La meningite acuta è una vera e propria emergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La meningite acuta è una vera e propria emergenza"

Transcript

1 Diagnosi, trattamento iniziale e prevenzione della meningite DAVID M. BAMBERGER, University of Missouri Kansas City School of Medicine, Kansas City, Missouri, USA Anche se negli Stati Uniti l incidenza annuale della meningite batterica è in diminuzione, la patologia continua a rappresentare una vera e propria emergenza medica, con un potenziale di elevate morbilità e mortalità. Nella distinzione tra la meningite batterica e le forme più comuni di meningite asettica i segni ed i sintomi clinici sono inaffidabili, ed è pertanto necessario ricorrere alla puntura lombare, con la successiva analisi del liquido cerebrospinale. In presenza di una meningite batterica occorre prontamente intraprendere un trattamento antimicrobico empirico, scelto in base all età del paziente ed ai fattori di rischio presenti. L inizio del trattamento antimicrobico empirico non va rimandato, anche nei casi di ritardo nell esecuzione della puntura lombare, come può avvenire in attesa dei risultati di una tomografia computerizzata, oppure del trasferimento del paziente in un altra struttura sanitaria. Nei pazienti adulti con infezione da Streptococcus pneumoniae la somministrazione concomitante di desametasone, iniziata prima o in associazione alla terapia antimicrobica, è in grado di migliorare morbilità e mortalità. Negli Stati Uniti quasi il 30% dei ceppi di pneumococco, l agente eziologico più comune della meningite batterica, non è sensibile alla penicillina. Tra i pazienti adulti dei paesi sviluppati il tasso di mortalità della meningite batterica è del 21%. La diffusione dei vaccini coniugati ha ottenuto una diminuzione dell incidenza della meningite batterica, sia in età infantile sia tra gli adulti. (Am Fam Physician (12): Copyright 2010 American Academy of Family Physicians.) La meningite acuta è una vera e propria emergenza medica, con elevate morbilità e mortalità. La meningite batterica può essere di gravità tale da mettere in pericolo la sopravvivenza del paziente, e deve essere distinta dalla più comune meningite virale, o asettica. In seguito alla diffusione dei vaccini coniugati, negli Stati Uniti l incidenza annuale della meningite batterica è diminuita, tra il 1998 ed il 2003, da 1,9 a 1,5 casi ogni soggetti, con un tasso complessivo di mortalità pari al 15,6%. 1-3 Nei paesi in via di sviluppo i tassi di incidenza rimangono invece significativamente più elevati. Eziologia L età avanzata, condizioni di immunodepressione, procedure neurochirurgiche aumentano le probabilità di infezione da patogeni specifici. 3,4 Tra i pazienti con meningite acquisita in ambiente extraospedaliero la meningite batterica è significativamente meno frequente della meningite asettica; il 96% dei bambini con pleiocitosi del liquido cerebrospinale presenta ad esempio una meningite asettica. 5 Le eziologie più frequenti della meningite asettica comprendono le infezioni da enterovirus, virus herpes simplex, Borrelia burgdorferi. Tra gli adulti l incidenza della meningite asettica è di 7,6 casi ogni soggetti; le eziologie più frequenti sono le infezioni da enterovirus, virus herpes simplex, virus della varicella-zoster. 6 Altre condizioni patologiche associate a meningite asettica comprendono le infezioni da Treponemia pallidum, Mycoplasma pneumoniae, febbre maculosa delle Montagne Rocciose, ehrlichiosi, parotite, l infezione da virus della coriomeningite linfocitica, la sindrome acuta retrovirale associata ad infezione con virus dell immunodeficienza umano (human immunodeficiency virus, HIV). I pazienti con infezioni da arbovirus trasmesse da zanzare (es. virus del Nilo Occidentale, encefalite di St. Louis, gruppo delle encefaliti della California) presentano spesso un encefalite; questi pazienti possono tuttavia presentare un interessamento meningeo isolato, anche in assenza di manifestazioni neurologiche. La stagionalità è importante nel definire la probabilità di una meningite asettica; nei climi temperati, infatti, la maggior parte delle infezioni enterovirali e arbovirali si verifica in estate o in autunno. Negli Stati Uniti le meningiti tubercolari e fungine sono meno frequenti, e solitamente determinano sintomi meno acuti. La meningite da criptococchi è frequente nei pazienti con alterazioni dell immunità cellulare, ed in particolare nei pazienti con infezione da HIV avanzata (conta cellulare CD4 inferiore a 200 cellule/mm 3 [200 x 10 9 /L]). Presentazione clinica Nei pazienti adulti con meningite contratta in 17 - giugno Minuti

2 Tabella 1. Reperti clinici e di laboratorio in pazienti adulti con meningite batterica Dato clinico o di laboratorio Sensibilità (%) Due delle seguenti caratteristiche: febbre, rigidità nucale, alterazioni dello stato menta- 95 le, cefalea Conta leucocitaria nel liquido cerebrospinale μl (0,10 x 10 9 /L) Cefalea 87 Rigidità nucale 83 Febbre 38 C 77 Nausea 74 Alterazione dello stato mentale (punteggio 69 alla Glasgow Coma Scale <14) Crescita di microorganismi in emocoltura 66 Triade di febbre, rigidità nucale e alterato stato mentale 44 Segni neurologici focali 33 Convulsioni 5 Edema della papilla 3 Informazioni tratte dalla referenza bibliografica 7 ambiente extra-ospedaliero l anamnesi evidenzia, nel 25% dei casi, un otite o una sinusite recenti, e nel 12% dei casi una polmonite; il 16% di questi pazienti è immunodepresso. 7 Le caratteristiche cliniche tipiche sono riportate in Tabella 1. 7 Il % dei pazienti con meningite presenta almeno uno dei segni / sintomi cardinali, che comprendono febbre, rigidità nucale ed alterazioni dello stato mentale; se a questo elenco si aggiunge la cefalea, 2 dei 4 segni / sintomi sono riscontrabili nel 95% dei pazienti con meningite. 7,8 I segni di Kernig e Brudzinski sono poco sensibili ma altamente specifici per la meningite batterica. 9 Il 63% dei pazienti con meningite meningococcica presenta un eruzione cutanea, solitamente di tipo petecchiale. 7 Eruzioni cutanee petecchiali possono essere causate anche da infezioni da Haemophilus influenzae o Streptococcus pneumoniae. Rispetto alla meningite meningococcica, la meningite pneumococcica è più frequentemente associata a convulsioni, segni neurologici focali, alterazioni dello stato di coscienza. Rispetto a quanto avviene nei pazienti giovani adulti, i pazienti di età superiore o uguale a 65 anni con meningite batterica presentano meno frequentemente nausea, vomito e rigidità nucale, mentre sono più frequenti convulsioni ed emiparesi. 10 Le caratteristiche cliniche tipiche della meningite batterica vengono descritte con minore frequenza anche in età infantile; in questo ambito di età i sintomi, come ad esempio letargia ed irritabilità, possono essere più lievi ed aspecifici. 11 Nei bambini con meningite batterica è frequente il riscontro di una recente infezione delle vie respiratorie superiori; nei bambini sono più frequenti anche le convulsioni. 12 L evoluzione della malattia è variabile, e la progressione avviene nell arco di alcune ore alcuni giorni. Le caratteristiche cliniche sono spesso aspecifiche. In uno studio condotto su 297 pazienti adulti con sospetto di meningite e sottoposti a puntura lombare, ad esempio, solo 80 (27%) hanno presentato un qualche grado di pleiocitosi del liquido cerebrospinale, solo 20 (6,7%) hanno presentato una conta leucocitaria pari almeno a 100 cellule/ml (0,10 x 10 9 /L), e solamente in 3 pazienti (1%) la diagnosi di meningite batterica è stata confermata dall esame colturale. 9 Valutazione iniziale A causa della mancanza di specificità dei segni clinici, l aspetto-chiave nella diagnosi di meningite è costituito dall esame del liquido cerebrospinale. 13 La conta leucocitaria nel sangue periferico non è utile, di per sé, nella distinzione tra meningite batterica e meningite asettica, in particolare nei bambini (una conta leucocitaria normale, cioè, non consente di escludere una meningite batterica). 14 La meningite va sospettata nei casi in cui caratteristiche cliniche come quelle discusse in precedenza non possono essere completamente spiegate da altre diagnosi. La puntura lombare è una procedura diagnostica sicura; dopo l esame circa 1/3 dei pazienti lamenta cefalea. 15 (Un video sulla puntura lombare è disponibile al sito Internet Il principale rischio associato alla puntura lombare riguarda la comparsa di ernie in pazienti con una lesione occupante spazio, oppure in pazienti con grave edema cerebrale diffuso; tale rischio è tuttavia scarsamente quantificato. n è inoltre chiaro fino a che punto questo rischio possa essere previsto sulla base di una tomografia computerizzata condotta prima dell esame. In pazienti indenni da segni neurologici evidenti prima dell esame non sono state descritte ernie di gravità tale da metterne in pericolo la sopravvivenza. 16 Dai risultati di studi condotti su serie di casi cli giugno Minuti

3 Tabella 2. Tipici parametri all esame del liquido cerebrospinale in pazienti con meningite batterica Patogeno Leucociti/mL (x 109/L) Percentuale di neutrofili Livelli di glucosio Livelli di proteine, mg/dl (g/l) Piogeni (no Lysteria >500 (0,50) >80 Bassi >100 (1,00) Circa 70% monocytogenes) L. monocytogenes >100 (0.10) Circa 50 rmali >50 (0,50) Circa 30% Infezione da piogeni parzialmente trattata >100 Circa 50 rmali >70 (0,70) Circa 60% Meningite asettica, spesso virale (0,01-1,00) Fase precoce: >50. Fase tardiva: <20 rmali <200 (2,00) n si applica Probabilità di riscontrare il microorganismo con la colorazione con metodo di Gram Tubercolare 50 (0,05) 500 <30 Bassi >100 Rara Fungina <30 Bassi Variabili Spesso elevata per infezioni da criptococco nici, 17 ed in base alle linee-guida disponibili, 4,18 prima di essere sottoposti ad una puntura lombare i pazienti con fattori di rischio per alterazioni endocraniche occulte vanno sottoposti ad una tomografia computerizzata cerebrale. Questa indicazione riguarda i pazienti con patologie del sistema nervoso centrale (shunt del liquido cerebrospinale, idrocefalo, traumi cerebrali, lesioni occupanti spazio o recenti interventi neurochirurgici, immunodepressione, edema della papilla, segni neurologici focali) ed i pazienti adulti con convulsioni di nuova insorgenza o alterazioni dello stato di coscienza di gravità intermedia o gravi (Figura 1 4,16-18 ). In un paziente con sospetta meningite gli interventi diagnostici e terapeutici devono iniziare contemporaneamente. Nei casi in cui è necessario eseguire una tomografia computerizzata prima della puntura lombare, il paziente va sottoposto ad esami emocolturali, seguiti da un tempestivo inizio di un trattamento antimicrobico empirico; tutto ciò deve avvenire prima della tomografia computerizzata. Nei pazienti adulti in cui si sospetta un infezione da S. pneumoniae è necessaria una terapia aggiuntiva con desametasone. 19 Dopo aver eseguito la puntura lombare, i risultati della colorazione con metodo di Gram, della conta leucocitaria ed eritrocitaria e dei livelli di glucosio vanno valutati con urgenza. Anche se nessuna di queste misure, presa da sola, possiede un valore diagnostico, l associazione tra risultati abnormi può essere altamente suggestiva per una meningite batterica, e può essere utile anche per definire la causa eziologica più probabile (Tabella 2). In rari casi pazienti con meningite batterica possono evidenziare livelli normali, o quasi normali, della conta leucocitaria, nonché dei livelli di glucosio e di proteine nel liquido cerebrospinale. Questa evenienza è stata descritta in bambini piccoli con neutropenia ed altre condizioni di immunodepressione, nonché in una fase molto precoce della meningite meningococcica. 20 L assenza di leucocitosi e il riscontro di livelli di glucosio normali nel liquido cerebrospinale sono possibili anche in pazienti con infezione da HIV e meningite criptococcica; in questi pazienti la ricerca dell antigene criptococcico nel liquido cerebrospinale rappresenta un esame altamente sensibile e specifico. Nei pazienti con meningite batterica parzialmente trattata e nei pazienti con infezione da Listeria il profilo dei risultati dell esame del liquido cerebrospinale può essere simile a quello di pazienti con meningite asettica. Per i bambini ancora non trattati con antimicrobici sono disponibili delle regole di valutazione clinica, volte all identificazione dei pazienti a basso rischio di meningite batterica, nonché all identificazione dei pazienti in cui, in presenza di condizioni cliniche stabili (a parte i sintomi specifici) è possibile impostare un trattamento di attenta osservazione, senza alcuna terapia antimicrobica (Tabella 3). 5,21 Meningite batterica Il trattamento empirico iniziale della meningite batterica va impostato in base all età del paziente, ai fattori di rischio presenti ed al quadro clinico. 3,4 Quando si sospetta una meningite batterica, nell attesa dei risultati degli esami diagnostici o del trasferimento del paziente in una struttura adeguata la terapia empirica non va ritardata per più 21 - giugno Minuti

4 Figura 1. Algoritmo per il trattamento iniziale di una sospetta meningite batterica Il paziente si presenta con segni e sintomi sospetti per una meningite Iniziare le precauzioni nei confronti della trasmissione mediante goccioline In base all anamnesi e all esame obiettivo: è presente uno status adeguato dei sistemi circolatorio, polmonare e della coagulazione? Iniziare un trattamento per le alterazioni dello status circolatorio, polmonare e della coagulazione Andare a Paziente con patologie del sistema nervoso centrale * ; paziente con convulsioni di nuova insorgenza o con alterazioni di gravità intermedia o grave dello stato di coscienza; ritardo nell esecuzione della puntura lombare? 4,16-18 Eseguire esame emocolturale ed iniziare la terapia antimicrobica. Se il paziente è adulto ed è probabilmente affetto da una meningite pneumococcica, iniziare la somministrazione associata di desametasone. Esami di imaging mediante risonanza magnetica o tomografia computerizzata Eseguire una puntura lombare ed esami emocolturali Liquido cerebrospinale torbido? Liquido cerebrospinale indicativo di una meningite batterica? L esame di imaging evidenzia un effetto massa o un edema cerebrale? Rivalutare la diagnosi, in base ai dati clinici, radiografici e di laboratorio Meningite probabile? Continuare il trattamento Eseguire una puntura lombare Liquido cerebrospinale indicativo per una meningite batterica? Rivalutare la diagnosi * Shunt del liquido cerebrospinale, idrocefalo, traumi, lesioni occupanti spazio oppure recenti interventi neurochirurgici, stati di immunodepressione, edema della papilla, segni neurologici focali. Informazioni tratte dalle referenze bibliografiche 4 e Continuare il trattamento Il sospetto di meningite batterica rimane elevato in base a fattori come giovane età, neutropenia, immunodepressione, oppure in base a segni di meningite meningococcica? Rivalutare la diagnosi Iniziare (o continuare) la terapia antimicrobica. In un paziente adulto con probabile meningite pneumococcica iniziare la somministrazione associata di desametasone di un ora. 4,18,22,23 Pur in assenza di studi di tipo comparativo, secondo studi di tipo osservazionale ritardi nell inizio del trattamento anche di sole 2-6 ore sono infatti associati ad outcome sfavorevoli. 22,23 I fattori che possono causare un ritardo nell inizio del trattamento antimicrobico comprendono: l attesa del trasferimento del paziente in un altra struttura sanitaria; l esecuzione di una tomografia computerizzata del capo prima della 22 - giugno Minuti puntura lombare; l assenza dei segni clinici cardinali di febbre, rigidità nucale, alterazioni dello stato mentale. In pazienti adulti con infezione da S. pneumoniae la somministrazione associata di desametasone per 4 giorni, iniziata subito prima di iniziare la terapia antimicrobica, diminuisce il tasso di mortalità e migliora gli outcome di tipo neurologico. 19 Il trattamento non eserciterebbe invece effetti positivi sugli outcome neurologici in

5 Tabella 3. Regole cliniche per la distinzione tra meningite batterica e meningite asettica in pazienti di età pediatrica con pleiocitosi * del liquido cerebrospinale Regola Punteggio per la meningite batterica 5 Test-meningite 21 Criteri di esclusione Criteri (una valutazione più approfondita, comprendente la puntura lombare, è indicata nei pazienti che soddisfano uno o più criteri) Storia di int erventi neurochirurgici Immunodepressione Conta leucocitaria nel liquido cerebrospinale 0,01 x 10 6 /μl (0,01 x /L) Somministrazione di antibiotici nelle precedenti 48 ore Porpora Colorazione di Gram del liquido cerebrospinale positiva Convulsioni Conta neutrofili nel sangue 10000/ μl (10 x 10 9 /L) Conta neutrofili nel liquido cerebrospinale 1000/μL (1 x 10 9 /L) Livelli di proteine nel liquido cerebrospinale 80 mg/dl (0,80 g/l) Storia di interventi neurochirurgici Immunodepressione Conta eritrocitaria nel liquido cerebrospinale 0,01 x 10 6 /μl Colorazione di Gram del liquido cerebrospinale positiva Convulsioni Porpora Aspetto tossiemico (irritabilità, letargia, lento riempimento capillare) Livelli di proteine nel liquido cerebrospinale 50 mg/dl (0,50 g/l) Livelli sierici di procalcitonina 0,5 ng/ml Sensibilità (intervalli di confidenza 99% (99-100%) 100 (96-100%) al 95%) * : Conta leucocitaria 10/μL (0,01 x 10 9 /L) Modificata con autorizzazione da: Dubos F, Martinot A, Gendrel D, Bréart G, Chalumeau M. Clinical decision rules for evaluating meningitis in children. Curr Opinion Neurol. 2009; 22 (3): 292, con ulteriori informazioni tratte dalla referenza bibliografica 5 altri gruppi di pazienti. Chiari effetti benefici derivanti dalla somministrazione di desametasone non sono stati descritti anche da studi condotti su pazienti di paesi in via di sviluppo, affetti da meningite batterica piogena e ad alto rischio per l infezione da HIV. 24,25 Il trattamento del paziente deve essere rivolto anche a correggere eventuali condizioni di iponatriemia o di disidratazione, derivanti da una sindrome da inappropriata produzione di ormone antidiuretico. Una volta noti i risultati della colorazione con metodo di Gram, degli esami colturali e degli esami di sensibilità agli antibiotici occorre intraprendere una terapia mirata nei confronti del patogeno responsabile (Tabella 4 4,11,16,18,26,27 ). Esami emocolturali condotti su campioni di sangue ottenuti prima di iniziare la terapia antimicrobica risultano positivi nel 61-66% dei pazienti. 5,7 La somministrazione di antimicrobici prima di eseguire la puntura lombare diminuisce il valore diagnostico dell esame colturale del liquido cerebrospinale, e riduce la probabilità di osservare bassi livelli di glucosio e livelli elevati di proteine; il trattamento antimicrobico, d altro canto, non influenza in maniera marcata i risultati della colorazione di Gram del liquido cerebrospinale, positivi nel 60-70% dei pazienti. 26,28 L esame con reazione a catena polimerasica del liquido cerebrospinale è più sensibile dell esame colturale, in particolare nei pazienti precedentemente trattati con antimicrobici. 29,30 I test di sensibilità agli antimicrobici, importanti nel trattamento e nella prevenzione della meningite, possono essere condotti solo quando il microorganismo cresce in coltura. In uno studio di casi clinici condotto negli Stati Uniti, il 28% degli pneumococchi riscontrati in pazienti con meningite non era sensibile alla penicillina, il 6% non era sensibile al cloramfenicolo, il 17% non era sensibile a meropenem, ed il 12% non era sensibile a cefotaxime. 1 In considerazione di questi elevati livelli di antibiotico-resistenza, in attesa dei risultati degli esami di sensibilità agli antibiotici è consigliabile un trattamento empirico con vancomicina e con una cefalosporina di terza generazione (cefotaxime o ceftriazone). Meningite asettica Nei pazienti con meningite asettica gli agenti patogeni più comuni, e che necessitano di una terapia antimicrobica specifica, sono gli enterovirus giugno Minuti

6 Tabella 4. Terapia patogeno-specifica per le cause più comuni di meningite batterica Patogeno * Terapia consigliata Dosaggio in adulti (via endovenosa) Giorni di terapia Streptococcus pneumoniae Meropenem, moxifloxacina o cloramfenicolo CMI per penicillina: <0,1 mcg/ml CMI per penicillina: 0,1-1 mcg/ml CMI per penicillina: 2 mcg/ml CMI per ceftriaxone: 1 mcg/ml Penicillina Ceftriaxone Vancomicina più ceftriaxone Vancomicina 4 milioni di unità ogni 4 ore 2 g ogni 12 ore 15-22,5 mg/kg ogni 12 ore 2 g ogni 12 ore 15-22,5 mg/kg ogni 12 ore 2 g ogni 12 ore Terapia alternativa più ceftriaxone # Neisseria meningitidis Ceftriaxone 2 g ogni 12 ore 5-7 Cloramfenicolo, meropenem o moxifloxacina Haemophilus influenzae Ceftriaxone 2 g ogni 12 ore 7-10 Cloramfenicolo o moxifloxacina Streptococcus agalactiae (streptococco di gruppo B) Ampicillina Solitamente in bambini Vancomicina ò cefotaxime più gentamicina Listeria monocytogenes Ampicillina 2 g ogni 4 ore 21 Trimetoprim / sulfametossazolo più 1-2 mg/kg ogni 8 ore Enterobacteriaceae Ceftriaxone, ceftazidime o cefepine Variabile 21 Ciprofloxacina, meropenem o trimetoprim sulfametossazolo associati o meno con gentamicina Stafilococchi Sensibili alla meticillina Resistenti alla meticillina Nafcillina Vancomicina 7-10 giorni dopo l eliminazione dello shunt o la sterilizzazione del liquido cerebrospinale 2 g ogni 4 ore 15-22,5 mg / kg ogni 12 ore Daptomicina o linezolide; prendere in considerazione l aggiunta di rifampicina CMI : concentrazione minima inibente. * : Elencati in ordine decrescente di probabilità. : In alternativa può essere somministrato cefotaxime. # : Prendere in considerazione l aggiunta di rifampicina. La somministrazione associata di desametasone può causare una diminuzione della capacità di penetrazione della vancomicina nel liquido cerebrospinale; con l infusione continua di 60 mg/kg vengono tuttavia raggiunti livelli adeguati. : Per i primi 7-10 giorni. Informazioni tratte dalle referenze bibliografiche 4, 11, 16, 18, 26 e 27 La diagnosi è possibile con un esame a catena polimerasica del liquido cerebrospinale 6 ; anche se non è sempre necessario, l esame può consentire di interrompere una somministrazione empirica di antimicrobici intrapresa per un sospetto diagnostico di meningite batterica. Informazioni relative alle 25 - giugno Minuti

7 Tabella 5. Chemioprofilassi della meningite batterica Patogeno Indicazione Agente antimicrobico Neisseria meningitidis (profilassi post-esposizione) Haemophilus influenzae (profilassi post-esposizione) Streptococcus agalactiae (streptococco del gruppo B; donne nel periodo intra-parto) Stretto contatto (per più di 8 ore) con un paziente con infezione da N. meningitidis Contatto con secrezioni orali di un paziente con infezione da N. meningitidis Soggetto che vive in un ambiente familiare con uno o più bambini non vaccinati o incompletamente vaccinati di età inferiore a 48 mesi Parto precedente di un bambino con infezione invasiva da S. agalactiae Colonizzazione alla trentacinquesima - trentasettesima settimana di gestazione Batteriuria durante la gravidanza Rischio elevato a causa di febbre, rottura del liquido amniotico avvenuta da più di 18 ore, parto prima della trentasettesima settimana di gestazione Informazioni tratte dalle referenze bibliografiche 11, 18 e 36 Rifampicina o Ciprofloxacina o Ceftriaxone Rifampicina o Penicillina Se allergico alla penicillina: Cefazolin o Clindamicina o Vancomicina Dosaggio Adulti: 600 mg ogni 12 ore per 2 giorni Bambini di almeno un mese: 10 mg/kg di peso ogni 12 ore per 2 giorni. Bambini di meno di un mese: 5 mg/kg di peso ogni 12 ore per 2 giorni Adulti: dose singola da 500 mg Dose singola per via intramuscolare da 250 mg (125 mg se di età inferiore a 15 anni) 20 mg/kg di peso al giorno, fino a 600 mg al giorno, per 4 giorni Dose iniziale di 500 milioni di unità per via endovenosa, successivamente 2,5-3 milioni di unità ogni 4 ore durante il periodo intra-parto 2 g seguiti da 1 g ogni 8 ore 900 mg ogni 8 ore mg/kg di peso ogni 12 ore Commenti n completamente efficace; rari casi di ceppi isolati resistenti Rari casi di ceppi isolati resistenti La sensibilità alla clindamicina va confermata da test di sensibilità abitudini sessuali del paziente o all assunzione di sostanze stupefacenti possono rendere necessari esami specifici, come i livelli di reagina plasmatica rapida (RPR), l esame VDRL (Ricerca di laboratorio della patologia venerea), i livelli sierici di anticorpi anti-hiv, i test per la ricerca di HIV nel siero (reazione a catena polimerasica). Nei casi di sieroconversione acuta per HIV, la determinazione dei livelli sierici di anticorpi anti-hiv può dare risultati negativi. La meningite asettica da virus herpes simplex è solitamente un infezione autolimitante, che va distinta dall encefalite da herpes simplex in base alle caratteristiche cliniche e radiografiche; in presenza di un encefalite da herpes simplex una terapia con acyclovir può consentire di salvare la vita del paziente. Diversamente dai pazienti con encefalite da herpes simplex, la maggior parte dei pazienti con meningite da herpes simplex presenta uno stato mentale e funzioni neurologiche normali; nei pazienti non si riscontra inoltre un accentuazione, a livello del lobo temporale, del segnale ottenuto con gli esami di imaging mediante risonanza magnetica. Entrambe le infezioni possono essere diagnosticate mediante reazione a catena polimerasica per il virus herpes simplex, condotta su un campione di liquido cerebrospinale. L infezione può causare anche una meningite ricorrente (meningite di Mollaret). L infezione con virus varicella zoster può causare una meningite asettica anche in assenza delle classiche manifestazioni cutanee. 6 Pur in assenza di studi clinici, in questi pazienti viene consigliato un trattamento con acyclovir (10 mg per kg di peso ogni 8 ore). La malattia di Lyme del sistema nervoso centrale viene trattata con ceftriaxone (14-28 giorni), mentre la 27 - giugno Minuti

8 Sistema SORT (Strength of Recommendation Taxonomy, Tassonomia della forza delle evidenze): Indicazioni per la pratica clinica Indicazione clinica Livello di evidenza L esame del liquido cerebrospinale è l aspetto fondamentale della diagnosi di una meningite batterica. Alcune regole diagnostiche, basate su dati clinici e degli esami di laboratorio, sono altamente sensibili per la diagnosi di meningite nei bambini Prima di essere sottoposti alla puntura lombare i pazienti con alterazioni intracraniche occulte vanno sottoposti ad una tomografia computerizzata del cranio Se si sospetta una meningite batterica, la terapia empirica con antimicrobici non va ritardata per più di un ora in attesa dei risultati degli esami o del trasferimento del paziente I pazienti adulti con infezioni da Streptococcus pneumoniae o da Mycobacterium tuberculosis devono essere trattati con desametasone, in aggiunta agli antimicrobici, allo scopo di diminuire i tassi di mortalità e di migliorare gli outcome neurologici Referenze bibliografiche C 5, 8, 13, 21 C 17 C 4, 18, 22, 23 B 19, 25, 32 In pazienti appartenenti a determinati gruppi di rischio, per ridurre l incidenza di meningite B 1, 2 batterica è consigliabile la somministrazione di vaccini coniugati per S. pneumoniae ed Haemophilus influenzae di tipo B A = Evidenza coerente, di buona qualità ed orientata sul paziente; B = evidenza orientata sul paziente, scarsamente coerente o di qualità limitata; C = opinione generale, evidenza orientata sulla malattia, pratica clinica usuale, opinione di esperti, serie di casi clinici. Per informazioni sul sistema SORT di valutazione delle evidenze, si veda al sito sifilide del sistema nervoso centrale viene trattata con penicillina, somministrata per via endovenosa per giorni. Meningite tubercolare e criptococcica Per porre la diagnosi di meningite tubercolare il medico deve mantenere un livello elevato di sospetto clinico; i risultati degli esami colturali giungono infatti frequentemente in ritardo e sono spesso negativi. Il trattamento empirico, d altro canto, può salvare la vita del paziente. A scopo diagnostico può essere utile l esame mediante reazione a catena polimerasica. Il trattamento iniziale prevede un associazione di: isoniazide (5 mg per kg di peso al giorno nei pazienti adulti, 10 mg/kg/giorno nei pazienti pediatrici, con dosaggio massimo di 300 mg); rifampicina (10 mg/kg/giorno nei pazienti adulti, mg/kg/giorno nei pazienti pediatrici, con dosaggio massimo di 600 mg); pirazinamide (15-30 mg/kg/giorno, con dosaggio massimo di 2 g); etambutolo (15-25 mg/kg/giorno). Nei bambini piccoli la streptomicina (20-40 mg/kg/giorno, con dosaggio massimo 1 g) va utilizzata al posto dell etambutolo. 31 Nei pazienti con meningite tubercolare di età superiore a 14 anni l aggiunta di desametasone migliora i tassi di mortalità. 32 La meningite criptococcica è la forma più comune di meningite micotica, e si sviluppa in genere in pazienti con alterazioni dell immunità cellulomediata. Il trattamento iniziale comprende amfotericina B (0,7-1 mg/kg/giorno per via endovenosa) e flucitosina (25 mg/kg/6 ore per via orale). 33 Prognosi Nei pazienti adulti dei paesi sviluppati il tasso di mortalità da meningite batterica è del 21%; il tasso è più elevato tra i pazienti con infezione da pneumococco rispetto ai pazienti con infezione da meningococco. 7 Le sequele di tipo neurologico comprendono una diminuzione della capacità uditiva (14% dei pazienti) ed emiparesi (4%). 7 I fattori di rischio per outcome sfavorevoli comprendono l età avanzata, la presenza di confusione mentale al momento del ricovero, batteriemia, una conta leucocitaria nel liquido cefalorachidiano inferiore a 1.000/ L (1 x 10 9 /L). 7 Nei bambini con meningite batterica il tasso di mortalità è invece del 3%; i bambini con meningite batterica presentano un incidenza di ictus del 3%. 34 Prevenzione La somministrazione, a partire dalla prima infanzia, dei vaccini coniugati contro H. influenzae di tipo B e S. pneumoniae è risultata grandemente efficace nel ridurre l incidenza della meningite batterica, non solo tra i bambini ma anche tra i pazienti adulti. 1,2 Mentre l utilizzazione dei vaccini coniugati ha diminuito l incidenza complessiva della 29 - giugno Minuti

9 meningite pneumococcica, la percentuale dei casi di meningite causati da sierotipi non compresi nei vaccini è aumentata, così come è aumentata la percentuale dei ceppi isolati non sensibili a penicillina e cefotaxime. 1,2 Il nuovo vaccino coniugato per la Neisseria meningitidis (attivo nei confronti dei sierogruppi A, C, W135 e Y, ma non nei confronti del sierogruppo B) è indicato nelle seguenti popolazioni: tutti i soggetti di età compresa tra 11 e 18 anni; gli studenti che entrano in dormitori universitari; i viaggiatori in paesi in cui la malattia meningococcica è endemica (es. Africa sub-sahariana, pellegrinaggi a La Mecca); i pazienti con deficit di componenti del complemento. 35 I pazienti con asplenia anatomica o funzionale vanno trattati con il vaccino anti-meningococcico, anti-pneumococcico e anti H. influenzae. I pazienti ricoverati in ospedale con un infezione da N. meningitidis oppure con una meningite di eziologia incerta devono osservare precauzioni nei confronti della trasmissione mediante goccioline nel corso delle prime 24 ore di trattamento, oppure fino a quando non è possibile escludere un infezione da N. meningitidis. Le indicazioni riguardanti la chemioprofilassi sono riassunte in Tabella 5. 11,18,36 L Autore Il Dr. David M. Bamberger è Professor of Medicine presso la School of Medicine della University of Missouri Kansas City. L autore non riferisce conflitti di interessi con gli argomenti trattati nell articolo. te bibliografiche 1. Hsu HE, Shutt KA, Moore MR, et al. Effect of pneumococcal conjugate vaccine on pneumococcal meningitis. N Engl J Med. 2009;360(3): Schuchat A, Robinson K, Wenger JD, et al. Bacterial meningitis in the United States in Active Surveillance Team. N Engl J Med. 1997;337(14): Thigpen MC, Rosenstein N, Whitney CG, et al. Bacterial meningitis in the United States Paper presented at: 43rd Annual Meeting of the Infectious Diseases Society of America; October 6-9, 2005; San Francisco, CA. Abstract Tunkel AR, Hartman BJ, Kaplan SL, et al. Practice guidelines for the management of bacterial meningitis. Clin Infect Dis. 2004;39(9): Nigrovic LE, Kuppermann N, Macias CG, et al.; 30 - giugno Minuti Pediatric Emergency Medicine Collaborative Research Committee of the American Academy of Pediatrics. Clinical prediction rule for identifying children with cerebrospinal fluid pleocytosis at very low risk of bacterial meningitis. JAMA. 2007;297(1): Kupila L, Vuorinen T, Vainionpää R, Hukkanen V, Marttila RJ, Kotilainen P. Etiology of aseptic meningitis and encephalitis in an adult population. Neurology. 2006;66(1): van de Beek D, de Gans J, Spanjaard L, Weisfelt M, Reitsma JB, Vermeulen M. Clinical features and prognostic factors in adults with bacterial meningitis [published correction appears in N Engl J Med. 2005;352(9):950]. N Engl J Med. 2004;351(18): Attia J, Hatala R, Cook DJ, Wong JG. The rational clinical examination. Does this adult patient have acute meningitis? JAMA. 1999;282(2): Thomas KE, Hasbun R, Jekel J, Quagliarello VJ. The diagnostic accuracy of Kernig s sign, Brudzinski s sign, and nuchal rigidity in adults with suspected meningitis. Clin Infect Dis. 2002;35(1): Cabellos C, Verdaguer R, Olmo M, et al. Community-acquired bacterial meningitis in elderly patients: experience over 30 years. Medicine (Baltimore). 2009;88(2): Sáez-Llorens X, McCracken GH Jr. Bacterial meningitis in children. Lancet. 2003;361(9375): Kaplan SL. Clinical presentations, diagnosis, and prognostic factors of bacterial meningitis. Infect Dis Clin rth Am. 1999;13(3): Straus SE, Thorpe KE, Holroyd-Leduc J. How do I perform a lumbar puncture and analyze the results to diagnose bacterial meningitis? JAMA. 2006;296(16): Bonsu BK, Harper MB. Utility of the peripheral blood white blood cell count for identifying sick young infants who need lumbar puncture. Ann Emerg Med. 2003;41(2): Ellenby MS, Tegtmeyer K, Lai S, Braner DA. Videos in clinical medicine. Lumbar puncture. N Engl J Med. 2006;355(13):e Fitch MT, van de Beek D. Emergency diagnosis and treatment of adult meningitis. Lancet Infect Dis. 2007;7(3): Hasbun R, Abrahams J, Jekel J, Quagliarello VJ. Computed tomography of the head before lumbar puncture in adults with suspected meningitis. N Engl J Med. 2001;345(24): Chaudhuri A, Martinez-Martin P, Kennedy PG, et al. EFNS guideline on the management of community-acquired bacterial meningitis: report of an EFNS Task Force on acute bacterial meningitis in older chil-

10 dren and adults [published correction appears in Eur J Neurol. 2008;15(8):880]. Eur J Neurol. 2008;15(7): de Gans J, van de Beek D; European Dexamethasone in Adulthood Bacterial Meningitis Study Investigators. Dexamethasone in adults with bacterial meningitis. N Engl J Med. 2002;347(20): Bamberger DM, Smith OJ. Haemophilus influenzae meningitis in an adult with initially normal cerebrospinal fluid. South Med J. 1990;83(3): Dubos F, Martinot A, Gendrel D, Bréart G, Chalumeau M. Clinical decision rules for evaluating meningitis in children. Curr Opin Neurol. 2009;22(3): Køster-Rasmussen R, Korshin A, Meyer CN. Antibiotic treatment delay and outcome in acute bacterial meningitis. J Infect. 2008;57(6): Proulx N, Fréchette D, Toye B, Chan J, Kravcik S. Delays in the administration of antibiotics are associated with mortality from adult acute bacterial meningitis. QJM. 2005;98(4): Assiri AM, Alasmari FA, Zimmerman VA, Baddour LM, Erwin PJ, Tleyjeh IM. Corticosteroid administration and outcome of adolescents and adults with acute bacterial meningitis: a meta-analysis. Mayo Clin Proc. 2009;84(5): Greenwood BM. Corticosteroids for acute bacterial meningitis. N Engl J Med. 2007;357(24): van de Beek D, de Gans J, Tunkel AR, Wijdicks EF. Community-acquired bacterial meningitis in adults. N Engl J Med. 2006;354(1): Ricard JD, Wolff M, Lacherade JC, et al. Levels of vancomycin in cerebrospinal fluid of adult patients receiving adjunctive corticosteroids to treat pneumococcal meningitis: a prospective multicenter observational study. Clin Infect Dis. 2007;44(2): Nigrovic LE, Malley R, Macias CG, et al.; American Academy of Pediatrics, Pediatric Emergency Medicine Collaborative Research Committee. Effect of antibiotic pretreatment on cerebrospinal fluid profiles of children with bacterial meningitis. Pediatrics. 2008;122(4): Bøving MK, Pedersen LN, Møller JK. Eight-plex PCR and liquid-array detection of bacterial and viral pathogens in cerebrospinal fluid from patients with suspected meningitis. J Clin Microbiol. 2009;47(4): Chiba N, Murayama SY, Morozumi M, et al. Rapid detection of eight causative pathogens for the diagnosis of bacterial meningitis by real-time PCR. J Infect Chemother. 2009;15(2): Blumberg HM, et al. American Thoracic Society/Centers for Disease Control and Prevention/Infectious Diseases Society of America: treatment of tuberculosis. Am J Respir Crit Care Med. 2003;167(4): Thwaites GE, Nguyen DB, Nguyen HD, et al. Dexamethasone for the treatment of tuberculous meningitis in adolescents and adults. N Engl J Med. 2004;351(17): Perfect JR, Dismukes WE, Dromer F, et al. Clinical practice guidelines for the management of cryptococcal disease: 2010 update by the Infectious Diseases Society of America. Clin Infect Dis. 2010;50(3): Nigrovic LE, Kuppermann N, Malley R; Bacterial Meningitis Study Group of the Pediatric Emergency Medicine Collaborative Research Committee of the American Academy of Pediatrics. Children with bacterial meningitis presenting to the emergency department during the pneumococcal conjugate vaccine era. Acad Emerg Med. 2008;15(6): Centers for Disease Control and Prevention (CDC) Advisory Committee on Immunization Practices. Revised recommenations of the Advisory Committee on Immunization Practices to Vaccinate all Persons Aged Years with Meningococcal Conjugate Vaccine. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2007;56(31): Division of Bacterial Diseases, National Center for Immunization and Respiratory Diseases. Prevention of perinatal group B streptococcal disease revised guidelines from CDC, MMWR Recomm Rep. 2010;59(RR-10): giugno Minuti

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

MENINGITE MENINGOCOCCICA

MENINGITE MENINGOCOCCICA MENINGITE MENINGOCOCCICA PROTOCOLLO INFORMATIVO La meningite meningococcica è una malattia acuta ad esordio improvviso, caratterizzata da febbre, cefalea intensa, rigidità nucale, nausea, vomito e spesso

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria La meningite Prof. P. Cavallo 1 INQUADRAMENTO Le meningiti sono un gruppo di infezioni del Sistema Nervoso Centrale (SNC).

Dettagli

Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento

Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento Network di Microbiologia e Virologia del Nord Est Le Infezioni del Sistema Nervoso Centrale Eziopatogenesi e Clinica Trento, 12 ottobre 2012 Claudio Paternoster Malattie Infettive - Trento Le Infezioni

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA

PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA PROTOCOLLO OPERATIVO IN CASO DI MENINGITE MENINGOCOCCICA SI RICORDA CHE IN CASO, ANCHE SOLO SOSPETTO, DI MENINGITE O MALATTIA INVASIVA BATTERICA, E OBBLIGATORIA LA SEGNALAZIONE IMMEDIATA AL DIPARTIMENTO

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio 28 Obiettivi della presentazione Fornire una visione generale sui fattori di rischio, segni e sintomi,

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

LA SINDROME MENINGEA MENINGITI. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009

LA SINDROME MENINGEA MENINGITI. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009 LA SINDROME MENINGEA MENINGITI Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009 MENINGITE FLOGOSI MENINGEA CARATTERIZZATA DA AUMENTO NEL NUMERO DI LEUCOCITI NEL LIQUOR QUADRO CLINICO CARATTERIZZATO

Dettagli

La gestione della meningite batterica

La gestione della meningite batterica Gennaio-Marzo 2014 Vol. 44 N. 173 Pp. 45-52 La gestione della meningite batterica Infettivologia Pediatrica Giulia Remaschi, Alessia Nucci, Chiara Tersigni, Melodie Aricò, Clementina Canessa, Francesca

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B

Streptococcus. Streptococcus. pneumoniae. Neisseria meningitidis. coltura positiva. coltura negativa. gruppo B Diagnosi e tipizzazione di IPD in biologia molecolare direttamente da campione clinico in pazienti con terapia antibiotica in atto Cristina Massai Clinica Pediatrica II Ospedale Meyer Università di Firenze

Dettagli

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Cso. Svizzera, 164 10149 TORINO Tel. PROCEDURA OPERATIVA DA ADOTTARE IN CASO DI ESPOSIZIONE A PAZIENTE CON Pag. 1 di Pag. 16 TIPO DI DOCUMENTO Procedura Operativa ELABORAZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds LE MENINGITI Dr. Ferioli Cristian http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds MENINGITE La meningite è definita come un'infiammazione delle meningi (in particolare della Piamadre e Aracnoide) accompagnata

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Meningite da S. pneumoniae

Meningite da S. pneumoniae ASL FG - Azienda Sanitaria Locale Provincia di Foggia Presidio ospedaliero di CERIGNOLA STRUTTURA COMPLESSA DI MEDICINA INTERNA (Direttore f.f.: Dr. Francesco Ventrella) Prot. n. 101 del 22/09/2008 MISURE

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

La prevenzione del meningococco. Aiutami a crescere. XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Aiutami a crescere 15-17 Settembre 2011 Hotel Michelangelo, Milano La prevenzione del meningococco Francesca Lippi Chiara Azzari

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista

Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI Dr. Pg Bertucci Tropicalista SINDROME MENINGEA - MENINGISMO Definizione INSIEME DI SEGNI (OGGETTIVI) E SINTOMI (SOGGETTIVI) DI IRRITAZIONE MENINGEA FEBBRE NUCA

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni.

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni. Tubercolosi Breve storia La tubercolosi ha rappresentato per secoli in Italia, come nel resto del mondo una delle maggiori cause di mortalità e di morbosità ed ancora oggi, nonostante la disponibilità

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2008) Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 3 capoverso 3 dell ordinanza del

Dettagli

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza

Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Dipartimento di Medicina Laboratorio Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica La diagnostica liquorale in urgenza Prof. Sergio Bernardini Volume = 90-150 ml Produzione/die = 500 ml

Dettagli

Oltre il meningococco C

Oltre il meningococco C Oltre il meningococco C Caserta 14 settembre Antonio Campa 2012 Chiara Azzari Clementina Canessa Servizio di Immunologia Pediatrica Centro Regionale di riferimento Ospedale pediatrico Meyer Università

Dettagli

MENINGITI ED ENCEFALITI. www.fisiokinesiterapia.biz

MENINGITI ED ENCEFALITI. www.fisiokinesiterapia.biz MENINGITI ED ENCEFALITI www.fisiokinesiterapia.biz MENINGITI Virali Batteriche INFEZIONI DEL SN ENCEFALITI Virali Batteriche INFEZIONI VIRALI DEL SN In genere, diffusione secondaria di infezioni sistemiche

Dettagli

Rapporto TBC. per. operatori sanitari

Rapporto TBC. per. operatori sanitari Rapporto TBC operatori sanitari per U.S. DEPARTMENT OF HEALTH AND HUMAN SERVICES Centers for Disease Control and Prevention National Center for HIV, STD, and TBC Prevention Division of Tuberculosis Elimination

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego Il vaccino a virus vivi ed attenuati (ceppo OKA) è stato messo a punto da Takahashi e coll. ed attualmente i vaccini disponibili commercialmente

Dettagli

PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI

PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI pag. 1/16 PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI File: Redazione : Stefania Bertoldo, Emanuela Bissolo, Antonio Bressan Data applicazione : 13 maggio 011 Verifica:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

La polmonite di origine extraospedaliera

La polmonite di origine extraospedaliera La polmonite di origine extraospedaliera Premessa La polmonite è una infezione acuta del parenchima polmonare che si associa a sintomi di infezione e alla presenza di un infiltrato alla radiografia del

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

CRITERI DI APPLICAZIONE DELLA NOTA AIFA 92

CRITERI DI APPLICAZIONE DELLA NOTA AIFA 92 Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.166 relativo a: CRITERI DI APPLICAZIONE DELLA NOTA AIFA 92 Luglio

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Meningite e sepsi ad etiologia batterica: Protocollo d intervento

Meningite e sepsi ad etiologia batterica: Protocollo d intervento Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria sanita.pubblica@regione.piemonte.it Luglio 2015 Meningite e sepsi ad etiologia batterica: Protocollo d intervento PATOGENESI Il serbatoio naturale di

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

LA MENINGITE MENINGOCOCCICA

LA MENINGITE MENINGOCOCCICA Responsabile: Dott. Massimo Valsecchi Redazione: NEWSLETTER N. 4-2013 D.ssa Giuseppina Napoletano giuseppina.napoletano@ulss20.verona.i t Dott. Federico Gobbi federico.gobbi@sacrocuore.it Dott.ssa Emma

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA MENU INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA Malattia infettiva : Insieme di manifestazioni anatomo-funzionali,

Dettagli

La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica

La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica A. Le Pira, M. R. Politi, I. Conti, R. M. Pulvirenti, F. Bruno, E. Lionetti, P. Smilari, F. Greco Clinica Pediatrica, A.O.U.

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 18 giugno 2009 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I Gli allegati 1 4 dell ordinanza del DFI del 13 gennaio

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP)

ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004. Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) ISTRUZIONE OPERATIVA n 2/2004 Revisione 0 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELLA POLMONITE ACQUISITA IN COMUNITA (CAP) Ratificato dalla Commissione Aziendale per la Sorveglianza e il Controllo delle Infezioni

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

APPENDICE PROFILASSI ANTIBIOTICA IN PAZIENTI A RISCHIO DI INFEZIONE METASTATICA

APPENDICE PROFILASSI ANTIBIOTICA IN PAZIENTI A RISCHIO DI INFEZIONE METASTATICA APPENDICE PROFILASSI ANTIBIOTICA IN PAZIENTI A RISCHIO DI INFEZIONE METASTATICA LE SEGUENTI LINEE GUIDA SONO STATE DERIVATE DA QUELLE DELL ASSOCIAZIONE AMERICANA DI CARDIOLOGIA. SI RACCOMANDA DI FARE RIFERIMENTO

Dettagli

Gestione in DEAp del bambino (0-36 mesi) con febbre senza segni di localizzazione (Fever Without Source, FWS) Dott. Fabrizio Scalercio

Gestione in DEAp del bambino (0-36 mesi) con febbre senza segni di localizzazione (Fever Without Source, FWS) Dott. Fabrizio Scalercio Gestione in DEAp del bambino (0-36 mesi) con febbre senza segni di localizzazione (Fever Without Source, FWS) Dott. Fabrizio Scalercio Note preliminari (1) Dal 5 al 22% dei bambini febbrili che accede

Dettagli

La tubercolosi (TBC) in età pediatrica, soprattutto nei bambini < 5 anni di età, è considerata un

La tubercolosi (TBC) in età pediatrica, soprattutto nei bambini < 5 anni di età, è considerata un LA TUBERCOLOSI A SCUOLA Leila Bianchi, Claudia Fancelli Ospedale Pediatrico Anna Meyer Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino - Università degli Studi di Firenze La tubercolosi

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA)

EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) L. Tadini EMORRAGIA SUBARACNOIDEA (ESA) E caratterizzata da un sanguinamento nello spazio subaracnoideo con spandimento di sangue tra le due leptomeningi. Può manifestarsi in qualsiasi fascia di età ma

Dettagli

Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI

Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI Giorgio Bartolozzi Caserta 19 febbraio 2009 = processo infettivo e infiammazione a carico del parenchima cerebrale = Sofferenza generalizzata della

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org

La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future. Marina Picca. Milano. www.sicupp.org La gestione ambulatoriale del bambino con IVU: stato attuale e prospettive future Marina Picca Milano www.sicupp.org Il caso di Lattante 6 mesi, maschio. Madre riferisce persistenza di urine maleodoranti.

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

Le meningiti che a volte non vanno

Le meningiti che a volte non vanno MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Le meningiti che a volte non vanno SESSIONE PLENARIA: Le urgenze in reparto Presidente: P. Tovo Moderatori: R. Miniero

Dettagli

Riassunto delle Caratteristiche del prodotto 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

Riassunto delle Caratteristiche del prodotto 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Riassunto delle Caratteristiche del prodotto 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE PNEUMOVAX, soluzione iniettabile in flaconcino Vaccino pneumococcico polisaccaridico 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF ((*03/.&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&357$$*/-&/&--3&(*0/&'3*6-*7&/&;* (*6-* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

WND: sintomatologia ed evoluzione. Dr.ssa Anna Maria Cattelan

WND: sintomatologia ed evoluzione. Dr.ssa Anna Maria Cattelan WND: sintomatologia ed evoluzione Dr.ssa Anna Maria Cattelan L uomo e le Malattie Infettive L equilibrio dinamico che regola la diffusione o il controllo di una infezione generalmente dipende da tre fattori:

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Le polmoniti acquisite in comunità

Le polmoniti acquisite in comunità Le polmoniti acquisite in comunità Cosa può aggiungere il metodologo? Oreste Capelli CeVEAS (Centro per la Valutazione dell Efficacia dell Assistenza Sanitaria) Evidence-based Medicine What it is and what

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Complicanze Erniazione transitoria L idrocefalo infarti Convulsioni

Complicanze Erniazione transitoria L idrocefalo infarti Convulsioni Complicanze Erniazione transitoria è causata da da un diffuso rigonfiamento del cervello o idrocefalo; l erniazione può essere asimmetrica quando sono presenti lesioni focalizzate da un lato. L idrocefalo

Dettagli

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C SOCIETA MEDICO-CHIRURGICA FERRARA Anastasio Grilli UO Malattie Infettive Universitaria Dipartimento Medico 19 settembre 2015 Epidemiologia e storia

Dettagli

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA U.O. CLINICA PEDIATRICA NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO M.R. Politi¹, I. Conti¹, R.M. Pulvirenti¹, P.

Dettagli

L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita

L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita Copertura vaccinale MPR (o R) insufficiente La circolazione del rubeovirus è ridotta I soggetti suscettibili

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli