Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A."

Transcript

1 Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A. 2011/12 L ipotermia terapeutica nel post arresto cardiaco è una pratica efficace in termini di sopravvivenza e di neuroprotezione, è sicura e di facile applicazione? Studente: Silvia Albanese

2 PREMESSA L incidenza dell arresto cardiaco extra-ospedaliero (out-of-hospital cardiac arrest, OHCA) è stimata in un report della World Health Organization tra i 36 ed i 128 casi per individui per anno (WHO, 2002). In tale popolazione i tentativi di rianimazione cardiopolmonare compiuti si aggirano attorno all 86% ed una ripresa di circolo spontaneo (return of spontaneus circulation, ROSC) può essere raggiunta in un range compreso tra il 17% ed il 49% (Holzer et al., 2003). In Italia i dati Istat evidenziano circa morti improvvise ogni anno. Tra i pazienti inizialmente rianimati con successo, il danno anossico cerebrale è la principale causa di morbidità e mortalità. Almeno l 80% dei pazienti che inizialmente sopravvive ad una arresto cardiaco rimane in coma post-anossico per periodi più o meno prolungati, circa il 40% entra in uno stato vegetativo persistente e la mortalità ad una anno è pari all 80% (Madl et al., 2000). Nonostante il costante aggiornamento delle linee guida internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare e sull advanced cardiac life support il tasso di sopravvivenza per gli arresti cardiaci extraospedalieri non è comunque migliorato negli ultimi anni. Le linee guida infatti si focalizzano principalmente sul trattamento fino al return of spontaneus circulation, vista la scarsità di studi relativi all immediato periodo post-rianimatorio. Il completo recupero delle funzioni cerebrali è purtroppo ancora un evento raro. Anche in pazienti selezionati con evento testimoniato ed un intervallo tra arresto cardiaco e inizio delle manovre di Advanced Cardiac Life Support inferiore a 15 minuti, la mortalità a 6 mesi è compresa tra il 40 ed il 55% (HACAG, 2002). Una volta ottenuto un ritorno di circolo spontaneo a seguito di una efficace rianimazione cardiopolmonare si verificano a livello cerebrale complessi meccanismi che portano ad un danno secondario da riperfusione con ulteriore perdita neuronale ed un conseguente peggioramento dell outcome cerebrale (Safar et al., 2002). Molto lavoro è stato speso per migliorare il trattamento di questa patologia nella fase extraospedaliera con lo sviluppo del concetto di catena della sopravvivenza, con la diffusione del concetto di early defibrillation e con la diffusione nella popolazione della cultura e dei concetti della rianimazione cardiopolmonare. La ricerca si è concentrata successivamente sugli aspetti fisiopatologici del danno cerebrale secondario dovuto alla sindrome da ischemia-riperfusione individuata per la prima volta dallo studioso Negovsky nel Gli ultimi vent anni hanno visto aumentare l attenzione per l ipotermia terapeutica nel trattamento dei pazienti vittime di ACR extra-ospedaliero. Gli studi pubblicati hanno provato in maniera statisticamente significativa l efficacia di tale pratica nel ridurre il danno post anossico cerebrale (Arrich et al., 2012). Tale pratica risulta utile anche per coloro che non hanno avuto un ritmo di esordio defibrillabile come la FV o la TV (Takemoto et al., 2012) e per i pazienti colpiti da danno cerebrale traumatico, da stroke, da febbre (pazienti con problemi neurologici), nell intraoperatorio e nei neonati affetti da encefalopatia ipossico ischemica, nell infarto miocardico (Kees, 2008). Il maggiore effetto protettivo dell ipotermia deriva dalla riduzione globale dei danni a livello cerebrale attraverso diverse vie precoci legate al rallentamento del metabolismo cerebrale (6-10% / C sotto i 37 C), riduzione del danno e disfunzione mitocondriale, riduzione delle disfunzioni della pompa ionica con limitazione dell effetto del Ca++ nella cellula e limitazione dello stimolo neurotossico (produzione dopamina e glutammato), calo della permeabilità della membrana, dell edema citotossico e dell acidosi intracellulare e il contenimento nella produzione di radicali liberi come NO2,O2, H2O2,OH- e vie più tardive come la limitazione del danno da riperfusione e la soppressione dell attività epilettica, il calo di produzione di endotelina e TxA2 e l aumento di prostaglandine, l aumento della tolleranza all ischemia e diminuzione della risposta immunitaria e dell infiammazione cerebrale, riduzione dell attività coagulativa e della formazione di microtrombi, protezione della permeabilità della barriera ematoencefalica e della formazione di edema, depressione diffusa della depolarizzazione, attivazione di geni protettivi precoci, diminuzione della permeabilità vascolare e dell edema, diminuzione del controllo della temperatura da parte del sistema nervoso e dell ipertermia locale, miglioramento del 2

3 metabolismo cerebrale e riduzione dell acidosi e delle tossine, riduzione dell apoptosi, della proteolisi e del danno al DNA(Mohi et al., 2009). L ipotermia inoltre ha effetti benefici anche a carico di altri distretti come a livello cardiaco con riduzione del consumo di ATP, riduzioni del danno istologico e riduzione del processo apoptotico (Kees, 2009). Il concetto di ipotermia non è di certo recente. L utilità dell ipotermia in medicina è stata riconosciuta fin dall antichità. Ippocrate promuoveva l utilizzo di applicazioni di ghiaccio e neve sugli arti feriti dei soldati. Testimonianze dell epoca napoleonica del chirurgo Barron Larrey evidenziano come gli ufficiali feriti tenuti vicino al fuoco dopo l intervento sopravvivessero meno rispetto ai soldati di fanteria che venivano lasciati in ambiente freddo. Il primo articolo medico sull ipotermia risale al 1945 e si focalizza sugli effetti di essa in pazienti colpiti da importanti lesioni alla testa. Negli anni 50 l ipotermia si diffonde nell ambito della chirurgia degli aneurismi cerebrali permettendo delle zone di arresto del flusso sanguigno. Nello stesso periodo quattro case report dimostrarono i benefici dell ipotermia terapeutica anche nei pazienti dopo un arresto cardiaco (Williams and Spencer, 1958; Benson, 1959) e viene raccomandata come pratica importante nell assistenza post rianimazione negli studi di Peter Safar e Rosomoff nei primi anni 60 (Nikolaos, 2012) Utilizzando campioni ristretti e temperature estreme, tali studi non furono in grado di dimostrare la sicurezza di tale pratica, e l ipotermia fu abbandonata per la difficoltà nella gestione e per gli importanti effetti collaterali come aritmie, disordini coagulativi e polmoniti. Dopo alcuni studi negli anni Ottanta sull efficacia dell ipotermia media su animali, si deve attendere Bernard (2002) per trial randomizzati controllati per la conferma di un significativo miglioramento negli esiti a livello neurologico comparando gruppi pazienti sopravvissuti a un arresto cardiaco sul territorio sottoposti l uno a assistenza abituale e l altro a ipotermia. Dal 2003 ILCOR e successivamente l American Heart Association e European Resuscitation Council raccomandano l uso dell ipotermia (32-34 C per 24h) nei pazienti sopravvissuti a un arresto con ritmo di esordio una Fibrillazione Ventricolare (Joseph et al., 2012). Tale raccomandazione è stata estesa anche negli arresti con altri ritmi di esordio e in quelli intra ospedalieri (Kjetil et al.,2013). La revisione della Cochrane del 2012 conferma i risultati dei precedenti studi che supportano le raccomandazioni ILCOR tuttavia mette in luce il numero ridotto di pazienti coinvolti negli RCT condotti e suggerisce la necessità di ulteriori studi per rafforzare le evidenze e per definire l ottimale temperatura di raffreddamento. Inoltre è necessario riflettere sui motivi della limitata diffusione, non solo in Italia, di tale pratica nonostante le raccomandazioni dal CAT Titolo: L ipotermia terapeutica nel post arresto cardiaco è una pratica efficace in termini di sopravvivenza e di neuroprotezione, sicura e di facile applicazione? Autori del report: Albanese Silvia Titolo originale e fonte: Arrich J., Holzer M., Havel C., Mullner M., Herkner H.: Hypothermia for neuroprotection in adults after cardiopulmonary resuscitation (Review). Cochrane Database of Systematic Review 2012, Issue 9 Riassunto Quesito e scopo della revisione: sono state condotte una revisione sistematica e una metanalisi per dimostrare l efficacia dell ipotermia terapeutica in pazienti dopo un arresto cardiaco. L obiettivo del lavoro è quello di dimostrare miglioramento del danno neurologico (outcome primario), sopravvivenza e eventi avversi (outcome secondari) conducendo un analisi dei dati dove disponibili e formando dei sottogruppi secondo la tipologia di arresto. 3

4 Metodi di revisione banche dati e periodo: la ricerca è stata condotta nei database quali il Cochrane Central Register of Controlled Trials (CENTRAL) (The Cochrane Library 2001,Issue 7); MEDLINE (1971- luglio 2011); EMBASE (1987 luglio 2011); CINAHL (1988- luglio 2011); PASCAL (2000- luglio 2011); and BIOSIS (1989- luglio 2011). La ricerca originale è stata condotta nel gennaio La ricerca è stata condotta cercando le parole chiave nel titolo, nell abstract o come MeSH, oppure utilizzandole come subject heading su MEDLINE o facendole esplodere in EMBASE e CINAHL. Per MEDLINE e EMBASE è stata adottata una strategia di ricerca per individuare gli RCT. Non è stata applicata nessuna restrizione di lingua. Per identificare ulteriori studi è stato chiesto agli esperti informazioni sui trial in corso, sui pubblicati e non in tale ambito. Due ricercatori hanno esaminato indipendentemente tutti le referenze da inserire nella revisione. Criteri inclusione dei disegni di studio, studi inclusi, numero e tipologia: nella revisione sistematica sono stati inclusi 4 trial e 1 abstract per un totale di 481 pazienti. La qualità è risultata buona in 3 su 5 studi sui quali è stata condotta una analisi dei dati. Sono stati inclusi tutti i trial controllati randomizzati e quasi randomizzati che dimostrassero l efficacia dell ipotermia terapeutica dopo un arresto cardiaco sia intra che extraospedaliero con ripresa del circolo (ROSC) dopo rianimazione. Sono stati esclusi i trial randomizzati per cluster in caso di più trattamenti si sono abbinati i gruppi per creare un unica coppia di comparazione. Nonostante lo scarso beneficio dell ipotermia, sono stati inclusi anche pazienti con disturbi neurologici pre arresto dal momento che il loro numero è trascurabile e per la difficoltà reale di raccogliere un anamnesi quando il trattamento post rianimazione ha inizio. La ricerca si è limitata alla sola popolazione adulta raffreddata al di sotto dei 35 C con qualsiasi metodo entro le 6 ore dall arresto cardiaco. Il gruppo di controllo è stato trattato secondo gli standard di trattamento post arresto evidence based al momento dello studio. In un database sono state inseriti misure di validità, l intervento, gli outcome e ulteriori variabili di riferimento. La metanalisi è stata condotta solo per sottogruppi omogenei. Per tali studi sono disponibili dati individuali dei pazienti. E stata accertata la validità interna degli studi inclusi. Principali risultati: La raccolta dei dati su tipologia di studio, partecipanti, interventi e outcome misurati è avvenuta indipendentemente secondo uno schema predefinito. Essa è stata supportata anche dal contributo di alcuni autori degli studi. I risultati (distribuzione interventi, outcome e altre variabili quali cause arresto, setting, testimonianza, ritmo del primo ECG) sono state inserite indipendentemente in un software (RevMan 5.1) e le discrepanze risolte tramite discussione. Tutte le analisi sono avvenute secondo il sistema intenzione al trattamento e sono stati segnalati anche i persi al follow up. Per gli studi ai quali mancava una considerevole quantità di dati è stata riportata una analisi di sensibilità. E stata condotta anche una analisi dei dati per l eterogeneità clinica e statistica (I₂>50%) e realizzata una sintesi quantitativa dei dati dove fosse trascurabile. Per identificare bias di pubblicazione ed eterogeneità è stato adottato il funnel plot. Per gli studi eterogenei per i quali non fosse possibile un analisi quantitativa dei dati individuali è stata condotta una analisi per livelli. La principale misura di risultato è il rischio relativo di ottenere una buona ripresa neurologica (CPC 1-2= buon outcome neurologico). La ricerca nei database ha individuato 1851 studi sono stati esclusi in base ai criteri di eleggibilità giudicati da titolo o abstract. I rimanenti 32 studi sono stati analizzati: 11 non originali, 10 non randomizzati, 6 con intervento/gruppo di controllo non idoneo, uno studio in corso, 1 report di studio sono stati esclusi. Sono rimasti 5 trial randomizzati o quasi randomizzati comprendenti 481 pazienti. Solo per tre studi risultati omogenei è stato possibile condurre una 4

5 analisi dei dati individuali mentre lo studio di Laurent (2005) ha presentato eterogeneità per metodo di raffreddamento (emofiltrazione) e lo studio di Mori (2000) utilizza un metodo non chiaro. L outcome primario è il recupero neurologico. La performance cerebrale è espressa attraverso lo strumento Cerebral Performance Categories (Stiell, 2009) comprendente 5 livelli. Gli autori hanno definito un buon outcome neurologico se CPC 1-2 mentre se CPC>= 3 un outcome sfavorevole. Esso è stato studiato in base a sottogruppi quali causa dell arresto cardiaco, setting dell arresto, testimonianza dell evento, ritmo del primo ECG. Sono stati comparati tre studi che utilizzano metodi di ipotermia simili: 195 casi raffreddati con metodi tradizionali confrontati con 188 pazienti gestiti in normotermia.i risultati mostrano un miglior outcome neurologico nei pazienti sottoposti a ipotermia (I₂=32%,vedi tabella). Per quanto riguarda lo studio di Laurent (2005), che utilizza l emofiltrazione, non si evidenziano differenze statisticamente significative nei due gruppi (test Chi₂ di Pearson= 0,16, P=0,69; RR=0,71; IC 95% (0,32-1,54) mentre nello studio di Mori (2000) risulta una migliore sopravvivenza nel gruppo sottoposto a ipotermia (test Chi₂ di Pearson= 7.78; RR=4,50; IC 95% (1,17-17,30). L outcome secondario prevede la sopravvivenza al momento della dimissione, la qualità di vita a 6 mesi e a lungo termine (> 1 anno), la dipendenza e la valutazione costo-efficacia. Tre studi riportano risultati a favore dell ipotermia per la sopravvivenza alla dimissione (I₂=0%, vedi tabella). Per quanto riguarda lo studio di Laurent (2005) non sono state dimostrate differenze statisticamente significative (test Chi₂ di Pearson=0.77, P=0.38; RR= 0,71; IC 95% (0,32-1,54). Per quanto riguarda la sopravvivenza a 6 mesi e a lungo termine, la qualità di vita a 6 mesi e la dipendenza a lungo termine e la valutazione costo efficacia non vengono forniti risultati. Outcome neurologico e sopravvivenza: raffreddamento convenzionale vs nessun raffreddamento in pazienti adulti dopo rianimazione cardiopolmonare Popolazione: adulti in coma dopo rianimazione cardiopolmonare post arresto cardiaco Setting: (intra/extraospedaliero) Intervento: raffreddamento convenzionale; Intervento di comparazione: nessun raffreddamento Outcomes Rischi relativi (95% CI)* Rischio presunto Rischio corrispondente No raffredd. Raffredd convenzionale Effetto relativo (95%CI) N soggetti Qualità delle evidenze (GRADE) Buon outcome Popolazione di studio RR=

6 neurologico raffreddamento convenzionale con metodi esterni (IPD,CPC1 1-2 durante il ricovero) 35 % 54% (42/68) Rischio medio della popolazione 27% 42% (33/53) ( ) 188/195 (3 studi) moderata2,3 Sopravvivenza- Raffreddamento convenzionale con metodi esterni (IPD, sopravvivenza alla dimissione) Popolazione di studio 42% 57% (46/69) Rischio medio della popolazione 32% 44% (36/53) RR=1.35 ( ) /195 (3 studi) +++ moderata *rischio presunto=rischio medio nel gruppo di controllo negli studi. Il Rischio corrispondente è basato su il rischio presunto nel gruppo di controllo e l effetto relativo di intervento,1.cerebral Performance Category (I-V), 2. uno studio quasi randomizzato che non modifica i risultati, 3.numero totale degli eventi < 300 6

7 Quando si suddividono i soggetti in sottogruppi in base alla causa di arresto (cardiaca/non cardiaca), setting dell arresto (intra/extraospedaliero),evento testimoniato/non testimoniato, ritmo di esordio (VF o TV) osservando il miglior punteggio CPC durante il ricovero si evidenzia come solo per la variabile arresto non testimoniato (22 pazienti) siano evidenti anche se da interpretare con precauzione (RR: 5.31; IC ; I₂=0%; tre studi). Nessuno studio reclutato fornisce dati su sopravvivenza a lungo termine, dipendenza, qualità di vita e valutazione costo/efficacia. Quattro studi riportano vari effetti avversi quali sanguinamenti, necessità di trasfusioni di piastrine, polmoniti, sepsi, pancreatiti, insufficienza renale o oliguria, emodialisi, edema polmonare, aritmie letali o prolungate, crisi epilettiche, complicanze cardiache, ipocalcemia, ipofosfatemia. Essi non hanno dimostrato differenze significative nei due gruppi. E stata inoltre condotta una analisi di sensibilità per stabilire se la scelta del modello fixed effect/random effect modificasse i risultati. In conclusione la revisione dimostra che l ipotermia terapeutica con metodi convenzionali migliora gli outcome neurologici e la sopravvivenza di coloro che sono stati rianimati con successo dopo un arresto cardiaco. Tale pratica risulta efficace per gli arresti extraospedalieri, per gli eventi legati a presunte cause cardiache e per pazienti con ritmo di esordio di VF o TV. Per gli 7

8 arresti intraospedalieri, per i pazienti con ritmo iniziale asistolico e per cause non cardiache il campione risulta troppo ridotto per fare inferenze. COMMENTO E IMPLICAZIONI PER LA PRATICA Dopo la pubblicazione di due studi compresi nella revisione (Bernard 2002; HACA 2002) sono state pubblicate le linee guida ILCOR che suggeriscono l implementazione dell ipotermia dopo un arresto cardiaco. Quindi, nonostante i numerosi limiti degli studi, la revisione supporta tali raccomandazioni sull ipotermia come the current best medical practice. Gli studi sono complessivamente buoni, intrapresi in ambito accademico, caratterizzati da criteri essenziali di qualità e con n accettabile di persone perse al follow up. Alcuni problemi si sono verificati nella randomizzazione (Bernard, 2002;HACA,2002), nel mantenimento dell ipotermia (HACA,2002), nella gestione della temperatura di riscaldamento. Inoltre si evidenziano limiti più consistenti quali l analisi su dati singoli limitata solo a tre studi (Bernard, HACA, Hachimi-Idrissi); infatti lo studio di Laurent ricorre a una tecnica di raffreddamento troppo particolare per essere comparata mentre lo studio di Mori non fornisce nessuna informazione sul trattamento. Gli studi randomizzati risultano ridotti così come il numero dei pazienti coinvolti. La precisione dei risultati è bassa soprattutto nei sottogruppi e nell analisi di sensibilità. Gli intervalli di confidenza sono vicini all effetto nullo e osservando gli studi con adeguato mascheramento nell assegnazione si evidenzia come il modello scelto non sia robusto. Inoltre il numero ridotto di studi permette poche comparazioni. Nonostante queste considerazioni l ipotermia è una pratica raccomandata ed è diventata parte del quinto anello della catena della sopravvivenza (post resuscitation care) secondo le raccomandazioni ILCOR (2003) e ERC e AHA (2005). Tuttavia uno studio (Bianchin et al., 2009) mette in luce come nel 2007 solo il 16% delle Terapie Intensive italiane utilizzassero l ipotermia terapeutica nei pazienti post arresto cardiaco. Anche nel resto del mondo survey condotte tra il 2005 e il 2007 non hanno fornito risultati diversi: 30% in Germania, 27% in Inghilterra, 20% negli Stati Uniti mentre in Australia e in Finlandia si raggiungono percentuali più alte (42% e 61%). La survey condotta in Italia rivolta alle 448 UTI mette in luce come il 79,9% (323/404 partecipanti comprendenti 13 Cardiochirurgie,18 Neurochirurgie, 10 UTI Pediatriche, 9 TIPO, 354 UTI Generali) non utilizzi la metodica dell ipotermia. Le ragioni riportate sono varie: mancanza di esperienza/informazione (45%), mancata presa in considerazione (18%), pianificata, ma non ancora implementata (10%), non efficace perché non basata sulle evidenze (9%), tecnicamente troppo difficile (6%), altri motivi (12%). Esiste un metodo di raffreddamento più efficace e sicuro? Gli studi della revisione ricorrono al posizionamento di ghiaccio, alla coperta, al casco e all emofiltrazione ma non viene messa in luce la superiorità in termini di un metodo rispetto ad un altro. Inoltre non è affrontata nessuna analisi di costo/efficacia. Numerosi e avanzati sistemi di raffreddamento sono stati sviluppati negli ultimi anni con l obiettivo di indurre una veloce induzione e per un maggior controllo della temperatura. Alcuni devices sono stati comparati ma non sono risultate differenze significative negli outcome o negli eventi avversi (Nikolaos, 2012). Il device ideale dovrebbe indurre una rapida riduzione della temperatura raffreddando preferibilmente solo gli organi bersaglio, essere versatile (leggero, di ridotte dimensioni, trasportabile e robusto) e applicabile in qualsiasi setting anche durante la rianimazione stessa. Si possono individuare due categorie di metodi per indurre e mantenere l ipotermia: esterni e invasivi. I primi sono i più utilizzati e più semplici da applicare, efficaci nel raffreddare gli organi bersaglio, ma richiedono dalle 2 alle 8 ore per raggiungere la temperatura target e creano brivido. I sistemi di raffreddamento esterni includono dai poco costosi sacchetti di ghiaccio e impacchi di alcool, alle termocoperte con acqua fredda circolante, ai materassi ad aria fino alle placche con acqua circolante a temperatura controllata, costose, ma veloci nell induzione. Strumenti che controllano la temperatura con un feedback sono da preferire ma 8

9 sono costosi. Tutti i metodi invasivi, eccetto l infusione di fluidi, richiedono l implementazione intraospedaliera a causa della loro complessità e necessità di sterilità. I presidi intravascolari comunque raggiungono temperature target più velocemente, permettono un miglior controllo della temperatura ma hanno il rischio di infezioni vascolari. Essi comprendono le infusioni in carotide, l infusione carotidea con circolazione extracorporea, lavaggi con acqua ghiacciata, bypass cardiopolmonare, lavaggio peritoneale freddo, lavaggio nasogastrico e rettale, infusione di fluidi endovenosi a 4 C rivelatesi efficaci e di facile applicazione nel preospedaliero. Esistono inoltre dei sistemi selettivi quali caschi freddi, raffreddamento transnasale, flush retrogradi in vena giugulare, bypass femoro-carotidei, ipotermia cerebrale intraventricolare. Oltre ai metodi sopracitati le tecnologie biomediche hanno messo a disposizione dei clinici speciali cateteri endovascolari dotati di due o tre palloncini riempiti di soluzione fisiologica a temperatura regolabile da posizionare in vena succlavia, in cava superiore o nella vena femorale. I vari studi condotti con tali devices hanno dimostrato una buona efficacia, gestibilità ed una relativa velocità di induzione dell ipotermia. Recenti evidenze suggeriscono infine l utilizzo di facili e immediati strumenti di raffreddamento farmacologici. In molti casi si è rivelata utile la combinazione di due tecniche La fase di riscaldamento può essere implementata ricorrendo agli stessi sistemi di induzione all ipotermia o attraverso il rewarming passivo. Ogni realtà operativa dovrebbe adottare un metodo o una combinazione di essi in base alla propria organizzazione, al piano assistenziale e alle risorse economiche. L adozione dell ipotermia risulta quindi semplice e deve prescindere dall acquisto di costosi e sofisticati macchinari. Come misurare gli esiti sul paziente dell assistenza post resuscitation? Per quanto riguarda gli strumenti di valutazione del paziente, la performance neurologica è misurata in tutti gli studi analizzati attraverso lo strumento CPC che permette una rilevazione facile e grossolana della capacità del paziente a svolgere attività di vita quotidiana. Convenzionalmente i pazienti vengono suddivisi da questa scala in due classi: Pazienti con good outcome: CPC 1 e CPC 2 Pazienti con poor outcome : CPC 3, CPC 4 e CPC 5 In uno studio condotto sull affidabilità della scala CPC nella valutazione dell outcome dei pazienti sopravvissuti ad arresto cardiaco extraospedaliero Nesbitt LP et al. ritengono questa scala valida anche se non sufficiente a discriminare con precisione il vero livello della qualità della vita dei sopravvissuti (ad es. funzioni cognitive, impatto sociale), raccomandando di non sostituirla all Health Utilities Index Mark 3(Stiell,2009) L ipotermia migliora la neuroprotezione e la sopravvivenza solo nei pazienti colpiti da arresto cardiaco? Un altro spunto di riflessione riguarda la restrizione alla tipologia di arresti dei due più incidenti studi della revisione: la causa cardiaca o ritmi di esordio VF/TV. Uno studio su pazienti sottoposti a ipotermia dopo arresto cardiaco da ritmo non defibrillabile ha dimostrato risultati simili in termini di buon outcome neurologici a 30 giorni rispetto ai pazienti con ritmo defibrillabile a patto che l intervallo tra evento e ROSC fosse breve (Kagawa,2010). Se si pensa ai meccanismi fisiopatologici dell ischemia cerebrale e alle dinamiche di azione dell ipotermia, tale pratica potrebbe essere estesa anche ad altri ritmi di esordio come l asistolia e a arresti da cause non cardiache. Qual è la temperatura ottimale per raggiungere il miglior esito e minor numero di eventi avversi? Un limite citato prima della revisione associato allo scarso monitoraggio della temperatura ha permesso di osservare la necessità di ulteriori studi con la rilevazione di temperature standardizzate (temperatura esofagea o vescicale) in modo da rendere confrontabili anche i 9

10 gruppi e gli studi. I risultati di uno studio pilota hanno suggerito che livelli tendenti ai 32 C sono associati a un miglior outcome in termini di sopravvivenza in pazienti con arresto cardiaco dopo ritmo defibrillabile rispetto ai pazienti sottoposti a temperature tendenti ai 34 C.Per quanto riguarda gli eventi avversi non ci sono differenze significative eccetto per le convulsioni (nel gruppo a 34 C) e per le bradicardie (nel gruppo a 32 C). Gli autori suggeriscono come tali risultati dovrebbero essere approfonditi da uno studio più ampio (Lopez de Sa, 2012). Ci sono dei limiti temporali consigliati per iniziare l ipotermia? La revisione non include studi che confrontino una precoce vs tardiva ipotermia (pre-post hospital) nè differenti durate ( h). Non esistono attuali evidenze univoche sul momento ottimale in cui iniziare l ipotermia anche se è stata osservata una associazione tra mortalità e tempo di inizio (1 ora di ritardo incrementa il rischio di morte del 20%) (Mooney et al., 2011). Un trial in corso Intra-Arrest Therapeutic hypothermia in Prehospital cardiac arrest (NCT ) fornirà dati sulla convenienza di intraprendere l ipotermia nel preospedaliero in termini di limitazione dei danni cerebrali. Nella realtà operativa dell Ospedale San Bortolo di Vicenza si sta realizzando in questi giorni il protocollo per applicazione dell ipotermia in tutti i pazienti adulti rianimati da arresto cardiocircolatorio (ACC) che, dopo ripresa del circolo spontaneo (ROSC), mantengono uno stato di coma (GCS 8) identificato come assenza di risposta alla stimolazione verbale con incapacità di eseguire ordini semplici. Sono stati individuati i pazienti da includere: pazienti con ACC da FV, TV senza polso, asistolia, PEA (sia intra ed che extra ospedalieri), IMA (STEMI-NSTEMI) e pazienti con GCS 8. E i pazienti esclusi: intervallo fra ROSC ed induzione ipotermia > 6 ore, pazienti con GCS 9, trauma maggiore e ustioni estese, stato chirurgico maggiore < 72 ore, stato di infezione sistemica (sepsi - shock settico), T corporea iniziale dopo ROSC < 30 C, accanimento terapeutico: malati terminali, durata del tempo di trattamento rianimatorio, gravidanza, coagulopatia nota/sanguinamento (in atto) sanguinamento intracranico. Si sono poi definiti gli interventi nella fase preospedaliera e intraospedaliera, le metodologie di raffreddamento, il monitoraggio, la terapia farmacologica e la gestione degli eventi avversi. L ipotermia richiede un coordinamento multidisciplinare stretto dal momento che dal momento che viene iniziata sul territorio deve essere mantenuta. A tale scopo si è resa necessaria la stesura protocollo standardizzato che ha visto coinvolti molti professionisti provenienti da CO, Pronto Soccorso, UTI, UTIC, Emodinamica, Laboratorio Analisi e Radiologia. L innovazione dell ipotermia richiede formazione ed educazione sul tema. Inoltre tutti i clinici partecipanti hanno riconosciuto la rilevante importanza della raccolta dati, ritenuta indispensabile per valutare gli esiti e per garantire un programma di miglioramento continuo della qualità e dell efficienza. 10

11 Citazioni e referenze Arrich J., Holzer M., Havel C., Müllner M., Herkner H. (2012).Hypothermia for neuroprotection in adults after cardiopulmonary resuscitation (Review). CochraneDatabase of Systematic Reviews, Issue 9. Bernard S.A., Gray T.W., Buist M.D. (2002).Treatment of comatose survivors of out-of-hospital cardiac arrest with induced hypothermia. N Engl J Med;346: Bianchin A.,Pellizzato N., Martano L., Castioni C.A.(2009) Therapeutic Ipothermia in Italian Intensive Care Units: a national survey. Minerva Anestesiologica;75 (6). Hachimi-Idrissi S., Corne L., Ebinger G. (2001).Mild hypothermia induced by a helmet device: a clinical feasibility study. Resuscitation; 51: Holzer M., Bernard S.A., Hachimi-Idrissi S. (2005). Hypothermia for neuroprotection after cardiac arrest: systematic review and individual patient data meta-analysis. Critical Care Medicine;33:

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache Consueto appuntamento con i dati delle RCP effettuate nel corso del 2011. Come già detto nei report degli anni precedenti i dati riguardano gli interventi effettuati dalle auto mediche di Bologna che coprono

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Principi etici Linee Guida 2015. Giuseppe Gristina

Principi etici Linee Guida 2015. Giuseppe Gristina Principi etici Linee Guida 2015 Giuseppe Gristina European Resuscitation Council Guidelines for Resuscitation 2015 Section 11. The ethics of resuscitation and end-of-life decisions cura centrata sul paziente

Dettagli

IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO

IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO CARDIOLUCCA 2013 IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO Dott. Cristiano Lisi UO Cardiologia Ospedale Campo di Marte Lucca Lucca 28/11/2013 LUCCA CARDIOLOGIA Epidemiologia dell arresto cardiaco Circa

Dettagli

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore DAE e PROGETTI PAD Enrico Baldi Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore Uso dei DAE I DAE sono sicuri ed efficaci quando usati da laici con minima formazione o senza formazione Yeung et al., Resuscitation 2011:

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA RCP MECCANICA MEDIANTE AUTOPULSE : 4 ANNI DI ESPERIENZA RAIMONDI MAURIZIO AREU L b di AAT 118 PAVIA AREU Lombardia, AAT 118 PAVIA, I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA ILCOR 2005 GRANDE ENFASI

Dettagli

Constatazioni di decesso RCP

Constatazioni di decesso RCP Consueto appuntamento con i dati delle RCP dell anno appena passato, il 2012. I dati riguardano l attività delle auto mediche di Bologna che servono il territorio del comune di Bologna e dei comuni limitrofi.

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118

ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118 4 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETA ITALIANA SISTEMA 118 BARI 14-16 16 DICEMBRE 2006 ARRESTO CARDIACO PREOSPEDALIERO: ESPERIENZE A CONFRONTO. REGISTRO NAZIONALE SIS118 A.Furgani, G.Pallini, S.Pappagallo, S.Ruffoni

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 ALLEGATO 1 di cui alla Determinazione n. 867 del 31/08/2006 PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 Il Corso di Formazione è indirizzato al personale sanitario che risulterà

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO FISIOPATOLOGIA DELL ANNEGAMENTO La membrana cellulare e l osmosi Tutti gli organismi viventi sono composti da cellule. La cellula è la più piccola unità dell

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO E CONTENUTI GENERALI

PRESENTAZIONE DEL CORSO E CONTENUTI GENERALI Titolo del Master Titolo (traduzione in lingua inglese) Livello Durata Scienze dell'area Critica Critical Care Sciences I livello Annuale Crediti 93 Settori scientifici disciplinari coinvolti - Anestesiologia

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

EMCOOLS Flex.Pad TM FAST. EFFECTIVE. SAFE.

EMCOOLS Flex.Pad TM FAST. EFFECTIVE. SAFE. EMCOOLS Flex.Pad TM FAST. EFFECTIVE. SAFE. 2 EMCOOLS IPOTERMIA TERAPEUTICA La riduzione della temperatura corporea interna del paziente, nota come ipotermia terapeutica, aumenta le probabilità di sopravvivenza

Dettagli

LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983

<Emilia Filicetti> LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983 INFORMAZIONI PERSONALI Nome FILICETTI EMILIA CF FLC MLE 57B55I896I Indirizzo Via Roma 191/D, 87058 Spezzano Sila- Cosenza Telefono 0984 435940 340 6884568 e-mail emiliafilicetti@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 051683248 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melloni Monica Data di nascita 19/12/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI FERRARA Staff - Pronto Soccorso 0516838248

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM PIANO DIDDATICO DEL MASTER IN CHIRURGIA TROPICALE E DELLE EMERGENZE UMANITARIE. A.A. 00-0 Denominazione Moduli Denominazione insegnamenti ORE di didattica frontale per insegnamento CFU tot. Per modulo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118

UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118 UNITÀ OPERATIVA RIANIMAZIONE ED EMERGENZA TERRITORIALE 118 Dipartimento Emergenza 1/7 Attività Presso il reparto dell unità operativa sono assistiti utenti affetti da patologie acute o traumatiche o di

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path Eventi Cardiologici: Allerta, Approccio, Inquadramento Clinico del 118 Guido F. Villa Direzione Sanitaria AREU AREU e le RETI di Emergenza

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A Obj100 R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per la promozione della salute delle persone e delle pari opportunità Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione PROGETTO DEEP IMPACT

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIOCIRCOLATORIA/RESPIRATORIA ACUTA SCOMPENSATA E RESUSCITAZIONE Gruppo Interdisciplinare di Terapia avanzata

INSUFFICIENZA CARDIOCIRCOLATORIA/RESPIRATORIA ACUTA SCOMPENSATA E RESUSCITAZIONE Gruppo Interdisciplinare di Terapia avanzata INSUFFICIENZA CARDIOCIRCOLATORIA/RESPIRATORIA ACUTA SCOMPENSATA E RESUSCITAZIONE Gruppo Interdisciplinare di Terapia avanzata Pavia Resuscitation Program [PRP] Promotore del progetto I.R.C.C.S Policlinico

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O CARMELLO,ROSA. rosa.carmello@sanita.padova.it

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F O R M A T O E U R O P E O CARMELLO,ROSA. rosa.carmello@sanita.padova.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail CARMELLO,ROSA rosa.carmello@sanita.padova.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici

La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza Monza, 9 marzo 2011 La valutazione clinica per la certificazione dei dispositivi medici Dott. Ing. Luca Radice Presidente commissione Bioingegneria Ordine Ingegneri

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE

OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE [12] METADONE A DOSI SCALARI PER LA DISINTOSSICAZIONE DA OPPIACEI Amato L, Davoli M, Ferri M, Ali R. Data della prima pubblicazione CLIB 1, 2002; Ultimo

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

POTENZIALI APPLICAZIONI DELL IPOTERMIA TERAPEUTICA

POTENZIALI APPLICAZIONI DELL IPOTERMIA TERAPEUTICA POTENZIALI APPLICAZIONI DELL IPOTERMIA TERAPEUTICA Autrice Dott.ssa Michela Garbagnoli Le potenziali applicazioni cliniche dell ipotermia controllata hanno come comune denominatore la neuroprotezione e

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini CORSO di BLS D : Rianimazione cardio polmonare e uso del defibrillatore semi automatico / con rilascio di certificazione numerata del 118 e Regione Veneto. Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo

Dettagli

L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI

L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale del Friuli-Venezia Giulia L EMERGENZA IN MARE ASPETTI ORGANIZZATIVI E SANITARI Trieste, 23 giugno 2007 L EMERGENZA PEDIATRICA IN MARE dr. Sergio Renier Pronto Soccorso

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

si stima che l incidenza

si stima che l incidenza 19 Gestione infermieristica dell ipotermia terapeutica dopo arresto cardiaco: revisione della letteratura Nursing management of therapeutic hypothermia after cardiac arrest: literature revision. Marilisa

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BANDUCCI RICCARDO QUALIFICHE PROFESSIONALI Medico Chirurgo. Iscritto all Albo dei Medici Chirurghi della

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale Unità operativa: Neurochirurgia Clinica Tipologia di attività svolta: Le più importanti attività neurochirurgiche sono svolte da 3 squadre estremamente dedicate. Brevemente, 1. Neuro oncologia, tra cui

Dettagli

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE

L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ESEMPIO DELLA VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE VALVOLA CARDIACA TRANSCATETERE L ASSESSMENT Caratteristiche del dispositivo medico: le protesi valvolari aortiche trascatetere in commercio presentano alcune

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

Interventi. Definizioni. Formazione e Auto Aiuto. Malattia Cardiaca Coronarica. Indice di Massa Corporea. Ambulatori gestiti dall Infermiere

Interventi. Definizioni. Formazione e Auto Aiuto. Malattia Cardiaca Coronarica. Indice di Massa Corporea. Ambulatori gestiti dall Infermiere Traduzione a cura Coordinatore infermieristico Laura Bellini Azienda ospedaliera Bolognini Seriate( Bg) Collaboratrice centro EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna

Dettagli