PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla"

Transcript

1 PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla INTRODUZIONE I primi problemi intimi della bambina possono insorgere precocemente, molto prima di quanto pensino i genitori. La vulnerabilità del corpo ancora immaturo, lo rende più esposto ad infezioni ed irritazioni. Analizzando le problematiche ginecologiche dell'infanzia, con particolare attenzione alle perdite vaginali, emerge come primo dato che la principale causa eziopatogenetica sia, quasi certamente, da ricercare nelle cattive abitudini igieniche dei propri figli. E' compito, pertanto, dei genitori insegnare ad usare, in particolare alle proprie figlie, l'unica vera arma che le difenderà tutta la vita: una corretta ed appropriata igiene intima. Non è, infatti, un caso che ben oltre la metà dei problemi vulvo-vaginali potrebbero essere evitati insegnando, sin dall'infanzia,ad utilizzare corrette norme igieniche e specifici detergenti intimi. Una corretta igiene intima infatti, svolge una funzione non solo curativa ma spesso anche preventiva. La mamma ha, in tutto ciò, un ruolo delicatissimo, soprattutto, nell'insegnare alla propria figlia, con il suo esempio, una ritualità femminile, fatta di semplici gesti, che entreranno a far parte della sua quotidianità. E' comunque compito degli operatori sanitari correggere gli errori legati a una cattiva igiene, fornire consigli e chiarire gli eventuali dubbi in merito a questa pratica. Tra le figure sanitarie coinvolte in questo programma preventivo possiamo giustamente collocare anche l'ostetrica. L ostetrica, difatti, (come è evidenziato nell articolo 1 del Decreto Ministeriale del 14 settembre 1994 n.740) e per quanto di sua competenza, partecipa ad interventi di educazione sanitaria sia nell ambito della famiglia che della stessa comunità. Attualmente la prevenzione della salute femminile è trattata sempre più frequentemente dai vari mezzi di comunicazione (giornali, radio, televisione ed internet) tuttavia, non viene dedicato spazio alcuno alla prevenzione ginecologica dell'infanzia. Da qui l'idea di proporre alle mamme un questionario, relativo all'igiene intima, con lo scopo di rilevarne il grado di conoscenza e l'eventuale necessità di attuare piani di educazione sanitaria. Questa indagine non è stata priva di difficoltà per la comprensibile diffidenza manifestata dalle mamme e talvolta anche degli stessi insegnanti delle scuole in cui il questionario è stato proposto. Nonostante ciò, sono state diverse le mamme che, dopo le prime incertezze, si sono rese particolarmente disponibili a compilare il questionario e, soprattutto, hanno manifestato un elevato interesse ad approfondire l'argomento. 1

2 LA RICERCA Materiali e metodi La ricerca è stata condotta presso sei Scuole dell'infanzia della provincia di Milano e Cremona (quattro scuole statali e due private) dove sono stati somministrati 315 questionari relativi all'igiene intima, alle rispettive madri di bambine di età compresa tra 1 e 9 anni. Il questionario, anonimo e articolato in undici domande a risposta chiusa, è stato proposto secondo differenti modalità, sulla base delle specifiche richieste delle varie scuole interpellate. Quattro scuole, infatti, hanno preferito presentare direttamente il questionario durante una riunione in cui erano presenti tutti i genitori, mentre due asili hanno espressamente richiesto la mia presenza al fine di poter chiarire eventuali dubbi. Inoltre tre istituti, per questioni organizzative, hanno ritenuto utile che il questionario venisse compilato immediatamente, mentre altri tre hanno preferito che questo venisse somministrato in classe dalle maestre e compilato successivamente a casa. Ulteriori 50 questionari sono stati consegnati direttamente alle mamme al di fuori degli edifici scolastici, ottenendo così un numero complessivo di 365 questionari somministrati. Scopo di questa ricerca, condotta su un campione di popolazione femminile pediatrica sufficientemente ampio, è stato la valutazione delle conoscenze delle madri relativamente all'igiene intima, così da valutare l'eventuale necessità di un intervento di educazione sanitaria. Risultati Su un totale di 365 questionari proposti, solo 200 hanno ottenuto una adeguata risposta (54,8%). L'adesione alla compilazione del questionario somministrato ha mostrato differenze significative all'interno delle diverse scuole, come illustrato nella Figura 3. La Scuola E è stata quella che ha aderito maggiormente alla compilazione del questionario (85,5% di questionari restituiti), mentre la minor adesione è stata riscontrata all'interno della Scuola F (7,6%). 2

3 numero questionari Scuola A Scuola B Scuola D Scuola C Scuola E Scuola F Ulteriori questionari Questionari restituiti Questionari non restituiti Figura 3 - Adesione alla compilazione del questionario nei diversi asili sul totale dei 365 questionari consegnati Domanda 1: Quanti anni ha la sua bambina? La distribuzione dell'età, come si può osservare dalla Figura 4, non è uniforme ed è numero bambine ANNO 2 ANNI 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI 6 ANNI 7 ANNI 8 ANNI 9 ANNI prevalentemente concentrata nella fascia compresa tra i 3 e i 5 anni. Figura 4 -Stratificazione per età della popolazione femminile pediatrica esaminata Domanda 2: Per la propria igiene quotidiana quale sanitario utilizza?

4 La valutazione dei risultati ha mostrato che, su un totale di 200 questionari restituiti, 90 bambine utilizzano abitualmente la doccia, 109 utilizzano la vasca da bagno mentre una mamma ha dichiarato che la propria figlia non utilizza nessuno dei due sanitari indicati.. Domanda 3: Con quale frequenza li utilizza? Sei mamme hanno dichiarato che la propria figlia si serve della doccia/vasca una sola volta alla settimana, 34 due volte/settimana, 58 tre volte/settimana e 97 tutti i giorni. Domanda 4: Chi provvede abitualmente all'igiene della bambina? Si è riscontrato che a provvedere abitualmente all'igiene della bambina, sono state nel 73,5% dei casi, le stesse madri mentre nell'11% del campione analizzato è la bambina stessa ad occuparsi della propria pulizia mentre solo in piccola percentuale provvedono nonni, babysitter e padri. Domanda 5: Quante volte la bambina pratica l'igiene intima durante la giornata? Come indicato nella Figura 5 il 70% delle bambine pratica l'igiene intima 1-2 volte al giorno, il 9% tre o più volte al giorno mentre il 18% ogni qual volta utilizza i servizi igienici. 3% 1% 18% 70% 9% Mai 1-2 volte al gg 3 o più volte al gg Ogni qual volta utilizza i servizi igienici Altro Figura 5 - Frequenza con cui le bambine praticano l'igiene intima Domanda 6: Per provvedere all'igiene intima della sua bambina utilizza prevalentemente? Solo il 40% delle bambine fa uso di un detergente intimo specifico per l'età pre-pubere. Il 34% si serve dello stesso detergente intimo che utilizza tutta la famiglia, il 10% fa uso del comune bagnoschiuma e il restante 9% è equamente suddiviso nell'uso di altri prodotti (acqua, salviettine igieniche etc.). Domanda 7: Dopo aver provveduto all'igiene intima la bambina con che cosa si asciuga? Il 58% delle madri ha affermato che la propria figlia utilizza una salvietta da bidet a proprio uso esclusivo mentre il 5% usa la carta igienica. Figura 6 4

5 20% 17% 5% 58% Con la carta igienica Con la salvietta da bidet che utilizza la mamma o il resto della famiglia Con la salvietta/accappatoio che la bambina utilizza per asciugare tutto il resto del corpo Con la salvietta da bidet ad uso esclusivo della bambina Figura 6 - Accessorio utilizzato dalle bambine per asciugarsi Domanda 8: Dopo la minzione (dopo aver fatto la pipì) con quale modalità la bambina si asciuga? Le mamme hanno risposo che nel 44% dei casi le bambine si asciugano tamponando. La percentuale di bambine che fanno scorrere la mano dall'ano verso i genitali (25%) è inferiore rispetto alle bambine che compiono il movimento opposto (29%). Il 4% delle mamme, invece, ignora quale sia la tecnica utilizzata dalla propria figlia per asciugarsi. Domanda 9: Quando la bambina utilizza i servizi igienici si lava le mani? La maggior parte delle bambine si lava le mani dopo aver utilizzato i servizi igienici (68%) e solo il 16% compie questa azione ancor prima di utilizzare i servizi igienici. Figura 7 3% 4% 10% 68% 16% prima dell'utilizzo dopo l'utilizzo prima e dopo l'utilizzo mai altro Figura 7 Frequenza della pulizia delle mani 5

6 Domanda 10: La sua bambina ha mai avuto problemi, anche di lieve entità, a livello dei genitali esterni (arrossamento, prurito, bruciore, perdite vaginali etc.)? Il 69% ha riportato che la propria figlia ha avuto qualche problema. Bruciore, prurito, arrossamento dei genitali esterni, perdite vaginali anomale, disuria, sanguinamento, sinechie sono stati i segni o i sintomi maggiormente riferiti. Domanda 11: Ha mai sentito parlare di perdite vaginali in età pre-pubere? Il 53% delle madri intervistate non ha mai sentito parlare di perdite vaginali nell'infanzia. Per il 19% il pediatra è l'unica fonte di informazione. La figura dell'ostetrica non è stata mai citata e solo una mamma su 200 ha menzionato come fonte di informazione un operatore sanitario (infermiera del nido). Figura 8 Figura 8 Conoscenza relativa alle perdite vaginali in età pre-pubere 53% 9% 9% 19% 12% no, mai si, dal pediatra medico di famiglia si, da un'amica/parente si, tramite tv/giornali altro Discussione Lo studio mostra una notevole differenza di adesione alla ricerca, da parte delle madri, a seconda delle diverse Scuole dell'infanzia coinvolte probabilmente condizionata dalla differente collaborazione con i docenti. Inizialmente, quasi tutte le mamme sottoposte al questionario, a causa dell'argomento trattato, si sono mostrate diffidenti. Poiché, la ginecologia dell'infanzia è ancor'oggi ampiamente sconosciuta, la collaborazione degli insegnanti, per superare questo primo ostacolo, si è dimostrata di primaria importanza. Al riguardo, non sono noti studi analoghi con cui poter paragonare i risultati da noi osservati. Il campione di popolazione pediatrica femminile è concentrato prevalentemente nella fascia d'età compresa tra i 3 e i 5 anni in quanto i questionari sono stati consegnati prevalentemente nelle Scuole dell'infanzia. 6

7 Le mamme hanno riferito che le loro figlie hanno utilizzato maggiormente la vasca da bagno per la pulizia del corpo. Sebbene di per sé l'utilizzo della vasca da bagno non costituisca uno dei principali fattori di rischio per il manifestarsi delle perdite vaginali nell'infanzia, tuttavia è preferibile suggerire, soprattutto se le figlie sono particolarmente predisposte a questo genere di affezioni, l'utilizzo della doccia. La doccia infatti permette un maggior ricambio d'acqua (a differenza della vasca da bagno) per cui i microrganismi, abitualmente presenti su tutto il corpo, non rischiano di essere trasportati nell'area genitale dove potrebbero diventare patogeni. Dalla disamina dei dati ottenuti, risulta evidente che è la stessa madre ad educare la figlia all'igiene intima, è lei la figura di maggior riferimento che deve spiegare le finalità dell'atto senza creare la tipica reazione di rifiuto dei bambini. Per tutte le bambine, la madre rappresenta,infatti, l'unico modello di riferimento per ogni gesto o abitudine quotidiana. Sulla base di questi presupposti si ritiene che debbano essere proprio le mamme le destinatarie di interventi di educazione sanitaria così che, esse stesse, possano acquisire una propria competenza da trasmettere successivamente alle figlie. Tuttavia i destinatari dell'azione educativa (le madri) non coincidono con le persone su cui intendiamo promuovere la salute (le bambine). Questo potrebbe risultare il metodo migliore in quanto, così facendo, non si dovrà correggere direttamente un'abitudine igienica scorretta, ma si andrà a modificare quest'ultima ancora prima che venga trasmessa dalla madre alla figlia. Numerose sono le ricerche che hanno evidenziato come l'igiene intima possa essere una delle cause di perdite vaginali già nell'infanzia. In particolare, Pierce e coll. hanno osservato nella loro ricerca come la cattiva igiene sia il principale fattore eziopatogenetico associato alla vulvovaginite. 18 Lo studio di Paradise e coll. Ha mostrato come il 100% delle pazienti con cattiva igiene, responsabile di vulvovaginite, migliori dopo l'istituzione di corrette norme di igiene intima. 16 Questa pratica deve essere quindi puntuale e quotidiana e in generale, nelle bambine dovrebbe essere eseguita mediamente tre volte al giorno (al mattino, il pomeriggio al momento del rientro a casa dalla scuola e la sera prima di coricarsi). Non solo la ridotta frequenza, ma anche quella troppo elevata di lavaggi vaginali può essere controproducente. Gli eccessivi lavaggi vanno infatti ad alterare la normale flora residente del tratto genitale, ed esponendo la bambina ad un maggior rischio infettivo. E' noto che è controindicato lavarsi in modo eccessivo con detergenti, poiché questi possono distruggere la flora dermica che normalmente impiega circa un'ora per riformarsi. Un ulteriore studio di Paradise ha evidenziato come la miglior terapia contro le perdite vaginali, oltre alle buone norme igieniche, sia anche l'utilizzo di adeguati detergenti. 17 Sarebbe opportuno che la bambina non facesse uso del detergente intimo normalmente utilizzato da tutta la famiglia, in quanto le condizioni fisiologiche sono ben diverse. Le bambine necessitano, infatti, di prodotti con un ph tendenzialmente più acido (5-5,5), che vada a sopperire la naturale carenza di acidità locale tipica dell'età prepubere. Come è noto, il nostro studio ha evidenziato che solo il 34% delle bambine utilizza un detergente intimo comune a tutti i componenti familiari. Attualmente si suggeriscono detergenti intimi specifici per l'infanzia possibilmente dotati di attività battericida e antifungina, anallergici, senza profumazioni e esser dotati di proprietà lenitive, antinfiammatorie. 7

8 Alternativamente è preferibile utilizzare saponi naturali, prodotti con olio o grassi e carbonio di sodio o potassio. Questi saponi sono noti per non contenere allergeni, per la loro attività germicida (ad eccezione dei miceti) e preparano un buon terreno di acidi grassi per la flora dermica. I saponi sintetici hanno invece per lo più azione detergente, non sono germicidi e sono dei potenziali serbatoi di germi. Fondamentale è soprattutto, non eccedere nei lavaggi con sola acqua, per non impoverire il film idrolipidico locale, cioè lo strato protettivo che difende l'epidermide. L'atteggiamento più semplice consiste nel creare dei meccanismi di barriera, utilizzando per esempio un detergente intimo che acidifichi l'ambiente vaginale, rinforzandolo. Importante è sfatare il messaggio che più c'è schiuma, più ci si lava : la schiuma infatti è nota distruggere i lipidi in superficie e alterare il normale equilibrio della pelle, spesso in modo irreversibile. Negli ultimi anni sono state descritte numerose dermatiti da contatto provocate da detergenti non indicati per l'età pediatrica. Più articolata e complessa appare l'interpretazione dei risultati osservati in relazione al mezzo utilizzato dalla bambina per asciugarsi (domanda 7). E' molto importante che sia previsto un asciugamano ad uso personale nel bagno, per evitare eventuali passaggi di germi da mamma a figlia. Questa pratica trova riscontro solo nel 17% delle madri che hanno compilato il questionario. La carta igienica non è indicata in quanto non permette un'asciugatura adeguata dei genitali. Il clima umido, che si va a creare in seguito, costituisce l'ambiente di elezione per il moltiplicarsi di microrganismi nocivi, soprattutto funghi e virus. L'utilizzo di una salvietta unica per asciugare tutto il corpo comporta invece il rischio di un'eventuale trasporto di germi da una zona corporea ad un'altra, con la possibilità che questi germi da normali residenti diventino patogeni. Questa pratica è risultata essere ancora presente nel 20% delle bambine del nostro studio. E' buona norma asciugare in modo accurato la zona intima dopo la pulizia, evitando tuttavia di strofinare ripetutamente con la salvietta per non provocare irritazioni. E' essenziale che le mamme spieghino fin dall'inizio alle proprie figlie a pulirsi correttamente, sia dopo aver utilizzato i servizi igienici che dopo il bidet, evitando di far scorrere la mano, l'acqua o la carta igienica, dall'ano alla vagina, così da evitare di trasportare germi dalla zona perianale-perineale alla vagina. Manovra effettuata dal 25% delle bambine del nostro studio. Durante il lavaggio le aree zone vanno pulite separatamente dando la priorità alla vagina. Inoltre bisogna educare le bambine a lavarsi la regione anale con movimenti che vanno verso il dorso e l'area vaginale con movimenti verso il pube. I dati nella nostra indagine ben si confrontano con quelli di uno studio condotto da Stricker che ha evidenziato come sia ampiamente diffusa la scorretta asciugatura dei genitali dopo l'uso dei servizi igienici. 20 All'asilo, in spiaggia, al parco, i bambini spesso giocano seduti a terra dove possono venire facilmente a contatto con germi ostili. Le mani, soprattutto quelle delle più piccole, ospitano intere colonie di germi e microrganismi. Per questo motivo bisogna lavarle con relativa frequenza, in particolare prima e dopo l'utilizzo dei sanitari. E' auspicabile dedicare a questa operazione almeno alcuni minuti, sfregando ripetutamente dorso e palmo delle mani e pulendo accuratamente anche sotto le unghie. Un sapone non aggressivo risulta essere in questi casi il detergente più adeguato. 8

9 Secondo la nostra indagine sono solo il 16% le bambine che usano questa buona abitudine, indice che le mamme sono debitamente informate sull'utilità di una corretta igiene. Purtroppo non esistono in merito riferimenti bibliografici che ci permettano una valutazione di confronto. La domanda numero 10 mostra una convergenza di risultati tra la seguente ricerca e le numerose presenti in letteratura circa la frequenza delle problematiche ginecologiche dell'infanzia. Tuttavia questo dato rapportato ai risultati della domanda 11, che chiedeva alle madri se fossero a conoscenza della problematica delle perdite vaginali dell'infanzia, rafforzano l'ipotesi iniziale che, il riscontro di questa patologia è correlato da un inadeguato livello informativo e soprattutto da una scarsa conoscenza delle corrette modalità di igiene intima. Conclusioni I risultati ottenuti da questa indagine confermano quanto già osservato da altri autori: l'incidenza della patologia flogistica genitale dell'età pediatrica è relativamente elevata, ma risulta essere ampiamente sottostimata per una scarsa informazione di base sia a livello familiare che a livello scolastico. I dati confermano che la scarsa igiene perineale costituisce uno dei più importanti fattori predisponenti. Da un'attenta analisi dei questionari si conferma che sono le madri i principali interlocutori della bambina: a loro spetta il compito di insegnare, in maniera corretta, i principali rudimenti dell'igiene della regione genitale così da permettere loro, negli anni successivi e fino all'età adulta, di mantenere una corretta igiene intima ad insegnare alla bambina l'unica vera arma di difesa contro i problemi genitali: l'igiene intima. Sarà compito di pediatri, dei ginecologi e operatori sanitari, più in particolare ostetriche prevenire gli errori conseguenti una scorretta igiene genitale mediante interventi di educazione sanitaria, che secondo quanto evidenziato da questa ricerca sono ancora scarsamente diffusi. E' noto infatti che oltre la metà dei problemi vulvo-vaginali potrebbero essere evitati insegnando alle bambine le corrette norme igieniche della regione genitale. Se dovessimo fornire ad una madre le regole comportamentali sul fronte igienico da adottare per la propria figlia figlia potremmo riassumerle nel seguente modo: -Igiene puntuale e quotidiana -Insegnare alla bambina a pulirsi in modo corretto -Asciugare in modo accurato la regione genitale -Proteggerla con detergenti appropriati -Disporre di una salvietta ad uso esclusivo della bambina. 9

10 Bibliografia 1. Ardigò A Società e salute, Angeli Milano Autori vari L'educazione sanitaria e il ruolo delle professioni infermieristiche, Collegio Infermiere professionali, Milano Biocca M Promozione della salute e sanità pubblica. Angeli, Milano Donders G.G.G Definition and classification of abnormal vaginal flora. Best Practice and Research Clinical Obstetrics and Gynecology- 2007;21: Enciclopedia della medicina- DeAgostini pag Embriologia generale- La goliardica pavese -Casasco E pag Fischer G.O Vulval disease in pre-pubertal girls Australian journal of dermatology- 2001;42: Ginecologia ed ostetricia- Società Editrice Universo-Pescetto G,De Cecco L, Pecorari D,Ragni N pag Hammerschlag MR, Alpert S, Rosner I et all. Microbiology of the vagina in children: normal and potentially pathogenic organism. Pediatrics- 1978;62: Ingrosso M La salute come costruzione sociale, Angeli, Milano Jasper J.M Vulvovaginitis in the prepubertal child- Clinical Pediatric Emergency Medicine ;10: Lepre A, Magistrelli A Educare alla salute, La nuova Italia, Firenze, Merkley K Vulvovaginitis and vaginal discharge in the pediatric patient- Journal of emergency nursing August 2005;31: Modolo M.A Educazione sanitaria e promozione della salute, Rossini, Firenze, Motta T, Motta F,Papa E, Scagnelli C, D'Alberton A Habitat vaginale in età prepubere 16. Paradise JE, Campos JM, Friedman HM, et al. Vulvovaginitis in premenarcheal girls: clinical features and diagnostic evaluation. Pediatrics 1980; 65: Paradise JE. Pediatric and adolescent gynecology. In Fleisher GR, Ludwig S. Textbook of pediatric emergency medicine Philadelphia: Lippincott, Williams and Wilkins; 2002: Pierce AM, Hart CA. Vulvovaginitis: causes and management. Arch Dis Chil 1992; 67: Progressi in ginecologia pediatrica- Edizioni Minerva Medica-Domini R pag pag Stricker T Vulvovaginitis- Paediatrics and child health- 2009;20:3 10

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli