PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla"

Transcript

1 PREVENZIONE DELLE PERDITE VAGINALI DELL'INFANZIA: EDUCAZIONE SANITARIA ALLE MADRI Debora Zaninelli, Dott.Tiziano Motta, Ostetrica Daniela Brambilla INTRODUZIONE I primi problemi intimi della bambina possono insorgere precocemente, molto prima di quanto pensino i genitori. La vulnerabilità del corpo ancora immaturo, lo rende più esposto ad infezioni ed irritazioni. Analizzando le problematiche ginecologiche dell'infanzia, con particolare attenzione alle perdite vaginali, emerge come primo dato che la principale causa eziopatogenetica sia, quasi certamente, da ricercare nelle cattive abitudini igieniche dei propri figli. E' compito, pertanto, dei genitori insegnare ad usare, in particolare alle proprie figlie, l'unica vera arma che le difenderà tutta la vita: una corretta ed appropriata igiene intima. Non è, infatti, un caso che ben oltre la metà dei problemi vulvo-vaginali potrebbero essere evitati insegnando, sin dall'infanzia,ad utilizzare corrette norme igieniche e specifici detergenti intimi. Una corretta igiene intima infatti, svolge una funzione non solo curativa ma spesso anche preventiva. La mamma ha, in tutto ciò, un ruolo delicatissimo, soprattutto, nell'insegnare alla propria figlia, con il suo esempio, una ritualità femminile, fatta di semplici gesti, che entreranno a far parte della sua quotidianità. E' comunque compito degli operatori sanitari correggere gli errori legati a una cattiva igiene, fornire consigli e chiarire gli eventuali dubbi in merito a questa pratica. Tra le figure sanitarie coinvolte in questo programma preventivo possiamo giustamente collocare anche l'ostetrica. L ostetrica, difatti, (come è evidenziato nell articolo 1 del Decreto Ministeriale del 14 settembre 1994 n.740) e per quanto di sua competenza, partecipa ad interventi di educazione sanitaria sia nell ambito della famiglia che della stessa comunità. Attualmente la prevenzione della salute femminile è trattata sempre più frequentemente dai vari mezzi di comunicazione (giornali, radio, televisione ed internet) tuttavia, non viene dedicato spazio alcuno alla prevenzione ginecologica dell'infanzia. Da qui l'idea di proporre alle mamme un questionario, relativo all'igiene intima, con lo scopo di rilevarne il grado di conoscenza e l'eventuale necessità di attuare piani di educazione sanitaria. Questa indagine non è stata priva di difficoltà per la comprensibile diffidenza manifestata dalle mamme e talvolta anche degli stessi insegnanti delle scuole in cui il questionario è stato proposto. Nonostante ciò, sono state diverse le mamme che, dopo le prime incertezze, si sono rese particolarmente disponibili a compilare il questionario e, soprattutto, hanno manifestato un elevato interesse ad approfondire l'argomento. 1

2 LA RICERCA Materiali e metodi La ricerca è stata condotta presso sei Scuole dell'infanzia della provincia di Milano e Cremona (quattro scuole statali e due private) dove sono stati somministrati 315 questionari relativi all'igiene intima, alle rispettive madri di bambine di età compresa tra 1 e 9 anni. Il questionario, anonimo e articolato in undici domande a risposta chiusa, è stato proposto secondo differenti modalità, sulla base delle specifiche richieste delle varie scuole interpellate. Quattro scuole, infatti, hanno preferito presentare direttamente il questionario durante una riunione in cui erano presenti tutti i genitori, mentre due asili hanno espressamente richiesto la mia presenza al fine di poter chiarire eventuali dubbi. Inoltre tre istituti, per questioni organizzative, hanno ritenuto utile che il questionario venisse compilato immediatamente, mentre altri tre hanno preferito che questo venisse somministrato in classe dalle maestre e compilato successivamente a casa. Ulteriori 50 questionari sono stati consegnati direttamente alle mamme al di fuori degli edifici scolastici, ottenendo così un numero complessivo di 365 questionari somministrati. Scopo di questa ricerca, condotta su un campione di popolazione femminile pediatrica sufficientemente ampio, è stato la valutazione delle conoscenze delle madri relativamente all'igiene intima, così da valutare l'eventuale necessità di un intervento di educazione sanitaria. Risultati Su un totale di 365 questionari proposti, solo 200 hanno ottenuto una adeguata risposta (54,8%). L'adesione alla compilazione del questionario somministrato ha mostrato differenze significative all'interno delle diverse scuole, come illustrato nella Figura 3. La Scuola E è stata quella che ha aderito maggiormente alla compilazione del questionario (85,5% di questionari restituiti), mentre la minor adesione è stata riscontrata all'interno della Scuola F (7,6%). 2

3 numero questionari Scuola A Scuola B Scuola D Scuola C Scuola E Scuola F Ulteriori questionari Questionari restituiti Questionari non restituiti Figura 3 - Adesione alla compilazione del questionario nei diversi asili sul totale dei 365 questionari consegnati Domanda 1: Quanti anni ha la sua bambina? La distribuzione dell'età, come si può osservare dalla Figura 4, non è uniforme ed è numero bambine ANNO 2 ANNI 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI 6 ANNI 7 ANNI 8 ANNI 9 ANNI prevalentemente concentrata nella fascia compresa tra i 3 e i 5 anni. Figura 4 -Stratificazione per età della popolazione femminile pediatrica esaminata Domanda 2: Per la propria igiene quotidiana quale sanitario utilizza?

4 La valutazione dei risultati ha mostrato che, su un totale di 200 questionari restituiti, 90 bambine utilizzano abitualmente la doccia, 109 utilizzano la vasca da bagno mentre una mamma ha dichiarato che la propria figlia non utilizza nessuno dei due sanitari indicati.. Domanda 3: Con quale frequenza li utilizza? Sei mamme hanno dichiarato che la propria figlia si serve della doccia/vasca una sola volta alla settimana, 34 due volte/settimana, 58 tre volte/settimana e 97 tutti i giorni. Domanda 4: Chi provvede abitualmente all'igiene della bambina? Si è riscontrato che a provvedere abitualmente all'igiene della bambina, sono state nel 73,5% dei casi, le stesse madri mentre nell'11% del campione analizzato è la bambina stessa ad occuparsi della propria pulizia mentre solo in piccola percentuale provvedono nonni, babysitter e padri. Domanda 5: Quante volte la bambina pratica l'igiene intima durante la giornata? Come indicato nella Figura 5 il 70% delle bambine pratica l'igiene intima 1-2 volte al giorno, il 9% tre o più volte al giorno mentre il 18% ogni qual volta utilizza i servizi igienici. 3% 1% 18% 70% 9% Mai 1-2 volte al gg 3 o più volte al gg Ogni qual volta utilizza i servizi igienici Altro Figura 5 - Frequenza con cui le bambine praticano l'igiene intima Domanda 6: Per provvedere all'igiene intima della sua bambina utilizza prevalentemente? Solo il 40% delle bambine fa uso di un detergente intimo specifico per l'età pre-pubere. Il 34% si serve dello stesso detergente intimo che utilizza tutta la famiglia, il 10% fa uso del comune bagnoschiuma e il restante 9% è equamente suddiviso nell'uso di altri prodotti (acqua, salviettine igieniche etc.). Domanda 7: Dopo aver provveduto all'igiene intima la bambina con che cosa si asciuga? Il 58% delle madri ha affermato che la propria figlia utilizza una salvietta da bidet a proprio uso esclusivo mentre il 5% usa la carta igienica. Figura 6 4

5 20% 17% 5% 58% Con la carta igienica Con la salvietta da bidet che utilizza la mamma o il resto della famiglia Con la salvietta/accappatoio che la bambina utilizza per asciugare tutto il resto del corpo Con la salvietta da bidet ad uso esclusivo della bambina Figura 6 - Accessorio utilizzato dalle bambine per asciugarsi Domanda 8: Dopo la minzione (dopo aver fatto la pipì) con quale modalità la bambina si asciuga? Le mamme hanno risposo che nel 44% dei casi le bambine si asciugano tamponando. La percentuale di bambine che fanno scorrere la mano dall'ano verso i genitali (25%) è inferiore rispetto alle bambine che compiono il movimento opposto (29%). Il 4% delle mamme, invece, ignora quale sia la tecnica utilizzata dalla propria figlia per asciugarsi. Domanda 9: Quando la bambina utilizza i servizi igienici si lava le mani? La maggior parte delle bambine si lava le mani dopo aver utilizzato i servizi igienici (68%) e solo il 16% compie questa azione ancor prima di utilizzare i servizi igienici. Figura 7 3% 4% 10% 68% 16% prima dell'utilizzo dopo l'utilizzo prima e dopo l'utilizzo mai altro Figura 7 Frequenza della pulizia delle mani 5

6 Domanda 10: La sua bambina ha mai avuto problemi, anche di lieve entità, a livello dei genitali esterni (arrossamento, prurito, bruciore, perdite vaginali etc.)? Il 69% ha riportato che la propria figlia ha avuto qualche problema. Bruciore, prurito, arrossamento dei genitali esterni, perdite vaginali anomale, disuria, sanguinamento, sinechie sono stati i segni o i sintomi maggiormente riferiti. Domanda 11: Ha mai sentito parlare di perdite vaginali in età pre-pubere? Il 53% delle madri intervistate non ha mai sentito parlare di perdite vaginali nell'infanzia. Per il 19% il pediatra è l'unica fonte di informazione. La figura dell'ostetrica non è stata mai citata e solo una mamma su 200 ha menzionato come fonte di informazione un operatore sanitario (infermiera del nido). Figura 8 Figura 8 Conoscenza relativa alle perdite vaginali in età pre-pubere 53% 9% 9% 19% 12% no, mai si, dal pediatra medico di famiglia si, da un'amica/parente si, tramite tv/giornali altro Discussione Lo studio mostra una notevole differenza di adesione alla ricerca, da parte delle madri, a seconda delle diverse Scuole dell'infanzia coinvolte probabilmente condizionata dalla differente collaborazione con i docenti. Inizialmente, quasi tutte le mamme sottoposte al questionario, a causa dell'argomento trattato, si sono mostrate diffidenti. Poiché, la ginecologia dell'infanzia è ancor'oggi ampiamente sconosciuta, la collaborazione degli insegnanti, per superare questo primo ostacolo, si è dimostrata di primaria importanza. Al riguardo, non sono noti studi analoghi con cui poter paragonare i risultati da noi osservati. Il campione di popolazione pediatrica femminile è concentrato prevalentemente nella fascia d'età compresa tra i 3 e i 5 anni in quanto i questionari sono stati consegnati prevalentemente nelle Scuole dell'infanzia. 6

7 Le mamme hanno riferito che le loro figlie hanno utilizzato maggiormente la vasca da bagno per la pulizia del corpo. Sebbene di per sé l'utilizzo della vasca da bagno non costituisca uno dei principali fattori di rischio per il manifestarsi delle perdite vaginali nell'infanzia, tuttavia è preferibile suggerire, soprattutto se le figlie sono particolarmente predisposte a questo genere di affezioni, l'utilizzo della doccia. La doccia infatti permette un maggior ricambio d'acqua (a differenza della vasca da bagno) per cui i microrganismi, abitualmente presenti su tutto il corpo, non rischiano di essere trasportati nell'area genitale dove potrebbero diventare patogeni. Dalla disamina dei dati ottenuti, risulta evidente che è la stessa madre ad educare la figlia all'igiene intima, è lei la figura di maggior riferimento che deve spiegare le finalità dell'atto senza creare la tipica reazione di rifiuto dei bambini. Per tutte le bambine, la madre rappresenta,infatti, l'unico modello di riferimento per ogni gesto o abitudine quotidiana. Sulla base di questi presupposti si ritiene che debbano essere proprio le mamme le destinatarie di interventi di educazione sanitaria così che, esse stesse, possano acquisire una propria competenza da trasmettere successivamente alle figlie. Tuttavia i destinatari dell'azione educativa (le madri) non coincidono con le persone su cui intendiamo promuovere la salute (le bambine). Questo potrebbe risultare il metodo migliore in quanto, così facendo, non si dovrà correggere direttamente un'abitudine igienica scorretta, ma si andrà a modificare quest'ultima ancora prima che venga trasmessa dalla madre alla figlia. Numerose sono le ricerche che hanno evidenziato come l'igiene intima possa essere una delle cause di perdite vaginali già nell'infanzia. In particolare, Pierce e coll. hanno osservato nella loro ricerca come la cattiva igiene sia il principale fattore eziopatogenetico associato alla vulvovaginite. 18 Lo studio di Paradise e coll. Ha mostrato come il 100% delle pazienti con cattiva igiene, responsabile di vulvovaginite, migliori dopo l'istituzione di corrette norme di igiene intima. 16 Questa pratica deve essere quindi puntuale e quotidiana e in generale, nelle bambine dovrebbe essere eseguita mediamente tre volte al giorno (al mattino, il pomeriggio al momento del rientro a casa dalla scuola e la sera prima di coricarsi). Non solo la ridotta frequenza, ma anche quella troppo elevata di lavaggi vaginali può essere controproducente. Gli eccessivi lavaggi vanno infatti ad alterare la normale flora residente del tratto genitale, ed esponendo la bambina ad un maggior rischio infettivo. E' noto che è controindicato lavarsi in modo eccessivo con detergenti, poiché questi possono distruggere la flora dermica che normalmente impiega circa un'ora per riformarsi. Un ulteriore studio di Paradise ha evidenziato come la miglior terapia contro le perdite vaginali, oltre alle buone norme igieniche, sia anche l'utilizzo di adeguati detergenti. 17 Sarebbe opportuno che la bambina non facesse uso del detergente intimo normalmente utilizzato da tutta la famiglia, in quanto le condizioni fisiologiche sono ben diverse. Le bambine necessitano, infatti, di prodotti con un ph tendenzialmente più acido (5-5,5), che vada a sopperire la naturale carenza di acidità locale tipica dell'età prepubere. Come è noto, il nostro studio ha evidenziato che solo il 34% delle bambine utilizza un detergente intimo comune a tutti i componenti familiari. Attualmente si suggeriscono detergenti intimi specifici per l'infanzia possibilmente dotati di attività battericida e antifungina, anallergici, senza profumazioni e esser dotati di proprietà lenitive, antinfiammatorie. 7

8 Alternativamente è preferibile utilizzare saponi naturali, prodotti con olio o grassi e carbonio di sodio o potassio. Questi saponi sono noti per non contenere allergeni, per la loro attività germicida (ad eccezione dei miceti) e preparano un buon terreno di acidi grassi per la flora dermica. I saponi sintetici hanno invece per lo più azione detergente, non sono germicidi e sono dei potenziali serbatoi di germi. Fondamentale è soprattutto, non eccedere nei lavaggi con sola acqua, per non impoverire il film idrolipidico locale, cioè lo strato protettivo che difende l'epidermide. L'atteggiamento più semplice consiste nel creare dei meccanismi di barriera, utilizzando per esempio un detergente intimo che acidifichi l'ambiente vaginale, rinforzandolo. Importante è sfatare il messaggio che più c'è schiuma, più ci si lava : la schiuma infatti è nota distruggere i lipidi in superficie e alterare il normale equilibrio della pelle, spesso in modo irreversibile. Negli ultimi anni sono state descritte numerose dermatiti da contatto provocate da detergenti non indicati per l'età pediatrica. Più articolata e complessa appare l'interpretazione dei risultati osservati in relazione al mezzo utilizzato dalla bambina per asciugarsi (domanda 7). E' molto importante che sia previsto un asciugamano ad uso personale nel bagno, per evitare eventuali passaggi di germi da mamma a figlia. Questa pratica trova riscontro solo nel 17% delle madri che hanno compilato il questionario. La carta igienica non è indicata in quanto non permette un'asciugatura adeguata dei genitali. Il clima umido, che si va a creare in seguito, costituisce l'ambiente di elezione per il moltiplicarsi di microrganismi nocivi, soprattutto funghi e virus. L'utilizzo di una salvietta unica per asciugare tutto il corpo comporta invece il rischio di un'eventuale trasporto di germi da una zona corporea ad un'altra, con la possibilità che questi germi da normali residenti diventino patogeni. Questa pratica è risultata essere ancora presente nel 20% delle bambine del nostro studio. E' buona norma asciugare in modo accurato la zona intima dopo la pulizia, evitando tuttavia di strofinare ripetutamente con la salvietta per non provocare irritazioni. E' essenziale che le mamme spieghino fin dall'inizio alle proprie figlie a pulirsi correttamente, sia dopo aver utilizzato i servizi igienici che dopo il bidet, evitando di far scorrere la mano, l'acqua o la carta igienica, dall'ano alla vagina, così da evitare di trasportare germi dalla zona perianale-perineale alla vagina. Manovra effettuata dal 25% delle bambine del nostro studio. Durante il lavaggio le aree zone vanno pulite separatamente dando la priorità alla vagina. Inoltre bisogna educare le bambine a lavarsi la regione anale con movimenti che vanno verso il dorso e l'area vaginale con movimenti verso il pube. I dati nella nostra indagine ben si confrontano con quelli di uno studio condotto da Stricker che ha evidenziato come sia ampiamente diffusa la scorretta asciugatura dei genitali dopo l'uso dei servizi igienici. 20 All'asilo, in spiaggia, al parco, i bambini spesso giocano seduti a terra dove possono venire facilmente a contatto con germi ostili. Le mani, soprattutto quelle delle più piccole, ospitano intere colonie di germi e microrganismi. Per questo motivo bisogna lavarle con relativa frequenza, in particolare prima e dopo l'utilizzo dei sanitari. E' auspicabile dedicare a questa operazione almeno alcuni minuti, sfregando ripetutamente dorso e palmo delle mani e pulendo accuratamente anche sotto le unghie. Un sapone non aggressivo risulta essere in questi casi il detergente più adeguato. 8

9 Secondo la nostra indagine sono solo il 16% le bambine che usano questa buona abitudine, indice che le mamme sono debitamente informate sull'utilità di una corretta igiene. Purtroppo non esistono in merito riferimenti bibliografici che ci permettano una valutazione di confronto. La domanda numero 10 mostra una convergenza di risultati tra la seguente ricerca e le numerose presenti in letteratura circa la frequenza delle problematiche ginecologiche dell'infanzia. Tuttavia questo dato rapportato ai risultati della domanda 11, che chiedeva alle madri se fossero a conoscenza della problematica delle perdite vaginali dell'infanzia, rafforzano l'ipotesi iniziale che, il riscontro di questa patologia è correlato da un inadeguato livello informativo e soprattutto da una scarsa conoscenza delle corrette modalità di igiene intima. Conclusioni I risultati ottenuti da questa indagine confermano quanto già osservato da altri autori: l'incidenza della patologia flogistica genitale dell'età pediatrica è relativamente elevata, ma risulta essere ampiamente sottostimata per una scarsa informazione di base sia a livello familiare che a livello scolastico. I dati confermano che la scarsa igiene perineale costituisce uno dei più importanti fattori predisponenti. Da un'attenta analisi dei questionari si conferma che sono le madri i principali interlocutori della bambina: a loro spetta il compito di insegnare, in maniera corretta, i principali rudimenti dell'igiene della regione genitale così da permettere loro, negli anni successivi e fino all'età adulta, di mantenere una corretta igiene intima ad insegnare alla bambina l'unica vera arma di difesa contro i problemi genitali: l'igiene intima. Sarà compito di pediatri, dei ginecologi e operatori sanitari, più in particolare ostetriche prevenire gli errori conseguenti una scorretta igiene genitale mediante interventi di educazione sanitaria, che secondo quanto evidenziato da questa ricerca sono ancora scarsamente diffusi. E' noto infatti che oltre la metà dei problemi vulvo-vaginali potrebbero essere evitati insegnando alle bambine le corrette norme igieniche della regione genitale. Se dovessimo fornire ad una madre le regole comportamentali sul fronte igienico da adottare per la propria figlia figlia potremmo riassumerle nel seguente modo: -Igiene puntuale e quotidiana -Insegnare alla bambina a pulirsi in modo corretto -Asciugare in modo accurato la regione genitale -Proteggerla con detergenti appropriati -Disporre di una salvietta ad uso esclusivo della bambina. 9

10 Bibliografia 1. Ardigò A Società e salute, Angeli Milano Autori vari L'educazione sanitaria e il ruolo delle professioni infermieristiche, Collegio Infermiere professionali, Milano Biocca M Promozione della salute e sanità pubblica. Angeli, Milano Donders G.G.G Definition and classification of abnormal vaginal flora. Best Practice and Research Clinical Obstetrics and Gynecology- 2007;21: Enciclopedia della medicina- DeAgostini pag Embriologia generale- La goliardica pavese -Casasco E pag Fischer G.O Vulval disease in pre-pubertal girls Australian journal of dermatology- 2001;42: Ginecologia ed ostetricia- Società Editrice Universo-Pescetto G,De Cecco L, Pecorari D,Ragni N pag Hammerschlag MR, Alpert S, Rosner I et all. Microbiology of the vagina in children: normal and potentially pathogenic organism. Pediatrics- 1978;62: Ingrosso M La salute come costruzione sociale, Angeli, Milano Jasper J.M Vulvovaginitis in the prepubertal child- Clinical Pediatric Emergency Medicine ;10: Lepre A, Magistrelli A Educare alla salute, La nuova Italia, Firenze, Merkley K Vulvovaginitis and vaginal discharge in the pediatric patient- Journal of emergency nursing August 2005;31: Modolo M.A Educazione sanitaria e promozione della salute, Rossini, Firenze, Motta T, Motta F,Papa E, Scagnelli C, D'Alberton A Habitat vaginale in età prepubere 16. Paradise JE, Campos JM, Friedman HM, et al. Vulvovaginitis in premenarcheal girls: clinical features and diagnostic evaluation. Pediatrics 1980; 65: Paradise JE. Pediatric and adolescent gynecology. In Fleisher GR, Ludwig S. Textbook of pediatric emergency medicine Philadelphia: Lippincott, Williams and Wilkins; 2002: Pierce AM, Hart CA. Vulvovaginitis: causes and management. Arch Dis Chil 1992; 67: Progressi in ginecologia pediatrica- Edizioni Minerva Medica-Domini R pag pag Stricker T Vulvovaginitis- Paediatrics and child health- 2009;20:3 10

Igiene femminile: momenti intimi

Igiene femminile: momenti intimi Igiene femminile: momenti intimi Per quanto riguarda l importante step di freschezza, l igiene intima femminile, innanzitutto occorre prendere in considerazione l ecosistema vaginale, che preserva i naturali

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

Per prodotti dermatologicamente. e approvati.

Per prodotti dermatologicamente. e approvati. Per prodotti dermatologicamente testati e approvati. La pelle sensibile richiede cure speciali La pelle è, fra gli organi del nostro corpo, quello di maggiori dimensioni. Giorno dopo giorno ci protegge

Dettagli

Candida: prevenire e combattere le infezioni ginecologiche

Candida: prevenire e combattere le infezioni ginecologiche Candida: prevenire e combattere le infezioni ginecologiche Società italiana di Ginecologia e Ostetricia 2 Introduzione La candida è la più frequente e diffusa infezione intima femminile. Colpisce, almeno

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo UN PROGETTO EDUCATIVO PER IL CENTRO DI ROVERETO Cos è l educazione terapeutica? Perché è importante? L educazione terapeutica può contribuire a migliorare la qualità delle cure quotidiane eseguite dal

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Igiene personale ed ambientale

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Igiene personale ed ambientale Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE Igiene personale ed ambientale Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale LECCE Come affrontare i problemi

Dettagli

Questionario per le famiglie

Questionario per le famiglie Allegato Questionari di rilevazione Questionario per le famiglie Cari genitori, i Nidi e le Scuola dell infanzia, già da alcuni anni, sono impegnati in progetti di formazione e valutazione per il miglioramento

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Impara a rispondere alle sue domande. La pelle è lo scudo che protegge

Dettagli

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI La Vaccinazione contro il Papillomavirus: una vaccinazione nata per prevenire un cancro Il cancro del collo

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Giustiniano7 -Trieste Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 I questionari sono stati distribuiti agli alunni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Dalla seta un tessuto contro le infezioni

Dalla seta un tessuto contro le infezioni 06-03-2014 LETTORI 495.000 Dalla seta un tessuto contro le infezioni ProdottoitalianosconosciutoinItaliamarimborsatoall'estero Ilbacodaseta(Bombyxmori) (ANSA) - MILANO, 6 MAR - Un brevetto italiano alla

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine)

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 3. CODICE

Dettagli

Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori,

Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori, Corretto uso di prodotti cosmetici e rischi correlati a prodotti non sicuri, scaduti o impropriamente utilizzati Evento formativo per operatori, docenti per la sensibilizzazione degli studenti delle scuole

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2013-2014. la carta dei servizi è uno strumento che vi permette di conoscere il nostro servizio educativo.

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2013-2014. la carta dei servizi è uno strumento che vi permette di conoscere il nostro servizio educativo. CARTA DEI SERVIZI Anno scolastico 2013-2014 > Che cos'è la carta dei servizi la carta dei servizi è uno strumento che vi permette di conoscere il nostro servizio educativo. E' un impegno concreto da parte

Dettagli

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 134 elenco prodotti detergenti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 LILLIMAN Lavamani delicato profumato pag 140 Igienizzanti LILLIGEN Lavamani igienizzante

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M

QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA. Nome del bambino: Sesso: F M QUESTIONARIO SODDISFAZIONE FAMIGLIA Ministero della Salute - Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie (CCM) Progetti applicativi al programma CCM 2009 Presa in carico precoce nel primo anno di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 68 DEL 30/07/2009 IN VIGORE

Dettagli

PROTECTION CREAM CREMA MANI PROTETTIVA

PROTECTION CREAM CREMA MANI PROTETTIVA PROTECTION CREAM CREMA MANI PROTETTIVA 1. Carta d'identità.2 2. Formula...3 3. Test d efficacia.....4 4. Packaging.5 5. Posizionamento prodotto...6 7. I complementari...7 8. Domande...8/9 1 CARTA D'IDENTITÀ

Dettagli

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE Agenda Obiettivi e metodologia Sezione Medici di Medicina Generale Sezione pazienti Obiettivi della ricerca Approfondire

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV COMUNE DI SALUZZO RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV A cura dell'ufficio Controllo Interno di Gestione ottobre 2013 PREMESSA Nell'ottica del miglioramento

Dettagli

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO Cosa sono le MST? Le malattie sessualmente trasmissibili, dette anche malattie veneree,

Dettagli

100% naturale certificata. Per la pelle sensibile: Linea Corpo Mandorla Bio Sensitive

100% naturale certificata. Per la pelle sensibile: Linea Corpo Mandorla Bio Sensitive 100% naturale certificata Per la pelle sensibile: Linea Corpo Mandorla Bio Sensitive La pelle sensibile La pelle, è abito prezioso che definisce i confini del nostro corpo e anche il nostro organo di senso

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze LA PEDICULOSI NELLE SCUOLE prevenzione e controllo Assistente Sanitario Dott.ssa Elisa Sereno, Dott.ssa Daniela Zocchi U.O. Assistenza Sanitaria in Ambito Preventivo Direttore

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012

Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana. Anno 2012 Il sistema di valutazione delle performance della sanità toscana Risultati dell indagine di clima interno Anno 2012 Laboratorio MeS Istituto di Management Firenze, 22 Febbraio 2013 Premessa Il presente

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

PROGETTO INDOOR SCHOOL

PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti

Dettagli

Azione Altrotempo Zero Sei

Azione Altrotempo Zero Sei Azione Altrotempo Zero Sei Indagine nuovi servizi bambini e famiglie - 2015 Città di Caselle Torinese (Restituzione risultati - a cura di Daniela Perino, Pro.ge.s.t. s.c.s.) N. 51 risposte (compilazione

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA ~ 1 ~ SCUOLA DELL INFANZIA DINO BUZZATI LEVEGO A.S. 2014-15 CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA L'accoglienza nelle Scuole dell'infanzia Statali prevede: MOMENTI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI

Dettagli

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Dr. Kristin Kernland Lang, Dirigente Medico e Consulente di Dermatologia pediatrica, Clinica Dermatologica Universitaria,

Dettagli

Allegato 39. Metodo dello studio (1)

Allegato 39. Metodo dello studio (1) Allegato 39 Protocollo per la valutazione della tollerabilità e accettabilità del prodotto a base alcolica per la frizione delle mani, in corso di utilizzo Metodo dello studio (1) All incirca 40 partecipanti

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

Come nasce VIM Professional

Come nasce VIM Professional Come nasce VIM Professional Da oltre 100 anni il marchio VIM è conosciuto da generazioni di consumatori sia in Italia che in Europa come sinonimo di qualità pulente ed igienizzante. Per questo motivo nasce

Dettagli

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone LINEA DI PRODOTTI NaturOzone Basate su SOSTANZE NATURALI OZONIZZATE, mediante un processo di ozonizzazione scientificamente raffinato, deodorati e arricchiti di ossigeno attivo biodisponibile. I PRODOTTI

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

Simona Mencarini Psicologa

Simona Mencarini Psicologa Simona Mencarini Psicologa COMPORTAMENTI PROBLEMA Con il termine Comportamenti problema (Challenging behaviour CB) si riferisce a un comportamento di tale intensità, frequenza o durata che la sicurezza

Dettagli

Tricotomia pre-operatoria

Tricotomia pre-operatoria Tricotomia pre-operatoria Introduzione La corretta preparazione pre-operatoria della cute del paziente è uno degli elementi chiave nel controllo delle infezioni del sito chirurgico. La tricotomia, considerata

Dettagli

LA METODOLOGIA DI PASSI

LA METODOLOGIA DI PASSI LA METODOLOGIA DI PASSI IL QUESTIONARIO L INTERVISTA TELEFONICA ruolo dell intervistatore criticità emerse Marinella Giuliano Dipartimento Prevenzione ASL 2 Savonese Savona, 7 Maggio 2007 LA METODOLOGIA

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

LAVAGGIO DELLE MANI 1

LAVAGGIO DELLE MANI 1 LAVAGGIO DELLE MANI 1 Piccoli cenni storici Per secoli il lavaggio delle mani con acqua e sapone è stato considerato una misura di igiene personale, mentre la connessione con la trasmissione delle malattie

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE

DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE DIPARTIMENTO ASSI - AREA FAMIGLIA PROGETTO PINOCCHIO ATTIVITA' PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE DEL BAMBINO IN ETA' PRESCOLARE A cura dei consultori familiari di Breno, Darfo B.T., Edolo in collaborazione

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore.

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore. IL BAGNO LA TOELETTATURA Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, non emana cattivo odore. Ad ogni modo, essendo il cane da

Dettagli

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti.

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Perché l attività motoria? IL SOVRAPPESO IN ITALIA 4-5 abitanti su 10 soffrono di sovrappeso o obesità. Circa il 4% di bambini

Dettagli

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi,

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi, SINDROME DEL TUNNEL CARPALE ED IMPRESE DI PULIZIA: UN BINOMIO DA NON TRASCURARE. D. di Carlo, G.Tangredi, M. Giudici, K. Papini Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro Azienda G. Salvini Garbagnate

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne

STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne STUDIO CONOSCITIVO L industria delle donne Sintesi dei risultati di ricerca Milano, 13 aprile 2011 SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA All interno dei propri progetti di sensibilizzazione del mondo della

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena

Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi educativi per l infanzia: una ricerca in provincia di Modena CONVEGNO INTERNAZIONALE Vivere e crescere nella comunicazione Educazione Permanente nei differenti contesti ed età della vita Bressanone, 16-17 dicembre 2011 Il ruolo del coordinatore pedagogico nei servizi

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans, molt o frequente e la Candida glabrata.

Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans, molt o frequente e la Candida glabrata. CHE COS'E' LA CANDIDA: La Vaginite micotica è una malattia provocata da un fungo appartenente al genere Candida. Esistono due tipi di candida responsabili di infezioni a livello vaginale: la Candida albicans

Dettagli

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici A cura di Sabrina Gallinelli La realizzazione del sondaggio online e del

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2

TICINO. Palermo 11.05.2011 2. Palermo 11.05.2011. 2 IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO CONSAPEVOLE ALLE CURE Palermo 11.05.2011 1 TICINO Palermo 11.05.2011 2 Palermo 11.05.2011. 2 Richiesta parlamentare di un programma di screening mammografico in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Meglio informati sull occhio secco

Meglio informati sull occhio secco Meglio informati sull occhio secco Quelli con l arcobaleno Iride Strato lipidico Strato acquoso Strato di mucina Pellicola lacrimale Cristallino Pupilla Cornea Ghiandole di Meibomio L occhio secco I suoi

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri

Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri La sicurezza si può apprendere Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri Obiettivo I lavoratori imparano a proteggersi le mani. Formatori Datori di

Dettagli

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno - Quarrata (PT) Istituto Comprensivo - Montale (PT) Istituto Comprensivo Frank-Carradori - Pistoia Istituto Comprensivo Enrico Fermi - Casalguidi (PT)...NEL

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Informativa sull influenza A/H1N1

Informativa sull influenza A/H1N1 Informativa sull influenza A/H1N1 Indicazioni per il personale aziendale per ridurre il rischio di diffusione della malattia Indicazioni per i Responsabili di Sede per ridurre il rischio di diffusione

Dettagli

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Vag SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso Benessere intimo Vag ovuli vaginali BENESSERE INTIMO

Dettagli

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento INDIVIDUARE PER PREVENIRE E INTERVENIRE PROGETTO PER LA PREVENZIONE E VALUTAZIONE PRECOCE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA DELLE DIFFICOLTA

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle città. Visto dai bambini

Il benessere equo e sostenibile nelle città. Visto dai bambini Il benessere equo e sostenibile nelle città Visto dai bambini I bambini possono essere riconosciuti quali interlocutori privilegiati capaci come sono di offrire punti di vista originali e utili per la

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli