Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione"

Transcript

1 Come impegnare gli assistenti sociali italiani e australiani nella valutazione Patricia McNamara La Trobe University, Australia ed Elisabetta Neve Università di Padova-Verona Grazie a a operatori, dirigenti e ricercatori che lavorano a Melbourne (Australia) e in Veneto nel nord Italia e che hanno dedicato con generosità il loro tempo e i loro strumenti per farci conoscere le loro esperienze di valutazione. Ad essi siamo molto grati. Patricia McNamara ed Elisabetta Neve

2 Contesto Analisi transnazionale delle esperienze di valutazione del servizio sociale condotta sotto gli auspici della Fondazione Zancan e della International Association for Outcome Based Evaluation and Research in Family and Children s s Services iaoberfcs International Association for Outcome-based Evaluation and Research on Family and Children s Services Servizi sociali in Italia e in Australia fattori comuni Entrambi hanno governo e risorse a livello nazionale e regionale Entrambi continuano a mettere insieme la complessa (impenetrabile?) matrice dei servizi pubblici e degli enti non governativi Forte matrici religiose di molte organizzazionei non profit Servizio sociale come advocacy e brokerage Climadi razionalismo economico attenzione agli esiti

3 Servizi sociali in Italia e in Australia differenze Il servizio sociale istituito come professione da più tempo in Australia Presenza accademica più forte in Australia Le sfide sulla credibilità,, solidarietà, indipendenza teorica e identità che la nostra professione affronta ora in Italia sono state affrontate 40 anni fa in Australia Servizio sociale e valutazione Dirigenti dei servizi sociali e assistenti sociali possono trovare difficoltà a fare valutazione Considerano le domande intrusive, che rubano tempo e di dubbio valore Dirigenti dei servizi sociali e assistenti sociali non hanno fiducia nel razionalismo economico (timore che i servizi vengano chiusi sulla base di risultati dubbi)

4 Contesti attuali della valutazione Clima di efficacia ottimale Attesa di prove di efficacia per decisioni pratiche Crescente richiesta di scelte teoriche basate su prove di efficacia La voce dell utente utente è più alta Finestra di opportunità per stabilire collaborazioni più efficaci tra utenti, operatori, dirigenti e ricercatori Assistenti sociali e valutazione Celebrare la differenza versus Ridurre le differenze Brigid Jordan Royal Children s s Hospital, Melbourne (2006)

5 Le sfide dell evidence evidence- based Rigide Proscriptive Prescrittive Undermining of professional training skills and credibility Scarsa bontà di adattamento nella pratica Gray M and McDonald C (2006) Pursuing good practice. Journal of Social Work 61 (2): Argomenti contrari etico ad homine Standard pratici filosofico Attiva la ricerca funzionale e responsabile dell operatore Gibbs and Gambrill, 2005; Shaw, 2005

6 Perché valutare? Aumento del processo di valutazione classico del servizio sociale Aiuta la programmazione degli interventi Positive prove di efficacia sono argomenti convincenti per chi finanzia Supporta la politica e i processi (dal livello micro al livello macro) Ma Nel servizio sociale a diretto contatto con l uente, gli strumenti strutturati non devono MAI essere usati da soli Se sono usati a diretto contatto con l utenza, gli strumenti vanno applicati SEMPRE come parte del processo di social work assessment

7 Social work assessment Analisi della persona nella situazione Integrazione della teoria con la situazione pratica Practice wisdom Due detti detti del servizio sociale Inizia dal punto in cui si trova l utente!! l Analizza la person-in in-situation configuration Mayer and Timms (1970) The Client Speaks

8 Celebrare le differenze Unicità/diversit /diversità Fluidità/cambiamento nel tempo e nello spazio Diversità età razza etnia cultura/subcultura sesso stato civile (status?) stato economico istruzione

9 Cambiamento salute età economia geografia abitazione politica immigrazione relazioni (famiglia, famiglia estesa, conoscenze, vicinato) punti di forza sfide/difficoltà disastri naturali atti di aggressione o abusi Formato classico della valutazione Dati demografici Fonte della segnalazione Ragioni della segnalazione Costellazione familiare Collegamenti nella comunità Punti di forza/risorse Abilità/disabilit /disabilità Aspetti di salute e salute mentale Aree di bisogno percepito dalla persona/famiglia/altri diagnosi Piano di intervento Tempi Revisioni

10 Strutture teoriche di riferimento che dominano nel servizio sociale in Australia Sistemi ecologici Strutturali Teoria dei sistemi ecologici Micro Meso Eso (Bronfenbrenner) Macro Hartman and Laird Germain and Gitterman (1983) Mayer and Mattaini (1996) Kirst-Ashman and Hull(2003) Trevithick (2000;2005) Bronfenbrenner(1979)

11 Micro-livello I I microsistemi comprendono famiglia, scuola, posto di lavoro e vicinato Bronfenbrenner, 1979 Meso-livello Il mesosistema è dato dall interazione intersistemica dei componenti del micro- sistema Bronfenbrenner, 1979

12 Eso-livello L esosistema è dato dall impatto delle istituzioni sociali quali ad esempio occupazione, salute e casa Bronfenbrenner, 1979 Macro-livello Il macro-sistema incorpora I modelli istituzionali culturali e sub-culturali culturali Bronfenbrenner, 1979

13 Approccio narrativo- costruttivista Terapia narrativa (White, Epston) Focus sulla soluzione (de Shazer, Berg) Approccio basato sui punti di forza (Saleeby) Michael White and Alice Morgan (2006) Narrative Therapy with Children and their Families Adelaide South Australia: The Dulwich Centre Michael White, 1995 Re-Authoring Lives: Interviews and Essays South Australia: The Dulwich Centre David Epston (1998) "Catching up" with David Epston: A Collection of Narrative Practice ce-based Papers South Australia: The Dulwich Centre Insoo Kim Berg & Peter Szabo (2005) ) Brief coaching for lasting solutions W.W. Norton Saleeby Dennis (2002) Strengths perspective in social work practice N.Y. Allyn and Bacon Teoria strutturale Oppressione Emarginazione Disuguaglianza distributiva Questioni di genere Fook J (1993) Radical R casework Sydney: Allen and Unwin Pease B & Fook J, (eds), 2003 Transforming Social Work Practice: Postmodern Critical Perspectives. Allen & Unwin, St Leonards, NSW.... Ife J (2001) Human Rights and Social Work:Towards Rights- Based Practice Cambridge University Press

14 Practice wisdom Esperienza di vita Esperienza professionale Integrazione fra teoria e pratica Scott D (1983) Come valutare? Esempi? Lo schema polare (Vecchiato et al, 2005) insieme a strumenti di valutazione sviluppati da Campanini, Bertotti e altri ITALIA Il questionario delle Strengths and Difficulties di Goodman (2001) oppure il Looking After Children LAC AUSTRALIA

15 Alcuni strumenti usati nel servizio sociale in Australia Servizi per l infanzia l e la famiglia Tutela dei minori Salute mentale in area infanzia e famiglia Disabilità intellettiva Assistenza agli anziani Valutazione di bambini e famiglie salute welfare istruzione salute mentale

16 Alcuni strumenti utili Di carattere generale Di tutela dei minori Strumenti generali Looking after Children - LAC utilizzato in molti enti di servizio per l infanzia e la famiglia come strumento di scrrening ad esempio presso la Berry Street Victoria

17 Looking after children Copyright - UK Registro della valutazione e delle azioni Da tre a quattro anni Scopo Valutare i miglioramenti ottenuti nel bambino/ragazzo Monitorare la qualità dell assistenza che stanno ricevendo Avviare progetti di miglioramento

18 Sette dimensioni da considerare per lo sviluppo salute istruzione identità famiglia e relazioni sociali presentazione sociale sviluppo emotivo e comportamentale capacità di autonomia Fare Trovare una persona nota e fidata che possa completare la valutazione Usare un modo di parlare adeguato, confortevole Programmare guardando avanti Parlare ad altre persone significative ad esempio assistenti sanitarie e insegnanti Usare l osservazione l diretta Completare le aree di progettazione in modo accurato Inserire dettagli importanti

19 Non fare Completare in una volta sola Attenzione se ci sono dei vuoti Completarlo senza il coinvolgimento del genitore o del carer Valutazione della salute mentale in area infanzia e famiglia Esiti nei servizi di slaute mentale clinici: RCH CAMHS (HoNOSCA, CGAS, FIHS,SDQ) Le scale CAMHS sono usate per produrre una indicazione aggregata sul benessere dle bambino per il Victorian State Department of Human Services (DHS) Le valutazioni per I figli vanno fatte separatamente

20 HoNOSCA Health of the Nation Outcome Scales for Children and Adolescents scopo overts il giudizio clinico uso universale nei servizi CAMHS dello stato di Vittoria utilità strumenti di analisi e valutazione che è breve accesso Università di Manchester, Department of Child and Adolescent Psychiatry (Gowers et al 1999a;1999b) HoNOSCA Scales SCALES Disruptive, antisocial or aggressive behaviour Over activity, attention or concentration Non-accidental self injury Alcohol, substance/solvent misuse Scholastic or language skills Physical illness or disability problems Hallucinations or delusions Non-organic organic somatic symptoms Emotional or related symptoms Peer relationships Self care and independence Family life and relationships Poor school attendance Lack of knowledge nature of difficulties SUBSCALES Behaviour Impairment Symptoms SocialS Information

21 Children s s Global Assessment Scale - CGAS Aim- to provide a global measure of severity of disturbance in children and adolescents Application- children seen in specialist mental health clinics (CAMHS); scales for year olds and year olds Utility- single global rating only, scored 1-100; 1 100; much briefer than the Achenbach Child Behaviour Checklist; has replaced the CBCL in Victorian CAMHS Access multidisciplinary team members, teachers and families; has youth self report, parent report, teacher report and clinician report forms CGAS Rating guidelines Rate the patient s s most impaired level of general functioning for the specified time period. Use intermediary levels (e.g. 35,58,62) Rate actual functioning regardless of treatment or prognosis. The examples of behaviour are only illustrative and are not required for a particular rating. Schaffer et al (1983) Columbia University Department of Psychiatry

22 FIHS Factors influencing health scale Aim- to capture complicating factors that are targeted during contact with a service Application consumers of mental health services Utility- identifies complicating psychosocial factors which might require clinician input during the episode of care Access clinicians in mental health services Extends the ICD 10 is derived from the MH- CASC Project in the UK FIHS rating guidelines The clinician is required to rate the items retrospectively, at the end of an episode or at a review Checks for extra care, and or monitoring during treatment Descriptions are linked to ICD-10 codes. Summary score of total positive responses maximum 7 Buckingham et al (1998)

23 SDQ Strengths and difficulties questionnaire Aim - to assess socio-emotional strengths and difficulties Application- children,adolescents and their carers and teachers; has self reports for year olds Utility- mental health and related settings Access copyright held by Dr Robert Goodman, UK Goodman et al (2000) Parent-infant attachment scales Paternal prenatal attachment(condon et al)* Maternal prenatal attachment(condon et al* Paternal postnatal attachment(condon et al)* Maternal postnatal attachment (Condon et al)* Flinders University Department of Child and Adolescent Psychiatry; Flinders University Medical Centre, South Australia. Condon J (1993); Condon J and Corkindale C (1997; 1998)

24 General features Aim to assess parent-infant attachment in the pre- and post-natal period Application at risk parents and newborn babies Utility identifies risk of postpartum depression and poor attachment processes in male and female parents; takes five minutes to complete Access all health professionals working within parent- infant social welfare and health services General features Aim to assess parent-infant attachment in the pre- and post-natal period Application at risk parents and newborn babies Utility identifies risk of postpartum depression and poor attachment processes in male and female parents; takes five minutes to complete Access all health professionals working within parent- infant social welfare and health services

25 Parent-infant attachment scales Paternal prenatal attachment(condon et al)* Maternal prenatal attachment(condon et al* Paternal postnatal attachment(condon et al)* Maternal postnatal attachment (Condon et al)* Flinders University Department of Child and Adolescent Psychiatry; Flinders University Medical Centre, South Australia. Condon J (1993); Condon J and Corkindale C (1997; 1998) Aged care assessment Full social work assessment Mini mental examination Hospital tool

26 Family situation History Education Health Living arrangements Socio-economic information Community services Barthel Index Determines level of care a lcinet requires Addresses self care and mobility

27 Mini Mental State Examination (MMSE) Aim to assess the elderly person s s orientation in space and time and give some indication of their level of cognitive functioning Application- aged persons deemed at possible risk in the community or in institutional care Utility facilitates interventions targeted at areas of deficit; assists decision-making re referrals and placement; can determine level of deterioration in Alzheimer s s patients if reviewed annually Access multidisciplinary team aged care assessment (ACAT) team members and other working with the aged in hospitals, institutions or in the community Folstein et al (1975) Guidelines for the MMSE Make the patient comfortable and establish rapport Ask questions in the order listed orientation in time and space, registration, attention and calculation, recall,language, ability to read and perform Scores impairment from mild to severe Expected decline in mild to moderate Alzheimer s s patient is 2 to 4 points per year

28 Hospital risk screening tools Emergency Department Aim- to determine need for full assessment Application all patients over 65/70 years, younger with age related disability type conditions (MS etc) Utility emergency department assessments of at risk individuals Access social workers in Emergency Departments Come valutare? Celebrare i punti di forza (Saleeby, 2002 ) Focalizzarsi sulla soluzione (Berg and Szabo, 2005) Dare voce agli utenti (input nel disegno della ricerca e nella scelta del metodo, controllo dei membri, approcci narrativi e metodi misti) Avere un orientamente all empowerment (ricerca azione partecipante) Avere una prospettiva ecologica e di sviluppo (Bronfenbrenner, 1979) Inserire l attenzione l per le strutture sociali (Fook 1998) Dimensione del cambiamento Compilazione veloce e semplice

29 Imparare a valutare Gli studenti devono essere ben formati e abili per una vasta gamma di metodi di valutazione qualitativa e quantitativa Avere al tempo stesso una comprensione critica sulle evidence-based e il suo ruolo nella programmazione politica e nella erogazione dei del servizio Sfide educative Contenuti limitati sulla valutazione e sulle esperienze di valutazione nei curricula del servizio sociale nelle università Gli studenti sono perciò molto poco preparati Il personale manca di continuità nell occupazione (specialmente in Italia)

30 Altre sfide Ansia dell essere essere valutato Insufficiente attenzione al processo Mancanza di risposte organizzative alla valutazione Diversità di stakeholders, partecipanti alla ricerca e utenti Ricerca sottofinanziata Il futuro Utenti, operatori, dirigenti e ricercatori collaborano per produrre strumenti che collapse and celebrate la differenza Strive for optimum goodness of fit between practice pressure and evaluative rigor La valutazione deve essere economica, puntuale, empowering e centrata sul cambiamento La valutazione deve essere coerente con la missione di giustizia sociale del serrvizio sociale e con i riferimenti concetuali di riferimento. La valutazione deve inconrporare e celebrare la practice wisdom dell assistente sociale (Scott, 1990)

31 Suggerimenti di letteratura Arnd-Caddigan M and Pozzuto (2006) Truth in our time. Qualitative Social Work 5 (4): Bellamy J, Bledsoe S and Traube D (2006) The current state of evidence based practice in social work: A review of the literature and qualitative analysis of expert interviews. Journal of Evidence-Based Social Work. 3(1):233 (1):23-48 Berg IK & Szabo, P (2005) Brief coaching for lasting solutions. New York: W.W. Norton Berry, M., Brandon, M., Chaskin, R., Fernandez, E., Grietens, N.,, Lightburn, A., McNamara, P.M., Munford, R., Palacio-Quintin, E., Sanders, J., Warren-Adamson, C., & Zeira,A. Identifying sensitive outcomes of interventions entions in community-based centres. International Journal of Child and Family Welfare 9(1): Block M and Timmerman (2005) Supporting narrative evaluation action research (NEAR) in a community munity health setting Western Region Health Centre (Victoria, Australia) Bologna Declaration (1999) European Higher Education Area. Joint Declaration of the European Ministers of Education convened in Bologna on 19 June 1999, signed by 31 representatives of 29 EU member m states and ascension candidates. Canali C., Rigon P (2002), Evaluating Outcomes for Children with Multiple problems, in Vecchiato T., Maluccio A.N., Canali C., eds, Evaluation in Child and Family Services, Aldine de Gruyter, New York. Clement, T., & Bigby, C. (2007) La Trobe University School of Social Work and Social Policy, Australia. Personal communication in relation to Making Life Good in the Community project Chenoweth L and McAuliffe D (2005) The road to social work & human service practice: an introductory y text Southbank Victoria, Australia:Thomson De Ambrogio U (2003) Valuatare gli interventi e le politiche sociali Roma: Carocci. Epston David (1998) "Catching up" with David Epston: A Collection of Narrative Practice ice-based Papers South Australia: The Dulwich Centre Fook J (1993) Radical R casework Sydney: Allen and Unwin Fook J (1996) The Reflective Researcher: Social Workers Theories of Practice Research Sydney: Allen and Unwin Fossey E, Harvey C, McDermott, F and Davidson, L (2002) Understanding nding and evaluating qualitative research. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry 36(6): Serves (KRS) Redevelopment Gibbs and Gambrill (2002) Counterarguments to objections. To evidence based practice Research on social work practice 12 (3): Gambrill E (2007) Transparency as the route to evidence informed professionl education Research on social work Practice 17(5): Germain C and Gittterman A (1980, 1986, 1996) The life model of social work practice New York: Columbia University Press Gira E and Kessler M (2004) Influencing social workers to use evidence in practice: Lessons from medicine and the allied health professions. Research on Social Work Practice 14 (2): Goldstein, E. G. (1980). Knowledge base of clinical social work. In P. Ewalt (Ed.), Toward a definition of clinical social work. Washington, D.C, USA.: National Association of Social Workers Goodman.R (2001) Psychometric properties of the strengths and difficulties questionnaire onnaire Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry: 40(11): Griffiths K Jorm A and Christensen H (2004) Academic consumer researchers: a bridge between consumers and researchers. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry (38) 4: Letteratura (continua) Gray M and McDonald C (2006) Pursuing good practice. Journal of Social Work, 61: : Hartman A and Laird J (1983) Family-centered Social Work Practice New York: Collier Macmillan Ife J (2001) Human Rights and Social Work: Towards Rights-Based Practice Cambridge, UK: Cambridge University Press Jordan B (2006). Infant Mental Health Service Royal Children s s Hospital, Melbourne, Australia. Personal communication Leginsky P et al (1989) Data standards for mental health decision support (NIMH Series FN-10). Washington, DC: Dept. Magill M (2006) The future of evidence in evidence-based practice: Who will answer the call for clinical relevance? Journal of Wocial Work 6(2):1016 (2): Maluccio A (1986) The ecological systems approach. A Maluccio, E Fein, K Olmstead Permanency Planning for Children: Concepts and Methods London: Tavistock Mattaini M, Lowery J and Meyer C (2002) Foundations of Social Work Practice: A GraduateText. National Association of Social Workers McNamara, P Mapping change in a child and family centre in Melbourne, Australia. International Journal of Child and Family Welfare 9(1): McNamara P (2007) Evaluation of clinical group supervision at Parkville Youth Residential Centre. School of Social Work and Social Policy, La Trobe University Merlini F, Ranci Ortigosa E (2001) La valutazione dell assitente sociale in Prospettive sociali e sanitarie n 17/2001 anno XXXI (Italian) Miller R and Asquini C (2008) Reforming Child Protection Systems: Policy Considerations from an Australian Perspective Paper presented at Eusarf-ia iaoberfcs Conference, Padua, Italy, March 27th. Munford and Sanders (2003) Making a difference in families: Research that creates change. Sydney, Australia: Allen and Unwin Pease B and Fook J, eds. (1999) Transforming Social Work Practice: Postmodern Critical Perspectives ves.. St Leonards, NSW:Allen & Unwin, O Hara A and Weber Z (2006) Skills for Human Service Practice: Working with Individuals, Groups and Communities Melbourne, Australia: Oxford University Press Prizzon C. (2006) Assessment e qualità dell'azione professionale dell'assistente sociale. in Campanini A. La valutazione nel servizio sociale. proposte e strumenti per la qualità dell'intervento professionale Roma: Carocci (Italian). Regehr C, Stern S and Shlonsky A (2007) Operationalizing evidence-based practice Research on Social Work Practice 17(3):408 (3): Richmond M (1917) Social diagnosis New York: Russell Sage Foundation Rubin and Parrish (2007) Views of evidence based practice among faculty in Master of Social Work Programs. Research on

32 Letteratura (continua) Rubin and Parrish (2007) Views of evidence based practice among faculty in Master of Social Work Programs. Research on Social Work Practice. 17(1) Saleeby D (2002) Strengths perspective in social work practice. New York: Allyn and Bacon Schon Donald (1983) The reflective practitioner: How professionals think in action. New York: Basic Books Scott, Dorothy (1990) Practice Wisdom: The Neglected Source of Practice P Research. Social Work 35 (6): : Shaw I (2005) Practitioner research: Evidence or critique British Journal of Social work Siporin, M. (1980). Ecological system theory in social work. Journal of Sociology and Social Welfare, 7, Shlonsky and Stern (2007) Reflections on the teaching of evidence e based practice Research on Social Work Practice 17(5):603 (5): Soyden H (2007) Improving the teaching of evidence based practice e Challenges and priorities Research on Social Work Practice 17(5):612 (5): Trevithick P (2000, 2005) Social work skills: A practice handbook London: Open UniversityPress Vergani C., Corsi, M., Bezze, M., Bavazzano, A., & Vecchiato, T. (2003). La valutazione multidimensionale dell anziano: Lo schema polare. Giornale di Gerontologia, 51. (Italian) Vergani C., Corsi M., Bezze, M., Bavazzano, A., & Vecchiato T. (2004).( A polar diagram for comprehensive geriatric assessment. Archives of Gerontology and Geriatrics, 38(2), Vecchiato T. (2002), Outcome-Based Evaluation of National Health Social Programs, in Maluccio A.N., Canali C., Vecchiato T., eds, Assessing Outcomes in Child and Family Services, Aldine de Gruyter, New York. Webb S (2001) Some considerations on the validity of evidence based b practice in social work. The British Journal of Social Work 31(1):57 (1):57-59 Whittaker J, Greene K, Schubert D, Blum R, Cheng K, Blum, K, Reed d N, Scott K, Roy R, Savas SA (2006) Integrating evidence based practice in the child mental health agency: A template for clinical cal and organizational change. American Journal of Orthopsychiatry 76(2): White M (1995) Re-authoring Lives: Interviews and Essays. Adelaide, South Australia: The Dulwich Centre Zeira A., Vecchiato T., Jergeby U., Thoburn J., Neve E. (2007) EvidenceE vidence-based Social Work Practice with Children and Families: A Cross National Perspective. European Journal of Social Work Published online November 12, 2007.

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile.

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile. Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile Aprile 2008 1 Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Medicina Narrativa: cos'è?

Medicina Narrativa: cos'è? Medicina Narrativa N.1 2011 Narrative Medicine: what is it? A. Virzì, O. Bianchini, S. Dipasquale, M. Genovese, G. Previti, M. S. Signorelli. Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico Vittorio emanuele

Dettagli

RA4AL MAPPING THE IMPLEMENTATION OF POLICY FOR INCLUSIVE EDUCATION (MIPIE)

RA4AL MAPPING THE IMPLEMENTATION OF POLICY FOR INCLUSIVE EDUCATION (MIPIE) RA4AL MAPPING THE IMPLEMENTATION OF POLICY FOR INCLUSIVE EDUCATION (MIPIE) MIGLIORARE L ESITO SCOLASTICO DI TUTTI GLI ALUNNI LA QUALITÀ NELLA SCUOLA INCLUSIVA I MESSAGGI CHIAVE DEL PROGETTO Introduzione

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute

Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Indicatori positivi: Misurare la salute e la Qualità di vita legata alla Salute Prof. Giovanni Capelli Cattedra di Igiene Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute Università di Cassino Salute e Qualità

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.

Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi. Il Metodo di analisi multicriterio Analitic Hierarchy Process (AHP) Corso di Analisi delle Decisioni Chiara Mocenni (mocenni@dii.unisi.it) L analisi multicriterio e il processo decisionale L analisi multicriterio

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli