BIBLIOGRAFIA SU STRESS E COPING, SLC, STRESS E GENERE, STRUMENTI E METODI di VALUTAZIONE, BENESSERE ORGANIZZATIVO STRESS E COPING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIBLIOGRAFIA SU STRESS E COPING, SLC, STRESS E GENERE, STRUMENTI E METODI di VALUTAZIONE, BENESSERE ORGANIZZATIVO STRESS E COPING"

Transcript

1 BIBLIOGRAFIA SU STRESS E COPING, SLC, STRESS E GENERE, STRUMENTI E METODI di VALUTAZIONE, BENESSERE ORGANIZZATIVO A cura del gruppo Psicologia del lavoro e delle Organizzazioni dell Ordine degli Psicologi della Toscana referente Daniela Campitelli STRESS E COPING Anderson, C.R.(1977). Locus of control, coping behaviors and performance in a stress setting: a longitudinal study. Journal of Applied Psychology, 62, Antonovsky, A. (1979), Health, Stress and Coping. San Francisco: Jossey- Bass. Argyle, M.(1992), The Social Psychology of Everyday Life, Routledge, London (trad.it. Psicologia sociale della vita quotidiana, Zanichelli Editore, Bologna, 1996). BANDURA, A., IANES, D. (a cura di), (1996). Il senso di autoefficacia: aspettative su di sé e azione. Erickson, Trento. Cassidy, T.(1999), Stress, Cognition and Health, Routledge, London (trad.it.stress e salute, Il Mulino, Bologna, 2002). 1

2 Clarke A. & Innes J.M. (1983). Sensation-seeking motivation and socialsupport moderators of the life stress/illness relationship: some contradictory and confirmatory evidence. Personality and Individual Differences,(5)4, Cox, T. (1978). Stress. London: Macmillan. Cox, T. (1989). Stress, coping and physical health. In Broome, A., Llewelyn, S.P. (a cura di), Health Psychology: Process and Application. De Brabander,B., Hellemans,J., Boone,C. & Gerits,P.(1996). Locus of control, sensation seeking, and stress. Psychological Reports,79, Fleming, R.,Baum, A.,& Singer, J.E. (1984).Toward an Integrative Approach to the Study of Stress. Journal of Personality and Social Psychology, 4(46), Folkman, S.(1984). Personal Control and Stress and Coping Processes: A theoretical Analysis. Journal of Personality and Social Psychology,4(46) Jerusalem, M.,& Mittag, W.(1995). L autoefficacia nelle transazioni esistenziali Stressanti. In A.Bandura(a cura di) Il senso di autoefficacia: aspettative su di sé e azione (pp ). Trento: Erickson. Lazarus, R.S. (1966). Psychological Stress and the Coping Process. New York: McGraw Hill. Lazarus, R.S. (1991). Emotion and Adaptation. London: Oxford University Press. 2

3 Lazarus, R.S. (1999). Stress and Emotion: A new Synthesis. New York: Springer. Lazarus, R.S., Folkman, S. (1984). Stress, Appraisal, and Coping. New York: Springer. Mason,J.W.(1975). A Historical view of the stress field. Journal of Human Stress.(2)1, McCrae, R.R.(1984). Situational determinants of coping responses: loss, threat, and challenge. Journal of Personality and Social Psychology,(4)46, Pancheri, P. (1993). Stress, emozioni, malattia. Introduzione alla medicina psicosomatica (5 ed.). Milano: Edizioni Scientifiche e Tecniche Mondadori. Parkes, K.R. (1984). Locus of control, cognitive appraisal, and coping in stressful episodes. Journal of Personality and Social Psychology, (3)46, Pruneti, C.A.(1996). Stress, disturbi dell integrazione mente-corpo e loro Valutazione (seconda edizione). Pisa: Edizioni Ets. Roberti, J.W.(2003). Biological responses to stressors and the role of personality. Life Sciences,(20) 73, Selye, M.(1936). A syndrome produces by diverse nocuous agents. Nature,138, Selye, H. (1956). The Stress of Life. New York: McGraw-Hill. 3

4 STRESS OCCUPAZIONALE Beaton,R.D. & Murphy, S.A.(1993). Sources of occupational stress among firefighters and paramedics and correlations with job-related outcomes. Prehospital and Emergency Medicine,8, Botha, C.,& Pienaar,J.(2006). South African correctional official occupational stress: The role of psychological strengths. Journal of Criminal Justice, (1)34, Briner, R. B., & Rick J. How different are psychosocial and physical azard? Implications for psychosocial risk assessment at work. Paper presented at the Occupational Psychology Conference of the British Psychological Society Brown, J., Mulhern,G., & Joseph, S.(2002). Incident-Related Stressors, locus of control, coping, and psychological distress among firefighters in Northen Ireland. Journal of Traumatic Stress,(2) 15, Buunk, B.P.,De Jonge, J., Ybema, J.F., De Wolfe, C.J. (1998), Psychosocial aspects of occupational stress. In Drenth, P.J., Thierry, H., De Wolff, C.J. (a cura di), New Handbook of Work and Organizational Psychology, vol.2: Work Psychology. Taylor and Francis, London, pp Cooper, C.L. (1981). Work Stress. In Warr, P.B. (a cura di), Psychology at Work.. Harmondsworth (UK): Penguin Cooper, C.L. (1998). Theories of Organizational Stress. Oxford (UK): Oxford University Press. 4

5 Cooper, C.L. & Marshall, J.(1976). Occupational sources of stress: a review of the literature relating to coronary heart disease and mental ill health. Journalof Occupational Psychology, 49, Cooper, C.L., Marshall, J. (1978), Undestanding Executive Stress. London: Macmillan.. Cox, T., Griffiths, A. (1995). The nature and measurement of work stress: Theory and practice. In Wilson, J., Corlett, N. (a cura di), The Evaluation of Human Work: A Practical Ergonomics Methodology (pp ). London: Taylor and Francis. Cooper, C.L. (1998). Theories of Organizational Stress. Oxford (UK): Oxford University Press. Cox, T., Griffiths, A., Randall, R. (2003). A risk management approach to the prevention of work stress. In Schabracq, M.J., Winnubst, J.A.M., Cooper, C.L. (a cura di), Handbook of Work and Health Psychology, 2 ed, Chichester (UK): John Wiley and Sonspp Cox, T., Griffiths, A., Rial-Gonzalez, E. (2000), Research on Work-Related Stress. European Agency for Safety and Health at Work, Luxembourg. Cox, T., & Mackay, C. (1976). A Psychological model of Occupational Stress. London: relazione presentata al Medical Research Council. Cox, T., Mackay, C. (1981). A transational approach to occupational stress. In Corlett, E. N., Richardson, J. (a cura di), Stress, Work-Design and Productivity. John Wiley and Sons, Chichester (UK), pp

6 D'Orsi, F., & Ballottin, A. (2011). Stress lavoro-correlato dalla valutazione del rischio agli interventi correttivi. Roma: EPC Editore. De Falco, G., Messineo, A., Vescuso, S. (2008). Stress da lavoro e mobbing. Valutazione del rischio, diagnosi, prevenzione e tutela legale. Roma: EPC Libri. Favretto,G.(1994). Lo stress nelle organizzazioni. Bologna:Il Mulino. Fraccaroli, F., Balducci C. (2011). Stress e rischi psicosociali nelle organizzazioni. Bologna, Il Mulino. Frascheri, C. (2011). Il rischio da stress lavoro-correlato. Roma: Edizioni Lavoro. Giovannone, M. (2011). Lo stress lavoro correlato in Europa: tecniche di valutazione e approccio regolatorio in chiave comparata. Diritto delle relazioni industriali, 21 (2), Glazer,S.,Stetz, T.A.,& Izso, L.(2004). Effect of personality on subjective job stress: a cultural analysis. Personality and Individual Differences, (3) 37, Gray, P. (2000). Mental Health in the Workplace: Tackling the Effects of Stress. Mental Health Foundation, London. Guercio A., Gestione del rischio da stress lavoro correlato: aspetti organizzativi Quaderni della sicurezza AIFOS. N.2 Anno II Trimestre Aprile Giugno 2011, pag Gutek, B.A., Repetti, R., Silver, D. (1988). Non work roles and stress at work. In Cooper, C.L., Payne, R. (a cura di), Causes, Coping, and 6

7 Consequences of Stress at Work. John Wiley and Sons, New York, pp Hancock, P.A., Desmond, P.A. (2001). Stress, Workload and Fatigue. Mahwah (NJ): Lawrence Erlbaum Associates, Herzberg F, Work and the nature of man. World Pub, New York (1966). Iavicoli, S., Natali, E., Ghelli, E., Cafiero, V., Mirabile, M., Persechino, B. (2009). Esperienze europee in tema di rischi psicosociali. In Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia, 31, 3, pp Karasek, R. A., Theorell, T., Schwartz, J E., Schnall, P. L., Pieper, C. F.,& Michela, J.L.(1988). Job characteristics in relation to the prevalence of myocardial infarction in the US Health Examination Survey(HES) and the Health and Nutrition Examination Survey (HANES). American Journal of Public Health,(8) 78, Karasek, R., Theorell, T. (1990). Healthy Work: Stress, Productivity and the Reconstruction of Working Life. New York: Basic Books. Kompier, M.A.J., Kristensen, T.S. (2000). Organizational work stress interventions in a theoretical, methodological and practical context. In Dunham, J. (a cura di), Stress in Occupations: Past, Present and Future. Whurr, London. Leiter, M.P. (2008). A two process model of burnout and work engagement: Distinct implications of demands and values. In Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia, 30, A, pp

8 Leiter, M.P., Maslach, C. (1999). Six areas of worklife: A structured approach to organizational predictors of job burnout. In Journal of Health and Human Services Administration, 21, pp Leiter, M.P., Maslach, C. (2004). Areas of worklife: A structured approach to organizational predictors of job burnout. In Perrewè, P., Ganster, D.C. (a cura di), Research in Occupational Stress and Well-Being. Elsevier, Oxford (UK), pp Levi, L. (1992). "Work stress". Eur Bul Environ Health, 1, 9. Lindblom, K.M., Linton, S.J., Fedeli, C., Bryngelsson, I. (2006). Burnout in the working population: Relations psychosocial work factors. In International Journal of Behavioral Medicine, 13, pp Lu, C., Siu, O., Cooper C.L.(2005).Managers occupational stress in China: the role of self-efficacy. Personality and Individual Differences, (3)38, Ludovico, G. (2011). Lo stress lavoro correlato tra tutela prevenzionistica, risarcitoria e previdenziale. Rivista del diritto della sicurezza sociale, 11 (2), Magnani, M., Majer, V. (2011) (a cura di), Rischio stress lavoro-correlato. Milano: Raffello Cortina. Masciocchi, P. (2010). Stress lavoro-correlato. Milano: Gruppo24ore. Maslach, C. (1982), La sindrome del burnout, il prezzo dell aiuto agli altri. Tr.it. Cittadella Editrice, Assisi

9 Maslach, C. (1993). Burnout: A multidimensional perspective. In Schaufeli, W. B., Maslach, C., Marek, T. (a cura di), Professional Burnout: Recent Developments in Theory and Research. Taylor and Francis, Washington DC, pp Maslach, C., Jackson, S.E. (1981). The measurement of experienced burnout. In Journal of Occupational Behavior, 2, pp Maslach, C., Leiter, M.P. (2000), Burnout e organizzazione. Modificare i fattori strutturali della demotivazione al lavoro. Tr. It. Erickson, Trento. McGrath, J. (1976). Stress and Organizational Psychology. In M. Dunnette, Handbook of Industrial and Organizational Psychology. Chicago: Rand-McNallyCollegePublishingCo. Moran, C.C.(1998).Stress and emergency work experience: a non-linear relationschip. Disaster Prevention and Management.(1)7, Murphy, L.R. (1988). Workplace interventions for stress reduction and prevention. In Cooper, C.L., Payne, R. (a cura di), Causes, Coping and Consequences of stress at work. John Wiley and Sons, Chichester (UK). Murphy, S. A., Bond, G. E., Beaton R. D., Murphy, J. & Johnson,L.C.(2002). Lifestyle practices and occupational stressors as predictors of health outcomes in urban firefighters. International Journal of Stress Management,(9) 4, Naviglio F., La conoscenza dello stress lavoro-correlato: Una strada verso l azienda No-stress. Quaderni della sicurezza AIFOS. N.2- Anno II Trimestre Aprile-Giugno 2011, pg

10 Nioosh (1999), Stress at Work, US National Institute for Occupational Safety and Health, Publication Number Oginska-Bulik,N.(2005).The role of personal and social resources in preventing adverse health outcomes in employees of uniformed professions. International Journal of Occupational Medicine and EnvironmentalHealth,(3)18, Palmi, S., Petyx, M., Deitinger, P., D Amelio, B., Iavicoli, S. (2003). Stress burnout. Come riconoscere i sintomi e prevenire il rischio. Guida per gli operatori sanitari. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro, Roma. Pappone, P., Citro, A., Natullo, O., Del Castello, E. (2005). Patologia psichica da stress, mobbing e costruttività organizzativa. La tutela dell INAIL. Roma: Tipolitografia INAIL. Pollan Eisen, K., Allen, G.J., Bollash, M., Pescatello, L.S. (2008). Stress management in the workplace: A comparison of a computer- based and an in-person stress-management intervention. In Computers in Human Behavior, 24, pp Richardson, K.M., Rothstein, H.R. (2008). Effects of occupational stress management intervention programs: A meta-analysis. In Journal of Occupational Health Psychology, 13, 1, pp Rossati, A., Magro, G. (1999). Stress e burnout. Roma, Carocci. 10

11 GENERE E STRESS Agenzia europea per la sicurezza e la salute e sul lavoro, Inserire le problematiche legate al genere nella valutazione dei rischi, FACTS - n. 43. Conti, P. (2009)(a cura di), Genere e stress lavoro-correlato: due opportunità per il Testo Unico. Verso l elaborazione di linee guida. Milano: Tipolitografia Inail. Cozza, M., Gennai F.(2009). Il Genere nelle Organizzazioni. Roma: Le Bussole, Carocci. Gelli, B., (2010). Psicologia della differenza di genere. Soggettività femminili tra vecchi pregiudizi e nuova cultura. Milano: FrancoAngeli. Ministero della Salute (2008). Lo stato di salute delle donne in Italia Primo Rapporto sui lavori della Commissione Salute delle Donne, Roma. Ninci, A., Conti, P. (2011) (a cura di), Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere. Disegno di linee Guida e primi strumenti operativi. Quaderno della Rivista degli Infortuni e delle Malattie Professionali (1). Milano:Tipolitografia INAIL. Reale E., Carbone U., Il genere nel lavoro. Valutare e prevenire i rischi lavorativi della donna, Franco Angeli, Milano Veronico, L., (2008). Banca dati al femminile. Retrieved from 11

12 STRUMENTI E METODI Di VALUTAZIONE Banks,M.H., Clegg, C.W., Jackson,P.R., Kemp, N.J., Stafford, E.M.,& Wall,T.D.(1980). The use of the General Health Questionnaire as an indicator of mental health in occupational studies. Journal of Occupational Psychology,53, Bellantuono,C., Fiorio,R., Zanotelli,R., & Tansella,M.(1987). Psychiatric screening in general practice in Italy: A validity study of the GHQ. Social Psychiatry, 22, Claes,R.,& Fraccaroli,F.(2002).Il General Health Questionnaire (GHQ-12): invarianza fattoriale in diverse versioni linguistiche. Bollettino di Psicologia Applicata,237, Conti, P., Ninci, A. (2011) (a cura di), Disegno linee guida e primi strumenti operativi. Quaderno tematico della "Rivista degli Infortuni e delle Malattie Professionali". Milano: Tipolitografia Inail. Conway, P.M. (2009). Gli strumenti per la valutazione soggettiva dello stress lavoro-correlato. Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia, 31, 2, pp Cooper, C.L., Sloan,S.J.,& Williams,S.(1988) OSI.Occupational Stress Indicator Management Guide. Nfer-Nelson, Windsor, Uk. In S.Sirigatti & C.Stefanile (a cura di), Organizzazioni speciali, Firenze,

13 D Amato, A., Majer, V. (2005). M_DOQ10 Majer D Amato Organizational Questionnaire. Manuale. Firenze: Giunti Organizzazioni Speciali Falco, A., Dal Corso, L., Sarto F., Vianello, L., Girardi, D., Marcuzzo, G., Magosso, D., De Carlo, N.A., Bartolucci, G.B. (2010). Il ruolo degli indicatori oggettivi ed intersoggettivi nella valutazione del rischio stress lavoro-correlato: il Metodo di Valutazione per Indicatori di Stress. In Italian Journal of Occupational and Environmental Hygiene, 1, 3, pp Falco, A., Dal Corso, L., Sarto, F., Vianello, L., Girardi, D., Marcuzzo, G., Magosso, D., De Carlo, N.A., Bartolucci, G.B. (2010). L integrazione di misure oggettive e soggettive per la valutazione del rischio stress lavorocorrelato: il metodo VIS. In Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia, 32, 4, pp Fraccaroli,F.,Depolo,M.,& Sarchielli,G.(1991). L uso del General Health Questionnaire di Goldberg in una ricerca su giovani disoccupati. Bollettino di Psicologia Applicata,197, Fraccaroli,F.,& Schadee,H.M.(1993).L analisi fattoriale confermativa applicata al General Health Questionnaire.Una comparazione della versione inglese e italiana. Giornale Italiano di Psicologia,2, Griffiths, A., Cox, T., Karanika, M., Khan, S., & Tomàs, J. M. (2006). Work design and management in the manufacturing sector: development and validation of the Work Organisation Assessment Questionnaire. Occup Environ Med, Hacker, W. (1991). Objective work environment: analysis and evaluation of objective work. A Heltheir Work Environment: Basic Concept & Methods of Measurement. Stockholm. 13

14 Hacker, W., Iwanova, A., & Richter, P. (1983). Tatigkeitsbewertungssystem (TBS-L). Gottinga: Hogrefe. INAIL. (2011). Valutazione e gestione del rischio da stress lavorocorrelato. Milano: INAIL. Karasek, R. (1985). Job Content Questionnaire and Users Guide. University of Southern California, Department of Industrial and Systems Engineering, Los Angeles. Magnani, M., Mancini, G.A., Majer, V. (2009a). Sicurezza e stress lavorocorrelato: Sviluppo di un indice di rischio per l adempimento di quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008. In Risorsa Uomo: Rivista di Psicologia del Lavoro e dell Organizzazione, 15, 1, pp Magnani, M., Mancini, G.A., Majer, V. (2009b). OPRA Organizational and Psychosocial Risk Assessment. Manuale. Firenze:Giunti Organizzazioni Speciali. Magnavita, N. (2008). Strumenti per la valutazione dei rischi psicosociali sul lavoro. G Ital Med Lav Erg, A87-A97. Magnavita, N., Mammi, F., Roccia, K., & Vincenti, F. (2007). WOA: un questionario per la valutazione dell'organizzazione del lavoro, traduzione e validazione della versione italiana. G Ital Med Lav Ergon (29), Maslach, C., Jackson, S.E. (1986). MBI: Maslach Burnout Inventory, 2 ed. Palo Alto (CA:.Consulting Psychologists Press) Odoardi,C.,& Giannini,M.(2000). L Occupational Stress Indicator(OSI): uno strumento per rilevare lo stress nelle organizzazioni. Bollettino di Psicologia Applicata,232,

15 Panari, C., Tabanelli, M.C., Guglielmi, D., Violante, F.S. (2009). La valutazione dei fattori che incidono sullo stress lavoro-correlato: l accordo fra osservatori di uno strumento osservativo. In Risorsa Uomo: Rivista di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, 15, 4, pp Pasquarella, V. (2012). La valutazione del rischio da stress lavorocorrelato tra fonti europee ed eterogenee fonti nazionali: limiti e criticità. I Working Papers di Olympus, 6, Rick, J., Briner, R.B. (2000). Psychosocial risk assessment: Problems and prospect. In Occupational Medicine, 50, 5, pp Sirigatti, S., Stefanile, C. (1993) (a cura di), The Maslach Burnout Inventory. Adattamento e taratura per L Italia. Firenze: Giunti Organizzazioni Speciali. Wynne-Jones, G., Varnava, A., Buck, R., Karanika-Murray, M., Griffiths, A., Phillips, C., et al. (2009). Examination of the Work Organization Assessment Questionnaire in Public Sector Workers. J Occup Environ Med (51),

16 BENESSERE ORGANIZZATIVO Andreoni, P.E., Marocci, G. (1997) (a cura di), Sicurezza e benessere nel lavoro. Roma, Edizioni Psicologia Avallone, F., Paplomatas, A. (2005), Salute organizzativa. Psicologia del benessere nei contesti lavorativi. Milano, Raffaello Cortina. Beas, M.I. & Salanova, M.(2006). Self-efficacy beliefs, computer training and psychological well-being among information and communication technology workers. Computer in Human Behavior,(6)22, Bisio, C. (2009), Psicologia per la sicurezza sul lavoro. Rischio, benessere e ricerca del significato. Firenze: Giunti Organizzazioni Speciali. Borgogni, L., Petitta,L., & Steca,P.(2001). Efficacia personale e collettiva nei contesti organizzativi. In G.V.Caprara (Ed.), La valutazione dell autoefficacia:costrutti e strumenti ( ).Trento:Erickson Caprara,G.C,& Gerbino, M (2001). Autoefficacia emotiva: la capacità di regolare l affettività negativa e di esprimere quella positiva. In G.V.Caprara (Ed.), La valutazione dell autoefficacia: costrutti e strumenti (pp ). Trento: Erickson. Caprara, G.C.,Barbanelli, C., Steca, P.& Malone, P.S.(2006).Teachers self- Efficacy beliefs as determinants of job satisfaction and students academic achievement: A study at the school level. Journal of School Psychology, (6)

17 Cox, T., Griffiths, A. (1996). Assessment of psychosocial hazards at work. In Schabracq, M.J., Winnubst, J.A.M., Cooper, C.L. (a cura di), Handbook of Work and Health Psychology. Chichester (UK): John Wiley and Sons. Favretto, G. (2005) (a cura di). Le forme del mobbing:cause e conseguenze di dinamiche organizzative disfunzionali. Milano: Raffaello Cortina. Giorgi, G., Majer, V. (2008). Mobbing: virus organizzativo. Modelli teorici e prassi operative per riconoscere, prevenire e contrastare il mobbing ed i comportamenti negativi sul lavoro. Firenze: Giunti Organizzazioni Speciali. Giossi, L., Sada, A., Crescentini, A., e Giani, M. (2003). Verso una dimensione interna della percezione della sicurezza. Risorsa Uomo, 9 (1), Grebner, S.N., Semmer, N.K., Elfering, A. (2005). Working conditions and three types of well-being: A longitudinal study with self-report and rating data. In Journal of Occupational and Health Psychology, 10, pp Judge,T.A.,& Bono,J.E.(2001). Relationship of core self-evaluationstraitsself- Esteem, generalized self-efficacy, locus of control, and emotional stability-with job satisfaction and job performance: a meta-analysis. Journal of Applied Psychology, (1)86, Karasek,R.A.(1989).The political implications of psychological work redesign: A model of the psychosocial class structure. International Journal of Health Service,(3)19, Kets De Vries, M. (1999), L organizzazione irrazionale. Tr. It. Raffaello Cortina, Milano

18 Kreitner, R., Kinicki, A. (2004), Comportamento Organizzativo. Tr.it. Apogeo, Milano Majer, V., Marcato, A., D Amato, A. (2002). La dimensione psicosociale del clima organizzativo. Milano: Franco Angeli. Marocci, G.(1996). Abitare l organizzazione. Roma : Edizioni Psicologia. Montuschi, L. (1997). Ambiente, salute, sicurezza. Torino: Giappichelli. Pascucci, P. (2011). La nuova disciplina della sicurezza sul lavoro del 2008/2009: una rapsodia su novità e conferme. I Working Papers di Olympus, 1, Prestipino, T. (2005). La sicurezza sul lavoro oggi: nuove prospettive. In SIFORP, EU-TROPIA (a cura di), Qualità della vita e sicurezza nei luoghi di lavoro. Strategie, ruoli, professionalità e interventi. Franco Angeli, Milano, pp Spaltro, E. (1974). Sicurezza e organizzazione del lavoro. Milano: Celuc. Spaltro E.(1990). Complessità, introduzione alla psicologia delle organizzazioni complesse. Bologna: Patron Spano, M., Montagna, S., e Argentero, P. (2008). Ambiente e sicurezza sul lavoro. In P. Argentero, C.G. Cortese, e C. Piccardo (a cura di), Psicologia del lavoro (pp ). Milano: Raffaello Cortina Editore. Van Den Berg,P.Th.,& Feij, J.A.(1993).Personality traits and job characteristics as predictors of job experiences.european Journal of Personality,7,

19 Van Vianen, A.E.M. Feji, J.A. Krausz,M.,& Taris,R.(2003). Personality traits and Job characteristics as predictors of job experiences. European Journal of Selection and Assessment,11, Zapf, D., Knorz, C., Kulla, M. (1996). On the relationship between mobbing factors, and job content, social work and health outcomes. In The European Work and Organizational Psychologist, 5, 2, pp

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari

Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari Erik de Haan, Silvana Dini Il più grande progetto mai realizzato sui risultati del coaching: risultati preliminari In questo articolo gli autori presentano quello che ritengono il più grande studio quantitativo

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Ricerca sullo. Stress correlato al Lavoro. Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro

Ricerca sullo. Stress correlato al Lavoro. Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro Al fine di migliorare la protezione della salute e sicurezza dei lavoratori, soprattutto nell'ambiente di lavoro, come previsto dal trattato e dai

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie

Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie 38 Attrezzature di lavoro, strumenti e addetti alle pulizie Gli addetti alle pulizie lavorano in tutti i settori di attività e luoghi di lavoro, dagli alberghi agli ospedali, dalle fabbriche alle aziende

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Prof. Giovanni Capelli Cattedra di Igiene Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Università di Cassino Salute e Qualità

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Coordinatore: Emanuela Fattorini - Dipartimento Medicina del Lavoro Antonia Ballottin, Adriano Barassi,

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Cognitivismo clinico (2010) 7, 2, 124-141 COMPONENT PROCESS MODEL: UNA TEORIA DINAMICA DELL EMOZIONE Romy Greco Dottore di Ricerca, Esperta Psicologia Giuridica, specializzanda APC Riassunto Partendo da

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

In questi ultimi due decenni lo studio psicologico della motivazione ad apprendere. e senso comune Pietro Boscolo*

In questi ultimi due decenni lo studio psicologico della motivazione ad apprendere. e senso comune Pietro Boscolo* Tre La motivazione paradigmi ad di apprendere scrittura tra Alberto ricerca Oliverio psicologica e senso comune Pietro Boscolo* Considerare il problema motivazionale unicamente in termini di demotivazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

3. Gestione dell età sui luoghi di lavoro

3. Gestione dell età sui luoghi di lavoro Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Promuovere l invecchiamento attivo sul luogo di lavoro Prof. Juhani Ilmarinen, JIC Ltd, Centro di ricerca gerontologica dell Università di Jyväskylä,

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI Prof.ssa Sabina Nuti 9 9.1 I principi di riferimento del processo di valutazione - 9.2 Il ciclo della gestione - 9.3 La definizione

Dettagli

VERSO UNA SCUOLA CHE PROMUOVE SALUTE: linee guida per la promozione della salute nelle scuole.

VERSO UNA SCUOLA CHE PROMUOVE SALUTE: linee guida per la promozione della salute nelle scuole. VERSO UNA SCUOLA CHE PROMUOVE SALUTE: linee guida per la promozione della salute nelle scuole. 2 versione del documento Protocolli e linee guida per le scuole che promuovono salute Traduzione italiana

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Andrea Delogu. Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni

Andrea Delogu. Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni 160 Andrea Delogu Beni pubblici, beni privati e privatizzazioni Sommario: I - Le origini della teoria dei beni pubblici. II - Sistemi di distribuzione alternativi dei beni pubblici. III - Considerazioni

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile

email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile email: vito.introna@uniroma2.it telefono: +39.0672597179 luogo: Dip. di Ing. Mecc., st. 2102/13 Sito internet personale: non disponibile Orario di ricevimento studenti: su appuntamento via mail * foto

Dettagli

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo

I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche. di Laura Colombo I sistemi di valutazione delle pubblicazioni scientifiche di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: marzo 2011 Sommario L analisi bibliometrica Indicatori bibliometrici o Impact Factor o Immediacy Index o

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Capitolo III Un nuovo approccio alla relazione d aiuto: la psicopatologia dello sviluppo

Capitolo III Un nuovo approccio alla relazione d aiuto: la psicopatologia dello sviluppo Capitolo III Un nuovo approccio alla relazione d aiuto: la psicopatologia dello sviluppo Barbara Forresi I tradizionali orientamenti della psicopatologia hanno sostenuto a lungo una concezione del disturbo

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli