Linee Guida Eurosif per la Trasparenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Guida Eurosif per la Trasparenza"

Transcript

1 Informazioni sui Fondi Etici fornite nel rispetto delle Linee Guida Eurosif per la Trasparenza dei fondi di investimento retail socialmente responsabili 1

2 INDICE 1 - INFORMAZIONI DI BASE CRITERI DI ISR PROCESSO DI RICERCA VALUTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE AZIONARIATO ATTIVO POLITICHE DI VOTO ATTIVITA' PERIODICHE... 9 DEFINIZIONE DELLE PAROLE CHIAVE USATE NELLE LINEE GUIDA

3 1 - INFORMAZIONI DI BASE GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SU CHI ESSI SIANO NONCHÉ SUL FONDO * E SUL GESTORE*. 1a - Specificare il nome dei fondi e del gestore cui si applicano queste linee guida. Eurizon Azionario Internazionale Etico 1 : Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Obbligazionario Etico 2 : Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Diversificato Etico 3 : Eurizon Capital SGR S.p.A. 1b - Specificare i contatti per ottenere ulteriori informazioni sui fondi. Eurizon Capital SGR S.p.A. 02/ c - Specificare l'indicazione delle dimensioni del fondo espressa in valuta ad una data specificata (31/12/2014). Eurizon Azionario Internazionale Etico: Eurizon Obbligazionario Etico: Eurizon Diversificato Etico: 88,78 mln euro 420,84 mln euro 133,85 mln euro 1d - Specificare dove possano essere trovate le informazioni sulle performance storiche del fondo. Le informazioni possono essere reperite nella Parte II del Prospetto e nel KIID (Informazioni Chiave per gli Investitori), aggiornati annualmente (vedi successivo punto 1e), e sul sito internet della SGR, aggiornato mensilmente (sezione "Privati / Fondi comuni e servizi"). 1e - Specificare il contenuto, la frequenza e i mezzi di comunicazione delle informazioni destinate agli investitori. L'informativa agli investitori è realizzata attraverso: - il Rendiconto di Gestione (annuale), certificato da una società di revisione e composto da una sezione patrimoniale, una sezione reddituale, una nota integrativa, contenente numerose informazioni sulla politica di investimento effettivamente posta in essere dalla SGR. Il Rendiconto è predisposto entro 60 giorni dalla fine dell'esercizio di ciascun fondo ed è messo a disposizione del pubblico entro 30 giorni dall'approvazione; - la Relazione semestrale, che contiene una situazione patrimoniale ed è accompagnata da una relazione degli amministratori che riporta informazioni di dettaglio sulla politica di investimento effettivamente posta in essere dalla SGR. La Relazione semestrale è redatta entro 30 giorni dalla fine dei primi sei mesi dell'esercizio di ciascun Fondo ed è messa a disposizione del pubblico entro 30 giorni dall'approvazione; - la Parte II del Prospetto "Illustrazione dei dati periodici di rischio/rendimento e costi dei fondi" - aggiornata annualmente entro il mese di febbraio di ciascun anno, inviata a tutti i partecipanti e resa disponibile al pubblico; - il KIID (Informazioni Chiave per gli Investitori), che contiene le informazioni chiave per comprendere le caratteristiche e il funzionamento del fondo comune d'investimento, consegnato obbligatoriamente al momento della sottoscrizione e reso disponibile al pubblico; - le Schede Prodotto dedicate ai singoli fondi, contenenti informazioni sintetiche sulla composizione di portafoglio e sulle performance dei fondi, aggiornate mensilmente e disponibili sul sito internet della SGR (sezione "Privati / Fondi comuni e servizi"). * si veda la sezione: "Definizioni delle parole chiave" 1 Fino al 27/04/2008 la denominazione del Fondo era Sanpaolo Azionario Internazionale Etico 2 Fino al 27/04/2008 la denominazione del Fondo era Sanpaolo Obbligazionario Etico 3 ll Fondo, precedentemente gestito da Eurizon Investimenti Sgr, in data 28/04/2008 ha incorporato i fondi Nextra SR Equity 10, Nextra SR Equity 20 e Sanpaolo Etico Venezia Serenissima e, contestualmente, ha cambiato denominazione da Nextra Equilibrio SR a Eurizon Diversificato Etico. 3

4 Tutti i documenti sono disponibili anche sul sito internet della SGR. Addizionale - Descrivere brevemente le politiche di responsabilità sociale dell'organizzazione che gestisce o promuove i fondi o fornire indicazioni su dove possano essere trovate. Eurizon Capital SGR fa parte del Gruppo Intesa Sanpaolo e ne condivide pienamente le politiche di Responsabilità Sociale che ispirano la strategia. Per il Gruppo Intesa Sanpaolo è possibile creare valore sostenibile nel tempo solo se la conduzione dell'impresa segue tre solide direttrici - quella economico finanziaria, quella sociale e quella ambientale - e se è cementata da una sana e trasparente corporate governance. Tale filosofia ispira la gestione di tutte le società del Gruppo per le quali la responsabilità sociale di impresa, intesa come impegno verso la creazione di valore esteso a tutti i nostri stakeholder, è parte integrante, e non accessoria, della strategia del Gruppo. Si veda anche il sito internet all'interno del quale è possibile trovare la sezione dedicata alla sostenibilità con il Bilancio Sociale e con le altre informazioni e iniziative sul tema. 2 - CRITERI DI ISR GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SULLO SCOPO * E SUI CRITERI DI INVESTIMENTO. 2a - Specificare la definizione di ISR (Investimenti Socialmente Responsabili) adottata dal fondo. Eurizon Capital SGR, si propone di perseguire incrementi nel tempo dei valori dei patrimoni gestiti attraverso servizi di eccellenza nella gestione del risparmio nel rispetto di criteri di sviluppo sostenibile (sociale, ambientale e di governo delle imprese). L'ISR è inteso come forma di investimento che rispetta i valori individuali e la salvaguardia della dimensione sociale ed ambientale combinando gli obiettivi di creazione di valore degli investitori con criteri etici. 2b - Descrivere i criteri di ISR adottati dal fondo. I Fondi appartenenti al Sistema Etico sono orientati, tendenzialmente in via esclusiva, verso strumenti finanziari di emittenti che - al momento dell'investimento - non rientrano nei casi di esclusione precisati nei "criteri negativi" e si contraddistinguono per il rispetto di uno o più "criteri positivi". Criteri positivi a) nel caso in cui l'emittente sia uno Stato, riguardano: - la tutela dei diritti dell'uomo (qualunque sia la razza, la nazionalità, la religione, il sesso...); - l'impegno a dirimere situazioni di conflitto ed a creare le condizioni per un dialogo stabile e pacifico tra gli Stati ed i Popoli; - l'intervento a sostegno di Paesi non sviluppati e di quelli colpiti da guerre o catastrofi naturali; b) nel caso in cui l'emittente sia una società: - la sensibilità mostrata nell'esercizio della propria attività d'impresa verso la tutela dell'ambiente; - l'impegno in attività e progetti che possano contribuire ad un miglioramento della qualità della vita; - l'attenzione dimostrata, durante la progettazione e la produzione, alle caratteristiche di qualità e sicurezza dei prodotti nonché alla salute ed alla sicurezza dei lavoratori. Criteri negativi c) nel caso in cui l'emittente sia uno Stato: - la presenza di un regime oppressivo; - il coinvolgimento in azioni militari che non siano condotte sotto l'egida di organizzazioni sovranazionali; d) nel caso in cui l'emittente sia una società: - la realizzazione di una parte rilevante del proprio giro d'affari o del proprio utile attraverso la produzione o commercializzazione di armi, tabacco, alcolici, organismi geneticamente modificati e prodotti lesivi della dignità dell'uomo (ad esempio: pornografia,...) e della sua salute; - la produzione o realizzazione di impianti per la produzione di energia nucleare. * si veda la sezione: "Definizioni delle parole chiave" 4

5 2c - Specificare chi ha inizialmente definito i criteri di ISR e con quale frequenza e da chi vengono rivisti. I criteri sono stati definiti dal Consiglio di Amministrazione e codificati nel Regolamento di gestione dei fondi. La loro revisione non avviene con periodicità predefinita, può avvenire anche su proposta del Comitato di Sostenibilità (vedi punto 3c) ed è, comunque, soggetta all'approvazione del Consiglio di Amministrazione. 2d - Specificare come vengono comunicati agli investitori i cambiamenti nei criteri di ISR. Eventuali cambiamenti nei criteri di ISR sono comunicati agli investitori mediante le modalità previste dalla legge per la modifica del Regolamento di gestione, ovvero (a) avviso su "Il Sole 24 Ore" e (b) comunicazione individuale ai partecipanti. Inoltre, copia del regolamento è resa disponibile nel sito web di Eurizon Capital SGR. 3 - PROCESSO DI RICERCA GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SUL PROPRIO PROCESSO DI RICERCA. 3a - Descrivere la metodologia di ricerca e il processo di ISR. Il processo di investimento dei fondi etici prevede l'individuazione di un universo investibile sulla base dei criteri etici previsti dal Regolamento dei fondi. Per tale attività la SGR si avvale del supporto di consulenti esterni, come ad esempio E.Capital Partners, Vigeo Italia. Il gestore effettua le scelte di investimento sull'universo investibile sulla base sia di analisi fondamentale ed economica sia di specifiche valutazioni etiche. Un Comitato di Sostenibilità (si veda sub 3c per la descrizione completa dell'attività svolta dal Comitato) può fornire, ex ante, orientamenti e pareri sulle proposte di investimento e valuta, ex post, la rispondenza delle scelte di investimento ai criteri etici stabiliti dal Regolamento dei fondi. Il processo di investimento dei fondi etici di Eurizon Capital 3b - Specificare se e perché il gestore usi una propria unità di ricerca interna e/o si serva di fornitori esterni. Al fine di rispettare nel modo più rigoroso i principi etici stabiliti dal Regolamento dei fondi, Eurizon Capital SGR si avvale di alcune società di ricerca del settore: l'italiana Vigeo Italia, specializzata nell'attribuzione di 'rating etici' alle società oltre all'italiana E.Capital Partners che fornisce gli indici di riferimento usati dai fondi. Il rating etico è un giudizio sintetico su un emittente, basato su criteri di responsabilità sociale e ambientale. Il termine Rating Etico deriva dalle tradizionali metodologie di rating finanziario (Standard&Poor's e Moody's) di cui sposa principi e presupposti della valutazione. 5

6 La valutazione delle società ai fini dell'investimento in azioni ed obbligazioni societarie è effettuata su due livelli: Settore e Impresa. La valutazione del settore si basa sulla natura delle produzioni che non devono essere lesive della dignità dell'uomo e dei suoi fondamentali diritti. La valutazione dell'impresa si basa su una serie di criteri generali, ambientali e sociali volti a valutare la qualità delle relazioni dell'impresa con i suoi stakeholders. La valutazione dei Government Bond si basa sulla conformità etica (libertà civili e dei diritti politici) del Paese emittente. Per quanto riguarda invece l'attività di analisi fondamentale con valenza puramente economico-finanziaria, la gestione dei fondi del Sistema Etico si avvale sia della ricerca prodotta dai nuclei di "buy side analysis" di Eurizon Capital SGR, sia della ricerca prodotta dalle principali case di investimento internazionali. 3c - Specificare se esista un sistema di controllo o di verifica esterna per il processo di ricerca. Nel caso in cui esista un Comitato di Sostenibilità o di Supervisione, specificarne la responsabilità. Al fine di garantire l'orientamento e il controllo dell'attività del gestore, Eurizon Capital è stata la prima Società di Gestione italiana a costituire un apposito 'Comitato di Sostenibilità'. Il Comitato ha come compiti prioritari quelli di: - valutare le principali problematiche di carattere etico che possano interessare le attività di investimento del fondo; - valutare le scelte di investimento formulate dai gestori verificando, in particolare, la rispondenza delle stesse ai principi etici stabiliti dal Regolamento dei fondi. Il Comitato é indipendente ed autonomo rispetto a Eurizon Capital e formula le proprie opinioni circa l'eticità degli emittenti, anche avvalendosi di ricerche e studi realizzati da società specializzate. Il Comitato di Sostenibilità si riunisce almeno tre volte l'anno ed è composto da personalità di riconosciuta probità e moralità: - Giulio de Leo (Presidente del Comitato) Area di interesse: ambiente e impresa - Marzio Galeotti (Vice Presidente del Comitato) Area di interesse: energie rinnovabili - Maria Cristina Bombelli Area di interesse: impresa, management e differenze di genere - Don Virginio Colmegna Area di interesse: morale cattolica - Luigi Lodovico Pasinetti Area di interesse: analisi economica - Mirella Pilone Area di interesse: biotecnologie - Paola Pucci Area di interesse: diritto del lavoro - Domenico Tealdi Area di interesse: chirurgia generale e vascolare - Gianluca Manca 4 Area di interesse: finanza sostenibile Per un maggior dettaglio dell'attività svolta dal Comitato di Sostenibilità si rimanda al punto 4b, comma c. 3d - Specificare se il processo di ricerca preveda una consultazione delle parti interessate e, se si, dettagliarne le modalità. L'attività di ricerca svolta internamente prevede la consultazione delle parti interessate prevalentemente in occasione degli incontri tra investitori e società emittenti che vengono periodicamente organizzati su iniziativa delle società o su richiesta di Eurizon Capital SGR. Il processo di ricerca relativo ai profili di eticità degli emittenti di titoli oggetto di investimento viene effettuato ricorrendo anche alla collaborazione di consulenti esterni. Nell'ambito dell'attività svolta dai consulenti, la consultazione di tutti gli stakeholders risulta essere parte del processo di analisi sia in fase di stesura del rapporto ed emissione del rating, sia nella fase successiva all'emissione del rating. 4 Membro non votante 6

7 3e - Chiarire se le società abbiano la possibilità di vedere il profilo o le analisi che vengono svolte su di loro e se si con quale frequenza. Nell'ambito dell'attività svolta dai consulenti, le imprese oggetto di analisi vengono sempre informate circa le conclusioni raggiunte a fronte dell'analisi svolta e copia del profilo di ricerca viene inviata alla società analizzata. 3f - Specificare con quale frequenza venga rivisto il processo di ricerca. Non esistono specifici momenti di revisione del processo di ricerca che viene considerato peraltro sempre in itinere, con l'obiettivo di aggiungere costantemente elementi che rendano il processo di investimento adatto a percepire i cambiamenti in atto nell'economia globale, valutandone contestualmente le implicazioni di natura socialmente responsabile e di investimento finanziario. 3g - Specificare quali evidenze emerse dal processo di ricerca vengono comunicate al pubblico e come. Al momento non sono previste forme di comunicazione al pubblico di evidenze emerse dal processo di ricerca. 4 - VALUTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SU COME LA RICERCA VIENE UTILIZZATA PER COSTRUIRE E MANTENERE I PORTAFOGLI *. 4a - Specificare come i risultati della ricerca vengano integrati nel processo di investimento, inclusa la fase di selezione delle società emittenti e di approvazione dell'investimento. La ricerca ISR si innesta nel processo d'investimento di base, coniugando le attese di sostenibilità nel lungo termine con quelle di rendimento finanziario. Lo "screening valutativo", ovvero la selezione dei titoli investibili effettuata anche grazie al ricorso a consulenti esterni, definisce un universo investibile nell'ambito del quale vengono scelte le idee di investimento. Un livello di approfondimento ulteriore segue la fase di individuazione dei titoli in cui investire. Maggiore è la sua aderenza ai criteri ISR, a parità di valutazione finanziaria dell'azienda, più alta è la probabilità che ad essa venga attribuito un peso maggiore nel portafoglio. 4b - Specificare quali misure siano poste in essere per assicurare che i titoli in portafoglio siano coerenti con i criteri di investimento. La coerenza dei titoli in portafoglio con i criteri di investimento viene assicurata da tre diversi tipi di attività, effettuate su tre differenti livelli. a. I titoli in portafoglio sono in maggioranza sottoposti a controllo periodico da parte dei consulenti esterni. Quando non fossero già contenuti in panieri precostituiti e sotto costante osservazione, il gestore provvede ad accertare la presenza/permanenza dei requisiti di investibilità tramite le informazioni reperibili dagli organi di stampa, direttamente dal materiale messo a disposizione dalle società e ricorrendo anche alla ricerca prodotta dalle principali società di intermediazione a livello internazionale, proponendone peraltro l'inserimento nei panieri sotto screening periodico. b. Con cadenza annuale l'ufficio Middle Office e Vigilanza procede alla verifica dell'eticità, rispetto dei criteri positivi e negativi previsti dal regolamento dei fondi, dei titoli presenti in portafoglio. Tale controllo viene condotto attraverso l'analisi della documentazione resa disponibile da provider ordinari (Bloomberg) o mediante consultazione dei siti aziendali. Un'ulteriore verifica di eticità viene effettuata con periodicità trimestrale sui nuovi titoli acquistati nel periodo intercorrente tra un controllo ed un altro. c. Il Comitato di Sostenibilità, nello svolgimento delle proprie funzioni di orientamento e di controllo della valutazione della rispondenza delle scelte di investimento dei fondi ai principi etici indicati nel Regolamento dei fondi del Sistema Etico, svolge le seguenti attività: * si veda la sezione: "Definizioni delle parole chiave" 7

8 i. Valuta le principali problematiche di carattere etico che interessino o possano interessare l'attività d'investimento del Fondo; ii. Valuta le scelte d'investimento formulate dai gestori del Fondo e verifica che le stesse non contrastino con i principi etici indicati nel Regolamento dei fondi del Sistema Etico; iii. Formula orientamenti e pareri concernenti le proposte d'investimento sottoposte alla sua attenzione; iv. Ai fini di quanto espresso nei punti (ii) e (iii) può disporre delle analisi che verranno eseguite da apposite società specializzate; v. Risponde, relativamente ai punti che precedono, ad ogni richiesta di chiarimento, valutazione o giudizio che provenga dal Gestore del Fondo. 4c - Specificare quale siano la politica e la procedura previste nel caso di disinvestimento basato su elementi di ISR. Nel caso in cui situazioni o notizie dovessero comportare una variazione di giudizio su un emittente, evidenziando il mancato rispetto dei "criteri positivi" o la presenza di comportamenti rientranti nei "criteri negativi", la SGR provvederà - in relazione alla gravità delle situazioni - a ridurre il peso dell'investimento negli strumenti finanziari di tali emittenti nel più breve tempo possibile, agendo nell'interesse dei partecipanti, e in ogni caso ad azzerarlo entro sei mesi dal momento di variazione del giudizio. Il processo di accertamento dell'eventuale mancanza dei requisiti di investibilità coinvolge i consulenti esterni ed il Comitato di Sostenibilità, secondo quanto previsto sub 4b. Le regole di disinvestimento sono comunque quelle sopra riportate. 4d - Specificare se il gestore informi gli investitori del disinvestimento basato su elementi di ISR. Se sì, specificare con quale frequenza e con quali modalità. Al momento non sono previste forme di comunicazione al pubblico relativamente a disinvestimenti basati su elementi di ISR. 4e - Specificare se il gestore informi le società emittenti dell'eventuale esclusione dal portafoglio o del disinvestimento dovuto a incompatibilità con le politiche o i criteri di ISR. Non applicabile 5 - AZIONARIATO ATTIVO** GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SUL PROPRIO APPROCCIO IN FATTO DI AZIONARIATO ATTIVO. Non applicabile 6 - POLITICHE DI VOTO** GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI SUL PROPRIO APPROCCIO IN FATTO DI ESERCIZIO DEI DIRITTI DI VOTO *. 6a - Specificare se il fondo ha una politica di esercizio dei diritti di voto e, se sì, quale essa sia. Eurizon Capital SGR esercita il proprio diritto di voto in assemblea, direttamente e in alcuni casi per delega, in funzione degli argomenti iscritti all'ordine del giorno. Questa attività viene al momento svolta solamente con riferimento alle società italiane con azioni quotate. Data la natura internazionale del Fondo Azionario Internazionale Etico e di conseguenza la ridotta presenza in portafoglio di azioni domestiche, tale attività non vede il coinvolgimento di questo prodotto. * si veda la sezione: "Definizioni delle parole chiave" ** se applicabile 8

9 La Società ha una politica di esercizio dei diritti di voto diretta ad evitare o gestire possibili conflitti di interesse. In particolare, la Società non esercita il diritto di voto nelle assemblee delle società direttamente o indirettamente controllanti e non delega l'esercizio del diritto di voto a società facenti parte del proprio Gruppo o ad esponenti delle stesse, salvo che si tratti di Società di gestione del risparmio. 6b - Specificare se il fondo comunichi le proprie decisioni di voto e le relative motivazioni. Se sì, indicare dove possono essere reperite queste informazioni. Informazioni sull'esercizio del diritto di voto vengono fornite in relazione alla loro rilevanza, nella relazione al rendiconto annuale o in altra forma idonea stabilita dal Consiglio di amministrazione. 6c - Specificare se il fondo promuova/co-promuova mozioni assembleari. Eurizon Capital SGR partecipa abitualmente ed attivamente alle assemblee di numerose società italiane quotate. Oltre ad interessare il management con quesiti relativi alla strategia aziendale, alle prospettive economiche ed a questioni di corporate governance, Eurizon Capital esercita il proprio diritto di voto con l'obiettivo di concorrere all'elezione di amministratori e sindaci di società italiane con azioni quotate, che siano espressione delle minoranze azionarie attraverso il meccanismo del "voto di lista", facoltà di recente introdotta nel corpus normativo italiano. Le mozioni relative ad argomenti di governance e di trasparenza informativa sono adottate in alcuni casi anche in collaborazione con Assogestioni, l'associazione degli asset manager italiani. 7 - ATTIVITA' PERIODICHE GLI ADERENTI DARANNO INFORMAZIONI PERIODICHE SULLE PROPRIE ATTIVITÀ. CIÒ DOVREBBE AVVENIRE ALMENO UNA VOLTA ALL'ANNO. 7a - Specificare la lista dei titoli in portafoglio ad una data specifica con riferimento ai sei mesi precedenti. Di seguito vengono riportati i primi 20 titoli in portafoglio al 31/12/2014 (l'informazione viene aggiornata trimestralmente). Eurizon Azionario Internazionale Etico FUTURE INDICE XAK TECHNOLOGY 3,58% INTEL CORPORATION 1,70% XAK Technology Mar15 FUTURE INDICE XAF FINANCIAL XAF 3,48% FUTURE INDICE FTSE/MIB FTSE/MIB 1,50% Financial Mar15 IDX FUT Mar15 FUTURE INDICE SPI - Sfe SPI 200 3,07% PROCTER & GAMBLE CO 1,38% FUTURES Mar15 BOTS 0 06/12/15 2,81% BRISTOL MYERS SQUIBB CO. 1,30% FUTURE EMINI S&P 500 S&P500 2,80% FUTURE INDICE S&P TORONTO 60 1,23% EMINI FUT Mar15 S&P/TSX 60 IX FUT Mar BOTS 0 09/14/15 2,25% AUTOMATIC DATA PROCES 1,11% ROCHE AG (GENUSS) 2,18% COCA COLA CO 1,03% MICROSOFT CORP. 2,07% AMERICAN EXPRESS CO 1,01% CISCO SYSTEM 1,92% WALGREENS BOOTS ALLIANCE 0,99% HOME DEPOT INC 1,84% AMGEN 0,99% 9

10 Eurizon Obbligazionario Etico BOTS 0 10/14/15 4,74% BONOS 4,7% 07/41 1,62% ICTZ 0 04/29/16 4,72% FRTR 1 3/4 11/25/24 1,55% BTPS /15/21 3,75% BTPS 3,5% 03/30 1,34% FUTURE EURO BUND 10Y EURO- 3,70% BGB 3 06/22/34 1,33% BUND FUTURE Mar15 ICTZ 0 08/30/16 3,53% BTPS 3 1/2 12/01/18 1,32% IRISH 3,4% 03/24 2,88% BTPS 3 1/2 06/01/18 1,30% FRTR 1 05/25/19 2,48% BTPS 2,55% 10/16 I/L 1,29% BOTS 0 04/14/15 2,38% BTPS 2,45% 03/16 I/L 1,22% ICTZ 0 12/31/15 2,37% BOTS 0 05/14/15 1,19% BTPS 2,25% 04/17 I/L 1,72% ICTZ 0 06/30/15 1,19% Eurizon Diversificato Etico ICTZ 0 08/30/16 5,78% BTP 2,1% 09/16 I/L 2,47% BTPS 2,55% 10/16 I/L 5,73% SPGB 0 1/2 10/31/17 2,24% BOTS 0 04/14/15 5,23% FUTURE DJ EURO STOXX 50 INDEX 2,11% EURO STOXX 50 Mar15 FUTURE EURO-SCHATZ EURO- 4,56% BTNS 1 07/25/17 1,54% SCHATZ FUT Mar15 FRTR 0 1/4 11/25/15 4,49% BTPS 1 1/2 12/15/16 1,52% BTPS 2,25% 04/17 I/L 4,21% GTB 0 02/06/15 1,49% BOTS 0 10/14/15 3,73% GTB 0 03/06/15 1,48% BTP 2,15% 11/17 I/L 3,49% FUTURE EMINI S&P 500 S&P500 EMINI 1,28% FUT Mar15 ICTZ 0 04/29/16 3,34% IRISH 2,4% 05/30 1,21% BONOS 3,15% 01/16 2,77% GTB 0 01/09/15 1,12% L'informazione su base mensile e relativa ai primi 10 titoli in portafoglio è riportata nelle schede prodotto presenti sul sito internet della SGR, (sezione "Privati / Fondi comuni e servizi"). 7b - Specificare quali attività di azionariato attivo siano state realizzate per conto del fondo nell'anno precedente. Non applicabile. 7c - Specificare quando e come sia stato esercitato il diritto di voto in relazione ai criteri del fondo. Si veda quanto specificato nel paragrafo 6. Addizionale - Specificare quali disinvestimenti siano stati realizzati nell'anno precedente in relazione a elementi di ISR. Nel corso del 2008, l'applicazione dei sopra citati criteri ha determinato l'esclusione di alcune società emittenti dal portafoglio dei fondi. In particolare, sono stati esclusi: KawasaKi Heavy Industries (per vendita al dipartimento della difesa Giappone per 106 miliardi di Yen pari al 9% del fatturato), Biovail Corp (per multa per violazione dell antitrust e frode contabile e comportamento ingannevole), British Airways (per multa per cartello di prezzi), Countrywide Financial Corp (per Condanna per pratiche discriminatorie nell assegnazione di prestiti). 10

11 Addizionale - Specificare quale sia l'ammontare di donazioni o la percentuale di commissioni di gestione che il fondo ha effettuato nel corso dell'anno precedente. Il Regolamento unico di gestione prevede inoltre "l'impegno della SGR a finanziare progetti e iniziative di carattere umanitario tramite la devoluzione di una parte della commissione di gestione percepita sui fondi del Sistema Etico, pari allo 0,01% del patrimonio netto medio giornaliero complessivo dei fondi Obbligazionario Etico e Azionario Internazionale Etico in ciascun esercizio annuale". La devoluzione è destinata in parte ad associazioni convenzionate e in parte a iniziative umanitarie selezionate dal Consiglio di Amministrazione, sulla base dei suggerimenti del Comitato di Sostenibilità. I partecipanti al fondo Obbligazionario Etico inoltre hanno la possibilità di devolvere a enti o associazioni benefiche una parte dei ricavi messi in pagamento dal fondo medesimo, che è infatti a distribuzione dei proventi. Per il 2011 è stato destinato un importo di Euro a favore di Telefono Azzurro, associazione Gaetano Negri, Caritas Pioltello, Donne in mente onlus, Associazione ATDL, Fondazione Renato Piatti, Fondazione Magica Cleme, Soleterre onlus. Inoltre, Eurizon Capital, consolidando una prassi degli scorsi anni, ha devoluto il ricavato dell'asta dei regali di Natale giunti da terze parti a favore di Telefono Azzurro. 11

12 DEFINIZIONE DELLE PAROLE CHIAVE USATE NELLE LINEE GUIDA Aderenti: Fondo i e/o Gestore che si impegnano a comunicare informazioni in linea con le LGT. Azionariato attivo: Processo di lungo periodo di dialogo con le imprese volto a influenzare il loro comportamento in elazione alle pratiche ambientali, sociali o etiche. Include azioni a livello di settori d'impresa e forme di dialogo sui rischi ambientali, sociali o etici. Criterio di ISR: Disinvestimento: Esclusione: Fondo(i): Gestore: Politica di voto: Portafoglio: Scopo: Titoli: Il principio o il metro di giudizio usato per determinare in che cosa il fondo possa o non possa investire, in una prospettiva ambientale, sociale o etica. Vendita dei titoli di società presenti nel portafoglio. Approccio che esclude dal portafoglio settori o singole società in quanto coinvolti in determinate attività identificati secondo specifici criteri di ISR (p. es. tabacco o test su animali). Strumento giuridico il cui scopo esclusivo è la raccolta di risparmio finalizzata all'investimento finanziario. Comprende comparti e Sotto-fondi. Soggetto responsabile della gestione complessiva del fondo. Politica del fondo sull'esercizio dei diritti di voto quale azionista allo scopo di influenzare le politiche della società in cui ha Investito. Un insieme di investimenti gestiti dal gestore. Lo spirito e il focus generale del fondo, ma non i criteri d'investimento applicati. Azioni e/o obbligazioni di società emittenti che contribuiscono a formare il portafoglio del fondo. 12

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli