Impedire la richiesta dei test di laboratorio quando inappropriati: è possibile?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impedire la richiesta dei test di laboratorio quando inappropriati: è possibile?"

Transcript

1 Impedire la richiesta dei test di laboratorio quando inappropriati: è possibile? Tommaso Trenti 1, Giulia Grandi 1 e Massimo Gion 2 1Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Anatomia Patologia, Azienda USL e Ospedaliera Universitaria, Modena 2Dipartimento di Patologia Clinica, Centro Regionale Biomarcatori, Azienda ULSS 12 Veneziana, Ospedale Civile e Ospedale dell Angelo di Mestre, Venezia IMPEDIRE LA RICHIESTA DEI TEST DI LABORATORIO QUANDO INAPPROPRIATI: È POSSIBILE? Il governo clinico della richiesta di esami diagnostici è aspetto di straordinaria rilevanza per la medicina di laboratorio nell ottimizzazione dei processi di cura finalizzati a ottenere i migliori risultati di salute nei pazienti in ragione delle attività eseguite. Il tema dell appropriatezza intesa sia come sottoutilizzo che come sovra-utilizzo dei test di laboratorio, riconoscendo ed eliminando le richieste inappropriate, è alla base delle strategie professionali per il controllo e la gestione della dinamica della domanda in diagnostica. In questi anni l indubbia capacità del laboratorio di fornire prestazioni di sempre più facile e immediato accesso al paziente e al medico curante, senza sostanziali liste d attesa, se da un lato ha indubbiamente determinato maggiore efficienza dall altro ha determinato la percezione del test diagnostico come commodities, ovvero un bene di basso valore facile a ottenere. Questo rende ragione di quella che è stata autorevolmente definita come sindrome di Fort Alamo 1 per i professionisti che operano in laboratorio ovvero l alienazione dal contesto complessivo del processo di cura in quanto pressati da elevati volumi e carichi di lavoro da eseguirsi in tempi sempre più brevi associata a un indubbia richiesta di ridurre i costi con enfasi sui processi di riorganizzazione, consolidamento e razionalizzazione delle attività. Il considerare il test diagnostico un intervento sanitario a pieno titolo con i benefici che questo può portare alla salute ma anche con i rischi e i danni che può indurre può essere la risposta utile alla professione per uscire da una logica di mera esecuzione del test diagnostico proponendo il valore della competenza posseduta 2. Considerare i test diagnostici come commodities ha indotto scelte e comportamenti spesso stereotipati e indifferenziati nella pratica clinica. L industria produttrice raramente investe in studi di efficacia clinica mentre concentra le proprie azioni di marketing sulle tecnologie più sofisticate piuttosto che sull utilizzo e valutazione dell utilità clinica delle informazioni fornite dai test stessi. Sebbene l attenzione dei sistemi sanitari sia più frequentemente focalizzata sui problemi di accesso agli esami diagnostici - liste o tempi di attesa - che dalle ricadute sui percorsi di cura, i recenti sviluppi nella metodologia della ricerca e valutazione degli interventi sanitari re-instradano verso una valutazione del beneficio ottenuto da strategie diagnostico-terapeutiche, ridando all esame diagnostico di laboratorio un ruolo chiave nella scelta dei percorsi di cura globali. CRESCITA DEI CARICHI DI LAVORO E ATTIVITÀ DIAGNOSTICHE NEL LABORATORIO CLINICO Anche se è difficile poter localizzare ed identificare dati che riassumano le tipologie di richiesta dei test diagnostici sia in ambito nazionale che internazionale, è condivisa l opinione dell incremento dei test di laboratorio sempre più richiesti negli ultimi anni. L aumento più forte si è registrato nella richiesta di esami di biochimica clinica, con un tasso di crescita annuale superiore al 10% per gli anni che vanno dal 1996 al Nell ultimo decennio vi è stato un aumento non solo nel Regno Unito ma anche negli Stati Uniti, in Canada e in tante altri paesi, tra cui l Italia. L aumento osservato nella richiesta di test di laboratorio è particolarmente evidente nelle richieste in medicina di base, con incrementi annuali superiori al 20% 4,5. Questo è dovuto all importante riposizionamento dei processi ospedalieri nelle strutture sanitarie di base per la riorganizzazione dell assistenza sanitaria specialmente nella gestione delle malattie croniche. Un esempio è la presa in carico dei pazienti diabetici da parte dei servizi di cure primarie, pazienti che storicamente erano prima curati in ambito ospedaliero 6. Vi sono molte altre ragioni che spiegano e giustificano l incremento della richiesta di test di laboratorio quali: - L espansione dell uso dei test diagnostici nella pratica clinica con introduzione di nuovi test diagnostici: la tipologia dei test di laboratorio disponibile continua a crescere con la possibilità di pannelli multimarcatore a impatto decisionale rilevante come nella gestione dell infarto miocardico acuto. La rapida crescita della proteomica e della genomica ha determinato la disponibilità di molti potenziali biomarcatori che sono spesso introdotti nel mercato prima che la loro utilità sia investigata in modo metodologicamente accettabile. Nonostante i tentativi di proporre disegni di studio sperimentali adeguati, negli ultimi anni molti test si sono imposti nell uso clinico senza che vi fossero dimostrazioni robuste del loro valore diagnostico e non sarebbero ora approvati alla luce delle ricerche e metodologie ora in essere 7. - La curiosità e l interesse verso nuove tecnologie e test diagnostici fortemente propagandati come innovativi nonostante siano all inizio del percorso di valutazione relativo all impatto clinico nel loro uso. - Un approccio passivo a recepire acriticamente iniziali risultati di ricerche che propongono ottimisticamente e sovrastimano l effetto di una procedura diagnostica nonostante l incompletezza e la parzialità dei dati scientifici. - L impulso sociologico e culturale a ritenere che lo screening in condizioni di basso rischio di patologia, come nel caso dei check-up in pazienti sani, possa rendere migliore il rapporto di fiducia fra medico e paziente quando studi recenti hanno dimostrato come l utilizzo di questi test LigandAssay 18 (4)

2 non si associ a una riduzione delle cause di mortalità, ad esempio cardiovascolare 8. - La crescita delle aspettative nel potere diagnostico degli esami di laboratorio sia nei medici che nei pazienti: i pazienti hanno sempre maggiori attese dai processi clinico diagnostici 9, tendendo a eseguire test anche se non giustificati dall esigenza del quesito clinico specifico, in particolare, nell esercizio di una maggiore partecipazione alle scelte cliniche tendono a sopravvalutare il valore di pratiche diagnostiche e sono quindi restii ad accettare di ridurne l uso anche quando potenzialmente dannose. - L uso di più test contemporanei è ritenuto utile a ridurre i tempi del processo clinico diagnostico - I test diagnostici sono ritenuti utili per rassicurare i pazienti diminuendo lo stato d ansia; questo nonostante recenti meta-analisi abbiano dimostrato come i test diagnostici su popolazione a basso rischio abbiano una limitata funzione nel tranquillizzare i pazienti o attenuare i sintomi; l unico effetto pare di diminuire le successive visite al medico di famiglia con possibili rischi relativi alla non corretta valutazione sottovalutando i sintomi clinici 10,11. - Incentivi e modalità di finanziamenti: in alcuni sistemi sanitari il numero dei test richiesti determina l incremento dei profitti dell istituzione sanitaria e questo chiaramente fornisce un incentivo a proporre più test di laboratorio. Il fenomeno è storicamente un problema specifico negli Stati Uniti al punto che ultimamente sono stati fatti diversi tentativi per limitare o penalizzare tali abusi tramite restrizioni delle richieste o dai servizi sanitari pubblici, oppure dalle assicurazioni. - Cambiamenti demografici della popolazione: negli ultimi anni l incremento della domanda è stata determinato dall aumento dell età della popolazione 12 con il conseguente numero delle persone con malattie croniche 13 che inevitabilmente utilizzano intensamente i servizi sanitari in generale e quindi specificatamente anche i test di laboratorio. - Protocolli e linee guida: sviluppate e utilizzate sempre più 14. Queste tendono a specificare elenchi di test che sono applicati in ambito ospedaliero, nell attività dei medici di medicina generale genericamente a tutti i pazienti sospettati di una patologia. - Paura di contestazioni e medicina difensiva: la pratica della medicina difensiva è un problema divenuto di grande importanza e attualità, nel nord ma anche in ambito europeo 15 le contestazioni per errore medico sono in forte aumento. Questo timore ha indirizzato i clinici a usare procedure e test a scopo difensivo e protettivo, anche in assenze di sospetti clinici fondati. Questo determina l esecuzione di screening di nessuna o scarsa utilità 16 con tutte le conseguenze relative di falsi positivi. - Test indotti da dati anomali a cascata: statisticamente molti test sono caratterizzati (specialmente nei risultati dei test multipli di screening) da un alto numero di risultati anormali (fuori dagli intervalli di riferimento) misurati in pazienti senza vere patologie, questo, a sua volta, causa la richiesta di ulteriori test ed ulteriori indagini diagnostiche, anche complesse Facilità della soddisfazione della richiesta e rapido accesso alla prestazione: non ci sono dubbi sul fatto che la richiesta di un test di laboratorio, sia nella medicina primaria che secondaria, sia soddisfatta rapidamente e sia di facile accesso e dunque poco valorizzata dai medici prescrittori. L incremento dei prelievi venosi eseguiti dal personale infermieristico e non direttamente dal medico proscrittore 18 ha indotto ancor più una facile richiesta dei clinici. - L esercizio professionale in laboratori isolati dalla complessità dei percorsi diagnostici: sia i medici che operano all interno degli ospedali che i medici di medicina generale se isolati dai laboratori che erogano le prestazioni diagnostiche tendono a non essere pienamente consapevoli di quanto richiesto mancando di significativi feedback. L apparente o possibile mancanza di canali di comunicazione porta alla scarsa conoscenza non solo dei costi legati all esecuzione dei test ma ai limiti che gli stessi hanno nell indurre sia una errata diagnosi di patologia quando assente sia a escluderne scorrettamente la presenza. L assenza di una efficace comunicazione unita alla crescente complessità delle pratiche diagnostiche contribuisce a un ulteriore crescita delle richieste dei test di laboratorio. - Le ambizioni di carriera dei professionisti ove anche opinion leaders per raggiungere una riconosciuta reputazione scientifica e riconoscimenti personali pubblicano ricerche premature e incomplete anche modificando i dati così mistificando e fuorviando le raccomandazioni di autorevoli linee guida 19. RICHIESTE INAPPROPRIATE E SALUTE DEL PAZIENTE Pur considerando le molte ragioni che possono giustificare l incremento dei test di laboratorio avvenuto negli ultimi anni è ragionevole ritenere che sia aumentata conseguentemente la richiesta di attività inappropriate. A questo proposito si può osservare come siano diverse e disomogenee le tipologie di richiesta dei test diagnostici da parte dei medici di famiglia su aree a simile composizione demografica o di patologie presenti nella popolazione 20 fenomeno dovuto a diverse modalità prescrittive e diverso grado di appropriatezza. Le richieste inappropriate, oltre a determinare un diretto consumo di risorse, inducono ulteriori interventi sanitari con ricoveri ospedalieri. Questo determina oltre ai ben noti costi addizionali anche un potenziale danno sulla salute del paziente a causa di test con risultato falsamente positivo per gli effetti clinici e psicologici dovuti a investigazioni non necessarie. La tabella 1 mostra come quanti più test vengano eseguiti tanto più vi sia la probabilità di un risultato anormale, infatti in un pannello a 20 test, in termini statistici, almeno un risultato sarà anormale in circa 2\3 di pazienti sani. Nessuno pone dubbi sulla rilevanza e veridicità del dato statistico presentato ma, di fatto, un risultato anormale, quando presentato ad un clinico, farà sì che vengano generati ulteriori accertamenti 21. L Evidence-Based Practice quale strumento guida per l appropriato utilizzo dei test diagnostici di laboratorio è generalmente un approccio scientifico e culturale poco consueto nella prassi operativa 22,23 così che molti medici richiedono spesso test inappropriati per rispondere a quesiti diagnostici ai quali il test non può rispondere ove la risposta non può che essere fuorviante. Un esempio di ciò è l utilizzo di taluni marcatori tumorali come ad esempio l antigene carcino-embrionale (CEA). Il CEA è utilizzato 318 LigandAssay 18 (4) 2013

3 Tabella 1 Probabilità di un test anormale al di fuori del 95% dell intervallo di referenza quando si ha la richiesta di test multipli Numero dei test richiesti nello stesso paziente Modificato da rif. 21 Possibilità % di almeno un risultato anomalo 1 5% 2 10% 5 23% 10 40% 15 54% 20 64% principalmente in pazienti con cancro del colon, nel followup, dopo la terapia con intento curativo e per monitorare la risposta al trattamento per la malattia avanzata. Benchè la diagnosi precoce sia la chiave per la cura del cancro del colon retto, data la bassa specificità e sensibilità il CEA non ha un ruolo chiave per la diagnosi precoce 24 che invece si basa sulla comprensione corretta dei sintomi dei pazienti da parte del curante 25, e principalmente sull implementazione sistematica di programmi di screening basati sulla ricerca del sangue occulto nelle feci, come raccomandato dal American Cancer Society 26 e da altre importanti società scientifiche o istituzioni sanitarie anche nazionali. Nonostante questo, i clinici richiedono il CEA per lo screening nella diagnosi del cancro del colon-retto invece di limitare l uso di questo test nei pazienti già diagnosticati. L utilizzo inappropriato porta a frequenti risultati falsi positivi con le note conseguenze di ulteriori inutili indagini ma soprattutto ad occasionali falsi negativi che rassicurano falsamente sia i pazienti che i medici possono ritardare la corretta diagnosi. Restando nel campo dei biomarcatori in oncologia, l uso di un valore soglia consente di suddividere la popolazione in esame in veri positivi (soggetti con tumore e marcatore positivo), veri negativi (soggetti sani con marcatore negativo), falsi negativi (soggetti con tumore e marcatore negativo), falsi positivi (soggetti sani con marcatore positivo). Come noto, l identificazione di questi quattro gruppi permette di calcolare la prestazione diagnostica di un marcatore, e precisamente, sensibilità, specificità, valore predittivo negativo e positivo. La sensibilità esprime la capacità di un marcatore di riconoscere la presenza di malattia in pazienti effettivamente malati (percentuale di risultati veri positivi sul totale dei soggetti malati), la specificità esprime la capacità di un marcatore di riconoscere solo una data neoplasia e di restare negativo nei soggetti senza malattia 27. L efficacia diagnostica esprime in modo complessivo l efficacia del marcatore e rappresenta la quota complessiva dei risultati corretti, il valore predittivo positivo e il valore predittivo negativo esprimono l attendibilità di un risultato rispettivamente positivo o negativo; in altre parole indicano la percentuale di risultati veri positivi sul totale dei risultati positivi e dei risultati veri negativi sul totale dei risultati negativi. Sensibilità/specificità e valore predittivo positivo/negativo rappresentano due diversi approcci per valutare un test diagnostico, infatti sensibilità/specificità sono valutazioni finalizzate all efficienza del marcatore in condizioni cliniche note, il valore predittivo esprime invece la probabilità che un valore del test positivo o negativo abbia un associazione con la condizione di patologia indagata. La tabella 2 riporta l esempio di come un marcatore con date caratteristiche di sensibilità e specificità possa avere un valore predittivo profondamente diverso in condizioni di differente prevalenza della malattia indagata. Infatti un marcatore con sensibilità di 85% e specificità di 90%, misurato ad esempio in 100 pazienti in follow-up dopo la terapia primaria di una neoplasia per la quale ci si attende un tasso di ricaduta del 40% avrà un valore predittivo positivo molto buono, in quanto 8 soggetti su 10 con test positivo saranno effettivamente affetti dalla patologia ricercata. Viceversa, lo stesso marcatore (con la stessa sensibilità 85% e la stessa specificità di 90%) applicato a una popolazione con prevalenza del tumore di 40 su , avrà un valore predittivo positivo del tutto insoddisfacente in quanto solo 1 paziente su 250 casi con valore del marcatore positivo ha effettivamente la patologia indagata 27. Ancora una volta si deve sottolineare che avremo 249 persone che eseguiranno molti ulteriori accertamenti diagnostici per escludere la neoplasia e vivranno comunque nella percezione di soffrire di una patologia oncologica, di cui in realtà non sono affetti! RICHIESTE INAPPROPRIATE E SICUREZZA DEL PAZIENTE: QUANDO UN TEST DIAGNOSTICO È RISCHIOSO PER LA SALUTE Un rilevante numero di errori in medicina avviene sicuramente al momento della diagnosi, tuttavia l effettiva gestione dell errore in diagnostica di laboratorio è resa complessa dalla difficoltà di definire in modo esplicito e rilevabile la relazione fra rischio diagnostico e processo di erogazione ed esecuzione del test, ovvero fra quanto avviene all interno del laboratorio e quanto avviene all esterno. Si è nel tempo consolidata l idea del processo diagnostico globale (Total Testing Process, TTP) prima proposto da Gambino nel e poi divenuto più familiare nei nove passaggi che compongono il Brain to Brain Loop descritto da George Lundberg nel e recentemente rivisto da Mario Plebani nel In questi modelli il valore dell informazione di laboratorio è fortemente determinata e condizionata da eventi che avvengono prima che il campione giunga in laboratorio o dopo che il risultato è rilasciato dal laboratorio stesso. Il processo coinvolge il quesito diagnostico nella sua formulazione nella mente del medico prescrittore e l uso successivo dell informazione acquisita dal referto sempre da parte del medico nel processo cognitivo clinico globale. Tradizionalmente i laboratori clinici valutano le loro prestazioni basandosi su dati di efficienza e di valutazione della qualità analitica interna piuttosto che sulla valutazione dei risultati ottenuti sui pazienti; per esempio il Turnaround Time è misurato all interno del laboratorio dal tempo di arrivo al tempo di refertazione, allo stesso modo le valutazioni della qualità del processo esterno sono sostanzialmente valutazioni di qualità del processo di produzione come nel caso dei campioni con emolisi, perdita e non esecuzione di campioni inviati, errori d identificazioni ecc. Questo approccio nel monitoraggio del processo diagnostico non pone in evidenza importanti fattori di rischio e danno potenziale per i pazienti. Il disallineamento fra i dati monitorati per evidenziare l errore e l effettivo rischio sul LigandAssay 18 (4)

4 Tabella 2 Scenario 1 Diagnosi di ricaduta dopo il trattamento del tumore primitivo 100 soggetti esaminati ove vi sia l attesa di una ripresa della patologia in 40 soggetti, test con marcatore con sensibilità di 85% e specificità di 90% Veri positivi attesi 34, veri negativi attesi 54, falsi positivi attesi 6, falsi negativi attesi 6 VPP = VP VP+FP = =0,85 VPN = VN VN+FN = =0,90 In conclusione 8 valori positivi su 10 valori positivi sono associati alla presenza della patologia Scenario 2 Screening di tumore nella popolazione generale 100 soggetti esaminati ove vi sia l attesa della patologia in 40 soggetti su , test con marcatore con sensibilità di 85% e specificità di 90% Veri positivi attesi 34, veri negativi attesi 89964, falsi positivi attesi 9996, falsi negativi attesi 6 VPP = VP VP+FP = =0,003 VPN = VN VN+FN = =0,999 In conclusione 1 valore positivo su 250 valori positivi è associato alla presenza della patologia Modificata da rif. 27 Tabella 3 Tassonomia delle cinque cause di errore nel processo diagnostico globale E richiesto un test inappropriato Non è richiesto il test appropriato L informazione prodotta dal test appropriato non è correttamente utilizzata Avviene un ritardo nell applicazione dell informazione diagnostica fornita da un test appropriato nel processo diagnostico globale Il risultato di un test appropriato richiesto è inaccurato Modificato da rif. 32 paziente rende difficile la comprensione degli eventi effettivamente dannosi ponendo seri dubbi sull efficacia delle politiche di gestione del rischio diagnostico. In una recente revisione Plebani 31 rileva come i tentativi di limitare e ridurre gli errori di laboratorio inteso come processo nella sua totalità di percorso diagnostico globale siano fortemente limitati dalle modalità di raccolta dei dati e dalla metodologia impiegata nelle gestione del rischio. E stata recentemente proposta da Epner et al. una nuova tassonomia per definire l errore diagnostico utile a superare le criticità prima descritte nell intento di migliorare il processo diagnostico globale 32 riportata in tabella 3. Solo nelle ultime due cause riportate nella tabella 3 il ruolo del laboratorio, inteso come attore unico, è rilevante ovvero quando, per ragioni interne al laboratorio, si fornisce una misura inaccurata o quando il laboratorio non è in grado di fornire il risultato nei tempi utili alla successiva gestione del paziente come avviene nell emergenza-urgenza. L approccio basato sui risultati valutati nel paziente ovvero sugli risultatii di salute è alla base della identificazione dell errore e del rischio clinico e di politiche volte all effettivo miglioramento del processo diagnostico globale ma richiede strumenti e ricerche finalizzate a misurare in modo sistemico l impatto delle cinque cause di errore descritte. Nel caso della richiesta di un esame inappropriato, per esempio, pur giudicata una criticità, è stata sempre direttamente correlata solo al costo dell esame nella prospettiva di ridurre il volume delle prestazioni diagnostiche non su quanto induce. La percentuale di richieste inappropriate è stimata fra il 5% e il 95% 36 a seconda degli autori così che l utilizzo di test di laboratorio non necessari è capace di produrre un impatto devastante sulle risorse destinate alla sanità con potenziale danno ai pazienti 33,37. Vi sarebbero, indubbiamente, sostanziali benefici se venisse razionalizzato l utilizzo dei test di laboratorio; concetto estendibile non solo al mero sotto e sovra utilizzo dei test ma alla generale ricaduta sul sistema sanitario. La sempre maggiore richiesta di test di laboratorio e la parallela crescita di richieste inappropriate possono impattare sui budget a ostacolare l inserimento di nuovi test in ordine alla limitatezza delle risorse. Di questo è un esempio la scarsa disponibilità di test relativi alla determinazione del peptide natriuretico di tipo B (BNP), infatti nei laboratori del Regno Unito nel gennaio del 2007 questo test era disponibile di routine solo nel 5% dei laboratori 38. L introduzione del BNP nella medicina di base potrebbe rendere non necessarie molte richieste di ecocardiogramma con importanti vantaggi sull accesso alle cure confermando la necessità di valutazione del processo diagnosti- 320 LigandAssay 18 (4) 2013

5 co nella sua globalità multi specialistica. Molto raramente è stato valutato l impatto per il paziente della richiesta inappropriata 39 e l errore diagnostico conseguente rimane sostanzialmente non documentato. Una risposta operativa introdotta in alcuni laboratori è di monitorare, con indicazioni prescrittive o test riflessi, le indagini potenzialmente capaci d indurre falsi positivi, come nel caso della diagnostica tiroidea, o di ridurre la richiesta di test inappropriati in ragione dei tempi troppo ravvicinati della richiesta stessa. L implementazione di azioni per ridurre i casi in cui il test corretto o appropriato non è richiesto è complessa o meglio fattibile in alcune situazione e difficile in altre. Questo in ragione della presenza di raccomandazioni o linee guida riconosciute e seguite come avviene, in positivo, nel caso della diagnostica del dolore stenocardico nell uso delle troponine. E da sottolinearsi come comunque non sia possibile proporre alcuna condotta pratica se non esistono di base raccomandazioni diagnostiche basate su ricerche ed evidenza robuste e rilevanti operativamente condivise fra i clinici e il laboratorio. GRADE - RACCOMANDAZIONI DIAGNOSTICHE ORIENTATE ALL OBBIETTIVO CLINICO Le azione finalizzate a razionalizzazione l utilizzo dei test di laboratori proponendosi di cambiare il comportamento dei clinici nel momento della richiesta diagnostica pongono uno specifico problema: trovare una modalità capace di definire quali sono le richieste inappropriate. Lo studio condotto da Daniels 40 ha dimostrato come esistano più di 20 diversi modalità di percorsi diagnostici con diverse richieste di indagini cliniche in pazienti affetti dalla stessa malattia. Altri autori hanno dimostrato che non erano probabilmente necessari tra il 30% e il 50% dei test richiesti La revisione eseguita da Van Walraven et al. 45 ha tentato di definire e articolare il problema dei test inappropriati, in questo studio l utilizzo di test inappropriati si pone fra il 5% e il 95%. Questo aspetto, sicuramente ben noto ai professionisti di laboratorio, ha implicazioni negative sulle risorse sanitarie utilizzate e disponibili. Lo storico editoriale di George Lundberg 46 si pone una precisa domanda: dove stiamo andando? riconoscendo come difficile il tentativo di individuare una strategia per migliorare lo stato delle cose. E largamente accettato come un test di laboratorio sia considerato di valore se è sia valido clinicamente, ovvero se fornisce informazioni diagnostiche o prognostiche accurate nel processo decisionale clinico, sia efficace, ovvero se contribuisce al miglioramento della salute del paziente, ed, infine, deve essere costo-efficace ovvero capace a rendere sostenibili i costi sanitari. In breve un test di laboratorio ha valore se determina benefici per i pazienti a un costo sostenibile. Ma come possono agire i professionisti di laboratorio per contribuire al conseguire questi fini? Le responsabilità dei professionisti sono ben riassunte nel testo di Muir Gray, Evidence Based Healthcare 47 : a) eliminare i test di limitato potere diagnostico e privi di utilità prima che vengano introdotti nella pratica b) cancellare dalla pratica i test obsoleti di non provata efficacia o dannosi c) introdurre nuovi test solo quando di provata efficacia e utilità Se tali obiettivi sono chiari e sicuramente condivisi dai professionisti operanti nel laboratorio, da clinici, pazienti, responsabili politici (possibile termine italiano equivalente?) e industria biomedica, nella pratica avviene il contrario o, quanto meno, vi sono forti differenze nella valutazione e uso del test diagnostico. Il divario esistente fra le evidenze scientifiche e la pratica porta al sottoutilizzo o sovra o inappropriato utilizzo dei test con un negativo impatto in termini di diagnosi sbagliate che risultano sovra o sottostimate. Se in precedenza si è focalizzato il tema del sovra utilizzo inappropriato del test, allo stesso modo si deve ricordare come il sottoutilizzo con il conseguente errore di diagnosi inesatta siano egualmente critico per i pazienti e di ostacolo alla buona qualità delle cure. Alcuni esempi di sottoutilizzo del test diagnostico sono, ad esempio, la mancata diagnosi di malattia celiaca negli stati Uniti e in Europa quando a fronte di una prevalenza stimato attorno all 1% la diagnosi avviene solo nello 0,27% dei casi 48 ; allo stesso modo l ipercolesterolemia familiare 49 e un numero sempre maggiore di patologie croniche, come l ipogonadismo o l osteoporosi non sono diagnosticate 50 rispetto l incidenza attesa. Uno studio su pazienti condotto negli Stati Uniti ha dimostrato come solo il 55% dei pazienti abbia ricevuto le cure raccomandate da adeguate linee guida in ragione del loro stato di salute e i test diagnostici consigliati siano stati eseguiti solo nel 55% dei casi 51, analogamente il controllo del colesterolo con il conseguente raggiungimento dei valori dediderati appare limitato a un terzo dei pazienti che lo necessitano. STRATEGIE GENERALI PER MIGLIORARE L UTILIZZO E LA RICHIESTA DEL TEST NEL PROCESSO DI DIAGNOSTICA DI LABORATORIO George Lundberg ha proposto una serie di azioni per migliorare l utilizzo della diagnostica di laboratorio come è riportato in tabella 4. Vi è un ampio ventaglio di opzioni per tentare di migliorare o di modificare il comportamento dei clinici nella richiesta dei test, il successo dipende da vari fattori quali la cultura sanitaria presente nel contesto di riferimento, le circostanze cliniche, la finalità della richiesta e le specificità del percorso clinico o dell intervento sanitario richiesto. Vi sono almeno tre revisioni sistematiche sulle strategie d intervento utili a migliorare il processo decisionale alla diagnosi. Solomon 14 ha analizzato 49 studi concludendo come le politiche basate sul confronto (audit) ed il feedback, i messaggi educativi e formativi, le modalità di richiesta e le linee guida sono tutti strumenti utili per ottimizzare il comportamento clinico. Tuttavia gli interventi multipli capaci di generare sinergie, piuttosto che gli interventi singoli, ottengono i risultati migliori. Buntinx e coll. 53 hanno valutato i risultati ottenuti con richiami ed avvisi sistematici di feedback sul numero e sul costo dei test prenotati concludendo che con questi strumenti si possa ridurre l utilizzo dei test mantenendo l efficacia diagnostica. Van der Weijden 54 ha riesaminato 80 studi e concluso che l audit e il feedback inseriti con continuità nei percorsi diagnostici diminuisce in modo consistente l inadeguato uso dei test di laboratorio migliorando l appropriatezza clinica. E noto come il modificare il processo decisionale dei clinici è un intervento molto difficile e laborioso, è probabile che le opportunità offerte dai sistemi informatici di supporto clinico e/o dagli ordinatori LigandAssay 18 (4)

6 Tabella 4 Le proposte per migliorare il comportamento dei clinici nel richiedere i test di laboratorio Conoscere l EBM ed analizzare i propri dati quando raccolti. Essere sicuri di conoscere qual è la cosa giusta da fare Ottenere il consenso da esperti; sviluppare piccoli gruppi di riconosciuti esperti con notevoli conoscenze a proposito del test in esame Raggiungere un accordo con i professionisti a proposito delle regole proposte Implementare i cambiamenti nei termini definiti e specifici senza allargare ulteriormente il campo di applicazione Educare e formare lo staff medico sulle innovazioni proposte con documenti scritti e riunioni o seminari scientifici Essere disponibili alla comunicazione e alle rispondere alle eventuali lamentele e contestazioni Rivedere periodicamente tutte le obiezioni pervenute e reagire con valide azioni e adeguati strumenti Entusiasmarsi per l obiettivo di fornire migliori e più utili servizi di diagnostica di laboratorio Da rif. 52 informatici, potranno favorire una più razionale e appropriata richiesta dei test con beneficio dei pazienti. FEEDBACK DEI RISULTATI NEL PERCORSO DIAGNOSTICO Il processo di valutazione sulla qualità e appropriatezza delle informazioni diagnostiche richieste dai clinici, come il percorso di auditing sul numero delle richieste e loro efficacia, è stato oggetto di studi primari e di importanti revisioni di letteratura Scopo delle azioni di feedback è di ridurre il numero dei test prescritti in quanto non appropriati con il conseguente costo. I risultati sono spesso conflittuali ovvero in alcuni studi si riportano evidenti successi in altri casi sostanziali insuccesso 58, L efficacia del processo di feedback può essere buono se si hanno agisce in particolari condizioni: quando i singoli medici sono oggetto di feedback valutativo, quando il feedback è eseguito alla pari tra professionisti 67-69, quando gli standard valutati nel feedback sono proposti dai membri di una società scientifica o da un gruppo di professionisti 70 o quando il feedback è associato a materiale didattico di particolare impatto Gli effetti a lungo termine del processo di feedback sono difficili da controllare, molti studi ne forniscono i risultati limitatamente ai tempi dello studio e poche sono le ricerche prolungate nel tempo. Due studi eseguiti al termine del progetto riportano entrambi che gli effetti prodotti svaniscono rapidamente Pochi studi hanno affrontato il problema del potenziale sottoutilizzo dei test e molti progetti di feedback hanno avuto il solo lo scopo di ridurre il numero dei test erogati o il loro costo 74. FORMAZIONE DEI CLINICI PRESCRITTORI Il processo formativo e di aggiornamento dei medici si suppone continui durante tutta la vita professionale. Le nozioni ricevute durante il percorso di studi nelle facoltà mediche hanno sicuramente un influenza importante sulle modalità decisionali nel processo di diagnosi 75, tuttavia altri fattori entrano in gioco quali l età del medico o la sua esperienza, l ambito sanitario di riferimento, la specializzazione conseguita 76, i pazienti curati. La formazione continua in medicina con workshop, conferenze ed altri metodi convenzionali di educazione è ora molto criticata 77 in quanto spesso si enfatizza il solo contenimento dei costi 78 senza rapportarsi alla lettura e cultura scientifica 79. Indubbiamente molte delle informazioni fornite ai clinici in medicina di laboratorio nella prassi lavorativa quotidiana sono dovute a conversazioni telefoniche, mezzo estremamente semplice, ma molto dispendioso in termini di tempo e necessariamente parziale. Nonostante questa strategia si sia, di fatto, dimostrata efficace 80, il ruolo educativo dell audit e del feedback è una riconosciuta strategia utile e funzionale a migliorare il rapporto fra richiesta dei test e appropriatezza 68,72. Il referto può essere integrato da brevi messaggi nella speranza che possano impattare e migliorare la richiesta diagnostica 81. Questa è un azione relativamente semplice e poco costosa da organizzare, specialmente quando supportata da un sistema informatico. Il numero degli studi effettuati su questo tipo di esperienza è, ad ora, limitato; ci si deve aspettare un loro incremento per comprendere se questa modalità possano essere utili a favorire l adesione a corrette raccomandazioni cliniche 53,67. Negli ultimi anni le linee guida cliniche sono diventate molto popolari nell ambito professionale e generalmente i test di laboratorio ne costituiscono un capitolo importante; tuttavia l effettiva implementazione di queste linee guida nella pratica clinica non sempre ha successo 81, con un impatto limitato nelle richieste diagnostiche. GLI STRUMENTI OFFERTI DALLA TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE Molti degli interventi prima citati, anche se di potenziale successo, non hanno modificato la prassi professionale nelle istituzioni sanitarie secondo le esperienze presenti nel panorama internazionale. Le innovazioni prodotte dalla tecnologia dell informazione possono fornire utili soluzione per ottenere operativamente i risultati desiderati impiegando i sistemi informatici già ora comunemente utilizzati quali CPOE (Computerized Physician Order Entry) o CDSS (Clinical Decision Support System). Con questi strumenti e tecnologie informatiche è possibile l applicazione di percorsi diagnostici con algoritmi a guida della richiesta dei test con richieste orientate all Evidence Based Medicine (EBM) in tempo reale. Questo possibile processo include, in modo ottimale, la valutazione della richiesta in tempo reale, l abilitazione a ricevere di messaggi educazionali e dati di feedback al richiedente nel momento della riformulazione del test, l applicazione di regole e vincoli. Studi preliminari hanno riportato come l uso di sistemi informatici applicati al processo decisionale possano correggere il razionale della richiesta dei test di laboratorio 322 LigandAssay 18 (4) 2013

7 82,83. Di fatto, sono correntemente disponibili in molti ospedali intere linee integrate di sistemi informatici con una diffusione della tecnologia a tutta l organizzazione con la possibilità futura di integrare i sistemi di prescrizione dei test di laboratorio 84 a quanto permea l intero sistema. Ci sono molti vantaggi nell usare sistemi dotati di ordinatori computerizzati per i test, tra questi la ben nota possibilità e convenzionale capacità di minimizzare gli errori dovuti a dati persi, incompleti o illeggibili 85, anagrafica dei pazienti etc. Ma oltre agli aspetti tradizionali sono ora studiati e proposti i benefici di un sistema di supporto decisionale quale denominato CDSS utilizzabile dai clinici in aggiunta al sistema denominato CPOE, anche per analizzare in modo fattibile gli andamenti delle richieste e la presumibile appropriatezza dell utilizzo e impatto dei test. E dimostrato come l uso di CDSS e CPOE aumenti l efficacia clinica con un miglioramento del processo decisionale e dei comportamenti dei clinici (Rapporto di verosimiglianza: 23,72; IC al 95%: 1,75 fino ad infinito) 86. In termini di economia sanitaria una ricerca olandese ha dimostrato come la riduzione della richiesta dei test determini un risparmio maggiore del costo dell implementazione del sistema CDSS 87. L utilizzo dei sistemi informatici permette realisticamente di trasferire le raccomandazioni a carattere scientifico in regole e, se possibile, vincoli informatici prescrittivi a guida della pratica clinica in diagnostica di laboratorio. L applicazione di queste regole utilizzando sia CPOE che CDSS appare utile a favorire l applicazione sistematica di raccomandazione sui pazienti, tuttavia, ed è bene sottolinearlo, i professionisti di laboratorio possono essere sempre contattati quando fosse necessario superare le regole proposte per specifiche necessità e motivazioni diagnostiche. Questo nella consapevolezza che le linee guida e le raccomandazioni in esse contenute, pur rappresentando la miglior pratica, non possono avere la presunzione di una applicazione assoluta essendovi la consapevolezza della complessità della pratica medica può rendere necessaria una consapevole puntuale uscita dalle raccomandazioni stesse. I vincoli informatici applicabili nei CPOE o CDSS possono essere: Vincoli assoluti: ad esempio non si eroga la prestazione quale la determinazione del CA125 nei maschi; non si eroga una prestazione quando già eseguita una volta nella vita, es. tutti i test genomici, Vincoli relativi a periodi temporali da assoggettare la richiesta del test: ad esempio Emoglobina glicata non eseguibile prima di uno o due mesi dall ultimo esame, ove nel caso di esecuzione già avvenuta si riporterà il risultato pregresso coerente alla non esecuzione dell esame Vincoli in ragione di procedure reflex: blocco dell esecuzione di una serie di esami in caso di negatività od al contrario di prosecuzione in caso di positività es. TSH reflex, PSA reflex, ANA reflex, Epatite reflex etc. Presenza di allarmi prescrittivi al momento della richiesta: es. consiglio ad eseguire un esame diagnostico solo in caso di patologia presente e già diagnosticata come ad esempio consigliato nei biomarcatori oncologici. Tali percorsi sono da sperimentare ed implementare quali insieme dei vincoli e regole informatiche che debbono avere comunque a loro base delle evidenze scientifiche coerenti. A supporto di tali raccomandazioni, in particolare riguardo i vincoli temporali, si rimanda a quanto evidenziato nel National Minimum Re-testing Interval Project: A final report rimanda a quanto evidenziato nel National Minimum Re-testing Interval Project: A final report detailing consensus recommendations for minimum re-testing intervals for use in Clinical Biochemistry documento proposto dalla Clinical Practice Group of the Association for Clinical Biochemistry and Laboratory Medicine e supportato dal Royal College of Pathologists 88. Quanto proposto è parallelo ed integrativo alla tradizionale attività di formazione e condivisione dei percorsi diagnostici in ambito professionale che, se è efficace al momento di definizione e formulazione di linee guida od indirizzi, lo è meno nell adesione operativa alle raccomandazioni proposte. La complessità del percorso diagnostico con sempre nuovi esami specialistici, la possibilità di avere suggerimenti diagnostici utili al clinico per rivalutare la richiesta con un suggerimento in tempo reale renderanno questi strumenti di sempre maggiore utilizzo in laboratorio anche se è riconosciuto come l impatto nella pratica clinica, al momento, sia piuttosto limitato 89. Possono essere proposte alcune considerazioni e suggerimenti a sviluppare e implementare i DDSS o CPOE. Una primo elemento da considerare è come sia utile integrare i sistemi di supporto decisionale alla cartella clinica informatica del paziente, se esiste, in modo tale che i DDSS operino in maniera continua e possano usare i dati presenti nel file del singolo paziente, in questo modo i dati di laboratorio del pazienti possono, in modo dinamico e progressivo nel percorso di cura, essere elaborati e analizzati per offrire suggerimenti corretti 90. Un secondo elemento di grande utilità è la possibilità di proporre suggerimenti proattivi al clinico in ragione dei dati presenti, ancora di maggior valore sarebbero i suggerimenti finalizzati a riorientare correttamente il clinico che ha intrapreso un percorso diagnostico sbagliato con potenziali errori clinici. Ad esempio, se il sistema riconosce come necessario un test per confermare o escludere una diagnosi definita ad alta priorità perché importante per il paziente, il sistema allerta il clinico in modo attivo. Ancora le modalità di rappresentazione dei risultati dei test eseguiti potrebbe prospettare una nuova ipotesi diagnostica nell insieme delle informazioni conosciute. Infine, come sottolineato da molti autori i sistemi di Information Technology possono produrre e elaborare i dati utili alle valutazioni di follow-up sui pazienti con la disponibilità di feedback per i clinici 90,91. CONCLUSIONI Le richieste diagnostiche debbono essere formulate basandosi su raccomandazioni robuste e corrette ove la richiesta dei test di laboratorio sia finalizzata alla salute del paziente promuovendo il concetto di test giusto, paziente giusto, momento giusto per i risultati di salute migliori, ovvero è doveroso enfatizzare il concetto del risultato complessivo ottenuto nel processo globale di cura e, in tale contesto, valutare il momento diagnostico. La corretta gestione della richiesta di test diagnostici in modo necessariamente dinamico è una sfida importante per promuovere la qualità professionale conoscendo gli strumenti operativamente efficaci e capaci di influenzare correttamente il processo decisionale e la prassi della richiesta dei test dia- LigandAssay 18 (4)

8 gnostici. Tema complesso e di difficile risoluzione ma fondamentale in medicina di laboratorio. I benefici indotti dall applicazione di raccomandazioni e comportamenti orientati all EBM coniugati alla potenzialità del sistemi informatici CPOE e CDSS possono aiutare a promuovere il processo diagnostico globale per garantire i migliori esiti di nella complessiva strategia di governo clinico in medicina di laboratorio 92 promuovendo una cultura professionale adeguata 93. L appropriatezza della richiesta non è solo utile a determinare il necessario contenimento dei costi per la sostenibilità dei sistemi sanitari ma a garantire la sicurezza del paziente evitando interventi potenzialmente dannosi non solo in termini di esami diagnostici ma di ulteriori inutili interventi sanitari non necessari. BIBLIOGRAFIA 1. Plebani M. Laboratory medicine: value for patients is the goal. Clin Chem 2007;53: Association of Clinical Biochemists and the Royal College of Pathologists. NHS Clinical Biochemistry: A Profession under Siege. London: Royal College of Pathologists, _prof_under_seige. pdf (Ultimo accesso 31 gennaio 2014) 3. Beastall G. The impact of the general medical services contract-national evidence. R Coll Pathol Bull 2004;128: Information and Statistics Division. Laboratory Statistics Edinburgh: National Health Service for Scotland, Department of Health. Report of the Review of NHS Pathology Services in England: Chaired by Lord Carter of Coles. London: Department of Health, ons/publicationspolicyandguidance/publicationspolicya ndguidancearticle/fs/en?content_ ID= &chk=j4t5zx (Ultimo accesso gennaio 2014) 6. Khunti K, Ganguli S. Who looks after people with diabetes: primary or secondary care? J R Soc Med 2000;93: Ionnidis JP. Biomarkers failures. Clin Chem 2013; 59: Prochazka AV, Caverly T. General health checks in adults for reducing morbility and mortality from disease: summary review of primary findings and conclusions. JAMA Intern. Med 2013; 173: Coulter A, Cleary PD. Patients experiences with hospital care in fi ve countries. Health Aff 2001;20: Rolfe A, Burton C. Reassurance after diagnostic testing with a low pretest probability of serious disease systematic review and meta-analysis. JAMA Intern. Med 2013; 173: Redberg R, Katz M, Grady D. Diagnostic tests: another frontier for less is more: or why talking to you patients is a safe and effective method of reassurance. Arch Intern Med 2013; 173: MRC CFAS Medical Research Council Cognitive Function and Ageing Study Group. Socio-economic status and the expectation of disability in old age: estimates for England. J Epidemiol Community Health 2000;54: Medical Research Council Cognitive Function and Ageing Study (MRC CFAS) and Resource Implications Study (RIS MRC CFAS). Profi le of disability in elderly people: estimates from a longitudinal population study. BMJ 1999;318: Solomon DH, Hideki H, Daltroy L, Liang MH. Techniques to improve physicians use of diagnostic tests. JAMA 1998;280: Meikle J. Huge rise in medical negligence claims. The Guardian (Ultimo accesso gennaio 2014) 16. Chodak GW, Schoenberg HW. Progress and problems in screening for carcinoma of the prostate. World J Surg 1989;13: Sherwood P, Lyburn I, Brown S, Ryder S. How are abnormal results for liver function tests dealt with in primary care? Audit of yield and impact. BMJ 2001; 322: Scottish Executive. National workforce plan Publications/2006/12/ /10 (Ultimo accesso gennaio 2014) 19. Wise J. Boldt: the great pretender BMJ 2013; 18: Smellie WSA, Galloway MJ, Chinn D. Is clinical practice variability the major reason for differences in pathology requesting patterns in general practice? J Clin Pathol 2002;55: Croal BL. Demand Management: Controlling Laboratory Workload in Evidence-Based Laboratory Medicine Price CP and Christenson RH eds. Washington AACC Press; Sackett DL, Richardson WS, Rosenberg W, Haynes RB. Evidence-Based Medicine: How to Practice and Teach EBM. Edinburgh: Churchill Livingstone, 1997; pp. 23. Galloway MJ. Is the practice of haematology evidence based? III. Evidence based diagnostic testing. J Clin Pathol 1998;51: Fleisher M, Dnistrian AM, Sturgeon CM, et al. Practice guidelines and recommendations for use of tumor markers in the clinic. In: DiamandisEP, Fritsche H, Schwartz MK, Chan DW, (eds). Tumor Markers: Physiology, Pathobiology, Technology, and Clinical Applications. Washington DC: AACC Press, 2002: Primary Care Society for Gastroenterology. The early detection of colorectal cancer in primary care. (Ultimo accesso gennaio 2014). 26. Smith RA, Cokkinides V, von Eschenbach AC, et al. American Cancer Society guidelines for early detection of cancer. CA Cancer J Clin 2002;52: Guida all Uso Clinico dei Biomarcatori in Oncologia 2010, Gion M, Trevisol C, Pregno S, Fabricio ASC (eds). 324 LigandAssay 18 (4) 2013

9 Milano Biomedia Editore; 2014, pp Gambino SR Met and unmet needs of the automated clinical laboratory. Trans N Y Acad Sci 1970; 32(7 Series II) Diagnostic Error in Medicine: Lundberg GD. Acting on significant laboratory results. JAMA 1981; 45: Plebani M, Laposata M, Lundberg GD. The brain-tobrain loop concept for laboratory testing 40 years after its introduction. Am J Clin Pathol 2011; 136: Plebani M. Errors in clinical laboratories or errors in laboratory medicine? Clin Chem Lab Med 2006; 44: Epner PL, Gans JE, Graber ML. When diagnostic testing leads to harm: a new outcomes-based approach for laboratory medicine BMJ Qual Saf 2013, 0:1-5 doi: /bmjqs bmj.com/content/early/2013/08/16/bmjqs full.pdf (ultimo accesso marzo 2014) 33. Liu Z, Abdullah A, Baskin L, et al. An Intervention to reduce laboratory utilization of referred-out tests. Lab Med 2012; 43: Feldman LS, Shihab HM, Thiemann D, et al. Impact of providing fee data on laboratory test ordering: a controlled clinical trial. JAMA Intern Med 2013; 173: Stuebing EA, Miner TJ. Surgical vampires and rising health care expenditure: reducing the cost of daily phlebotomy. Arch Surg 2011; 146: Astion M, Shojania KG, Hamill TR, et al. Classifying laboratory incident reports to identify problems that jeopardize patient safety. Am J Clin Pathol 2003; 120: Schiff GD, Kim S, Abrams R, et al. Diagnosing diagnosis errors: lessons from a multi-institutional collaborative project. Advances in Patient Safety: From Research to Implementation. 2005; 2: Plebani M. The detection and prevention of errors in laboratory medicine. Ann Clin Biochem 2010;47(Pt 2) Diagnostic Error in Medicine: Neilson EG, Johnson KB, Rosenbloom ST, et al. The impact of peer management on test-ordering behavior. Ann Intern Med 2004; 141: Daniels M, Schroeder SA. Variation amongst physicians in the use of laboratory tests: relation to clinical productivity and outcomes of care. Med Care 1977; 15: Gopal Rao G, Crooks M, Tillyer ML. Pathology tests: is the time for demand management ripe at last? J Clin Pathol 2003; 56: Bruns DE. The clinical chemist. Laboratory utilization. Clin Chem 1999; 45: The same as yesterday, laddie [Editorial]. Bandolier 1998;9: Valenstein P, Leiken A, Lehmann C. Test-ordering by multiple physicians increases unnecessary laboratory investigations. Arch Pathol Lab Med 1988; 112: Van Walraven C, Naylor CD. Do we know what inappropriate laboratoryutilization is? A systematic review of laboratory clinical audits. JAMA 1998; 280: Lundberg GD. The need for an outcomes research agenda for clinical laboratory testing. JAMA 1998; 280: Gray JAM. Evidence-Based Health Care: How to Make Health Policy and Management Decisions. London: Churchill Livingstone; Vilppula A, Collin P, Mäki M, et al. Undetected coeliac disease in the elderly: a biopsy-proven population-based study. Dig Liver Dis 2008;40: Neil HA, Hammond T, Huxley R, et al. Extent of underdiagnosis of familial hypercholesterolaemia in routine practice: prospective registry study. BMJ 2000; 321: Frost M, Wraae K, Gudex C, et al. Chronic diseases in elderly men: underreporting and underdiagnosis. Age Ageing 2012; 41: McGlynn EA, Asch SM, Adams J, et al. The quality of health care delivered to adults in the United States. N Engl J Med 2003; 348: Lundberg GD. Changing physician behaviour in ordering diagnostic tests. JAMA 1998 ;80: Buntinx F, Winkens R, Grol R. Infl uencing diagnostic and preventative performance in ambulatory care by feedback and reminders. Fam Pract 1993; 10: Van der Weijden T, Wensing M, Giffel M, et al. Interventions to improve the use of diagnostic tests (protocol for a Cochrane Review). In: The Cochrane Library, Issue 4. Oxford: Update Software, Mugford M, Banfi eld P, O Hanlon M. Effects of feedback of on clinical practice: a review. BMJ 1991; 303: Grossman RM. A review of physician cost-containment strategies for laboratory testing. Med Care 1983; 21: Horder J, Bosanquet N, Stocking B. Ways of infl uencing the behaviour of general practitioners. J R Coll Gen Pract 1986; 36: Fraser CG, Woodford FP. Strategies to modify the testrequesting patterns of clinicians. Ann Clin Biochem 1987; 24: Axt-Adam P, van der Wouden JC, van der Does E. Infl uencing behaviour of physiciansordering laboratory tests: a literature study. Med Care 1993; 31: Kerr D, Malcolm L, Schousboe J, Pimm F. Successful implementation of laboratory budget holding by Pegasus Medical Group. N Z Med J 1996;109: Gama R, Nightingale P, Broughton PMG, et al. Modifying the request behaviour of clinicians. J Clin Pathol 1992;45: Winkens RA, Pop P, Bugter Maessen AM, et al. Randomised controlled trial of routine individual feedback to improve rationality and reduce numbers of test requests. Lancet 1995;345: Winkens RA, Pop P, Grol RP, et al. Effects of routine individual feedback over nine years on general practitio- LigandAssay 18 (4)

10 ners requests for tests. BMJ 1996; 312: Smellie WSA, Galloway MJ, Chinn D. Benchmarking general practice use of pathology services: a model for monitoring change. J Clin Pathol 2000; 53: Grivell AR, Forgie HJ, Fraser CJ, Berry MN. Effect of feedback to clinical staff on clinical biochemistry requesting patterns. Clin Chem 1981; 27: Bates DW, Kuperman GJ, Jha A. Does the display of charges affect inpatient ancillary test utilization. Arch Intern Med 1997; 57: Eccles M, Steen N, Grimshaw J, et al. Effect of audit and feedback, and reminder messages on primary care radiology referrals: a randomised trial. Lancet 2001; 357: Thomas RE, Croal BL, Ramsay C, et al. The effect of enhanced feedback and brief educational reminder messages on laboratory test requesting in primary care: a cluster randomised trial. Lancet 2006; 367: Winkens R, Dinant G. Rational, cost effective use of investigations in clinical practice. BMJ 2002; 324: Nelson AR. Orphan data and the unclosed loop: a dilemma in PSRO and medical audit. N Engl J Med 1976; 295: Karas S. Cost-containment in emergency medicine. JAMA 1980;243: Eisenberg JM. An educational program to modify laboratory use by house staff. J Med Educ 1977;52: Tierney WM, Miller ME, McDonald CJ. The effect on test ordering of informing physicians of the charges for outpatient diagnostic tests. N Engl J Med 1990; 322: Kroenke K, Hanley JF, Copley JB, et al. Improving house staff ordering of three common laboratory tests. Reduction in test ordering need not result in underutilization. Med Care 1987; 25: Penault R. The effect of medical training factors on physician utilisation behaviour. Med Care 1977; 5: Hardwick DF, Certinsky P, Barth RT, et al. Clinical styles and motivation: a study of laboratory test use. Med Care 1975;13: Davis D, O Brien MA, Freemantle N, et al. Impact of formal continuing medical education: do conferences, workshops, rounds, and other traditional continuing education activities change physician behaviour or healthcare outcomes? JAMA 1999;282: Bulusu S. Rising workloads and costs in diagnostic departments must be contained. BMJ 2002;325: Forrest JB, Ritchie WP, Hudson M, Harlan JF. Cost containment through cost awareness: a strategy that failed. Surgery 1981;90: O'Brien MA, Rogers S, Jamtvedt G, et al. Educational outreach visits to change health care professional care for patients Cochrane Summaries (Ultimo accesso gennaio 2014) 81. Grimshaw JM, Russell IT. Effect of clinical guidelines on medical practice: a systematic review of rigorous evaluations. Lancet 1993;342: Chiecchio A, Bo A, Manzone P. DECIDE: a software for computer-assisted evaluation of diagnostic test performance. Comput Methods Programs Biomed 1993;40: De Wilde EJ, Pop P, Hasman A. Open labs services for ordering laboratory investigations. Comput Methods Programs Biomed 1996;50: Peters M. Decision support systems in pathology. Br J Hosp Med 1996;56: Sittig DF, Stead WW. Computer-based physician order entry: the state of the art. J Am Med Inform Assoc 1994;1: Kawamoto K, Lobach DF. Clinical decision support provided within physician order entry systems: a systematic review of features effective for changing clinician behavior. AMIA Annu Symp Proc 2003: Poley MJ, Edelenbos KI, Mosseveld M, et al. Cost consequences of implementing an electronic decision support system for ordering laboratory tests in primary care: evidence from a controlled prospective study in the Netherlands. Clin Chem 2007;53: Clinical Practice Group of the Association for Clinical Biochemistry and Laboratory Medicine National Minimum Re-testing Interval Project: A final report detailing consensus recommendations for minimum retesting intervals for use in Clinical Biochemistry acb-mri-recommendations-a4-computer.pdf?sfvrsn=2 (ultima consultazione 28 gennaio 2014) 89. Bernes ES What can be done to increase the use of diagnostic decision support systems? Diagnosis 2014; 1: Sciff GD, Bates DW. Can electronic clinical documentation help prevent diagnostic errors? N Engl J Med 2010; 362: Willing JH, Krawitz M, Panjamapirom A, et al. Closing the feedback loop: an interactive voice response system to provide follow-up and feedback in primary care setting. J Med Syst 2013; 37: Trenti T. Clinical governance and evidence based laboratory medicine. Clin Chem Lab Med 2006;44: Trenti T. Evidence-based laboratory medicine as a tool for continuous professional improvement. Clin Chim Acta 2003;333: Per corrispondenza: Dott. Tommaso Trenti Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Anatomia Patologia, Azienda USL e Ospedaliera Universitaria Nuovo Ospedale S. Agostino Estense Via Giardini 1355, Modena Tel.: Fax: LigandAssay 18 (4) 2013

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La giusta misura diagnostica nel paziente oncologico

La giusta misura diagnostica nel paziente oncologico SAVIGLIANO 10 GIUGNO 2011 La giusta misura diagnostica nel paziente oncologico Dr. P. La Ciura S.C. Cure Palliative ed Hospice ASL CN1 - Cuneo Buonsenso E' la capacità di ascoltare le argomentazioni degli

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

L USO DEI BIOMARCATORI TUMORALI IN MEDICINA GENERALE

L USO DEI BIOMARCATORI TUMORALI IN MEDICINA GENERALE Esperienze e ricerche in Medicina Generale L USO DEI BIOMARCATORI TUMORALI IN MEDICINA GENERALE CLAUDIO PASQUALE BARBATO, LUIGI CALIANDRO, GIOVANNI COLUCCI, GAETANO D AMBROSIO, DARIO DE GIORGI, COSIMO

Dettagli

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale

Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Consapevolezza nel dichiarare le volontà: la prospettiva del medico di medicina generale Dott.Marco Clerici Medico di medicina generale 12 settembre 2015 Direttive anticipate: distinzione Direttive anticipate

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

La necessità di appropriatezza

La necessità di appropriatezza La necessità di appropriatezza Sebastiano La Rocca U.O.C. Patologia Clinica Azienda Complesso Ospedaliero S. Filippo Neri Roma s.larocca@sanfilipponeri.roma.it appropriatezza appropriato idoneo, adeguato,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Definizione Una sostanza misurabile quantitativamente nei

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria

Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria settembre 2004 Appropriatezza dell intervento di sorveglianza sanitaria G Franco 10 Orientamenti della Regione Emilia- Romagna sulla sorveglianza sanitaria dei lavoratori Appropriatezza dell intervento

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini Massimo Mangia Responsabile e-health Nuovo Sistema Informativo Sistema Informativo Clinico Integrato: Cure Primarie Territorio Ospedale

Dettagli

EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA

EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA EVIDENCE BASED PRACTICE E IL PROCESSO DELLA RICERCA BIBLIOGRAFICA per fisioterapisti e logopedisti Patrizia Brigoni Biella 8 novembre 2014 Overload information 28.000 STM journals 1.800.000 articoli ogni

Dettagli

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata.

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Georgios Papanikolaou va in soffitta? Sergio Schettini ONCOLOGICI Regione Basilicata Dipartimento Sicurezza e Solidarietà Sociale

Dettagli

Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza

Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza Formazione Continua: strumento per l Appropriatezza Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento Lo scenario della Sanità negli ultimi 20 anni Imponente accelerazione della produzione di conoscenze scientifiche

Dettagli

SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA.

SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA. SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA. S. Meloni, M. Alborno, M. Boetto, G. Castagneris M.A. Ferro, E. Fiorito, L. Lanza, F. Li Causi,

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza

La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza Riv Med Lab - JLM, Vol. 5, S.1, 2004 1 La Evidence Based Medicine nella interpretazione dei test diagnostici applicata a pazienti afferenti al Dipartimento di Emergenza Urgenza R. Baricchi a, M. Maconi

Dettagli

L Evidence Based Medicine nei sistemi informativi clinici

L Evidence Based Medicine nei sistemi informativi clinici a cura di Massimo Mangia Responsabile e-health Federsanità ANCI L Evidence Based Medicine nei sistemi informativi clinici L EBM ha avuto sviluppo in due aree di applicazione: le macrodecisioni di sanità

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato

Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato Coordinamento Scientifico Pierfranco Conte Valentina Guarneri Comitato Scientifico: Gianni Amunni Oscar Bertetto Antonio Frassoldati Roberto Labianca Riccardo Masetti Paolo Pronzato A cura di OVER SRL

Dettagli

Significato e modalità di triage nello screening con HPV test

Significato e modalità di triage nello screening con HPV test La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori del collo dell utero nella Regione Emilia Romagna e le prospettive di studio Seminario di studio Bologna 25 Marzo 2013 Significato e modalità di

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL Mortalità per malattie del sistema circolatorio, tumori e malattie infettive, per 100.000 abitanti. Anni 1926-2001. Fonte: Istat 600 500 400 300 Malattie

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE

TERAPIA ORMONALE DEL CARCINOMA MAMMARIO: STATO DELL ARTE 28 APRILE 2009 SEDE 28 APRILE 2009 SEDE Hotel Palazzo Carpegna Via Aurelia 481 - Roma Direzione e Segreteria Scientifica Prof. Giuseppe Naso Professore Associato in Oncologia Medica, Università La Sapienza, Policlinico Umberto

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Convegno Nazionale GISCI (Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma) 2015 Workshop precongressuale Finalborgo (SV) 20 maggio 2015 La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Franca D

Dettagli

Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione. L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009

Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione. L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009 Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009 ALTINI MATTIA* *Direzione Sanitaria, Responsabile innovazione e sviluppo IRST Dipartimento

Dettagli

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage

Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma. La gestione del rischio al Triage Anna Santa Guzzo Clinical Risk Manager A.U.Policlinico Umberto 1 Sapienza Università di Roma La gestione del rischio al Triage Presented to Parliament by the Secretary of State for Health by Command of

Dettagli

RE I-MUR. Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati. Andrea Manfrin & Janet Krska. a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac.

RE I-MUR. Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati. Andrea Manfrin & Janet Krska. a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac. RE I-MUR Ottimizzazione delle risorse e contestualizzazione dei risultati Andrea Manfrin & Janet Krska a.manfrin@kent.ac.uk / j.krska@kent.ac.uk Medway School of Pharmacy Pharmacy Practice Research Group

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale Ugo Moretti 1. Adverse events Adverse event Any abnormal sign, symptom, or laboratory test, or any syndromic combination of

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica Protocollo regionale ed esperienze a confronto Baggiovara (MO), 26/11/2010 PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL CONTROLLO DI QUALITÀ

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI

IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI IL POSITION PAPER DELL'OMS SULLO SCREENING MAMMOGRAFICO: TRADUZIONE DELL EXCUTIVE SUMMARY E DELLE RACCOMANDAZIONI Executive summary Il position paper dell'oms sullo screening mammografico e le Linee Guida

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based Lucio Patoia Medicina Interna e Scienze Oncologiche E Ce.R.P.E.A (Centro regionale per la Promozione dell Efficacia e dell Appropriatezza

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche 1. Introduzione Il carcinoma della mammella rappresenta ancora oggi il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. La probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LINE GUIDA PERCHE ESISTONO? LINEE GUIDA: create affinché i medici potessero esprimere pareri clinici senza fondarsi esclusivamente su criteri esperienziali

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Incentivi su obiettivi di salute e

Incentivi su obiettivi di salute e Incentivi su obiettivi di salute e appropriatezza Daniela Ranocchia Staff Qualità ASL 2 Barbara Blasi Resp. UOS Special. Ambul. Distretto PG Ilaria Vescarelli Med. Igienista Distretto PG Valutazione dell

Dettagli

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Workshop e Know-how exchange OMS-Regioni Venezia, 21 giugno 2012 Questo workshop si inserisce nel contesto della

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

TRASMISSIONE VERTICALE DI HCV

TRASMISSIONE VERTICALE DI HCV METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA VSOP 8 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no: 1 Data di revisione: 21.11.07 Emesso da: Standards

Dettagli

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi Paolo Spolaore Padova, 1 ottobre 2007 Scenario Contesto demografico Crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Sistemi sanitari, salute e benessere

Sistemi sanitari, salute e benessere Sistemi sanitari, salute e benessere Armando Olivieri Società Medico-Chirurgica Vicentina 22 ottobre 2011 la comunicazione Caro amico, continui a fare l esame che è il più sicuro mezzo per individuare

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM

USO E LIMITI DEI DATABASE CLINICI: LA RICERCA NELLE BANCHE DATI SPECIALIZZATE IN EBM SM Romano. Dip.Area Critica Medico-Chirurgica, Università degli Studi di Firenze. Centro Italiano per la Medicina Basata sulle Prove. Clin. Med. Cardiol. FI Sapere eseguire una ricerca bibliografica accurata

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

Pensare il il Multicentrico, Progettare il il Multicentrico marzo giugno 2007, Torino. Elena Gelormino - SEPI

Pensare il il Multicentrico, Progettare il il Multicentrico marzo giugno 2007, Torino. Elena Gelormino - SEPI Assessorato Tutela della Salute e Sanità Pensare il il Multicentrico, Progettare il il Multicentrico marzo giugno 2007, Torino Dalla diagnosi alle scelte operative: Prove di Efficacia e Trasferibilità

Dettagli

HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando

HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando Seminario PASSI, Roma, 27 Settembre 2012 HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando Paolo Giorgi Rossi Servizio Interaziendale di Epidemiologia, AUSL Reggio Emilia HPV e screening: la

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Prevenzione:due direttrici parallele Gli studi di popolazione Health

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Apertura iscrizioni PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Foggia - 07/11/2015 Sala Sindacale Ordine dei Medici - Via Acquaviva, 48 La Commissione mista

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia

1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia 1.La pediatria e le cure primarie in Europa e in Italia Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Percorso

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Aldo De Togni direttore Unità Operativa Organizzazione Oncologica Dipartimento di Sanità Pubblica Il tumore del colon-retto è un

Dettagli