologia Universitaria Città della Scienza e della Salute, Torino Direttore: Prof. Fiorenzo Gaita L approccio radiale nella Cardiologia Interventistica: Aspetti assistenziali

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale 12 settembre 2015 Direttive anticipate: distinzione Direttive anticipate

Dettagli

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca 1 Fasi sperimentazione nuovi farmaci Fase I :per avviare

Dettagli

Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale

Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale Esperienze di cure primarie: l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale INFORMEG : uno strumento didattico per il Tutor in Medicina Generale Dario BONETTI- Angelo CAVICCHI 1 Il Corso di Formazione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL AUTORI Baratta S, Batistini R, Forni S, Francone C,

Dettagli

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL Mortalità per malattie del sistema circolatorio, tumori e malattie infettive, per 100.000 abitanti. Anni 1926-2001. Fonte: Istat 600 500 400 300 Malattie

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

Interventi. Definizioni. Formazione e Auto Aiuto. Malattia Cardiaca Coronarica. Indice di Massa Corporea. Ambulatori gestiti dall Infermiere

Interventi. Definizioni. Formazione e Auto Aiuto. Malattia Cardiaca Coronarica. Indice di Massa Corporea. Ambulatori gestiti dall Infermiere Traduzione a cura Coordinatore infermieristico Laura Bellini Azienda ospedaliera Bolognini Seriate( Bg) Collaboratrice centro EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Serena Broccoli, Gerardo Lupi, Walther Orsi Programma salute Anziani Milano, 17 ottobre 2008 Studio

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO Le visite infermieristiche domiciliari preventive per il paziente affetto da malattia di Alzheimer e del

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia Dott. A. Gandolfo Sistema Qualità Il Sistema Qualità è un sistema di gestione che ha lo scopo di tenere sotto controllo i processi di una

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA

CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CLINICHE E SPERIMENTALI CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CONTRATTO DI TIROCINIO RIABILITAZIONE SPECIALISTICA I anno - Anno Accademico STUDENTE SEZIONE

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

PROFEA. programma di formazione in epidemiologia applicata

PROFEA. programma di formazione in epidemiologia applicata PROFEA programma di formazione in epidemiologia applicata Alberto Perra e Nancy Binkin, PROFEA, 2008 Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità Il punto di vista dell Infermiere di Camera Operatoria Dott. R. Povoli PREMESSA La sala operatoria è il fulcro delle complesse vicende che si legano ad

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE

METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE Insegnamento: RICERCA INFERMIERISTICA E OSTETRICA Crediti Formativi (CFU) 9,5 Moduli METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE Coordinatore: Prof.ssa Cecilia Sironi

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA

SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO MOLINETTE EMODINAMICA OSPEDALIERA HEART TEAM GLI INFERMIERI DOVREBBERO FAR PARTE DELL HEART TEAM? HEART TEAM Secondo le nuove linee guida europee la condizione indispensabile

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON NOI

Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON NOI Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Perugia 30 Ottobre 2007 Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli