Prot. n Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma GUIDONIA (RM)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM)"

Transcript

1 Roma, 23 maggio 2003 Ufficio D2- Disciplina del commercio Prot. n Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma GUIDONIA (RM) Oggetto: Legge 25 agosto 1991, n Apertura esercizi di somministrazione all interno di un centro agroalimentare E, p. c. Alla Regione Lazio Settore Commercio Via R.R. Garibaldi ROMA All ANCI Via dei Prefetti ROMA Codesto Comune fa riferimento alla richiesta di rilascio di due autorizzazioni per la somministrazione di alimenti e bevande di cui alla tipologia b) dell art. 5, comma 1, della legge 25 agosto 1991, n. 287, in locali ubicati all interno del Centro Agroalimentare Romano. Dalla documentazione allegata al quesito risulta che l accesso al Centro è limitato agli operatori grossisti locatari degli spazi nel mercato all ingrosso, ai produttori agricoli sia singoli che associati titolari delle assegnazioni, ai commercianti al dettaglio interessati agli acquisti, nonché, in orari limitati, ai consumatori, secondo quanto previsto dalla disciplina vigente. L accesso al Centro è, altresì, verificato da personale addetto al controllo che lo consente ai soli soggetti legittimati. 1

2 Stante la situazione codesto Comune chiede di conoscere il parere della scrivente in ordine alla applicazione o meno, nel caso di che trattasi, dei limiti numerici determinati ai sensi del comma 4 dell art. 4 della legge 25 agosto 1991, n A tale proposito si fa presente quanto segue. L esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande per espressa previsione della citata legge n. 287 è subordinato alla iscrizione del titolare dell impresa individuale o del legale rappresentante della società ovvero di un suo delegato, nel registro degli esercenti il commercio di cui all art. 1, della legge 11 giugno 1971, n. 426 e successive modificazioni e integrazioni, e al rilascio dell autorizzazione. (cfr. art. 2, comma 1). Ove la somministrazione sia rivolta al pubblico, ossia a chiunque ne faccia richiesta, l autorizzazione è rilasciata con riferimento alle tipologie di esercizio elencate alle lettere a), b), c) e d) dell art. 5, comma 1, della legge, sulla base di parametri numerici stabiliti per l intero territorio comunale o per zone del medesimo, mediante la procedura fissata dalla legge 5 gennaio 1996, n. 25. Trattasi nello specifico dei seguenti esercizi: a) esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari); b) esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari); c) esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e di bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari; d) esercizi di cui alla lettera b), nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione. Oltre a dette tipologie la legge n. 287 prevede una serie di esercizi legittimati a somministrare alimenti e bevande non al pubblico ma ad una 2

3 determinata cerchia di utenti, espressamente individuati, che sono elencati nelle lettere dalla a) alla h) dell art. 3, comma 6: a) al domicilio del consumatore; b) negli esercizi annessi ad alberghi, pensioni, locande o altri complessi ricettivi, limitatamente alle prestazioni rese agli alloggiati; c) negli esercizi posti nelle aree di servizio delle autostrade e all interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali e marittime; d) negli esercizi di cui all art. 5, comma 1, lettera c), nei quali sia prevalente l attività congiunta di intrattenimento e svago; e) nelle mense aziendali e negli spacci annessi ai circoli cooperativi e degli enti a carattere nazionale le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell Interno; f) esercitata in via diretta a favore dei propri dipendenti da amministrazioni, enti o imprese pubbliche; g) in scuole; in ospedali; in comunità religiose; in stabilimenti militari, delle forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco; h) nei mezzi di trasporto pubblico. Premesso quanto sopra, con riferimento al caso specifico segnalato da codesto Comune, la scrivente, nel concordare sul fatto che tra le tipologie di esercizio elencate all art. 3, comma 6, della legge n. 287, non è prevista la fattispecie in discorso, fa presente di ritenere che l attività di somministrazione svolta dagli esercizi all interno di un centro agroalimentare, per le caratteristiche che la connotano, possa ritenersi attivabile a prescindere dalle disponibilità previste nei parametri numerici. Quanto sopra sulla base della considerazioni nel prosieguo evidenziate. La pianificazione della rete degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande è prevista dalla citata legge n. 287 esclusivamente con riferimento alle attività rivolte al pubblico. Nel caso, infatti, di somministrazione riservata a cerchie determinate di soggetti, quali quelle svolte dalle tipologie di esercizio elencate all art. 3, comma 6, della legge, la normativa prescinde dal rispetto dei parametri come espressamente disposto dal primo periodo del comma in discorso. Ciò significa che il legislatore ha ritenuto che la necessità di stabilire le localizzazioni sulla base di valutazioni d ordine economico-commerciale, che sottende la determinazione dei parametri numerici, non si determina nel caso di attività non riservate al pubblico, non ponendosi in tal caso l esigenza di garantire un corretto sviluppo della rete di somministrazione. 3

4 Nel caso di specie, pertanto, considerato che l attività degli esercizi di somministrazione all interno del Centro Agroalimentare Romano, viste le modalità di controllo dell ingresso al medesimo e la predeterminata individuazione dei soggetti legittimati ad accedervi, possegga caratteristiche analoghe ed assimilabili a quelle tipiche degli esercizi elencati nell art. 3, comma 6, della legge n. 287, ritiene che l attivazione dei medesimi possa essere consentita prescindere dal rispetto dei parametri numerici fissati nella pianificazione. E indubbio, infatti, che trattasi di attività di somministrazione rivolta essenzialmente e in primo luogo alle esigenze dei fruitori del centro, peraltro gli unici legittimati a usufruire delle strutture e dei servizi del medesimo. Con l occasione, si precisa che l autorizzazione prevista dall art. 3, comma 1, della legge n. 287 è soggetta al silenzio assenso e che l autorizzazione prevista dall art. 3, comma 6, è da intendersi sostituita dalla denuncia di inizio di attività per effetto della emanazione delle disposizioni in materia di semplificazione dei procedimenti amministrativi derivanti dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, come modificata dalla legge 24 dicembre 1993, n Ci si riferisce alla emanazione, nel corso del 1994, delle numerose disposizioni in materia di semplificazione dei procedimenti amministrativi derivanti dall applicazione della legge n Trattasi del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 407 e del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 411, i quali hanno introdotto i due istituti generali di semplificazione amministrativa previsti dalla legge n. 241: l inizio dell attività su denuncia (art. 19 della legge n. 241, come modificato dall art. 2, comma 10, della legge n. 537) e il silenzio assenso (art. 20 della legge n. 241). L articolo 19, come riformulato dall articolo 2, comma 10, della legge n. 537, si applica a tutte quelle attività private il cui esercizio risulti subordinato al rilascio di un provvedimento amministrativo di consenso, il quale dipenda esclusivamente dall accertamento dei presupposti e dei requisiti di legge, senza l esperimento di prove a ciò destinate che comportino valutazioni tecniche discrezionali e che non sia vincolato al rispetto di alcun limite o contingente complessivo. In tal caso, dispone l art. 19, l atto di consenso si intende sostituito da una denuncia di inizio di attività da parte dell interessato alla pubblica amministrazione competente, attestante l esistenza dei presupposti e dei 4

5 requisiti di legge, eventualmente accompagnata dall autocertificazione dell esperimento di prove a ciò destinate, ove previste. L articolo 20 invece, si limita a stabilire che, nei casi indicati con apposito regolamento governativo, la domanda rivolta alla pubblica amministrazione per ottenere il rilascio di un atto di consenso, comunque denominato, cui sia subordinato lo svolgimento di una attività privata, si considera accolta qualora non venga comunicato all interessato il provvedimento di diniego entro il termine fissato (..) dal medesimo predetto regolamento Considerato quanto dispone l articolo 19, il campo di intervento dell articolo 20 e del relativo regolamento governativo di attuazione è quello delle attività private escluse dal regime di liberalizzazione previsto dallo stesso articolo 19, cioè le attività per il cui inizio sia ancora necessario l atto di consenso della pubblica amministrazione. La revisione dei procedimenti amministrativi, operata dai suddetti decreti in materia di silenzio assenso e di denuncia di inizio, dell attività ha avuto conseguenze anche su quelli previsti dalla legge n. 287 che, con l occasione, si rammentano. Il decreto n. 407, richiamando al punto 49 dell allegato, l art. 3 della legge n. 287, ha sottoposto al regime del silenzio assenso la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, ossia quella effettuata nelle tipologie di esercizio di cui all art. 5 della legge n Il decreto n. 411 ha escluso dal regime di cui all art. 19 della legge n. 241, cioè dall inizio dell attività su denuncia, l apertura e il trasferimento degli esercizi di somministrazione sottoposti a contingente numerico, richiamando l art. 3, commi 1 e 4, della legge n Dall esclusione esplicita dei soli esercizi di somministrazione soggetti a contingentamento dall applicazione dell art. 19 deriva l implicita ammissione dell applicazione del regime dell inizio su denuncia alle attività di somministrazione previste dall art. 3, comma 6, della legge n. 287, le quali non sono contingentabili. Ciò significa che sono soggette al regime del silenzio assenso le richieste di apertura e di trasferimento degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande di cui all art. 3, comma 1, della legge n. 287 (considerato che la dizione contenuta nella voce 49 del decreto n. 407 corrisponde a quella contenuta nella predetta disposizione della legge n. 287). 5

6 Trattasi, pertanto, delle tipologie di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico elencate con le lettere a), b), c) e d) nell art. 5 della legge (cfr. anche Consiglio di Stato, Sez. IV, sentenza 27 ottobre 1998, n. 1934). Sono soggette, invece, al regime dell inizio dell attività su denuncia le aperture degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande effettuate non al pubblico, ma ad una cerchia determinata di utenti elencate all art. 3, comma 6, della legge. Detti esercizi, infatti, non sono soggetti al contingente numerico (applicabile invece a quelli di cui all art. 3, comma 1) considerato che la legge dispone che ai medesimi i limiti numerici, determinati ai sensi del comma 4, non si applicano (..). L esclusione dall applicazione dei limiti numerici alle tipologie di esercizio elencate nell art. 3, comma 6, della legge n. 287, rende perfettamente compatibile l applicabilità alle medesime dell istituto dell attività su denuncia. IL DIRETTORE GENERALE (Mario Spigarelli) DP/QUESITO GUIDONIA 6

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

ORDINANZA N. 121/2007 Prot. N. 33292

ORDINANZA N. 121/2007 Prot. N. 33292 COMUNE DI POGGIOMARINO PROVIINCIIA DII NAPOLII PP... ZZ ZZ AA DEE MAARRI I NNI I SS,,, 33 8800004400 PPOOGGGGI I OOMMAARRI INN OO (NAA) ( ) TTEELL... 008811 886655 8811 1111 FFAAXX... 008811 886655 8822

Dettagli

Roma, 12.03.2008. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 12.03.2008. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 12.03.2008 Protocollo: 4941/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e p.c.: Agli Uffici di diretta collaborazione del Direttore

Dettagli

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013 - Finanziamenti Commercio - Finanziamenti Regione Ai nastri di partenza il nuovo bando della Regione Puglia a favore delle piccole e medie imprese del commercio. Le risorse disponibili sono pari a euro 6.579.387,24 di cui euro 1.000.000,00 riservati ad

Dettagli

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario

Subingressi di cui all art. 15 della l.r. n. 30 del 2003. in B.U.R.L. n. 34 del 16-8-2004 sommario CIRC R(3) COMM 31_04 Pag: 1 CIRCOLARE 30 Luglio 2004 n. 31 Chiarimenti operativi sull applicazione della l.r. n. 30 del 2003, sugli Indirizzi generali e sui corsi abilitanti, per il rilascio da parte dei

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a Via n. di nazionalità in qualità di titolare o legale rappresentante. con sede legale in Via

Il sottoscritto nato a il residente a Via n. di nazionalità in qualità di titolare o legale rappresentante. con sede legale in Via DOMANDA PER OTTENERE LA LICENZA PER SUBINGRESSO o REINTESTAZIONE di ESERCIZIO PUBBLICO PER LA SOMMINISTRAZIONE di ALIMENTI E BEVANDE.(Art. 7 L. 25/8/1991 n. 287, art. 19, n. 7 D.P.R. 24/7/1977, n. 616).

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA PER IL COMMERCIO

WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA PER IL COMMERCIO Unione Europea - Repubblica Italiana - Regione Siciliana Assessorato delle attività produttive - Dipartimento delle attività produttive Servizio ex 3S Insediamenti Produttivi WORKSHOP LA REGIONE SICILIANA

Dettagli

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE

Il sottoscritto (Richiedente) nato a il / / residente a Via,Piazza ecc. n. in qualità di CHIEDE Marca da bollo.14,62 Spett. Comune di Usmate Velate Ufficio Commercio Domanda per il rilascio dell Autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande ai sensi della L.R. n. 6/2010 art. 61 e segg.

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie.

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. RISOLUZIONE N. 91/E Roma, 13 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. QUESITO La Società

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. (Artt- 64-71 bis)

D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. (Artt- 64-71 bis) Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 aprile 2010, n. 94, S.O. ( ) Titolo II Disposizioni relative ad alcuni procedimenti di competenza del Ministero dello sviluppo economico Art. 64 Somministrazione di alimenti

Dettagli

Presentazione. IL SINDACO Antonello Rizza. IL FUNZIONARIO RESPONSABILE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Dott.ssa Vincenza Ceraulo

Presentazione. IL SINDACO Antonello Rizza. IL FUNZIONARIO RESPONSABILE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Dott.ssa Vincenza Ceraulo Presentazione La guida ha come obiettivo primario quello di fornire sia agli operatori che agli studi tecnici le informazioni basilari per avviare le attività produttive, artigianali e ricettive, alla

Dettagli

Oggetto: Iscrizione nel Registro Esercenti il Commercio di un socio di Società a responsabilità limitata Quesito.

Oggetto: Iscrizione nel Registro Esercenti il Commercio di un socio di Società a responsabilità limitata Quesito. Roma, 7/10/2004 Ministero delle Attività Produttive 00187 Via Sallustiana, 53 Direzione Generale per il Commercio, le Assicurazioni ed i Servizi Ufficio D2 Disciplina del commercio Prot. N.557247 Allegati

Dettagli

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 6 DICEMBRE 2005, N. 17 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI

Dettagli

COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR)

COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR) COMUNE DI PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR) Sportello SUAP P.zza Municipio n. 1 03030 Piedimonte San Germano (FR) OGGETTO : SCIA per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande in mense aziendali ed

Dettagli

L APERTURA DI UNA SALA GIOCHI ALL INTERNO DI UN PUBBLICO ESERCIZIO

L APERTURA DI UNA SALA GIOCHI ALL INTERNO DI UN PUBBLICO ESERCIZIO L'apertura di una sala giochi all'interno di un pubblico esercizio Dal momento in cui ha iniziato circolare voce che le video lotterie potranno essere installate soltanto nelle sale giochi, cresce la domanda

Dettagli

Oggetto: Quesito concernente attività artigianale Applicabilità disciplina commerciale

Oggetto: Quesito concernente attività artigianale Applicabilità disciplina commerciale . Roma, 10.08.2004. Prot. N. 555433 Allegati Alla Commissione Provinciale Artigianato di Caltanissetta Oggetto: Quesito concernente attività artigianale Applicabilità disciplina commerciale E, p.c.: Alla

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA NUOVA APERTURA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Il / La sottoscritto / a..... - visto il D.Lgs. 26/03/2010 nr. 59 così come modificato dal

Dettagli

ISTANZA, DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL CERTIFICATO C.C.I.A.A. E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA RELATIVE ALL USO DEL GAS NATURALE

ISTANZA, DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL CERTIFICATO C.C.I.A.A. E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA RELATIVE ALL USO DEL GAS NATURALE Spett.le Unogas Energia S.p.A. Via Periane n. 21 18018 Taggia (IM) ISTANZA, DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL CERTIFICATO C.C.I.A.A. E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA RELATIVE ALL USO DEL

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe:

LA GIUNTA COMUNALE. SI RITIENE OPPORTUNO aumentare per l anno 2009 le seguenti tariffe: LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: che la TRSU Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani Interni è stata istituita con il Capo III, del D.Lgvo 15 novembre 1992, n.507 e dallo stesso disciplinata, con

Dettagli

DOSSIER NORMATIVO 1. IL REGIME AUTORIZZATORIO DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E COMMERCIALI

DOSSIER NORMATIVO 1. IL REGIME AUTORIZZATORIO DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E COMMERCIALI DOSSIER NORMATIVO 1. IL REGIME AUTORIZZATORIO DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E COMMERCIALI A cura di: Generoso Bloise Marco Cerigioni on questo numero, si apre quello che potremmo definire il processo di revisione

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO

COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO Marca da bollo COMUNE DI NERETO PROVINCIA DI TERAMO SERVIZIO/UFFICIO Al Signor Sindaco del Comune di OGGETTO: Richiesta di rilascio di nuova autorizzazione per nuova apertura di un pubblico esercizio per

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Capo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Principi generali. 1. Il presente regolamento disciplina le attività di polizia amministrativa

Dettagli

COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO

COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO COMUNE DI ROSATE Provincia di MILANO Regolamento indicante criteri comunali in materia di autorizzazioni per l attività di somministrazione di alimenti e bevande Approvato con deliberazione C.C. n. 50

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) TURISTICO ALBERGHIERA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) TURISTICO ALBERGHIERA C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE - Attività Produttive.- via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio -Tel/ 0884\550310 Fax 559870 SEGNALAZIONE

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPRACCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI

Dettagli

Glossario. Tabelle da 14.1 a 14.6

Glossario. Tabelle da 14.1 a 14.6 14. Commercio interno Glossario Tabelle da 14.1 a 14.6 A seguito dell entrata in vigore della riforma prevista dal decreto legislativo 114/98 e della legge regionale 28/99, che classificano gli esercizi

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO

IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO IL CIRCOLO NON E UN ESERCIZIO PUBBLICO L art.18 della Costituzione riconosce ai cittadini il diritto di associarsi liberamente senza necessità d alcuna autorizzazione, per i fini che non siano vietati

Dettagli

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO

Comune di OGGIONO Provincia di LECCO 1 Comune di OGGIONO 1. IL TITOLO II DELLA LEGGE REGIONE LOMBARDIA N. 6/2010: LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE 1.1 Il quadro di riferimento normativo Il Titolo II,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Il casinò diffuso 19 gennaio 2007

Il casinò diffuso 19 gennaio 2007 Il casinò diffuso 19 gennaio 2007 Di Marilisa Bombi Pericolo giallo! Se i bar e le vecchie trattorie che ormai non esistono più erano luoghi di aggregazione sociale dove il gioco, specie delle carte o

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico PROT. N. 0008426 DEL 28/09/2006 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale Commercio, Assicurazioni e Servizi Ufficio D2 Disciplina del commercio Via Sallustiana, 53 00187 Roma Tel 06/47055386

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

Il reparto sala-bar. Tipologie e organizzazione dei locali. Tipologia e organizzazione dei locali. www.salabar.it/node/119.

Il reparto sala-bar. Tipologie e organizzazione dei locali. Tipologia e organizzazione dei locali. www.salabar.it/node/119. Il reparto sala-bar Tipologie e organizzazione dei locali da pag 222 www.salabar.it/node/119 www.webalice.it/stefano_sancassani 1 Tipologia e organizzazione dei locali commerciale fornitura, in locali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 26.07.2003 N.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 26.07.2003 N. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 26.07.2003 N.14 Art.1 Campo di applicazione. Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa)

Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. (barrare la casella che interessa) ALLO SPORTELLO UNICO DEL COMUNE DI Dichiarazione di Inizio Attività DI ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NON SOGGETTO A PROGRAMMAZIONE Art. 4 comma 5 Legge Regionale n. 14 del 26.7.2003

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 179 del 12.09.2005 SI

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

L attestato professionale conseguito a seguito della frequenza di un corso autorizzato da una regione ha validità in tutto il territorio nazionale.

L attestato professionale conseguito a seguito della frequenza di un corso autorizzato da una regione ha validità in tutto il territorio nazionale. Ai sensi dell art. 71 comma 6 del D.Lgs. del 26.3.2010, n. 59, ai fini dell avvio dell attività di vendita di prodotti alimentari è ritenuta valida la pratica professionale di un soggetto che ha svolto

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGIONE ABRUZZO ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Effettuata all interno di: ASSOCIAZIONI / CIRCOLI PRIVATI (aderenti ad Enti o Organizzazioni

Dettagli

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Responsabili degli Uffici di Piano Per tramite delle ASL Ai responsabili degli Uffici Autorizzazione al

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Alle Imprese interessate Alle Banche concessionarie Agli Istituti collaboratori Alla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. All ABI All Ass.I.Lea Alla Confindustria Alla Confapi

Dettagli

Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge Regionale 14/2003. Legge Regionale 14/2003

Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge 30 marzo 2001, n. 125. Legge Regionale 14/2003. Legge Regionale 14/2003 Legge 30 marzo 2001, n. 125 Legge quadro in materia di alcol e di problemi alcolcorrelati. Art 1 (Oggetto Definizioni) 2. Ai fini della presente legge, Perché bere un bicchiere di buon vino sia un piacere

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012

Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Ecco come è regolato l accesso delle Forze di Polizia (non Locali) nei Circoli privati dopo l abrogazione apportate dal DL 5/2012 Dott. Claudio Malavasi * Premesso che dopo l entrata in vigore del D.L.

Dettagli

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009

MOD SAN 01 versione del 21/01/2009 COORDINAMENTO PROVINCIALE SUAP GROSSETO D.I.A. AD EFFICACIA IMMEDIATA REGISTRAZIONE STABILIMENTI SETTORE ALIMENTARE NON ASSOGGETTATI A REG. (CE) 853/04 (art. 12, comma 1, D.P.G.R. n 40/R del 1.8.2006)

Dettagli

LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA

LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA LA CREAZIONE DI NUOVA IMPRESA SEMINARIO nell'ambito del PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO RISORSE UMANE 29/11/2002 SALA VARALDO CAMERA DI COMMERCIO DI IMPERIA MATERIALE INFORMATIVO a cura di MONDOCOM scarl

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte.

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte. Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale patrizia.vernoni@regione.piemonte.it Data 13/05/2011 Protocollo 0003728/DB1701 Classificazione 009.050.020

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 omissis TITOLO II IMPRESE TURISTICHE CAPO I STRUTTURE

Dettagli

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso Pratiche amministrative legate all inizio attività Maria Loreta Raso 1 L iniziativa economica privata è libera art. 41, comma1, Cost. 2 Chi è imprenditore Chi esercita professionalmente un attività economica

Dettagli

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Delegazioni Regionali > Campania La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Negli ultimi anni abbiamo assistito al susseguirsi

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N 145 DEL 03/12/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE MODALITA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONE TARI ART. 37 BIS

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE DEL COMUNE DI MONZA

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE DEL COMUNE DI MONZA REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE DEL COMUNE DI MONZA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 16.11.2009 BOZZA DEFINITIVA REGOLAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 17 marzo 2003 OGGETTO: IVA. Rette scolastiche delle scuole di lingua straniera gestite da soggetti comunitari ed extra-comunitari. Art.

Dettagli

Stessi diritti e stessi doveri Pubblici esercizi e Istituzioni per un impegno congiunto contro l abusivismo e la concorrenza sleale.

Stessi diritti e stessi doveri Pubblici esercizi e Istituzioni per un impegno congiunto contro l abusivismo e la concorrenza sleale. Tavola Rotonda Stessi diritti e stessi doveri Pubblici esercizi e Istituzioni per un impegno congiunto contro l abusivismo e la concorrenza sleale. L abusivismo nel mercato della ristorazione: il quadro

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita. apr. Corsi Prassicoop. p prassicoo. formazione

Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita. apr. Corsi Prassicoop. p prassicoo. formazione apr 08 Corsi Prassicoop Corsi di formazione Commercio Polizia amministrativa Urbanistica p prassicoo formazione Le norme della Regione Lombardia sulle medie strutture di vendita Hotel Ibis, Milano - Sessione

Dettagli

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO

ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO Al Comune di 46020 PEGOGNAGA (MN) ATTIVITA DI PUBBLICO INTRATTENIMENTO SOGGETTE A S.C.I.A. SVOLTE IN UN PUBBLICO ESERCIZIO AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata inizio attività (s.c.i.a) va

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Ci occupiamo del tuo futuro. contabilità. Questo è il nostro obbiettivo. aziende. immobili. progetti. Intermediazioni&consulenze. aziende.

Ci occupiamo del tuo futuro. contabilità. Questo è il nostro obbiettivo. aziende. immobili. progetti. Intermediazioni&consulenze. aziende. Studio I nvest Intermediazioni&consulenze Ci occupiamo del tuo futuro. Questo è il nostro obbiettivo. Studio Invest Milano è la risposta ideale per coloro che cercano un investimento studiato per le proprie

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ INSTALLAZIONE APPARECCHI E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO E INTRATTENIMENTO PER IL GIOCO LECITO 1. Dati impresa

Dettagli

CAT Informa : Circolare Ministeriale 3635/C interpretativa sulla Direttiva Servizi.

CAT Informa : Circolare Ministeriale 3635/C interpretativa sulla Direttiva Servizi. UFFICIO LEGISLATIVO Prot. 14/2010 Modena 24 maggio 2010 Ai Segretari di Zona Al personale Cat Loro sedi CAT Informa : Circolare Ministeriale 3635/C interpretativa sulla Direttiva Servizi. Gent.mi colleghi,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015 RISOLUZIONE N. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/10/2015 OGGETTO: Interpello ordinario Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - (Tassazione forfettaria del reddito derivante dalla produzione e

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO A INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO Codice Nome del procedimento Tipologia Esercizio di somministrazione di alimenti e bevande Mod. 14SOMM presso impianti stradali di distribuzione di carburanti [1] SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

Oggetto: decreti legge 1/2012 e 5/2012 (convertiti, con modifiche, dalle leggi 27/2012 e 35/2012) : problematiche interpretative.

Oggetto: decreti legge 1/2012 e 5/2012 (convertiti, con modifiche, dalle leggi 27/2012 e 35/2012) : problematiche interpretative. Prot. 0019344/P-/ Cl.: COM.4.8 Al Comune di riferimento: PG/U 0057023 dd. 30.04.2012 allegato Trieste, 4 maggio 2012 e, p.c. Alla Direzione Centrale Attività Produttive Servizio Sostegno e Promozione Comparto

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO

INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO A INDIVIDUAZIONE DEL PROCEDIMENTO Codice Nome del procedimento Tipologia Esercizio di somministrazione di alimenti e bevande Mod. 11SOMM all interno di impianti sportivi, cinema, teatri, e simili [1] SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Polizia amministrativa provinciale Via Petrarca, 34/1-38122 Trento Tel. 0461/494850-1 - Fax 0461/494845 e-mail: serv.polamm@provincia.tn.it posta certificata: serv.polamm@pec.provincia.tn.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 marzo 2008 OGGETTO: Esenzione IVA delle prestazioni educative e didattiche ai sensi dell articolo 10, n. 20) del decreto del Presidente

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

Ai sensi delle L.R. 1/2007 e 33/2009, delle DGR 4502/2007, 6919/2008 e 8547/08 e del D.L. 78/2010 conv. in L.122/2010. Il/La sottoscritto/a

Ai sensi delle L.R. 1/2007 e 33/2009, delle DGR 4502/2007, 6919/2008 e 8547/08 e del D.L. 78/2010 conv. in L.122/2010. Il/La sottoscritto/a Al Comune di 0 1 5 1 4 6 Cognome Codice Fiscale Nome Data di nascita: / / Cittadinanza: Sesso M F Luogo di nascita: Stato Comune Prov. Residenza: Comune Prov. Via, Piazza n C.A.P E-mail: Se disponibile,

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE Come richiedere l applicazione delle accise agevolate Agevolazioni fiscali sul gas naturale AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE di Federica Bonafaccia e Antonio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Divisione

Dettagli

seconda edizione in collaborazione con

seconda edizione in collaborazione con seconda edizione in collaborazione con AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE Come richiedere l applicazione delle accise agevolate AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE di Federica Bonafaccia e Antonio

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 51 del 28/05/2012 OGGETTO: EAME ED APPROVAZIONE DELLE TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER

Dettagli

Circondario della Val di Cornia

Circondario della Val di Cornia Circondario della Val di Cornia Comune di San Vincenzo * * * * * REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI GIOCO Approvato con deliberazione C.C. 25/08/2009 n 70 In vigore dal 25/08/2009 TITOLO PRINCIPI... Articolo...

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

Regolamento per l esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande

Regolamento per l esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande Regolamento per l esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande ALLEGATO C alla deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 25 marzo 2008 INDICE SOMMARIO TITOLO I NORME GENERALI...

Dettagli

L ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN ASSOCIAZIONI O CIRCOLI PRIVATI IN GENERE

L ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN ASSOCIAZIONI O CIRCOLI PRIVATI IN GENERE Mi sono impegnato nella trattazione dell argomento di cui al titolo che segue convinto della bontà delle conclusioni cui sono pervenuto ma soprattutto per confrontarle con tutti coloro che vorranno confortarle

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE UFFICIO SEGRETERIA - COMMERCIO VIA ROMA N. 46 33037 PASIAN DI PRATO - TEL. 0432/645953 FAX 0432/645918 E-MAIL: segreteria@comune.pasiandiprato.ud.it Ord. n.

Dettagli