Daniele Corletto La denuncia di inizio di attività edilizia: un caso di silenzio assenso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Daniele Corletto La denuncia di inizio di attività edilizia: un caso di silenzio assenso"

Transcript

1 Daniele Corletto La denuncia di inizio di attività edilizia: un caso di silenzio assenso in La disciplina amministrativa e penale degli interventi edilizi (a cura di D. de Pretis e A. Melchionda), Trento, 2003, pp Nel nuovo TU dell edilizia (come risulta dopo le modifiche portate con il d.lgs. n. 301 del 2002) il ricorso alla DIA è (quasi) sempre possibile, restandone fuori solo i casi in cui si tratti di chiedere il permesso di fare edificazioni non consentite dagli strumenti (permesso in deroga: art. 14 TU) o i casi in cui, trattandosi di una nuova costruzione o di una ristrutturazione urbanistica, i piani attuativi o quelli generali non rechino precise disposizioni plano-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive (art. 22,3 TU). Si può dire in sostanza che il permesso è rimpiazzabile con la DIA quando il suo rilascio è vincolato, cioè quando vi sono previsioni di piano a scala edilizia. Il ricorso alla DIA è, d altra parte, sempre facoltativo, nel senso che (art. 22, 7) l interessato può chiedere comunque il permesso di costruire (per le ipotesi del 1 e 2 comma dell art. 22, in linea di principio soggette a DIA; e a maggior ragione può chiederlo per quelle del comma 3, in linea di principio soggette a permesso). Resta da chiedersi se il regime di (quasi) piena sostituibilità, a scelta dell interessato, dei due strumenti, costituisca principio fondamentale ai sensi dell art. 117, 3 Cost.. Da un lato riesce difficile crederlo, perché poi, se così fosse, sarebbe da chiedersi che senso avrebbe la previsione del 4 comma dell art. 22, che consente alle regioni a statuto ordinario di ampliare o ridurre l ambito applicativo delle disposizioni di cui allo stesso art. 22, come pure di quella dell art. 10, 3, che prevede che le regioni possono individuare ulteriori interventi sottoposti (per l incidenza sul territorio e il carico urbanistico) a preventivo rilascio di permesso di costruire, dato che comunque resterebbe al privato la scelta se avvalersi o no della DIA piuttosto che chiedere il permesso, e viceversa. Un tale potere di

2 scelta libera del privato svuoterebbe cioè, almeno in gran parte, il senso del potere regionale di sottoporre certe categorie di interventi edilizi al permesso piuttosto che alla DIA. Dall altro però riesce difficile pensare che un punto così caratterizzante, e così carico di riflessi sulle aspettative e le percezioni (se non sulle situazioni giuridiche) dei cittadini, come l offerta ai proprietari di una piena alternativa, secondo i loro interessi e preferenze, fra la via tradizionale e quella semplificata, possa nascere come recessivo di fronte a scelte regionali diverse. Altro punto interessante è che la novella recata dal d.lgs. n. 301 del 2002 ha sterilizzato ai fini della sanzione penale le previsioni regionali che eventualmente spostino (art. 22,4) interventi sotto l ambito della DIA o fuori di esso. Così pure l art. 10, 3, ha previsto che la sottoposizione, da parte della legge regionale, al preventivo rilascio di permesso di costruire di (ulteriori) interventi incidenti sul territorio e sul carico urbanistico non comporti l applicazione delle sanzioni dell art. 44. L art. 44, 4, dice ferme le sanzioni penali : dunque anche se le regioni (le regioni ordinarie) ampliano o riducono l ambito di applicazione dell istituto del permesso di costruire, questo non influenza l aspetto penale. Sotto altri aspetti la questione risulta in parte sdrammatizzata da ciò, che la scelta della legislazione regionale di collegare certi tipi di interventi in via esclusiva ad uno piuttosto che all altro dei due istituti (permesso o DIA), così come (se pensiamo invece al permanere di una piena alternatività anche nella legislazione regionale) la scelta del cittadino di servirsi di una piuttosto che dell altra delle due strade a sua disposizione, risulterebbe neutra sotto il profilo dell onerosità (art. 22, 5), dato che la imposizione di un contributo è slegata dalla tipologia del titolo, collegandosi piuttosto alla sostanza dell intervento in questione, e al carico urbanistico che esso comporta. Sotto questi aspetti si potrebbe dire, riprendendo l osservazione di Travi (in Urbanistica e appalti 2003, 146) riferita alla disciplina sanzionatoria, che il regime delle varie fattispecie viene ancorato alla concreta consistenza dell intervento piuttosto che alla tipologia del titolo abilitativo. Comunque possiamo dire adesso che, almeno in una porzione significativa di casi, non c è un campo di interventi proprio della DIA e uno proprio del permesso, ma ci sono due

3 campi preferenzialmente o prioritariamente (ma a rigore non si può nemmeno dire così) attribuiti rispettivamente a DIA o a permesso, ma copribili però, per volontà del soggetto, anche con l altro dei due modi. Dunque possiamo mettere qui un primo punto fermo: abbiamo dei casi, assai significativi e che costituiscono quasi la regola, in cui DIA e provvedimento autorizzativi sono alternativi, equivalenti, intercambiabili Secondo una costruzione rigorosa e coerente degli istituti, la previsione di una DIA significa che l attività, il cui inizio è oggetto di denuncia, è liberalizzata, cioè che essa è direttamente legittimata dalla legge, ha il suo titolo nella legge o meglio nella disciplina urbanistica o nel piano (ovvero, come anche si usa dire in dottrina, che la situazione è caratterizzata da una scansione norma-fatto e non da una scansione norma-potere-fatto). Liberalizzata non vuol dire naturalmente non soggetta alle regole, alla legge o al rispetto del PRG, nè sottratta alla generale sorveglianza dell amministrazione: ma vuol dire attività esercitabile senza un previo titolo amministrativo che l autorizza. La legge liberalizza un attività quando non richiede più un provvedimento amministrativo quale titolo di legittimazione per quella attività. In questi casi non c è più un procedimento di autorizzazione, ad iniziativa privata, ma un procedimento di verifica specifica, ad iniziativa pubblica necessaria. L attività libera sarebbe invece quella, che pure ha titolo direttamente nella disciplina urbanistica, ma che è soggetta a verifica eventuale, al generico controllo che la PA esercita sul territorio. Al contrario la previsione di un potere, e di un corrispondente provvedimento dell amministrazione, significa la cosa opposta, che cioè l attività è soggetta ad uno specifico preventivo consenso dell amministrazione e quindi è proprio il contrario di liberalizzata. (Si potrebbe però osservare che nel momento in cui la soggezione al preventivo consenso dell amministrazione è disponibile per il privato, che può sottrarvisi a sua discrezione, si deve tornare a dire che l attività è liberalizzata: resta da chiedersi allora quale sia il senso della previsione di un potere e di un provvedimento in materia.)

4 Dal punto di vista dei concetti e della loro coerenza, c è qualcosa che non ci torna. Resta un senso di insoddisfazione, per la evidente violazione del principio di non contraddizione in cui incorre la scelta di rendere intercambiabili DIA e permesso. Il punto da criticare, sia chiaro, non è la DIA in sé, ma il non aver separato i campi di applicazione della DIA e del permesso, rendendoli invece reciprocamente sostituibili. Diverso sarebbe se si fosse ad es. fatta la scelta di liberalizzare tutti gli interventi privi di impatto urbanistico, mantenendo soggetti a provvedimento preventivo quelli che invece producono tale impatto Un primo modo di far fronte a questa ambiguità, alla difficoltà logica che ci si presenta, quando si vuole dare un senso alla previsione di un obbligo di previo provvedimento, obbligo però disponibile per chi vi è soggetto, nell impossibilità di pensare che una stessa attività sia contemporaneamente liberalizzata e non liberalizzata, è di mettere in ombra l idea stessa della liberalizzazione, della legittimazione diretta dell attività da parte della legge o delle previsioni di piano, dando rilievo invece a un titolo necessario per legittimare l attività, e di muoversi dunque nella logica della individuazione di un qualcosa che faccia da pendant al provvedimento permissivo, che rispecchi simmetricamente il permesso, e che ne prenda il posto. Insomma: una volta che si mettono su un piano di equivalenza e di alternativa la DIA e il permesso, si induce una logica di assimilazione sostanziale delle due ipotesi e quindi si può arrivare a concepire la DIA come titolo di legittimazione di una certa attività, equivalente al provvedimento o sostitutivo di esso. In questo senso del resto la recente legge Emilia Romagna n. 31 del 25 novembre 2002, di disciplina generale dell edilizia, considera la DIA titolo, e dice art. 6 - I titoli abilitativi sono la denuncia di inizio attività e il permesso di costruire. Entrambi sono trasferibili insieme all'immobile ai successori o aventi causa. ). Ma anche nel TU, all art. 23, 5, si parla di sussistenza del titolo, la quale è provata, come si sa, con la copia della denuncia da cui risulti la data ecc.; e ancora all art. 39, u.c., del TU si parla di annullamento della DIA.

5 Insomma, la convivenza parallela, la alternativa, fra DIA e provvedimento espresso fa sì che la DIA venga attratta nella logica del provvedimento, e che si ragioni della DIA come si ragionerebbe di un provvedimento autorizzatorio. Questo poi viene fuori anche nel campo sanzionatorio, in cui si assimila la assenza di permesso e la assenza di DIA (art. 44, 2 bis). Con una particolare e paradossale difficoltà nel caso di DIA seguita in assenza dei presupposti (sono poi veramente presupposti della DIA o non sono piuttosto i presupposti della possibilità dell intervento?) cioè la conformità dell intervento ai piani e alla disciplina urbanistica ed edilizia e la dettagliatezza di piani particolareggiati o di PRG. Nel qual caso potrebbe venir fatto di chiedersi se la DIA è inesistente o illegittima o se il giudice penale la può disapplicare. Mi pare invece che si debba dire che se l attività che si intraprende non è conforme alle previsioni urbanistiche-edilizia, se ne risponde direttamente, cioè si risponde dell attività, non dell assenza di DIA o della sua illegittimità. In assenza della DIA ci sarà la violazione di un dovere procedurale di avvertire l amministrazione, violazione che potrà essere sanzionata, ma che non ha riflessi sulla abusività o no dell intervento edilizio, il quale ha, o non ha, il suo titolo direttamente nella disciplina urbanistica. Quindi non pare che abbia senso chiedersi che ne è della DIA quando ne mancano i presupposti (conformità o dettagliatezza), se è nulla o se si disapplica o se si applica la sanzione per edificazione senza DIA, senza titolo. Il fatto che invece ce lo chiediamo, e che anche il TU dia rilievo sanzionatorio alla assenza di DIA equiparata dall art. 44, 2 bis, all assenza di permesso, vuol dire che ragioniamo di un titolo assimilabile al provvedimento, che legittima l intervento edilizio e a cui applichiamo le categorie che usiamo per i provvedimenti, vuol dire insomma che abbiamo perso di vista che si tratta di attività liberalizzata. Emerge poi talvolta l idea che la DIA sia una sorta di assenso tacito, che si forma quando l amministrazione nei trenta giorni successivi alla DIA non obbietta niente. La troviamo in certe prospettazioni (di cui è traccia ad es. in TAR Abruzzo 197 del 2003), in certe impostazioni processuali si impugna la DIA che presuppongono che la DIA sia trattata come un equivalente di provvedimento (anche se abbiamo in giurisprudenza affermazioni che sottolineano come la denuncia di inizio di attività non ha valore di provvedimento amministrativo, né lo acquista in virtù del decorso del termine previsto

6 per l'attività di riscontro della pubblica amministrazione : Cons. Stato, VI, n del 2002). Può darsi che alla fine una simile idea non sia del tutto priva di argomenti: ma ci tornerò quasi subito. In altri casi, anche se confusamente, la DIA, nella percezione che risulta dalla disciplina che la riguarda e dalla intercambiabilità con il provvedimento permissivo, diventa un permesso auto-gestito, un provvedimento di auto-amministrazione, come direbbe qualcuno, o almeno un outsourcing, un affidamento all esterno di attività amministrativa. La redazione e la responsabilità di un permesso, di un titolo all edificazione, è affidata al professionista che assevera (il quale, per l art. 29, 3, TU assume la qualità di persona esercente un servizio di pubblica necessità, il che significa che non diventa pubblico ufficiale ma resta privato), e l amministrazione su un tale titolo esercita solo un controllo, condizione di efficacia (mancato annullamento entro 30 giorni, come una volta il CORECO). E un piccolo procedimento parzialmente affidato a privati. E la DIA diventa nel sistema (o viene percepita come) un equivalente di atto amministrativo, o meglio un atto amministrativo-equivalente (tutto questo anche sotto la pressione del problema di dare tutela ai terzi, di dare possibilità ai terzi, che potrebbero impugnare la concessione o il permesso, di avere qualcosa da attaccare dinanzi al giudice amministrativo) Un altro modo, rovescio, di uscire dalla contraddizione logica in cui ci mette la equivalenza e intercambiabilità fra DIA e permesso è di pensare invece che cambi natura il permesso di costruire (o la DIA è provvedimento o non lo è il permesso). Se si deve dire, quando è prevista la DIA, che c è legittimazione diretta all attività edilizia in base alla legge e agli strumenti urbanistici, e che la DIA non è quindi un titolo di legittimazione di attività altrimenti non consentite, ma che, essendo l attività legittimata dalle previsioni urbanistiche, essa DIA non è altro che una sorta di autocertificazione del fatto che la progettata edificazione è direttamente consentita, autorizzata dal PRG, allora bisogna dire che anche il permesso (nei casi in cui è concorrente o alternativo con la DIA) non è propriamente una autorizzazione, anzi che non è un provvedimento (nel senso di

7 atto costitutivo di nuove situazioni giuridiche) ma solo un semplice atto ricognitivo, dichiarativo, di una situazione che già ex lege o ex PRG è presente. Il provvedimento, del resto non più obbligatorio e di cui liberamente si può fare a meno, perde quindi, in quest ottica, il suo rilievo e resta solo una specie di attestazione, per maggiore tranquillità del privato, della sua legittimazione a compiere un certo intervento, direttamente consentito dagli strumenti urbanistici. Le conseguenze di questa lettura potrebbero essere significative: si dovrebbe considerare irrilevante, ai fini della qualificazione dell intervento edilizio, la conformità o no al permesso, o la assenza del permesso stesso, dato che l intervento, avente titolo direttamente nelle previsioni urbanistiche e non nel provvedimento autorizzatorio, sarebbe da qualificarsi abusivo solo in relazione alla sua eventuale non conformità alle previsioni urbanistiche Viene però il dubbio che le cose possano essere viste in un altro modo ancora. Ci sono infatti, e sono state notate dalla dottrina e da qualche isolata pronuncia giurisprudenziale, delle particolarità della disciplina della DIA edilizia che forse consentono delle conclusioni diverse. C è, prima di tutto, il tempo che deve passare dalla denuncia all effettivo inizio dei lavori. Durante questo tempo il denunziante deve restare in attesa di una eventuale determinazione negativa dell amministrazione. Il termine (non importa qui se perentorio o no) che l amministrazione ha per notificare l ordine di non effettuare l intervento dichiarato coincide (e questo mi pare significativo) con il termine dell attesa che viene imposta al privato. Ma tutto questo viene da chiedersi - non assomiglia ad una domanda, cui l amministrazione deve rispondere entro un certo termine, decorso il quale il silenzio vale come provvedimento favorevole, che consente così l inizio dell attività? Non siamo insomma di fronte ad un caso di silenzio-assenso (mascherato sotto una etichetta fasulla)? Se è così bisogna concludere che non c è affatto liberalizzazione dell attività edilizia, ma solo un altro modo di arrivare ad un provvedimento. Le previsioni specifiche che circondano la DIA edilizia rivelano la necessità di soddisfare delle puntuali esigenze: il controllo preventivo di una attività (preventivo anche per

8 ragioni economiche, risultando ben più costoso e insensato reprimere ex post una attività già iniziata); la certezza e la dimostrabilità della regolarità dell intervento anche di fronte ai terzi; la tutela dei terzi interessati a contestare la legittimità dell attività in questione. Ma queste sono precisamente le esigenze cui risponde, nella centenaria storia del diritto amministrativo, la previsione di una autorizzazione, di un provvedimento preventivo, cui, in questo caso, si sceglie di giungere nella forma, del resto assai discutibile, del silenzio significativo sulla domanda del privato. La verità è che tutta la costruzione normativa ha una scarsa dignità concettuale, ed è piuttosto impostata in termini empirici ed approssimativi. Ma che il legislatore tenda a dimenticare o a ignorare le elaborazioni teoriche che mostrano la denuncia di inizio di attività come correlata alla liberalizzazione di una attività, e che tenda invece a assimilarla ad una domanda, cui segue un silenzioaccoglimento, è confermato anche dall art. 6 del d.lgs. 4 settembre 2002, n. 198, nel quale si prevede che le istanze di autorizzazione e le denunce di attività disciplinate dallo stesso d.lgs., si intendono accolte qualora entro novanta giorni dalla presentazione del progetto e della relativa domanda. non sia stato comunicato un provvedimento di diniego. La DIA prevista dal TU edilizia non è (saremmo pronti a scommetterlo) il risultato di una consapevole scelta di liberalizzazione, compiuta affidandosi alla fiducia nel rispetto delle regole da parte dei privati, e a meccanismi di calcolata responsabilizzazione, dentro un quadro normativo certo e con possibilità comunque di controllo del risultato, affidate al generale potere di sorveglianza del territorio spettante all amministrazione. Si tratta invece piuttosto di un mediocre espediente che serve a superare, o meglio ad aggirare, un problema di inefficienza della PA, e a dare risposta ad esigenze che hanno a che fare con gli interessi dell economia e della produzione piuttosto che con la corretta gestione del territorio.

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PROVINCIA DI PAVIA Settore Affari Generali REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SULL ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del consiglio provinciale n. 68/29250

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona

Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona Angelo Frigo dottore di ricerca in diritto ed economia dell impresa nell Università di Verona LA RIQUALIFICAZIONE URBANA NEL DECRETO SVILUPPO. SEMPLIFICAZIONE O COMPLICAZIONE DEL PROCEDIMENTO? 1. Premessa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA Dr. Antonio Triolo Dirigente Ispettorato Lavoro Ragusa* Ispettore Giorgio Brafa Misicoro UOB 2^-Ispettorato Lavoro- Ragusa* * Le considerazioni esposte sono

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31 Anno XLIII - N. 52 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 27.12.2012 - pag. 1 Giovedì 27 Dicembre 2012 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE L'esecuzione di interventi edilizi è onerosa: il titolare del permesso abilitativo deve infatti versare alla pubblica amministrazione un contributo equivalente al costo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli