Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione"

Transcript

1 Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione Patricia McNamara La Trobe University, Australia ed Elisabetta Neve Università di Padova-Verona Grazie a a operatori, dirigenti e ricercatori che lavorano a Melbourne (Australia) e in Veneto nel nord Italia e che hanno dedicato con generosità il loro tempo e i loro strumenti per farci conoscere le loro esperienze di valutazione. Ad essi siamo molto grati. Patricia McNamara ed Elisabetta Neve

2 Contesto Analisi transnazionale delle esperienze di valutazione del servizio sociale condotta sotto gli auspici della Fondazione Zancan e della International Association for Outcome Based Evaluation and Research in Family and Children s s Services iaoberfcs International Association for Outcome-based Evaluation and Research on Family and Children s Services Servizi sociali in Italia e in Australia fattori comuni Entrambi hanno governo e risorse a livello nazionale e regionale Entrambi continuano a mettere insieme la complessa (impenetrabile?) matrice dei servizi pubblici e degli enti non governativi Forte matrici religiose di molte organizzazionei non profit Servizio sociale come advocacy e brokerage Climadi razionalismo economico attenzione agli esiti

3 Servizi sociali in Italia e in Australia differenze Il servizio sociale istituito come professione da più tempo in Australia Presenza accademica più forte in Australia Le sfide sulla credibilità,, solidarietà, indipendenza teorica e identità che la nostra professione affronta ora in Italia sono state affrontate 40 anni fa in Australia Servizio sociale e valutazione Dirigenti dei servizi sociali e assistenti sociali possono trovare difficoltà a fare valutazione Considerano le domande intrusive, che rubano tempo e di dubbio valore Dirigenti dei servizi sociali e assistenti sociali non hanno fiducia nel razionalismo economico (timore che i servizi vengano chiusi sulla base di risultati dubbi)

4 Contesti attuali della valutazione Clima di efficacia ottimale Attesa di prove di efficacia per decisioni pratiche Crescente richiesta di scelte teoriche basate su prove di efficacia La voce dell utente utente è più alta Finestra di opportunità per stabilire collaborazioni più efficaci tra utenti, operatori, dirigenti e ricercatori Assistenti sociali e valutazione Celebrare la differenza versus Ridurre le differenze Brigid Jordan Royal Children s s Hospital, Melbourne (2006)

5 Le sfide dell evidence evidence- based Rigide Proscriptive Prescrittive Undermining of professional training skills and credibility Scarsa bontà di adattamento nella pratica Gray M and McDonald C (2006) Pursuing good practice. Journal of Social Work 61 (2): Argomenti contrari etico ad homine Standard pratici filosofico Attiva la ricerca funzionale e responsabile dell operatore Gibbs and Gambrill, 2005; Shaw, 2005

6 Perché valutare? Aumento del processo di valutazione classico del servizio sociale Aiuta la programmazione degli interventi Positive prove di efficacia sono argomenti convincenti per chi finanzia Supporta la politica e i processi (dal livello micro al livello macro) Ma Nel servizio sociale a diretto contatto con l uente, gli strumenti strutturati non devono MAI essere usati da soli Se sono usati a diretto contatto con l utenza, gli strumenti vanno applicati SEMPRE come parte del processo di social work assessment

7 Social work assessment Analisi della persona nella situazione Integrazione della teoria con la situazione pratica Practice wisdom Due detti detti del servizio sociale Inizia dal punto in cui si trova l utente!! l Analizza la person-in in-situation configuration Mayer and Timms (1970) The Client Speaks

8 Celebrare le differenze Unicità/diversit /diversità Fluidità/cambiamento nel tempo e nello spazio Diversità età razza etnia cultura/subcultura sesso stato civile (status?) stato economico istruzione

9 Cambiamento salute età economia geografia abitazione politica immigrazione relazioni (famiglia, famiglia estesa, conoscenze, vicinato) punti di forza sfide/difficoltà disastri naturali atti di aggressione o abusi Formato classico della valutazione Dati demografici Fonte della segnalazione Ragioni della segnalazione Costellazione familiare Collegamenti nella comunità Punti di forza/risorse Abilità/disabilit /disabilità Aspetti di salute e salute mentale Aree di bisogno percepito dalla persona/famiglia/altri diagnosi Piano di intervento Tempi Revisioni

10 Strutture teoriche di riferimento che dominano nel servizio sociale in Australia Sistemi ecologici Strutturali Teoria dei sistemi ecologici Micro Meso Eso (Bronfenbrenner) Macro Hartman and Laird Germain and Gitterman (1983) Mayer and Mattaini (1996) Kirst-Ashman and Hull(2003) Trevithick (2000;2005) Bronfenbrenner(1979)

11 Micro-livello I I microsistemi comprendono famiglia, scuola, posto di lavoro e vicinato Bronfenbrenner, 1979 Meso-livello Il mesosistema è dato dall interazione intersistemica dei componenti del micro- sistema Bronfenbrenner, 1979

12 Eso-livello L esosistema è dato dall impatto delle istituzioni sociali quali ad esempio occupazione, salute e casa Bronfenbrenner, 1979 Macro-livello Il macro-sistema incorpora I modelli istituzionali culturali e sub-culturali culturali Bronfenbrenner, 1979

13 Approccio narrativo- costruttivista Terapia narrativa (White, Epston) Focus sulla soluzione (de Shazer, Berg) Approccio basato sui punti di forza (Saleeby) Michael White and Alice Morgan (2006) Narrative Therapy with Children and their Families Adelaide South Australia: The Dulwich Centre Michael White, 1995 Re-Authoring Lives: Interviews and Essays South Australia: The Dulwich Centre David Epston (1998) "Catching up" with David Epston: A Collection of Narrative Practice ce-based Papers South Australia: The Dulwich Centre Insoo Kim Berg & Peter Szabo (2005) ) Brief coaching for lasting solutions W.W. Norton Saleeby Dennis (2002) Strengths perspective in social work practice N.Y. Allyn and Bacon Teoria strutturale Oppressione Emarginazione Disuguaglianza distributiva Questioni di genere Fook J (1993) Radical R casework Sydney: Allen and Unwin Pease B & Fook J, (eds), 2003 Transforming Social Work Practice: Postmodern Critical Perspectives. Allen & Unwin, St Leonards, NSW.... Ife J (2001) Human Rights and Social Work:Towards Rights- Based Practice Cambridge University Press

14 Practice wisdom Esperienza di vita Esperienza professionale Integrazione fra teoria e pratica Scott D (1983) Come valutare? Esempi? Lo schema polare (Vecchiato et al, 2005) insieme a strumenti di valutazione sviluppati da Campanini, Bertotti e altri ITALIA Il questionario delle Strengths and Difficulties di Goodman (2001) oppure il Looking After Children LAC AUSTRALIA

15 Alcuni strumenti usati nel servizio sociale in Australia Servizi per l infanzia l e la famiglia Tutela dei minori Salute mentale in area infanzia e famiglia Disabilità intellettiva Assistenza agli anziani Valutazione di bambini e famiglie salute welfare istruzione salute mentale

16 Alcuni strumenti utili Di carattere generale Di tutela dei minori Strumenti generali Looking after Children - LAC utilizzato in molti enti di servizio per l infanzia e la famiglia come strumento di scrrening ad esempio presso la Berry Street Victoria

17 Looking after children Copyright - UK Registro della valutazione e delle azioni Da tre a quattro anni Scopo Valutare i miglioramenti ottenuti nel bambino/ragazzo Monitorare la qualità dell assistenza che stanno ricevendo Avviare progetti di miglioramento

18 Sette dimensioni da considerare per lo sviluppo salute istruzione identità famiglia e relazioni sociali presentazione sociale sviluppo emotivo e comportamentale capacità di autonomia Fare Trovare una persona nota e fidata che possa completare la valutazione Usare un modo di parlare adeguato, confortevole Programmare guardando avanti Parlare ad altre persone significative ad esempio assistenti sanitarie e insegnanti Usare l osservazione l diretta Completare le aree di progettazione in modo accurato Inserire dettagli importanti

19 Non fare Completare in una volta sola Attenzione se ci sono dei vuoti Completarlo senza il coinvolgimento del genitore o del carer Valutazione della salute mentale in area infanzia e famiglia Esiti nei servizi di slaute mentale clinici: RCH CAMHS (HoNOSCA, CGAS, FIHS,SDQ) Le scale CAMHS sono usate per produrre una indicazione aggregata sul benessere dle bambino per il Victorian State Department of Human Services (DHS) Le valutazioni per I figli vanno fatte separatamente

20 HoNOSCA Health of the Nation Outcome Scales for Children and Adolescents scopo overts il giudizio clinico uso universale nei servizi CAMHS dello stato di Vittoria utilità strumenti di analisi e valutazione che è breve accesso Università di Manchester, Department of Child and Adolescent Psychiatry (Gowers et al 1999a;1999b) HoNOSCA Scales SCALES Disruptive, antisocial or aggressive behaviour Over activity, attention or concentration Non-accidental self injury Alcohol, substance/solvent misuse Scholastic or language skills Physical illness or disability problems Hallucinations or delusions Non-organic organic somatic symptoms Emotional or related symptoms Peer relationships Self care and independence Family life and relationships Poor school attendance Lack of knowledge nature of difficulties SUBSCALES Behaviour Impairment Symptoms SocialS Information

21 Children s s Global Assessment Scale - CGAS Aim- to provide a global measure of severity of disturbance in children and adolescents Application- children seen in specialist mental health clinics (CAMHS); scales for year olds and year olds Utility- single global rating only, scored 1-100; 1 100; much briefer than the Achenbach Child Behaviour Checklist; has replaced the CBCL in Victorian CAMHS Access multidisciplinary team members, teachers and families; has youth self report, parent report, teacher report and clinician report forms CGAS Rating guidelines Rate the patient s s most impaired level of general functioning for the specified time period. Use intermediary levels (e.g. 35,58,62) Rate actual functioning regardless of treatment or prognosis. The examples of behaviour are only illustrative and are not required for a particular rating. Schaffer et al (1983) Columbia University Department of Psychiatry

22 FIHS Factors influencing health scale Aim- to capture complicating factors that are targeted during contact with a service Application consumers of mental health services Utility- identifies complicating psychosocial factors which might require clinician input during the episode of care Access clinicians in mental health services Extends the ICD 10 is derived from the MH- CASC Project in the UK FIHS rating guidelines The clinician is required to rate the items retrospectively, at the end of an episode or at a review Checks for extra care, and or monitoring during treatment Descriptions are linked to ICD-10 codes. Summary score of total positive responses maximum 7 Buckingham et al (1998)

23 SDQ Strengths and difficulties questionnaire Aim - to assess socio-emotional strengths and difficulties Application- children,adolescents and their carers and teachers; has self reports for year olds Utility- mental health and related settings Access copyright held by Dr Robert Goodman, UK Goodman et al (2000) Parent-infant attachment scales Paternal prenatal attachment(condon et al)* Maternal prenatal attachment(condon et al* Paternal postnatal attachment(condon et al)* Maternal postnatal attachment (Condon et al)* Flinders University Department of Child and Adolescent Psychiatry; Flinders University Medical Centre, South Australia. Condon J (1993); Condon J and Corkindale C (1997; 1998)

24 General features Aim to assess parent-infant attachment in the pre- and post-natal period Application at risk parents and newborn babies Utility identifies risk of postpartum depression and poor attachment processes in male and female parents; takes five minutes to complete Access all health professionals working within parent- infant social welfare and health services General features Aim to assess parent-infant attachment in the pre- and post-natal period Application at risk parents and newborn babies Utility identifies risk of postpartum depression and poor attachment processes in male and female parents; takes five minutes to complete Access all health professionals working within parent- infant social welfare and health services

25 Parent-infant attachment scales Paternal prenatal attachment(condon et al)* Maternal prenatal attachment(condon et al* Paternal postnatal attachment(condon et al)* Maternal postnatal attachment (Condon et al)* Flinders University Department of Child and Adolescent Psychiatry; Flinders University Medical Centre, South Australia. Condon J (1993); Condon J and Corkindale C (1997; 1998) Aged care assessment Full social work assessment Mini mental examination Hospital tool

26 Family situation History Education Health Living arrangements Socio-economic information Community services Barthel Index Determines level of care a lcinet requires Addresses self care and mobility

27 Mini Mental State Examination (MMSE) Aim to assess the elderly person s s orientation in space and time and give some indication of their level of cognitive functioning Application- aged persons deemed at possible risk in the community or in institutional care Utility facilitates interventions targeted at areas of deficit; assists decision-making re referrals and placement; can determine level of deterioration in Alzheimer s s patients if reviewed annually Access multidisciplinary team aged care assessment (ACAT) team members and other working with the aged in hospitals, institutions or in the community Folstein et al (1975) Guidelines for the MMSE Make the patient comfortable and establish rapport Ask questions in the order listed orientation in time and space, registration, attention and calculation, recall,language, ability to read and perform Scores impairment from mild to severe Expected decline in mild to moderate Alzheimer s s patient is 2 to 4 points per year

28 Hospital risk screening tools Emergency Department Aim- to determine need for full assessment Application all patients over 65/70 years, younger with age related disability type conditions (MS etc) Utility emergency department assessments of at risk individuals Access social workers in Emergency Departments Come valutare? Celebrare i punti di forza (Saleeby, 2002 ) Focalizzarsi sulla soluzione (Berg and Szabo, 2005) Dare voce agli utenti (input nel disegno della ricerca e nella scelta del metodo, controllo dei membri, approcci narrativi e metodi misti) Avere un orientamente all empowerment (ricerca azione partecipante) Avere una prospettiva ecologica e di sviluppo (Bronfenbrenner, 1979) Inserire l attenzione l per le strutture sociali (Fook 1998) Dimensione del cambiamento Compilazione veloce e semplice

29 Imparare a valutare Gli studenti devono essere ben formati e abili per una vasta gamma di metodi di valutazione qualitativa e quantitativa Avere al tempo stesso una comprensione critica sulle evidence-based e il suo ruolo nella programmazione politica e nella erogazione dei del servizio Sfide educative Contenuti limitati sulla valutazione e sulle esperienze di valutazione nei curricula del servizio sociale nelle università Gli studenti sono perciò molto poco preparati Il personale manca di continuità nell occupazione (specialmente in Italia)

30 Altre sfide Ansia dell essere essere valutato Insufficiente attenzione al processo Mancanza di risposte organizzative alla valutazione Diversità di stakeholders, partecipanti alla ricerca e utenti Ricerca sottofinanziata Il futuro Utenti, operatori, dirigenti e ricercatori collaborano per produrre strumenti che collapse and celebrate la differenza Strive for optimum goodness of fit between practice pressure and evaluative rigor La valutazione deve essere economica, puntuale, empowering e centrata sul cambiamento La valutazione deve essere coerente con la missione di giustizia sociale del serrvizio sociale e con i riferimenti concetuali di riferimento. La valutazione deve inconrporare e celebrare la practice wisdom dell assistente sociale (Scott, 1990)

31 Suggerimenti di letteratura Arnd-Caddigan M and Pozzuto (2006) Truth in our time. Qualitative Social Work 5 (4): Bellamy J, Bledsoe S and Traube D (2006) The current state of evidence based practice in social work: A review of the literature and qualitative analysis of expert interviews. Journal of Evidence-Based Social Work. 3(1):233 (1):23-48 Berg IK & Szabo, P (2005) Brief coaching for lasting solutions. New York: W.W. Norton Berry, M., Brandon, M., Chaskin, R., Fernandez, E., Grietens, N.,, Lightburn, A., McNamara, P.M., Munford, R., Palacio-Quintin, E., Sanders, J., Warren-Adamson, C., & Zeira,A. Identifying sensitive outcomes of interventions entions in community-based centres. International Journal of Child and Family Welfare 9(1): Block M and Timmerman (2005) Supporting narrative evaluation action research (NEAR) in a community munity health setting Western Region Health Centre (Victoria, Australia) Bologna Declaration (1999) European Higher Education Area. Joint Declaration of the European Ministers of Education convened in Bologna on 19 June 1999, signed by 31 representatives of 29 EU member m states and ascension candidates. Canali C., Rigon P (2002), Evaluating Outcomes for Children with Multiple problems, in Vecchiato T., Maluccio A.N., Canali C., eds, Evaluation in Child and Family Services, Aldine de Gruyter, New York. Clement, T., & Bigby, C. (2007) La Trobe University School of Social Work and Social Policy, Australia. Personal communication in relation to Making Life Good in the Community project Chenoweth L and McAuliffe D (2005) The road to social work & human service practice: an introductory y text Southbank Victoria, Australia:Thomson De Ambrogio U (2003) Valuatare gli interventi e le politiche sociali Roma: Carocci. Epston David (1998) "Catching up" with David Epston: A Collection of Narrative Practice ice-based Papers South Australia: The Dulwich Centre Fook J (1993) Radical R casework Sydney: Allen and Unwin Fook J (1996) The Reflective Researcher: Social Workers Theories of Practice Research Sydney: Allen and Unwin Fossey E, Harvey C, McDermott, F and Davidson, L (2002) Understanding nding and evaluating qualitative research. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry 36(6): Serves (KRS) Redevelopment Gibbs and Gambrill (2002) Counterarguments to objections. To evidence based practice Research on social work practice 12 (3): Gambrill E (2007) Transparency as the route to evidence informed professionl education Research on social work Practice 17(5): Germain C and Gittterman A (1980, 1986, 1996) The life model of social work practice New York: Columbia University Press Gira E and Kessler M (2004) Influencing social workers to use evidence in practice: Lessons from medicine and the allied health professions. Research on Social Work Practice 14 (2): Goldstein, E. G. (1980). Knowledge base of clinical social work. In P. Ewalt (Ed.), Toward a definition of clinical social work. Washington, D.C, USA.: National Association of Social Workers Goodman.R (2001) Psychometric properties of the strengths and difficulties questionnaire onnaire Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry: 40(11): Griffiths K Jorm A and Christensen H (2004) Academic consumer researchers: a bridge between consumers and researchers. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry (38) 4: Letteratura (continua) Gray M and McDonald C (2006) Pursuing good practice. Journal of Social Work, 61: : Hartman A and Laird J (1983) Family-centered Social Work Practice New York: Collier Macmillan Ife J (2001) Human Rights and Social Work: Towards Rights-Based Practice Cambridge, UK: Cambridge University Press Jordan B (2006). Infant Mental Health Service Royal Children s s Hospital, Melbourne, Australia. Personal communication Leginsky P et al (1989) Data standards for mental health decision support (NIMH Series FN-10). Washington, DC: Dept. Magill M (2006) The future of evidence in evidence-based practice: Who will answer the call for clinical relevance? Journal of Wocial Work 6(2):1016 (2): Maluccio A (1986) The ecological systems approach. A Maluccio, E Fein, K Olmstead Permanency Planning for Children: Concepts and Methods London: Tavistock Mattaini M, Lowery J and Meyer C (2002) Foundations of Social Work Practice: A GraduateText. National Association of Social Workers McNamara, P Mapping change in a child and family centre in Melbourne, Australia. International Journal of Child and Family Welfare 9(1): McNamara P (2007) Evaluation of clinical group supervision at Parkville Youth Residential Centre. School of Social Work and Social Policy, La Trobe University Merlini F, Ranci Ortigosa E (2001) La valutazione dell assitente sociale in Prospettive sociali e sanitarie n 17/2001 anno XXXI (Italian) Miller R and Asquini C (2008) Reforming Child Protection Systems: Policy Considerations from an Australian Perspective Paper presented at Eusarf-ia iaoberfcs Conference, Padua, Italy, March 27th. Munford and Sanders (2003) Making a difference in families: Research that creates change. Sydney, Australia: Allen and Unwin Pease B and Fook J, eds. (1999) Transforming Social Work Practice: Postmodern Critical Perspectives ves.. St Leonards, NSW:Allen & Unwin, O Hara A and Weber Z (2006) Skills for Human Service Practice: Working with Individuals, Groups and Communities Melbourne, Australia: Oxford University Press Prizzon C. (2006) Assessment e qualità dell'azione professionale dell'assistente sociale. in Campanini A. La valutazione nel servizio sociale. proposte e strumenti per la qualità dell'intervento professionale Roma: Carocci (Italian). Regehr C, Stern S and Shlonsky A (2007) Operationalizing evidence-based practice Research on Social Work Practice 17(3):408 (3): Richmond M (1917) Social diagnosis New York: Russell Sage Foundation Rubin and Parrish (2007) Views of evidence based practice among faculty in Master of Social Work Programs. Research on

32 Letteratura (continua) Rubin and Parrish (2007) Views of evidence based practice among faculty in Master of Social Work Programs. Research on Social Work Practice. 17(1) Saleeby D (2002) Strengths perspective in social work practice. New York: Allyn and Bacon Schon Donald (1983) The reflective practitioner: How professionals think in action. New York: Basic Books Scott, Dorothy (1990) Practice Wisdom: The Neglected Source of Practice P Research. Social Work 35 (6): : Shaw I (2005) Practitioner research: Evidence or critique British Journal of Social work Siporin, M. (1980). Ecological system theory in social work. Journal of Sociology and Social Welfare, 7, Shlonsky and Stern (2007) Reflections on the teaching of evidence e based practice Research on Social Work Practice 17(5):603 (5): Soyden H (2007) Improving the teaching of evidence based practice e Challenges and priorities Research on Social Work Practice 17(5):612 (5): Trevithick P (2000, 2005) Social work skills: A practice handbook London: Open UniversityPress Vergani C., Corsi, M., Bezze, M., Bavazzano, A., & Vecchiato, T. (2003). La valutazione multidimensionale dell anziano: Lo schema polare. Giornale di Gerontologia, 51. (Italian) Vergani C., Corsi M., Bezze, M., Bavazzano, A., & Vecchiato T. (2004).( A polar diagram for comprehensive geriatric assessment. Archives of Gerontology and Geriatrics, 38(2), Vecchiato T. (2002), Outcome-Based Evaluation of National Health Social Programs, in Maluccio A.N., Canali C., Vecchiato T., eds, Assessing Outcomes in Child and Family Services, Aldine de Gruyter, New York. Webb S (2001) Some considerations on the validity of evidence based b practice in social work. The British Journal of Social Work 31(1):57 (1):57-59 Whittaker J, Greene K, Schubert D, Blum R, Cheng K, Blum, K, Reed d N, Scott K, Roy R, Savas SA (2006) Integrating evidence based practice in the child mental health agency: A template for clinical cal and organizational change. American Journal of Orthopsychiatry 76(2): White M (1995) Re-authoring Lives: Interviews and Essays. Adelaide, South Australia: The Dulwich Centre Zeira A., Vecchiato T., Jergeby U., Thoburn J., Neve E. (2007) EvidenceE vidence-based Social Work Practice with Children and Families: A Cross National Perspective. European Journal of Social Work Published online November 12, 2007.

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa

Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa Le politiche per la salute mentale in Italia e in Europa Teresa Di Fiandra Ministero della Salute Roma, 18 Aprile 2015 Le strategie internazionali World Health Organization WHO AIMS a tool for gathering

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Dr GU Y Z I TO INDIRIZZO

Dr GU Y Z I TO INDIRIZZO 1 Dr GU Y Z I TO INDIRIZZO School of Physiotherapy Faculty of Medicine Dentistry and Health Sciences, The University of Melbourne, Victoria 3010, Australia. Web site: www.physioth.unimelb.edu.au Telefono:

Dettagli

L Ufficio progettazione del CEFPAS. Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole

L Ufficio progettazione del CEFPAS. Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole L Ufficio progettazione del CEFPAS Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole Il CEFPAS Caratteristiche del Cefpas Azienda pubblica regionale istituita

Dettagli

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L insegnamento delle lingue straniere in Italia Gisella Langé gisella.lange@istruzione.it Rome, 29 Novembre, 2012 1 Tre punti 1. Il contesto

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE

IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA COSTRUZIONE DI UNA CULTURA GERIATRICA E MULTIPROFESSIONALE: LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DR.SSA PAOLA FORTI RICERCATORE UNIVERSITÀ UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM

Dettagli

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali

Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Semestre europeo e coordinamento delle politiche economiche nell UE: tra indicatori economici e indicatori sociali Roma, 9 Dicembre 2013 Nicolo Brignoli Contenuti L AEIP in breve Il Social Protection Performance

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Regional Health Information System

Regional Health Information System Al servizio di gente unica Regional Health Information System Trieste, July 11, 2013 Servizio sistemi informativi ed e-government Regional Health Information System Regional Health System 7.800 km sqare

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

International conference The challenges of living in poverty and experiencing maltreatment on children s future

International conference The challenges of living in poverty and experiencing maltreatment on children s future 50 anni di formazione, studi, ricerche, sperimentazioni, proposte culturali, a servizio delle persone 50 years of training, projects, research, experimentation, and cultural initiatives, to the benefit

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org

Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org Roberto Torrini Direttore ANVUR Roberto.Torrini@anvur.org Una offerta formativa flessibile, orientata alle competenze, atta a migliorare l

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

La strategia OMS Salute 2020:! Rafforzare la resilienza e massimizzare le risorse salutogeniche nella comunità!

La strategia OMS Salute 2020:! Rafforzare la resilienza e massimizzare le risorse salutogeniche nella comunità! 12 Meeting Italiano Città Sane - OMS! La resilienza delle comunità per promuovere la salute: aprirsi a nuovi stili di vita! Molfetta, 11 aprile 2014! La strategia OMS Salute 2020:! Rafforzare la resilienza

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Internet e social media per la medicina

Internet e social media per la medicina La letteratura scientifica per la qualità dei Servizi Sanitari Internet e social media per la medicina Eugenio Santoro eugenio.santoro@marionegri.it www.twitter.com/eugeniosantoro Laboratorio di Informatica

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Salute 2020: un opportunità per ridurre le ineguaglianze di salute nella Regione Europea dell OMS

Salute 2020: un opportunità per ridurre le ineguaglianze di salute nella Regione Europea dell OMS Salute 2020: un opportunità per ridurre le ineguaglianze di salute nella Regione Europea dell OMS Dr Francesco Zambon Ufficio Europeo per gli Investimenti per la Salute e lo Sviluppo Organizzazione Mondiale

Dettagli

Il Rettore, prof. Giuseppe R,Brera il 7 Dicembre 2014 ha inaugurato il 20 anno d ivita dell Università Ambrosiana PROLUSIONE

Il Rettore, prof. Giuseppe R,Brera il 7 Dicembre 2014 ha inaugurato il 20 anno d ivita dell Università Ambrosiana PROLUSIONE - 2-2014 NOTIZIE DAL RETTORATO Il Rettore, prof. Giuseppe R,Brera il 7 Dicembre 2014 ha inaugurato il 20 anno d ivita dell Università Ambrosiana PROLUSIONE Con DR 1-2014 il Rettore ha nominato Docenti

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

La comunicazione con il paziente anziano

La comunicazione con il paziente anziano 29 Aprile 2011 La comunicazione con il paziente anziano Sara Morghen Outline Introduzione Specificità della comunicazione con l anziano Perché comunicare Come comunicare Conclusioni Introduzione La comunicazione

Dettagli

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008

PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Project Management Standard, PMBOK Fourth Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner - Responsabile Area

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE "Valutazione di efficacia e definizione di modello integrato di promozione della salute" (progetto ex art. 12 lett. b) del d. lgs. 229/99: PROGETTO DI FORMAZIONE sull applicazione delle raccomandazioni

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024. Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI. Anno regolamento: 2014 CFU:

Testi del Syllabus. Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024. Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI. Anno regolamento: 2014 CFU: Testi del Syllabus Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno regolamento:

Dettagli

Medicina di iniziativa per il paziente esperto

Medicina di iniziativa per il paziente esperto Progetto di adattamento locale di Linee Guida sull osteoartrosi per migliorare la pratica clinica quotidiana Medicina di iniziativa per il paziente esperto Giorgia Squeri Francesca Doronzo Marco Lombardi

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze?

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? G GERONTOL 2006;55:68-72 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO ORIGINALE ORIGINAL ARTICLE La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? Can family

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 BIBLIOGRAFIA 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 2. Flor L, Bonetti A M, Le cure specialistiche agli immigrati in ambiente ospedaliero, Tendenze Nuove, 2007/1: 65-76 3.

Dettagli

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move

3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move 3d geological modelling and education: teaching geological sections and geological mapping with MVE Move Fabrizio Berra, Fabrizio Felletti, Michele Zucali Università degli Studi di Milano, Dip. Scienze

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

DOLCETA. Un progetto di Educazione al Consumo Online. Tina Cuffari Carpi, 5 Novembre 2009. An on line project on consumers education

DOLCETA. Un progetto di Educazione al Consumo Online. Tina Cuffari Carpi, 5 Novembre 2009. An on line project on consumers education DOLCETA Un progetto di Educazione al Consumo Online An on line project on consumers education Tina Cuffari Carpi, 5 Novembre 2009 Perchè Dolceta? Why Dolceta? Per proteggere i consumatori To protect consumers

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

ENGLISH FOR UNIVERSITY ACCESS. Australia USA Canada Great Britain. Pathways to success

ENGLISH FOR UNIVERSITY ACCESS. Australia USA Canada Great Britain. Pathways to success ENGLISH FOR UNIVERSITY ACCESS Pathways to success INTERNATIONAL KNOW HOW srl Via Vallazze 102-20131 Milano T. 02 2364234 - F. 02 2360327 info@internationalknowhow.it www.internationalknowhow.it Australia

Dettagli

Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria

Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria Modulo 6 GUIDA PER FORMATORI Tecniche Di Riabilitazione, Formazione E Sistemi Di Assistenza Sanitaria Editore Miguel Santos Autori Mintaze Kerem Gunel Akmer Mutlu Ozgun Kaya Kara Ayse Livanelioglu TURCHIA

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute

Eugenio Santoro. I social media come strumento di promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri I social media come strumento di promozione della salute Penetrazione di Internet e dei nuovi media

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Strategies for young learners

Strategies for young learners EUROPEAN CLIL PROJECTS CLIl Web 2.0--Indicazioni Strategies for young learners ramponesilvana1@gmail.com S.Rampone(IT) DD Pinerolo IV Circolo ramponesilvana1@gmail.com Indicazioni Nazionali O competenza

Dettagli

Italian Extension. Written Examination. Centre Number. Student Number. Total marks 40. Section I Pages 2 7

Italian Extension. Written Examination. Centre Number. Student Number. Total marks 40. Section I Pages 2 7 Centre Number 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Student Number Italian Extension Written Examination Total marks 40 General Instructions Reading time 10 minutes Working time 1 hour and 50 minutes

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS

HOSPITAL 08/11 AND COMMUNITY GUIDE FOR CARERS ITALIAN 1 GUIDA AL SISTEMA OSPEDALIERO PER ACCOMPAGNATORI (A CARERS GUIDE TO THE HOSPITAL SYSTEM) Un ricovero in ospedale può avvenire in modi diversi, ad esempio passando dal pronto soccorso o a seguito

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

L Incident Reporting

L Incident Reporting ESPERIENZE IN TEMA DI RISK MANAGEMENT METODOLOGIA, STRUMENTI,, APPLICAZIONI L Incident Reporting Dott. Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro Il sistema di incident reporting: cos è L incident

Dettagli

ALLEGATO N 6. Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco

ALLEGATO N 6. Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco ALLEGATO N 6 Anno scolastico 2012-2013 classe Disciplina: Docente: Testo: 5 E Inglese Gabriella Airoldi Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco Ore di lezione

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

Breve Curriculum Vitae et Studiorum

Breve Curriculum Vitae et Studiorum Breve Curriculum Vitae et Studiorum Giuseppe Coco, PhD Professore associato in Economia Politica, Università di Bari nato a Metz (Francia) il 29/ 07/ 1965 Recapito: Dipartimento Affari Economici, Presidenza

Dettagli

L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità

L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità Alessandro Solipaca Disabilità e integrazione sociale ISTAT Convegno finale La diffusione dell ICF* nell inserimento lavorativo dei disabili 28

Dettagli

Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi 3

Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi 3 Principali informazioni sull insegnamento Denominazione italiana Laboratorio di comunicazione aziendale Corso di studio Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

La Simulazione in situ in Pediatria

La Simulazione in situ in Pediatria La Simulazione in situ in Pediatria Dott. Marco de Luca Responsabile Programma Simulazione DEA Pronto Soccorso A.O.U. Meyer Firenze www.meyer.it/simulazione In quale ambito nasce la simulazione? Eventi

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli