L interpello per la disapplicazione delle norme antielusive e l abuso del diritto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L interpello per la disapplicazione delle norme antielusive e l abuso del diritto"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze giuridiche CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa L interpello per la disapplicazione delle norme antielusive e l abuso del diritto Manlio Mastalli Febbraio 2010 Luiss Guido Carli. La riproduzione è autorizzata con indicazione della fonte o come altrimenti specificato. Qualora sia richiesta un autorizzazione preliminare per la riproduzione o l impiego di informazioni testuali e multimediali, tale autorizzazione annulla e sostituisce quella generale di cui sopra, indicando esplicitamente ogni altra restrizione.

2 INDICE 1. Lineamenti storici 4 2. Le diverse tipologie di interpello previste dalla disciplina vigente Interpello ordinario ex art. 11 della Legge n. 212 del Interpello antielusivo ex art. 21 della legge n. 413 del Interpello per la disapplicazione delle norme antielusive Interpello per i non residenti Ruling internazionale Interpello sul consolidato nazionale Interpello sul consolidato mondiale Interpello sulle partecipazioni acquisite per il recupero dei crediti bancari Interpello CFC Interpelli in materia di elusione fiscale Interpello antielusivo ex L. n. 413/ Interpello per la disapplicazione delle norme antielusive Legittimati attivi, oggetto Procedura di presentazione....25

3 3.5 I diritti del contribuente nel corso della procedura e il ruolo del Garante del contribuente La recente prassi interpretativa dell Agenzia delle Entrate in tema di interpello per la disapplicazione delle norme antielusive La figura dell abuso del diritto e i suoi effetti sull interpello per la disapplicazione delle norme antielusive La giurisprudenza comunitaria L abuso nella giurisprudenza tributaria della Corte di Cassazione Effetti sulle istanze presentate e prospettive per il futuro Conclusioni...41 Bibliografia 42

4 Capitolo 1 Lineamenti Storici I principi introdotti nell'ordinamento tributario dallo Statuto del contribuente 1 si collocano nell'ambito di una generale evoluzione dei rapporti tra pubblico e privato, tendente, tra l'altro, ad accrescere la partecipazione di quest'ultimo nell'esercizio della funzione amministrativa 2. L'evento normativo che ha segnato l'avvio di questa tendenza è da ravvisare nell'emanazione della legge 7 agosto 1990 n. 241, che ha definito in un quadro organico meccanismi di partecipazione dei cittadini all'azione amministrativa 3 e di accesso dei medesimi agli atti dei pubblici poteri. 1 Lo Statuto del contribuente è stato introdotto con la legge del 27 luglio 2000, n Sul punto cfr. Relazione illustrativa alla legge n. 212/2000, in Suppl. al Corr. trib., 2001, n. 21, 30, laddove si evidenzia che "con le disposizioni contenute nel disegno di legge ci si propone l'obiettivo di dare attuazione ai diritti fondamentali del contribuente, tra i quali si ritiene di potere annoverare quelli all'informazione e all'assistenza, alla chiarezza delle norme tributarie, alla adeguata conoscenza delle conseguenze delle proprie azioni sul piano fiscale, alla speditezza e tempestività dell'azione fiscale, alla semplificazione degli adempimenti, alla tutela dell'affidamento, alla equità e ragionevolezza delle sanzioni, all'equo e regolare svolgimento delle procedure di accertamento". 2 Sull'attività amministrativa partecipata, cfr. P. Russo, Manuale di diritto tributario, Parte Generale, Milano, 2002, 211 s., il quale afferma che "l'atto di partecipazione in alcune ipotesi si raccorda ad un esercizio della funzione nel quale emergono profili di attuazione concordata della pretesa e di disponibilità dell'obbligazione in una ottica non oppositiva ma collaborativa, con esaltazione dei principi di economicità, correttezza, e trasparenza dell'attività amministrativa; in altre, l'atto è, evidentemente, inteso, a garantire al partecipante anche uno strumento di tutela in via non contenziosa ma per l'appunto in via amministrativa e presuntiva, ossia in un momento anteriore all'eventuale emanazione di un atto impugnabile". 3 La partecipazione al procedimento amministrativo garantisce il conseguimento delle seguenti finalità: a) attuazione del principio di democratizzazione dell'attività amministrativa; b) consente alla pubblica amministrazione di tenere presenti, nell'adozione del provvedimento, elementi che non avrebbe considerato; c) limitazione del contenzioso giurisdizionale, mediante l'attività propositiva e di collaborazione dei partecipanti; d) realizzazione del principio della trasparenza amministrativa; e) attribuzione al cittadino della possibilità di fare valere le proprie ragioni a tutela e a garanzia preventiva di interessi legittimi e diritti soggettivi

5 Tale legge, benché escluda l'applicazione ai procedimenti tributari delle disposizioni di cui al Capo III 4 relative alla partecipazione dei cittadini al procedimento amministrativo, ha dato impulso 5 all'estensione anche al settore fiscale dei principi generali connessi al diritto all'informazione, alla trasparenza, nonché alla tutela dell'affidamento e della buona fede, da tempo auspicati quali fattori abilitanti il risanamento della crisi della fiscalità italiana. Lo Statuto del contribuente postula l'ingresso di tali principi in campo tributario, realizzando un nuovo schema di equilibrio tra le posizioni dell'ente impositore e del soggetto passivo, inteso a collocare il rapporto obbligatorio di imposta sul terreno del pieno dominio di entrambe le parti di esso 6, ciò in particolare mediante l introduzione di una più ampia regolamentazione dell istituto dell'interpello ordinario, ripreso dall analogo istituto anglosassone del tax ruling. A livello generale l interpello è infatti un istanza rivolta all amministrazione finanziaria dello Stato per conoscere la corretta interpretazione di una norma e la relativa applicazione ad un caso concreto. In tal senso, occorre però registrare il progressivo intensificarsi, nell'ordinamento tributario sin dal 1991, di momenti di contraddittorio nel procedimento impositivo, in particolare attraverso l introduzione di istituti 4 L'art. 13 della legge 7 agosto 1990, n. 241 al comma 2 recita: "Dette disposizioni non si applicano altresì ai procedimenti tributari per i quali restano parimenti ferme le particolari norme che li regolano".in argomento si veda L. Salvini, La partecipazione del privato all'accertamento (nelle imposte sui redditi e nell'iva), Padova, 1990, 28, la quale evidenzia che l'esclusione di cui all'art. 13 sopra citato è ingenerata da una sorta di timore riverenziale del legislatore nei confronti della materia tributaria sulla base della pretesa "peculiarità" del sistema fiscale. 5 In tal senso v. L. Salvini, La "nuova" partecipazione del contribuente (dalla richiesta di chiarimenti allo statuto del contribuente ed oltre), in Rivista Dir. Trib., 2000, n. 1, 17 s. 6 L'interpello disciplinato nello Statuto del contribuente, il ruling ex art. 21 legge n. 413/1991, gli istituti dell'accertamento con adesione, della conciliazione giudiziale e del ravvedimento operoso, presuppongono un ruolo di partecipazione attiva del contribuente. Peraltro, secondo P. Russo, Problemi della prova nel processo tributario, in Rass. trib., n. 2/2000, , "da un lato, l'introduzione di istituti come l'accertamento con adesione e la conciliazione giudiziale dal chiaro connotato transattivo, e dall'altro, l'introduzione nel processo tributario dell'onere di allegazione dei fatti, in via di rafforzamento del principio della domanda, il quale a sua volta ed almeno di regola è il riflesso del carattere disponibile delle situazioni sostanziali oggetto della lite, sono altrettanti indizi di una propensione legislativa a collocare il rapporto obbligatorio d'imposta sul terreno del pieno dominio di entrambe le parti di esso".

6 quali l'interpello speciale, l'autotutela, la conciliazione giudiziale, l'accertamento con adesione, il ravvedimento operoso, l interpello per la disapplicazione delle norme antielusive altrimenti detto tax ruling negativo e, da ultimo, con l'interpello ordinario e quello caratterizzante la disciplina delle Controlled Foreign Companies. L'impatto sulla certezza giuridica dell'imposizione connesso all'eccessiva frammentazione della legislazione tributaria venne quindi mitigato dall'introduzione di principi generali nell'ordinamento di settore attraverso la promulgazione della legge del 27 luglio 2000 n. 212, contenente le disposizioni in materia di Statuto dei diritti del contribuente. In tale prospettiva quindi, l'istituto dell'interpello ordinario costituisce un ideale dispositivo di salvaguardia di tale certezza, permettendo al contribuente di conoscere preventivamente la posizione dell'amministrazione 7, senza però ammettere, al fine di evitare un utilizzo distorto dello strumento in esame, che la presentazione dell'istanza da parte del medesimo produca effetti sulle scadenze previste dalle norme tributarie 8. Di conseguenza, il contraddittorio, principio generale dell'ordinamento processuale sotteso nell'art. 24 Cost. e da ultimo esplicitamente ripreso anche dall'art Cost., si è gradualmente esteso anche alla fase istruttoria dell'accertamento tributario 10, con lo scopo di 7 Sulla "ratio" dell'istituto dell'interpello cfr. Circolare 31 maggio 2001 n. 50/E, in Fisco, 2001, n. 23, 8165 s., la quale evidenzia in premessa che "il contribuente può inviare quesiti all'amministrazione competente allo scopo di conoscere preventivamente quale sia la portata delle disposizioni tributarie e, di riflesso, quale sarà il comportamento dell'amministrazione in sede di controllo". 8 Il DM del 26 aprile 2001, n. 209, pubblicato in G.U. n. 128 del 5 giugno 2001, all'art. 1, comma 5, dispone che "la presentazione dell'istanza di interpello non ha effetto sulle scadenze previste dalle norme tributarie, né sulla decorrenza dei termini di decadenza e non comporta interruzione o sospensione dei termini di prescrizione". 9 L'art. 111, comma 2 Cost. recita "ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti in condizione di parità (...)". Sul "giusto processo" tributario cfr. E. Manzon, Processo tributario e Costituzione. Riflessioni circa l'incidenza della novella dell'art. 111 Cost., sul diritto processuale tributario,in Rivista Dir. Trib., 2001, I, 1095 s. 10 In tal senso L. Ferlazzo Natoli e P. Montesano, Luci e ombre sul ravvedimento operoso ex art.13 del D.Lgs. n. 472/1997, in Rivista Dir. Trib, 2002, p. 755 s., il quale evidenzia come tutta la fase istruttoria, nella quale la situazione giuridica sostanziale del contribuente è qualificata come interesse legittimo, sia meritevole di tutela giurisdizionale ex art. 24, comma 2 Cost. Peraltro, preme sottolineare che si tratta di quelle forme di contraddittorio cd. "anticipato".

7 assicurare, attraverso una più ampia partecipazione del privato, una migliore attuazione del principio di capacità contributiva. La partecipazione "in contraddittorio" del contribuente all'operato della amministrazione finanziaria può avere finalità difensive e/o di collaborazione 11. Un primo esempio di applicazione del contraddittorio è rinvenibile nell'art. 2 legge n. 17/1985, nel quale è stato previsto l'obbligo per l'amministrazione di inviare una richiesta di chiarimenti al contribuente prima dell'emanazione dell'accertamento induttivo in base a coefficienti, a pena di illegittimità dell'atto 12. Si tratta di una possibilità d'intervento con finalità difensive data al contribuente, che tende a consentire quel contraddittorio tra le parti utile ad evitare un'imposizione basata esclusivamente su indici di ricchezza presunta. Finalità parimenti di tutela si connettono alle previsioni di cui al comma 3 dell'art. 36-bis e al comma 4 dell'art. 36-ter del DPR n. 600/1973, ove è prescritto l'obbligo per l'amministrazione finanziaria di comunicare al contribuente o al sostituto d'imposta l'esito della liquidazione o del controllo formale, se diversi da quelli dichiarati, attribuendogli la facoltà 13 di fornire i necessari chiarimenti entro i trenta giorni successivi al ricevimento della comunicazione. Tra gli istituti caratterizzati dal principio del contraddittorio possono essere ricordati anche alcuni strumenti connotati come "deflattivi" del contenzioso. In particolare, l'accertamento con adesione, la cui disciplina, da ultimo integrata dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 che ha introdotto all art. 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218, i commi da 1-bis a 1- quinquies, consente sia agli uffici, sia al contribuente, di agevolare la 11 Sulla partecipazione del privato all'esercizio della funzione amministrativa, cfr. P. Russo, op. cit., 211 s.; v. L. Salvini, op. ult. cit., 13 s. e R. Miceli, Il diritto del contribuente al contraddittorio nella fase istruttoria, in questa Rivista, 2001, II, 371 s. 12 Sul punto v. L. Salvini, op. cit., 17-18, secondo la quale in tale richiesta deve identificarsi "la prima vera e propria forma di tutela del contraddittorio in sede di accertamento". 13 Si tratta infatti di facoltà attribuite al contribuente, peraltro a garanzia di quei principi costituzionali garantiti dagli artt. 24, 53 e 111 Cost., e non di obblighi, in quanto in quest'ultimo caso si verrebbero a delineare delle prestazioni personali imposte limitative della libera determinazione da parte del soggetto delle proprie energie fisiche e mentali sicuramente non coerenti con la finalità insita nel principio del contraddittorio.

8 "definizione" dell'accertamento, per prevenire l'instaurarsi di una controversia. Il dettato normativo contempla l'assegnazione ad entrambe le parti, amministrazione e privato, di un fattore d'iniziativa teso a stimolare l'elemento cooperativo idoneo ad abilitare la conclusione, per vie brevi, dell'iter accertativo. La disposizione attribuisce la possibilità all'ufficio di invitare il soggetto passivo a comparire, rimettendo a quest'ultimo la facoltà di scelta in ordine all'adesione o meno all'atto unilateralmente predisposto dall'amministrazione finanziaria. Al contribuente, di converso, è data facoltà, qualora siano stati effettuati nei suoi confronti accessi, verifiche o ispezioni ovvero qualora gli sia stato notificato un avviso di accertamento non preceduto dall'invito a comparire, di presentare all'amministrazione istanza di formulazione di una proposta di accertamento. Nella facoltà di presentazione dell'istanza, che comporta peraltro il dovere per l'ufficio di formulare al contribuente entro quindici giorni dalla ricezione della stessa invito a comparire 14, è ravvisabile un ulteriore manifesto indice di quella tendenza di ampliamento della partecipazione del contribuente nella fase di attuazione del rapporto d'imposta. Attraverso l'adesione, infatti, l'accertamento diviene definitivo, restando successivamente preclusi vuoi l'impugnazione da parte del contribuente, vuoi, in linea generale, i provvedimenti d'integrazione o modifica da parte dell'ufficio. Dal quadro visto si evidenzia quindi un deciso ampliamento nel campo del diritto tributario del novero di strumenti di tutela messi a disposizione del contribuente; strumenti che si caratterizzano, da un lato, per la maggiore partecipazione concessa al contribuente nella fase dell attuazione del rapporto di imposta; dall altro, per la piena realizzazione del principio del contraddittorio. Capitolo 2 Le diverse tipologie di interpello previste dalla disciplina vigente Nella prospettiva di incrementare da un lato, la dialettica tra contribuente e amministrazione, e dall altro di porre un valido argine ai 14 La pendenza dell'istanza di accertamento con adesione sospende per novanta giorni i termini di impugnazione a tutela del diritto di difesa del contribuente ex art. 24 Cost.

9 fenomeni evasivi ed elusivi, il nostro ordinamento tributario ha visto nel corso degli anni l introduzione di una serie di strumenti di comunicazione tra il cittadino- contribuente e l amministrazione stessa. Come visto in precedenza, in via generale è possibile dire che il diritto di interpello o tax ruling consiste nella facoltà riconosciuta al contribuente di richiedere all amministrazione finanziaria una valutazione, di diritto e/o di merito, sulla disciplina tributaria concretamente applicabile ad un fatto, atto o negozio che il soggetto passivo intenda porre (o abbia già posto) in essere, al fine di conoscerne, a priori, il giudizio ed evitare, a posteriori, le conseguenze sfavorevoli derivanti da un comportamento rischioso, in termini di maggiori pretese tributarie e/o di oneri giudiziari connessi all instaurazione di un contenzioso. Il nostro ordinamento tributario prevede una articolata tipologia di interpelli, ognuno dei quali presenta caratteristiche peculiari idonee a renderli adattabili alle diverse esigenze per le quali vengono presentati. Tali strumenti verranno di seguito brevemente accennati nelle loro peculiarità al fine di proporre un quadro generale della situazione attuale nel nostro ordinamento. 2.1 Interpello ordinario ex art. 11 della Legge n. 212 del 2000 Lo Statuto dei diritti del contribuente approvato con la legge 27 luglio 2000 n. 212, ha dato al cittadino la possibilità di interpellare l amministrazione finanziaria per conoscere la soluzione da dare al suo caso concreto e personale. L interpello diventa così uno strumento prezioso per migliorare il rapporto con l amministrazione finanziaria: il contribuente non deve più agire al buio, con il rischio di andare incontro a pesanti sanzioni, ma può acquisire, prima di mettere in atto un certo comportamento, il parere dell Amministrazione sull interpretazione da dare alle norme che disciplinano la materia tributaria. In base allo Statuto e alle successive disposizioni regolamentari, l interpello è soggetto a determinate condizioni e deve svolgersi secondo precise procedure. In base all art. 11 dello Statuto, il contribuente, se vi sono obiettive condizioni di incertezza circa l applicazione a casi concreti e personali

10 delle disposizioni tributarie, può inoltrare un quesito all Amministrazione finanziaria, la quale fornisce un parere entro 120 giorni. In mancanza di una risposta entro il predetto termine, si intenderà che l Amministrazione concordi con l interpretazione prospettata dal richiedente (cd. principio del silenzio-assenso). I quesiti di competenza dell Agenzia delle Entrate possono riguardare in particolare: le imposte sui redditi; l imposta sul valore aggiunto; l Irap; l imposta di registro; l imposta di bollo; le tasse sulle concessioni governative; l imposta sugli intrattenimenti ed altri tributi minori. Il contribuente può presentare istanza di interpello all Amministrazione finanziaria quando sussistono congiuntamente le seguenti condizioni: A. è interessato a conoscere l interpretazione di determinate disposizioni in quanto deve applicarle al proprio caso concreto ; B. esistono obiettive condizioni di incertezza sull interpretazione della norma che si deve applicare. Queste condizioni mancano se l Amministrazione ha compiutamente fornito la soluzione interpretativa di casi analoghi a quello prospettato nell istanza di interpello mediante circolare, risoluzione o altro provvedimento portato a conoscenza del contribuente attraverso la pubblicazione nella apposita banca dati del sito Internet dell Agenzia delle Entrate o del Ministero dell Economia e delle Finanze; C. non ha dato ancora attuazione alla norma oggetto di interpello o posto in essere il comportamento rilevante ai fini tributari.

11 In mancanza di tali presupposti, l istanza presentata dal contribuente non è ammissibile e non produce alcun effetto. Tuttavia l Agenzia delle Entrate, se non ricorrono le obiettive condizioni di incertezza, è tenuta a comunicare al contribuente la circolare, nota o risoluzione che risolve compiutamente il problema segnalato. L istanza deve essere presentata dal contribuente persona fisica o giuridica direttamente interessato alla soluzione del quesito. Possono inoltrare l istanza anche le altre persone obbligate agli adempimenti tributari per conto del contribuente, in particolare: i coobbligati al pagamento dei tributi; i sostituti di imposta, limitatamente a questioni attinenti all applicazione delle ritenute; i responsabili di imposta (per esempio i notai, direttamente obbligati al pagamento dell imposta per fatti o situazioni riferibili ai propri clienti); i rappresentanti delle società ed enti; i procuratori generali e speciali; i contribuenti non residenti. Infine, l istanza va presentata alla Direzione regionale dell Agenzia delle Entrate competente in ragione del domicilio fiscale del contribuente. Fanno eccezione le amministrazioni centrali dello Stato, gli enti pubblici a rilevanza nazionale nonché i contribuenti che hanno conseguito, nel precedente periodo di imposta, ricavi per un ammontare superiore a ,54 euro, che presentano l istanza alla Direzione Centrale Normativa e Contenzioso dell Agenzia delle Entrate. In relazione agli effetti del parere dell Amministrazione Finanziaria., il comma 2 dell art. 11 della Legge n. 212/2000 dispone che la risposta produce effetti soltanto nei confronti del contribuente interpellante relativamente al caso concreto prospettato; ciò comporta che la risposta resa dall Agenzia non produce gli stessi effetti vincolanti relativamente a casi analoghi relativi a soggetti diversi dall istante 15. Inoltre il comma Cfr. circolare 7/E del 3 marzo 2009

12 dell art.11 L n. 212/2000 e il comma 5 dell art.4 del D.M. n. 209/2001 prevedono il caso in cui l istanza riguardi la stessa questione o questioni analoghe fra loro, disponendo che l Amministrazione Finanziaria può rispondere anche in forma collettiva, mediante circolari o risoluzioni da pubblicare nella banca dati Documentazione tributaria consultabile sul sito internet dell Agenzia delle Entrate, senza che ciò sollevi l Agenzia stessa dall obbligo di comunicare la risposta ai contribuenti che hanno proposto il quesito. Infine è opportuno ricordare che la presentazione dell'istanza di interpello non produce alcun effetto sulle scadenze previste dalle norme tributarie, nè sulla decorrenza dei termini di decadenza e non comporta l interruzione o la sospensione dei termini di prescrizione. Pertanto, nel caso di adempimenti periodici (ad esempio il versamento dell IVA, la presentazione delle dichiarazioni dei redditi, ecc.), il contribuente non potrà rinviare il relativo adempimento alla data in cui l'agenzia avrà fornito la risposta all'interpello. 2.2 Interpello antielusivo ex art. 21 della legge n. 413 del 1991 Questa seconda tipologia di interpello consente al contribuente di conoscere preventivamente il parere dell Agenzia delle Entrate in ordine alle fattispecie riguardanti l'interposizione fittizia di persona (art. 37, comma terzo, del D.P.R. n. 600 del 1973), atti, fatti e negozi, anche collegati tra loro, privi di valide ragioni economiche e diretti ad aggirare obblighi e divieti dell'ordinamento tributario al fine di conseguire riduzioni d'imposta o rimborsi altrimenti indebiti (art. 37-bis, D.P.R. n. 600 del 1973); la qualificazione di determinate spese, sostenute dal contribuente, tra quelle di pubblicità e di propaganda ovvero tra quelle di rappresentanza, ai fini dell'applicazione dell'articolo 108 comma 2 del Tuir. La particolarità di questo strumento risiede nel fatto che esso è rivolto dal contribuente per ottenere un parere preventivo da parte dell amministrazione finanziaria in merito alla correttezza fiscale di alcuni adempimenti contabili conseguenti a determinate operazioni aventi carattere potenzialmente elusivo.

13 Trattandosi di uno degli strumenti messi a disposizione del contribuente dal legislatore in materia di elusione fiscale, esso verrà specificamente trattato, unitamente all interpello per la disapplicazione delle norme antielusive ex art 37 bis D.P.R n. 600/1973, nel terzo capitolo del presente lavoro. 2.3 Interpello per la disapplicazione delle norme antielusive La seguente tipologia di interpello, prevista dall art. 37 bis comma 8 del D.P.R. n. 600/73, consiste in un istanza attraverso cui il contribuente chiede al Direttore regionale dell Agenzia delle Entrate, la non applicazione di una norma antielusiva nel presupposto che gli effetti elusivi che la stessa intende evitare, avuto riguardo alla fattispecie concreta rappresentata dal contribuente con l istanza medesima, non possono verificarsi. La particolarità di questo istituto sta nella circostanza che esso non è volto, come invece lo sono le altre due tipologie di interpello già viste (ordinario e antielusivo), a fornire all istante un parere; esso invece mira ad ottenere un vero e proprio provvedimento da parte del Direttore Regionale, con cui viene eccezionalmente disapplicata una norma antielusiva, la quale, altrimenti, sarebbe applicata nel caso specifico indicato. Una attenta analisi di questo strumento sarà oggetto di trattazione del terzo capitolo del presente lavoro. 2.4 Interpello per i non residenti In tal caso più che trovarsi di fronte a una tipologia a sè stante di interpello, è possibile dire che è stata ampliata la gamma dei soggetti legittimati a servirsi dello strumento dell interpello. Infatti la circolare n. 9 del 13 febbraio 2003, conformemente alla ratio dello Statuto volta a semplificare i rapporti tra contribuenti e Amministrazione Finanziaria, ha previsto la possibilità di avvalersi dell'istituto dell'interpello anche per i soggetti non residenti che non producono redditi in Italia, ma che sono intenzionati a effettuarvi investimenti, al fine di conoscere preventivamente la portata

14 delle disposizioni normative di carattere tributario, anche di tipo agevolativo. La predetta circolare ha stabilito che i soggetti non residenti possono presentare istanza di interpello per il tramite di propri rappresentanti o incaricati - in possesso di procura speciale ai sensi dell'articolo 63 del D.P.R. n. 600 del presso cui eleggere domicilio per la ricezione della risposta e che la competenza alla trattazione di tali istanze è demandata alla direzione centrale Normativa e Contenzioso. Con la circolare n. 23/E5 del 2005, invece, tale competenza viene estesa alle direzioni regionali, che potranno fornire la risposta ai sensi dell'articolo 4, comma 1, del decreto ministeriale n. 209 del 2001, nel caso in cui i soggetti non residenti presentino l'interpello presso la direzione competente in ragione del domicilio fiscale del proprio incaricato. 2.5 Ruling internazionale Disciplinato dall art. 8 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, convertito dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, esso consente alle aziende che svolgono attività internazionale di interpellare l amministrazione finanziaria italiana circa il regime tributario dei prezzi di trasferimento, degli interessi, dei dividendi e delle royalties. La richiesta di ruling deve essere presentata unicamente al competente ufficio, di Roma o di Milano, dell Agenzia delle Entrate. La procedura prevede che tra l Agenzia delle Entrate ed il contribuente si stipuli un accordo, vincolante per il periodo di imposta in cui viene siglata l intesa e per i due periodi di imposta successivi, a meno che intervengano rilevanti mutamenti nelle circostanze di fatto o di diritto che hanno determinato l accordo. L amministrazione finanziaria relativamente ai periodi di imposta in cui è valido l accordo esercita i poteri di cui agli artt. 32 e seguenti del DPR n. 600 del 1973, soltanto in relazione a questioni diverse da quelle oggetto dell accordo. Le disposizioni relative al ruling internazionale sono entrate in vigore il 1 gennaio 2004.

15 2.6 Interpello sul consolidato nazionale Disciplinato dall articolo 124 del Tuir consente, nel caso di fusione della società o ente controllante con società o enti non appartenenti al consolidato, di richiedere la continuazione del consolidato mediante l esercizio dell interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del Interpello sul consolidato mondiale Disciplinato dall articolo 132 del Tuir, consente alle società residenti nel territorio dello Stato che detengono il controllo di società non residenti di interpellare l Agenzia delle Entrate ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 al fine di verificare la sussistenza del valido esercizio dell opzione. L esercizio dell opzione consente di imputare al soggetto controllante, indipendentemente dalla distribuzione, i redditi e le perdite prodotti dalle controllate non residenti per la quota parte corrispondente alla quota di partecipazione agli utili dello stesso soggetto controllante e delle societa' controllate residenti, tenendo conto della demoltiplicazione determinata dalla catena societaria di controllo. Tale opzione è esercitabile dal soggetto controllante per un periodo non inferiore ai cinque anni. Inoltre con l interpello sul consolidato mondiale il soggetto controllante può richiedere ulteriori semplificazioni per la determinazione del reddito imponibile fra le quali anche l esclusione delle società controllate di dimensioni non rilevanti residenti in uno Stato o territori diversi da quelli a regime fiscale privilegiato di cui all art. 167, comma 4, del Tuir.

16 2.7 Interpello sulle partecipazioni acquisite per il recupero dei crediti bancari Disciplinato dall art. 113 del Tuir, consente agli enti creditizi di chiedere all Agenzia delle Entrate, secondo la procedura di cui all art. 11 della legge n. 212 del 2000, che il regime dell esenzione delle plusvalenze non si applichi alle partecipazioni acquisite nell ambito degli interventi finalizzati al recupero di crediti o derivanti dalla conversione in azioni di nuova emissione dei crediti verso imprese in temporanea difficoltà finanziaria. L accoglimento dell istanza comporta l equiparazione ai crediti estinti o convertiti delle partecipazioni acquisite e delle quote di partecipazioni successivamente sottoscritte per effetto dell esercizio del relativo diritto d opzione, a condizione che il valore dei crediti convertiti sia trasferito alle azioni ricevute. 2.8 Interpello C.F.C. L interpello sulle Controlled Foreign Companies consente ai soggetti residenti in Italia che detengono partecipazioni di controllo o di collegamento in imprese estere residenti in Stati o territori a regime fiscale privilegiato di chiedere la disapplicazione delle disposizioni contenute negli articoli 167 e 168 del Tuir (tale interpello può riguardare, inoltre, i soggetti interessati all istituto della participation exemption, di cui all art. 87, comma 1, lettera c del Tuir). Il quadro normativo, piuttosto complesso, è completato da diversi D.M. di attuazione; i chiarimenti principali su questo tipo di interpello sono contenuti nelle circolari n. 18/E del 12 febbraio 2002 e n. 29/E del 23 maggio A tal fine il contribuente deve interpellare preventivamente l Amministrazione Finanziaria secondo le modalità indicate all art.11 della legge n.212 del 27 luglio 2000 che disciplina l interpello ordinario. Tuttavia, nonostante il richiamo espresso all interpello ordinario, bisogna tener presente che tale forma di interpello rappresenta, non un diritto, quanto un

17 vero e proprio onere per il contribuente così come chiarito dall art. 167 comma 5 del Tuir 16 ; inoltre, diversamente da quanto accade per l interpello ordinario che tende a risolvere questioni interpretative su fattispecie caratterizzate da obiettive condizioni di incertezza, l interpello C.F.C è diretto a dirimere questioni in buona parte di fatto (come ad esempio le caratteristiche dell attività svolta dalla CFC). Ai sensi dell art.167 del TUIR, al soggetto residente in Italia che detiene il controllo di un impresa, società o ente residente in un paese a regime fiscale privilegiato sono imputati i redditi conseguiti dal soggetto estero controllato in proporzione alla partecipazione detenuta, a prescindere dall effettiva distribuzione degli utili. Il presupposto del controllo, come chiarisce il D.M. n.429 (art. 1), deve verificarsi alla data di chiusura dell esercizio della partecipata estera. L art.167, comma 5, del Tuir precisa che le disposizioni del comma 1 non si applicano se il controllante residente dimostra alternativamente che: la società o altro ente non residente svolga un'effettiva attività industriale o commerciale, come sua principale attività, nello Stato o nel territorio nel quale ha sede; dalle partecipazioni non consegue l'effetto di localizzare i redditi in Stati o territori diversi da quelli di cui al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze emanato ai sensi dell'articolo 168 bis Tuir. Ai fini del presente comma il contribuente deve quindi interpellare preventivamente l'amministrazione finanziaria, ai sensi dell'articolo 11 della legge 27 luglio 2000 n Se si riesce a dimostrare anche una sola di queste due esimenti, si verifica la disapplicazione dell art.167 Tuir. Quindi anche in questo tipo di interpello, come nell interpello c.d. negativo, c è l inversione dell onere della prova: è il contribuente che deve dimostrare all amministrazione finanziaria che ricorrono le condizioni (almeno una) per disapplicare l art.167 del Tuir. Il soggetto interessato alla disapplicazione deve presentare apposita istanza all Agenzia delle Entrate secondo le modalità stabilite dal D.M. 21 novembre 2001, n. 429, che rinvia espressamente al D.M. 26 aprile 2001 n. 209, (che disciplina l interpello ordinario di cui all art.11 della legge n. 16 L art.167, comma 5, dispone infatti: Le disposizioni del comma 1 non si applicano se il soggetto residente dimostra, alternativamente,

18 212/2000): la procedura è pressoché identica a quella dell interpello ordinario. Il soggetto interessato è il soggetto residente controllante, colui al quale si applica la nuova disciplina CFC e quindi persone fisiche residenti, soggetti di cui all art.5 del Tuir (società semplici e società di persone), soggetti di cui all art.73, 1 comma del Tuir, lettere a ) b) e c) (società di capitali, società cooperative, enti pubblici e privati diversi dalle società che hanno o non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali). In particolare per le società di capitali, l interpello può essere presentato, oltre che dal legale rappresentante, anche dal procuratore generale o speciale: in tal caso la procura deve essere conferita secondo le formalità stabilite dall art.63 del D.P.R. n. 600/1973. Al fine di disapplicare la normativa prevista per le C.F.C., il soggetto controllante/collegato deve presentare istanza di interpello ex articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212, alla Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, per il tramite della Direzione regionale competente per territorio. La Direzione centrale è tenuta a rispondere con atto espresso alle istanze di interpello presentate entro il termine di 120 giorni dalla data di consegna o di ricezione dell istanza di interpello da parte dell ufficio, se il soggetto interpellante non opera ancora nei territori a regime fiscale privilegiato; entro il termine di 180 giorni nel caso inverso. In assenza di risposta entro i suddetti termini la stessa si intende resa positivamente, nel senso che è possibile disapplicare la norma antielusiva di cui agli artt. 167 e 168 del Tuir (cd. silenzio-assenso). Anche in questo caso la presentazione dell istanza non ha effetto sulle scadenze tributarie: quindi il contribuente non può rinviare la presentazione della dichiarazione dei redditi alla data in cui avrà ricevuto la risposta all interpello. Capitolo 3 Interpelli in materia di elusione fiscale La configurazione da parte del legislatore di un apparato antielusivo cerca fondamentalmente di raggiungere un difficile equilibrio tra esigenze opposte: da un lato, la certezza e la prevedibilità delle conseguenze giuridiche dei comportamenti del contribuente; dall'altro, predisporre nel

19 modo migliore possibile un sistema caratterizzato dall equità e che non rinunci alla difesa del gettito tributario. Trattandosi di esigenze opposte la prevalenza delle une sulle altre può provocare eccessi di garantismo o di rigorismo fiscale. In questa prospettiva, l'incertezza che, in qualche misura, circonda l'applicazione della cd. clausola generale antielusiva contenuta nell art. 37 bis della L. n. 600/73, viene bilanciata dalla introduzione nel nostro ordinamento di appositi strumenti di consultazione preventiva dell'amministrazione finanziaria. L'effetto di anticipazione conoscitiva che si connette a questi strumenti, infatti, compensa la potenziale incapacità del soggetto di valutare con certezza l'elusività delle proprie operazioni in base ai parametri della clausola 17. Il contrappeso a tutto ciò è appunto costituito dalla possibilità data al contribuente di servirsi dello strumento dell interpello, in particolare in alcune sue forme. Attualmente la disapplicazione delle norme antielusive può avvenire, a seconda dei casi, in tre modi diversi, corrispondenti alle figure dell'interpello per la disapplicazione delle norme antielusive ex art. 37-bis, dell'interpello speciale antielusivo ex art. 21 L. n. 413/1991 e dell'interpello ordinario ex art. 11 L. n. 212/2000, limitatamente però al suo utilizzo in materia di C.F.C. Nel complesso, la disciplina degli interpelli in materia elusiva (e antielusiva) è frammentaria, disorganica e poco razionale. Sarebbe auspicabile un intervento legislativo che metta in un ordine sistematico tutta la materia in modo da rendere, da un lato, più pratica l analisi e lo studio del fenomeno dell elusione fiscale, dall altro più semplice per il contribuente la ricognizione degli strumenti utilizzabili e quindi la scelta di quello più idoneo alla propria esigenza. Di seguito verranno analizzati l interpello speciale antielusivo ex art. 21 L. n. 413/91 e in particolare l interpello per la disapplicazione delle norme antielusive ex art. 37 bis D.P.R. n. 600/1973, in modo da poter 17 Dall'esame della norma si evince che ciò che qualifica la fattispecie elusiva è: a)il perseguimento di un vantaggio tributario; attraverso b)l'utilizzo di una condotta priva di "valide ragioni economiche"; c) volta ad aggirare obblighi o divieti previsti dall'ordinamento tributario.

20 fornire una analisi aggiornata dei principali strumenti volti alla disapplicazione delle norme antielusive. 3.1 Interpello antielusivo ex art. 21 L. n. 413/1991 L interpello in questione, come già in precedenza evidenziato, concede la possibilità al contribuente di conoscere in via preventiva il parere dell Agenzia delle Entrate relativamente alla correttezza fiscale di taluni adempimenti contabili conseguenti a determinate operazioni aventi un carattere potenzialmente elusivo. In particolare esso può riguardare esclusivamente i casi concreti in ordine ai quali ricorrerebbe l applicazione, rispettivamente, delle disposizioni contenute nell art. 37 comma 3 del D.P.R. n. 600/1973 relative l interposizione fittizia, di quelle contenute nell art. 37 bis del D.P.R. n. 600/1973 relative alle operazioni elusive, ed infine di quelle contenute nell art. 108 Tuir relative alle spese di pubblicità e rappresentanza. Peculiarità di tale strumento, ma anche condizione imprescindibile per il suo uso, è che esso è utilizzabile solo se il contribuente interpellante non ha ancora posto in essere il comportamento in ordine al quale desidera avere i chiarimenti (Risoluzione dell Agenzia delle Entrate 140/E del 2001). L istanza va quindi presentata dal contribuente in un plico raccomandato con raccomandata A/R all Agenzia delle Entrate competente in base al domicilio fiscale dell interpellante. A pena di inammissibilità, l istanza deve contenere, analogamente a quanto accade per l interpello ordinario: i dati identificativi del contribuente o del suo legale rappresentante e delle altre parti interessate; l esposizione dettagliata del caso concreto indicando la soluzione interpretativa prospettata; il domicilio fiscale; la sottoscrizione dell interpellante o del legale rappresentante. In passato l interpello in questione presentava una struttura procedurale diversa e in un certo qual senso più farraginosa; in particolare, in sede di risposta al contribuente poteva verificarsi un problema per quest ultimo: infatti, se la risposta resa era negativa o addirittura omessa, egli aveva la possibilità di ricorrere ad un organo, il Comitato Consultivo, per ottenere un sorta di riesame e quindi di risposta, sull istanza precedentemente presentata

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli